Art Campo di applicazione e definizioni Art Classificazione di reazione al fuoco

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco"

Transcript

1 DM 10 marzo 2005 Classi di razion al fuoco pr i prodotti da costruzion da impigarsi nll opr pr l quali ' prscritto il rquisito dlla sicurzza in caso d'incndio. (GU n. 73 dl ) IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la lgg 27 dicmbr 1941, n. 1570, rcant nuov norm pr l'organizzazion di srvizi antincndi; Vista la lgg 13 maggio 1961, n. 469, concrnnt l'ordinamnto di srvizi antincndi dl Corpo nazional di vigili dl fuoco; Vista la lgg 26 luglio 1965, n. 966, concrnnt la disciplina dll tariff, dll modalita' di pagamnto di compnsi al prsonal dl Corpo nazional di vigili dl fuoco pr i srvizi a pagamnto; Visto il dcrto dl Prsidnt dlla Rpubblica 29 luglio 1982, n.577, rcant l'approvazion dl rgolamnto concrnnt l'spltamnto di srvizi di prvnzion di vigilanza antincndi; Vista la lgg 7 dicmbr 1984, n. 818, concrnnt, tra l'altro, il nulla osta provvisorio pr l attivita' soggtt ai controlli di prvnzion incndi; Visto il dcrto dl Prsidnt dlla Rpubblica 12 gnnaio 1998, n. 37, rcant l'approvazion dl rgolamnto concrnnt i procdimnti rlativi alla prvnzion incndi; Vista la dirttiva dl Consiglio 89/106/CEE dl 21 dicmbr 1988; Visto il dcrto dl Prsidnt dlla Rpubblica 21 april 1993, n.246, rcant l'approvazion dl rgolamnto concrnnt l'attuazion dlla dirttiva 89/106/CEE rlativa ai prodotti da costruzion; Visto il dcrto dl Prsidnt dlla Rpubblica 10 dicmbr 1997, n. 499, rcant l'approvazion dl rgolamnto concrnnt l norm di attuazion dlla dirttiva 93/68/CEE pr la part ch modifica la dirttiva 89/106/CEE in matria di prodotti da costruzion; Visto il dcrto dl Ministro dll'intrno 26 giugno 1984, rcant la classificazion di razion al fuoco d omologazion di matriali ai fini dlla prvnzion incndi succssivamnt modificato d intgrato dal dcrto dl Ministro dll'intrno 3 sttmbr 2001; Visto il dcrto dl Ministro dll'intrno 14 gnnaio 1985, concrnnt la attribuzion dlla class di razion al fuoco zro; Visto il dcrto dl Ministro dll'intrno 26 marzo 1985, rcant procdur rquisiti pr l'autorizzazion l'iscrizion di nti laboratori ngli lnchi dl Ministro dll'intrno; Visto il dcrto dl Ministro dll'intrno 5 agosto 1991, concrnnt la commrcializzazion impigo in Italia di matriali dstinati all'dilizia lgalmnt riconosciuti in uno di Pasi CEE sulla bas dll norm di razion al fuoco; Vista la circolar n. 18 MI.SA. dl 3 agosto 1998 dl Ministro dll'intrno, concrnnt la procdura pr il rilascio dll'omologazion da part dl Ministro dll'intrno pr prodotti gia' omologati in un Pas dll'union uropa in matria di razion al fuoco, in attuazion dl dcrto dl Ministro dll'intrno 5 agosto 1991; Vista la dcision dlla Commission dll'union uropa 2000/147/CE dll'8 fbbraio 2000, attuativa dlla dirttiva 89/106/CEE dl 21 dicmbr 1988, pr quanto riguarda la classificazion dlla razion all'azion dll'incndio di prodotti da costruzion, succssivamnt modificata dalla dcision dlla Commission dll'union uropa 2003/632/CE dl 26 agosto 2003; Vista la dcision dlla Commission dll'union uropa 96/603/CE dl 4 ottobr 1996 rcant l'lnco di prodotti dll classi A «nssun contributo all'incndio», modificata dalla dcision dlla Commission dll'union uropa 2000/605/CE dl 26 sttmbr 2000 dalla dcision dlla Commission dll'union uropa 2003/424/CE dl 6 giugno 2003; Vista la dcision dlla Commission dll'union uropa 2003/43/CE dl 17 gnnaio 2003 concrnnt la dtrminazion dll classi di razion all'azion dll'incndio pr taluni prodotti da costruzion, modificata d intgrata dalla dcision dlla Commission dll'union uropa 2003/593/CE dl 7 agosto 2003; Vist l norm UNI ISO 1182 (dicmbr 1995), UNI 8456 (ottobr 1987), UNI 8457 (1987), UNI 8457/AI (maggio 1996), UNI 9174 (ottobr 1987), UNI 9174/AI (maggio 1996), UNI 9176 (sconda dizion gnnaio 1998), UNI 9177 (ottobr 1987) rcanti i mtodi di prova di classificazion pr la dtrminazion dlla class di razion al fuoco di matriali;

2 Vist l norm EN ISO 1182, EN ISO 1716, EN 13823, EN ISO , EN ISO , EN , rcanti i mtodi di prova di classificazion pr la dtrminazion dlla class di razion al fuoco di prodotti da costruzion non ancora traspost nll corrispondnti norm UNI; Sntito il parr favorvol dl Comitato cntral tcnico scintifico pr la prvnzion incndi di cui all'art. l0 dl DPR 29 luglio 1982, n. 577; Espltata la procdura di informazion di cui alla dirttiva 98/34/CE ch codifica la procdura istituita con la dirttiva 83/189/CEE; Considrata la ncssità di rcpir il sistma uropo di classificazion di razion al fuoco di prodotti da costruzion pr i casi in cui è prscritta tal classificazion al fin di conformar l opr, in cui vngono installati tali prodotti, al rquisito ssnzial «Sicurzza in caso d'incndio» dlla dirttiva 89/106/CE; Dcrta: Art Campo di applicazion dfinizioni 1. Il prsnt dcrto si applica ai matriali da costruzion, così com dfiniti dall'art. 1 dlla dirttiva 89/106/CEE dall'art. 1 dl dcrto dl Prsidnt dlla Rpubblica 21 april 1993, n E' considrato matrial da costruzion qualsiasi prodotto fabbricato al fin di ssr prmanntmnt incorporato in opr da costruzion, l quali comprndono gli difici l opr di inggnria civil. 3. I «matriali da costruzion» sono di sguito dnominati «prodotti» l opr da costruzion, l quali comprndono gli difici l opr di inggnria civil, sono dnominat «opr». 4. L «norm armonizzat», gli atti di «bnstar tcnico», l «norm nazionali ch rcpiscono norm armonizzat», l «norm nazionali riconosciut dalla Commission a bnficiar dlla prsunzion di conformita», di cui al dcrto dl Prsidnt dlla Rpubblica 21 april 1993, n. 246, sono di sguito dnominati «spcificazioni tcnich». Art Classificazion di razion al fuoco 1. I prodotti vngono classificati in bas all loro carattristich di razion al fuoco, stabilit nll rlativ spcificazioni tcnich ov sistnti, in conformita' con quanto indicato nll tabll 1, 2 3 dll'allgato A) al prsnt dcrto, di cui all dcisioni dlla Commission dll'union uropa 2000/147/CE dll'8 fbbraio /632/CE dl 26 agosto Con succssivi provvdimnti dl Ministro dll'intrno si aggiornano l tabll di cui al prcdnt comma 1, a sguito dll ultriori dcisioni dlla Commission dll'union uropa manat in matria. 3. Nll'lnco riportato nll'allgato B) dl prsnt dcrto sono indicat l combinazioni dll classi di razion al fuoco prvist nlla norma EN Nll mor dll'manazion dll spcificazioni tcnich di prodotto pr l'intro priodo di cosistnza con tali spcificazioni, ' consntita la classificazion di razion al fuoco ai snsi dl dcrto dl Ministro dll'intrno 26 giugno 1984 succssiv modifich d intgrazioni. Art Prodotti con classificazion alla razion al fuoco dfinita snza onri di prova 1. Ai prodotti riportati ngli lnchi di cui all'allgato C) dl prsnt dcrto ' attribuita la class di razion al fuoco ivi spcificata snza ch dbbano ssr sottoposti all'scuzion dll rlativ prov di razion al fuoco in ottmpranza all dcisioni dlla Commission dll'union uropa. 2. Con succssivi provvdimnti dl Ministro dll'intrno si aggiornano gli lnchi di cui al prcdnt comma 1, a sguito dll ultriori dcisioni dlla Commission dll'union uropa manat in matria. Art Impigo di prodotti pr i quali ' prscritta la class di razion al fuoco 1. I prodotti lgalmnt commrcializzati in uno dgli Stati dlla UE, qulli provninti dagli Stati contranti l'accordo SEE Turchia, possono ssr impigati in Italia nll opr in cui ' prscritta la loro class di razion al fuoco, scondo l'uso conform alla loro dstinazion, s muniti dlla

3 marcatura CE prvista dall disposizioni comunitari o, in mancanza di qust in attsa dlla loro manazion, s conformi al dcrto dl Ministro dll'intrno dl 5 agosto 1991, pubblicato nlla Gazztta Ufficial dlla Rpubblica italiana n. 198 dl 24 agosto 1991). 2. Pr i prodotti muniti di marcatura CE la class di razion al fuoco ' riportata nll informazioni ch accompagnano la marcatura CE nlla documntazion di cui all'art. 10 dl dcrto dl Prsidnt dlla Rpubblica 21 april 1993, n. 246, succssiv modifich. 3. Pr i prodotti pr i quali non ' applicata la procdura ai fini lla marcatura CE - in assnza di spcificazioni tcnich o in applicazion volontaria dll procdur nazionali durant il priodo di cosistnza - l'impigo nll attivita' soggtt ai controlli di prvnzion incndi ' subordinato all'omologazion rilasciata ai snsi dll'art. 8 dl dcrto dl Ministro dll'intrno 26 giugno 1984 succssiv modifich, ovvro all crtificazioni mss ai snsi dll'art. 10 dl dcrto mdsimo. Il rilascio dll'atto di omologazion dgli atti connssi, cosi' com pr gli altri prodotti rgolamntati dal dcrto dl Ministro dll'intrno, rintra tra i srvizi a pagamnto prvisti dalla lgg 26 luglio 1965, n. 966, succssiv modifich. Al trmin dl priodo di cosistnza dfinito dalla Commission dll'union uropa, dtta omologazion riman valida, solo pr i prodotti gia' immssi sul mrcato ntro tal trmin, ai fini dll'impigo, nll'attività' soggtt ai controlli di prvnzion incndi, ntro la data di scadnza dll'omologazion stssa. 4. Pr i prodotti di cui al prcdnt art. 3, qualora non sia ancora applicabil la procdura ai fini dlla marcatura CE in assnza dll spcificazioni tcnich - pr l'impigo nll attivita' soggtt ai controlli di prvnzion incndi prvisto dal prsnt articolo, non ' richista la omologazion di cui al comma prcdnt fatto salvo l'obbligo dl produttor di rilasciar apposita dichiarazion di conformita' dl prodotto all carattristich di cui agli lnchi dllo stsso art La documntazion di cui ai prcdnti commi 2, 3 4 dv ssr prodotta in lingua italiana ovvro accompagnata dalla traduzion in lingua italiana in conformita' all norm vignti. Il prsnt dcrto d ntra in vigor il giorno succssivo alla sua pubblicazion nlla Gazztta Ufficial dlla Rpubblica italiana. Roma, 10 marzo 2005 Il Ministro: Pisanu

4 DM 25/10/2007 Modifich al dcrto 10 marzo 2005, concrnnt "Classi di razion al fuoco pr i prodotti da costruzion da impigarsi nll opr pr l quali ' prscritto il rquisito dlla sicurzza in caso d'incndio". IL MINISTRO DELL'INTERNO Visto il dcrto lgislativo 8 marzo 2006, n. 139, rcant "Riasstto dll disposizioni rlativ all funzioni d ai compiti dl Corpo nazional di vigili dl fuoco, a norma dll'art. 11 dlla lgg 29 luglio 2003, n. 229"; Visto il dcrto dl Ministro dll'intrno 10 marzo 2005, pubblicato nlla Gazztta Ufficial dlla Rpubblica italiana n. 73 dl 30 marzo 2005, rcant "Classi di razion al fuoco pr i prodotti da costruzion da impigarsi nll opr pr l quali ' prscritto il rquisito dlla sicurzza in caso d'incndio", in particolar il comma 2 dll'art. 2 il comma 2 dll'art. 3; Vista la dcision 2007/348/CE dl 15 maggio 2007 dlla Commission dll'union uropa ch dtrmina l classi di razion all'azion dll'incndio pr taluni prodotti da costruzion pr quanto riguarda i pannlli a bas di lgno; Vista la dcision 2006/751/CE dl 27 ottobr 2006 dlla Commission dll'union uropa ch modifica la dcision 200/147/CE ch attua la dirttiva 89/106/CEE dl Consiglio pr quanto riguarda la classificazion dlla razion all'azion dll'incndio di prodotti da costruzion; Vista la dcision 2006/673/CE dl 5 ottobr 2006 dlla Commission dll'union uropa ch dtrmina l classi di razion all'azion dll'incndio pr taluni prodotti da costruzion pr quanto riguarda i pannlli in cartongsso; Vista la dcision 2006/213/CE dl 6 marzo 2006 dlla Commission dll'union uropa ch dtrmina l classi di razion al fuoco pr alcuni prodotti da costruzion pr quanto concrn l pavimntazioni in lgno i rivstimnti i pannlli in lgno massiccio; Vista la dcision 2005/610/CE dl 9 agosto 2005 dlla Commission dll'union uropa ch dtrmina l classi di razion al fuoco pr taluni prodotti da costruzion; Ravvisata la ncssita' di aggiornar gli allgati A C dl citato dcrto dl Ministro dll'intrno 10 marzo 2005; Sntito il parr favorvol dl Comitato cntral tcnico scintifico pr la prvnzion incndi di cui all'art. 10 dl dcrto dl Prsidnt dlla Rpubblica 29 luglio 1982, n. 577, succssiv modificazioni; Dcrta: Art L'allgato A dl dcrto dl Ministro dll'intrno 10 marzo 2005, citato in prmssa, ' sostituito dall'allgato 1 al prsnt dcrto. Art L'allgato C dl dcrto dl Ministro dll'intrno 10 marzo 2005 ' sostituito dall'allgato 2 al prsnt dcrto. Il prsnt dcrto vin pubblicato nlla Gazztta Ufficial dlla Rpubblica italiana d ntra in vigor il giorno succssivo alla sua pubblicazion. Roma, 25 ottobr 2007

5 ALLEGATO 1 CLASSIFICAZIONE DEI PRODOTTI DA COSTRUZIONE Quando la condizion di uso final di un prodotto da costruzion è tal da contribuir alla gnrazion alla propagazion dl fuoco dl fumo all intrno dl local d origin (oppur in un ara dfinita), il prodotto va classificato in bas alla sua razion al fuoco, scondo il sistma di classificazion di cui all sgunti tabll 1, 2 3. I prodotti sono considrati in rlazion all loro condizioni di applicazion final. S la classificazion basata sull mtodologi di prova sui critri lncati nll suddtt tabll si rivla inadguata, si possono dfinir uno o più scnari di rifrimnto (prov in scala rapprsntativ ch riproducano uno o più scnari di rischio) scondo una procdura di classificazion ch prvda prov altrnativ. Simboli (L carattristich sono dfinit con rifrimnto all appropriato mtodo di prova) T m t f PCS FIGRA THR 600s LFS SMOGRA TSP 600s Fs Aumnto di tmpratura Prdita di massa Durata dll incndio Potnzial calorifico lordo Tasso di incrmnto dll incndio Rilascio total di calor Propagazion latral dl fuoco Tasso di incrmnto dl fumo Produzion total di fumo Propagazion dl fuoco Dfinizioni «Matrial»: una singola sostanza di bas o una miscla di sostanz uniformmnt distribuit, ad smpio mtallo, pitra, lgno, calcstruzzo, lana di roccia con lganti uniformmnt distribuiti, polimri. «Prodotto omogno»: un prodotto ch consist di un unico matrial ch prsnta a tutti i livlli dnsità composizion uniformi. «Prodotto non omogno»: un prodotto ch non possid i rquisiti di prodotti omogni. Esso si compon di uno o più componnti sostanziali /o non sostanziali. «Componnt sostanzial»: un matrial ch costituisc un lmnto significativo nlla composizion di un prodotto non omogno. Un rivstimnto con massa pr unità di ara > 1,0 kg/m 2 spssor > 1,0 mm è considrato un componnt sostanzial. «Componnt non sostanzial»: un matrial ch non costituisc una part significativa di un prodotto non omogno. Un rivstimnto con massa pr unità di ara < 1,0 kg/m 2 o spssor < 1,0 mm è considrato un componnt non sostanzial.

6 Du o più rivstimnti non sostanziali adiacnti (ovvro non sparati da alcun componnt sostanzial) sono considrati com un componnt non sostanzial, prtanto, dvono soddisfar in toto i rquisiti prvisti pr i rivstimnti ch sono componnti non sostanziali. Tra i componnti non sostanziali si distingu tra componnti non sostanziali intrni componnti non sostanziali strni, dfiniti com sgu: «Componnt non sostanzial intrno»: un componnt non sostanzial ch è rivstito su ambdu i lati da almno un componnt sostanzial. «Componnt non sostanzial strno»: un componnt non sostanzial ch non è rivstito su un lato da un componnt sostanzial. TABELLA 1 CLASSI DI REAZIONE AL FUOCO PER I PRODOTTI DA COSTRUZIONE AD ECCEZIONE DEI PAVIMENTI, DEI PRODOTTI DI FORMA LIMEARE DESTINATI ALL ISOLAMENTO TERMICO, DEI CAVI ELETTRICI (*) CLASSE METODO(I) DI PROVA CRITERI DI CLASSIFICAZIONE CLASSIFICAZIONE AGGIUNTIVA T 30 C; A1 EN ISO 1182 (1) ; m 50 % t f = 0 (cioè incndio non prsistnt) _ PCS 2,0 MJ.kg -1 (1) ; EN ISO 1716 PCS 2,0 MJkg -1 (2) (2a) ; _ PCS 1,4 MJ.m -2 (3) ; -1 (4) PCS 2,0 MJ.kg EN ISO 1182 (1) ; T 50 C; A2 o m 50 %; _ t f 20s EN ISO 1716; PCS 3,0 MJ.kg -1 (1) ; -2 (2) PCS 4,0 MJ.m _ -2 (3) PCS 4,0 MJ.m -1 (4) PCS 3,0 MJ.kg EN (SBI) FIGRA 120 W.s -1 ; LFS margin dl campion; THR 600s 7,5 MJ Produzion di fumo (5) ; Gocc/particll ardnti (6) EN (SBI); FIGRA 120 W.s -1 ; B EN ISO (8) : LFS margin dl campion; THR 600s 7,5 MJ Fs 150 mm ntro 60s Produzion di fumo (5) ; Gocc/particll ardnti (6) Esposizion = 30s

7 C D E EN (SBI); FIGRA 250 W.s -1 ; LFS margin dl campion; THR 600s 15 MJ Produzion di fumo (5) ; EN ISO (8) : Fs 150 mm ntro 60s Gocc/particll ardnti (6) Esposizion = 30s EN (SBI); FIGRA 750 W.s -1 Produzion di fumo (5) ; EN ISO (8) : Gocc/particll ardnti (6) Esposizion = 30s Fs 150 mm ntro 60s EN ISO (8) : Esposizion = 15s Fs 150 mm ntro 20s Gocc/particll ardnti (7) F Razion non dtrminata (*) (1) (2) (2a) (3) (4) (5) (6) (7) (8) L classi di cui alla prsnt tablla sono attribuit in conformità a quanto spcificato nlla norma EN Pr i prodotti omogni componnti sostanziali di prodotti non omogni. Pr qualsiasi componnt strno non sostanzial di prodotti non omogni. Altrnativamnt, qualsiasi componnt strno non sostanzial avnt un PCS 2,0 MJ.m -2, purchè il prodotto soddisfi i sgunti critri di EN (SBI): FIGRA 20 W.s -1 ; LFS margin dl campion; THR 600s 4,0 MJ; s1; d0. Pr qualsiasi componnt intrno non sostanzial di prodotti non omogni. Pr il prodotto nl suo insim. s1 = SMOGRA 30m 2.s -2 TSP 600S 50m 2 ; s2 = SMOGRA 180m 2.s -2 TSP 600S 200m 2 ; s3 = non s1 o s2. d0 = assnza di gocc/particll ardnti in EN (SBI) ntro 600s; d1 = assnza di gocc/particll ardnti di durata suprior a 10s in EN (SBI) ntro 600s; d2 = non d0 o d1; la combustion dlla carta in EN ISO dà luogo a una classificazion in d2. Supramnto dlla prova = assnza di combustion dlla carta (non classificato). Mancato supramnto dlla prova = combustion dlla carta (classificato in d2). Quando l fiamm invstono la suprfici, s adguato all condizioni finali di applicazion dl prodotto, la part latral (di un oggtto).

8 TABELLA 2 CLASSI DI REAZIONE AL FUOCO PER I PAVIMENTI (*) CLASSE METODO(I) DI PROVA CRITERI DI CLASSIFICAZIONE CLASSIFICAZIONE AGGIUNTIVA T 30 C; A1 FL EN ISO 1182 (1) ; m 50 % t f = 0 (cioè incndio non continuo) _ PCS 2,0 MJ.kg -1 (1) ; EN ISO 1716 PCS 2,0 MJkg -1 (2) ; _ PCS 1,4 MJ.m -2 (3) ; -1 (4) PCS 2,0 MJ.kg T 50 C; A2 FL EN ISO 1182 (1) ; o m 50 %; t f 20s _ PCS 3,0 MJ.kg -1 (1) ; EN ISO 1716; -2 (2) PCS 4,0 MJ.m -2 (3) PCS 4,0 MJ.m _ -1 (4) PCS 3,0 MJ.kg EN (5) Flusso critico (6) 8,0 kw.m -2 Produzion di fumo (7) B FL EN (5) EN ISO (8) : Esposizion = 15s EN (5) Flusso critico (6) 8,0 kw.m -2 Fs 150 mm ntro 20 scondi Fs 150 mm ntro 20s Flusso critico (6) 4,5 kw.m -2 C FL EN ISO (8) : Produzion di fumo (7) ; Produzion di fumo (7) Esposizion = 15s EN (5) Fs 150 mm ntro 20 scondi Flusso critico (6) 3,0 kw.m -2 D FL EN ISO (8) : Produzion di fumo (7) ; Esposizion = 15s EN ISO (8) : E FL Esposizion = 15s Fs 150 mm ntro 20 scondi Fs 150 mm ntro 20s F FL Razioni non dtrminat

9 (*) (1) (2) (3) (4) (5) (6) (7) (8) L classi di cui alla prsnt tablla sono attribuit in conformità a quanto spcificato nlla norma EN Pr i prodotti omogni componnti sostanziali di prodotti non omogni. Pr qualsiasi componnt strno non sostanzial di prodotti non omogni. Pr qualsiasi componnt intrno non sostanzial di prodotti non omogni. Pr il prodotto nl suo insim. Durata dlla prova = 30 minuti. Pr flusso critico si intnd il flusso radiant ch dtrmina lo spgnimnto dlla fiamma o il flusso radiant dopo una prova di 30 minuti, a sconda di qual sia il minor (cioè il flusso corrispondnt alla maggior ampizza di propagazion dl fuoco). s1 = Fumo 750 %.min; s2 = non s1. Quando l fiamm invstono la suprfici, s adguato all condizioni finali di applicazion dl prodotto, la part latral (di un oggtto). TABELLA 3 CLASSI DI REAZIONE AL FUOCO PER I PRODOTTI DI FORMA LINEARE DESTINATI ALL ISOLAMENTO TERMICO (*) CLASSE METODO(I) DI PROVA CRITERI DI CLASSIFICAZIONE CLASSIFICAZIONE AGGIUNTIVA T 30 C; A1 L EN ISO 1182 (1) ; m 50 % t f = 0 (cioè incndio non prsistnt) _ PCS 2,0 MJ.kg -1 (1) ; EN ISO 1716 PCS 2,0 MJ.kg -1 (2) ; _ PCS 1,4 MJ.m -2 (3) ; -1 (4) PCS 2,0 MJ.kg EN ISO 1182 (1) ; T 50 C; A2 L o m 50 %; _ t f 20s EN ISO 1716; PCS 3,0 MJ.kg -1 (1) ; PCS 4,0 MJ.m -2 (2) ; _ PCS 4,0 MJ.m -2 (3) ; -1 (4) PCS 3,0 MJ.kg EN (SBI) FIGRA 270 W.s -1 ; LFS margin dl campion; Produzion di fumo (5) ; THR 600s 7,5 MJ Gocc/particll ardnti (6) EN (SBI); FIGRA 270 W.s -1 ; B L EN ISO (8) : LFS margin dl campion; THR 600s 7,5 MJ Fs 150 mm ntro 60s Produzion di fumo (5) ; Gocc/particll ardnti (6) Esposizion = 30s

10 C L D L EN (SBI); EN ISO (8) : Esposizion = 30s EN (SBI); EN ISO (8) : Esposizion = 30s FIGRA 460 W.s -1 ; LFS margin dl campion; THR 600s 15 MJ Fs 150 mm ntro 60s FIGRA 2100 W.s -1 THR 600s 100 MJ Fs 150 mm ntro 60s Produzion di fumo (5) ; Gocc/particll ardnti (6) Produzion di fumo (5) ; Gocc/particll ardnti (6) EN ISO (8) : E L Esposizion = 15s Fs 150 mm ntro 20s Gocc/particll ardnti (7) F L Razion non dtrminata (*) (1) (2) (3) (4) (5) (6) (7) (8) Allo stato attual non è ancora disponibil la rvision dlla norma EN ch prvd l modalità di attribuzion dlla class di razion al fuoco pr tali prodotti Pr prodotti omogni componnti ssnziali di prodotti non omogni. Pr qualsiasi componnt strna non sostanzial di prodotti non omogni. Pr qualsiasi componnt intrna non sostanzial di prodotti non omogni. Pr il prodotto nl suo insim. s1 = SMOGRA 105m 2.s -2 TSP 600S 250m 2 ; s2 = SMOGRA 580m 2.s -2 TSP 600S 1600m 2 ; s3 = non s1 o s2. d0 = assnza di gocc/particll ardnti in UNI EN (SBI) ntro 600s; d1 = assnza di gocc/particll ardnti di durata suprior a 10s in UNI EN (SBI) ntro 600s; d2 = non d0 o d1; la combustion dlla carta in UNI EN ISO dà luogo a una classificazion in d2. Supramnto dlla prova = assnza di combustion dlla carta (non classificato). Mancato supramnto dlla prova = combustion dlla carta (classificato in d2). Quando l fiamm invstono la suprfici, s adguato all condizioni finali di applicazion dl prodotto, la part latral (di un oggtto).

11 TABELLA 4 CLASSI DI REAZIONE AL FUOCO DEI CAVI ELETTRICI Class Mtodo/i di prova Critri di classificazion Classificazion aggiuntiva A ca EN ISO 1716 PCS 2,0 MJ/kg ( 1 ) B1 ca FIPEC 20 Scn 2 ( 5 ) FS 1,75 m THR 1 200s 10 MJ Picco HRR 20 kw FIGRA 120 Ws 1 Produzion di fumo ( 2 ) ( 6 ) gocc/ particll ardnti ( 3 ) acidità ( 4 ) ( 8 ) EN H 425 mm B2 ca FIPEC 20 Scn 1 ( 5 ) FS 1,5 m THR 1 200s 15 MJ Picco HRR 30 kw FIGRA 150 Ws 1 Produzion di fumo ( 2 ) ( 7 ) gocc/ particll ardnti ( 3 ) acidità ( 4 ) ( 8 ) EN H 425 mm C ca FIPEC 20 Scn 1 ( 5 ) FS 2,0 m THR 1 200s 30 MJ Picco HRR 60 kw FIGRA 300 Ws 1 Produzion di fumo ( 2 ) ( 7 ) gocc/ particll ardnti ( 3 ) acidità ( 4 ) ( 8 ) EN H 425 mm D ca FIPEC 20 Scn 1 ( 5 ) THR 1 200s 70 MJ Picco HRR 400 kw FIGRA Ws 1 Produzion di fumo ( 2 ) ( 7 ) gocc/ particll ardnti ( 3 ) acidità ( 4 ) ( 8 ) EN H 425 mm E ca EN H 425 mm F ca Razion non dtrminata ( 1 ) Pr il prodotto nl suo insim, trann l parti mtallich, pr ogni componnt strno (ad smpio guaina) dl prodotto. ( 2 ) s1 = TSP m 2 picco SPR 0,25 m 2 /s s1a = s1 trasmittanza in conformità di EN % s1b = s1 trasmittanza in conformità di EN % < 80 % s2 = TSP m 2 picco SPR 1,5 m 2 /s s3 = non s1 o s2 ( 3 ) Pr gli scnari FIPEC : d0 = assnza di gocc/particll ardnti ntro s; d1 = assnza di gocc/particll ardnti prsistnti oltr i 10 s ntro s; d2 = non d0 o d1. ( 4 ) EN : a1 = conduttività < 2,5 μs/mm ph > 4,3; a2 = conduttività < 10 μs/mm ph > 4,3; a3 = non a1 o a2. Nssuna dichiarazion = rsistnza non dtrminata. ( 5 ) Flusso d aria in ntrata nlla camra rgolato a ± 800 l/min. FIPEC 20 scnario 1 = pren con montaggio fissaggio com indicato oltr. FIPEC 20 scnario 2 = pren con montaggio fissaggio com indicato oltr. ( 6 ) La class di fumo dichiarata pr la class di cavi B1 ca dv drivar dal tst FIPEC 20 scnario 2. ( 7 ) La class di fumo dichiarata pr l classi di cavi B2 ca, C ca, D ca dv drivar dal tst FIPEC 20 scnario 1. ( 8 ) Misurazion dll carattristich di pricolosità di gas ch si sprigionano durant un incndio, i quali compromttono la capacità dll prson ad ssi spost di agir prontamnt pr mttrsi in salvo, non dscrizion dlla tossicità di tali gas.

12 CONDIZIONI DI MONTAGGIO E FISSAGGIO E DEFINIZIONI DEI PARAMETRI DELLE PROVE PER I CAVI ELETTRICI (DI CUI ALLA NOTA 5 DELLA TABELLA 4) 1. Condizioni di montaggio fissaggio 1.1. Montaggio dl campion di prova gnral pr l classi B1 ca, B2 ca, C ca D ca Si montano cavi di lunghzza pari a 3,5 m, nlla part antrior di una scala standard (EN ), in modo ch la loro part infrior sia 20 cm al di sotto dl bordo infrior dl bruciator. I cavi dvono risultar al cntro dlla scala (nl snso dlla larghzza). Ogni cavo o fascio di cavi da tstar è attaccato sparatamnt a ciascun piolo dlla scala con un filo mtallico (d acciaio o di ram). Pr i cavi lttrici di diamtro pari o infrior a 50 mm convin utilizzar un filo di diamtro da 0,5 a 1 mm, mntr pr qulli di diamtro suprior a 50 mm il diamtro dl filo misurrà da 1 a 1,5 mm. Quando si montano i provini, il primo provino si colloca circa al cntro dlla scala, aggiungndo qulli succssivi da un lato dall altro, in modo ch l intra sri di provini occupi all incirca il cntro dlla scala. La distanza tra i cavi il loro confzionamnto in fasci sono illustrati oltr. Ogni 25 cm nl snso dll altzza si traccia una lina orizzontal pr misurar la propagazion dlla fiamma in funzion dl tmpo. La prima lina (ovvro la lina zro) sarà alla stssa altzza dl bruciator. I cavi sono montati com mostrato di sguito, a sconda dlla classificazion richista C l a s s i B 2 c a, C c a D c a La tcnica di montaggio dipnd dal diamtro dl cavo lttrico, com indicato nlla tablla 4.1. Tablla 4.1. MONTAGGIO IN FUNZIONE DEL DIAMETRO DEL CAVO Diamtro dl cavo Suprior o pari a 20 mm Tra 5 20 mm Fino a 5 mm Distanza di 20 mm tra un cavo l altro Montaggio Distanza tra un cavo l altro pari al diamtro di un cavo I cavi sono raggruppati in fasci di 10 mm di diamtro. I fasci non sono intrcciati. La distanza tra un fascio l altro è di 10 mm I valori limit sono dtrminati arrotondando il diamtro al millimtro più vicino, cctto pr i cavi di diamtro infrior ai 5 mm, pr i quali non si procd a tal arrotondamnto. L formul sgunti sono utilizzat pr dtrminar il numro di pzzi di cavo pr ogni prova Pr cavi di diamtro suprior o pari a 20 mm Il numro di cavi (N) si ricava da: N = d c int( )... quazion in cui: d c è il diamtro dl cavo (in mm arrotondato al millimtro più vicino) funzion int = la part intra dl risultato (ovvro il valor arrotondato pr diftto).

13 Pr cavi di diamtro comprso tra 5 20 mm Il numro di cavi (N) si ricava da: N = int( d 2d c c)... quazion 2 in cui: d c è il diamtro dl cavo (in mm arrotondato) funzion int = la part intra dl risultato (ovvro il valor arrotondato pr diftto) Pr cavi o fili di diamtro infrior o pari a 5 mm Il numro di fasci di cavi di 10 mm di diamtro (N bu ) è ricavato da: N bu = int( ) = quazion 3 20 Occorr prtanto montar 15 fasci a 10 mm di distanza l uno dall altro. Il numro di cavi in ogni fascio (n) è: n = int( 100.)... quazion 4 c2 d c in cui: d c è il diamtro dl cavo (in mm non arrotondato). Il numro di pzzi di cavo o di filo (CL) pr fili o cavi di diamtro infrior a 5 mm sarà quindi: CL = n quazion Lunghzza total dl cavo pr prova La lunghzza total L (sprssa in m) pr prova è: L = n 15 3,5 pr d c 5 mm o L = N 3,5 pr d c > 5 mm... quazion C l a s s B 1 c a Nlla part postrior dlla passrlla portacavi è fissata una placca incombustibil di silicato di calcio, di 870 ± 50 kg/m 3 di dnsità 11 ± 2 mm di spssor. Tal placca può ssr montata in du parti. Pr tutti gli altri asptti, il montaggio di cavi è idntico a qullo dll classi B2 ca, C ca D ca.

14 2. Dfinizioni di paramtri dll prov Tablla 4.2. DEFINIZIONI DEI PARAMETRI DELLE PROVE FIPEC20 SCENARI 1 E 2 Tutti i paramtri calcolati sono valutati pr 20 minuti a partir dall inizio dlla prova (accnsion dl bruciator) Paramtro Spigazion Inizio dlla prova Fin dlla prova HRR sm30, kw SPR sm60, m 2 /s Picco HRR, kw Picco SPR, m 2 /s THR 1 200, MJ TSP 1 200, m 2 FIGRA, W/s SMOGRA, cm 2 /s 2 PCS FS H FIPEC Accnsion dl bruciator 20 minuti dopo l accnsion dl bruciator (fin dl priodo di calcolo di paramtri) Mdia scorrvol su 30 scondi dl tasso di rilascio di calor Mdia scorrvol su 60 scondi dl tasso di produzion di fumo Valor massimo di HRR sm30 tra l inizio la fin dlla prova, snza contar il contributo dlla font di accnsion Valor massimo di SPR sm60 tra l inizio la fin dlla prova Rilascio di calor total (HRR sm30 ) dall inizio alla fin dlla prova, snza contar il contributo dlla font di accnsion Produzion di fumo total (HRR sm60 ) dall inizio alla fin dlla prova Indic FIGRA (FIr Growth RAt tasso d incrmnto dll incndio) dfinito com il valor massimo dl quozint tra HRR sm30, snza il contributo dlla font di accnsion, il tmpo. Valori limit: HRR sm30 = 3 kw THR = 0,4 MJ Indic SMOGRA (SMOk Growth RAt tasso d incrmnto dl fumo) dfinito com il valor massimo dl quozint tra SPR sm60 il tmpo, moltiplicato pr Valori limit: SPR sm60 0,1 m 2 /s TSP = 6 m 2 Potr calorifico suprior Propagazion dlla fiamma (zona dannggiata in lunghzza) Propagazion dlla fiamma Fir Prformanc of Elctric Cabls (razion all azion dll incndio di cavi lttrici)»

15 ALLEGATO 2 ELENCO DEI MATERIALI DA CONSIDERARE COME APPARTENENTI ALLE CLASSI A1 E A1FL DI REAZIONE AL FUOCO DI CUI ALLA DECISIONE 2000/147/CE SENZA DOVER ESSERE SOTTOPOSTI A PROVE Nota gnral Pr ssr considrati dll classi A1 A1FL snza ssr sottoposti a prov, i prodotti dvono ssr composti solo di uno o più di sgunti matriali. I prodotti composti mdiant incollatura di uno o più di sgunti matriali saranno considrati dll classi A1 A1FL snza ssr sottoposti a prov a condizion ch la colla non supri lo 0,1% dl pso o dl volum (in bas a qullo ch produc l fftto più rstrittivo). I pannlli (assmblaggio di matriali isolanti, pr smpio) ch comportano uno o più strati organici i prodotti ch contngono matriali organici ripartiti in manira non omogna (ad cczion dlla colla) sono sclusi dall lnco. Anch i prodotti costituiti da uno di matriali sgunti ricoprto da uno strato non organico (prodotto mtallico rivstito, ad smpio) dvono ssr considrati com appartnnti all classi A1 A1FL snza ssr sottoposti a prov. Nssuno di matriali ch figurano nlla tablla può contnr più dll 1% in pso o volum (in bas a qullo ch produc l fftto più rstrittivo) di matrial organico ripartito in manira omogna. Argilla spansa Prlit spansa Vrmiculit spansa Lana di roccia Vtro multicllular Calcstruzzo Matrial Calcstruzzo in granuli (granulati minrali lggri a bassa dnsità, ad cczion dll isolamnto trmico intgral) Elmnti in cmnto cllular trattati in autoclav Fibrocmnto Cmnto Calc Loppa di altoforno/cnri volanti Matrial Ossrvazioni Includ il calcstruzzo pronto pr l uso i prodotti prfabbricati in cmnto armato o in calcstruzzo comprsso Può contnr aggiunt additivi (com l cnri volanti), pigmnti altri matriali. Comprnd lmnti prfabbricati Elmnti costituiti di lganti idraulici, com il cmnto /o la calc mscolati a matriali fini (matriali silici, cnri volanti, loppa di altoforno) matriali cllulari. Comprnd lmnti prfabbricati Ossrvazioni Aggrgato minral Frro, acciaio acciaio inossidabil Non in form finmnt sminuzzat Ram lgh di ram Non in form finmnt sminuzzat Zinco lgh di zinco Non in form finmnt sminuzzat Alluminio lgh di alluminio Non in form finmnt sminuzzat Piombo Non in form finmnt sminuzzat Gsso malt a bas di gsso Può comprndr additivi (ritardanti, matriali di rimpimnto, fibr, pigmnti, calc idratata, agnti di ritnuta dll aria dll acqua, plastificanti), aggrgati compatti (pr smpio sabbia natural o fin) o aggrgati lggri (prlit o vrmiculit, pr smpio)

16 Malta con agnti lganti inorganici Elmnti in argilla Elmnti in silicato di calcio Prodotti in pitra natural in ardsia Elmnti in gsso Mosaico alla palladiana Vtro Vtrocramica Cramica Malt pr rinzaffo intonaco, malt pr masstti malt pr muratur contnnti uno o più agnti lganti inorganici, quali cmnto, calc, cmnto pr muratur gsso Elmnti in argilla o in altr matri argillos ch contngono o mno sabbia, combustibili o altri additivi. Comprnd mattoni, pavimnti in mattonll d lmnti in argilla rfrattaria (pr smpio rivstimnti intrni di camini) Elmnti fabbricati a partir da un miscuglio di calc di matriali naturalmnt silici (sabbia, ghiaia, rocc o miscuglio di qusti matriali). Possono includr pigmnti coloranti Elmnti in ardsia o in pitr naturali lavorat o non (rocc magmatich, sdimntari o mtamorfich) Comprnd blocchi altri lmnti a bas di solfato di calcio di acqua contnnti vntualmnt fibr, matriali di rimpimnto, aggrgati altri additivi, può ssr colorato con pigmnti Includ mattonll prfabbricat pavimntazion in sito Vtro tmprato, vtro tmprato chimicamnt, vtro stratificato vtro armato Vtrocramica ch comprnd una fas cristallina una rsidua Comprnd i prodotti in polvr di argilla prssata, i prodotti strusi, vtrificati o mno

17 Sono di sguito riportati gli lnchi di prodotti /o matriali da costruzion ai quali è attribuita snza dovr ssr sottoposti a prov la class di razion al fuoco in rlazion all carattristich tcnich spcificat. PANNELLI A BASE DI LEGNO - CLASSI DI REAZIONE AL FUOCO Prodotto Norma EN dl prodotto Condizion di utilizzo final ( 6 ) Dnsità minima (kg/m 3 ) Spssor minimo (mm) Class ( 7 ) (scluso pavimnti) Class ( 8 ) (pavimnti Pannllo di particll con lgant a bas di cmnto ( 1 ) EN Snza intrcapdin d aria ditro il pannllo B-s1, d0 B fl -s1 Pannllo di fibr, dur ( 1 ) EN Snza intrcapdin d aria ditro il pannllo a bas di lgno D-s2, d0 D fl -s1 Pannllo di fibr, dur ( 3 ) EN Con intrcapdin d aria chiusa non suprior a 22 mm ditro il pannllo a bas di lgno D-s2, d2 Pannllo trucio- lar ( 1 ), ( 2 ), ( 5 ) Pannllo di fibr, dur smidur ( 1 ), ( 2 ), ( 5 ) EN 312 EN EN Snza intrcapdin d aria ditro il pannllo a bas di lgno D-s2, d0 D fl -s1 MDF ( 1 ), ( 2 ), ( 5 ) EN OSB ( 1 ), ( 2 ), ( 5 ) EN 300 Lgno compn- sato ( 1 ), ( 2 ), ( 5 ) Pannllo di lgno massic- cio ( 1 ), ( 2 ), ( 5 ) EN EN D-s2, d0 D fl -s1 Pannllo di particll di lino ( 1 ), ( 2 ), ( 5 ) EN D-s2, d0 D fl -s1 Pannllo truciolar ( 3 ), ( 5 ) EN 312 Pannllo di fibr, dur smidur ( 3 ), ( 5 ) EN EN MDF ( 3 ), ( 5 ) EN OSB ( 3 ), ( 5 ) EN 300 Con intrcapdin d aria chiusa o aprta non suprior a 22 mm ditro il pannllo a bas di lgno D-s2, d2 Lgno compnsato ( 3 ), ( 5 ) EN Pannllo di lgno massic- cio ( 3 ), ( 5 ) EN D-s2, d2 Pannllo truciolar ( 4 ), ( 5 ) EN 312 Pannllo di fibr, smi- dur ( 4 ), ( 5 ) EN MDF ( 4 ), ( 5 ) EN OSB ( 4 ), ( 5 ) EN 300 Con intrcapdin d aria chiusa ditro il pannllo a bas di lgno D-s2, d0 D fl -s1 Lgno compnsato ( 4 ), ( 5 ) EN 636 D-s2, d1 Pannllo di lgno massic- cio ( 4 ), ( 5 ) EN D-s2, d0 D fl -s1 Pannllo di particll di lino ( 4 ), ( 5 ) EN D-s2, d0 D fl -s1

18 Prodotto Norma EN dl prodotto Condizion di utilizzo final ( 6 ) Dnsità minima (kg/m 3 ) Spssor minimo (mm) Class ( 7 ) (scluso pavimnti) Class ( 8 ) (pavimnti Pannllo truciolar ( 4 ), ( 5 ) EN 312 Pannllo di fibr, smi- dur ( 4 ), ( 5 ) EN MDF ( 4 ), ( 5 ) EN OSB ( 4 ), ( 5 ) EN 300 Lgno compnsato ( 4 ), ( 5 ) EN 636 Pannllo di lgno massic- cio ( 4 ), ( 5 ) EN Con intrcapdin d aria chiusa ditro il pannllo a bas di lgno D-s2, d0 D fl -s D-s2, d0 D fl -s1 Pannllo di particll di lino ( 4 ), ( 5 ) EN D-s2, d0 D fl -s1 Pannllo truciolar ( 5 ) EN 312 OSB ( 5 ) EN 300 Tutt l condizioni E E fl MDF ( 5 ) EN E E fl E E fl Lgno compnsato ( 5 ) EN E E fl Pannllo di fibr, dur ( 5 ) EN E E fl Pannllo di fibr, smi- dur ( 5 ) EN E E fl Pannllo di fibr, soffici EN E E fl ( 1 ) Montato con un intrcapdin d aria dirttamnt contro la class A1 o A2-s1, prodotti d0 avnti una dnsità minima di 10 kg/m 3 o almno di class D-s2, prodotti d2 avnti una dnsità minima di 400 kg/m 3. ( 2 ) Un substrato di matrial di isolamnto in cllulosa appartnnt almno alla class E può ssr incluso qualora sia montato dirttamnt contro il pannllo a bas di lgno, ma non nl caso di pavimnti. ( 3 ) Montato con un intrcapdin d aria aprta ditro. Il lato postrior dlla cavità dv ssr almno di class A2-s1, prodotti d0 avnti una dnsità minima di 10 kg/m 3. ( 4 ) Montato con un intrcapdin d aria aprta ditro. Il lato postrior dlla cavità dv ssr almno dlla class D-s2, prodotti d2 avnti una dnsità minima di 400 kg/m 3. ( 5 ) I pannlli impiallacciati o rivstiti di fnolo di mlammina sono inclusi pr la class ch sclud i pavimnti. ( 6 ) Uno schrmo anti-vapor con uno spssor ch raggiung 0,4 mm una massa ch raggiung fino ai 200 g/m 2 può ssr montato tra il pannllo a bas di lgno un substrato qualora non sistano intrcapdini d aria tra i du. ( 7 ) Classi di cui alla tablla 1 dll allgato dlla dcision 2000/147/CE. ( 8 ) Classi di cui alla tablla 2 dll allgato dlla dcision 2000/147/CE.»

19 PANNELLI DI CARTONGESSO - CLASSI DI REAZIONE AL FUOCO Pannllo di cartongsso Spssor nomi- nal dl pannllo (mm) Nuclo in gsso Dnsità (kg/m 3 Class di ) razion al fuoco Grammatura dlla carta ( 1 ) (g/m 2 ) Substrato Class ( 2 ) (sclusi pavimnti) Conform alla norma EN 520 (sclusi pannlli prforati) 6,5 < 9, > Qualsiasi prodotto a bas di lgno con dnsità 400 kg/m 3 o qualsiasi prodotto almno di class A2-s1, d0 A2-s1, d0 B-s1, d0 9,5 600 A1 220 > Qualsiasi prodotto a bas di lgno con dnsità 400 kg/m 3 o qualsiasi prodotto almno di class A2-s1, d0 o qualsiasi prodotto isolant almno di class E-D2 montato scondo il mtodo 1 A2-s1, d0 B-s1, d0 ( 1 ) Stabilito in bas alla norma EN ISO 536 con un contnuto in additivo organico non suprior al 5 %. ( 2 ) Classi di cui alla tablla 1 dll allgato dlla dcision 2000/147/CE. Nota: Montaggio fissaggio I pannlli di cartongsso (di sguito lastr di gsso ) vanno montati fissati con uno di tr sgunti mtodi. Mtodo 1 Fissaggio mccanico a una sottostruttura di sostgno La lastra di gsso, o (in caso di sistmi con più lastr) almno la lastra più strna, va fissata mccanicamnt a una sottostruttura di mtallo (costituita dai componnti di cui alla norma EN 14195) o a una sottostruttura di lgno (conform a EN 336 a EN ). S gli lmnti portanti dlla sottostruttura hanno una sola dirzion, la distanza massima tra ssi non sarà suprior a 50 volt lo spssor dll lastr di gsso. S gli lmnti portanti dlla sottostruttura hanno du dirzioni, la distanza massima tra ssi non sarà suprior a 100 volt lo spssor dll lastr di gsso. Il fissaggio mccanico avvrrà mdiant viti, graff o chiodi, pntranti pr tutto lo spssor dll lastr di gsso fino alla sottostruttura in punti distanti non più di 300 mm misurati sulla lunghzza di ogni lmnto portant. Ditro la lastra di gsso può ssr lasciato uno spazio vuoto o ssr applicato un prodotto isolant. Il substrato può ssr: a) qualsiasi prodotto a bas di lgno di dnsità 400 kg/m 3 o qualsiasi prodotto almno dlla class A2-s1, d0, in caso di lastr di gsso di 6,5 mm < 9,5 mm di spssor nominal 800 kg/m 3 di dnsità cntral; o b) qualsiasi prodotto a bas di lgno di dnsità 400 kg/m 3 o qualsiasi prodotto almno dlla class A2-s1, d0, in caso di lastr gsso di 9,5 mm di spssor nominal 600 kg/m 3 di dnsità cntral; o

20 c) qualsiasi matrial isolant almno dlla class E-d2, in caso di lastr di gsso di 9,5 mm di spssor nominal 600 kg/m 3 di dnsità cntral. L giuntur tra lastr di gsso adiacnti avranno una larghzza di 4 mm. Ciò val pr qualsiasi giuntura indipndntmnt dal fatto ch sia sostnuta dirttamnt da un lmnto portant dlla sottostruttura indipndntmnt dal fatto ch sia o no rimpita di matrial pr giuntur. Ni casi a) b) ogni giuntura tra lastr di gsso adiacnti, non sostnuta dirttamnt da un lmnto portant dlla sottostruttura di larghzza > 1 mm, va intramnt rimpita di matrial pr giuntur, com spcificato dalla norma EN (l altr giuntur possono non ssr rimpit). Nl caso c) tutt l giuntur tra lastr di gsso adiacnti vanno intramnt rimpit di matrial pr giuntur com spcificato dalla norma EN Mtodo 2 Fissaggio mccanico a un substrato solido a bas di lgno L lastr di gsso vanno mccanicamnt fissat a un substrato solido a bas di lgno di dnsità 400 kg/m 3. Non va lasciata alcuna cavità tra i pannlli di gsso il substrato. Il fissaggio mccanico avvrrà mdiant viti, graff o chiodi. La distanza tra i punti di fissaggio mccanici va fissata scondo l rgol valid pr il mtodo 1. L giuntur tra l lastr di gsso adiacnti saranno di larghzza 4 mm possono non ssr rimpit. Mtodo 3 Fissaggio o adsion mccanica a un substrato solido (sistma di rivstimnto a scco) L lastr di gsso vrranno fissat dirttamnt a un substrato solido la cui class di razion al fuoco sia almno A2-s1, d0. L lastr di gsso possono ssr fissat con viti o chiodi ch, attravrsato lo spssor dlla lastra, si fissino o adriscano al substrato solido mdiant un collant adsivo a bas di gsso com spcificato dalla norma EN I punti di applicazion di viti, chiodi adsivo vanno comunqu posti lungo assi vrticali orizzontali a una distanza non suprior a 600 mm. L giuntur tra lastr di gsso adiacnti possono non ssr rimpit.»

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga Provvdimnto di Prdisposizion dl Programma Annual dll'srcizio finanziario 2014 Il Dsga Visto Il Rgolamnto crnnt l istruzioni gnrali sulla gstion amministrativotabil dll Istituzioni scolastich Dcrto 01 Fbbraio

Dettagli

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE UNA NUOVA VIVIBILITA PER IL CENTRO DI NONANTOLA PROCESSO PARTECIPATIVO INTEGRATO CENTRO ANCH IO! REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA ESITO DELLE VOTAZIONI RACCOLTE DURANTE LE

Dettagli

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R.

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R. Attori in rt pr la mobilità di risultati dll apprndimnto Dirtta WEB, 6 dicmbr 2011 Progtto I CARE Progtto CO.L.O.R. Elmnti distintivi complmntarità Michla Vcchia Fondazion CEFASS gli obittivi Facilitar

Dettagli

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma Compiti funzioni attribuiti dalla tiva all nazional Lgg Art. 6, comma 5 Art. 6, comma 7, ltt.a Art. 6, comma 7, ltt.b Potri/ funzioni attribuiti dalla Vigilanza su tutti i contratti pubblici (lavori, srvizi

Dettagli

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 36 Riduzion durvol di valor dll attività Riduzion durvol di valor dll attività SOMMARIO Finalità 1 Ambito di applicazion

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Distrtto Scolastico N 53 Nocra Infrior (SA) SCUOLA MEDIA STATALE Frsa- Pascoli Vial Europa ~ 84015 NOCERA SUPERIORE (SA) Tl. 081 933111-081 931395- fax: 081 936230 C.F.: 94041550651 Cod: Mcc.: SAMM28800N

Dettagli

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4 Radioattività - Radioattività - - - Un prparato radioattivo ha un attività A 0 48 04 dis / s. A quanti μci (microcuri) si riduc l attività dl prparato dopo du tmpi di dimzzamnto? Sapndo ch: ch un microcuri

Dettagli

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI D.Lgs. 192/2005 + D.Lgs. 311/2006 Vincnzo Corrado, Matto Srraino Dipartimnto di Enrgtica Politcnico Di Torino un progtto di:

Dettagli

Esercizi sullo studio di funzione

Esercizi sullo studio di funzione Esrcizi sullo studio di funzion Prima part Pr potr dscrivr una curva, data la sua quazion cartsiana splicita f () occorr procdr scondo l ordin sgunt: 1) Dtrminar l insim di sistnza dlla f () ) Dtrminar

Dettagli

Parcheggi e altre rendite aeroportuali

Parcheggi e altre rendite aeroportuali Argomnti Parchggi altr rndit aroportuali Marco Ponti Elna Scopl La rgolamntazion dl sistma aroportual italiano fino al 2007 non ha vitato la formazion di rndit ingiustificat. In particolar l attività non-aviation,

Dettagli

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO 1. La struttura di rlazioni tra manifattura srvizi all imprs in un contsto uropo 11 1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO La quota di srvizi sul commrcio

Dettagli

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi TitoloTitl Guida allʼscuzion di prov con risultati qualitativi Guid to prform tsts with qualitativ rsults SiglaRfrnc DT-07-DLDS RvisionRvision 00 DataDat 0602203 Rdazion pprovazion utorizzazion allʼmission

Dettagli

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti L politich pr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti Politich pr ottnr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti (BP = + MK = 0) nl lungo priodo BP 0 non è sostnibil prchè In cambi fissi S BP0 si sauriscono

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. M. MONTANI CONVITTO ANNESSO AZIENDA AGRARIA 63900 FERMO Via Montani n. 7 - Tl. 0734-622632 Fax 0734-622912 www.istitutomontani.it -mail aptf010002@istruzion.it Coc

Dettagli

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica.

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica. CORSO MASTER associazion gomtri libri profssionisti dlla provincia Modna novmbr, cmbr 2014 gnnaio, fbbraio PERCORSO FORMATIVO DI 48 ORE Sd Il corsoo è organizzato prsso la sala convgni dl Collg io Gomm

Dettagli

Guida alla protezione passiva dal fuoco. Le soluzioni Gyproc Saint-Gobain

Guida alla protezione passiva dal fuoco. Le soluzioni Gyproc Saint-Gobain Guida alla protezione passiva dal fuoco Le soluzioni Gyproc Saint-Gobain ED. FEBBRAIO 2012 Guida alla protezione passiva dal fuoco Le soluzioni Gyproc Saint-Gobain Nell ambito edile, la protezione dal

Dettagli

LA TRASFORMATA DI LAPLACE

LA TRASFORMATA DI LAPLACE LA RASFORMAA DI LAPLACE Pr dcrivr l voluzion di un itma in rgim tranitorio, oia durant il paaggio dll ucit da un rgim tazionario ad un altro, è ncario ricorrr ad un modllo più gnral riptto al modllo tatico,

Dettagli

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza GUIDE ITALIA Un confronto sull ultim tndnz a supporto dlla smplificazion dll fficza L voluzion dll architttur IT Sogi RELATORE: Francsco GERBINO 16 novmbr 2010 Agnda Prsntazion dlla Socità Architttur IT

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

Il presente Regolamento Particolare di Gara. è stato approvato in data con numero di approvazione RM / CR /2015.

Il presente Regolamento Particolare di Gara. è stato approvato in data con numero di approvazione RM / CR /2015. Vrsion 5 3 Agosto Valità 2015 la Manifstazion : Campionato Italiano Rally Assoluto Campionato Italiano Rally Junior Campionato Italiano Rally Costruttori Coppa ACI-SPORT Rally CIR Equipaggi Inpndnti Coppa

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine.

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine. Capitolo 2 Numri rali In qusto capitolo ci occuprmo dll insim di numri rali ch indichrmo con il simbolo R: lfunzionidfinitsutaliinsimiavaloriralisonol oggttodistudiodll analisi matmatica in una variabil.

Dettagli

COMPORTAMENTO AL FUOCO IL PVC IN EDILIZIA

COMPORTAMENTO AL FUOCO IL PVC IN EDILIZIA COMPORTAMENTO AL FUOCO IL PVC IN EDILIZIA Centro di Informazione sul PVC Via M. U. Traiano, 7-20149 Milano www.pvcforum.it infopvc@tin.it 1. Gli edifici ed i comportamento al fuoco: progettazione, prevenzione

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori

T13 Oneri per Indennita' e Compensi Accessori T13 Oneri per Indennita e Compensi Accessori Qualifiche per le Voci di Spesa di Tipo I IND. IND RZ. INDNNITÀ VACANZA STRUTT. ART. 42, D MARIA PROFSSION CONTRATTU COMP. SCLUSIVITA POSIZION POSIZION - RISULTATO

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso QUANDO ISOLARE DALL INTERNO L isolamento dall interno delle pareti perimetrali e dei soffitti rappresenta, in alcuni contesti edilizi e soprattutto nel caso di ristrutturazioni, l unica soluzione perseguibile

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

cimosa di sormonto autoadesiva

cimosa di sormonto autoadesiva Polietilene reticolato fisicamente sp. 8 mm nominale cimosa di sormonto autoadesiva. Massa elastoplastomerica Lato posa CARATTERISTICHE TECNICHE Acustic System 10, è un manto bistrato con cimosa adesiva,

Dettagli

Lo strato limite PARTE 11. Indice

Lo strato limite PARTE 11. Indice PARTE 11 a11-stralim-rv1.doc Rl. /5/1 Lo strato limit Indic 1. Drivazion dll qazioni indfinit di Prandtl pr lo strato limit sottil pag. 3. Intgrazion nmrica dll qazioni indfinit di Prandtl. 11 3. Lo strato

Dettagli

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO Parma 16 novembre 2012 S.D.A.C. Arch. Fabrizio Finuoli L evoluzione della Prevenzione Incendi 2 Panorama normativo della Prevenzione incendi

Dettagli

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE 1 CLASSIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO DI ELEMENTI COSTRUTTIVI SECONDO NORME, LEGGI E DIRETTIVE IN VIGORE 2 1. CLASSIFICAZIONE DELLA RESISTENZA AL FUOCO 2. CERTIFICAZIONE

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

( D) =,,,,, (11.1) = (11.3)

( D) =,,,,, (11.1) = (11.3) G. Ptrucci Lzioni di Cotruzion di Macchin. CRITERI DI RESISTENZA La vrifica di ritnza ha o copo di tabiir o tato tniona d mnto truttura anaizzato è ta da provocarn i cdimnto into com rottura o nrvamnto.

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua SOMMARIO Gralità sull Macchi i Corrt Cotiua...2 quazio dlla forza lttromotric...2 Circuito quivalt...2 Carattristica di ccitazio...3 quazio dlla vlocità...3 quazio dlla Coppia rsa all'albro motor:...3

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie Gruppo termico murale a gas a premiscelazione Serie GENIO Tecnic Serie GENIO TECNIC Caratteristiche principali Quali evoluzione subirà il riscaldamento per rispondere alle esigenze di case e utenti sempre

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO

COMUNICAZIONE INTERNA, SISTEMA INFORMATIVO, CONSIGLIO COMUNALE, SPORTELLO DEL CITTADINO Nm prcmnt Dscrizin Fasi (dscrizin sinttica da input ad utput) Nrm rifrimnt rspnsabil istruttria Rspnsabil prcmnt mcgmmatricla richista infrmazini prcmnt incar tlf, fax pc inrizz Trmin cnclusi n prcm nt

Dettagli

MapeWrap Resilient System

MapeWrap Resilient System C.P. MK707910 (I) 12/13 INNOVATIVO SISTEMA DI PROTEZIONE PASSIVA DEGLI EDIFICI NEI CONFRONTI DELLE AZIONI SISMICHE L unione delle tecnologie Mapei per la protezione in caso di sisma Applicazione di un

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

Ditec Valor H Porte pedonali automatiche per ambienti in atmosfera controllata

Ditec Valor H Porte pedonali automatiche per ambienti in atmosfera controllata Ditec Valor H Porte pedonali automatiche per ambienti in atmosfera controllata IT www.ditecentrematic.com Automazioni progettate per ambienti specialistici. Ditec Valor H, nella sua ampia gamma, offre

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

Piedino in alluminio A 100 FS

Piedino in alluminio A 100 FS Piedino in alluminio A 100 FS Prezzo /pz. a r. Profili sezione quadra sezione 20 pannello 10 mm - angolo nylon 525 Profili sezione quadra sezione 20 pannello 18 mm - angolo alluminio Profili sezione quadra

Dettagli

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008)

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Disposizioni atte a regolamentare l'emissione di aldeide formica da pannelli a base di legno e manufatti con essi realizzati in

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA IT Sistema a soffitto Il rivoluzionario sistema a soffitto Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA Il rivoluzionario sistema a soffitto Resa certificata Adduzione inserita nella

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Quando un pavimento è ben fatto: Un brevetto esclusivo ne preserva il valore e garantisce l igiene dell aria interna all edificio

Quando un pavimento è ben fatto: Un brevetto esclusivo ne preserva il valore e garantisce l igiene dell aria interna all edificio Costruire, ristrutturare e risanare Quando un pavimento è ben fatto: Un brevetto esclusivo ne preserva il valore e garantisce l igiene dell aria interna all edificio GEV spiega gli aspetti da considerare

Dettagli

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv Riccardo Bucci ANIE - AICE Associazione Italiana Industrie Cavi e Conduttori Elettrici Elementi costituivi i cavi elettrici

Dettagli

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche tradizionali. Il principo dell uso è di deviare energie

Dettagli

Sistema con compluvio integrato

Sistema con compluvio integrato Sistema con compluvio integrato NUOVO! Compluvio standard 1.5 % Ancora più semplice. Ancora più conveniente. La forza naturale della roccia Isolamento termico e compluvio in un unico sistema 2 I sistemi

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

TETTO IN LEGNO PIANO ED INCLINATO

TETTO IN LEGNO PIANO ED INCLINATO 13 TETTO IN LEGNO PIANO ED Tetto caldo e tetto freddo (ventilato) Impermeabilizzazione e isolamento termico dei tetti in legno con manto a vista Il presente documento riguarda l impermeabilizzazione delle

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI.

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. -capitolo 1- - 1-1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. 1.1 Premessa. Gli impianti elettrici possono essere causa di innesco e di propagazione

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

SEZIONE 22 PAGINA 01

SEZIONE 22 PAGINA 01 TUBO ARIA COMPRESSA GOMMA 20 BAR 22 100 102 Tubo per aria compressa 8x17 22 100 104 Tubo per aria compressa 10x19 22 100 106 Tubo per aria compressa 13x23 22 100 110 Tubo per aria compressa 19x30 Tubo

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.1.2011 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 12/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 10/2011 DELLA COMMISSIONE del 14 gennaio 2011 riguardante i materiali e gli oggetti

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net ........... COMUNITA' MONTANA MUGELLO Oggetto dei lavori: REALIZZAZIONE DI NUOVO LOCALE TECNICO - I DIACCI II LOTTO Progettista: Geom. Francesco Minniti COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 2 LOTTO - COMPUTO METRICO

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

Scatole da incasso. Scatole da incasso per pareti in muratura - CARATTERISTICHE TECNICHE

Scatole da incasso. Scatole da incasso per pareti in muratura - CARATTERISTICHE TECNICHE Scatole da incasso Scatole da incasso per pareti in muratura - CARATTERISTICHE TECNICHE Principali caratteristiche tecnopolimero ad alta resistenza e indeformabilità temperatura durante l installazione

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Non brucia. Lana di roccia la naturale protezione antincendio. www.flumroc.ch

Non brucia. Lana di roccia la naturale protezione antincendio. www.flumroc.ch Non brucia. Lana di roccia la naturale protezione antincendio. www.flumroc.ch Ogni giorno si registrano più di 50 allarmi incendio Pagina 4 Ecco cosa blocca la propagazione di un incendio Pagina 7 Combustibile

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

Il vetro nell architettura

Il vetro nell architettura Opuscolo tecnico Il vetro nell architettura upi Ufficio prevenzione infortuni Uso sicuro del vetro nell edilizia Nell architettura moderna il vetro non è utilizzato soltanto per le finestre, bensì come

Dettagli

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano www.mpmsrl.com pavimentazioni re sine materiali protettivi milano Tradizione, esperienza, innovazione tecnologica. Da oltre 50 anni MPM materiali protettivi milano s.r.l opera nel settore dell edilizia

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS. Membrane impermeabilizzanti

MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS. Membrane impermeabilizzanti MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS Membrane impermeabilizzanti L L ERFLEX HELASTO M INERAL LIGHTERFLEX HELASTO LIGHTERFLEX HPCP SUPER

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

Solo il meglio sotto ogni profilo!

Solo il meglio sotto ogni profilo! Solo il meglio sotto ogni profilo! Perfetto isolamento termico per finestre in alluminio, porte e facciate continue Approfittate degli esperti delle materie plastiche Voi siete specialisti nella produzione

Dettagli

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché?

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Klaus Pfitscher Relazione 09/11/2013 Marchio CE UNI EN 14351-1 Per finestre e porte pedonali Marchio CE UNI EN 14351-1

Dettagli

Alberi di copertura minimi

Alberi di copertura minimi Albr d coprtur mnm Sommro Albr d coprtur mnm pr grf pst Algortmo d Kruskl Algortmo d Prm Albro d coprtur mnmo Un problm d notvol mportnz consst nl dtrmnr com ntrconnttr fr d loro dvrs lmnt mnmzzndo crt

Dettagli