Art Campo di applicazione e definizioni Art Classificazione di reazione al fuoco

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco"

Transcript

1 DM 10 marzo 2005 Classi di razion al fuoco pr i prodotti da costruzion da impigarsi nll opr pr l quali ' prscritto il rquisito dlla sicurzza in caso d'incndio. (GU n. 73 dl ) IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la lgg 27 dicmbr 1941, n. 1570, rcant nuov norm pr l'organizzazion di srvizi antincndi; Vista la lgg 13 maggio 1961, n. 469, concrnnt l'ordinamnto di srvizi antincndi dl Corpo nazional di vigili dl fuoco; Vista la lgg 26 luglio 1965, n. 966, concrnnt la disciplina dll tariff, dll modalita' di pagamnto di compnsi al prsonal dl Corpo nazional di vigili dl fuoco pr i srvizi a pagamnto; Visto il dcrto dl Prsidnt dlla Rpubblica 29 luglio 1982, n.577, rcant l'approvazion dl rgolamnto concrnnt l'spltamnto di srvizi di prvnzion di vigilanza antincndi; Vista la lgg 7 dicmbr 1984, n. 818, concrnnt, tra l'altro, il nulla osta provvisorio pr l attivita' soggtt ai controlli di prvnzion incndi; Visto il dcrto dl Prsidnt dlla Rpubblica 12 gnnaio 1998, n. 37, rcant l'approvazion dl rgolamnto concrnnt i procdimnti rlativi alla prvnzion incndi; Vista la dirttiva dl Consiglio 89/106/CEE dl 21 dicmbr 1988; Visto il dcrto dl Prsidnt dlla Rpubblica 21 april 1993, n.246, rcant l'approvazion dl rgolamnto concrnnt l'attuazion dlla dirttiva 89/106/CEE rlativa ai prodotti da costruzion; Visto il dcrto dl Prsidnt dlla Rpubblica 10 dicmbr 1997, n. 499, rcant l'approvazion dl rgolamnto concrnnt l norm di attuazion dlla dirttiva 93/68/CEE pr la part ch modifica la dirttiva 89/106/CEE in matria di prodotti da costruzion; Visto il dcrto dl Ministro dll'intrno 26 giugno 1984, rcant la classificazion di razion al fuoco d omologazion di matriali ai fini dlla prvnzion incndi succssivamnt modificato d intgrato dal dcrto dl Ministro dll'intrno 3 sttmbr 2001; Visto il dcrto dl Ministro dll'intrno 14 gnnaio 1985, concrnnt la attribuzion dlla class di razion al fuoco zro; Visto il dcrto dl Ministro dll'intrno 26 marzo 1985, rcant procdur rquisiti pr l'autorizzazion l'iscrizion di nti laboratori ngli lnchi dl Ministro dll'intrno; Visto il dcrto dl Ministro dll'intrno 5 agosto 1991, concrnnt la commrcializzazion impigo in Italia di matriali dstinati all'dilizia lgalmnt riconosciuti in uno di Pasi CEE sulla bas dll norm di razion al fuoco; Vista la circolar n. 18 MI.SA. dl 3 agosto 1998 dl Ministro dll'intrno, concrnnt la procdura pr il rilascio dll'omologazion da part dl Ministro dll'intrno pr prodotti gia' omologati in un Pas dll'union uropa in matria di razion al fuoco, in attuazion dl dcrto dl Ministro dll'intrno 5 agosto 1991; Vista la dcision dlla Commission dll'union uropa 2000/147/CE dll'8 fbbraio 2000, attuativa dlla dirttiva 89/106/CEE dl 21 dicmbr 1988, pr quanto riguarda la classificazion dlla razion all'azion dll'incndio di prodotti da costruzion, succssivamnt modificata dalla dcision dlla Commission dll'union uropa 2003/632/CE dl 26 agosto 2003; Vista la dcision dlla Commission dll'union uropa 96/603/CE dl 4 ottobr 1996 rcant l'lnco di prodotti dll classi A «nssun contributo all'incndio», modificata dalla dcision dlla Commission dll'union uropa 2000/605/CE dl 26 sttmbr 2000 dalla dcision dlla Commission dll'union uropa 2003/424/CE dl 6 giugno 2003; Vista la dcision dlla Commission dll'union uropa 2003/43/CE dl 17 gnnaio 2003 concrnnt la dtrminazion dll classi di razion all'azion dll'incndio pr taluni prodotti da costruzion, modificata d intgrata dalla dcision dlla Commission dll'union uropa 2003/593/CE dl 7 agosto 2003; Vist l norm UNI ISO 1182 (dicmbr 1995), UNI 8456 (ottobr 1987), UNI 8457 (1987), UNI 8457/AI (maggio 1996), UNI 9174 (ottobr 1987), UNI 9174/AI (maggio 1996), UNI 9176 (sconda dizion gnnaio 1998), UNI 9177 (ottobr 1987) rcanti i mtodi di prova di classificazion pr la dtrminazion dlla class di razion al fuoco di matriali;

2 Vist l norm EN ISO 1182, EN ISO 1716, EN 13823, EN ISO , EN ISO , EN , rcanti i mtodi di prova di classificazion pr la dtrminazion dlla class di razion al fuoco di prodotti da costruzion non ancora traspost nll corrispondnti norm UNI; Sntito il parr favorvol dl Comitato cntral tcnico scintifico pr la prvnzion incndi di cui all'art. l0 dl DPR 29 luglio 1982, n. 577; Espltata la procdura di informazion di cui alla dirttiva 98/34/CE ch codifica la procdura istituita con la dirttiva 83/189/CEE; Considrata la ncssità di rcpir il sistma uropo di classificazion di razion al fuoco di prodotti da costruzion pr i casi in cui è prscritta tal classificazion al fin di conformar l opr, in cui vngono installati tali prodotti, al rquisito ssnzial «Sicurzza in caso d'incndio» dlla dirttiva 89/106/CE; Dcrta: Art Campo di applicazion dfinizioni 1. Il prsnt dcrto si applica ai matriali da costruzion, così com dfiniti dall'art. 1 dlla dirttiva 89/106/CEE dall'art. 1 dl dcrto dl Prsidnt dlla Rpubblica 21 april 1993, n E' considrato matrial da costruzion qualsiasi prodotto fabbricato al fin di ssr prmanntmnt incorporato in opr da costruzion, l quali comprndono gli difici l opr di inggnria civil. 3. I «matriali da costruzion» sono di sguito dnominati «prodotti» l opr da costruzion, l quali comprndono gli difici l opr di inggnria civil, sono dnominat «opr». 4. L «norm armonizzat», gli atti di «bnstar tcnico», l «norm nazionali ch rcpiscono norm armonizzat», l «norm nazionali riconosciut dalla Commission a bnficiar dlla prsunzion di conformita», di cui al dcrto dl Prsidnt dlla Rpubblica 21 april 1993, n. 246, sono di sguito dnominati «spcificazioni tcnich». Art Classificazion di razion al fuoco 1. I prodotti vngono classificati in bas all loro carattristich di razion al fuoco, stabilit nll rlativ spcificazioni tcnich ov sistnti, in conformita' con quanto indicato nll tabll 1, 2 3 dll'allgato A) al prsnt dcrto, di cui all dcisioni dlla Commission dll'union uropa 2000/147/CE dll'8 fbbraio /632/CE dl 26 agosto Con succssivi provvdimnti dl Ministro dll'intrno si aggiornano l tabll di cui al prcdnt comma 1, a sguito dll ultriori dcisioni dlla Commission dll'union uropa manat in matria. 3. Nll'lnco riportato nll'allgato B) dl prsnt dcrto sono indicat l combinazioni dll classi di razion al fuoco prvist nlla norma EN Nll mor dll'manazion dll spcificazioni tcnich di prodotto pr l'intro priodo di cosistnza con tali spcificazioni, ' consntita la classificazion di razion al fuoco ai snsi dl dcrto dl Ministro dll'intrno 26 giugno 1984 succssiv modifich d intgrazioni. Art Prodotti con classificazion alla razion al fuoco dfinita snza onri di prova 1. Ai prodotti riportati ngli lnchi di cui all'allgato C) dl prsnt dcrto ' attribuita la class di razion al fuoco ivi spcificata snza ch dbbano ssr sottoposti all'scuzion dll rlativ prov di razion al fuoco in ottmpranza all dcisioni dlla Commission dll'union uropa. 2. Con succssivi provvdimnti dl Ministro dll'intrno si aggiornano gli lnchi di cui al prcdnt comma 1, a sguito dll ultriori dcisioni dlla Commission dll'union uropa manat in matria. Art Impigo di prodotti pr i quali ' prscritta la class di razion al fuoco 1. I prodotti lgalmnt commrcializzati in uno dgli Stati dlla UE, qulli provninti dagli Stati contranti l'accordo SEE Turchia, possono ssr impigati in Italia nll opr in cui ' prscritta la loro class di razion al fuoco, scondo l'uso conform alla loro dstinazion, s muniti dlla

3 marcatura CE prvista dall disposizioni comunitari o, in mancanza di qust in attsa dlla loro manazion, s conformi al dcrto dl Ministro dll'intrno dl 5 agosto 1991, pubblicato nlla Gazztta Ufficial dlla Rpubblica italiana n. 198 dl 24 agosto 1991). 2. Pr i prodotti muniti di marcatura CE la class di razion al fuoco ' riportata nll informazioni ch accompagnano la marcatura CE nlla documntazion di cui all'art. 10 dl dcrto dl Prsidnt dlla Rpubblica 21 april 1993, n. 246, succssiv modifich. 3. Pr i prodotti pr i quali non ' applicata la procdura ai fini lla marcatura CE - in assnza di spcificazioni tcnich o in applicazion volontaria dll procdur nazionali durant il priodo di cosistnza - l'impigo nll attivita' soggtt ai controlli di prvnzion incndi ' subordinato all'omologazion rilasciata ai snsi dll'art. 8 dl dcrto dl Ministro dll'intrno 26 giugno 1984 succssiv modifich, ovvro all crtificazioni mss ai snsi dll'art. 10 dl dcrto mdsimo. Il rilascio dll'atto di omologazion dgli atti connssi, cosi' com pr gli altri prodotti rgolamntati dal dcrto dl Ministro dll'intrno, rintra tra i srvizi a pagamnto prvisti dalla lgg 26 luglio 1965, n. 966, succssiv modifich. Al trmin dl priodo di cosistnza dfinito dalla Commission dll'union uropa, dtta omologazion riman valida, solo pr i prodotti gia' immssi sul mrcato ntro tal trmin, ai fini dll'impigo, nll'attività' soggtt ai controlli di prvnzion incndi, ntro la data di scadnza dll'omologazion stssa. 4. Pr i prodotti di cui al prcdnt art. 3, qualora non sia ancora applicabil la procdura ai fini dlla marcatura CE in assnza dll spcificazioni tcnich - pr l'impigo nll attivita' soggtt ai controlli di prvnzion incndi prvisto dal prsnt articolo, non ' richista la omologazion di cui al comma prcdnt fatto salvo l'obbligo dl produttor di rilasciar apposita dichiarazion di conformita' dl prodotto all carattristich di cui agli lnchi dllo stsso art La documntazion di cui ai prcdnti commi 2, 3 4 dv ssr prodotta in lingua italiana ovvro accompagnata dalla traduzion in lingua italiana in conformita' all norm vignti. Il prsnt dcrto d ntra in vigor il giorno succssivo alla sua pubblicazion nlla Gazztta Ufficial dlla Rpubblica italiana. Roma, 10 marzo 2005 Il Ministro: Pisanu

4 DM 25/10/2007 Modifich al dcrto 10 marzo 2005, concrnnt "Classi di razion al fuoco pr i prodotti da costruzion da impigarsi nll opr pr l quali ' prscritto il rquisito dlla sicurzza in caso d'incndio". IL MINISTRO DELL'INTERNO Visto il dcrto lgislativo 8 marzo 2006, n. 139, rcant "Riasstto dll disposizioni rlativ all funzioni d ai compiti dl Corpo nazional di vigili dl fuoco, a norma dll'art. 11 dlla lgg 29 luglio 2003, n. 229"; Visto il dcrto dl Ministro dll'intrno 10 marzo 2005, pubblicato nlla Gazztta Ufficial dlla Rpubblica italiana n. 73 dl 30 marzo 2005, rcant "Classi di razion al fuoco pr i prodotti da costruzion da impigarsi nll opr pr l quali ' prscritto il rquisito dlla sicurzza in caso d'incndio", in particolar il comma 2 dll'art. 2 il comma 2 dll'art. 3; Vista la dcision 2007/348/CE dl 15 maggio 2007 dlla Commission dll'union uropa ch dtrmina l classi di razion all'azion dll'incndio pr taluni prodotti da costruzion pr quanto riguarda i pannlli a bas di lgno; Vista la dcision 2006/751/CE dl 27 ottobr 2006 dlla Commission dll'union uropa ch modifica la dcision 200/147/CE ch attua la dirttiva 89/106/CEE dl Consiglio pr quanto riguarda la classificazion dlla razion all'azion dll'incndio di prodotti da costruzion; Vista la dcision 2006/673/CE dl 5 ottobr 2006 dlla Commission dll'union uropa ch dtrmina l classi di razion all'azion dll'incndio pr taluni prodotti da costruzion pr quanto riguarda i pannlli in cartongsso; Vista la dcision 2006/213/CE dl 6 marzo 2006 dlla Commission dll'union uropa ch dtrmina l classi di razion al fuoco pr alcuni prodotti da costruzion pr quanto concrn l pavimntazioni in lgno i rivstimnti i pannlli in lgno massiccio; Vista la dcision 2005/610/CE dl 9 agosto 2005 dlla Commission dll'union uropa ch dtrmina l classi di razion al fuoco pr taluni prodotti da costruzion; Ravvisata la ncssita' di aggiornar gli allgati A C dl citato dcrto dl Ministro dll'intrno 10 marzo 2005; Sntito il parr favorvol dl Comitato cntral tcnico scintifico pr la prvnzion incndi di cui all'art. 10 dl dcrto dl Prsidnt dlla Rpubblica 29 luglio 1982, n. 577, succssiv modificazioni; Dcrta: Art L'allgato A dl dcrto dl Ministro dll'intrno 10 marzo 2005, citato in prmssa, ' sostituito dall'allgato 1 al prsnt dcrto. Art L'allgato C dl dcrto dl Ministro dll'intrno 10 marzo 2005 ' sostituito dall'allgato 2 al prsnt dcrto. Il prsnt dcrto vin pubblicato nlla Gazztta Ufficial dlla Rpubblica italiana d ntra in vigor il giorno succssivo alla sua pubblicazion. Roma, 25 ottobr 2007

5 ALLEGATO 1 CLASSIFICAZIONE DEI PRODOTTI DA COSTRUZIONE Quando la condizion di uso final di un prodotto da costruzion è tal da contribuir alla gnrazion alla propagazion dl fuoco dl fumo all intrno dl local d origin (oppur in un ara dfinita), il prodotto va classificato in bas alla sua razion al fuoco, scondo il sistma di classificazion di cui all sgunti tabll 1, 2 3. I prodotti sono considrati in rlazion all loro condizioni di applicazion final. S la classificazion basata sull mtodologi di prova sui critri lncati nll suddtt tabll si rivla inadguata, si possono dfinir uno o più scnari di rifrimnto (prov in scala rapprsntativ ch riproducano uno o più scnari di rischio) scondo una procdura di classificazion ch prvda prov altrnativ. Simboli (L carattristich sono dfinit con rifrimnto all appropriato mtodo di prova) T m t f PCS FIGRA THR 600s LFS SMOGRA TSP 600s Fs Aumnto di tmpratura Prdita di massa Durata dll incndio Potnzial calorifico lordo Tasso di incrmnto dll incndio Rilascio total di calor Propagazion latral dl fuoco Tasso di incrmnto dl fumo Produzion total di fumo Propagazion dl fuoco Dfinizioni «Matrial»: una singola sostanza di bas o una miscla di sostanz uniformmnt distribuit, ad smpio mtallo, pitra, lgno, calcstruzzo, lana di roccia con lganti uniformmnt distribuiti, polimri. «Prodotto omogno»: un prodotto ch consist di un unico matrial ch prsnta a tutti i livlli dnsità composizion uniformi. «Prodotto non omogno»: un prodotto ch non possid i rquisiti di prodotti omogni. Esso si compon di uno o più componnti sostanziali /o non sostanziali. «Componnt sostanzial»: un matrial ch costituisc un lmnto significativo nlla composizion di un prodotto non omogno. Un rivstimnto con massa pr unità di ara > 1,0 kg/m 2 spssor > 1,0 mm è considrato un componnt sostanzial. «Componnt non sostanzial»: un matrial ch non costituisc una part significativa di un prodotto non omogno. Un rivstimnto con massa pr unità di ara < 1,0 kg/m 2 o spssor < 1,0 mm è considrato un componnt non sostanzial.

6 Du o più rivstimnti non sostanziali adiacnti (ovvro non sparati da alcun componnt sostanzial) sono considrati com un componnt non sostanzial, prtanto, dvono soddisfar in toto i rquisiti prvisti pr i rivstimnti ch sono componnti non sostanziali. Tra i componnti non sostanziali si distingu tra componnti non sostanziali intrni componnti non sostanziali strni, dfiniti com sgu: «Componnt non sostanzial intrno»: un componnt non sostanzial ch è rivstito su ambdu i lati da almno un componnt sostanzial. «Componnt non sostanzial strno»: un componnt non sostanzial ch non è rivstito su un lato da un componnt sostanzial. TABELLA 1 CLASSI DI REAZIONE AL FUOCO PER I PRODOTTI DA COSTRUZIONE AD ECCEZIONE DEI PAVIMENTI, DEI PRODOTTI DI FORMA LIMEARE DESTINATI ALL ISOLAMENTO TERMICO, DEI CAVI ELETTRICI (*) CLASSE METODO(I) DI PROVA CRITERI DI CLASSIFICAZIONE CLASSIFICAZIONE AGGIUNTIVA T 30 C; A1 EN ISO 1182 (1) ; m 50 % t f = 0 (cioè incndio non prsistnt) _ PCS 2,0 MJ.kg -1 (1) ; EN ISO 1716 PCS 2,0 MJkg -1 (2) (2a) ; _ PCS 1,4 MJ.m -2 (3) ; -1 (4) PCS 2,0 MJ.kg EN ISO 1182 (1) ; T 50 C; A2 o m 50 %; _ t f 20s EN ISO 1716; PCS 3,0 MJ.kg -1 (1) ; -2 (2) PCS 4,0 MJ.m _ -2 (3) PCS 4,0 MJ.m -1 (4) PCS 3,0 MJ.kg EN (SBI) FIGRA 120 W.s -1 ; LFS margin dl campion; THR 600s 7,5 MJ Produzion di fumo (5) ; Gocc/particll ardnti (6) EN (SBI); FIGRA 120 W.s -1 ; B EN ISO (8) : LFS margin dl campion; THR 600s 7,5 MJ Fs 150 mm ntro 60s Produzion di fumo (5) ; Gocc/particll ardnti (6) Esposizion = 30s

7 C D E EN (SBI); FIGRA 250 W.s -1 ; LFS margin dl campion; THR 600s 15 MJ Produzion di fumo (5) ; EN ISO (8) : Fs 150 mm ntro 60s Gocc/particll ardnti (6) Esposizion = 30s EN (SBI); FIGRA 750 W.s -1 Produzion di fumo (5) ; EN ISO (8) : Gocc/particll ardnti (6) Esposizion = 30s Fs 150 mm ntro 60s EN ISO (8) : Esposizion = 15s Fs 150 mm ntro 20s Gocc/particll ardnti (7) F Razion non dtrminata (*) (1) (2) (2a) (3) (4) (5) (6) (7) (8) L classi di cui alla prsnt tablla sono attribuit in conformità a quanto spcificato nlla norma EN Pr i prodotti omogni componnti sostanziali di prodotti non omogni. Pr qualsiasi componnt strno non sostanzial di prodotti non omogni. Altrnativamnt, qualsiasi componnt strno non sostanzial avnt un PCS 2,0 MJ.m -2, purchè il prodotto soddisfi i sgunti critri di EN (SBI): FIGRA 20 W.s -1 ; LFS margin dl campion; THR 600s 4,0 MJ; s1; d0. Pr qualsiasi componnt intrno non sostanzial di prodotti non omogni. Pr il prodotto nl suo insim. s1 = SMOGRA 30m 2.s -2 TSP 600S 50m 2 ; s2 = SMOGRA 180m 2.s -2 TSP 600S 200m 2 ; s3 = non s1 o s2. d0 = assnza di gocc/particll ardnti in EN (SBI) ntro 600s; d1 = assnza di gocc/particll ardnti di durata suprior a 10s in EN (SBI) ntro 600s; d2 = non d0 o d1; la combustion dlla carta in EN ISO dà luogo a una classificazion in d2. Supramnto dlla prova = assnza di combustion dlla carta (non classificato). Mancato supramnto dlla prova = combustion dlla carta (classificato in d2). Quando l fiamm invstono la suprfici, s adguato all condizioni finali di applicazion dl prodotto, la part latral (di un oggtto).

8 TABELLA 2 CLASSI DI REAZIONE AL FUOCO PER I PAVIMENTI (*) CLASSE METODO(I) DI PROVA CRITERI DI CLASSIFICAZIONE CLASSIFICAZIONE AGGIUNTIVA T 30 C; A1 FL EN ISO 1182 (1) ; m 50 % t f = 0 (cioè incndio non continuo) _ PCS 2,0 MJ.kg -1 (1) ; EN ISO 1716 PCS 2,0 MJkg -1 (2) ; _ PCS 1,4 MJ.m -2 (3) ; -1 (4) PCS 2,0 MJ.kg T 50 C; A2 FL EN ISO 1182 (1) ; o m 50 %; t f 20s _ PCS 3,0 MJ.kg -1 (1) ; EN ISO 1716; -2 (2) PCS 4,0 MJ.m -2 (3) PCS 4,0 MJ.m _ -1 (4) PCS 3,0 MJ.kg EN (5) Flusso critico (6) 8,0 kw.m -2 Produzion di fumo (7) B FL EN (5) EN ISO (8) : Esposizion = 15s EN (5) Flusso critico (6) 8,0 kw.m -2 Fs 150 mm ntro 20 scondi Fs 150 mm ntro 20s Flusso critico (6) 4,5 kw.m -2 C FL EN ISO (8) : Produzion di fumo (7) ; Produzion di fumo (7) Esposizion = 15s EN (5) Fs 150 mm ntro 20 scondi Flusso critico (6) 3,0 kw.m -2 D FL EN ISO (8) : Produzion di fumo (7) ; Esposizion = 15s EN ISO (8) : E FL Esposizion = 15s Fs 150 mm ntro 20 scondi Fs 150 mm ntro 20s F FL Razioni non dtrminat

9 (*) (1) (2) (3) (4) (5) (6) (7) (8) L classi di cui alla prsnt tablla sono attribuit in conformità a quanto spcificato nlla norma EN Pr i prodotti omogni componnti sostanziali di prodotti non omogni. Pr qualsiasi componnt strno non sostanzial di prodotti non omogni. Pr qualsiasi componnt intrno non sostanzial di prodotti non omogni. Pr il prodotto nl suo insim. Durata dlla prova = 30 minuti. Pr flusso critico si intnd il flusso radiant ch dtrmina lo spgnimnto dlla fiamma o il flusso radiant dopo una prova di 30 minuti, a sconda di qual sia il minor (cioè il flusso corrispondnt alla maggior ampizza di propagazion dl fuoco). s1 = Fumo 750 %.min; s2 = non s1. Quando l fiamm invstono la suprfici, s adguato all condizioni finali di applicazion dl prodotto, la part latral (di un oggtto). TABELLA 3 CLASSI DI REAZIONE AL FUOCO PER I PRODOTTI DI FORMA LINEARE DESTINATI ALL ISOLAMENTO TERMICO (*) CLASSE METODO(I) DI PROVA CRITERI DI CLASSIFICAZIONE CLASSIFICAZIONE AGGIUNTIVA T 30 C; A1 L EN ISO 1182 (1) ; m 50 % t f = 0 (cioè incndio non prsistnt) _ PCS 2,0 MJ.kg -1 (1) ; EN ISO 1716 PCS 2,0 MJ.kg -1 (2) ; _ PCS 1,4 MJ.m -2 (3) ; -1 (4) PCS 2,0 MJ.kg EN ISO 1182 (1) ; T 50 C; A2 L o m 50 %; _ t f 20s EN ISO 1716; PCS 3,0 MJ.kg -1 (1) ; PCS 4,0 MJ.m -2 (2) ; _ PCS 4,0 MJ.m -2 (3) ; -1 (4) PCS 3,0 MJ.kg EN (SBI) FIGRA 270 W.s -1 ; LFS margin dl campion; Produzion di fumo (5) ; THR 600s 7,5 MJ Gocc/particll ardnti (6) EN (SBI); FIGRA 270 W.s -1 ; B L EN ISO (8) : LFS margin dl campion; THR 600s 7,5 MJ Fs 150 mm ntro 60s Produzion di fumo (5) ; Gocc/particll ardnti (6) Esposizion = 30s

10 C L D L EN (SBI); EN ISO (8) : Esposizion = 30s EN (SBI); EN ISO (8) : Esposizion = 30s FIGRA 460 W.s -1 ; LFS margin dl campion; THR 600s 15 MJ Fs 150 mm ntro 60s FIGRA 2100 W.s -1 THR 600s 100 MJ Fs 150 mm ntro 60s Produzion di fumo (5) ; Gocc/particll ardnti (6) Produzion di fumo (5) ; Gocc/particll ardnti (6) EN ISO (8) : E L Esposizion = 15s Fs 150 mm ntro 20s Gocc/particll ardnti (7) F L Razion non dtrminata (*) (1) (2) (3) (4) (5) (6) (7) (8) Allo stato attual non è ancora disponibil la rvision dlla norma EN ch prvd l modalità di attribuzion dlla class di razion al fuoco pr tali prodotti Pr prodotti omogni componnti ssnziali di prodotti non omogni. Pr qualsiasi componnt strna non sostanzial di prodotti non omogni. Pr qualsiasi componnt intrna non sostanzial di prodotti non omogni. Pr il prodotto nl suo insim. s1 = SMOGRA 105m 2.s -2 TSP 600S 250m 2 ; s2 = SMOGRA 580m 2.s -2 TSP 600S 1600m 2 ; s3 = non s1 o s2. d0 = assnza di gocc/particll ardnti in UNI EN (SBI) ntro 600s; d1 = assnza di gocc/particll ardnti di durata suprior a 10s in UNI EN (SBI) ntro 600s; d2 = non d0 o d1; la combustion dlla carta in UNI EN ISO dà luogo a una classificazion in d2. Supramnto dlla prova = assnza di combustion dlla carta (non classificato). Mancato supramnto dlla prova = combustion dlla carta (classificato in d2). Quando l fiamm invstono la suprfici, s adguato all condizioni finali di applicazion dl prodotto, la part latral (di un oggtto).

11 TABELLA 4 CLASSI DI REAZIONE AL FUOCO DEI CAVI ELETTRICI Class Mtodo/i di prova Critri di classificazion Classificazion aggiuntiva A ca EN ISO 1716 PCS 2,0 MJ/kg ( 1 ) B1 ca FIPEC 20 Scn 2 ( 5 ) FS 1,75 m THR 1 200s 10 MJ Picco HRR 20 kw FIGRA 120 Ws 1 Produzion di fumo ( 2 ) ( 6 ) gocc/ particll ardnti ( 3 ) acidità ( 4 ) ( 8 ) EN H 425 mm B2 ca FIPEC 20 Scn 1 ( 5 ) FS 1,5 m THR 1 200s 15 MJ Picco HRR 30 kw FIGRA 150 Ws 1 Produzion di fumo ( 2 ) ( 7 ) gocc/ particll ardnti ( 3 ) acidità ( 4 ) ( 8 ) EN H 425 mm C ca FIPEC 20 Scn 1 ( 5 ) FS 2,0 m THR 1 200s 30 MJ Picco HRR 60 kw FIGRA 300 Ws 1 Produzion di fumo ( 2 ) ( 7 ) gocc/ particll ardnti ( 3 ) acidità ( 4 ) ( 8 ) EN H 425 mm D ca FIPEC 20 Scn 1 ( 5 ) THR 1 200s 70 MJ Picco HRR 400 kw FIGRA Ws 1 Produzion di fumo ( 2 ) ( 7 ) gocc/ particll ardnti ( 3 ) acidità ( 4 ) ( 8 ) EN H 425 mm E ca EN H 425 mm F ca Razion non dtrminata ( 1 ) Pr il prodotto nl suo insim, trann l parti mtallich, pr ogni componnt strno (ad smpio guaina) dl prodotto. ( 2 ) s1 = TSP m 2 picco SPR 0,25 m 2 /s s1a = s1 trasmittanza in conformità di EN % s1b = s1 trasmittanza in conformità di EN % < 80 % s2 = TSP m 2 picco SPR 1,5 m 2 /s s3 = non s1 o s2 ( 3 ) Pr gli scnari FIPEC : d0 = assnza di gocc/particll ardnti ntro s; d1 = assnza di gocc/particll ardnti prsistnti oltr i 10 s ntro s; d2 = non d0 o d1. ( 4 ) EN : a1 = conduttività < 2,5 μs/mm ph > 4,3; a2 = conduttività < 10 μs/mm ph > 4,3; a3 = non a1 o a2. Nssuna dichiarazion = rsistnza non dtrminata. ( 5 ) Flusso d aria in ntrata nlla camra rgolato a ± 800 l/min. FIPEC 20 scnario 1 = pren con montaggio fissaggio com indicato oltr. FIPEC 20 scnario 2 = pren con montaggio fissaggio com indicato oltr. ( 6 ) La class di fumo dichiarata pr la class di cavi B1 ca dv drivar dal tst FIPEC 20 scnario 2. ( 7 ) La class di fumo dichiarata pr l classi di cavi B2 ca, C ca, D ca dv drivar dal tst FIPEC 20 scnario 1. ( 8 ) Misurazion dll carattristich di pricolosità di gas ch si sprigionano durant un incndio, i quali compromttono la capacità dll prson ad ssi spost di agir prontamnt pr mttrsi in salvo, non dscrizion dlla tossicità di tali gas.

12 CONDIZIONI DI MONTAGGIO E FISSAGGIO E DEFINIZIONI DEI PARAMETRI DELLE PROVE PER I CAVI ELETTRICI (DI CUI ALLA NOTA 5 DELLA TABELLA 4) 1. Condizioni di montaggio fissaggio 1.1. Montaggio dl campion di prova gnral pr l classi B1 ca, B2 ca, C ca D ca Si montano cavi di lunghzza pari a 3,5 m, nlla part antrior di una scala standard (EN ), in modo ch la loro part infrior sia 20 cm al di sotto dl bordo infrior dl bruciator. I cavi dvono risultar al cntro dlla scala (nl snso dlla larghzza). Ogni cavo o fascio di cavi da tstar è attaccato sparatamnt a ciascun piolo dlla scala con un filo mtallico (d acciaio o di ram). Pr i cavi lttrici di diamtro pari o infrior a 50 mm convin utilizzar un filo di diamtro da 0,5 a 1 mm, mntr pr qulli di diamtro suprior a 50 mm il diamtro dl filo misurrà da 1 a 1,5 mm. Quando si montano i provini, il primo provino si colloca circa al cntro dlla scala, aggiungndo qulli succssivi da un lato dall altro, in modo ch l intra sri di provini occupi all incirca il cntro dlla scala. La distanza tra i cavi il loro confzionamnto in fasci sono illustrati oltr. Ogni 25 cm nl snso dll altzza si traccia una lina orizzontal pr misurar la propagazion dlla fiamma in funzion dl tmpo. La prima lina (ovvro la lina zro) sarà alla stssa altzza dl bruciator. I cavi sono montati com mostrato di sguito, a sconda dlla classificazion richista C l a s s i B 2 c a, C c a D c a La tcnica di montaggio dipnd dal diamtro dl cavo lttrico, com indicato nlla tablla 4.1. Tablla 4.1. MONTAGGIO IN FUNZIONE DEL DIAMETRO DEL CAVO Diamtro dl cavo Suprior o pari a 20 mm Tra 5 20 mm Fino a 5 mm Distanza di 20 mm tra un cavo l altro Montaggio Distanza tra un cavo l altro pari al diamtro di un cavo I cavi sono raggruppati in fasci di 10 mm di diamtro. I fasci non sono intrcciati. La distanza tra un fascio l altro è di 10 mm I valori limit sono dtrminati arrotondando il diamtro al millimtro più vicino, cctto pr i cavi di diamtro infrior ai 5 mm, pr i quali non si procd a tal arrotondamnto. L formul sgunti sono utilizzat pr dtrminar il numro di pzzi di cavo pr ogni prova Pr cavi di diamtro suprior o pari a 20 mm Il numro di cavi (N) si ricava da: N = d c int( )... quazion in cui: d c è il diamtro dl cavo (in mm arrotondato al millimtro più vicino) funzion int = la part intra dl risultato (ovvro il valor arrotondato pr diftto).

13 Pr cavi di diamtro comprso tra 5 20 mm Il numro di cavi (N) si ricava da: N = int( d 2d c c)... quazion 2 in cui: d c è il diamtro dl cavo (in mm arrotondato) funzion int = la part intra dl risultato (ovvro il valor arrotondato pr diftto) Pr cavi o fili di diamtro infrior o pari a 5 mm Il numro di fasci di cavi di 10 mm di diamtro (N bu ) è ricavato da: N bu = int( ) = quazion 3 20 Occorr prtanto montar 15 fasci a 10 mm di distanza l uno dall altro. Il numro di cavi in ogni fascio (n) è: n = int( 100.)... quazion 4 c2 d c in cui: d c è il diamtro dl cavo (in mm non arrotondato). Il numro di pzzi di cavo o di filo (CL) pr fili o cavi di diamtro infrior a 5 mm sarà quindi: CL = n quazion Lunghzza total dl cavo pr prova La lunghzza total L (sprssa in m) pr prova è: L = n 15 3,5 pr d c 5 mm o L = N 3,5 pr d c > 5 mm... quazion C l a s s B 1 c a Nlla part postrior dlla passrlla portacavi è fissata una placca incombustibil di silicato di calcio, di 870 ± 50 kg/m 3 di dnsità 11 ± 2 mm di spssor. Tal placca può ssr montata in du parti. Pr tutti gli altri asptti, il montaggio di cavi è idntico a qullo dll classi B2 ca, C ca D ca.

14 2. Dfinizioni di paramtri dll prov Tablla 4.2. DEFINIZIONI DEI PARAMETRI DELLE PROVE FIPEC20 SCENARI 1 E 2 Tutti i paramtri calcolati sono valutati pr 20 minuti a partir dall inizio dlla prova (accnsion dl bruciator) Paramtro Spigazion Inizio dlla prova Fin dlla prova HRR sm30, kw SPR sm60, m 2 /s Picco HRR, kw Picco SPR, m 2 /s THR 1 200, MJ TSP 1 200, m 2 FIGRA, W/s SMOGRA, cm 2 /s 2 PCS FS H FIPEC Accnsion dl bruciator 20 minuti dopo l accnsion dl bruciator (fin dl priodo di calcolo di paramtri) Mdia scorrvol su 30 scondi dl tasso di rilascio di calor Mdia scorrvol su 60 scondi dl tasso di produzion di fumo Valor massimo di HRR sm30 tra l inizio la fin dlla prova, snza contar il contributo dlla font di accnsion Valor massimo di SPR sm60 tra l inizio la fin dlla prova Rilascio di calor total (HRR sm30 ) dall inizio alla fin dlla prova, snza contar il contributo dlla font di accnsion Produzion di fumo total (HRR sm60 ) dall inizio alla fin dlla prova Indic FIGRA (FIr Growth RAt tasso d incrmnto dll incndio) dfinito com il valor massimo dl quozint tra HRR sm30, snza il contributo dlla font di accnsion, il tmpo. Valori limit: HRR sm30 = 3 kw THR = 0,4 MJ Indic SMOGRA (SMOk Growth RAt tasso d incrmnto dl fumo) dfinito com il valor massimo dl quozint tra SPR sm60 il tmpo, moltiplicato pr Valori limit: SPR sm60 0,1 m 2 /s TSP = 6 m 2 Potr calorifico suprior Propagazion dlla fiamma (zona dannggiata in lunghzza) Propagazion dlla fiamma Fir Prformanc of Elctric Cabls (razion all azion dll incndio di cavi lttrici)»

15 ALLEGATO 2 ELENCO DEI MATERIALI DA CONSIDERARE COME APPARTENENTI ALLE CLASSI A1 E A1FL DI REAZIONE AL FUOCO DI CUI ALLA DECISIONE 2000/147/CE SENZA DOVER ESSERE SOTTOPOSTI A PROVE Nota gnral Pr ssr considrati dll classi A1 A1FL snza ssr sottoposti a prov, i prodotti dvono ssr composti solo di uno o più di sgunti matriali. I prodotti composti mdiant incollatura di uno o più di sgunti matriali saranno considrati dll classi A1 A1FL snza ssr sottoposti a prov a condizion ch la colla non supri lo 0,1% dl pso o dl volum (in bas a qullo ch produc l fftto più rstrittivo). I pannlli (assmblaggio di matriali isolanti, pr smpio) ch comportano uno o più strati organici i prodotti ch contngono matriali organici ripartiti in manira non omogna (ad cczion dlla colla) sono sclusi dall lnco. Anch i prodotti costituiti da uno di matriali sgunti ricoprto da uno strato non organico (prodotto mtallico rivstito, ad smpio) dvono ssr considrati com appartnnti all classi A1 A1FL snza ssr sottoposti a prov. Nssuno di matriali ch figurano nlla tablla può contnr più dll 1% in pso o volum (in bas a qullo ch produc l fftto più rstrittivo) di matrial organico ripartito in manira omogna. Argilla spansa Prlit spansa Vrmiculit spansa Lana di roccia Vtro multicllular Calcstruzzo Matrial Calcstruzzo in granuli (granulati minrali lggri a bassa dnsità, ad cczion dll isolamnto trmico intgral) Elmnti in cmnto cllular trattati in autoclav Fibrocmnto Cmnto Calc Loppa di altoforno/cnri volanti Matrial Ossrvazioni Includ il calcstruzzo pronto pr l uso i prodotti prfabbricati in cmnto armato o in calcstruzzo comprsso Può contnr aggiunt additivi (com l cnri volanti), pigmnti altri matriali. Comprnd lmnti prfabbricati Elmnti costituiti di lganti idraulici, com il cmnto /o la calc mscolati a matriali fini (matriali silici, cnri volanti, loppa di altoforno) matriali cllulari. Comprnd lmnti prfabbricati Ossrvazioni Aggrgato minral Frro, acciaio acciaio inossidabil Non in form finmnt sminuzzat Ram lgh di ram Non in form finmnt sminuzzat Zinco lgh di zinco Non in form finmnt sminuzzat Alluminio lgh di alluminio Non in form finmnt sminuzzat Piombo Non in form finmnt sminuzzat Gsso malt a bas di gsso Può comprndr additivi (ritardanti, matriali di rimpimnto, fibr, pigmnti, calc idratata, agnti di ritnuta dll aria dll acqua, plastificanti), aggrgati compatti (pr smpio sabbia natural o fin) o aggrgati lggri (prlit o vrmiculit, pr smpio)

16 Malta con agnti lganti inorganici Elmnti in argilla Elmnti in silicato di calcio Prodotti in pitra natural in ardsia Elmnti in gsso Mosaico alla palladiana Vtro Vtrocramica Cramica Malt pr rinzaffo intonaco, malt pr masstti malt pr muratur contnnti uno o più agnti lganti inorganici, quali cmnto, calc, cmnto pr muratur gsso Elmnti in argilla o in altr matri argillos ch contngono o mno sabbia, combustibili o altri additivi. Comprnd mattoni, pavimnti in mattonll d lmnti in argilla rfrattaria (pr smpio rivstimnti intrni di camini) Elmnti fabbricati a partir da un miscuglio di calc di matriali naturalmnt silici (sabbia, ghiaia, rocc o miscuglio di qusti matriali). Possono includr pigmnti coloranti Elmnti in ardsia o in pitr naturali lavorat o non (rocc magmatich, sdimntari o mtamorfich) Comprnd blocchi altri lmnti a bas di solfato di calcio di acqua contnnti vntualmnt fibr, matriali di rimpimnto, aggrgati altri additivi, può ssr colorato con pigmnti Includ mattonll prfabbricat pavimntazion in sito Vtro tmprato, vtro tmprato chimicamnt, vtro stratificato vtro armato Vtrocramica ch comprnd una fas cristallina una rsidua Comprnd i prodotti in polvr di argilla prssata, i prodotti strusi, vtrificati o mno

17 Sono di sguito riportati gli lnchi di prodotti /o matriali da costruzion ai quali è attribuita snza dovr ssr sottoposti a prov la class di razion al fuoco in rlazion all carattristich tcnich spcificat. PANNELLI A BASE DI LEGNO - CLASSI DI REAZIONE AL FUOCO Prodotto Norma EN dl prodotto Condizion di utilizzo final ( 6 ) Dnsità minima (kg/m 3 ) Spssor minimo (mm) Class ( 7 ) (scluso pavimnti) Class ( 8 ) (pavimnti Pannllo di particll con lgant a bas di cmnto ( 1 ) EN Snza intrcapdin d aria ditro il pannllo B-s1, d0 B fl -s1 Pannllo di fibr, dur ( 1 ) EN Snza intrcapdin d aria ditro il pannllo a bas di lgno D-s2, d0 D fl -s1 Pannllo di fibr, dur ( 3 ) EN Con intrcapdin d aria chiusa non suprior a 22 mm ditro il pannllo a bas di lgno D-s2, d2 Pannllo trucio- lar ( 1 ), ( 2 ), ( 5 ) Pannllo di fibr, dur smidur ( 1 ), ( 2 ), ( 5 ) EN 312 EN EN Snza intrcapdin d aria ditro il pannllo a bas di lgno D-s2, d0 D fl -s1 MDF ( 1 ), ( 2 ), ( 5 ) EN OSB ( 1 ), ( 2 ), ( 5 ) EN 300 Lgno compn- sato ( 1 ), ( 2 ), ( 5 ) Pannllo di lgno massic- cio ( 1 ), ( 2 ), ( 5 ) EN EN D-s2, d0 D fl -s1 Pannllo di particll di lino ( 1 ), ( 2 ), ( 5 ) EN D-s2, d0 D fl -s1 Pannllo truciolar ( 3 ), ( 5 ) EN 312 Pannllo di fibr, dur smidur ( 3 ), ( 5 ) EN EN MDF ( 3 ), ( 5 ) EN OSB ( 3 ), ( 5 ) EN 300 Con intrcapdin d aria chiusa o aprta non suprior a 22 mm ditro il pannllo a bas di lgno D-s2, d2 Lgno compnsato ( 3 ), ( 5 ) EN Pannllo di lgno massic- cio ( 3 ), ( 5 ) EN D-s2, d2 Pannllo truciolar ( 4 ), ( 5 ) EN 312 Pannllo di fibr, smi- dur ( 4 ), ( 5 ) EN MDF ( 4 ), ( 5 ) EN OSB ( 4 ), ( 5 ) EN 300 Con intrcapdin d aria chiusa ditro il pannllo a bas di lgno D-s2, d0 D fl -s1 Lgno compnsato ( 4 ), ( 5 ) EN 636 D-s2, d1 Pannllo di lgno massic- cio ( 4 ), ( 5 ) EN D-s2, d0 D fl -s1 Pannllo di particll di lino ( 4 ), ( 5 ) EN D-s2, d0 D fl -s1

18 Prodotto Norma EN dl prodotto Condizion di utilizzo final ( 6 ) Dnsità minima (kg/m 3 ) Spssor minimo (mm) Class ( 7 ) (scluso pavimnti) Class ( 8 ) (pavimnti Pannllo truciolar ( 4 ), ( 5 ) EN 312 Pannllo di fibr, smi- dur ( 4 ), ( 5 ) EN MDF ( 4 ), ( 5 ) EN OSB ( 4 ), ( 5 ) EN 300 Lgno compnsato ( 4 ), ( 5 ) EN 636 Pannllo di lgno massic- cio ( 4 ), ( 5 ) EN Con intrcapdin d aria chiusa ditro il pannllo a bas di lgno D-s2, d0 D fl -s D-s2, d0 D fl -s1 Pannllo di particll di lino ( 4 ), ( 5 ) EN D-s2, d0 D fl -s1 Pannllo truciolar ( 5 ) EN 312 OSB ( 5 ) EN 300 Tutt l condizioni E E fl MDF ( 5 ) EN E E fl E E fl Lgno compnsato ( 5 ) EN E E fl Pannllo di fibr, dur ( 5 ) EN E E fl Pannllo di fibr, smi- dur ( 5 ) EN E E fl Pannllo di fibr, soffici EN E E fl ( 1 ) Montato con un intrcapdin d aria dirttamnt contro la class A1 o A2-s1, prodotti d0 avnti una dnsità minima di 10 kg/m 3 o almno di class D-s2, prodotti d2 avnti una dnsità minima di 400 kg/m 3. ( 2 ) Un substrato di matrial di isolamnto in cllulosa appartnnt almno alla class E può ssr incluso qualora sia montato dirttamnt contro il pannllo a bas di lgno, ma non nl caso di pavimnti. ( 3 ) Montato con un intrcapdin d aria aprta ditro. Il lato postrior dlla cavità dv ssr almno di class A2-s1, prodotti d0 avnti una dnsità minima di 10 kg/m 3. ( 4 ) Montato con un intrcapdin d aria aprta ditro. Il lato postrior dlla cavità dv ssr almno dlla class D-s2, prodotti d2 avnti una dnsità minima di 400 kg/m 3. ( 5 ) I pannlli impiallacciati o rivstiti di fnolo di mlammina sono inclusi pr la class ch sclud i pavimnti. ( 6 ) Uno schrmo anti-vapor con uno spssor ch raggiung 0,4 mm una massa ch raggiung fino ai 200 g/m 2 può ssr montato tra il pannllo a bas di lgno un substrato qualora non sistano intrcapdini d aria tra i du. ( 7 ) Classi di cui alla tablla 1 dll allgato dlla dcision 2000/147/CE. ( 8 ) Classi di cui alla tablla 2 dll allgato dlla dcision 2000/147/CE.»

19 PANNELLI DI CARTONGESSO - CLASSI DI REAZIONE AL FUOCO Pannllo di cartongsso Spssor nomi- nal dl pannllo (mm) Nuclo in gsso Dnsità (kg/m 3 Class di ) razion al fuoco Grammatura dlla carta ( 1 ) (g/m 2 ) Substrato Class ( 2 ) (sclusi pavimnti) Conform alla norma EN 520 (sclusi pannlli prforati) 6,5 < 9, > Qualsiasi prodotto a bas di lgno con dnsità 400 kg/m 3 o qualsiasi prodotto almno di class A2-s1, d0 A2-s1, d0 B-s1, d0 9,5 600 A1 220 > Qualsiasi prodotto a bas di lgno con dnsità 400 kg/m 3 o qualsiasi prodotto almno di class A2-s1, d0 o qualsiasi prodotto isolant almno di class E-D2 montato scondo il mtodo 1 A2-s1, d0 B-s1, d0 ( 1 ) Stabilito in bas alla norma EN ISO 536 con un contnuto in additivo organico non suprior al 5 %. ( 2 ) Classi di cui alla tablla 1 dll allgato dlla dcision 2000/147/CE. Nota: Montaggio fissaggio I pannlli di cartongsso (di sguito lastr di gsso ) vanno montati fissati con uno di tr sgunti mtodi. Mtodo 1 Fissaggio mccanico a una sottostruttura di sostgno La lastra di gsso, o (in caso di sistmi con più lastr) almno la lastra più strna, va fissata mccanicamnt a una sottostruttura di mtallo (costituita dai componnti di cui alla norma EN 14195) o a una sottostruttura di lgno (conform a EN 336 a EN ). S gli lmnti portanti dlla sottostruttura hanno una sola dirzion, la distanza massima tra ssi non sarà suprior a 50 volt lo spssor dll lastr di gsso. S gli lmnti portanti dlla sottostruttura hanno du dirzioni, la distanza massima tra ssi non sarà suprior a 100 volt lo spssor dll lastr di gsso. Il fissaggio mccanico avvrrà mdiant viti, graff o chiodi, pntranti pr tutto lo spssor dll lastr di gsso fino alla sottostruttura in punti distanti non più di 300 mm misurati sulla lunghzza di ogni lmnto portant. Ditro la lastra di gsso può ssr lasciato uno spazio vuoto o ssr applicato un prodotto isolant. Il substrato può ssr: a) qualsiasi prodotto a bas di lgno di dnsità 400 kg/m 3 o qualsiasi prodotto almno dlla class A2-s1, d0, in caso di lastr di gsso di 6,5 mm < 9,5 mm di spssor nominal 800 kg/m 3 di dnsità cntral; o b) qualsiasi prodotto a bas di lgno di dnsità 400 kg/m 3 o qualsiasi prodotto almno dlla class A2-s1, d0, in caso di lastr gsso di 9,5 mm di spssor nominal 600 kg/m 3 di dnsità cntral; o

20 c) qualsiasi matrial isolant almno dlla class E-d2, in caso di lastr di gsso di 9,5 mm di spssor nominal 600 kg/m 3 di dnsità cntral. L giuntur tra lastr di gsso adiacnti avranno una larghzza di 4 mm. Ciò val pr qualsiasi giuntura indipndntmnt dal fatto ch sia sostnuta dirttamnt da un lmnto portant dlla sottostruttura indipndntmnt dal fatto ch sia o no rimpita di matrial pr giuntur. Ni casi a) b) ogni giuntura tra lastr di gsso adiacnti, non sostnuta dirttamnt da un lmnto portant dlla sottostruttura di larghzza > 1 mm, va intramnt rimpita di matrial pr giuntur, com spcificato dalla norma EN (l altr giuntur possono non ssr rimpit). Nl caso c) tutt l giuntur tra lastr di gsso adiacnti vanno intramnt rimpit di matrial pr giuntur com spcificato dalla norma EN Mtodo 2 Fissaggio mccanico a un substrato solido a bas di lgno L lastr di gsso vanno mccanicamnt fissat a un substrato solido a bas di lgno di dnsità 400 kg/m 3. Non va lasciata alcuna cavità tra i pannlli di gsso il substrato. Il fissaggio mccanico avvrrà mdiant viti, graff o chiodi. La distanza tra i punti di fissaggio mccanici va fissata scondo l rgol valid pr il mtodo 1. L giuntur tra l lastr di gsso adiacnti saranno di larghzza 4 mm possono non ssr rimpit. Mtodo 3 Fissaggio o adsion mccanica a un substrato solido (sistma di rivstimnto a scco) L lastr di gsso vrranno fissat dirttamnt a un substrato solido la cui class di razion al fuoco sia almno A2-s1, d0. L lastr di gsso possono ssr fissat con viti o chiodi ch, attravrsato lo spssor dlla lastra, si fissino o adriscano al substrato solido mdiant un collant adsivo a bas di gsso com spcificato dalla norma EN I punti di applicazion di viti, chiodi adsivo vanno comunqu posti lungo assi vrticali orizzontali a una distanza non suprior a 600 mm. L giuntur tra lastr di gsso adiacnti possono non ssr rimpit.»

Decreta: ------------------------

Decreta: ------------------------ D.M. 10 marzo 2005 (1). Classi di razion al fuoco pr i prodotti da costruzion da impigarsi nll opr pr l quali è prscritto il rquisito dlla sicurzza in caso d'incndio. (1) Pubblicato nlla Gazz. Uff. 30

Dettagli

Classificazione di reazione al fuoco

Classificazione di reazione al fuoco Classificazion di razion al fuoco Ed. 1 Rv. 3 (april 2012) Classificazion di razion al fuoco Classificazion italiana Impigo: tndaggi (caso di tssuti di film vinilici con installazion sospsa suscttibil

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI PRODOTTI DA COSTRUZIONE

CLASSIFICAZIONE DEI PRODOTTI DA COSTRUZIONE ALLEGATO A CLASSIFICAZIONE DEI PRODOTTI DA COSTRUZIONE Quando la condizion di uso final di un prodotto da costruzion è tal da contribuir alla gnrazion alla propagazion dl fuoco dl fumo all intrno dl local

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea

Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 68/4 Gazztta ufficial dll'union uropa 15.3.2016 REGOLAMENTO DELEGATO (UE) 2016/364 DELLA COMMISSIONE dal 1 o luglio 2015 rlativo alla classificazion dlla prstazion di prodotti da costruzion in rlazion

Dettagli

MINISTERO DELL'INTERNO

MINISTERO DELL'INTERNO (Pubblicato sulla GUSG n. 257 dl 5 novmbr 2007) MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 25 Ottobr 2007 Modifich al dcrto 10 marzo 2005, concrnnt "Classi di razion al fuoco pr i prodotti da costruzion da impigarsi

Dettagli

Modifiche al D.M. 10 marzo 2005, concernente «Classi di reazione al fuoco per i prodotti da IL MINISTRO DELL INTERNO

Modifiche al D.M. 10 marzo 2005, concernente «Classi di reazione al fuoco per i prodotti da IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 25-10-2007 Modifich al D.M. 10 marzo 2005, concrnnt «Classi di razion al fuoco pr i prodotti da costruzion da impigarsi nll opr pr l quali è prscritto il rquisito dlla sicurzza in caso d'incndio».

Dettagli

(GU n. 73 del ) IL MINISTRO DELL'INTERNO

(GU n. 73 del ) IL MINISTRO DELL'INTERNO Dcrto 10 marzo 2005 Ministro dll'intrno. Classi di razion al fuoco pr i prodotti da costruzion da impigarsi nll opr pr l quali ' prscritto il rquisito dlla sicurzza in caso d'incndio. (GU n. 73 dl 3032005)

Dettagli

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Centro Regionale di Programmazione

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Centro Regionale di Programmazione ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Cntro Rgional di Programmazion I n t r POR Sardgna FESR 2007/2013 - ASSE VI COMPETITIVITÀ Lina di attività 6.1.1.A Promozion

Dettagli

CAT CASSONETTO 4-06-2008 10:26 Pagina 1 CATALOGO CASSONETTO A SCOMPARSA PER AVVOLGIBILI

CAT CASSONETTO 4-06-2008 10:26 Pagina 1 CATALOGO CASSONETTO A SCOMPARSA PER AVVOLGIBILI CAT CASSONETTO 4-06-2008 10:26 Pagina 1 CATALOGO CASSONETTO A SCOMPARSA PER AVVOLGIBILI CAT CASSONETTO 4-06-2008 10:26 Pagina 2 VANTAGGI DEL CASSONETTO PERCHÈ PREFERIRE IL CTS Facilità di impigo rapidità

Dettagli

EUCENTRE. European Centre for Training and Research in Earthquake Engineering

EUCENTRE. European Centre for Training and Research in Earthquake Engineering Europan Cntr for Rsarch in Earthquak Enginring Parr sulla vntual obbligatorità di un intrvnto di adguamnto sismico nll ambito dll intrvnto di ristrutturazion, adguamnto ampliamnto dlla Casa Albrgo pr Anziani

Dettagli

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base La Formazion in Bilancio dll Unità Prvisionali di Bas Con la Lgg 3 april 1997, n. 94 sono stat introdott l Unità Prvisionali di Bas (di sguito anch solo UPB), ch rapprsntano un di aggrgazion di capitoli

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA Informazioni rlativ ai piani di stock option di ITALMOBILIARE S.p.A. ITALCEMENTI S.p.A. già sottoposti alla dcision di rispttivi organi comptnti antcdntmnt

Dettagli

UNI EN 1555 - PE 80 Ø75x6,8 S5 SDR 11 - M.O.P. 5 bar - POLIETILENE 100% VERGINE

UNI EN 1555 - PE 80 Ø75x6,8 S5 SDR 11 - M.O.P. 5 bar - POLIETILENE 100% VERGINE rsin 103 UNI EN 1555 - PE 80 Ø75x6,8 S5 SDR 11 - M.O.P. 5 bar - POLIETILENE % VERGINE Dalmin rsin UNI EN 12666 U Ø2 S16 PE SN 2 Dalminrs PEbd DN 40 PN 6 PER ACQUA POTABILE - POLIETILENE % VERGINE 103 UNI

Dettagli

ma è doveroso sottolineare ciò che viene fatto per facilitare l applicazione sta avendo nel mercato. In particolare,

ma è doveroso sottolineare ciò che viene fatto per facilitare l applicazione sta avendo nel mercato. In particolare, L IMPATTO DELLA NORMATIVA EUROPEA SULLA PROTEZIONE PASSIVA Com incid la dirttiva prodotti da costruzion 89/106 C sull attività di prvnzion incndi in trmini di razion rsistnza al fuoco Dott. Giancarlo Borsini

Dettagli

Classe di abilitazione (o classe di concorso) Reclutamento docenti e Graduatorie http://www.istruzione.it/urp/reclutamento.shtml

Classe di abilitazione (o classe di concorso) Reclutamento docenti e Graduatorie http://www.istruzione.it/urp/reclutamento.shtml Class di abilitazion (o class di concorso) La class di concorso è una sigla alfa numrica con la qual si indica l insim di matri ch possono ssr insgnat da un docnt. Indica una particolar cattdra di insgnamnto,

Dettagli

Procedura Operativa Standard. Internal Dealing. Rev. 0 In vigore dal 28 marzo 2012 COMITATO DI CONTROLLO INTERNO. Luogo Data Per ricevuta

Procedura Operativa Standard. Internal Dealing. Rev. 0 In vigore dal 28 marzo 2012 COMITATO DI CONTROLLO INTERNO. Luogo Data Per ricevuta REDATTO: APPROVATO: APPROVATO: INTERNAL AUDITOR COMITATO DI CONTROLLO INTERNO C.D.A. Luogo Data Pr ricvuta INDICE 1.0 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE 2.0 RIFERIMENTI NORMATIVI 3.0 DEFINIZIONI 4.0 RUOLI

Dettagli

Circolare n. 1 Prot. n. 758 Roma 29/01/2015

Circolare n. 1 Prot. n. 758 Roma 29/01/2015 Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Dipartimnto pr il sistma ducativo di istruzion formazion Dirzion Gnral pr gli ordinamnti scolastici la valutazion dl sistma nazional di istruzion Circolar

Dettagli

RI d N O R M AT I V E. D i rettiva Prodotti da Costruzione 89/106 CEE. p marcatura 25-02-2009 14:31 Pagina 2

RI d N O R M AT I V E. D i rettiva Prodotti da Costruzione 89/106 CEE. p marcatura 25-02-2009 14:31 Pagina 2 p marcatura 25-02-2009 14:31 Pagina 2 RI d N O R M AT I V E M a rc a t u r CE: Dirttiv MED CPD M A R C ATURE PER IL SETTORE NAVALE E COSTRUZIONI IN ACCORDO ALLE DIRETTIVE EUROPEE CPD 89/106 CEE E MED 96/98

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Progetto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del (...)

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Progetto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del (...) COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxlls, xxx COM (2001) yyy final Progtto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE dl (...) modificando la raccomandazion 96/280/CE rlativa alla dfinizion dll piccol mdi

Dettagli

SUPERFICIE CONVENZIONALE VENDIBILE

SUPERFICIE CONVENZIONALE VENDIBILE CATASTO (*) Utilizza suprfici catastal (si COMPRAVENDITA DI IMMOBILI RESIDENZIALI UNIFAMILIARI NORMA UNI 10750 (**) Utilizza suprfici convnzional vndibil (si MERCATO DI MODENA (***) (si R/2 A/7 Abitazioni

Dettagli

Deliberazione n. 246 del 10 aprile 2014

Deliberazione n. 246 del 10 aprile 2014 Dlibrazion n. 246 dl 10 april Dirttor Gnral Dr. Robrto Bollina Coadiuvato da: Giancarlo Bortolotti Dirttor Amministrativo Carlo Albrto Trsalvi Dirttor Sanitario Giuspp Giorgio Inì Dirttor Social Il prsnt

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA Dipartimento Economia e Promozione della Città

COMUNE DI BOLOGNA Dipartimento Economia e Promozione della Città COMUNE DI BOLOGNA Dipartimnto Economia Promozion dlla Città Allgato C all Avviso pubblico pr la prsntazion di progtti di sviluppo alla Agnda Digital di Bologna Modllo di dichiarazion sul posssso di rquisiti

Dettagli

Test di autovalutazione

Test di autovalutazione UNITÀ FUNZINI E LR RAPPRESENTAZINE Tst di autovalutazion 0 0 0 0 0 50 60 70 80 90 00 n Il mio puntggio, in cntsimi, è n Rispondi a ogni qusito sgnando una sola dll 5 altrnativ. n Confronta l tu rispost

Dettagli

Listino prezzi PE 10 Gennaio 2008. Dalmineres PEbd DN 40 PN 10 PER ACQUA POTABILE - POLIETILENE 100% VERGINE. Tubi di polietilene

Listino prezzi PE 10 Gennaio 2008. Dalmineres PEbd DN 40 PN 10 PER ACQUA POTABILE - POLIETILENE 100% VERGINE. Tubi di polietilene Listino przzi PE 10 Gnnaio 8 Dalmin rsin GAS 103 UNI ISO 4437 - modif. D.M. 11/99 PE 80 Ø75 S5 M.O.P. 5 bar - UNI EN 1555 - POLIETILENE 100% VERGINE Dalmin rsin 103 UNI EN 121 - Ø90x8,2 PN 12,5 SDR 11

Dettagli

SERVIZIO LUCE 3 - Criteri di sostenibilità

SERVIZIO LUCE 3 - Criteri di sostenibilità SERVIZIO LUCE 3 - Critri sostnibilità 1. Oggtto dll iniziativa La Convnzion ha com oggtto l attività acquisto dll nrgia lttrica, srcizio manutnzion dgli impianti illuminazion pubblica, nonché gli intrvnti

Dettagli

dossier a cura di Alessandro Massari

dossier a cura di Alessandro Massari I REFERENDUM REGIONALI ABROGATIVI, CONSULTIVI, PROPOSITIVI dossir a cura di Alssandro Massari PREMESSA... 2 1. RIMBORSI SPESE... 2 2. REFERENDUM PREVISTI NELLE DISPOSIZIONI STATUTARIE DELLE REGIONI A STATUTO

Dettagli

LA REAZIONE AL FUOCO DEI MATERIALI

LA REAZIONE AL FUOCO DEI MATERIALI LA REAZIONE AL FUOCO DEI MATERIALI ISP. F. GALLO RSPP DTL MANTOVA ARGOMENTI DEFINIZIONE - PREMESSA LA REAZIONE AL FUOCO È DEFINITA COME GRADO DI PARTECIPAZIONE DI UN MATERIALE COMBUSTIBILE AL FUOCO AL

Dettagli

le Segreterie degli Organi di Coordinamento delle rr.ss.aa. FABI DIRCREDITO SINFUB

le Segreterie degli Organi di Coordinamento delle rr.ss.aa. FABI DIRCREDITO SINFUB In rlazion a quanto prvisto dall art.2120 C.C., dall norm di lgg dagli accordi collttivi vignti, convngono ch, in aggiunta alla casistica sprssamnt prvista, il dipndnt possa chidr la anticipazion dl proprio

Dettagli

TEMPI SOGGETTI AZIONI Gennaio- Docenti dei due ordini di scuola e Pianificazione del progetto ponte per gli Anno

TEMPI SOGGETTI AZIONI Gennaio- Docenti dei due ordini di scuola e Pianificazione del progetto ponte per gli Anno PROGETTO PONTE TRA ORDINI DI SCUOLA Pr favorir la continuità ducativo didattica nl momnto dl passaggio da un ordin di scuola ad un altro, si labora un pont, sul modllo di qullo sottolncato. TEMPI SOGGETTI

Dettagli

L 309/56 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 19.11.2013

L 309/56 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 19.11.2013 L 309/56 Gazztta ufficial dll Union uropa 19.11.2013 Rttifica dl rgolamnto (UE) n. 10/2011 dlla Commission, dl 14 gnnaio 2011, riguardant i matriali gli oggtti di matria plastica dstinati a vnir a contatto

Dettagli

Il Rgistro E-PRTR (Europan Pollutant Rlas and Transfr Rgistr) Attuazion dl Rgolamnto (CE) n. 166/06 LA DICHIARAZIONE PRTR Dlgs 46/2014 (rcpimnto IED), con l art. 30 introduc pr la prima volta l sanzioni

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE EDILIZIA Procsso Costruzion di difici di opr di inggnria civil/industrial Squnza di procsso

Dettagli

Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale

Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Univrsità dgli Studi di Firnz Dipartimnto di Inggnria Civil d Ambintal TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI IN CONTO TERZI (Approvato dal Consiglio di Dipartimnto dl 24/01/2002) ATTIVITÀ E SERVIZI OFFERTI PROVE

Dettagli

Il DIPARTIMENTO DI ECONOMIA SCIENZE E DIRITTO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI EMANA

Il DIPARTIMENTO DI ECONOMIA SCIENZE E DIRITTO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI EMANA Il DIPARTIMENTO DI ECONOMIA SCIENZE E DIRITTO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI EMANA il sgunt bando pr la coprtura di insgnamnti dl Dipartimnto di ECONOMIA, SCIENZE E DIRITTO mdiant contratti di diritto privato

Dettagli

Il punto sulla liberalizzazione del mercato postale

Il punto sulla liberalizzazione del mercato postale Il punto sulla libralizzazion dl mrcato postal Andra Grillo Il punto di vista di Post Italian sul procsso di libralizzazion l implicazioni concorrnziali; l carattristich dl srvizio univrsal nll ambito

Dettagli

DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO

DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO Critri di sicurzza nlla zioni vtrari Safty critria for glazing tions ORGANO COMPETENTE Vtro CO-AUTORE SOMMARIO La norma si ai vtri pr dilizia d a qualsiasi altro

Dettagli

INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE. Estensore TENNENINI MASSIMO. Responsabile del procedimento TENNENINI MASSIMO

INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE. Estensore TENNENINI MASSIMO. Responsabile del procedimento TENNENINI MASSIMO REGIONE LAZIO Dirzion Rgional: Ara: SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE N. G09834 dl 08/07/2014 Proposta n. 11437 dl 01/07/2014 Oggtto: Attuazion

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE. Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida.

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE. Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. INTRODUZIONE Pr la prdisposizion dl piano, è ncssario far rifrimnto all Lin Guida. Lo schma proposto di sguito è stato sviluppato nll ambito dl progtto Miglioramnto dll prformanc dll istituzioni scolastich

Dettagli

SIMT-POS 042 GESTIONE INDICATORI E MIGLIORAMENTO CONTINUO SIMT

SIMT-POS 042 GESTIONE INDICATORI E MIGLIORAMENTO CONTINUO SIMT 1 Prima Stsura Data: 14-08-2014 Rdattori: Gasbarri, Rizzo SIMT-POS 042 GESTIONE INDICATORI E MIGLIORAMENTO CONTINUO SIMT Indic 1 SCOPO... 2 2 CAMPO D APPLICAZIONE... 2 3 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 4

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL Associazion Grn Building Council Italia Vrsion 2013.01.30 L informazioni riguardo all Associazion Grn Building Council Italia, nl sguito indicata anch com GBC-ITALIA, sono rpribili sul sito intrnt www.gbcitalia.org.

Dettagli

CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI FINALIZZATO ALL ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL INTERNO

CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI FINALIZZATO ALL ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL INTERNO PROGRAMMA CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI FINALIZZATO ALL ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL INTERNO (in bas al D.M. Agosto 011, art. succssiv modifich)

Dettagli

COMUNE DI MONTERIGGIONI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RICOGNITIVA DEI RISCHI INTERFERENTI STANDARD PARTE II SEZIONE IDENTIFICATIVA DEI RISCHI SPECIFICI DELL AMBIENTE E MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

Dettagli

SEMINARIO LA SICUREZZA ANTINCENDIO L EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NEL SETTORE DELLA REAZIONE AL FUOCO

SEMINARIO LA SICUREZZA ANTINCENDIO L EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NEL SETTORE DELLA REAZIONE AL FUOCO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA SEMINARIO LA SICUREZZA

Dettagli

e n. inquinante 2 Frantoio 20.000 3 10 0,70 F.T.

e n. inquinante 2 Frantoio 20.000 3 10 0,70 F.T. QUADRO RIASSUNTIVO DELLE EMISSIONI CONVOGLIATE IN ATMOSFERA (cfr. A.I.A. n. 367/2014) Ei Tipo di Concntrazion Portata Durata Emiss. Camino Provninza n. inquinant rif. Nm 3 /h h / g m 1 Trasporto carbon

Dettagli

AZIONI SISMICHE TRAMITE SPETTRO DI RISPOSTA- LA NUOVA NORMA 2007

AZIONI SISMICHE TRAMITE SPETTRO DI RISPOSTA- LA NUOVA NORMA 2007 ispns orso ostr Zon ismica 2 mod _Prof amillo Nuti_ AA 2006 2007 AZIONI IMIHE RAMIE PERO I RIPOA- LA NUOVA NORMA 2007 AZIONI IMIHE L azioni sismich di protto con l quali valutar il risptto di divrsi stati

Dettagli

Prot. n. AOODGEFID/7724 Roma, 12/05/2016. Al Dirigente Scolastico I.C. 1^ CASSINO VIA BELLINI, 1 03043 CASSINO FROSINONE LAZIO

Prot. n. AOODGEFID/7724 Roma, 12/05/2016. Al Dirigente Scolastico I.C. 1^ CASSINO VIA BELLINI, 1 03043 CASSINO FROSINONE LAZIO Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Dipartimnto pr la Programmazion la gstion dll risors uman, finanziari strumntali Dirzion Gnral pr intrvnti in matria di dilizia scolastica, pr la gstion

Dettagli

Tecniche per la ricerca delle primitive delle funzioni continue

Tecniche per la ricerca delle primitive delle funzioni continue Capitolo 4 Tcnich pr la ricrca dll primitiv dll funzioni continu Nl paragrafo.7 abbiamo dato la dfinizion di primitiva di una funzion f avnt pr dominio un intrvallo I; abbiamo visto ch s F 0 è una primitiva

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO Rprtorio n. 712/2014 Prot. n. 39292/X/4 dl 19.12.2014 Oggtto: dtrminazioni in ordin al subntro dll Univrsità di Brgamo, mdiant la cssion dl contratto disciplinata dal cod.civ. artt. 1406 sgg., ni contratti

Dettagli

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga Provvdimnto di Prdisposizion dl Programma Annual dll'srcizio finanziario 2014 Il Dsga Visto Il Rgolamnto crnnt l istruzioni gnrali sulla gstion amministrativotabil dll Istituzioni scolastich Dcrto 01 Fbbraio

Dettagli

Tariffe delle prestazioni sanitarie nelle diverse regioni italiane. Laura Filippucci

Tariffe delle prestazioni sanitarie nelle diverse regioni italiane. Laura Filippucci Consumatori in cifr Tariff dll prstazioni sanitari nll divrs rgioni italian Laura Filippucci La rcnt proposta dl Govrno di aggiornar il tariffario dll prstazioni sanitari di laboratorio ha sollvato un

Dettagli

Repubblica di Malta - Legge sull identità di genere Traduzione italiana di Roberto De Felice per ARTICOLO29

Repubblica di Malta - Legge sull identità di genere Traduzione italiana di Roberto De Felice per ARTICOLO29 - Rpubblica di Malta - Rpubblika ta' Malta - Rpublic of Malta - LEGGE pr il riconoscimnto la rgistrazion dl gnr di una prsona pr rgolar gli fftti di tal cambiamnto, nonché il riconoscimnto la tutla dll

Dettagli

isrrrutc COS/JPRENSÌVG DJ SCUOLA

isrrrutc COS/JPRENSÌVG DJ SCUOLA prot2581_14.pdf http://www.istruzion.it/allgatì/2014/prot2581 M1URAOODGOS prot. 2581 Roma, 09/04/2014 isrrrutc COS/JPRENSÌVG DJ SCUOLA MATERNA ELftfctfTArtE H MEDIA «WALETTO (CTl Ai Dirttori Gnrali dgli

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I M A C E R A T A. AREA PERSONALE Ufficio Personale tecnico amministrativo

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I M A C E R A T A. AREA PERSONALE Ufficio Personale tecnico amministrativo U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I M A C E R A T A AREA PERSONALE Ufficio Prsonal tcnico amministrativo Macrata, li 30.10.2008 Prot. N. 11694 IPP/29 d Ai Magnifici Rttori dll Univrsità Ai Dirttori

Dettagli

VILLEVENET E AS S O C IAZ IO NE

VILLEVENET E AS S O C IAZ IO NE MINISTERO DELL'ISTRUZIONE DELL'UN IVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Rgional Vill Vnt VILLEVENET E AS S O C IAZ IO NE PROTOCOLLO D'INTESA TRA l'ufficio Scolastico Rgional pr il Vnto l' A~sociazion pr l

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA, L UNIVERSITA DEGLI

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA, L UNIVERSITA DEGLI ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA, L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA, L UNIVERSITA IUAV DI VENEZIA, L UNIVERSITA CA FOSCARI E L AZIENDA REGIONALE PER

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE FINITURE DEGLI APPARTAMENTI SITI NELL EDIFICIO DI VIA RESNATI N. 4 IN MILANO.

DESCRIZIONE DELLE FINITURE DEGLI APPARTAMENTI SITI NELL EDIFICIO DI VIA RESNATI N. 4 IN MILANO. DESCRIZIONE DELLE FINITURE DEGLI APPARTAMENTI SITI NELL EDIFICIO DI VIA RESNATI N. 4 IN MILANO. STRUTTURA Fondazioni, muratur primtrali contro trra, scal, pilastri travi in cmnto armato; soltt dgli appartamnti

Dettagli

MODULO 01 TERMODINAMICA

MODULO 01 TERMODINAMICA Programmazion di Impianti Trmici Class V TS A.S. 2011-2012 Insgnant: ing. Cardamon Antonio MODULO 01 TERMODINAMICA Prsntazion: con il modulo in oggtto, l allivo è nll condizioni di svolgr calcoli rlativi

Dettagli

IL TESTO UNICO. Decreto Legislativo del 9 Aprile 2008 n 81. Modificato dal. Decreto Legislativo del 3 Agosto 2009 n 106. Obiettivi principali

IL TESTO UNICO. Decreto Legislativo del 9 Aprile 2008 n 81. Modificato dal. Decreto Legislativo del 3 Agosto 2009 n 106. Obiettivi principali Dcrto Lgislativo n. 81/08 Miglioramnto sut sicurzza di lavoratori Dvrto Lgislativo N 106/09 Attuazion dll articolo 1 lgg 3 agosto 2007 n 123 in matria di tutla sut sicurzzani luoghi di lavoro Dirttiva

Dettagli

MATER NITÀ. La legge recentemente approvata non si limita ad emanare. eciale. congedi parentali. Legge sui congedi parentali. Legge 8 marzo2000 n.

MATER NITÀ. La legge recentemente approvata non si limita ad emanare. eciale. congedi parentali. Legge sui congedi parentali. Legge 8 marzo2000 n. Lcco Sp ciale congdi parntali Lgg 8 marzo2000 n. 53 Lgg sui congdi parntali La lgg rcntmnt approvata non si limita ad manar disposizioni spcifich pr il sostgno dlla matrnità dlla patrnità, pr il diritto

Dettagli

MODELPAK MD 400. [Persiana interamente metallica]

MODELPAK MD 400. [Persiana interamente metallica] MODELPAK MD 400 [Prsiana intramnt mtallica] MODELPAK MD 400 Lamll disponibili in 1000 tonalità PRESTAZIONI Protzion Protzion solar Protzion contro l intmpri Protzion dagli intrusi Isolamnto acustico Comfort

Dettagli

tra montagne fiocchi di neve In Alta Badia uno splendido chalet accoglie l arrivo della stagione invernale lo chalet di montagna

tra montagne fiocchi di neve In Alta Badia uno splendido chalet accoglie l arrivo della stagione invernale lo chalet di montagna lo chalt di montagna tra montagn In Alta Badia uno splndido chalt accogli l arrivo dlla stagion invrnal progttazion arch. karl castlungr ph marina chisa tsto anna zorzanllo Vision strna dllo chalt, costruito

Dettagli

ALLEGATO 2 CASCINA DEL SOLE SCHEDA TECNICO/MANUTENTIVA

ALLEGATO 2 CASCINA DEL SOLE SCHEDA TECNICO/MANUTENTIVA ALLEGATO 2 CASCINA DEL SOLE SCHEDA TECNICO/MANUTENTIVA Dscrizion dll dificio dll ar di prtinnza Il complsso è costituito da un dificio adibito a bar al piano trra ad abitazion al piano 1^ com indicato

Dettagli

Casi clinici Una Esperienza di Trattamento ACUDETOX Antifumo in Fabbrica

Casi clinici Una Esperienza di Trattamento ACUDETOX Antifumo in Fabbrica Una Esprinza di Trattamnto ACUDETOX Antifumo in Fabbrica Rmo ANGELINO Dirttor SC Dipndnz Patologich - ASL 10 Pinrolo TO, Antonio POTOSNJAK I.P. SC Dipndnz Patologich - ASL 10 Pinrolo TO Prmssa La rlazion

Dettagli

UFFICIO EUROPEO DI SELEZIONE DEL PERSONALE (EPSO)

UFFICIO EUROPEO DI SELEZIONE DEL PERSONALE (EPSO) 10.11.2010 IT Gazztta ufficial dll'union uropa C 304 A/1 V (Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI UFFICIO EUROPEO DI SELEZIONE DEL PERSONALE (EPSO) BANDO DI CONCORSI GENERALI EPSO/AST/109-110/10 CORRETTORI

Dettagli

Per tutte le condizioni economiche e contrattuali dei prodotti si rimanda al relativo Foglio Informativo

Per tutte le condizioni economiche e contrattuali dei prodotti si rimanda al relativo Foglio Informativo Foglio Comparativo sull tipologi mutuo ipotcario/fonario pr l acquisto dll abitazion principal (sposizioni trasparnza ai snsi dll art. 2 comma 5 D.L. 29.11.2008 n. 185) Pr tutt l conzioni conomich contrattuali

Dettagli

Scheda di sicurezza a norme CEE 91/155

Scheda di sicurezza a norme CEE 91/155 Socità: Nom commrcial: HERALAN Sostanz isolanti in lana minral (con agglomrant rsinoid), rivstito Rvisionato il 05.05.2008 1 Idntificazion dl prodotto/dlla prparazion dlla Socità 1.1 Nom dl prodotto: HERALAN

Dettagli

04/11/2014. Coordinatore per la progettazione. Coordinatore per l esecuzione

04/11/2014. Coordinatore per la progettazione. Coordinatore per l esecuzione Committnt /o Rsponsabil di lavori Imprsa affidataria, Imprs scutrici Lavoratori autonomi 1 Committnt CHI E : soggtto pr conto dl qual l intra opra vin ralizzata, indipndntmnt da vntuali frazionamnti dlla

Dettagli

AGE.AGEDREMR.REGISTRO UFFICIALE.0056784.20-12-2013-I

AGE.AGEDREMR.REGISTRO UFFICIALE.0056784.20-12-2013-I AGE.AGEDREMR.REGISTRO UFFICIALE.0056784.20-12-2013-I Comun di Forlì COMUNE DI RAVENNA Convnzion pr la promozion dlla lgalità fiscal abitativa dgli studnti dll Univrsità di Bologna Poli Romagna pr il rilascio

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI LODI

ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI LODI PROGRAMMA CORSO BASE 10 ORE ORDINE ARCHITETTI PPC Moduli h OBIETTIVI DIRETTIVE LEGISLAZIONE E REGOLE TECNICHE DI PREVENZIONE INCENDI A 6 FISICA E CHIMICA DELL'INCENDIO B 10 TECNOLOGIA DEI MATERIALI E DELLE

Dettagli

LA REAZIONE AL FUOCO DEI MATERIALI

LA REAZIONE AL FUOCO DEI MATERIALI Ordine degli Ingegneri della provincia di Forlì- Cesena LA REAZIONE AL FUOCO DEI MATERIALI Euroclassi e marcatura CE 18 Novembre 2014 - Sala Conferenze Fiera di Forlì SEMINARIO TECNICO Gli incendi e la

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO. Provincia di Bologna REP. 16820 CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA MUSEALE DI TERRED ACQUA

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO. Provincia di Bologna REP. 16820 CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA MUSEALE DI TERRED ACQUA Esnt dall imposta di bollo ai snsi dll art. 16 dlla tablla allgato B) al D.P.R. 26/10/1972 N. 642 succ. modif. COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REP. 16820 CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

emercato Telefonia e controversie: regolamento Agcom Argomenti Chiara Faracchio

emercato Telefonia e controversie: regolamento Agcom Argomenti Chiara Faracchio Argomnti Tlfonia controvrsi: rgolamnto Agcom Chiara Faracchio Controvrsi in matria di comunicazioni lttronich: l Autorità pr l garanzi nll comunicazioni ha introdotto nuovi critri di calcolo pr la dtrminazion

Dettagli

ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE

ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE a. STRATEGIE PER IL RECUPERO DESTINATARI Il Rcupro sarà rivolto agli alunni ch prsntano ancora difficoltà nll adozion di

Dettagli

Comune di Frossasco. Provincia di Torino AVVISO PUBBLICO

Comune di Frossasco. Provincia di Torino AVVISO PUBBLICO Comun di Frossasco Provincia di Torino AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEL SOGGETTO ATTUATORE BENEFICIARIO DEL CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO A COPERTURA DELLE SPESE EFFETTIVAMENTE SOSTENUTE E DOCUMENTATE,

Dettagli

qualifica cognome e nome presenze Rettore Presidente Luigi Lacchè P Componenti interni Laura Marchegiani P Roberto Perna

qualifica cognome e nome presenze Rettore Presidente Luigi Lacchè P Componenti interni Laura Marchegiani P Roberto Perna Oggtto: Convnzion intratno pr la ralizzazion dl mastr di I livllo in Global managmnt for China (GMC) dizion anno accadmico 2015/2016 N. o.d.g.: 05.1 C.d.A. 30.10.2015 Vrbal n. 9/2015 UOR: Ara affari gnrali

Dettagli

Sicurezza informativa: verso l integrazione dei sistemi di gestione per la sicurezza

Sicurezza informativa: verso l integrazione dei sistemi di gestione per la sicurezza Sicurzza informativa: vrso l intgrazion di sistmi di gstion pr la sicurzza Convgno ABI Banch Sicurzza 2006 Roma, 7 Giugno 2006 Raoul Savastano, Rsponsabil Srvizi Sicurzza KPMG Irm Advisory Agnda Il problma

Dettagli

Nastri modulari per trasporto

Nastri modulari per trasporto Data la vastità dlla gamma dlla lina di tappti REGINA la continua voluzion tcnologica di matriali ch carattrizza qusto sttor, riassumiamo i prodotti standard. Richidt catalogo spcifico al nostro prsonal

Dettagli

Matrice storica delle emissioni del documento

Matrice storica delle emissioni del documento (Rdatto dal Consiglio Dirttivo ai snsi pr gli fftti dll articolo 23. punto 6) dllo STATUTO dll Associazion ONLUS IL BRUCO, approvato dall Assmbla di Soci firmato dal Prsidnt dlla stssa. Ragion Social Sd

Dettagli

Climatizzazione. Dati tecnici. Selettore di diramazione EEDIT15-200_1 BPMKS967A

Climatizzazione. Dati tecnici. Selettore di diramazione EEDIT15-200_1 BPMKS967A Climatizzazion Dati tcnici Slttor di diramazion EEDIT15-200_1 BPMKS967A INDICE BPMKS967A 1 Carattristich...................................................... 2 2 Spcifich...........................................................

Dettagli

COMUNE DI VALDASTICO

COMUNE DI VALDASTICO COPIA COMUNE DI VALDASTICO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 27 Ltto, confrmato sottoscritto IL PRESIDENTE F.to GUGLIELMI CLAUDIO IL SEGRETARIO COMUNALE F.to DOTT. LAVEDINI GIUSEPPE REFERTO

Dettagli

Compact-1401. Compact-1401. Listino prezzi F6 Marzo 2013 MICRON

Compact-1401. Compact-1401. Listino prezzi F6 Marzo 2013 MICRON Listino przzi F6 Marzo 013 UNI EN 1401 act-1401 UNI EN 1401 Carbonato di calcio,5 MICRON Tubi di PVC-U pr condott fognari civili d industriali costruiti scondo UNI EN 1401 GRESINTEX DALMINE RESINE Tubi

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 Stu sttor Pillol aggiornamnto N. 39 27.06.2014 Il prosptto Dati bilancio in Unico2014 ENC. La riconciliazion dati dllo Stato Patrimonial nl prosptto Dati bilancio. Catgoria: Dichiarazion

Dettagli

Prot. 16996 Vigonza, lì 26.06.2014. Risposte ai quesiti in merito alla gara d appalto per l asilo nido comunale 2014-2017.

Prot. 16996 Vigonza, lì 26.06.2014. Risposte ai quesiti in merito alla gara d appalto per l asilo nido comunale 2014-2017. COMUNE DI VIGONZA PROVINCIA DI PADOVA Via Cavour n. 16 - C.F. 800100280 Tl. 0498090211 - Fax 0498090200 www.comun.vigonza.pd.it I AREA AMMINISTRATIVA SETTORE SOCIALE Prot. 16996 Vigonza, lì 26.06.2014

Dettagli

PRAMAC S.P.A. in liquidazione

PRAMAC S.P.A. in liquidazione PRAMAC S.P.A. in liquidazion RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2012 Rdatta ai snsi dll art. 123-tr dl D. Lgs. 24 fbbraio 1998 n. 58 (TUF), dll art. 84 quatr dl Rgolamnto Emittnti d in conformità allo schma

Dettagli

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 17

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 17 Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 17 Lasing Lasing Finalità SOMMARIO Paragrafi 1 Ambito di applicazion 2-3 Dfinizioni 4-6 Classificazion dll oprazioni

Dettagli

Il Dirigente Scolastico

Il Dirigente Scolastico Prot. N. 1305 Bari, 21 fbbraio 2014 PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2007-2013 COMPETENZE PER LO SVILUPPO Union Europa - Fondo Social Europo Con l Europa, invstiamo nl vostro futuro Il Dirignt Scolastico

Dettagli

0 < a < 1 a > 1. In entrambi i casi la funzione y = a x si può studiare per punti e constatare che essa presenta i seguenti andamenti y.

0 < a < 1 a > 1. In entrambi i casi la funzione y = a x si può studiare per punti e constatare che essa presenta i seguenti andamenti y. INTRODUZIONE Ossrviamo, in primo luogo, ch l funzioni sponnziali sono dlla forma a con a costant positiva divrsa da (il caso a è banal pr cui non sarà oggtto dl nostro studio). Si possono allora vrificar

Dettagli

\# t.u3gra '''- PrgFf,.2il.-a.//9"-* "/4

\# t.u3gra '''- PrgFf,.2il.-a.//9-* /4 UNIONE EUROPEA lnlzìitlrva n J:ì\,)ra dr 1 ()al::tii,..ìtìrì,rf iì,{ìy,ì,r,lrì! 0rltJ(ì Sr)(jrilÌr ì)jlrír..) # A.N.AC. Autó.it! N.rrronalr tutlcorrurron. Ona-*,*,1*". **-,a; ",1,/9",*,*o-'6*,Jàr*Z w,r#h.'úr*h,*,

Dettagli

COMUNE DI CASLANO MESSAGGIO MUNICIPALE N. 1116

COMUNE DI CASLANO MESSAGGIO MUNICIPALE N. 1116 CANTON z j J COMUNE DI CASLANO CONFEDERAZIONE SVIZZERA - TICINO MESSAGGIO MUNICIPALE N. 1116 Modifica parzial dii art. 56 di Rgolamnto organico i dipndnti comunali (ROD) con l insrimnto di nuov funzioni

Dettagli

APPROFONDIMENTO MANAGEMENT

APPROFONDIMENTO MANAGEMENT APPROFONDIMENTO MANAGEMENT Iniziativa Comunitaria Equal II Fas IT G2 CAM - 017 Futuro Rmoto Approfondimnto LIQUIDAZIONI E VERSAMENTI IVA ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA LIQUIDAZIONE

Dettagli

Teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni. reali di una variabile reale.

Teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni. reali di una variabile reale. Capitolo 2 Toria dll intgrazion scondo Rimann pr funzioni rali di una variabil ral Esistono vari tori dll intgrazion; tutt hanno com comun antnato il mtodo di saustion utilizzato dai Grci pr calcolar l

Dettagli

Il Dirigente Scolastico

Il Dirigente Scolastico Prot. N. 1176 Bari, 15 fbbraio 2014 PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2007-2013 COMPETENZE PER LO SVILUPPO Union Europa - Fondo Social Europo Con l Europa, invstiamo nl vostro futuro Il Dirignt Scolastico

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Prefettura di Roma. Università di Roma La Sapienza. Università degli Studi di Roma Tor Vergata

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Prefettura di Roma. Università di Roma La Sapienza. Università degli Studi di Roma Tor Vergata PROTOCOLLO D INTESA tra Prfttura di Roma Univrsità di Roma La Sapinza Univrsità dgli Studi di Roma Tor Vrgata Univrsità dgli Studi Roma Tr 1 PREMESSO ch con dcrto dl Prsidnt dl Consiglio di Ministri dl

Dettagli

Regolamento per il controllo della pubblicità

Regolamento per il controllo della pubblicità Rgolamnto pr il controllo dlla Rgolamnto pr il controllo dlla pu bbliciià. Introduzion: Qusto Rgolamnto vin applicato pr il controllo dlla pubbliciti su: Indumnti d quipaggiamnto di ginnasti, giudici diuignti;

Dettagli

L.R. Campania N. 1 del 7-01-2000 Direttive Regionali in Materia di Distribuzione. Attuazione del Decreto Legislativo 31 Marzo 1998, N. 114.

L.R. Campania N. 1 del 7-01-2000 Direttive Regionali in Materia di Distribuzione. Attuazione del Decreto Legislativo 31 Marzo 1998, N. 114. LR(15) 1_00.doc Pag: 1 L.R. Campania N. 1 dl 7-01-2000 Dirttiv Rgionali in Matria di Distribuzion Commrcial. Norm di Attuazion dl Dcrto Lgislativo 31 Marzo 1998, N. 114. in B.U.R.C. n. 2 dl 10-1-2.002

Dettagli

Regimi di cambio. In questa lezione: Studiamo l economia aperta nel breve e nel medio periodo. Studiamo le crisi valutarie.

Regimi di cambio. In questa lezione: Studiamo l economia aperta nel breve e nel medio periodo. Studiamo le crisi valutarie. Rgimi di cambio In qusta lzion: Studiamo l conomia aprta nl brv nl mdio priodo. Studiamo l crisi valutari. Analizziamo brvmnt l Ar Valutari Ottimali. 279 Il mdio priodo Abbiamo visto ch gli fftti di politica

Dettagli

ESERCIZI PARTE I SOLUZIONI

ESERCIZI PARTE I SOLUZIONI UNIVR Facoltà di Economia Corso di Matmatica finanziaria 008/09 ESERCIZI PARTE I SOLUZIONI Domini di funzioni di du variabili Esrcizio a f, = log +. L unica condizion di sistnza è data dalla disquazion

Dettagli

Tra. di seguito le Parti

Tra. di seguito le Parti Protocollo di intsa SERVIRE CON LODE Tra il Politcnico di Torino C.F. n. 00518460019, con sd lgal in Torino, Corso Duca dgli Abruzzi, 24, rapprsntato dal Vic Rttor pr la Didattica Prof.ssa Anita Tabacco

Dettagli

Documento tratto da La banca dati del Commercialista

Documento tratto da La banca dati del Commercialista Documnto tratto da La banca dati dl Commrcialista Intrnational Accounting Standards Board Intrnational Accounting Standards, n. 17 SCOPO E CONTENUTO DEL DOCUMENTO Lasing Il prsnt Principio sostituisc lo

Dettagli

b) promuovere e diffondere la cultura della legalità e della cittadinanza responsabile fra i giovani;

b) promuovere e diffondere la cultura della legalità e della cittadinanza responsabile fra i giovani; CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI CASTEL MAGGIORE, L UNIONE RENO GALLIERA E I COMUNI DI ARGELATO, BENTIVOGLIO, SAN GIORGIO DI PIANO, SAN PIETRO IN CASALE, CASTELLO D ARGILE, PIEVE DI CENTO, GALLIERA, PER LA

Dettagli