easy made Ulcere da pressione e idrocolloidi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "easy made Ulcere da pressione e idrocolloidi"

Transcript

1 made easy Volume 2 Numero 4 Novembre Ulcere da pressione e idrocolloidi Introduzione Le ulcere da pressione rappresentano una sfida importante con cui si confrontano i sistemi sanitari e causano ai pazienti notevoli disagi, dolore e umiliazione. Sebbene sia doveroso fare di tutto per evitare la formazione delle ulcere da pressione, non sempre questo è possibile. Il presente articolo descrive il ruolo delle medicazioni idrocolloidali nel trattamento delle ulcere da pressione di I e II stadio (Riquadro 1). Autori: Fletcher J, Moore Z, Anderson I, Matsuzaki K. Informazioni complete sugli autori a pag. 5. L entita del problema La reale incidenza delle ulcere da pressione, e i costi ad essa associati, non sono noti. Le stime indicano che in Europa sia soggetto ad ulcere da pressione circa il 18% dei pazienti ospedalizzati 1. Nel 2004 si stimava che il costo totale delle cure dedicate alle ulcere da pressione in Gran Bretagna rappresentava il 4% della spesa sanitaria nazionale (circa 2 miliardi di sterline) 2. Inoltre, sempre in Gran Bretagna, le ulcere da pressione sono state considerate responsabili della morte di persone fra il 2003 e il Negli Stati Uniti si calcola che i costi associati alle ulcere da pressione nel settore ospedaliero possano raggiungere gli 11 miliardi di dollari l anno 4. Gli idrocolloidi e le ulcere da pressione Gli idrocolloidi sono diffusamente utilizzati nel trattamento delle ulcere da pressione 5. Se ne consiglia l impiego nelle ulcere da pressione di II e III stadio 6, ma vengono utilizzati sempre più spesso anche nella gestione delle ulcere da pressione di I stadio 7. Che cos è una medicazione idrocolloidale? Le medicazioni idrocolloidali sono costituite da uno strato di materiale gelificante adeso ad una pellicola semipermeabile o ad un supporto in schiuma. Lo strato gelificante è composto da una matrice adesiva contenente una combinazione di materiali assorbenti come la carbossimetilcellulosa sodica, la pectina e la gelatina. Ne risulta una medicazione assorbente e autoadesiva, anche in condizioni di umidità 8. Sebbene diverse medicazioni idrocolloidali possano apparire simili, la loro capacità di gestione dei fluidi può variare in maniera significativa 9. Molti prodotti sono disponibili in una quantità di forme, misure e spessori diversi. Fra questi ci possono essere medicazioni disegnate appositamente per specifiche aree anatomiche (per es. il sacro o il tallone); altre possono essere molto sottili o avere bordi smussati e margini di spessore degradante per evitare che la medicazione formi delle grinze, si increspi o si arrotoli ai bordi. I prodotti più sottili possono essere semitrasparenti per consentire la visualizzazione della lesione senza bisogno di rimuovere la medicazione. Materiali di rivestimento diversi possono alterare la scivolosità della medicazione. Una superficie esterna più scivolosa abbassa il coefficiente di attrito fra medicazione e paziente riducendo così l entità di taglio e frizione trasmessi alla cute sottostante e il rischio di danni aggiuntivi. Molte delle medicazioni idrocolloidali più recenti, inclusi alcuni prodotti di maggiore spessore, sono dotate di margini smussati e superficie esterna levigata. Come funzionano le medicazioni idrocolloidali? Alle medicazioni idrocolloidali vengono associate numerose qualità fondamentali per la gestione delle ulcere da pressione fra cui: Riquadro 1 Ulcere da pressione: definizione e classificazione 6 Lesione localizzata della cute e/o del tessuto sottocutaneo, solitamente in corrispondenza di una prominenza ossea, risultante da pressione o da pressione associata a forze di taglio (o stiramento). Alle ulcere da pressione concorrono altri fattori, anche contraddittori, il cui significato deve essere ancora chiarito. Classificazione NPUAP/EPUAP: Categoria/Stadio I: Eritema non sbiancante di cute integra Categoria/Stadio II: Perdita di spessore parziale del derma o vescicola* Categoria/Stadio III: Perdita di cute a tutto spessore (tessuto adiposo visibile) Categoria/Stadio IV: Perdita tessutale a tutto spessore (muscolo/osso visibile) * Fotografia utilizzata per gentile concessione di Dale Copson, MSc, BSc(Hons) RN, Tissue Viability, Nurse Specialist. Le altre fotografie sono rese disponibili per concessione di ConvaTec. Questo è un articolo di formazione generica sugli idrocolloidi e le ulcere da pressione. Non tutte le affermazioni contenute sono attribuibili ai prodotti idrocolloidali di ConvaTec. 1

2 Ulcere da pressione e idrocolloidi made easy n la produzione di un ambiente umido per la ferita n la gestione dell essudato n l agevolazione dello sbrigliamento autolitico n la creazione di una barriera contro i microrganismi n supporto nella gestione del dolore 10. Un ambiente ottimale per la guarigione Le medicazioni idrocolloidali creano un ambiente umido noto per la sua efficacia nel favorire la guarigione delle ferite 11. Nello specifico si ritiene che gli idrocolloidi promuovano l angiogenesi, aumentino il numero dei fibroblasti dermici, stimolino la produzione di tessuto di granulazione ed aumentino la quantità di collagene sintetitzzato 10. Sbrigliamento autolitico La capacità degli idrocolloidi di trattenere l umidità aiuta ad ammorbidire e reidratare delicatamente il tessuto necrotico e lo slough, facilitando lo sbrigliamento autolitico. Questo può richiedere un tempo più lungo rispetto al debridement chirurgico o biochirurgico. (per es. terapia con larve), ma in alcune situazione può essere il metodo più appropriato. Prevenzione dell infezione e dell infezione crociata Gli idrocolloidi sono adesivi e impermeabili e, per alcuni di essi, si è dimostrato che agiscono come barriera contro virus e batteri (per es. allo Staphylococcus aureus meticillino-resistente (MRSA), al virus dell epatite B (HBV) e al virus dell immunodeficienza umana (HIV-1)), a condizione che la medicazione resti intatta e in assenza di perdite o infiltrazioni Per questo motivo gli idrocolloidi possono essere di beneficio nell impiego in aree regolarmente soggette a pesanti contaminazioni, come il sacro. Diversi studi hanno esaminato la possibilità che la natura occlusiva delle medicazioni idrocolloidali aumenti il rischio di infezione, ma non sono state riscontrate evidenze cliniche che suggeriscano che questo sia il caso 15,16. Protezione del tessuto neoformato o delle ulcere da pressione di Categoria/Stadio I Una medicazione idrocolloidale dotata di rivestimento esterno liscio riduce il coefficiente di attrito all interfaccia paziente-superficie di supporto 17. La riduzione dell attrito significa che il paziente è in grado di muoversi liberamente sulla superficie di supporto e che l area coperta dalla medicazione ha più probabilità di essere esposta a minori livelli di pressione, stiramento e frizione 7,18, riducendo così il rischio che un ulcera da pressione di Categoria/Stadio I evolva in un danno più profondo. Su cute arrossata (ulcere da pressione di Categoria/Stadio I) è possibile applicare medicazioni idrocolloidali semitrasparenti che consentono di visualizzare possibili peggioramenti senza dover rimuovere la medicazione stessa. Gestione del dolore La formazione di gel durante l impiego della medicazione idrocolloidale rende la rimozione facile e atraumatica. Si ritiene che l ambiente umido e privo di ossigeno, creato dalla medicazione, protegga le terminazioni nervose aiutando a ridurre il dolore nel letto della ferita 20,21. Riquadro 2 Consigli per la valutazione delle ulcere da pressione n La valutazione sistematica e il monitoraggio dei progressi possono essere agevolati dall uso di uno strumento di valutazione della lesione validato 6 n L uso di fotografie (con il consenso preventivo) può aiutare a fornire un punto di partenza e una fototeca in serie, su cui misurare miglioramenti e peggioramenti 19 n Andrebbe utilizzato un metodo standardizzato di classificazione dello stato della lesione n Le dimensioni della ferita vanno rilevate ogni 1 o 2 settimane mentre le altre caratteristiche dovrebbero essere osservate ad ogni cambio di medicazione 6 n Durante ciascuna valutazione, particolare cura deve essere impiegata nell identificare e gestire eventuali preoccupazioni del paziente rispetto al trattamento in essere e allo stato della lesione 6 n In caso di lesioni che sono state identificate come guaribili, ma che non registrano progressioni nelle prime due settimane di trattamento, è necessario rivalutare il protocollo di cura e i cambiamenti nelle caratteristiche specifiche del paziente 6 Quali evidenze? Le medicazioni idrocolloidali sono disponibili sul mercato da molti anni e sono state oggetto di studio in un ampia gamma di ferite acute e croniche. Molti studi hanno confermato che gli idrocollloidi sono più efficaci delle medicazioni tradizionali (come le garze) 10 (Tavola 1). Principi di gestione delle ulcere da pressione L esatta valutazione su base continuativa dell individuo e della lesione sono elementi fondamentali di una gestione efficace delle ulcere da pressione 22. Se consideriamo l impatto negativo che le ulcere da pressione hanno sulla qualità della vita in termini di salute 23, è evidente come sia essenziale che venga adottato un approccio sistematico (Riquadro 2). Il coinvolgimento del paziente e della sua famiglia è determinante al fine di assicurare che i problemi e le preoccupazioni del singolo vengano affrontati 6. La valutazione dovrebbe includere l esame di tutte le attività della vita quotidiana 6. Inoltre la scelta della corretta medicazione topica, o intervento in generale, dipende da una chiara comprensione dell obiettivo del trattamento 24. La definizione dell obiettivo è facilitata dalla dettagliata osservazione della lesione, inclusi categoria/stadio di appartenenza, localizzazione, dimensioni e forma, condizioni del letto della ferita, livello e consistenza dell essudato, dolore, cattivo odore, condizioni della cute perilesionale e presenza o assenza di infezione 6. Quando usare gli idrocolloidi per il trattamento delle ulcere da pressione? La gestione di soggetti affetti da ulcere da pressione implica una quantità infinita di interventi come l ottimizzazione della nutrizione, il riposizionamento e l utilizzo di letti speciali, materassi e cuscini, 2

3 Tavola 1 Sintesi degli studi Studio di riferimento Terapia Disegno Criteri di selezione Outcome clinici Hollisaz M, et al. BMC Dermatology 2004; 4: Chang KW, et al. Med J Malaysia 1998; 53(4): Graumlich J, et al. J Am Ger Soc 2003; 51: Meaume S, et al. J Wound Care 2002; 11(6): Medicazione idrocolloidale (n=31) vs crema phenytoin con garza (n=30) vs medicazione semplice (garza umida) (n=30) Idrocolloide (Duoderm CGF (ConvaTec)) vs garza con soluzione fisiologica Idrocolloide vs collagene Medicazioni usate nelle ulcere degli arti inferiori e nelle ulcere da pressione Studio clinico randomizzato Studio clinico controllato randomizzato Studio clinico randomizzato controllato, singolo cieco, a gruppi paralleli Sviluppo di modelli di costo-efficacia basati su una revisione della letteratura Ulcere da pressione di Categoria/Stadio I e II in maschi paraplegici (n=83 con 91 ulcere) Ulcere da pressione di Categoria/Stadio II o III (n=34) Ulcere da pressione di Categoria/Stadio II (80%) o III (20%); età mediana: 83,1 anni I modelli erano usati per calcolare il costo per ulcera guarita su un periodo di 12 settimane Indipendentemente da localizzazione e da categoria/ stadio, sono completamente guarite più ulcere nel gruppo degli idrocolloidi che negli altri gruppi Aderenza al letto della ferita, gestione dell essudato, confort in generale e dolore alla rimozione della medicazione, tutti erano notevolmente a favore dell idrocolloide La riduzione media alla misurazione della superficie era del 34% per l idrocolloide. Nei pazienti trattati con la garza si rilevava un aumento medio della superficie del 9% I tassi di guarigione e i tempi di guarigione in generale erano simili nei due gruppi I costi per paziente per 8 settimane erano stimati in $222 per l idrocolloide e $627 per il collagene Nelle ulcere da pressione, in Francia, un idrocolloide (DuoDERM (ConvaTec)) aveva il miglior rapporto costo-efficacia Kerstein M, et al. Dis Manage & Health Outcomes 2001; 9(11): Protocolli per ulcere da pressione e agli arti inferiori Progettazione di studio usando gli outcome rilevati da una revisione della letteratura Il costo di 12 settimane di trattamento veniva tracciato per le diverse modalità attraverso una base di evidenze cliniche comuni di almeno 100 lesioni I costi per paziente guarito erano i più bassi nel caso di ulcere agli arti inferiori trattate con idrocolloidi e i più alti per quelle trattate con garza e soluzione fisiologica, a causa delle differenze nel tempo/persona necessario alla cura Heyneman A, et al. J Clin Nurs 2008; 17(9); Medicazioni idrocolloidali Revisione sistematica degli idrocolloidi nelle ulcere da pressione Studi clinici randomizzati controllati di idrocolloidi nel trattamento delle ulcere da pressione (28 studi in totale) Per gli idrocolloidi si rilevava una maggiore capacità di assorbimento, un minore tempo necessario per il cambio medicazione e minore dolore durante i cambi di medicazione rispetto alle medicazioni in garza Gli idrocolloidi sembravano essere meno costosi del collagene, delle garze imbevute di soluzione fisiologia e povidone, ma più costosi dell idrogel, della schiuma di poliuretano e del collagenase Gli idrocolloidi sono più efficaci delle medicazioni in garza nella riduzione delle dimensioni della lesione, ma meno efficaci degli alginati, delle medicazioni in poliuretano, degli enzimi topici e delle medicazioni biosintetiche che si sommano alla cura delle pelle e dell incontinenza 7, 31. E necessario dare priorità all attenuazione della causa di pressione e alla gestione di tutti quei fattori generici, come la nutrizione, che possono ritardare il processo di guarigione. Il trattamento locale della ferita dovrebbe essere incentrato sul raggiungimento dell ambiente ottimale per la guarigione e sul conseguimento di qualunque altro risultato connesso al paziente, come il sollievo dal dolore e la riduzione della produzione di essudato. Si ritiene che le medicazioni idrocolloidali possiedano numerose caratteristiche chiave, utili nella gestione delle ulcere da pressione, fra le quali: n protezione della cute perilesionale n rimozione del tessuto necrotico e slough n mantenimento di un ambiente umido nel letto della ferita che eviti l iperidratazione delle lesione stessa 22. Ampio è il dibattito in letteratura intorno al ruolo di specifiche tipologie di medicazioni che affrontano questi aspetti delle ulcere da pressione 30, 32, 33. Attualmente le medicazioni idrocolloidali sono largamente impiegate nel trattamento di ulcere da pressione di Categoria/Stadio II. Ma sono anche utilizzate come medicazione primaria nel trattamento di ulcere da pressione di Categoria/Stadio III e IV che stanno progredendo nella guarigione e sono divenute poco profonde. Gli idrocolloidi creano un interfaccia lesione-medicazione umida, facilitano l autolisi e promuovono la produzione di tessuto di granulazione, creando in questo modo un ambiente della ferita considerato ottimale per il raggiungimento della guarigione della lesione 30. Le medicazioni idrocolloidali sottili (ad esempio DuoDERM Signal TM e DuoDERM Extra Sottile) sono sempre più utilizzate nella gestione delle ulcere da pressione di Categoria/Stadio I. La loro superficie esterna liscia contribuisce a ridurre l attrito o le forze di taglio (stiramento) che possono danneggiare ulteriormente la cute sottostante 7. E possibile che il controllo dell umidità fornito dalle medicazioni idrocolloidali, evitando la macerazione, abbia un ruolo nel mantenimento dell integrità tessutale e nella prevenzione di aggravamenti nelle ulcere da pressione di Categoria/Stadio I. La capacità di assorbimento è stata identificata come una caratteristica ideale delle medicazioni usate per la prevenzione delle ulcere da pressione 34. Inoltre gli idrocolloidi sottili sono molto più 3

4 facili da maneggiare di quanto lo siano le medicazioni in film perché ci sono meno probabilità che si ripieghino su stessi. Indipendentemente dallo stadio di guarigione, gli idrocolloidi sono anche utili come medicazione secondaria grazie al loro rivestimento impermeabile e alla capacità di ridurre l attrito e le forze di taglio. Tuttavia bisogna sempre tenere presenti le possibili interazioni fra idrocolloide e medicazione primaria per lesioni cavitarie. Per esempio un filler idrocolloidale, in Hydrofiber o in alginato può essere coperto con una medicazione idrocolloidale, ma il gel amorfo tende a produrre un ambiente troppo umido perché possa essere gestito da una medicazione idrocolloidale. Protezione della cute perilesionale Le medicazioni idrocolloidali di solito si estendono oltre i margini della ferita sulla cute sana e proteggono la cute perilesionale: n assicurando alla cute perilesionale sana una copertura protettiva n assorbendo l essudato della ferita e allontanando così dalla cute sana l umidità eccessiva e gli enzimi proteolitici potenzialmente dannosi 35. Sbrigliamento autolitico In presenza di tessuto devitalizzato le medicazioni idrocolloidali facilitano lo sbrigliamento autolitico creando un interfaccia umida fra lesione e medicazione 10. Tuttavia la decisione di usare o meno una medicazione idrocolloidale dipende dal livello di essudato nella lesione. Se la ferita è caratterizzata da un livello di essudato da basso a moderato allora una medicazione idrocolloidale può essere una scelta di trattamento appropriata, ma se la ferita produce un livello elevato di essudato può essere necessaria una medicazione primaria più assorbente 9. La guarigione in ambiente umido Il gel che si forma quando l essudato viene assorbito da un idrocolloide mantiene un interfaccia lesione-medicazione umida e previene al contempo un accumulo di fluidi sulla superficie della lesione. Pertanto gli idrocolloidi sono un aiuto prezioso anche nella gestione delle ulcere da pressione poco profonde, deterse e granuleggianti. Infatti, in una revisione sistematica, si è rilevato che gli idrocolloidi erano più efficaci delle medicazioni in garza nel favorire la guarigione delle ferite ed erano associati a livelli di dolore inferiori e tempi ridotti per i cambi di medicazione 30. Aspetti pratici Scelta di una medicazione idrocolloidale In presenza di livelli di essudato moderati, le medicazioni idrocolloidali di maggiore spessore sono la scelta più adatta. Di contro, se i livelli di essudato sono bassi, o la medicazione viene applicata su una cute a rischio di ulteriore cedimento, una medicazione sottile può essere più appropriata. Analogamente, man mano che l ulcera da pressione guarisce e i livelli di essudato scendono, può essere necessario usare una medicazione più sottile. Le medicazioni idrocolloidali non sono disegnate per essere usate in associazione con una medicazione secondaria. Se i livelli di essudato sono elevati può essere necessario scegliere una medicazione alternativa. Quando la cute è a rischio di rottura, cioè nelle ulcere da pressione di Categoria/Stadio I, una medicazione idrocolloidale sottile (per es. DuoDERM Signal TM o DuoDERM Extra Sottile) ridurrà le probabilità che la medicazione formi delle grinze o si arrotoli causando ulteriori problemi 7. Idrocolloidi e ulcere da pressione caso clinico Il Sig. I era un uomo di 70 anni con carcinoma gastrico e metastasi, ricoverato in ospedale per il trattamento di dispnea e dolore oncologico di fase terminale. Sebbene fosse stata applicata una medicazione in film sull area sacrale e fosse stato usato un materasso ad aria di modello avanzato, a un mese dal ricovero si sviluppò un ulcera da pressione. La superficie totale era di 45cm 2 (Categoria/Stadio I: 30cm 2 ; Categoria/Stadio II: 15cm 2 ) (Figura 1). Poiché il Sig. I era molto magro, intorno all area sacrale era stata applicato un padding in spugna poliuretanica per proteggere le prominenze ossee. Sulla lesione veniva applicata una medicazione idrocolloidale sottile due volte a settimana. Il settimo giorno dopo l inizio del trattamento, la lesione da pressione di Categoria/Stadio I era guarita mentre le zone di Categoria/Stadio II mostravano segni di miglioramento (Figura 2). Le lesioni di Categoria/Stadio II erano completamente guarite quando la medicazione venne cambiata il quattordicesimo giorno dopo l inizio del trattamento (Figura 3). Purtroppo il Sig. I morì di carcinoma gastrico 17 giorni dopo. Fig 1: Ulcera da pressione sacrale Categoria/Stadio I e II Fig 2: Dopo sette giorni di trattamento con una medicazione idrocolloidale sottile la lesione di Categoria/Stadio I era stata portata a guarigione Fig 3: Dopo 14 giorni di trattamento la lesione da pressione di Categoria/Stadio II era completamente guarita Fotografie per gentile concessione di K Matsuzaki 4

5 Applicazione delle medicazioni idrocolloidali La medicazione idrocolloidale scelta deve essere di forma e misura adeguata alla lesione ed estendersi sulla cute sana per circa 3cm per tutta l area perilesionale. Le medicazioni idrocolloidali dovrebbero essere riscaldate fra le mani prima dell applicazione. Il calore migliora l adesività e la malleabilità della medicazione consentendole di conformarsi meglio ai bordi della lesione. Di solito si consiglia al paziente di non apporre pesi sulla medicazione per minuti dopo l applicazione in modo da dare alla medicazione il tempo di aderire bene 36. Nell eventualità che si possano verificare perdite da un lato della medicazione, per esempio a causa della gravità, si può applicare la medicazione in modo tale che, su quel lato, si estenda maggiormente in cute sana 36. Le medicazioni con i bordi smussati presentano meno probabilità di formare grinze, incresparsi o arrotolarsi. Le medicazioni idrocolloidali sono impermeabili: i pazienti possono continuare a fare il bagno o la doccia mantenendo la medicazione in situ. Frequenza dei cambi medicazione In generale le medicazioni idrocolloidali vengono sostituite ogni 3-5 giorni, anche se alcune possono restare in situ fino a 7 giorni. Tuttavia cambi più frequenti possono essere necessari in caso di elevata produzione di essudato, per es. all inizio del trattamento o se si sospetta un infezione. Rimozione delle medicazioni idrocolloidali A meno che una rimozione precoce non sia resa necessaria da motivazioni cliniche, le medicazioni idrocolloidali dovrebbero restare in situ fino a quando la bolla di gel che si forma non raggiunge i bordi della medicazione 36. Il gel favorisce la rimozione atraumatica della medicazione. Qualora la rimozione si renda necessaria prima che il gel si sia formato, si consiglia di togliere con cautela l idrocolloide sollevandone un bordo e staccandolo delicatamente mentre si inumidisce la cute 36. Alcune medicazioni sono dotate un sistema che indica quando si deve effettuare il cambio medicazione (per es. DuoDERM Signal TM ). Per quanto tempo vanno usati gli idrocolloidi? L uso degli idrocolloidi nel piano terapeutico può essere protratto fintanto che la medicazione soddisfi gli obiettivi clinici. La lesione, ed altri parametri clinici, devono essere valutati ad ogni cambio di medicazione così da individuare gli aggiustamenti necessari da apportare al piano terapeutico 6. L utilizzo di un approccio sistematico nella valutazione è particolarmente utile, soprattutto se associato all impiego di un valido e affidabile strumento di valutazione 6. E essenziale tenere una precisa documentazione su paziente e lesione in ogni momento per migliorare la comunicazione, fornire le motivazioni alla base delle decisioni prese e dimostrare l elevato livello delle cure somministrate 37. Le medicazioni idrocolloidali possono essere usate sulle ulcere da pressione fino al punto di chiusura della lesione. Costo-efficacia E stato dimostrato che gli idrocolloidi hanno un rapporto costo-efficacia superiore a quello della garza nel 28, 29 trattamento delle ulcere da pressione (Tavola1). Questo sembra essere dovuto principalmente alla minore quantità di tempo, in termini di contatto clinico, richiesto durante il trattamento con una medicazione idrocolloidale. Informazioni sugli autori Fletcher J 1, Moore Z 2, Anderson I 3, Matsuzaki K Docente Senior, Sezione di Wound Healing, Dipartimento di Dermatologia e Wound Healing, School of Medicine, Università di Cardiff, Cardiff, GB, e Ricercatore, National Institute for Health and Clinical Excellence, GB 2. Presidente uscente di EWMA e Docente in Wound Healing & Riparazione Tessutale e Metodologie di Ricerca, Royal College of Surgeons, Irlanda 3. Tutor di Programma, Tissue Viability, e Docente in Apprendimento e Insegnamemto nella Pratica Sanitaria, Università di Hertfordshire, Hatfield, GB 4. Professore Associato, Dipartimento di Chirurgia Plastica e Ricostruttiva, St Marianna University School of Medicine, e Dipartimento di Chirurgia Plastica e Ricostruttiva, Kawasaki Municipal Tama Hospital, Miyamae, Kawasaki, Giappone. Con il sostegno di un contributo educazionale di ConvaTec. Le opinioni espresse in questa sezione Made Easy non riflettono necessariamente quelle di ConvaTec. Ristampato con il permesso di Wounds International. ( /, se non altrimenti indicato, indicano un marchio di proprietà di ConvaTec Inc.) Riassunto Le ulcere da pressione rappresentano un problema diffuso e sono estremamente costose in termini di impiego di risorse e di effetti devastanti sulla qualità della vita. Le medicazioni idrocolloidali promuovono la guarigione in ambiente umido, gestiscono l essudato, favoriscono lo sbrigliamento autolitico e sono d aiuto nella gestione del dolore. Possono essere usate come medicazione primaria nelle lesioni da pressione di Categoria/Stadio I o II, nelle lesioni da pressione poco profonde di Categoria/Stadio III o IV, e in caso di cute neoformata. La superficie esterna liscia e i bordi smussati di alcune medicazioni idrocolloidali più recenti aiutano a proteggere i tessuti da ulteriori danni legati alla pressione riducendo la pressione stessa, le forze di stiramento e frizione e limitando le probabilità che la medicazione formi delle grinze, si increspi o si arrotoli ai bordi. Per citare questo articolo Fletcher J, Moore Z, Anderson I, Matsuzaki K. Hydrocolloids and pressure ulcers Made Easy. Wounds International 2011; 2(4): Disponibile su: Wounds International 2011 AP MM 5

6 Bibliografia 1. Vanderwee K, Clark M, Dealey C, et al. Pressure ulcer prevalence in Europe: a pilot study. J Eval Clin Pract 2007; 13: Bennett G, Dealey C, Posnett J. The cost of pressure ulcers in the UK. Age Ageing 2004; 33(3): Hospitals name and shamed on bedsores record which costs NHS 4bn a year. The Telegraph, 4 Jul Available at: healthnews/ /hospitals-namedand-shamed-on-bedsores-record-whichcosts-nhs-4bn-a-year.html (accessed 10 October 2011). 4. Bales I, Padwojski A. Reaching for the moon: achieving zero pressure ulcer prevalence. J Wound Care 2009; 18(4): Lohi J, Sipponen A, Jokinen JJ. Local dressings for pressure ulcers: what is the best tool to apply in primary and second care? J Wound Care 2010; 19(3): European Pressure Ulcer Advisory Panel and National Pressure Ulcer Advisory Panel. Treatment of pressure ulcers: Quick Reference Guide. Washington DC: National Pressure Ulcer Advisory Panel; Available at: org/guidelines/final_quick_treatment. pdf (accessed 23 September 2011). 7. Wicks G. A guide to the treatment of pressure ulcers from grade 1 grade 4. Wound Essentials 2007; 2: Heenan A. Frequently asked questions: hydrocolloid dressings. World Wide Wounds, Available at: april/hydrocolloid-faq/hydrocolloidquestions.html (accessed 27 September 2011). 9. Thomas S, Loveless P. A comparative study of the properties of twelve hydrocolloid dressings. World Wide Wounds Available at: july/thomas-hydronet/hydronet.html (accessed 27 September 2011). 10. Queen D. Technology update: Understanding hydrocolloids. Wounds International 2009; 1(1). Available at: article.php?issueid=1&contentid=129& articleid=229 (accessed 23 September 2011). 11. Finnie A. Hydrocolloids in wound management: pros and cons. Br J Community Nurs 2002; 7(7): Wilson P, Burroughs D, Dunn J. Methicillin-resistant Staphylococcus aureus and hydrocolloid dressings. Pharm J 1988; 243; Lawrence JC. Reducing the spread of bacteria. J Wound Care 1993; 2: Bowler PG, Delargy H, Prince D, Fondberg L. The viral barrier properties of some occlusive dressings and their role in infection control. Wounds 1993; 5(1): Knowles EA, Westwood B, Young MJ, Boulton AJM. A retrospective study of the use of Granuflex and other dressings in the treatment of diabetic foot ulcers. Proceedings of the 3rd European Conference on Advances in Wound Management; October London: Macmillan, 1993; Boulton AJ, Meneses P, Ennis WJ. Diabetic foot ulcers: a framework for prevention and care. Wound Repair Regen 1999; 7(1): Nakagami G, Sanada H, Konya C, et al. Comparison of two pressure ulcer preventive dressings for reducing shear force on the heel. J Wound Ostomy Continence Nurs 2006; 33(3): Ohura T, Takahashi M, Ohura N Jr. Influence of external forces (pressure and shear force) on superficial layer and subcutis of porcine skin and effects of dressing materials: are dressing materials beneficial for reducing pressure and shear force in tissues? Wound Repair Regen 2008; 16(1): Localio RA, Margolis D, Kagan SH, et al. Use of photographs for the identification of pressure ulcers in elderly hospitalized patients: validity and reliability. Wound Repair Regen 2006; 14: Wyatt D, McGowan DN, Najarian MP. Comparison of a hydrocolloid dressing and silver sulfadiazine cream in the outpatient management of seconddegree burns. J Trauma 1990; 30(7): Nemeth AJ, Eaglstein WH, Taylor JR, et al. Faster healing and less pain in skin biopsy sites treated with an occlusive dressing. Arch Dermatol 1991; 127(11): Fletcher J. Wound assessment and the TIME framework. BJN 2007; 16(8): Gorecki C, Brown JM, Nelson EA, et al. Impact of pressure ulcers on quality of life in older patients: a systematic review. J Am Geriatr Soc 2009; 57: Gray D, White R, Cooper P, Kingsley A. Applied wound management and using the wound healing continuum in practice. Wound Essentials 2010; 5: Hollisaz MT, Khedmat H, Yari F. A randomized clinical trial comparing hydrocolloid, phenytoin and simple dressings for the treatment of pressure ulcers. BMC Dermatology 2004; 4(18):unpaginated. 26. Chang KW, Alsagoff S, Ong K, Sim PH. Pressure ulcers randomised controlled trial comparing hydrocolloid and saline gauze dressings. Med J Malaysia 1998; 53: Graumlich JF, Blough LS, McLaughlin RG, et al. Healing pressure ulcers with collagen or hydrocolloid: a randomized, controlled trial. J Am Geriatr Soc 2003; 51(2): Meaume S, Gemmen E. Costeffectiveness and wound management in France: pressure ulcers and venous leg ulcers. J Wound Care 2002; 11(6): Kerstein M, Gemmen E, van Rijswijk L, et al. Cost and cost effectiveness of venous and pressure ulcer protocols of care. Dis Manage Health Outcomes 2001; 9(11): Heyneman A, Beele H, Vanderwee K, Defloor T. A systematic review of the use of hydrocolloids in the treatment of pressure ulcers. J Clin Nurs 2008; 17: Moore Z, Cowman S. The role of nutrition in the prevention and management of pressure ulcers. Geriatrics and Aging 2008; 11: Bouza C, Saz Z, Muñoz A, Amate J. Efficacy of advanced dressings in the treatment of pressure ulcers: a systematic review. J Wound Care 2005; 14(5): Gray M, Weir D. Prevention and treatment of moisture-associated skin damage (maceration) in the periwound skin. J Wound Ost Continence Nurs 2007; 34(2): Butcher M, Thompson G. Pressure ulcer prevention: can dressings protect from pressure ulcer damage? An advertorial. Wounds International 2009; 1(1). Available at: woundsinternational.com/article.php?c ontentid=122&articleid=8793&page=3 (accessed 21 September 2011). 35. Thomas S. The role of dressings in the treatment of moisture-related skin damage. World Wide Wounds Available at: worldwidewounds.org/2008/march/ Thomas/Maceration-and-the-role-ofdressings.html (accessed 27 September 2011). 36. Fletcher J. The benefits of using hydrocolloids. Nursing Times 2003; 99(21): Dimond B. Pressure ulcers and litigation. Nursing Times 2003; 99 (5):

Prevenzione delle Ulcere da Pressione

Prevenzione delle Ulcere da Pressione delle Ulcere da Pressione GUIDA RAPIDA DI RIFERIMENTO 1 Introduzione Questa Guida Rapida di Riferimento riassume le linee guida basate sulle prove di efficacia relative alla prevenzione e al trattamento

Dettagli

Epidemiologia delle piaghe da decubito

Epidemiologia delle piaghe da decubito G Gerontol 2011;59:237-243 Società Italiana di Gerontologia e Geriatria Articolo di aggiornamento Review Sezione di Geriatria Clinica Epidemiologia delle piaghe da decubito Epidemiology of pressure ulcers

Dettagli

Gestione del rischio clinico. lesioni da pressione: prevenzione e trattamento. linee guida di riferimento regionale

Gestione del rischio clinico. lesioni da pressione: prevenzione e trattamento. linee guida di riferimento regionale Gestione del rischio clinico lesioni da pressione: prevenzione e trattamento linee guida di riferimento regionale REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Direzione centrale salute, integrazione socio sanitaria,

Dettagli

Manuale di formazione per il governo clinico: Appropriatezza

Manuale di formazione per il governo clinico: Appropriatezza DIPARTIMENTO DELLA PROGRAMMAZIONE E DELL ORDINAMENTO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA Ufficio III ex D.G.PROGS Manuale di formazione per il governo clinico:

Dettagli

La sanità e l assistenza sanitaria nel 2015

La sanità e l assistenza sanitaria nel 2015 IBM Global Business Services IBM Institute for Business Value La sanità e l assistenza sanitaria nel 2015 Sanità Evoluzione dei modelli di erogazione dei servizi sanitari IBM Institute for Business Value

Dettagli

La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato

La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato Maggio 2010 PREFAZIONE Al fine di contribuire ad un adeguata gestione dei rischi psicosociali, negli ultimi anni l ISPESL ha adottato una strategia

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

Health21: La salute per tutti nel 21 secolo (Health21: Health for all in the 21st century)

Health21: La salute per tutti nel 21 secolo (Health21: Health for all in the 21st century) Health21: La salute per tutti nel 21 secolo (Health21: Health for all in the 21st century) Introduzione alla strategia della Salute per tutti nella Regione Europea dell Organizzazione Mondiale della Sanità

Dettagli

Linea Guida per l Organizzazione di un Sistema Prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese

Linea Guida per l Organizzazione di un Sistema Prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese Linea Guida per l Organizzazione di un Sistema Prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese PRESENTAZIONE Il presente lavoro si propone l obiettivo di fornire un modello organizzativo ispirato ai Sistemi

Dettagli

SOMMARIO. Editoriale 5. Messaggio del Direttore Generale 10. Schema del rapporto 12

SOMMARIO. Editoriale 5. Messaggio del Direttore Generale 10. Schema del rapporto 12 SOMMARIO Editoriale 5 Messaggio del Direttore Generale 10 Schema del rapporto 12 1. La salute mentale come parte della salute pubblica 17 Introduzione 17 Comprensione della salute mentale 19 I progressi

Dettagli

ECTS - Guida per l'utente

ECTS - Guida per l'utente ECTS - Guida per l'utente Ulteriori informazioni sull Unione Europea compaiono nel sito http://europa.eu Titolo originale: ECTS Users Guide edito nel 2009 dalla Commissione Europea Traduzione in Italiano

Dettagli

Linee Guida pratiche basate sull evidenza sull uso dei distanziatori nel trattamento dell asma bronchiale infantile edizione 2008

Linee Guida pratiche basate sull evidenza sull uso dei distanziatori nel trattamento dell asma bronchiale infantile edizione 2008 Linee Guida pratiche basate sull evidenza sull uso dei distanziatori nel trattamento dell asma bronchiale infantile edizione 2008 Coordinatore: Daniele Radzik, U.O. di Pediatria, Ospedale San Giacomo,

Dettagli

Kangaroo Mother Care Una guida pratica

Kangaroo Mother Care Una guida pratica ARTICOLO DI AGGIORNAMENTO Acta Neonantologica & Pediatrica, 1, 2006, 5-39 Kangaroo Mother Care Una guida pratica Edizione Italiana del testo WHO a cura del Gruppo di Studio della S.I.N. sulla Care in Neonatologia

Dettagli

Prevenzione e controllo delle infezioni da Clostridium difficile

Prevenzione e controllo delle infezioni da Clostridium difficile GIIO DOCUMENTO DI INDIRIZZO Prevenzione e controllo delle infezioni da Clostridium difficile Il presente documento è frutto della collaborazione di molte persone ed è stato condiviso con gli organi collegiali

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO 1 INDICE LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO ---------------------------------------------------------------------------------------------1

Dettagli

Come cambia la cura dell infanzia

Come cambia la cura dell infanzia UNICEF Centro di Ricerca Innocenti Report Card 8 Come cambia la cura dell infanzia Un quadro comparativo dei servizi educativi e della cura per la prima infanzia nei paesi economicamente avanzati La presente

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DIREZIONE GENERALE DELLA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E DELLA NUTRIZIONE LINEE DI INDIRIZZO

Dettagli

INDICE INDICE 2 SINTESI DEL LAVORO 6 1.5 LA MANUTENZIONE SU CONDIZIONE 41

INDICE INDICE 2 SINTESI DEL LAVORO 6 1.5 LA MANUTENZIONE SU CONDIZIONE 41 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e della Produzione Dottorato in Tecnologie e Sistemi di Produzione - XXI Ciclo Tesi di Dottorato

Dettagli

Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche

Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche www.sicob.org Società Italiana di Chirurgia dell Obesità e delle malattie metaboliche (S.I.C.OB.): linee guida e stato dell arte

Dettagli

L aggiudicazione di un PPP e l utilizzo del dialogo competitivo in Europa. Un indagine sulle pratiche nell UE

L aggiudicazione di un PPP e l utilizzo del dialogo competitivo in Europa. Un indagine sulle pratiche nell UE European PPP Expertise Centre European PPP Expertise Centre European PPP Expertise Centre European PPP Expertise Centre L aggiudicazione di un PPP e l utilizzo del dialogo competitivo in Europa Un indagine

Dettagli

LINEE GUIDA OMS SULL'IGIENE DELLE MANI NELL'ASSISTENZA SANITARIA (BOZZA AVANZATA)

LINEE GUIDA OMS SULL'IGIENE DELLE MANI NELL'ASSISTENZA SANITARIA (BOZZA AVANZATA) WORLD ALLIANCE FOR PATIENT SAFETY LINEE GUIDA OMS SULL'IGIENE DELLE MANI NELL'ASSISTENZA SANITARIA (BOZZA AVANZATA) SFIDA GLOBALE PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE 2005-2006 Cure Pulite sono Cure più Sicure

Dettagli

Risk management in Sanità Il problema degli errori

Risk management in Sanità Il problema degli errori Risk management in Sanità Il problema degli errori Attualmente il tema del rischio clinico si pone come argomento di rilevante severità che interessa vari settori della sanità ed ha un forte impatto sociale.

Dettagli

SALUTE 2020. Un modello di politica europea a sostegno di un azione trasversale al governo e alla società a favore della salute e del benessere

SALUTE 2020. Un modello di politica europea a sostegno di un azione trasversale al governo e alla società a favore della salute e del benessere SALUTE 2020 Un modello di politica europea a sostegno di un azione trasversale al governo e alla società a favore della salute e del benessere Pubblicato in inglese dall WHO Regional Office for Europe

Dettagli

QUANTO COSTANO GLI AUSILI?

QUANTO COSTANO GLI AUSILI? QUANTO COSTANO GLI AUSILI? Lo strumento SIVA - CAI: (SIVA COST ANALYSIS INSTRUMENT) Manuale per l analisi dei costi nei progetti individualizzati di sostegno alla vita indipendente Renzo Andrich, Matteo

Dettagli

Il benessere dei bambini nei paesi ricchi

Il benessere dei bambini nei paesi ricchi UNICEF Centro di Ricerca Innocenti Report Card 11 Il benessere dei bambini nei paesi ricchi Un quadro comparativo La Innocenti Report Card 11 è stata redatta da Peter Adamson. Il Centro di Ricerca Innocenti

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Documento di discussione Lo schema di regolamentazione: bilanciare sensibilità al rischio, semplicità e comparabilità Termine per la presentazione dei commenti:

Dettagli