COMUN,EDIADRANI0 DELIBERAZI ONE ORIGINAL E DELLA GIUNT A C OMUN ALE. N. 3,t det t t finr,2015 Reg.cen.Anno 2015 (PROVINCIA DI CATANIA)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUN,EDIADRANI0 DELIBERAZI ONE ORIGINAL E DELLA GIUNT A C OMUN ALE. N. 3,t det t t finr,2015 Reg.cen.Anno 2015 (PROVINCIA DI CATANIA)"

Transcript

1 COMUN,EDIADRANI0 (PROVINCIA DI CATANIA) DELIBERAZI ONE ORIGINAL E DELLA GIUNT A C OMUN ALE N. 3,t det t t finr,2015 Reg.cen.Anno 2015 Su proposta n" 31 del 2U0?{2015 ÙGGETTO: " Progetto Città Pulita" - Approuazione schema di conztenzione con l'associazione Nazionale Ranger Sez. Proo. Catania, mandato alla sottoscrizione ed impegno di spesa. L'annoduemilaquindici addì,ttj^a- del mesedi ffgn>c atteorezlì,ijin Adrano nella sala delle adunanze della Sede Comunale, convocata a norme di legge, si è riunita la Giunta Comunale. Presiede l'adunanzn il Sig.Ferrante Gittseppe nella suo rynlità di Sindnco e sono presenti i seguenti Signori : 1 Ferrnnte Giuseppe Sindnco 2 Gullotta Giosuè Vice Sùdnco 3 Longo Cliara Assessore 4 Cnlnmbrogio Vincenzo Assessore 5 Branclina Angeln Assessore 6 Maz'ica Pietro Assessore 7 Scnruagliei Brenda Assessore TOTALEPRESENTIN. \ D v { x X K A V x \ Risultato legale il numero dei presenti il Presidente dell'adunanza dichiara aperta la seduta ed invita i Convocati a deliberare sull'oggetto sopraindicato. Partecipa il Segretario Cen.le Dott.ssa Natalin Torre

2 LA GIUNTA MANICIPALE ) Vfsfn I'allegata proposta di deliberazione no 3 1 del relativa all'oggetto: " Progetto Città Pulita" - Approvazione con l'associazione Nazionale Ranger Sez. alla sottoscrizione ed impegno di spesa. schema ili conaenzione Prou. Catania, mandato > RITENUTA la suddetta proposta meritevole di approvazione; > VISTI i pareri espressi sulla proposta di deliberazionel > VISTO l'ordinamento A.EE.LL. vigente in Sicilia; DELIBERA - Di approvare l'allegata proposta di delibera n'31 del relativa all'oggetto: " " Progetto Città Pulita" - Approaazione schema di conaenzione con l'associazione Nazionale Ranger Sez. Proa. Catania, mandato alla sottoscrizione ed impegno di spesa", che si intende integralmente trascritta ad ogni effetto di legge sia per la parte relativa ai presupposti di fatto e di diritto che per la motivazione e la parte dispositiva. Ed inoltre: Con separata votazione resa nei modi di legge, all'unanimità DELIBER4 di dichiarare la presente deliberazione immediatamente esecutiva, a tutti gli effetti di legge, stanti i motivi di urgenza. rilevabili o contenuti. che non consentono ritardo alcuno nell'esecuzione del provvedimento medesimo. Il presente rerbale, dopo la lettura ttiene sottoscritto per confenna. L'ASSEgSORE

3 Oggetto: Nazionale COMUÀIE DIADRAAIO (PROVINCI A D I CA'IANI A) PROPOSTA DI DELIBERAZIONE "Progetto Città Pulita" - Approvazione schema di Ranger Sez.Prov.Catania, Mandato alla sottoscrizione ed l) rttpostlt rtn tlal?1r:!:n?m5 convenzione con l'associazione impegno di spesa. I ì f'astr - I'ROPONENTE: n '.{252 ct'l l612/2u15. I\ IJ IIIA N4 LrN t( 'AI t-l RtsuLtA t o IsT RUTI or IA I I I' \RI-RE Dl Rt COLARI ra' rtcnl(-a.,-;.., tqvrrt.t\r,r I ]r,,.llriatir,....]':. 2 Fase - SFICRI'IARlO CENERALE tr Rì(-FllESTA suiì)l.l Mt,Nl( ) ISTRLJIT(IRIA PIÌ()T. N l)t ì 5tì()lt TARt(ì(ìt Nt-tiAl I hr/-u.,,,ru,,,, o..,,*[, I\ I'l \t\ ì\.'. A N ESTAZIONE COPERTURA FINA MAN( A I A( ()I'I Iì1T]IìA IìNAN/IA, r,airlla t.1". ( ( )t,f t{tuiìa P t-_tt c. :r rì'f.!a N( )N I'JtfVÌSTA Ilt() tr IiITììASM}.:SSA ] )AI SF ft(iiii I'R()T. N. ì)ft ìt ill.st,()nsabtj I Ì)t AIìt A D TIìAsM!]SSA AI I A (;II.JN I A (.OMUNAI I AT)IIAN( ) I ì 'O/n,,',,,n,, ni( rvvtr(!tit(, B A l Tec/z"u^, {iìo.., sl- 'I(,) r,) zcrl o3 ciilro-3 sl.(ìiilitatil(r (;t Nt tìai I Il Rtsr,() iliasn,1f.5sa AI ì )ii I l 'ttl:tì l,lì( j I N [)F.t. II ìt I-"Sì\ }N5Ai]I I.Fì I )I S}.IT()IìF] I-INANZIAIII')!'' VIql ( ) It tìt-tsp()nsaiì I ì)f.t st-.tìvtlt(r Prttftttsttt atl iniziatitta del ComanLlantc del Corpo Lli Polizia Municipalc

4 Oggetto: "Progetto Città Pulita" - Approvazione schema di convenzione con l'associazione Nazionale Ranger Sez.Prov.Catania.. IL COMANDANTE Premesso. che l'associazione Nazionale Ranger Sez.Prov.Catania, con sede legale in Adrano, contrada 'Pernicotto", ha presentato con nota del , assunta al protocollo generale al n' 30045, un progetlo finalizzato al controllo delle microdiscariche abusive, allegato alla presente sub "A",. che tale progetto intende gestire il fenomeno delle emergenze ambientali nel territorio comunale e segnatarnente concorrere alla lolta all'abbandono di rifiuti in microdiscariche abusive;. che l'associazione, per il progetto de quo, ha rìchiesto solamente il rimborso delle spese sostenute per le assicurazione ai volontari, rimborso spese per lo svolgimento dei servizi, costo carburantt e usura auto, acquisto di materiale logistico, a discrezione di questa Amministrazione comunale; i Che questo Ente intende accogliere la proposta avanzala dall'associazione Nazionale Ranger Sez. prov.catania in quanto il controllo prevenlivo si rende indispensabile da un lato al fine di scongiurafe problemalìche igienico - sanitarie e dall'altro al fine di evitare aggravio di spese connesse alla eliminazione delle microdiscariche abusive, tenuto conlo anche della esiguità del personale in servizio attivo presso questo Comando di Polizia municipale; visti gli articoli 29,30 e 31 del vigente Regolamento di contabilità approvato con Delibera n. 14 del 18t2t1997 Vista la Delibera del C.C. n. 2 dell' di approvazione del bilancio di previsione 2014 e pluriennale , Vistoit D.tU. det 24l12l2O14 conil quale è stato iissato il termine per l'approvazione del bilancio2015 a ,.he il tilancio di previsione 2015 del Comune non è stato ancora approvato; Vrsto l'art c. 1 e 3 del D.Lgs. n , Vìsta la Determina sindacale n Ritenuto di dovere impegnare al Cap ( ) la somma di.6.500,00 (Euro seirnilacinquecento) la quale nenlra nei lìmiti di cui all'art. '163, 'l e 3 del T.U.E.L.. VISTA la L. n.266/1991 e L.R. n , TUTTO CIO' PREMESSO e che si vuole formi parle inlegrante e sostanziale del presente atto, PROPONE r Approvare lo schema di convenzione allegato al presente atlo sotto la lettera "B" accogliendo la proposta avanzata dalla Associazione Nazionale Ranger Sez.Prov.Catania, come sopra allegato sub. Dare mandato al Comandanle della Polizia Municipale a solloscrivere, per conlo di quesla Amrninislrazione Comunale, la relativa convenzione con l'associazione Nazionale Ranger Sez.Prov.Catania.. tmpegnare!a complessiva somma di 6.500,00 (Euro seimilacinquecento) nei limiti di cuì all'art. 163, c.'1 e 3 del TUEL, stabilita a litolo di rimborso massimo per le spese sostenute dall'associazione Nazionale Ranger Sez.Prov.Catania per l'esplelamento del servizio, per I'esecuzione del progetto e per il raggiungimento degli obiettivi per il periodo di tre mesi a decorrere dalla data di soltoscrizione della cor'ìvenzione, dal Cap.9590 ( ).. Munire la presente, stante l'urgenza, di immediata esecutività. : It COMANDANIT..i'.... ldt)lt. \ ritur'y',, Ii,r,'l l{".r'. ' \ \, \ '.!: r, ì\\\ti \l \L

5 N,LTSAU; A) Progatto "Cittti P ulita" Il) Sclmnn di corntetzione. &1RIBI: - RECOLAIIITA' TECNICA: (lri!. Lrt]8l, n.l1]/ Llo ( os', t ore rer e il.r.laìla Lìì. n.11t,/91.,16 2-?ot; - TTI,GO ri5/j1r311 i;;i;;1 i1,.1't. )t! tt!lt trlltt innl! Ir r\ir. ir 2 q FEB, 2015 /L RE,SPONSABI S E R\/ IZI o /t/-sol-sè f i NA \,.'l 4 /ì/r.,: ]

6 ,Associazione Nazionale Ranger Sez. prov. Catania. Sede c/da Pernicotto sn AdÉno Ct Tel / Mail lll-''[),, i.-.'rr i da:.rr-, t-ti. it Èj itijl (À.i_)i,.,U,9SEI Al Sig. Sindaco di Adrano \_ All' Assessore All'Ecologia ed Ambiente Progetto Citta pulita PRESENTAZIONE. Associazione Nazionale RANGER. Riconosciuta dalle organizzazioni nazionali di protezione civile 'rucùnoscruta dar dipaéimento derla protezionc civ e regionare di 20 rivero. 'Ricouosciuta come associazioo" "-ui.rt"ii.tjrrr, ii.*i;.. si"li*" il"..ito 1 tugrio 20r4 l;,iìrll:,r" ors6ciazione Opera Senza fine di tucro anche indiretto a*raverso te seguenti Tutela e salvaguardia DelliAmbiente F,lora e trauna selvatica ed acquatica, Intervento Protezione civ e Awistamento e prevenzione Incendi Boschivi, cooperazione Per servizi Aus,iari con Istituzioni Enti pubbrici e privati, A,filiata alla ( F I's'I'A'E. ) T"tryr-"1. Italiana sportiva Istituti Attivita, Educative Riconosciuta Dal c.o.n.i. / L. No426 det titiua 1ii.'ll D.p.R. No s30/1974 Premessa : L'Associazione Nazionare Rangel li propone quare coregamento tra, tessuto sociate e le istituzioni pubbriche. o"" m"rsro denu."irt.g."!io;eìi un interesse colettivo : L,Ambiente il miglioramento derie conoscenze dere comp?ì"nii a-hertari e degri ecosistemi e, un obbiettivo prioritario, in quanto I'ambiente p.à..rt" ìnu triprice dimensione :. personale ( quale diritto fondamentale dell'ambiente di ogni uomo ); ' sociale ( quale diritto fondamentale dell'ambiente nelle formazioni la personalitar sociali ùuura. in,.r cui sur umana si sr sviluppa ) ( art. 2 della costrtuzionel;

7 . pubblica ( quale diritto - dovere pubblico delle istituzioni centrali e periferiche con speciliche competenze ambientali ); in questo contesto persone, gruppi, associazioni ed anche gli enti territoriali non fanno valere un generico interesse diffuso, ma dei diritti e agiscono in forza di una autonoma legittimazione : " Tutehre L'Ambiente r'. il proposito e' quello di verificare I'efficacia e la fattibilita' di un organismo di collegamento che fornisca stimoli concreti, nel senso del dialogo e dello scambio, tra le diverse realta' sociali e che sappia nel contempo rispondere alle sempre maggiori richieste di servizi per il miglioramento della situazione ambientale. LA PRESENZA CIVILE OPERATIVA NEL TERRITORIO DEL COMUNE Gestione della salvaguardia eyaloruzazione dei beni culturali e vigilanza nelle aree di scarico di rifiuti abusive, ricadenti nel territorio comunale. I beni culturali sono elementi importanti e dobbiamo saperne apprez;zare i benefici, infatti ono un bene prezioso per tutta la collettivita' e Ia storia e la tradizione di un territorio e dei suoi cittadini. Il nostro obbiettivo e' di far riawicinare piu' gente possibile a contatto con Ia natura ed i suoi beni culturali. In paéicolare si perseguiranno due finalita': a) far godere dei beni esistenti tutti i cittadini,dimostrando la funzione sociale dellistituzione. b) svolgere attivita' didattica ed informativa, creando occasioni di interesse li.ia soprattutto garandendo miiùénti di salute e relax fisico e psicologico. In riferimento al punto a ), poiche' le associazioni ambientaliste ricevono formale e legale riconoscimento a svolgere un'attivitar lecita e produttiva di effetti a tutela di interessi collettivi di cui sono ono portatori, avento nelle proprie Iinalitar statutarie la protezione della natura e nello scopo dei volontari aderenti, che in modo del tutto gratuito, individuano nella salubrita' dell'ambiente I'elemento integrante della personalita' umana. Si vuol raggiungere tale linalita' attuanto una vigilanza nelle suddette aree di scarico di rifiuti abusivi e dove vi e' presenza di beni culturali di particolare interesse, anche europeo, da tutelare, anche nelle ore serali, Vigilanza intesa in senso preventivo in ordine alla corretta applicazione e gestione dei beni, che non deve assolutamente equivocarsi e tradursi con la vigilanza repressiva di ordine di polizia giudiziaria. lnoltre, ai sensi dell' art. 21 comma 4 del DLGS 22t97 (Decreto Ronchi ) lo spettro di azione con la quale i comuni possono attuare questi principi sopra menzionati si er ampliato enormemente. Difatti, il suddetto aéicolo recita: "Nell'attivita' di gestione dei rifiuti urbani, i comuni si possono awalere della collaborazione delle associazioni di volontariato e della partecipazione dei cittadini e delle loro associazioni". Questo sta a significare che i comuni basandosi su quei principi di eflicienza, efficacia e soprattutto di economicita'riescono a migliorare notevolmente I'attivita' di gestione dei rifiuti urhani a costo zero, dove "gestione" non vuol dire solo " recupero dei riliuti " ma amministrare con coscienza, attuando servizi integrativi di prevenzione e salvaguardia. Dia per tanto, la collaborazione di associazioni di volontariato come questa,esendo O.N.L.U.S!.4 - \v l Y.. i I

8 (oranizzazioni non lucrative di utilita' sociale ) ai sensi dell' aé. l0 comma g del decreto Lgs 4ll2l97 n.460, non a nessuno scopo di rucro e quindi L'amministazione pubbrica puo, rafforzare il servizio di tetela ambientale, intesa ad assicurare anche la tutela igienico- sanitaria del proprio territorio, col semplice rimborso delle spese ai volontari. In riferimento al punto b), si vuol valorizzare I'ambiente attraverso la raelizzazzione di campagne di sensibilizzazione e di educazione ambientale. Conoscenza, informazione e comunicazione ai fini detla tutela e valorizzazione dei beni culturalir_ sono aspetti primari che queste associazioni vogriono perseguire ar fine di dare giusto valore " alf integratore fisico ', delta nostra vita., sara'pertanto indispensab e attivare gri opportuni monitoraggi ambientali ar fine di adeguare la base di conoscenza necessaria ad una pianificazione, iiceoao, "*i,, "ooos"".e ui cittadini le piante, gli alberi ed i fiori dei parchi, i r,oro benefici,ra loro belrezza, ra loro provenienza. Educare all'ambiente vuor dire anche favorire ra socializzazione da parte dei giovani, promuovendo valori di fraternita', quali la condivisione e I'uguaglianza attravirso percorsi di conoscenza di detti beni, ma soprattutto per incendivare, attràveào i giovani, ta crescita del volontariato. Dedicarsi a una attivitat non profit come volontario er comunque un ottimo tirocinio per un giovane agli inizi, non ancora consapevole di quali siano le dinamìche del mercato del lavoro e soprattutto, nelle relazioni con gli altri suoi luoghi di lavoro, un periodo coure volontario pu:: raqpr:slnjarew un'espcrienza morto ut e per conoscere se stesso e verificare le proprie motivazioni al lavoro. Realizzare azioni dimostrative e di sensibilizzazione rivolte alla cittadinanza, promuovento incontri, dibattiti su tematiche sociali e culturali, nell'ambito di attivita' di educazione ambientale dirette anche ad incentivare I'impegno del volontariato. Considerando che I'attuazione e il rispetto del diritto comunitario dell'ambiente sono uno degli elementi fondamentali delta politica ambientale della comunita' europea, faigodere del verde e dei beni culturali tutti i cittadini valorizzandone nel contempo il rispeito de'ila natura che ci circonda, non e solo I'opportunitat di mettere in atto una politica internazionale, ma consentire di ridare e quindi di far rivivere ai bambini e adulti Ia natura nell'interesse collettivo. RISORSE DISPONIBILI. no 10 Yolontari con varie quali{iche professionali di seguito elencati: No 5 volontari con decreto prefettizzio di agente ittico, che da qualifica di polizia giudiziaria. No 5 volontari di protezione civile, tutto il personale volontario impiegato nelle attivita' er regolarmente assicurato ai sensi dell' art' 4 e 7 comma 3 della legge ; automezzi di servizio con scritte identificative della associazione RAI\GER

9 Responsabile del Progetto il Presidente Provinciale dell'associazione Ranger Lanzafame Antonino. PIANO ECONOMICO Con la premessa che questa associazione opera senza fine di lucro ed a titolo gratuito, per la realhzazione di tale progetto occorre un rimborso spese, per un periodo di mesi 3 rinnovabili 7.500,00 di seguito elencato. Che I'associazine andrat a sostenere. L'associazione RANGER per saldo di quando richiesto emettera' ricevuta per I'importo esente da iva ai sensi delt'art. 10 D.P.R e seguenti. SPESE Assicurazione per no 10 Volontari rimborso spese ai volontari per lo svolgimento dei servizi spese inerenti le autovetture di servizio spese per materiale d'ufficio divulgativo, ed informativo acquisto di apparati ricetrasmittenti LPD, completi di batterie e no2 antenne per il collegamcnto diretto dei parchi acquisto n02 borsoni prontosoccorso completi spese varie materiale di consumo e vari L'Amministrazione Comunale si riserva la facolta' di verificare attraverso un proprio responsabile le attivita' svolte dall'associazione indicata in premessa. Il perdurare di situazioni di forme dalle indicazioni contenute nel presente progetto consente all'amministrazione comunale contraente la facolta' di recedere il progetto stesso dandone comunicazione scritta all'associazione partecipante al progetto. alla presente si allega: copia dell'atto Costitutivo e Statuto dell'associazione Nazionale Ranger copia del codice fiscale dell'ass. Ranger il responsabile del progetto : il Presidente Provinciale dell'associazione Ranger Lanzafame Antonino t._-_"

10 ALLEGATO "B" CONVENZIONE DEL PROGETTO "CITTA'PULITA" L anno duemilaqurndro, il glorno del mese di in Adrano, nei locali di Palazzo Bianchi, SONO PRE ENTI: da una parte iì Dott. carmelo Rao, nato in Adrano il 9/6/1952, Comandanle del corpo dl PoliTia lvlunicipale, per la carica domiciliato in Adrano presso il comune dì Adrano, il quale interviene alla presente in nome e per conto dell'amministrazione Comunale di Adrano, a quanto infra aulorizzato con Deliberazaone della Giunta Municipale n. del dall altra pade il Sig. qualità dr Presidente della "Associazione Nazionale Ranger É\drarìo. c.da Pernicofto. - C.F Fra rdetti contraenti, nelle espresse rispettive qualità, si conviene quanto segue: ARTICOLO I il quale intervaene alla presente tn Sez.Prov.Catania" con sede legale in A rnezzo della presente convenzione, il Comune di Adrano, GOme sopra rappresentata, nell'ambito del progetto presentalo, accoglie la proposta dell' "Associazione Nazionale Ranger s z Prov.catanta,,, denominato "Progetto città Pulita", portante lotta all'abbandono di rifluti in mrcrodrscanche abusive. La presente convenzione avrà la durata di mesi tre a decorrere dalla data di sottoscrizione della presente. -+ ARTICOLO 2 L'Associazione Nazionale Ranger Sez. Prov.Catania, si impegna a svolgere il servizio attraverso una attività sislematica e costante di vigilanza nell'ambito del territorio comunale assicurando. tn turrìazrone di personale volonlarìo e con i propri mezzi, quanto al superiore Adicolo 1. La vigilanza dovrà essere Svolta quotadianamente in almeno due turni (antimerdiano e pomeridiano/serale), L'Associazione opererà sotto il controllo del corpo di Polizia Municipale il quale, per il migliore espletamento del servizio e per assicurare il coordinamento con gli uffìci comunali competenti, potrà dettare direttive e modalità di espletamento dell'attività di vigilanza ARTICOLO 3 euanto previsto dal precedente Articolo 2, dovrà essere svollo esclusivamente dal personale voiontario appartenenle all'associazione Nazionale Ranger Sez.Prov.Catania I Lo stesso sarà impegnalo con un minimo di 6 unità pro-die, e per il reslante personale, in relazione alla disponibilità degli associali garantendo la proficua e piena efficienza del servizio con rnezzi propri ed uslifruendo di tutta l'attrezzalura occorrente. L'Associazione di Volontariato, solleva in ogni caso il Comune di Adrano da ogni responsabilità o danno che possa verificarsi duranle lo svòlgimento del servizio nascente dalla presente convenzione lei confronti del personale impegnato e/o di terzi. ARTICOLO 4 L-a presenle convenzione avrà la durata di mesi tre a far data dalla sottoscrizione della medesima Con cadenza settimanale l'associazione redigerà apposita relazione dettagliata, corredata dai rilievi!otografici.

11 Alla scadenza del progetto sopracitato, l'associazione dovrà redigere una dettagliata relazione finale da inviare all'amministrazione comunale, sulla attività svolta e i risultati conseguiti. ARTICOLO 5 A titolo di rimborso massimo per le spese dall'associazione sostenute nell'ambito della presente convenzione e necessarie per l'esplelamento del Servizio, l'eseouzione del progetto ed il raqgiungimenlo degli obiettivi sarà corrisposta, la somma complessiva (lva compresa) fino ad 6 500,00 (Euro seimilacinquecento) onnicomprensiva di tutte le spese sostenule dall,associazione medesima e segnatamente di quelle relative alla coperlura assicuratìva del personale impegnato che costituisce elemento essenziale della presente, all'acquisto.lei carburanti deì mezzi impegnati e delle spese di manutenzione degli stessi, all'acquisto e nlanulenzione delle attrezzature di supporto, all'acquisto dei materiali da consumo, alìe spese di documentazione fotografica di cancelleria e delta modulistica varia, alle spese di vettovagliamento dei partecipanli e di quanl'altro necessario al fìne dell'espletamento del servizio e del raggiungimento der risultati ARTICOLO 6 La somma sarà erogata. previo prowedimento di liquidazione da adoltarsi da parte del comandante di p.m. su presentazione di apposito rendiconto corredato dai relativi documentr contabili giustiflcativi delle spese sostenule, in unica soluzione, posticipata e cioè alla scadenza del lermine della presente convenzione sino a complessivi ,00 (Euro seimilacinquecento), ed accreditata sul conto IBAN indicato dal legale rappresentate dell'associazione Nazionale Ranger sez.prov.calania.

12 CERTIF I CAT O DI P UB BLI C AZION E ll sottoscritto Segretario Comunnle certifca, su confonne nttestazione del Responsabile, cle la presente deliberazione è stata affssn nll'albo Pretorio on-line di questo Comtnte, n fnr dntn dnl J 2 RR,2015 e pi è rinmstn,,rrr U $ ltlflr.2015 Adrano, ll Resp ons abile ilella P ubblicazione ( Domenico Burzillà) Il Segretario Generale CERTIF I CAT O DI E SE CUTIWT A' ll Segretaio Genernle z,isti gli atti rl'ufficio CERTIEICA Che la presente ileliberazione è dioeruta eseaùioa il gionrol.l. fitflsrt$l$sezao: v o Atto immediatamente esecutiz,o (Art.12-2" co. L.r. n"44/9'1) Atto dittenuto esecutirto (Art.12-7o co. - L.r. n" 44/91 ) Adrnno, ll Responsabile del Proceclimento ( Domenico Burzilla') ll Segretario Generale

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente Protocollo n. 10388 DELIBERAZIONE N. 33 in data: 28.10.2014 Soggetta invio capigruppo Trasmessa al C.R.C. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI

CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI CITTA' DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI 6 Settore: Tutela Ambientale Servizio Proponente:Servizi per l'ambiente Responsabile del Procedimento:G.Laudicina Responsabile del Settore: R.Quatrosi DETERMINAZIONE

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

L anno duemila il giorno del mese di TRA

L anno duemila il giorno del mese di TRA CONVENZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELLE FUNZIONI CATASTALI DI CUI ALL ART. 3, COMMA 2, lett. A), D.P.C.M. 14 GIUGNO 2007 (OPZIONE DI 1 LIVELLO). L anno duemila il giorno del mese di TRA 1.

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Città di Ginosa C.A.P. 74013 - Provincia di Taranto - cod. ISTAT 073007 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Città di Ginosa C.A.P. 74013 - Provincia di Taranto - cod. ISTAT 073007 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Città di Ginosa C.A.P. 74013 - Provincia di Taranto - cod. ISTAT 073007 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 95 Del reg. Data 28.4.2015 COPIA OGGETTO: Elezioni regionali del 31 maggio 2015

Dettagli

COAWYE PERC,1. (Provincia di Siracusa) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE LA GIUNTA MUNICIPALE

COAWYE PERC,1. (Provincia di Siracusa) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE LA GIUNTA MUNICIPALE COAWYE PERC,1 (Provincia di Siracusa) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. i Registro Delibere OGGETTO: Prosecuzione fino al 31/12/2014 n. 12 contratti di lavoro di diritto privato a tempo determinato

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO (Provincia di Taranto) N. 231 del Reg. delib. REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE Oggetto: Riqualificazione dell area comunale in Campomarino denominata Parco Comunale Via

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE

... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE CITTÀ DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani... DELIDERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE n.ili: del 2 8 MRR. 2014 OGGETTO: Concessione di no 2 borse di studio intilolate alla memoria del dotto Mauri zio Vi

Dettagli

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Articolo 1 - Costituzione E' costituita una Associazione denominata: Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP)

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi.

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 1 2 OGGETTO: Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. L anno 2012 (Duemiladodici) addì 27 (Ventisette) del mese

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 ================================================================= OGGETTO: CORREZIONE ERRORE MATERIALE

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE sede: Casella Postale N.6 C/O Ufficio Postale Rm 161 Via della Fotografia 107 00142 Roma Mail: orti.urbani.tre.fontane@gmail.com REGOLAMENTO INTERNO Art. 1 - Scopo

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

La legge sul Volontariato della Regione Lazio

La legge sul Volontariato della Regione Lazio La legge sul Volontariato della Regione Lazio Legge 29 del 1993 Art. 2 Attività ed organizzazioni di volontariato 1. Ai sensi dell'art. 2 della legge n. 266 del 1991: a) l'attività di volontariato disciplinata

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

REGIONE CALABRIA. n. 66 del 7 Maggio 2012

REGIONE CALABRIA. n. 66 del 7 Maggio 2012 REGIONE CALABRIA DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE (nella qualita di Commissario ad acta per l'attuazione del piano di rientro dal disavanzo del settore sanitario della Regione Calabria nominato

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE Esente da bollo N.B.: presentare almeno 10 giorni prima dell inizio SPAZIO PER ETICHETTA PROTOCOLLO COMUNALE Si consiglia di presentare in triplice copia di cui n.1 timbrata dall Ufficio PROTOCOLLO da

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01535/019 Servizio Anziani e Tutele Tel. 31509

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01535/019 Servizio Anziani e Tutele Tel. 31509 Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 01535/019 Servizio Anziani e Tutele Tel. 31509 CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 74 approvata il 10 aprile

Dettagli

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1 LA PRESENTE COPIA NON SOSTITUISCE L ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N 133 DEL 08/10/2009 OGGETTO: ATTO D'INDIRIZZO PER PERFEZIONAMENTO AZIONI CONCLUSIVE PROGETTO ''LAVOR@BILE''. INSERIMENTO

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO (Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

VERBALEDror"**"xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN

VERBALEDror**xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN COMUNE DI MAGLIANO VETERE. 84050 MAGLIANO VETERE (SA) C.so Umberro t @ 0974/s92A32 _992076 COPIA VERBALEDror"**"xtzol?;?îfÈiftc4r-NTACOMUN OGGETTO: Approvazione Progetto esecutivo di efficientamento energetico

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

COMUNE DI SUELLI. Settore Tecnico SETTORE : Cirina Sergio. Responsabile: 697 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 266 NUMERAZIONE GENERALE N. 29/10/2013.

COMUNE DI SUELLI. Settore Tecnico SETTORE : Cirina Sergio. Responsabile: 697 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 266 NUMERAZIONE GENERALE N. 29/10/2013. COMUNE DI SUELLI SETTORE : Responsabile: Settore Tecnico Cirina Sergio NUMERAZIONE GENERALE N. 697 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 266 in data 29/10/2013 OGGETTO: CIG: Z660B2D707 LIQUIDAZIONE ACCONTO FATTURA

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI S T A T U T O Art. 1 - Al fine di collaborare con g1i Organi preposti alla tutele dell ambiente lagunare, nonché per conservare e razionalizzare le attività sportive che in esso vengono svolte durante

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ'

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' AL COMUNE DI Ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 19 commi

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli