Azienda Sanitaria Provinciale PA - Direzione Sanitaria Dipartimento Prevenzione U.O. HACCP -RSO. Rifiuti Sanitari e

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Azienda Sanitaria Provinciale PA - Direzione Sanitaria Dipartimento Prevenzione U.O. HACCP -RSO. Rifiuti Sanitari e"

Transcript

1 Azienda Sanitaria Provinciale PA - Direzione Sanitaria Dipartimento Prevenzione U.O. HACCP -RSO Rifiuti Sanitari e Rischio biologico Relatore: Dott.ssa Anna Pennino Dirigente Biologo 1

2 CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI SANITARI Non pericolosi Assimilabili ai rifiuti urbani Pericolosi non a rischio infettivo Pericolosi a rischio infettivo Rifiuti sanitari che richiedono particolari modalità di smaltimento 2

3 Rifiuti sanitari non pericolosi (N.B.:Dal punto di vista giuridico sono assimilabili ai rifiuti speciali) Rifiuti taglienti non ancora utilizzati (Aghi, lancette, pungidito, rasoi, bisturi monouso ) (CER )la cui confezione in cui sono contenuti risulti quella originale o adeguata alla protezione da rischi di tagli o punture. Farmaci scaduti (non citotossici) CER , soluzioni per infusione,etc Rifiuti non taglienti: Presidi medici e chirurgici ;gessi ortopedici,bendaggi,materiali per medicazioni (garze,tamponi bende,cerotti), indumenti monouso, assorbenti igienici e pannoloni,ecc.(cer ) Sangue, urine e feci (provenienti da pazienti che non sono infettivi) Sacche per il plasma e le riserve di sangue non utilizzate(cer ),sacche per nutrizione parenterale 3

4 Rifiuti Sanitari assimilabili ai rifiuti urbani Rifiuti contenenti residui dei pasti dei pazienti che provengono dai reparti di degenza (esclusi i reparti di malattie infettive nel caso di malattie infettive trasmissibili attraverso tali rifiuti) Materiali quali vetro (bottiglie, flaconi,contenitori di flebo), carta, cartone, plastica, metalli, imballaggi in genere, materiali ingombranti da inserire nel circuito di raccolta differenziata,la spazzatura camici e biancheria monouso (non contaminati da sangue o liquidi biologici) i gessi ortopedici, bende,assorbenti igienici anche contaminati da sangue esclusi quelli dei degenti infettivi,pannoloni e pannolini pediatrici;sacche utilizzate per le urine Rifiuti sanitari a solo rischio infettivo sottoposti a sterilizzazione il cui smaltimento abbia luogo in impianti di incenerimento per rifiuti urbani. 4

5 Pericolosi a rischio non infettivo Tossici e nocivi(n.b.:dal punto di vista giuridico sono assimilabili ai rifiuti speciali) Medicinali citotossici e citostatici Rifiuti di laboratorio dentistico e odontoiatrico Contenitori di sostanze chimiche pericolose e di residui di sostanze antiblastiche Rifiuti di laboratorio (solventi, reagenti, disinfettanti, reflui delle apparecchiature di diagnostica, liquidi coloranti e fissanti provenienti da laboratori di anatomia patologica) Sostante stupefacenti e psicotrope 5

6 Rifiuti pericolosi a rischio infettivo e allegato A Direttiva 9 aprile 2002 PROVENIENTI DA AMBIENTI DI ISOLAMENTO INFETTIVO NEI QUALI SUSSISTE UN RISCHIO DI TRASMISSIONE BIOLOGICA AEREA, NONCHE DA AMBIENTI OVE SOGGIORNANO PAZIENTI IN ISOLAMENTO INFETTIVO AFFETTI DA PATOLOGIE CAUSATE DA AGENTI BIOLOGICI DI GRUPPO 4 N.B.GRUPPO4:possono provocare malattie gravi nell uomo,costituire un serio rischio per i lavoratori,possono propagarsi alla comunità;non sono disponibili di norma efficaci misure profilattiche o terapeutiche 6

7 Rifiuti pericolosi a rischio infettivo e allegato A Direttiva 9 aprile 2002 RIFIUTI CHE SIANO CONTAMINATI DA FECI O URINE, NEL CASO IN CUI SIA RAVVISATA CLINICAMENTE DAL MEDICO CHE HA IN CURA IL PAZIENTE UNA PATOLOGIA TRASMISSIBILE ATTRAVERSO TALI ESCRETI 7

8 Rifiuti pericolosi a rischio infettivo e allegato A Direttiva 9 aprile 2002 RIFIUTI CHE SIANO CONTAMINATI DA SANGUE O ALTRI LIQUIDI BIOLOGICI CHE CONTENGONO SANGUE IN QUANTITA TALE DA RENDERLO VISIBILE quali: LIQUIDO SEMINALE, SECREZIONI VAGINALI, LIQUIDO CEREBRO-SPINALE, LIQUIDO SINOVIALE, LIQUIDO PLEURICO, LIQUIDO PERITONEALE, LIQUIDO PERICARDICO O LIQUIDO AMNIOTICO 8

9 Rifiuti pericolosi a rischio infettivo e allegato A Direttiva 9 aprile 2002 PROVENIENTI DA AMBIENTI DI ISOLAMENTO INFETTIVO E SIANO VENUTI A CONTATTO CON QUALSIASI LIQUIDO BIOLOGICO SECRETO OD ESCRETO DEI PAZIENTI ISOLATI 9

10 Rifiuti pericolosi a rischio infettivo e allegato A Direttiva 9 aprile 2002 PROVENIENTI DA ATTIVITA VETERINARIA E CHE SIANO CONTAMINATI DA AGENTI PATOGENI PER L UOMO O PER GLI ANIMALI 10

11 Rifiuti pericolosi a rischio infettivo e allegato A Direttiva 9 aprile 2002 Terreni di coltura e piastre utilizzati in microbiologia e contaminati da agenti patogeni Rifiuti taglienti o acuminati, spazzatura contaminata Reflui costituiti da prodotti chimici e reflui liquidi di apparecchiature di analisi contenenti residui biologici potenzialmente infetti Fiale e/o flaconcini di vaccini ad antigene vivo,dopo l utilizzo del farmaco 11

12 Rifiuti sanitari che richiedono particolari modalità di gestione e smaltimento Organi,tessuti e parti anatomiche non riconoscibili (N.B.:Dal punto di vista giuridico sono assimilabili ai rifiuti pericolosi a rischio infettivo) (CER ) Sostanze stupefacenti e psicotrope(cer )pericolosi a rischio non infettivo Farmaci citotossici e materiali visibilmente contaminati da medicinali citotossici e citostatici: garze,contenitori di farmaci, filtri delle cappe,indumenti, effetti letterecci monouso,dpi a fine utilizzo(cer ) pericolosi a rischio non infettivo Farmaci scaduti o inutilizzabili(cer ) Rifiuti da esumazione ed estumulazione Rifiuti derivanti da attività cimiteriali 12

13 RISCHI CONNESSI CON LA GESTIONE DEI RIFIUTI 13

14 Rischio biologico: è legato alla presenza nei rifiuti,di microrganismi in grado di infettare i lavoratori addetti a qualsiasi fase della catena di raccolta e smaltimento Rischio chimico: dovuto alla presenza nei rifiuti di sostanze chimiche derivanti dall'attività ospedaliera: disinfettanti (aldeidi, alcoli, fenoli,ammonio quaternario) farmaci, (in particolare quelli tumorali) Rischio nella movimentazione dei contenitori: per i rifiuti è anche presente un rischio di origine traumatica. Rischio infettivo: Legato solo ad alcuni tipi di rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo o a rifiuti che richiedono particolari modalità di trattamento. I rischi di natura infettiva sono essenzialmente conseguenti a infortuni con conseguenti ferite da taglio o da punta che interessano prevalentemente le mani,gli avambracci e gli arti inferiori 14

15 Society of Hospital Epidemiology of America (SHEA) IL RISCHIO PER LA POPOLAZIONE DERIVANTE DA RIFIUTI PROVENIENTI DA STRUTTURE SANITARIE E SOLO TEORICO L UNICA FRAZIONE DI RIFIUTO SANITARIO ASSOCIATO A TRASMISSIONE DI INFEZIONI E QUELLA DEI PUNGENTI E DEI TAGLIENTI 15

16 LA POCA CHIAREZZA SUL LIVELLO DI RISCHIO PUO DETERMINARE UNA SOVRACLASSIFICAZIONE 16

17 17

18 18

19 19

20 Economicita 20

21 Rifiuti Sanitari pericolosi a rischio infettivo DPR 254 del 15/7/

22 Rifiuti Sanitari Pericolosi a rischio infettivo DPR 254 del 15/7/

23 Gestione dei rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo Insieme di operazioni,in relazione fra loro,volte alla tutela dell ambiente ed al rispetto della normativa vigente SISTRI 23

24 Raccolta ed imballaggio Avviene all interno di ciascuna Unità Operativa,ambulatorio,laboratorio Contenitori idonei,collocati in posizione idonea,facilmente accessibili,il più vicino possibile al luogo in cui viene prodotto il rifiuto,realizzati in colori idonei a distinguerli da imballaggi per gli altri tipi di rifiuti sanitari Il contenitore è costituito da un imballaggio a perdere,anche flessibile formato da un sacco interno di polietilene e un secondo contenitore rigido ed impermeabile esterno, dotato di fascetta per la chiusura irreversibile di sicurezza, con capacità del contenitore tra 20 e 60 litri;resistente agli urti durante il trasporto e la movimentazione e recante sul contenitore esterno la dicitura Rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo con il segnale di rischio biologico. 24

25 Etichettatura (art.183 D.Lgs 152/2006) Tutti i contenitori devono essere dotati di etichetta con specifiche indicazioni al fine di poter effettuare la tracciabilità del rifiuto la lettera RNera su fondo Giallo per rifiuti speciali pericolosi Classe di pericolosità (H1,H2,H3;ecc.) Codice C.E.R. identificativo a tre coppie di cifre (xx xx xx); i rifiuti biologici vengono identificati dai codici 18 (rifiuto sanitario),01 (origine umana) o 02 (origine animale) ed altre due cifre (0x) che identificano in maniera più precisa la natura del rifiuto. Data di chiusura Reparto/Servizio di provenienza dei contenitori 25

26 Deposito temporaneo Ai sensi dell art.183,comma1,lettera m,del D.L.vo n152/2006 il raggruppamento dei rifiuti effettuato,prima della raccolta,nel luogo in cui gli stessi sono prodotti,alle seguenti condizioni: Devono essere rispettate le norme che disciplinano l imballaggio e l etichettatura l dei rifiuti pericolosi Deve avvenire per categorie omogenee 26

27 Requisiti per il Deposito Temporaneo (presso il luogo di produzione): divieto d accesso d al personale non autorizzato adeguata illuminazione ed adeguato ricambio d ariad temperatura < 25 attrezzatura idonea ad un eventuale spegnimento di incendio affissione del cartello con il simbolo del Rifiuto in campo giallo stoccaggio entro i 5 giorni dal momento della chiusura del contenitore(condizioni tali da non comportare rischi per la salute), salvo che per situazioni in cui i quantitativi di rifiuti sono inferiori a 200 litri e per i quali si può arrivare a 30 giorni,la registrazione sul registro di carico deve avvenire entro 5 giorni N.B.: I contenitori devono essere conservati integri e comunque non devono essere posizionati nelle vicinanze di lavandini, servizi igienici, fonti di vapore 27

28 Segnali da applicare nei punti di raccolta e nei depositi temporanei Non fumare non mangiare e non bere 28

29 CAUSE D INFORTUNIO A RISCHIO BIOLOGICO Manipolazione poco attenta del rifiuto, effettuata senza l'ausilio dei dispositivi di protezione individuale. Utilizzo di contenitori non adeguati per dimensioni,resistenza,impermeabilizz., chiusura Applicazione di tecniche scorrette di condizionamento (microclima) 29

30 MISURE GENERALI DI PREVENZIONE Utilizzo dei dispositivi di protezione individuale: (guanti, ecc.)in tutte le fasi della manipolazione del rifiuto Adeguata chiusura e corretta manipolazione dei contenitori per i rifiuti, prestando particolare attenzione ai taglienti. Rispetto delle modalità di raccolta diverse per i vari tipi di rifiuti eliminando i rifiuti secondo la tipologia nei contenitori/sacchi messi a disposizione Quando possibile, copertura vaccinale degli operatori. 30

31 Utilizzo Dei Dispositivi Di Protezione Individuale I dispositivi di protezione per gli operatori addetti alla manipolazione dei rifiuti sanitari devono tutelare l operatore dall interazione con gli agenti biologici e/o chimici che determinano il rischio di esposizione e vanno scelti, in considerazione della specifica attività espletata. 31

32 Adeguata chiusura e corretta manipolazione dei contenitori per i rifiuti 32

33 Proteggere le mani usando Dispositivi di protezione individuale: : Guanti monouso della giusta taglia,visiere/occhiali Inserire nel sacco interno una quantità di rifiuti che ne permetta un agevole chiusura tramite apposita fascetta (che assicuri una chiusura irreversibile di sicurezza) Non riempire il sacco in modo eccessivo (max.2/3 del volume),né tantomeno lasciarlo vuoto e non pressare il contenuto del sacco all interno del contenitore 33

34 Non compiere azioni manuali sui rifiuti già immessi all interno dei sacchi/contenitori Durante il loro utilizzo,mantenere i contenitori in posizione verticale (con l apertura l verso l alto) l Procedere con cautela alla chiusura del sacco tramite apposita fascetta (non annodando il sacco),facendo attenzione a non toccare il contenuto 34

35 Chiudere il contenitore esterno seguendo le linee sagomate (se di cartone) o comprimere il coperchio rigido. Non riaprire i contenitori chiusi,non capovolgerli o tantomeno impilarli Nel caso degli ago box non introdurre con forza aghi,bisturi, taglienti; Gli ago box, dopo la loro chiusura, devono essere collocati nei contenitori rigidi con la scritta rifiuti rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo taglienti e pungenti 35

36 Non lasciare contenitori aperti a disposizione del personale non sanitario,dei pazienti,dei parenti. Al termine della chiusura del contenitore rimuovere i guanti e lavarsi le mani. N.B. : -Non utilizzare i contenitori per usi diversi da quelli indicati (portaombrelli, traslochi vari, ecc..!!!) -Non conferire rifiuti percolanti o con involucri esterni imbrattati di materiali biologici potenzialmente infetti -Non utilizzare nella movimentazione dei contenitori sedie,barelle o carrelli destinati ad altro uso 36

37 Procedure da adottare in caso di rottura accidentale dei contenitori durante il trasporto con fuoriuscita di materiale Indossare i dispositivi di protezione individuale (mascherina,camice, occhiali) Posizionare un nuovo contenitore per rifiuti pericolosi a rischio infettivo in posizione comoda e vicina al contenitore rotto Con l ausilio l di materiale monouso (paletta, stracci) collocare il materiale fuoriuscito nel nuovo contenitore; togliere anche il sacco interno al contenitore rotto e porlo con la massima cautela nel nuovo contenitore 37

38 Smaltire paletta e stracci, anch essi come rifiuti potenzialmente infetti Decontaminare l area l contaminata con soluzione di ipoclorito di sodio (5%) e lasciare agire per almeno 10 minuti Rimuovere il liquido decontaminante con un panno monouso che verrà smaltito sempre nel contenitore per rifiuti pericolosi a rischio infettivo Chiudere quindi il nuovo contenitore in modo adeguato Bonificare con detergente/disinfettante; Rimuovere i guanti e lavare le mani. 38

39 Contenitori per Rifiuti Sanitari Pericolosi a Rischio Infettivo Contenitore di cartone rigido (bianco giallo), dotato di idonea chiusura, con sacco interno in polietilene e fascetta per sigillatura inamovibile Apporre all esterno l etichetta l adesiva che riporti il codice CER, la data di chiusura del contenitore e la firma dell addetto che ha provveduto alla chiusura; sul contenitore deve essere presente la scritta: RIFIUTI SANITARI PERICOLOSI A RISCHIO INFETTIVO CER * ed il simbolo di rischio biologico 39

40 N.B. Non vanno assolutamente inseriti nei contenitori per rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo: parti anatomiche riconoscibili rifiuti sanitari liquidi rifiuti radioattivi rifiuti sanitari assimilati agli urbani (ad es. residui di pulizia, giornali, ecc.) rifiuti sanitari oggetto di raccolta differenziata (ad es. vetro, carta, plastica, alluminio, ecc.). 40

41 Contenitore per rifiuti sanitari a rischio infettivo taglienti e pungenti (tipo AGOBOX) Contenitore in plastica rigida dotato di coperchio di chiusura e tappo di utilizzo sul quale è presente la scritta Rifiuti Sanitari pericolosi a Rischio Infettivo taglienti e pungenti ed il simbolo di Rischio Biologico Rifiuti da mettere in questo contenitore: rifiuti sanitari a rischio infettivo taglienti e pungenti oggetti taglienti/pungenti inutilizzati o non contaminati Tali contenitori pieni, una volta chiusi,vanno smaltiti nel contenitore rigido (nero con coperchio giallo) per rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo 41

42 Contenitore per rifiuti pericolosi a rischio chimico (citostatici e citotossici) Contenitore di plastica rigida dotato di un coperchio a chiusura ermetica al cui interno viene posto un sacco impermeabile. Etichettare all esterno con la lettera R e apporre l etichetta adesiva che riporta il codice CER Rifiuti da mettere in questo contenitore: Materiali utilizzati per la preparazione dei medicinali Citotossici e Citostatici,, nonché contenitori di farmaci, soluzioni infusionali,, materiale utilizzato per la pulizia o la raccolta di eventuali spandimenti, DPI a fine utilizzo (guanti mascherine, cappe monouso, ecc.). 42

43 Contenitore per reflui liquidi di apparecchiature di analisi chimico cliniche e diagnostica: Taniche speciali in materiale rigido contrassegnate dalla lettera R (se trattasi di rifiuti pericolosi) FAX SIMILE ETICHETTE: da apporre sulle taniche dei rifiuti liquidi prodotti da laboratori o servizi AZIENDA OSPEDALIERA CER SERVIZIO.. CARICO DATA.. 43

44 Contenitore in plastica rigida con a chiusura ermetica. Per sostanze chimiche pericolose Etichettare con la lettera R ed il codice CER (sostanze Chimiche pericolose) 44

45 Contenitore per parti anatomiche riconoscibili ed organi Tale tipologia di rifiuto è disciplinata da regolamenti di polizia mortuaria D.P.R. 10 settembre 1990 n n 285 e relativi regolamenti comunali Sacchetti di plastica rinforzata o contenitori rigidi di piccole dimensioni Si introducono le parti anatomiche nei sacchetti di plastica rinforzata o nei contenitori appositi rigidi e si sigillano. N.B.: Bisogna porre dopo la chiusura una targhetta adesiva a su cui vengono indicati nome, cognome del paziente, reparto di provenienza, data di intervento, parte anatomica da inumare, ecc ed inviarla al servizio di Camera Mortuaria o al Servizio di Anatomia Patologica a per eventuali esami istologici. Dal servizio di Camera Mortuaria le parti anatomiche possono essere conferite ai servizi di pompe funebri o al servizio di stato civile comunale per la fornitura delle apposite e cassette, ove le parti anatomiche vanno inserite. 45

46 EX: corretto smaltimento del materiale usato per un infusione venosa seguirà tre diverse vie : il flacone vuoto(se non contiene sostanze pericolose sia da un punto di vista chimico che biologico es. citostatici ) deve essere conferito nel bidone per la raccolta differenziata del vetro; l ago cannula o butterfly e la parte acuminata del deflussore devono essere conferiti nel contenitore rigido per rifiuti a rischio infettivo taglienti e pungenti(cer ); la restante parte del deflussore deve essere conferita nel contenitore per rifiuti assimilabili agli urbani. 46

47 ETICHETTE 47

48 Etichetta per Rifiuti Pericolosi Una etichetta inamovibile di colore giallo, recante la lettera R di colore nero ed applicata sui contenitori/imballaggi dei rifiuti pericolosi 48

49 Etichetta per Rifiuti sanitari Pericolosi a Rischio Infettivo Rifiuti sanitari Pericolosi a rischio infettivo (stessa etichetta per taglienti e pungenti) Rischio biologico: rischio di infezioni per contatto o rischio di infezione dovuto a tagli e/o punture 49

50 Altre etichette di rischio Etichetta di rischio per sostanze corrosive Rischio chimico: per sostanze tossiche e irritanti per contatto, inalazione, ingestione.(possono quindi causare ustioni e irritare mucose e vie respiratorie) Etichetta di rischio per sostanze tossiche Rischio chimico: tossica per contatto, inalazione, ingestione: causa irritazione oculare,( può irritare mucose e vie respiratorie) tossica per ingestione Etichetta di rischio per sostanze infiammabili 50

51 Codice C.E.R. (Catalogo Europeo dei Rifiuti) Rifiuti sanitari di origine umana a rischio infettivo * Rifiuti sanitari di origine animale a rischio infettivo * Taglienti non utilizzati (non pericolosi) Parti anatomiche e organi riconoscibili Sacche di plasma e riserve di plasma non utilizzate Farmaci Scaduti (non pericolosi) Non pericolosi (presidi scaduti, bende, ecc.) Sostanze chimiche liquide(pericolosi non rischio inf.) Medicinali citotossici citostatici citostatici Cartucce toner

52 Grazie per l attenzione!!! l 52

I RIFIUTI OSPEDALIERI

I RIFIUTI OSPEDALIERI I RIFIUTI OSPEDALIERI I RIFIUTI E L OSPEDALE L'ospedale, così come ogni altra realtà aziendale produttiva, dà origine ad una notevole quantità di rifiuti. Il problema relativo al loro smaltimento è piuttosto

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI IN AMBITO AMBULATORIALE

LA GESTIONE DEI RIFIUTI IN AMBITO AMBULATORIALE D.ssa Rossana Becarelli Direttore Sanitario Ospedale San Giovanni Antica Sede A.S.O. San Giovanni Battista. Torino LA GESTIONE DEI RIFIUTI IN AMBITO AMBULATORIALE 22 September 2013 0 RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Dettagli

6. Gestione dei rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo

6. Gestione dei rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo Revisione 0 Pagina 1 di 8 6. Si definiscono rifiuti, o che comunque possono comportare rischio per la salute pubblica, tutti i rifiuti: provenienti da ambienti di isolamento infettivo; derivanti da ravvisata

Dettagli

I RIFIUTI SANITARI D.P.R. 15-7-2003 n. 254

I RIFIUTI SANITARI D.P.R. 15-7-2003 n. 254 I RIFIUTI SANITARI D.P.R. 15-7-2003 n. 254 Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della L. 31-7-2002, n.179 L 11 settembre 2002 è stato pubblicato sulla

Dettagli

ANASTE LIGURIA Sede Operativa Via Almeria 24 cancello Genova Tel 0102726051

ANASTE LIGURIA Sede Operativa Via Almeria 24 cancello Genova Tel 0102726051 RIFIUTI SANITARI Adeguamento delle Linee Guida sulla gestione dei rifiuti prodotti nelle strutture sanitarie secondo le prescrizioni del vigente D.M. 219/2000 e del nuovo catalogo di classificazione dei

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI PRESSO I LOCALI DEI SERVIZI CLINICI DELL OSPEDALE DIDATTICO VETERINARIO

GESTIONE DEI RIFIUTI PRESSO I LOCALI DEI SERVIZI CLINICI DELL OSPEDALE DIDATTICO VETERINARIO ALLEGATO 1 GESTIONE DEI RIFIUTI PRESSO I LOCALI DEI SERVIZI CLINICI DELL OSPEDALE DIDATTICO VETERINARIO RIFIUTI SANITARI: i rifiuti sanitari devono essere gestiti in modo da diminuirne la pericolosità,

Dettagli

Fare click sulla voce che identifica la tipologia del rifiuto per proseguire con la FASE 3.

Fare click sulla voce che identifica la tipologia del rifiuto per proseguire con la FASE 3. FASE 2. identificare il processo che ha prodotto il rifiuto. L identificazione della tipologia del rifiuto permette di identificare le successive due cifre del codice: 01 02 rifiuti legati alle attività

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI

GESTIONE RIFIUTI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE Redazione Verifica Approvazione Autorizzazione Emissione Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI GENERALI E SANITARI

GESTIONE RIFIUTI GENERALI E SANITARI Pag. 1 di 10 INDICE DELLE REVISIONI Numero Data Descrizione Paragrafi Variati Pagine Variate 00 01/02/16 Prima emissione TUTTI TUTTE RESPONSABILITA ELABORAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE DATA 01/02/16 01/02/16

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI

GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI I RIFIUTI SANITARI NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA DI APPLICAZIONE GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI Ottobre-Novembre 2014 Ronconi Paolo DMO 1 I RIFIUTI SANITARI-NORMATIVA NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA

Dettagli

AUSL DI FERRARA LA GESTIONE DEI RIFIUTI

AUSL DI FERRARA LA GESTIONE DEI RIFIUTI AUSL DI FERRARA P.G. 04 LA GESTIONE DEI RIFIUTI Rev. 2 del 29/12/2005 Redazione Verifica Approvazione Funzione Cognome Nome Funzione Data Visto Funzione Data Visto PUO Dr. Di Giorgio A. PUO-Q Dr.ssa Baldi

Dettagli

Smaltimento Rifiuti Sanitari

Smaltimento Rifiuti Sanitari Smaltimento Rifiuti Sanitari I rifiuti sanitari devono essere gestiti in modo da diminuirne la pericolosità, da favorirne il reimpiego, il riciclaggio e il recupero e da ottimizzarne la raccolta, il trasporto

Dettagli

SCTA 00 PROCEDURA SCTA. DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome. DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome. DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome

SCTA 00 PROCEDURA SCTA. DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome. DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome. DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome Pagina 1 di 9 Documento Codice documento SCTA 00 DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome Pagina 2 di 9 1. Generalità... 3 1.1 Scopo

Dettagli

Igiene dell ambiente e comfort alberghiero. Interventi operativi sull ambiente

Igiene dell ambiente e comfort alberghiero. Interventi operativi sull ambiente Igiene dell ambiente e comfort alberghiero Interventi operativi sull ambiente 1 Igiene dell ambiente e comfort alberghiero Interventi operativi sull ambiente: Igiene in ambito istituzionale Igiene delle

Dettagli

Il Sistema Gestione Ambientale dell Ateneo. Gestione integrata dei rifiuti

Il Sistema Gestione Ambientale dell Ateneo. Gestione integrata dei rifiuti Gestione integrata dei rifiuti IL RUOLO DELL ATENEO NELLA GESTIONE E NELLA TUTELA DELL AMBIENTE AMIANTO ACQUA UPS ARIA RIFIUTI LA GESTIONE UNICA DEI RIFIUTI DELL ATENEO Regolamento di Ateneo per la gestione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA AREA AMBIENTE e SICUREZZA 27100 Pavia, via S.Epifanio 12 tel. 0382-98.4827/8/9 fax: 0382-21020 safety@unipv.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA AREA AMBIENTE e SICUREZZA 27100 Pavia, via S.Epifanio 12 tel. 0382-98.4827/8/9 fax: 0382-21020 safety@unipv. I RIFIUTI SANITARI D.P.R. 15 luglio 2003, n 254 Regolamento recante la disciplina della gestione dei rifiuti sanitari, a norma dell articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n 179 Premessa La gestione dei

Dettagli

TITOLO I CONTENITORI PER RIFIUTI a RISCHIO INFETTIVO

TITOLO I CONTENITORI PER RIFIUTI a RISCHIO INFETTIVO ALLEGATO I CARATTERISTICHE SPECIFICHE DEI CONTENITORI E TIPOLOGIE TITOLO I CONTENITORI PER RIFIUTI a RISCHIO INFETTIVO Tutti i contenitori esterni dovranno essere forniti completi di sistema di chiusura

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI NELLE STRUTTURE SANITARIE

GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI NELLE STRUTTURE SANITARIE GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI NELLE STRUTTURE SANITARIE 5. DEFINIZIONI RIFIUTI SANITARI : rifiuti prodotti da strutture sanitarie pubbliche e private durante lo svolgimento di attività medica e veterinaria

Dettagli

Linee Guida per lo Smaltimento Rifiuti Sanitari

Linee Guida per lo Smaltimento Rifiuti Sanitari Linee Guida per lo Smaltimento Rifiuti Sanitari Premessa I rifiuti sanitari devono essere gestiti in modo da diminuirne la pericolosità', da favorirne il reimpiego, il riciclaggio e il recupero e da ottimizzarne

Dettagli

3. Identificazione e classificazione dei rifiuti

3. Identificazione e classificazione dei rifiuti Revisione 0 Pagina 1 di 7 3. 3.1 Aspetti generali Con il termine di rifiuti, in base al D.lgs del 05/02/1997 n 22 (Decreto Ronchi), si intende qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore necessiti

Dettagli

PROCEDURE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI

PROCEDURE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI REGIONE LAZIO AZIENDA OSPEDALIERA COMPLESSO OSPEDALIERO SAN GIOVANNI ADDOLORATA PROCEDURE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI GRUPPO DI LAVORO MEDICO COMPETENTE Dr.ssa Cristina Durante CPSE Dr.ssa Luciana Di Tomassi

Dettagli

TRASPORTO DEL SANGUE E DEI CAMPIONI BIOLOGICI MEDIANTE CONTENITORI IDONEI

TRASPORTO DEL SANGUE E DEI CAMPIONI BIOLOGICI MEDIANTE CONTENITORI IDONEI TRASPORTO DEL SANGUE E DEI CAMPIONI BIOLOGICI MEDIANTE Via San Carlo, 13 Arluno (Milano) 4 marzo 2014 2 Introduzione Le attività connesse con la spedizione ed il trasporto di sostanze infettive o potenzialmente

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE DEI RIFIUTI

PROCEDURA GESTIONE DEI RIFIUTI 1 PROCEDURA GESTIONE DEI RIFIUTI Rev data 00.00 01/12/2012. Stesura Causale della modifica Redatta da Condivisa / Valutata da Dr.ssa Francesca Parrinello Dr.ssa Anna Silvestro Dr. Gaetano Ferlazzo Direttore

Dettagli

I rifiuti sanitari hanno un notevole impatto sull'ambiente e sulla salute degli individui. Gli ospedali in Italia producono ingenti quantità di

I rifiuti sanitari hanno un notevole impatto sull'ambiente e sulla salute degli individui. Gli ospedali in Italia producono ingenti quantità di I RIFIUTI I rifiuti sanitari hanno un notevole impatto sull'ambiente e sulla salute degli individui. Gli ospedali in Italia producono ingenti quantità di rifiuti, per un totale di 143mila tonnellate all

Dettagli

MANUALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI OSPEDALIERI

MANUALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI OSPEDALIERI 1 di 42 AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA ManOp_AzOsp_05 MANUALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI OSPEDALIERI STORIA DELLE MODIFICHE APPORTATE Data Rev. Motivo del cambiamento Febbraio 2012 Aggiornamento al D.Lgs.

Dettagli

Dip. Lab. T.C.B.1 CODICE PROCEDURA SANITARIA PROVINCIALE PALERMO. Data 26 settembre 2011 Pagina 1 di 7

Dip. Lab. T.C.B.1 CODICE PROCEDURA SANITARIA PROVINCIALE PALERMO. Data 26 settembre 2011 Pagina 1 di 7 Data 26 settembre 2011 Pagina 1 di 7 Redatta da: Ufficio Qualità Laboratori Struttura proponente. DIPARTIMENTO DIAGNOSTICA DI LABORATORIO Dr.ssa Ada Palma Firma Dott.ssa Teresa Barone Firma 1 Data 26 settembre

Dettagli

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO Campo di applicazione Tutte le attività lavorative in cui vi è rischio di esposizione ad agenti biologici Definizioni Agente Biologico (a.b.) Qualsiasi microorganismo

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO. SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale

RISCHIO BIOLOGICO. SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale RISCHIO BIOLOGICO SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale RISCHIO BIOLOGICO SIGNIFICATO: Inizialmente il rischio Biologico era inteso come la possibilità di contrarre un infezione

Dettagli

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Paola Tomao ISPESL-Paola Tomao 1 Manipolazione sicura Integrità dei contenitori per i campioni biologici (provette, capsule petri, contenitori

Dettagli

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Manipolazione sicura Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Paola Tomao ISPESL-Paola Tomao 1 Integrità dei contenitori per i campioni biologici (provette, capsule petri, contenitori

Dettagli

Azienda sanitaria Provinciale Enna PROCESSO DI GESTIONE DELLA TERAPIA ANTITUMORALE IN UFA ONCOLOGIA - EMATOLOGIA SMALTIMENTO. Nome/Funzione Data Firma

Azienda sanitaria Provinciale Enna PROCESSO DI GESTIONE DELLA TERAPIA ANTITUMORALE IN UFA ONCOLOGIA - EMATOLOGIA SMALTIMENTO. Nome/Funzione Data Firma Pagina 1 di 6 SMALTIMENTO Nome/Funzione Data Firma Redazione Verifica Approvazione Adozione Dott.ssa Giuseppa Cinzia Di Martino Responsabile UFA Dott.ssa Maria Teresa Perricone Direttore U.O.C. Farmacia

Dettagli

RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI. Corso di formazione per infermieri Progetto formativo aziendale

RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI. Corso di formazione per infermieri Progetto formativo aziendale RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI Corso di formazione per infermieri Progetto formativo aziendale Cagliari, P.O. Binaghi 24-25; 25; 26-27 27 maggio 2010 QUALITA E SICUREZZA

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI 1/24

GESTIONE DEI RIFIUTI 1/24 GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO Lorella Di Giuseppe 1/24 2/24 PER RIFIUTO SI INTENDE QUALSIASI SOSTANZA DI CUI IL DETENTORE O IL PRODUTTORE SI DISFI O ABBIA L OBBLIGO DI DISFARSI D. Lgs. 152/2006 3/24

Dettagli

Lo Stoccaggio dei Prodotti Fitosanitari

Lo Stoccaggio dei Prodotti Fitosanitari Lo Stoccaggio dei Prodotti Fitosanitari Dal 01/01/15, come previsto dal Piano di Azione Nazionale sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari, diventeranno obbligatorie le norme relative al Deposito

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE 1 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE L informazione e la formazione all uso corretto dei mezzi di protezione individuale (DPI) assumono un ruolo fondamentale nella prevenzione delle patologie e degli

Dettagli

Misure di emergenza:( Art. 277-D. Lgs. 81/08 e s.m.i.)

Misure di emergenza:( Art. 277-D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Misure di emergenza:( Art. 277-D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) 1) Se si verificano incidenti che possono provocare la dispersione di un agente biologico appartenente ai gruppi 2, 3 o 4, i lavoratori debbono abbandonare

Dettagli

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO Campo di applicazione Tutte le attività lavorative in cui vi è rischio di esposizione ad agenti biologici Definizioni Agente Biologico (a.b.) Qualsiasi microorganismo

Dettagli

Il Rischio Biologico Relatore Dr. Mattia Gargano Cosa è il Rischio Biologico? E la possibilità di contrarre durante l espletamento della propria attività lavorativa: INFEZIONI (penetrazione e la moltiplicazione

Dettagli

Sicurezza nei laboratori di Chimica e Biologia. A cura della prof.ssa Fino Maria Pia

Sicurezza nei laboratori di Chimica e Biologia. A cura della prof.ssa Fino Maria Pia Sicurezza nei laboratori di Chimica e Biologia A cura della prof.ssa Fino Maria Pia Manuale di rischio chimico Sicurezza: caratteristica di ciò che non presenta pericoli o ne è ben difeso. Salvaguardia

Dettagli

RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI

RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI Progetto Formativo Aziendale RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI LA DECONTAMINAZIONE DEGLI AMBIENTI CRITICI E LA GESTIONE DEI MATERIALI CONTAMINATI IN REPARTO: PROTOCOLLI

Dettagli

E necessario: Raccogliere Separare Eliminare. in modo corretto i rifiuti chimici, biologici e radioattivi, solidi e liquidi prodotti nei laboratori.

E necessario: Raccogliere Separare Eliminare. in modo corretto i rifiuti chimici, biologici e radioattivi, solidi e liquidi prodotti nei laboratori. Gestione dei rifiuti in laboratorio RISCHIO BIOLOGICO RISCHIO CHIMICO E necessario: Raccogliere Separare Eliminare Alessandra Pera ISPESL - DML in modo corretto i rifiuti chimici, biologici e radioattivi,

Dettagli

Gestione dei rifiuti sanitari

Gestione dei rifiuti sanitari Gestione dei rifiuti sanitari D.P.R. 15 luglio 2003, n. 254 Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell'articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n.179 Gestione dei rifiuti

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI PROCEDURE

GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI PROCEDURE SANITARI PROCEDURE a cura del dr. Carlo Di Terlizzi Direttore Medico di Presidio - Igienista dr. Andrea Sinigaglia Dirigente Medico Direzione Sanitaria Medico Legale dr. Giuseppe Natalino Emanuele Lovascio

Dettagli

Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI

Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI INFORMAZIONI E PROCEDURE PER LO STOCCAGGIO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI A seguito dell informatizzazione del

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE PROCEDURA E. Procedura stoccaggio e smaltimento rifiuti speciali

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE PROCEDURA E. Procedura stoccaggio e smaltimento rifiuti speciali DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE EDIZIONE N 01 REVISIONE N 00 DATA 20/06/08 SEZIONE 09 PAGINA 1 di 2 PROCEDURA E Procedura stoccaggio e smaltimento rifiuti speciali La gestione di un rifiuto

Dettagli

* RISCHIO CHIMICO alcune definizioni

* RISCHIO CHIMICO alcune definizioni * * RISCHIO CHIMICO alcune definizioni Ai sensi dell art. 222 del D.Lgs. 81/08 e smi si intendono per agenti chimici: tutti gli elementi o composti chimici, sia da soli sia nei loro miscugli, allo stato

Dettagli

SOMMARIO: PRAOS 90 PROCEDURA DI SICUREZZA NORME DI SICUREZZA NEL TRASPORTO DI CAMPIONI BIOLOGICI. Azienda Ospedaliera FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO

SOMMARIO: PRAOS 90 PROCEDURA DI SICUREZZA NORME DI SICUREZZA NEL TRASPORTO DI CAMPIONI BIOLOGICI. Azienda Ospedaliera FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Pag. 1 di 7 SOMMARIO: 1. Oggetto e scopo 2. Campo di applicazione 3. Responsabilità 4. Definizioni e abbreviazioni 5. Documenti di Riferimento 6. Moduli e documenti di registrazione 7. Modalità operative

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER IL TRASPORTO DI MATERIALE BIOLOGICO

RACCOMANDAZIONI PER IL TRASPORTO DI MATERIALE BIOLOGICO Pag. 1/13 RACCOMANDAZIONI PER IL TRASPORTO DI MATERIALE BIOLOGICO File Rev. 02 Revisione Stefania Bertoldo Servizio Prevenzione Protezione Paolo Ronconi Direzione Medica Ospedaliera Data applicazione 10/09/13

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI E LE RESPONSABILITA COLLEGATE. Dr. Gianluca Avanzi Direttore sanitario AO di Circolo e Fondazione Macchi-Varese

LA GESTIONE DEI RIFIUTI E LE RESPONSABILITA COLLEGATE. Dr. Gianluca Avanzi Direttore sanitario AO di Circolo e Fondazione Macchi-Varese LA GESTIONE DEI RIFIUTI E LE RESPONSABILITA COLLEGATE Dr. Gianluca Avanzi Direttore sanitario AO di Circolo e Fondazione Macchi-Varese Brescia, 13 dicembre 2013 1 URBANI Domestici Da locali e luoghi adibiti

Dettagli

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI" - ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n...

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA A. GEMELLI - ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n... UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI" - ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Protocollo n... Preparazione della Terapia Endovenosa OBIETTIVI Garantire un

Dettagli

Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179

Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179 Testo aggiornato al 21 novembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 15 luglio 2003, n. 254 Gazzetta Ufficiale 11 settembre 2003, n. 211 Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti

Dettagli

U.O.A. PREVENZIONE RISCHIO INFETTIVO SCHEDA DI VALUTAZIONE DELL APPLICAZIONE DELLE PRINCIPALI MISURE PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

U.O.A. PREVENZIONE RISCHIO INFETTIVO SCHEDA DI VALUTAZIONE DELL APPLICAZIONE DELLE PRINCIPALI MISURE PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE U.O. DATA Rilevatori Sono presenti i seguenti DPI: PRECAUZIONI STANDARD ED ISOLAMENTI GENERALI SPECIFICI in rapporto alla prevalenza del rischio infettivo Mascherine chirurgiche triplo/quadruplo strato

Dettagli

Gestione dei rifiuti in laboratorio

Gestione dei rifiuti in laboratorio Gestione dei rifiuti in laboratorio RISCHIO BIOLOGICO RISCHIO CHIMICO Alessandra Pera ISPESL - DML procedure devono essere seguite scrupolosamente presuppongono: conoscenza dei rischi utilizzo di un manuale

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA LA PREVENZIONE NELL USO DI DETERGENTI, DISINFETTANTI E STERILIZZANTI

PROCEDURA DI SICUREZZA LA PREVENZIONE NELL USO DI DETERGENTI, DISINFETTANTI E STERILIZZANTI Pag. 1 di 7 SOMMARIO: 1. Oggetto e scopo 2. Campo di applicazione 3. Responsabilità 4. Definizioni e abbreviazioni 5. Documenti di Riferimento 6. Moduli e documenti di registrazione 7. Modalità operative

Dettagli

INTERVENTO E BONIFICA A SEGUITO DI SPANDIMENTI ACCIDENTALI DI PRODOTTI O PREPARATI CHIMICI E FARMACI ANTIBLASTICI

INTERVENTO E BONIFICA A SEGUITO DI SPANDIMENTI ACCIDENTALI DI PRODOTTI O PREPARATI CHIMICI E FARMACI ANTIBLASTICI REGIONE LAZIO AZIENDA SANITARIA LOCALE VITERBO U. O. C. SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE PROCEDURA DI SICUREZZA INTERVENTO E BONIFICA A SEGUITO DI SPANDIMENTI ACCIDENTALI DI PRODOTTI O PREPARATI CHIMICI

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER IL TRASPORTO DI MATERIALE BIOLOGICO

RACCOMANDAZIONI PER IL TRASPORTO DI MATERIALE BIOLOGICO Pag. 1/13 RACCOMANDAZIONI PER IL TRASPORTO DI MATERIALE BIOLOGICO File Rev. 01 Redazione Stefania Bertoldo Servizio Prevenzione Protezione Maria Teresa Ferrari Dirigenza Medica Ospedaliera Giovanni Marchi

Dettagli

LA SICUREZZA IN LABORATORIO. di F. Luca

LA SICUREZZA IN LABORATORIO. di F. Luca LA SICUREZZA IN LABORATORIO di F. Luca IN LABORATORIO NORME DI COMPORTAMENTO X. NON correre. NON ingombrare con gli zaini lo spazio intorno ai banconi di lavoro o in prossimità delle uscite X. NON mangiare

Dettagli

SORVEGLIANZA SANITARIA

SORVEGLIANZA SANITARIA COMPLESSO INTEGRATO COLUMBUS SORVEGLIANZA SANITARIA CAPOSALA Liberata Del Proposto D.P.I. (DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE) DPI cosa sono? DEFINIZIONE: per dispositivo di protezione individuale,

Dettagli

www.leverup.it info@leverup.it

www.leverup.it info@leverup.it 1. Raccolta e confezionamento in laboratorio. 2. trasferimento al deposito temporaneo. 3. gestione del deposito temporaneo compilazione del registro di carico e scarico rapporto con le diverse ditte incaricate

Dettagli

Istruzioni operative Aziendali :

Istruzioni operative Aziendali : Istruzioni operative Aziendali : Data Revisione redazione approvazione autorizzazione N archiviazione 05/02/2014 Servizio Prevenzione e Protezione Direzione Sanitaria Servizio Professioni Sanitarie Direzione

Dettagli

ARPA FVG. Gestione dei rifiuti agricoli

ARPA FVG. Gestione dei rifiuti agricoli ARPA FVG Gestione dei rifiuti agricoli SOC Dipartimento Provinciale di Pordenone ARPA FVG Palmanova - Italy dott. Elena Della Donna Deposito temporaneo Sommario: Raccolta e smaltimento dei contenitori

Dettagli

ELABORAZIONE Fanton C,, Bonfanti M. Data: 27/06/2003. Dott. ssa M.T. Sensale

ELABORAZIONE Fanton C,, Bonfanti M. Data: 27/06/2003. Dott. ssa M.T. Sensale RACCOMANDAZIONI PER LA SICUREZZA DEL TRASPORTO DI MATERIALI INFETTIVI E DI I.O.1/Ds Pag. 1 di Pag. 6 TIPO DI DOCUMENTO ISTRUZIONE OPERATIVA ELABORAZIONE Fanton C,, Bonfanti M. Data: 27/06/2003 INDICE 1.

Dettagli

PA.DS.07. Protocollo aziendale per la gestione dei rifiuti

PA.DS.07. Protocollo aziendale per la gestione dei rifiuti Protocollo aziendale per la gestione dei rifiuti Codice Documento Rev. N Data emissione 02 15/09/2010 03 Febbraio 2012 Motivo revisione Verificato Approvato Unificazione procedure a livello aziendale ed

Dettagli

GESTIONE IN SICUREZZA: ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI

GESTIONE IN SICUREZZA: ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI Pag. 1/5 SOMMARIO 1. OGGETTO E SCOPO... 2 2. CAMPO E LUOGO DI APPLICAZIONE... 2 3. RESPONSABILITÀ... 2 3.1. Responsabilità di applicazione... 2 3.2. Responsabilità di redazione... 2 3.3. Responsabilità

Dettagli

STUDIO DENTISTICO DOTT. GIUSEPPE ARENA Via S.Maria della Croce Di Gregorio (trav.priv. 5) C./mare del Golfo (TP) Tel. 0924 33466

STUDIO DENTISTICO DOTT. GIUSEPPE ARENA Via S.Maria della Croce Di Gregorio (trav.priv. 5) C./mare del Golfo (TP) Tel. 0924 33466 OGGETTO: REQUISITI ORGANIZZATIVI GENERALI STUDIO DENTISTICO MODALITA DI PULIZIA, LAVAGGIO, DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DI TUTTI GLI STRUMENTI ED ACCESSORI OGNI PAZIENTE E DA CONSIDERARE POTENZIALMENTE

Dettagli

IGIENE AMBIENTALE DECONTAMINAZIONE IN CASO DI SPANDIMENTO ACCIDENTALE DI LIQUIDI BIOLOGICI

IGIENE AMBIENTALE DECONTAMINAZIONE IN CASO DI SPANDIMENTO ACCIDENTALE DI LIQUIDI BIOLOGICI S.C. Prevenzione Rischio Infettivo IGIENE AMBIENTALE DECONTAMINAZIONE IN CASO DI SPANDIMENTO ACCIDENTALE DI LIQUIDI BIOLOGICI BIONIL GRANULI Sodio Dicloro-isocianurato Panno assorbente monouso Guanti monouso

Dettagli

Formazione Coordinatori RSA Trento 08 giugno 2010. Stoccaggio, conservazione e trasporto di campioni biologici

Formazione Coordinatori RSA Trento 08 giugno 2010. Stoccaggio, conservazione e trasporto di campioni biologici Formazione Coordinatori RSA Trento 08 giugno 2010 dr. Ruggero Carminati, dott.ssa Monica Bonenti Stoccaggio, conservazione e trasporto di campioni biologici Manipolazione sicura Integrità dei contenitori

Dettagli

U.O. SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DIRETTORE

U.O. SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DIRETTORE RISCHIO BIOLOGICO Gestione Aziendale di caso di influenza da virus A/H1N1 percorso di biosicurezza PIACENZA 4 16 Settembre 2009 U.O. SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE D.Lgs 81/08 Titolo X DIRETTORE

Dettagli

Unità Sanitaria Locale della Valle d'aosta Unité Sanitaire Locale de la Vallée d'aoste

Unità Sanitaria Locale della Valle d'aosta Unité Sanitaire Locale de la Vallée d'aoste Cosa significa l espressione «rischio biologico»? Il rischio biologico è la probabilità di sviluppare una malattia, generalmente di tipo infettivo, a seguito dell esposizione lavorativa ad agenti biologici.

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI

PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI SEZIONE 3 Rifiuti speciali di origine sanitaria Luglio 1998 1 SOMMARIO 1. Quadro conoscitivo -------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica 15 luglio 2003, n.254

Decreto del Presidente della Repubblica 15 luglio 2003, n.254 Decreto del Presidente della Repubblica 15 luglio 2003, n.254 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l articolo 87 della Costituzione; Vista la legge 8 luglio 1986, n. 349, recante istituzione del Ministero

Dettagli

Dr. F. Rose D.M. P.U. N.A.R.C.

Dr. F. Rose D.M. P.U. N.A.R.C. AZIENDAA OSPEDALIERA DI COSENZA DIREZIONE MEDICA PRESIDIO UNICO PREVENZIONE E PROTEZIONE AMBIENTALE Procedura per iill corretto smalltiimento,, raccollta e allllontanamento deii riifiiutii saniitarii ospedalliie

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI NEGLI AMBULATORI E OSPEDALI VETERINARI

GESTIONE RIFIUTI NEGLI AMBULATORI E OSPEDALI VETERINARI Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Facoltà di Medicina Veterinaria Terzo Anno 2-11 marzo 2015 GESTIONE RIFIUTI NEGLI AMBULATORI E OSPEDALI VETERINARI Lorella Di Giuseppe 1 Riassumendo.

Dettagli

Esposizione ad agenti biologici

Esposizione ad agenti biologici Esposizione ad agenti biologici Il Titolo X corrisponde al Titolo VIII del D.Lgs. 626/94 di attuazione della direttiva 90/679/CEE, relativa alla protezione di lavoratori contro i rischi derivanti dall

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI Servizio Provveditorato Macrostruttura Ospedaliera Dipartimento Territoriale LA GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI VERSIONE 2.0 DEL 15/12/2002 1 INDICE CRITERI GENERALI DI PERICOLOSITÀ INFETTIVA DEI RIFIUTI

Dettagli

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze ALLEGATO VI Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze VI.1 - Stoccaggio dei prodotti fitosanitari Fatte salve le

Dettagli

altri campioni assimilabili TITOLO X D.Lgs 81/2008

altri campioni assimilabili TITOLO X D.Lgs 81/2008 TITOLO X D.Lgs 81/2008 ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI Tutte le attività lavorative nella quali vi è rischio di esposizione ad agenti biologici Uso deliberato (laboratori microbiologici) Rischio potenziale

Dettagli

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale LEG AME CREMA MANI 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale LEG AME CREMA MANI 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale LEG AME CREMA MANI Data di compilazione: 26 febbraio 2013 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA INFORMAZIONI GENERALI : Nome Commerciale

Dettagli

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI emanato con D.R. n. 384 del 29.08.2014, in vigore dal 02.09.2014 rev. 0 del 07/14 Pagina 1 di 6 ART. 1 - CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

Regolamento per la gestione dei rifiuti

Regolamento per la gestione dei rifiuti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Dipartimento di Scienze Chimiche e Farmaceutiche Regolamento per la gestione dei rifiuti revisione maggio 2015 1 INDICE SCOPO DEL REGOLAMENTO NORMATIVA AMBITO D APPLICAZIONE

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI SPECIALI

GESTIONE RIFIUTI SPECIALI Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Facoltà di Medicina Veterinaria Secondo Anno 15-19 febbraio 2016 GESTIONE RIFIUTI SPECIALI Lorella Di Giuseppe 1 RIFIUTO QUALSIASI SOSTANZA OD OGGETTO

Dettagli

SOMMARIO. La gestione dei rifiuti sanitari. Dedica. Ringraziamenti. Prefazione

SOMMARIO. La gestione dei rifiuti sanitari. Dedica. Ringraziamenti. Prefazione SOMMARIO La gestione dei rifiuti sanitari Dedica Ringraziamenti Prefazione Capitolo 1 - Inquadramento normativo 1.1 LA NORMATIVA SULL AMBIENTE E SUI RIFIUTI 1.2 LA NORMATIVA SPECIALE SUI RIFIUTI SANITARI

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE 26 giugno 2000, n.219

DECRETO MINISTERIALE 26 giugno 2000, n.219 DECRETO MINISTERIALE 26 giugno 2000, n.219 Regolamento recante la disciplina per la gestione dei rifiuti sanitari, ai sensi dell'articolo 45 del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22. (G. U. n. 181

Dettagli

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali Ing. Sabrina Arras Principali normative di riferimento D.Lgs. 152/2006

Dettagli

PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI

PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI U.O.C Prevenzione e Protezione Procedura gestionale Procedura n 1/2015 Rev. 0 Data 03/11/2015 PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI La gestione di un rifiuto è l insieme delle operazioni, fra

Dettagli

PREPARAZIONE TERAPIE CON FARMACI ANTIBLASTICI

PREPARAZIONE TERAPIE CON FARMACI ANTIBLASTICI PREPARAZIONE TERAPIE CON FARMACI ANTIBLASTICI GIUSEPPE CINGARI CAPO SALA U. O. DI EMATOLOGIA AZIENDA OSPEDALIERA PAPARDO MESSINA LOCALI ATTUALI REQUISITI STRUTTURALI Cappa aspirante a flusso laminare

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ATTENZIONE: MANIPOLARE CON PRUDENZA

SCHEDA DI SICUREZZA ATTENZIONE: MANIPOLARE CON PRUDENZA Pag. 1 di 5... SCHEDA DI SICUREZZA 1. Denominazione della sostanza/preparato e della Ditta (Registr. n. 10113 del 27/07/1999) Ditta: 2. Composizione - Informazioni sui componenti Carattere chimico Contiene

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI PRESSO LE SEDI DELL AZIENDA ULSS N 20 DI VERONA. Istruzione Operativa

GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI PRESSO LE SEDI DELL AZIENDA ULSS N 20 DI VERONA. Istruzione Operativa GESTIONE DEI RIFIUTI SANITARI PRESSO LE SEDI DELL AZIENDA ULSS N 20 DI VERONA Pagina 2 di 58 Revisione: Edizione e revisione Edizione 1 Revisione 0 Data Descrizione e/o modifica Firma Lista di distribuzione

Dettagli

adozione di tutte le misure necessarie per impedire o ridurre la possibilità di contatto con il pericolo

adozione di tutte le misure necessarie per impedire o ridurre la possibilità di contatto con il pericolo PREVENZIONE PROTEZIONE individuazione ed eliminazione dei pericoli alla fonte adozione di tutte le misure necessarie per impedire o ridurre la possibilità di contatto con il pericolo 2 NORME GENERALI DI

Dettagli

Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell'articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179

Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell'articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179 EcoNomos - Diritto ed Economia dell'ambiente Decreto del Presidente della Repubblica 15 luglio 2003, n. 254 (Gazzetta ufficiale 11 settembre 2003 n. 211) Regolamento recante disciplina della gestione dei

Dettagli

SOMMARIO NOTE TESTO. Capo I - Disposizioni generali

SOMMARIO NOTE TESTO. Capo I - Disposizioni generali Decreto Presidente Repubblica n 254 del 15/07/2003 Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell'articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179. SOMMARIO NOTE TESTO Capo

Dettagli

I RIFIUTI SOLIDI. tutti li producono. .nessuno li vuole!!! Daniela Reali

I RIFIUTI SOLIDI. tutti li producono. .nessuno li vuole!!! Daniela Reali I RIFIUTI SOLIDI tutti li producono Daniela Reali.nessuno li vuole!!! 1975 CEE Normative EE riduzione quantità,, valorizzazione, ottimizzazione del trasporto e dell eliminazione eliminazione finale 1982

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRESIDI C.O.B.

LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRESIDI C.O.B. Pagina 1 di 26 REV. DATA REDATTO VERIFICATO e APPROVATO 01 02 03 04 15/11/2004 15/12/2011 01/06/2012 23/04/2013 Franco Sileoni - Dirig. Medico C.O.B. Anna Maria Cassano Dirig. Medico C.O.B. Luca Guerini

Dettagli

La manipolazione dei farmaci citostatici

La manipolazione dei farmaci citostatici 1 La manipolazione dei farmaci citostatici L'aumento dei tumori nella popolazione implica per il personale sanitario un aumento delle operazioni di preparazione e somministrazione dei farmaci antiblastici,

Dettagli

DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome. DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome. DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome

DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome. DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome. DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome Pagina 1 di 11 Documento Codice documento TFA01 DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome Pagina 2 di 11 1. Generalità... 3 1.1 Scopo

Dettagli

COMUNE DI MARRUBIU Provincia di ORISTANO Piazza Roma, 5-09094 MARRUBIU (OR) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ECOCENTRO COMUNALE

COMUNE DI MARRUBIU Provincia di ORISTANO Piazza Roma, 5-09094 MARRUBIU (OR) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ECOCENTRO COMUNALE COMUNE DI MARRUBIU Provincia di ORISTANO Piazza Roma, 5-09094 MARRUBIU (OR) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ECOCENTRO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 17 del 13/05/2008 1. FINALITA DELLA STAZIONE

Dettagli

G.U. n. 211 del 11-9-2003 D.P.R. 15 luglio 2003, n.254

G.U. n. 211 del 11-9-2003 D.P.R. 15 luglio 2003, n.254 G.U. n. 211 del 11-9-2003 D.P.R. 15 luglio 2003, n.254 Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell'articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179. IL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA USO E MANIPOLAZIONE DI SOSTANZE CANCEROGENE E MUTAGENE

PROCEDURA OPERATIVA USO E MANIPOLAZIONE DI SOSTANZE CANCEROGENE E MUTAGENE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA PROCEDURA OPERATIVA USO E MANIPOLAZIONE DI SOSTANZE CANCEROGENE E MUTAGENE A cura di: Servizio Prevenzione e Protezione Servizio di Prevenzione e Protezione Data: 03/03/2015

Dettagli

L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI. Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003

L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI. Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003 L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI Marco Buzzichelli A.R.R.R. Spa Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003 Delibera del Consiglio Regionale della Toscana n. 385 del 21 dicembre

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA

ISTRUZIONE OPERATIVA LT 0 Pag. : 1 di 6 Redatta da: Giancarlo Paganico Verificata da: Giancarlo Paganico Approvato da: DUO COPIA N... N. REV. PAGG. PRINCIPALI MODIFICHE DATA 1 2 3 4 5 Pag. : 2 di 6 INDICE 1. PREMESSA 3 2.

Dettagli