ALLEGATO A) alla deliberazione dell Ufficio di Presidenza n.113 del

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO A) alla deliberazione dell Ufficio di Presidenza n.113 del 15.07.2010"

Transcript

1 ALLEGATO A) alla deliberazione dell Ufficio di Presidenza n.113 del Criteri e direttive per l attuazione da parte del Consiglio regionale della L.R. 30 novembre 1973, n. 43. Il presente atto, ai sensi e per gli effetti di quanto disposto dall art. 12 della L , n. 241 (Provvedimenti attributivi di vantaggi economici) stabilisce per quanto di competenza del Consiglio regionale: criteri e modalità di organizzazione diretta o in collaborazione con enti pubblici e privati, ovvero di adesione per la realizzazione di convegni, riunioni, incontri, congressi, mostre, rassegne, celebrazioni ed altre manifestazioni pubbliche, di cui agli artt. 1 e 2 della L.R.30 novembre 1973, n 43, di seguito denominate "manifestazioni"; Sono escluse le manifestazioni che, pur comportando oneri a carico del bilancio regionale, sono disciplinate da altre Leggi regionali. Il presente atto stabilisce distintamente criteri e modalità riferiti a: A) concessioni e partecipazione senza oneri per il bilancio del Consiglio regionale; B) iniziative ed interventi che comportano spese a carico del Bilancio del Consiglio regionale. A) 1 Patrocinio 1.1) E' concesso dalla Presidenza del Consiglio regionale su decisione dell'ufficio di Presidenza, a manifestazioni che abbiano rilevanza a carattere provinciale, regionale, interregionale, nazionale o internazionale. 1.2) Si intendono di rilevanza a carattere regionale quelle manifestazioni che coinvolgono, come attori e fruitori, soggetti provenienti da più province significativi per la rappresentatività del territorio regionale e che siano d'interesse per la realtà e la entità regionale. Analogamente s'intende per i livelli superiori nelle rispettive dimensioni. 1.3) Il patrocinio può essere concesso a manifestazioni concernenti la cultura, arti comprese, le tradizioni, la scienza, lo sport, gli aspetti sociali ed economici collettivi, realizzate di norma nell'ambito del territorio regionale e su domanda esplicita inoltrata al Presidente del Consiglio regionale da Enti pubblici, Fondazioni, costituite ai sensi degli artt. 14,15,16 del c.c. e formalmente riconosciute, Associazioni e Comitati legittimamente costituiti rispettivamente ai sensi degli artt. 14,15,16 e 39 del c.c.; i soggetti richiedenti possono essere a carattere anche nazionale, purché non perseguano fini di lucro. Possono essere altresì ammessi a beneficiare del patrocinio del Consiglio regionale operatori privati per manifestazioni, senza scopo di lucro anche indiretto, di livello regionale, nazionale ed internazionale. 1.4) Il patrocinio della Presidenza del Consiglio regionale con correlato impiego dello Stemma, fuori del territorio regionale, può essere concesso secondo le previsioni di cui al punto 1.2 e fermo restando l'interesse regionale, anche alle Associazioni legittimamente costituite in Italia e dagli italiani all estero. Possono conseguire il patrocinio con correlato impiego dello Stemma regionale manifestazioni a carattere nazionale ed internazionale che coinvolgono alti valori ed interessi regionali.

2 1.5) L Ufficio di Presidenza può, comunque, concedere il patrocinio con deliberazione motivata anche in casi non rientranti nei punti precedenti per casi eccezionali. 1.6) Le domande per la concessione del patrocinio sono presentate di norma in un termine non inferiore a 30 giorni prima di quello programmato per l'inizio della manifestazione. 2 Comitati d'onore 2.1 Il Consiglio regionale può aderire ai Comitati d'onore attraverso il suo Presidente. 2.2 Sono ammissibili le richieste di adesione al Comitato d'onore presentate dal legale rappresentante del soggetto organizzatore almeno 60 giorni prima di quello della manifestazione. La richiesta è valutata in base al programma dell'iniziativa corredato da relazione illustrativa, nonché sulla base dello statuto o dell atto costitutivo del soggetto proponente. 2.3 L'adesione al Comitato d'onore consiste oltre che nell'autorizzazione all'uso del logo della Regione, in analogia a quanto avviene per il patrocinio, nella effettiva presenza del Presidente del Consiglio o dei componenti l'ufficio di Presidenza al Comitato d'onore specificatamente costituito per la manifestazione. 3 Disposizioni comuni al Patrocinio ed ai Comitati d'onore 3.1 Solo i soggetti beneficiari del patrocinio o dell'adesione al Comitato d'onore possono fregiarsi dello Stemma ufficiale della Regione con la dicitura "Presidenza del Consiglio regionale", nello scrupoloso rispetto delle specifiche direttive. 3.2 La concessione del Patrocinio e l'adesione ai Comitati d'onore non comporta alcuna automatica assunzione di spesa a qualsivoglia titolo. Della concessione del Patrocinio e della partecipazione ai Comitati d'onore è data comunicazione a cura della Struttura consiliare competente per materia che ne cura anche la registrazione. B) 1 Realizzazione in gestione diretta L' Ufficio di Presidenza approva, entro il 31 dicembre il programma annuale delle manifestazioni che intende realizzare in forma diretta ed esclusiva nell'anno successivo. Il programma contiene l'indicazione della manifestazione, la data o almeno il periodo di realizzazione, l'entità della spesa preventivata; al programma è allegata, per ciascuna iniziativa, una breve relazione illustrativa contenente l'indicazione delle modalità operative, i soggetti che si prevede di coinvolgere sia come attori che come destinatari. Alla formazione del programma ed alla realizzazione delle singole iniziative nello stesso previste, partecipano, per quanto di competenza, tutte le strutture del Consiglio regionale coordinate dalla Struttura consiliare competente per materia.

3 L'Ufficio di Presidenza può decidere la realizzazione di manifestazioni in gestione diretta non incluse nel programma annuale. 2 Compartecipazione 2.1 L'Ufficio di Presidenza può stabilire di compartecipare a convegni, riunioni, incontri, congressi, mostre, rassegne, celebrazioni ed altre manifestazioni pubbliche attinenti all' esplicitazione delle competenze della Regione; su richiesta di Enti pubblici ed Enti privati non economici o Fondazioni, Associazioni e soggetti anche privati, purché non aventi scopo di lucro e formalmente costituiti e riconosciuti. La compartecipazione può assumere le seguenti forme alternative: a) concorso all'organizzazione della manifestazione con assunzione di impegno di spesa a copertura di parte dei relativi oneri, lasciando la realizzazione della manifestazione al proponente; b) erogazione di un contributo finanziario a favore degli Enti proponenti ai quali rimane l' intera organizzazione della manifestazione; c) assunzione in proprio della iniziativa e della relativa organizzazione, fermo restando il concorso finanziario ed operativo degli altri Enti; La compartecipazione può essere disposta dall'ufficio di Presidenza, su proposta del Presidente o di uno dei componenti, qualora la manifestazione abbia una valenza almeno regionale, e la materia trattata sia di alto valore sociale, economico, scientifico o culturale. 2.2 La proposta è inoltrata al Presidente del Consiglio regionale almeno 60 giorni prima del giorno della manifestazione unitamente al programma ipotizzato, al preventivo analitico della spesa, alla relazione illustrativa che, completa dell'individuazione dei soggetti da coinvolgere quali attori e destinatari, sia tale da rappresentare la rilevanza anche territoriale dell'iniziativa proposta. Nel caso di soggetti privati, comunque non individuali, tra la documentazione da presentare è allegata anche copia dell'atto costitutivo e dello statuto e, se Fondazioni, del provvedimento di riconoscimento o di erezione, se Ente morale. 2.3 L entità e le modalità a) e c) del punto 2.1 della compartecipazione sono stabilite di volta in volta dall'ufficio di Presidenza sulla base della scheda istruttoria predisposta dalla Struttura competente. Le attività organizzative che derivano dalla compartecipazione sono soddisfatte da tutte le strutture del Consiglio regionale per quanto di competenza, con il coordinamento della Struttura consiliare competente per materia. 2.4 Nel caso della forma di intervento b) del punto 2.1 entro 60 giorni dalla conclusione della manifestazione, il soggetto promotore invia il rendiconto analitico della spesa, corredato dalla certificazione di regolarità contabile ai sensi della L.R. 27 giugno 1986, n. 22 e successive modificazioni, ove applicabile, e da una relazione relativa allo svolgimento ed all'esito della manifestazione. Nella forma d'intervento contraddistinta come a) del punto 2.1, le fatture possono essere intestate al Consiglio regionale nei limiti dell impegno di spesa assunto solo per manifestazioni proposte e realizzate da Enti pubblici non economici La proposta, il preventivo di spesa, la relazione illustrativa, il rendiconto e la relazione conclusiva, sono sottoscritte dal legale rappresentante dell'ente o del soggetto proponente.

4 3 Adesione 3.1 L'Ufficio di Presidenza può aderire a manifestazioni programmate da altri Enti pubblici e privati non economici, Fondazioni o Associazioni riconosciute, Comitati costituiti ai sensi dell'art. 39 c.c. e da altri soggetti non aventi scopo di lucro, purché costituiti in forma associativa con atto pubblico ai sensi dell'art c.c. 3.2 L'adesione non è necessariamente collegata alla concessione del patrocinio od alla partecipazione al Comitato d'onore e si concretizza nell'assegnazione di un contributo che non potrà in alcun caso superare il 40% della spesa documentata e comunque il limite massimo di 5.000,00 e non potrà essere inferiore a 200, L adesione del Consiglio regionale è concessa alle seguenti condizioni: a) l'iniziativa programmata non deve essere finalizzata al perseguimento di lucro e deve essere straordinaria rispetto all attività ordinaria annuale, ferma restando la piena corrispondenza con i fini istituzionali del soggetto richiedente; b) il contributo non può essere cumulato con altri interventi finanziari che il richiedente abbia ottenuto, per la stessa manifestazione, da parte della Regione o degli Enti da questa dipendenti o comunque finanziati; c) nel corso dell'anno, anche se le richieste interessano diverse iniziative, il sostegno del Consiglio regionale può essere riconosciuto una sola volta al medesimo soggetto; le Università possono eccezionalmente ottenere il contributo finanziario per un massimo di tre manifestazioni l'anno e per ciascuna di queste deve essere posta, nel prescritto termine, specifica domanda dal Rettore; i soggetti organizzati a livello regionale o su tale base coordinati, possono proporre annualmente una iniziativa per ciascuna provincia, la richiesta è presentata nel rispetto dei termini dal rappresentante statutariamente competente; d) il preventivo di spesa della manifestazione non deve essere inferiore a 5.000,00; e) la manifestazione deve avere rilevanza regionale, interregionale, nazionale ed internazionale ed interessare aspetti di carattere culturale, scientifico, sociale ed economico e sportivo, secondo quanto indicato al punto 1.2 della lettera A). f) le manifestazioni devono di norma svolgersi nel territorio regionale ed eccezionalmente presso le sedi delle associazioni rappresentative degli Abruzzesi in Italia ed all'estero, purchè l'iniziativa proposta abbia rilevante importanza per il mantenimento dei rapporti di queste comunità con la terra di origine. 3.4 Le istanze di adesione, sono inviate a pena di decadenza al Presidente del Consiglio regionale a mezzo raccomandata spedita almeno 30 giorni prima del giorno in cui si realizza della manifestazione; a tal fine fa fede la data del timbro postale di spedizione. 3.5 L istanza oltre al riferimento alla legge regionale 30 novembre 1973, n. 43, deve espressamente indicare: - denominazione, indirizzo, recapito telefonico e ragione sociale (questa non per gli Enti pubblici);

5 - nominativo, indirizzo, recapito telefonico e funzione sociale del responsabile della organizzazione e realizzazione dell'iniziativa;- oggetto della richiesta, data d'inizio della manifestazione e durata della stessa; - tipo e titolo della manifestazione; - dichiarazione circa la presentazione di analoga istanza ad altro Organo o struttura regionale ovvero Ente dipendente, o finanziato dalla Regione. 3.6 All istanza è allegata, a pena di esclusione, la seguente documentazione: dettagliato preventivo di spesa; relazione illustrativa della manifestazione contenente anche la indicazione dei soggetti a questa interessati, attori e fruitori, autorità invitate a presenziare, diffusione da dare all'informazione sulla iniziativa; dichiarazione che la manifestazione proposta non ha scopo di lucro e che ha natura straordinaria rispetto all attività ordinaria; elenco degli Enti, Istituzioni e soggetti, diversi dalla Regione, ai quali è stato chiesto il sostegno per la realizzazione della manifestazione, completo delle rispettive previsioni d'intervento finanziario od operativo; programma annuale dell'attività istituzionale ordinaria, approvato dagli Organi sociali competenti secondo lo statuto. I soggetti diversi dagli Enti pubblici allegano alla domanda la copia dell'atto costitutivo e dello statuto. 3.7 L'istruttoria è curata dalla Struttura consiliare competente per materia secondo l ordine di arrivo delle istanze. L'Ufficio di Presidenza decide sull'adesione alle singole manifestazioni in base alla scheda istruttoria che la Struttura consiliare competente per materia redige per ciascuna istanza. 3.8 L'ammontare del contributo è stabilito nella entità massima dall'ufficio di Presidenza all'atto dell'adesione; la Struttura consiliare competente per materia, determina in base alle spese documentate la quantificazione definitiva del contributo -il cui ammontare non potrà, comunque, essere superiore al 40% della spesa rendicontata - e quindi dispone la liquidazione della somma dovuta. 3.9 Il beneficiario del sostegno finanziario del Consiglio regionale è tenuto a pena di decadenza del contributo a trasmettere, entro 90 giorni dalla data di comunicazione di concessione del contributo, la seguente documentazione: a) esauriente e dettagliata relazione, sullo svolgimento della manifestazione, contenente l'esposizione del programma realizzato, la indicazione delle autorità intervenute, i soggetti intervenuti; b) copia degli atti prodotti o comunque direttamente attinenti (locandine, pubblicazioni, articoli di stampa, comunicati ecc...); c) dichiarazione contenente la esposizione analitica delle entrate con la indicazione degli importi e dei soggetti che li hanno rispettivamente concessi e delle spese sostenute puntualmente riportate

6 d) estremi fiscali del beneficiario del contributo (Ente, Associazione, Comitato) e modalità per la corresponsione (se presso istituto di credito:intestatario del conto corrente e codice IBAN o altro); d) dichiarazione, redatta secondo l'unito schema. I documenti di cui alle lettere a), c), e) sono sottoscritti dal legale rappresentante del beneficiario. DISPOSIZIONI GENERALI 1) Tutte le domande, redatte a pena di esclusione sul modello allegato al presente atto (allegato 1), sono inoltrate al Presidente del Consiglio regionale dell 'Abruzzo - Via Michele Jacobucci n L'Aquila 2) Le procedure di attuazione della L.43/73 di cui al presente atto sono curate dalla Struttura consiliare competente per materia. 3) Nel caso di compartecipazione con affidamento dell'organizzazione e della gestione ad altro soggetto ed in tutti i casi di adesione, con o senza la concessione del patrocinio, nel materiale di propaganda dell'iniziativa (locandine, manifesti, inviti...), deve essere espressamente riportata la dicitura: "Manifestazione realizzata con il sostegno finanziario del Consiglio regionale dell Abruzzo".In caso contrario il contributo non è erogato, fatta salva ogni ulteriore azione. 4) La concessione di contributi previsti dalla L.R. 43/73, come regolata dal presente atto, comporta per il beneficiario l'obbligo di realizzare l'iniziativa in modo conforme a quello programmato e valutato dall'ufficio di Presidenza. La manifestazione deve essere realizzata nella data indicata nell istanza; eventuali variazioni devono essere preventivamente comunicate, a pena di decadenza, al Consiglio regionale - Servizio Affari Istituzionali e Comunitari - per la necessaria presa d'atto. 5) Sono in ogni caso escluse dall applicazione della legge regionale 43/73 le iniziative quali sagre, feste patronali e manifestazioni analoghe. 6) E in ogni caso esclusa dall applicazione della L.R. 43/73 la realizzazione di pubblicazioni, video, DVD ed ogni altro mezzo di diffusione di notizie o pubblicitario, anche se di contenuto relativo a materie di competenza della Regione e che può avere rilevanza in base a quanto previsto al punto 1.2 della lettera A). 7) La concessione dei contributi sovvenzioni, crediti,sussidi e benefici erogati ai sensi della L.R. 43/73 è annotata nell'albo dei beneficiari ai sensi e per gli effetti di cui all'articolo art.1 del D.P.R. 7 aprile 2000, n ) I presenti criteri per l'attuazione della L.R. 30 novembre 1973, n. 43, sono pubblicati sul sito istituzionale del Consiglio regionale e sul Bollettino Ufficiale della Regione ai sensi del comma 1 dell art. 22 della L. 7 agosto 1990, n. 241.

7 LEGGE REGIONALE N. 43/73 ARTICOLAZIONE DEI CRITERI PER L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI Competenze della Struttura consiliare competente per materia -Protocollo -Istruttoria pratica -Valutazione ambito (regionale, nazionale, internazionale) -rapporti con i destinatari dei contributi Valutazione da parte dell Ufficio di Presidenza Attribuzione livello di interesse OTTIMO ELEVATO BUONO DISCRETO SCARSO Esclusione motivata- Attribuzione Quantum Criteri di riferimento :Interesse ed ambito OTTIMO Internazionale/Nazionale Max 5.000,00 OTTIMO Regionale Max 3.750,00 ELEVATO Internazionale/Nazionale Max 4.000,00 ELEVATO Regionale Max 3.000,00 BUONO Internazionale/Nazionale Max 1.250,00 BUONO Regionale Max 1.000,00 DISCRETO Internazionale/Nazionale Max 1.000,00 DISCRETO Regionale Max 500,00 Lo stanziamento delle risorse è suddiviso in due semestri in base alla maggiore presenza di richieste in determinati periodi dell anno. Lo stanziamento determinato per semestre è attribuito fermi restando i livelli massimi indicati nelle tabelle come segue: Per il 70% al livello di interesse OTTIMO ed ELEVATO; Per il 30% al livello di interesse BUONO e DISCRETO;

8 Le richieste di contributo pervenute prima dell inizio del semestre e che riguardano manifestazioni che si terranno nel semestre stesso, sono esaminate in un'unica seduta dell Ufficio di Presidenza, di norma entro gli ultimi trenta giorni del semestre. L Ufficio di Presidenza valuta l interesse del Consiglio regionale per l iniziativa e ne determina l inclusione in uno dei livelli prestabiliti, ovvero l esclusione motivata, in caso di scarso interesse. Gli importi sopra riportati sono percentualmente modificati in base alle risorse disponibili ed al numero delle domande pervenute in ciascun semestre.

9 RACCOMANDATA A.R. AL Consiglio regionale Servizio Affari Istituzionali e Comunitari Via Michele Iacobucci, L AQUILA OGGETTO: L.R , n.43 e successive modifiche ed integrazioni. Istanza per la concessione di contributo, patrocinio, compartecipazione. Il sottoscritto presidente dell Associazione / Ente pubblico (Denominazione esatta così come risultante dallo Statuto, indirizzo, recapito telefonico e ragione sociale - questa non per gli Enti pubblici) Codice fiscale / Partita IVA C H I E D E Ai sensi della L.R. 43/73 (contrassegnare con una X la casella interessata): Contributo la domanda deve pervenire almeno 30 gg. prima della data della manifestazione Patrocinio 30 gg. prima della data della manifestazione Contributo e Patrocinio 30 gg. prima della data della manifestazione Compartecipazione 60 gg. prima della data della manifestazione Compartecipazione e Patrocinio 60 gg. prima della data della manifestazione Per la realizzazione della manifestazione denominata (indicare tipologia e titolo) - la manifestazione avrà inizio il e termine il ; - si terrà presso (luogo e città) ; - nominativo, indirizzo, recapito telefonico e funzione sociale del responsabile cui fa carico la organizzazione e la realizzazione dell iniziativa: ;

10 - è stato richiesto altro contributo ad altro organo o struttura regionale ovvero Ente dipendente, o finanziato dalla Regione, SI NO se SI specificare a quali Enti ; - è stato chiesto il sostegno di Enti, Istituzioni e soggetti diversi dalla Regione SI NO se SI specificare l elenco, completo delle rispettive previsioni d intervento finanziario od operativo ; A tale riguardo DICHIARA quanto segue: - che la manifestazione ha rilevanza (regionale, nazionale, internazionale) indicare i motivi per i quali deve essere ritenuta tale: ; - che l attività ordinaria, non finanziabile ai sensi del punto 3.3 del Regolamento, è la seguente: ; - che la manifestazione riveste carattere STRAORDINARIO rispetto all ordinaria attività dell Associazione per i seguenti motivi: ; - che lo Statuto dell Associazione esclude il fine di lucro. - che la manifestazione NON ha fini di lucro Allega: Copia dello Statuto e/o Atto Costitutivo, ovvero dichiarazione che lo stesso è già stato trasmesso per precedenti richieste; Preventivo dettagliato delle uscite e delle entrate (anche se pari a zero; indicare anche altri possibili contributi da parte di Enti pubblici e/o privati ed eventuali sponsorizzazioni) presunte, firmato dal Legale rappresentante dell Associazione Relazione illustrativa della manifestazione, contenente anche la indicazione dei soggetti a questa interessati o comunque coinvolti, attori e fruitori, autorità invitate a presenziare, diffusione da dare all informazione sulla iniziativa. In fede Luogo e data

11 Dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà (art. 47 D.P.R , n.445) Il sottoscritto nato a il e, residente in, nella qualità di del (Ente, Associazione, ecc.) a conoscenza di quanto prescritto dall art. 76 del D.P.R , n. 445 sulla responsabilità penale cui può andare incontro in caso di dichiarazioni mendaci ed in relazione al contributo di concesso dall Ufficio di Presidenza del Consiglio Regionale con propria deliberazione n. del, ai sensi e per gli effetti di cui all art. 47 del D.P.R. n. 445/2000 e sotto la propria responsabilità DICHIARA - che la manifestazione si è regolarmente svolta nel rispetto delle ragioni e dei fini che hanno determinato la richiesta di contributo; - che sono stati assolti tutti gli obblighi, verso il personale impiegato, come risultanti dalle disposizioni legislative e regolamentari vigenti in materia di lavoro e di assicurazioni sociali avendone assunto a proprio carico i relativi oneri; - che ha ottemperato a tutti gli obblighi derivanti da disposizioni legislative in materia fiscale; - che il rendiconto finanziario prodotto è fedele alla documentazione contabile conservata nei propri atti; - che non è stato ottenuto né è in corso il conseguimento di ulteriore contributo per la stessa manifestazione a carico di altro Organo o struttura regionale ovvero Ente dipendente o finanziario della Regione. La presente dichiarazione solleva l Ente erogatore del contributo da ogni responsabilità per quanto attiene la osservanza degli obblighi predetti. Il dichiarante Documento di identificazione (da allegare in fotocopia in caso di dichiarazione non sottoscritta alla presenza di personale regionale) (luogo) (data) = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = (spazio riservato al Consiglio regionale) Sottoscrizione sottoposta alla presenza di personale del Consiglio regionale Il Funzionario (firma e qualifica per esteso)

Comune di Olgiate Molgora REGOLAMENTO DEL REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED EROGAZIONE CONTRIBUTI E BENIFICI ECONOMICI

Comune di Olgiate Molgora REGOLAMENTO DEL REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED EROGAZIONE CONTRIBUTI E BENIFICI ECONOMICI Comune di Olgiate Molgora REGOLAMENTO DEL REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED EROGAZIONE CONTRIBUTI E BENIFICI ECONOMICI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 13/07/2012 INDICE

Dettagli

REGIONE CAMPANIA AGC 18 SETTORE 02 SPORT, TEMPO LIBERO E SPETTACOLO

REGIONE CAMPANIA AGC 18 SETTORE 02 SPORT, TEMPO LIBERO E SPETTACOLO REGIONE CAMPANIA AGC 18 SETTORE 02 SPORT, TEMPO LIBERO E SPETTACOLO AVVISO PUBBLICO RELATIVO ALLA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINANZIARI PER MANIFESTAZIONI E INTERVENTI CULTURALI DI RILIEVO NAZIONALE, REGIONALE

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Settore Istruzione, Sport, Cultura, Associazionismo OGGETTO : APPROVAZIONE DEL NUOVO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI BENEFICI E CONTRIBUTI AGLI

Dettagli

TESTO EMENDATO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INIZIATIVE DI COOPERAZIONE DECENTRATA DI CUI ALL ART. 272 DEL DLGS N. 267 DEL 2000.

TESTO EMENDATO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INIZIATIVE DI COOPERAZIONE DECENTRATA DI CUI ALL ART. 272 DEL DLGS N. 267 DEL 2000. TESTO EMENDATO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INIZIATIVE DI COOPERAZIONE DECENTRATA DI CUI ALL ART. 272 DEL DLGS N. 267 DEL 2000. Art. 1 Principi generali -------------------------------

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

(Provincia di Caserta)

(Provincia di Caserta) (Provincia di Caserta) Regolamento comunale per la concessione di contributi ad Enti, Associazioni e Comitati operanti nel campo culturale, della storia, della solidarietà, turistico, sportivo, ricreativo

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano Regolamento Comunale per la promozione e la valorizzazione delle Libere Forme Associative Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n 24 del 27.06.2007 1/5

Dettagli

Provincia di Reggio Calabria Settore n 7: Beni e Attività Culturali, Sport, Minoranze Linguistiche, Turismo e Attività Produttive

Provincia di Reggio Calabria Settore n 7: Beni e Attività Culturali, Sport, Minoranze Linguistiche, Turismo e Attività Produttive Provincia di Reggio Calabria Settore n 7: Beni e Attività Culturali, Sport, Minoranze Linguistiche, Turismo e Attività Produttive Avviso Pubblico per la concessione di contributi economici per l'attività

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI C I T T A D I F E R M O Via Mazzini, 4 63900 Fermo Tel. 0734.2841 Fax 0734.224170 Codice fiscale e partita iva 00334990447 - Sito web: www.comune.fermo.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI,

Dettagli

Regolamento, criteri e modalità per concessione patrocinio, partecipazione a comitati d onore e compartecipazione a iniziative

Regolamento, criteri e modalità per concessione patrocinio, partecipazione a comitati d onore e compartecipazione a iniziative Regolamento, criteri e modalità per concessione patrocinio, partecipazione a comitati d onore e compartecipazione a iniziative APPROVATO DAL CDA NELLA SEDUTA DEL 31/05/2013 2 I N D I C E Premessa...5 Art.

Dettagli

DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma

DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma AVVISO PUBBLICO RISERVATO AI CENTRI ANZIANI DI ROMA E PROVINCIA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER PICCOLI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

COMUNE DI PISA D I R E Z I O N E SERVIZI ISTITUZIONALI CULTURA TURISMO

COMUNE DI PISA D I R E Z I O N E SERVIZI ISTITUZIONALI CULTURA TURISMO COMUNE DI PISA D I R E Z I O N E SERVIZI ISTITUZIONALI CULTURA TURISMO OGGETTO: APPROVAZIONE BANDO ANNO 2014 PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ORDINARI. SETTORE D INTERVENTO : CULTURA. PRENOTAZIONE IMPEGNO

Dettagli

Comune di Pelago Provincia di Firenze Via Ponte Vecchio, 1 50060

Comune di Pelago Provincia di Firenze Via Ponte Vecchio, 1 50060 Articolo 1 Nell'ambito delle competenze e delle possibilità del Comune, il presente regolamento di disciplina degli obiettivi, i criteri e le modalità per la concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi

Dettagli

Provincia Regionale di Caltanissetta

Provincia Regionale di Caltanissetta Provincia Regionale di Caltanissetta Codice Fiscale e Partita IVA: 00115070856 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI CULTURALI Art.1 FINALITA' La Giunta Provinciale provvede, secondo le modalità

Dettagli

COMUNE DI CARLINO PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E DEL PATROCINIO ALLE ASSOCIAZIONI E AD ENTI PUBBLICI E PRIVATI

COMUNE DI CARLINO PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E DEL PATROCINIO ALLE ASSOCIAZIONI E AD ENTI PUBBLICI E PRIVATI COMUNE DI CARLINO PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E DEL PATROCINIO ALLE ASSOCIAZIONI E AD ENTI PUBBLICI E PRIVATI APPROVATO con deliberazione del C.C. n. 30 del 29/09/2009

Dettagli

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA @II@ ALLEGATO ALLA DELIBERQZIONE C.C. N. 43 DEL 01.06.2006 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SUSSIDI E BENEFICI ECONOMICI AD ASSOCIAZIONI. Art. 1 Oggetto TITOLO I DISCIPLINA GENERALE.

Dettagli

COMUNE DI MONTEROTONDO

COMUNE DI MONTEROTONDO COMUNE DI MONTEROTONDO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, NELL AMBITO DELLE ATTIVITA PROMOZIONALI DELL ASSESSORATO ALLE ATTIVITA PRODUTTIVE Approvato con delibera C.C.n.117 del 28/11/2006 Art.

Dettagli

Regolamento per l istituzione e la tenuta dell Albo comunale delle Associazioni

Regolamento per l istituzione e la tenuta dell Albo comunale delle Associazioni Allegato alla Delibera C.C. n. 32 del 29/11/2013 ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE DELLE VALLI DELLE DOLOMITI FRIULANE Comuni di Arba, Cavasso Nuovo, Cimolais, Claut, Erto e Casso, Frisanco, Maniago, Tramonti

Dettagli

PROVINCIA DI MATERA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E DEL PATROCINIO A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI

PROVINCIA DI MATERA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E DEL PATROCINIO A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI PROVINCIA DI MATERA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E DEL PATROCINIO A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 2 del 13 gennaio 2012 1 INDICE Art.

Dettagli

COMUNE DI MONTEMILETTO

COMUNE DI MONTEMILETTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI, AUSILI FINANZIARI NONCHE DI BENI MOBILI ED IMMOBILI AD ASSOCIAZIONI, ENTI O ALTRI ORGANISMI PRIVATI TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

PROVINCIA DI IMPERIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI

PROVINCIA DI IMPERIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI Approvato dal Consiglio Provinciale con deliberazione n. 117 del 10.12.2002 Modificato con delibera di Consiglio Provinciale n. 19 del 1.4.2004 1 REGOLAMENTO

Dettagli

AVVISO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ORGANIZZAZIONE E LA COMPARTECIPAZIONE DI MANIFESTAZIONI SPORTIVE NEL CORSO DELL ANNO 2014

AVVISO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ORGANIZZAZIONE E LA COMPARTECIPAZIONE DI MANIFESTAZIONI SPORTIVE NEL CORSO DELL ANNO 2014 AVVISO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ORGANIZZAZIONE E LA COMPARTECIPAZIONE DI MANIFESTAZIONI SPORTIVE NEL CORSO DELL ANNO 24 IL DIRETTORE Vista la delibera del Consiglio di Gestione n. 6 del 8//23

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (art. 7 L.R. 31 LUGLIO 1993 n.

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (art. 7 L.R. 31 LUGLIO 1993 n. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI (art. 7 L.R. 31 LUGLIO 1993 n. 13) APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 08 DI DATA

Dettagli

Comune di Mazzano REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI BENEFICI FINANZIARI E VANTAGGI ECONOMICI ALLE ASSOCIAZIONI

Comune di Mazzano REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI BENEFICI FINANZIARI E VANTAGGI ECONOMICI ALLE ASSOCIAZIONI Comune di Mazzano REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI BENEFICI FINANZIARI E VANTAGGI ECONOMICI ALLE ASSOCIAZIONI Art. 1 Finalità, principi e criteri. Il Comune può intervenire con la concessione di contributi,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI CULTURALI, RICREATIVE E SOCIALI. ART. 1 I Principi

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI CULTURALI, RICREATIVE E SOCIALI. ART. 1 I Principi REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI CULTURALI, RICREATIVE E SOCIALI ART. 1 I Principi L Amministrazione Comunale di Tempio Pausania può concedere contributi finanziari al fine

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE Allegato A alla delibera C.C. N. 17 Del 01.03.2011. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE Art.1 Definizione e finalità Il patrocinio rappresenta una forma simbolica di adesione ed una

Dettagli

COMUNE DI ALBAREDO D ADIGE PROVINCIA DI VERONA

COMUNE DI ALBAREDO D ADIGE PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI ALBAREDO D ADIGE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI DIVERSI AD ENTI, ASSOCIAZIONI ED ALTRE FORME ASSOCIATIVE Il Sindaco MENEGAZZI Paolo Silvio L Assessore

Dettagli

C O M U N E D I C E N T U R I P E Provincia di Enna Partita IVA 00102530862- Tel.:0935/919411 fax:0935/919417 Piazza Lanuvio, 28

C O M U N E D I C E N T U R I P E Provincia di Enna Partita IVA 00102530862- Tel.:0935/919411 fax:0935/919417 Piazza Lanuvio, 28 C O M U N E D I C E N T U R I P E Provincia di Enna Partita IVA 00102530862- Tel.:0935/919411 fax:0935/919417 Piazza Lanuvio, 28 Regolamento per la concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili

Dettagli

C O M U N E D I O R B E T E L L O (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE E DI BENEFICI ECONOMICI

C O M U N E D I O R B E T E L L O (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE E DI BENEFICI ECONOMICI C O M U N E D I O R B E T E L L O (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE E DI BENEFICI ECONOMICI Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Regolamento Concessione di contributi, patrocini, sovvenzioni e altri benefici ad Associazioni, Enti pubblici e privati e ad altri Soggetti diversi.

Regolamento Concessione di contributi, patrocini, sovvenzioni e altri benefici ad Associazioni, Enti pubblici e privati e ad altri Soggetti diversi. Regolamento Concessione di contributi, patrocini, sovvenzioni e altri benefici ad Associazioni, Enti pubblici e privati e ad altri Soggetti diversi. Approvato con Delibera del Consiglio dell Unione n.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI COMUNE DI ZERO BRANCO PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI Approvato con deliberazione consiliare

Dettagli

COMUNE DI SETTIMO SAN PIETRO PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI SETTIMO SAN PIETRO PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI SETTIMO SAN PIETRO PROVINCIA DI CAGLIARI Regolamento per la concessione del Patrocinio comunale gratuito Approvato con deliberazione del C.C. n. 44 del 12 novembre 2013 Sommario ART.1... 3 ART.2...

Dettagli

d. ogni altra attività che promuova le finalità di cui all art. 2 comma 2 dello Statuto dell ANG.

d. ogni altra attività che promuova le finalità di cui all art. 2 comma 2 dello Statuto dell ANG. ANG/ 384 /INT REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE ED EROGAZIONE DI BENEFICI SOTTO FORMA DI CONTRIBUTI, VANTAGGI ECONOMICI E PATROCINI AD ENTI PUBBLICI, ASSOCIAZIONI ED ALTRI ORGANISMI ANCHE DI NATURA PRIVATA

Dettagli

CRITERI PER L'AMMISSIONE AI CONTRIBUTI IN FAVORE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE SARDEGNA

CRITERI PER L'AMMISSIONE AI CONTRIBUTI IN FAVORE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE SARDEGNA Allegato alla Delib.G.R. n. 32/32 del 7.8.2014 CRITERI PER L'AMMISSIONE AI CONTRIBUTI IN FAVORE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA REGIONE SARDEGNA 1) Obiettivi Fornire alle

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA DIREZIONE AGRICOLTURA. Settore Sviluppo delle Produzioni Vegetali

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA DIREZIONE AGRICOLTURA. Settore Sviluppo delle Produzioni Vegetali REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA DIREZIONE AGRICOLTURA Settore Sviluppo delle Produzioni Vegetali Allegato 1 L.R. 24/2007 e D.G.R. n. 26-12334 del 12/10/2009 Contributo

Dettagli

MODULO PER LA RICHIESTA DI CONTRIBUTI A BENEFICIO DELL'ATTI VITA' ANNUALE SVOLTA PA ASSOCIAZIONI, CULTURALI E DI VOLONTARIATO, SPORTIVE E PARROCCHIE

MODULO PER LA RICHIESTA DI CONTRIBUTI A BENEFICIO DELL'ATTI VITA' ANNUALE SVOLTA PA ASSOCIAZIONI, CULTURALI E DI VOLONTARIATO, SPORTIVE E PARROCCHIE MODULO PER LA RICHIESTA DI CONTRIBUTI A BENEFICIO DELL'ATTI VITA' ANNUALE SVOLTA PA ASSOCIAZIONI, CULTURALI E DI VOLONTARIATO, SPORTIVE E PARROCCHIE (da presentare presso l'ufficio Protocollo del Comune

Dettagli

Tipologia di iniziativa per la quale si richiede il contributo (barrare la casella corrispondente) Titolo dell iniziativa/programma di attività: ...

Tipologia di iniziativa per la quale si richiede il contributo (barrare la casella corrispondente) Titolo dell iniziativa/programma di attività: ... APPLICARE MARCA DA BOLLO DA EURO 16,00 (1) Modello A.1 Spett.le Comune di Cortina d Ampezzo Ufficio cultura, turismo, sport Corso Italia n. 33 32043 Cortina d Ampezzo (BL) PEC: eventi@pec.comunecortinadampezzo.it

Dettagli

i prezzi minimo e massimo di ingresso sono fissati nella misura di, ;

i prezzi minimo e massimo di ingresso sono fissati nella misura di, ; MOD 13 O.P. Domanda di contributo per l'attuazione di interventi a tutela della Cultura e della lingua sarda, ai sensi della Legge 15/10/1997, n. 26, art. 13 Organismi Privati Marca da Bollo 14,62 Provincia

Dettagli

CITTA DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani

CITTA DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani CITTA DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani Siciliana ia Regionale di Trapani REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI SPORTIVI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 02 febbraio

Dettagli

ART. 1 OGGETTO ART. 2 DEFINIZIONE E TIPOLOGIA

ART. 1 OGGETTO ART. 2 DEFINIZIONE E TIPOLOGIA Regolamento per la concessione di contributi a sostegno dei Centri vacanza per minori ai sensi del Regolamento Regionale approvato con DPReg n. 0190/PRES del 22.05.2001 e dei Centri socio-educativi per

Dettagli

Comune di Avellino. Art. 1. Art. 2

Comune di Avellino. Art. 1. Art. 2 Comune di Avellino REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E PATROCINI PER ATTIVITÀ CULTURALI ORGANIZZATE DA ASSOCIAZIONI, ENTI PUBBLICI ED ISTITUZIONI Art. 1 I criteri e le modalità per la concessione

Dettagli

Regolamento per la concessione di contributi a enti e associazioni

Regolamento per la concessione di contributi a enti e associazioni Regolamento per la concessione di contributi a enti e associazioni approvato con atto consiliare n. 50 del 27/06/2002 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A ENTI E ASSOCIAZIONI Capo I - DISCIPLINA

Dettagli

Il Comitato Esecutivo della Comunità

Il Comitato Esecutivo della Comunità Bando concessione di provvidenze ad associazioni, comitati, enti privati, società con finalità socialmente utili senza scopo di lucro - Anno 2016 Settore: Sport Il Comitato Esecutivo della Comunità - visto

Dettagli

Il sottoscritto quale legale rappresentante di (COGNOME E NOME) Associazione Sportiva (denominazione) Associazione Tempo Libero (denominazione)

Il sottoscritto quale legale rappresentante di (COGNOME E NOME) Associazione Sportiva (denominazione) Associazione Tempo Libero (denominazione) Oggetto: Domanda di contributo per la realizzazione di iniziative sportive e del tempo libero. (Ogni domanda deve essere presentata per una singola iniziativa o progetto unitario.) L.R. 9 marzo 1988 n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI GRATUITI ED ONEROSI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI GRATUITI ED ONEROSI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI GRATUITI ED ONEROSI Approvato dal Consiglio Regionale dell'ordine degli Assistenti Sociali con delibera n.78 in data 17/10/2014 Indice Art. 1 Finalità e definizioni

Dettagli

Bando per la concessione di contributi economici a sostegno delle attività culturali da realizzare nel corso delle manifestazioni estive

Bando per la concessione di contributi economici a sostegno delle attività culturali da realizzare nel corso delle manifestazioni estive COMUNE DI FORMIA Provincia di Latina 5 Settore Sostenibilità Urbana ed Ambientale,Sviluppo Economico,Cultura Servizio Cultura Allegato alla determinazione n 77 del 30/04/2015 Bando per la concessione di

Dettagli

COMUNE DI MEDUNA DI LIVENZA PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI MEDUNA DI LIVENZA PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MEDUNA DI LIVENZA PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FI- NANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI, ASSOCIAZIONI, COMITATI ED ORGANISMI VARI Approvato con deliberazione

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

COMUNE DI AULETTA (PROVINCIA DI SALERNO) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI AI SENSI DELL ART. 12 DELLA L.

COMUNE DI AULETTA (PROVINCIA DI SALERNO) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI AI SENSI DELL ART. 12 DELLA L. COMUNE DI AULETTA (PROVINCIA DI SALERNO) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI AI SENSI DELL ART. 12 DELLA L. 241/90 Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 del 14/04/2014

Dettagli

COMUNE DI PRAGELATO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI.

COMUNE DI PRAGELATO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI. COMUNE DI PRAGELATO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI. Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 55 del 10/12/2004

Dettagli

(approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 5 del 31 gennaio 2005)

(approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 5 del 31 gennaio 2005) REGOLAMENTO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA PER LA CONCESSIONE DI PROVVIDENZE ECONOMICHE E DEL PATROCINIO DELLA PROVINCIA ALLE ATTIVITA CULTURALI, SOCIALI, SPORTIVE E RICREATIVE (approvato con deliberazione

Dettagli

Comune di Coccaglio Provincia di Brescia. Regolamento Comunale PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E SUSSIDI AD ENTI, ASSOCIAZIONI E PRIVATI

Comune di Coccaglio Provincia di Brescia. Regolamento Comunale PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E SUSSIDI AD ENTI, ASSOCIAZIONI E PRIVATI Comune di Coccaglio Provincia di Brescia Regolamento Comunale PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E SUSSIDI AD ENTI, ASSOCIAZIONI E PRIVATI Approvato con delibera C.C. n 34 del 21.06.2010 Deliberazione C.C.

Dettagli

Comune di Jelsi. Linee guida per il finanziamento dei programmi di attività: TITOLO I - FI ALITA ED AMBITI DI APPLICAZIO E

Comune di Jelsi. Linee guida per il finanziamento dei programmi di attività: TITOLO I - FI ALITA ED AMBITI DI APPLICAZIO E Comune di Jelsi Linee guida per il finanziamento dei programmi di attività: TITOLO I - FI ALITA ED AMBITI DI APPLICAZIO E Articolo 1 Oggetto Il Comune, nell esercizio dei suoi poteri di autonomia, determina

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL SANNIO

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL SANNIO UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL SANNIO REGOLAMENTO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL SANNIO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI DESTINATI ALL ORGANIZZAZIONE DI CONVEGNI SCIENTIFICI E PER LA CONCESSIONE DEL LOGO E

Dettagli

Regolamento per la concessione del patrocinio e l uso dello stemma e dei marchi del Comune di Anzola dell Emilia

Regolamento per la concessione del patrocinio e l uso dello stemma e dei marchi del Comune di Anzola dell Emilia Regolamento per la concessione del patrocinio e l uso dello stemma e dei marchi del Comune di Anzola dell Emilia Approvato con deliberazione di C.C. n. 33 del 29.04.2010 INDICE TITOLO I - PATROCINIO...2

Dettagli

COMUNE DI POGGIBONSI (PROVINCIA DI SIENA) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE

COMUNE DI POGGIBONSI (PROVINCIA DI SIENA) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE COMUNE DI POGGIBONSI (PROVINCIA DI SIENA) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 65 del 24/06/2012 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI, ASSOCIAZIONI OD ORGANISMI PUBBLICI O PRIVATI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI, ASSOCIAZIONI OD ORGANISMI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE DI QUARTU SANT ELENA QUARTU SANT ALENI Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI, ASSOCIAZIONI OD ORGANISMI PUBBLICI O PRIVATI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO E PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI ED VANTAGGI ECONOMICI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO E PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI ED VANTAGGI ECONOMICI ALLEGATO A) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO E PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI ED VANTAGGI ECONOMICI AD ASSOCIAZIONI E ENTI AI SENSI DELL ART.12 L.241/1990. Sommario Sommario...2 TITOLO I

Dettagli

COMUNE DI MASSA. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE di PROVVIDENZE

COMUNE DI MASSA. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE di PROVVIDENZE COMUNE DI MASSA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE di PROVVIDENZE Approvato con Delibera di C.C. n. 59 del 20/12/2005 Capo I Definizione e ambito di applicazione Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELL ATTIVITÀ DELLE ASSOCIAZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI E DELLE ASSOCIAZIONI CULTURALI ANNO 2014 -.

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELL ATTIVITÀ DELLE ASSOCIAZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI E DELLE ASSOCIAZIONI CULTURALI ANNO 2014 -. BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELL ATTIVITÀ DELLE ASSOCIAZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI E DELLE ASSOCIAZIONI CULTURALI ANNO 2014 -. Il Comune di Fiesso d Artico, interviene mediante l erogazione

Dettagli

Legale rappresentante e relativa qualifica (es. Presidente, Direttore, etc.):

Legale rappresentante e relativa qualifica (es. Presidente, Direttore, etc.): Spett.le Fondazione CARIGE Via D. Chiossone, 10 16123 GENOVA GE (luogo e data) DATI RIGUARDANTI IL RICHIEDENTE: Il richiedente deve coincidere con il soggetto che sostiene gli oneri per l'iniziativa a

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISCRIZIONE ALL ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI E PER LA CONCESSIONE DI SUSSIDI E CONTRIBUTI ECONOMICI ALLE ASSOCIAZIONI.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISCRIZIONE ALL ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI E PER LA CONCESSIONE DI SUSSIDI E CONTRIBUTI ECONOMICI ALLE ASSOCIAZIONI. Comune di Roè Volciano Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISCRIZIONE ALL ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI E PER LA CONCESSIONE DI SUSSIDI E CONTRIBUTI ECONOMICI ALLE ASSOCIAZIONI. Approvato

Dettagli

COMUNE DI BRUSASCO (Provincia di Torino) CAP. 10020 Tel. (011) 91.51.101 Fax (011) 91.56.150

COMUNE DI BRUSASCO (Provincia di Torino) CAP. 10020 Tel. (011) 91.51.101 Fax (011) 91.56.150 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BRUSASCO (Provincia di Torino) CAP. 10020 Tel. (011) 91.51.101 Fax (011) 91.56.150 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI

Dettagli

COMUNE DI TREZZANO SUL NAVIGLIO

COMUNE DI TREZZANO SUL NAVIGLIO COMUNE DI TREZZANO SUL NAVIGLIO PROVINCIA DI MILANO Area Amministrativa Regolamento dell Albo delle Associazioni e della concessione di benefici finanziari e vantaggi economici ad Enti ed Associazioni

Dettagli

A. Di. S. U. Azienda di Diritto allo Studio Universitario della Seconda Università degli Studi di Napoli

A. Di. S. U. Azienda di Diritto allo Studio Universitario della Seconda Università degli Studi di Napoli A. Di. S. U. Azienda di Diritto allo Studio Universitario della Seconda Università degli Studi di Napoli REGOLAMENTO Contributi per attività culturali ricreative e sportive Articolo n. 1 OGGETTO L'Azienda

Dettagli

Provincia di Latina. Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura

Provincia di Latina. Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura Provincia di Latina Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura Bando per gli interventi a sostegno delle attività culturali nella Provincia di Latina per gli anni 2014 e 2015, finanziati ai sensi

Dettagli

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI:

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: 1. NORMATIVA DEL BANDO 2. MODULO DI DOMANDA 3. SCHEDA INFORMATIVA ENTE RICHIEDENTE 4.

Dettagli

COMUNE DI TAVERNERIO. Regolamento delle Associazioni

COMUNE DI TAVERNERIO. Regolamento delle Associazioni COMUNE DI TAVERNERIO Regolamento delle Associazioni Art. 1 - Finalità del regolamento 1. Il Comune di Tavernerio riconosce ed afferma il valore delle libere e autonome Associazioni e degli organismi di

Dettagli

A.T.A.M. S.p.A. Loc. Case Nuove di Ceciliano n. 49/5 52100 AREZZO. Regolamento per la concessione di patrocini, sponsorizzazioni ed agevolazioni

A.T.A.M. S.p.A. Loc. Case Nuove di Ceciliano n. 49/5 52100 AREZZO. Regolamento per la concessione di patrocini, sponsorizzazioni ed agevolazioni A.T.A.M. S.p.A. Loc. Case Nuove di Ceciliano n. 49/5 52100 AREZZO Regolamento per la concessione di patrocini, sponsorizzazioni ed agevolazioni Approvato dal Consiglio di Amministrazione di ATAM S.p.A.

Dettagli

COMUNE DI SUELLI. Settore Amministrativo SETTORE : Frau Andreina. Responsabile: 266 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 51 NUMERAZIONE GENERALE N.

COMUNE DI SUELLI. Settore Amministrativo SETTORE : Frau Andreina. Responsabile: 266 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 51 NUMERAZIONE GENERALE N. COMUNE DI SUELLI SETTORE : Responsabile: Settore Amministrativo Frau Andreina NUMERAZIONE GENERALE N. 266 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 51 in data 07/05/2014 OGGETTO: Avvio del procedimento per la formazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ORDINARI IN CONCORSO SPESE DESTINATI AL POTENZIAMENTO DELLE ATTIVITA SPORTIVE (Del. C.P. n.

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ORDINARI IN CONCORSO SPESE DESTINATI AL POTENZIAMENTO DELLE ATTIVITA SPORTIVE (Del. C.P. n. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ORDINARI IN CONCORSO SPESE DESTINATI AL POTENZIAMENTO DELLE ATTIVITA SPORTIVE (Del. C.P. n. 60/02) ART. 1 FINALITA E BENEFICIARI DELL INTERVENTO La Provincia

Dettagli

Si informa che il 31 gennaio 2001 scadono i termini per la presentazione delle domande.

Si informa che il 31 gennaio 2001 scadono i termini per la presentazione delle domande. Finanziamento ad artisti (Decreto del Presidente della Giunta provinciale 11 novembre 1988, n. 30 "Approvazione del testo coordinato delle leggi provinciali sulle consulte culturali e fondo provinciale

Dettagli

Manuale per la gestione del finanziamento di attività formative autogestite da parte degli studenti

Manuale per la gestione del finanziamento di attività formative autogestite da parte degli studenti UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Manuale per la gestione del finanziamento di attività formative autogestite da parte degli studenti 1 Attività formative autogestite 1. L Università di Genova promuove

Dettagli

ART. 1 ART. 2 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

ART. 1 ART. 2 OGGETTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI ORDINARI E STRAORDINARI AD ENTI E ASSOCIAZIONI SOCIO- ASSISTENZIALI, A SOSTEGNO DELL ATTIVITA DI VOLONTARIATO E DELLE INIZIATIVE AVENTI VALORE

Dettagli

Città di Termini Imerese

Città di Termini Imerese Città di Termini Imerese Provincia di Palermo == == REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA SPORTIVE Approvato con deliberazione consiliare n. 5 del 06.febbraio.2013 Il Responsabile del Procedimento (Marcello Peri)

Dettagli

Comune di Desenzano del Garda

Comune di Desenzano del Garda Comune di Desenzano del Garda REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI, AUSILI FINANZIARI, NONCHÉ DI BENI IMMOBILI AD ENTI, ASSOCIAZIONI OD ALTRI ORGANISMI PRIVATI Approvato con

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI E DEI BENEFICI ECONOMICI A ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI E DEI BENEFICI ECONOMICI A ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI COMUNE DI TORRI DEL BENACO PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI E DEI BENEFICI ECONOMICI A ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI Delibera di Consiglio Comunale n. 6

Dettagli

Regolamento per la concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e per l attribuzione di vantaggi economici di qualunque

Regolamento per la concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e per l attribuzione di vantaggi economici di qualunque Regolamento per la concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e per l attribuzione di vantaggi economici di qualunque genere. INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 - Natura degli interventi

Dettagli

considerati i nuovi criteri approvati dalla succitata D.G.R. n. 17-6775 del 28/11/2013;

considerati i nuovi criteri approvati dalla succitata D.G.R. n. 17-6775 del 28/11/2013; REGIONE PIEMONTE BU28 10/07/2014 Codice DB1810 D.D. 22 aprile 2014, n. 216 L.r. 36/00 "Riconoscimento e valorizzazione delle associazioni turistiche pro loco" art. 6 Approvazione della "scheda di rendicontazione

Dettagli

per la concessione di contributi, sovvenzioni e vantaggi economici a sostegno delle attività sportive

per la concessione di contributi, sovvenzioni e vantaggi economici a sostegno delle attività sportive COMUNE DI SERRENTI Provincia del Medio Campidano Regolamento per la concessione di contributi, sovvenzioni e vantaggi economici a sostegno delle attività sportive Approvato dal Consiglio Comunale con atto

Dettagli

Comune di Pozzuolo del Friuli

Comune di Pozzuolo del Friuli Comune di Pozzuolo del Friuli INTERNET sito web: www.comune.pozzuolo.udine.it e-mail: protocollo@com-pozzuolo-del-friuli.regione.fvg.it Via XX Settembre, 31 33050 POZZUOLO DEL FRIULI (UD) C.F.: 80010530303

Dettagli

Regolamento dei criteri per la concessione di contributi

Regolamento dei criteri per la concessione di contributi Regolamento dei criteri per la concessione di contributi Determinazione dei criteri e delle modalità per la concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l'attribuzione di vantaggi

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, PATROCINI E USO DI STRUTTURE PUBBLICHE

REGOLAMENTO SULLA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, PATROCINI E USO DI STRUTTURE PUBBLICHE REGOLAMENTO SULLA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, PATROCINI E USO DI STRUTTURE PUBBLICHE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 5 del 28.02.2011 Modificata con deliberazione del

Dettagli

COMUNE DI BORGIO VEREZZI. Provincia di SAVONA REGOLAMENTO

COMUNE DI BORGIO VEREZZI. Provincia di SAVONA REGOLAMENTO Allegato A alla deliberazione C.C. n. 39 del 27.07.2015 COMUNE DI BORGIO VEREZZI Provincia di SAVONA REGOLAMENTO CRITERI PER L ATTRIBUZIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI E VANTAGGI ECONOMICI A PERSONE ED

Dettagli

Comune di Vallarsa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI

Comune di Vallarsa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI Comune di Vallarsa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI AD ENTI ED ASSOCIAZIONI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 34 del 3/8/2005 modificato con delibera del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Allegato sub B) alla deliberazione C.C. n. 24 in data del 26.07.2011 COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI

Dettagli

1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO ART. 2 TIPOLOGIA DEI PARTECIPANTI

1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO ART. 2 TIPOLOGIA DEI PARTECIPANTI 1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO La Fondazione della Comunità Salernitana Onlus promuove un avviso in collaborazione con il Fondo

Dettagli

Art. l (Finalità) Art. 2 (Oggetto dell Avviso Pubblico)

Art. l (Finalità) Art. 2 (Oggetto dell Avviso Pubblico) ALLEGATO A REGIONE LAZIO Dipartimento Programmazione Economica e Sociale Direzione Regionale Politiche Sociali, Autonomie, Sicurezza e Sport Area Interventi per lo Sport Avviso Pubblico per la presentazione

Dettagli

BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15)

BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15) BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15) La Regione, allo scopo di favorire lo sviluppo e la diffusione nel territorio della cultura cinematografica, sostiene gli organismi pubblici

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO A FAVORE DI ENTI, ASSOCIAZIONI, FONDAZIONI CHE ATTUANO INIZIATIVE DI INTERESSE LOCALE E PER L ADESIONE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO A FAVORE DI ENTI, ASSOCIAZIONI, FONDAZIONI CHE ATTUANO INIZIATIVE DI INTERESSE LOCALE E PER L ADESIONE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO A FAVORE DI ENTI, ASSOCIAZIONI, FONDAZIONI CHE ATTUANO INIZIATIVE DI INTERESSE LOCALE E PER L ADESIONE DELLA PROVINCIA A COMITATI D ONORE Approvato con deliberazione

Dettagli

Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI. Testo approvato con Deliberazione C.P. n.48 del 14.04.2004.

Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI. Testo approvato con Deliberazione C.P. n.48 del 14.04.2004. Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI Testo approvato con Deliberazione C.P. n.48 del 14.04.2004. 1 Indice PROVINCIA DI PRATO INDICE Art. 1 Oggetto del

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI SERVIZIO POLITICHE SOCIALI ANNO 2008 PREMESSO CHE

BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI SERVIZIO POLITICHE SOCIALI ANNO 2008 PREMESSO CHE BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI SERVIZIO POLITICHE SOCIALI ANNO 2008 PREMESSO CHE Nell ambito del convegno nazionale La figura del tutor all

Dettagli

AREA ATTIVITÀ PRODUTTIVE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Funzione Trasporti ed Infrastrutture

AREA ATTIVITÀ PRODUTTIVE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Funzione Trasporti ed Infrastrutture AREA ATTIVITÀ PRODUTTIVE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Funzione Trasporti ed Infrastrutture REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA DISCIPLINA DEI CRITERI E DELLE MODALITÀ DI CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE

Dettagli

e, p.c. AGLI UFFICI TERRITORIALI DI GOVERNO - PREFETTURE DELL'ISOLA

e, p.c. AGLI UFFICI TERRITORIALI DI GOVERNO - PREFETTURE DELL'ISOLA PRESIDENZA CIRCOLARE 20 marzo 2006, n. 1. Contributi per l'anno 2006 del dipartimento regionale della protezione civile alle organizzazioni di volontariato di protezione civile regolarmente iscritte al

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI. in favore di

AVVISO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI. in favore di All. A AVVISO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI in favore di ASSOCIAZIONI ONLUS CHE HANNO SUBITO DANNI A CAUSA DEGLI ECCEZIONALI EVENTI ATMOSFERICI DEL 5 MARZO 2015 Si rende noto che

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI INDICE

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI INDICE C O M U N E D I B A Z Z A N O REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI Allegato alla delibera di Consiglio Comunale n.104 del28/11/2011 INDICE Art. 1 - Finalità Art. 2- Registro comunale delle associazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI E ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI DI QUALUNQUE GENERE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI E ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI DI QUALUNQUE GENERE Comune di Macerata REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI E ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI DI QUALUNQUE GENERE (Art. 12 Legge n. 241/90) Approvato con delibera del

Dettagli

Indice Titolo I Erogazione di contributi, ordinari e straordinari a favore delle

Indice Titolo I Erogazione di contributi, ordinari e straordinari a favore delle Indice Titolo I Erogazione di contributi, ordinari e straordinari a favore delle Associazioni che operano nel territorio del Comune di Portoscuso Articolo 1 - Oggetto e finalità pag. 3 Articolo 2 Tipologie

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI, NONCHÉ PER L ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI DI QUALUNQUE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI, NONCHÉ PER L ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI DI QUALUNQUE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI, NONCHÉ PER L ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI DI QUALUNQUE GENERE A FAVORE DI SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VALORIZZAZIONE DELL ASSOCIAZIONISMO E PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI

REGOLAMENTO PER LA VALORIZZAZIONE DELL ASSOCIAZIONISMO E PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI REGOLAMENTO PER LA VALORIZZAZIONE DELL ASSOCIAZIONISMO E PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 17 del 26/05/2009 TITOLO I - OGGETTO

Dettagli