Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali"

Transcript

1 Lezione 8. Le scelte operative della BC Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Obiettivi finali riguardanti l equilibrio macroeconomico: livello del reddito e dell occupazione, stabilità dei prezzi interni, tasso di cambio ecc. A livello strategico, obiettivi intermedi: equilibrio del sistema finanziario (tassi d interesse, credito disponibile e quantità di moneta), attraverso il quale BC influenza l accumulazione (via tasso d interesse), i livelli produttivi e l inflazione (via spesa monetaria). A livello tattico, per conseguire l obiettivo intermedio, fissa obiettivi operativi per variabili che hanno rapporti stabili con gli obiettivi intermedi e che sono influenzate dagli strumenti. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 8 Pagina 1

2 Per l efficacia dell intervento è necessario che: 1. obiettivi operativi siano influenzabili da variazione degli strumenti; 2. obiettivi operativi abbiano una relazione stabile con gli obiettivi intermedi; 3. obiettivi intermedi abbiano una relazione stabile con gli obiettivi finali. La variazione degli strumenti influenza con ritardo gli obiettivi finali: fissazione di obiettivi operativi consente di modificare con celerità comportamenti errati. Questa lezione: obiettivi operativi e confronto tra gli strumenti utilizzati dalla BCE e dalla FED. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 8 Pagina 2

3 Strumenti per il controllo della base monetaria La quota di moneta legale utilizzata dalle banche per soddisfare le esigenze di cassa e rispettare l obbligo di riserva obbligatoria ha valore strategico per il funzionamento del sistema monetario. L offerta di base monetaria è (sostanzialmente) nelle mani della BC. La parte disponibile come liquidità bancaria (libera od obbligatoria) è l obiettivo operativo di breve periodo della BC, insieme ai tassi a brevissimo termine che influenzano, tramite il mercato monetario, l equilibrio del sistema finanziario. Principali strumenti di controllo indiretto del credito e della moneta: a. operazioni di mercato aperto per modificare la BM in circolazione; b. tasso ufficiale di sconto e altri tassi di policy per influenzare le scelte delle banche sul volume di riserve complessive da detenere; c. manovra della riserva obbligatoria (coefficiente e modalità di utilizzo), per controllare la liquidità nelle mani delle banche. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 8 Pagina 3

4 Operazioni di mercato aperto: acquisti o vendite di titoli sul mercato. Con l acquisto, BC cede moneta legale che accresce BM e liquidità delle banche, influenzando in senso espansivo il credito; effetto opposto se vende sul mercato titoli che ha in portafoglio. Operazioni di acquisto/vendita possono essere definitive o temporanee (pct). Dimensione e caratteristiche delle operazioni incidono sulla situazione di liquidità corrente e futura attesa dal settore bancario, con conseguenze, restrittive o espansive, sui comportamenti correnti. Tra gli strumenti per il controllo della liquidità: possibilità delle banche di ricorrere al finanziamento della BC. In alcuni paesi la concessione di credito è discrezionale; in altri BC si impegna ad accogliere le richieste delle banche. Rifinanziamento delle banche in base a uno o più tassi di interesse ufficiali. Orientamento prevalente: BC disponibile a concedere, ad un tasso da prefissato, l ammontare di liquidità domandato dalle banche e ad accogliere i fondi che le banche ritengono opportuno depositare presso di essa, remunerandole a un tasso di norma inferiore a quello di rifinanziamento. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 8 Pagina 4

5 Riserva obbligatoria. Variando il coefficiente, BC modifica in senso opposto la quantità di riserve libere per l attività di investimento in titoli o in prestiti. Per la gestione della liquidità bancaria sono rilevanti anche le norme relative all utilizzo della riserva obbligatoria (remunerazione e possibilità di mobilizzarla per soddisfare le esigenze di tesoreria). G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 8 Pagina 5

6 LA BCE Strumenti: operazioni di mercato aperto, operazioni su iniziativa delle controparti e riserva obbligatoria. «L esistenza di un deficit di liquidità (del sistema bancario, nel suo complesso) migliora la capacità della BC di manovrare i tassi di mercato» e di controllare l evoluzione degli aggregati monetari. Con deficit di liquidità, il mercato deve fare affidamento sul rifinanziamento per aumentare i mezzi liquidi a disposizione; più facile perseguire l obiettivo operativo, ovvero il controllo della liquidità bancaria. Il controllo della liquidità delle banche fa affidamento sulle operazioni di mercato aperto. Intervento primario: operazioni di rifinanziamento principale; acquisti pct a 7 giorni collocati mediante aste settimanali deliberati da BCE e realizzate da BCN (Banche centrali nazionali): BCE annuncia il volume e il tasso di interesse minimo d asta (tasso di riferimento principale), ovvero (come ora) fissa il tasso e lascia la quantità alle decisione delle banche; BCN raccolgono le offerte dalle banche e le trasmettono alla BCE che individua le offerte vincitrici. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 8 Pagina 6

7 Molteplicità delle operazioni di mercato: esigenza di disporre di procedure flessibili per fronteggiare in maniera tempestiva qualsiasi necessità. Seconda classe di interventi: operazioni su iniziativa delle controparti; immettere o assorbire liquidità overnight a discrezione delle banche (controparti della BCE). Due tipi di operazioni gestite a livello decentrato dalle singole BCN: a. operazioni di rifinanziamento marginale consentono alle banche, dietro garanzia di attività stanziabili, di ottenere liquidità overnight ad un tasso di interesse prestabilito; b. depositi presso la BC consentono alle banche di depositare liquidità overnight presso le BCN ad un tasso prestabilito, e dunque permettono di assorbirla, su loro richiesta, per brevissimi periodi di tempo. OIC attivate dalle banche sulla base della loro convenienza; le richieste non hanno vincoli di ammontare (all interno delle attività stanziate a garanzia), ma si devono accettare i tassi d interesse applicati dalla BCE; quello su operazioni di rifinanziamento marginale superiore al tasso sulle operazioni di rifinanziamento principale, mentre quello sui depositi è inferiore. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 8 Pagina 7

8 Comitato esecutivo BCE: decisione su ammontare ORP, sul tasso e sul livello dei due tassi delle OIC. Differenziale tra tasso sulle ORM e sui depositi presso la BC: corridoio per tasso mercato interbancario. EONIA, Euro Overnight Index Average: media ponderata dei tassi dei contratti overnight senza garanzia comunicati da un gruppo selezionato di banche operanti sul mercato interbancario dell area. Nessuna banca prende a prestito (concede prestito) a un tasso superiore (inferiore) a quello che pagherebbe (otterrebbe) rivolgendosi direttamente alla BC. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 8 Pagina 8

9 BCE, Bollettino Mensile, marzo 2011, marzo 2012 e marzo 2014 G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 8 Pagina 9

10 Prima cosa è successo? BCE, Bollettino Mensile, marzo 2010 G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 8 Pagina 10

11 E ancora prima? G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 8 Pagina 11

12 Riserva obbligatoria. 2% della raccolta di fondi (depositi, titoli di debito e titoli del mercato monetario con scadenza inferiore ai due anni, esclusi tutti i rapporti intercreditizi). Deposito remunerato al tasso medio delle ORP nel periodo di mantenimento (un mese a partire dalla data di regolamento del pct successivo alla riunione mensile della BCE). Obbligo soddisfatto se la media dei saldi di fine giornata del conto di riserva non è inferiore all importo calcolato sulla base delle consistenze rilevate alla fine del mese precedente. Possibilità di mobilizzare la riserva obbligatoria, utilizzandola per le esigenze correnti di tesoreria, anziché ricorrere al mercato interbancario. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 8 Pagina 12

13 FED Principale strumento: operazioni di mercato aperto (ODMA), acquisti o vendite di titoli emessi dal Tesoro e dalle agenzie federali. Banche detengono conti presso la FED e li usano per effettuare pagamenti. Saldi di fine giornata (Federal Reserve balances) utilizzati per soddisfare la riserva obbligatoria oppure per offrirli overnight ad altre banche. Mercato in cui si scambiano i saldi detenuti presso la FED: federal funds market. Tasso al quale si concedono i prestiti: federal funds rate (prestiti privi di garanzie reali; banche diverse pagano un tasso diverso, a seconda del loro merito di credito; il federal funds rate si riferisce al tasso pagato dalle istituzioni più affidabili). Offerta di Federal Reserve balances disponibili per le banche determinata dalle ODMA, attraverso le quali la FED fissa la quantità di liquidità, oppure il tasso obiettivo sui federal funds (tasso target). Obiettivi di breve periodo delle ODMA (dichiarati esplicitamente dal 1995) fissati dal Federal Open Market Committee (FOMC). G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 8 Pagina 13

14 Altri strumenti: riserva obbligatoria e manovra del tasso ufficiale di sconto applicato alle banche sui prestiti che ricevono dallo sportello per lo sconto. Gli obblighi di riserva stabiliscono l ammontare di fondi che una banca (depository institution) deve detenere a riserva a fronte dei depositi (net transaction accounts, nonpersonal time deposits, eurocurrency liabilities), sotto forma di circolante presso di sé, o di depositi presso le banche della Riserva Federale. Il Consiglio dei Governatori della FED è l Autorità responsabile di modificare questi obblighi. Riserve totali: circolante detenuto dalle banche per soddisfare l obbligo di riserva più saldi dei conti detenuti presso la FED. Domanda di riserve: 1. riserve obbligatorie (required reserves), computate come media da detenere su un periodo di mantenimento di due settimane; 2. riserve in eccesso (excess reserves, ER), detenute per evitare di sostenere i costi del prestito nell interbancario; le banche limitano al massimo le ER perché non fruttano interesse (gran parte detenute da piccole banche). G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 8 Pagina 14

15 Offerta di riserve: I. borrowed reserves, fornite attraverso lo sportello di sconto, utilizzabile dopo aver usato tutte le altre fonti (anche per non rendere nota la necessità di fondi), anche se il tasso di sconto è in genere inferiore a quello sui federal funds; riserve offerte in questo modo sono una piccola percentuale dell offerta totale; II. nonborrowed reserves (NBR) obiettivo operativo della FED; includono il circolante detenuto dalle banche; sono influenzate soprattutto dalle ODMA, che determinano l offerta di Federal Reserve balances: acquisti di titoli aumentano la quantità di Federal Reserve balances perché la FED crea queste riserve per pagare il venditore, accreditando il conto della sua banca presso la FED; l opposto avviene in caso di vendite. In equilibrio, la domanda di riserve deve essere uguale all offerta. Il federal funds rate è la variabile che determina l equilibrio in questo mercato. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 8 Pagina 15

16 La BC e la stabilità del sistema monetario Rischi della banca: di controparte e di liquidità (difficoltà di reperire fondi liquidi sul mercato). Necessità di liquidità fisiologiche soddisfatte dal ricorso al mercato interbancario. Sistematica difficoltà a garantire un equilibrato flusso di tesoreria di non breve periodo causata da: eventi interni (carenze amministrative e gestionali, errori nella valutazione del merito di credito dei clienti ecc), o esterni (caduta inattesa nelle prospettive di reddito della clientela, perdita di depositi dirottati verso altre banche o altri mercati, caduta dei corsi del titoli in portafoglio ecc). Situazioni di illiquidità superabili attraverso interventi gestionali sull attivo e sul passivo volti a ripristinare un più equilibrato flusso di cassa. Situazioni di insolvenza possono generare corse agli sportelli e fallimento. Al costo rappresentato dalle perdite dei creditori si aggiunge la distruzione di informazione privata contenuta nei rapporti della banca con i suoi clienti. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 8 Pagina 16

17 A questi effetti micro se ne aggiunge uno macro : diffusione delle situazioni di insolvenza, con fallimenti a catena (effetto-domino). Ogni banca intrattiene rapporti con altre banche e quando una fallisce, i crediti delle altre nei suoi confronti possono risultare inesigibili e le banche creditrici possono diventare insolventi. Analoghe difficoltà per i clienti, che vedono risolto il loro rapporto di credito o di debito con modalità diverse da quelle pattuite. Per prevenire crisi di liquidità e garantire la stabilità del sistema dei pagamenti: attribuire alla BC il potere di monitoraggio sulle banche, per distinguere le situazioni di illiquidità da quelle di insolvenza. Soggetto dotato del potere di vigilanza: accesso a informazioni riservate. Creatore di BM: può fronteggiare situazioni di illiquidità con l immissione di BM. Ruolo di prestatore di ultima istanza permette di contrastare il deterioramento della solidità patrimoniale della singola banca, del settore bancario nel suo complesso e dell intero sistema finanziario (quando è molto integrato con quello bancario). G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 8 Pagina 17

18 Attribuire alla BC l obiettivo di garantire il valore della moneta: assicurare sia la stabilità dei prezzi che la stabilità del sistema monetario. Preoccupazione che la disponibilità della BC di fornire tutta la liquidità richiesta dal sistema bancario sia fonte di distorsioni (privilegiare alcune banche piuttosto che altre) o di azzardo morale (richieste di mezzi liquidi non strettamente necessari). Caratteristiche di bene pubblico della produzione di informazioni finalizzata ad assicurare l ordinato funzionamento del sistema dei pagamenti: concentrare i compiti di vigilanza presso l Autorità responsabile della politica monetaria. Ordinato funzionamento del sistema dei pagamenti, vigilanza prudenziale e prestito di ultima istanza sono funzioni integrate. Con asimmetrie informative, la supervisione sulle banche consente alla BC di svolgere efficacemente la politica monetaria: può tener conto del grado di solidità degli intermediari e dei mercati finanziari. G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 8 Pagina 18

19 Vigilanza strutturale e prudenziale Evitare che il prestito di ultima istanza solleciti aziende di credito illiquide ad esporsi ulteriormente: monitoraggio per individuare quelle che meritano di essere sostenute per superare una situazione di illiquidità. Attività di vigilanza si integra con quella di prestatore di ultima istanza. 1. Influenzare la struttura del sistema bancario: vigilanza strutturale. Il fallimento del mercato può derivare da monopolio, esternalità e informazione asimmetrica: intervento delle BC diretto a controllare l attività della singola banca, per garantire o ripristinare la stabilità del sistema dei pagamenti. Regolamentazione di alcune decisioni strategiche delle banche (autorizzazioni per operare nel settore, aprire nuovi sportelli, procedere a fusioni ecc.; interventi sui limiti di fido e sulla competenza territoriale; interventi amministrativi, come controlli sui prestiti o massimali sul credito, e l obbligo di investire in titoli una parte della propria raccolta, o vincoli di portafoglio). G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 8 Pagina 19

20 2. Sollecitare comportamenti delle banche conformi al perseguimento della stabilità monetaria: vigilanza prudenziale (oggi preferita). Perseguire contemporaneamente la stabilità del sistema finanziario e una più efficiente allocazione del credito. Creare un sistema di incentivi e di penalizzazioni che, compensando le asimmetrie informative, stimolino le banche a sfruttare tutte le opportunità senza che le loro decisioni mettano a repentaglio la stabilità patrimoniale. Definisce le norme di buon comportamento degli operatori bancari all interno di un quadro istituzionale che garantisce libertà di azione. Presenza di un prestatore di ultima istanza e sistema di assicurazione dei depositi si inseriscono nella vigilanza prudenziale: il prestatore consente di intervenire tempestivamente in situazioni di difficoltà; l assicurazione permette di evitare la diffusione delle perdite derivanti dall insolvenza delle banche. L intervento che cerca di evitare il verificarsi di situazioni di difficoltà è l imposizione di requisiti di capitale miranti a rafforzare il patrimonio delle banche. Gli accordi di Basilea G. Ciccarone, Economia e Politica Monetaria a.a ; Lezione 8 Pagina 20

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Lezione 8. Le scelte operative della BC Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Obiettivi finali riguardanti l equilibrio macroeconomico: livello del reddito e dell occupazione,

Dettagli

Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria

Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria Determinare la liquidità bancaria se (come avviene con la BCE) la domanda di base monetaria delle famiglie è sempre soddisfatta dalla BC (H

Dettagli

La Banca Centrale e la politica monetaria. Economia degli Intermediari Finanziari 6 maggio 2009 A.A. 2008-2009

La Banca Centrale e la politica monetaria. Economia degli Intermediari Finanziari 6 maggio 2009 A.A. 2008-2009 La Banca Centrale e la politica monetaria Economia degli Intermediari Finanziari 6 maggio 2009 A.A. 2008-2009 La politica monetaria (1) La politica monetaria, insieme alla politica dei redditi e di bilancio,

Dettagli

Il controllo dell offerta di moneta

Il controllo dell offerta di moneta Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il controllo dell offerta di moneta Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Fasi della politica monetaria

Dettagli

Il controllo dell offerta di moneta

Il controllo dell offerta di moneta Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il controllo dell offerta di moneta Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Moltiplicatore monetario

Dettagli

Gli strumenti della Banca Centrale Europea

Gli strumenti della Banca Centrale Europea Gli strumenti della Banca Centrale Europea Strumenti della BCE Operazioni di Politica Monetaria Tipologie di Transazioni Immissione di Liquidità Assorbimento di Liquidità Operazioni di Mercato Aperto Operazioni

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie I mercati finanziari migliorano la negoziabilità dei titoli; gli intermediari emettono passività più liquide dei titoli con i quali concedono credito. Solo

Dettagli

La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale

La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale Stefano Papa Università di Teramo spapa@unite.it Facoltà di Scienze della Comunicazione La politica Monetaria La politica monetaria europea è responsabilità

Dettagli

La politica monetaria europea

La politica monetaria europea La politica monetaria europea Il sistema europeo di banche centrali e la moneta unica 1 Il SEBC A seguito della nascita dell Unione Monetaria Europea (1 gennaio 1999) la politica monetaria viene gestita

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee.

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Lezione 16. Effetti asimmetrici nel meccanismo di trasmissione La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Il processo di trasmissione è condizionato da: 1. struttura

Dettagli

IL MERCATO MONETARIO CARATTERISTICHE TECNICHE E ALCUNI ASPETTI DI FUNZIONAMENTO. Capitolo 11 MEF. Lezione 5 1

IL MERCATO MONETARIO CARATTERISTICHE TECNICHE E ALCUNI ASPETTI DI FUNZIONAMENTO. Capitolo 11 MEF. Lezione 5 1 IL MERCATO MONETARIO CARATTERISTICHE TECNICHE E ALCUNI ASPETTI DI FUNZIONAMENTO Capitolo 11 MEF Lezione 5 1 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTA DOMANDA? Nella relazione annuale di Microsoft per il 2009, si poteva

Dettagli

La politica monetaria I meccanismi di trasmissione. Giuseppe G. Santorsola 1

La politica monetaria I meccanismi di trasmissione. Giuseppe G. Santorsola 1 La politica monetaria I meccanismi di trasmissione Giuseppe G. Santorsola 1 L equilibrio nella politica economica Politica bilancio Tutte e tre le componenti sono importanti Politica economica Vanno dosate

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ECONOMIA POLITICA (prof. C. Gnesutta) PARTE 5 La composizione degli stock finanziari: Capitolo 19: moneta e capitale.

INTRODUZIONE ALL ECONOMIA POLITICA (prof. C. Gnesutta) PARTE 5 La composizione degli stock finanziari: Capitolo 19: moneta e capitale. Capitolo 19:. Tra le funzione delle istituzioni finanziarie vi è anche quella di accrescere il grado di liquidità di attività altrimenti illiquide. Tale funzione è svolta efficacemente da quegli intermediari

Dettagli

Le funzioni della banca. Lezione 1 1

Le funzioni della banca. Lezione 1 1 Le funzioni della banca Lezione 1 1 Le principali funzioni svolte dalle banche sono: Funzione monetaria; Funzione creditizia; Funzione di mobilizzazione del risparmio; Funzione di trasmissione degli impulsi

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.

987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r. 987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.l SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 4 1. In base all Articolo 105.2 del

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA

POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA Matilde Vassalli e-mail vassalli@eco.unibs.it 1 OBIETTIVO E SCHEMA DELLA LEZIONE Comprendere il ruolo della moneta e della politica monetaria in una economia aperta.

Dettagli

I mercati finanziari

I mercati finanziari Lezione 6 (BAG cap. 4) I mercati finanziari Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia I mercati finanziari 1. La domanda di moneta 2. L offerta di moneta: il ruolo della Banca Centrale

Dettagli

Gli intermediari finanziari Il credito è il diritto del creditore che ha effettuato una prestazione attuale di ottenere una controprestazione futura

Gli intermediari finanziari Il credito è il diritto del creditore che ha effettuato una prestazione attuale di ottenere una controprestazione futura Luca Sartirana indice Gli intermediari finanziari Attività bancaria Funzioni della banca Normativa Il SEBC Autorità creditizie nazionali La vigilanza della Banca d Italia Il sistema TARGET Gli intermediari

Dettagli

PROF. MATTIA LETTIERI

PROF. MATTIA LETTIERI L OFFERTA DI MONETA PROF. MATTIA LETTIERI Indice 1 LA BASE MONETARIA ----------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LA RISERVA OBBLIGATORIA -------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

OFFERTA DI MONETA, POLITICA MONETARIA E LA BANCA CENTRALE

OFFERTA DI MONETA, POLITICA MONETARIA E LA BANCA CENTRALE OFFERTA DI MONETA, POLITICA MONETARIA E LA BANCA CENTRALE 1. Offerta di moneta L offerta di moneta di un economia è controllata dalla sua banca centrale. La banca centrale regola direttamente la quantità

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

I mercati finanziari. Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse

I mercati finanziari. Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse I mercati finanziari Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse Le attività finanziarie Due attività: Moneta non frutta interessi serve per le

Dettagli

Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS. Mishkin, Eakins, Istituzioni e mercati finanziari, 3/ed.

Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS. Mishkin, Eakins, Istituzioni e mercati finanziari, 3/ed. Gestione della politica monetaria: strumenti e obiettivi corso PAS 1 Anteprima Con il termine politica monetaria si intende la gestione dell offerta di moneta. Sebbene il concetto possa apparire semplice,

Dettagli

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA capitolo 12-1 OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA ECONOMIA MONETARIA CARATTERISTICA ESSENZIALE: SCAMBI ATTRAVERSO LA MONETA E NON ATTRAVERSO TUTTI GLI ALTRI BENI (BARATTO). LA MONETA, INIZIALMENTE

Dettagli

Economia Monetaria - Slide 7

Economia Monetaria - Slide 7 1 Economia Monetaria - Slide 7 Giorgio Calcagnini Università di Urbino Dip. Economia, Società, Politica giorgio.calcagnini@uniurb.it http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/ http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/economiamonetaria12.html

Dettagli

Capitolo Quarto. Analisi di scenario

Capitolo Quarto. Analisi di scenario Capitolo Quarto Analisi di scenario 1. Distinzione tra politica economica e politica monetaria La politica economica studia l insieme degli interventi del soggetto pubblico sull economia, atti a modificare

Dettagli

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I Si propongono nel presente file alcuni esempi di domande estrapolate dagli esami assegnati negli anni accademici precedenti. Lo scopo di tali esemplificazioni non

Dettagli

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo Questo modulo si occupa dei problemi della moneta e dei prezzi nel lungo periodo. Prenderemo in esame gli aspetti istituzionali che regolano il controllo del

Dettagli

Economia Monetaria - Slide 8

Economia Monetaria - Slide 8 Economia Monetaria - Slide 8 Giorgio Calcagnini Università di Urbino Dip. Economia, Società, Politica giorgio.calcagnini@uniurb.it http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/ http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/economiamonetaria12.html

Dettagli

Meccanismo di trasmissione (Prima parte)

Meccanismo di trasmissione (Prima parte) Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Meccanismo di trasmissione (Prima parte) Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Gli effetti della

Dettagli

Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome. Politica monetaria. Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma

Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome. Politica monetaria. Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome Politica monetaria Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Teoria del moltiplicatore depositi L idea è che la banca non trattiene nelle sue

Dettagli

Economia e Politica Monetaria. La politica monetaria nella pratica delle banche centrali

Economia e Politica Monetaria. La politica monetaria nella pratica delle banche centrali Economia e Politica Monetaria La politica monetaria nella pratica delle banche centrali Obiettivi finali e intermedi Obiettivi finali:!stabilità dei prezzi, crescita reale, stabilità finanziaria!caratteristiche:

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

Il controllo dell offerta di moneta

Il controllo dell offerta di moneta Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il controllo dell offerta di moneta Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Fasi della politica monetaria

Dettagli

IL SISTEMA MONETARIO. Harcourt Brace & Company

IL SISTEMA MONETARIO. Harcourt Brace & Company IL SISTEMA MONETARIO Il significato della moneta La moneta è l insieme dei valori che vengono utilizzati regolarmente dagli individui di un economia per acquistare beni e servizi da altri individui. Tre

Dettagli

Basilea III. Aprile 2013

Basilea III. Aprile 2013 Basilea III Aprile 2013 Basiela I, II, III,. 2 Basilea I 1988 Basilea II 2006 Basilea III 2013 Risposta del Comitato di Basilea alla crisi finanziaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria 3 Il

Dettagli

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito Capitolo 13 Banca Centrale, moneta e credito La moneta: cosa sappiamo già (cap. 5) La moneta è un bene comunemente accettato come mezzo di scambio e pagamento. Deve avere come caratteristiche: facile trasferibilità,

Dettagli

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA

MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA MODI DI FINANZIAMENTO DELL ECONOMIA 1 OPERATORI FINANZIARI ATTIVI E PASSIVI Gli operatori finanziari possono essere divisi in quattro gruppi: Le famiglie; Le imprese; La pubblica amministrazione; il resto

Dettagli

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE VII IL SETTORE MONETARIO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

TLTRO. Banca Centrale Europea Targeted Longer-Term Refinancing Operations. Intervento del dr. M. Proietti Resp. Soluzioni Finanziarie Iccrea Banca

TLTRO. Banca Centrale Europea Targeted Longer-Term Refinancing Operations. Intervento del dr. M. Proietti Resp. Soluzioni Finanziarie Iccrea Banca Titoli di Stato italiani indicizzati all inflazione TLTRO Banca Centrale Europea Targeted Longer-Term Refinancing Intervento del dr. M. Proietti Resp. Soluzioni Finanziarie Iccrea Banca 14 maggio 2015

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Gli intermediari finanziari: banche Intermediazione finanziaria, tipologie di intermediari e imperfezioni di mercato (Fonte: Corigliano, 2004, Intermediazione

Dettagli

Informazioni per gli Azionisti

Informazioni per gli Azionisti Informazioni per gli Azionisti RELATIVE ALL OPERAZIONE DI PAGAMENTO DEL DIVIDENDO PER L ESERCIZIO 2013 SU AZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA SPA DI EURO 0, 40 IN CONTANTI OPPURE A SCELTA DELL AZIONISTA

Dettagli

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 1. La domanda di moneta La moneta può essere usata per transazioni, ma non paga interessi. In realtà ci sono due tipi di moneta: il circolante, la moneta metallica e cartacea,

Dettagli

Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria

Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria La moneta influenza la produzione reale e gli equilibri macroeconomici? Teoria quantitativa della moneta:

Dettagli

BANCHE ARGOMENTI. Struttura finanziaria delle aziende di credito Principali aree gestionali La performance bancaria Struttura del sistema bancario

BANCHE ARGOMENTI. Struttura finanziaria delle aziende di credito Principali aree gestionali La performance bancaria Struttura del sistema bancario BANCHE A.A. 2015/2016 Prof. Alberto Dreassi adreassi@units.it DEAMS Università di Trieste ARGOMENTI Struttura finanziaria delle aziende di credito Principali aree gestionali La performance bancaria Struttura

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.it; prospettiva europea, DEM Università Il Mulino di 2011 Brescia Capitolo I. Un Viaggio intorno al mondo Corso di Economia

Dettagli

Alessandro Scopelliti

Alessandro Scopelliti Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 Politica Monetaria e Sistema Finanziario Perché la politica monetaria è rilevante per il sistema

Dettagli

i dossier LEZIONI AMERICANE PER MONTI www.freefoundation.com 2 aprile 2012 a cura di Renato Brunetta

i dossier LEZIONI AMERICANE PER MONTI www.freefoundation.com 2 aprile 2012 a cura di Renato Brunetta 52 i dossier www.freefoundation.com LEZIONI AMERICANE PER MONTI 2 aprile 2012 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Il presidente della Federal Reserve, la banca centrale americana, Ben Bernanke

Dettagli

Economia e Politica Monetaria

Economia e Politica Monetaria Economia e Politica Monetaria Prof. Salvatore Nisticò email: salvatore.nistico@uniroma1.it http://www.diss.uniroma1.it/moodle2/course/view.php?id=358 Orari: Martedì 18:00 20.00 Aula XI Giovedì 16:00 18.00

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE

PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE PRIME RIFLESSIONI SU BASILEA3 E POSSIBILI IMPATTI SULLE IMPRESE Prof. Roberto Bottiglia Università degli Studi di Verona Dipartimento di Economia Aziendale OLTRE LA CRISI: STRATEGIA E FINANZA PER IL RILANCIO

Dettagli

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE EQUILIBRI FONDAMENTALI DELLA GESTIONE ECONOMICA E FINANZIARIA 2 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTE DOMANDE? Perché le banche concedono prestiti? Come acquisiscono fondi?

Dettagli

Il Ministero dell Economia e delle Finanze

Il Ministero dell Economia e delle Finanze Il Ministero dell Economia e delle Finanze Modalità di svolgimento delle operazioni per la movimentazione della liquidità depositata sul conto disponibilità del Tesoro per il servizio di tesoreria e sui

Dettagli

A cura di Giuseppe Gori e Gianluca Antonecchia (gianluca.antonecchia@unibo.it)

A cura di Giuseppe Gori e Gianluca Antonecchia (gianluca.antonecchia@unibo.it) Macroeconomia, Esercitazione 8 A cura di Giuseppe Gori e Gianluca Antonecchia (gianluca.antonecchia@unibo.it) 1 Esercizi 1.1 Moltiplicatore bancario Se il circolante ammonta a 400, le riserve bancarie

Dettagli

SERVIZI PER LA GESTIONE DELLA LIQUIDITA OFFERTA CASH MANAGEMENT. Prima dell adesione leggere il prospetto informativo Settembre 2011

SERVIZI PER LA GESTIONE DELLA LIQUIDITA OFFERTA CASH MANAGEMENT. Prima dell adesione leggere il prospetto informativo Settembre 2011 SERVIZI PER LA GESTIONE DELLA LIQUIDITA OFFERTA CASH MANAGEMENT Prima dell adesione leggere il prospetto informativo Settembre 2011 1 Le banche cercano di orientare i risparmiatori verso quei conti correnti

Dettagli

Economia Monetaria - Slide 6

Economia Monetaria - Slide 6 Economia Monetaria - Slide 6 Giorgio Calcagnini Università di Urbino Dip. Economia, Società, Politica giorgio.calcagnini@uniurb.it http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/ http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/economiamonetaria12.html

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 Funzioni della moneta Consideriamo i mercati della moneta e delle attività

Dettagli

Sezione 8 - Il capitale, le riserve, il fondo per rischi bancari generali e le passività subordinate

Sezione 8 - Il capitale, le riserve, il fondo per rischi bancari generali e le passività subordinate Sezione 8 - Il capitale, le riserve, il fondo per rischi bancari generali e le passività subordinate Variazioni della voce 100 Fondo per rischi bancari generali Saldo al 1.1.2002... 516 Variazione dell

Dettagli

L offerta di moneta. Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

L offerta di moneta. Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria L offerta di moneta Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Gli aggregati monetari dell area Euro

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

24 marzo 2015 IN AZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA SPA

24 marzo 2015 IN AZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA SPA Informazioni per gli Azionisti RELATIVE ALL OPERAZIONE DI PAGAMENTO DEL DIVIDENDO PER L ESERCIZIO 2014 SU AZIONI CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA SPA DI EURO 0, 40 IN CONTANTI OPPURE A SCELTA DELL AZIONISTA

Dettagli

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

La Moneta e i Mercati Monetari. Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano)

La Moneta e i Mercati Monetari. Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano) La Moneta e i Mercati Monetari In questa lezione: Determiniamo le funzioni e l origine della moneta Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano) Data

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

I MERCATI FINANZIARI

I MERCATI FINANZIARI I MERCATI FINANZIARI 1 SCOPRIREMO cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse 2 LE ATTIVITÀ FINANZIARIE Due attività: Moneta non frutta interessi serve per

Dettagli

Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta. Mercato Monetario

Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta. Mercato Monetario Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta Mercato Monetario Il mercato monetario è relativo allo scambio intertemporale di ingenti quantità di liquidità con un orizzonte inferiore

Dettagli

REGOLAMENTAZIONE DEL SISTEMA FINANZIARIO. Economia degli Intermediari Finanziari

REGOLAMENTAZIONE DEL SISTEMA FINANZIARIO. Economia degli Intermediari Finanziari REGOLAMENTAZIONE DEL SISTEMA FINANZIARIO Economia degli Intermediari Finanziari MOTIVAZIONI DELLA REGOLAMENTAZIONE Il fatto che il settore finanziario è, rispetto ad altri settori, fortemente regolamentato

Dettagli

Economia Monetaria - Slide 10

Economia Monetaria - Slide 10 1 Economia Monetaria - Slide 10 Giorgio Calcagnini Università di Urbino Dip. Economia, Società, Politica giorgio.calcagnini@uniurb.it http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/ http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/economiamonetaria12.html

Dettagli

Regole sulla liquidità. I recenti aggiornamenti su LCR e NSFR e le prospettive future

Regole sulla liquidità. I recenti aggiornamenti su LCR e NSFR e le prospettive future Regole sulla liquidità. I recenti aggiornamenti su LCR e NSFR e le prospettive future Gianluca Trevisan Banca d Italia Supervisione Gruppi Bancari I Roma, 28 febbraio 2014 1 Perché una regolamentazione

Dettagli

ISSIS DON MILANI LICEO ECONOMICO SOCIALE Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA. Liceo Don Milani classe I ECONOMICO SOCIALE Romano di Lombardia 1

ISSIS DON MILANI LICEO ECONOMICO SOCIALE Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA. Liceo Don Milani classe I ECONOMICO SOCIALE Romano di Lombardia 1 ISSIS DON MILANI LICEO Corso di DIRITTO ed ECONOMIA POLITICA 1 Tutti i soggetti economici quando si trovano a risparmiare si trovano di fronte a due opzioni : TESOREGGIAMENTO Processo attraverso il quale

Dettagli

Il sistema creditizio e le banche. Classe V A

Il sistema creditizio e le banche. Classe V A Il sistema creditizio e le banche Classe V A Il credito è il diritto del creditore, che ha effettuato una prestazione attuale, di ottenere una controprestazione futura. CREDITO INDIRETTO: Trasferimento

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 5

Economia monetaria e creditizia. Slide 5 Economia monetaria e creditizia Slide 5 Poiché le attività finanziarie sono sostituibili e le loro funzioni cambiano nel tempo non è facile dare una definizione univoca di moneta, ovvero di quali attività

Dettagli

Macroeconomia, Esercitazione 7. 1 Esercizi. 1.1 Moltiplicatore bancario. 1.2 Moltiplicatore bancario, politica monetaria/1

Macroeconomia, Esercitazione 7. 1 Esercizi. 1.1 Moltiplicatore bancario. 1.2 Moltiplicatore bancario, politica monetaria/1 Macroeconomia, Esercitazione 7 A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.it) 1 Esercizi 1.1 Moltiplicatore bancario Se il circolante ammonta a 400, le riserve bancarie a 100 e i depositi bancari a 800,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO INDICE Art. 1 Ambito di applicazione TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 Finalità del processo di gestione del patrimonio Art. 3 Fondo stabilizzazione erogazioni

Dettagli

Economia degli Intermediari Finanziari

Economia degli Intermediari Finanziari Economia degli Intermediari Finanziari Finanziamento Indiretto Società A Emette L Obbligazione 1 ( Passività nel suo Bilancio A) Intermediario B Compral Obbligazione 1 di A (Attività nel suo Bilancio

Dettagli

RENDICONTO FINANZIARIO

RENDICONTO FINANZIARIO RENDICONTO FINANZIARIO IN OTTICA BASILEA 2 1 Utilità del Rendiconto finanziario L utilità del rendiconto finanziario trae motivo dal fatto che non si ha, quasi mai, coincidenza fra gli andamenti economici

Dettagli

REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009

REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009 REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLE POLIZZE CON PRESTAZIONI DIRETTAMENTE COLLEGATE AD UN INDICE AZIONARIO O ALTRO VALORE DI RIFERIMENTO DI CUI ALL ARTICOLO 41,

Dettagli

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario 26 Risparmio Investimenti Sistema Finanziario Il Sistema Finanziario Il sistema finanziario è costituito dalle istituzioni che operano per far incontrare l offerta di denaro (risparmio) con la domanda

Dettagli

Capitolo 7 Z La politica monetaria

Capitolo 7 Z La politica monetaria Capitolo 7 Z La politica monetaria Sommario Z 1. Obiettivi finali, intermedi e operativi. - 2. Gli strumenti della politica monetaria. - 2.1 La manovra delle riserve obbligatorie. - 2.2 Le operazioni di

Dettagli

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri 1 Risparmio e investimento Risparmio è l ammontare di reddito che non viene consumato. Si origina nelle famiglie

Dettagli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli Lezione 13. Moneta e inflazione Leonardo Bargigli La Moneta La moneta è tutto ciò che viene accettato come mezzo di acquisto di beni e servizi. E il medium dello scambio che consente di superare il baratto

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO INFORMAZIONI SULLA BANCA CHE COS E IL MUTUO IPOTECARIO

FOGLIO INFORMATIVO MUTUO IPOTECARIO INFORMAZIONI SULLA BANCA CHE COS E IL MUTUO IPOTECARIO MUTUO IPOTECARIO FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SULLA BANCA Piazza S. M. Soprarno 1, 50125 Firenze Tel.: 055 24631 Fax: 055 2463231 E-mail: info@bancaifigest.it Sito internet: http://www.bancaifigest.com

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Capitolo 4 Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale 2 Anteprima Che cos è la

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO TASSI/CEDOLE. Semestrale, al 01 maggio e 01 novembre sino al 01/11/2021 incluso. PREZZO/QUOTAZIONE

SCHEDA PRODOTTO TASSI/CEDOLE. Semestrale, al 01 maggio e 01 novembre sino al 01/11/2021 incluso. PREZZO/QUOTAZIONE Emittente Rating Emittente Denominazione delle Obbligazioni Codice ISIN Grado di Subordinazione del Prestito Autorizzazione all emissione Ammontare totale del prestito Valore Nominale e Taglio Minimo Periodo

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

LE FORME TECNICHE DI RACCOLTA DELLE RISORSE FINANZIARIE. Appunti sul libro Economia della Banca

LE FORME TECNICHE DI RACCOLTA DELLE RISORSE FINANZIARIE. Appunti sul libro Economia della Banca LE FORME TECNICHE DI RACCOLTA DELLE RISORSE FINANZIARIE Appunti sul libro Economia della Banca DEFINIZIONI Le forme tecniche di raccolta comprendono il complesso degli strumenti che consentono alla banca

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA L 36/22 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 5.2.2009 BANCA CENTRALE EUROPEA DECISIONE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA dell 11 dicembre 2008 che modifica la decisione BCE/2006/17 sui conti annuali della

Dettagli

PIANO STRATEGICO «BANCA START UP»

PIANO STRATEGICO «BANCA START UP» UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA Dipartimento di Economia Cattedra Strategia e Organizzazione degli Intermediari Finanziari Prof. Stefano Dell Atti Relazione di Tommaso Gozzetti Presidente di Imprebanca

Dettagli

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento Sezione Terza I Fondi comuni di investimento 369. Nella valutazione dei beni del fondo comune di investimento, il valore degli strumenti finanziari ammessi alle negoziazioni su mercati regolamentati è

Dettagli

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci.

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Debiti verso fornitori Importi dovuti ai fornitori. Crediti

Dettagli