Basi di dati (8) Docente: Andrea Bulgarelli. Università di Modena e Reggio Emilia. Argomento: trigger e cursori (1.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Basi di dati (8) Docente: Andrea Bulgarelli. Università di Modena e Reggio Emilia. andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: trigger e cursori (1."

Transcript

1 Università di Modena e Reggio Emilia Basi di dati (8) Docente: Argomento: trigger e cursori (1.1) 1

2 Panoramica Trigger Creazione Tipi di trigger Tabelle inserted/deleted Esempi cliente/ordine Cursori 2

3 Trigger I trigger sono stored procedures speciali che vengono automaticamente invocate quando i contenuti di una tabella vengono modificati L attivazione è conseguenza di INSERT, UPDATE o DELETE Mediante i trigger è possibile implementare (assumendosene la responsabilità) gli elementi specifici (custom) per la gestione dei vincoli di integrità di una applicazione 3

4 Creazione di un trigger Il comando CREATE TRIGGER viene usato per definire nuovi trigger Il diritto di creare trigger è assegnato al proprietario di una tabella, che non può trasferirlo ad altri utenti I trigger sono oggetti del database, quindi i loro nomi devono seguire le regole per gli identificatori Si possono creare trigger solamente nel DB corrente, anche se questi possono riferire oggetti in altri DB Un trigger non può essere creato su una vista (ma le possono referenziare) 4

5 Create trigger CREATE TRIGGER trigger_name ON table [WITH ENCRYPTION] { { { FOR AFTER INSTEAD OF } { [DELETE] [,] [INSERT] [,] [UPDATE] } [WITH APP][NOT FOR REPLICATION] AS sql_statement [...n] } } 5

6 Create trigger (2a forma) CREATE TRIGGER trigger_name ON table [WITH ENCRYPTION] { { FOR AFTER INSTEAD OF } [WITH APP][NOT FOR REPLICATION] AS { IF UPDATE (column) [{AND OR} UPDATE (column)] [...n] IF ( COLUMNS_UPDATED() {bitwise_operator} updated_bitmask) { comparison_operator} column_bitmask [...n] } sql_statement [...n] } } Questa versione si usa in connessione con modifiche su colonne specifiche 6

7 Tipi di trigger I trigger sono per default di tipo AFTER e vengono eseguiti dopo che le relative azioni di innesco sono state completate Sono anche disponibili dei trigger di tipo INSTEAD OF, che agiscono prima di qualsiasi operazione sulle tabelle interessate Una operazione di tipo INSTEAD OF INSERT, ad esempio, porterà a fare operazioni diverse da quella richiesta e.g. per salvare un vincolo di integrità o per poter effettuare una operazione di aggiornamento 7

8 Le tabelle inserted e deleted Le tabelle inserted e deleted sono tabelle logiche per ciascun trigger definito in un database in ambiente SQL server Ogni volta che avviene un aggiornamento su una tabella dotata di trigger tali tabelle vengono popolate con i nuovi dati (per insert e update) ed i vecchi dati (per update e delete) I contenuti delle tabelle possono essere usati per operare sul materiale effettivamente modificato Osservazione: i trigger non ricevono input diretto, se non il contenuto di queste due tabelle; i trigger non producono valori di ritorno ma possono usare il RETURN 8

9 Cliente/ordine: esempio 1 create Trigger PRODOTTO_ONDELETECASCADE On dbo.prodotto For Delete As delete from prodotto_ordine where codice_prodotto IN (select codice from deleted) esempio di trigger che simula la clausola on delete cascade per il rispetto della consistenza del database. Ricordarsi di elminare il vincolo di integrità referenziale tra le tabelle PRODOTTO e PRODOTTO_ORDINE. La struttura del comando SQL garantisce la corretta cancellazione di tutte le righe. 9

10 Cliente/ordine: esempio 2 Create Trigger "PRODOTTO_ONUPDATECASCADE" On dbo.prodotto For Update As char(6) char(6) -- esegui questo if solo se è stato modificato il codice If Update (codice) = codice from inserted; = codice from deleted; print 'Old code: ' + ' - New code: ' update prodotto_ordine set codice_prodotto where codice_prodotto = (select codice from deleted) 10

11 Cliente/ordine: esempio 3 Create Trigger "ORDINE_ONUPDATECASCADE" On dbo.ordine For Update As INT INT If Update (numero) = numero from inserted; = numero from deleted; print 'Old code: ' + + ' - New code: ' + update prodotto_ordine set numero_ordine where numero_ordine 11

12 Cliente/ordine: esempio 4 Create Trigger "ORDINE_REFERENCE_INTEGRITY" On dbo.ordine For Update As char(16) If Update (CF) --leggi il nuovo valore del CF = cf from inserted select cf from cliente where cf IF = 0 RAISERROR('Violato vincolo di integrità referenziale tra Ordine.CF e Cliente.CF', 16, 1) ROLLBACK TRANSACTION 12

13 Cliente/ordine: esempio 5 Create Trigger "ORDINE_REFERENCE_INTEGRITY" On dbo.ordine For Insert As char(16) --leggi il nuovo valore del CF = cf from inserted select cf from cliente where cf IF = 0 RAISERROR('Violato vincolo di integrità referenziale tra Ordine.CF e Cliente.CF', 16, 1) ROLLBACK TRANSACTION 13

14 Cliente/ordine: note Gli esempi precedenti funzionano solamente con transazioni che aggiornano singoli record. Provare il seguente comando: update prodotto set codice=convert(char(3), codice) + 'a' Il server modifica solo il primo valore 14

15 Cliente/ordine: esempio 6 Alter Trigger ORDINE_CARDMAXCLIENTE On dbo.ordine For Insert As char(16) = CF from inserted IF(select count(*) from ordine where CF group by(cf)) > 2 RAISERROR('INSER. IN ORDINE: ERRORE CARDINALITA MASSIMA.',16,1) ROLLBACK TRANSACTION Un utente non puo' avere piu' di due ordini Naturalmente questa versione vale solamente se non ci sono insert multipli Fare anche la versione per update 15

16 Cursori I database relazionali sono orientati agli insiemi Le applicazioni sono spesso orientate al record (soprattutto in fase di presentazione) I cursori offrono un ponte tra l ambiente a insiemi e quello a record Tre possibili ragioni per usarli Business rules complesse Necessità di eseguire una SP per ogni riga Necessità di dividere le modifiche dei dati in parti gestibili Anche il più veloce dei cursori è lento in confronto alle operazioni relazionali 16

17 Sei passi nell attivazione di un cursore Per implementare un cursore si usa una serie di comandi: DECLARE OPEN FETCH UPDATE/DELETE (opzionale) CLOSE DEALLOCATE 17

18 DECLARE Usiamo lo stile SQL-92 (invece di quello T-SQL) Sintassi: DECLARE cursor_name [INSENSITIVE] [SCROLL] CURSOR FOR select_statement [FOR {READ ONLY UPDATE [OF column_name [,...n]]}] dove INSENSITIVE vuol dire che la presentazione non deve tenere conto di eventuali modifiche alle righe sottostanti mentre si scorrono i record (copia in tempdb) SCROLL permette avanzamenti ed arretramenti lungo la lista dei cursori READ ONLY e UPDATE rispettivamente impediscono o permettono la modifica dei dati che vengono letti La sintassi T-SQL è più ricca 18

19 OPEN e FETCH La prima operazione dopo DECLARE è OPEN, per aprire il cursore e cominciare a ricevere i dati (esegue la query) Sintassi: OPEN <nomecursore> Successivamente, per acquisire un record (riga) si usa FETCH FETCH [ [ NEXT PRIOR FIRST LAST ABSOLUTE RELATIVE ] FROM ] { { [GLOBAL] cursor_name } ] 19

20 Controllo del cursore La funzione riferisce sul successo o meno del più recente FETCH I valori possibili sono 0 (successo) 1 (errore) e 2 (riga mancante) L ultima evenienza ha luogo se la riga è stata cancellata mentre la si stava per elaborare La funzione restituisce il numero di righe nell ultimo cursore aperto. I valori possibili sono -m per un cursore popolato in modo asincrono -1 cursore dinamico 0 nessun cursore aperto, nessuna riga disponibile n cursore pienamente popolato 20

21 CLOSE e DEALLOCATE Sono le operazioni conclusive CLOSE rilascia alcune risorse (result set, eventuali lock) ma non chiude la storia del cursore Dopo la CLOSE si può fare una OPEN e ripartire sullo stesso insieme di colonne Sintassi: CLOSE <nomecursore> La DEALLOCATE conclude definitivamente le operazioni, le risorse vengono completamente rilasciate, ed il nome del cursore può essere riutilizzato per un altro cursore Sintassi: DEALLOCATE <nomecursore> 21

22 DECLARE c CURSOR SCROLL FOR SELECT SUM(Quantity) FROM [Order Details] GROUP BY OrderID ORDER BY SUM(Quantity) OPEN c FETCH LAST FROM c IF % 2 = 1 -- numero dispari di righe PRINT 'Odd' = CAST + 1 AS int) / 2 FETCH FROM c = CAST AS float) ELSE -- numero pari di righe PRINT 'Even' = / 2 FETCH FROM c FETCH NEXT FROM c = / 2.0 CLOSE c DEALLOCATE c 22

23 Uso di cursori (T-SQL) DECLARE cursor_name CURSOR [LOCAL GLOBAL] [FORWARD_ONLY SCROLL] [STATIC KEYSET DYNAMIC FAST_FORWARD] [READ_ONLY SCROLL_LOCKS OPTIMISTIC] [TYPE_WARNING] FOR select_statement [FOR UPDATE [OF column_name [,...n]]] In T-SQL ci sono cursori con raggio di azione (scope) locale o globale; il default è GLOBAL, che vuol dire che un cursore dichiarato da una SP può essere usato (se ancora aperto) da un altra SP 23

24 Semplice dichiarazione Il set di risultati generato all'apertura del cursore include tutte le righe e le colonne della tabella authors del database pubs. Il cursore è aggiornabile e tutte le eliminazioni e gli aggiornamenti vengono riportati nelle operazioni di recupero eseguite nel cursore. FETCH NEXT è l'unica istruzione FETCH disponibile perché l'opzione SCROLL non è stata specificata. DECLARE authors_cursor CURSOR FOR SELECT * FROM authors OPEN authors_cursor FETCH NEXT FROM authors_cursor 24

25 Esempio cursori char(6) declare cursor_ordini CURSOR FOR select numero from ordine open cursor_ordini fetch next from cursor_ordini WHILE = 0 print 'New code in table: ' + fetch next from cursor_ordini close cursor_ordini deallocate cursor_ordini 25

26 Esempio 7: cursori e trigger Si utilizzo dei cursori per la scrittura di trigger. Il seguente esempio permette di comprendere come utilizzare i cursori e consente di comprendere cio' che succede durante il funzionamento di un trigger. L'esempio permette infatti di stampare le tabelle temporanee inserted e deleted, oltre a stampare la tabella dello stesso trigger. Provare a lanciare comandi SQL che aggiornano singoli o gruppi di record e a studiare l output. Per visualizzare l'output i comandi SQL devono essere lanciati all'interno del Query Analyzer di SQL Server. 26

27 Create Trigger "ORDINE_TR" On dbo.ordine For Update, Insert, Delete As char(6) declare cursor_ordini_inserted CURSOR FOR select numero from inserted open cursor_ordini_inserted fetch next from cursor_ordini_inserted WHILE = 0 print 'New code in inserted: ' + convert(char fetch next from cursor_ordini_inserted 27

28 close cursor_ordini_inserted deallocate cursor_ordini_inserted declare cursor_ordini_deleted CURSOR FOR select numero from deleted open cursor_ordini_deleted fetch next from cursor_ordini_deleted WHILE = 0 print 'New code in deleted: ' + fetch next from cursor_ordini_deleted close cursor_ordini_deleted deallocate cursor_ordini_deleted 28

29 Esempio 8 Create Trigger "ORDINE_ONUPDATECASCADE" On dbo.ordine For Update As char(6) char(6) declare cursor_ordini_inserted CURSOR FOR select numero from inserted declare cursor_ordini_deleted CURSOR FOR select numero from deleted open cursor_ordini_inserted open cursor_ordini_deleted fetch next from cursor_ordini_inserted fetch next from cursor_ordini_deleted WHILE = 0 print 'Old code: ' + + ' - New code: ' + update prodotto_ordine set numero_ordine where numero_ordine fetch next from cursor_ordini_inserted fetch next from cursor_ordini_deleted close cursor_ordini_inserted close cursor_ordini_deleted deallocate cursor_ordini_inserted deallocate cursor_ordini_deleted 29

30 Esempio 9 Esempio di trigger per la gestione delle regole del dominio del problema (idem per i dati calcolati). L'esempio verifica se nel momento in cui viene inserito un record in [prodotto_ordine] è presente abbastanza prodotto in magazzino. Se è presente decrementa la quantità in magazzino, altrimenti impedisce l'inserimento del record nella tabella [prodotto_ordine]. Funziona solo per transazioni con inserimenti di singoli record. Esercizio: utilizzare i cursori per fare in modo che lavori su più records. 30

31 Alter TRIGGER trinsert ON [PRODOTTO_ORDINE] FOR INSERT AS int char(6) int smallint int = = = = anno FROM inserted IF > 0) --si legge la quantità attualmente presente in magazzino = quantita_magazzino FROM prodotto WHERE codice --si verifica se è presente quantità sufficiente per soddisfare l'ordine IF > 0) --è presente abbastanza prodotto UPDATE prodotto SET quantita_magazzino WHERE codice ELSE --non c'è prodotto sufficiente. Viene generato un messaggio d'errore. RAISERROR('Non è possibile inserire il prodotto nell''ordine perché non è presente sufficiente quantità in magazzino',16, -1) ROLLBACK TRANSACTION Andrea Bulgarelli 31

32 alter TRIGGER trinsertmultipli ON [PRODOTTO_ORDINE] FOR INSERT AS int char(6) int smallint int --dichiarazione di cursore DECLARE cursor_prod_ord CURSOR FOR select codice_prodotto, numero_ordine, anno, quantita from inserted OPEN cursor_prod_ord FETCH NEXT FROM WHILE = 0 --leggo la quantità attualmente in magazzino = quantita_magazzino from PRODOTTO where codice --verifico se ho abbastanza prodotto -- decrementa la quantità in magazzino update PRODOTTO set quantita_magazzino = quantita_magazzino where codice ELSE -- genera un errore RAISERROR('Quantità non sufficiente', 16, -1) FETCH NEXT FROM CLOSE cursor_prod_ord Andrea DEALLOCATE Bulgarelli cursor_prod_ord 32

33 Alter TRIGGER trupdate ON [PRODOTTO_ORDINE] FOR UPDATE AS int int --serve per conosce il valore della quantità prima dell'update char(6) int smallint int = = = = anno FROM inserted --non ci sono controlli sulla modifica degli altri dati del prodotto_ordine = quantita FROM deleted IF IF > 0) --si legge la quantità attualmente presente in magazzino = quantita_magazzino FROM prodotto WHERE codice --si verifica se è presente quantità sufficiente per soddisfare l'ordine IF - > 0) --è presente abbastanza prodotto UPDATE prodotto SET quantita_magazzino - WHERE codice ELSE --non c'è prodotto sufficiente. Viene generato un messaggio d'errore. RAISERROR('Non è possibile modificare la quantità del prodotto nell''ordine perché non è presente sufficiente quantità in magazzino',16, -1) ROLLBACK TRANSACTION Andrea Bulgarelli 33

SQL Server. SQL server e un RDBMS di tipo client/server che utilizza Transact-SQL per gestire la comunicazione fra un client e SQL Server

SQL Server. SQL server e un RDBMS di tipo client/server che utilizza Transact-SQL per gestire la comunicazione fra un client e SQL Server SQL Server 7.0 1 SQL Server SQL server e un RDBMS di tipo client/server che utilizza Transact-SQL per gestire la comunicazione fra un client e SQL Server 2 Strumenti per la gestione Enterprise Manager

Dettagli

ROUTINE E PROGRAMMAZIONE

ROUTINE E PROGRAMMAZIONE LEZIONE-TSQL-02 TRIGGER E PROCEDURE (VER03 PAG. 1 / 6 LEZIONE-TSQL-02 TRIGGER E PROCEDURE (VER03 T-SQL PROGRAMMAZIONE PARTE SECONDA ROUTINE E PROGRAMMAZIONE In TSQL è possibile definire alcune routine

Dettagli

Triggers. Basi dati attive. Trigger. Indipendenza della conoscenza

Triggers. Basi dati attive. Trigger. Indipendenza della conoscenza Basi dati attive Triggers Antonella Poggi Domenico Lembo Dipartimento di informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico 2009-2010 Una base di dati

Dettagli

Basi di dati. Il Linguaggio SQL. K. Donno - Il Linguaggio SQL

Basi di dati. Il Linguaggio SQL. K. Donno - Il Linguaggio SQL Basi di dati Il Linguaggio SQL Data Definition Language (DDL) Data Definition Language: insieme di istruzioni utilizzate per modificare la struttura della base di dati Ne fanno parte le istruzioni di inserimento,

Dettagli

Esercitazione query in SQL L esercitazione viene effettuata sul database viaggi e vacanze che prevede il seguente modello E/R:

Esercitazione query in SQL L esercitazione viene effettuata sul database viaggi e vacanze che prevede il seguente modello E/R: Esercitazione query in SQL L esercitazione viene effettuata sul database viaggi e vacanze che prevede il seguente modello E/R: Si consiglia di creare il data base, inserire i dati nelle tabelle, provare

Dettagli

Basi di dati (7) Docente: Andrea Bulgarelli. Università di Modena e Reggio Emilia. andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: stored procedure (1.

Basi di dati (7) Docente: Andrea Bulgarelli. Università di Modena e Reggio Emilia. andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: stored procedure (1. Università di Modena e Reggio Emilia Basi di dati (7) Docente: andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: stored procedure (1.0) 1 Panoramica Stored procedure Creazione Chiamata Modifica Eliminazione Esempio

Dettagli

SQL nei linguaggi di programmazione

SQL nei linguaggi di programmazione SQL nei linguaggi di programmazione Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi Di Dati Modelli e Linguaggi di Interrogazione, McGraw-Hill Italia, Capitolo 6 SQL in Linguaggi di Programmazione L uso diretto

Dettagli

Basi di dati (6) Docente: Andrea Bulgarelli. Università di Modena e Reggio Emilia. andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: T-SQL (1.

Basi di dati (6) Docente: Andrea Bulgarelli. Università di Modena e Reggio Emilia. andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: T-SQL (1. Università di Modena e Reggio Emilia Basi di dati (6) Docente: andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: T-SQL (1.0) 1 Panoramica T-SQL Variabili Controllo di flusso Trattamento errori Print Operatori e funzioni

Dettagli

Suggerimenti per lo Sviluppo delle Applicazioni con PL/SQL. Simona Rotolo

Suggerimenti per lo Sviluppo delle Applicazioni con PL/SQL. Simona Rotolo Suggerimenti per lo Sviluppo delle Applicazioni con PL/SQL Simona Rotolo 2 Questo documento, rivolto a chi sviluppa codice in PL/Sql, è stato redatto al fine di fornire degli standard di sviluppo che aiuteranno

Dettagli

Lezione 8. Metadati, Viste e Trigger

Lezione 8. Metadati, Viste e Trigger Lezione 8 Metadati, Viste e Trigger Pag.1 Metadati e catalogo di sistema I metadati sono dati a proposito dei dati (quali tabelle esistono?, quali campi contengono?, quante tuple contengono?, ci sono vincoli

Dettagli

MySQL Database Management System

MySQL Database Management System MySQL Database Management System http://www.mysql.com/ DATABASE RELAZIONALI Un database è una collezione strutturata di informazioni. I database sono delle strutture nelle quali è possibile memorizzare

Dettagli

Nozione ed uso. Operazioni eseguite automaticamente ogni volta che avviene un certo evento Uso:

Nozione ed uso. Operazioni eseguite automaticamente ogni volta che avviene un certo evento Uso: Nozione ed uso Operazioni eseguite automaticamente ogni volta che avviene un certo evento Uso: Gestione di vincoli di integrità: Per fallimento Per modifica Auditing: Sicurezza Statistiche Valori derivati

Dettagli

Basi di Dati: Corso di laboratorio

Basi di Dati: Corso di laboratorio Basi di Dati: Corso di laboratorio Lezione 2 Raffaella Gentilini 1 / 45 Sommario 1 Il DDL di SQL: Cancellazione ed Aggiornamento di una BD Cancellazione di Schemi, Tabelle, e Domini Aggiornamento di Tabelle

Dettagli

Procedure memorizzate SQL-2003/PSM. Forma base di PSM. Parametri in PSM

Procedure memorizzate SQL-2003/PSM. Forma base di PSM. Parametri in PSM Procedure memorizzate SQL-2003/PSM Procedure memorizzate nel database Programmazione general-purpose Leggere sezione 8.2 di Garcia-Molina et al. Lucidi derivati da quelli di Jeffrey D. Ullman 1 Una estensione

Dettagli

User Tools: DataBase Manager

User Tools: DataBase Manager Spazio di lavoro Per usare T-SQL Assistant selezionare il link Simple Query e spostare a piacere la piccola finestra dove un menu a tendina mostra i diversi comandi SQL selezionabili, il pulsante Preview

Dettagli

PHP e Structured Query Language

PHP e Structured Query Language Esercitazioni del corso di Tecnologie per la Comunicazione Aziendale PHP e Structured Query Language Marco Loregian loregian@disco.unimib.it www.siti.disco.unimib.it/didattica/tca2008 Interrogazioni (ripasso)

Dettagli

Il linguaggio SQL. è di fatto lo standard tra i linguaggi per la gestione di data base relazionali.

Il linguaggio SQL. è di fatto lo standard tra i linguaggi per la gestione di data base relazionali. (Structured Query Language) : Il linguaggio è di fatto lo standard tra i linguaggi per la gestione di data base relazionali. prima versione IBM alla fine degli anni '70 per un prototipo di ricerca (System

Dettagli

Corso Sistemi Informativi Avanzati. Programma 30 set 2015. Installazione Macchina Virtuale. Introduzione alla BI nelle Aziende.

Corso Sistemi Informativi Avanzati. Programma 30 set 2015. Installazione Macchina Virtuale. Introduzione alla BI nelle Aziende. Programma 30 set 205 Installazione Macchina Virtuale Introduzione alla BI nelle Aziende Introduzione SQL Macchina Virtuale È un emulazione di un computer su un altro computer Stesso punto di partenza per

Dettagli

Sistemi Mobili e Wireless Android - Dati persistenti: SQLite

Sistemi Mobili e Wireless Android - Dati persistenti: SQLite Sistemi Mobili e Wireless Android - Dati persistenti: SQLite Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Android offre

Dettagli

Definizione di domini

Definizione di domini Definizione di domini Come nei linguaggi ad alto livello (es. C) è possibile definire nuovi domini (tipi di dati) a partire da quelli predefiniti, anche se il costruttore è più limitato. create domain

Dettagli

APPENDICE. Procedure in SQL (1)

APPENDICE. Procedure in SQL (1) APPENDICE Procedure in SQL Transazioni in SQL Embedded SQL Remote Procedure Call Appendice 1 Procedure in SQL (1) Standard SQL2 permette di definire procedure, associate a singoli comandi SQL, memorizzate

Dettagli

SQL PER LA DEFINIZIONE DI BASI DI DATI

SQL PER LA DEFINIZIONE DI BASI DI DATI SQL PER LA DEFINIZIONE DI BASI DI DATI SQL non è solo un linguaggio di interrogazione (Query Language), ma Un linguaggio per la definizione di basi di dati (Data-definition language (DDL)) CREATE SCHEMA

Dettagli

SQL non è solo un linguaggio di interrogazione (Query Language), ma. Un linguaggio per la definizione di basi di dati (Data-definition language (DDL))

SQL non è solo un linguaggio di interrogazione (Query Language), ma. Un linguaggio per la definizione di basi di dati (Data-definition language (DDL)) SQL PER LA DEFINIZIONE DI BASI DI DATI 1 SQL non è solo un linguaggio di interrogazione (Query Language), ma Un linguaggio per la definizione di basi di dati (Data-definition language (DDL)) CREATE SCHEMA

Dettagli

Data Base. Master "Bio Info" Reti e Basi di Dati Lezione 6

Data Base. Master Bio Info Reti e Basi di Dati Lezione 6 Data Base 1 Sommario I concetti fondamentali. Database Relazionale.. Query e SQL MySql, Creazione di un db in MySQL con PHPmyAdmin Creazione database e delle Tabelle Query Inserimento Ricerca Modifica

Dettagli

DUE GRUPPI DI COMANDI

DUE GRUPPI DI COMANDI LEZIONE16 SQL DDL PAG. 1 / 9 PROF. ANDREA ZOCCHEDDU LEZIONE16 SQL DDL LINGUAGGIO SQL DATA DESCRIPTION LANGUAGE DUE GRUPPI DI COMANDI I comandi del linguaggio SQL sono divisi in due grandi gruppi che formano

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

Il linguaggio SQL: trigger. Versione elettronica: 04.7.SQL.trigger.pdf

Il linguaggio SQL: trigger. Versione elettronica: 04.7.SQL.trigger.pdf Il linguaggio SQL: trigger Sistemi Informativi T Versione elettronica: 04.7.SQL.trigger.pdf DBMS attivi Un DBMS si dice attivoquando dispone di un sottosistema integrato per definire e gestire regole I

Dettagli

DDL, VINCOLI D INTEGRITÁ, AGGIORNAMENTI E VISTE. SQL è più di un semplice linguaggio di interrogazione

DDL, VINCOLI D INTEGRITÁ, AGGIORNAMENTI E VISTE. SQL è più di un semplice linguaggio di interrogazione SQL DDL, VINCOLI D INTEGRITÁ, AGGIORNAMENTI E VISTE SQL è più di un semplice linguaggio di interrogazione! Linguaggio di definizione dati (Data-definition language, DDL):! Crea/distrugge/modifica relazioni

Dettagli

Microsoft SQL Server

Microsoft SQL Server Che cos'è SQL Server E' il DBMS commercializzato da Microsoft. Principali concorrenti: Prodotti commerciali: Oracle, IBM DBII; Prodotti "free": MySQL, Postgres. Requisiti tipici per l'installazione della

Dettagli

I comandi del linguaggio DDL (Data Definition Language): CREATE E ALTER

I comandi del linguaggio DDL (Data Definition Language): CREATE E ALTER Caratteristiche generali del linguaggio SQL Il linguaggio SQL è il linguaggio usato per la gestione dei database relazionali, cioè dei database creati con un DBMS di tipo relazionale. Esso nacque nella

Dettagli

2104 volume III Programmazione

2104 volume III Programmazione 2103 SQLite Capitolo 77 77.1 Utilizzo generale................................. 2104 77.1.1 Utilizzo di sqlite3».......................... 2104 77.1.2 Copie di sicurezza............................ 2106

Dettagli

Oracle PL/SQL. Motivazioni

Oracle PL/SQL. Motivazioni Oracle PLSQL Motivazioni Supponiamo che nella gestione del database Azienda ci venga chiesto di apportare le modifiche necessarie a far sì che ad ogni impiegato possa essere assegnato, alla fine di ogni

Dettagli

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE.

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. INFORMATICA Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. APPLICAZIONI WEB L architettura di riferimento è quella ampiamente diffusa ed

Dettagli

Stored Procedures. Massimo Mecella Dipartimento di Ingegneria informatica automatica e gestionale Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma

Stored Procedures. Massimo Mecella Dipartimento di Ingegneria informatica automatica e gestionale Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Stored Procedures Massimo Mecella Dipartimento di Ingegneria informatica automatica e gestionale Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Stored Procedure e User Defined

Dettagli

SQL -DDL. FONDISTA(Nome, Nazione, Età) GAREGGIA(NomeFondista, NomeGara, Piazzamento) GARA(Nome, Luogo, Nazione, Lunghezza)

SQL -DDL. FONDISTA(Nome, Nazione, Età) GAREGGIA(NomeFondista, NomeGara, Piazzamento) GARA(Nome, Luogo, Nazione, Lunghezza) 26/03/2013 SQL SQL -DDL Esercizio 4.3 Dare le definizioni SQL delle tre tabelle FONDISTA(Nome, Nazione, Età) GAREGGIA(NomeFondista, NomeGara, Piazzamento) GARA(Nome, Luogo, Nazione, Lunghezza) rappresentando

Dettagli

Vincoli e Triggers. Vincoli. Tipo di vincoli. Chiavi esterne

Vincoli e Triggers. Vincoli. Tipo di vincoli. Chiavi esterne Vincoli Chiavi esterne Vincoli locali e globali Triggers Leggere capitolo 7 di Garcia- Molina et al. Vincoli e Triggers Un vincolo e una relazione tra dati che il DBMS deve assicurare. Esempio: vincoli

Dettagli

Vincoli di Integrità Approccio dichiarativo alla loro implementazione

Vincoli di Integrità Approccio dichiarativo alla loro implementazione Vincoli di Integrità Approccio dichiarativo alla loro implementazione Antonella Poggi Dipartimento di informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico

Dettagli

Vincoli di Integrità

Vincoli di Integrità Vincoli di Integrità Approccio procedurale Antonella Poggi Dipartimento di informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Progetto di Applicazioni Software Anno accademico 2008-2009 Questi lucidi

Dettagli

PL/SQL PL/SQL. Ordine degli elementi dei triggers di Oracle. Differenze nei triggers. Versione dei trigger e PSM di Oracle

PL/SQL PL/SQL. Ordine degli elementi dei triggers di Oracle. Differenze nei triggers. Versione dei trigger e PSM di Oracle Versione dei trigger e PSM di Oracle Lucidi derivati da quelli di Jeffrey D Ullman Oracle usa una variante di SQL/PSM che si chiama non consente solo di creare e memorizzare procedure e funzioni, ma puo

Dettagli

MS SQL Server Componenti Logici. Implementazione. Prof. Pasquale Basile pabasile@unina.it

MS SQL Server Componenti Logici. Implementazione. Prof. Pasquale Basile pabasile@unina.it Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Complementi di Informatica MS SQL Server Componenti Logici Prof. Pasquale Basile pabasile@unina.it

Dettagli

Capitoli 8 e 9. SQL embedded. Applicazioni tradizionali Applicazioni Internet. Sistemi di basi di dati Raghu Ramakrishnan, Johannes Gehrke

Capitoli 8 e 9. SQL embedded. Applicazioni tradizionali Applicazioni Internet. Sistemi di basi di dati Raghu Ramakrishnan, Johannes Gehrke Capitoli 8 e 9 Applicazioni tradizionali Applicazioni Internet SQL embedded SQL nel codice applicativo I comandi SQL possono essere chiamati dall interno di un programma in un linguaggio ospite (ad esempio

Dettagli

SQL (STRUCTURED QUERY LANGUAGE)

SQL (STRUCTURED QUERY LANGUAGE) SQL (STRUCTURED QUERY LANGUAGE) Prof. Nicoletta D Alpaos & Prof. Andrea Borghesan SQL DDL Data Definition Language DML Data Manipulation Language DCL Data Control Language DDL Obiettivo: Definire la struttura

Dettagli

Vincoli di Integrità

Vincoli di Integrità Vincoli di Integrità Antonella Poggi Dipartimento di informatica e Sistemistica Sapienza Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico 2010-2011 Questi lucidi sono stati prodotti

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Azioni. Select e join non consentono di modificare il contenuto del DB. Inserzione di nuovi dati. Azioni desiderate. Aggiornamento di dati

Azioni. Select e join non consentono di modificare il contenuto del DB. Inserzione di nuovi dati. Azioni desiderate. Aggiornamento di dati Azioni Select e join non consentono di modificare il contenuto del DB Azioni desiderate Inserzione di nuovi dati Aggiornamento di dati Cancellazione di dati Aggiunta di un record insert into utenti(nome,tel,codice_u)

Dettagli

Appunti di MySql. Evoluzione di un tutorial di base di mysql, scritto da Etel Sverdlov.

Appunti di MySql. Evoluzione di un tutorial di base di mysql, scritto da Etel Sverdlov. Appunti di MySql Evoluzione di un tutorial di base di mysql, scritto da Etel Sverdlov. Indice generale avviare la shell mysql...2 comandi SQL per la gestione del database (DDL)...2 visualizzare l'elenco

Dettagli

Viene richiesto di MIN CARD(S,E) = 1 UPDATE DELETE MAX CARD(S,E) = 3 INSERT UPDATE

Viene richiesto di MIN CARD(S,E) = 1 UPDATE DELETE MAX CARD(S,E) = 3 INSERT UPDATE Dato il seguente schema E/R E la sua traduzione nel seguente schema relazionale: disponibile in http://www.dbgroup.unimo.it/sire/20110513/20110513.bak Viene richiesto di 1) Risolvere la seguente interrogazione

Dettagli

Capitolo 7. Esercizio 7.1

Capitolo 7. Esercizio 7.1 Capitolo 7 Esercizio 7.1 Dato lo schema relazionale: IMPIEGATO (Nome, Salario, DipNum) DIPARTIMENTO (DipNum, NomeManager) Definire le seguenti regole attive in Oracle e DB2: 1. una regola, che quando il

Dettagli

Biglietti e Ritardi: schema E/R

Biglietti e Ritardi: schema E/R Biglietti e Ritardi: schema E/R Ritardi: Progettazione dello schema di Fatto! Definire uno schema di fatto per analizzare i ritardi; in particolare l analisi deve considerare l aeroporto di partenza, mentre

Dettagli

JDBC versione base. Le classi/interfacce principali di JDBC

JDBC versione base. Le classi/interfacce principali di JDBC JDBC versione base Java Database Connectivity è il package Java per l accesso a database relazionali il package contiene interfacce e classi astratte uno dei pregi è la completa indipendenza del codice

Dettagli

DBMS ed Applicazioni Motivazioni

DBMS ed Applicazioni Motivazioni DBMS ed Applicazioni Motivazioni Sin ora abbiamo visto SQL come linguaggio per interrogare DBMS da interfaccia interattiva Nella pratica, un efficace sfruttamento delle potenzialità dei DBMS deriva dalla

Dettagli

Il linguaggio SQL: viste e tabelle derivate

Il linguaggio SQL: viste e tabelle derivate Il linguaggio SQL: viste e tabelle derivate Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: SQLd-viste.pdf Sistemi Informativi L-A DB di riferimento

Dettagli

MySQL Database Management System

MySQL Database Management System MySQL Database Management System II parte Progetto gestione booking prenotazioni on-line 1. Progettazione e creazione struttura database che chiameremo booking. 2. Progettazione e creazione di un form

Dettagli

Laboratorio Progettazione Web PHP e MySQL. Andrea Marchetti IIT-CNR 2013/2014

Laboratorio Progettazione Web PHP e MySQL. Andrea Marchetti IIT-CNR 2013/2014 Laboratorio Progettazione Web PHP e MySQL Andrea Marchetti IIT-CNR 2013/2014 Architettura di una applicazione Web Browser Web HTTP Server Web API Dati Presentation Application Storage PHP e DataBase Quando

Dettagli

Il linguaggio SQL: viste e tabelle derivate. Versione elettronica: SQLd-viste.pdf

Il linguaggio SQL: viste e tabelle derivate. Versione elettronica: SQLd-viste.pdf Il linguaggio SQL: viste e tabelle derivate Versione elettronica: SQLd-viste.pdf DB di riferimento per gli esempi Imp Sedi CodImp Nome Sede Ruolo Stipendio Sede Responsabile Citta E001 Rossi S01 Analista

Dettagli

IL LINGUAGGIO SQL IDENTIFICATORI E TIPI DI DATI COMANDI E ISTRUZIONI

IL LINGUAGGIO SQL IDENTIFICATORI E TIPI DI DATI COMANDI E ISTRUZIONI IL LINGUAGGIO SQL Il linguaggio SQL ( Structured Query Languages) è un linguaggio non procedurale che è diventato uno standard tra i linguaggi per la gestione dei database relazionali. Il linguaggio procedurale

Dettagli

Backup e Restore di un database PostgreSQL Sandro Fioravanti INFN-LNF

Backup e Restore di un database PostgreSQL Sandro Fioravanti INFN-LNF SPARC-CS-12/001 20 Gennaio 2012 Backup e Restore di un database PostgreSQL Sandro Fioravanti INFN-LNF Abstract Vengono descritte le procedure di backup e restore dei dati memorizzati in un database di

Dettagli

Il sistema IBM DB2. Sistemi Informativi T. Versione elettronica: L01.1.IntroduzioneDB2.pdf

Il sistema IBM DB2. Sistemi Informativi T. Versione elettronica: L01.1.IntroduzioneDB2.pdf Il sistema IBM DB2 Sistemi Informativi T Versione elettronica: L01.1.IntroduzioneDB2.pdf IBM DB2 Il DBMS relazionale IBM DB2 è il prodotto di punta dell IBM per la gestione di basi di dati relazionali

Dettagli

Gestione delle tabelle

Gestione delle tabelle Linguaggio SQL: fondamenti Creazione di una tabella Modifica della struttura di una tabella Cancellazione di una tabella Dizionario dei dati Integrità dei dati 2 Creazione di una tabella (1/3) Si utilizza

Dettagli

CORSO DI SQL SERVER 7

CORSO DI SQL SERVER 7 CORSO DI SQL SERVER 7 Ing. Andrea Bulgarelli INDICE GENERALITÀ SU SQL-SERVER...3 DATABASE...3 DBMS...3 Funzionalità del DBMS...4 TRANSAZIONE...4 Problema della concorrenza...5 SCHEMA RELAZIONALE...7 IL

Dettagli

CONCETTO DI ANNIDAMENTO

CONCETTO DI ANNIDAMENTO LEZIONE14 SQL ANNIDAMENTI PAG. 1 / 5 PROF. ANDREA ZOCCHEDDU LEZIONE14 SQL ANNIDAMENTI CONCETTO DI ANNIDAMENTO LINGUAGGIO SQL QUERY ANNIDATE Per annidamento si intende la possibilità che, all interno di

Dettagli

MySQL Procedure, funzioni, trigger e scheduling

MySQL Procedure, funzioni, trigger e scheduling Corso di Laurea in Informatica Base Dati a.a. 2012-2013 MySQL Procedure, funzioni, trigger e scheduling Laboratorio Ing. G. Laboccetta Dott.ssa. V. Policicchio Definizione di stored procedure Una stored

Dettagli

SQL e ACCESS. Modello relazionale PROBLEMA ENTITA STUDENTE

SQL e ACCESS. Modello relazionale PROBLEMA ENTITA STUDENTE SQL e ACCESS Prof. Salvatore Multazzu (salvatoremultazzu@tiscali.it) Applicazioni Informatiche nella comunicazione Modello relazionale Entità Record o Ennuple Attributi o Campi Tipi Chiavi Primarie (PK)

Dettagli

Non si deve fare ALCUN riferimento alla parte specifica di JDBC.

Non si deve fare ALCUN riferimento alla parte specifica di JDBC. Un applicazione per la quale sia fondamentale l indipendenza dal Database può essere scritta in Java usando le specifiche. (Package java.sql) Non devono essere usate chiamate specifiche del database: Si

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA E TECNOLOGIE INFORMATICHE RELAZIONE DI LAUREA Analisi ed ottimizzazione del database Vision SQL ; stage presso

Dettagli

LA REALIZZAZIONE DI APPLICAZIONI ALCUNE ARCHITETTURE

LA REALIZZAZIONE DI APPLICAZIONI ALCUNE ARCHITETTURE LA REALIZZAZIONE DI APPLICAZIONI ALCUNE ARCHITETTURE Quattro parti: Gestione dati Client-Server Logica + interfaccia Logica + interfaccia Business rules Sistema di comunicazione Logica applicativa DBMS:

Dettagli

SQL. Laboratorio di Progettazione di Basi di Dati (CdS in Informatica e TPS)

SQL. Laboratorio di Progettazione di Basi di Dati (CdS in Informatica e TPS) 1 SQL Laboratorio di Progettazione di Basi di Dati (CdS in Informatica e TPS) a.a. 2014/2015 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/basi-dati/bd2014-15.htm Dott.ssa Francesca A. Lisi dott.ssa Francesca A.

Dettagli

LA REALIZZAZIONE DI APPLICAZIONI. Quattro parti: Gestione dati. Business rules. Logica applicativa. Interfaccia utente. Molte possibili architetture

LA REALIZZAZIONE DI APPLICAZIONI. Quattro parti: Gestione dati. Business rules. Logica applicativa. Interfaccia utente. Molte possibili architetture LA REALIZZAZIONE DI APPLICAZIONI Quattro parti: Gestione dati Business rules Logica applicativa Interfaccia utente Molte possibili architetture L approccio tradizionale: uso di un linguaggio PLSQL 1.1

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

Laboratorio Progettazione Web PHP e MySQL - Lezione 9. Andrea Marchetti IIT-CNR andrea.marchetti@iit.cnr.ita 2012/2013

Laboratorio Progettazione Web PHP e MySQL - Lezione 9. Andrea Marchetti IIT-CNR andrea.marchetti@iit.cnr.ita 2012/2013 Laboratorio Progettazione Web PHP e MySQL - Lezione 9 Andrea Marchetti IIT-CNR andrea.marchetti@iit.cnr.ita 2012/2013 Architettura di una applicazione Web Browser Web HTTP Server Web API Dati Presentation

Dettagli

TRIGGER Regole Attive (Trigger) OLD_TABLE NEW_TABLE old new

TRIGGER Regole Attive (Trigger) OLD_TABLE NEW_TABLE old new TRIGGER Regole Attive (Trigger) Programmi attivati automaticamente dal DBMS al verificarsi di determinate condizioni e operazioni sulle tabelle Da un punto di vista generale, in un trigger vengono specificati

Dettagli

SQL. Alcune note sulla definizione dei dati

SQL. Alcune note sulla definizione dei dati SQL Alcune note sulla definizione dei dati Domini Domini elementari (predefiniti) Domini definiti dall'utente (riutilizzabili, possono servire per specificare vincoli di dominio propri di una certa applicazione)

Dettagli

TUTORIAL. CREAZIONE DI TRIGGER IN ORACLE LITE 8i MEDIANTE CLASSI JAVA

TUTORIAL. CREAZIONE DI TRIGGER IN ORACLE LITE 8i MEDIANTE CLASSI JAVA TUTORIAL CREAZIONE DI TRIGGER IN ORACLE LITE 8i MEDIANTE CLASSI JAVA Michele de Nittis Generalità... 2 Modello di Caricamento e Pubblicazione... 3 Modello Per Allegato (Attachment)... 9 Esempio di creazione

Dettagli

CORSO DI SQL SERVER 7 Generalità

CORSO DI SQL SERVER 7 Generalità CORSO DI SQL SERVER 7 Generalità Ing. Andrea Bulgarelli INDICE GENERALITÀ SU SQL-SERVER...3 DATABASE...3 DBMS...3 Funzionalità del DBMS...4 TRANSAZIONE...4 Problema della concorrenza...5 LA PROGETTAZIONE

Dettagli

Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2006/7. Il trattamento dei dati

Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2006/7. Il trattamento dei dati Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2006/7 Il trattamento dei dati database: il linguaggio SQL seconda parte Prof. Valle D.ssa Folgieri Lez9 15.11.06 Trattamento dati. Database: il

Dettagli

Stored Procedures. Antonella Poggi, Claudio Corona. Dipartimento di informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma

Stored Procedures. Antonella Poggi, Claudio Corona. Dipartimento di informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Stored Procedures Antonella Poggi, Claudio Corona Dipartimento di informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico 2008-2009 Questi lucidi sono stati

Dettagli

Tool. Basi di Dati e Sistemi Informativi Prof. Marco Di Felice Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013

Tool. Basi di Dati e Sistemi Informativi Prof. Marco Di Felice Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Tool Basi di Dati e Sistemi Informativi Prof. Marco Di Felice Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Basi di Dati e Sistemi Informativi () PostgreSQL A.A. 2012-2013 1 / 26 Gli strumenti che vedremo Basi

Dettagli

Laboratorio di reti II: Gestione di database lato server

Laboratorio di reti II: Gestione di database lato server Laboratorio di reti II: Gestione di database lato server Stefano Brocchi brocchi@dsi.unifi.it 23 marzo, 2009 Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Database 23 marzo, 2009 1 / 32 Uso di database lato

Dettagli

Il DBMS Oracle. Express Edition. Donatella Gubiani e Angelo Montanari

Il DBMS Oracle. Express Edition. Donatella Gubiani e Angelo Montanari Gubiani & Montanari Il DBMS Oracle 1 Il DBMS Oracle Express Edition Donatella Gubiani e Angelo Montanari Il DBMS Oracle Il DBMS Oracle Oracle 10g Express Edition Il DBMS Oracle (nelle sue versioni più

Dettagli

PHP e MySQL. Guida scaricata da www.webstyling.it

PHP e MySQL. Guida scaricata da www.webstyling.it Home -> Manuali & Tutorials -> Guida PHP PHP e MySQL E' possibile realizzare delle applicazioni in php appoggiandosi ad un database, quale ad esempio MySQL. Con le novità introdotte ai tempi di MySQL 4.1

Dettagli

Linguaggio SQL: fondamenti D B M G. Gestione delle tabelle

Linguaggio SQL: fondamenti D B M G. Gestione delle tabelle Linguaggio SQL: fondamenti Creazione di una tabella Modifica della struttura di una tabella Cancellazione di una tabella Dizionario dei dati Integrità dei dati 2 2007 Politecnico di Torino 1 Creazione

Dettagli

********************* MODIFICA STRUTTURA DI UNA TABELLA (inserimento di un nuovo campo) ALTER TABLE Personale ADD Nascita date;

********************* MODIFICA STRUTTURA DI UNA TABELLA (inserimento di un nuovo campo) ALTER TABLE Personale ADD Nascita date; CREAZIONE STRUTTURA DI UNA TABELLA by Marinsalta Fausto CREATE TABLE Personale Matricola char(5), Cognome char(30), Nome char(20), Codfis char(16) not null, Assunzione date, Filiale smallint, Funzione

Dettagli

Introduzione al Python

Introduzione al Python Andrea Passerini passerini@disi.unitn.it Informatica Caratteristiche procedurale si specifica la procedura da eseguire sui dati strutturato concetto di visibililtà delle variabili orientato agli oggetti

Dettagli

Il linguaggio SQL: le basi

Il linguaggio SQL: le basi Il linguaggio SQL: le basi Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: SQLa-basi.pdf Sistemi Informativi L-A SQL: caratteristiche generali

Dettagli

PHP 5. PHP ed i database. Database e tabelle. Struttura di un DB relazionale. Accesso a database

PHP 5. PHP ed i database. Database e tabelle. Struttura di un DB relazionale. Accesso a database PHP ed i database PHP 5 Accesso a database PHP funziona con molti database relazionale che includono: Oracle Access Postgres SQL Server MySQL Useremo MySQL poiché è semplice da usare, gratuito e molto

Dettagli

Esercitazione di riepilogo sulle Query MySQL Giugno 2011 Classe VB Informatica

Esercitazione di riepilogo sulle Query MySQL Giugno 2011 Classe VB Informatica Istituto di Istruzione Superiore Alessandrini - Marino 1 Esercitazione di riepilogo sulle Query MySQL Giugno 2011 Classe VB Informatica Descrizione Un azienda commerciale che vende prodotti IT (computers,

Dettagli

Volumi di riferimento

Volumi di riferimento Simulazione seconda prova Esame di Stato Gestione di un centro agroalimentare all ingrosso Parte prima) Un nuovo centro agroalimentare all'ingrosso intende realizzare una base di dati per l'attività di

Dettagli

SQL: concetti base SQL. Definizione dei dati in SQL. SQL: "storia"

SQL: concetti base SQL. Definizione dei dati in SQL. SQL: storia SQL SQL: concetti base originariamente "Structured Query Language", ora "nome proprio" linguaggio con varie funzionalità: contiene sia il DDL sia il DML ne esistono varie versioni vediamo gli aspetti essenziali,

Dettagli

Comprendere ADO.NET. La guida definitiva per comprendere a fondo ADO

Comprendere ADO.NET. La guida definitiva per comprendere a fondo ADO 060-063 Database 3-03-2005 16:23 Pagina 62 DATABASE La guida definitiva per comprendere a fondo ADO Accesso ai DB con Visual Basic.Net 2003 L ultimo articolo che ci aiuterà ad interagire con i database,

Dettagli

APPLICAZIONI DELLE BASI DI DATI

APPLICAZIONI DELLE BASI DI DATI APPLICAZIONI DELLE BASI DI DATI APPLICAZIONI TRADIZIONALI APPLICAZIONI INTERNET SQL EMBEDDED SQL nel codice applicativo! I comandi SQL possono essere chiamati dall interno di un programma in un linguaggio

Dettagli

http://technet.microsoft.com/it-it/library/bb500469.aspx Le versioni di SQL Server sono state molte; traggo le principali da Wikipedia:

http://technet.microsoft.com/it-it/library/bb500469.aspx Le versioni di SQL Server sono state molte; traggo le principali da Wikipedia: LEZIONE-TSQL-01 DDL (VER01 PAG. 1 / 11 LEZIONE-TSQL-01 DDL (VER01 T-SQL PROGRAMMAZIONE PARTE PRIMA MICROSOFT SQL SERVER IL PRODOTTO MICROSOFT SQL SERVER Le dispense SQL descrivono un generico SQL utilizzato

Dettagli

Basi di Dati. S Q L Lezione 5

Basi di Dati. S Q L Lezione 5 Basi di Dati S Q L Lezione 5 Antonio Virdis a.virdis@iet.unipi.it Sommario Gestione eventi Gestione dei privilegi Query Complesse 2 Esercizio 9 (lezione 4) Indicare nome e cognome, spesa e reddito annuali

Dettagli

PHP e MySQL. Scripting server-side per accesso a DB MySQL

PHP e MySQL. Scripting server-side per accesso a DB MySQL PHP e MySQL Scripting server-side per accesso a DB MySQL Connessione a un DB MySQL Prima di accedere ai dati è necessario creare una connessione con il DB In PHP si utilizza la funzione mysql_connect,

Dettagli

PostgreSQL 8.4. Associazione Italiana PostgreSQL Users Group www.itpug.org. ConfSL 2009 Speaker's Corner Bologna, 13 Giugno 2009

PostgreSQL 8.4. Associazione Italiana PostgreSQL Users Group www.itpug.org. ConfSL 2009 Speaker's Corner Bologna, 13 Giugno 2009 PostgreSQL 8.4 ITPUG - ConfSL 2009 - PostgreSQL 8.4-13 giugno 2009 Gabriele Bartolini gabriele.bartolini@2ndquadrant.it Associazione Italiana PostgreSQL Users Group www.itpug.org ConfSL 2009 Speaker's

Dettagli

DUGI, DB2 User Group Italia. i Trigger INSTEAD OF ; SELECT FROM INSERT, UPDATE, MERGE, DELETE con Colonne INCLUDE

DUGI, DB2 User Group Italia. i Trigger INSTEAD OF ; SELECT FROM INSERT, UPDATE, MERGE, DELETE con Colonne INCLUDE DUGI, DB2 User Group Italia Milano, 9 Aprile 2013 -- Roma 10 Aprile 2013 DB2 for z/os i Trigger INSTEAD OF ; SELECT FROM INSERT, UPDATE, MERGE, DELETE con Colonne INCLUDE massimo MACERA massimo MACERA

Dettagli

GERARCHIE RICORSIVE - SQL SERVER 2008

GERARCHIE RICORSIVE - SQL SERVER 2008 GERARCHIE RICORSIVE - SQL SERVER 2008 DISPENSE http://dbgroup.unimo.it/sia/gerarchiericorsive/ L obiettivo è quello di realizzare la tabella di navigazione tramite una query ricorsiva utilizzando SQL SERVER

Dettagli

MySQL Command Line Client: operazioni fondamentali

MySQL Command Line Client: operazioni fondamentali MySQL Command Line Client: operazioni fondamentali INTRODUZIONE Il RDBMS MySQL, oltre a fornire un applicazione che abbia un interfaccia user-friendly, ha a disposizione anche un altro client, che svolge

Dettagli

PHP E MYSQL CREAZIONE DI UN NUOVO DATABASE DAL PHPMYADMIN

PHP E MYSQL CREAZIONE DI UN NUOVO DATABASE DAL PHPMYADMIN PHP E MYSQL CREAZIONE DI UN NUOVO DATABASE DAL PHPMYADMIN Il metodo migliore per creare nuovi DB è quello di usare l interfaccia del PHPMYADMIN (che viene installata automaticamente con il pacchetto easy

Dettagli

Come trattare il risultato di un comando SQL (relazioni) che

Come trattare il risultato di un comando SQL (relazioni) che USO DI SQL DA PROGRAMMI: PROBLEMI 1 Come collegarsi alla BD Come trattare gli operatori SQL Come trattare il risultato di un comando SQL (relazioni) che Come scambiare informazioni sull esito delle operazioni.

Dettagli

Riccardo Dutto, Paolo Garza Politecnico di Torino. Riccardo Dutto, Paolo Garza Politecnico di Torino

Riccardo Dutto, Paolo Garza Politecnico di Torino. Riccardo Dutto, Paolo Garza Politecnico di Torino Integration Services Project SQL Server 2005 Integration Services Permette di gestire tutti i processi di ETL Basato sui progetti di Business Intelligence di tipo Integration services Project SQL Server

Dettagli