AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE. Policlinico Santa Maria alle Scotte. Il trapianto di rene. Percorso assistenziale, intervento e follow up

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE. Policlinico Santa Maria alle Scotte. Il trapianto di rene. Percorso assistenziale, intervento e follow up"

Transcript

1 AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE Policlinico Santa Maria alle Scotte Il trapianto di rene Percorso assistenziale, intervento e follow up

2 Come contattare il Centro trapianti di rene Il nostro Centro deve essere contattato dal nefrologo del Centro Dialisi. Risponderà un responsabile del Coordinamento trapianti che invierà al medico la documentazione necessaria e fornirà tutte le informazioni. Telefono: Numero telefonico attivo tutti i giorni 24 ore su 24 (riservato ai pazienti o ai loro medici) Il Centro è operativo dodici mesi l anno e non prevede alcun periodo di chiusura. Fax: Unità operative del programma trapianti U.O.C. Chirurgia dei trapianti Coordinamento trapianti: Degenze: primo lotto, piano 5 Ambulatorio n. 12, primo lotto, piano 1/S U.O.C. Nefrologia e dialisi Collocazione: secondo lotto, piano 2 Contatti: tel Associazioni di volontariato A.I.D.O. - Associazione Italiana Donatori Organi Policlinico Santa Maria alle Scotte - Viale Mario Bracci, Siena Secondo lotto, piano 1/S Tel A.T.RE.S. - Associazione Trapiantati Renali Policlinico Santa Maria alle Scotte - Coordinamento Trapianti Telefono: Il trapianto di rene oggi Dietro ogni trapianto c è la decisione di donare la vita, una decisione presa spesso in momenti drammatici. Nel caso del trapianto di rene l organo può essere donato oltre che da una persona deceduta anche da un donatore vivente consanguineo o non, purché sia idoneo. Nel nostro paese il numero delle donazioni di organi sta aumentando di anno in anno. Negli ultimi dieci anni il numero dei donatori utilizzati, cioè quei donatori di cui almeno un organo è stato prelevato per un trapianto, è più che triplicato. Perché il trapianto di rene II trapianto di rene è una procedura sicura e sperimentata che, nei casi di insufficienza renale cronica, rappresenta l unica possibilità per restituire una funzione renale idonea e per staccarsi definitivamente dalla dialisi. Lo scopo del trapianto è quindi quello di migliorare la qualità della vita e per questo motivo è importante che la decisione di sottoporsi al trapianto nasca dal paziente e non sia imposta da altri. Il trapianto da donatore deceduto Gli organi donati provengono da donatori di cui sia stata accertata la morte cerebrale. Questo significa che tutte le funzioni nervose che sovraintendono alla vita sono cessate e che esiste solo un attività cardio-respiratoria supportata artificialmente. L utilizzo del rene avviene solo in assenza di malattie gravi che potrebbero compromettere il trapianto. La donazione rispetta la volontà espressa in vita dal donatore e necessita dell assenso dei familiari. Il trapianto da donatore vivente Questa procedura consente di programmare il trapianto molto più accuratamente, di ridurre rischi e i tempi di attesa. Il donatore vivente può essere un familiare, la cui compatibilità riduce il rischio di rigetto, oppure un non consanguineo legato affettivamente al ricevente. Il donatore, nel rispetto della legislazione (art. 2 legge 458/67) deve essere maggiorenne, ben cosciente della scelta, a conoscenza dei limiti della terapia del trapianto e consapevole delle conseguenze personali. Per questi motivi deve esprimere un consenso esplicito e informato. L atto della donazione è quindi gratuito, del tutto libero, sempre revocabile e senza nessun tipo di costrizione nei confronti del ricevente. Il rischio dell intervento per il donatore è lo stesso di un qualsiasi altro intervento chirurgico ed è ormai ampiamente dimostrato che con un solo rene è possibile condurre una vita normale. I vantaggi del trapianto da vivente sono dovuti al fatto che si può scegliere la data del trapianto in modo che sia il donatore che il ricevente si trovino nelle migliori condizioni di salute. Inoltre, riducendo il tempo tra il 2 3

3 momento dell espianto e quello del trapianto si possono ottenere migliori risultati sia in termini di ripresa funzionale che di sopravvivenza dell organo. Cosa aspettarsi dal trapianto? II trapianto è un operazione chirurgica sperimentata ormai da molti anni: il primo trapianto di rene è stato eseguito con successo 50 anni fa negli Stati Uniti. Oggigiorno, a distanza di cinque anni dall intervento sette persone su dieci mantengono la funzionalità del rene trapiantato. Questo è possibile anche grazie al continuo miglioramento delle terapie antirigetto che aiutano l organismo a evitare il rifiuto per l organo estraneo. Al momento nel mondo, la sopravvivenza del paziente sottoposto a trapianto renale da donatore deceduto è del 94,6% dopo un anno e del 81,1% dopo cinque anni; la sopravvivenza del paziente sottoposto a trapianto renale da donatore vivente è del 97,9% dopo un anno e del 90,2% dopo cinque anni. La sopravvivenza dell organo trapiantato da donatore deceduto è del 89,0% dopo un anno e del 66,7% dopo cinque anni; quella dell organo trapiantato da donatore vivente è del 95,1% dopo un anno e del 80,2% a dopo cinque anni. Per quanto tempo funziona il rene trapiantato Diversi studi mostrano che la sopravvivenza dei reni trapiantati sia da donatore deceduto che da vivente è sensibilmente aumentata nel corso degli anni; in particolare la sopravvivenza dell organo è aumentata di circa il 70% tra il 1988 e il Se ci chiediamo dopo quanti anni un rene trapiantato in un dato momento è ancora funzionante scopriamo che questo dato è cresciuto notevolmente. Infatti, se nel 1988 la metà del numero dei reni funzionava ancora dopo undici anni, nel 1995 funzionava ancora dopo 20 anni. La nostra storia Il Centro trapianti di rene dell Azienda Ospedaliera Universitaria Senese ha iniziato la propria attività nel maggio 2000 con il trapianto da donatore deceduto, ampliata poi, nel dicembre 2003, con il trapianto da donatore vivente. L organizzazione delle attività del Centro è gestita dal Coordinamento trapianti, composto da personale sanitario reperibile 24 ore su 24 che inserisce e mantiene i pazienti nella Lista d attesa, riceve le segnalazioni dei donatori, organizza l intervento chirurgico e gestisce i controlli dopo l intervento. I nostri numeri I reni disponibili nella Regione vengono distribuiti tra i tre Centri trapianti della Regione - Pisa, Firenze e Siena - ai pazienti iscritti nella Lista unica regionale d attesa in base a criteri 4 5

4 di compatibilità biologica tra donatore e ricevente. Il numero dei pazienti in Lista presso il Centro Trapianti di Siena al Settembre 2006 è di 163 pazienti. La Lista unica regionale, al luglio 2006, ha 487 pazienti iscritti. Numero di trapianti effettuati Media trapianti effettuati negli ultimi cinque anni: 44. Non sono stati effettuati trapianti da donatore vivente nell ultimo anno. Sopravvivenza Riferimento Dopo 1 anno Dopo 4 anni Paziente trapiantato 95.7% 82.1% Organo trapiantato 87.2% 72.1% Numero di donatori nella Regione Dati divulgati dall Istituto superiore di sanità - Centro nazionale trapianti Come raggiungere il Centro Il Centro trapianti si trova presso il Policlinico Santa Maria alle Scotte, Viale M. Bracci, 14 a Siena. Il Coordinamento trapianti è situato al primo lotto, piano 1/S, stanza 12 ed è facilmente raggiungibile seguendo la segnaletica di colore rosso. Chi siamo Chirurghi Prof. Mario Carmellini Dott. Andrea Collini Dott.ssa Giuliana Ruggieri Dott. Roberto Barni Dott. Carmine De Bartolomeis Nefrologi Dott. Marco Bernini Dott. Guido Garosi Dott. Giulio Monaci Coordinatori del trapianto I.P. Monica Borri I.P. Massimo Rossi I.P. Alida Betti I.P. Maura Vanni Anatomopatologi Prof. Maria Del Vecchio Infettivologi Dott. Luigi Pippi Dott.ssa Bruna Marchi Dott.ssa Paola Galluzzi Diabetologi Prof. Francesco Dotta Psicologi Dott.ssa Assunta Basile La gestione della Lista di attesa regionale Il Centro Trapianti ha una Lista d attesa di cui fanno parte i pazienti che hanno scelto di essere operati a Siena, il Coordinamento gestisce questa lista controllando che gli accertamenti richiesti e le procedure stabilite vengano rispettate dai pazienti e dai loro nefrologi. I pazienti in lista di attesa confluiscono nella Lista d attesa unica regionale della Toscana e quando un organo si rende disponibile esso viene attribuito sulla base di questa lista unica. L inserimento nella Lista d attesa avviene in modo equo ed imparziale, in base a regole uguali per tutti gli utenti senza distinzione di razza, lingua o religione. Il percorso assistenziale Dal momento in cui vi recate al Centro trapianti per la prima visita inizia per voi un vero e proprio percorso, che prosegue per tutto il periodo in cui rimanete iscritti nella Lista d attesa e raggiunge il culmine al momento del trapianto. Dopo l intervento l iter prosegue con i controlli e le visite necessari per seguire il vostro stato di salute. Nelle prossime pagine abbiamo cercato di ricostruire questo percorso e di spiegarne chiaramente le fasi, dandovi tutte le informazioni necessarie. L inizio e i criteri di iscrizione 6 7 Il nefrologo del Centro dialisi presso cui siete in cura deve innanzitutto contattare il nostro Coordinamento e inviare, compilata e firmata, la Cartella sanitaria per il trapianto di rene predisposta dalla Regione Toscana. In essa è riportata la vostra storia clinica, il vostro stato di salute e altri elementi necessari per la valutazione del vostro quadro clinico. Inoltre, il nefrologo richiede al Coordinamento l effettuazione di una visita presso il Centro per verificare se possedete le caratteristiche per essere iscritti nella Lista d attesa. La visita di idoneità Per la visita è necessario presentarsi digiuni con l impegnativa del medico curante nell ambulatorio 8/B (lotto primo, piano 1/S) alle ore In caso di necessità, all ingresso principale dell ospedale il Servizio accoglienza potrà spiegarvi dove si trova esattamente l ambulatorio. In occasione della visita, presso il Centro emotrasfusionale saranno effettuati alcuni esami del sangue in modo da esaminarne alcune caratteristiche specifiche come per esempio il gruppo sanguigno, la ricerca degli antigeni del sistema HLA e degli anticorpi. Questa ricerca approfondita, detta tipizzazione tissutale, servirà a stabilire la vostra compatibilità con il rene quando questo sarà disponibile. Infatti, il sistema HLA è un sistema biologico che definisce le caratteristiche delle vostre cellule. E l impronta digitale che consente di definire la compatibilità tra voi e

5 l organo donato. Gli anticorpi, invece, sono proteine prodotte dalle cellule del sistema immunitario. Rappresentano le armi di difesa contro le malattie e le infezioni del rigetto e vengono perciò controllate dalla terapia immunosoppressiva. L incontro con lo psicologo La seconda tappa della visita è rappresentata dall incontro con lo psicologo clinico che, durante il colloquio, vi sottoporrà anche alcuni test. Questa parte della visita è necessaria per capire come voi affrontate la malattia e il trapianto dal punto di vista psicologico ed è anche il primo contatto con lo psicologo che vi seguirà nella delicata fase subito dopo l intervento. Il gruppo di formazione Al termine della mattinata è prevista una riunione di gruppo come momento finale di informazione e di supporto. Alla riunione partecipa lo psicologo, un infermiere del Coordinamento, un medico del Centro trapianti e tutti i pazienti che hanno sostenuto la visita quella stessa mattina. Durante la riunione vi verranno fornite ulteriori informazioni sul modo in cui verrete contattati per il trapianto, sull intervento chirurgico e la degenza; si parlerà anche di come affrontare il trapianto dal punto di vista psicologico, dell alimentazione, dei rischi che ogni trapianto comporta ma anche dei cambiamenti nella qualità di vita. Potrete chiedere chiarimenti e, se sono presenti, ascoltare l esperienza di persone che sono già state sottoposte a trapianto di rene. TEMPO DI ATTESA: la visita viene effettuata entro 30 giorni dall arrivo della documentazione completa. L esito della visita Durante la visita i medici del Centro Trapianti valutano la Cartella sanitaria per il trapianto di rene. Nel caso in cui mancassero o si rendessero necessari nuovi accertamenti vi verrà chiesto di effettuarli e farli inviare dal vostro medico di famiglia al nostro Centro il prima possibile. Una volta che tutti i test e le visite richiesti sono stati effettuati, che la documentazione è completa e che si è avuto anche il parere dello psicologo, i risultati sono discussi dai medici del Centro Trapianti. Gli esiti possibili della visita sono i seguenti: 1. Se i requisiti sono soddisfacenti, all arrivo dei risultati della tipizzazione tissutale, sarete inseriti nella Lista attiva. Questo vuol dire che siete pienamente adatti e pronti per ricevere un rene. 2. Si rendono necessari ulteriori accertamenti o interventi terapeutici grazie ai quali potrete diventare idonei al trapianto di rene. 3. Viene accertato che il trapianto non è indicato per voi. Quindi vi saranno spiegati i motivi della mancata idoneità. Per rimanere in Lista attiva Una volta iscritti in Lista attiva non rimane che attendere la chiamata, che avverrà quando un rene sarà disponibile. Per rimanere nella Lista è necessario: - effettuare ogni dodici mesi i controlli che vi saranno indicati durante la prima visita; - tenere costantemente aggiornato il Centro Trapianti sui vostri eventuali problemi di salute; - che il vostro nefrologo invii quattro volte l anno (entro il 5 febbraio, 5 maggio, 5 agosto e 5 novembre) il vostro siero, corredato dei dati anagrafici al seguente indirizzo: CENTRO REGIONALE DI IMMUNOGE- NETICA E BIOLOGIA DEI TRAPIANTI - PIASTRA DEI SERVIZI Viale Morgagni 85, Firenze, Tel e Fax it Criteri di assegnazione del rene La donazione è il primo passo verso il trapianto, ma perché questo avvenga sono necessari diversi passaggi. Prima di tutto il Centro Regionale Allocazione Organi e Tessuti (CRAOT) che gestisce la Lista d attesa unica 8 9 della regione, comunica la disponibilità di un donatore. A questo punto viene selezionato il ricevente in base alla compatibilità del gruppo sanguigno e alla tipizzazione tissutale per ricercare la coppia con maggiore compatibilità tissutale, evitando di attribuire un organo ad un paziente di età troppo diversa da quella del donatore. Sarà infine il Centro Trapianti a decidere se il trapianto potrà essere effettuato o meno in relazione: - alle condizioni del ricevente che, per esempio, potrebbe non essere nelle condizioni di salute ottimali. - alle condizioni dell organo da trapiantare. Infatti un attento esame del rene potrebbe rivelare alcune caratteristiche che renderebbero rischioso il trapianto. L attesa per il trapianto Non è possibile prevedere quando il rene sarà disponibile, l attesa può durare anche molti mesi dipendendo dal numero delle donazioni, dal numero di iscritti in Lista d attesa e dalla compatibilità. E importante che, una volta iscritti in Lista attiva, restiate rintracciabili in ogni momento. Sarà il vostro nefrologo ad avvertirvi dell intervento e la sua chiamata potrà arrivare in qualsiasi ora del giorno e della notte. Ricevuta la telefonata dovrete partire immediatamente, senza alcuna attesa, per raggiungere l ospedale di

6 Siena nel minor tempo possibile. TEMPO DI ATTESA: il tempo medio di attesa dall inserimento nella Lista unica regionale al momento del trapianto è di circa 18 mesi. Il trapianto L intervento chirurgico ha una durata di circa due-tre ore. Naturalmente rimarrete in sala operatoria più a lungo, poiché le procedure di preparazione dell intervento richiedono un certo tempo. Al termine del trapianto il chirurgo parlerà con i familiari per spiegarne l esito e, al vostro risveglio, vi troverete nel reparto di Terapia intensiva. La Terapia intensiva è una zona di degenza estremamente protetta poiché nelle 48 ore successive all intervento è necessario controllare costantemente le vostre funzioni vitali e tenervi in condizioni di massima protezione e isolamento. In questo periodo potrete ricevere la visita di un unica persona una volta al giorno. Se non ci saranno complicazioni, passati i primi due giorni, trascorrerete il resto della vostra permanenza in ospedale nel reparto di Degenza protetta. Il reparto di degenza protetta Qui passerete il resto della vostra degenza al Policlinico. Il reparto si trova al primo lotto piano 5 ed è riservato ai pazienti trapiantati. E composto da due camere doppie e La diagnostica e terapia Chiamiamo questa fase follow up che una singola con bagno e televisione Durante la degenza verrete sottoposti ad alcuni accertamenti, come l e- seguire passo passo, cioè control- in italiano potremmo tradurre con in camera. Considerato che vi trascorrerete un cografia e la scintigrafia del rene trapiantato che, con una tecnica assopiantatolare continuamente il paziente tra- periodo la cui durata oscilla tra le due e le tre settimane, abbiamo cercato di rendere confortevole questa indicazioni sullo stato funzionale vada a buon fine e non sorgano parlutamente non invasiva, daranno Anche nel caso in cui il trapianto zona di degenza allestendo una dell organo. ticolari complicazioni, il vostro saletta con divani e televisione. Un Allo stesso tempo inizierete la terapia immunosoppressiva. Si tratta di regolarmente per cogliere in tempo stato di salute verrà controllato infermiere professionale è sempre presente nel reparto. Parenti e una terapia farmacologica che ogni eventuali problemi attraverso visite, amici che verranno a trovarvi paziente trapiantato deve eseguire esami e controlli periodici. Nel dovranno indossare soprascarpe, costantemente per prevenire il Diario post trapianto troverete le date camice, cappello e mascherina per fenomeno del rigetto. La terapia si dei controlli che si svolgeranno proteggervi dai fattori che potrebbero provocare eventuali infezioni. ché, abbassando le difese immuni- l elenco degli esami che dovrete chiama immunosoppressiva per- presso il nostro Centro, ma anche L accesso è consentito ad una persona per volta nelle seguenti fasce accettare il nuovo rene, riducendo via fax. tarie, aiuta il vostro organismo ad eseguire a domicilio e poi spedire orarie: e sensibilmente il fenomeno di rigetto nei confronti dell organo estra- svolge a distanza di un mese dall in- La prima visita dopo il trapianto si neo. tervento. Le visite successive avranno questa cadenza: la prima dopo Il funzionamento del nuovo rene Essendo particolarmente intensa Anche se l intervento ha avuto un nei primi giorni potrebbe provocare tre mesi, la seconda dopo sei, la esito positivo può accadere che il un effetto negativo sia sull organismo che sulle vostre condizioni psi- un anno e mezzo, per proseguire terza dopo un anno e la quarta dopo rene trapiantato non inizi subito a funzionare correttamente. Talvolta cologiche. E però importante sottolineare che ogni paziente reagisce controllo. Il Coordinamento del poi con una sola visita annuale di è necessario sottoporsi ad alcune sedute di dialisi in attesa che l organo cominci a svolgere le proprie Il rigetto molto spesso si manifesta comunque reperibile attraverso un in maniera diversa. Centro Trapianti di Siena resta funzioni in modo appropriato. Si con l aumento del valore della creatinina nel sangue, ma i controlli caso di necessità potrete contattarlo telefono cellulare 24 ore su 24 ed in tratta spesso di una fase di assestamento durante la quale è importante anche una reazione psicologica sentiranno di individuarlo precoce- periodici cui verrete sottoposti con- in qualunque momento. positiva che permetta di affrontare mente e di rispondere con un adeguata terapia antirigetto. nel modo giusto e senza sconforto Vivere con il nuovo rene le eventuali sedute di dialisi posttrapianto. In questa fase sarete scompariranno e potrete recuperare Le limitazioni imposte dalla dialisi assistiti da infermieri che si occuperanno esclusivamente dei Dopo il trapianto continueremo a rispettando però uno stile di vita Il follow up molte attività, anche piacevoli, pazienti trapiantati. seguire le vostre condizioni di salute attraverso visite e accertamenti. Vediamone alcuni aspetti. compatibile con il trapianto

7 L assunzione dei farmaci E molto importante che assumiate i farmaci prescritti costantemente: si tratta di un piccolo sforzo di attenzione, fondamentale però per la riuscita del trapianto e per evitare l insorgenza di problemi anche a distanza di tempo. La vostra terapia immunosoppressiva sarà composta in genere da due-tre farmaci di tipo diverso che dovrete assumere secondo le prescrizioni del nostro Centro. I farmaci vanno assunti sempre alla stessa ora perché la dose è in molti casi dipendente dal livello del farmaco nel sangue che verrà controllato attraverso dei semplici esami. Eventuali altre medicine sono consentite solo in seguito a prescrizione medica. La prevenzione delle infezioni I farmaci che assumerete provocheranno una diminuzione delle vostre difese immunitarie; sarete quindi meno protetti e più esposti al rischio di infezioni. Bisogna evitare, per quanto possibile, di venire a contatto con fonti di infezione, facendo attenzione quando un componente della famiglia manifesta sintomi influenzali o quando frequentate ambienti a rischio. Nelle prime settimane dopo il trapianto è bene evitate locali affollati soprattutto nei mesi freddi o nei periodi di epidemie infettive. E opportuno evitare anche il contatto con individui portatori di infezioni, come per esempio bambini con malattie contagiose e persone con bronchiti o influenze. Per proteggervi in situazioni di rischio, soprattutto nelle prime settimane dopo il trapianto, potrete usare una mascherina. In ogni caso la migliore barriera contro le infezioni è la respirazione con la bocca chiusa in modo che l aria venga filtrata dal naso L alimentazione La maggior parte dei pazienti che hanno subito un trapianto renale tendono ad aumentare di peso. Il largo impiego di farmaci immunosoppressori e cortisonici, genera tra gli effetti collaterali l aumento dell appetito, della massa grassa e la ritenzione di sodio e di acqua. Inoltre, il miglioramento del vostro stato di salute, sia dal lato fisico ma soprattutto psichico, determina un aumento dell appetito che vi porterà ad assumere calorie superiori al reale fabbisogno energetico. Il controllo del peso assume quindi un ruolo fondamentale all interno della terapia e del vostro stile di vita. Il primo strumento che il medico può utilizzare a tale scopo rimane la dieta. Non spaventatevi! La vostra dieta non sarà molto differente da quella di un individuo non trapiantato e sarà molto più facile da seguire rispetto a quella prescritta in corso di dialisi. E importante variare l alimentazione seguendo, in maniera orientativa, le seguenti indicazioni. Per la colazione, preferite latte parzialmente scremato o yogurt accompagnati da fette biscottate o biscotti secchi, saltuariamente anche da una fetta di torta. Per pranzo e cena consumate un primo piatto di pasta condita con sugo semplice tipo pomodoro, un secondo a base di carne o pesce, con un contorno abbondante di verdure, infine pane comune oppure integrale. Si potranno consumare anche formaggi 2-3 volte la settimana, evitando quelli molto saporiti e stagionati a causa del loro alto contenuto di sale. Evitate possibilmente i salumi tranne prosciutto crudo magro dolce o bresaola. Potrete mangiare un uovo alla settimana. Consumate la frutta fresca di stagione durante la giornata oppure a fine pasto, a seconda delle abitudini personali. Utilizzate come condimento olio extravergine di oliva e fate attenzione ai metodi di cottura evitando fritti e soffritti, preferendo cotture alla piastra, griglia e forno. Limitate il consumo di vino ad un bicchiere a pasto, evitate bevande gasate o succhi di frutta perché eccessivamente ricchi di zuccheri semplici. Infine, non trascurate il consumo di legumi e di cibi integrali entrambi ricchi di fibra, valido aiuto per la funzione intestinale e la riduzione del sovrappeso. Fermo restando la validità di queste raccomandazioni, dovrete concordare con il medico specialista il vostro schema alimentare. Il controllo di peso e pressione Dovrete pesarvi e misurarvi la pressione con regolarità. Lavoro, sport, tempo libero Finito il periodo di convalescenza, nel 90% dei casi, potrete riprendere a lavorare e a recuperare le attività che avevate sospeso a causa dei limiti imposti dalla dialisi. Per quanto riguarda lo sport, una sana attività fisica è vivamente consigliata in quanto rinforza i muscoli e le ossa, svolge un azione anti-arteriosclerotica e permette anche di prendere contatto con i mutamenti del vostro corpo dopo il trapianto. Nei primi due mesi successivi all intervento si sconsigliano passeggiate troppo lunghe e affaticanti. Trascorso questo periodo si può riprendere a fare sport evitando però possibili traumi o lesioni addominali. Sono consigliati nuoto, marcia, corsa, ciclismo e sci di fondo. E bene evitare l esposizione per lunghi periodi alla luce solare senza creme ad adeguata protezione. Non ci sono limitazioni per viaggiare, anche se è consigliato evitare le aree dove sono diffuse importanti malattie trasmissibili come la malaria o il colera. Ricordate che le eventuali vaccinazioni vanno sempre

8 discusse con il medico del Centro Trapianti. Potrete allevare animali domestici sottoponendoli però a periodiche vaccinazioni e prestando particolare attenzione ai gatti che possono trasmettere la toxoplasmosi. La maternità Molte donne hanno avuto figli dopo il trapianto senza alcun problema, ma questa eventualità deve essere discussa con i medici del Centro Trapianti. In genere le gravidanze più sicure avvengono dopo almeno due o tre anni di trapianto funzionante, in donne non ipertese e senza rigetti in atto. La situazione andrà comunque valutata caso per caso. L attività sessuale La sessualità negli esseri umani è influenzata da molteplici fattori e lo stato di malattia precedente al trapianto può aver modificato l equilibrio emotivo all interno della coppia determinando difficoltà anche nella sfera sessuale. Il trapianto non preclude una normale attività sessuale e anzi può comportare dei cambiamenti positivi sia nell aumento del desiderio che nella frequenza dei rapporti. Nel caso in cui riscontriate problemi attinenti alla sfera sessuale dovete segnalarli ai medici del team trapiantologico che sapranno indicarvi le possibili soluzioni. Come contattarci Telefono: Fax: Emergenze/urgenze Cellulare contattabile tutti i giorni, 24 ore su 24, dai pazienti o dai loro medici Note 14 15

9 Pubblicazione a cura dell Ufficio relazioni con il pubblico Stampa: Industrie Grafiche Pistolesi - Monteriggioni (Si), ottobre 2006 Il testo è disponibile anche al seguente indirizzo web:

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

Facoltà di Medicina e Chirurgia Policlinico Agostino Gemelli, Roma

Facoltà di Medicina e Chirurgia Policlinico Agostino Gemelli, Roma UNIVERSITA CATTOLICA DEL S. CUORE Facoltà di Medicina e Chirurgia Policlinico Agostino Gemelli, Roma DIPARTIMENTO di SCIENZE CHIRURGICHE Direttore Prof Giovanni Battista Doglietto UOC Chirurgia Generale

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

Come aumentare l apporto calorico alla dieta

Come aumentare l apporto calorico alla dieta Come aumentare l apporto calorico alla dieta Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

IL Piccolo Cronista Sportivo

IL Piccolo Cronista Sportivo IL Piccolo Cronista Sportivo Stagione Sportiva 2014-2015 Asp.Scuola calcio Qualificata EDIZIONE SPECIALE SULL INCONTRO DEL 10.11.2014 SUL TEMA: L Educazione alimentare per la salute e lo sport Piccoli

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

La dieta della Manager Assistant

La dieta della Manager Assistant La dieta della Manager Assistant TUTTI I GIORNI COLAZIONE - 1 vasetto di yogurt oppure 1 tazza di latte parzialmente scremato oppure 1 cappuccino - 3 biscotti secchi oppure 4 fette biscottate oppure 1

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI CORSO REGIONALE DI FORMAZIONE 1 Dicembre 2006 Dietista Silvia Scremin Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione U.L.SS. n.6 Vicenza MENÙ DOCUMENTO

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Colora il quadratino posto accanto alle indicazioni corrette. Per mantenere il nostro sistema nervoso sano ed efficiente è opportuno... ALLA SALUTE respirare

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE Studio Dietistico dott.ssa Francesca Pavan - Via G. Falcone 16-30024 Musile di Piave (Ve) Tel. 0421331981 Fax. 0421456889 www.studiodietisticopavan.it Esistono

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

I TRAPIANTI. - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta

I TRAPIANTI. - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta I TRAPIANTI - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta facilmente ad amplificazione e distorsione da parte dei mass-media. - Per trapianto si intende la

Dettagli

IL TRAPIANTO DI RENI - SCELTA DI TRATTAMENTO

IL TRAPIANTO DI RENI - SCELTA DI TRATTAMENTO IL TRAPIANTO DI RENI - SCELTA DI TRATTAMENTO Kidney Health Australia pagina1/5 COSA È UN TRAPIANTO DI RENI? Quando l insufficienza renale è molto avanzata, i reni sono così danneggiati da non poter più

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

DONAZIONE E TRAPIANTO DI ORGANI

DONAZIONE E TRAPIANTO DI ORGANI DONAZIONE E TRAPIANTO DI ORGANI Si può essere solidali con il prossimo in molti modi: con l aiuto ai deboli, il soccorso ai bisognosi, il conforto per chi soffre; ma la donazione degli organi rappresenta

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

Informazioni al femminile

Informazioni al femminile Informazioni al femminile 1. CONTROLLO PRIMA DELLA GRAVIDANZA Il controllo prima di iniziare la gravidanza è molto importante perché la salute della madre condiziona sia il regolare svolgimento della gravidanza

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

Ministero della Salute. La salute dell anziano. per la promozione e il mantenimento del benessere

Ministero della Salute. La salute dell anziano. per la promozione e il mantenimento del benessere Ministero della Salute La salute dell anziano Vademecum per la promozione e il mantenimento del benessere Care amiche e cari amici, questo piccolo opuscolo racchiude alcuni semplici ma importanti consigli

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

Dieta alimentare: donna 30 anni, 1,70 m. 60 kg impiegata e praticante arti marziali.

Dieta alimentare: donna 30 anni, 1,70 m. 60 kg impiegata e praticante arti marziali. Dieta alimentare: donna 30 anni, 1,70 m. 60 kg impiegata e praticante arti marziali. Prima di affrontare un'attività sportiva, viene da chiedersi cosa e quanto è meglio mangiare. Ma quello che si può consumare

Dettagli

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti LO SPORT E SERVITO CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti ALIMENTO - DEFINIZIONE Per alimento si intende qualsiasi sostanza utilizzabile dal nostro organismo ai fini dell accrescimento,

Dettagli

DAL TUO DONO UNA NUOVA VITA. Le guide del Coordinamento prelievo e trapianto

DAL TUO DONO UNA NUOVA VITA. Le guide del Coordinamento prelievo e trapianto DAL TUO DONO UNA NUOVA VITA Le guide del Coordinamento prelievo e trapianto LA NOSTRA ATTIVITA DI TRAPIANTO CHI PUO DONARE L attività di trapianto agli Ospedali Riuniti di Bergamo, oggi Ospedale Papa Giovanni

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI VITA a cura di

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI VITA a cura di INFORMARSI È SEMPLICE, RECLAMARE È FACILE CONOSCERE I PROPRI DIRITTI È IL PRIMO PASSO PER FARLI VALERE Iniziativa organizzata con il contributo del Ministero dello Sviluppo Economico QUESTIONARIO SUGLI

Dettagli

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE DOVE ANDARE PER cominciare un percorso oncologico, prenotare una visita CENTRO ACCOGLIENZA E SERVIZI (CAS): Ospedale U. Parini, blocco D, piano -1 È la struttura dedicata

Dettagli

Tessera di donatore di organi

Tessera di donatore di organi Tessera di donatore di organi Dichiarazione di volontà a favore o contro il prelievo di organi, tessuti e cellule destinati al trapianto Tessera da compilare sul retro. La donazione di organi salva vite.

Dettagli

CHE COSA FARE DOPO UN INFARTO MIOCARDICO O UNA MALATTIA CORONARICA

CHE COSA FARE DOPO UN INFARTO MIOCARDICO O UNA MALATTIA CORONARICA Lega Friulana per il Cuore CHE COSA FARE DOPO UN INFARTO MIOCARDICO O UNA MALATTIA CORONARICA Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

DIABETE E AUTOCONTROLLO

DIABETE E AUTOCONTROLLO DIABETE E AUTOCONTROLLO Sì, gestire il diabete è possibile. Il monitoraggio della glicemia fa parte della terapia generale del diabete. Grazie all autocontrollo, potete misurare il livello di glicemia

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA Una corretta alimentazione nello sport Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA CARBOIDRATI Sono alla base dell alimentazione costituiscono circa il 50% delle calorie che occorrono ogni giorno POSSIAMO

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

DETOX 7 GIORNI PER STARE MEGLIO

DETOX 7 GIORNI PER STARE MEGLIO DETOX 7 7 GIORNI PER STARE MEGLIO Buongiorno!!! complimenti per aver scelto il nostro programma nutrizionale DETOX-7! Per dieta DETOX s intende un programma alimentare che ha lo scopo di eliminare le tossine

Dettagli

Se il mio alunno avesse il diabete

Se il mio alunno avesse il diabete Se il mio alunno avesse il diabete Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma Azienda Ospedaliero - Universitaria di Parma Ufficio XIII Ambito territoriale per la provincia di Parma 1 Questo opuscolo nasce

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

U. O. EMATOLOGIA e CENTRO TRAPIANTO MIDOLLO OSSEO Presidio Ospedaliero di Piacenza Via Cantone del Cristo

U. O. EMATOLOGIA e CENTRO TRAPIANTO MIDOLLO OSSEO Presidio Ospedaliero di Piacenza Via Cantone del Cristo Dipartimento di Onco - Ematologia Direttore Dr. Luigi Cavanna U. O. EMATOLOGIA e CENTRO TRAPIANTO MIDOLLO OSSEO Presidio Ospedaliero di Piacenza Via Cantone del Cristo Direttore Dr. Daniele Vallisa Coordinatore

Dettagli

Donazione e trapianto di organi in Medicina Generale. dr Giorgio Cavallari Corso ASL Brescia 2012

Donazione e trapianto di organi in Medicina Generale. dr Giorgio Cavallari Corso ASL Brescia 2012 Donazione e trapianto di organi in Medicina Generale dr Giorgio Cavallari Corso ASL Brescia 2012 Medicina della Donazione Insieme delle conoscenze teorico-pratiche e delle problematiche clinico-organizzative

Dettagli

centro regionale trapianti Brochure_TrapiantoOrgani7_2.indd1 1 11/08/2008 12.16.38

centro regionale trapianti Brochure_TrapiantoOrgani7_2.indd1 1 11/08/2008 12.16.38 centro regionale trapianti Brochure_TrapiantoOrgani7_2.indd1 1 11/08/2008 12.16.38 Centri di Prelievo e Centri di Trapianto della Regione Friuli Venezia Giulia Centro trapianti Cuore Centro trapianti Fegato

Dettagli

DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE

DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE Sono passati molti anni da quando si sono sperimentati i primi trapianti. Oggi trasferire gli organi da un corpo che muore ad uno che può continuare a vivere, non

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

L alimentazione e l allenamento del calciatore

L alimentazione e l allenamento del calciatore L alimentazione e l allenamento del calciatore 1. Come alimentarsi nel precampionato 2. Come alimentarsi durante il campionato 3. L alimentazione del giovane calciatore 4. Differenze tra calciatore professionista

Dettagli

FORUM ETICO ANNO 2004

FORUM ETICO ANNO 2004 GRUPPO MINISTERIALE CENTRO CRISTIANO IL BUON SAMARITANO FORUM ETICO ANNO 2004 La Donazione degli Organi 1. Trapianto, donazione e organi: nozioni 2. Prelievo ed Impianto degli organi 3. L accertamento

Dettagli

Presentazione. [Digitare il testo]

Presentazione. [Digitare il testo] Presentazione Il Menù scolastico rappresenta il frutto di un lavoro svolto nel corso degli ultimi mesi con l obiettivo di rimodulare la varietà delle pietanze nell ottica di una dieta bilanciata. Tiene

Dettagli

ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE

ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE In qualità di Presidente del mi sento in dovere di portarvi a conoscenza di alcune interessanti e basilari concetti per una corretta alimentazione dei nostri figli.

Dettagli

www.alberodeigelati.it

www.alberodeigelati.it www.alberodeigelati.it presenta La Dieta del Gelato a cura di Dott. Claudio Tomella, Medico - Chirurgo specialista in scienza dell alimentazione, nutrizione, medicina anti-aging Presidente Olosmedica COLAZIONE

Dettagli

...ecco cosa occorre sapere

...ecco cosa occorre sapere ...ecco cosa occorre sapere Questa pubblicazione ha l obiettivo di fornire una corretta informazione su donazione e trapianti, affinché continui a crescere nella nostra regione la cultura della solidarietà.

Dettagli

Cibo,Corpo,Luogo, tra natura e cultura

Cibo,Corpo,Luogo, tra natura e cultura Progetto Pilota Oikos e Téchne 2011/2012 Cibo,Corpo,Luogo, tra natura e cultura Considerazioni sui risultati del sondaggio Abitudini alimentari e convivialità (campione di 662 studenti tra 14 e 19 anni)

Dettagli

10/02/2015. Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione. SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano

10/02/2015. Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione. SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano Consigliere Nazionale SINSeB Docente Università di Camerino Stato nutrizionale Bilancio energetico

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA Città Metropolitana di Genova All. A CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEI MENU Il menù è soggetto a validazione da parte del competente

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L uomo è ciò che mangia Ippocrate 400 a.c. Una sana e adeguata alimentazione

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

IL DIABETE GESTAZIONALE

IL DIABETE GESTAZIONALE IL DIABETE GESTAZIONALE dott.ssa Annamaria Nuzzi Ambulatorio Diabete e Gravidanza S.S.D. Diabetologia e Malattie del Metabolismo A.S.L. CN2 sede di Alba e Canale Resp.. Dott.ssa A. Rosatello COS E IL DIABETE

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

LA FENIL CHETO NURIA O PKU. Malattie Rare. Informazioni per le scuole

LA FENIL CHETO NURIA O PKU. Malattie Rare. Informazioni per le scuole LA FENIL CHETO NURIA O PKU Malattie Rare Informazioni per le scuole LA FENILCHETONURIA LA FENILCHETONURIA O PKU E LA PIU FREQUENTE MALATTIA CONGENITA DEL METABOLISMO DELLE PROTEINE GLI ERRORI CONGENITI

Dettagli

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID CONVEGNO REGIONALE AMD-SID NEFROPATIA DIABETICA, IPERTENSIONE E MALATTIA CARDIOVASCOLARE SESSIONE PARALLELA PER DIETISTI E INFERMIERI RUOLO DELL INFERMIERE NELLA GESTIONE ASSISTENZIALE DELLA PERSONA CON

Dettagli

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica EVOLUZIONE ED OBESITA Dott.ssa D Angelo Angelica Definizione di obesità Per obesità si intende la presenza di un eccesso della massa corporea. Il grado di obesità si misura con l indice di massa corporea

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

UNITà 8 la dieta equilibrata

UNITà 8 la dieta equilibrata unità La dieta equilibrata I termini e i concetti fondamentali 1 dieta equilibrata e peso corporeo Una dieta equilibrata è data da comportamenti alimentari e da uno stile di vita tali da mantenere un buono

Dettagli

Progetto Expo 2015. Questionario on-line

Progetto Expo 2015. Questionario on-line a.s. 2014.15 Progetto Expo 2015 Questionario on-line Questionario di indagine sul livello di informazione e consapevolezza in merito all alimentazione Indice Introduzione Prima sezione: Conosci le tue

Dettagli

COLAZIONE & BENESSERE.

COLAZIONE & BENESSERE. COLAZIONE & BENESSERE. IL BUONGIORNO SI VEDE DALLA PRIMA COLAZIONE. ORE 7, SUONA LA SVEGLIA: TI ALZI, FAI LA DOCCIA, PRENDI UN CAFFÈ AL VOLO, TI VESTI ED ESCI DI CASA DI CORSA. FORSE NON LO SAI, MA STAI

Dettagli

PREPARAZIONE ESAMI ECOGRAFIA ADDOME SUPERIORE ECOGRAFIA EPATICA

PREPARAZIONE ESAMI ECOGRAFIA ADDOME SUPERIORE ECOGRAFIA EPATICA PREPARAZIONE ESAMI ESAME UROGRAFICO Portare esami del sangue: Azotemia, glicemia, creatinemia, elettroforesi proteica, analisi urine, ECG (Analisi eseguite nei 3 mesi precedenti) 2 giorni di dieta: evitare

Dettagli

Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi

Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi Il servizio di refezione scolastica del Comune di Poggibonsi è affidato all azienda di Ristorazione Cir- Food, Divisione Eudania. Per la preparazione

Dettagli

IL RISTORANTE DEL CUORE

IL RISTORANTE DEL CUORE IL RISTORANTE DEL CUORE Dott. Paolo Bellotti, Cardiologia, OSP. S. Paolo Savona Roma, 4 febbraio 2009 Bergeggi, Savona ..Fumo, Ipertensione, Diabete Dieta e Stile di Vita Consigliato per Ridurre il Rischio

Dettagli

Disciplinare per l offerta di piatti sani

Disciplinare per l offerta di piatti sani DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE MANGIAR SANO IN PAUSA PRANZO Disciplinare per l offerta di piatti sani Questo disciplinare predisposto dal Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

PERCHE MANGIAMO? Gli alimenti sono necessari per. .il FUNZIONAMENTO dell organismo. e per il suo ACCRESCIMENTO

PERCHE MANGIAMO? Gli alimenti sono necessari per. .il FUNZIONAMENTO dell organismo. e per il suo ACCRESCIMENTO PROGETTO ALIMENTAZIONE E CULTURA Impariamo a nutrirci per crescere meglio CIRCOLO DIDATTICO DI ARICCIA Centro Studi Regionale per l Analisi e la Valutazione del Rischio Alimentare (CSRA) - IZS Lazio e

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Per semplicità redazionale nel testo seguente si utilizza la sola forma al maschile. Naturalmente tutte le denominazioni vanno intese anche

Dettagli

Corsi di Formazione per Diabetico Guida

Corsi di Formazione per Diabetico Guida Corsi di Formazione per Diabetico Guida Hotel Mercure Siena Degli Ulivi - Via A. Lombardi n. 41 - SIENA 24-25 maggio Area Vasta Sud Est Responsabile Scientifico Dott. Francesco Dotta Direttore Unità Operativa

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

Progetto di Assistenza Domiciliare

Progetto di Assistenza Domiciliare Progetto di Assistenza Domiciliare Per curare efficacemente un malato cronico, oggi non è più sufficiente limitarsi alla corretta interpretazione dei segni e dei sintomi clinici della malattia e/o alla

Dettagli

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi.

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. Perché mangiamo L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. L energia è necessaria per ogni attività del nostro corpo:

Dettagli

Alimentazione Equilibrata

Alimentazione Equilibrata Gli standard nutrizionali Alimentazione Equilibrata Per soddisfare in modo ottimale il fabbisogno dietetico dei propri cittadini, molti paesi del mondo hanno elaborato e messo a disposizione delle collettività

Dettagli

Una corretta alimentazione è uno degli elementi dell'educazione per la cura del diabete

Una corretta alimentazione è uno degli elementi dell'educazione per la cura del diabete CONSIIGLII PER LA PERSONA DIIABETIICA Gentile signore/a questo opuscolo può esserle di aiuto per la convivenza con il diabete. Una corretta alimentazione è uno degli elementi dell'educazione per la cura

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELLA SCHERMA Club Scherma Roma

ALIMENTAZIONE NELLA SCHERMA Club Scherma Roma ALIMENTAZIONE NELLA SCHERMA Club Scherma Roma I. Bonchi Dietista specializ. in nutrizione nello sport, gravidanza e allattamento I.bonchi@libero.it Con la collaborazione di Francesca Pascazio Nutrizione

Dettagli

Diete a scambi. Dieta da 1000 kcal per diabetici

Diete a scambi. Dieta da 1000 kcal per diabetici Diete a scambi Dieta da 1000 kcal per diabetici 1 farinaceo 2 fette biscottate oppure 3 biscotti Plasmon 2,5 farinacei Pasta o riso g 30 al sugo o in brodo + pane g 25 oppure pasta o riso g 15 + legumi

Dettagli

Gentile/i Signora/i, R7122 Scheda Informativa relativa alla donazione. Ed. 1del 09/12/2010 Rev. 1 del 11/07/2011

Gentile/i Signora/i, R7122 Scheda Informativa relativa alla donazione. Ed. 1del 09/12/2010 Rev. 1 del 11/07/2011 Gentile/i Signora/i, il sangue contenuto nel cordone ombelicale (SCO) e raccolto al momento del parto, rappresenta una preziosa sorgente di cellule staminali emopoietiche, quelle stesse cellule che sono

Dettagli

CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano

CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano I prodotti più comunemente utilizzati per una colazione completa e varia sono: Bevande: caffè latte, tè, cioccolata calda, succhi e centrifugati

Dettagli

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE Per sentirsi bene e in salute è necessario non solo raggiungere un peso salutare ma è necessario fare anche dei cambiamenti nel proprio stile di vita e nel proprio modo

Dettagli

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA Questo opuscolo è stato creato per dare delle reali risposte ai tipici luoghi comuni riguardanti l' alimentazione e le possibili cause dell'

Dettagli

SALI SULLA NUVOLA ROSSA DIVENTA DONATORE DI SANGUE. www.donaresangue.it

SALI SULLA NUVOLA ROSSA DIVENTA DONATORE DI SANGUE. www.donaresangue.it SALI SULLA NUVOLA ROSSA DIVENTA DONATORE DI SANGUE www.donaresangue.it DONARE SANGUE È CONDIVIDERE DIVENTA PROTAGONISTA! Chi l ha già fatto te lo può confermare: è un momento intenso e sincero, una piccola

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org g olf or w. coo n lf o o d p l a et. g or co w w et. ww w.efa d.o.eufic.org w ww rg Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio.

Dettagli

Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola

Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola Dieta e Menu per DIABETE DELL ADULTO DI TIPO 2 Menu per una giornata tipo dedicato a persone adulte che soffrono di diabete di tipo 2 Complimenti per aver

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL TRAPIANTO DI FEGATO DA DONATORE VIVENTE. (Ministero della Salute anno 2001)

LINEE GUIDA PER IL TRAPIANTO DI FEGATO DA DONATORE VIVENTE. (Ministero della Salute anno 2001) 2 Volume - Linee Guida e Protocolli LINEE GUIDA PER IL TRAPIANTO DI FEGATO DA DONATORE VIVENTE. (Ministero della Salute anno 2001) IL CONSIGLIO SUPERIORE DI SANITA' SEZIONE Il Vista la relazione del Dipartimento

Dettagli

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche Allergia da alimenti Il problema delle reazioni avverse agli alimenti era noto fin dai tempi degli antichi greci e particolari manifestazioni erano già state associate all ingestione di cibi. Tutti gli

Dettagli

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti.

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. IL VIAGGIO DEL CIBO Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. Dalla bocca passano nello stomaco e da qui all intestino per poi venire

Dettagli

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Ogni anno migliaia di bambini e di giovani adulti si ammalano di leucemia e di altre malattie del sangue. Queste malattie che fino a pochi anni fa portavano generalmente alla

Dettagli