AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE. Policlinico Santa Maria alle Scotte. Il trapianto di rene. Percorso assistenziale, intervento e follow up

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE. Policlinico Santa Maria alle Scotte. Il trapianto di rene. Percorso assistenziale, intervento e follow up"

Transcript

1 AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE Policlinico Santa Maria alle Scotte Il trapianto di rene Percorso assistenziale, intervento e follow up

2 Come contattare il Centro trapianti di rene Il nostro Centro deve essere contattato dal nefrologo del Centro Dialisi. Risponderà un responsabile del Coordinamento trapianti che invierà al medico la documentazione necessaria e fornirà tutte le informazioni. Telefono: Numero telefonico attivo tutti i giorni 24 ore su 24 (riservato ai pazienti o ai loro medici) Il Centro è operativo dodici mesi l anno e non prevede alcun periodo di chiusura. Fax: Unità operative del programma trapianti U.O.C. Chirurgia dei trapianti Coordinamento trapianti: Degenze: primo lotto, piano 5 Ambulatorio n. 12, primo lotto, piano 1/S U.O.C. Nefrologia e dialisi Collocazione: secondo lotto, piano 2 Contatti: tel Associazioni di volontariato A.I.D.O. - Associazione Italiana Donatori Organi Policlinico Santa Maria alle Scotte - Viale Mario Bracci, Siena Secondo lotto, piano 1/S Tel A.T.RE.S. - Associazione Trapiantati Renali Policlinico Santa Maria alle Scotte - Coordinamento Trapianti Telefono: Il trapianto di rene oggi Dietro ogni trapianto c è la decisione di donare la vita, una decisione presa spesso in momenti drammatici. Nel caso del trapianto di rene l organo può essere donato oltre che da una persona deceduta anche da un donatore vivente consanguineo o non, purché sia idoneo. Nel nostro paese il numero delle donazioni di organi sta aumentando di anno in anno. Negli ultimi dieci anni il numero dei donatori utilizzati, cioè quei donatori di cui almeno un organo è stato prelevato per un trapianto, è più che triplicato. Perché il trapianto di rene II trapianto di rene è una procedura sicura e sperimentata che, nei casi di insufficienza renale cronica, rappresenta l unica possibilità per restituire una funzione renale idonea e per staccarsi definitivamente dalla dialisi. Lo scopo del trapianto è quindi quello di migliorare la qualità della vita e per questo motivo è importante che la decisione di sottoporsi al trapianto nasca dal paziente e non sia imposta da altri. Il trapianto da donatore deceduto Gli organi donati provengono da donatori di cui sia stata accertata la morte cerebrale. Questo significa che tutte le funzioni nervose che sovraintendono alla vita sono cessate e che esiste solo un attività cardio-respiratoria supportata artificialmente. L utilizzo del rene avviene solo in assenza di malattie gravi che potrebbero compromettere il trapianto. La donazione rispetta la volontà espressa in vita dal donatore e necessita dell assenso dei familiari. Il trapianto da donatore vivente Questa procedura consente di programmare il trapianto molto più accuratamente, di ridurre rischi e i tempi di attesa. Il donatore vivente può essere un familiare, la cui compatibilità riduce il rischio di rigetto, oppure un non consanguineo legato affettivamente al ricevente. Il donatore, nel rispetto della legislazione (art. 2 legge 458/67) deve essere maggiorenne, ben cosciente della scelta, a conoscenza dei limiti della terapia del trapianto e consapevole delle conseguenze personali. Per questi motivi deve esprimere un consenso esplicito e informato. L atto della donazione è quindi gratuito, del tutto libero, sempre revocabile e senza nessun tipo di costrizione nei confronti del ricevente. Il rischio dell intervento per il donatore è lo stesso di un qualsiasi altro intervento chirurgico ed è ormai ampiamente dimostrato che con un solo rene è possibile condurre una vita normale. I vantaggi del trapianto da vivente sono dovuti al fatto che si può scegliere la data del trapianto in modo che sia il donatore che il ricevente si trovino nelle migliori condizioni di salute. Inoltre, riducendo il tempo tra il 2 3

3 momento dell espianto e quello del trapianto si possono ottenere migliori risultati sia in termini di ripresa funzionale che di sopravvivenza dell organo. Cosa aspettarsi dal trapianto? II trapianto è un operazione chirurgica sperimentata ormai da molti anni: il primo trapianto di rene è stato eseguito con successo 50 anni fa negli Stati Uniti. Oggigiorno, a distanza di cinque anni dall intervento sette persone su dieci mantengono la funzionalità del rene trapiantato. Questo è possibile anche grazie al continuo miglioramento delle terapie antirigetto che aiutano l organismo a evitare il rifiuto per l organo estraneo. Al momento nel mondo, la sopravvivenza del paziente sottoposto a trapianto renale da donatore deceduto è del 94,6% dopo un anno e del 81,1% dopo cinque anni; la sopravvivenza del paziente sottoposto a trapianto renale da donatore vivente è del 97,9% dopo un anno e del 90,2% dopo cinque anni. La sopravvivenza dell organo trapiantato da donatore deceduto è del 89,0% dopo un anno e del 66,7% dopo cinque anni; quella dell organo trapiantato da donatore vivente è del 95,1% dopo un anno e del 80,2% a dopo cinque anni. Per quanto tempo funziona il rene trapiantato Diversi studi mostrano che la sopravvivenza dei reni trapiantati sia da donatore deceduto che da vivente è sensibilmente aumentata nel corso degli anni; in particolare la sopravvivenza dell organo è aumentata di circa il 70% tra il 1988 e il Se ci chiediamo dopo quanti anni un rene trapiantato in un dato momento è ancora funzionante scopriamo che questo dato è cresciuto notevolmente. Infatti, se nel 1988 la metà del numero dei reni funzionava ancora dopo undici anni, nel 1995 funzionava ancora dopo 20 anni. La nostra storia Il Centro trapianti di rene dell Azienda Ospedaliera Universitaria Senese ha iniziato la propria attività nel maggio 2000 con il trapianto da donatore deceduto, ampliata poi, nel dicembre 2003, con il trapianto da donatore vivente. L organizzazione delle attività del Centro è gestita dal Coordinamento trapianti, composto da personale sanitario reperibile 24 ore su 24 che inserisce e mantiene i pazienti nella Lista d attesa, riceve le segnalazioni dei donatori, organizza l intervento chirurgico e gestisce i controlli dopo l intervento. I nostri numeri I reni disponibili nella Regione vengono distribuiti tra i tre Centri trapianti della Regione - Pisa, Firenze e Siena - ai pazienti iscritti nella Lista unica regionale d attesa in base a criteri 4 5

4 di compatibilità biologica tra donatore e ricevente. Il numero dei pazienti in Lista presso il Centro Trapianti di Siena al Settembre 2006 è di 163 pazienti. La Lista unica regionale, al luglio 2006, ha 487 pazienti iscritti. Numero di trapianti effettuati Media trapianti effettuati negli ultimi cinque anni: 44. Non sono stati effettuati trapianti da donatore vivente nell ultimo anno. Sopravvivenza Riferimento Dopo 1 anno Dopo 4 anni Paziente trapiantato 95.7% 82.1% Organo trapiantato 87.2% 72.1% Numero di donatori nella Regione Dati divulgati dall Istituto superiore di sanità - Centro nazionale trapianti Come raggiungere il Centro Il Centro trapianti si trova presso il Policlinico Santa Maria alle Scotte, Viale M. Bracci, 14 a Siena. Il Coordinamento trapianti è situato al primo lotto, piano 1/S, stanza 12 ed è facilmente raggiungibile seguendo la segnaletica di colore rosso. Chi siamo Chirurghi Prof. Mario Carmellini Dott. Andrea Collini Dott.ssa Giuliana Ruggieri Dott. Roberto Barni Dott. Carmine De Bartolomeis Nefrologi Dott. Marco Bernini Dott. Guido Garosi Dott. Giulio Monaci Coordinatori del trapianto I.P. Monica Borri I.P. Massimo Rossi I.P. Alida Betti I.P. Maura Vanni Anatomopatologi Prof. Maria Del Vecchio Infettivologi Dott. Luigi Pippi Dott.ssa Bruna Marchi Dott.ssa Paola Galluzzi Diabetologi Prof. Francesco Dotta Psicologi Dott.ssa Assunta Basile La gestione della Lista di attesa regionale Il Centro Trapianti ha una Lista d attesa di cui fanno parte i pazienti che hanno scelto di essere operati a Siena, il Coordinamento gestisce questa lista controllando che gli accertamenti richiesti e le procedure stabilite vengano rispettate dai pazienti e dai loro nefrologi. I pazienti in lista di attesa confluiscono nella Lista d attesa unica regionale della Toscana e quando un organo si rende disponibile esso viene attribuito sulla base di questa lista unica. L inserimento nella Lista d attesa avviene in modo equo ed imparziale, in base a regole uguali per tutti gli utenti senza distinzione di razza, lingua o religione. Il percorso assistenziale Dal momento in cui vi recate al Centro trapianti per la prima visita inizia per voi un vero e proprio percorso, che prosegue per tutto il periodo in cui rimanete iscritti nella Lista d attesa e raggiunge il culmine al momento del trapianto. Dopo l intervento l iter prosegue con i controlli e le visite necessari per seguire il vostro stato di salute. Nelle prossime pagine abbiamo cercato di ricostruire questo percorso e di spiegarne chiaramente le fasi, dandovi tutte le informazioni necessarie. L inizio e i criteri di iscrizione 6 7 Il nefrologo del Centro dialisi presso cui siete in cura deve innanzitutto contattare il nostro Coordinamento e inviare, compilata e firmata, la Cartella sanitaria per il trapianto di rene predisposta dalla Regione Toscana. In essa è riportata la vostra storia clinica, il vostro stato di salute e altri elementi necessari per la valutazione del vostro quadro clinico. Inoltre, il nefrologo richiede al Coordinamento l effettuazione di una visita presso il Centro per verificare se possedete le caratteristiche per essere iscritti nella Lista d attesa. La visita di idoneità Per la visita è necessario presentarsi digiuni con l impegnativa del medico curante nell ambulatorio 8/B (lotto primo, piano 1/S) alle ore In caso di necessità, all ingresso principale dell ospedale il Servizio accoglienza potrà spiegarvi dove si trova esattamente l ambulatorio. In occasione della visita, presso il Centro emotrasfusionale saranno effettuati alcuni esami del sangue in modo da esaminarne alcune caratteristiche specifiche come per esempio il gruppo sanguigno, la ricerca degli antigeni del sistema HLA e degli anticorpi. Questa ricerca approfondita, detta tipizzazione tissutale, servirà a stabilire la vostra compatibilità con il rene quando questo sarà disponibile. Infatti, il sistema HLA è un sistema biologico che definisce le caratteristiche delle vostre cellule. E l impronta digitale che consente di definire la compatibilità tra voi e

5 l organo donato. Gli anticorpi, invece, sono proteine prodotte dalle cellule del sistema immunitario. Rappresentano le armi di difesa contro le malattie e le infezioni del rigetto e vengono perciò controllate dalla terapia immunosoppressiva. L incontro con lo psicologo La seconda tappa della visita è rappresentata dall incontro con lo psicologo clinico che, durante il colloquio, vi sottoporrà anche alcuni test. Questa parte della visita è necessaria per capire come voi affrontate la malattia e il trapianto dal punto di vista psicologico ed è anche il primo contatto con lo psicologo che vi seguirà nella delicata fase subito dopo l intervento. Il gruppo di formazione Al termine della mattinata è prevista una riunione di gruppo come momento finale di informazione e di supporto. Alla riunione partecipa lo psicologo, un infermiere del Coordinamento, un medico del Centro trapianti e tutti i pazienti che hanno sostenuto la visita quella stessa mattina. Durante la riunione vi verranno fornite ulteriori informazioni sul modo in cui verrete contattati per il trapianto, sull intervento chirurgico e la degenza; si parlerà anche di come affrontare il trapianto dal punto di vista psicologico, dell alimentazione, dei rischi che ogni trapianto comporta ma anche dei cambiamenti nella qualità di vita. Potrete chiedere chiarimenti e, se sono presenti, ascoltare l esperienza di persone che sono già state sottoposte a trapianto di rene. TEMPO DI ATTESA: la visita viene effettuata entro 30 giorni dall arrivo della documentazione completa. L esito della visita Durante la visita i medici del Centro Trapianti valutano la Cartella sanitaria per il trapianto di rene. Nel caso in cui mancassero o si rendessero necessari nuovi accertamenti vi verrà chiesto di effettuarli e farli inviare dal vostro medico di famiglia al nostro Centro il prima possibile. Una volta che tutti i test e le visite richiesti sono stati effettuati, che la documentazione è completa e che si è avuto anche il parere dello psicologo, i risultati sono discussi dai medici del Centro Trapianti. Gli esiti possibili della visita sono i seguenti: 1. Se i requisiti sono soddisfacenti, all arrivo dei risultati della tipizzazione tissutale, sarete inseriti nella Lista attiva. Questo vuol dire che siete pienamente adatti e pronti per ricevere un rene. 2. Si rendono necessari ulteriori accertamenti o interventi terapeutici grazie ai quali potrete diventare idonei al trapianto di rene. 3. Viene accertato che il trapianto non è indicato per voi. Quindi vi saranno spiegati i motivi della mancata idoneità. Per rimanere in Lista attiva Una volta iscritti in Lista attiva non rimane che attendere la chiamata, che avverrà quando un rene sarà disponibile. Per rimanere nella Lista è necessario: - effettuare ogni dodici mesi i controlli che vi saranno indicati durante la prima visita; - tenere costantemente aggiornato il Centro Trapianti sui vostri eventuali problemi di salute; - che il vostro nefrologo invii quattro volte l anno (entro il 5 febbraio, 5 maggio, 5 agosto e 5 novembre) il vostro siero, corredato dei dati anagrafici al seguente indirizzo: CENTRO REGIONALE DI IMMUNOGE- NETICA E BIOLOGIA DEI TRAPIANTI - PIASTRA DEI SERVIZI Viale Morgagni 85, Firenze, Tel e Fax it Criteri di assegnazione del rene La donazione è il primo passo verso il trapianto, ma perché questo avvenga sono necessari diversi passaggi. Prima di tutto il Centro Regionale Allocazione Organi e Tessuti (CRAOT) che gestisce la Lista d attesa unica 8 9 della regione, comunica la disponibilità di un donatore. A questo punto viene selezionato il ricevente in base alla compatibilità del gruppo sanguigno e alla tipizzazione tissutale per ricercare la coppia con maggiore compatibilità tissutale, evitando di attribuire un organo ad un paziente di età troppo diversa da quella del donatore. Sarà infine il Centro Trapianti a decidere se il trapianto potrà essere effettuato o meno in relazione: - alle condizioni del ricevente che, per esempio, potrebbe non essere nelle condizioni di salute ottimali. - alle condizioni dell organo da trapiantare. Infatti un attento esame del rene potrebbe rivelare alcune caratteristiche che renderebbero rischioso il trapianto. L attesa per il trapianto Non è possibile prevedere quando il rene sarà disponibile, l attesa può durare anche molti mesi dipendendo dal numero delle donazioni, dal numero di iscritti in Lista d attesa e dalla compatibilità. E importante che, una volta iscritti in Lista attiva, restiate rintracciabili in ogni momento. Sarà il vostro nefrologo ad avvertirvi dell intervento e la sua chiamata potrà arrivare in qualsiasi ora del giorno e della notte. Ricevuta la telefonata dovrete partire immediatamente, senza alcuna attesa, per raggiungere l ospedale di

6 Siena nel minor tempo possibile. TEMPO DI ATTESA: il tempo medio di attesa dall inserimento nella Lista unica regionale al momento del trapianto è di circa 18 mesi. Il trapianto L intervento chirurgico ha una durata di circa due-tre ore. Naturalmente rimarrete in sala operatoria più a lungo, poiché le procedure di preparazione dell intervento richiedono un certo tempo. Al termine del trapianto il chirurgo parlerà con i familiari per spiegarne l esito e, al vostro risveglio, vi troverete nel reparto di Terapia intensiva. La Terapia intensiva è una zona di degenza estremamente protetta poiché nelle 48 ore successive all intervento è necessario controllare costantemente le vostre funzioni vitali e tenervi in condizioni di massima protezione e isolamento. In questo periodo potrete ricevere la visita di un unica persona una volta al giorno. Se non ci saranno complicazioni, passati i primi due giorni, trascorrerete il resto della vostra permanenza in ospedale nel reparto di Degenza protetta. Il reparto di degenza protetta Qui passerete il resto della vostra degenza al Policlinico. Il reparto si trova al primo lotto piano 5 ed è riservato ai pazienti trapiantati. E composto da due camere doppie e La diagnostica e terapia Chiamiamo questa fase follow up che una singola con bagno e televisione Durante la degenza verrete sottoposti ad alcuni accertamenti, come l e- seguire passo passo, cioè control- in italiano potremmo tradurre con in camera. Considerato che vi trascorrerete un cografia e la scintigrafia del rene trapiantato che, con una tecnica assopiantatolare continuamente il paziente tra- periodo la cui durata oscilla tra le due e le tre settimane, abbiamo cercato di rendere confortevole questa indicazioni sullo stato funzionale vada a buon fine e non sorgano parlutamente non invasiva, daranno Anche nel caso in cui il trapianto zona di degenza allestendo una dell organo. ticolari complicazioni, il vostro saletta con divani e televisione. Un Allo stesso tempo inizierete la terapia immunosoppressiva. Si tratta di regolarmente per cogliere in tempo stato di salute verrà controllato infermiere professionale è sempre presente nel reparto. Parenti e una terapia farmacologica che ogni eventuali problemi attraverso visite, amici che verranno a trovarvi paziente trapiantato deve eseguire esami e controlli periodici. Nel dovranno indossare soprascarpe, costantemente per prevenire il Diario post trapianto troverete le date camice, cappello e mascherina per fenomeno del rigetto. La terapia si dei controlli che si svolgeranno proteggervi dai fattori che potrebbero provocare eventuali infezioni. ché, abbassando le difese immuni- l elenco degli esami che dovrete chiama immunosoppressiva per- presso il nostro Centro, ma anche L accesso è consentito ad una persona per volta nelle seguenti fasce accettare il nuovo rene, riducendo via fax. tarie, aiuta il vostro organismo ad eseguire a domicilio e poi spedire orarie: e sensibilmente il fenomeno di rigetto nei confronti dell organo estra- svolge a distanza di un mese dall in- La prima visita dopo il trapianto si neo. tervento. Le visite successive avranno questa cadenza: la prima dopo Il funzionamento del nuovo rene Essendo particolarmente intensa Anche se l intervento ha avuto un nei primi giorni potrebbe provocare tre mesi, la seconda dopo sei, la esito positivo può accadere che il un effetto negativo sia sull organismo che sulle vostre condizioni psi- un anno e mezzo, per proseguire terza dopo un anno e la quarta dopo rene trapiantato non inizi subito a funzionare correttamente. Talvolta cologiche. E però importante sottolineare che ogni paziente reagisce controllo. Il Coordinamento del poi con una sola visita annuale di è necessario sottoporsi ad alcune sedute di dialisi in attesa che l organo cominci a svolgere le proprie Il rigetto molto spesso si manifesta comunque reperibile attraverso un in maniera diversa. Centro Trapianti di Siena resta funzioni in modo appropriato. Si con l aumento del valore della creatinina nel sangue, ma i controlli caso di necessità potrete contattarlo telefono cellulare 24 ore su 24 ed in tratta spesso di una fase di assestamento durante la quale è importante anche una reazione psicologica sentiranno di individuarlo precoce- periodici cui verrete sottoposti con- in qualunque momento. positiva che permetta di affrontare mente e di rispondere con un adeguata terapia antirigetto. nel modo giusto e senza sconforto Vivere con il nuovo rene le eventuali sedute di dialisi posttrapianto. In questa fase sarete scompariranno e potrete recuperare Le limitazioni imposte dalla dialisi assistiti da infermieri che si occuperanno esclusivamente dei Dopo il trapianto continueremo a rispettando però uno stile di vita Il follow up molte attività, anche piacevoli, pazienti trapiantati. seguire le vostre condizioni di salute attraverso visite e accertamenti. Vediamone alcuni aspetti. compatibile con il trapianto

7 L assunzione dei farmaci E molto importante che assumiate i farmaci prescritti costantemente: si tratta di un piccolo sforzo di attenzione, fondamentale però per la riuscita del trapianto e per evitare l insorgenza di problemi anche a distanza di tempo. La vostra terapia immunosoppressiva sarà composta in genere da due-tre farmaci di tipo diverso che dovrete assumere secondo le prescrizioni del nostro Centro. I farmaci vanno assunti sempre alla stessa ora perché la dose è in molti casi dipendente dal livello del farmaco nel sangue che verrà controllato attraverso dei semplici esami. Eventuali altre medicine sono consentite solo in seguito a prescrizione medica. La prevenzione delle infezioni I farmaci che assumerete provocheranno una diminuzione delle vostre difese immunitarie; sarete quindi meno protetti e più esposti al rischio di infezioni. Bisogna evitare, per quanto possibile, di venire a contatto con fonti di infezione, facendo attenzione quando un componente della famiglia manifesta sintomi influenzali o quando frequentate ambienti a rischio. Nelle prime settimane dopo il trapianto è bene evitate locali affollati soprattutto nei mesi freddi o nei periodi di epidemie infettive. E opportuno evitare anche il contatto con individui portatori di infezioni, come per esempio bambini con malattie contagiose e persone con bronchiti o influenze. Per proteggervi in situazioni di rischio, soprattutto nelle prime settimane dopo il trapianto, potrete usare una mascherina. In ogni caso la migliore barriera contro le infezioni è la respirazione con la bocca chiusa in modo che l aria venga filtrata dal naso L alimentazione La maggior parte dei pazienti che hanno subito un trapianto renale tendono ad aumentare di peso. Il largo impiego di farmaci immunosoppressori e cortisonici, genera tra gli effetti collaterali l aumento dell appetito, della massa grassa e la ritenzione di sodio e di acqua. Inoltre, il miglioramento del vostro stato di salute, sia dal lato fisico ma soprattutto psichico, determina un aumento dell appetito che vi porterà ad assumere calorie superiori al reale fabbisogno energetico. Il controllo del peso assume quindi un ruolo fondamentale all interno della terapia e del vostro stile di vita. Il primo strumento che il medico può utilizzare a tale scopo rimane la dieta. Non spaventatevi! La vostra dieta non sarà molto differente da quella di un individuo non trapiantato e sarà molto più facile da seguire rispetto a quella prescritta in corso di dialisi. E importante variare l alimentazione seguendo, in maniera orientativa, le seguenti indicazioni. Per la colazione, preferite latte parzialmente scremato o yogurt accompagnati da fette biscottate o biscotti secchi, saltuariamente anche da una fetta di torta. Per pranzo e cena consumate un primo piatto di pasta condita con sugo semplice tipo pomodoro, un secondo a base di carne o pesce, con un contorno abbondante di verdure, infine pane comune oppure integrale. Si potranno consumare anche formaggi 2-3 volte la settimana, evitando quelli molto saporiti e stagionati a causa del loro alto contenuto di sale. Evitate possibilmente i salumi tranne prosciutto crudo magro dolce o bresaola. Potrete mangiare un uovo alla settimana. Consumate la frutta fresca di stagione durante la giornata oppure a fine pasto, a seconda delle abitudini personali. Utilizzate come condimento olio extravergine di oliva e fate attenzione ai metodi di cottura evitando fritti e soffritti, preferendo cotture alla piastra, griglia e forno. Limitate il consumo di vino ad un bicchiere a pasto, evitate bevande gasate o succhi di frutta perché eccessivamente ricchi di zuccheri semplici. Infine, non trascurate il consumo di legumi e di cibi integrali entrambi ricchi di fibra, valido aiuto per la funzione intestinale e la riduzione del sovrappeso. Fermo restando la validità di queste raccomandazioni, dovrete concordare con il medico specialista il vostro schema alimentare. Il controllo di peso e pressione Dovrete pesarvi e misurarvi la pressione con regolarità. Lavoro, sport, tempo libero Finito il periodo di convalescenza, nel 90% dei casi, potrete riprendere a lavorare e a recuperare le attività che avevate sospeso a causa dei limiti imposti dalla dialisi. Per quanto riguarda lo sport, una sana attività fisica è vivamente consigliata in quanto rinforza i muscoli e le ossa, svolge un azione anti-arteriosclerotica e permette anche di prendere contatto con i mutamenti del vostro corpo dopo il trapianto. Nei primi due mesi successivi all intervento si sconsigliano passeggiate troppo lunghe e affaticanti. Trascorso questo periodo si può riprendere a fare sport evitando però possibili traumi o lesioni addominali. Sono consigliati nuoto, marcia, corsa, ciclismo e sci di fondo. E bene evitare l esposizione per lunghi periodi alla luce solare senza creme ad adeguata protezione. Non ci sono limitazioni per viaggiare, anche se è consigliato evitare le aree dove sono diffuse importanti malattie trasmissibili come la malaria o il colera. Ricordate che le eventuali vaccinazioni vanno sempre

8 discusse con il medico del Centro Trapianti. Potrete allevare animali domestici sottoponendoli però a periodiche vaccinazioni e prestando particolare attenzione ai gatti che possono trasmettere la toxoplasmosi. La maternità Molte donne hanno avuto figli dopo il trapianto senza alcun problema, ma questa eventualità deve essere discussa con i medici del Centro Trapianti. In genere le gravidanze più sicure avvengono dopo almeno due o tre anni di trapianto funzionante, in donne non ipertese e senza rigetti in atto. La situazione andrà comunque valutata caso per caso. L attività sessuale La sessualità negli esseri umani è influenzata da molteplici fattori e lo stato di malattia precedente al trapianto può aver modificato l equilibrio emotivo all interno della coppia determinando difficoltà anche nella sfera sessuale. Il trapianto non preclude una normale attività sessuale e anzi può comportare dei cambiamenti positivi sia nell aumento del desiderio che nella frequenza dei rapporti. Nel caso in cui riscontriate problemi attinenti alla sfera sessuale dovete segnalarli ai medici del team trapiantologico che sapranno indicarvi le possibili soluzioni. Come contattarci Telefono: Fax: Emergenze/urgenze Cellulare contattabile tutti i giorni, 24 ore su 24, dai pazienti o dai loro medici Note 14 15

9 Pubblicazione a cura dell Ufficio relazioni con il pubblico Stampa: Industrie Grafiche Pistolesi - Monteriggioni (Si), ottobre 2006 Il testo è disponibile anche al seguente indirizzo web:

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

INTRODUZIONE 7 Per avere informazioni sulla gestione della mia patologia e sul programma di Trapianto Polmonare a chi mi devo rivolgere?

INTRODUZIONE 7 Per avere informazioni sulla gestione della mia patologia e sul programma di Trapianto Polmonare a chi mi devo rivolgere? Policlinico S.Orsola-Malpighi S.Orsola-Malpighi Policlinico Guida al Trapianto di Polmone Orientarsi Supplemento d informazione a Diario di Bordo - Reg. Tribunale di Bologna n. 6759 del 31/12/97 n. 70

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Gentili Pazienti, desideriamo fornirvi alcune informazioni utili per affrontare in modo

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

La sua cartella sanitaria

La sua cartella sanitaria La sua cartella sanitaria i suoi diritti All ospedale, lei decide come desidera essere informato sulla sua malattia e sulla sua cura e chi, oltre a lei, può anche essere informato Diritto di accesso ai

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

ÒMangio a scuolaó sezione bambini

ÒMangio a scuolaó sezione bambini DISCRIMINANTI DEL CAMPIONE Istituto scolastico Classe Comune 1) Sesso maschio femmina 2) Etˆ 7-10 anni 11-13 anni 3) Preparazione dei pasti preparati nella cucina preparati altrove e della scuola portati

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO Prof. Avv. GIAN LUIGI TOSATO 00187 ROMA Avv. GIULIO R. IPPOLITO VIA SALLUSTIANA, 26 Prof. Avv. ANDREA NERVI TEL. 064819419 Avv. MARIA CARMELA MACRI FAX: 064885330 Avv. NATALIA DEL OLMO GUARIDO E-MAIL:

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione Arriva l'estate ed ecco, regolarmente, "spuntare" le solite diete dimagranti. Ne esistono

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

LO PSICOLOGO NELLA RIANIMAZIONE APERTA

LO PSICOLOGO NELLA RIANIMAZIONE APERTA Sig.ra Gelsomina Barozzino - CPSE SC Rianimazione e Anestesia Cirié Dott. Marcello Giove Psicologo Servizio di Psicologia Ospedaliera sede di Chivasso e di Ivrea Dott. Bruno Scapino - Responsabile S.S.

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

Una Scelta in Comune Linee-Guida Operative per l attivazione del servizio di registrazione della dichiarazione di volontà sulla donazione di organi

Una Scelta in Comune Linee-Guida Operative per l attivazione del servizio di registrazione della dichiarazione di volontà sulla donazione di organi Una Scelta in Comune Linee-Guida Operative per l attivazione del servizio di registrazione della dichiarazione di volontà sulla donazione di organi Le Linee-Guida Operative per l attivazione del servizio

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO)

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO) PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 Giorno Prima settimana Seconda settimana Terza settimana Quarta Pasta all olio e Uova strapazzate Riso alla zucca Bresaola* / formaggio fresco Pasta olio e Bocconcini

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Congresso Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Nel corso degli ultimi anni lo studio degli aspetti nutrizionali, dei

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C.

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C. Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI T.A.C o meglio T.C. Gentili Pazienti in modo molto semplice vogliamo fornirvi alcune informazioni utili per

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Prelievo e Trapianto di Cornee

Prelievo e Trapianto di Cornee Prelievo e Trapianto di Cornee Protocollo operativo Edizione giugno 2014 http://www.piemonte.airt.it/documenti/protocolli.html Regione Piemonte e Valle d Aosta Centro Regionale Trapianti Coordinamento

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE 1 di 10 07/02/2013 13:12 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 10 ottobre 2012 Modalita' per l'esportazione o l'importazione di tessuti, cellule e cellule riproduttive umani destinati ad applicazioni sull'uomo.

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori A cura dell U.O.C. Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Prevenzione Medica, A.S.L. di Pavia, V.le Indipendenza,3 0382 432451 TROVA L EQUIILIIBRIIO

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli