I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO"

Transcript

1 CENTRO NIVO METEOROLOGICO ARPA BORMIO I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO Corso 2 A- AINEVA Guide Alpine della Lombardia Bormio gennaio 2010 A cura di Flavio Berbenni

2 MARCATO FORTE MODERATO DEBOLE MOLTO FORTE

3 Cosa è il bollettino nivometeorologico o bollettino valanghe Il bollettino è lo strumento che fornisce un quadro sintetico dell'innevamento e dello stato del manto nevoso e indica il pericolo di valanghe in un determinato territorio, al momento dell'emissione, e, sulla base delle previsioni meteorologiche e della possibile evoluzione del manto nevoso, quello atteso per l'immediato futuro al fine di prevenire eventuali incidenti derivanti dal distacco di valanghe.

4 Validità sul territorio Ogni Regione o Provincia Autonoma emette il bollettino di propria competenza territoriale, spesso indicando un grado di pericolo specifico su alcune sottozone geograficamente e climaticamente omogenee, al fine di fornire informazioni il più possibile dettagliate.

5 suddivisione geo-climatica dell arco alpino

6 Metodo per la valutazione del pericolo valanghe Il metodo con cui viene fatta la valutazione del pericolo di distacco di valanghe è definito sinottico o convenzionale o a scala regionale. Esso è basato principalmente sulle capacità, sull'esperienza e sulle conoscenze scientifiche dei previsori che seguono l'evoluzione del manto nevoso e l'andamento meteorologico e che devono essere in grado di valutare tutti i dati a disposizione per definire il consolidamento del manto nevoso

7 dati a disposizione

8 circa 150 stazioni nivometeorologiche automatiche dislocate nei siti più rappresentativi dell arco alpino, che forniscono in tempo reale dati su temperatura, intensità e direzione del vento, altezza della neve, umidità, radiazione solare ecc.; circa 160 campi neve manuali, dove giornalmente i rilevatori, oltre a fornire i dati meteorologici classici, trasmettono informazioni dettagliate sulle condizioni del manto nevoso e una descrizione sull'attività valanghiva nelle ultime 24 ore; circa 140 campi nivometrici dove vengono eseguiti i profili del manto nevoso (prova penetrometrica e analisi degli strati). circa 100 rilievi itineranti settimanali

9 stazione nivometeorologica automatica

10 campi neve manuali

11 circa 140 campi nivometrici dove vengono eseguiti i profili del manto nevoso (prova penetrometrica e analisi degli strati).

12

13 circa 100 rilievi itineranti settimanali RACCOLTA DI DATI E OSSERVAZIONI LUNGO UN ITINERARIO CON ESPOSIZIONI, PENDENZE E QUOTE DIVERSE

14 Esecuzione di un blocco di scivolamento... per verificare la coesione fra gli strati del manto nevoso

15 i dati e le osservazioni raccolte durante un rilievo itinerante consentono di individuare l indice di pericolo relativo ad un area nivometeorologicamente omogenea più o meno estesa.

16 Il metodo di verifica del grado di pericolo sperimentato sulle Alpi italiane dal Gruppo Previsori AINEVA a cura di Flavio Berbenni ARPA Lombardia-BORMIO

17 Dal 1994 in Italia, sulle Alpi, stiamo lavorando per mettere a punto un metodo oggettivo, per quanto possibile, che consenta a personale esperto ( tecnici degli Uffici Valanghe, Previsori, Guide Alpine specializzate ecc..) di verificare la correttezza delle previsioni del pericolo valanghe e che consenta inoltre di effettuare una valutazione della stabilità del Manto nevoso in un area omogenea mediante un indagine svolta direttamente sul terreno, itinerante, e non sulla base di rilevamenti di dati presso Stazioni fisse spesso poco significative o non presenti nell area considerata in particolare a quote elevate. ( già da tempo in alcune regioni non sono presenti stazioni di rilevamento manuali ed i rilievi vengono effettuati da personale specializzato nelle zone più significative)

18 Il MODELLO DI VERIFICA AINEVA consiste nella raccolta di dati lungo un itinerario sci-alpinistico La scheda di rilevamento riassume gli indici di pericolo individuati dai quattro gruppi

19 Applicazione del metodo Per prima cosa occorre individuare l area che verrà presa in considerazione, l Arco Alpino italiano è stato suddiviso in aree omogenee dal punto di vista dell innevamento, orografia, quote e per le quali nei bollettini viene assegnato un unico indice di pericolo. In base al pericolo presente, indicato nel Bollettino valanghe, si programma un uscita sul terreno individuando un itinerario che consenta di testare in massima sicurezza i pendii ripidi indicati nel bollettino come pericolosi.

20 Con l esperienza accumulata in questi anni di lavoro sono stati individuati per l area omogenea presa in considerazione itinerari adatti per ogni livello di pericolo in particolare per la morfologia del terreno, che consenta di testare esposizioni e pendenze senza essere esposti al pericolo, ma soprattutto rappresentativi dell area considerata. L itinerario non deve presentare recenti tracce di passaggio, deve avere uno sviluppo ed un dislivello tali da consentire ai rilevatori una raccolta di dati a quote ed esposizioni diverse. Lungo l itinerario vengono annotati su un semplice modello assestamenti del manto nevoso, distacchi provocati ed osservazioni su attività valanghiva recente (dati oggettivi)

21 Scala Europea del Pericolo Valanghe

22 Il rilevatore deve attraversare molti - pochi - nessun pendio (ripidi) in funzione al pericolo valanghe presente. Vengono annotati nel modello: D = Distacco provocato ND = Nessun Distacco A = Assestamenti NA = Nessun Assestamento

23 L attività valanghiva è quella osservata dal rilevatore che va sul terreno e può essere integrata da altre informazioni derivanti dalle stazioni di rilevamento del comprensorio in cui si mette in atto la verifica del bollettino.

24 La risposta alle sollecitazioni (blocco di slittamento) e l andamento delle resistenze (profilo penetrometrico) completano le osservazioni.

25 L indice va dedotto confrontando il risultato della prova penetrometrica con la classificazione dei profili AINEVA.

26 Il livello di consolidamento del manto nevoso si deduce confrontando la stratigrafia effettuata con quelle presenti nella matrice, tenendo conto dello spessore della neve. bc: ben consolidato mc: moderatamente consolidato dmc:da moderatamente a debolmente consolidato dc:debolmente consolidato

27

28 CEDIMENTO DEL BLOCCO 1 Isolando il blocco 2 Entrando sul blocco 3 Flessioni sulle ginocchia 4 Primo salto con gli sci 5 Secondo salto con gli sci 6 Salto senza sci 7 Nessun distacco La zona in cui è stato effettuato il blocco è Rappresentativa (R) rispetto all area considerata. Non Rappresentativa (NR) in quanto il blocco viene effettuato in localizzazioni estreme indicate nel bollettino come potenzialmente valanghive.

29 La scheda di rilevamento riassume gli indici di pericolo individuati dai quattro blocchi ; il risultato finale è dato dall indice ricavato dall attività dei rilevatori confermato da almeno un altra prova.

30 Considerazioni finali Possiamo affermare che applicando correttamente il metodo di verifica presentato si possono avere sufficienti informazioni sul consolidamento del manto nevoso estendibili a tutta l area in oggetto, a tal proposito sono stati effettuati itinerari diversi all interno della stessa area omogenea nelle stessa giornata ed il risultato ottenuto dall applicazione del metodo è stato il medesimo. Il numero di verifiche da effettuare per una corretta valutazione del grado di pericolo durante una stagione invernale in un area omogenea dipendono ovviamente dalla variabilità delle condizioni nivo-meteorologiche. Durante le ultime 4 stagioni invernali per l area omogenea dell Alta Valtellina, in Regione Lombardia, sono state effettuate mediamente 35 verifiche per stagione. Nella maggior parte dei casi la verifica viene effettuata da 2 persone, una delle quali solitamente è un previsore dell Ufficio. In questi anni il metodo è stato sperimentato dal Gruppo Previsori dell AINEVA in tutte le regioni ed è ipotizzabile per il futuro un utilizzo sistematico sia per la verifica della previsione ma soprattutto per una migliore analisi del consolidamento del manto nevoso in funzione di una più precisa e dettagliata informazione per gli utenti sul pericolo valanghe. E in fase di studio la possibilità di considerare la presenza di uno strato limite in una posizione critica del manto nevoso e tenere conto di questo nella valutazione del consolidamento in un profilo penetrometrico mediante l utilizzo di una nuova matrice.

31

32

33

34 RILIEVO ITINERANTE STAZIONI AUTOMATICHE RETE ARPA STAZIONI MANUALI RILIEVO GIORNALIERO ALTRE STAZIONI AUTOMATICHE

35 suddivisione geo-climatica dell arco alpino

36 La struttura dei bollettini valanghe AINEVA

37 Agenzia Regionale Per la Protezione dell Ambiente della Lombardia Associazione interregionale di coordinamento e documentazione per i problemi inerenti alla neve e alle valanghe

38 SITUAZIONE NIVOLOGICA E METEOROLOGICA

39 IL PERICOLO VALANGHE DIPENDE DALLE CONDIZIONI DI CONSOLIDAMENTO DEL MANTO NEVOSO LA TRASFORMAZIONE DEL MANTO NEVOSO è LEGATA ALLA PREVISIONE METEOROLOGICA COPERTURA PRECIPITAZIONI TEMPERATURE ZERO TERMICO VENTO

40 PREVISIONE NIVOLOGICA E METEOROLOGICA

41 AREE OMOGENEE

42

43 SIMBOLI UTILIZZATI AUMENTO - DIMINUZIONE DEL PERICOLO DURANTE LA GIORNATA ESPOSIZIONE E QUOTA DEI PENDII CRITICI

44 Il bollettino valanghe descrive il pericolo di valanghe, ma non il rischio. RISCHIO: Concetto che riunisce la probabilità dell evento (può succedere?) la presenza dell uomo (qualcuno si trova entro la zona di pericolo?) e il danno (quale può essere l entità del danno?). PERICOLO: Condizione, circostanza o processo che può provocare un danno.

45 IL GRADO DEL PERICOLO VALANGHE VIENE DEFINITO IN BASE ALLA SCALA UNIFICATA EUROPEA A 5 LIVELLI ED E IN FUZIONE DEI SEGUENTI FATTORI: IL CONSOLIDAMENTO DEL MANTO NEVOSO LA PROBABILITA DI DISTACCO (DIPENDE DAL CONSOLIDAMENTO)

46 Diminuzione del consolidamento Aumento del pericolo

47 NUMERO E CARATTERI SICHE DEI PENDII PERICOLOSI

48 DIMENSIONE E NUMERO DELLE VALANGHE

49 CAUSE DEL DISTACCO

50 Distribuzione dei luoghi pericolosi Pochissimi luoghi pericolosi (specificabili nel bollettino valanghe*) Luoghi pericolosi su alcuni pendii ripidi (specificabili nel bollettino valanghe*) Luoghi pericolosi su molti pendii ripidi (specificabili nel bollettino valanghe*) Generalme nte solo con forte sovraccaric o Probabilità di distacco valanghe DiSTACCHI PROVOCATI Particolarmen te con forte sovraccarico (possibile anche con debole sovraccarico) Già con debole sovraccari co POSSIBIL E Con debole sovraccari co PROBABI LE Distacchi spontanei di piccole valanghe POSSIBIL E DISTACCHI SPONTANEI Distacchi spontanei di valanghe di medie dimensioni e in alcuni casi di grandi dimensioni POSSIBIL E Distacchi spontanei di molte valanghe di medie dimensioni e in diversi casi di grandi dimensioni PROBABIL E 3 4 Distacchi spontanei di molte valanghe di grandi dimensioni PROBABIL E 4 Luoghi pericolosi sulla maggior parte dei pendii ripidi ** Luoghi pericolosi anche su pendii moderatamente ripidi

51

52 Per informarsi : Tel segreteria : Previsore CNM Bormio PER BOLLETTINO VIA MAIL fine RICHIESTA A

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo Valanga = massa di neve, piccola o grande che sia, in movimento lungo un pendio (definizione AINEVA). A. La zona di distacco è il luogo dove prende

Dettagli

Nuove tecnologie e metodologie nella conoscenza e prevenzione delle valanghe

Nuove tecnologie e metodologie nella conoscenza e prevenzione delle valanghe SULLE NEVI DELL APPENNINO IN SICUREZZA Giornata di studi sugli strumenti di prevenzione Roma, 10 dicembre 2010, ore 17.30 Nuove tecnologie e metodologie nella conoscenza e prevenzione delle valanghe Massimo

Dettagli

Nivologia e Valanghe

Nivologia e Valanghe Nivologia e Valanghe C.A.I. Nembro - Scuola di Scialpinismo Perché una lezione sulle valanghe? Il 90% delle Valanghe che coinvolgono Alpinisti e Scialpinisti non sono imputabili a distacchi naturali! Gli

Dettagli

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo 1 Valanga = massa di neve, piccola o grande che sia, in movimento lungo un pendio (definizione AINEVA). A. La zona di distacco è il luogo dove prende

Dettagli

GLOSSARIO DEI TERMINI USATI NEI BOLLETTINI NIVOMETEOROLOGICI

GLOSSARIO DEI TERMINI USATI NEI BOLLETTINI NIVOMETEOROLOGICI GLOSSARIO DEI TERMINI USATI NEI BOLLETTINI NIVOMETEOROLOGICI ABLAZIONE: Insieme combinato dei processi di sublimazione, fusione, ed evaporazione, compresa l azione del vento, che determinano una riduzione

Dettagli

Corso Base di Scialpinismo PREPARAZIONE E CONDOTTA DI UNA GITA IN AMBIENTE INVERNALE

Corso Base di Scialpinismo PREPARAZIONE E CONDOTTA DI UNA GITA IN AMBIENTE INVERNALE Corso Base di Scialpinismo PREPARAZIONE E CONDOTTA DI UNA GITA IN AMBIENTE INVERNALE 29/10/2004 La pratica degli sport invernali al di fuori delle piste battute Che cosa si intende per sicurezza in montagna:

Dettagli

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA. Guida all interpretazione III

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA. Guida all interpretazione III I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA Guida all interpretazione III Edito da AINEVA Redazione: Gruppo Previsori Valanghe Coordinatore progetto: Luciano Lizzero (Reg. Aut. Friuli Venezia Giulia) Autori: Elena Barbera

Dettagli

Regolamento per la gestione dell attività formativa e di aggiornamento tecnico AINEVA (modificato dal CTD il 18/12/2008)

Regolamento per la gestione dell attività formativa e di aggiornamento tecnico AINEVA (modificato dal CTD il 18/12/2008) Regolamento per la gestione dell attività formativa e di aggiornamento tecnico AINEVA (modificato dal CTD il 18/12/2008) Questo regolamento - redatto in attuazione del Documento sulla riorganizzazione

Dettagli

STAGIONE INVERNALE 1997-1998 Analisi di due situazioni nivometeorologiche significative

STAGIONE INVERNALE 1997-1998 Analisi di due situazioni nivometeorologiche significative Provincia Autonoma di Trento Servizio Prevenzione Calamità Pubbliche Ufficio Neve, Valanghe e Meteorologia Meteotrentino a cura di : Roberto Barbiero Marco Gadotti Mauro Mazzola STAGIONE INVERNALE 19-1998

Dettagli

Bollettini valanghe e altri prodotti dell Istituto federale per lo studio della neve e delle valanghe SNV, Davos

Bollettini valanghe e altri prodotti dell Istituto federale per lo studio della neve e delle valanghe SNV, Davos Istituto federale per lo studio della neve e delle valanghe SNV Eidg. Institut für Schnee- und Lawinenforschung SLF Institut fédéral pour l étude de la neige et des avalanches ENA Institut federal per

Dettagli

Prevenzione e comportamento Regola del 3 X 3 Valutazione del rischio Bollettino Valanghe

Prevenzione e comportamento Regola del 3 X 3 Valutazione del rischio Bollettino Valanghe Prevenzione e comportamento Regola del 3 X 3 Valutazione del rischio Bollettino Valanghe Marco Chierici INSA - INV Valutazione del pericolo di valanghe Riduzione del rischio Regione - a casa - (valutazione

Dettagli

Neve Valanghe 2 -comportamento e riduzione del rischio

Neve Valanghe 2 -comportamento e riduzione del rischio Neve Valanghe 2 -comportamento e riduzione del rischio ARVA Apparecchio di ricerca in valanga È il dispositivo di sicurezza più importante dello scialpinista? Avere o non avere l ARVA durante la gita modifica

Dettagli

SCELTA E PREPARAZIONE DELLA GITA SCIALPINISTICA

SCELTA E PREPARAZIONE DELLA GITA SCIALPINISTICA SCELTA E PREPARAZIONE DELLA GITA SCIALPINISTICA Nuove proposte della Scuola Centrale di Sci Alpinismo del CAI Maurizio Dalla Libera Istruttore INA e INSA, Scuola Centrale di Sci Alpinismo del CAI Email:

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNITA MONTANA DEL PINEROLESE EX VALLI CHISONE E GERMANASCA PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE AGGIORNAMENTO 2011 Allegato 5 IL SISTEMA DI ALLERTAMENTO METEO

Dettagli

IL PIANO PER LA SICUREZZA VALANGHE SULLA VIABILITA OLIMPICA

IL PIANO PER LA SICUREZZA VALANGHE SULLA VIABILITA OLIMPICA IL PIANO PER LA SICUREZZA VALANGHE SULLA VIABILITA OLIMPICA Area previsione e Monitoraggio Ambientale Servizio Idrologico e Nivologico C.so U. Sovietica, 216 Torino m.cordola@arpa.piemonte.it Con la collaborazione

Dettagli

Valutazione della stabilità del manto nevoso: linee guida per la raccolta e l interpretazione dei dati

Valutazione della stabilità del manto nevoso: linee guida per la raccolta e l interpretazione dei dati Valutazione della stabilità del manto nevoso: linee guida per la raccolta e l interpretazione dei dati di B. Frigo M.C. Prola M. Faletto Progetto RiskNat Regione Autonoma Valle d Aosta Région Autonome

Dettagli

PIEMONTE DELLA NEVE AL SUOLO IN. Il monitoraggio della neve nell'area Alpina ha ricevuto negli ultimi anni un'attenzione

PIEMONTE DELLA NEVE AL SUOLO IN. Il monitoraggio della neve nell'area Alpina ha ricevuto negli ultimi anni un'attenzione MONITO DELLA NEVE AL SUOLO IN PIEMONTE Roberto Cremonini, Maria Cristina Prola, Secondo Barbero, Erika Solero Arpa Piemonte, Dipartimento Servizi Previsionali, Torino, Italia Enrico Bonansea, Marcella

Dettagli

Corsi di avvicinamento alla Montagna Appendice al Quaderno n. 2 Corsi di escursionismo

Corsi di avvicinamento alla Montagna Appendice al Quaderno n. 2 Corsi di escursionismo Corsi di avvicinamento alla Montagna Appendice al Quaderno n. 2 Corsi di escursionismo Questa appendice introduce due iniziative informative destinate a tutti coloro che si avvicinano alla montagna: -

Dettagli

Club Alpino Italiano Sezione di Roma. Corso base di sci-alpinismo 2009. 3 febbraio 2009. Neve e Valanghe I

Club Alpino Italiano Sezione di Roma. Corso base di sci-alpinismo 2009. 3 febbraio 2009. Neve e Valanghe I Club Alpino Italiano Sezione di Roma Club Alpino Italiano Sezione di Roma Scuola "Franco Alletto" Corso base di sci-alpinismo 2009 3 febbraio 2009 Neve e Valanghe I Matteo Centemero (ISBA e Direttore del

Dettagli

Una Carta storica per le Valanghe

Una Carta storica per le Valanghe Una Carta storica per le Valanghe Il rischio valanghe è un fenomeno che interessa tutti i Paesi in cui esista una combinazione di rilievi montuosi e precipitazioni nevose. Si calcola, infatti, che annualmente,

Dettagli

MONITORAGGIO. sperimentale. Punta SEEHORE DYNAVAL. del sito. della GESTIONE DELLE ALLERTE ED ATTIVITÀ IN CAMPO NEL CORSO DELLE PROVE SPERIMENTALI

MONITORAGGIO. sperimentale. Punta SEEHORE DYNAVAL. del sito. della GESTIONE DELLE ALLERTE ED ATTIVITÀ IN CAMPO NEL CORSO DELLE PROVE SPERIMENTALI PROGETTO DYNAVAL 5 MONITORAGGIO del sito sperimentale della Punta SEEHORE GESTIONE DELLE ALLERTE ED ATTIVITÀ IN CAMPO NEL CORSO DELLE PROVE SPERIMENTALI Nella pagina a fianco, riprese video durante la

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Centrale Escursionismo

CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Centrale Escursionismo CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Centrale Escursionismo Allegato n 9 PIANO DIDATTICO CORSI DI FORMAZIONE E VERIFICA PER ACCOMPAGNATORI DI ESCURSIONISMO AE 1 LIVELLO STRUTTURA DEI CORSI (Art. 22) I corsi

Dettagli

Bollettini valanghe e altri prodotti

Bollettini valanghe e altri prodotti WSL Istituto per lo studio della neve e delle valanghe SLF WSL-Institut für Schnee- und Lawinenforschung SLF WSL Institut pour l'étude de la neige et des avalanches SLF WSL Institute for Snow and Avalanche

Dettagli

Direttore Area Tecnico Scientifica / Area Ricerca e Informazione Sandro Boato

Direttore Area Tecnico Scientifica / Area Ricerca e Informazione Sandro Boato ARPAV Direttore Generale Andrea Drago Direttore Area Tecnico Scientifica / Area Ricerca e Informazione Sandro Boato Direttore Dipartimento Regionale per la Sicurezza del Territorio Alberto Luchetta Direttore

Dettagli

Distacco artificiale di valanghe: linee guida per la procedura operativa, metodi e normativa

Distacco artificiale di valanghe: linee guida per la procedura operativa, metodi e normativa Distacco artificiale di valanghe: linee guida per la procedura operativa, metodi e normativa E. Bruno M. Maggioni M. Freppaz E. Zanini Progetto RiskNat Regione Autonoma Valle d Aosta Région Autonome Vallée

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Centrale Escursionismo

CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Centrale Escursionismo CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Centrale Escursionismo PIANO DIDATTICO Allegato n 9 CORSI DI FORMAZIONE E VERIFICA PER ACCOMPAGNATORI DI ESCURSIONISMO 1 LIVELLO AE/AC STRUTTURA DEI CORSI (Art. 22) I corsi

Dettagli

Ricerca degli effetti sul manto nevoso degli esplosivi convenzionali

Ricerca degli effetti sul manto nevoso degli esplosivi convenzionali Introduzione Ricerca degli effetti sul manto nevoso degli esplosivi convenzionali Ing. B. Frigo Courmayeur, 12 Marzo 2013 CORSO AINEVA Febbraio 1990 Pré S. Didier (AO). Febbraio 1986 S.S.26 Piccolo S.

Dettagli

Dai cristalli di neve alle valanghe. Elisabetta Ceaglio Fondazione Montagna sicura Ufficio neve e valanghe VdA

Dai cristalli di neve alle valanghe. Elisabetta Ceaglio Fondazione Montagna sicura Ufficio neve e valanghe VdA Dai cristalli di neve alle valanghe Elisabetta Ceaglio Fondazione Montagna sicura Ufficio neve e valanghe VdA www.fondazionemontagnasicura.org We are on facebook: Blog VdA mon amour: www.aineva.it Corso

Dettagli

Commissioni Locali Valanghe

Commissioni Locali Valanghe Commissioni Locali Valanghe Presentazione normativa e delibera attuativa Aosta, 09 dicembre 2010 L.R. n. 29 del 04/08/2010 DGR n. 2774 del 15/10/2010 Modalità di funzionamento delle CLV Allegato Procedure

Dettagli

La scuola integra culture. Scheda3c

La scuola integra culture. Scheda3c Scheda3c Gli ELEMENTI DEL CLIMA che caratterizzano le condizioni meteorologiche di una regione sono: la temperatura, la pressione atmosferica, i venti, l umidità e le precipitazioni. La temperatura è data

Dettagli

Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta

Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta Il clima delle Alpi Il clima della Valle d Aosta Precipitazioni durante l alluvione del 2000 Temperature estreme registrate in Valle d Aosta Il ruolo delle montagne

Dettagli

La Geotematica in tempo reale nella gestione operativa dei rischi naturali

La Geotematica in tempo reale nella gestione operativa dei rischi naturali La Geotematica in tempo reale nella gestione operativa dei rischi naturali Roberto Cremonini Arpa Piemonte Dip. Sistemi Previsionali Rocco Pispico Arpa Piemonte Dip. Geologia e Dissesto La nostra geomatica

Dettagli

Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008

Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008 Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008 H2O - Deficit totale (mm) -200-150 -100-50 0 50 100 Situazione dei terreni rispetto alla condizione di Capacità di Campo Precipitazioni intense a fine

Dettagli

Regione Siciliana - Presidenza - Dipartimento Regionale della Protezione Civile

Regione Siciliana - Presidenza - Dipartimento Regionale della Protezione Civile Regione Siciliana - Presidenza - Dipartimento Regionale la Protezione Civile prot. n 05471 CENTRO FUNZIONALE DECENTRATO MULTIRISCHIO INTEGRATO - Settore IDRO www.protezionecivilesicilia.it AVVISO REGIONALE

Dettagli

RISCHIO METEOROLOGICO

RISCHIO METEOROLOGICO RISCHIO METEOROLOGICO = rischio connesso con i principali fenomeni meteorologici ARPAV - Dipartimento Regionale per la Sicurezza del Territorio (DRST) Centro Meteorologico di Teolo (CMT) Centro Valanghe

Dettagli

Rapporto sui Risultati dei Sistemi di Allarme e del Sistema Rapido di Rilevazione della Mortalità Estiva nelle Città Italiane

Rapporto sui Risultati dei Sistemi di Allarme e del Sistema Rapido di Rilevazione della Mortalità Estiva nelle Città Italiane Regione Lazio Dipartimento di Epidemiologia ASL RME Centro di Competenza Nazionale Rapporto sui Risultati dei Sistemi di Allarme e del Sistema Rapido di Rilevazione della Mortalità Estiva nelle Città Italiane

Dettagli

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA giunta regionale 10^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 683 del 17 maggio 2016 pag. 1/6 SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE DEL VENETO, rappresentata da L AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E

Dettagli

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ Radarmeteo srl a socio unico Via Mezzavia, 115/5 35020 Due Carrare (PD) Italia tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

Dettagli

GUIDA ALLA CONSULTAZIONE DEL BOLLETTINO DI VIGILANZA METEOROLOGICA NAZIONALE

GUIDA ALLA CONSULTAZIONE DEL BOLLETTINO DI VIGILANZA METEOROLOGICA NAZIONALE GUIDA ALLA CONSULTAZIONE DEL BOLLETTINO DI VIGILANZA METEOROLOGICA NAZIONALE Il Bollettino di Vigilanza Meteorologica Nazionale, emesso quotidianamente entro le ore 15.00 dal Dipartimento Nazionale della

Dettagli

Modellistica di Qualità dell'aria a supporto del D. lgs 155/2010. Mauro M. Grosa

Modellistica di Qualità dell'aria a supporto del D. lgs 155/2010. Mauro M. Grosa Modellistica di Qualità dell'aria a supporto del D. lgs 155/2010 Mauro M. Grosa Responsabile del coordinamento delle attività di qualità dell aria di Arpa Piemonte Regione Piemonte nel 2000 ha avviato

Dettagli

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Fisica dell Atmosfera e del Clima Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Dettagli

La nevicata eccezionale dell 11 marzo 2004

La nevicata eccezionale dell 11 marzo 2004 La nevicata eccezionale dell 11 marzo 2004 Roberto Barbiero Introduzione Un intensa nevicata ha interessato nella giornata dell 11 marzo 2004 molte regioni del nord Italia. Dalle prime ore della notte

Dettagli

Il bollettino valanghe

Il bollettino valanghe Abteilung 26 Brand- und Zivilschutz Lawinenwarndienst Ripartizione 26 Protezione antincendi e civile Servizio prevenzione valanghe Il bollettino valanghe Fabio Gheser, servizio prevenzione valanghe contenuti

Dettagli

ANALISI CLIMATICA DELL INVERNO 2014-2015

ANALISI CLIMATICA DELL INVERNO 2014-2015 Provincia Autonoma di Trento METEOTRENTINO REPORT ANALISI CLIMATICA DELL INVERNO 214-215 Dipartimento Protezione Civile Servizio Prevenzione Rischi Ufficio Previsioni e Pianificazione Via Vannetti, 41-381

Dettagli

Il radar meteorologico

Il radar meteorologico Il radar meteorologico Il radar meteorologico è uno strumento che sfrutta impulsi di onde elettromagnetiche per rilevare la presenza in atmosfera di idrometeore (goccioline d acqua, cristalli di neve o

Dettagli

Neve Valanghe 1 -classificazione valanghe -proprietà della neve e metamorfismi

Neve Valanghe 1 -classificazione valanghe -proprietà della neve e metamorfismi Neve Valanghe 1 -classificazione valanghe -proprietà della neve e metamorfismi Innesco diminuzione angolo statico di attrito Statisticamente coinvolgono meno lo scialpinista in incidenti perché più prevedibili

Dettagli

MEMORIA INIZIALE CNSASA - PARTE 1 MILANO 5-12-06

MEMORIA INIZIALE CNSASA - PARTE 1 MILANO 5-12-06 1 MEMORIA INIZIALE CNSASA - PARTE 1 MILANO 5-12-06 COMMISSIONE NAZIONALE SCUOLE DI ALPINISMO E SCI ALPINISMO Elenco dei tipi di corsi rivolti ai soci CAI Nota introduttiva: la CNSASA sta aggiornando le

Dettagli

Erickson. Le carte geografiche, il tempo e il clima, il paesaggio italiano. Scuola primaria. Carlo Scataglini. Collana diretta da Dario Ianes

Erickson. Le carte geografiche, il tempo e il clima, il paesaggio italiano. Scuola primaria. Carlo Scataglini. Collana diretta da Dario Ianes Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Carlo Scataglini GEOGRAFIA facile per la classe quarta Le carte geografiche, il tempo

Dettagli

GESTIONE ORGANIZZATIVA E FUNZIONALE DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE

GESTIONE ORGANIZZATIVA E FUNZIONALE DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE GESTIONE ORGANIZZATIVA E FUNZIONALE DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE Ai sensi della direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27 febbraio 2004 modificata

Dettagli

NEWSLETTER n. 34. Gennaio 05

NEWSLETTER n. 34. Gennaio 05 NEWSLETTER n. 34 a cura dell Ufficio del Portavoce Ufficio Stampa di ARPA Lombardia Giovanni Galgano Tel. 02.69666.362 Grafica ProgettoWEB ARPA Lombardia Sommario COME STA L AMBIENTE IN LOMBARDIA Il Rapporto

Dettagli

Adattamento climatico, mitigazione e prevenzione del dissesto idrogeologico e politiche per il territorio nel quadro di una green economy: il ruolo

Adattamento climatico, mitigazione e prevenzione del dissesto idrogeologico e politiche per il territorio nel quadro di una green economy: il ruolo Adattamento climatico, mitigazione e prevenzione del dissesto idrogeologico e politiche per il territorio nel quadro di una green economy: il ruolo della Agenzie ambientali Stati generali della Green Economy

Dettagli

GEOGRAFIA CLASSE PRIMA

GEOGRAFIA CLASSE PRIMA GEOGRAFIA CLASSE PRIMA O. A. 1 : ORIENTARE E COLLOCARE NELLO SPAZIO SE STESSO E GLI OGGETTI O. S. 1a : riconoscere e utilizzare gli indicatori topologici (sopra, sotto, avanti, dietro, sinistra e destra

Dettagli

Mobile +39 349 4320563 info@guidemonterosa.info www.guidemonterosa.info. Gressoney, la valle del Lys e il Monte Rosa

Mobile +39 349 4320563 info@guidemonterosa.info www.guidemonterosa.info. Gressoney, la valle del Lys e il Monte Rosa SOCIETA DELLE GUIDE DI GRESSONEY Sede legale: Località Tache 11020 Gressoney-La-Trinité (Ao) Sede ufficio: Località Lago Gover 11025 Gressoney-Saint-Jean (Ao) Mobile +39 349 4320563 info@guidemonterosa.info

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI E DELLE PISTE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI E DELLE PISTE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI E DELLE PISTE Gli sciatori e gli utenti degli impianti di risalita devono osservare le disposizioni del presente regolamento, le disposizioni per i viaggiatori

Dettagli

2 FORUM GIURIDICO EUROPEO DELLA NEVE - BORMIO 1-3 DICEMBRE 2006 - LA SEGNALETICA NELLE AREE SCIABILI ANCHE CON RIFERIMENTO

2 FORUM GIURIDICO EUROPEO DELLA NEVE - BORMIO 1-3 DICEMBRE 2006 - LA SEGNALETICA NELLE AREE SCIABILI ANCHE CON RIFERIMENTO 2 FORUM GIURIDICO EUROPEO DELLA NEVE - BORMIO 1-3 DICEMBRE 2006 - LA SEGNALETICA NELLE AREE SCIABILI ANCHE CON RIFERIMENTO ALLA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI MECCANICI La segnaletica è lo strumento di comunicazione

Dettagli

ANALISI METEOROLOGICA DEL TERRITORIO DI CASBENO

ANALISI METEOROLOGICA DEL TERRITORIO DI CASBENO PROGETTO METEO ANALISI METEOROLOGICA DEL TERRITORIO DI CASBENO RIELABORAZIONI STATISTICHE CLASSI COINVOLTE: 2A Agri, 2B Agri, 2D Mas A. S. 2013-2014 L indagine statistica, svolta durante il corso dell

Dettagli

INCIDENTI DAVALANGA GLI. Panoramica sugli incidenti da valanga in Italia nella stagione 2013-2014

INCIDENTI DAVALANGA GLI. Panoramica sugli incidenti da valanga in Italia nella stagione 2013-2014 GLI Panoramica sugli incidenti da valanga in Italia nella stagione 2013-2014 INCIDENTI DAVALANGA Stefano Pivot Regione Autonoma Valle d Aosta - Assetto idrogeologico dei bacini montani- Ufficio Neve e

Dettagli

ESPERIENZE DELL ARPA VALLE D AOSTA NELLA VALUTAZIONE INTEGRATA DELLA QUALITA DELL ARIA

ESPERIENZE DELL ARPA VALLE D AOSTA NELLA VALUTAZIONE INTEGRATA DELLA QUALITA DELL ARIA ESPERIENZE DELL ARPA VALLE D AOSTA NELLA VALUTAZIONE INTEGRATA DELLA QUALITA DELL ARIA Manuela Zublena, Giordano Pession Italia Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Valle d Aosta Sezione

Dettagli

criteri tecnici per le scelte preliminari strategie di risparmio energetico relazioni energetiche tra edificio e ambiente edificio e contesto

criteri tecnici per le scelte preliminari strategie di risparmio energetico relazioni energetiche tra edificio e ambiente edificio e contesto Struttura procedurale della costruzione progettazione preliminare edificio e contesto criteri tecnici per le scelte preliminari caratteri del sito aspetti ambientali ed energetici norme urbanistiche (prg,

Dettagli

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI Indice 1. Introduzione... 2 2. Metodologia... 3 3. Temperatura... 3 4. Vento... 10 5. Installazione stazione portatile e campagna di misura... 11 6. Elaborazione dati

Dettagli

4 Azioni sulle costruzioni

4 Azioni sulle costruzioni 4 Azioni sulle costruzioni Classificazione delle azioni 1/2 Si definisce azione ogni causa o insieme di cause capace di indurre stati limite in una struttura. Si definisce sollecitazione ogni effetto interno

Dettagli

STABILIZZAZIONE DI TERRENI ARGILLOSI SOGGETTI A FENOMENI DI RITIRO E RIGONFIAMENTO

STABILIZZAZIONE DI TERRENI ARGILLOSI SOGGETTI A FENOMENI DI RITIRO E RIGONFIAMENTO Corso Specialistico di Formazione Professionale sul Recupero di Edifici Esistenti in Muratura Bologna, 11 marzo 2011 STABILIZZAZIONE DI TERRENI ARGILLOSI SOGGETTI A FENOMENI DI RITIRO E RIGONFIAMENTO (CON

Dettagli

Curricolo di geografia Biennio scuola secondaria di primo grado Contenuti Obiettivi di apprendimento Attività messe in atto

Curricolo di geografia Biennio scuola secondaria di primo grado Contenuti Obiettivi di apprendimento Attività messe in atto Curricolo di geografia Biennio scuola secondaria di primo grado Contenuti Obiettivi di apprendimento Attività messe in atto Gli elementi dello spazio geografico: Ambiente naturale Ambiente antropizzato

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA MONTAGNA - Consuntivo stagione invernale 2012-2013 -

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA MONTAGNA - Consuntivo stagione invernale 2012-2013 - OSSERVATORIO TURISTICO DELLA MONTAGNA - Consuntivo stagione invernale 2012-2013 - La stagione invernale 2012-2013 si è conclusa negativamente Le settimane bianche registrano una preoccupante discesa nonostante

Dettagli

GESTIONE DEL PERICOLO VALANGHE SULLE STRADE:

GESTIONE DEL PERICOLO VALANGHE SULLE STRADE: GESTIONE DEL PERICOLO VALANGHE SULLE STRADE: ESEMPIO DEL PIDAV PER LA S.S. 21 DEL COLLE DELLA MADDALENA Marco Vagliasindi, Alex Theodule, Elena Levera, Margherita Maggioni Studio Geologico Associato Baltea,

Dettagli

Evapotraspirazione potenziale ETP

Evapotraspirazione potenziale ETP Evapotraspirazione potenziale ETP Modello - calcolo dell evapotraspirazione Pagina 1 Calcolo dell'evapotraspirazione potenziale Il concetto di evapotraspirazione potenziale (ETP) espresso intorno al 1950

Dettagli

la bonifica definitiva del sito valanghivo.

la bonifica definitiva del sito valanghivo. Le opere di difesa dalle valanghe realizzate dalla Regione del Veneto: TIPOLOGIA - EFFICACIA - STATO DI CONSERVAZIONE dr Francesco SOMMAVILLA 1 Nell'ambito delle specifiche attività del Servizio Neve e

Dettagli

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ Il servizio meteo invernale rappresenta la soluzione più efficace per la gestione delle criticità che colpiscono la viabilità durante questa

Dettagli

incidenti davalanga Versanti e stratigrafie tipiche, tempi di ritrovamento dei sepolti

incidenti davalanga Versanti e stratigrafie tipiche, tempi di ritrovamento dei sepolti Versanti e stratigrafie tipiche, tempi di ritrovamento incidenti dei sepolti davalanga Mauro Valt ARPAV-DRST Centro Valanghe di Arabba mvalt@arpa.veneto.it con la collaborazione di: Gruppo di Lavoro dei

Dettagli

MODELLO IPI INDICE POTENZIALE INFETTIVO

MODELLO IPI INDICE POTENZIALE INFETTIVO Modelli previsionali Colture industriali Pomodoro Elaborazioni settimanali effettuate nel corso del 2015 relative ai comprensori di Correggio, Rolo e Castelnuovo di Sotto. I dati meteorologici utilizzati

Dettagli

Osservatorio Meteorologico Rifugio Fiori del Baldo 1850 metri - Monte Baldo Verona

Osservatorio Meteorologico Rifugio Fiori del Baldo 1850 metri - Monte Baldo Verona Osservatorio Meteorologico Rifugio Fiori del Baldo 1850 metri - Monte Baldo Verona La sicurezza viene dal cielo www.meteomontebaldo.it L Osservatorio meteorologico Rifugio Fiori del Baldo é situato a 1850

Dettagli

RAPPORTO DI EVENTO METEOIDROLOGICO DEL 15-17/02/2010

RAPPORTO DI EVENTO METEOIDROLOGICO DEL 15-17/02/2010 RAPPORTO DI EVENTO METEOIDROLOGICO DEL 15-17/02/2010 (redatto da B. Turato, L. Napolitano) Abstract...1 1 Analisi meteorologica...1 2 Dati Osservati...4 2.1 Analisi anemometrica...4 2.2 Analisi nivologica...4

Dettagli

Newsletter n 1/2009. Gentili lettori,

Newsletter n 1/2009. Gentili lettori, Programma Spazio Alpino 2007-20132013 REGIONE LOMBARDIA DG TERRITORIO e URBANISTICA Via Sassetti, 32/2-20124 Milano Tel. +39 02 6765 5356 fax +39 02 6765 6716 e-mail: spazio_alpino@regione.lombardia.it

Dettagli

Studio di fattibilità per una gestione sostenibile dell acqua nei centri sportivi invernali in Alto Adige

Studio di fattibilità per una gestione sostenibile dell acqua nei centri sportivi invernali in Alto Adige Studio di fattibilità per una gestione sostenibile dell acqua nei centri sportivi invernali in Alto Adige Sintesi della relazione finale Panoramica del progetto Conoscenze acquisite Lista di controllo

Dettagli

DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Laboratorio di Progettazione 3M prof. Giovanni Longobardi DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE prof. Marco Frascarolo Università degli Studi di Roma Tre Facoltà di Architettura A.A. 2010-2011

Dettagli

IL SISTEMA REGIONALE ANTINCENDIO BOSCHIVO. Relatore : arch. Cinzio Merzagora

IL SISTEMA REGIONALE ANTINCENDIO BOSCHIVO. Relatore : arch. Cinzio Merzagora IL SISTEMA REGIONALE ANTINCENDIO BOSCHIVO Relatore : arch. Cinzio Merzagora LOTTA ATTIVA FORMAZIONE Regione Lombardia PREVENZIONE PREVISIONE PIANO REGIONALE DELLE ATTIVITÀ DI PREVISIONE PREVENZIONE E LOTTA

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

Associazione Amici Italia Islanda www.islanda.it - info@islanda.it 6

Associazione Amici Italia Islanda www.islanda.it - info@islanda.it 6 Le temperature medie in Gennaio nel periodo 1930-1960, periodo relativamente freddo. (Fonte: Iceland Meteorological Office / Markús Á. Einarsson). Associazione Amici Italia Islanda www.islanda.it - info@islanda.it

Dettagli

U. A. 1 GEOGRAFIA settembre-ottobre-novembre

U. A. 1 GEOGRAFIA settembre-ottobre-novembre --- U. A. 1 GEOGRAFIA settembre-ottobre-novembre ABILITÀ a. Orientarsi nello spazio e sulle carte geografiche utilizzando i punti cardinali. b. Interpretare la simbologia convenzionale delle carte. c.

Dettagli

POLIZZA METEO. Assicurare i propri ricavi contro eventi meteorologici sfavorevoli

POLIZZA METEO. Assicurare i propri ricavi contro eventi meteorologici sfavorevoli POLIZZA METEO Assicurare i propri ricavi contro eventi meteorologici sfavorevoli POLIZZA METEO Un prodotto assicurativo indirizzato a gestori di piscine. Completamente personalizzabile a seconda delle

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO A. MANZONI - POZZUOLO MARTESANA SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA. CLASSE PRIMA Competenze Abilità Conoscenze

ISTITUTO COMPRENSIVO A. MANZONI - POZZUOLO MARTESANA SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA. CLASSE PRIMA Competenze Abilità Conoscenze ISTITUTO COMPRENSIVO A. MANZONI - POZZUOLO MARTESANA SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA CLASSE PRIMA Competenze Abilità Conoscenze ORIENTAMENTO 1. Si muove consapevolmente nello spazio circostante, orientandosi

Dettagli

DINAMICA DELLE VALAGHE E MODELLI DI CALCOLO

DINAMICA DELLE VALAGHE E MODELLI DI CALCOLO DINAMICA DELLE VALAGHE E MODELLI DI CALCOLO Corso AINEVA CAI Operatore e Assistente del distacco Artificiale di Valanghe Livello 2 Modulo b Courmayeur (AO) Marzo 2010 Dr. For. Enrico Ceriani Ing. Roberto

Dettagli

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA UNITA N 10 I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA Quali sono i fattori che influenzano il clima? Si chiamano fattori climatici le condizioni che producono variazioni negli elementi del clima. Molto importante

Dettagli

Secondo ciclo di incontri di consultazione pubblica Focal Point: Venezia Bacino di riferimento: Bacino Scolante della Laguna di Venezia

Secondo ciclo di incontri di consultazione pubblica Focal Point: Venezia Bacino di riferimento: Bacino Scolante della Laguna di Venezia Secondo ciclo di incontri di consultazione pubblica Focal Point: Venezia Bacino di riferimento: Bacino Scolante della Laguna di Venezia Le azioni previsionali e di monitoraggio della Protezione Civile

Dettagli

CHO OYU 8201 m RELAZIONE TECNICA DELLA SALITA PER LA VIA NORMALE SUL LATO NORD (TIBET)

CHO OYU 8201 m RELAZIONE TECNICA DELLA SALITA PER LA VIA NORMALE SUL LATO NORD (TIBET) CHO OYU 8201 m RELAZIONE TECNICA DELLA SALITA PER LA VIA NORMALE SUL LATO NORD (TIBET) IL CHO OYU VISTO DALLA PIANA DI TINGRI LA VIA NORMALE SUL VERSANTE NORD-OVEST TEMPISTICA PER LA SALITA E DISCESA CAMPO

Dettagli

Sezione Provinciale di Bologna Via F. Rocchi, 19 40138 Bologna Tel. 051 396211 Fax 051 342642 PEC: aoobo@cert.arpa.emr.it e-mail: sezbo@arpa.emr.

Sezione Provinciale di Bologna Via F. Rocchi, 19 40138 Bologna Tel. 051 396211 Fax 051 342642 PEC: aoobo@cert.arpa.emr.it e-mail: sezbo@arpa.emr. Sezione Provinciale di Bologna Via F. Rocchi, 19 40138 Bologna Tel. 051 396211 Fax 051 342642 PEC: aoobo@cert.arpa.emr.it e-mail: sezbo@arpa.emr.it Servizio Sistemi Ambientali Bologna Area Monitoraggio

Dettagli

Vademecum Allertamento

Vademecum Allertamento Vademecum Allertamento INDICE: 1. Cos è l Allertamento pag. 1 2. Ruolo e responsabilità del Sindaco secondo la normativa vigente pag. 2 3. Emergenza e sussidiarietà pag. 7 4. Il servizio di allertamento

Dettagli

GEOGRAFIA Classe 1 a ORIENTAMENTO LINGUAGGIO DELLA GEO-GRAFICITÀ PAESAGGIO

GEOGRAFIA Classe 1 a ORIENTAMENTO LINGUAGGIO DELLA GEO-GRAFICITÀ PAESAGGIO Concetti topologici (dentro, fuori, avanti, dietro, sinistra, destra...), concetto di confine GEOGRAFIA Classe 1 a ORIENTAMENTO Sapersi muovere nello spazio conosciuto (casa, scuola) usando concetti topologici.

Dettagli

ALLEGATO A. CAPO I Disposizioni Generali

ALLEGATO A. CAPO I Disposizioni Generali ALLEGATO A DISPOSIZIONI PER L ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Indirizzi Operativi per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento nazionale,

Dettagli

CORSI DI ESCURSIONISMO

CORSI DI ESCURSIONISMO CLUB ALPINO ITALIANO CORSI DI ESCURSIONISMO REGOLAMENTO e PIANI DIDATTICI COMMISSIONE CENTRALE PER L ESCURSIONISMO SCUOLA CENTRALE DI ESCURSIONIMO 203 La Commissione Centrale per l Escursionismo Visti:

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4:

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4: ALLEGATO 4: STABILITÀ DEI VERSANTI: METODOLOGIA DA ADOTTARE COME STANDARD PROVINCIALE PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA DELLA STABILITÀ POTENZIALE INTEGRATA DEI VERSANTI AI SENSI DELLA DCR 94/85. Allegato

Dettagli

Relazione dott.ssa Cecilia Carreri, convegno S.Martino di Castrozza Il tema che tratteremo riguarda la responsabilità della Guida Alpina nell

Relazione dott.ssa Cecilia Carreri, convegno S.Martino di Castrozza Il tema che tratteremo riguarda la responsabilità della Guida Alpina nell Relazione dott.ssa Cecilia Carreri, convegno S.Martino di Castrozza Il tema che tratteremo riguarda la responsabilità della Guida Alpina nell accompagnamento nel fuori pista, cioè fuori dalle piste attrezzate

Dettagli

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10 5.1 Introduzione Tra gli interventi finanziati dalla Regione Emilia Romagna per il 2004, ai fini della messa a punto di strumenti conoscitivi utili per

Dettagli

Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto

Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto Relazione tecnica di calcolo prestazione energetica del sistema edificio-impianto EDIFICIO INDIRIZZO COMMITTENTE INDIRIZZO COMUNE Villetta monofamiliare Via Roma - Milano (MI) Edilclima srl MILANO Rif.

Dettagli

FOTOVOLTAICO LA RADIAZIONE SOLARE

FOTOVOLTAICO LA RADIAZIONE SOLARE FOTOVOLTAICO LA RADIAZIONE SOLARE Il Sole Sfera di gas riscaldato da reazioni di fusione termonucleare che, come tutti i corpi caldi emette una radiazione elettromagnetica o solare. L energia solare è

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

località geografica Sono stati analizzati i dati climatici della zona n. 57, che corrisponde alla città di Messina.

località geografica Sono stati analizzati i dati climatici della zona n. 57, che corrisponde alla città di Messina. RELAZIONE DI CALCOLO SULLA VALUTAZIONE DELLA PRESENZA DI CONDENZA IN CHIUSURE OPACHE Riferimento normativo Sulla base dei procedimenti di calcolo illustrati nella norma UNI EN ISO 13788, si è valutato

Dettagli