TECNICHE DI STESURA DEI VERBALI E GESTIONE DEGLI ORGANI COLLEGIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TECNICHE DI STESURA DEI VERBALI E GESTIONE DEGLI ORGANI COLLEGIALI"

Transcript

1 TECNICHE DI STESURA DEI VERBALI E GESTIONE DEGLI ORGANI COLLEGIALI Area Affari Generali Istituzionali Partecipazioni Settore Rapporti con gli Organi Accademici Ciro Danzo Anna Borghesi 13 maggio 2009 Per approfondimenti e richieste di chiarimento sulle materie oggetto del corso: 1

2 GLI ATTORI DEL PROCESSO DECISIONALE LE CRITICITA DEL CONTESTO ATTUALE (fonte: CRUI gennaio 2009) Ampia rappresentatività come criterio prevalente di composizione degli organi Assetti di potere nella prassi non definiti Eccesso di assemblearismo, autoreferenzialità e conflitti di interesse Parcellizzazione e mediazione degli interessi Responsabilità non chiare sulle decisioni Frammentazione del circuito decisionale e sovrapposizione funzionale fra più organi Difficoltà ad assumere risoluzioni strategiche e di indirizzo Difficoltà di gestione e controllo su aspetti qualificanti Elevati costi organizzativi Sovraccarico e lentezza del processo decisionale 2

3 GLI ATTORI DEL PROCESSO DECISIONALE LE AZIONI PRIORITARIE SULLA GOVERNANCE (Linee guida del Governo per l Università del 6/11/08) 1) Ridefinire il ruolo del Rettore creando le condizioni affinchè possa assumere la piena responsabilità delle sue decisioni e porre in atto la difficile sintesi fra esigenze interne ed esigenze esterne spesso contrastanti, incanalandole in una strategia generale per l eccellenza della ricerca, la qualità della didattica, e l innovazione organizzativa 2) Distinguere in modo netto tra le funzioni del SA e le funzioni del CA, riservando al primo il compito di rappresentare le istanze scientifiche ed accademiche, al secondo quello di definire le linee di indirizzo per la pianificazione strategica dell Ateneo ed assicurare una prudente e corretta gestione ispirata agli interessi generali 3) Eliminare la duplicazione di organi e snellire i processi decisionali, in particolare integrare maggiormente la gestione della didattica e della ricerca attraverso processi di riorganizzazione dell articolazione interna all Ateneo (l attuale riparto di compiti fra Facoltà, Dipartimenti, Corsi di Laurea è causa di inefficienza) 4) Limitare a non più di due mandati la permanenza in carica di Presidi e Rettori (max 6/8 anni) 5) Rafforzare la leadership istituzionale (attraverso attività di formazione per docenti interessati ad assumere incarichi direttivi) e la funzione gestionale (ponendo attenzione alla professionalizzazione di coloro cui competono responsabilità finanziarie, tecniche, amministrative) 3

4 GLI ATTORI DEL PROCESSO DECISIONALE Fonte: Un patto virtuoso tra Università e Istituzioni: autonomia e responsabilità, governance, valutazione, reclutamento Seminario del 24/3/09 Il punto critico nel disegno degli organi di governo riguarda i meccanismi di efficace composizione dei due principi ispiratori della autonomia e della responsabilità; questa richiede visibilità e identificabilità degli organi responsabili del governo dell ateneo e rendicontabilità delle decisioni; a sua volta tale rendicontabilità richiede programmi definiti e verificabili così come criteri di valutazione puntuali. Connesso ad un maggiore decentramento dei processi decisionali, cui deve corrispondere un rafforzamento delle responsabilità, deve operare un meccanismo di virtuosa competizione interna per le risorse fondato sulla valutazione della qualità (modello di finanziamento su base valutativa ex Legge 1/2009 nuova Agenzia di valutazione). Occorre disegnare il governo in modo da dare un ruolo appropriato a tutti i portatori di interesse (anche esterni), facendoli convergere sul miglioramento dell efficienza e della produzione di conoscenza e professionalità. Obiettivo prioritario, per superare l attuale assetto (che privilegia la collegialità a scapito dell efficacia decisionale) è stabilire una limpida suddivisione di compiti fra i vari organi e far sì che a tutti i livelli le responsabilità gestionali siano attribuite sulla base di specifiche competenze. 4

5 GLI ATTORI DEL PROCESSO DECISIONALE (i punti qualificanti del nuovo disegno di legge) Valorizzazione del ruolo del Rettore; nomina i membri del CA; due mandati per 8 anni Consiglio di Amministrazione: funzioni di programmazione strategica e alta amministrazione; poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione che lo statuto non assegna al Rettore; composizione ristretta (9 membri), in prevalenza soggetti esterni all Università, con competenze ed esperienze professionali di alto livello; incompatibilità con altre cariche; 4 anni Senato Accademico: garante della libertà accademica e dei diritti dei membri della comunità accademica; linee strategiche generali su didattica e ricerca; vigilanza sull operato del Rettore e del CA; composizione ampia e rappresentativa Possibilità di costituire organismi di collegamento con la comunità locale e nazionale Rafforzamento del ruolo dei Nuclei di Valutazione, composti in prevalenza da membri esterni a garanzia della terzietà ed indipendenza di giudizio; rapporti NV - Anvur Una ottimale dialettica tra gli organi centrali e le strutture primarie deve garantire che queste, più vicine alla gestione della didattica e della ricerca, possano funzionare con ampi margini di autonomia, restando ai primi le responsabilità sulle strategie generali e sulla loro sostenibilità finanziaria. Dipartimenti: responsabilità unitaria della ricerca e della didattica; coerenza della dimensione tematica e disciplinare (inclusione di una pluralità di SSD affini); organizzazione interna di corsi di studio commissioni didattiche Facoltà: aggregazione di dipartimenti in aree omogenee di ampie dimensioni; coordinamento delle attività didattiche 5

6 ORGANI COLLEGIALI: DEFINIZIONE Gli organi, intesi come soggetti cui compete la titolarità formale di un attività giuridicamente qualificata che rappresenta un estrinsecazione di potere, si definiscono collegiali quando l esercizio della funzione è demandato ad un collegio ovvero ad una pluralità di persone dotate di pari potere, le quali, formando un unità, debbono provvedervi in seduta comune e attraverso una unitaria deliberazione. 6

7 Segue ORGANI COLLEGIALI: DEFINIZIONE Le norme statutarie prevedono quali Organi collegiali centrali con funzioni deliberative, il Senato Accademico, il Consiglio di Amministrazione, la Giunta di Ateneo, il Collegio dei Direttori di Dipartimento, il Consiglio Studentesco. Ad essi si affiancano Collegi con competenze istruttorie, consultive, propositive (Commissioni permanenti con funzioni istruttorie). L organizzazione interna delle Strutture periferiche (Facoltà, Dipartimenti, Poli scientifico didattici) si articola nei Consigli di Facoltà, di Dipartimento, di Polo, ed in organi istruttori quali i Consigli di Presidenza, le Commissioni didattiche di Facoltà, i Consigli di Corso di Studio, la Giunta di Dipartimento. Le linee di indirizzo di carattere generale di seguito illustrate, tratte dall evoluzione dottrinale e giurisprudenziale in materia, sono applicabili a tutte le tipologie di organi collegiali sopra individuate. 7

8 COME SI FORMANO LE DECISIONI QUORUM STRUTTURALE per la validità della seduta (numero minimo di partecipanti alla seduta): almeno metà più uno dei componenti del collegio, dedotti gli assenti giustificati. Se manca il quorum strutturale, la seduta non può avere luogo per la mancanza della titolarità dei poteri del collegio. QUORUM FUNZIONALE per la validità dell espressione della volontà deliberativa (numero minimo di voti favorevoli per l adozione della decisione): almeno metà più uno dei partecipanti alla votazione (maggioranza semplice); nei casi di deliberazioni da assumere a maggioranza assoluta (es. per l approvazione di regolamenti), occorre il voto favorevole della metà più uno dei componenti del collegio (senza dedurre gli assenti giustificati). 8

9 Segue COME SI FORMANO LE DECISIONI FACCIAMO UN ESEMPIO Esempio: n. componenti del collegio 26; n. componenti presenti alla seduta 20; n. assenti giustificati 2 Quorum strutturale 13 Quorum funzionale Maggioranza semplice 11 Quorum funzionale Maggioranza assoluta 14 Fanno eccezione i collegi perfetti (es. commissioni di gara d appalto) in cui la legge o la stessa natura dei poteri esercitati rendono necessaria la presenza di tutti i componenti; è quindi richiesta la partecipazione all assemblea e alle votazioni di tutti i membri del collegio. Fanno eccezione i casi nei quali le delibere devono essere assunte in una composizione ristretta, specificamente prevista: Art 18 comma 3 Statuto: Le modalità di copertura dei posti di ruolo docente e ricercatore, le chiamate, e le altre questioni attinenti alle persone dei docenti di I e II fascia e dei ricercatori sono deliberate dal CdF nella composizione limitata alla fascia corrispondente e a quelle superiori. 9

10 VERBALE: NATURA Poiché l esistenza degli atti degli organi collegiali non coincide temporalmente con il momento della loro (successiva) formalizzazione, nasce l esigenza di avere memoria certa di ciò che è accaduto durante la seduta, esigenza cui assolve la funzione di verbalizzazione. Il verbale è il documento preordinato alla descrizione di atti e fatti, giuridicamente rilevanti, compiuti alla presenza di un soggetto verbalizzante incaricato di tale compito, al fine di garantirne la certezza e documentarne l esistenza. Viene redatto per iscritto per dare conto di come gli organi collegiali sono giunti ad assumere determinate decisioni, del loro contenuto, dell esposizione dei fatti giuridicamente rilevanti, delle dichiarazioni rese dai singoli partecipanti. 10

11 VERBALE: FUNZIONE Funzione del verbale è la fedele rappresentazione di atti o fatti cui il pubblico ufficiale abbia assistito, diretta a costituire documentazione probante fino a querela di falso (art c.c.): della provenienza da colui che lo ha materialmente formato; dell esistenza degli atti o fatti in esso attestati, così come si sono svolti in presenza dell autore del verbale o come da questi conosciuti per effetto delle dichiarazioni acquisite (non anche della loro veridicità); della sequenza in cui i fatti si sono verificati Ulteriore funzione è quella di consentire agli organi giurisdizionali il controllo sul corretto svolgimento del procedimento collegiale e sulle determinazioni amministrative adottate, anche da parte dei privati tramite il diritto di accesso. Dalla funzione stessa di documentazione cui assolve, si desumono i caratteri propri del verbale che deve essere la rappresentazione vera della seduta e la riproduzione esatta ed inequivoca di quanto avvenuto durante il suo svolgimento. 11

12 VERBALE: REQUISITI DI STRUTTURA ELEMENTI COSTITUTIVI DEL VERBALE: SOGGETTO OGGETTO FORMA SOTTOSCRIZIONE 12

13 IL SOGGETTO VERBALIZZANTE La funzione di redigere il verbale è demandata al Segretario, che deve avere un titolo specifico di investitura formale in tal senso, vale a dire deve esserci una situazione legittimante l esercizio della relativa funzione; può essere un membro estraneo o un componente del collegio stesso. Spetta comunque al Presidente del collegio il compito di sorvegliare e disciplinare l attività di verbalizzazione. 13

14 Segue: IL SOGGETTO VERBALIZZANTE E importante che il Segretario sia in una situazione di assoluta imparzialità rispetto agli interessi connessi alla funzione. I vizi della delibera o della seduta non necessariamente influiscono sul verbale, che sarà valido nonostante l invalidità della delibera. Il verbalizzante non è il garante della legittimità dello svolgimento della seduta e dell assunzione delle relative determinazioni. E necessario che il verbalizzante dia conto delle eventuali irregolarità o illegittimità riscontrate, e, ove dovesse rilevare ipotesi penalmente rilevanti, ha l obbligo di rapporto al magistrato penale Devono ritenersi estensibili ai segretari dei collegi amministrativi le disposizioni sulle incompatibilità previste per i componenti dei collegi medesimi; tuttavia la giurisprudenza ha chiarito che il segretario di una commissione di concorso non partecipa alla fase formativa e di espressione di giudizio, se non al fine di darne atto a verbale; pertanto, la sua presenza, ove richiesta dalla normativa, non si traduce in una continua ed ininterrotta contiguità fisica con i commissari, essendo sufficiente che egli garantisca il regolare svolgimento delle procedure. 14

15 OGGETTO DEL VERBALE Oggetto specifico della verbalizzazione è la sequenza dei fatti cui il verbalizzante assiste, fra i quali: la presenza dei soggetti partecipanti le opinioni e i giudizi espressi dai singoli partecipanti i voti manifestati 15

16 Segue OGGETTO DEL VERBALE Elementi indefettibili della verbalizzazione sono: l indicazione nominativa dei componenti presenti/assenti giustificati/assenti; l indicazione di chi presiede e di chi svolge le funzioni di segretario; le modalità di voto palese o segreto; l espressione del voto, il risultato del voto (dando atto nominativamente dei favorevoli, astenuti, contrari) l indicazione dell organo e il tipo di adunanza l inizio e la fine delle operazioni il luogo e la data gli argomenti all odg la sospensione dei lavori e la loro ripresa l eventuale scioglimento della seduta; le eventuali espulsioni di singoli componenti la firma del Presidente e del Segretario 16

17 LA FORMA La verbalizzazione, anche se attuata con fogli manoscritti o con strumenti tecnologici, dovendo rispondere alle descritte esigenze di certezza e conservazione nel tempo, deve sempre potersi tradurre in un documento cartaceo; solo il documento scritto ha funzioni di verbale, dovendosi attribuire ad altri strumenti eventualmente in uso mero valore di ausilio ai fini della verbalizzazione e non di sostituzione della stessa (es. registrazione audio/video della sedute). 17

18 LA SOTTOSCRIZIONE Il verbale assume carattere di atto compiutamente formato con la sottoscrizione congiunta di colui che lo redige come segretario verbalizzante e del Presidente, mentre la mancata sottoscrizione dei componenti del collegio non è causa di illegittimità. In caso di eventuale rifiuto di apporre la sottoscrizione da parte del presidente o del segretario, chi sottoscrive darà atto del rifiuto e delle relative ragioni, ferma restando la validità dell atto. La sottoscrizione è da intendersi come firma autografa del pubblico ufficiale in calce all atto; la sottoscrizione a margine di ogni foglio garantisce la consequenzialità della stesura dell'atto nelle sue varie parti e componenti. 18

19 Segue LA SOTTOSCRIZIONE Il verbale diviene atto pubblico quando, nell ordine, le formalità della - redazione - lettura - approvazione - sottoscrizione sono state completate. Da tale momento è impossibile offrire con altro mezzo, che non sia la querela di falso, la prova della non veridicità di quanto verbalizzato. Per quanto riguarda i fatti su cui il verbale tace o che sono espressi in forma che può dare adito a dubbi e incompletezze, la fidefacenza si estenderà solo ai fatti o determinazioni che trovano, in tutto o in parte, rispondenza certa nel contenuto del verbale. La dimostrazione di tali fatti o determinazioni potrà invece essere data con gli ordinari mezzi di prova, comprese le presunzioni. 19

20 CONVOCAZIONE E ORDINE DEL GIORNO La convocazione è l invito formale rivolto ai componenti, mediante apposita comunicazione, a riunirsi in un certo luogo e in una certa data, a cura del Presidente. Essa contiene l ordine del giorno cioè gli argomenti da trattare, che devono essere indicati chiaramente, non essendo ammesso l utilizzo di formule generiche né la possibilità di dedurre implicitamente da un argomento previsto una questione diversa. 20

21 Segue CONVOCAZIONE E ORDINE DEL GIORNO Nel caso in cui vi sia un vizio attinente alla convocazione, quest ultimo non produce di per sè effetti invalidanti sulla delibera (salvo richiesta di annullamento), se non nei casi di collegi reali o perfetti. FUNZIONE DELL ORDINE DEL GIORNO: è quella di consentire, con congruo anticipo, ai componenti di disporre di ogni utile elemento di giudizio in ordine alla partecipazione alla seduta ed al merito delle questioni da trattare. Non è pertanto consentito, in linea di principio, deliberare su questioni non contemplate all ODG, salvo nel caso in cui l organo si esprima favorevolmente in forma unanime. Una sola assenza o dissenso incidono notevolmente sulla validità della delibera, poiché l assente o il dissenziente potrà sostenere che avrebbe avuto argomenti per indurre il collegio a deliberare in un modo diverso. 21

22 TECNICHE DI REDAZIONE DEL VERBALE Parlare oscuramente lo sa fare ognuno, ma chiaro pochissimi Galileo Galilei Le variabili della comprensibilità il difettoso impianto logico concettuale abuso di riferimenti impliciti la terminologia tecnica Leggibilità e chiarezza vanno rapportate al contenuto della comunicazione e al pubblico di riferimento, tenendo conto delle seguenti indicazioni: scegliere le parole del linguaggio comune preferire parole e frasi brevi limitare il ricorso alle sigle ridurre i termini tecnico specialistici evitare parole straniere ricorrere quando necessario a note esplicative privilegiare la coordinazione rispetto alla subordinazione limitare l uso della costruzione impersonale usare, se possibile, la forma attiva 22

23 LE 3 S: SENTIRE, SCRIVERE E SINTETIZZARE SENTIRE: ascoltare attentamente senza distrarsi e senza mai perdere il filo. E importante la collocazione fisica dell operatore o la strumentazione tecnica a sua disposizione. In genere è preferibile essere presenti nella stessa sala dove si svolge il dibattito, anche al fine di individuare facilmente eventuali interruzioni o momenti non rituali oppure di chiedere ragguagli su nomi o concetti percepiti (al termine dell intervento dell operatore) SCRIVERE: appuntare non parola per parola, ma in forma sintetica solo i concetti da rielaborare, seguendo i seguenti criteri: Selezionare gli argomenti più importanti: titolo dell argomento oppure frasi significativamente compiute Scrivere espressioni e frasi che danno il senso del concetto esposto; Usare formule dispositive: propone, rifiuta, contesta, approva e così via Usare sinonimi ed evitare ripetizioni 23

24 Segue LE 3 S: SENTIRE, SCRIVERE E SINTETIZZARE SINTETIZZARE: nella fase finale si passa alla elaborazione degli appunti redatti: periodi tendenzialmente brevi concetti accorpati uso attento della punteggiatura in caso di incertezze su concetti e/o posizioni di parte è meglio omettere del tutto piuttosto che scrivere un concetto a rischio di travisamento. Se non è possibile per la rilevanza della questione, sfumare con espressioni di tipo neutro lo stile del resoconto sommario esige la terza persona singolare, depurando il testo da ripetizioni e dal fluire del linguaggio parlato è opportuno altresì cercare di presentare il testo scritto (la cosiddetta confezione del resoconto) con una veste grafica stimolante e di facile lettura 1) Durante la seduta si verificano fatti, si producono dichiarazioni, si adottano atti 2) Il verbalizzante (nella fase di scrittura e di sintesi) ha una propria percezione della realtà e ne dà una propria interpretazione 3) La successiva verbalizzazione dei fatti/atti/dichiarazioni può essere influenzata da tale percezione 24

25 TECNICHE DI REDAZIONE DEL VERBALE La determinazione di volontà dell organo (delibera) e la sua verbalizzazione costituiscono elementi inscindibili del provvedimento. Il verbalizzante potrà seguire un criterio di sintesi e non analitico, con la precisazione che il limite della sinteticità ammissibile sarà individuato caso per caso nel tipo di atti posti in essere, nei loro effetti, e sulla base del nesso eventualmente esistente fra gli interventi dei componenti e la decisione finale assunta, in modo che il provvedimento sia più rispondente possibile alla reale volontà del collegio. Il contenuto dell attività di sintesi degli interventi, operata dal verbalizzante, non costituisce prova privilegiata fino a querela di falso, ma potrà essere contestato con altri mezzi probatori. 25

26 Segue TECNICHE DI REDAZIONE DEL VERBALE L attività di resocontazione si può svolgere secondo due diverse modalità: Resocontazione integrale (riproduzione parola per parola degli interventi dei partecipanti) Resocontazione sommaria (riproduzione sintetica del contenuto degli interventi) Le opinioni e i giudizi espressi dai partecipanti possono essere riportati a verbale anche in forma sintetica e riassuntiva o possono essere omessi (senza che ciò incida sulla validità del verbale). Rimane fermo il diritto al rilascio di interventi scritti. COSA NON VA A VERBALE La minuta descrizione di tutte le particolarità che possono verificarsi durante la seduta, specie se non vi è alcun nesso con le deliberazioni da adottare (ad esempio le brevi uscite dal luogo della seduta di alcuni componenti, a meno che non sia fatta constare dagli stessi interessati una specifica volontà in tal senso, le frasi ingiuriose) 26

27 Segue TECNICHE DI REDAZIONE DEL VERBALE Si distingue: una prima fase di redazione del verbale mediante stesura degli appunti presi nella contestualità della seduta una successiva fase di redazione formalizzata del verbale stesso. Gli appunti, che saranno utilizzati per la compilazione del verbale, hanno il valore di atto preparatorio del verbale stesso; essi, proprio in quanto contestuali e provenienti dal pubblico ufficiale incaricato, costituiscono la memoria più immediata e fedele, anche se provvisoria, degli atti e fatti oggetto di verbalizzazione, e possono essere considerati già atto pubblico (anche ai fini penalistici). Costituendo una prima forma di verbale con effetti pubblicistici temporalmente limitati, perdono valore dopo che sono stati trasfusi e recepiti nel verbale stesso. 27

28 TEMPO DI REDAZIONE DEL VERBALE Occorre distinguere la redazione del verbale delle operazioni svolte durante la seduta dall adozione della delibera collegiale, la quale, già adottata all atto della proclamazione del voto, potrà essere trasmessa tempestivamente agli Uffici competenti anche in previsione dell esercizio della funzione di controllo. Gli atti degli organi collegiali si perfezionano con una esternazione che avviene attraverso il ricorso a forme diverse da quella scritta (a seguito della votazione e della proclamazione dei relativi risultati). La forma scritta non è quindi la forma tipica degli atti degli organi collegiali; l atto è adottato, esiste ed è valido indipendentemente da un requisito di forma. La forma si pone come requisito di mera documentazione. Sottoscrizione del verbale Fase decisoria di adozione dell atto Verbalizzazione della seduta Approvazione del verbale Esistenza e validità 1) Minute e appunti 2) Redazione formale delle delibere + dibattiti Efficacia; certezza legale; garanzia di tutela giurisdizionale; memoria storica 28

29 APPROVAZIONE DEL VERBALE L approvazione del verbale da parte dei componenti dell organo ha la funzione non di atto di controllo idoneo a far produrre effetti all atto soggetto ad approvazione ma di mera verifica (una sorta di presa d atto) della corrispondenza di quanto documentato con ciò che effettivamente è accaduto nel corso della seduta e con gli interventi e i voti espressi dai componenti; non incide sull immediata esecutività delle deliberazioni. I membri dell organo hanno la possibilità di far apportare eventuali modifiche o integrazioni ai loro interventi in quanto fedeli e corrispondenti a quanto da ciascuno espresso in adunanza, senza che ciò abbia alcuna incidenza sul contenuto delle delibere adottate. In presenza di un approvazione a maggioranza e non all unanimità del verbale di una seduta precedente, il soggetto dissenziente (che cioè esprime voto di astensione o contrario) ha solo la facoltà di far constare a verbale le ragioni del suo dissenso. 29

30 Segue APPROVAZIONE DEL VERBALE In ogni caso, a seguito di obiezioni o contestazioni mosse in sede di approvazione, non si modifica il verbale precedentemente già formato dal segretario, ma si dà solo atto delle obiezioni/contestazioni nel verbale della seduta (successiva). L approvazione del verbale può avvenire, talvolta, seduta stante, ad esempio su esplicita richiesta motivata da ragioni di urgenza. Data l irripetibilità del procedimento di verbalizzazione, non è ammissibile dopo l approvazione integrare il verbale, con dichiarazioni successive, rese dai componenti o da soggetti terzi. 30

31 I DIRITTI DEI COMPONENTI DELL ORGANO Avere la disponibilità degli argomenti all odg e dei testi su cui deliberare con congruo anticipo rispetto alla riunione Far inserire una dichiarazione scritta a verbale Nei casi di voto palese, far constare il proprio voto: da qui l esigenza di rappresentare la provenienza nominativa del voto e non limitarsi a dare atto del suo esito numerico 31

32 Segue I DIRITTI DEI COMPONENTI DELL ORGANO Far apportare rettifiche ai loro interventi in sede di approvazione del verbale Chiedere l annullamento della delibera, purché facciano valere pretese al regolare svolgimento dell ufficio e denuncino vizi procedimentali (es. irrituale convocazione, violazione odg, difetto di costituzione del collegio) Ricorrere, per motivi attinenti al contenuto delle delibere, solo qualora vengano lesi direttamente nei loro interessi sostanziali; diversamente il componente non ha interesse a ricorrere, (il soggetto esterno, su cui la delibera incide, può chiederne l annullamento solo qualora abbia un interesse attuale e concreto). Essendo il collegio un unità, i giudizi individuali espressi dai componenti vengono, di fatto, assorbiti dalla valutazione operata collegialmente al momento della decisione, assunta all unanimità o a maggioranza. 32

33 Segue I DIRITTI DEI COMPONENTI DELL ORGANO MANIFESTAZIONI DI VOTO FAVOREVOLE: la somma dei voti favorevoli, esclusi i voti contrari e astenuti, determina, in caso di raggiungimento della maggioranza, la formazione della volontà collegiale e quindi l assunzione della delibera. CONTRARIO: è opportuno, ma non obbligatorio motivare il voto contrario. Nell ipotesi che la delibera adottata causi un danno, il voto contrario motivato più facilmente determinerà esenzione da ogni eventuale responsabilità ad essa connessa. ASTENSIONE: è opportuno, ma non obbligatorio motivare il voto di astensione. Ad esso si dà, ai fini del computo del quorum funzionale, la connotazione di voto contrario; qualora l astenuto non voglia dare tale connotazione al proprio voto di astensione, dovrà allontanarsi dall aula. Il voto di astensione espresso in aula non esime di per sé da responsabilità poiché il componente, rimanendo presente, al momento del voto, fa sì che il quorum necessario per la delibera non si abbassi. ALLONTANAMENTO FISICO DALLA SEDUTA: produce l effetto di abbassare il quorum necessario per la delibera e determina l esenzione da ogni eventuale responsabilità ad essa connessa. 33

34 INCOMPATIBILITA E CONFLITTO DI INTERESSI Il soggetto membro del collegio che si trovi in una posizione di incompatibilità o conflitto di interessi (integra tale situazione la presenza di interessi economici rilevanti in concreto anche se non formalizzati nè stabili o continuativi) non ha solo l obbligo di astenersi dalla votazione, ma anche quello di allontanarsi fisicamente dalla seduta. La mera presenza potrebbe infatti condizionare gli altri membri del collegio nella loro espressione di voto. Tale soggetto ha altresì l obbligo di portare a conoscenza degli altri membri le ragioni che ne giustificano l incompatibilità. La delibera assunta in violazione di tale regola sarà in ogni caso viziata e come tale invalida, a prescindere da qualunque prova di resistenza. 34

35 Segue INCOMPATIBILITA E CONFLITTO DI INTERESSI Il principio costituzionale che garantisce il corretto esercizio di poteri pubblici e che impone l obbligo di astensione non può soffrire limiti in forza di elementi estranei, quali la natura e la stabilità dei rapporti tra il soggetto che esercita funzioni pubbliche e il destinatario dell azione amministrativa. A tutela del processo di regolare formazione della volontà del collegio, nessun soggetto estraneo potrà partecipare in seduta alla fase decisionale, poiché tale partecipazione, secondo l orientamento della giurisprudenza, potrebbe influenzare (con la stessa presenza, con l atteggiamento o nel caso in cui si effettui un intervento attivo nella discussione preliminare al voto) la volontà del collegio e gli atti deliberativi; si è sostenuto che la composizione dell organo alterata dalla presenza di un soggetto non legittimato evidenzia un vizio funzionale dell attività svolta e quindi della delibera. 35

36 ANOMALIE DEL VERBALE SI DISTINGUE FRA Semplici irregolarità che non incidono sul contenuto dell atto collegiale e sono sanabili con la correzione di errori materiali o con la rinnovazione di alcune attività Es. mancata indicazione nel preambolo del verbale di un componente che invece ha preso parte alla seduta essendo intervenuto nel dibattito; errato calcolo numerico dei presenti e dei votanti purchè l errore sia irrilevante ai fini della approvazione a maggioranza della decisione. La rettifica È possibile, all esito di un riesame, anche senza obbligo di motivazione, eliminare e correggere un mero errore materiale nel verbale, laddove detto errore appaia evidente e non si tratti di innovare il contenuto degli atti documentati o introdurre elementi diversi da quelli originari. L atto di rettifica entro questi limiti non lede alcun interesse, poiché si limita a riportare il provvedimento rettificato nell ambito di quanto realmente voluto dall amministrazione; perciò esso non è impugnabile in sede giurisdizionale. 36

37 Segue ANOMALIE DEL VERBALE Vizi sostanziali di legittimità del verbale, con effetto invalidante sull atto collegiale Es. vizi attinenti al soggetto verbalizzante, all oggetto della verbalizzazione, alla forma, alla sottoscrizione, al tempo della redazione Vizi procedimentali Es. vizi attinenti alla irregolarità della convocazione Il vizio procedimentale non ha effetto sulla validità della delibera qualora si dimostri che il suo contenuto sarebbe comunque stato lo stesso (Prova di resistenza); Salvo due casi: 1) il componente presente ha espresso il proprio voto mentre avrebbe dovuto allontanarsi dall aula o astenersi perché in situazione di incompatibilità; 2) al collegio partecipa un soggetto esterno, influenzando il processo di regolare formazione della volontà del collegio 37

IL PROCESSO DECISIONALE DEGLI ORGANI COLLEGIALI

IL PROCESSO DECISIONALE DEGLI ORGANI COLLEGIALI IL PROCESSO DECISIONALE DEGLI ORGANI COLLEGIALI Principi generali sul funzionamento e la formazione della volontà degli Organi collegiali dell Ateneo e delle sue Strutture Area Affari Generali Settore

Dettagli

Stesura dei verbali Cosa è il verbale?

Stesura dei verbali Cosa è il verbale? Definizione del verbale documento descrittivo di atti o fatti compiuti alla presenza di un soggetto verbalizzante appositamente incaricato Natura giuridica atto di tipo certificativo non è un provvedimento

Dettagli

C O M U N E D I CASTEL SANT ANGELO

C O M U N E D I CASTEL SANT ANGELO Approvato con deliberazione di C.C. n 19 del 29/06/2010 C O M U N E D I CASTEL SANT ANGELO P R O V I N C I A D I R I E T I REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI 2 INDICE TITOLO I Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO COMUNALE SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO COMUNALE SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO COMUNALE SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO Approvato con Delibera C.C. n. 8 del 03/02/2014 1 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI INDICE Art. 1 Ambito di applicazione pag. 3 Art. 2 Principi generali

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA IL RETTORE VISTA VISTI VISTO VISTO la Legge 9 maggio 1989, n.168, Istituzione del Ministero dell Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica ; i Decreti del Ministro dell Istruzione dell Università

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO SULL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO SULL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI (Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione di Agrorinasce scrl Agenzia per l innovazione, lo sviluppo e la sicurezza del

Dettagli

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL'ALBO PRETORIO INFORMATICO Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale n. 3 del 20/01/2011 Pagina 1 di 1 Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. In ossequio ai principi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA IN MATERIA DI GESTIONE DELL ALBO - PUBBLICITA LEGALE

REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA IN MATERIA DI GESTIONE DELL ALBO - PUBBLICITA LEGALE REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA IN MATERIA DI GESTIONE DELL ALBO - PUBBLICITA LEGALE Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto del 5 Novembre 2013 Il presente regolamento entra in vigore il

Dettagli

COMUNE DI GRADARA Provincia di Pesaro e Urbino R E G O L A M E N T O. Stralcio al Regolamento di Organizzazione degli Uffici e dei Servizi

COMUNE DI GRADARA Provincia di Pesaro e Urbino R E G O L A M E N T O. Stralcio al Regolamento di Organizzazione degli Uffici e dei Servizi COMUNE DI GRADARA Provincia di Pesaro e Urbino R E G O L A M E N T O PER LA GESTIONE DELLE PROCEDURE D I PUBBLICAZIONE ALL ALBO PRETORIO ON-LINE Stralcio al Regolamento di Organizzazione degli Uffici e

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI (approvato dal C.D.A. con Delibera n 139 in seduta del 25/6/1998, modificato con Delibera n 87 in

Dettagli

La riforma forense: Il tirocinio professionale

La riforma forense: Il tirocinio professionale La riforma forense: Il tirocinio professionale A cura di Francesco Zigrino Premessa In data 2 febbraio 2013 è entrata ufficialmente in vigore la tanto attesa Legge 31 dicembre 2012 n. 247 rubricata: Nuova

Dettagli

REGOLAMENTO PROCEDURE DI PUBBLICAZIONE DEI DATI NEL SITO WEB ISTITUZIONALE

REGOLAMENTO PROCEDURE DI PUBBLICAZIONE DEI DATI NEL SITO WEB ISTITUZIONALE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Istituto Comprensivo Statale "Don Lorenzo Milani" 37066 Sommacampagna (Verona) - Via Bassa n. 6 Tel.

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente DELIBERA N. 146 DEL 2014 IN MATERIA DI ESERCIZIO DEL POTERE DI ORDINE NEL CASO DI MANCATA ADOZIONE DI ATTI O PROVVEDIMENTI RICHIESTI DAL PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE E DAL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE

Dettagli

Regolamento Pubblicazione su Area Pubblicità Legale

Regolamento Pubblicazione su Area Pubblicità Legale Regolamento Pubblicazione su Area Pubblicità Legale Il presente Regolamento disciplina le modalità di pubblicazione sul sito informatico del 1 Circolo Didattico Carmine di Nicosia di atti e provvedimenti

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA IN MATERIA DI LAVORI PUBBLICI E I SERVIZI IN MATERIA

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE PREAMBOLO Il presente Regolamento disciplina l attività del Consiglio dell Ordine Forense di Frosinone nell osservanza delle disposizioni legislative in materia

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO ON LINE (Integrazione al Regolamento di Organizzazione degli uffici e dei servizi)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO ON LINE (Integrazione al Regolamento di Organizzazione degli uffici e dei servizi) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO ON LINE (Integrazione al Regolamento di Organizzazione degli uffici e dei servizi) Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina le competenze,

Dettagli

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti:

L identificazione può essere effettuata in forma indiretta, anche senza la presenza fisica del cliente, nei casi seguenti: Normativa Antiricilaggio: guida pratica UMCI Esaminiamo i vari adempimenti a seconda degli obblighi: a) Identificazione del cliente L identificazione consiste nella verifica dell identità del cliente e

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO INFORMATICO

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO INFORMATICO COMUNE DI ROVIGO REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO INFORMATICO Approvato dalla Giunta Comunale con Deliberazione n. 201 in data 22.12.2011 Entrato in vigore dal 13.01.2012

Dettagli

Regolamento sull accesso e visione degli atti e. sulla trasparenza amministrativa

Regolamento sull accesso e visione degli atti e. sulla trasparenza amministrativa Regolamento sull accesso e visione degli atti e sulla trasparenza amministrativa INDICE Art. 1 Oggetto del regolamento e definizioni Art. 2 Oggetto dell accesso Art. 3 Discipline specifiche - rinvio Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER ACCESSO AGLI ATTI, NOTIZIE E INFORMAZIONI DA PARTE DEI CONSIGLIERI COMUNALI.

REGOLAMENTO PER ACCESSO AGLI ATTI, NOTIZIE E INFORMAZIONI DA PARTE DEI CONSIGLIERI COMUNALI. REGOLAMENTO PER ACCESSO AGLI ATTI, NOTIZIE E INFORMAZIONI DA PARTE DEI CONSIGLIERI COMUNALI. Approvato con delibera di C.C. n. 4 del 08/03/2012 Articolo 1 - Diritto d accesso nozioni e principi Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PROCEDURE DI PUBBLICAZIONE

REGOLAMENTO PROCEDURE DI PUBBLICAZIONE REGOLAMENTO PROCEDURE DI PUBBLICAZIONE Articolo 1:Contesto normativo 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di pubblicazione sul sito informatico dell'istituto Comprensivo di Castellucchio di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMMISSIONI DI GARA

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMMISSIONI DI GARA REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMMISSIONI DI GARA Sede Legale ed Amministrativa: Via Biagio di Montluc 2, 53100 Siena (SI) - Tel 0577 48154 Fax 0577 42449 Capitale Sociale 1.691.800,00 interamente

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING

CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING Procedura per la comunicazione delle operazioni aventi ad oggetto azioni emesse da Bialetti Industrie S.p.A. o altri strumenti finanziari ad esse

Dettagli

Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas

Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas Deliberazione 30 ottobre 2009 - GOP 46/09 Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO ON-LINE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO ON-LINE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO ON-LINE Approvato con deliberazione n. 5 del 15.06.2011 INDICE Art. 1 ) Oggetto del Regolamento Art. 2 ) Istituzione e finalità dell Albo on line Art. 3 ) Finalità

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ORGANISMO DI VIGILANZA PER L ATTUAZIONE DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE GALILEO GALILEI CREMA (CR) Nomina componenti OdV edizione dicembre

Dettagli

REGOLAMENTO ASSEMBLEARE DELLA BANCA POPOLARE FRIULADRIA S.P.A. CAPO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO ASSEMBLEARE DELLA BANCA POPOLARE FRIULADRIA S.P.A. CAPO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO ASSEMBLEARE DELLA BANCA POPOLARE FRIULADRIA S.P.A. CAPO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI Art. 1 Ambito di applicazione 1. Lo svolgimento dell assemblea ordinaria e straordinaria dei soci della Banca

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

Regolamento per le Associazioni studentesche e per le Attività formative autogestite dagli studenti IL RETTORE

Regolamento per le Associazioni studentesche e per le Attività formative autogestite dagli studenti IL RETTORE D. R. Regolamento per le Associazioni studentesche e per le Attività formative autogestite dagli studenti IL RETTORE VISTO lo Statuto di Autonomia dell Università Ca Foscari Venezia; VISTO il Regolamento

Dettagli

1. Che cos è il diritto di accesso agli atti? 2. Qual è il contenuto del diritto di accesso? 3. Chi può esercitare il diritto di accesso?

1. Che cos è il diritto di accesso agli atti? 2. Qual è il contenuto del diritto di accesso? 3. Chi può esercitare il diritto di accesso? 1. Che cos è il diritto di accesso agli atti? L accesso alla documentazione amministrativa costituisce uno degli strumenti di attuazione del principio di trasparenza nell attività della pubblica amministrazione,

Dettagli

Regolamento sull'accesso ai documenti amministrativi

Regolamento sull'accesso ai documenti amministrativi Regolamento sull'accesso ai documenti amministrativi Art. 1 Oggetto, finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Definizioni CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI CAPO II MODALITÀ DI ACCESSO Art. 3 Responsabile del

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA IN MATERIA DI GESTIONE DELL ALBO ON LINE

REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA IN MATERIA DI GESTIONE DELL ALBO ON LINE MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA CIRCOLO DIDATTICO MORBEGNO Via Prati Grassi, 76 23017 MORBEGNO Tel. 0342/610837 Fax 342/600315 C. F. 82001750148 C.M. SOEE01100V E-Mail soee01100v@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO SUI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI E SUL DIRITTO DI ACCESSO. Approvato con Delibera del Consiglio Direttivo n. del

REGOLAMENTO SUI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI E SUL DIRITTO DI ACCESSO. Approvato con Delibera del Consiglio Direttivo n. del REGOLAMENTO SUI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI E SUL DIRITTO DI ACCESSO Approvato con Delibera del Consiglio Direttivo n. del SERVIZIO SEGRETERIA E AFFARI GENERALI Dicembre 2009 TITOLO I DISPOSIZIONI SULL

Dettagli

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE

STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE STATUTO DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA ITALIAN UNIVERSITY LINE 1 ITALIAN UNIVERSITY LINE...1 CAPO I...3 Disposizioni generali...3 Art. 1 - Istituzione...3 Art. 2 - Natura giuridica e fonti normative...3 Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA FEMMINILE DEL COMUNE DI SOLARINO

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA FEMMINILE DEL COMUNE DI SOLARINO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA FEMMINILE DEL COMUNE DI SOLARINO Art. 1 - Istituzione della Consulta Ai sensi dell art. 80 dello Statuto Comunale e deliberazione del C.C. n 55 del 13/11/2008

Dettagli

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 34 dd. 05.06.2013 Indice Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi generali

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI. ai sensi della legge 241/1990, del D.P.R. n. 184/2006. e del D.Lgs.

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI. ai sensi della legge 241/1990, del D.P.R. n. 184/2006. e del D.Lgs. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Via F. Borromeo Primaria- Secondaria I Grado ROMA Via F. Borromeo 53/57

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA IN MATERIA DI GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA IN MATERIA DI GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA IN MATERIA DI GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto del 27/01/2012 Il presente regolamento entra in vigore il 28/01/2012

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA IN MATERIA DI GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA IN MATERIA DI GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO G. GAVAZZENI Via Combattenti e Reduci n. 70 TALAMONA (Sondrio) Tel. e Fax 0342/670755 - e.mail: soic814008@istruzione.it

Dettagli

Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Lavis

Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Lavis Comune di PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTI COMUNALI Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 13

Dettagli

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO A TEMPO DETERMINATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ CONNESSE A PROGRAMMI DI RICERCA E PER L ATTIVAZIONE DI INFRASTRUTTURE TECNICHE COMPLESSE

Dettagli

ORGANISMO DI VIGILANZA

ORGANISMO DI VIGILANZA ALLEGATO 3 ORGANISMO DI VIGILANZA 12 1. Il decreto 231/01 e l istituzione dell OdV Come noto il Decreto 231/01 ha introdotto una nuova forma di responsabilità delle persone giuridiche per alcuni tipi di

Dettagli

ALBO PRETORIO REGOLAMENTO E PROCEDURE DI PUBBLICAZIONE

ALBO PRETORIO REGOLAMENTO E PROCEDURE DI PUBBLICAZIONE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DON MILANI Via Solferino, 45 25038 Rovato (Bs) Tel: 030 7721457 C.F. 80051780171 email: bsic843007@istruzione.it bsic843007@pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO PSICOLOGI ELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Diritto di accesso ai documenti amministrativi

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO PSICOLOGI ELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Diritto di accesso ai documenti amministrativi REGOLAMENTO IN MATERIA DI ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI DEL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI PSICOLOGI ELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA (in vigore dal 08/10/2011) Visto il capo V della

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICHE, CHIRURGICHE E TECNOLOGIE AVANZATE G.F. INGRASSIA. (art. 15, comma 12, dello Statuto di Ateneo)

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICHE, CHIRURGICHE E TECNOLOGIE AVANZATE G.F. INGRASSIA. (art. 15, comma 12, dello Statuto di Ateneo) REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICHE, CHIRURGICHE E TECNOLOGIE AVANZATE G.F. INGRASSIA (art. 15, comma 12, dello Statuto di Ateneo) Art. 1 Oggetto, denominazione e sede Il presente regolamento

Dettagli

ALBO PRETORIO ON-LINE REGOLAMENTO

ALBO PRETORIO ON-LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON-LINE REGOLAMENTO Albo Pretorio on-line L art. 32 della Legge n. 69 del 18 giugno 2009 così come modificato dal D.L. 30.12.2009 n. 194 art. 2, c. 5, stabilisce il termine del 1 gennaio

Dettagli

COMUNE DI ROBASSOMERO

COMUNE DI ROBASSOMERO COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.it REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 12/05/2009) Sommario Art. 1.

Dettagli

REGOLAMENTO per l'esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi

REGOLAMENTO per l'esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi REGOLAMENTO per l'esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi Art. 1 Oggetto, finalità e principi 1. II presente regolamento disciplina il diritto di accesso a documenti formati o stabilmente

Dettagli

Corso di Amministratore di condominio. L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili

Corso di Amministratore di condominio. L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili Corso di Amministratore di condominio L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili 1 Assemblea E la sede deliberativa del condominio Attribuzioni dell assemblea (art. 1135 c.c.)

Dettagli

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE DELIBERAZIONE del 30 novembre 2006 COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Regolamento recante le procedure relative agli adeguamenti delle forme pensionistiche complementari al decreto legislativo

Dettagli

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Ambito dell'accesso REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA (G.U.R.S. n. 28 del 20/06/2008)

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE

IL CONSIGLIO REGIONALE 16 LEGGE REGIONALE 18 dicembre 2007, n. 39 Norme di attuazione della legge 7 dicembre 2007, n. 383 (Disciplina delle associazioni di promozione sociale). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento di attività

Dettagli

Sommario Il perimetro delle operazioni con parti correlate

Sommario Il perimetro delle operazioni con parti correlate Sommario La Consob ha concluso l iter di approvazione della nuova disciplina sulle operazioni con parti correlate effettuate, direttamente o tramite società controllate, da società che fanno ricorso al

Dettagli

REGOLAMENTO COLLEGIO APPROVATO CON DELIBERA NELLA SEDUTA DEL 12/11/2014

REGOLAMENTO COLLEGIO APPROVATO CON DELIBERA NELLA SEDUTA DEL 12/11/2014 REGOLAMENTO COLLEGIO APPROVATO CON DELIBERA NELLA SEDUTA DEL 12/11/2014 PARTE 1 ART. 1 Composizione e attribuzioni Il collegio docenti è composto dal personale docente a tempo indeterminato e determinato

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina gli interventi diretti alla tutela della privacy in ambito sanitario. Esso si attiene alle disposizioni

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Università degli Studi di Napoli Parthenope Università degli Studi di Napoli Parthenope Pos. A.G Decreto n. 647 IL RETTORE PREMESSO che la definizione delle sedute in modalità telematica, o semplicemente sedute telematiche prevede che le riunioni

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON-LINE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON-LINE e-mail vric857007@istruzione.it PEC vric857007@pec.itruzione.it Sito: www.icnogara.gov.it REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON-LINE Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto n. 6 del

Dettagli

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO?

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? regolazione SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? Raffaele Lener * Gli strumenti finanziari di tipo partecipativo, che il diritto societario ha consentito

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO. (Approvato ed emanato con Decreto Rettorale del 18 agosto 2009, n. 1123)

REGOLAMENTO DIDATTICO. (Approvato ed emanato con Decreto Rettorale del 18 agosto 2009, n. 1123) REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO (Approvato ed emanato con Decreto Rettorale del 18 agosto 2009, n. 1123) Denominazione inglese della

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO - Emanato con DR n. 1347. Art. 1 Oggetto del Regolamento

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO - Emanato con DR n. 1347. Art. 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO - Emanato con DR n. 1347 del 23 luglio 2015, pubblicato in data 27 luglio 2015 sull Albo on line ed entrato in vigore il 28 luglio 2015 Art. 1 Oggetto

Dettagli

Art. 1 (Campo di applicazione)

Art. 1 (Campo di applicazione) Allegato C) alla deliberazione n. 29 del 31.10.2014 Regolamento per la definizione dei criteri per l individuazione, il conferimento, la valutazione e la revoca degli incarichi delle posizioni organizzative

Dettagli

4. La Società di Mutuo Soccorso 4.4 Gli organi sociali 4.4.1 I soci e l'assemblea

4. La Società di Mutuo Soccorso 4.4 Gli organi sociali 4.4.1 I soci e l'assemblea 4. La Società di Mutuo Soccorso 4.4 Gli organi sociali 4.4.1 I soci e l'assemblea In considerazione del particolare scopo per il quale le Società di mutuo soccorso vengono costituite, appare chiaro che

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI. Art. 1 Costituzione - Presidenza

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI. Art. 1 Costituzione - Presidenza Una Società Finmeccanica REGOLAMENTO DEL COMITATO CONTROLLO E RISCHI Art. 1 Costituzione - Presidenza 1. Il Comitato Controllo e Rischi (il Comitato ) è costituito con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Il Garante. Parere n. 12 del 4 novembre 2014. Ufficio Garante dei Diritti

Il Garante. Parere n. 12 del 4 novembre 2014. Ufficio Garante dei Diritti Il Garante Parere n. 12 del 4 novembre 2014 Oggetto: Procedura comparativa per assegnazione di incarico di insegnamento in Omissis giudizio espresso meramente in punteggi - necessità di motivazione assenza

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA IN MATERIA DI GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA IN MATERIA DI GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di I GRADO Via Roma 98061 BROLO (ME) C. F. 94007200838 C.M. MEIC83900A Fax 0941/562689, Tel. 0941/561503 e-mail: MEIC83900A@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991)

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) CAPO I DELLA COSTITUZIONE E DEL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO NAZIONALE ART. 1 Insediamento del Consiglio - Entrata in carica

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA SCOLASTICA

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA SCOLASTICA Pag. 1 di 5 SCUOLA D INFANZIA E PRIMARIA Il presente regolamento fa riferimento al testo Regolamento dell attività scolastica, redatto da CIOFS SCUOLA, aggiornato al 06 settembre 2008, depositato presso

Dettagli

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n del 2013 Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ONLINE

REGOLAMENTO PER LA ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ONLINE REGOLAMENTO PER LA ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ONLINE (ART. 32 L. 69/2009) Adottato con Deliberazione di Consiglio Direttivo n 9 del 07.07.2011 Approvato dal M.A.T.T.M. con nota prot.

Dettagli

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A.

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. 1 Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 1 giugno

Dettagli

Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto Regolamento per la gestione delle procedure di pubblicazione all albo online

Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto Regolamento per la gestione delle procedure di pubblicazione all albo online Raccolta Regolamenti ARPAV n. 35 Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto Regolamento per la gestione delle procedure di pubblicazione all albo online Approvato con deliberazione

Dettagli

PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE ALLEGATO A PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE CAPO I NUCLEO DI VALUTAZIONE ART. 92 - NUCLEO DI VALUTAZIONE

Dettagli

GESTIONE DEI FINANZIAMENTI

GESTIONE DEI FINANZIAMENTI 1 GESTIONE DEI FINANZIAMENTI Documento redatto da: Reparto Funzione Nome Firma Data Organismo di Vigilanza Organismo di Vigilanza Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 13 maggio 2010 2 INDICE

Dettagli

GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate

GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate GRUPPO EDITORIALE L'ESPRESSO S.p.A. Procedura per Ia gestione e Ia comunicazione al pubblico delle informazioni privilegiate aggiornamento gennaio 2013 Indice Pag. 1. Premessa....3 2. Informazioni da fornire

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI F U R O R E (Provincia di Salerno) REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.3 del 10 gennaio 2013. TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto 1.

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

Manuale operativo. per la gestione dell ALBO PRETORIO INFORMATICO

Manuale operativo. per la gestione dell ALBO PRETORIO INFORMATICO COMUNE di MIRANO Provincia di Venezia Manuale operativo per la gestione dell ALBO PRETORIO INFORMATICO Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 264 del 18.12.2014 E integrato dgc n. 2 del 13.1.2015

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUTO IL CONSIGLIO D ISTITUTO

REGOLAMENTO DI ISTITUTO IL CONSIGLIO D ISTITUTO REGOLAMENTO DI ISTITUTO IL CONSIGLIO D ISTITUTO VISTO l art. 10, comma 3, lettera a) del T.U. 16/4/94, n. 297; VISTI gli artt. 8 e 9 del DPR 8/3/99, n. 275; VISTO il D.I. 01/02/2001, n.44; VALUTATA l opportunità

Dettagli

Approvato con delibera A.G. n. 9 del 28/10/2013

Approvato con delibera A.G. n. 9 del 28/10/2013 MODIFICA REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ESERCIZIO DEL CONTROLLO ANALOGO SULLA SOCIETA IN HOUSE PROVIDING. Approvato con delibera A.G. n. 9 del 28/10/2013 Sommario Sommario... 2 Art. 1 - Istituzione del

Dettagli

Regolamento recante la disciplina delle garanzie di trasparenza dell azione amministrativa dell Autorità per l energia elettrica e il gas

Regolamento recante la disciplina delle garanzie di trasparenza dell azione amministrativa dell Autorità per l energia elettrica e il gas Regolamento recante la disciplina delle garanzie di trasparenza dell azione amministrativa dell Autorità per l energia elettrica e il gas Capo I Disposizioni generali Articolo 1 (Definizioni) 1.1 Nel presente

Dettagli

REGOLAMENTO COLLEGIO DOCENTI

REGOLAMENTO COLLEGIO DOCENTI Bozza REGOLAMENTO COLLEGIO DOCENTI Art.1 Composizione Il Collegio è composto da tutti i docenti in servizio a tempo determinato ed indeterminato alla data della riunione e dal Dirigente Scolastico che

Dettagli

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le finalità, l organizzazione e il funzionamento del Corso di studio in Giurisprudenza

Dettagli

Disciplinare di regolamentazione per la pubblicazione dei dati nel sito internet

Disciplinare di regolamentazione per la pubblicazione dei dati nel sito internet ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di TAGLIO DI PO Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria - Scuola Secondaria di Primo Grado Via A. Manzoni, 1-45019 - Taglio di Po - tel.: 0426 660880 fax 0426 346103 Sito Internet:

Dettagli

Allegato A REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA)

Allegato A REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA) Allegato A REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO E AL RIUTILIZZO DEI DATI PUBBLICI (OPEN DATA) REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE, ALLA FACOLTÀ DI ACCESSO TELEMATICO

Dettagli

COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA

COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO INFORMATICO INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 ART. 7 ART. 8 ART. 9 ART. 10 ART. 11 ART.

Dettagli

2 SOGGETTI RILEVANTI E PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AI SOGGETTI RILEVANTI

2 SOGGETTI RILEVANTI E PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AI SOGGETTI RILEVANTI CODICE DI INTERNAL DEALING Procedura relativa all identificazione dei soggetti rilevanti e alla comunicazione delle operazioni da essi effettuate, aventi ad oggetto azioni emesse da Bioera S.p.A. (la Società

Dettagli

Provincia di Frosinone REGOLAMENTO DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE

Provincia di Frosinone REGOLAMENTO DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE Provincia di Frosinone REGOLAMENTO DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE Approvato con deliberazione di G. P. n. 448 del 20.11.2002 ART 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento, nell ambito della normativa

Dettagli

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile CITTÀ DI FOLIGNO Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile Approvato con D.C.C. n. 32 del 24/04/2008 Modificato con D.C.C. n. 9 del 14/04/2011 Art. 1 - Istituzione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI C O M U N E D I S A L T A R A PROVINCIA DI PESARO E URBINO REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Art. 1 Fonti e finalità 1. Il presente Regolamento attua i principi affermati dalla

Dettagli

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE 24 Luglio 2015 1 ARTICOLO 1 PREMESSA 1.1. Conto tenuto delle raccomandazioni contenute nel Codice di Autodisciplina di Borsa Italiana S.p.A.,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT INDICE Titolo I - Premessa... 2 Art. 1 Finalità... 2 Art. 2 Ambito di applicazione... 2 Art. 3 Definizioni... 2 Titolo II Organi del dipartimento e

Dettagli

PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON LA REGIONE CAMPANIA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON LA REGIONE CAMPANIA PREMESSO CHE PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON LA REGIONE CAMPANIA PREMESSO CHE - L art. 19 del decreto legge 24 giungo 2014 n. 90, convertito con modificazioni dalla l. 11 agosto 2014, n. 114, ha ridefinito

Dettagli