Schroders. Economia e Mercati. Outlook macroeconomico e scelte di asset allocation Primo trimestre 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Schroders. Economia e Mercati. Outlook macroeconomico e scelte di asset allocation Primo trimestre 2013"

Transcript

1 Schroders Economia e Mercati Outlook macroeconomico e scelte di asset allocation Primo trimestre 2013

2 Introduzione Il rally dei mercati azionari che è iniziato nel terzo trimestre ha proseguito la sua fase rialzista anche nell ultimo trimestre del 2012, grazie al supporto delle principali Banche Centrali e ad alcuni segnali di stabilità dell economia mondiale. Il mercato nipponico è stato il più performante in previsione delle future politiche di contrasto della deflazione sia da parte del governo, che della BoJ. In ottica futura riteniamo che le Banche Centrali continueranno a immettere ulteriore liquidità sul mercato attraverso programmi di Quantitative Easing in Usa, UK e Giappone. Ci aspettiamo che la Bce acquisti titoli governativi a breve termine dei paesi periferici europei: quest azione comporterà un aumento della fiducia degli investitori verso le attività rischiose e allo stesso tempo ridurrà il rischio politico all interno della zona Euro. Riteniamo che il principale rischio dei mercati possa provenire dagli Usa: nonostante l economia americana abbia raggiunto l accordo riguardante il fiscal cliff, restano ancora presenti i rischi relativi al tetto massimo del debito. Keith Wade, Capo economista, Schroders Indice Asset allocation. View Economica... Mercati azionari View regionali... Mercati obbligazionari View settoriali

3 Asset Allocation View Globale View economica: L economia mondiale probabilmente farà registrare una crescita del 2,4% nel 2012, un risultato inferiore al 2,9% del 2011, a causa della crisi del debito dell Eurozona che ha inciso negativamente sull attività economica globale. Riteniamo che non sarà facile vedere un notevole incremento della crescita nel 2013, a causa delle politiche fiscali restrittive nelle economie avanzate; l unica eccezione potrà essere il Giappone, poiché le autorità metteranno in atto misure di stimolo fiscale. In Usa il congresso ha evitato il fiscal cliff raggiungendo un temporaneo accordo e in Europa la Bce ha incrementato la fiducia degli investitori attraverso le misure straordinarie di politica monetaria. La maggior parte dei nostri scenari per i rischi macroeconomici sono negativi, come ad esempio la possibile rottura dell Euro o il mancato accordo riguardante le misure di austerità fiscale Usa. Tuttavia i nostri due migliori scenari (ripresa dei consumi Usa e risoluzione crisi del debito europeo) sono caratterizzati da una forte crescita accompagnata da una più elevata inflazione. View tassi d interesse: Le politiche monetarie globali resteranno probabilmente accomodanti, con le banche centrali delle principali economie sviluppate che manterranno il costo del denaro su livelli bassi per un periodo prolungato. La Fed si è impegnata a mantenere gli attuali tassi d interesse fino a quando il tasso di disoccupazione non sia sceso sotto la soglia del 6,5%. Allo stesso tempo la BCE, al fine di preservare la moneta unica europea, ha pianificato di comprare titoli governativi periferici europei qualora la situazione per i paesi dell area del Mediterraneo si dovesse complicare. Nei mercati emergenti la situazione è un po più complessa, poiché se da un lato abbiamo la Cina che continua a portare avanti una politica monetaria espansiva, dall altro vi sono paesi che hanno iniziato ad alzare i tassi d interesse, Brasile in primis. Implicazioni per i mercati: 2 Crediamo che i risky asset dovrebbero essere ben supportati nel 2013 sia dalle continue misure straordinarie delle principali banche centrali, che dai bassi rendimenti obbligazionari. Per quanto riguarda il mercato azionario, le valutazioni restano ragionevoli e preferiamo i titoli Usa, grazie alle prospettive di crescita economica nonostante i timori relativi al fiscal cliff. Siamo positivi sull azionario europeo, grazie sia alle valutazioni più interessanti, che alla riduzione dei rischi sull intera regione derivanti dall impegno della Bce a comprare obbligazioni dei paesi periferici europei. Abbiamo portato in sottopeso l azionario UK, poiché

4 riteniamo che vi siano migliori opportunità in altre piazze finanziarie. La nostra view sui mercati emergenti e l area del Pacifico (escluso Giappone) resta pressoché neutrale. Queste economie sono maggiormente esposte ai rischi di downside legati alla crescita globale. Allo stesso tempo però la maggior parte di questi paesi ha la possibilità di stimolare la crescita economica attraverso l adozione di misure monetarie e fiscali espansive. In Giappone il lieve rallentamento ciclico dell economia è stato più che compensato dalle recenti misure di stimolo che hanno innescato un indebolimento delle Yen e un rialzo dei titoli azionari. Per quanto riguarda il mercato dei titoli governativi dei paesi sviluppati continuiamo a restare in sottopeso, poiché i recenti interventi delle Banche Centrali hanno ridotto il rischio geopolitico, rendendo meno interessante il debito sovrano rispetto ad altre classi d investimento. Il nostro principale sottopeso è in Germania, poiché riteniamo che i bassi rendimenti tedeschi saranno messi sotto pressione dopo le ultime misure straordinarie della BCE. Siamo negativi anche sui Treasury Usa. Rimaniamo neutrali sul Giappone e positivi sui Gilt inglesi. Per quanto concerne il debito emergente riteniamo che i recenti flussi d investimento abbiano spinto al rialzo i prezzi e di conseguenza reso meno interessante questa classe d investimento; tuttavia preferiamo detenere debito emergente denominato in Dollari Usa piuttosto che in valuta locale. Restiamo positivi sul credito, grazie all elevata domanda d income da parte degli investitori, preferendo i titoli High Yield e Investment Grade Usa rispetto agli analoghi europei. Per quanto riguarda le materie prime abbiamo mantenuto una view neutrale, poiché le recenti manovre messe in atto dalle principali banche centrali forniscono un supporto per l attività economica globale. Allo stesso tempo restiamo prudenti sui metalli industriali, a causa di una riduzione della domanda dei paesi emergenti, Cina in particolare. Nonostante ciò, siamo più positivi sull energia e sui metalli preziosi: i rendimenti reali negativi dovrebbero supportare il prezzo dell oro e le dinamiche di offerta energetica controbilanciare una domanda globale anemica. 3

5 Asset Allocation Liquidità negativo Titoli di stato negativo Credito (High Yield) positivo Credito (Investment Grade) positivo Azioni (mercati sviluppati) positivo Azioni (mercati emergenti) neutrale Materie Prime neutrale Asset Allocation Azionari Obbligazionari Alternativi Liquidità Per area Per settore Per settore US + Titoli di stato - Immobiliari 0 - Europe ex UK + Inflation- Linked 0 Materie prime 0 UK 0 Corporate Investment grade + Pacifico Alto rischio: escluso Debito Mercati + Giappone Emergenti (Australia, 0 High Yield Nuova + Zelanda, Hong Kong e Singapore) Giappone 0 Mercati Emergenti 0 Legenda: +/- indica che il mercato potrà sovraperformare o sottoperformare (valore massimo: +++, valore minimo: ---); 0 indica una posizione neutrale L indicazione di asset allocation ha uno scopo puramente esplicativo. Il portafoglio degli attuali clienti subirà delle variazioni in base al mandato, al benchmark e al profilo di rischio piuttosto che alla disponibilità e al rischio connesso a ciascuna asset class nelle diverse regioni. 4

6 View economica Scenario base: Economia mondiale debole L andamento dell economia mondiale continuerà a restare debole nel 2013, a causa delle politiche fiscali che tenderanno a essere restrittive nelle economie avanzate. In Usa la Federal Reserve ha ribadito che proseguirà con le misure straordinarie (non convenzionali) per sostenere la ripresa. Ben Bernanke non si ritiene ancora soddisfatto dei passi avanti fatti dall'economia Usa. In Europa nonostante le misure di austerità continuino a essere presenti, abbiamo migliorato le stime di crescita dell intera regione. Per quanto riguarda i mercati emergenti, nonostante il recente rimbalzo dell attività economica in quest area, restiamo prudenti, poiché riteniamo che parte di questa ripresa sia dovuta al ciclo delle scorte e non a una forte domanda finale. Infine crediamo che il 2013 farà registrare una crescita migliore del 2012 nei paesi in via di sviluppo ma inferiore al potenziale. Sul fronte macroeconomico ci aspettiamo che le principali Banche Centrali manterranno una politica monetaria accomodante con ulteriori programmi di Quantitative Easing da parte della Fed, BoE e BoJ. Riteniamo che la Bce inizierà ad acquistare titoli governativi spagnoli in seguito alla richiesta di aiuti da parte della Spagna. In aggiunta alla view di base, consideriamo diversi scenari alternativi finalizzati a catturare i possibili rischi dell economia mondiale. Alternative: Scenario Descrizione Impatto Macroeconomico Rottura dell Euro (parziale) L uscita della Grecia scatena un elevato rischio di contagio dei paesi periferici europei. La Germania resta decisa sulla propria scelta di non immettere liquidità sul mercato (no Quantitative Easing). I leader europei non sono in grado di mantenere la stabilità della moneta unica e di conseguenza si assiste a un deflusso di capitali. Gli stati periferici lasciano l Euro nel secondo semestre del 2013, ma i paesi forti restano uniti per salvare la moneta unica europea. L'insolvenza delle economie periferiche colpisce il sistema bancario e rende più grave la recessione dell'eurozona. L'Euro dei paesi forti si apprezza e le nuove monete dei paesi periferici si deprezzano. I finanziamenti e gli scambi commerciali rallentano al punto di innescare effetti deflattivi. 5

7 Rottura dell Euro (completa) Risoluzione della Crisi dell Euro L'uscita della Grecia scatena un elevato rischio di contagio dei paesi periferici con conseguente rottura dell'euro nel secondo semestre del Si assiste a una sequenza di uscite, poiché i firewall sono insufficienti per salvare l'italia e la Spagna. Il fallimento politico si conclude con un ripristino delle valute originarie anche per i paesi forti della zona Euro. I governi dei paesi europei si accordano per risolvere la crisi, rafforzando il supporto per l'euro; questo innesca un ritorno della fiducia dei consumatori, un calo dei rendimenti dei titoli di stato periferici e una ripresa dell'economia globale. Il caos finanziario e la nazionalizzazione del sistema bancario scatenano un crollo dell'attività economica dell'europa. Si assiste a un forte apprezzamento del nuovo Marco Tedesco e conseguente forte perdita di potere delle nuove valute periferiche. L'effetto a catena attraverso i legami finanziari e commerciali spinge il resto del mondo in recessione. Si assiste a un crollo delle materie prime e dell'inflazione e allo stesso tempo le banche centrali mettono in atto politiche monetarie espansive. La crescita dell'eurozona migliora, grazie a una ripresa dei consumi e della fiducia; di conseguenza anche l'attività economica globale si rafforza. Le principali banche centrali adottano una politica restrittiva per favorire il consolidamento fiscale. Fiscal Cliff in America Hard Landing cinese I politici americani non riescono a raggiungere un compromesso sui programmi di spesa e tasse; le misure fiscali restrittive peseranno circa il 4% del Pil nel Il rallentamento del settore immobiliare, combinato con la debolezza della domanda estera, spinge la crescita del Pil sotto il 6,5%. L'economia Usa entra in recessione nel secondo semestre del L'economia mondiale s'indebolisce, in particolar modo quella dei paesi emergenti, la cui economia è direttamente dipendente al crollo della domanda americana. Si assiste a ulteriori misure di Quantitative Easing da parte della Fed e delle principali banche centrali. La rapida caduta dei prezzi delle materie prime fa diminuire il tasso d'inflazione. In una prima fase si assiste a un rallentamento della crescita mondiale a causa di una debole domanda globale; in una seconda fase a una ripresa economica innescata dai benefici derivanti da un basso livello d'inflazione. In ottica macroeconomica le banche centrali mettono in atto politiche monetarie accomodanti. Il ritorno del settore privato Usa I consumatori americani tornano a consumare e a richiedere finanziamenti, supportati dal rialzo dei prezzi immobiliari e da una maggiore facilità di accesso al credito. La crescita in Usa supporta l'attività economica globale. Il dollaro americano si apprezza, e la Fed inizia a interrompere le misure straordinarie espansive e di conseguenza a normalizzare la politica monetaria. 6

8 Shock petrolifero L'aumentare delle tensioni tra Iran e Occidente culmina nel 2013 con un attacco USA-Israele agli impianti nucleari iraniani. I prezzi petroliferi aumentano fino a raggiungere i 200$ al barile nel secondo trimestre del Il tasso d'inflazione aumenta rapidamente, mettendo sotto pressioni i redditi e i consumi. Le tensioni internazionali causano un rinvio dei piani d'investimento da parte delle società, scatenando così una recessione globale. Si assiste a una fase di stagflazione ma allo stesso tempo i governatori delle banche centrali mettono in atto misure straordinarie di politica monetaria espansiva e di stimolo per la crescita. 7

9 Mercati azionari View regionali + Stati Uniti - Ci aspettiamo che la crescita economica Usa rimanga positiva nel 2013 nonostante i timori fiscali. A nostro avviso il settore immobiliare americano anche quest anno fornirà un contributo positivo alla crescita, grazie al recente incremento dell attività di costruzione; in particolare un aumento dei prezzi degli immobili dovrebbe supportare i bilanci delle banche e di conseguenza il credito al settore privato. Allo stesso tempo le condizioni di politica monetaria restano accomodanti e di supporto al mercato azionario, grazie all ultimo round di Quantitative Easing e all impegno di mantenere i tassi su livelli bassi per un periodo prolungato. - Il settore corporate Usa, caratterizzato da solidi bilanci aziendali, è ben posizionato nell attuale contesto economico per poter affrontare un eventuale compressione dei margini. 0 Regno Unito - Il Regno Unito viene impattato negativamente dalla debole crescita dell Eurozona. Allo stesso tempo i titoli del FTSE 100 hanno una natura più difensiva, poiché meno esposti all economia domestica. - Resta forte l impegno da parte della BoE a mantenere i tassi d interesse su livelli bassi, e in congiunzione con il governo ha recentemente annunciato misure straordinarie di finanziamento per supportare le piccole e medie imprese. + Europa escluso Regno Unito - L incertezza politica ed economica resta elevata e allo stesso tempo l austerità fiscale inciderà negativamente sulla crescita della regione. Nonostante il recente rialzo delle piazze finanziarie europee, le valutazioni (escluso UK) restano ancora su livelli interessanti; inoltre, gli interventi da parte della BCE (programma OMT) così come il pacchetto di aiuti greco hanno ridotto i c.d. rischi di coda all interno dell area Euro. 0 Giappone - Nonostante il recente rallentamento ciclico dell economia domestica, le elezioni del nuovo primo ministro Abe hanno innescato ulteriori misure di stimolo monetario. La banca centrale nipponica ha esteso il programma di acquisto di asset portandolo a 101 trilioni di Yen. Questo, a sua volta, ha comportato un indebolimento dello Yen e un conseguente incremento delle esportazioni e del sentiment degli investitori. 0 Pacifico escluso Giappone (Australia, Nuova Zelanda, Hong Kong e Singapore) - Nonostante vi siano stati segnali di stabilità dell economia cinese, l area del Pacifico (escluso Giappone) continua a restare vulnerabile, a causa della debolezza dell economia globale e del calo delle esportazioni. I fondamentali delle società appartenenti a questa regione sono abbastanza solidi e le banche centrali hanno ancora la possibilità di attuare politiche monetarie espansive. 0 Mercati Emergenti - Le valutazioni dei paesi emergenti sono meno interessanti rispetto a quelle dei mercati sviluppati. Stiamo diventando gradualmente più ottimisti in quest area, grazie ai recenti benefici derivanti dalle misure di stimolo monetario e fiscale. I principali paesi in via di sviluppo, come Brasile e Cina, hanno iniziato a far registrare segnali di stabilità dell attività economica. Legenda: +/- indica che il mercato potrebbe sovraperformare o sottoperformare (valore massimo: +++ valore minimo: - - -); 0 indica una posizione neutrale. 8

10 Mercati Obbligazionari View settoriali - Obbligazioni Governative - Continuiamo a mantenere un outlook negativo sul mercato dei titoli governativi dei paesi sviluppati. I recenti interventi delle Banche Centrali hanno ridotto il rischio geopolitico rendendo meno interessante il debito sovrano rispetto ad altre classi d investimento. - Restiamo negativi sui Bund tedeschi, poiché gli effetti combinati di un miglioramento del sentiment nei confronti dell Europa e del recente upgrade del debito greco rendono quest asset class poco appetibile per gli investitori. Siamo anche leggermente negativi sui Treasury Usa, a causa della politica fiscale restrittiva. - Abbiamo una view positiva sui Gilt inglesi, poiché ci aspettiamo ulteriori programmi di Quantitative Easing in seguito a una crescita domestica debole. Per quanto concerne i governativi nipponici, restiamo neutrali. + Obbligazioni societarie Investment Grade - Restiamo positivi sulle obbligazioni Investment Grade americane, ma allo stesso tempo rimaniamo prudenti sugli analoghi titoli europei. Nonostante si siano ridotti i rischi di coda dell Eurozona e sia migliorato il sentiment degli operatori, i fondamentali delle società americane restano solidi con flussi di cassa elevati e basso indebitamento. Allo stesso tempo la ricerca di rendimento da parte degli investitori dovrebbe beneficiare quest asset class. + Obbligazioni a rischio elevato (high yield) + Debito EM - Nonostante le valutazioni continuino ad aumentare, questa classe d investimento resta ancora interessante per gli investitori, grazie ai rendimenti offerti e alla solidità delle aziende. All interno del settore preferiamo i titoli Usa, poiché la maggior parte di queste società ha rifinanziato il proprio debito negli ultimi due anni e pertanto ha ridotto notevolmente il rischio d insolvenza. Nonostante i recenti segnali di stabilità forniti dalla BCE, restiamo neutrali sugli analoghi europei, poiché le prospettive di crescita per la zona Euro sono inferiori a quelle Usa. - Molti emittenti emergenti sono caratterizzati da un economia interna in uno stato di salute migliore rispetto ai paesi sviluppati. Inoltre, una politica monetaria più accomodante, supportata dal calo delle pressioni inflazionistiche in determinati paesi, dovrebbe fornire un contributo positivo ai rendimenti del debito locale emergente. Nonostante il recente restringimento, da un punto di vista valutativo i differenziali scambiano a fair value su base storica. 0 Obbligazioni indicizzate - L attuale contesto economico di modesta crescita e bassi rendimenti rende questo segmento interessante per gli investitori, tuttavia le valutazioni sono poco convincenti e il break-even inflation rate resta su livelli elevati dato il nostro outlook di crescita moderata. Legenda: +/- indica che il mercato potrebbe sovraperformare o sottoperformare (valore massimo: +++ valore minimo: ---); 0 indica una posizione neutrale Solo per investitori e consulenti qualificati. Il presente documento non è adatto all utilizzo da parte di clienti privati. Il presente documento è stato redatto a fini informativi e non è da considerarsi in alcun caso materiale promozionale. Le informazioni fornite non costituiscono un offerta, né un invito all acquisto o alla vendita di qualsiasi strumento finanziario. Il materiale non è inteso e non deve essere utilizzato a scopo di consulenza contabile, giuridica o fiscale e neppure di raccomandazione d investimento. Le informazioni contenute nel presente documento sono ritenute affidabili, tuttavia Schroder Investment Management Ltd (Schroders) non ne garantisce la completezza o l esattezza. Schroders non è responsabile di eventuali errori relativi a fatti o opinioni. Ciò non esclude o limita in alcun modo gli obblighi o le responsabilità di Schroders nei confronti dei suoi clienti a norma del Financial Services and Markets Act 2000 (e successive modifiche) o di qualunque altro regolamento. I pareri e le opinioni espressi da Schroders nel presente documento possono variare. L assunzione di decisioni individuali o strategie d investimento non deve essere basata sulle opinioni e le informazioni contenute nel presente documento. Pubblicato da Schroder Investment Management Limited, 31 Gresham Street, London EC2V 7QA, autorizzata e regolamentata dalla Financial Services Authority. Per vostra sicurezza, le comunicazioni possono essere registrate o monitorate. 9

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog Asset allocation: settembre 2015 /blog Come sono andati i mercati? Il rallentamento della Cina, la crisi in Grecia, il crollo delle materie prime e la moderata crescita dell economia americana hanno sollevato

Dettagli

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti:

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: MARKET OUTLOOK 2016 Cosa ci lascia in eredità il 2015 L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: - La fine della politica dei tassi zero in USA - L avvio del QE in Europa

Dettagli

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo No. 5 - Settembre 2013 2 I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo Con il mercato obbligazionario

Dettagli

Schroders Private Banking

Schroders Private Banking Schroders Private Banking Weekly newsletter Schroders Italy SIM S.p.A. Via della Spiga, 30-20121 Milano Tel: 0276377.1 Fax: 0276377300 www.schroders.it 1 Il Mercato Europeo Andamento dei principali indici

Dettagli

Schroder ISF EURO Short Term Bond

Schroder ISF EURO Short Term Bond Pagina 1 Indice Review su mercato e fondo pag. 2 Il mercato Il fondo Cosa ci aspettiamo dal mercato e dal fondo pag. 3 Uno sguardo al mercato Le scelte strategiche I risultati di pag. 4 Descrizione del

Dettagli

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente Cosa ci dobbiamo aspettare dai mercati obbligazionari nel 2015? Intervista a Paul Read (Co-Head di Invesco Fixed Interest Henley Gestore di Invesco Euro Corporate Bond, Invesco Pan European High Income

Dettagli

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE INDICE Considerazioni Generali - Commento Macroeconomico...

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 80 MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti,

Dettagli

Outlook dei mercati. I Trimestre 2015 ARCA FOCUS

Outlook dei mercati. I Trimestre 2015 ARCA FOCUS ARCA FOCUS Outlook dei mercati I Trimestre 2015 Ad uso esclusivo dei Soggetti Collocatori, vietata la diffusione alla clientela. Il presente documento ha semplice scopo informativo. 1 Indice Outlook di

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 6 giugno A cura dell

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

L OPINIONE DEI COMPETITOR

L OPINIONE DEI COMPETITOR L OPINIONE DEI COMPETITOR 11 A cura della Direzione Studi. L Opinione dei Competitor Sintesi e Indicazioni Tattiche SINTESI MACRO E ASSET ALLOCATION Pictet - AGGIORNATO A SETTEMBRE QUADRO MACRO: Timori

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Politica Monetaria, Politica Fiscale e prospettive per la crescita in Italia. Marco Lossani (Università Cattolica di Milano)

Politica Monetaria, Politica Fiscale e prospettive per la crescita in Italia. Marco Lossani (Università Cattolica di Milano) Politica Monetaria, Politica Fiscale e prospettive per la crescita in Italia Marco Lossani (Università Cattolica di Milano) Scenario internazionale Economia globale sconta ancora l eredità della crisi

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO

MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 86 MEDIOLANUM RISPARMIO REDDITO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il 29 giugno

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 98 MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il semestre

Dettagli

Focus Market Strategy

Focus Market Strategy Valute emergenti: rand, lira e real 30 luglio 2015 Atteso un recupero verso fine anno Contesto di mercato Il comparto delle valute emergenti è tornato nuovamente sotto pressione negli ultimi mesi complice

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2013 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 1.903.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/03/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2014 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 2.200.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile

Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile Sviluppo Rete Arca Fund Manager Webinar Fondi Obbligazionari

Dettagli

Global Asset Allocation

Global Asset Allocation Global Asset Allocation L impatto dell incremento dei rendimenti obbligazionari sul ciclo economico e sulla nostra view Aprile 0 Punti chiave PROSPETTIVE Giordano Lombardo Group CIO, Pioneer Investments

Dettagli

Outlook dei mercati. IV Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo.

Outlook dei mercati. IV Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo. ARCA FOCUS Outlook dei mercati IV Trimestre 2015 1 Indice Outlook di lungo periodo Mercati Azionari 3 Outlook di lungo periodo Mercati Obbligazionari 4 Outlook di medio periodo Opportunità e rischi 5 Outlook

Dettagli

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10 Alternative Spot Dic 2013 L outlook di Hedge Invest per il 2014 Scenario macroeconomico: la visione per il 2014 EUROZONA Prevediamo ancora pressioni al ribasso sulla crescita a breve termine, a causa di

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 4 aprile 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 4 aprile 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 4 aprile A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono unicamente

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/7/1 Pagina 1 Questa

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 8 agosto A cura dell

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Il Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 18 Novembre 2014

Il Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 18 Novembre 2014 Il Rapporto sulla Stabilità Finanziaria Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia Università Bocconi, 18 Novembre 2014 Indice o La congiuntura o Il mercato immobiliare o I mercati finanziari

Dettagli

Market Focus. Outlook. Un 2015 trainato dagli USA, aspettando l Europa

Market Focus. Outlook. Un 2015 trainato dagli USA, aspettando l Europa Market Focus Outlook 2015 Un 2015 trainato dagli USA, aspettando l Europa Indice Outlook 2015 05 Scenario 10 Asset Allocation 13 Azioni 19 Obbligazioni 25 Materie Prime 27 Real Estate e Alternativi 28

Dettagli

Outlook dei mercati. III Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo.

Outlook dei mercati. III Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo. ARCA FOCUS Outlook dei mercati III Trimestre 2015 1 Indice Outlook di lungo periodo Mercati Azionari 3 Outlook di lungo periodo Mercati Obbligazionari 4 Outlook di medio periodo Opportunità e rischi 5

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 16 marzo 2015 S.A.F.

Dettagli

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta 357 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Usa: il «sequestro» Cosa è successo negli

Dettagli

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi No. No. 6 7 - - Dicembre Febbraio 2013 2014 No. 7 - Febbraio 2014 N. 67 Dicembre Febbraio 2014 2013 2 Il presente documento sintetizza la visione

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 7 luglio A cura dell

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 30/04/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

NOTA FINANZIARIA. 31 marzo 2014 (weekly) I MERCATI FINANZIARI NELLA SCORSA SETTIMANA

NOTA FINANZIARIA. 31 marzo 2014 (weekly) I MERCATI FINANZIARI NELLA SCORSA SETTIMANA I MERCATI FINANZIARI NELLA SCORSA SETTIMANA MERCATO MONETARIO E MERCATO OBBLIGAZIONARIO La scorsa settimana ha visto un andamento differenziato dei tassi tra area euro ed area dollaro: se infatti quelli

Dettagli

Scenario economico e politiche

Scenario economico e politiche Scenario economico e politiche Fedele De Novellis Bergamo, 14 giugno 2013 www.refricerche.it Schema generale Rallentamento economia globale nel 2012 (crisi della periferia europea) Reazione politiche monetarie

Dettagli

Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi

Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi No. 8 - Luglio 2014 N. 86 Luglio Dicembre 2014 2013 2 Come negli scorsi anni, anche nel 2014 le politiche monetarie delle principali

Dettagli

ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA

ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA 423 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECONOMIC OUTLOOK 2013 OCSE: LA CRISI ITALIANA CONTINUA 30 maggio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le previsioni sull economia Alcuni grafici

Dettagli

Comitato Investimenti 11.1.2016

Comitato Investimenti 11.1.2016 Comitato Investimenti 11.1.2016 1 SNAPSHOT Il 2016 non dovrebbe presentare delle sorprese nell'euro-zona, con ciò il Comitato Investimenti intende un rialzo dei rendimenti, perché l'inflazione è modesta

Dettagli

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 Mathema Advisors: Market Report Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 CONTENUTI Pag.3 - Analisi Macro: Quadro Globale Pag.6 - Analisi del Rischio Pag.9 - Disclaimer 2 Analisi Macro Quadro

Dettagli

pag. 1 Antonio Cesarano Responsabile Ufficio Market Strategy Milano 23 ottobre 2014

pag. 1 Antonio Cesarano Responsabile Ufficio Market Strategy Milano 23 ottobre 2014 pag. 1 Antonio Cesarano Responsabile Ufficio Market Strategy Milano 23 ottobre 2014 Quadro macro globale 60 ISM manif atturiero Usa PMI manif atturiero Germania PMI manif atturiero Cina 55 50 45 Fonte:

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 10 febbraio 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico Il programma di Quantitative Easing finalmente

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA:

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA: Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA INCOME FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE

Dettagli

Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello

Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello Club Finanza d Impresa 10 dicembre 2013 Relatore : Michael Palatiello Chi siamo Wings Partners è una società attiva nell'analisi finanziaria dei rischi di cambio delle valute e delle oscillazioni dei prezzi

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

Il contesto attuale e le prospettive dei mercati

Il contesto attuale e le prospettive dei mercati Il contesto attuale e le prospettive dei mercati Petrolio, progressivo rialzo... Brent dal 2010 Fonte: Bloomberg 2 Tassi, in aumento l interbancario... Euribor 3 mesi e tasso Bce a confronto Fonte: Bloomberg

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 13 Gennaio 2014 View Fideuram Investimenti Autori: Enrico Boaretto Flavio Rovida Patrizia Bussoli Ilaria Spinelli Francesca Pini Cristian Gambino Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

VIEW SUI MERCATI (16/04/2015)

VIEW SUI MERCATI (16/04/2015) VIEW SUI MERCATI (16/04/2015) STOXX600 Europe Lo STOXX600 ha superato l importante resistenza toccata nel 2007 a quota 400, confermando le nostre previsioni di un mese fa. Il trend di medio-lungo periodo

Dettagli

Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato

Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato Il ruolo dei fondi alternativi multi-manager nell attuale scenario di mercato No. 10 giugno 2015 N. 10 giugno 2015 2 Le principali Banche Centrali hanno aumentato complessivamente di oltre 6.000 miliardi

Dettagli

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA:

FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO DI DIRITTO ITALIANO CATEGORIA: Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA INCOME FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 11 novembre A cura

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 5 - Maggio A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 12 Novembre 2015

Rapporto sulla Stabilità Finanziaria. Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia. Università Bocconi, 12 Novembre 2015 Rapporto sulla Stabilità Finanziaria Fabio Panetta Vice Direttore Generale - Banca d Italia Università Bocconi, 12 Novembre 2015 Indice o I rischi macroeconomici o I rischi settoriali: famiglie e imprese

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

Fonditalia Core MERCATO CARATTERISTICHE. Azionario. Obbligazionario. Valute. Strategia del prodotto

Fonditalia Core MERCATO CARATTERISTICHE. Azionario. Obbligazionario. Valute. Strategia del prodotto 29 Settembre 2015 Fonditalia Core MERCATO Azionario Da metà aprile gli indici azionari hanno corretto al ribasso dopo il rialzo di inizio anno (prima a causa dell acuirsi della crisi greca, poi per via

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.it; prospettiva europea, DEM Università Il Mulino di 2011 Brescia Capitolo I. Un Viaggio intorno al mondo Corso di Economia

Dettagli

View. Mercati Obbligazionari

View. Mercati Obbligazionari 4 settembre 2015 View Fideuram Investimenti Autori: Enrico Boaretto Flavio Rovida Patrizia Bussoli Ilaria Spinelli Francesca Pini Cristian Gambino Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari

Dettagli

ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie. Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds

ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie. Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds 1 Sintesi Gli attuali squilibri Le prospettive Le strategie nelle varie asset class 2 Gli

Dettagli

maggio 2015 ( i mercati azionari e in generale, trasversalmente, le asset class più rischiose - comprese quindi le 1/5

maggio 2015 ( i mercati azionari e in generale, trasversalmente, le asset class più rischiose - comprese quindi le 1/5 maggio 2015 Mantenere la rotta in mezzo alla volatilità Nonostante il paracadute della Bce nelle ultime settimane sui mercati è tornato il nervosismo. A medio termine lo scenario resta favorevole alle

Dettagli

View. Fideuram Investimenti. 12 ottobre 2015

View. Fideuram Investimenti. 12 ottobre 2015 12 ottobre 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 5 Scenario macroeconomico Confermiamo di non aver apportato revisioni significative

Dettagli

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A.

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. Relazione Semestrale al 30.06.2015 FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO Kairos Income Kairos Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via San Prospero 2, 20121 Milano Tel 02.777181

Dettagli

8a+ Investimenti Sgr. Latemar

8a+ Investimenti Sgr. Latemar 8a+ Investimenti Sgr Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Latemar RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 Sede Legale: Varese, Piazza Monte Grappa 4 Tel 0332-251411 Telefax 0332-251400 Capitale

Dettagli

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Hong Kong / Parigi, 12 marzo 2015 Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Nel 2015 prevista una crescita più lenta e un aumento dei prestiti in sofferenza Un nuovo studio

Dettagli

MC Capital Ltd Consulenza Finanziaria & Gestione di Portafoglio

MC Capital Ltd Consulenza Finanziaria & Gestione di Portafoglio Newsletter mercati e valute 22 febbraio 2013 Le minute dell ultima riunione della Federal Reserve mostrano divergenze all interno della Banca Centrale Usa sul piano di stimoli monetari a sostegno dell

Dettagli

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA relatori: Alessandro Stanzini, Fabio Bottani Corso istituzionale - Neo private banking: una prima formazione tecnico relazionale VIEW

Dettagli

Per consulenti e investitori qualificati. Economia e Mercati. Outlook macroeconomico e scelte di asset allocation Quarto trimestre 2015

Per consulenti e investitori qualificati. Economia e Mercati. Outlook macroeconomico e scelte di asset allocation Quarto trimestre 2015 Per consulenti e investitori qualificati Economia e Mercati Outlook macroeconomico e scelte di asset allocation Quarto trimestre 2015 Introduzione Nel terzo trimestre gli asset rischiosi hanno risentito

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 1. EVOLUZIONE DELLA CRISI ECONOMICA INTERNAZIONALE Nel secondo trimestre del 2012 le incertezze sull evoluzione della crisi greca e le difficoltà del

Dettagli

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net

Per maggiori notizie e analisi più approfondite, vai su www.etoro.net Analisi iornaliera dei Mercati 4 otto, 2010 isita il nuovo network di social trading di etoro: openbook.etoro.com Si sono consolidati i mercati azionari del corso di questa settimana, dal momento che gli

Dettagli

Per consulenti e investitori qualificati. Economia e Mercati. Analisi economica e di asset allocation Primo trimestre 2016

Per consulenti e investitori qualificati. Economia e Mercati. Analisi economica e di asset allocation Primo trimestre 2016 Per consulenti e investitori qualificati Economia e Mercati Analisi economica e di asset allocation Primo trimestre 2016 Introduzione Per gli asset rischiosi l ultimo trimestre del 2015 è iniziato con

Dettagli

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura economica Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income Angelo Drusiani Banca Albertini Syz & C. SpA - Milano

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 13 gennaio 2015 View Fideuram Investimenti Autori: Enrico Boaretto Flavio Rovida Patrizia Bussoli Ilaria Spinelli Francesca Pini Cristian Gambino Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

Il Mercato del reddito fisso

Il Mercato del reddito fisso S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il Mercato del reddito fisso Angelo Drusiani Banca Albertini Syz & C. SpA Sala Convegni Corso Europa, 11 Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

Dettagli

Breve approfondimento sulla situazione Greca

Breve approfondimento sulla situazione Greca Breve approfondimento sulla situazione Greca 15 Giugno 2015 2 Premessa Quattro mesi di colloqui tra la Grecia e i suoi creditori non sono bastati a raggiungere un accordo per sbloccare gli aiuti al governo

Dettagli

Rassegna stampa - TENDERCAPITAL

Rassegna stampa - TENDERCAPITAL Rassegna stampa - TENDERCAPITAL Rassegna del 22/05/2014 INDICE TENDERCAPITAL 21/05/2014 Fondi & Sicav È sempre grande America 21/05/2014 Fondi & Sicav Nel complesso benino 21/05/2014 Fondi & Sicav Il vero

Dettagli

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito Gregory D. Sutton (+41 61) 280 8421 greg.sutton@bis.org 3. Il mercato internazionale dei titoli di debito La decelerazione dell economia mondiale sembra aver frenato la domanda di nuovi finanziamenti internazionali,

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Settembre 2015 La volatilità torna alla ribalta Nel 2015 l indice azionario S&P 500 non solo ha fatto registrare

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZENITH OPTIMEDIA 2 10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

Mercati e Valute, 10 aprile 2015. Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee

Mercati e Valute, 10 aprile 2015. Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee Mercati e Valute, 10 aprile 2015 Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee Nel primo trimestre dell anno, il forte calo dell Euro nei confronti del Dollaro USA ha reso più attraenti

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli

MERCATI-Ambrosetti A.M. SIM: commento giugno 2015, stabile l esposizione azionaria complessiva

MERCATI-Ambrosetti A.M. SIM: commento giugno 2015, stabile l esposizione azionaria complessiva Data Pubblicazione 04/06/2015 Sito Web www.impresamia.com MERCATI-Ambrosetti A.M. SIM: commento giugno 2015, stabile l esposizione azionaria complessiva Commento mensile di Giugno 2015 a firma di Alessandro

Dettagli

Allianz, Axa, Le Generali a confronto. Analisi di alcune cifre chiave Anno 2012

Allianz, Axa, Le Generali a confronto. Analisi di alcune cifre chiave Anno 2012 Allianz, Axa, Le Generali a confronto Analisi di alcune cifre chiave Anno 2012 Elaborazioni dai bilanci consolidati dei 3 big assicurativi europei A cura di F. Ierardo Coordinamento di N. Maiolino 2012

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 5 maggio 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 5 maggio 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. maggio A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono unicamente

Dettagli

SCENARIO 2009 PICCOLE E MEDIE IMPRESE MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE. Vicini a voi.

SCENARIO 2009 PICCOLE E MEDIE IMPRESE MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE. Vicini a voi. SCENARIO 2009 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Vicini a voi. Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti, Responsabile Strategia Eurizon

Dettagli

Aggiornamento sui mercati valutari

Aggiornamento sui mercati valutari 9 luglio 2014 Aggiornamento sui mercati valutari A cura di: Peter Butler, Emanuele Del Monte e Pietro Calati Il quadro di riferimento Il mercato dei cambi, dopo l introduzione del pacchetto di misure da

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 3 marzo A cura dell

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE Elaborazione del 3// Pagina 1 Questa nota ha finalità puramente informative e riflette

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 8 Luglio 2014 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico La pesante flessione del PIL degli USA nel primo trimestre

Dettagli

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ

IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV. ANALISI DI SENSITIVITÀ IV.1 SENSITIVITÀ ALLA CRESCITA ECONOMICA La sensitività della finanza pubblica italiana alla crescita economica è valutata simulando il comportamento dell indebitamento netto

Dettagli

L economia australiana brilla sulle altre

L economia australiana brilla sulle altre L economia australiana brilla sulle altre 28 marzo 2011 Le stime sulla crescita per molti paesi sviluppati hanno subito una flessione a causa della tragedia che continua a investire il Gippone, uno dei

Dettagli