Malattie sessualmente trasmesse (MST) o Malattie Veneree (VD)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Malattie sessualmente trasmesse (MST) o Malattie Veneree (VD)"

Transcript

1 Malattie sessualmente trasmesse (MST) o Malattie Veneree (VD)

2 IST curabili: 448 milioni di nuovi casi all anno anno Infezioni (O.M.S ) Casi/anno Trichomonas 248 milioni Chlamydia 102 milioni Gonococco 87 milioni Sifilide 10 milioni HSV 26 milioni

3 Classificazione delle MTS in relazione all agente eziologico Batteriche: Neisseria gonorrhoeae Treponema pallidum Chlamydia trachomatis Ureaplasma urealyticum Haemophylus ducreyi Mycoplasma hominis Mycoplasma genitalium Gardnerella vaginalis Streptococcus Beta emolitico di gruppo B Virali: Herpes simplex di tipo 1 Herpes simplex di tipo 2 HPV HAV,HBV,HCV,HDV CMV EBV HIV Virus enterici

4 Classificazione delle MTS in relazione all agente eziologico Protozoi: Trichomonas vaginalis Entamoeba histolytica Giardia Lamblia Ectoparassiti: Phthirius pubis Sarcoptes scabiei Funghi: Candida albicans

5

6 Complicanze delle MST Altre MST, HIV Complicanze app. riproduttivo endometrite, salpingite,, MIP epididimite gravidanza ectopica aborto spontaneo sterilità MST Infezioni congenite sifilide gonorrea clamidia HSV Tumori ca. collo utero,, vulva, pene e ano (HPV) epatocarcinoma (HBV)

7 MST Le MST rivestono una notevole importanza epidemiologica perché spesso hanno le seguenti caratteristiche: Asintomaticità Lunga latenza Lunga infettività Elevata recidività Legami con processi cancerogenici Hanno in comune solo la modalità più o meno esclusiva di trasmissione: Contatto diretto tra le mucose

8 Fattori di rischio Età (fascia maggiormente colpita anni) Sesso (femminile) Livello socioeconomico Numero partners (maggiore partner multipli) Comportamenti sessuali Uso di droghe

9

10 Caratteristiche dell ambiente vaginale Età ph Glicogeno Microrganismi Neonatale Acido SI Lattobacilli Prepubere 7-8 NO Rari di vario genere Fertile 3,5-4,5 SI Lattobacilli Climaterio >8 NO Enterobatteri

11 Diagnosi differenziale d infezioni vaginale C r i t e r i d i a g n o s t i c i N o r m a l e V a g i n o s i b a t t e r i c a p H v a g i n a l e > 4. 5 P e r d i t e B i a n c a, s o t t i l e, f l o c c u l a n t e S o t t i l e, b i a n c a l a t t e s c e n t e, g r i g i a O d o r e d i a m m i n e ( p e s c e m a r c i o ) A s s e n t e P r e s e n t e M i c r o s c o p i a L a t t o b a c i l l i, c e l l u l e e p i t e l i a l i C e l l u l e C l u e a d e r e n t i, c o c c h i, n o P M N

12 Lattobacilli

13 Gardnerella vaginalis

14 Infezione da Chlamydia trachomatis Incidenza e prevalenza: è la MTS con maggior prevalenza nei paesi industrializzati. I sintomi iniziano 7-21 gg dopo l esposizione Trasmissione:esclusivamente per via sessuale (esclusi i ceppi che danno tracoma e congiuntivite) e perinatale

15 Chlamydia trachomatis Età: riflette i comportamenti sessuali, diminuisce rapidamente nelle donne dopo i 25 anni. Sesso: femminile più colpito Altri fattori di rischio: basso livello socioeconomico e scolastico

16 Chlamydia trachomatis. L infezione colpisce prevalentemente le giovani donne di età inferiore ai 25 anni ed i sintomi sono generalmente lievi, aspecifici o addirittura inesistenti: il delle infezioni decorre in modo asintomatico, comportando, sovente, una sottostima della diffusione dell infezione e quindi una maggiore facilità della trasmissione.

17 Infezioni urogenitali Infezioni urogenitali Femmine: asintomatiche (80%) Manifestazioni cliniche: Cerviciti, endometriti, uretriti, salpingiti, bartoliniti Femmine: il 35-50% dei casi di uretrite non-gonococcica Perdite mucopurulente, disuria, piuria Uretriti: Maschi sintomatici per il 75% È frequente coinfezione da Neisseria gonorrhoeae + C. trachomatis

18

19

20

21 Micoplasmi urogenitali Mycoplasma hominis Mycoplasma genitalium Ureaplasma urealyticum Mycoplasma fermentans Mycoplasma penetrans Mycoplasma spermatophylum

22 Micoplasmi Manifestazioni cliniche : Ureaplasma urealyticum Mycoplasma genitalium uretrite cervicite? Mycoplasma hominis associato a: vaginosi pielonefrite PID febbre post-partum parto pretermine

23 CERVICO-VAGINITE SINDROME URETRALE COMMENSALISMO 1000 INFEZIONE MALATTIA

24 Neisseria gonorrhoeae

25 Gonorrea: malattia dell uomo Contagio sessuale le donne hanno il 50% di probabilità di acquisire l infezione in seguito ad un singolo rapporto; nell uomo la probabilità è del 20%. Il rischio aumenta con l aumento dei rapporti. Il serbatoio è rappresentato dalle persone infette asintomatiche.

26 Neisseria gonorrhoeae.- nella donna l infezione può presentarsi con: un uretrite, accompagnata da disuria e bruciori minzionali; una cervicite, a volte erimatosa e/o erosiva. (in questo caso è presente una leucorrea verdastra, accompagnata da dispareunia, prurito vaginale e/o disuria); possono essere interessate anche le ghiandole di Skene e di Bartolini, che appaiono edematose e infiltrate; una stenosi dei dotti escretori può essere causa di ascessi purulenti.

27 Neisseria gonorrhoeae.- l infezione nella donna

28 Infezione ascendente a carico del tratto genitale femminile non correlata al parto o ad interventi chirurgici in donne sessualmente attive Occlusione tubarica o esiti cicatriziali cause di infertilità e sterilità Algie pelviche croniche Endometrite PID Ascessi tubovarici, peritonite pelvica Salpingite, parametrite Infezione ascendente

29 Chlamydia trachomatis. e Neisseria gonorrhoeae PID

30 Maschi L infezione genitale nell uomo è limitata all uretra Periodo d incubazione 2-7gg. Manifestazioni cliniche: secrezione uretrale purulenta disuria uretriti epididimiti prostatiti ascessi periuretrali

31 Treponema pallidum Malattia distribuita in tutto il mondo. Per diffusione è la 3 malattia a trasmissione sessuale. Trasmissione per contatto con le lesioni della sifilide primaria e secondaria. Mediante le secrezioni del corpo, sangue, sperma, saliva, durante il rapporto sessuale e per via transplacentare

32 Treponema pallidum SIFILIDE PRIMARIA: Chancre (sifiloma) primario: lesione che si forma nel luogo dell infezione Lesione papula ulcera non dolorosa linfoadenopatia regionale disseminazione linfatici linfonodi ingrossati torrente circolatorio. Il sifiloma primario guarisce spontaneamente in 2 mesi.

33 Treponema pallidum SIFILIDE SECONDARIA: si verifica dopo 3 mesi dalla primaria: disseminazione del Treponema. I sintomi sono: gola infiammata cefalea anoressia linfoadenopatia rash mucocutaneo (maculare, papulare, pustulare) sulle mani e piedi: il rash è molto contagioso il rash e i sintomi migliorano e il paziente entra nella fase latente o clinicamente inattivo dello stadio di malattia.

34 SIFILIDE LATENTE: mesi-anni Una piccola % di pazienti progredisce nello stadio di SIFILIDE TERZIARIA Treponema pallidum L infiammazione cronica diffusa può causare distruzione devastante di organi e tessuti (arteriti, demenza, cecità). Formazione di gomme (lesioni granulomatose) presenti sulle ossa, cute ed altri tessuti. Forme tipiche: Neurosifilide e Sifilide cardiovascolare.

35

36 Infezione da Herpes virus 1,2 Incidenza e prevalenza: causa più frequente di ulcera genitale nei paesi industrializzati ed una delle più comuni MTS. 90% HSV-2, 10% HSV-1 Trasmissione: contatto diretto con lesioni o secrezioni infette. Età riflette i comportamenti sessuali con maggiore frequenza tra anni. Sesso: indifferente. Altri fattori di rischio: immunodepressione cellulare Presentazione clinica: infezione primaria, infezione riattivata,herpes ricorrente, asintomatiico e subclinico.

37 Epidemiologia degli HSV-1,2: E trasmesso dai liquidi delle vescicole, saliva, secrezioni vaginali. Causano infezioni orali e genitali. HSV-1 per contatto orale, baci, bicchieri, spazzole, saliva. Dita. Bocca,cute attraverso break cutanei. L autoinoculazione può causare infezioni degli occhi. HSV-2 per contatto sessuale, autoinoculazione, madre-feto. Escrezione del virus dalla cervice durante le perdite vaginali.

38 Herpes simplex tipo 2: Nei maschi sul glande o su tutto il pene. Nelle femmine,vulva, vagina, cervice, area perianale, perdite vaginali, proctite. Sintomi. Le lesioni possono essere accompagnate da febbre, mal di testa, malessere, adeniti inguinali. Latenti nei gangli sacrali, riattivazioni ogni 2-3 settimane.

39

40

41 HPV Molte persone sono asintomatiche I sintomi possono svilupparsi dopo settimane,mesi dopo l esposizione

42 Verruche anogenitali: Le verruche genitali (condilomi acuminati) si riscontrano nell epitelio squamoso dei genitali esterni e delle aree perianali.sono causati dal 90% dai tipi HPV-6 e 11

43 Condilomigenitali

44 Lesioni ano-genitali da HPV Condilomi acuminati e piani a livello dei genitali maschili (pene, scroto) e femminili (cervice uterina, vagina, vulva) e in regione perianale [HPV 6, 11, 16, 18, ecc.] Carcinomi cervicali, vulvari, anali e del pene (e lesioni intraepiteliali squamose [SIL] che li precedono) [HPV 16, 18, 31, 33, 39, 45, 52, 58, ecc.]

45 HPV e neoplasia cervicale HPV alto rischio: HPV 16, 18, 31, 33, 35, 39, 45, 51, 52, 56, 58, 59, 68 HPV basso rischio: HPV 6, 11, 26, 42, 43, 44, 53, 54, 55, 62, 66

46 Prevalenza delle infezioni genitali da HPV Infezione a trasmissione sessuale più frequente nell uomo (50% della popolazione attiva sessualmente è stata infettata da HPV) Correlata al numero e alla frequenza dei partner Correlata all età (massima tra i 15 e i 25 anni) Correlata allo stato immunitario (maggiore in pazienti HIV positivi, in donne in gravidanza) Correlata alle abitudini di vita (fumo, alimentazione, contraccettivi orali)

47 HPV e carcinoma della cervice Il carcinoma della cervice è la seconda causa di morte per tumore tra le donne (dopo il carcinoma della mammella) nuovi casi di carcinoma della cervice uterina ogni anno nel mondo Prevalenza del 97%-99.7% di DNA di HPV nei carcinomi della cervice (in PCR) Il 53% dei carcinomi della cervice correlati ad HPV sono associati al 16, il 15% al 18, il 9% al 45, il 6% al 31 e il 3% al 33.

48 Neoplasia cervicale : Progressione naturale della malattia Mesi Anni Dopo 30 anni Epitelio Normale Infezione HPV Coilocitosi CIN1 CIN2 CIN3 Carcinoma Screening ASCUS/LSIL HSIL Trattamento SIL = Lesione intraepiteliale squamosa / CIN = Neoplasia intraepiteliale cervicale

49 Cofattori della progressione tumorale Fattori genetici (anormalità di struttura o numeriche dei cromosomi, riarrangiamenti o sovraespressione di oncogeni cellulari) Antigeni HLA (associazione HLA-cl.IID con carcinoma della cervice) Immunodepressione (infezione da HIV) Coinfezioni con altri virus o microrganismi (HSV-2, Clamidia) Numero dei parti Fumo Contraccettivi orali Fattori ormonali Dieta (assenza di carotenoidi, vitamina C)

50 Persistenza dell infezione HPV Circa dell 1% il virus tende a persistere. L infezione attiva riemerge dalla latenza durante una immunodeficienza associata a: Gravidanza Radiazioni solari Stress emozionale Stress fisico HIV Chemioterapia antitumorale

51

52

53 HIV

54

55

56 Decorso e stadi dell HIV: Infezione acuta : 3-6 mesi.1000 CD4/mm3. Latenza clinica: 1-10 anni. LAS : 600 CD4/mm3. ARC : 400 CD4/ mm3. AIDS conclamato : CD4/mm3.

57 1.5 million 200,000 in 05 IDU 7.6 million 830,000 in 05 Heterosexual MSM IDU Source: UNAIDS 2006 Report on the Global AIDS Pandemic 12.1 million 1.3 million in 05 Heterosexual

58 A) Il virus può arrivare nel sangue esclusivamente attraverso: Rapporti sessuali con persone infette. Trasfusione di sangue infetto o plasma o fattori della coagulazione infetti. Siringhe o aghi contaminati con sangue infetto. Madre infetta il figlio durante la gravidanza, al momento del parto o durante l allattamento.

59 B) Il pericolo d infezione aumenta con la frequenza di comportamenti a rischio: Cambiamento di partner sessuali. Rapporto anale. Scambio di siringhe tra tossicodipendenti.

60

61 C) Non è stato mai dimostrato che vi siano rischi : Contatti sociali: Ambiente familiare. Ambiente di lavoro. Scuola. Locali pubblici. Mezzi di trasporto. Acqua, stoviglie, servizi igienici,piscine, spogliatoi. Trasmissione per via aerea (goccioline di saliva, sputo, colpi di tosse). Contatti casuali (strette di mano). Liquidi biologici (urina, saliva, lacrime). Contatti con animali, punture d insetto, zanzare. HIV

62

63

64 HIV I farmaci antivirali limitano la progressione della malattia.i vaccini per prevenire ed il trattamento sono in trials. Sicurezza, sesso monogamo aiuta a limitare la diffusione. Uso di aghi sterili monouso. Screening del sangue per trasfusioni, organi per trapianti, fattori della coagulazione usati per emofiliaci.

65 CANDIDA ALBICANS CIRCA 150 SPECIE; LE PIU IMPORTANTI SONO : albicans, glabrata, tropicalis, kefyr, pseudotropicalis, krusei, parakrusei, viswanathii, stellatoidea, guilliermondii

66 Micosi Incidenza e prevalenza: 20-25% di tutte le donne che afferiscono ad una visita ginecologica. Trasmissione: di solito non sessualmente trasmessa. Età: simile alle altre MTS Sesso: femminile Altri fattori di rischio: terapie varie,diabete mellito Presentazione clinica: Prurito vulvare che si accentua nel periodo perimestruale e durante i rapporti sessuali, leucorrea biancastra.

67 A COLONIZZAZIONE DELLE BLASTOSPORE asintomatica B FORMAZIONE DEL TUBO GERMINATIVO asintomatica C FORMAZIONE DELLE IFE PENETRAZIONE NELLA MUCOSA acuta D INVASIONE DELLA MUCOSA DA PARTE DELLE IFE cronica E CANDIDIASI VULVOVAGINALE RICORRENTE ricorrente

68 Criteri diagnostici Normale Vulvovaginite da Candida ph vaginale < 4.5 Perdite Bianca, sottile, flocculante Bianca cremosa Odore di ammine (pesce marcio) Microscopia Assente Lattobacilli, cellule epiteliali Assente Lieviti gemmanti, ife, pseudoife.

69 SINTOMI: INTENSO PRURITO VULVARE E VAGINALE IRRITAZIONE, PERDITE BIANCHE,ABBONDANTI CREMOSE A RICOTTA NESSUN ODORE DISURIA DISPAREUNIA SEGNI: ADERENZA ALLE PARETI VAGINALI DELLE PERDITE BIANCHE-CREMOSE. ERITEMA VULVARE, EDEMA.

70 Tampone vaginale 11) Il prelievo va effettuato nel fornice posteriore vaginale mediante tamponi sterili previa introduzione di uno speculum bivalve sterile. Vetrino Esame a fresco e rilevazione del fishy odor test. Per la coltura del T.vaginalis. ph dell essudato vaginale.

71 Tampone vaginale 11) Il prelievo va effettuato nel fornice posteriore vaginale mediante tamponi sterili previa introduzione di uno speculum bivalve sterile. Vetrino Esame a fresco e rilevazione del fishy odor test. Per la coltura del T.vaginalis. ph dell essudato vaginale.

72 Tampone vaginale 11) Il prelievo va effettuato nel fornice posteriore vaginale mediante tamponi sterili previa introduzione di uno speculum bivalve sterile. Vetrino Esame a fresco e rilevazione del fishy odor test. Per la coltura del T.vaginalis. ph dell essudato vaginale.

73 Tampone vaginale 11) Il prelievo va effettuato nel fornice posteriore vaginale mediante tamponi sterili previa introduzione di uno speculum bivalve sterile. Vetrino Esame a fresco e rilevazione del fishy odor test. Per la coltura del T.vaginalis. ph dell essudato vaginale.

74 Tampone vaginale 11) Il prelievo va effettuato nel fornice posteriore vaginale mediante tamponi sterili previa introduzione di uno speculum bivalve sterile. Vetrino Esame a fresco e rilevazione del fishy odor test. Per la coltura del T.vaginalis. ph dell essudato vaginale.

75 Tampone da solco balanoprepuziale Le balaniti sono stati infiammatori della mucosa del glande che può interessare anche il prepuzio (balanopostiti). Il prelievo va effettuato con tamponi in nylon o dacron dal solco balano-prepuziale. Vanno utilizzati tamponi diversi per ogni tipo di esame. Il paziente non deve aver effettuato terapia antibiotica o antimicotica d almeno 3-4gg.

76

77 Tampone vaginale Significato diagnostico La diagnosi, solo apparentemente di facile precisazione, si avvale di criteri clinici (presenza di secrezioni maleodoranti e lattiginose nel caso di vaginosi, cremose a ricotta nelle infezioni da lieviti, schiumose giallo-verdastre nelle infezioni da Trichomonas vaginalis,verdastre nelle vulvo-vaginiti da Haemophilus spp.; nel caso di infezioni da Streptococcus pyogenes è presente arrossamento vulvare) e dei risultati delle indagini microbiologiche. Per la diagnosi di vaginosi-vaginite in età adulta le ricerche sono indirizzate a: - ph vaginale; - cellularità (globuli bianchi, cellule di sfaldamento, cellule parabasali), presenza di lattobacilli e di clue cells (Gardnerella vaginalis) e di Mobiluncus spp.; - ricerca di Trichomonas vaginalis e lieviti (esame microscopico e/o colturale).

78 Rivestono un ruolo diagnostico importante, se associati all obiettività clinica, il riscontro del ph vaginale superiore a 4.5, la presenza di globuli bianchi, l assenza di lattobacilli, il riscontro di elementi microbici patognomonici (ife fungine, clue cells). Per la diagnosi di vulvo-vaginite in età pediatrica (< 12 anni) si procede alla ricerca di Streptococcus pyogenes ed Haemophilus spp e di lieviti. Le secrezioni dai fornici vaginali non sono idonee per la ricerca di Neisseria gonorrhoeae, di Chlamydia trachomatis e di micoplasmi (per le quali è necessario il prelievo di essudato cervicale).

79 Materiale per la raccolta Un tampone sterile con terreno di trasporto Un vetrino portaoggetti. Una provetta con 0.5 ml di soluzione fisiologica sterile Strisce di cartina tornasole per valutare il ph.

80 Modalità di prelievo 1. porre la donna in posizione ginecologica; 2. assicurare una sorgente appropriata di illuminazione, per visualizzare la sede ove operare il prelievo; 3. con tampone in dacron asportare dalla vagina le eventuali secrezioni; 4. introdurre il tampone nello specifico brodo di trasporto per Trichomonas vaginalis (oppure in una provetta sterile contenente 3-4 ml di soluzione fisiologica sterile); 5. con un secondo tampone in dacron o in cotone asportare dalla vagina le eventuali secrezioni; 6. introdurre il tampone nell apposito terreno di trasporto; 7. con un terzo tampone in dacron o in cotone asportare dalla vagina le eventuali secrezioni; 8. ruotare il tampone sul vetrino (non strisciare per non alterare la morfologia delle cellule), deponendovi il materiale prelevato; 9) Effettuare un quarto tampone per valutare il ph vaginale 10. lasciare asciugare il vetrino all aria e riporlo nell apposito portavetri

81 Modalità di conservazione e trasporto Il campione deve essere inviato al più presto in laboratorio (entro 15 ), se non è possibile, conservarlo a temperatura ambiente, i vetrini devono essere inviati in contenitori idonei opportunatamente chiusi. Raccomandazioni generali Preparazione del paziente 1. effettuare il prelievo non nel periodo mestruale per evitare risultati falsamente negativi; 2. informare la paziente che per la corretta esecuzione dell esame dovrà: - evitare, dalla sera precedente l esame, il bagno in vasca; potranno, invece, essere effettuati lavaggi esterni; - evitare, dalla sera precedente l esame, l introduzione in vagina di prodotti per l igiene intima; - sospendere da almeno tre-quattro giorni l applicazione di farmaci locali o eventuali terapie generali effettuate per infezioni vaginali; 3) astenersi - nelle ventiquattro ore che precedono il prelievo - da rapporti sessuali

82 Materiale per eseguire il tampone vaginale

83 TAMPONE BALANO-PREPUZIALE Significato biologico L esame del tampone balano-prepuziale permette di ricercare miceti e virus. Materiale per la raccolta Tampone a secco Brodo nutritivo per miceti Due piastre di terreno per l isolamento dei miceti Modalità di prelievo 1) Raccogliere con il tampone l essudato eventualmente presente nella zona del solco balano-prepuziale. 2) Strisciare il tampone nella zona del solco balano-prepuziale Modalità di conservazione e trasporto Inviare subito al laboratorio. E possibile conservare il tampone nella provetta in frigorifero per ore Avvertenze generali Il paziente non deve avere effettuato terapia antibiotica topica o sistemica da una settimana (minimo 3giorni). Tempo di consegna del referto 5 giorni

84 TAMPONE VAGINO-RETTALE PER LA RICERCA DELLO STREPTOCOCCUS AGALACTIAE Significato diagnostico L esame vagino-rettale permette d identificare le donne gravide colonizzate da Streptococcus agalactiae. La trasmissione della donna può portare a trasmissione verticale sia in utero che al momento del parto con possibile infezione del neonato. Materiale per la raccolta Un tampone sterile con terreno di trasporto Un vetrino portaoggetto Una provetta con 0.5 ml di soluzione fisiologica sterile Strisce di cartina tornasole per valutare il ph Modalità di prelievo 1) Invitare la paziente ad assumere la posizione ginecologica 2) Inserire uno speculum monouso, ed effettuare il prelievo dal fornice vaginale posteriore 3) Effettuare un primo prelievo, con il tampone con terreno di trasporto 4) Effettuare un secondo prelievo e strisciarlo sul vetrino portaoggetto 5) Effettuare un terzo prelievo, ed inserire il tampone sulla provetta contenente 0.5 ml di soluzione fisiologica sterile 6) Effettuare il tampone rettale, inserirlo nell apposito terreno di trasporto.

85 Modalità di conservazione e trasporto Il campione deve essere inviato al più presto in laboratorio (entro 15 ), se non è possibile, conservarlo a temperatura ambiente, i vetrini devono essere inviati in contenitori idonei opportunatamente chiusi. I tamponi con mezzo di trasporto sono stabili a temperatura ambiente per almeno 48 ore. Raccomandazioni generali La paziente non deve: - Essere in terapia antibiotica /antimicotica locale o generale da almeno 5 giorni. - Avere eseguito irrigazioni vaginali nelle 48 ore precedenti l esame - Astenersi da rapporti sessuali nelle 24 ore precedenti l'esame - Aspettare almeno 3-4 giorni dalla fine delle mestruazioni; - Eseguire la normale igiene esterna

86 Trichomonas vaginalis

87 11

88

89 Criteri diagnostici Normale Vaginite da Trichomonas ph vaginale Perdite Bianca, sottile, flocculante Gialla, verde Odore di ammine (pesce marcio) Microscopia Assente Lattobacilli, cellule epiteliali Presente Trichomonas, PMN >10

90 Trichomonas vaginalis Il periodo d incubazione dura dai 4-20gg Nella donna compare leucorrea bianca, fluida, prurito, sensazione di caldo, pareti vaginali eritematose, puntate emorragiche, edema Infiammazione dell epitelio squamoso Metaplasia (associazione tra infezione da Trichomonas e carcinoma cervicale)

91 TAMPONE CERVICALE Significato diagnostico : Le ricerche sono indirizzate - per la diagnosi di cervicite, alla ricerca di Neisseria gonorrhoeae e di Chlamydia trachomatis; - per lo studio di infertilità, all esame colturale per Ureaplasma urealyticum oltre alle ricerche precedenti (Neisseria gonorrhoeae e Chlamydia trachomatis). La ricerca di Neisseria gonorrhoeae e di Ureaplasma urealyticum si basa sull esame colturale. La ricerca di Chlamydia trachomatis si basa invece sulla ricerca di antigeni (ELISA o IFA) o del DNA (quest ultima possibile anche per la ricerca di Neisseria gonorrhoeae). - cervicite in donne portatrici di IUD; - bartolinite; - endometrite; - salpingite.

92 Materiale per la raccolta Speculum Tamponi in dacron o cotone Tampone con terreno di trasporto Provetta con brodo di trasporto per la ricerca di Ureaplasma urealyticum / Mycoplasma hominis Tampone con terreno di trasporto per la ricerca di Chlamydia trachomatis

93 Modalità di prelievo Porre la paziente in posizione ginecologica; Illuminare la sede del prelievo; Posizionare lo speculum; Asportare dalla esocervice uterina l eccesso di muco presente con tampone di dacron o in cotone Effettuare il prelievo con tampone floccato all interno del canale endocervicale per 2 cm ruotare per secondi, estrarlo, inserirlo nella provetta con mezzo di trasporto. Effettuare un secondo tampone, prelevare altro materiale e riporre nel terreno di trasporto per la ricerca di Neisseria; Effettuare un terzo tampone, prelevare altro materiale per la ricerca di Ureaplasma urealyticum e Micoplasma hominis, utilizzando gli appositi terreni di trasporto; Effettuare un quarto tampone, prelevare altro materiale per la ricerca di Chlamydia trachomatis.

94 Tampone cervicale Specificare nel modulo di richiesta la motivazione dell indagine sospetta cervicite o infertilità. Avvertenze generali La paziente non deve essere in periodo mestruale (è preferibile eseguire il prelievo 5-7 gg dopo il ciclo) La paziente non deve essere in terapia antibiotica/antimicotica locale o generale da almeno 5 giorni. La paziente non deve aver eseguito irrigazioni vaginali nelle 48 ore precedenti l esame; La paziente non deve aver avuto rapporti sessuali nelle 24 ore precedenti l esame. Tempi di consegna del referto 5-7 giorni

95 Tampone rettale Significato diagnostico Il tampone rettale è eseguibile per screening di particolari patogeni: - Streptococcus agalactiae - Staphylococcus aureus meticillino resistente (MRSA) - Enterococcus sp. vancomicina resistente (VRE) - Pseudomonas aeruginosa - Lieviti Materiale per la raccolta Tampone con terreno di trasporto Modalità di prelievo Per l'esecuzione del tampone rettale pulire la zona anale con acqua calda senza usare disinfettanti. Inserire il tampone nel canale rettale per circa 2 cm. e lasciarlo in sede per almeno 30 secondi, ruotandolo contro le pareti mucose. Modalità di conservazione e trasporto Il campione deve essere inviato al più presto in laboratorio (entro 15 ). I tamponi con mezzo di trasporto sono stabili a temperatura ambiente per almeno 48 ore. Tempo di consegna del referto 5 giorni

96 Tampone uretrale Significato diagnostico L esame del tampone uretrale viene consigliato nelle uretriti di n.d.d., nelle uretriti gonococciche e nelle uretriti post- gonococciche e nell infertilità maschile. Il tampone uretrale permette la ricerca della Chlamydia trachomatis, Neisseria gonorrhoeae, la ricerca di Micoplasmi urogenitali (Ureaplasma urealyticum, Mycoplasma hominis, Mycoplasma genitalium) e la ricerca del Trichomonas vaginalis. per lo studio dell infertilità alla ricerca di Neisseria gonorrhoeae (esame colturale e ricerca diretta mediante ibridazione) e Trichomonas vaginalis (esame microscopico e colturale) e Chlamydia trachomatis (ricerca diretta mediante ibridazione), Ureaplasma urealyticum e Mycoplasmahominis Materiale per la raccolta Tampone sottile montato su filo di alluminio con terreno di trasporto Tampone sottile montato su filo di alluminio senza terreno di trasporto Un vetrino portaoggetto Tampone per la ricerca di Chlamydia trachomatis Brodo di trasporto per ricerca di Mycoplasma/Ureaplasma Contenitore a bocca larga con tappo a vite

97 Modalità di prelievo Nella donna: 1) Lavare accuratamente i genitali esterni ed asciugarli 2) Raccogliere con un tampone a secco eventuali secrezioni uretrali spontanee sul vetrino, da lasciare asciugare all aria (identificare il vetrino riportando codice richiesta e/o dati anagrafici a matita nell apposita banda) 3) Inserire il tampone eswab sottile per circa 1 cm. nell'uretra, ruotandolo delicatamente

98 Tampone uretrale Nell uomo : Effettuare il tampone uretrale al mattino, prima della minzione Eseguire il tampone per allestire un vetrino Inserire il tampone nell uretra per circa 3-4 cm e ruotarlo delicatamente sulle pareti uretrali per alcuni secondi; Riporre il tampone nei rispettivi terreni di trasporto, allestire uno o due vetrini per l esame microscopico. Dopo aver eseguito il prelievo, il paziente dovrà urinare (primo getto della minzione) per la ricerca di Neisseria, Trichomonas vaginalis, Mycoplasma/Ureaplasma, Chlamydia.

99 Modalità di conservazione e trasporto Il tampone per la ricerca di Neisseria gonorrhoeae e di Micoplasmi deve essere inviato immediatamente in Laboratorio; Il campione per la ricerca di C. trachomatis può essere conservato in frigorifero per ore. Avvertenze generali La donna: Astenersi da rapporti sessuali nelle 24 ore precedenti e dall'urinare nelle 3 ore precedenti l esame. Cessare qualsiasi terapia antibiotica locale (creme, candelette, ovuli, lavande) che generale da una settimana (minimo 3 giorni) - Aspettare almeno 3-4 giorni dalla fine delle mestruazioni; non eseguire irrigazioni vaginali nelle 24 ore precedenti l'esame - Dopo il prelievo consigliare alla paziente di bere tre o quattro bicchieri d acqua in modo da stimolare la minzione (il lavaggio dell uretra con il passaggio delle urine diluite elimina il residuo eventuale bruciore e riduce il rischio di infezioni).

100 L uomo: - Astenersi da rapporti sessuali nelle 24 ore precedenti e dall'urinare nelle 3 ore precedenti l esame - Cessare qualsiasi terapia antibiotica da una settimana (minimo 3 giorni) - Nei casi in cui non sia evidente una secrezione, eseguire il tampone al mattino prima della minzione. - Dopo il prelievo consigliare al paziente di bere tre o quattro bicchieri d acqua in modo da stimolare la minzione (il lavaggio dell uretra con il passaggio delle urine diluite elimina il residuo eventuale bruciore e riduce il rischio di infezioni

101 Spermiocoltura Significato diagnostico La spermiocoltura è indicata per porre diagnosi eziologica di infezione genitale (prostatite, orchi-epididimite) e per l accertamento di cause infettive di infertilità. L esame si effettua con la coltura dell urina da mitto intermedio (utilizzata come bianco e per escludere una cistite) e dello sperma. Il test è indirizzato alla ricerca dei batteri classicamente venerei (Neisseria gonorrhoeae) e di quelli abitualmente residenti a livello uretrale (Enterobatteri, Bacilli Gram negativi non fermentanti il glucosio, cocchi Gram positivi, bacilli Gram positivi). Materiale per la raccolta 2 contenitori sterili, a bocca larga, con tappo a vite.

102 Modalità di prelievo 1) Istruire accuratamente i pazienti circa la corretta modalità di raccolta dei campioni; 2) Lavare con cura le mani con acqua e sapone, risciacquare e asciugare con telo pulito; 3) Contrassegnare i due contenitori scrivendo sull etichetta rispettivamente: 1. Urine e 2. Liquido seminale ; 4) Lavare con cura i genitali esterni, con acqua e sapone (non usare antisettici!), poi asciugare con una salviettina pulita; 5) Aprire il contenitore sterile 1. Urine evitando di toccarne l'interno e/o il coperchio, appoggiando sia il contenitore che il coperchio (rivolto all'insù) su una superficie piana; 6) Scoprire il glande, lavarlo accuratamente con acqua e sapone, sciacquarlo e asciugarlo;

103 7) Tenere retratto il prepuzio e urinare eliminando il primo getto nel WC e raccogliendo direttamente nel contenitore sterile la seconda parte di urina. E sufficiente riempire metà contenitore; 8) Chiudere immediatamente il contenitore, avvitando con cura il tappo ed evitando di toccarne l'interno; 9) Aprire il contenitore 2. liquido seminale senza toccarne le pareti interne; 10) Raccogliere lo sperma nel contenitore 2. liquido seminale (senza toccarne le pareti interne); 11) Identificare i contenitori con etichette che riportano i dati del paziente. 12) - accertarsi che i contenitori siano ermeticamente chiuso in modo che i campioni non fuoriescano durante il trasporto; Raccomandazioni generali al mattino a vescica piena, effettuare la pulizia dei genitali esterni, urinare, svuotando completamente la vescica

Classificazione delle MTS in relazione all agente eziologico Batteriche:

Classificazione delle MTS in relazione all agente eziologico Batteriche: Malattie sessualmente trasmesse (MST) o Malattie Veneree (VD) Anno Accademico 20132013-2014 IST curabili: 448 milioni di nuovi casi all anno (O.M.S. - 2005 2005)) Infezioni Trichomonas Chlamydia Casi/anno

Dettagli

Malattie sessualmente trasmesse

Malattie sessualmente trasmesse Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Scienze Ginecologiche, Ostetriche e della Riproduzione Malattie sessualmente trasmesse XIX secolo Malattie veneree Ulcera molle Gonorrea Linfogranuloma

Dettagli

http://www.ginecolink.net/percorso_non_medici/mst.htm

http://www.ginecolink.net/percorso_non_medici/mst.htm Pagina 1 di 6 Guida alle risorse web dedicate alla salute della donna Web Directory Più di 2500 links, a siti web mondiali e a documenti scientifici News Articoli selezionati dalle migliori riviste full-text

Dettagli

La nuova epidemiologia delle Malattie a Trasmissione Sessuale (MTS). Oggi le Malattie a Trasmissione Sessuale (MTS) costituiscono un vasto gruppo di

La nuova epidemiologia delle Malattie a Trasmissione Sessuale (MTS). Oggi le Malattie a Trasmissione Sessuale (MTS) costituiscono un vasto gruppo di La nuova epidemiologia delle Malattie a Trasmissione Sessuale (MTS). Oggi le Malattie a Trasmissione Sessuale (MTS) costituiscono un vasto gruppo di malattie infettive molto diffuse e le cui cure assorbono

Dettagli

Malattie a trasmissione sessuale

Malattie a trasmissione sessuale Malattie a trasmissione sessuale 1 Definizione Sono infezioni che colpiscono sia gli organi genitali che altre parti del corpo e che si trasmettono mediante i rapporti sessuali con persone infette. 2 Inquadramento

Dettagli

PREVENZIONE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI ASP RAGUSA - SERT VITTORIA DOTT.SSA M. CAPUZZELLO DOTT.SSA D. DI STEFANO

PREVENZIONE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI ASP RAGUSA - SERT VITTORIA DOTT.SSA M. CAPUZZELLO DOTT.SSA D. DI STEFANO PREVENZIONE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI ASP RAGUSA - SERT VITTORIA DOTT.SSA M. CAPUZZELLO DOTT.SSA D. DI STEFANO Cosa sono le MST? Le malattie sessualmente trasmissibili, dette anche malattie veneree,

Dettagli

Infezioni sessualmente trasmesse e tumori

Infezioni sessualmente trasmesse e tumori Infezioni sessualmente trasmesse e tumori Ediz. 2016 Infezioni sessualmente trasmesse e tumori Le Infezioni Sessualmente Trasmesse (IST) costituiscono un vasto gruppo di affezioni molto diffuse in tutto

Dettagli

Malattie a Trasmissione Sessuale (MTS).

Malattie a Trasmissione Sessuale (MTS). Malattie a Trasmissione Sessuale (MTS). Oggi le Malattie a Trasmissione Sessuale (MTS) costituiscono un vasto gruppo di malattie infettive molto diffuse e le cui cure assorbono ingenti risorse finanziarie.

Dettagli

Malattie sessualmente trasmesse

Malattie sessualmente trasmesse Malattie sessualmente trasmesse Che cosa sono le malattie sessualmente trasmesse? Le malattie sessualmente trasmesse (MST) sono infezioni che si possono contrarre attraverso i rapporti sessuali. Sono causate

Dettagli

Malattie a trasmissione sessuale

Malattie a trasmissione sessuale Malattie a trasmissione sessuale Capitolo 7 Le malattie a trasmissione sessuale (MTS) sono causate da diversi microrganismi (batteri, virus, protozoi, parassiti o funghi), che si trasmettono da una persona

Dettagli

LE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE

LE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE MEDICI PER SAN CIRO LE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE Dr Ciro Lenti U.O. Nefrologia e Dialisi AUSL 11 Empoli P.O. San Miniato (PI) Le infezioni delle vie urinarie sono infezioni che possono riguardare i

Dettagli

VAGINITI & MMG. Sono la patologia ginecologica più frequente con cui si viene a contatto.

VAGINITI & MMG. Sono la patologia ginecologica più frequente con cui si viene a contatto. VAGINITI & MMG Sono la patologia ginecologica più frequente con cui si viene a contatto. La diagnosi e il trattamento spettano in prima istanza al mmg. Fra i miei assistiti le donne in età compresa fra

Dettagli

Epidemiologia delle Infezioni Sessualmente Trasmesse

Epidemiologia delle Infezioni Sessualmente Trasmesse Epidemiologia delle Infezioni Sessualmente Trasmesse Maria Cristina Salfa Centro Operativo AIDS Dipartimento di Malattie Infettive, Parassitarie ed Immunomediate Istituto Superiore di Sanità, Roma Corso

Dettagli

La malattie a trasmissione sessuale (MST) La scuola incontra i giovani dalla consapevolezza alla sessualità sicura

La malattie a trasmissione sessuale (MST) La scuola incontra i giovani dalla consapevolezza alla sessualità sicura La malattie a trasmissione sessuale (MST) La scuola incontra i giovani dalla consapevolezza alla sessualità sicura No ginnastica Si sentimento, emozione MST IST IST Epidemiologia delle MST nel mondo WHO

Dettagli

Casa di Cura HERMITAGE CAPODIMONTE spa

Casa di Cura HERMITAGE CAPODIMONTE spa Esami E del sangue E necessario il digiuno dopo un pasto serale leggero. E consentito bere acqua. Il digiuno deve essere di almeno 14-18 ore per il dosaggio di colesterolo e trigliceridi. Curva glicemica

Dettagli

Dott. Paolo Bulgarelli

Dott. Paolo Bulgarelli LE INFEZIONI VAGINALI QUADRI COLPOSCOPICI l Dott. Paolo Bulgarelli UOC OSTETRICIA E GINECOLOGIA Direttore: Dott. Pietro Catapano Ospedale Mater Salutis, Legnago 31 Marzo 2012 Diagnosi delle Malattie della

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

Trichomonas vaginalis

Trichomonas vaginalis Trichomonas vaginalis Flagellato trasmesso per via sessuale Colpisce entrambi i sessi, le donne tendono a rimanere infettanti per molto tempo (se non trattate). Nell uomo la tricomoniasi determina una

Dettagli

L esame microbiologico uretro-cervico-vaginale

L esame microbiologico uretro-cervico-vaginale L esame microbiologico uretro-cervico-vaginale Rosanna Predazzer Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Provincia Autonoma di Trento U.O. Microbiologia e Virologia Ospedale S.chiara Trento 25 gennaio

Dettagli

Dati epidemiologici sulle patologie della sfera sessuale in adolescenza. Luisa Mondo

Dati epidemiologici sulle patologie della sfera sessuale in adolescenza. Luisa Mondo Dati epidemiologici sulle patologie della sfera sessuale in adolescenza Luisa Mondo I.S.T. INFEZIONI SESSUALMENTE TRASMISSIBILI Sono infezioni che si contraggono attraverso rapporti sessuali con persone

Dettagli

Intervista al Prof. Giuseppe Fumo Docente a contratto presso la Facoltà di Medicina dell Università degli Studi di Roma La Sapienza

Intervista al Prof. Giuseppe Fumo Docente a contratto presso la Facoltà di Medicina dell Università degli Studi di Roma La Sapienza Intervista al Prof. Giuseppe Fumo Docente a contratto presso la Facoltà di Medicina dell Università degli Studi di Roma La Sapienza e Chirurgia Il carcinoma cervicale è il primo tumore ad essere riconosciuto

Dettagli

Una recrudescenza delle malattie sessualmente trasmesse?

Una recrudescenza delle malattie sessualmente trasmesse? Salute Maria Bruna Pasticci Una recrudescenza delle malattie sessualmente trasmesse? Con il termine di malattie sessualmente trasmesse (MST) o si definiscono tutte le patologie che possono essere acquisite

Dettagli

MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE (MTS)

MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE (MTS) MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE (MTS) COSA SONO? Sono malattie provocate da virus, batteri, parassiti o funghi; l infezione viene trasmessa attraverso i rapporti sessuali con persone malate o portatrici

Dettagli

PROTOCOLLO PER UN SISTEMA DI SORVEGLIANZA E CONTROLLO DELLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMESSE IN PIEMONTE

PROTOCOLLO PER UN SISTEMA DI SORVEGLIANZA E CONTROLLO DELLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMESSE IN PIEMONTE Regione Piemonte Assessorato Sanità Assistenza Direzione Sanità Pubblica Settore Igiene e Sanità Pubblica PROTOCOLLO PER UN SISTEMA DI SORVEGLIANZA E CONTROLLO DELLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMESSE IN

Dettagli

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Materiale elaborato con la supervisione della dott.ssa Barbara Ricciardi dai partecipanti al corso di formazione per volontari Comunicare

Dettagli

Dr. Nunzio Minniti Centro di diagnosi e cura della Sterilità Clinica del Mediterraneo Ragusa

Dr. Nunzio Minniti Centro di diagnosi e cura della Sterilità Clinica del Mediterraneo Ragusa MALATTIE SESSUALMENTE TRASMESSE Dr. Nunzio Minniti Centro di diagnosi e cura della Sterilità Clinica del Mediterraneo Ragusa MTS Comprendono un gruppo di patologie infettive che hanno come via contagio

Dettagli

LE INFEZIONI SESSUALMENTE TRASMESSE:

LE INFEZIONI SESSUALMENTE TRASMESSE: LE INFEZIONI SESSUALMENTE TRASMESSE: la conoscenza è il primo passo per combatterle www.aslbrescia.it A cura dell Azienda Sanitaria Locale di Brescia Servizio Medicina del Disagio Ambulatorio Malattie

Dettagli

AIDS e dintorni: le malattie a trasmissione sessuale (MTS) HIV e AIDS

AIDS e dintorni: le malattie a trasmissione sessuale (MTS) HIV e AIDS Specialista in Medicina Legale Via Ragusa 4 20125 Milano Tel. 02 66 809 704 mariocorcelli@fastwebnet.it Articolo tratto dal sito: www.medico-legale.it Titolo: AIDS e dintorni: le malattie a trasmissione

Dettagli

PAP TEST. Guida alla esecuzione ed interpretazione dei referti citologici

PAP TEST. Guida alla esecuzione ed interpretazione dei referti citologici PAP TEST Guida alla esecuzione ed interpretazione dei referti citologici UOS di Citopatologia UO di Anatomia ed Istologia Patologica UO di Microbiologia e Virologia Ospedale San Bortolo, Vicenza Revisione

Dettagli

Corretta gestione della fattrice e dello stallone: come aumentare le probabilità di gravidanza

Corretta gestione della fattrice e dello stallone: come aumentare le probabilità di gravidanza Corretta gestione della fattrice e dello stallone: come aumentare le probabilità di gravidanza Michela Beccaglia DVM, PhD, Dipl. ECAR Libera Professionista, Lissone(MB) michela.beccaglia@libero.it 30 Ottobre

Dettagli

Colposcopia e Biopsia cervicale

Colposcopia e Biopsia cervicale Colposcopia e Biopsia cervicale Che cosa sono la Colposcopia e la Biopsia cervicale? A cosa serve la Colposcopia? Come prepararsi alla Colposcopia? Come si fa la Colposcopia? Fare la Colposcopia è doloroso?

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SCREENING REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI DEL COLLO DELL'UTERO

IL PROGRAMMA DI SCREENING REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI DEL COLLO DELL'UTERO SCREENING DEL TUMORE DEL COLLO DELL'UTERO IL TUMORE DEL COLLO DELL UTERO Il tumore del collo dell utero (o della cervice) è uno dei tumori più frequenti nella donna. In Italia ogni anno ci sono 3.500 nuovi

Dettagli

riconoscere Sai nemiche? letue

riconoscere Sai nemiche? letue Sai riconoscere letue nemiche? Se le conosci le eviti Con la supervisione scientifica di Vincenzina Bruni Professore Ordinario di Ostetricia e Ginecologia Università di Firenze le malattie a trasmissione

Dettagli

Unità Semplice di MST (Malattie Sessualmente Trasmissibili) Responsabile Dott. Andrea Barelli

Unità Semplice di MST (Malattie Sessualmente Trasmissibili) Responsabile Dott. Andrea Barelli Unità Semplice di MST (Malattie Sessualmente Trasmissibili) Responsabile Dott. Andrea Barelli Azienda ULSS12 Veneziana U.O. di Malattie Infettive e Tropicali Dip. Medicina Clinica Ospedale dell Angelo

Dettagli

Nota dell editore. Prefazione

Nota dell editore. Prefazione Autori Nota dell editore Prefazione XI XIII XV 1 Importanza dello studio della microbiologia 1 Cenni di epidemiologia 1 Le infezioni nosocomiali 5 I microrganismi e la microbiologia 7 Microrganismi endogeni

Dettagli

LE INFEZIONI OSCURE : ACCENDI LA LUCE! ТЁМНЫЕ ИНФЕКЦИИ - ЗАЖГИ СВЕТ! LAS INFECCIONES OSCURAS ENCIENDE LA LUZ! AS INFECÇÕES ESCURAS: LIGAS A LUZ!

LE INFEZIONI OSCURE : ACCENDI LA LUCE! ТЁМНЫЕ ИНФЕКЦИИ - ЗАЖГИ СВЕТ! LAS INFECCIONES OSCURAS ENCIENDE LA LUZ! AS INFECÇÕES ESCURAS: LIGAS A LUZ! LE INFEZIONI OSCURE : ACCENDI LA LUCE! ТЁМНЫЕ ИНФЕКЦИИ - ЗАЖГИ СВЕТ! LAS INFECCIONES OSCURAS ENCIENDE LA LUZ! AS INFECÇÕES ESCURAS: LIGAS A LUZ! J + a cura di Prof. Maria Rita Gismondo Под редакцией профессора

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA Ispettorato Regionale Pionieri Toscana HIV EPATITI MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

CROCE ROSSA ITALIANA Ispettorato Regionale Pionieri Toscana HIV EPATITI MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI CROCE ROSSA ITALIANA Ispettorato Regionale Pionieri Toscana HIV EPATITI MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI Corso Aspiranti Pionieri CRI Pisa San Frediano a Settimo 8 Nov. 2006 Monitore C.R.I. SPINELLI

Dettagli

malattie sessualmente trasmissibili

malattie sessualmente trasmissibili malattie sessualmente trasmissibili prevenzione, diagnosi e terapia a cura di Tiziano Cappelletto, ginecologo in collaborazione con Giampaolo Contemori, andrologo Sandro Pasquinucci, infettivologo Patrizio

Dettagli

LE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

LE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI LE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI LE MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE CHE COSA SONO Sono malattie che vengono trasmesse da una persona all'altra prevalentemente per contatto sessuale. Vengono anche

Dettagli

Allegato 04 Guida alla corretta effettuazione del prelievo e raccolta materiale biologico

Allegato 04 Guida alla corretta effettuazione del prelievo e raccolta materiale biologico egato 04 Pag. 1 di 8 del 20/09/2012 La finalità delle indagini microbiologiche è quella di diagnosticare le infezioni ed accertare i patogeni in causa, attraverso indagini dirette e /o colturali ( identificazione

Dettagli

PEER EDUCATION E PREVENZIONE DALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

PEER EDUCATION E PREVENZIONE DALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI PEER EDUCATION E PREVENZIONE DALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI ASP RAGUSA - SERT VITTORIA DOTT.SSA M. CAPUZZELLO DOTT.SSA D. DI STEFANO AIDS L'AIDS è una sindrome clinica caratterizzata da un progressivo

Dettagli

LESIONI BENIGNE VULVARI E VAGINALI

LESIONI BENIGNE VULVARI E VAGINALI LESIONI BENIGNE VULVARI E VAGINALI Prof. S. Venturoli e Dott. L. Orazi U.O. Ginecologia e Fisiopatologia della Riproduzione Umana Prof. S. Venturoli ANATOMIA LESIONI BENIGNE VULVARI E VAGINALI Introduzione.

Dettagli

Affettività, sessualità e tutela della salute: io e gli altri. Dott. Carlo Brusati Specialista in Dermatologia e Venereologia

Affettività, sessualità e tutela della salute: io e gli altri. Dott. Carlo Brusati Specialista in Dermatologia e Venereologia Affettività, sessualità e tutela della salute: io e gli altri Dott. Carlo Brusati Specialista in Dermatologia e Venereologia Cosa si intende per malattie sessualmente trasmissibile? Una malattia infettiva,

Dettagli

La vaccinazione contro il papillomavirus

La vaccinazione contro il papillomavirus Conegliano, 9 maggio 2013 La vaccinazione contro il papillomavirus Dott.ssa Ester Chermaz Responsabile U.O. Profilassi delle Malattie Infettive Servizio Igiene e Sanità Pubblica ULSS 7 Pieve di Soligo

Dettagli

Le malattie sessualmente trasmesse

Le malattie sessualmente trasmesse Le malattie sessualmente trasmesse (nell adolescente sessualmente attivo) Maria Rita Govoni U.O. Pediatria e Adolescentologia Az. Ospedaliero-Universitaria Ferrara 1 Malattie sessualmente trasmesse Individuo

Dettagli

L'integrazione delle competenze nelle strategie di prevenzione: il ruolo del medico di Medicina Generale. Filippo Anelli

L'integrazione delle competenze nelle strategie di prevenzione: il ruolo del medico di Medicina Generale. Filippo Anelli L'integrazione delle competenze nelle strategie di prevenzione: il ruolo del medico di Medicina Generale Filippo Anelli L infezione da HPV L HPV è il papilloma virus umano. Conosciamo più di 100 tipi di

Dettagli

PROGETTO DI PREVENZIONE HIV-AIDS/MTS

PROGETTO DI PREVENZIONE HIV-AIDS/MTS PROGETTO DI PREVENZIONE HIV-AIDS/MTS in 2 parole... HIV = virus che causa l infezione Human Immunodeficiency Virus AIDS = Malattia in atto Acquired Immuno Deficency Syndrome 2 SIEROPOSITIVO SIGNIFICA AVERE

Dettagli

PAPILLOMA VIRUS UMANO E CARCINOMA DELLA CERVICE

PAPILLOMA VIRUS UMANO E CARCINOMA DELLA CERVICE PAPILLOMA VIRUS UMANO E CARCINOMA DELLA CERVICE Lo screening come forma di prevenzione LE INFEZIONI DA HPV (PAPILLOMA VIRUS UMANO) Cos è l HPV? L HPV è una categoria di virus molto diffusa. La trasmissione

Dettagli

INFEZIONI A TRASMISSIONE SESSUALE

INFEZIONI A TRASMISSIONE SESSUALE Grafica: Pablo Comunicazione Gennaio 2014 info: Numero Verde 800 033033 Giorni feriali dalle ore 8,30 alle ore 17,30 sabato dalle ore 8,30 alle ore 13,30 HTTP://GUIDASERVIZI.SALUTER.IT SCRIVENDO NEL CAMPO

Dettagli

HPV -PAP TEST- VIRA PAP E VACCINO PER IL PAPILLOMA VIRUS

HPV -PAP TEST- VIRA PAP E VACCINO PER IL PAPILLOMA VIRUS HPV -PAP TEST- VIRA PAP E VACCINO PER IL PAPILLOMA VIRUS HPV Il virus del papilloma umano o HPV appartiene al gruppo dei papova virus e puo causare malattie della pelle e delle mucose. Si trasmette direttamente

Dettagli

LE MALATTIE A TRASMISSION E SESSU ALE

LE MALATTIE A TRASMISSION E SESSU ALE LE MALATTIE A TRASMISSION E SESSU ALE Opuscolo Informativo Associazione Universitaria Koiné ONLUS LE MALATTIE A TRASMISSONE SESSUALE (MTS) Le malattie a trasmissione sessuale (MTS) sono causate da batteri,

Dettagli

Papillomavirus. Giovanni Bracchitta

Papillomavirus. Giovanni Bracchitta Papillomavirus Giovanni Bracchitta Caratteristiche del virus Famiglia: Papillomaviridae Genere: Papillomavirus Genoma: dsdna, circolare, 8.000 bp Capside: icosaedrico, diametro 45-55 nm Tropismo tissutale:

Dettagli

LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica

LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica LA VACCINAZIONE CONTRO IL PAPILLOMAVIRUS UMANO (HPV) S.S. Pediatria Territoriale Servizio di Medicina Scolastica LO SCREENING Uno dei principali obiettivi della medicina è diagnosticare una malattia il

Dettagli

DEFINIZIONE DEGLI STRUMENTI PREVENTIVI PER LE IST

DEFINIZIONE DEGLI STRUMENTI PREVENTIVI PER LE IST Linee Guida per la gestione del paziente con infezione sessualmente trasmessa (IST). Italia, SIMAST 2010. DEFINIZIONE DEGLI STRUMENTI PREVENTIVI PER LE IST La prevenzione delle IST si rivolge ad un comportamento,

Dettagli

COME PREPARARSI AGLI ESAMI

COME PREPARARSI AGLI ESAMI COME PREPARARSI AGLI ESAMI Prima di effettuare qualsiasi prelievo del sangue è importante porre attenzione ad alcune piccole ma importanti regole perché alcuni fattori come ad esempio il digiuno, l'esercizio

Dettagli

infezioni a trasmissione sessuale mi informo, mi proteggo, mi controllo

infezioni a trasmissione sessuale mi informo, mi proteggo, mi controllo infezioni a trasmissione sessuale mi informo, mi proteggo, mi controllo Infezioni a trasmissione sessuale Quando si parla di infezioni che si trasmettono attraverso i rapporti sessuali, si pensa all AIDS

Dettagli

HPV papillomavirus umani

HPV papillomavirus umani HPV papillomavirus umani Oltre 100 tipi, alcuni dei quali responsabili del cancro del collo dell utero : l importanza del vaccino Quali lesioni sono provocate dagli HPV? Le infezioni da HPV sono estremamente

Dettagli

Prevenzione Della Neoplasia Della Cervice Uterina Tra. Screening E Vaccinazione

Prevenzione Della Neoplasia Della Cervice Uterina Tra. Screening E Vaccinazione Prevenzione Della Neoplasia Della Cervice Uterina Tra Screening E Vaccinazione Papanicolau intuisce che Anno 1917 la facile accessibilità della portio può consentire lo studio delle cellule che da essa

Dettagli

MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI Proteggi l Amore Ausl_Mo_Opuscolo_MST.indd 1 07/09/15 12:50 Testo a cura di: Fabia Businco - Azienda USL di Modena Simona Casari - Azienda USL di Modena Commissione

Dettagli

Sessualità contraccezione e malattie sessualmente trasmesse

Sessualità contraccezione e malattie sessualmente trasmesse Sessualità contraccezione e malattie sessualmente trasmesse Crescere donna 1 Crescere uomo 2 3 La pubertà cervello ipotalamo fattori di rilascio ipofisi gonadotropine ovaia testicolo ormoni sessuali femminili

Dettagli

E SE MI CHIAMANO DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO DOPO IL PAP TEST? ììì REGIONE LAZIO A cura di: U.O. C. Screening Oncologici della ASL Roma C, Via Monza, 2 Servizio di Patologia Cervico - Vaginale e Vulvare Ospedale S. Eugenio tel. 06.51006600 - fax 06.51006630 e-mail

Dettagli

MALATTIE SESSUALMENTE TRASMESSE (MST)

MALATTIE SESSUALMENTE TRASMESSE (MST) Lez. 5/12/2007 prof Cobellis MALATTIE SESSUALMENTE TRASMESSE (MST) Oggi parliamo di malattie sessualmente trasmesse e di malattia infiammatoria pelvica che sicuramente è uno dei motivi più frequenti di

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA MODALITÀ DI PRELIEVO E RACCOLTA CAMPIONI PER PAZIENTI ESTERNI

ISTRUZIONE OPERATIVA MODALITÀ DI PRELIEVO E RACCOLTA CAMPIONI PER PAZIENTI ESTERNI MD 02/01-00 ISTRUZIONE OPERATIVA Pagina 1 di 11 RACCOLTA CAMPIONI PER NOTE: 0 Prima emissione D.ssa S. Natili D.ssa M. Tronci Rev. Data Oggetto Redige Autorizza Pagina 2 di 11 Sommario 1. URINE...3 1.1

Dettagli

Endometriosi, infezioni vaginali, STD

Endometriosi, infezioni vaginali, STD Endometriosi, infezioni vaginali, STD Definizione: Endometriosi Presenza di ghiandole e stroma endometriali al di fuori dell utero Frequenza: 2-18% della popolazione femminile generale (di solito asintomatica)

Dettagli

Herpes Genitale. Come si previene?

Herpes Genitale. Come si previene? Herpes Genitale E una Malattia Sessualmente Trasmissibile molto diffusa causata da un virus (Herpes Virus) simile a quello che provoca le classiche vescicole sulla bocca. Una volta infettati, il virus

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

Peculiarita del trattamento integrato nei pazienti HIV

Peculiarita del trattamento integrato nei pazienti HIV Peculiarita del trattamento integrato nei pazienti HIV Clinica'di'Mala*e'Infe*ve'' Azienda'Ospedaliera'di'Perugia' 31/10/2014' ' Dr.'Claudio'Sfara' Dr.ssa'Laura'Bernini' Carcinoma anale 2.5% delle neoplasie

Dettagli

Infezioni delle vie urinarie

Infezioni delle vie urinarie Infezioni delle vie urinarie DEFINIZIONE Il termine infezione delle vie urinarie (Urinary tract infection UTI ) definisce la presenza di segni e sintomi delle vie urinarie associati a isolamento di microrganismi

Dettagli

CISTITE. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

CISTITE. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate CISTITE A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è la CISTITE? La cistite è la più comune e frequente malattia delle vie urinarie e può colpire

Dettagli

CENTRO DIAGNOSTICO GAMMA

CENTRO DIAGNOSTICO GAMMA URINOCOLTURA In mancanza di richiesta specifica viene effettuato l esame colturale quantitativo per i batteri aerobi:enterobatteri, enterococco, stafilococco e miceti. Modalità di raccolta o prelievo Se

Dettagli

L argento colloidale nelle malattie del tratto urogenitale

L argento colloidale nelle malattie del tratto urogenitale Uso dell argento colloidale nell uomo 93 L argento colloidale nelle malattie del tratto urogenitale Nei reni il sangue viene filtrato e purificato dall acqua, dai prodotti di scarto (per esempio quelli

Dettagli

NEI PAESI ASIATICI, IN AFRICA E NEL SUD AMERICA PRESENTA INCIDENZE NETTAMENTE SUPERIORI RAGGIUNGENDO IL 10-20% DI TUTTE LE FORME TUMORALI

NEI PAESI ASIATICI, IN AFRICA E NEL SUD AMERICA PRESENTA INCIDENZE NETTAMENTE SUPERIORI RAGGIUNGENDO IL 10-20% DI TUTTE LE FORME TUMORALI CANCRO DEL PENE EPIDEMIOLOGIA NEOPLASIA PIUTTOSTO RARA NEI PAESI INDUSTRIALIZZATI NEI PAESI OCCIDENTALI RAPPRESENTA LO 0,2-2% DI TUTTE LE NEOPLASIE CHE COLPISCONO L UOMO NEI PAESI ASIATICI, IN AFRICA E

Dettagli

UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012.

UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012. UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012 Mycoplasmataceae Genere Mycoplasma: circa 100 specie Mycoplasma pneumoniae ( agente

Dettagli

Igiene ed autoprotezione

Igiene ed autoprotezione Igiene ed autoprotezione Alessio Riitano Istruttore PSTI Croce Rossa Italiana Recapiti: E-mail: alessio.riitano@gmail.com Web: http://www.aleritty.net Creative Commons BY-NC-SA Riepilogo Il nostro organismo

Dettagli

LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO TUMORE DELLA MAMMELLA

LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO TUMORE DELLA MAMMELLA LA PREVENZIONE PROTEGGE DAL CANCRO Combattere i tumori è possibile. Prima di tutto prevenendone la comparsa attraverso la riduzione dei fattori di rischio, adottando stili di vita sani come evitare il

Dettagli

INFORMARE, TUTELARE, PREVENIRE

INFORMARE, TUTELARE, PREVENIRE TUMORE DELLA CERVICE, LESIONI PRE-CANCEROSE e INFEZIONI DA PAPILLOMAVIRUS Perché, come, chi? INFORMARE, TUTELARE, PREVENIRE www.wacc-network.org PERCHÉ PREVENIRE IL CANCRO Tube di Falloppio Ovaio Che cos

Dettagli

Colposcopia :esame di II livello nello screening del cervico carcinoma. Medolla, 11-10-2014

Colposcopia :esame di II livello nello screening del cervico carcinoma. Medolla, 11-10-2014 Colposcopia :esame di II livello nello screening del cervico carcinoma Medolla, 11-10-2014 Come accedere alla colposcopia quando non inviata da screening Appuntamento telefonico Tel 0535602247 infermiera

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

INFEZIONI DELLE VIE URINARIE

INFEZIONI DELLE VIE URINARIE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE L'urina normale è sterile. L'isolamento di batteri nelle urine è legato alla colonizzazione batterica della mucosa del tratto urinario e/o dei reni. Le infezioni del tratto

Dettagli

Le infezioni genitali da Candida

Le infezioni genitali da Candida Le infezioni genitali da Candida I microrganismi del genere Candida (o Monilia) sono una delle cause più frequenti di infezioni genitali femminili e maschili, tanto che la candidosi costituisce il motivo

Dettagli

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità Le malattie infettive - definizione - rapporto tra microrganismi e uomo - modalità di trasmissione delle infezioni - le basi della prevenzione - il ruolo dell ambiente domestico Malattie infettive: forme

Dettagli

riconoscere Sai nemiche? letue

riconoscere Sai nemiche? letue Sai riconoscere letue nemiche? c Se le conosci le eviti Con la supervisione scientifica di Vincenzina Bruni e Annalisa Pieralli Università degli Studi di Firenze indice LE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

Dettagli

IL PAPILLOMA VIRUS E LA CAMPAGNA VACCINALE. Sandra Fabbri Fondazione ONLUS Attilia Pofferi

IL PAPILLOMA VIRUS E LA CAMPAGNA VACCINALE. Sandra Fabbri Fondazione ONLUS Attilia Pofferi IL PAPILLOMA VIRUS E LA CAMPAGNA VACCINALE Sandra Fabbri Fondazione ONLUS Attilia Pofferi LA COMUNICAZIONE SULLA VACCINAZIONE CHIAREZZA E CONDIVISIONE DEGLI OBIETTIVI DI SANITÀ PUBBLICA SUL VACCINO CONTRO

Dettagli

INTRODUZIONE. Capitolo 2 Anatomia della pelvi femminile Genitali esterni Genitali interni Test di autovalutazione

INTRODUZIONE. Capitolo 2 Anatomia della pelvi femminile Genitali esterni Genitali interni Test di autovalutazione INTRODUZIONE Capitolo 1 Anamnesi e visita ginecologica Anamnesi ostetrico-ginecologica Visita ginecologica Visita ostetrica Esami diagnostici strumentali Capitolo 2 Anatomia della pelvi femminile Genitali

Dettagli

brevi appunti di viaggio. ..anatomia, fisiologia femminile, visita ginecologica ed igiene intima.

brevi appunti di viaggio. ..anatomia, fisiologia femminile, visita ginecologica ed igiene intima. brevi appunti di viaggio...anatomia, fisiologia femminile, visita ginecologica ed igiene intima. A cura di: U.O. Screening citologico Via Monza, 2 Tel. 0651006618/6631 fax 0651006630 e.mail: screening.citologico@aslrmc.it

Dettagli

Human Papillomavirus (HPV) è un virus a DNA appartenente alla famiglia dei Papovaviridae.

Human Papillomavirus (HPV) è un virus a DNA appartenente alla famiglia dei Papovaviridae. Human Papillomavirus (HPV) è un virus a DNA appartenente alla famiglia dei Papovaviridae. Induce lesioni iperproliferative degli epiteli cutanei e delle mucose. Sono stati identificati più di 100 genotipi

Dettagli

HERPES SIMPLEX Herpes zoster Mollusco contagioso Verruche giovanili Verruche volgari Verruche plantari Condilomi acuminati. Dermatosi da virus

HERPES SIMPLEX Herpes zoster Mollusco contagioso Verruche giovanili Verruche volgari Verruche plantari Condilomi acuminati. Dermatosi da virus HERPES SIMPLEX Un virus, per indurre uno stato di malattia, deve entrare in una cellula ed ivi moltiplicarsi. Questo avviene nell epidermide, strato più esterno della cute, dove la componente cellulare

Dettagli

WOMEN IN CHANGE Attualità e prospettive nella diagnostica di laboratorio LE INFEZIONI NELL ETA FERTILE ED IN MENOPAUSA Chiara Casolari Modena, 25-2727 marzo 2010 DONNE: FATTORI E CONDIZIONI CHE REGOLANO

Dettagli

MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE (STD): GONORREA

MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE (STD): GONORREA MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE (STD): GONORREA Consiste nell'infezione dell'epitelio di uretra, cervice, retto, faringe o degli occhi causata dalla Neisseria gonorreae, che può condurre a batteriemia

Dettagli

Lesioni patognomonica della scabbia èil cunicolo, rilevato, bruno chiaro che si può osservare ai polsi, ai bordi delle dita e delle mani, e ai

Lesioni patognomonica della scabbia èil cunicolo, rilevato, bruno chiaro che si può osservare ai polsi, ai bordi delle dita e delle mani, e ai SCABBIA Causata dall acaro Sarcoptes Scabiei var. hominis Contagio interumano (contatti fisici, via indiretta mediante lenzuola o vestiti è più rara) Prurito peggiora di notte, risparmia volto e cuoio

Dettagli

Capitolo 6 infezione da hiv e aids sindrome da immunodeficienza acquisita SIDA acquired immune defi- ciency syndrome AIDS hiv

Capitolo 6 infezione da hiv e aids sindrome da immunodeficienza acquisita SIDA acquired immune defi- ciency syndrome AIDS hiv Infezione da HIV e AIDS Capitolo 6 La sindrome da immunodeficienza acquisita (SIDA) o acquired immune deficiency syndrome (AIDS) è una malattia del sistema immunitario umano causata dal virus dell immunodeficienza

Dettagli

4USA IL PRESERVATIVO 4SE HAI AVUTO RAPPORTI NON PROTETTI FAI IL TEST HIV

4USA IL PRESERVATIVO 4SE HAI AVUTO RAPPORTI NON PROTETTI FAI IL TEST HIV 4USA IL PRESERVATIVO 4SE HAI AVUTO RAPPORTI NON PROTETTI FAI IL TEST HIV conosci 1/2 Ho 21 anni, sono una ragazza carina Con l ultimo ragazzo è durata tre mesi e, ahimè, ci sono stati rapporti non protetti...ora

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

Raccolta dell espettorato per la coltura, l esame citologico e/o ricerca del BK microscopico.

Raccolta dell espettorato per la coltura, l esame citologico e/o ricerca del BK microscopico. CAMPIONI BIOLOGICI ESPETTORATO Raccolta dell espettorato per la coltura, l esame citologico e/o ricerca del BK microscopico. Raccogliere il campione nel seguente modo in apposito contenitore sterile da

Dettagli

Il nome AIDS deriva dalle iniziali di Sindrome da Immuno-Deficienza Acquisita, nella sua dizione inglese ( Acquired Immuno-Deficiency Syndrome).

Il nome AIDS deriva dalle iniziali di Sindrome da Immuno-Deficienza Acquisita, nella sua dizione inglese ( Acquired Immuno-Deficiency Syndrome). IL VIRUS HIV L AIDS Il nome AIDS deriva dalle iniziali di Sindrome da Immuno-Deficienza Acquisita, nella sua dizione inglese ( Acquired Immuno-Deficiency Syndrome). L Aids è causato dal virus Hiv (Virus

Dettagli

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A L AIDS MARTINA ZAMINATO CLASSE 3 A ANNO SCOLASTICO 2012/2013 AIDS e HIV: sintomi - cause - test - trasmissione Introduzione AIDS (Acquired Immune Deficiency Syndrome) sta per sindrome da immunodeficienza

Dettagli

Credi che la PPE sia la pipì di ET e che MTS sia l acronimo di Matriosche Terroriste Siberiane..?

Credi che la PPE sia la pipì di ET e che MTS sia l acronimo di Matriosche Terroriste Siberiane..? Credi che la PPE sia la pipì di ET e che MTS sia l acronimo di Matriosche Terroriste Siberiane..? Non hai la più pallida idea di come si possa contrarre (e che cosa sia) la Chlamydia? Pensi che l AIDS

Dettagli