sulle procedure d impiego del personale militare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "sulle procedure d impiego del personale militare"

Transcript

1

2 STATO MAGGIORE DELL ESERCITO Dipartimento Impiego del Personale Ufficio Coordinamento TESTOUNICO sulle procedure d impiego del personale militare Edizione 2008

3

4

5

6 INDICE PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI ELENCO DEGLI ALLEGATI CAPITOLO I- TRASFERIMENTO D AUTORITA Pag. 1 CAPO I - Procedimento 1. Definizione 2. Livello decisionale 3. Modalità esecutive 4. Casi particolari CAPO II - Movimenti locali 1. Definizione 2. Presupposti 3. Modalità esecutive CAPO III - VARIE (Prot. nr. 177 Cod.id. 07/C-PI Ind.cl in data 13/01/2010) 1. Trasferimento a seguito di rinvio a giudizio del militare 2. Trasferimento a seguito di rientro dalla forza potenziale del militare a seguito di cessazione degli effetti giuridici della sospensione obbligatoria ovvero facoltativa dal servizio 3. Disposizioni ulteriori CAPITOLO II ISTANZE DI TRASFERIMENTO Pag. 9 (prot. nr Cod. id. 07/C-PI ind. Cl in data 24/07/2013) CAPO I - Premessa 1. Definizione 2. Ambito soggettivo di applicazione e casistica 3.Tutela della privacy 4. Vincoli generali CAPO II - Procedura per gli Ufficiali (Prot cod. id. 092 ind. cl in data 04/12/2012) 1. Generalità 2. Livello decisionale/competenze 3. Modalità 4. Criteri di valutazione 5. Vincoli 6. Istanze non ammissibili CAPO III - Procedura per i Sottufficiali e VSP 1. Generalità 2. Modalità di attuazione 3. Istanze non ammissibili CAPO IV - Rigetto dell istanza CAPO V - Casi particolari (Prot. nr cod. id. 07/C-PI ind. cl in data 17/07/2012) (Prot. nr cod.id. 07/C-PI ind. cl in data 14/02/2013)

7 CAPITOLO III TRANSITO IN FORZA POTENZIALE Pag Definizione 2. Livello decisionale della determinazione 3. Caratteri generali 4. Modalità esecutive CAPITOLO IV POSIZIONE DI COMANDATO (ambito nazionale) Pag. 25 (prot. nr Cod. id. 07/C-PI ind. Cl in data 16/05/2013) 1. Definizione 2. Livello decisionale della determinazione 3. Modalità esecutive POSIZIONE DI COMANDATO ALL ESTERO CAPITOLO V PERSONALE GIUDICATO PARZIALMENTE NON IDONEO AL SERVIZIO MILITARE INCONDIZIONATO Pag Premessa 2. Procedura nel caso di inidoneità parziale dipendente da causa di servizio 3. Lineamenti d impiego CAPITOLO VI Pag. 29 ASSEGNAZIONE ALL ARMA ED ALLA SPECIALITA DEGLI UFFICIALI 1. Assegnazione all arma 2. Assegnazione alla specialità ASSEGNAZIONE DELLA SPECIALIZZAZIONE, INCARICO PRINCIPALE, POSIZIONE ORGANICA AI SOTTUFFICIALI DEL RUOLO MARESCIALLI E DEL RUOLO SERGENTI 1. Ruolo Marescialli 2. Ruolo Sergenti 3. Varie CAPITOLO VII RIQUALIFICAZIONE DEI SOTTUFFICIALI Pag Premessa: concetto di riqualificazione e rispecializzazione 2. Vincoli, casistiche e condizioni di applicabilità 3. Procedure per la riqualificazione CAPITOLO VIII ATTIVITA AVIOLANCISTICA CONTINUATIVA Pag. 34 (Prot. nr Cod.id. 07/C-PI Ind.cl in data 24/07/2013) 1. Definizione 2. Livello decisionale/competenze 3. Modalità esecutive 4. Attività aviolancistica fuori corpo all estero 5. Mancato svolgimento dell attività aviolancistica minima per causa di forza maggiore

8 CAPITOLO IX ATTIVITA DI VOLO E CONNESSA AL VOLO Pag. 40 (Prot. nr Cod.id. 07/C-PI Ind.cl in data 24/07/2013) CAPO I - Generalità 1. Definizione 2. Livello Decisionale CAPO II - Modalità esecutive 1. Requisiti 2. Procedura 3. Pianificazione, organizzazione ed esecuzione delle attività 4. Mancato svolgimento dell attività addestrativa minima 5. Varie 6. Disposizioni transitorie CAPITOLO X AGGIORNAMENTO SCIISTICO E/O ALPINISTICO DEL PERSONALE IN SERVIZIO PERMANENTE DELLE TRUPPE ALPINE CHE NON PRESTA SERVIZIO NELL AMBITO DEI COMANDI ED UNITA DELLE TRUPPE ALPINE Pag Definizione 2. Livello decisionale/competenze 3. Modalità esecutive CAPITOLO XI RICHIAMI E TRATTENIMENTI IN SERVIZIO Pag. 46 CAPO I - Premessa 1. Definizione 2. Base normativa 3. Potestà autorizzativa CAPO II - Richiami in servizio 1. Richiamo in servizio con assegni 2. Richiamo in servizio senza assegni CAPO III - Procedura per il richiamo in servizio 1. Iter procedurale 2. Casi particolari CAPO IV - Trattenimenti in servizio CAPITOLO XII PROCEDURE PER LA GESTIONE DEL CONTENZIOSO Pag. 51 CAPO I - Generalità CAPO II - Procedure 1. Competenze degli Enti/Comandi periferici 2. Linee di azione da adottare a seguito di pronunce giurisdizionali CAPITOLO XIII VARIE Pag Assegnazione e nomina assistenti giudiziari 2. Istruttori di volo e di specialità 3. Decreti di comando presso altri Dicasteri

9 4. Nomina a Capo Servizio Amministrativo 5. Nomina a Cassiere degli Organismi di Protezione Sociale 6. Nulla Osta per cessazione dal Servizio Permanente o proscioglimento da ferma 7. Autorizzazione da rilasciare al personale impiegato nell ambito degli O. I. inviato all estero e in rientro in Patria 8. Decreti di assunzione/cessazione incarico consegnatario per debito di custodia 9. Attribuzione distintivo di incarico per gli Ufficiali designati a ricoprire funzioni/incarichi di livello superiore prescrizioni particolari (prot. nr cod. id. 07/C-PI ind. cl in data 08/11/2012) CAPITOLO XIV SISTEMA INFORMATIVO GESTIONALE DELL ESERCITO Pag. 56

10 PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI - Legge 10 aprile 1954, n. 113 Stato degli Ufficiali dell Esercito, della Marina e dell Aeronautica ; - Legge 31 luglio 1954, n. 599 Stato degli Sottufficiali dell Esercito, della Marina e dell Aeronautica ; - D.P.R. 21 febbraio 2006, n. 167 Regolamento per l amministrazione e la contabilità degli organismi della Difesa, a norma dell art. 7, comma 1, della legge 14 novembre 2000, n. 331 e le relative Istruzioni Tecnico Applicative; - Legge 14 novembre 2000, n. 331, Norme per l istituzione del servizio militare professionale ; - R.D. 30 ottobre 1933, n. 1611, Approvazione del testo unico delle leggi e delle norme giuridiche sulla rappresentanza e difesa in giudizio dello stato e sull ordinamento dell'avvocatura dello stato ; - Legge 7 maggio 1981, n. 180 Modifiche all ordinamento giudiziario di pace ; - Legge 23 marzo 1983, n. 78 Aggiornamento della legge 5 marzo 1976, n. 187 relativa alle indennità operative del personale militare e successive modifiche/integrazioni/circolari applicative; - Legge 23 agosto 1988, n. 400 Disciplina dell attività di governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri ; - Legge 27 febbraio 1989, n. 79 Nuove norme in materia di permanenza in servizio dei militari iscritti nel ruolo d onore decorati al valor militare o civile ; - Legge 7 agosto 1990, n. 241 Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi ; - Legge 11 febbraio 2005, n. 15 Modifiche ed integrazioni alla legge 7 agosto 1990, n. 241, concernenti norme generali sull azione amministrativa ; - D.P.R. 12 aprile 2006, n. 184 Regolamento recante disciplina in materia di accesso ai documenti amministrativi ; - D. Lgs. n. 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia protezione dei dati personali - Legge 5 febbraio 1992, n. 104 Legge-quadro per l assistenza, l integrazione sociale ed i diritti delle persone handicappate ; - D.M. del Ministero della Difesa 13 aprile 2006, n. 203, Regolamento recante identificazione dei dati sensibili e giudiziari trattati e delle relative operazioni effettuate dal

11 Ministero della difesa, in attuazione degli articoli 20 e 21 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 ; - D. Lgs.12 maggio 1995, n. 196 Attuazione dell art. 3 della legge 6 marzo 1992, n. 216, in materia di riordino dei ruoli, modifica alle norme di reclutamento, stato ed avanzamento del personale non direttivo delle Forze Armate ; - D.P.R. 31 luglio 1995, n. 394 Recepimento del provvedimento di concertazione del 20 luglio 1995 riguardante il personale delle Forze Armate (Esercito, Marina e Aeronautica) ; - Legge 18 febbraio 1997, n. 25 Attribuzioni del Ministro della Difesa, ristrutturazione dei Vertici della Forza Armata e dell Amministrazione della Difesa ; - D.P.R. 25 ottobre 1999, n. 556 Regolamento di attuazione della legge 18 febbraio 1997, n. 25; - D. Lgs. 30 dicembre 1997, n. 490 Riordino del reclutamento, dello stato giuridico e dell'avanzamento degli ufficiali, a norma dell'articolo 1, comma 97, della L. 23 dicembre 1996, n. 662 ; - D. Lgs. 30 dicembre 1997, n. 498 Modifiche alla normativa concernente la posizione di ausiliaria del personale militare, a norma della Legge 23 dicembre 1996, n. 662 ; - D. Lgs. 30 dicembre 1997, n. 505 Armonizzazione del trattamento giuridico dei volontari al terzo anno di ferma breve con quello del personale militare in servizio permanente effettivo ; - Legge 12 marzo 1999, n. 68 Norme per il diritto al lavoro dei disabili ; - D.M. 1 giugno 1999, concernente l assegnazione all arma ed alle specialità degli Ufficiali dell Esercito; - Legge 28 luglio 1999, n. 266, Delega al governo per il riordino delle carriere diplomatica e prefettizia, nonché disposizioni per il restante personale del ministero degli affari esteri, per il personale militare del ministero della difesa, per il personale dell'amministrazione penitenziaria e per il personale del consiglio superiore della magistratura ; - D. Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali ; - D. Lgs. 26 marzo 2001, n. 151 Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità, a norma dell articolo 15 della legge 8 marzo 2000, n. 53 ; - Circolare n. DPGM/II/5/30001/L52 del 26 marzo 2001 di PERSOMIL concernente Legge 8 marzo 2000, n. 53, Disposizioni per il sostegno della maternità e della paternità, per il diritto alla cura e alla formazione e per il coordinamento dei tempi delle città.

12 Applicazione al personale militare delle Forze Armate, con esclusione di quello di leva, come modificata dalla Circolare n. DGPM/II/5/1/30001/L52 in data 17 gennaio 2003; - Legge 29 marzo 2001, n. 86 Disposizioni in materia di personale delle Forze Armate e delle Forze di Polizia ; - Direttiva SME PERS 2001, recante i criteri per l impiego del personale militare dell Esercito; - Direttiva Procedure per il contenzioso ediz. 2001, dello SME RIP recante disposizioni in merito alla trattazione del contenzioso; - D.P.R. 29 ottobre 2001, n. 461 Regolamento recante semplificazione dei procedimenti per il riconoscimento della dipendenza da causa di servizio, per la concessione della pensione privilegiata ordinaria e dell equo indennizzo, nonché per il funzionamento e la composizione del comitato per le pensioni privilegiate ordinarie ; - Decreto Legislativo 8 maggio 2001, n. 215 Disposizioni per disciplinare la trasformazione progressiva dello strumento militare in professionale, a norma dell'articolo 3, comma 1, della legge 14 novembre 2000, n. 331 ; - D.P.R. 11 settembre 2007, n. 171, Recepimento del provvedimento di concertazione per il personale non dirigente delle Forze Armate (quadriennio normativo e biennio economico ; - Direttiva n /269/IS/1^, in data 8 luglio 2002 di SME-RIP, Riqualificazione dei Sottufficiali del Ruolo Marescialli (fino al 77 Corso A.S.) ; - Circolare n. DPGM/II/5/C61 in data 17 marzo 2003 di PERSOMIL, recante norme applicative del D.P.R. n. 461/2001 e del D.P.R. n. 163/2002 in materia di parziale idoneità al servizio militare in modo permanente; - Decreto Ministeriale 3 novembre 2003, istituente la specialità AVES come specialità delle Varie Armi; - Circolare n. 1187/07/PIC-1000, in data 1 aprile 2003 dello SME RIP, recante disposizioni in merito alla posizione di forza assente per Ufficiali e Sottufficiali; - Decreto Legge 9 novembre 2004, n. 266 "Proroga o differimento di termini previsti da disposizioni legislative"; - Legge 2 dicembre 2004, n. 299/2004 recante modifiche in materia di reclutamento stato ed avanzamento degli Ufficiali (d.d.l. c.d. On. GAMBA LAVAGNINI) e successive modificazioni/integrazioni; - Circolare n. 1940/07/PIC-100, in data 16 marzo 2004 di SME DIPE, recante disposizioni sulle istanze di avvicendamento reciproco del personale militare dell Esercito;

13 - Circolare n. 3824/07/C-PI-100, in data 3 dicembre 2004 di SME DIPE, recante disposizioni sulle istanze di trasferimento del personale militare dell Esercito ferito in Teatro Operativo ad opera di atti ostili e successive integrazioni; - Direttiva n Cod.Id.SUCIV/2^ Ind. Cl. 5, in data 26 maggio 2005 di SME-DIP Riqualificazione dei Sottufficiali del Ruolo Sergenti ; - Direttiva applicativa delle norme relative al personale militare giudicato inidoneo permanentemente al servizio militare incondizionato in modo parziale a seguito di lesioni, ferite ed infermità connesse con l espletamento dei compiti istituzionali, ed. 2009, in data 17 feb dello SME I RAGEP; - Circolare n. 7890/07/C-PI/5.3.1, in data 29 giugno 2009 di SME DIPE, avente ad oggetto Assegnazione temporanea del personale militare per gravissimi motivi di carattere familiare ; - Circolare n /07/C-PI/5.3.1, in data 7 settembre 2009 di SME DIPE, avente ad oggetto Vademecum per la trattazione dei casi di incompatibilità ambientale.

14 INDICE ALLEGATI CAPITOLO I TRASFERIMENTO D AUTORITA - Allegato A (dispaccio di trasferimento d autorità) - Allegato B (dispaccio di trasferimento collettivo SU.) - Allegato C (dispaccio di trasferimento collettivo TR.) - Allegato D (designazione d impiego) Prot. nr / 07 / del 02/11/10 - Allegato E (fac-simile messaggio di assunzione in forza/assicurazione finanziamento) - Allegato F (elenco Enti/Comandi autorizzati al differimento della data di attuazione del trasferimento d autorità) - Allegato G (fac-simile messaggio di differimento della data di presentazione all Ente di assegnazione) CAPITOLO II ISTANZE DI TRASFERIMENTO - Allegato H (situazioni gravi costituenti deroga ai vincoli temporali di presentazione delle istanze di trasferimento) - Allegato I (modulo pianificazione decentrata) - Apd. 1 All. I (tempistiche pianificazione decentrata) - Apd. 2 All. I (Iter delle istanze di trasferimento sequenza delle attività) - Apd. 3 All. I (criteri generali per la formulazione della graduatoria di merito nell ambito delle istanze di trasferimento degli Ufficiali direttivi delle v. A.) - Allegato J (schema procedure istanze SU./TR.) CAPITOLO IV POSIZIONE DI COMANDATO (ambito nazionale) - Allegato K (elenco Enti/Comandi autorizzati a disporre la posizione di comandato) - Allegato L (schema vincoli temporali per la posizione di comandato) - Allegato M (fac-simile messaggio di comunicazione per il personale comandato presso un E/D/R) CAPITOLO VIII ATTIVITA AVIOLANCISTICA CONTINUATIVA - Allegato N (richiesta di autorizzazione svolgimento attività Aviolancistica) - Apd. 1 All. N (computo periodi effettivo impiego in Aviotruppe) - Apd. 2 All. N (dichiarazione di disponibilità al reimpiego nelle Aviotruppe ovvero quale augmentees ) - Allegato O (parere Comando Aviotruppe di Forza Armata/Interforze) - Allegato P (fac-simile autorizzazione COMFOTER) - Allegato Q (fac-simile assegnazione SME - DIPE) - Allegato R (fac-simile segnalazione turni) - Allegato S (revoca posizione paracadutista militare fuori corpo) - Allegato T (richiesta autorizzazione al COMFOTER per esecuzione attività aviolancistica all estero) - Allegato U (fac-simile richiesta riconoscimento causa di forza maggiore) CAPITOLO IX ATTIVITA DI VOLO E CONNESSA AL VOLO - Allegato V (fac-simile lettera di assegnazione del personale ad Unità di volo)

15 CAPITOLO XI RICHIAMI E TRATTENIMENTO IN SERVIZIO - Allegato W (fac-simile dichiarazione di disponibilità al richiamo in servizio senza assegni ) - Allegato X (fac-simile dichiarazione di disponibilità al richiamo in servizio senza assegni con l incarico di Presidente Commissioni Concorsi) - Allegato Y (fac-simile dichiarazione di disponibilità al richiamo in servizio a domanda dall ARQ) CAPITOLO XIII VARIE - Allegato Z (fac-simile richiesta di autorizzazione ricongiungimento nucleo familiare) - Allegato AA (fac-simile richiesta extrabagaglio) - Allegato AB (fac-simile richiesta anticipo partenza) - Allegato AC (fac-simile richiesta di autorizzazione utilizzo mezzo diverso da quello previsto) - Allegato AD (fac-simile richiesta di autorizzazione rientro anticipato del proprio nucleo familiare) - Allegato AE (fac-simile richiesta di autorizzazione rientro anticipato mobili e masserizie) - Allegato AG (Schema per l attribuzione del distintivo di incarico per gli Ufficiali) CAPITOLO XIV SISTEMA INFORMATIVO GESTIONALE DELL ESERCITO (SIGE) - Allegato AF (quadro riassuntivo dei campi da implementare nel SIGE)

16 CAPITOLO I TRASFERIMENTO D AUTORITÀ CAPO I Procedimento 1. DEFINIZIONE Il trasferimento d autorità è il provvedimento con il quale viene disposto, nei confronti del personale militare, un cambiamento di sede o, nell ambito della stessa sede, di Comando/Ente/Reparto. La movimentazione si formalizza mediante l emanazione da parte del DIPE di un ordine di impiego, la cui qualifica trae fondamento dall orientamento giurisprudenziale che configura i trasferimenti del personale militare come ordini che attengono ad una semplice modalità di svolgimento del servizio, e come tali rientrano nella sfera degli atti discrezionali dell A.D.. Da ciò consegue il dovere, per il militare interessato, di dare esecuzione al movimento nel tempo stabilito (vds. successivo para 3.b.), salvo che non intervengano provvedimenti amministrativi di sospensione, differimento o annullamento che possono discendere unicamente dallo stesso SME-DIPE. Nel concetto di trasferimento d autorità rientrano, come detto, sia i movimenti nella stessa sede (anche fra Aree di Impiego diverse), sia quelli che comportano un cambio di sede. Ovviamente, la maggior parte delle disposizioni riportate nei paragrafi successivi si riferiscono, in particolare, ai trasferimenti del secondo tipo che incidono maggiormente sugli interessi personali e familiari dei destinatari. Al fine di dirimere talune incertezze/dubbi interpretativi, occorre sottolineare, altresì, che l atto conclusivo del procedimento d impiego è costituito esclusivamente dal documento di trasferimento (mod. TD, All. A vds. successivo para 2.), che si configura come l unico atto di natura provvedimentale avverso il quale il personale destinatario dell azione amministrativa può invocare, nei termini prescritti e con le modalità previste dalla legge, i rimedi giurisdizionali e/o giustiziali. La necessità di definire l ordine di impiego nel contesto di un procedimento amministrativo in senso stretto trae fondamento dalla vigenza del D.M. 16 settembre 1993, n. 603 Regolamento recante disposizioni di attuazione degli artt. 2 e 4 della Legge 7 agosto 1990, n. 241, nell ambito dell Amministrazione della Difesa, che annovera tra i procedimenti soggetti alla suddetta disciplina anche quelli in materia d impiego. Per i SU. ed i Volontari di Truppa il dispaccio di trasferimento può essere anche collettivo ed è emesso dallo SME-DIPE con i facsimile riportati in All. B e C. Pertanto, allo scopo di non ingenerare dubbi interpretativi, non si dovrà notificare al personale interessato alcun altro tipo di comunicazione a chiusura del procedimento, se non il citato ordine di impiego. 1

17 2. LIVELLO DECISIONALE L emanazione dell ordine di impiego che dispone il trasferimento d autorità di sede o, nell ambito della stessa sede, del reparto di appartenenza (c.d. dispaccio o, più propriamente, mod. TD, citati All. A C) è competenza esclusiva dello Stato Maggiore dell Esercito. Di conseguenza, tenuto conto che la responsabilità relativa alla definizione di qualsiasi procedimento di impiego risale, per legge, all Autorità di Vertice della Forza Armata, anche le pianificazioni c.d. decentrate/locali, predisposte in autonomia dai rispettivi Comandanti dei Vertici d Area, debbono essere sempre sottoposte alla verifica di coerenza e congruenza da parte del Dipartimento Impiego del Personale. Per tale attività, costituiranno riferimento principale sia le tabelle organiche in vigore per gli E/D/R di F.A., sia i progetti avviati dallo SME. 3. MODALITA ESECUTIVE a. Comunicazione di avvio del procedimento. Il personale militare, designato per un trasferimento d autorità (anche nella stessa sede), deve essere informato dell avvio del procedimento, ai sensi dell art. 7 della legge 8 agosto 1990 n. 241 e successive modifiche ed integrazioni (di seguito citata come L. n. 241/90) per il tramite del rispettivo Comando di appartenenza. Tale comunicazione (completa delle indicazioni stabilite nell art. 8 della citata L. n. 241/1990 facsimile in All. D) deve essere notificata all interessato solo nel momento in cui l Ente/Reparto/sede di destinazione sia stata definita con l approvazione da parte 1 : - del Vertice dell Area di Impiego, delle proposte avanzate dagli Enti/Reparti dipendenti, nel caso dei movimenti decentrati/locali nell ambito della medesima Area d Impiego; - dello SME, sia in caso di impiego accentrato, sia in caso di proposte avanzate dai Vertici delle Aree di Impiego, per i movimenti al di fuori dell Area d Impiego stessa (relativamente al personale reso disponibile a livello superiore ). E solo in tale fase, infatti, che il procedimento di impiego, divenendo concreto ed attuale, è idoneo a produrre effetti diretti nei confronti dell interessato il quale può partecipare fattivamente allo stesso, attraverso la produzione di apposite memorie. La comunicazione, sottoscritta dall interessato per presa visione, deve essere trasmessa senza ritardo alcuno a seconda dei casi o al Vertice dell Area di Impiego o allo Stato Maggiore dell Esercito. Qualora sussistano obiettive ragioni che ostino alla predetta tempestiva trasmissione, sarà cura del Comando dell interessato informare, con immediatezza, anche a mezzo fax, lo Stato Maggiore dell Esercito in merito alle menzionate ragioni ostative. Nella comunicazione di avvio del procedimento amministrativo è necessario indicare, ai sensi del richiamato disposto normativo: - l oggetto del procedimento; - l Ufficio e la persona responsabile; - l Ufficio in cui si può prendere visione degli atti; - la data entro la quale (secondo i termini stabiliti dal DM n.603/93) deve concludersi il procedimento in questione ed i rimedi esperibili in caso di inerzia dell amministrazione; 1 Al riguardo, tuttavia, tenuto conto del frequente insorgere di esigenze istituzionali urgenti e/o imprevedibili, non è possibile stabilire un termine perentorio e valido in assoluto. Peraltro, la stessa l. 241/1990 prevede la possibilità, per particolari esigenze di celerità del procedimento, di omettere la comunicazione in argomento. 2

18 - in aggiunta ai suddetti elementi indispensabili ai fini della validità dell atto, è possibile indicare l epoca di preferibile movimentazione del militare interessato, a cura del Comandante del Reparto di appartenenza. Detta indicazione, qualora considerata necessaria, dovrà essere motivata in ragione di comprovate esigenze operative dell Unità, fatto salvo il potere decisionale dello SME che contempererà le suddette esigenze con quelle funzionali della Forza Armata/Area Interforze/Internazionale. b. Procedura. (1) L ordine di trasferimento viene indirizzato all Ente/Reparto/Unità di appartenenza del personale, a quello di assegnazione, a quello che amministra o che dovrà amministrare il militare (se diverso dai primi due) e, per conoscenza, a tutti i Comandi dai quali i suddetti Enti/Comandi gerarchicamente dipendono. Il documento in questione viene inviato anche in copia digitalizzata tramite il servizio di messaggistica della rete EINET. Limitatamente ai SU. l Ente che assume in forza il militare deve inviare la relativa conferma di ricevuta via e.mail sulla rete EINET al seguente indirizzo entro 3 (tre) giorni dalla data di presentazione dello stesso al nuovo EDR. (2) In un ottica di progressiva razionalizzazione delle procedure in uso volte ad ottenere un sempre maggiore snellimento dell azione amministrativa dello SME-DIPE, il cosiddetto mod. TA è abrogato. Il movimento è da intendersi perfezionato/eseguito nella tempistica prevista, in caso di mancata comunicazione, a cura degli Enti interessati entro 3 (tre) giorni lavorativi dalla data di presentazione al nuovo Ente disposta nel dispaccio di trasferimento del mancato perfezionamento del trasferimento e delle relative motivazioni. Relativamente agli aspetti finanziari del movimento d autorità a titolo oneroso, l Ente di nuova assegnazione ha l obbligo di comunicare mediante e-message (facsimile in All. E), entro 5 (cinque) giorni lavorativi, allo SME-DIPE POLIMPIEGO: - l importo del finanziamento ricevuto sul circuito SIEFIN, suddiviso per i pertinenti capitoli di bilancio; - la data di effettiva presentazione del militare (a fattor comune per tutte e 3 le categorie di personale); - la scelta effettuata dall interessato tra la corresponsione dell indennità ai sensi dell art. 1 comma 1 della Legge 86/2001 ed il 90% del canone mensile riferito all alloggio privato. Sul punto, si precisa che, tenuto conto che il soggetto trasferito potrebbe non aver ancora optato, nei 5 giorni, per una delle due possibilità, l Ente dovrà indicare, nel messaggio allo SME-DIPE, l opzione indennità ai sensi dell art. 1 comma 1 della Legge 86/2001, fatta salva una successiva comunicazione con cui renderà nota la scelta definitiva effettuata dal militare; - incarico attribuito al militare, ove non riportato sul documento di trasferimento di sede d autorità. Al riguardo si precisa che dovrà essere indicato espressamente se il militare ricopre una posizione organica ovvero è stato assegnato in extraorganico. c. Data di attuazione del movimento. (1) L attuazione del trasferimento d autorità del militare deve avvenire nel rispetto dei tempi riportati nei provvedimenti indicati al precedente para 1. Tuttavia, in relazione a situazioni eccezionali, i Vertici dell Area di Impiego a ciò appositamente autorizzati dallo Stato Maggiore dell Esercito (elenco in All. F) hanno la facoltà di differire la data di presentazione dell interessato all Ente di assegnazione, fino ad un massimo di 90 giorni e limitatamente a movimenti disposti nell ambito 3

19 dell Area di competenza, dandone tempestiva ed immediata comunicazione allo Stato Maggiore dell Esercito Dipartimento Impiego del Personale secondo lo schema in All. G. Per i SU. lo SME DIPE prenderà atto della effettiva data di presentazione del personale sancita dal Vertice dell Area di Impiego e allegherà tale documento al dispaccio originale senza ulteriori comunicazioni. Al riguardo, dovranno essere dettagliatamente specificate le motivazioni che hanno determinato l eventuale differimento. (2) Nel caso in cui vi sia l esigenza di differire il trasferimento per un periodo superiore a 90 giorni ovvero il differimento interessi Aree d Impiego diverse (o l Area SMD), la decisione compete sempre allo Stato Maggiore dell Esercito - Dipartimento Impiego del Personale, cui dovrà essere proposta la variazione con un congruo anticipo. Nel caso in cui lo Stato Maggiore dell Esercito - Dipartimento Impiego del Personale autorizzi il differimento, sarà inviato un messaggio di parziale variante, cui gli Enti/Comandi interessati dovranno fare riferimento per aggiornare la documentazione caratteristica ed amministrativa del militare trasferito. (3) Il personale trasferito viene perso di forza dall Ente cedente ed assunto da quello ricevente dal giorno successivo. Nel caso di viaggio di durata superiore e nei casi di trasferimento da e per Comandi/Enti/Reparti dislocati fuori dal territorio nazionale, l Ente cedente 2 perde di forza il personale dal giorno indicato sul dispaccio di trasferimento. L Ente subentrante lo assumerà in forza a partire dal giorno successivo (compresa quindi la durata del viaggio). d. Indicazione dell incarico. Nell ordine di impiego che dispone il trasferimento d autorità lo SME-DIPE riporta l assunzione di: - incarichi di particolare rilevanza, quali quelli relativi ad Ufficiali Generali, Colonnelli, Ufficiali in s.sm, Capi Ufficio/Sezione presso gli Organi Centrali, Capi Ufficio presso Alti Comandi, Comandanti di btg/gr./gr.sqd. o reparto equipollente, Capi servizio amministrativo 3, qualora il movimento avvenga in ambito nazionale; - qualsiasi incarico, ove il militare sia trasferito presso Organismi Internazionali, in territorio nazionale o all estero, significando che procederà a valutare/effettuare sanzioni solo per i predetti incarichi. Tutti gli altri casi sono di competenza del Comando di Vertice dell Area d Impiego. e. Provvedimenti di riordino della Forza Armata. In presenza di provvedimenti di riordino della Forza Armata che comportino il cambio di denominazione di un Comando/Ente/Reparto, i Comandanti di Corpo devono provvedere, con automatismo e senza ritardi, a disporre le variazioni conseguenti per il personale dipendente, dandone comunicazione allo Stato Maggiore dell Esercito - Dipartimento Impiego del Personale per le eventuali successive determinazioni, tenendo sempre informato il rispettivo Vertice dell Area di Impiego. 2 In caso di trasferimento presso Organismi Internazionali all estero, la documentazione caratteristica e matricolare del personale interessato dovrà essere inviata allo SME - Ufficio Amministrazione Sezione Personale all Estero, nella cui forza matricolare il suddetto personale permarrà per tutta la durata del periodo di impiego. 3 Solo nel caso in cui l assunzione dell incarico sia nota allo SME già al momento in cui viene disposto il trasferimento; in caso contrario, l assunzione della carica di Capo Servizio Amministrativo sarà, previa proposta dell Ente di assegnazione dell interessato, inoltrata via gerarchica, eventualmente autorizzata dallo SME ove se ne accerti la fattibilità. 4

20 f. Limiti all emanazione del trasferimento di sede d autorità. (1) Il militare che, all atto del trasferimento, rivesta la carica di amministratore locale (ai sensi del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267), non può essere soggetto, per tutta la durata del mandato, a trasferimenti d autorità in sede diversa da quella di servizio, se non con il proprio espresso consenso. Ove l ordine di trasferimento di sede sia stato adottato prima dell elezione del militare, questi (anche se nel frattempo assume la carica di amministratore locale) è tenuto a dare comunque esecuzione al movimento, potendo tuttavia presentare istanza di avvicinamento al luogo nel quale espleta il mandato elettorale ai sensi del disposto normativo richiamato (vedasi Direttiva n. 6467/07/C-PI del dello SME e successive modifiche/integrazioni). (2) Il trasferimento d autorità in sede diversa da quella di servizio può essere disposto anche per il personale appartenente ad un organo della Rappresentanza Militare (COCER, COIR, COBAR), previa acquisizione obbligatoria del parere, non vincolante, del Consiglio cui il militare appartiene. Peraltro, come previsto dal DPR 4 nov. 79 n.691, in caso di discordanza prevarranno le motivate necessità di impiego dell amministrazione militare, in aderenza al consolidato orientamento giurisprudenziale in materia. (3) Relativamente al personale militare cui lo SME abbia riconosciuto i benefici di cui alla L. n. 104/92, si precisa che lo stesso può essere trasferito d autorità ad altra sede solo previo suo consenso ai sensi dell art. 33 comma 5 della citata legge, fermo restando che l interessato è tenuto a comunicare ogni modifica delle condizioni che hanno determinato la concessione del beneficio. 4. CASI PARTICOLARI a. Per il personale destinato ad organismi internazionali in territorio: (1) Estero: l ordine di impiego che dispone il trasferimento d autorità viene inviato dallo SME all Ente nazionale incaricato dell amministrazione del personale interessato. Tale Ente curerà gli adempimenti di cui al precedente para 3.a.; (2) Nazionale: si applica la procedura descritta al precedente para 3.. b. Congedi parentali. Il beneficio del congedo parentale, di cui al D.Lgs. 26 marzo 2001, n.151, assimilabile per fattispecie e procedure di gestione alla licenza straordinaria, decorre dalla data di concessione da parte dell Amministrazione e non dalla data di presentazione dell istanza. Peraltro, la problematica è regolamentata da circolari applicative emanate da PERSOMIL, che è la tenutaria della materia e quindi ogni Comando/Ente dovrà valutare il caso concreto avendo cura di conciliare la tutela del personale richiedente, tali benefici ed i provvedimenti di impiego disposti. 5

Il Ministro per gli Affari Esteri

Il Ministro per gli Affari Esteri Decreto Ministeriale 16 marzo 2001, n. 032/655, Procedure di selezione ed assunzione di Personale a contratto. DM VISTATO REGISTRATO AL PERSONALE DALL UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO DM n. 032/655 PRESSO

Dettagli

Regolamento del Personale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Decreto del Presidente del CNR del 4 maggio 2005 prot. n.

Regolamento del Personale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Decreto del Presidente del CNR del 4 maggio 2005 prot. n. Regolamento del Personale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Decreto del Presidente del CNR del 4 maggio 2005 prot. n. 0025035) SOMMARIO TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art.1 - Finalità e ambito di applicazione

Dettagli

art. 1 Finalità e ambito di applicazione

art. 1 Finalità e ambito di applicazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA MOBILITÁ VOLONTARIA CON AZIENDE DEL COMPARTO SANITA E CON AMMINISTRAZIONI DI COMPARTI DIVERSI. PERSONALE DIRIGENTE E NON DIRIGENTE (approvato con deliberazione n. 185

Dettagli

DISCIPLINA PER IL RILASCIO DEL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI GUARDIA GIURATA VOLONTARIA

DISCIPLINA PER IL RILASCIO DEL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI GUARDIA GIURATA VOLONTARIA DISCIPLINA PER IL RILASCIO DEL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI GUARDIA GIURATA VOLONTARIA VISTO l art. 163 del D. Lgs. 31.03.1998 n 112 sul trasferimento di funzioni e compiti di Polizia Amministrativa

Dettagli

COMUNE DI VALENZA Provincia di Alessandria. REGOLAMENTO di MOBILITA ESTERNA

COMUNE DI VALENZA Provincia di Alessandria. REGOLAMENTO di MOBILITA ESTERNA COMUNE DI VALENZA Provincia di Alessandria REGOLAMENTO di MOBILITA ESTERNA TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Oggetto del regolamento TITOLO II MOBILITA ESTERNA Articolo 2 Le assunzioni tramite

Dettagli

ART.3 CONDIZIONI PRELIMINARI PER L ATTIVAZIONE DELLA MOBILITÀ ESTERNA BANDO PUBBLICO...3

ART.3 CONDIZIONI PRELIMINARI PER L ATTIVAZIONE DELLA MOBILITÀ ESTERNA BANDO PUBBLICO...3 INDICE DISCIPLINA DEI CRITERI REGOLAMENTARI E PROCEDURALI PER LA MOBILITÀ ESTERNA ED INTERNA DEL PERSONALE Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n.16 del 3.7.2012 ART.1 CRITERI GENERALI E AMBITO

Dettagli

Gli aspetti di maggiore rilievo di tale normativa, ai fini della presente circolare, possono essere così riepilogati:

Gli aspetti di maggiore rilievo di tale normativa, ai fini della presente circolare, possono essere così riepilogati: DIREZIONE GENERALE AI DIRIGENTI GENERALI COMPARTIMENTALI istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell amministrazione pubblica CIRCOLARE N. 66 DEL 10 DICEMBRE 2004 AI DIRETTORI DEGLI UFFICI PROVINCIALI

Dettagli

COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEI CRITERI REGOLAMENTARI E PROCEDURALI PER LA MOBILITA ESTERNA DEL PERSONALE

COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEI CRITERI REGOLAMENTARI E PROCEDURALI PER LA MOBILITA ESTERNA DEL PERSONALE Appendice al Regolamento stralcio per l accesso all impiego ed agli incarichi di lavoro COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEI CRITERI REGOLAMENTARI E PROCEDURALI PER LA MOBILITA ESTERNA DEL PERSONALE Approvata

Dettagli

COMUNE DI UDINE. Allegato alla DG n. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA MOBILITA INTERNA DEL PERSONALE DIPENDENTE

COMUNE DI UDINE. Allegato alla DG n. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA MOBILITA INTERNA DEL PERSONALE DIPENDENTE COMUNE DI UDINE Allegato alla DG n. del REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA MOBILITA INTERNA DEL PERSONALE DIPENDENTE 1 Art. 1 - Oggetto e ambito di applicazione Il presente Regolamento: a) disciplina

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA IL MINISTERO

Dettagli

CITTA DI POGGIARDO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA MOBILITÀ ESTERNA

CITTA DI POGGIARDO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA MOBILITÀ ESTERNA CITTA DI POGGIARDO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA MOBILITÀ ESTERNA Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale n. 276 del 30.12.2013 ARTICOLO 1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno LETTERA CIRCOLARE N Roma, data protocollo Alle Direzioni Centrali All Ufficio Centrale Ispettivo Alle Direzioni Regionali e Interregionali VV.F. Agli Uffici di Staff del Capo Dipartimento Agli Uffici di

Dettagli

Prot. n. 30119 Roma, 04/07/2011. - Al Consiglio superiore dei lavori pubblici. - All Organismo indipendente di valutazione

Prot. n. 30119 Roma, 04/07/2011. - Al Consiglio superiore dei lavori pubblici. - All Organismo indipendente di valutazione Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE DIREZIONE GENERALE DEL PERSONALE E DEGLI AFFARI GENERALI Divisione 2 - Reclutamento

Dettagli

REGOLAMENTO SAN PANCRAZIO SALENTINO

REGOLAMENTO SAN PANCRAZIO SALENTINO REGOLAMENTO SULLA MOBILITA INTERNA DEL C O M U N E DI SAN PANCRAZIO SALENTINO (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 95 del 26 luglio 2007) 1 INDICE SISTEMATICO Art. 1 Individuazione e definizione

Dettagli

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE DELIBERAZIONE del 30 novembre 2006 COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Regolamento recante le procedure relative agli adeguamenti delle forme pensionistiche complementari al decreto legislativo

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA

DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA DIREZIONE CENTRALE PER LE RISORSE UMANE UFFICIO III - ATTIVITA CONCORSUALI N. 333-B/12S.4.11 DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA IL CAPO DELLA POLIZIA DIRETTORE GENERALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA VISTA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA IN MATERIA DI LAVORI PUBBLICI E I SERVIZI IN MATERIA

Dettagli

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO A TEMPO DETERMINATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ CONNESSE A PROGRAMMI DI RICERCA E PER L ATTIVAZIONE DI INFRASTRUTTURE TECNICHE COMPLESSE

Dettagli

Centro di Riferimento per l Agricoltura Biologica

Centro di Riferimento per l Agricoltura Biologica Centro di Riferimento per l Agricoltura Biologica Società Consortile a Responsabilità Limitata AVVISO N. 2/2010 - SELEZIONE PER TITOLI E COLLOQUIO FINALIZZATA ALL ASSUNZIONE DI UN ESPERTO RICERCATORE CON

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE

CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE ACCORDO DECENTRATO DI ENTE SU: Deroga ai vincoli di durata dei contratti a tempo determinato stipulati dal CNR Sottoscritto il 1 CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE ACCORDO

Dettagli

Fondazione Teatro Savoia REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE

Fondazione Teatro Savoia REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE Fondazione Teatro Savoia REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE Approvato con delibera n 15 del Consiglio di Amministrazione in data 08/10/2010 Art. 1 Oggetto CAPO I - DISPOSIZIONI

Dettagli

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 e successive

Dettagli

COMUNE DI CARAGLIO PROVINCIA DI CUNEO REGOLAMENTO PER LA MOBILITA ESTERNA VOLONTARIA

COMUNE DI CARAGLIO PROVINCIA DI CUNEO REGOLAMENTO PER LA MOBILITA ESTERNA VOLONTARIA COMUNE DI CARAGLIO PROVINCIA DI CUNEO REGOLAMENTO PER LA MOBILITA ESTERNA VOLONTARIA Approvato con Deliberazione G. C. n. 219 del 16/12/2013 INDICE CAPO I Principi generali Art. 1 Principi generali...pag.

Dettagli

COMUNE DI CAPALBIO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE I CRITERI E LE MODALITA DI GESTIONE DELLA MOBILITA NEL COMUNE DI CAPALBIO

COMUNE DI CAPALBIO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE I CRITERI E LE MODALITA DI GESTIONE DELLA MOBILITA NEL COMUNE DI CAPALBIO REGOLAMENTO DISCIPLINANTE I CRITERI E LE MODALITA DI GESTIONE DELLA MOBILITA NEL COMUNE DI CAPALBIO Approvato con deliberazione G.C. n. 174 del 14/10/2010 Art. 1 Principi generali Il presente regolamento

Dettagli

2. Requisiti per l ammissione alla selezione Per l ammissione alla selezione è richiesto il possesso dei seguenti requisiti:

2. Requisiti per l ammissione alla selezione Per l ammissione alla selezione è richiesto il possesso dei seguenti requisiti: SELEZIONE PER TITOLI ED ESAMI PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO O INDETERMINATO CON CONTRATTO DI LAVORO PART-TIME O FULL TIME DI PERSONALE CON QUALIFICA DI IMPIEGATO

Dettagli

L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (in seguito denominato, per brevità, INAIL) nella persona del

L Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (in seguito denominato, per brevità, INAIL) nella persona del CONVENZIONE TRA L INAIL E L INPS PER L EROGAZIONE DELLA INDENNITA PER INABILITA TEMPORANEA ASSOLUTA DA INFORTUNIO SUL LAVORO, DA MALATTIA PROFESSIONALE E DA MALATTIA COMUNE NEI CASI DI DUBBIA COMPETENZA

Dettagli

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria PER LA CONCESSIONE DEI PERMESSI RETRIBUITI

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria PER LA CONCESSIONE DEI PERMESSI RETRIBUITI Regione Calabria ARPACAL Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria ALLEGATO ALLA DELIBERA N 1233/2010 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI PERMESSI RETRIBUITI PER DIRITTO ALLO STUDIO

Dettagli

B O Z Z A. Disegno di legge.

B O Z Z A. Disegno di legge. ALLEGATO B O Z Z A Disegno di legge. Attuazione dell art. 19 della legge 4 novembre 2010, n.183, in materia di lavori usuranti, di riorganizzazione di enti, di congedi, aspettative e permessi, di ammortizzatori

Dettagli

Direzioni Regionali e Interregionali LORO SEDI. Comandi Provinciali VV.F. LORO SEDI. e, p.c. Al Sig. Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Direzioni Regionali e Interregionali LORO SEDI. Comandi Provinciali VV.F. LORO SEDI. e, p.c. Al Sig. Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco REGISTRO UFFICIALE USCITA Prot. n. 19712 del 05/10/2015 s.06.04.01 Lavori Preparatori Alle All Alle Ai Agli Agli Direzioni Centrali LORO SEDI Ufficio Centrale Ispettivo SEDE Direzioni Regionali e Interregionali

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Testo aggiornato al 11 ottobre 2012 Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 26 luglio 2011 Gazzetta Ufficiale 18 agosto 2011, n. 191 Criteri e modalità per il riconoscimento dell equivalenza

Dettagli

UFFICIALE.U.0004031.04-05-2015

UFFICIALE.U.0004031.04-05-2015 dipvvf.staffcadip.registro UFFICIALE.U.0004031.04-05-2015 Interno - 261 MOD.4 VCF Roma, data protocollo CIRCOLARE Alle All Alle Agli Agli Ai DIREZIONI CENTRALI UFFICIO CENTRALE ISPETTIVO SEDE DIREZIONI

Dettagli

INTERPORTO DI ROVIGO SPA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITÀ DI ASSUNZIONE, DEI REQUISITI DI ACCESSO E DELLE PROCEDURE SELETTIVE

INTERPORTO DI ROVIGO SPA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITÀ DI ASSUNZIONE, DEI REQUISITI DI ACCESSO E DELLE PROCEDURE SELETTIVE INTERPORTO DI ROVIGO SPA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITÀ DI ASSUNZIONE, DEI REQUISITI DI ACCESSO E DELLE PROCEDURE SELETTIVE 1 Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione 1. Il presente regolamento

Dettagli

AVVISO DI MOBILITA ESTERNA RISERVATA ESCLUSIVAMENTE AL PERSONALE DI RUOLO DEGLI ENTI DI AREA VASTA

AVVISO DI MOBILITA ESTERNA RISERVATA ESCLUSIVAMENTE AL PERSONALE DI RUOLO DEGLI ENTI DI AREA VASTA AVVISO DI MOBILITA ESTERNA RISERVATA ESCLUSIVAMENTE AL PERSONALE DI RUOLO DEGLI ENTI DI AREA VASTA PER L ASSUNZIONE A TEMPO PIENO ED INDETERMINATO DI N.1 AGENTE DI POLIZIA LOCALE CATEGORIA C POSIZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO. PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSIEL- INFORMATICA PER IL SISTEMA DEGLI ENTI LOCALI S.p.A.

REGOLAMENTO. PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSIEL- INFORMATICA PER IL SISTEMA DEGLI ENTI LOCALI S.p.A. REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSIEL- INFORMATICA PER IL SISTEMA DEGLI ENTI LOCALI S.p.A. CAPO I - PRINCIPI GENERALI Articolo 1 - Oggetto 1. Il presente

Dettagli

Consiglio Centrale di Rappresentanza X Mandato BOLLETTINO INFORMATIVO N 4

Consiglio Centrale di Rappresentanza X Mandato BOLLETTINO INFORMATIVO N 4 Consiglio Centrale di Rappresentanza X Mandato BOLLETTINO INFORMATIVO N 4 INDICE Modifiche status giuridico dei VFP1/VFP4 Commissione Difesa del Senato Riordino dei Ruoli Aspettativa per riduzione dei

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE CONTINUA PER I CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE CONTINUA PER I CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE CONTINUA PER I CONSULENTI DEL LAVORO Approvato dal Consiglio Nazionale con Delibera n. 311 del 25 settembre

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI CIRCOLARE 8 settembre 2005 Doveri degli enti di servizio civile e infrazioni punibili con le sanzioni amministrative previste dall art.3 bis della legge 6 marzo 2001,

Dettagli

Presentazione. Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA a.s. 2014/2015

Presentazione. Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA a.s. 2014/2015 Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA a.s. 2014/2015 Presentazione Il personale della scuola ha la possibilità di partecipare alla mobilità annuale, cioè di poter

Dettagli

AVVISO PUBBLICO IL DIRIGENTE DELL AREA AMMINISTRATIVA - AFFARI GENERALI RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO IL DIRIGENTE DELL AREA AMMINISTRATIVA - AFFARI GENERALI RENDE NOTO Scade il 16 novembre 2015 AVVISO PUBBLICO PER PASSAGGIO DIRETTO DI PERSONALE DI RUOLO DIPENDENTE DI ENTI DI AREA VASTA EX. ART. 30 D.LGS 165/2001 ESCLUSIVAMENTE RISERVATO AGLI ISCRITTI NELLE LISTE DELLE

Dettagli

IL RESPONSABILE GESTIONE RISORSE UMANE

IL RESPONSABILE GESTIONE RISORSE UMANE AVVISO DI MOBILITA MEDIANTE CESSIONE DEL CONTRATTO DI LAVORO PER LA COPERTURA DEL POSTO VACANTE DI ISTRUTTORE AMMINISTRATIVO CONTABILE (CAT. C - CCNL Comparto Regioni Autonomie locali) IL RESPONSABILE

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA BANDO DI SELEZIONE PER IL PASSAGGIO DALL AREA B ALL AREA C, POSIZIONE C1 In applicazione degli artt.11 e 14 del CCNL concernente

Dettagli

B3 Regolamento per l effettuazione delle selezioni per l assunzione dei docenti a tempo determinato e indeterminato

B3 Regolamento per l effettuazione delle selezioni per l assunzione dei docenti a tempo determinato e indeterminato B3 Regolamento per l effettuazione delle selezioni per l assunzione dei docenti a tempo determinato e indeterminato Art. 1 Modalità assunzione personale docente 1. L assunzione del personale docente a

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004

PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 PROVVEDIMENTO 2322 DEL 6 DICEMBRE 2004 Decreto legislativo 3 novembre 2003 n. 307, di attuazione delle direttive 2002/12 CE e 2002/13 CE, che modifica i decreti legislativi 17 marzo 1995 nn. 174 e 175

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARIA COGHINAS (PROVINCIA DI SASSARI)

COMUNE DI SANTA MARIA COGHINAS (PROVINCIA DI SASSARI) COMUNE DI SANTA MARIA COGHINAS PROVINCIA CI SASSARI COMUNE DI SANTA MARIA COGHINAS (PROVINCIA DI SASSARI) (C.A.P. 07010 TEL. 079/5851421 FAX 079/5851441) AVVISO DI ESPERIMENTO MOBILITA VOLONTARIA ESTERNA,

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEI FASCICOLI DEL PERSONALE Agenzia AGRIS Sardegna

MANUALE DI GESTIONE DEI FASCICOLI DEL PERSONALE Agenzia AGRIS Sardegna MANUALE DI GESTIONE DEI FASCICOLI DEL PERSONALE Agenzia AGRIS Sardegna Approvato con determinazione del Direttore Generale n 33/13 del 23.04.2013-2013 - Agenzia AGRIS Sardegna Pagina 1 di 8 Sommario ART.

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA

COMUNE DI CIVITAVECCHIA COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma REGOLAMENTO SULLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DEL COMUNE DI CIVITAVECCHIA Parte I (ATTIVITÀ FORMATIVA) Art. 1 (Campo

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA

CROCE ROSSA ITALIANA CROCE ROSSA ITALIANA Avviso pubblico finalizzato alla stabilizzazione di n. 39 posizioni relative a rapporti a tempo determinato, Area professionale A, posizione economica A2, ( 38 posti per profilo tecnico

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA BANDO DI SELEZIONE PER IL PASSAGGIO DALLA POSIZIONE ECONOMICA C1 ALLA POSIZIONE ECONOMICA C2 profilo Socio Educativo decorrenza

Dettagli

Regolamento per la disciplina del reclutamento del personale di Istituto Luce Cinecittà S.r.l.

Regolamento per la disciplina del reclutamento del personale di Istituto Luce Cinecittà S.r.l. Regolamento per la disciplina del reclutamento del personale di Istituto Luce Cinecittà S.r.l. PARTE I DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 Procedure di assunzione 1- Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012 Di cosa si tratta Si tratta della possibilità che ha il personale della scuola di poter partecipare alla "mobilità annuale", e cioè di poter prestare servizio, per un anno, in una scuola diversa da quella

Dettagli

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato Art.1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento

Dettagli

DOCCIA SERVICE SRL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE ED IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI

DOCCIA SERVICE SRL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE ED IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI DOCCIA SERVICE SRL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE ED IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI Art. 1 Oggetto e norme di riferimento 1. Il presente regolamento disciplina le procedure per

Dettagli

AFFISSO ALL ALBO DEL DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI IN DATA: 29/5/2015 SCADENZA TERMINI PRESENTAZIONE DOMANDE: 7/6/2015

AFFISSO ALL ALBO DEL DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI IN DATA: 29/5/2015 SCADENZA TERMINI PRESENTAZIONE DOMANDE: 7/6/2015 AFFISSO ALL ALBO DEL DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI IN DATA: 29/5/2015 SCADENZA TERMINI PRESENTAZIONE DOMANDE: 7/6/2015 AVVISO DI RICOGNIZIONE INTERNA PER L ATTRIBUZIONE DI N. INCARICO DI TRADUZIONE

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE NORMATIVA DI ATTUAZIONE SPERIMENTALE DELL ART. 32 DEL CCI I N D I C E TITOLO I Mobilità interna Art. 1 - Finalità e tipologia

Dettagli

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing

Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing Regolamento Generale per la Certificazione volontaria delle competenze degli Ingegneri Cert-Ing 1 Premessa Nel processo di armonizzazione dell Ingegneria Europea, il Consiglio Nazionale degli Ingegneri,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 luglio 2004, ha approvato, con modificazioni, il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dalla Camera dei

Dettagli

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI SEGRETERIA TECNICA DEL DIRETTORE Nota Circolare UPPA n. 33/08, lì 22.05.2008 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Alle Amministrazioni

Dettagli

Bando per la selezione di n. 6 volontari da impiegare nel progetto di servizio civile

Bando per la selezione di n. 6 volontari da impiegare nel progetto di servizio civile Servizio Civile Nazionale Comune di Delianuova Bando per la selezione di n. 6 volontari da impiegare nel progetto di servizio civile PROTEGGERE DELIANUOVA nel Comune di DELIANUOVA Art. 1 Generalità È indetto

Dettagli

Comune di Scafati Provincia di Salerno

Comune di Scafati Provincia di Salerno Comune di Scafati Provincia di Salerno Croce al Valore Militare e Medaglia d Oro alla Resistenza Avviso di mobilità volontaria esterna ai sensi dell art. 30 del D.lgs 165/2001, per la copertura di n. 2

Dettagli

COMUNE DI MONTESARCHIO (PROVINCIA DI BENEVENTO)

COMUNE DI MONTESARCHIO (PROVINCIA DI BENEVENTO) COMUNE DI MONTESARCHIO (PROVINCIA DI BENEVENTO) BANDO PER LA SELEZIONE DI N. 12 VOLONTARI DA IMPIEGARE NEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE, denominato Insieme per fare, DA REALIZZARE NEL COMUNE DI

Dettagli

Il Prefetto della Provincia di Arezzo

Il Prefetto della Provincia di Arezzo ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA AGEVOLATA REALIZZATI NEL COMUNE DI AREZZO Visto il proprio atto prot. n. 812/2002/Gab.-A. datato 26/09/2002, concernente l avviso per l assegnazione

Dettagli

TESTO COORDINATO. Indice

TESTO COORDINATO. Indice TESTO COORDINATO DIRETTIVE TECNICHE PER L ACCREDITAMENTO DEI SOGGETTI FORMATORI CHE GESTISCONO I CORSI DI FORMAZIONE PER LO SVOLGIMENTO DIRETTO DA PARTE DEL DATORE DI LAVORO DEI COMPITI DI PREVENZIONE

Dettagli

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Piano Nazionale di edilizia abitativa Visto il decreto legge 25 giugno 2008, n 112 convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n 133, recante

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO Afragola, 29/04/2015 prot.2185/a7 IL DIRIGENTE SCOLASTICO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, con cui è stato approvato il testo unico delle disposizioni legislative vigenti in materia di istruzione;

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

SERVIZI AI CITTADINI E ALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI AVVISO PUBBLICO SELEZIONE PUBBLICA PER TITOLI, COLLOQUIO E PROVA PRATICA

SERVIZI AI CITTADINI E ALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI AVVISO PUBBLICO SELEZIONE PUBBLICA PER TITOLI, COLLOQUIO E PROVA PRATICA AVVISO PUBBLICO SELEZIONE PUBBLICA PER TITOLI, COLLOQUIO E PROVA PRATICA FINALIZZATA ALL ASSUNZIONE DI PERSONALE DIPENDENTE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO E A TEMPO PARZIALE La S.T.S. Società Tuscolana

Dettagli

Comune di San Vito Romano

Comune di San Vito Romano ALLEGATO 1 BANDO PER LA SELEZIONE DI 2 VOLONTARI DA IMPIEGARE NEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE ANIMAZIONE NEL TERRITORIO TRA BIBLIOTECA E MATERIALE ARCHIVISTICO 2016 DATA DI SCADENZA: 30/06/2016 Art. 1

Dettagli

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Ambito di applicazione

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Ambito di applicazione Allegato n. 1 REGOLAMENTO PER L AMPLIAMENTO DEL NUCLEO FAMILIARE E PER L OSPITALITA TEMPORANEA IN ALLOGGI DI E.R.P, DI CUI AGLI ARTT. 25, c. 6 d) E 27 DELLA L.R. N. 24/2001. TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE 1 Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione in data 2 maggio 2011 Art. 1 Oggetto CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 2

Dettagli

approvato all adunanza del 18 marzo 2013

approvato all adunanza del 18 marzo 2013 REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI INDIVIDUALI DI COLLABORAZIONE AUTONOMA A SOGGETTI ESTRANEI ALL AMMINISTRAZIONE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI BOLOGNA approvato all adunanza del 18 marzo 2013 ARTICOLO

Dettagli

CITTÁ DI ROSARNO BANDO PER LA SELEZIONE DI 7 VOLONTARI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE PRESSO L'ENTE COMUNALE DI ROSARNO

CITTÁ DI ROSARNO BANDO PER LA SELEZIONE DI 7 VOLONTARI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE PRESSO L'ENTE COMUNALE DI ROSARNO CITTÁ DI ROSARNO BANDO PER LA SELEZIONE DI 7 VOLONTARI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE PRESSO L'ENTE COMUNALE DI ROSARNO VISTO il decreto dirigenziale n.2019 del 12/03/2015, con il quale è

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI Il presente documento, recante lo schema di Regolamento sulle modalità di adesione alle forme pensionistiche complementari,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI E COLLABORAZIONI

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI E COLLABORAZIONI REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI E COLLABORAZIONI 1 di 5 ARTICOLO 1 FINALITÀ 1. L Associazione Curia Mercatorum, (di seguito denominata

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SULLE MODALITÀ DI ACCESSO DALL ESTERNO AI POSTI DI PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO 22 2007, 1027) INDICE

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SULLE MODALITÀ DI ACCESSO DALL ESTERNO AI POSTI DI PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO 22 2007, 1027) INDICE REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SULLE MODALITÀ DI ACCESSO DALL ESTERNO AI POSTI DI PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO (modificato con decreto rettorale 22 ottobre 2007, n. 1027) INDICE Articolo 1 (Criteri

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento di attività

Dettagli

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO COMUNALE SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO COMUNALE SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO COMUNALE SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO Approvato con Delibera C.C. n. 8 del 03/02/2014 1 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI INDICE Art. 1 Ambito di applicazione pag. 3 Art. 2 Principi generali

Dettagli

autorità competente autorità procedente proponente Autorità competente:

autorità competente autorità procedente proponente Autorità competente: INDIRIZZI IN MERITO AI PROGETTI RELATIVI AD IMPIANTI DI SMALTIMENTO E DI RECUPERO DEI RIFIUTI IN VARIANTE ALLO STRUMENTO URBANISTICO E COORDINAMENTO PROCEDURE DI VIA - AIA - VAS QUADRO NORMATIVO Il comma

Dettagli

IL PRESIDENTE. Roma, 12/12/2012 prot. n. 6647/50

IL PRESIDENTE. Roma, 12/12/2012 prot. n. 6647/50 AFFISSO ALL ALBO IL 12/12/2012 Roma, 12/12/2012 prot. n. 6647/50 IL PRESIDENTE - Vista la Legge n. 508 del 21 dicembre 1999, recante norme di riforma dei Conservatori di musica; - Vista la Legge n. 241

Dettagli

AREA AFFARI GENERALI

AREA AFFARI GENERALI AREA AFFARI GENERALI BANDO DI MOBILITA VOLONTARIA ESTERNA EX ART. 30 D.LGS 165/2001 PER LA COPERTURA A TEMPO PIENO ED INDETERMINATO DI UN POSTO DI ISTRUTTORE CONTABILE CAT. C SETTORE FINANZIARIO. IL SEGRETARIO

Dettagli

All ARAN Roma. Alla Scuola Superiore della pubblica amministrazione Roma. Agli Enti pubblici non economici (tramite i Ministeri vigilanti) Loro Sedi

All ARAN Roma. Alla Scuola Superiore della pubblica amministrazione Roma. Agli Enti pubblici non economici (tramite i Ministeri vigilanti) Loro Sedi All ARAN Roma Alla Scuola Superiore della pubblica amministrazione Roma Agli Enti pubblici non economici (tramite i Ministeri vigilanti) Loro Sedi Agli Enti pubblici (ex art. 70 D.Lgs. n. 165/2001) Loro

Dettagli

DISCIPLINARE DELL INRIM PER IL CONFERIMENTO DI ASSEGNI DI RICERCA

DISCIPLINARE DELL INRIM PER IL CONFERIMENTO DI ASSEGNI DI RICERCA DISCIPLINARE DELL INRIM PER IL CONFERIMENTO DI ASSEGNI DI RICERCA approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29 maggio 2014 INDICE Premessa Disposizioni Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione

Dettagli

CITTA' DI MOGLIANO VENETO AVVISO PUBBLICO DI MOBILITA ESTERNA

CITTA' DI MOGLIANO VENETO AVVISO PUBBLICO DI MOBILITA ESTERNA CITTA' DI MOGLIANO VENETO P.zza Caduti n. 8 - C.A.P. 31021 Provincia di Treviso Codice Fiscale 00565860269 - Partita Iva 00476370267 Tel. 041 59 30 111 - Fax 041 59 30 299 Servizio Amministrazione del

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

fieremilia s.r.l. a socio unico Corso Garibaldi, 59 REGGIO EMILIA

fieremilia s.r.l. a socio unico Corso Garibaldi, 59 REGGIO EMILIA fieremilia s.r.l. a socio unico Corso Garibaldi, 59 REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE, STUDIO, RICERCA, CONSULENZA E PER LA SELEZIONE DEL PERSONALE. 1. Premessa

Dettagli

CODICE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE

CODICE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE CODICE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE 1 PREMESSA Il presente codice disciplina le procedure di ricerca, selezione ed inserimento di personale, che sono demandate alla Direzione Generale,

Dettagli

CITTA MANFREDONIA Provincia di Foggia

CITTA MANFREDONIA Provincia di Foggia CITTA MANFREDONIA Provincia di Foggia 2 SETTORE ATTUAZIONE POLITICHE PER LO SVILUPPO ECONOMICO E L OCCUPAZIONE 2 SERVIZIO Risorse Umane e Servizio Civile BANDO PER LA SELEZIONE DI N.10 VOLONTARI PER IL

Dettagli

Documento approvato dalla Commissione il 17 maggio 2004

Documento approvato dalla Commissione il 17 maggio 2004 Documento approvato dalla Commissione il 17 maggio 2004 Verifica dei requisiti di onorabilità e professionalità in capo ai componenti dell organo di amministrazione, dell organo di controllo e al responsabile

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Ministero per i Beni e le Attività Culturali IL SEGRETARIO GENERALE VISTO il D.Lgs. 20 ottobre 1998, n.368 e successive modificazioni, concernente l istituzione del Ministero per i beni e le attività culturali

Dettagli

Settore Formazione e Lavoro Servizio Attività formative AVVISO

Settore Formazione e Lavoro Servizio Attività formative AVVISO PROVINCIA DI FROSINONE Settore Formazione e Lavoro Servizio Attività formative AVVISO PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DI ASPIRANTI PRESIDENTI DI COMMISSIONE D ESAME PER I CORSI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

Dettagli

Emanato con D.R. n. 695 del 19 agosto 1999 CAPO I PARTE GENERALE. Articolo 1 - Oggetto

Emanato con D.R. n. 695 del 19 agosto 1999 CAPO I PARTE GENERALE. Articolo 1 - Oggetto REGOLAMENTO RELATIVO ALLA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI TRASFERIMENTO E DI MOBILITA INTERNA PER LA COPERTURA DEI POSTI VACANTI DI PROFESSORE ORDINARIO, DI PROFESSORE ASSOCIATO E DI RICERCATORE, AI SENSI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI FORMAZIONE ALL ATTIVITA DI RICERCA ISTITUITE DALLA FONDAZIONE UNIVERSITÀ G.D ANNUNZIO

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI FORMAZIONE ALL ATTIVITA DI RICERCA ISTITUITE DALLA FONDAZIONE UNIVERSITÀ G.D ANNUNZIO REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI FORMAZIONE ALL ATTIVITA DI RICERCA ISTITUITE DALLA FONDAZIONE UNIVERSITÀ G.D ANNUNZIO CAPO I NORME GENERALI Articolo 1 (Oggetto, requisiti e finalità) 1) Il

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLA DOTAZIONE ORGANICA ED ALLE MODALITÀ DI REPERIMENTO DELLE RISORSE PROFESSIONALI.

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLA DOTAZIONE ORGANICA ED ALLE MODALITÀ DI REPERIMENTO DELLE RISORSE PROFESSIONALI. REGOLAMENTO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLA DOTAZIONE ORGANICA ED ALLE MODALITÀ DI REPERIMENTO DELLE RISORSE PROFESSIONALI. PREMESSA L Azienda speciale consortile COeSO Consorzio per la gestione delle politiche

Dettagli

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali.

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali. Privacy - Ordinamento degli uffici e dei servizi comunali: indirizzi in materia di trattamento dei dati personali esistenti nelle banche dati del Comune. (Delibera G.C. n. 919 del 28.12.2006) Disposizioni

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE OGGETTO: Legge 5 febbraio 1992, n. 104 (legge quadro per l assistenza, l integrazione

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER IL CONSEGUIMENTO DELL ATTESTATO DI IDONEITÀ PROFESSIONALE PER IL TRASPORTO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE SU STRADA DI MERCI

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER IL CONSEGUIMENTO DELL ATTESTATO DI IDONEITÀ PROFESSIONALE PER IL TRASPORTO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE SU STRADA DI MERCI REGOLAMENTO PROVINCIALE PER IL CONSEGUIMENTO DELL ATTESTATO DI IDONEITÀ PROFESSIONALE PER IL TRASPORTO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE SU STRADA DI MERCI O DI VIAGGIATORI (D. Lgs. n. 395/2000 e successive

Dettagli

I.R.R.S.A.E. DEL LAZIO

I.R.R.S.A.E. DEL LAZIO I.R.R.S.A.E. DEL LAZIO Istituto Regionale di Ricerca Sperimentazione e Aggiornamento Educativi per il Lazio Prot. n. 4298/P Roma, 12 aprile 1999 LA PRESIDENTE VISTA la L. 6 luglio 1940, n. 1038, concernente

Dettagli

1. Congedo di maternità in caso di adozione e affidamento. 2. Congedo di paternità in caso di adozione e affidamento

1. Congedo di maternità in caso di adozione e affidamento. 2. Congedo di paternità in caso di adozione e affidamento Seite 1 von 8 Prassi delle Leggi d'italia I.N.P.S. (Istituto nazionale della previdenza sociale) Circ. 4-2-2008 n. 16 Art. 2, commi 452-456, della legge 24 dicembre 2007, n. 244 (Finanziaria 2008). Congedo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

REGOLAMENTO ITER PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ITER PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO ITER PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina l iter dei procedimenti amministrativi dell Agenzia Forestale Regionale dell Umbria. 2. In particolare

Dettagli