CONVEGNO L ATTUAZIONE DEI PAES Adempimenti a carico dell Energy Manager Napoli 10 aprile 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONVEGNO L ATTUAZIONE DEI PAES Adempimenti a carico dell Energy Manager Napoli 10 aprile 2015"

Transcript

1 DIPARTIMENTO DIPARTIMENTO DI DI SCIENZE SCIENZE E E TECNOLOGIE TECNOLOGIE AMBIENTALI AMBIENTALI DELLA DELLA SECONDA SECONDA UNIVERSITA UNIVERSITA DI DI NAPOLI NAPOLI ORDINE ORDINE DEGLI DEGLI INGEGNERI INGEGNERI DI DI CASERTA CASERTA ORDINE ORDINE DEGLI DEGLI ARCHITETTI ARCHITETTI P.P.C. P.P.C. DI DI SALERNO SALERNO ANEA ANEA CONVEGNO L ATTUAZIONE DEI PAES Adempimenti a carico dell Energy Manager Napoli 10 aprile 2015 Energy Manager EGE SECEM matr.2/2012 1

2 ARGOMENTI La figura dell Energy Manager negli Enti Locali Ulteriori adempimenti a carico del E.M. Piano di azione per le energie sostenibili 2

3 Quadro Normativo per la nomina dell ENERGY MANAGER Dalla legge 10/91 alla norma UNI CEI 11339:2009 Adempimenti a carico dell Energy Manager nel Privato e nella P.A. 3

4 Quadro Normativo per la nomina dell ENERGY MANAGER Dalla legge 10/91 alla norma UNI CEI : 2009 LEGGE 9 gennaio 1991 n. 10 Norme per l'attuazione del piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell'energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia. DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005 n. 192 e s.m.i. Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell'edilizia. 4

5 Quadro Normativo per la nomina dell ENERGY MANAGER Dalla legge 10/91 alla UNI CEI : 2009 UNI CEI : 2009 "Gestione dell energia. Esperti in gestione dell'energia. Requisiti generali per la qualificazione" 5

6 Quadro Normativo per la nomina dell ENERGY MANAGER Dalla legge 10/91 alla UNI CEI : 2009 Art. 19 Responsabile per la conservazione e l'uso razionale dell'energia. Nomina entro il 30 aprile di ogni anno Industriale > TEP Settori Civile Terziario > TEP Trasporti comunicazione alla F.I.R.E. (Federazione Italiana Responsabilli Energia) incaricata dal Ministero Sviluppo Economico a curare e gestire l elenco dei Responsabili per la conservazione e l uso razionale dell energia. F.I.R.E. C.P ROMA 6

7 Quadro Normativo per la nomina dell ENERGY MANAGER Dalla legge 10/91 alla UNI CEI : 2009 Art. 19 Responsabile per la conservazione e l'uso razionale dell'energia. La nomina dell Energy Manager va effettuata dal soggetto pubblico o privato al primo incarico e riconfermata annualmente L omissione o il ritardo della nomina è punito con una sanzione pecuniaria da.5.000,00 a ,00 ai sensi del punto 11) della nota di chiarimento alla Circolare, del Ministero dell Industria, del Commercio e dell Artigianato del 2 marzo 1992, n.219/f 7

8 Quadro Normativo per la nomina dell ENERGY MANAGER Dalla legge 10/91 alla UNI CEI : 2009 Art. 19 Responsabile per la conservazione e l'uso razionale dell'energia. Per individuare l obbligo è necessario determinare i consumi annui di TEP (Tonnellate Equivalenti di Petrolio) I consumi di energia i cui vettori principali sono i combustibili e l elettricità vanno rappresentati in consumi di fonti primarie che tengano conto della catena di trasformazione in modo da rappresentare con una unica unità di misura le varie fonti di energia 8

9 Quadro Normativo per la nomina dell ENERGY MANAGER Dalla legge 10/91 alla UNI CEI : 2009 Art. 19 Responsabile per la conservazione e l'uso razionale dell'energia. La Circolare MICA (Min.Ind.Comm.Art.) del 2 marzo 1992 n.219/f riporta i fattori di conversione 9

10 Quadro Normativo per la nomina dell ENERGY MANAGER Dalla legge 10/91 alla UNI CEI : 2009 Art. 19 Responsabile per la conservazione e l'uso razionale dell'energia. Accertata l obbligatorietà della nomina per il superamento dei limiti dei consumi in TEP è necessario individuare la classe di attività secondo la Classificazione ATECO 2007 che definisce con un numero a due cifre le varie attività 10

11 Quadro Normativo per la nomina dell ENERGY MANAGER Dalla legge 10/91 alla UNI CEI : 2009 Art. 19 Responsabile per la conservazione e l'uso razionale dell'energia. Ai sensi del punto 17) della nota di chiarimento alla Circolare MICA del 2 marzo 1992 n.219/f L Energy Manager si configura idealmente come un soggetto con un bagaglio di conoscenze acquisibili mediante laurea in ingegneria, pluriennale attività tecnica professionale successiva alla laurea nel settore in cui l Organizzazione opera, esperienza nel campo degli studi di fattibilità e della progettazione di massima di sistemi per la produzione e l utilizzo dell energia, buona conoscenza delle tecnologie più avanzate nel settore. 11

12 Quadro Normativo per la nomina dell ENERGY MANAGER Dalla legge 10/91 alla UNI CEI : 2009 Circolare del Ministero dello Sviluppo Economico del 18 dicembre Nomina del responsabile per la conservazione e l uso razionale dell energia di cui all'art. 19 della legge 9 gennaio 1991 n. 10 e all articolo 7 comma 1, lettera e) del decreto ministeriale 28 dicembre NOTA 1 12

13 Quadro Normativo per la nomina dell ENERGY MANAGER Dalla legge 10/91 alla UNI CEI : italia.org/?p=420 13

14 Quadro Normativo per la nomina dell ENERGY MANAGER Adempimenti a carico dell E.M. nel Privato e nella P.A. DALL E.M. ENERGY MANAGER ALL E.G.E. ESPERTO IN GESTIONE DELL ENERGIA L incarico di E.M. perviene da un soggetto obbligato ai sensi della Legge 10/91 che è tenuto a darne comunicazione alla F.I.R.E. che detiene un elenco, su incarico del MSE. Non sono richiesti specifici titoli, formazioni ed esperienze. La norma UNI CEI definisce i requisiti generali e le procedure per la qualificazione, individuando compiti e competenze nonchè le modalità di valutazione delle competenze di un E.G.E.. Training Master ENERGY MANAGEMENT 14

15 Quadro Normativo per la nomina dell ENERGY MANAGER Adempimenti a carico dell E.M. nel Privato e nella P.A. COMPITI DELL ENERGY MANAGER NELLE ATTIVITA PRIVATE A) verifica della completezza ed aggiornamento dei consumi energetici B) predisposizione delle schede delle utenze energetiche C) esame delle caratteristiche energetiche di macchine, impianti ed edifici D) esame dei contratti di forniture di energia elettrica, di gas, idriche e di gestione calore per scegliere il contratto più idoneo al caso E) analisi dei consumi con individuazioni di eventuali anomalie ed indicazione delle azioni correttive 15

16 Quadro Normativo per la nomina dell ENERGY MANAGER Adempimenti a carico dell E.M. nel Privato e nella P.A. COMPITI DELL ENERGY MANAGER NELLE ATTIVITA PRIVATE F) imputazione dei consumi e dei costi energetici per centri di costo, per tipologie d uso allo scopo di sensibilizzare l utenza interessata G) sistema di contabilizzazione dei consumi con individuazione di indici specifici, aggiornamento periodico dei dati, analisi dei risultati, raffronto tra dati di periodi diversi per evidenziare eventuali anomalie e porre eventuali fattori correttivi H) verifica della conduzione degli impianti di produzione distribuzione ed utilizzo dell energia, ottimizzando i rendimenti e diminuendo i costi 16

17 Quadro Normativo per la nomina dell ENERGY MANAGER Adempimenti a carico dell E.M. nel Privato e nella P.A. COMPITI DELL ENERGY MANAGER NELLE ATTIVITA PRIVATE I) verifica di corretta manutenzione programmata degli impianti sempre allo scopo di massimizzare i rendimenti, di ridurre gli interventi di manutenzione straordinaria, di assicurare una maggiore vita agli impianti e di garantire un elevato livello di sicurezza L) individuazione di interventi migliorativi su edifici ed impianti al fine di ridurre i consumi energetici ed i costi di gestione M) elaborazione di studi di fattibilità in termini di diagnosi energetica 17

18 Quadro Normativo per la nomina dell ENERGY MANAGER Adempimenti a carico dell E.M. nel Privato e nella P.A. COMPITI DELL ENERGY MANAGER NELLE ATTIVITA PRIVATE N) elaborazione del programma di intervento dell Energy Manager con l individuazione degli obiettivi, delle risorse, dei mezzi, del personale e dei tempi previsti O) elaborazione del piano economico di investimento con individuazione dei costi, degli obiettivi di risparmio energetico e di riduzione dei costi energetici con relativi tempi di ritorno dell investimento P) predisposizione dell archivio di tutte le norme legislative inerenti la materia Q) coinvolgimento di tutti gli operatori nella riduzione dei consumi 18

19 Quadro Normativo per la nomina dell ENERGY MANAGER Adempimenti a carico dell E.M. nel Privato e nella P.A. COMPITI DELL ENERGY MANAGER NELLE ATTIVITA PUBBLICHE A) tutto quanto svolto dall Energy Manager in attività private B) adempimenti connessi ai controlli degli impianti termici imposti dal D.P.R. 412/93 e D.P.R. 551/99 C) predisposizione del Bilancio Energetico Comunale D) validazione relazioni sul risparmio energetico degli edifici in attuazione del comma 15 dell allegato I al D.Lgs.192/05 come modificato dal D.Lgs. 311/06 con rilascio di attestato di rispondenza E) registro dei Certificati Energetici 19

20 Il Quadro Legislativo per l Efficientamento Energetico degli Edifici Il Ruolo dell Energy Manager ai sensi del D.Lgs.192/2005 per la Validazione dei Progetti di Efficientamento Energetico 20

21 Il Ruolo dell Energy Manager ai sensi del D.Lgs.192/2005 per la Validazione dei Progetti di Efficientamento Energetico Rilascio Attestato di Rispondenza Relazione tecnica art.28 L.10/91 come riportata nell allegato.. del D.Lgs. 192 ed integrata dal D.lgs 311/06 completa di calcoli ed elaborati grafici Dichiarazione asseverata dal D.L. circa la rispondenza del progettato al realizzato Attestato di Prestazione Energetica ai sensi del D.L. 4 giugno 2013 n.63 Convertito in Legge 3/8/13 n.90 NOTA 2 Training Master ENERGY MANAGEMENT 21

22 Il ruolo dell E.M. ai sensi del D.Lgs.192/05 per la Validazione dei Progetti di Efficientamento Energetico NOTA 3 22

23 La Pianificazione Energetica Territoriale Piano di Azione per le Energie Sostenibili PATTO DEI SINDACI PIANO DI AZIONE PER LE ENERGIE SOSTENIBILI SUSTAINABLE ENERGY NOW 23

24 La Pianificazione Energetica Territoriale Piano di Azione per le Energie Sostenibili Area Tematica Numero scheda Titolo Scheda 1 Impianti solari termici 2 Impianti di cogenerazione a biomasse Fonti energetiche alternative 3 Cogenerazione piscina comunale 4 Impianti eolici 5 Impianti eolici mini e micro 6 Illuminazione pubblica (regolatori di flusso) Interventi pubblici 7 Utilizzo di lampade al LED per gli impianti semaforici. 8 Utilizzo di lampade al LED nelle abitazioni e negli uffici. 9 Recupero energia acquedotto 10 Azioni sul trasporto pubblico locale Mobilità Sostenibile 11 Flotta auto elettriche a ricarica fotovoltaica 12 Azioni sul trasporto pubblico locale attivazione Metropolitana 13 Sostituzione infissi Riqualificazione energetica dell'edilizia 14 Lastrico solare 15 Giardini pensili 16 PAES sul Web Informazione e Comunicazione 17 Divulgazione nelle scuole 18 Comunicazione ed Informazione Attivazione, monitoraggio e sviluppo PAES 19 Ufficio Energia Ambiente 24

25 La Pianificazione Energetica Territoriale Piano di Azione per le Energie Sostenibili 25

26 La Pianificazione Energetica Territoriale Piano di Azione per le Energie Sostenibili Sostituzione infissi In un involucro edilizio ogni intervento di qualificazione energetica su un generico elemento opaco o finestrato produce come effetto la riduzione della sua trasmittanza U. Tale intervento prevede la sostituzione dei vecchi infissi con un solo vetro con infissi con vetrocamera. 26

27 La Pianificazione Energetica Territoriale Piano di Azione per le Energie Sostenibili In tal caso si avrà una riduzione della trasmittanza con un conseguente aumento di risparmio di CO2. Per calcolare tale risparmio occorre innanzitutto ricavare l'energia risparmiata, data da: E r = GG 24 f U S E pr = E r / η R e = E pr f i Er è il risparmio energetico che si otterrebbe se considerassimo l'intera superficie S di infissi presenti nel comune di Salerno, dove si indica con f i la frazione di intervento considerata. S la superficie degli infissi calcolata partendo dalla superficie totale del comune di Salerno S TOT : considerando che un appartamento tipo ha S TOT,med = 100 m 2, avente Nf = 6 come numero di superfici finestrate, ed ogni superficie finestrata è circa Sf = 3,6 m 2, si può stimare il totale di metri quadri di infissi. S = S f N f S TOT /S TOT.med =

28 La Pianificazione Energetica Territoriale Piano di Azione per le Energie Sostenibili L'energia primaria risparmiata E pr si ottiene dividendo il risparmio energetico per il rendimento globale η. Il risparmio energetico si calcola moltiplicando i gradi giorno GG, per un fattore di correzione f e il rapporto di trasmittanza U. Il risparmio di CO2 è dato dall'equazione: CO 2 = CO 2risparmiata E pr / η c dove η c è il rendimento di conversione. Per i calcoli, si è assunto un valore di trasmittanza media di un infisso con un vetro pari a 5 W/m2K e quella di un vetrocamera pari a 2,9 W/m2K. 28

29 La Pianificazione Energetica Territoriale Piano di Azione per le Energie Sostenibili 29

30 La Pianificazione Energetica Territoriale Piano di Azione per le Energie Sostenibili 30

31 La Pianificazione Energetica Territoriale Piano di Azione per le Energie Sostenibili Per poter calcolare il risparmio di energia primaria e di CO 2 occorrerà stimare la superficie totale di lastrico solare del comune Salerno: nota la S TOT = m 2 di superficie abitabile nel comune di Salerno, viene diviso per il numero medio di piani dei palazzi (adottando 4 come valore), ottenendo S = m 2. Applicando le stesse equazioni utilizzate per il calcolo dell'energia primaria risparmiata nella sostituzione degli infissi, si potrà calcolare il risparmio di CO 2 sommando due aliquote: CO 2 ' che è l'aliquota ottenuta considerando l'assorbimento di anidride carbonica del manto erboso e CO 2 '' che è l'aliquota ottenuta considerando il risparmio di energia primaria. CO 2 = CO 2 '+ CO 2 '' = CO 2assorbita f i S + CO 2risparmiata E pr / η c 31

32 La Pianificazione Energetica Territoriale Piano di Azione per le Energie Sostenibili 32

33 La Pianificazione Energetica Territoriale Piano di Azione per le Energie Sostenibili Considerando che il RUEC prevede una utilizzazione max del 35% della superficie delle coperture ed ipotizzando, una superficie d'intervento pari al 30% della totale disponibile si ha che la superficie totale dei gazebo solari installabile è di S TOT = m 2. Se il sito è ben soleggiato, si può stimare che l'impianto fotovoltaico produca, nella nostra zona, circa 1250 kwh all'anno per ogni kw di potenza installata (producibilità Pr). Noto anche il valore di potenza a metro quadro w=0,15 kw/ m 2, si può calcolare l'energia prodotta E e le emissioni evitate di CO 2 (0,516 kg/kwh), con le seguenti relazioni: E = S TOT w P r = kwh CO 2 = E CO 2risparmiata = t/anno NOTA 4 33

34 La Pianificazione Energetica Territoriale Piano di Azione per le Energie Sostenibili 34

35 CONVEGNO L ATTUAZIONE DEI PAES Adempimenti a carico dell Energy Manager Napoli 10 aprile 2015 Energy Manager EGE SECEM matr.2/2012 Grazie per la vostra attenzione 35

Da Energy Manager a Esperto in Gestione dell Energia

Da Energy Manager a Esperto in Gestione dell Energia Argomenti trattati Evoluzione delle figura professionale: da EM a EGE L Esperto in Gestione dell Energia Requisiti, compiti e competenze secondo UNI CEI 11339 Opportunità Schema di certificazione L Energy

Dettagli

Da Energy Manager a Esperto in Gestione dell Energia

Da Energy Manager a Esperto in Gestione dell Energia Argomenti trattati Evoluzione delle figura professionale: da EM a EGE L Esperto in Gestione dell Energia Requisiti, compiti e competenze secondo UNI CEI 11339 Opportunità Schema di certificazione L Energy

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA COMMISSIONE ENERGIA CORSO: ENERGY MANAGER -EGE DATA: 08 LUGLIO 2015 DOCENTI: ING. SAVOLDELLI ROBERTO SEMINARIO ESCO-EGE-TEE 1 ENERGY MANAGER RICHIAMI:

Dettagli

Enrico Biele, FIRE Buone pratiche per la gestione dei consumi energetici in azienda

Enrico Biele, FIRE Buone pratiche per la gestione dei consumi energetici in azienda e altri incentivi per l efficienza energetica Enrico Biele, FIRE Buone pratiche per la gestione dei consumi energetici in azienda 11/06/14, Camera di Commercio di Como Cos è la FIRE La Federazione Italiana

Dettagli

ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE; L ENERGIA E L AMBIENTE ENEA. Opera nei settori dell energia, dell ambiente e delle nuove tecnologie;

ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE; L ENERGIA E L AMBIENTE ENEA. Opera nei settori dell energia, dell ambiente e delle nuove tecnologie; Ente pubblico di ricerca ENEA Opera nei settori dell energia, dell ambiente e delle nuove tecnologie; E a supporto delle politiche di competitività e dello sviluppo sostenibile in campo energetico-ambientale

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI: LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA. Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192 (Direttiva 2002/91/CE)

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI: LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA. Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192 (Direttiva 2002/91/CE) EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI: LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192 (Direttiva 2002/91/CE) La certificazione energetica Domanda di energia nel 2000 nei Paesi UE

Dettagli

Energy management negli enti pubblici: l'esperienza di Arpa Emilia-Romagna

Energy management negli enti pubblici: l'esperienza di Arpa Emilia-Romagna Corso di formazione SISTEMI PER L'ENERGIA E L'AMBIENTE 8 giugno 2015 Energy management negli enti pubblici: l'esperienza di Arpa Emilia-Romagna Michele Sansoni Direzione Tecnica michelesansoni@arpa.emr.it

Dettagli

FINANZIARIA 2008 Parma 5.02.2008

FINANZIARIA 2008 Parma 5.02.2008 FINANZIARIA 2008 Parma 5.02.2008 INCENTIVI PREVISTI DALLA FINANZIARIA 2007 Riqualificazione edifici con miglioramento del 20% Infissi con finestre, parti opache Caldaie a condensazione Solare Termico Fotovoltaico

Dettagli

L Energy Manager e le nuove professioni dell Efficienza Energetica

L Energy Manager e le nuove professioni dell Efficienza Energetica L Energy Manager e le nuove professioni dell Efficienza Energetica Nino Di Franco nino.difranco@enea.it ENEA, Unità Tecnica per l Efficienza Energetica Giornata di formazione continua in collaborazione

Dettagli

Iniziative energetiche intraprese dall Amministrazione comunale di Lodi. Simone Uggetti Assessore all Ambiente Comune di Lodi

Iniziative energetiche intraprese dall Amministrazione comunale di Lodi. Simone Uggetti Assessore all Ambiente Comune di Lodi CITTA DI LODI Iniziative energetiche intraprese dall Amministrazione comunale di Lodi I comuni, l'energia, l ambiente e la tutela del cittadino: esperienze, innovazioni e finanziamenti Simone Uggetti Assessore

Dettagli

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Indirizzi del settore energia nella provincia di Livorno Roberto Bianco 19 giugno 2007 1 Pianificazione energetica provinciale: di linee di indirizzo

Dettagli

La Certificazione degli Energy Manager come punto qualificante della Nuova Normativa

La Certificazione degli Energy Manager come punto qualificante della Nuova Normativa Per una migliore qualità della vita La Certificazione degli Energy Manager come punto qualificante della Nuova Normativa Matteo Locati Federchimica Milano 27/02/2013 La società: Certiquality: Profilo Società

Dettagli

Dall Energy Manager all Esperto in Gestione dell Energia - EGE www.apea.ct.it

Dall Energy Manager all Esperto in Gestione dell Energia - EGE www.apea.ct.it Dall Energy Manager all Esperto in Gestione dell Energia - EGE www.apea.ct.it R. Lanzafame 1 Agenda L EM: un po di storia L EM oggi Dall EM all EGE Verso la certificazione delle competenze: non solo EM

Dettagli

Produzione di energia da fonti rinnovabili e interventi di risparmio ed uso razionale dell energia nelle grandi strutture

Produzione di energia da fonti rinnovabili e interventi di risparmio ed uso razionale dell energia nelle grandi strutture Produzione di energia da fonti rinnovabili e interventi di risparmio ed uso razionale dell energia nelle grandi strutture Le grandi strutture dell edilizia, del commercio, della grande distribuzione e

Dettagli

Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA

Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA CITTÀ DI GIUGLIANO IN CAMPANIA Provincia di Napoli Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA N. 47. Data 27/03/2014 OGGETTO: NOMINA DELL ENERGY MANAGER RESPONSABILE PER LA CONSERVAZIONE E

Dettagli

Efficienza energetica e condomini Una visione di insieme. Ing. Emanuele Bulgherini Project Manager EfficiencyKNow srl

Efficienza energetica e condomini Una visione di insieme. Ing. Emanuele Bulgherini Project Manager EfficiencyKNow srl Efficienza energetica e condomini Una visione di insieme Ing. Emanuele Bulgherini Project Manager EfficiencyKNow srl Il quadro normativo sull efficienza energetica e gli strumenti incentivanti o Legge

Dettagli

ENERGY MANAGER QUALIFICATO ODC CHE OPERA AI SENSI UNI CEI EN ISO/IEC 17024

ENERGY MANAGER QUALIFICATO ODC CHE OPERA AI SENSI UNI CEI EN ISO/IEC 17024 ENERGY MANAGER QUALIFICATO ODC CHE OPERA AI SENSI UNI CEI EN ISO/IEC 17024 DURATA CORSO: 30 Ore CREDITI FORMATIVI PROFESSIONALI RILASCIATI DAL CORSO: PERITI AGRARI 15 CFP ARCHITETTI 15 CFP PERITI INDUSTRIALI

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 COMMITTENTE : EDIFICIO : Appartamento VICENZA INDIRIZZO : COMUNE : VICENZA INTERVENTO

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Incontro con le aziende del settore industriale e terziario

Incontro con le aziende del settore industriale e terziario Comuni di Airuno, Brivio Incontro con le aziende del settore industriale e terziario Brivio, 25 giugno 2015 Sportello Energia Dal mese di maggio 2015 è aperto lo sportello energia : lo Sportello Energia

Dettagli

I nuovi incentivi per l efficienza energetica. Enrico Biele, FIRE

I nuovi incentivi per l efficienza energetica. Enrico Biele, FIRE I nuovi incentivi per l efficienza energetica Enrico Biele, FIRE Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica che promuove per statuto l

Dettagli

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Sostituisce l'attestato di certificazione energetica ai sensi della Legge 90/2013. Edificio di classe: F

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Sostituisce l'attestato di certificazione energetica ai sensi della Legge 90/2013. Edificio di classe: F ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Sostituisce l'attestato di certificazione energetica ai sensi della Legge 90/2013. Edifici residenziali 1. Informazioni generali Codice certificato 100228 Validità:

Dettagli

I certificati bianchi: aspetti generali e attori coinvolti

I certificati bianchi: aspetti generali e attori coinvolti I certificati bianchi: aspetti generali e attori coinvolti Enrico Biele, FIRE Convegno Efficienza energetica: normative ed opportunità per P.A. ed imprese 27 giugno 2013, Lomazzo (CO) Cos è la FIRE La

Dettagli

Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo

Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo Enrico Biele, FIRE Green shipping summit 2014 26 giugno 2014, Napoli Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell

Dettagli

(schema) (per edifici costituiti da parti appartenenti a categorie differenti, specificare le diverse categorie) Numero delle unità abitative

(schema) (per edifici costituiti da parti appartenenti a categorie differenti, specificare le diverse categorie) Numero delle unità abitative RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 Come prevista dall allegato 4 della delibera di Assemblea legislativa della regione Emilia-Romagna n.156/2008, atto di indirizzo e

Dettagli

Multisala o AVC (Audio Video Conferenza) in collegamento diretto con il docente

Multisala o AVC (Audio Video Conferenza) in collegamento diretto con il docente In collaborazione con: Corso ENERGY MANAGER La figura professionale attualmente più richiesta in Italia Modalità Multisala o AVC (Audio Video Conferenza) in collegamento diretto con il docente Totale 40

Dettagli

Energia elettrica frigorifera termica E.S.CO.

Energia elettrica frigorifera termica E.S.CO. Energia elettrica frigorifera termica Produciamo Energia, Dove Occorre. Senza Investimenti. In Maniera Pulita. ris Riscaldamento, condizionamento, energia elettrica: servizi energetici indispensabili per

Dettagli

ESCo Energy Service Company

ESCo Energy Service Company ESCo Energy Service Company Chi sono le ESCo. Le ESCo. (Energy Service Company) sono Società di Servizi Energetici (SSE) che realizzano progetti di ristrutturazione energetica finalizzati a ridurre al

Dettagli

ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA. Delibera Regione Emilia Romagna 26 settembre 2011, n. 1366 ALLEGATO 5

ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA. Delibera Regione Emilia Romagna 26 settembre 2011, n. 1366 ALLEGATO 5 ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA Delibera Regione Emilia Romagna 26 settembre 2011, n. 1366 ALLEGATO 5 COMMITTENTE : EDIFICIO : Casa a schiera BOLOGNA INDIRIZZO : COMUNE : BOLOGNA Rif.: C:\Users\manuel.canella\Desktop\BOLOGNA

Dettagli

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA. Edificio di classe: F

ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA. Edificio di classe: F ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA Sostituisce l'attestato di certificazione energetica ai sensi della Legge 90/2013. Edifici residenziali 1. Informazioni generali Codice certificato 100210 Validità:

Dettagli

RUOLO DELL'ENERGY BUILDING MANAGER (DGR LOMBARDIA N. 5117/07 E S.M.)

RUOLO DELL'ENERGY BUILDING MANAGER (DGR LOMBARDIA N. 5117/07 E S.M.) RUOLO DELL'ENERGY BUILDING MANAGER (DGR LOMBARDIA N. 5117/07 E S.M.) IL RIFERIMENTO NORMATIVO: DGR 8/5117 del 18.07.07 e s.m. Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione, l ispezione degli

Dettagli

Misure e incentivi per l efficienza energetica

Misure e incentivi per l efficienza energetica Misure e incentivi per l efficienza energetica Docente incaricato in Economia e Gestione delle Imprese Dipartimento B.E.S.T. - Politecnico di Milano Indice 1. Finanziaria 2007. Agevolazioni per il risparmio

Dettagli

Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini

Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting I settori più energivori:

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES)

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Dati preliminari e principali linee d azione Giugno 2012 Prof. Massimo Dentice d Accadia DETEC Università degli studi di Napoli Federico II COS E IL PATTO

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA EDIFICI PUBBLICI COMUNE DI CAVRIAGO. Azienda Casa Emilia-Romagna di Reggio Emilia

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA EDIFICI PUBBLICI COMUNE DI CAVRIAGO. Azienda Casa Emilia-Romagna di Reggio Emilia RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA EDIFICI PUBBLICI COMUNE DI CAVRIAGO CENTRO CULTURALE MUNICIPIO SCUOLA CINEMA PALESTRA SCUOLA ALLOGGI SOCIALI SCUOLA CASA PROTETTA Soluzione - La riqualificazione energetica

Dettagli

SOMMARIO 1 PREMESSA...2 2 CONTENUTI DELLA PROGETTAZIONE...2 3 DIAGNOSI ENERGETICA...2 3.1 STATO ATTUALE EX ANTE... 2 3.2 STATO FUTURO EX POST...

SOMMARIO 1 PREMESSA...2 2 CONTENUTI DELLA PROGETTAZIONE...2 3 DIAGNOSI ENERGETICA...2 3.1 STATO ATTUALE EX ANTE... 2 3.2 STATO FUTURO EX POST... SOMMARIO 1 PREMESSA...2 2 CONTENUTI DELLA PROGETTAZIONE...2 3 DIAGNOSI ENERGETICA...2 3.1 STATO ATTUALE EX ANTE... 2 3.2 STATO FUTURO EX POST... 3 3.3 TEP RISPARMIATI... 4 3.4 RIDUZIONE DELLA CO2... 5

Dettagli

LE FASI DELL AUDIT ENERGETICO

LE FASI DELL AUDIT ENERGETICO LE FASI DELL AUDIT ENERGETICO 1. FASE PRELIMINARE L auditor incaricato provvederà a raccogliere una serie di informazioni preliminari riguardanti il tipo di attività dell azienda, gli edifici del sito

Dettagli

Efficienza energetica nell edilizia in Puglia: lo studio di fattibilità per la riqualificazione energetica

Efficienza energetica nell edilizia in Puglia: lo studio di fattibilità per la riqualificazione energetica Efficienza energetica nell edilizia in Puglia: lo studio di fattibilità per la riqualificazione energetica dell Università di Bari Carlo Gadaleta Caldarola ARTI Agenzia Regionale per la Tecnologia e l

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria ALLEGATO A PAES Isola d Elba 1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria Il bilancio di energia è suddiviso per categoria di impiego e per tipo di fonte energetica. COMBUSTIBILI SOLIDI Sul

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

CERTIFICATI BIANCHI:

CERTIFICATI BIANCHI: Divisione CERTIFICATI BIANCHI: UNO STRUMENTO PER FINANZIARE L EFFICIENZA ENERGETICA Ing. Alessio Schiavon Edilvi spa Divisione ESCO schiavon@edilvi.it Forum Green Economy 2014 Roma, 4/5 giugno 2014 EDILVI

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Tutti gli incentivi per i cittadini come da:

Tutti gli incentivi per i cittadini come da: - Finanziaria 2008 Tutti gli incentivi per i cittadini come da: - Nuovo Conto Energia per il Fotovoltaico (Febbraio 07) - Certificati Verdi e le nuove incentivazioni per la produzione di energia elettrica

Dettagli

1 Associazione Nazionale per l Isolamento Termico e acustico www.anit.it. Milano, 24 gennaio 2012 FAQ 55%- REVISIONE GENNAIO 2012

1 Associazione Nazionale per l Isolamento Termico e acustico www.anit.it. Milano, 24 gennaio 2012 FAQ 55%- REVISIONE GENNAIO 2012 COSA SONO LE DETRAZIONI DEL 55%? FAQ 55%- REVISIONE GENNAIO 2012 Rappresentano un iniziativa per promuovere gli interventi di riqualificazione e valorizzazione energetica del patrimonio edilizio esistente.

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

Studio Associato di Consulenza Aziendale. Rosa Baranzini Brambilla. Bonus energia

Studio Associato di Consulenza Aziendale. Rosa Baranzini Brambilla. Bonus energia Bonus energia PREMESSA La Finanziaria per il 2007 ha previsto una serie di interventi piuttosto ampia a favore delle persone fisiche e giuridiche che effettuano investimenti volti a ridurre il consumo

Dettagli

Giancarlo Giudici Politecnico di Milano giancarlo.giudici@polimi.it

Giancarlo Giudici Politecnico di Milano giancarlo.giudici@polimi.it Milano 24 novembre 2011 IL PATTO DEI SINDACI: ESPERIENZE E SOLUZIONI PRATICHE PER RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI DI RISPARMIO ENERGETICO E RIDUZIONE DELLE EMISSIONI Giancarlo Giudici Politecnico di Milano giancarlo.giudici@polimi.it

Dettagli

La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari

La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari I Sistemi di Gestione della Energia conformi a UNI CEI EN 16001:2009 Coordinatore Tecnico-Scientifico

Dettagli

CENNI ALLA NORMATIVA DI RIFERIMENTO

CENNI ALLA NORMATIVA DI RIFERIMENTO CENNI ALLA NORMATIVA DI RIFERIMENTO Introduzione CENNI ALLA NORMATIVA DI RIFERIMENTO Direttiva 2012/07/UE EFFICIENZA ENERGETICA D. Lgs 115/2008 EFFICIENZA USI FINALI ENERGIA E SSE D. Lgs 192/2005 RENDIMENTO

Dettagli

LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10

LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 Norme per l'attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell'energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia. La

Dettagli

IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE

IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE PROGETTO CLIMA Nel definire gli interventi da inserire nel progetto CLIMA

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI CORSO DI FORMAZIONE LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Durata 80 ore + 2 ore di ulteriore esercitazione (project work) Conforme al D.P.R. 16 aprile 2013 n. 75 MODULO I 6 ore LA

Dettagli

IMPOSTE DIRETTE: : NUOVE DETRAZIONI D IMPOSTA D IL RISPARMIO ENERGETICO

IMPOSTE DIRETTE: : NUOVE DETRAZIONI D IMPOSTA D IL RISPARMIO ENERGETICO IMPOSTE DIRETTE: : NUOVE DETRAZIONI D IMPOSTA D PER IL RISPARMIO ENERGETICO Normativa: Art. 1, commi da 344 a 349 della Legge n. 296 del 27 dicembre 2006 (finanziaria 2007); Decreti Ministeriali attuativi

Dettagli

In collaborazione con

In collaborazione con Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PER ENERGY MANAGERS MULTISETTORIALE Civile Pubblica Amministrazione Professionisti Salerno: 16 20

Dettagli

Così, insieme, la nostra energia vale di più

Così, insieme, la nostra energia vale di più 1 Protocollo d intesa del16 febbraio 2010 L impegno del Consorzio JPE sull uso razionale e consapevole dell energia nell edilizia PER IL RILANCIO PRODUTTIVO ED OCCUPAZIONALE DELLE PMI PIEMONTESI ATTRAVERSO

Dettagli

L EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI

L EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI EFFICIENZA ENERGETICA NELL EDILIZIA TRA INNOVAZIONE E TRADIZIONE L EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI Ing. EZIO PIREDDU Commissione Energia e Impianti Ordine degli Ingegneri della provincia di Cagliari

Dettagli

Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese

Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese Gianluca Riu, Direttore Impianti Energia Gruppo Egea Energie a servizio del territorio 22-24 maggio 2015 mercoledì

Dettagli

Seminario Camera di Commercio di Pisa 24 Novembre 2009 La certificazione energetica e ambientale degli edifici in Toscana

Seminario Camera di Commercio di Pisa 24 Novembre 2009 La certificazione energetica e ambientale degli edifici in Toscana Seminario Camera di Commercio di Pisa 24 Novembre 2009 La certificazione energetica e ambientale degli edifici in Toscana Prof.Gianfranco Cellai Università di Firenze Laboratorio di Fisica Ambientale per

Dettagli

Regolamento Edilizio Comunale

Regolamento Edilizio Comunale COMUNE DI CALUSCO D ADDA Provincia di Bergamo Allegato Energetico al Regolamento Edilizio Comunale adottato con deliberazione consiliare n. approvato con deliberazione consiliare n. PREMESSA L Unione Europea,

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA

EFFICIENZA ENERGETICA EFFICIENZA ENERGETICA Profilo aziendale Nata nel 1986 come azienda artigiana per lo sviluppo di impianti tecnologici industriali, NUOVA ELETTRICA garantisce affidabilità e professionalità, unitamente all

Dettagli

INTERVENTO SUGLI INVOLUCRI DEGLI EDIFICI ESISTENTI

INTERVENTO SUGLI INVOLUCRI DEGLI EDIFICI ESISTENTI 1 RISPARMIO ENERGETICO NEGLI EDIFICI ESISTENTI Legge finanziaria 2007 (L.296/2006 art. 1 comma 344-348); prorogata dalla Finanziaria 2008 (ART. 1, COMMA 20 e 24, 286, L.244 del 24 dicembre 2007) DM del

Dettagli

IL NUOVO CONTRATTO DI GLOBAL SERVICE 2008-2014

IL NUOVO CONTRATTO DI GLOBAL SERVICE 2008-2014 Patrocinio Università degli Studi di Genova Facoltà di Architettura - Dipartimento di Scienze per l'architettura Dottorato di Ricerca in "Recupero Edilizio ed Ambientale" Provincia di Genova CONVEGNO FACILITY

Dettagli

L utilizzo della potestà regolamentare degli Enti Locali per il risparmio e la certificazione energetica. Gli interventi per l esistente.

L utilizzo della potestà regolamentare degli Enti Locali per il risparmio e la certificazione energetica. Gli interventi per l esistente. L utilizzo della potestà regolamentare degli Enti Locali per il risparmio e la certificazione energetica. Gli interventi per l esistente. Luigi Mariani Assessore all Urbanistica e all Edilizia Privata

Dettagli

ESCo Energy Service Company

ESCo Energy Service Company ESCo Energy Service Company Chi sono le ESCo. Le ESCo. (Energy Service Company) sono Società di Servizi Energetici (SSE) che realizzano progetti di ristrutturazione energetica finalizzati a ridurre al

Dettagli

Decreto legislativo 4 luglio 2014 n 102 attuazione della direttiva 2012/27/UE sull Efficienza Energetica

Decreto legislativo 4 luglio 2014 n 102 attuazione della direttiva 2012/27/UE sull Efficienza Energetica Decreto legislativo 4 luglio 2014 n 102 attuazione della direttiva 2012/27/UE sull Efficienza Energetica Decreto legislativo 4 luglio 2014 n 102 Il provvedimento stabilisce un quadro di misure per la promozione

Dettagli

A.1 Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale

A.1 Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale ALLEGATO A - REQUISITI ENERGETICI DEGLI EDIFICI A.1 Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale A.1.1 Per gli edifici residenziali della classe E.1, esclusi collegi, conventi, case

Dettagli

EnergyPie E.S.Co. certificata UNI EN 11352. EnergyPie

EnergyPie E.S.Co. certificata UNI EN 11352. EnergyPie Il quadro strategico sull energia Entro il 2020 l Unione Europea si prefigge di raggiungere tre risultati: - 20% di incremento dell efficienza energetica - 20% di riduzione delle emissioni di gas serra

Dettagli

www.rinnovaenergy.it tel/fax 0968.32180 info@rinnovaenergy.it

www.rinnovaenergy.it tel/fax 0968.32180 info@rinnovaenergy.it OBBLIGO DI FONTI RINNOVABILI NELLE NUOVE COSTRUZIONI Viene introdotta una modifica all articolo 4 del Dpr 380/2001 (Testo Unico dell edilizia) che prevede che, a decorrere dal 01 gennaio 2009, nel regolamento

Dettagli

Guida alla Certificazione Energetica degli edifici

Guida alla Certificazione Energetica degli edifici Guida alla Certificazione Energetica degli edifici Il consumo energetico degli edifici Gli edifici, nella loro costruzione e utilizzo, rappresentano oltre il 40% del consumo finale di energia della Comunità

Dettagli

Ordine degli Architetti P. P. e C. della Provincia di Bergamo

Ordine degli Architetti P. P. e C. della Provincia di Bergamo Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PER ENERGY MANAGERS ( ai sensi della Legge 10/91, art. 19) SETTORE:

Dettagli

ESCo Energy Service Company

ESCo Energy Service Company ESCo Energy Service Company Chi sono le ESCo. Le ESCo. (Energy Service Company) sono Società di Servizi Energetici (SSE) che realizzano progetti di ristrutturazione energetica finalizzati a ridurre al

Dettagli

Risparmiare si può. Energy. Service COmpany. con un Progetto Integrato di Efficientamento Energetico. Imperia, 11 luglio 2014

Risparmiare si può. Energy. Service COmpany. con un Progetto Integrato di Efficientamento Energetico. Imperia, 11 luglio 2014 Risparmiare si può con un Progetto Integrato di Efficientamento Energetico Energy Imperia, 11 luglio 2014 Service COmpany CORE BUSINESS DI AURA ENERGY Nuova mission Nel 2012 Aura Energy, conseguentemente

Dettagli

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE. di concerto con IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE. di concerto con IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 6 agosto 2009 Disposizioni in materia di detrazioni per le spese di riqualificazione energetica del patrimonio edilizio esistente, ai sensi dell'articolo 1, comma 349, della legge 27 dicembre 2006,

Dettagli

rendimento energetico nell'edilizia

rendimento energetico nell'edilizia Efficienza.. La Direttiva 2002/91/CE sul rendimento energetico nell'edilizia L'energia impiegata nel settore residenziale e terziario... rappresenta oltre il 40 % del consumo finale di energia della Comunità

Dettagli

Un modello per la riqualificazione energetica dell edilizia pubblica: opportunità, applicazioni e risultati attesi

Un modello per la riqualificazione energetica dell edilizia pubblica: opportunità, applicazioni e risultati attesi Un modello per la riqualificazione energetica dell edilizia pubblica: opportunità, applicazioni e risultati attesi Luigi Guerra, Ufficio Energia di Acer Reggio Emilia Alcuni numeri Il settore civile è

Dettagli

L energy manager in rete

L energy manager in rete L energy manager in rete Francesco Belcastro, FIRE La gestione dei contratti nei servizi energetici 02 marzo 2009, Torino Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione

Dettagli

PIANIFICAZIONE ENERGETICA ED EFFICIENTAMENTO DELL ILLUMINAZIONE PUBBLICA

PIANIFICAZIONE ENERGETICA ED EFFICIENTAMENTO DELL ILLUMINAZIONE PUBBLICA PIANIFICAZIONE ENERGETICA ED EFFICIENTAMENTO DELL ILLUMINAZIONE PUBBLICA PIANIFICAZIONE E GESTIONE ENERGETICA CEV nell ambito del Patto dei Sindaci promuove la pianificazione energetica attraverso i PAES

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 COMMITTENTE : CONI SPA EDIFICIO : PISCINA MILANO CONI INDIRIZZO : VIA MONTEVIDEO N.20

Dettagli

Le Energy Saving Companies (ESCO) e la produzione di energia da fonti rinnovabili

Le Energy Saving Companies (ESCO) e la produzione di energia da fonti rinnovabili LA MULTIFUNZIONALITÀ DELLE AZIENDE AGRICOLE: LE AZIENDE AGRIENERGETICHE NEI PICCOLI COMUNI Convegno nazionale Rocchetta Sant Antonio 28 maggio 2005 Le Energy Saving Companies (ESCO) e la produzione di

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Adesione al Patto dei Sindaci, Delibera di C.C. n. 8 del 2013 Allegato E Provincia di Livorno Struttura di Coordinamento del Patto dei Sindaci

Dettagli

ALLEGATO ENERGETICO. Regolamento Edilizio Comunale

ALLEGATO ENERGETICO. Regolamento Edilizio Comunale COMUNE DI CASTEL ROZZONE Provincia di Bergamo ALLEGATO ENERGETICO AL Regolamento Edilizio Comunale adottato con deliberazione consiliare n. 3 in data 12.04.2012 PREMESSA L Unione Europea, individuando

Dettagli

ordine degli ingegneri della provincia di bari

ordine degli ingegneri della provincia di bari ORDINE INGEGNERI BARI CORSO TECNICO FORMATIVO EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA : EVOLUZIONE DELLA LEGISLAZIONE E NORMATIVA ENERGETICA PER LA PROGETTAZIONE E LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA

Dettagli

Le prospettive e gli sviluppi del mercato dell efficienza energetica

Le prospettive e gli sviluppi del mercato dell efficienza energetica Le prospettive e gli sviluppi del mercato dell efficienza energetica Roma 3 luglio 2015 Piazza della Repubblica 59, Roma U. DI MATTEO ISES ITALIA CHI SIAMO ISES ITALIA (Sezione Nazionale dell International

Dettagli

CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it

CEPAS srl Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: esami@cepas.it Sito internet: www.cepas.it Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE degli ESPERTI IN GESTIONE DELL

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO DECRETO DELEGATO 21 settembre 2009 n.129 Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto il Decreto Delegato 25 giugno 2009 n.90 Audit Energetico obbligatorio,

Dettagli

Energia e Fonti Rinnovabili. Un esempio di risparmio energetico: la produzione distribuita di energia elettrica

Energia e Fonti Rinnovabili. Un esempio di risparmio energetico: la produzione distribuita di energia elettrica Energia e Fonti Rinnovabili Almo Collegio Borromeo, Pavia, a.a. 2009-2010 corso riconosciuto dall Università degli Studi di Pavia Un esempio di risparmio energetico: la produzione distribuita di energia

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA (1)

EFFICIENZA ENERGETICA (1) Tutti gli incentivi per i cittadini come da: - Finanziaria 2008 (e modifiche del Gennaio 2009) - Nuovo Conto Energia per il Fotovoltaico (Febbraio 07) Indice: pagina 3: le diverse possibilità di intervento

Dettagli

Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica

Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica In collaborazione con Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica Relatore: ing. M. Capuana Taomina,

Dettagli

ELEMENTI CHIAVE. Allocazione di risorse (umane e finanziarie) per realizzazione di azioni e monitoraggio

ELEMENTI CHIAVE. Allocazione di risorse (umane e finanziarie) per realizzazione di azioni e monitoraggio Il Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) del Comune di Napoli Prof. Massimo Dentice d Accadia Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Ingegneria Industriale Il PAES è il

Dettagli

Rapporto sugli aspetti normativi dell efficienza energetica nell industria tessile

Rapporto sugli aspetti normativi dell efficienza energetica nell industria tessile Rapporto sugli aspetti normativi dell efficienza energetica nell industria tessile Panoramica sugli aspetti normativi sull efficienza energetica in Italia di interesse per l industria tessile. Autori:

Dettagli

Progettazione/Redazione Contributi/Coordinamento Versione Visto. Ing. Massimiliano Bagagli Rev. 0

Progettazione/Redazione Contributi/Coordinamento Versione Visto. Ing. Massimiliano Bagagli Rev. 0 Studio preliminare sull ipotesi di introduzione di un Sistema di Gestione dell Energia in ARPA Umbria Ottobre 2010 La norma UNI EN 16001 sul Sistema di Gestione dell Energia... 3 La Pubblica Amministrazione

Dettagli

Qualificazione di esperto in gestione dell energia (Energy Manager) nel settore industriale: Livello 6

Qualificazione di esperto in gestione dell energia (Energy Manager) nel settore industriale: Livello 6 Qualificazione di esperto in gestione dell energia (Energy Manager) nel settore industriale: Livello 6 REQUISITI MINIMI PER ACCEDERE AL PROCESSO DI QUALIFICAZIONE E PROPOSTE DI E LEARNING CONOSCENZE DI

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Incontro formativo sugli strumenti di sostegno all attuazione del PAES

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Incontro formativo sugli strumenti di sostegno all attuazione del PAES PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEI COMUNI PICCOLI E MEDI Fondazione Cariplo Area Ambiente bando 2012 Piano d Azione per l Energia Sostenibile Incontro formativo sugli strumenti di sostegno all

Dettagli

Indice. Prefazione 13

Indice. Prefazione 13 Indice Prefazione 13 1 Energia e sostenibilità: il ruolo chiave dell Energy 15 management 1.1 Sviluppo sostenibile e sistemi energetici 16 1.2 Il contesto delle politiche energetiche: competitività, energia

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE SPECIFICA PER ESPERTO IN GESTIONE DELL ENERGIA EGE (40 ore)

CORSO DI FORMAZIONE SPECIFICA PER ESPERTO IN GESTIONE DELL ENERGIA EGE (40 ore) Presentazione del corso Il Dlgs 102 del 4 luglio 2014 introduce importanti novità riguardanti i soggetti che possono svolgere Diagnosi Energetiche e richiedere Titoli di Efficienza Energetica. Si richiede

Dettagli

Energy management Corso di alta formazione in gestione dell energia

Energy management Corso di alta formazione in gestione dell energia Energy management Corso di alta formazione in gestione dell energia Polo Fotovoltaico della Sicilia (in collaborazione con I.T.A. Ingegneria e Tecnologia Ambientale) www.i-sem.net Con il patrocinio di:

Dettagli

IL PATTO DEI SINDACI: IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI SCIACCA Sciacca Maggio 2015

IL PATTO DEI SINDACI: IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI SCIACCA Sciacca Maggio 2015 IL PATTO DEI SINDACI: IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI SCIACCA Sciacca Maggio 2015 SPES Consulting srl Ing. Adriano PESSINA LITOS Progetti srl Ing. Piero Lo Duca SPES Consulting

Dettagli

PACCHETTO SISTEMI A SUPPORTO PA PER ANALISI E AZIONI MIGLIORAMENTO EFFICIENZA ENERGETICA

PACCHETTO SISTEMI A SUPPORTO PA PER ANALISI E AZIONI MIGLIORAMENTO EFFICIENZA ENERGETICA PACCHETTO SISTEMI A SUPPORTO PA PER ANALISI E AZIONI MIGLIORAMENTO EFFICIENZA ENERGETICA Monitoraggio consumi energetici e impatti correlati, sistemi di controllo e assistenza per qualità gestionale, analisi

Dettagli

DETRAZIONI FISCALI DEL 65% INCENTIVI FISCALI

DETRAZIONI FISCALI DEL 65% INCENTIVI FISCALI INCENTIVI FISCALI RISPARMIO ENERGETICO AGEVOLAZIONI FISCALI IN TERMINI DI DETRAZIONI IRPEF / IRES DEL 65% IN COSA CONSISTE? L agevolazione consiste nel riconoscimento di detrazioni dall imposta IRPEF /

Dettagli