Capacità Cognitive - Parte I

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capacità Cognitive - Parte I"

Transcript

1 In questo articolo andremo ad analizzare la relazione che intercorre tra le capacità cognitive e le capacità tattiche, trattando in modo dettagliato una possibile progressione didattica realizzabile in una qualsiasi scuola calcio. Prima di esporre l argomento centrale è bene soffermarsi e comprendere almeno a grandi linee i concetti delle due capacità sopra elencate. Capacità Cognitive - Parte I Per capacità cognitive o processi mentali, che saranno utilizzati come sinonimi, si intendono tutti quei meccanismi che il cervello mette in atto per recuperare le informazioni dall ambiente, o internamente, per analizzarle e, comparandole con altre già precedentemente memorizzate, per decidere ( in funzione degli obiettivi che si prefigge) la risposta da emettere, per programmare la risposta stessa e per controllarne l esecuzione. Tutte queste funzioni sono concettualizzate nel cervello umano. informazioni dall interno dell organismo, mentre quelle esterocettive raccolgono stimoli provenienti dall esterno del corpo. La percezione esterocettiva La Vista La principale fonte d informazione esterocettiva è senz altro la vista. E possibile raccogliere informazioni sia da fermi ( campo visivo stazionario) o in movimento ( campo visivo dell occhio). L orano di senso della vista è l occhio, l informazione visiva viene convogliata dalla retina all occhio lungo due vie separate a due differenti zone del cervello che vengono usate in modo differente nel controllo del movimento : INPUT OUTPUT La visone focale : identifica gli oggetti Visione ambientale : controlla i movimenti Schema riassuntivo capacità cognitive.( figura sopra) Nel processo di elaborazione delle informazioni, si possono individuare quattro componenti strutturali principali: Il sistema Sensoriale deputato alla raccolta delle informazioni Le Memorie Il sistema di risposta Il sistema controllo Il sistema sensoriale E dato dall insieme delle componenti mediante il quale tutti gli stimoli accedono al sistema di elaborazione attraverso gli organi di senso. Le fonti d informazione si distinguono in Esterocettive e Propriocettive. Le fonti propriocettive sono quelle che raccolgono le Un altro concetto importante è la visione periferica, cioè la capacità di vedere oggetti al limite del proprio campo visivo, questo elemento è molto importante tra le abilità di un calciatore, perché permette di risolvere situazioni di gioco difficili, in cui risulta fondamentale, saper trovare un compagno libero da marcatura. L udito L organo di senso dell udito è l orecchio, nel quale si divide in tre sezioni : Orecchio esterno: costituito da padiglione auricolare, meato acustico. Orecchio medio : costituito da martello, incudine e staffa. Orecchio interno : apparato vestibolare ( dotto cocleare i tre canali semicircolari e da due formazioni l utricolo e il sacculo) e coclea. 1

2 L udito risulta molto importante nel gioco del calcio, basti pensare, al dialogo verbale tra due giocatori quando si sentono termini come Mia, uomo, solo ecc. E possibile eseguire un lavoro mirato sul sistema dell udito in qualsiasi momento della seduta, è buona norma abituare i giovani calciatori ad eseguire diversi elementi che possono essere tecnici o cordiantivi, al comando visivo o acustico del proprio istruttore. Il Tatto I recettori tattili sono situati nella cute. E per via tattile che si percepiscono informazioni sulla forma e la superficie degli oggetti che tocchiamo. Esistono tipi di ricettori tra cui troviamo : Termo recettori : i recettori per il caldo e il freddo. Nocicettori : i recettori del dolore. Nel gioco del calcio sono numerosi i contatti che avvengono tra giocatori, ed è per questo che in determinante situazioni diventa importante il tatto : basti pensare ad un calcio d angolo sia per il difensore che per l attaccante è importante sentire l avversario ovviamente con finalità diverse. La percezione propriocettiva Questi tipi di percezione include le informazioni provenienti dalle articolazioni, le forze prodotte dai muscoli e l orientamento del corpo nello spazio. Fuso neuromuscolare I fusi neuro muscolari sono i più numerosi recettori che si possono trovare nel muscolo. Variano a seconda del muscolo. I fusi neuro muscolari sono lunghi alcuni millimetri e disposti in modo parallelo con le fibre muscolari scheletriche. Il fuso è l insieme di poche fibre muscolari modificate, contenute in una capsula e munite di connessioni con fibre nervose sensitive e motorie. Organi tendinei di Golgi A livello della giunzione fra il muscolo e il tendine sono situati i recettori noti come organi tendinei di Golgi, che segnalano il livello di forza a livello della giunzione muscolo-tendinea. Questi recettori sono localizzati nei tendini, sono posti in serie rispetto agli elementi contrattili, ovvero le fibre muscolari. Essi rispondono di qualsiasi tensione avvenga al tendine. Recettori Articolari Sono rappresentati dai corpuscoli di Pacini, da terminazioni di Ruffini e da Organi di Golgi, simili a quelli nei tendini. Questi si trovano nelle capsule articolari, nei legamenti e nei tendini. Inviano al sistema nervoso informazioni inerenti all angolo, l accelerazione grado di deformazione assunta dall articolazione. La memoria Il concetto di memoria è molto importante si parla di attività sportiva. L informazione una volta recepita viene passata in tre magazzini ben distinti : memoria sensoriale, memoria a breve termine e memoria a lungo termine. Ciascuno di essi differisce per come l informazione viene conservata, per la sua durata e per la sua qualità. Il passaggio dell informazione è obbligata all interno dei 3 contenitori. La memoria sensoriale è un magazzino di elevata capienza e bassa permanenza, ospita molte informazioni visive ed uditive(da cui il nome "memoria sensoriale")destinate a perdersi dopo qualche secondo. Vi persistono il tempo necessario a fornire al soggetto un orientamento nello spazio, una panoramica completa e immediata dell'ambiente, questa infatti è la funzione della memoria sensoriale. La Memoria a breve termine : è un magazzino a capacità limitata, in grado di conservare, nella stessa unità di tempo, un numero limitato d informazioni per un tempo massimo di 30. 2

3 La memoria a lungo termine : l informazione se permane un tempo sufficiente nella memoria a breve termine può passare nel contenitore successivo, ovvero la memoria a lungo termine.e un magazzino a lunga conservazione, tutto quello che un individuo apprende, esplicitamente o implicitamente, nel corso della propria esistenza viene conservato nella memoria a lungo termine. Il Sistema di risposta E uno stadio di fondamentale importanza, in questo processo circolare in cui l elaborazione procede a partire dal risultato che si vuole raggiungere, dalle previsioni che l elaborazione centrale fa in base alle sue conoscenze, ai suoi programmi e agli elementi offerti dalla situazione. Il processo di risposta si divide in quattro fasi : 1. Selezione della Risposta: è la fase più delicata, e riguarda la scelta della soluzione più idonea tra tutte quelle presenti in memoria. 2. Tempo di reazione e presa di decisione: ovvero la velocità e l efficacia della presa di decisione. Il tempo di reazione è l intervallo fra la presentazione di uno stimolo e all inizio della risposta. 3. Programmazione della risposta : Una volta operata la decisione rispetto alla risposta da emettere, nella fase di programmazione viene costruito un programma motorio, cioè un progetto d azione. 4. Esecuzione del movimento : dopo aver programmato la risposta, bisogna che venga messa in atto. Il SNC è deputato alla trasformazione del programma in movimento o una successione di movimenti, attraverso contrazioni muscolari. 5. Sistema di controllo : sistema di supervisione che si occupa di stabilire le priorità d elaborazione e le modalità di analisi, e di verificare i risultati parziali finali del procedimento operativo. La Tattica Parte II Con il termine tattica intendiamo una funzione di collegamento o di raccordo fra le varie unità di prestazione individuali, finalizzate all azione collettiva volta a perseguire obiettivi di gioco comuni. La Tattica a sua volta si suddivide in Tattica individuale collegata con la Tecnica applicata e la Tattica collettiva.entrambe prevedono a loro volta due fasi distinte fase di possesso palla ( fase offensiva) e fase di non possesso palla (fase difensiva) brevemente andremo ad elencare gli elementi che costituiscono la Tattica. Tattica individuale Fase possesso palla : Smarcamento Difesa e copertura della palla Passaggio Finta e dribbling Tiro in Porta Fase di non possesso palla: Presa di posizione Marcatura Contrasto Intercettamento Difesa della porta Tattica Collettiva Fase di possesso palla : Scaglionamento offensivo Verticalizzazione Ampiezza fronte d attacco Mobilità Imprevedibilità Fase di non possesso palla: Scaglionamento difensivo Azione di ritardo Concentrazione in zona palla Equilibrio difensivo Controllo e cautela difensiva 3

4 Dopo aver descritto a grandi linee cosa è la Tattica possiamo andare ad analizzare l elemento portante di questo articolo, ovvero andremo ad analizzare una possibile progressione didattica realizzabile in una qualsiasi scuola calcio. Innanzitutto è bene redigere un programma didattico che preveda per ogni fascia d età un obiettivo chiaro e raggiungibile. Quando parleremo dell aspetto tattico all interno di una scuola calcio, faremo riferimento alle situazioni di gioco semplici ( 1<1 al 3<3 ).Di seguito andremo a descrivere nel dettaglio le principali situazioni di gioco sviluppabili per le fasce d età più piccole, con un particolare occhio di riguardo ai dettagli sul quale l istruttore dovrebbe concentrarsi maggiormente in entrambe le fasi di gioco. L uno contro uno (1 vs 1) Lo sviluppo della situazione dell uno contro uno risulta essere, nel calcio, di primaria importanza. In qualsiasi partita osservata la possiamo ritrovare praticamente in ogni azione, ed è per questo che spetta all allenatore creare i presupposti per una didattica corretta. Bisognerà quindi proporre inizialmente situazioni semplici di facile applicazione. Questo tipo di elemento deve essere proposto già dal primo anno di Piccoli amici ovviamente prevedendo situazioni di facile soluzione. L uno contro uno si può verificarsi in queste tre situazioni: 1. Uno contro il portiere 2. Uno contro l avversario 3. Uno contro uno più il portiere Presa di posizione corretta: indica l appoggio a terra dei piedi, non parallelo ma con una gamba davanti l altra con l orientamento del corpo semilaterale. Temporeggiamento : il difensore dovrà rallentare la sua corsa una volta arrivato a circa un metro dalla palla e prepararsi per la difesa. Quando è possibile è importante togliere spazio all avversario andando ad attaccarlo il più lontano possibile dalla porta. Corretta posizione nello spazio; la posizione del difensore dovrà essere sempre tra l attaccante e la porta. Corretta osservazione: il difensore dovrà osservare la palla per evitare di farsi ingannare dalle finte dell avversario. Corretta posizione del corpo: il corpo dovrà essere in una posizione che permetta la massima reattività. Finte corpo in avanzamento e arretramento ; queste permetteranno di rallentare l azione dell avversario. Cambio di corsa e ritmo; il giocatore con la palla dovrà superare l avversario cambiando oltre che la direzione di corsa anche il ritmo di questa. Protezione palla: il giocatore dovrà proteggere la palla posizionando il suo corpo tra l avversario e la palla utilizzando le braccia in aiuto. Fantasia del giocatore: risulta di vitale importanza la capacità di inventare del giocatore eseguendo finte o cambi di direzione più opportune per raggiungere il proprio scopo. Dopo aver elencato i principi tecnici generali dell uno contro uno, passiamo ad elencare le varie forme di questa situazione di gioco, che si possono così riassumere: 1. Uno contro uno frontale 2. Uno contro uno laterale 3. Uno contro uno ad inseguimento 4

5 L uno contro uno frontale L uno contro uno frontale(attaccante che punta frontalmente il difensore) può svolgersi in diverse tipologie. 1 a) L attaccante punta la porta avversaria ed è in una posizione centrale del campo. La scelta dell attaccante riguarderà la possibilità di attaccare lo spazio oppure l avversario. Dovrà a sui discrezione effettuare cambi di direzione, velocità o effettuare una finta. L uno contro uno laterale Con il termine laterale vogliamo indicare un uno contro uno nel quale il difensore si trovi in una posizione laterale rispetto all attaccante su una linea avanzata rispetto a quella del portatore palla come riportato nella figura seguente. 1 b) L attaccante punta la porta e si trova in una posizione non centrale del campo ma più defilata. Se la palla si trova in una zona pericolosa (palla vicina alla porta) il difensore dovrà correre verso questa e impedire il tiro o comunque la situazione del pericolo, posizionandosi tra la palla e la propria porta. La posizione dei piedi se l azione si sviluppa sulla parte destra del campo, il piede destro avanti e il sinistro dietro, se l azione si sviluppa sulla parte di sinistra sarà l opposto. Il non temporeggiamento porterà l attaccante ad una facile azione di superamento. Il difensore cambierà strategia in funzione all azione dell attaccante dipendente quindi dal ritardo più o meno marcato della sua azione difensiva. In caso di ritardo marcato il difensore non ha a disposizione molte possibilità di intervento e opterà per un intervento sulla palla perché altrimenti sarebbe superato. In caso di assenza di ritardo dovrà comportarsi come nella medesima situazione dell uno contro uno frontale. L attaccante avrà come per l uno contro uno frontale due possibilità ; attaccare l avversario o attaccare lo spazio. Eseguire finte e cambi di direzione. Fantasia del giocatore: risulta di vitale importanza la capacità di inventare del giocatore eseguendo finte o cambi di direzione più opportune per raggiungere il proprio scopo. 5

6 L uno contro uno a inseguimento Questa situazione diventa riscontrabile facilmente in partita e risulta estremamente vantaggiosa per l attaccante in quanto si trova in una posizione vantaggiosa rispetto al difensore. Il due contro uno (2 vs 1) Lo sviluppo del 2 contro 1 risulta il passo successivo allo sviluppo dell uno contro uno. In questa situazione di gioco avremo un vantaggio per quanto riguarda il reparto offensivo fensivo rispetto a quello difensivo. Il concetto principale basilare da trasmettere nel momento in cui si presentano azioni di gioco di superiorità numerica, deve essere sicuramente quello di arrivare alla conclusione in rete. Questo elemento può essere proposto nell ultimo anno di Piccoli Amici e a partire dal 1 anno di Pulcini, previo sviluppo del fondamentale precedente, che ne risulta essere propedeutico. Se il difensore che insegue è supportato in una difesa frontale da un compagno, non cercare l intervento, ma supportare il compagno posizionandosi in una zona non in linea all 1 vs 1 frontale ma in una seconda linea. Un'altra soluzione può essere quella che una volta raggiunto l avversario, toccare la palla per allontanarla. Nel momento in cui l attaccante rallenti la corsa, il difensore dovrà subito posizionarsi tra l attaccante e la porta. L attaccante non dovrà diminuire la velocità di corsa ma accelerare per non permettere il recupero al difensore. Nel caso in cui il difensore si appresta a raggiungere la palla, l attaccante dovrà essere bravo a tagliare la strada a quest ultimo. Assumere una posizione che rallenti la corsa degli attaccanti, favorendo il rientro da parte dei compagni di squadra. Non attacca ne il portatore palla ne il giocatore senza palla, per evitare di facilitare l azione degli avversari. Il difensore dovrà posizionarsi sulla linea immaginaria che unisce i due attaccanti Il difensore non dovrà essere ne troppo vicino ne troppo lontano dalla linea immaginaria Nel caso il difensore si trovi vicino all aria di rigore e abbia capito che un azione di temporeggiamento risulterebbe inutile, l azione da optare sarà quella di attaccare il possessore palla cercando di intercettare un possibile passaggio. 6

7 Evitare passaggi orizzontali che potrebbero rallentare l azione offensiva, ma dovranno cercare l ampiezza. 1-2 o dai e vai(avanti, indietro): il giocatore senza palla può offrire re una soluzione di 1-2 al compagno con palla attraverso il movimento vicino al portatore di palla, in questo caso il portatore punterà il difensore e passerà palla al compagno vicino. Sovrapposizione: dopo la sovrapposizione da parte del giocatore senza palla sul portatore, quest ultimo potrà decidere se servigli palla o se puntare l avversario. Taglio: simile alla sovrapposizione, il giocatore sena palla esegue un movimento di corsa in diagonale davanti al difensore, così permettendo all attaccante di decidere se servire palla o puntare la porta. Ricerca nel 1 vs 1: in questo caso il portatore palla decide di puntare il difensore dando il via ad un uno contro uno. Il due contro due ( 2 vs 2) Il due contro due è una situazione di gioco che viene definita semplice, ma che in realtà presenta aspetti assai complessi: primo tra tutti il saper collaborare sia in fase offensiva che difensiva. Nel due contro due il contatto con la palla è continuo, l intensità di gioco è elevata così come l attenzione e la motivazione dei quattro giocatori. Questo elemento è possibile proporlo a partire dall ultimo anno di Pulcini. Le tipologie di base d azione per svolgere al meglio una situazione offensiva di due contro due possono essere: Sviluppo di un uno contro uno: il portatore palla decidere di puntare il difensore per creare eventualmente una situazione di superiorità numerica di due contro uno. 1-2 o dai e vai(avanti, indietro): il giocatore senza palla può offrire una soluzione di 1-2 al compagno con palla attraverso il movimento vicino al portatore di palla, in questo caso il portatore punterà il difensore e passerà palla al compagno vicino. Sovrapposizione: dopo la sovrapposizione da parte del giocatore senza palla sul portatore, quest ultimo potrà decidere se servigli palla o se puntare l avversario. Taglio: simile alla sovrapposizione, il giocatore sena palla esegue un movimento di corsa in diagonale davanti al difensore, così permettendo all attaccante di decidere se servire palla o puntare la porta. Nella tabella sotto riportata è possibile riepilogare per ogni fascia d età, ed elemento tattico il grado di allenabilità di ogni elemento. Fascia d età - Elemento Grado categoria tattico Allenabilità Piccoli Amici 1 vs 1 XXX 1 (introduzione) Piccoli Amici 2 1 vs 1 (Tutte le XXX forme ) Piccoli Amici 3 1 vs 1 2 vs XXX/X 1(Introduzione) Pulcini 1 anno 2 vs 1 X Pulcini 2 anno 2 vs 1 XXX Pulcini 3 anno 2 vs 1 2 vs 2 XXX/XX 7

8 Proposte d allenamento III Parte Di seguito andremo a descrivere delle semplici esercitazioni, che possono essere proposte sin dalle fasce d età più basse, per lo sviluppo delle capacità cognitive / capacità tattiche. Riscaldamento / attivazione Situazionale Partita Descrizione Dividere i ragazzi in 3 file, le due file laterali deve eseguire un percorso coordinativo, il blu dovrà leggere la situazione e passare palla al primo arrivato, che diventerà il suo compagno nel 2 vs 1, mentre l altro giocatore diventerà il difendente. Descrizione Delimitare un rettangolo di dimensioni da definire, all interno ogni giocatore ha un pallone, al comando dell allenatore eseguire il comando ( es rotolare), successivamente al comando del colore tramite stile visivo o acustico i giocatori si dirigeranno verso il cono del colore corrispondente. Tecnica Analitica Descrizione Dividere i ragazzi in 2 file, la fila blu comanda e decide quale percorso svolgere, la fila blu deve comportarsi di conseguenza, scegliendo il percorso opposto. Conclusioni In conclusione possiamo affermare come le capacità cognitive e gli elementi di tattica vadano di pari passo, abbiamo riscontrato in entrambe un elemento chiave in comune ovvero la soluzione di compiti o problemi situazionali, è da questa affermazione che ogni istruttore di scuola deve programmare il proprio percorso didattico in ambito tattico, e risulta fondamentale come descritto già in precedenza avere una corretta progressione, cucita su misura in base all età e alle capacità dei propri giovani calciatori. Infatti molto spesso si vedono giovani difensori uscire a valanga sul portatore palla, questo è un chiaro esempio di una mancanza di sviluppo del 1 vs 1 che prevede in primo luogo la giusta presa di posizione del difensore che dopo aver avvicinato il giocatore offendente, compie un leggero scivolamento indietro sugli avampiedi. Come descritto in precedenza è bene per ogni fascia d età e categoria porsi degli obiettivi precisi anno per anno, questo per evitare uno sviluppo precoce di un elemento non idoneo all età dei nostri giocatori, ma soprattutto per evitare un sovraffollamento di informazioni tattiche che potrebbero rilevarsi controproducenti. 8

9 L Autore Enrico nato a Napoli il 10/06/1988. Residente a Novara. Laureato in Scienze motorie e Sportive con votazione 102/110, titolo della tesi La video analisi nello sviluppo tecnico tattico del giovane calciatore. Istruttore corso Coni-Figc, Corso Base/Top e Super di Juventus University, esperienze come istruttore presso Juventus Soccer Schools, Fc Pro Vercelli 1892, altre esperienze in ambito camp estivi presso Juventus Sumemr Camp e Novara City Camp. Autore sito internet Oppure seguimi su facebook : Bibliografia 1. Juventus Soccer Scholls - Tattical Manual 2. Bonaccorso S. Allenare il settore giovanile, ed Correre, A.a.A - La didattica del giuoco del calcio, ed Correre, A.a.a Manuale di psicologia generale, ed Giunti,

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE La programmazione nel settore giovanile P R O G R E S S I O N I D I D A T T I C H E, S

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

programmazione didattica modulo 1 OBIETTIVI PRINCIPALI DEL MESE: FATTORE TECNICO-COORDINATIVO: passaggio/ricezione colpire la palla al volo

programmazione didattica modulo 1 OBIETTIVI PRINCIPALI DEL MESE: FATTORE TECNICO-COORDINATIVO: passaggio/ricezione colpire la palla al volo Schede operative categoria Esordienti CATEGORIA ESORDIENTI società: istruttore: stagione sportiva: RICORDATI CHE In questo mese inizia l attività didattica programmata dopo che nel periodo precedente si

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

Uno contro uno in movimento attacco

Uno contro uno in movimento attacco Uno contro uno in movimento attacco Utilizzando gli stessi postulati di spazio/tempo, collaborazioni, equilibrio analizziamo l uno contro uno in movimento. Esso va visto sempre all interno del gioco cinque

Dettagli

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 SETTORE GIOVANILE ALLENAMENTO PORTIERI SCHEDA TIPO DELLA SETTIMANA ALLENATORE ANDREA CAROZZO GRUPPO PORTIERI STAGIONE 2009/2010 GIOVANISSIMI NAZIONALI 1995 ALLIEVI REGIONALI

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

ASPETTI LEGATI ALLA GESTIONE DI UNA SQUADRA DI GIOVANISSIMI

ASPETTI LEGATI ALLA GESTIONE DI UNA SQUADRA DI GIOVANISSIMI SETTORE TECNICO FIGC COVERCIANO Corso master Uefa Pro di prima categoria 2012-2013 ASPETTI LEGATI ALLA GESTIONE DI UNA SQUADRA DI GIOVANISSIMI Candidato: Mark Iuliano Relatore: Dott.ssa Maria Grazia Rubenni

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche INDICE Introduzione... 3 Dall educazione motoria al Minivolley 10 Unità didattiche: momenti di un percorso... 4 Metodologia...7 Elementi base del Gioco Minivolley....8 Metodologia Progressione didattica

Dettagli

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso miotatico fasico e riflesso miotatico tonico. Inibizione dell

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

I tiri principali nel badminton

I tiri principali nel badminton I tiri principali nel badminton 4 2 3 5 6 1 Drop a rete 2 Pallonetto (lob) 3 Drive 4 Clear 5 Drop 6 Smash (schiacciata) 1 Traiettoria Definizione Impugnatura 1 Drop a rete Rovescio Sequenza fotografica

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti Di Marco Mozzi PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO Le funzioni Le componenti Avendo riportato, all interno del paragrafo dedicato agli obiettivi, alcuni concetti che possono risultare di difficile comprensione

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Igiochi sportivi tra cui il calcio, rappresentano quegli sport che

Igiochi sportivi tra cui il calcio, rappresentano quegli sport che 3. Tra riflessione e concretezza: la tecnica e gli altri fattori del calcio giovanile Igiochi sportivi tra cui il calcio, rappresentano quegli sport che rientrano nella definizione più specifica denominata

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

Quaderno d'allenamento G+S Pattinaggio sul ghiaccio Danza sul ghiaccio Pattinaggio artistico Pattinaggio sincronizzato

Quaderno d'allenamento G+S Pattinaggio sul ghiaccio Danza sul ghiaccio Pattinaggio artistico Pattinaggio sincronizzato Una produzione della Scuola universitaria federale dello sport di Macolin SUFSM 30.910.310 i / Edizione 2002 (02.04) Quaderno d'allenamento G+S Pattinaggio sul ghiaccio Danza sul ghiaccio Pattinaggio artistico

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ MANUALE UN PROGRAMMA DI RISCALDAMENTO COMPLETO PER RIDURRE GLI INFORTUNI NEL CALCIO INDICE PREFAZIONE 4 INTRODUZIONE

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

World Flying Disc Federation Regolamento dell Ultimate 2013

World Flying Disc Federation Regolamento dell Ultimate 2013 World Flying Disc Federation Regolamento dell Ultimate 2013 Traduzione conforme al WFDF Rules of Ultimate 2013 Versione Ufficiale in vigore dal 1 gennaio 2013 Indice delle Regole Introduzione... 1 1. Spirit

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Attività con la fune

Attività con la fune lo sport a scuola Attività con la fune percorso n. 1 Attrezzatura: - uno spazio adatto (palestra, cortile) - una fune Scansione delle attività: 1. Fase motoria 2. Fase espressivo-analogica 3. Fase ludica

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO ALL. D) REGOLA 5 Persone ammesse nel recinto di gioco 1) Per le gare organizzate dalla LNP, dalla Lega PRO e dalla Lega Nazionale Dilettanti in ambito nazionale sono ammessi

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

presenta: Tutti a scuola con lo Sport (Progetto di integrazione motoria per la scuola primaria)

presenta: Tutti a scuola con lo Sport (Progetto di integrazione motoria per la scuola primaria) presenta: Tutti a scuola con lo Sport (Progetto di integrazione motoria per la scuola primaria) SPORTIVISSIMO chi è? L Associazione Sportiva Dilettantistica SPORTIVISSIMO, è un team di insegnanti di educazione

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio Brevetto N. 1 Seduti sul bordo con gambe in acqua (valutare emotività) Discesa dalla scaletta (valutare emotività) Studio equilibrio verticale Andature con Remate, movimenti braccia SL e Do (M.I.) Valutazione

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive. Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici 2009-0303

Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive. Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici 2009-0303 Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici Obiettivo Gli studenti sono in grado di approfondire in maniera corretta informazioni

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA Comprensione della lettura Es. 1 Leggere il testo LA SIGNORINA MONICA e rispondere alle domande Tempo previsto per lo svolgimento : 1 h Punteggio massimo:

Dettagli

Guida Breve alle Regole del FootGolf

Guida Breve alle Regole del FootGolf Guida Breve alle Regole del FootGolf Lo Spirito del Gioco INTRODUZIONE Il Footgolf è giocato, per la maggior parte, senza la supervisione di un arbitro. Il gioco si affida all integrità dell individuo

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

F.I.G.C. FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO

F.I.G.C. FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO F.I.G.C. FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Centro Tecnico Federale Coverciano Corso Allenatore dei Portieri Dilettante e di settore giovanile Intraprendenza e Partecipazione. Due possibili chiavi di lettura

Dettagli

Progetto Psicomotricità

Progetto Psicomotricità Progetto di Psicomotricità Corpo in movimento, emozioni in gioco Attività psicomotoria per bambini della scuola d infanzia (3-6 anni) Dott. Franceschi Fabio PREMESSA IL SEGUENTE PROGETTO SI SVILUPPA IN

Dettagli

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Matteo Freddi L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Youcanprint Self-Publishing Titolo L arte di vincere al fantacalcio Autore Matteo Freddi Immagine di copertina a cura dell Autore ISBN 978-88-91122-07-0 Tutti

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

CHE COSA E IL COERVER COACHING

CHE COSA E IL COERVER COACHING COERVER COACHING CHE COSA E IL COERVER COACHING Il sistema di insegnamento del gioco del calcio più utilizzato del mondo attraverso lo sviluppo delle capacità tecniche e tattiche individuali e coordinative

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

LA PALLAVOLO, UNO SPORT DI SQUADRA

LA PALLAVOLO, UNO SPORT DI SQUADRA LA PALLAVOLO, UNO SPORT DI SQUADRA Doug Beal, direttore generale di USA Volleyball, ex-capo Allenatore della nazionale degli Stati Uniti Prima di provare ad analizzare i sistemi, la teoria, la tattica

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Piccoli giochi con la palla

Piccoli giochi con la palla 04 2011 Tema del mese Sommario Indicazioni per la sicurezza 2 Lista di controllo 3 Raccolta di esercizi 4 Lezioni 11 Test 17 Categorie 11-15 anni Scuola media Principianti e avanzati Livello di insegnamento:

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Hockey su ghiaccio. Da qualche parte, in una pista di ghiaccio in Svizzera. UFSPO & ASEF

Hockey su ghiaccio. Da qualche parte, in una pista di ghiaccio in Svizzera. UFSPO & ASEF mobile 5 09 Hockey su ghiaccio 57 UFSPO & ASEF Virile e sottile. È questa l ambivalenza che descrive al meglio l hockey su ghiaccio. Un buon giocatore deve dar prova di presenza fisica per disfarsi dei

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS-IRCCS Centro S. Maria Nascente Milano 5 febbraio 2014 Organizzazione

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

In forma con la FASCIA ELASTICA

In forma con la FASCIA ELASTICA RICHIEDETE In forma con la FASCIA ELASTICA L O R I G L E I N A www.thera-band.de Istruzioni professionali per il Vostro allenamento quotidiano Astrid Buscher Charlotta Cumming Gesine Ratajczyk Indice

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE La privacy DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE Temi in classe Non lede la privacy l insegnante che assegna ai propri alunni lo svolgimento di temi in classe riguardanti il loro

Dettagli

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI PER INIZIARE EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI Dicesi dirigente un signore che dovrebbe non dirigere ma animare; non solo animare ma testimoniare, non solo testimoniare, ma motivare. Insomma,

Dettagli

MANUALE D INIZIO PER I GIOVANI FLOORBALL

MANUALE D INIZIO PER I GIOVANI FLOORBALL MANUALE D INIZIO PER I GIOVANI FLOORBALL Insegnare il Floorball ai giovani INDICE LE RADICI DEL FLOORBALL 3 SVILUPPO INTERNAZIONALE 3 FLOORBALL IN POCHE PAROLE 3 EQUIPAGGIAMENTO E STRUTTURE 4 LA CANNA

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli