Capacità Cognitive - Parte I

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capacità Cognitive - Parte I"

Transcript

1 In questo articolo andremo ad analizzare la relazione che intercorre tra le capacità cognitive e le capacità tattiche, trattando in modo dettagliato una possibile progressione didattica realizzabile in una qualsiasi scuola calcio. Prima di esporre l argomento centrale è bene soffermarsi e comprendere almeno a grandi linee i concetti delle due capacità sopra elencate. Capacità Cognitive - Parte I Per capacità cognitive o processi mentali, che saranno utilizzati come sinonimi, si intendono tutti quei meccanismi che il cervello mette in atto per recuperare le informazioni dall ambiente, o internamente, per analizzarle e, comparandole con altre già precedentemente memorizzate, per decidere ( in funzione degli obiettivi che si prefigge) la risposta da emettere, per programmare la risposta stessa e per controllarne l esecuzione. Tutte queste funzioni sono concettualizzate nel cervello umano. informazioni dall interno dell organismo, mentre quelle esterocettive raccolgono stimoli provenienti dall esterno del corpo. La percezione esterocettiva La Vista La principale fonte d informazione esterocettiva è senz altro la vista. E possibile raccogliere informazioni sia da fermi ( campo visivo stazionario) o in movimento ( campo visivo dell occhio). L orano di senso della vista è l occhio, l informazione visiva viene convogliata dalla retina all occhio lungo due vie separate a due differenti zone del cervello che vengono usate in modo differente nel controllo del movimento : INPUT OUTPUT La visone focale : identifica gli oggetti Visione ambientale : controlla i movimenti Schema riassuntivo capacità cognitive.( figura sopra) Nel processo di elaborazione delle informazioni, si possono individuare quattro componenti strutturali principali: Il sistema Sensoriale deputato alla raccolta delle informazioni Le Memorie Il sistema di risposta Il sistema controllo Il sistema sensoriale E dato dall insieme delle componenti mediante il quale tutti gli stimoli accedono al sistema di elaborazione attraverso gli organi di senso. Le fonti d informazione si distinguono in Esterocettive e Propriocettive. Le fonti propriocettive sono quelle che raccolgono le Un altro concetto importante è la visione periferica, cioè la capacità di vedere oggetti al limite del proprio campo visivo, questo elemento è molto importante tra le abilità di un calciatore, perché permette di risolvere situazioni di gioco difficili, in cui risulta fondamentale, saper trovare un compagno libero da marcatura. L udito L organo di senso dell udito è l orecchio, nel quale si divide in tre sezioni : Orecchio esterno: costituito da padiglione auricolare, meato acustico. Orecchio medio : costituito da martello, incudine e staffa. Orecchio interno : apparato vestibolare ( dotto cocleare i tre canali semicircolari e da due formazioni l utricolo e il sacculo) e coclea. 1

2 L udito risulta molto importante nel gioco del calcio, basti pensare, al dialogo verbale tra due giocatori quando si sentono termini come Mia, uomo, solo ecc. E possibile eseguire un lavoro mirato sul sistema dell udito in qualsiasi momento della seduta, è buona norma abituare i giovani calciatori ad eseguire diversi elementi che possono essere tecnici o cordiantivi, al comando visivo o acustico del proprio istruttore. Il Tatto I recettori tattili sono situati nella cute. E per via tattile che si percepiscono informazioni sulla forma e la superficie degli oggetti che tocchiamo. Esistono tipi di ricettori tra cui troviamo : Termo recettori : i recettori per il caldo e il freddo. Nocicettori : i recettori del dolore. Nel gioco del calcio sono numerosi i contatti che avvengono tra giocatori, ed è per questo che in determinante situazioni diventa importante il tatto : basti pensare ad un calcio d angolo sia per il difensore che per l attaccante è importante sentire l avversario ovviamente con finalità diverse. La percezione propriocettiva Questi tipi di percezione include le informazioni provenienti dalle articolazioni, le forze prodotte dai muscoli e l orientamento del corpo nello spazio. Fuso neuromuscolare I fusi neuro muscolari sono i più numerosi recettori che si possono trovare nel muscolo. Variano a seconda del muscolo. I fusi neuro muscolari sono lunghi alcuni millimetri e disposti in modo parallelo con le fibre muscolari scheletriche. Il fuso è l insieme di poche fibre muscolari modificate, contenute in una capsula e munite di connessioni con fibre nervose sensitive e motorie. Organi tendinei di Golgi A livello della giunzione fra il muscolo e il tendine sono situati i recettori noti come organi tendinei di Golgi, che segnalano il livello di forza a livello della giunzione muscolo-tendinea. Questi recettori sono localizzati nei tendini, sono posti in serie rispetto agli elementi contrattili, ovvero le fibre muscolari. Essi rispondono di qualsiasi tensione avvenga al tendine. Recettori Articolari Sono rappresentati dai corpuscoli di Pacini, da terminazioni di Ruffini e da Organi di Golgi, simili a quelli nei tendini. Questi si trovano nelle capsule articolari, nei legamenti e nei tendini. Inviano al sistema nervoso informazioni inerenti all angolo, l accelerazione grado di deformazione assunta dall articolazione. La memoria Il concetto di memoria è molto importante si parla di attività sportiva. L informazione una volta recepita viene passata in tre magazzini ben distinti : memoria sensoriale, memoria a breve termine e memoria a lungo termine. Ciascuno di essi differisce per come l informazione viene conservata, per la sua durata e per la sua qualità. Il passaggio dell informazione è obbligata all interno dei 3 contenitori. La memoria sensoriale è un magazzino di elevata capienza e bassa permanenza, ospita molte informazioni visive ed uditive(da cui il nome "memoria sensoriale")destinate a perdersi dopo qualche secondo. Vi persistono il tempo necessario a fornire al soggetto un orientamento nello spazio, una panoramica completa e immediata dell'ambiente, questa infatti è la funzione della memoria sensoriale. La Memoria a breve termine : è un magazzino a capacità limitata, in grado di conservare, nella stessa unità di tempo, un numero limitato d informazioni per un tempo massimo di 30. 2

3 La memoria a lungo termine : l informazione se permane un tempo sufficiente nella memoria a breve termine può passare nel contenitore successivo, ovvero la memoria a lungo termine.e un magazzino a lunga conservazione, tutto quello che un individuo apprende, esplicitamente o implicitamente, nel corso della propria esistenza viene conservato nella memoria a lungo termine. Il Sistema di risposta E uno stadio di fondamentale importanza, in questo processo circolare in cui l elaborazione procede a partire dal risultato che si vuole raggiungere, dalle previsioni che l elaborazione centrale fa in base alle sue conoscenze, ai suoi programmi e agli elementi offerti dalla situazione. Il processo di risposta si divide in quattro fasi : 1. Selezione della Risposta: è la fase più delicata, e riguarda la scelta della soluzione più idonea tra tutte quelle presenti in memoria. 2. Tempo di reazione e presa di decisione: ovvero la velocità e l efficacia della presa di decisione. Il tempo di reazione è l intervallo fra la presentazione di uno stimolo e all inizio della risposta. 3. Programmazione della risposta : Una volta operata la decisione rispetto alla risposta da emettere, nella fase di programmazione viene costruito un programma motorio, cioè un progetto d azione. 4. Esecuzione del movimento : dopo aver programmato la risposta, bisogna che venga messa in atto. Il SNC è deputato alla trasformazione del programma in movimento o una successione di movimenti, attraverso contrazioni muscolari. 5. Sistema di controllo : sistema di supervisione che si occupa di stabilire le priorità d elaborazione e le modalità di analisi, e di verificare i risultati parziali finali del procedimento operativo. La Tattica Parte II Con il termine tattica intendiamo una funzione di collegamento o di raccordo fra le varie unità di prestazione individuali, finalizzate all azione collettiva volta a perseguire obiettivi di gioco comuni. La Tattica a sua volta si suddivide in Tattica individuale collegata con la Tecnica applicata e la Tattica collettiva.entrambe prevedono a loro volta due fasi distinte fase di possesso palla ( fase offensiva) e fase di non possesso palla (fase difensiva) brevemente andremo ad elencare gli elementi che costituiscono la Tattica. Tattica individuale Fase possesso palla : Smarcamento Difesa e copertura della palla Passaggio Finta e dribbling Tiro in Porta Fase di non possesso palla: Presa di posizione Marcatura Contrasto Intercettamento Difesa della porta Tattica Collettiva Fase di possesso palla : Scaglionamento offensivo Verticalizzazione Ampiezza fronte d attacco Mobilità Imprevedibilità Fase di non possesso palla: Scaglionamento difensivo Azione di ritardo Concentrazione in zona palla Equilibrio difensivo Controllo e cautela difensiva 3

4 Dopo aver descritto a grandi linee cosa è la Tattica possiamo andare ad analizzare l elemento portante di questo articolo, ovvero andremo ad analizzare una possibile progressione didattica realizzabile in una qualsiasi scuola calcio. Innanzitutto è bene redigere un programma didattico che preveda per ogni fascia d età un obiettivo chiaro e raggiungibile. Quando parleremo dell aspetto tattico all interno di una scuola calcio, faremo riferimento alle situazioni di gioco semplici ( 1<1 al 3<3 ).Di seguito andremo a descrivere nel dettaglio le principali situazioni di gioco sviluppabili per le fasce d età più piccole, con un particolare occhio di riguardo ai dettagli sul quale l istruttore dovrebbe concentrarsi maggiormente in entrambe le fasi di gioco. L uno contro uno (1 vs 1) Lo sviluppo della situazione dell uno contro uno risulta essere, nel calcio, di primaria importanza. In qualsiasi partita osservata la possiamo ritrovare praticamente in ogni azione, ed è per questo che spetta all allenatore creare i presupposti per una didattica corretta. Bisognerà quindi proporre inizialmente situazioni semplici di facile applicazione. Questo tipo di elemento deve essere proposto già dal primo anno di Piccoli amici ovviamente prevedendo situazioni di facile soluzione. L uno contro uno si può verificarsi in queste tre situazioni: 1. Uno contro il portiere 2. Uno contro l avversario 3. Uno contro uno più il portiere Presa di posizione corretta: indica l appoggio a terra dei piedi, non parallelo ma con una gamba davanti l altra con l orientamento del corpo semilaterale. Temporeggiamento : il difensore dovrà rallentare la sua corsa una volta arrivato a circa un metro dalla palla e prepararsi per la difesa. Quando è possibile è importante togliere spazio all avversario andando ad attaccarlo il più lontano possibile dalla porta. Corretta posizione nello spazio; la posizione del difensore dovrà essere sempre tra l attaccante e la porta. Corretta osservazione: il difensore dovrà osservare la palla per evitare di farsi ingannare dalle finte dell avversario. Corretta posizione del corpo: il corpo dovrà essere in una posizione che permetta la massima reattività. Finte corpo in avanzamento e arretramento ; queste permetteranno di rallentare l azione dell avversario. Cambio di corsa e ritmo; il giocatore con la palla dovrà superare l avversario cambiando oltre che la direzione di corsa anche il ritmo di questa. Protezione palla: il giocatore dovrà proteggere la palla posizionando il suo corpo tra l avversario e la palla utilizzando le braccia in aiuto. Fantasia del giocatore: risulta di vitale importanza la capacità di inventare del giocatore eseguendo finte o cambi di direzione più opportune per raggiungere il proprio scopo. Dopo aver elencato i principi tecnici generali dell uno contro uno, passiamo ad elencare le varie forme di questa situazione di gioco, che si possono così riassumere: 1. Uno contro uno frontale 2. Uno contro uno laterale 3. Uno contro uno ad inseguimento 4

5 L uno contro uno frontale L uno contro uno frontale(attaccante che punta frontalmente il difensore) può svolgersi in diverse tipologie. 1 a) L attaccante punta la porta avversaria ed è in una posizione centrale del campo. La scelta dell attaccante riguarderà la possibilità di attaccare lo spazio oppure l avversario. Dovrà a sui discrezione effettuare cambi di direzione, velocità o effettuare una finta. L uno contro uno laterale Con il termine laterale vogliamo indicare un uno contro uno nel quale il difensore si trovi in una posizione laterale rispetto all attaccante su una linea avanzata rispetto a quella del portatore palla come riportato nella figura seguente. 1 b) L attaccante punta la porta e si trova in una posizione non centrale del campo ma più defilata. Se la palla si trova in una zona pericolosa (palla vicina alla porta) il difensore dovrà correre verso questa e impedire il tiro o comunque la situazione del pericolo, posizionandosi tra la palla e la propria porta. La posizione dei piedi se l azione si sviluppa sulla parte destra del campo, il piede destro avanti e il sinistro dietro, se l azione si sviluppa sulla parte di sinistra sarà l opposto. Il non temporeggiamento porterà l attaccante ad una facile azione di superamento. Il difensore cambierà strategia in funzione all azione dell attaccante dipendente quindi dal ritardo più o meno marcato della sua azione difensiva. In caso di ritardo marcato il difensore non ha a disposizione molte possibilità di intervento e opterà per un intervento sulla palla perché altrimenti sarebbe superato. In caso di assenza di ritardo dovrà comportarsi come nella medesima situazione dell uno contro uno frontale. L attaccante avrà come per l uno contro uno frontale due possibilità ; attaccare l avversario o attaccare lo spazio. Eseguire finte e cambi di direzione. Fantasia del giocatore: risulta di vitale importanza la capacità di inventare del giocatore eseguendo finte o cambi di direzione più opportune per raggiungere il proprio scopo. 5

6 L uno contro uno a inseguimento Questa situazione diventa riscontrabile facilmente in partita e risulta estremamente vantaggiosa per l attaccante in quanto si trova in una posizione vantaggiosa rispetto al difensore. Il due contro uno (2 vs 1) Lo sviluppo del 2 contro 1 risulta il passo successivo allo sviluppo dell uno contro uno. In questa situazione di gioco avremo un vantaggio per quanto riguarda il reparto offensivo fensivo rispetto a quello difensivo. Il concetto principale basilare da trasmettere nel momento in cui si presentano azioni di gioco di superiorità numerica, deve essere sicuramente quello di arrivare alla conclusione in rete. Questo elemento può essere proposto nell ultimo anno di Piccoli Amici e a partire dal 1 anno di Pulcini, previo sviluppo del fondamentale precedente, che ne risulta essere propedeutico. Se il difensore che insegue è supportato in una difesa frontale da un compagno, non cercare l intervento, ma supportare il compagno posizionandosi in una zona non in linea all 1 vs 1 frontale ma in una seconda linea. Un'altra soluzione può essere quella che una volta raggiunto l avversario, toccare la palla per allontanarla. Nel momento in cui l attaccante rallenti la corsa, il difensore dovrà subito posizionarsi tra l attaccante e la porta. L attaccante non dovrà diminuire la velocità di corsa ma accelerare per non permettere il recupero al difensore. Nel caso in cui il difensore si appresta a raggiungere la palla, l attaccante dovrà essere bravo a tagliare la strada a quest ultimo. Assumere una posizione che rallenti la corsa degli attaccanti, favorendo il rientro da parte dei compagni di squadra. Non attacca ne il portatore palla ne il giocatore senza palla, per evitare di facilitare l azione degli avversari. Il difensore dovrà posizionarsi sulla linea immaginaria che unisce i due attaccanti Il difensore non dovrà essere ne troppo vicino ne troppo lontano dalla linea immaginaria Nel caso il difensore si trovi vicino all aria di rigore e abbia capito che un azione di temporeggiamento risulterebbe inutile, l azione da optare sarà quella di attaccare il possessore palla cercando di intercettare un possibile passaggio. 6

7 Evitare passaggi orizzontali che potrebbero rallentare l azione offensiva, ma dovranno cercare l ampiezza. 1-2 o dai e vai(avanti, indietro): il giocatore senza palla può offrire re una soluzione di 1-2 al compagno con palla attraverso il movimento vicino al portatore di palla, in questo caso il portatore punterà il difensore e passerà palla al compagno vicino. Sovrapposizione: dopo la sovrapposizione da parte del giocatore senza palla sul portatore, quest ultimo potrà decidere se servigli palla o se puntare l avversario. Taglio: simile alla sovrapposizione, il giocatore sena palla esegue un movimento di corsa in diagonale davanti al difensore, così permettendo all attaccante di decidere se servire palla o puntare la porta. Ricerca nel 1 vs 1: in questo caso il portatore palla decide di puntare il difensore dando il via ad un uno contro uno. Il due contro due ( 2 vs 2) Il due contro due è una situazione di gioco che viene definita semplice, ma che in realtà presenta aspetti assai complessi: primo tra tutti il saper collaborare sia in fase offensiva che difensiva. Nel due contro due il contatto con la palla è continuo, l intensità di gioco è elevata così come l attenzione e la motivazione dei quattro giocatori. Questo elemento è possibile proporlo a partire dall ultimo anno di Pulcini. Le tipologie di base d azione per svolgere al meglio una situazione offensiva di due contro due possono essere: Sviluppo di un uno contro uno: il portatore palla decidere di puntare il difensore per creare eventualmente una situazione di superiorità numerica di due contro uno. 1-2 o dai e vai(avanti, indietro): il giocatore senza palla può offrire una soluzione di 1-2 al compagno con palla attraverso il movimento vicino al portatore di palla, in questo caso il portatore punterà il difensore e passerà palla al compagno vicino. Sovrapposizione: dopo la sovrapposizione da parte del giocatore senza palla sul portatore, quest ultimo potrà decidere se servigli palla o se puntare l avversario. Taglio: simile alla sovrapposizione, il giocatore sena palla esegue un movimento di corsa in diagonale davanti al difensore, così permettendo all attaccante di decidere se servire palla o puntare la porta. Nella tabella sotto riportata è possibile riepilogare per ogni fascia d età, ed elemento tattico il grado di allenabilità di ogni elemento. Fascia d età - Elemento Grado categoria tattico Allenabilità Piccoli Amici 1 vs 1 XXX 1 (introduzione) Piccoli Amici 2 1 vs 1 (Tutte le XXX forme ) Piccoli Amici 3 1 vs 1 2 vs XXX/X 1(Introduzione) Pulcini 1 anno 2 vs 1 X Pulcini 2 anno 2 vs 1 XXX Pulcini 3 anno 2 vs 1 2 vs 2 XXX/XX 7

8 Proposte d allenamento III Parte Di seguito andremo a descrivere delle semplici esercitazioni, che possono essere proposte sin dalle fasce d età più basse, per lo sviluppo delle capacità cognitive / capacità tattiche. Riscaldamento / attivazione Situazionale Partita Descrizione Dividere i ragazzi in 3 file, le due file laterali deve eseguire un percorso coordinativo, il blu dovrà leggere la situazione e passare palla al primo arrivato, che diventerà il suo compagno nel 2 vs 1, mentre l altro giocatore diventerà il difendente. Descrizione Delimitare un rettangolo di dimensioni da definire, all interno ogni giocatore ha un pallone, al comando dell allenatore eseguire il comando ( es rotolare), successivamente al comando del colore tramite stile visivo o acustico i giocatori si dirigeranno verso il cono del colore corrispondente. Tecnica Analitica Descrizione Dividere i ragazzi in 2 file, la fila blu comanda e decide quale percorso svolgere, la fila blu deve comportarsi di conseguenza, scegliendo il percorso opposto. Conclusioni In conclusione possiamo affermare come le capacità cognitive e gli elementi di tattica vadano di pari passo, abbiamo riscontrato in entrambe un elemento chiave in comune ovvero la soluzione di compiti o problemi situazionali, è da questa affermazione che ogni istruttore di scuola deve programmare il proprio percorso didattico in ambito tattico, e risulta fondamentale come descritto già in precedenza avere una corretta progressione, cucita su misura in base all età e alle capacità dei propri giovani calciatori. Infatti molto spesso si vedono giovani difensori uscire a valanga sul portatore palla, questo è un chiaro esempio di una mancanza di sviluppo del 1 vs 1 che prevede in primo luogo la giusta presa di posizione del difensore che dopo aver avvicinato il giocatore offendente, compie un leggero scivolamento indietro sugli avampiedi. Come descritto in precedenza è bene per ogni fascia d età e categoria porsi degli obiettivi precisi anno per anno, questo per evitare uno sviluppo precoce di un elemento non idoneo all età dei nostri giocatori, ma soprattutto per evitare un sovraffollamento di informazioni tattiche che potrebbero rilevarsi controproducenti. 8

9 L Autore Enrico nato a Napoli il 10/06/1988. Residente a Novara. Laureato in Scienze motorie e Sportive con votazione 102/110, titolo della tesi La video analisi nello sviluppo tecnico tattico del giovane calciatore. Istruttore corso Coni-Figc, Corso Base/Top e Super di Juventus University, esperienze come istruttore presso Juventus Soccer Schools, Fc Pro Vercelli 1892, altre esperienze in ambito camp estivi presso Juventus Sumemr Camp e Novara City Camp. Autore sito internet Oppure seguimi su facebook : Bibliografia 1. Juventus Soccer Scholls - Tattical Manual 2. Bonaccorso S. Allenare il settore giovanile, ed Correre, A.a.A - La didattica del giuoco del calcio, ed Correre, A.a.a Manuale di psicologia generale, ed Giunti,

CATEGORIA PICCOLI AMICI FASCIA 5-7 ANNI. Programmazione attività annuale

CATEGORIA PICCOLI AMICI FASCIA 5-7 ANNI. Programmazione attività annuale CATEGORIA PICCOLI AMICI FASCIA 5-7 ANNI Programmazione attività annuale Le attività che verranno proposte ai nostri bambini dovranno tenere in considerazione l età ed i fattori ambientali. Tutti gli obbiettivi

Dettagli

Metodologia di lavoro nella Scuola di Calcio

Metodologia di lavoro nella Scuola di Calcio di Emanuele Aquilani istruttore scuola calcio A.S. Cisco Calcio Roma Certi uomini vedono le cose come sono e dicono: perché? Io sogno cose mai viste e dico: perché no? (G.B. Shaw) La Scuola Calcio segue

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE La programmazione nel settore giovanile P R O G R E S S I O N I D I D A T T I C H E, S

Dettagli

Programmazione Annuale

Programmazione Annuale Programmazione Annuale Scuola Calcio Milan di Vieste CATEGORIE Pulcini 2001-2002-2003 I BAMBINI IMPARANO CIÒ CHE VIVONO...: Se un bambino vive nella tolleranza impara ad essere paziente. Se un bambino

Dettagli

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 il Dribbling Lezione ideata da MAINI DANIELE Si ringraziano Gli Esordienti dell U.S.D. BORGONOVESE In collaborazione con BERNINI GIANNI RATAZZI

Dettagli

SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO

SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO Casalmaiocco, 04 MARZO 2013 Marco prof. Manzotti E-mail: m.manzotti@alice.it IL GIOCO DEL CALCIO SPORT DI SQUADRA SPORT DI CONFRONTO SPORT CON ATTREZZO SPORT

Dettagli

SETTORE TECNICO F.I.G.C.

SETTORE TECNICO F.I.G.C. SETTORE TECNICO F.I.G.C. CORSO MASTER 200-2005 TESI CARATTERISTICHE DEI TRE CENTROCAMPISTI IN UN CENTROCAMPO A TRE Relatore: Prof. Franco FERRARI Candidato: Massimiliano ALLEGRI Coverciano 7 luglio 2005

Dettagli

ESORDIENTI. Programma Tecnico

ESORDIENTI. Programma Tecnico ESORDIENTI Programma Tecnico IO, LA PALLA, I MIEI COMPAGNI E GLI AVVERSARI SEDUTA DI ALLENAMENTO ESORDIENTI dal semplice al complesso GIOCHI A TEMA 20% GIOCHI COLLETTIVI 20% LA PARTITA (Gli obiettivi specifici)

Dettagli

Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995. Allenatore Maurizio Bruni

Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995. Allenatore Maurizio Bruni Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995 Allenatore Maurizio Bruni MESE DI SETTEMBRE OBIETTIVI TECNICI Palleggio individuale Conduzione della

Dettagli

Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino

Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino Il ruolo dell istruttore nel Minibasket è di fondamentale importanza in quanto deve migliorare

Dettagli

un nuovo modo di fare calcio

un nuovo modo di fare calcio un nuovo modo di fare calcio I Piccoli Amici Si parte da qui! E l inizio del percorso calcistico, un inizio che di anno in anno viene sempre più anticipato. Un momento in cui è essenziale gettare le basi

Dettagli

SCUOLA CALCIO TECNICA PROF. MARCHI ERNESTO

SCUOLA CALCIO TECNICA PROF. MARCHI ERNESTO SCHEDE ESERCIZI categoria: categorie correlate: titolo / oggetto: SCUOLA CALCIO TECNICA GIOCO DI POSSESSO PALLA: 8 10 PASSAGGI autore / docente / tutor: PROF. MARCHI ERNESTO WWW..CENTROSTUDICALCIO..IT

Dettagli

WWW.ALLENATORE.NET - ALLENARE LA CATEGORIA PULCINI CAPITOLO 6

WWW.ALLENATORE.NET - ALLENARE LA CATEGORIA PULCINI CAPITOLO 6 CAPITOLO 6 LA FORAZIONE DELLE ABILITA TECNICHE 47 6.1 GESTO TECNICO E ABILITA OTORIE I gesti tecnici sono abilità fondamentali nel gioco del calcio da svilupparsi nel tempo mediante progressioni didattiche

Dettagli

Categoria Esordienti. Stefano Bellinzaghi

Categoria Esordienti. Stefano Bellinzaghi Categoria Esordienti Guida e Dominio della palla Guida e Dominio della palla Stefano Bellinzaghi A B C I giocatori distribuiti nelle 4 file eseguono conduzioni, cambi di direzione e combinazioni tra guida

Dettagli

IL RISCALDAMENTO NELLA SEDUTA D ALLENAMENTO

IL RISCALDAMENTO NELLA SEDUTA D ALLENAMENTO IL RISCALDAMENTO NELLA SEDUTA D ALLENAMENTO (Categoria Pulcini ed Esordienti) PREMESSA Il riscaldamento ha un ruolo fondamentale sia all interno della seduta di allenamento, che nei minuti precedenti la

Dettagli

TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE. Il calcio a 5 o futsal 04/06/2015. Calcio a 5 : campionati nazionali FUTSAL

TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE. Il calcio a 5 o futsal 04/06/2015. Calcio a 5 : campionati nazionali FUTSAL STRUTTURA DELLA FIGC Calcio a 5 : campionati nazionali LEGA SERIE A SERIE B LND AIC AIAC AIA SETTORE PRO TECNICO SGeS A A2 B A femminile Under 21 FUTSAL COMITATI REGIONALI RESPONSABILE REGIONALE COMMISSIONE

Dettagli

FUTSAL STRUTTURA DELLA FIGC. SGeS SERIE A SERIE B LND AIC AIAC AIA COMITATI REGIONALI RESPONSABILE REGIONALE LEGA PRO SETTORE TECNICO

FUTSAL STRUTTURA DELLA FIGC. SGeS SERIE A SERIE B LND AIC AIAC AIA COMITATI REGIONALI RESPONSABILE REGIONALE LEGA PRO SETTORE TECNICO FUTSAL STRUTTURA DELLA FIGC LEGA PRO SERIE A SERIE B LND AIC AIAC AIA SETTORE TECNICO SGeS COMMISSIONE CALCIO A 5 CORSI REGIONALI UNDER 8 UNDER 10 COMITATI REGIONALI RESPONSABILE REGIONALE CORSO CENTRALE

Dettagli

di Andrea Monteverdi

di Andrea Monteverdi di Andrea Monteverdi PULCINI Stagione sportiva 2005/2006 Saranno effettuati due allenamenti al campo dove si cureranno gli obiettivi tecnico-tattici, e un allenamento in palestra dove sarà curato in particolar

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

PROGRAMMA TECNICO IL CONTROLLO DELLA PALLA PROGRESSIONE

PROGRAMMA TECNICO IL CONTROLLO DELLA PALLA PROGRESSIONE PROGRAMMA TECNICO Il Programma Tecnico vuole essere uno strumento di lavoro e di supporto, agli istruttori e ai tecnici della nostra Scuola Calcio, alla formazione dei bambini e delle bambine che muovono

Dettagli

PARTITE A TEMA. Introduzione

PARTITE A TEMA. Introduzione PARTITE A TEMA Introduzione Per partita a tema o anche gioco a tema s intende un confronto tra due o più squadre che, all interno di una sessione di allenamento, devono rispettare un vincolo, una restrizione

Dettagli

Unione Sportiva Dilettantistica Albinia Scuola Calcio "US Albinia" Programmazione attività stagione 2011 2012

Unione Sportiva Dilettantistica Albinia Scuola Calcio US Albinia Programmazione attività stagione 2011 2012 Unione Sportiva Dilettantistica Albinia Scuola Calcio "US Albinia" Programmazione attività stagione 2011 2012 A. CATEGORIA ESORDIENTI (1999 2000) Allenatore: Luciano FUSINI (All. Base) A.1 Attività Federale

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

La formazione dell alzatore

La formazione dell alzatore La formazione dell alzatore Si avvicina la stagione in palestra. In agosto e in settembre l allenatore ha ancora il tempo di far progredire i suoi alzatori individualmente, prima che il sistema di gioco

Dettagli

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04. U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.1994 Via Dell Abbadia, 8-40122 Bologna Tel 051/26.11.85 Fax 051/26.74.55 -

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

IL TIRO IN PORTA. Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011. Rubiu Stefano

IL TIRO IN PORTA. Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011. Rubiu Stefano Rubiu Stefano Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011 IL TIRO IN PORTA Il tiro in porta rappresenta l azione conclusiva delle varie strategie di gioco, al fine di raggiungere l obiettivo

Dettagli

curatore: Marco Barla

curatore: Marco Barla ad utilizzo degli Istruttori della PGS Tam Tam curatore: Marco Barla Ottobre 2000 Indicazioni generali L attività proposta deve conseguire l obiettivo di dare una educazione sportiva ai bambini, di sviluppare

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

PULCINI. Programma MILAN LAB

PULCINI. Programma MILAN LAB PULCINI Programma MILAN LAB SEDUTA DI ALLENAMENTO PULCINI 40% SCHEMI MOTORI DI BASE CAPACITÀ MOTORIE 60% CAPACITÀ COORDINATIVE 50% 10% CAPACITÀ CONDIZIONALI Rapidità BASSO GRADO DI DIFFICOLTÀ MEDIO GRADO

Dettagli

NUOVI PROGRAMMI DI PSICOCINETICA APPLICATI AL CALCIO

NUOVI PROGRAMMI DI PSICOCINETICA APPLICATI AL CALCIO NUOVI PROGRAMMI DI PSICOCINETICA APPLICATI AL CALCIO L esigenza di rifarsi a schemi di gioco è tipico del calcio da adulti, quando è insufficiente ricorrere al gioco di base per poter ottenere risultati

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

PROGRAMMA OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.)

PROGRAMMA OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) Sede e campo sportivo U. Orlandini via Vivaldi, 8 30029 Santo Stino di Livenza - Venezia Telefono - Fax 0421 / 310914 e-mail: calciosanstino@libero.it sito web : www.calciosanstino.it Matricola F.I.G.C.:

Dettagli

Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento

Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento 2012 Federazione Italiana Pallacanestro SGMS Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento A cura di Maurizio Cremonini - Tecnico Federale Settore Giovanile Minibasket Scuola 0

Dettagli

METODOLOGIA DI ALLENAMENTO NELLA PALLAVOLO GIOVANILE

METODOLOGIA DI ALLENAMENTO NELLA PALLAVOLO GIOVANILE METODOLOGIA DI ALLENAMENTO NELLA PALLAVOLO GIOVANILE di Massimo Merighi La pianificazione e l organizzazione dell allenamento determinano la metodologia di allenamento che sarà determinata in funzione

Dettagli

Modello A CLASSIFICAZIONE FUNZIONALE (FISDIR) CALCIO a 5 SETTORE AGONISTICO e SETTORE PROMOZIONALE

Modello A CLASSIFICAZIONE FUNZIONALE (FISDIR) CALCIO a 5 SETTORE AGONISTICO e SETTORE PROMOZIONALE Modello A CLASSIFICAZIONE FUNZIONALE (FISDIR) CALCIO a 5 SETTORE AGONISTICO e SETTORE PROMOZIONALE Premessa Per attività programmata s intende partire da un analisi della situazione, stabilire gli obiettivi

Dettagli

GIOCHI PER BAMBINI ADATTATI AL CALCIO

GIOCHI PER BAMBINI ADATTATI AL CALCIO GICHI PER BAMBINI ADATTATI AL CALCI MAG LIBER: un bambino è il mago deve rincorrere e toccare i suoi compagni, quando vieni preso ti devi fermare mantenendo una posizione decisa dall istruttore. Se un

Dettagli

10 Lezioni di Minibasket

10 Lezioni di Minibasket 10 Lezioni di Minibasket LEZIONE N. 1 FASE INIZIALE 001. Esercizi e giochi di trattamento della palla sul posto e in movimento ad elevata intensità di esecuzione. 002. SPRINT: i bambini palleggiano per

Dettagli

A.S.D. PRO CALCIO ITALIA

A.S.D. PRO CALCIO ITALIA A.S.D. PRO CALCIO ITALIA Gioca a testa alta Stagione 2015-2016 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA (POF) PREMESSA L attività calcistica giovanile è regolata sulla base dei principi dalla Carta dei diritti dei

Dettagli

Associazione Sportiva Dilettantistica. Oratorio Helder Camara San Polo d Enza (RE) 1974-2009

Associazione Sportiva Dilettantistica. Oratorio Helder Camara San Polo d Enza (RE) 1974-2009 Associazione Sportiva Dilettantistica Oratorio Helder Camara 1974-2009 SOMMARIO Introduzione Carta dei diritti del bambino Regolamento istruttori e tecnici Regolamento atleti e genitori Organigramma Società

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Uno contro uno in movimento attacco

Uno contro uno in movimento attacco Uno contro uno in movimento attacco Utilizzando gli stessi postulati di spazio/tempo, collaborazioni, equilibrio analizziamo l uno contro uno in movimento. Esso va visto sempre all interno del gioco cinque

Dettagli

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 SETTORE GIOVANILE ALLENAMENTO PORTIERI SCHEDA TIPO DELLA SETTIMANA ALLENATORE ANDREA CAROZZO GRUPPO PORTIERI STAGIONE 2009/2010 GIOVANISSIMI NAZIONALI 1995 ALLIEVI REGIONALI

Dettagli

IL PORTIERE NELLA SCUOLA CALCIO FORMAZIONE DIDATTICA DEL RUOLO. enrico sarli massofisioterapista allenatore di base

IL PORTIERE NELLA SCUOLA CALCIO FORMAZIONE DIDATTICA DEL RUOLO. enrico sarli massofisioterapista allenatore di base IL PORTIERE NELLA SCUOLA CALCIO FORMAZIONE DIDATTICA DEL RUOLO enrico sarli massofisioterapista allenatore di base i portieri sono gente particolari, che non smettono di volare tra un palo e l altro, tra

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI

COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI PORTIERI di: DEFLORIO VITO Laureato in Scienze Motorie Preparatore dei Portieri INTRODUZIONE Questo lavoro e frutto della mia esperienza come allenatore dei giovani

Dettagli

8 - LA VELOCITÀ. Per velocità s intende la capacità di eseguire il maggior numero d azioni motorie nell'unità di tempo (Zaciorskij, 1977).

8 - LA VELOCITÀ. Per velocità s intende la capacità di eseguire il maggior numero d azioni motorie nell'unità di tempo (Zaciorskij, 1977). 85 8 - LA VELOCITÀ Per velocità s intende la capacità di eseguire il maggior numero d azioni motorie nell'unità di tempo (Zaciorskij, 1977). Se riferita alla Fisica, possiamo definirla come la capacità

Dettagli

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012. PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012. PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012 PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME -Accoglienza: discussione sull importanza della materia Scienze Motorie -Questionario d ingresso sull attività motoria

Dettagli

CREIAMO UNA PREPARAZIONE PRECAMPIONATO

CREIAMO UNA PREPARAZIONE PRECAMPIONATO M A G A Z I N E CREIAMO UNA PREPARAZIONE PRECAMPIONATO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR IL TECNICO STEFANO FIORINI Nato il 6 agosto del 1961, diplomato Isef e laureato in scienze motorie ha

Dettagli

programmazione didattica modulo 1 OBIETTIVI PRINCIPALI DEL MESE: FATTORE TECNICO-COORDINATIVO: passaggio/ricezione colpire la palla al volo

programmazione didattica modulo 1 OBIETTIVI PRINCIPALI DEL MESE: FATTORE TECNICO-COORDINATIVO: passaggio/ricezione colpire la palla al volo Schede operative categoria Esordienti CATEGORIA ESORDIENTI società: istruttore: stagione sportiva: RICORDATI CHE In questo mese inizia l attività didattica programmata dopo che nel periodo precedente si

Dettagli

Training Guide JSS - Juventus Primi Calci 2-3 Anno

Training Guide JSS - Juventus Primi Calci 2-3 Anno JSS Coach Comito Date N Players 10 Where Torino Conduzione N TG 53 Conduzione veloce verso Sec Conduzione con cambi di direzione Giochi individuali con mani e piedi in uno spazio delimitato. Lanci e prese.

Dettagli

La video analisi nello sviluppo tecnico tattico del giovane calciatore

La video analisi nello sviluppo tecnico tattico del giovane calciatore UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO SCUOLA UNIVERSITARIA INTERFACOLTA IN SCIENZE MOTORIE TESI DI LAUREA La video analisi nello sviluppo tecnico tattico del giovane calciatore RELATORE: Prof. Camolese Giancarlo

Dettagli

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO I primi Giochi Easy : Il Palleggio ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO Insalata Mista. (stimolare l abitudine all utilizzo del palleggio) Dal palleggio in libertà tuttocampo dei bambini, dividere il campo in

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Comitato Provinciale Allenatori di Salerno CORSO ALLIEVO ALLENATORE ANGRI 2008 Quaderno tecnico DIRETTORE DEL CORSO:Antonio Savino FORMATORE: Antonio Petillo ASSISTENTE

Dettagli

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 SCHEDE di valutazione 22 Classe prima 22 Classe seconda 25 Classe terza 28 Prove di abilità motorie e sportive

Dettagli

Training Guide JSS - Juventus Primi Calci 2-3 Anno

Training Guide JSS - Juventus Primi Calci 2-3 Anno JSS Coach Muscella Date N Players 10 Where Torino Goals Tec Training Guide JSS - Juventus 2-3 Anno Conduzione Age Range 2 Anno N TG 31 Goals Tactic Concetto di fase offensiva Goals Tec Sec Project JSS

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Corso di Laurea in Scienze Motorie e dello Sport La formazione e lo sviluppo delle capacità e delle abilità motorie Prof. Maurizio Mondoni LE CAPACITA MOTORIE

Dettagli

PROGETTO SCUOLA CALCIO A.S.D. TERME VIGLIATORE

PROGETTO SCUOLA CALCIO A.S.D. TERME VIGLIATORE Premessa Prima di parlare di un progetto concreto di scuola calcio, riteniamo opportuno analizzare alcuni comportamenti fondamentali che ci vengono propinati dalla società. I bambini d oggi non hanno a

Dettagli

AGGIORNAMENTO DI PALLANUOTO LATISANA 12 OTTOBRE 20014

AGGIORNAMENTO DI PALLANUOTO LATISANA 12 OTTOBRE 20014 AGGIORNAMENTO DI PALLANUOTO LATISANA 12 OTTOBRE 20014 Programma del corso INTRODUZIONE ALLA PALLANUOTO (nella scuola nuoto, regolamenti generali, le categorie giovanili) I FONDAMENTALI NELLA PALLANUOTO

Dettagli

Insegnare il Basket - versione e book

Insegnare il Basket - versione e book Lezione n. 1 Metodologia d insegnamento: spiegazione, dimostrazione, correzione Introduzione La metodologia dell insegnamento è la base di una corretta crescita tecnica tattica e psicologica degli atleti.

Dettagli

Preparazione precampionato: il programma di lavoro per una squadra di categoria Juniores/Berretti/Primavera.

Preparazione precampionato: il programma di lavoro per una squadra di categoria Juniores/Berretti/Primavera. N.55 LUGLIO-AGOSTO 2008 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 SEDE VIA E.FRANCALANCI 418 55054 BOZZANO (LU) TEL. 0584 976585 - FAX 0584 977273

Dettagli

SCUOLA CALCIO SETT. GIOV. AGON. TECNICA MARCHI ERNESTO

SCUOLA CALCIO SETT. GIOV. AGON. TECNICA MARCHI ERNESTO CONSULENZA categoria: categorie correlate: titolo / oggetto: SCUOLA CALCIO SETT. GIOV. AGON. TECNICA COME ALLENARE LA TECNICA INDIVIDUALE NELLA SCUOLA CALCIO E NEL SETTORE GIOVANILE autore / docente /

Dettagli

Allenare il possesso palla con le partite a tema.

Allenare il possesso palla con le partite a tema. N.30 APRILE 2006 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: BONACINI ROBERTO SEDE

Dettagli

GIOCHI MINIBASKET. 1) Il gioco dei nomi. 2) Il gambero

GIOCHI MINIBASKET. 1) Il gioco dei nomi. 2) Il gambero GIOCHI MINIBASKET Questi giochi sono stati tratti da alcuni libri e talvolta modificati per adattarli al nostro gioco. Adatti per diverse età. Buon lavoro. 1) Il gioco dei nomi Obiettivi: conoscere i compagni,

Dettagli

Istituto Comprensivo di LORIA. Educazione Motoria. Attività di aggiornamento. Secondo incontro. Loria, 2 marzo 2009

Istituto Comprensivo di LORIA. Educazione Motoria. Attività di aggiornamento. Secondo incontro. Loria, 2 marzo 2009 Istituto Comprensivo di LORIA Educazione Motoria Attività di aggiornamento Secondo incontro Loria, 2 marzo 2009 1 ARGOMENTI: Parte Teorica Sintesi primo incontro Programmazione: definizione degli obiettivi

Dettagli

CATEGORIA PULCINI. Si passera dalla fase del essere POTER giocare, alla fase del SAPER giocare.

CATEGORIA PULCINI. Si passera dalla fase del essere POTER giocare, alla fase del SAPER giocare. Dagli 8 ai 10 ani anni il ragazzo apprende il linguaggio del proprio corpo ed è in grado di rapportarsi con l attrezzo palla. Io, il mio corpo,la palla, sono quelle le parole che il ragazzo utilizzerà.

Dettagli

Corso Master 2011-12 Coverciano

Corso Master 2011-12 Coverciano Corso Master 2011-12 Coverciano TESI di FINE CORSO LE TRANSIZIONI NEL CALCIO MODERNO Allievo : Pasquale Ussia Relatore : Renzo Ulivieri Coverciano 03-0 7-2012 Master 2011-2012 Pasquale Ussia Pagina 1 Premessa

Dettagli

Quaderno d'allenamento G+S Calcio

Quaderno d'allenamento G+S Calcio Una produzione della Scuola universitaria federale dello sport Macolin 30.261.310 i / Edizione 2002 (02.04) Quaderno d'allenamento G+S Calcio UFSPO 2532 Macolin La base: la fiducia La fiducia è l elemento

Dettagli

PROGETTO SCUOLA CALCIO U.S. RIVA DEL GARDA

PROGETTO SCUOLA CALCIO U.S. RIVA DEL GARDA Premessa Prima di parlare di un progetto concreto di scuola calcio, ritengo opportuno analizzare alcuni cambiamenti fondamentali che ci vengono propinati dalla società attuale. I bambini d oggi non hanno

Dettagli

REGOLA 11 - FUORI-GIOCO E IN-GIOCO NEL GIOCO APERTO

REGOLA 11 - FUORI-GIOCO E IN-GIOCO NEL GIOCO APERTO REGOLA 11 - FUORI-GIOCO E IN-GIOCO NEL GIOCO APERTO DEFINIZIONI All inizio della gara tutti i giocatori sono in-. Mentre la gara si svolge i giocatori possono trovarsi in una posizione di fuori-. Questi

Dettagli

Il muro nel settore giovanile

Il muro nel settore giovanile 1 Il muro nel settore giovanile Il muro nel settore giovanile Parliamo del fondamentale più trascurato dagli allenatori delle squadre giovanili (e che nessuno si offenda per questa affermazione! Basta

Dettagli

Stagione Sportiva 2014-2015: il progetto tecnico-educativo A cura di Giovanni Natucci (3357826141)

Stagione Sportiva 2014-2015: il progetto tecnico-educativo A cura di Giovanni Natucci (3357826141) Stagione Sportiva 2014-2015: il progetto tecnico-educativo A cura di Giovanni Natucci (3357826141) Nell arco della Stagione Sportiva in corso il Venezia Mestre Junior Team si prefigge di offrire a tutti

Dettagli

CSI NAZIONALE CALCIO GIOVANI ASD CENTRO STUDI, DIDATTICA E RICERCA PER IL CALCIO CATALOGO FORMATIVO ALLENATORI ISTRUTTORI STAFF TECNICI CALCIO

CSI NAZIONALE CALCIO GIOVANI ASD CENTRO STUDI, DIDATTICA E RICERCA PER IL CALCIO CATALOGO FORMATIVO ALLENATORI ISTRUTTORI STAFF TECNICI CALCIO CSI NAZIONALE CCA ALLCCIIO O G GIIO OV VA AN NII A ASSD D CCEEN PEER NT R IILL CCA TR RO O SST TU ALLCCIIO UD DII,, D O DIID DA AT TT TIICCA A EE R RIICCEER RCCA A P CCA AT TA ALLO OG GO O FFO OR RM MA

Dettagli

ALLENAMENTO 1D FEMMINILE

ALLENAMENTO 1D FEMMINILE ALLENAMENTO 1D FEMMINILE Corsisti: Ballardini Samuele, Ceccarini Barbara, Rossi Giacomo INTRODUZIONE Nelle ultime partite la squadra allenata (1 divisione femminile) ha avuto un'efficacia in attacco del

Dettagli

METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO ALLENAMENTO DELLA TECNICA

METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO ALLENAMENTO DELLA TECNICA METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO ALLENAMENTO DELLA TECNICA Non possiamo parlare di un unica metodologia per allenare la pallavolo, in quanto essa cambia in rapporto al livello di gioco: non può essere la

Dettagli

MEZZOFONDO VELOCE : Mezzi di Allenamento. - Esercitazioni tecniche della Corsa :

MEZZOFONDO VELOCE : Mezzi di Allenamento. - Esercitazioni tecniche della Corsa : MEZZOFONDO VELOCE : Mezzi di Allenamento - Esercitazioni tecniche della Corsa : Queste rappresentano il mezzo più specifico per l apprendimento di un corretto utilizzo della corsa. Questa, infatti, dovrebbe

Dettagli

<< CENTO ESERCIZI PER I GIOVANI >>

<< CENTO ESERCIZI PER I GIOVANI >> > Sviluppati e riadattati sulla base della famosa serie U.C.L.A. da Bruno Boero Questa progressione di lavoro sui fondamentali individuali, particolarmente adatta per i

Dettagli

LE ABILITA MOTORIE IN ETA EVOLUTIVA

LE ABILITA MOTORIE IN ETA EVOLUTIVA LE ABILITA MOTORIE IN ETA EVOLUTIVA Pasquale Gallina Dottore in Fisioterapista Master in Riabilitazione dei Disordini MuscoloScheletrici OMT Orthopedic Manipulative Therapist LE FASI DELL ETÀ EVOLUTIVA

Dettagli

Come allenare la Categoria Pulcini con giochi tratti dalla tradizione popolare.

Come allenare la Categoria Pulcini con giochi tratti dalla tradizione popolare. articolo N.37 GENNAIO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI

Dettagli

MIGLIORARE LA COORDINAZIONE E LA RAPIDITA

MIGLIORARE LA COORDINAZIONE E LA RAPIDITA MIGLIORARE LA COORDINAZIONE E LA RAPIDITA A cura di Prato Stefano Alcune esercitazioni pratiche per migliorare la coordinazione, la rapidità e la velocità attraverso l utilizzo della SPEED LADDER INTRODUZIONE

Dettagli

Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi

Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi Area Fisico Motoria Giuseppe Trucchi Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi di Giuseppe Trucchi Tra le capacità fondamentali per un giocatore di calcio la forza occupa un posto

Dettagli

PROGRESSIONE DIDATTICA DELLA CORSA AD OSTACOLI: CONFRONTO TRA LA CATEGORIA RAGAZZI E CADETTI

PROGRESSIONE DIDATTICA DELLA CORSA AD OSTACOLI: CONFRONTO TRA LA CATEGORIA RAGAZZI E CADETTI BEATRICE NERVO TESINA DI ATLETICA LEGGERA - CORSO ISTRUTTORI FIDAL 2009-2010 TITOLO: PROGRESSIONE DIDATTICA DELLA CORSA AD OSTACOLI: CONFRONTO TRA LA CATEGORIA RAGAZZI E CADETTI COS E L ALLENAMENTO? L

Dettagli

A.C. MANTOVA ASSOCIAZIONE CALCIO MANTOVA. Seminari di formazione per educatori ed allenatori su:

A.C. MANTOVA ASSOCIAZIONE CALCIO MANTOVA. Seminari di formazione per educatori ed allenatori su: A.C. MANTOVA ASSOCIAZIONE CALCIO MANTOVA A CURA DEL SETTORE GIOVANILE MANTOVA CALCIO Seminari di formazione per educatori ed allenatori su: "L'apprendimento ed il consolidamento delle capacità coordinative

Dettagli

TECNICA DI MURO INDIVIDUALE:

TECNICA DI MURO INDIVIDUALE: INTRODUZIONE Lo scopo dell'allenatore deve essere la crescita dell'atleta. Per ottenere questo deve essere in grado, in accordo con la società in cui lavora, di pianificare il lavoro suo e dei suoi collaboratori

Dettagli

TTD sport di squadra: CALCIO

TTD sport di squadra: CALCIO Corso di Laurea in Scienze Motorie 3 anno TTD sport di squadra: CALCIO Prof. Stefano D Ottavio Settore giovanile adulti didattica Il portiere di calcio Il calcio a 5 Il calcio femminile Istruttore di scuola

Dettagli

Indice. 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE: IL FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA UDITIVO PROF. EDORDO ARSLAN Indice 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3

Dettagli

SETTORE TECNICO F.I.G.C. CORSO UEFA PRO LICENCE 2006-2007. Tesi: LA PREPARAZIONE SETTIMANALE DELLA PARTITA. Autore: MAURIZIO SARRI.

SETTORE TECNICO F.I.G.C. CORSO UEFA PRO LICENCE 2006-2007. Tesi: LA PREPARAZIONE SETTIMANALE DELLA PARTITA. Autore: MAURIZIO SARRI. SETTORE TECNICO F.I.G.C. CORSO UEFA PRO LICENCE 2006-2007 Tesi: LA PREPARAZIONE SETTIMANALE DELLA PARTITA Autore: MAURIZIO SARRI Relatore: FRANCO FERRARI 1 PREMESSA La prima premessa che voglio fare su

Dettagli

all Uno ESPERIENZE DALL ESTERO

all Uno ESPERIENZE DALL ESTERO Uno all ESPERIENZE DALL ESTERO Non si tratta di un nuovo acquisto per la prima squadra, ma di un iniziativa del settore giovanile nerazzurro volta a migliorare gli aspetti metodologici e didattici grazie

Dettagli

Federazione Italiana Rugby. Guida Tecnica Bozza

Federazione Italiana Rugby. Guida Tecnica Bozza Federazione Italiana Rugby Guida Tecnica Bozza Luglio 2004 Premessa Tale documento, elaborato dal Centro Studi Federale vuole costituire una informazione privilegiata verso tutto il movimento rugbistico

Dettagli

M s a s s i s m i o m Lu L c u c c h c e h s e i WWW.ALLENATORE.NET

M s a s s i s m i o m Lu L c u c c h c e h s e i WWW.ALLENATORE.NET Massimo Lucchesi ORGANIZZAZIONE GEOMETRICA WWW.ALLENATORE.NET 7 PARTE PRIMA I PRINCIPI 13 14 CAPITOLO 1 ORGANIZZAZIONE GEOMETRICA: NASCITA ED EVOLUZIONE DI UN NUOVO MODELLO 15 1.1 LE FASI NEL GIOCO DEL

Dettagli

Noi, il gioco e la scuola

Noi, il gioco e la scuola Noi, il gioco e la scuola Indice Presentazione pag. 5 Principi educativi e metodologici giocosport calcio pag. 7 Modello psicologico pag. 11 Elementi e fasi della programmazione pag. 15 Progetto a cura

Dettagli

Attaccare con il modulo 4-2-3-1: gli sviluppi offensivi del Manchester United.

Attaccare con il modulo 4-2-3-1: gli sviluppi offensivi del Manchester United. articolo N. NOVEMBRE 200 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N DEL /0/0 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO SEDE

Dettagli

PROGRAMMI TECNICI CI SI ALLENA AL 100% DELLE PROPRIE CAPACITÀ FISICHE E TENCICHE

PROGRAMMI TECNICI CI SI ALLENA AL 100% DELLE PROPRIE CAPACITÀ FISICHE E TENCICHE PROGRAMMI TECNICI CI SI ALLENA AL 100% DELLE PROPRIE CAPACITÀ FISICHE E TENCICHE Gli allenamenti a ritmo di musica sono molto intensi e divertenti e migliorano le capacità motorie e coordinative, l abilità,

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

NEWS 26 APRILE 2015 PARTITA CAMPIONATO PULCINI 2004 REAL 2000 ROZZANO-ROZZANO CALCIO. Articolo di Enrico Carlotti (Direttore Sportivo)

NEWS 26 APRILE 2015 PARTITA CAMPIONATO PULCINI 2004 REAL 2000 ROZZANO-ROZZANO CALCIO. Articolo di Enrico Carlotti (Direttore Sportivo) NEWS 26 APRILE 2015 PARTITA CAMPIONATO PULCINI 2004 REAL 2000 ROZZANO-ROZZANO CALCIO Articolo di Enrico Carlotti (Direttore Sportivo) Siamo così giunti all ultima partita di campionato e, i nostri ragazzi

Dettagli

OFFBALL. Linea Dodge Line Dodge UN NUOVO GIOCO DI SQUADRA

OFFBALL. Linea Dodge Line Dodge UN NUOVO GIOCO DI SQUADRA OFFBALL UN NUOVO GIOCO DI SQUADRA Il 16 Febbraio 2013 è stata fondata la Federazione Offball al fine di divulgare questo nuovo sport di squadra nato dalla collaborazione di Nelly Vasta e Giuseppe Raiti.

Dettagli

Fattori r O r O g r ani n co M us u c s olari r : Fattori r a na n gra r fi f ci s t s ru r t u tur u a r li

Fattori r O r O g r ani n co M us u c s olari r : Fattori r a na n gra r fi f ci s t s ru r t u tur u a r li Il Coaching nei Giochi Sportivi Perché un atleta si allena? Per far in modo che nell organismo avvengano dei cambiamenti tali da determinare un miglioramento della prestazione. Dr. Fabrizio Perroni, Ph.D.

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO Friuli Venezia Giulia

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO Friuli Venezia Giulia REGOLAMENTO FESTA REGIONALE SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO SAN GIORGIO DI NOGARO (UD) 17 MAGGIO 2015 Al fine di attuare la necessaria verifica dell attività svolta nelle Scuole di Calcio, il Settore Giovanile

Dettagli

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2012 2013 FASE PROVINCIALE 2 GIUGNO 2013

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2012 2013 FASE PROVINCIALE 2 GIUGNO 2013 SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO ANNO 2012 2013 FASE PROVINCIALE 2 GIUGNO 2013 TEMA DELLA MANIFESTAZIONE CALCIARE PER SEGNARE INDICAZIONI GENERALI Si ricorda che la manifestazione è una festa regionale/provinciale

Dettagli