MiFID. Documento informativo di sintesi della Politica di gestione dei conflitti di interesse (allegato 2)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MiFID. Documento informativo di sintesi della Politica di gestione dei conflitti di interesse (allegato 2)"

Transcript

1 Documento informativo di sintesi della Politica di gestione dei conflitti di interesse (allegato 2) v. del 20/12/2012 confermata il 11/12/2014

2 PREMESSA In conformità alle disposizioni previste dalla Direttiva 2004/39/CE (c.d. MiFID), la BCC di Dovera e Postino Scrl (di seguito la Banca ) è tenuta a mantenere ed applicare soluzioni organizzative e amministrative efficaci al fine di evitare che i conflitti di interesse identificati possano incidere negativamente sugli interessi dei clienti. A tal fine, la Banca applica e mantiene una politica aziendale di gestione di tali conflittualità adeguata alle dimensioni e all organizzazione della Banca stessa e alla natura, alle dimensioni e alla complessità dell attività svolta. L obiettivo del presente documento è quello di descrivere in forma sintetica la strategia seguita dalla Banca per la gestione dei conflitti di interesse; tuttavia la Banca mette a disposizione maggiori dettagli ai clienti che ne facciano apposita richiesta. TIPOLOGIE DI CONFLITTI DI INTERESSE La Banca ha individuato i potenziali conflitti che possono sorgere nello svolgimento dei servizi di investimento, la cui presenza può danneggiare gli interessi dei clienti. Le principali macrocategorie di conflitti di interesse sono: Conflitti di interesse insiti nel servizio di investimento medesimo. In questa categoria sono ricompresi i conflitti di interesse che potrebbero derivare da situazioni in cui la Banca, nella prestazione di un servizio di investimento, possa privilegiare l interesse di un cliente a discapito di un altro. Conflitti di interesse connessi alla erogazione contestuale di due servizi di investimento. In tale categoria sono ricompresi i conflitti di interesse che possono derivare dall erogazione contestuale di due servizi di investimento a cura della medesima unità organizzativa, generando nella Banca interessi diversi rispetto a quelli del cliente. Conflitti di interesse connessi alla concessione di finanziamenti. In tale ambito sono da annoverarsi le situazioni nelle quali il servizio di investimento prestato ha ad oggetto uno strumento finanziario di un emittente che è stato finanziato in misura rilevante dalla Banca. Conflitti di interesse connessi alla prestazione di servizi di investimento aventi ad oggetto strumenti e/o prodotti finanziari emessi dalla Banca o da soggetti terzi che pagano incentivi diversi dalle commissioni normalmente percepite per il servizio in oggetto. Conflitti di interesse connessi alla prestazione di servizi di investimento e/o accessori aventi ad oggetto uno strumento finanziario di un emittente, con il quale si hanno rapporti di fornitura, di partecipazioni o altri rapporti di affari. 2

3 GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE Le misure di gestione dei conflitti di interesse individuate dalla Banca possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: soluzioni organizzative volte ad impedire o controllare lo scambio di informazioni tra i soggetti rilevanti (ad esempio: amministratori e dipendenti). A tal fine sono previste apposite procedure per il monitoraggio e la segnalazione di disposizioni che potrebbero comportare una manipolazione di mercato; soluzioni organizzative volte a garantire una vigilanza separata dei soggetti rilevanti; soluzioni volte alla eliminazione di ogni connessione diretta tra le retribuzioni dei soggetti rilevanti che esercitano in modo prevalente attività idonee a generare tra loro situazioni di potenziale conflitto di interesse; misure volte ad eliminare o limitare l esercizio di influenze indebite sul modo in cui un soggetto rilevante svolge un servizio di investimento; misure volte ad impedire o controllare la partecipazione simultanea o consecutiva di un soggetto rilevante a servizi distinti, quando ciò possa nuocere alla gestione corretta dei conflitti di interesse (misure elaborate alla luce delle dimensioni della Banca e della relativa onerosità). La Banca applica tali misure sui conflitti di interesse attraverso l adozione di un efficace modello operativo, una chiara e trasparente definizione dei compiti e delle responsabilità e la disposizione di mirate regole di condotta. 3

4 INFORMATIVA SUI CONFLITTI DI INTERESSE Di seguito viene riportato l elenco delle tipologie di conflitti di interesse, suddivise per servizio di investimento, per le quali la Banca ravvede al necessità di darne adeguata informativa alla clientela, in quanto le misure adottate non sono risultate sufficientemente efficaci nell eliminare il rischio di nuocere agli interessi dei clienti: 1. ricezione e trasmissione di ordini connesse o meno al servizio di consulenza La prestazione del servizio di ricezione e trasmissione di ordini, espone la Banca a situazioni di conflitto di interesse ogniqualvolta lo strumento finanziario oggetto del servizio risulti di propria emissione (certificati di deposito, prestiti obbligazionari) oppure risulti emesso da emittenti con i quali la Banca ha rapporti di partecipazioni, fornitura, o altri rapporti d affari quali ad es. Bcc Risparmio & Previdenza, Bcc Vita, Assimoco Vita, Iccrea Banca Impresa spa, Iccrea Banca Spa. In tal caso infatti la Banca è portatrice di un interesse nel risultato del servizio prestato al cliente, distinto da quello del cliente medesimo, oppure la Banca ha un incentivo a privilegiare gli interessi di clienti diversi da quello a cui il servzio è prestato, oppure la Banca ha la possibilità di realizzare un guadagno finanziario o evitare una perdita finanziaria a danno del cliente. 2. collocamento senza assunzione a fermo né garanzia nei confronti dell emittente (distribuzione di prodotti finanziari) connesso o meno al servizio di consulenza Nella prestazione del servizio di collocamento connesso al servizio di consulenza, che si realizza nella distribuzione di prodotti finanziari, la Banca potrebbe presentare interessi in conflitto con la clientela in quanto: a) gli strumenti finanziari oggetto del servizio sono di propria emissione quali ad es. certificati di deposito o prestiti obbligazionari b) gli strumenti finanziari oggetto del servizio come polizze, fondi, obbligazioni, sono stati emessi da soggetti verso i quali la Banca intrattiene rapporti di fornitura, di partecipazione o altri rapporti d affari quali ad es. Bcc Risparmio & Previdenza, Bcc Vita, Assimoco Vita, Iccrea Banca Impresa spa, Iccrea Banca Spa c) gli strumenti finanziari oggetto del servizio sono stati emessi da soggetti in rapporto di credito rilevante con la Banca d) gli strumenti o prodotti finanziari quali polizze, fondi, obbligazioni oggetto del servizio, sono stati emessi da soggetto terzi (con i quali si possono anche avere rapporti di partecipazione o altro come al precedente punto b) che pagano alla Banca incentivi sotto forma di denaro, beni o servizi, diversi dalle commissioni normalmente percepite. Nei casi sopra citati, i conflitti di interesse che si possono generare sono: 1) possibilità per la Banca di realizzare un guadagno finanziario o evitare una perdita finanziaria,a danno del cliente 2) la Banca è portatrice di un interesse nel risultato del servizio prestato al cliente, distinto dal cliente medesimo 4

5 3) la Banca ha un incentivo a privilegiare gli interessi di clienti diversi da quello a cui il servizio è prestato 4) la Banca potrebbe ottenere il rimborso del finanziamento erogato mediante il proventi del collocamento (vale solo per l esempio alla lettera c) 5) la Banca potrebbe essere incentivata a collocare e/o consigliare uno strumento finanziario o prodotto finanziario in funzione degli incentivi e/o retrocessioni di commissione percepite per l attività di collocamento/distribuzione e non in base al rendimento atteso per l investitore (vale solo per l esempio alla lettera d) 3. Ricerche in materia di investimenti e analisi finanziaria (servizio accessorio) La diffusione di ricerche prodotte o aventi ad oggetto strumenti finanziari emessi da società con le quali la Banca intrattiene rapporti di fornitura, di partecipazione o altri rapporti d affari, (come ad es Bcc Risparmio & Previdenza, Bcc Vita, Assimoco Vita, Iccrea Banca Impresa spa, Iccrea Banca Spa) comporta l insorgere di un conflitto di interessi in quanto la Banca potrebbe essere indotta a raccomandare uno strumento finanziario in funzione di questi rapporti. Si precisa che, per quanto riguarda il precedente punto 2, lettera d) e numero 5), a proposito di incentivi o commissioni pagati da soggetti terzi (con i quali la Banca puo anche avere rapporti di partecipazione o altri rapporti finanziari) la Banca ha adottato apposita policy per la rilevazione, valutazione di legittimità e informativa alla clientela di detti incentivi. Il presente documento di sintesi della politica di gestione dei conflitti di interesse adottata dalla Banca, sarà riportato anche all interno dell informativa precontrattuale da consegnare alla clientela, inoltre la Banca mette a disposizione ulteriori dettagli della propria politica di gestioni dei conflitti di interesse, consegnando ai clienti che ne facciano richiesta la versione integrale di detta politica. 5

Policy di gestione dei conflitti di interesse

Policy di gestione dei conflitti di interesse Policy di gestione dei conflitti di interesse approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 01 marzo 2017 Policy gestione conflitti di interesse 2 / 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. SOGGETTI RILEVANTI...

Dettagli

POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSI

POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSI POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSI 1. Premessa... 2 2. Definizione di conflitto di interesse... 2 3. Individuazione delle fattispecie generatrici di conflitto di interesse... 3 3.1 Servizi

Dettagli

POLICY PER LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE PROCESSO FINANZA

POLICY PER LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE PROCESSO FINANZA POLICY PER LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE PROCESSO FINANZA Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 13.06.2013 Documento revisionato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Tipologia di conflitto di interesse

Tipologia di conflitto di interesse Politica di gestione dei conflitti di Allegato 1 Mappatura dei conflitti di di 1 Ricezione e trasmissione di ordini La prestazione del servizio di ricezione e trasmissione di ordini espone la Banca a situazioni

Dettagli

Sintesi della Politica in materia di conflitti di interesse e Documento informativo sugli incentivi

Sintesi della Politica in materia di conflitti di interesse e Documento informativo sugli incentivi Sintesi della Politica in materia di conflitti di interesse e Documento informativo sugli incentivi SINTESI DELLA POLITICA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE 1 Premessa Iccrea Banca S.p.A. (la Banca

Dettagli

Sintesi della Politica in materia di conflitti di interesse e Documento informativo sugli incentivi

Sintesi della Politica in materia di conflitti di interesse e Documento informativo sugli incentivi Sintesi della Politica in materia di conflitti di interesse e Documento informativo sugli incentivi nella prestazione di servizi di investimento e accessori SINTESI DELLA POLITICA IN MATERIA DI CONFLITTI

Dettagli

Allegato 1 Mappatura dei Conflitti di Interesse

Allegato 1 Mappatura dei Conflitti di Interesse di Tipologia di di 1 Ricezione e trasmissione di ordini La Banca è esposta a situazioni di di ogniqualvolta: lo strumento o oggetto del servizio risulti di propria emissione il servizio venga prestato

Dettagli

Allegato 1 Mappatura dei Conflitti di Interesse

Allegato 1 Mappatura dei Conflitti di Interesse Allegato 1 Mappatura dei Conflitti di Interesse Servizi di 1 Ricezione e trasmissione di ordini La Banca è esposta a situazioni di ogniqualvolta: - lo strumento o oggetto del servizio risulti emesso da

Dettagli

STRATEGIA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE

STRATEGIA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE STRATEGIA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE N B.2 Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 24/02/2016 Data di efficacia: 24/02/2016 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 MAPPATURA DEI CONFLITTI

Dettagli

Policy di gestione dei conflitti di interesse MiFID

Policy di gestione dei conflitti di interesse MiFID Policy di gestione dei conflitti di interesse MiFID Approvato con delibera del C. di a. del 23/07/2013 PREMESSA 3 1. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 4 2. RIFERIMENTI NORMATIVI 5 3. CRITERI DI GESTIONE

Dettagli

banca di credito cooperativo di scafati e cetara Politica di gestione dei conflitti di interesse

banca di credito cooperativo di scafati e cetara Politica di gestione dei conflitti di interesse Politica di gestione dei conflitti di interesse Adottata dal CdA nella seduta del 7/03/2008 INDICE PREMESSA... 3 1. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI... 5 2. RIFERIMENTI NORMATIVI... 7 3. RICHIAMO

Dettagli

MiFID POLICY DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE

MiFID POLICY DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE MiFID POLICY DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE Documento approvato dal C.d.A. del 15/02/2016 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI... 4 3. RIFERIMENTI NORMATIVI... 5 4.

Dettagli

Politica di gestione dei conflitti di interesse

Politica di gestione dei conflitti di interesse Politica di gestione dei conflitti di interesse VERSIONE APRILE 2011 INDICE PREMESSA... 3 1. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI... 5 2. RIFERIMENTI NORMATIVI... 6 3. RICHIAMO AL CRITERIO DI PROPORZIONALITÀ...

Dettagli

Policy sulla gestione del conflitto di interessi. Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 18/06/2012

Policy sulla gestione del conflitto di interessi. Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 18/06/2012 Policy sulla gestione del conflitto di interessi Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 18/06/2012 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. IDENTIFICAZIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA

Dettagli

Mappatura Conflitti Allegato a) alla Policy per la gestione dei conflitti di interesse

Mappatura Conflitti Allegato a) alla Policy per la gestione dei conflitti di interesse VIBANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI S.PIETRO IN VINCIO SOCIETA COOPERATIVA SEDE LEGALE E DIREZIONE GENERALE: 51100 PONTELUNGO (PT) - Via Provinciale Lucchese, 125/B Tel 0573/91391 Fax 0573/572442 -

Dettagli

BANCA LEONARDO S.P.A.

BANCA LEONARDO S.P.A. BANCA LEONARDO S.P.A. POLICY SINTETICA PER L INDIVIDUAZIONE, LA PREVENZIONE, IL CONTENI- MENTO E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NEL- LA PRESTAZIONE DEI SERVIZI DI INVESTIMENTO E/O ACCESSORI MILANO,

Dettagli

Strategia di identificazione e gestione dei conflitti di interesse

Strategia di identificazione e gestione dei conflitti di interesse Strategia di identificazione e gestione dei conflitti di interesse Adottata con delibera CdA di data 28 marzo 2008 Ultimo aggiornamento con delibera CdA di data 27 novembre 2014 SOMMARIO I Premessa...

Dettagli

Veneto Banca scpa. Policy SINTESI. Politica di Gestione dei Conflitti di Interesse. e di Rilevazione e gestione degli Incentivi

Veneto Banca scpa. Policy SINTESI. Politica di Gestione dei Conflitti di Interesse. e di Rilevazione e gestione degli Incentivi Veneto Banca scpa Policy SINTESI Politica di Gestione dei Conflitti di Interesse e di Rilevazione e gestione degli Incentivi Funzione Proponente Conformità Normativa Funzione Autorizzatrice Compliance/Organizzazione

Dettagli

POLICY DI GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSE

POLICY DI GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSE BANCO DI CREDITO P. AZZOAGLIO S.P.A. POLICY DI GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSE Versione 03 Approvato da Consiglio di Amministrazione data aprovazione 30/01/2013 Pag. 1 di 16 SOMMARIO 1 PREMESSA... 3

Dettagli

Policy per la gestione dei conflitti di interesse

Policy per la gestione dei conflitti di interesse VIBANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI S.PIETRO IN VINCIO SOCIETA COOPERATIVA SEDE LEGALE E DIREZIONE GENERALE: 51100 PONTELUNGO (PT) - Via Provinciale Lucchese, 125/B Tel 0573/91391 Fax 0573/572442 -

Dettagli

Allegato 1 Mappatura dei Conflitti di Interesse

Allegato 1 Mappatura dei Conflitti di Interesse Allegato 1 Mappatura dei Conflitti di Interesse D Servizi di investimento in 1 Ricezione e trasmissione di ordini Tipologia di La prestazione del servizio di ricezione e trasmissione di ordini espone la

Dettagli

Politica di gestione dei conflitti di interesse adottata da Banca Mediolanum S.p.A.

Politica di gestione dei conflitti di interesse adottata da Banca Mediolanum S.p.A. Politica di gestione dei conflitti di interesse adottata da Banca Mediolanum S.p.A. Edizione ottobre 2008 Versione 2.0 1 Indice INDICE...2 1 PREMESSA...3 2 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO...3 3 IDENTIFICAZIONE

Dettagli

Progetto MiFID. Politica di gestione dei conflitti di interesse

Progetto MiFID. Politica di gestione dei conflitti di interesse Politica di gestione dei conflitti di interesse INDICE PREMESSA... 3 1. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI... 5 2. RIFERIMENTI NORMATIVI... 7 3. RICHIAMO AL CRITERIO DI PROPORZIONALITÀ...10 4. MAPPATURA

Dettagli

Politica di gestione dei conflitti di interessi Banca di Credito Cooperativo di Cernusco Sul Naviglio s.c.

Politica di gestione dei conflitti di interessi Banca di Credito Cooperativo di Cernusco Sul Naviglio s.c. Politica di gestione dei conflitti di interessi anca di Credito Cooperativo di Cernusco Sul Naviglio s.c. Versione 4, febbraio 2016 Premessa La Markets in Financial Instruments Directive dal 1 novembre

Dettagli

Banca di Ripatransone-Credito Cooperativo- Soc. Coop.

Banca di Ripatransone-Credito Cooperativo- Soc. Coop. Banca di Ripatransone-Credito Cooperativo- Soc. Coop. Sede Sociale in C.V.Emanuele II N.45 63038 Ripatransone (AP) iscritta all Albo delle Banche al n. 861.50 all Albo delle Società Cooperative al n. A155893,

Dettagli

Sintesi della politica di gestione dei conflitti di interesse

Sintesi della politica di gestione dei conflitti di interesse Sintesi della politica di gestione dei conflitti di interesse 1. Premessa Come tutti gli intermediari finanziari, EUROMOBILIARE ASSET MANAGEMENT SGR SPA (di seguito, anche la SGR ), che fa parte del Gruppo

Dettagli

POLICY. MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.p.A.

POLICY. MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.p.A. 25 Giugno 2010 POLICY di MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.p.A. Gestione, disclosure e monitoraggio degli incentivi ( Inducements ) versati e/o percepiti dalla Banca nella prestazione dei servizi

Dettagli

REGISTRO DEI CONFLITTI DI INTERESSE. Cassa di Risparmio di Saluzzo SpA

REGISTRO DEI CONFLITTI DI INTERESSE. Cassa di Risparmio di Saluzzo SpA REGISTRO DEI CONFLITTI DI INTERESSE Cassa Risparmio Saluzzo SpA 1 Tabella Lista Servizi, Fattispecie e Lista 1. Ricezione e trasmissione orni; 2. Negoziazione per conto proprio; 3. Consulenza in materia

Dettagli

Banca Mediolanum S.p.A. Estratto della POLICY DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE

Banca Mediolanum S.p.A. Estratto della POLICY DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE Banca Mediolanum S.p.A. Estratto della POLICY DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE Edizione del 15 febbraio 2012 PREMESSA Banca Mediolanum S.p.A. (di seguito anche Banca Mediolanum o Banca ) pone il

Dettagli

POLITICA SULLA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE. Innovazione Finanziaria Sim S.p.A. Versione 1.0

POLITICA SULLA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE. Innovazione Finanziaria Sim S.p.A. Versione 1.0 POLITICA SULLA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE Innovazione Finanziaria Sim S.p.A. Versione 1.0 Innovazione Finanziaria SIM S.p.A. Sede Legale: Via F. Casati, 1/A - 20124 Milano, Italia Sede Operativa:

Dettagli

REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTO DI INTERESSE

REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTO DI INTERESSE REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTO DI INTERESSE PROCESSO FINANZA BANCA DELL ALTA MURGIA CREDITO COOPERATIVO REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTI DI INTERESSE L art. 26 del Regolamento congiunto

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Gradara

Banca di Credito Cooperativo di Gradara Banca di Credito Cooperativo di Gradara Soc. Cooperativa Sede Sociale Via Mancini 21 61012 Gradara (Pu) iscritta all Albo delle Banche al n. 2680.7.0 all Albo delle Società Cooperative al n. A152967 al

Dettagli

Compliance in Banks 2010

Compliance in Banks 2010 Compliance 2010 La sfida di integrazione dei controlli interni Compliance in Banks 2010 La sfida di integrazione dei controlli interni IL REGIME DEI CONFLITTI DI INTERESSE E DEGLI INDUCEMENT DAL PUNTO

Dettagli

Politica di Gestione dei Conflitti di Interesse

Politica di Gestione dei Conflitti di Interesse Politica di Gestione dei Conflitti di Interesse Individuazione, gestione e comunicazione dei Conflitti di Interesse Gestione dei Conflitti diiinteressi INDICE A - PREMESSA...2 1. Normativa di riferimento...3

Dettagli

POLICY Gestione Conflitti di Interesse

POLICY Gestione Conflitti di Interesse POLICY Gestione Conflitti di Interesse [ Pagina Bianca ] Gestione dei conflitti di interesse 1 INDICE Introduzione... 3 Identificazione dei conflitti di interesse... 4 Politica di gestione dei conflitti

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE al PROSPETTO DI BASE SUL PROGRAMMA BANCA POPOLARE DI MILANO S.c.r.l. OBBLIGAZIONI PLAIN VANILLA Banca Popolare di Milano 31 Marzo 2016/2019 Tasso Fisso 1,00%, ISIN IT0005163123 Obbligazioni

Dettagli

POLICY DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE

POLICY DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE POLICY DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 19 Febbraio 2016 INDICE PREMESSA... 3 1. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI... 5 2. RIFERIMENTI NORMATIVI...

Dettagli

1 Sezione III per la parte consolidata.

1 Sezione III per la parte consolidata. Comunicazione del 30 giugno 2016 Quesiti in materia di segnalazioni statistiche di vigilanza sui servizi di investimento. Da parte di banche e SIM sono pervenute talune richieste di chiarimento in merito

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE al PROSPETTO DI BASE SUL PROGRAMMA BANCA POPOLARE DI MILANO S.c.r.l. OBBLIGAZIONI PLAIN VANILLA Banca Popolare di Milano 29 Aprile 2016/2021 Step Up Callable, ISIN IT0005175374 Obbligazioni

Dettagli

EMISSIONE OBBLIGAZIONE BANCA FINNAT EURAMERICA S.P.A. T.V. APRILE APRILE 2016 SCHEDA PRODOTTO

EMISSIONE OBBLIGAZIONE BANCA FINNAT EURAMERICA S.P.A. T.V. APRILE APRILE 2016 SCHEDA PRODOTTO EMISSIONE OBBLIGAZIONE BANCA FINNAT EURAMERICA S.P.A. T.V. APRILE 2011- APRILE 2016 SCHEDA PRODOTTO SCHEDA PRODOTTO Prestito obbligazionario Banca Finnat Euramerica S.p.A. T.V. APR. 2011 APR. 2016 Codice

Dettagli

Banca Popolare dell Alto Adige società per azioni

Banca Popolare dell Alto Adige società per azioni Banca Popolare dell Alto Adige società per azioni POLICY DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO Approvata con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Fondo Pensione dei dipendenti delle società del Gruppo Zurigo Politica in materia di gestione dei conflitti di interesse

Fondo Pensione dei dipendenti delle società del Gruppo Zurigo Politica in materia di gestione dei conflitti di interesse Fondo Pensione dei dipendenti delle società del Gruppo Zurigo Politica in materia di gestione dei conflitti di interesse 1. Introduzione Il Fondo pensione dei dipendenti delle Società del Gruppo Zurigo,

Dettagli

Approfondimento 12.1w - La disciplina del conflitto di interesse

Approfondimento 12.1w - La disciplina del conflitto di interesse Approfondimento 12.1w - La disciplina del conflitto di interesse Una disciplina organica sul conflitto di interesse nella prestazione dei servizi d investimento e accessori compare con la direttiva MiFID

Dettagli

Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari

Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari Adottata dal CdA nella seduta del 18 aprile 2016 In vigore dal 19 aprile 2016 SOMMARIO 1 INFORMATIVA SULLA

Dettagli

SINTESI DELLE POLITICHE DI GRUPPO SUL GRADO DI LIQUIDITÀ DEGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELLA NORMATIVA MIFID

SINTESI DELLE POLITICHE DI GRUPPO SUL GRADO DI LIQUIDITÀ DEGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELLA NORMATIVA MIFID SINTESI DELLE POLITICHE DI GRUPPO SUL GRADO DI LIQUIDITÀ DEGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELLA NORMATIVA MIFID ULTIMA MODIFICA: CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 22 SETTEMBRE 2016 1 PREMESSA La presente

Dettagli

Allegato 1 Mappatura dei Conflitti di Interesse

Allegato 1 Mappatura dei Conflitti di Interesse Allegato 1 Mappatura dei Conflitti di Interesse Servizi di 1 Ricezione e trasmissione di ordini di La prestazione del servizio di ricezione e trasmissione di ordini espone la Banca a situazioni di di ogniqualvolta:

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZI D INVESTIMENTO POLITICHE DI GESTIONE

REGOLAMENTO SERVIZI D INVESTIMENTO POLITICHE DI GESTIONE REGOLAMENTO SERVIZI D INVESTIMENTO POLITICHE DI GESTIONE VERSIONE: Approvato con delibera C.d.A. del 13/06/2017 1 di 31 Sintesi dei principali contenuti Politica di gestione dei conflitti di interesse

Dettagli

Banca Popolare di Milano 19 Aprile 2013/2016 Tasso Misto,

Banca Popolare di Milano 19 Aprile 2013/2016 Tasso Misto, CONDIZIONI DEFINITIVE al PROSPETTO DI BASE SUL PROGRAMMA BANCA POPOLARE DI MILANO S.C.r.l. OBBLIGAZIONI PLAIN VANILLA Banca Popolare di Milano 19 Aprile 2013/2016 Tasso Misto, ISIN IT000490637 3 Obbligazioni

Dettagli

REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTO DI INTERESSE

REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTO DI INTERESSE REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTO DI INTERESSE E ISTITUZIONE DELL ARCHIVIO STORICO O REGISTRO ELETTRONICO DELLE OPERAZIONI EFFETTUATE IN CONFLITTO DI INTERESSE Versione 1 1.1 Delibera delibera del

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE relative all OFFERTA di

CONDIZIONI DEFINITIVE relative all OFFERTA di Cassa di Risparmio di Cesena S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE relative all OFFERTA di "CASSA DI RISPARMIO DI CESENA S.P.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO" Cassa di Risparmio di Cesena S.p.A. 24/01/2007-24/07/2010

Dettagli

ATTIVITA DI CONFORMITA Relazione di Consuntivo Anno 2012

ATTIVITA DI CONFORMITA Relazione di Consuntivo Anno 2012 ATTIVITA DI CONFORMITA Relazione di Consuntivo Anno 2012 Indice I. Premessa... 3 II. Obiettivi... 3 III. Perimetro normativo di riferimento... 3 IV. Attività svolta... 4 4.1 Consulenza... 4 4.2 Controlli...

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA. Banca di Credito Cooperativo OROBICA di Bariano e Cologno al Serio.

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA. Banca di Credito Cooperativo OROBICA di Bariano e Cologno al Serio. Banca di Credito Cooperativo OROBICA di Bariano e Cologno al Serio CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Credito Cooperativo OROBICA di Bariano e Cologno al Serio Tasso Fisso

Dettagli

Tipologia di conflitto di interesse

Tipologia di conflitto di interesse 1 Ricezione e trasmissione di ordini La prestazione del servizio di ricezione e trasmissione di ordini espone la Banca a situazioni di ogniqualvolta: - il servizio venga prestato mediante contatto telefonico

Dettagli

Prestito Obbligazionario Banca di Imola S.p.A 03/06/08 03/06/11 3,85% 206^ Emissione (Codice ISIN IT )

Prestito Obbligazionario Banca di Imola S.p.A 03/06/08 03/06/11 3,85% 206^ Emissione (Codice ISIN IT ) MODELLO DI CONDIZIONI DEFINITIVE relative alla Nota Informativa sul Programma di Offerta di Prestiti Obbligazionari denominati Obbligazioni Banca di Imola SPA a Tasso Fisso Il seguente modello riporta

Dettagli

Tipologia di conflitto di interesse

Tipologia di conflitto di interesse 1 Ricezione e trasmissione di ordini di La prestazione del servizio di ricezione e trasmissione di ordini espone la Banca a situazioni di di ogni qualvolta: -lo strumento o oggetto del servizio risulti

Dettagli

Gennaio - Maggio 2014 ATTUAZIONE DELLA DELIBERA N. 71/2013 SUGLI OBBLIGHI DI TRASPARENZA. Azienda Sanitaria Provinciale di Catania

Gennaio - Maggio 2014 ATTUAZIONE DELLA DELIBERA N. 71/2013 SUGLI OBBLIGHI DI TRASPARENZA. Azienda Sanitaria Provinciale di Catania Gennaio - Maggio 2014 ATTUAZIONE DELLA DELIBERA N. 71/2013 SUGLI OBBLIGHI DI TRASPARENZA Azienda Sanitaria Provinciale di Catania INTRODUZIONE Il presente documento contiene schede sintetiche relative

Dettagli

POLICY PER LA RILEVAZIONE E LA GESTIONE

POLICY PER LA RILEVAZIONE E LA GESTIONE BANCA LEONARDO S.P.A. POLICY PER LA RILEVAZIONE E LA GESTIONE DEGLI INCENTIVI MILANO, 27 APRILE 2016 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 RELAZIONI CON ALTRI DOCUMENTI... 3 3 DEFINIZIONI... 3 4 NORMATIVA... 5 5 MODELLO

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 11.0 del 16/03/2017. Aggiornata dal CDA nella seduta del 27/03/2017

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 11.0 del 16/03/2017. Aggiornata dal CDA nella seduta del 27/03/2017 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 11.0 del 16/03/2017 Aggiornata dal CDA nella seduta del 27/03/2017 Approvato in prima istanza dal C.E. in data 25/03/2008 Policy conflitti di interesse Pag. 1

Dettagli

BNL OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO ED A TASSO FISSO CALLABLE

BNL OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO ED A TASSO FISSO CALLABLE CONDIZIONI DEFINITIVE relative alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BNL OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO ED A TASSO FISSO CALLABLE BNL SpA 4,270% 2007/2010 Cod. BNL 1027200 Codice ISIN IT0004259997 redatte dalla

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE di Offerta di prestiti obbligazionari denominati

CONDIZIONI DEFINITIVE di Offerta di prestiti obbligazionari denominati Sede legale in Via C. Carcano n. 6-24047 Treviglio (Bergamo) Sito internet : www.cassaruraletreviglio.it Iscritta all Albo delle Banche tenuto dalla Banca d Italia al n. 3148 Iscritta all Albo delle Società

Dettagli

INDICE SOMMARIO INTRODUZIONE

INDICE SOMMARIO INTRODUZIONE INDICE SOMMARIO INTRODUZIONE 1. Le finalità (originarie ed attuali) dell intervento legislativo.... Pag. 1 2. La mancata diffusione dello strumento, le iniziative di modifica della disciplina e la riforma

Dettagli

Conflitti di interesse e inducements: le scelte di Intesa Sanpaolo

Conflitti di interesse e inducements: le scelte di Intesa Sanpaolo Conflitti di interesse e inducements: le scelte di Intesa Sanpaolo Milano, 16 aprile 2008 Paolo Scotti 1 Agenda Conflitti di interesse Inquadramento normativo: sintesi e ambito di applicazione Tipologie

Dettagli

ALPHA SGR S.p.A. MANUALE DELLE PROCEDURE INTERNE PARTE GENERALE

ALPHA SGR S.p.A. MANUALE DELLE PROCEDURE INTERNE PARTE GENERALE MANUALE DELLE PROCEDURE INTERNE PARTE GENERALE INDICE 1. Informazioni sulla Società ed attività autorizzate... 3 2. Autore del manuale delle procedure interne... 4 3. Finalità del manuale... 4 4. Contenuto

Dettagli

Indice. Introduzione. xiii. Parte prima Il sistema finanziario 1

Indice. Introduzione. xiii. Parte prima Il sistema finanziario 1 Indice Introduzione xiii Parte prima Il sistema finanziario 1 1 Il sistema finanziario 3 1.1 La struttura del sistema finanziario 4 1.2 Gli intermediari finanziari 6 1.3 I mercati finanziari 8 1.4 Le autorità

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA/PROGRAMMA SUL PROGRAMMA "BANCA POPOLARE DI MILANO S.C. a r.l. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO" Banca Popolare di Milano 29 Settembre 2006/ 2011 Tasso Fisso 2,875%,

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DOCUMENTO DI PUBBLICA TESTO UNICO DELLA FINANZA MODIFICHE ARTICOLI PARTI I II IV V VI maggio 2016 Relazione illustrativa Il Ministero dell Economia ha avviato la

Dettagli

Politiche di pricing e regole interne per la negoziazione di obbligazioni emesse da Banca Popolare di Cortona S.C.p.A

Politiche di pricing e regole interne per la negoziazione di obbligazioni emesse da Banca Popolare di Cortona S.C.p.A Politiche di pricing e regole interne per la negoziazione di obbligazioni emesse da Banca Popolare di Cortona S.C.p.A Febbraio 2017 SOMMARIO Premessa... 5 Regole interne per la negoziazione... 5 Politiche

Dettagli

Scheda prodotto. Caratteristiche principali del Prestito Obbligazionario. Denominazione Strumento Finanziario Tipo investimento

Scheda prodotto. Caratteristiche principali del Prestito Obbligazionario. Denominazione Strumento Finanziario Tipo investimento Caratteristiche principali del Prestito Obbligazionario Scheda prodotto Denominazione Strumento Finanziario Tipo investimento Emittente Rating Emittente Durata Periodo di offerta Data di Godimento e Data

Dettagli

Retail banking (3) Investment banking (3) Personale addetto in FTE (7) # # # # # #

Retail banking (3) Investment banking (3) Personale addetto in FTE (7) # # # # # # Allegato II Informazioni sulle remunerazioni per finalità di benchmarking - GL EBA 2014/8 Schema n. 1 - Informazioni sulle remunerazioni di tutto il personale Codice della banca, della SIM o del gruppo

Dettagli

Scheda prodotto. Caratteristiche principali del Prestito Obbligazionario. Denominazione Strumento Finanziario Tipo investimento

Scheda prodotto. Caratteristiche principali del Prestito Obbligazionario. Denominazione Strumento Finanziario Tipo investimento Caratteristiche principali del Prestito Obbligazionario Scheda prodotto Denominazione Strumento Finanziario Tipo investimento Emittente Rating Emittente Durata Periodo di offerta Data di Godimento e Data

Dettagli

Il consulente finanziario indipendente

Il consulente finanziario indipendente I consulenti finanziari indipendenti possono essere definiti come soggetti che, a titolo oneroso e su base continuativa, svolgono attività di consulenza verso terzi in materia di strumenti finanziari.

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE di Offerta di prestiti obbligazionari denominati

CONDIZIONI DEFINITIVE di Offerta di prestiti obbligazionari denominati Sede legale in Via C. Carcano n. 6-24047 Treviglio (Bergamo) Sito internet : www.cassaruraletreviglio.it Iscritta all Albo delle Banche tenuto dalla Banca d Italia al n. 3148 Iscritta all Albo delle Società

Dettagli

Come funziona il Bail-in Dott. Fabio Busuoli. Confartigianato Imprese di Bologna e Imola Bologna 28 gennaio 2016

Come funziona il Bail-in Dott. Fabio Busuoli. Confartigianato Imprese di Bologna e Imola Bologna 28 gennaio 2016 Come funziona il Bail-in Dott. Fabio Busuoli Confartigianato Imprese di Bologna e Imola Bologna 28 gennaio 2016 Direttiva 2014/59/UE«BRRD» D.lgsl. 16 novembre 2015 n 180 (attuazione della Direttiva) D.lgsl.

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Credito Cooperativo Agrobresciano Zero coupon

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Credito Cooperativo Agrobresciano Zero coupon Banca di Credito Cooperativo Agrobresciano in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Credito Cooperativo Agrobresciano Zero coupon B.C.C. AGROBRESCIANO

Dettagli

Informativa al pubblico Stato per Stato

Informativa al pubblico Stato per Stato Gruppo Bancario IFIGEST Informativa al pubblico Stato per Stato al 31 dicembre 2016 Ai sensi della Circolare Banca d Italia N 285/2013 Parte Prima Titolo III Capitolo 2 1 INDICE Premessa... 3 a) Denominazione

Dettagli

Prestito Obbligazionario Cassa di Risparmio di Ravenna SpA 113^ Emissione 12/04/ /04/2010 TV%- Media Mensile (Codice ISIN IT )

Prestito Obbligazionario Cassa di Risparmio di Ravenna SpA 113^ Emissione 12/04/ /04/2010 TV%- Media Mensile (Codice ISIN IT ) MODELLO DI CONDIZIONI DEFINITIVE relative alla Nota Informativa sul Programma di Offerta di Prestiti Obbligazionari denominati Obbligazioni Cassa di Risparmio di Ravenna SPA a Tasso Variabile Media Mensile

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "B.C.C. DI FORNACETTE OBBLIGAZIONI A TASSO VARIABILE" Emissione n. 183 B.C.C. FORNACETTE 2007/2010 Euribor 3 mesi ISIN IT0004220155 Le presenti

Dettagli

POLITICA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE

POLITICA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE POLITICA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE POLICY PER L INDIVIDUAZIONE, LA PREVENZIONE, IL CONTENIMENTO E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI DI INVESTIMENTO E/O ACCESSORI,

Dettagli

BNL OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO ED A TASSO FISSO CALLABLE

BNL OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO ED A TASSO FISSO CALLABLE CONDIZIONI DEFINITIVE relative alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BNL OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO ED A TASSO FISSO CALLABLE BNL SpA 3,89% 2007/2012 Cod. BNL 1025900 Codice ISIN IT0004233273 redatte dalla

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO FISSO BCC

Dettagli

D.M. Economia e Finanze n. 166/2014 Cosa cambia per i Fondi Pensione?

D.M. Economia e Finanze n. 166/2014 Cosa cambia per i Fondi Pensione? D.M. Economia e Finanze n. 166/2014 Cosa cambia per i Fondi Pensione? Diego Ballarin Roma 18 marzo 2015 Finalità del D.M. 166/2014 Il D.M. 166/2014 completa il quadro normativo definito dal D.Lgs.252/2005

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Sede Legale: Corso della Repubblica, 2/4 Forlì Capitale Sociale e Riserve al 11 maggio 2014 Euro 102.462.022,95 Partita IVA 00124950403 Iscritta al registro delle Imprese Forlì-Cesena al numero 132929

Dettagli

Indice. pag. xiii. Presentazione della terza edizione, di Roberto Ruozi » 1» 1» 4

Indice. pag. xiii. Presentazione della terza edizione, di Roberto Ruozi » 1» 1» 4 Indice Presentazione della terza edizione, di Roberto Ruozi 1 L attività bancaria 1.1 Una definizione di banca 1.2 Le origini del sistema bancario moderno 1.3 L evoluzione del sistema creditizio nel quadro

Dettagli

Il Presidio Antiriciclaggio negli Intermediari Finanziari ex Art.106

Il Presidio Antiriciclaggio negli Intermediari Finanziari ex Art.106 Il Presidio Antiriciclaggio negli Intermediari Finanziari ex Art.106 ROBERTO BRAMATO D O T T O R E I N E C O N O M I A D E L L E I S T I T U Z I O N I E D E I M E R C A T I F I N A N Z I A R I H T T P

Dettagli

Lezione I servizi di investimento

Lezione I servizi di investimento Lezione I servizi di investimento Obiettivi Analizzare la disciplina dei servizi di investimento Individuare gli intermediari abilitati I servizi di investimento Il TUF, all art. 1, comma 5, individua

Dettagli

Prestito Obbligazionario (Codice ISIN )

Prestito Obbligazionario (Codice ISIN ) MODELLO DI CONDIZIONI DEFINITIVE relative alla Nota Informativa sul Programma di Offerta di Prestiti Obbligazionari denominati Obbligazioni Cassa di Risparmio di Ravenna SPA Step Up Il seguente modello

Dettagli

Moneta e sistema bancario

Moneta e sistema bancario Moneta e sistema bancario Cos è la moneta? La moneta è uno strumento indispensabile al funzionamento dell economia e il mercato monetario condiziona in modo determinante il mercato dei beni reali. Sebbene

Dettagli

Regole di condotta in materia di Prodotti Finanziari Illiquidi

Regole di condotta in materia di Prodotti Finanziari Illiquidi Regole di condotta in materia di Prodotti Finanziari Illiquidi (Versione n.1 approvata dal Consiglio di Amministrazione del 25 Febbraio 2016) Il presente documento è riservato ed è vietata la diffusione.

Dettagli

SECONDO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

SECONDO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Iscritta all Albo delle Banche al n. 5678 ABI n. 3111.2 Soggetta all attività di vigilanza della Banca

Dettagli

Prestito Obbligazionario 20/09/07 20/09/12 191^ emissione TV Media Mensile Codice ISIN IT

Prestito Obbligazionario 20/09/07 20/09/12 191^ emissione TV Media Mensile Codice ISIN IT MODELLO DI CONDIZIONI DEFINITIVE relative alla Nota Informativa sul Programma di Offerta di Prestiti Obbligazionari denominati Obbligazioni Banca di Imola SPA a Tasso Variabile Media Mensile Il seguente

Dettagli

Politica di pricing e regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari dalla Banca

Politica di pricing e regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari dalla Banca Banca di Credito Cooperativo Dell Alta Brianza Alzate Brianza Società Cooperativa Politica di pricing e regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari dalla Banca (Adottata ai

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Credito Cooperativo di Pompiano e della Franciacorta Tasso Fisso

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Credito Cooperativo di Pompiano e della Franciacorta Tasso Fisso 9. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Banca di Credito Cooperativo di Pompiano e della Franciacorta in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

Offerta di servizi in outsourcing e di consulenza e assistenza in materia di controlli interni

Offerta di servizi in outsourcing e di consulenza e assistenza in materia di controlli interni Offerta di servizi in outsourcing e di consulenza e assistenza in materia di controlli interni CHI SIAMO Moderari s.r.l. è una società di consulenza regolamentare per banche, intermediari ed enti pubblici,

Dettagli

tutte le necessità di risparmio del Cliente retail Previdenza, investimenti, finanziamenti, servizi bancari, protezione gestione efficiente

tutte le necessità di risparmio del Cliente retail Previdenza, investimenti, finanziamenti, servizi bancari, protezione gestione efficiente May 11th 2011 Il Gruppo Mediolanum dispone di un offerta di prodotti e servizi che copre tutte le necessità di risparmio del Cliente retail grazie al modello della Consulenza Globale. Previdenza, investimenti,

Dettagli

POLITICA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLITICA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI POLITICA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI 1 di 5 Politica di Trasmissione degli Ordini Vegagest Immobiliare Sgr S.p.A. 07/04/2009 INDICE POLITICA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 3 1. INTRODUZIONE... 3 2. OGGETTO

Dettagli

Documento sulla politica di gestione dei conflitti di interesse e informativa ai clienti sui conflitti di interesse non eliminabili

Documento sulla politica di gestione dei conflitti di interesse e informativa ai clienti sui conflitti di interesse non eliminabili BANCA POPOLARE DEL LAZIO Soc. Coop. per azioni Sede sociale e Direzione Generale Via Martiri delle Fosse Ardeatine, 9 00049 VELLETRI (Roma) Iscr. Registro Imprese di Roma al n. 04781291002 Iscritta al

Dettagli

Il funding delle banche e le regole di condotta nella prestazione dei servizi di investimento

Il funding delle banche e le regole di condotta nella prestazione dei servizi di investimento ABI EVENTI MIB 2011 Il funding delle banche e le regole di condotta nella prestazione dei servizi di investimento Luigi Spada Milano, 11 maggio 2011 1 Indice 1. Attività bancaria e servizi di investimento

Dettagli

Scheda prodotto. Caratteristiche principali del Prestito Obbligazionario. Denominazione Strumento Finanziario Tipo investimento

Scheda prodotto. Caratteristiche principali del Prestito Obbligazionario. Denominazione Strumento Finanziario Tipo investimento Caratteristiche principali del Prestito Obbligazionario Scheda prodotto Denominazione Strumento Finanziario Tipo investimento Emittente Rating Emittente Durata Periodo di offerta Data di Godimento e Data

Dettagli

OIC 18 Ratei e Risconti

OIC 18 Ratei e Risconti OIC 18 Ratei e Risconti Revisione Principi Contabili Nazionali OIC ODCEC Novara 27 gennaio 2015 Francesco Bavagnoli Università del Piemonte Orientale Dottore Commercialista Agenda Principali novità rispetto

Dettagli