DISPLASIA NEL CANE. Di Patrick CHENE, Medico Veterinario e D.O. in Francia.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DISPLASIA NEL CANE. Di Patrick CHENE, Medico Veterinario e D.O. in Francia."

Transcript

1 DISPLASIA NEL CANE Di Patrick CHENE, Medico Veterinario e D.O. in Francia. [(La displasia del cane è una patologia di frequente riscontro nell esercizio della pratica clinica veterinaria. Fa scorrere fiumi d inchiostro per dei risultati relativamente medi.)] Questa patologia interessa soprattutto l articolazione dell anca e del gomito che presenta delle deformazioni cartilaginee e ossee. Clinicamente si traduce in zoppie e dolori che possono rivelarsi molto invalidanti e portare l animale all eutanasia dell animale. Queste zoppie si palesano generalmente verso l età di 4-8 mesi per poi stabilizzarsi o regredire e ripresentarsi molto più tardi, attorno ai 6 anni d età o circa. La tendenza attuale, anche se è accertato che si tratti di una patologia polifattoriale, è di considerare predominante l origine genetica, anche se fino ad oggi non è stato possibile identificare nessun gene come maggior responsabile. Quindi ogni veterinario deve eseguire delle radiografie per la displasia perché un soggetto possa o no essere ammesso alla riproduzione. Lo scopo è quello di eliminare dalla razza considerata la presenza di soggetti displasici. Il trattamento classico previsto per la patologia è di tipo chirurgico, le operazioni vanno dalla semplice resezione di un muscolo (pettineo) per permettere una migliore orientazione della testa del femore nell acetabolo, fino alla triplice osteotomia del bacino in generale si tratta di procedure chirurgiche abbastanza pesanti e a volte multiple. Senza di queste (o anche con ) la possibilità di dover somministrare antinfiammatori a vita è alta. Con questo semplice riassunto, forse semplicistico, ho sintetizzato il quadro generale del pensiero della medicina classica, che la nostra maggioranza (veterinari praticanti l osteopatia) rifiuta largamente. Approfittando di due articoli sulla tensegrità che servono da buon punto di partenza concettuale, cercheremo di guardare la displasia con un occhio completamente differente. Ma prima di dire in cosa l osteopatia può aiutarci, ritorniamo su certi punti fondamentali dell equilibrio organico. Ricordiamo che il sistema della tensegrità si basa su due elementi architettonici, le barre (ossa) e le corde (muscoli, tendini, fasciali), che equilibrano le reciproche tensioni e che permettono alla struttura di sostenersi indipendentemente dal suo peso (dalla forza di gravità).

2 1- Un mito da distruggere: l osso (la barra) è duro e indeformabile. Nella costituzione dell osso, per ciò che concerne un cane in crescita, si trova il 50% d acqua che è un elemento per nulla duro e indeformabile non resta quindi che ¼ circa di osso composto da sostanze minerali. Che è poco! Tutti si ricordano: Dell esperimento che consiste nel mettere un osso a bagno nell aceto. Conserva lo stesso volume ma dopo qualche ora diventa elastico. Della consistenza dell osso di pollo allevato in batteria rispetto a quello ruspante diversa. Un esperienza personale: La maggiore consistenza delle ossa dei bambini manipolati in osteopatia in un orfanotrofio del Laos, rispetto a quella dei miei pazienti occidentali. Le ricerche sulla crescita dei polli sono un ottimo spunto, visto le deformazioni ossee osservate dagli allevatori. La conclusione di questi studi è la seguente: le razze a crescita veloce sono le più colpite e hanno una minore densità ossea, come gli animali che ricevono le razioni più energetiche, per questi ultimi, l effetto non si verifica all inizio della crescita ma circa a metà. La deformazione è quindi il risultato della debole densità ossea. Questo ci riporta ai nostri giovani cani in crescita, con un estrapolazione che i nutrizionisti canini non hanno osato fare: Geneticamente più fragili può essere: qualità del collagene, velocità di realizzazione della trama proteica, velocità del deposito di cristalli di idrossiapatite (calcio e fosforo essenzialmente). Ma soprattutto razioni troppo ricche energeticamente, come per i polli, comparsa dei sintomi a metà crescita. Ciò mette in evidenza un concetto molto semplice, un osso si costituisce giorno dopo giorno: in una matrice acquosa: quindi preesistente rispetto all osso stesso; si dissolvono e si costituiscono delle proteine fibrose, che si orientano secondo le tensioni organiche (canali di Havers). Queste proteine si costituiscono in secondo tempo e appaiono quanto prima tanto più l apporto energetico è alto e se la razza possiede il potenziale enzimatico per aumentarne la velocità e dar vita a cani sempre di taglia maggiore infine e solamente dopo si depositano e si legano le molecole minerali sulla trama proteica. Questo processo è molto più lento e quindi l osso che cresce

3 troppo in fretta rimane per troppo tempo deformabile e lascia comparire la displasia, ma anche certe patologie di riscontro nei cuccioli delle razze giganti: la panosteite eosinofilica o enostosi. Questa cronologia è molto importante e per me è la chiave della nostra displasia. Molto semplicemente i nostri cani sono in gran parte displasici perché crescono troppo in fretta, troppo ben nutriti. Le crocchette di buona qualità sono troppo ricche. Ma piuttosto dovremmo dire crocchette di buona quantità, poiché quello che le differenzia è soprattutto il tasso di proteine, di calcio, etc, Nulla a che vedere con l origine delle materie prime scelte dal fabbricante. In più sono alimenti che contengono poca acqua, che il cane beve poi liberamente, ma è acqua libera, cioè non attaccata alle proteine. Mentre in un alimento fresco quest acqua legata è presente e ben più assimilabile nelle corrette condizioni. Una soluzione è di ritornare all alimentazione tradizionale che coscientemente impariamo a denigrare nei nostri ambulatori veterinari. Era quello che faceva da molto tempo una famosa allevatrice di Alani per limitare i problemi di crescita nei suoi cani e con successo. Ma il fatto di dirlo non è sempre buona pratica. Un altra soluzione che consiglio spesso ai miei clienti è di continuare con le crocchette, ma di darne solo i due terzi della dose raccomandata e di sostituire il terzo mancante con dei fagiolini in scatola (volendo si può anche raddoppiare questa dose di verdura). Questo è spesso sufficiente per aiutare a risolvere il problema, conservando la praticità del pasto pronto. Cercando nella rete mi sono accorto di non essere il solo a pensarla in questo modo e c è anche qualcuno che si spinge molto più in là: mad001/erreur du milllenaire.htm 2) Le tensioni muscolari, fasciali, tendinee (delle corde). Il tono muscolare generale e locale è sostenuto e gestito dal sistema nervoso autonomo che localmente può causare delle contratture che chiamiamo disfunzioni e che sono proprie del campo di azione dell osteopatia. Queste tensioni possono essere di origine traumatica, riflessa, conseguenti a problemi viscerali o secondarie ad altre tensioni. Il loro effetto è creare una dissimmetria del tono corporale. 3) Interazione ossa tendini: il ponte sospeso. I ponti sospesi fanno ora parte del paesaggio. Sono fatti con dei pilieri di cemento e dei cavi d acciaio e si auto sostengono per un sapiente rapporto tra tensioni

4 reciproche, resistenza dei materiali in tensione, in compressione, in torsione. Immaginate un momento che ci sia un dispositivo capace di accorciare un cavo e uno solo molto rapidamente si creerebbero delle forze non previste dal sistema iniziale e potremmo vedere dei cavi allentarsi, altri rompersi o i pilieri torcersi. Questo è facilmente comprensibile se parliamo di un ponte. Immaginate ora che questo ponte sia il corpo (ossa e muscoli), che in un punto un muscolo si tenda che aumenti quindi la tensione sulle ossa fragili di un cucciolo di grande taglia in crescita: queste si deformeranno, è logico ed è quello che succede all anca, al gomito, alla schiena che si incurva e alla vertebre che diventano cuneiformi (sindrome di Wobbler). 4) Il trattamento di una simile patologia: Con tale spiegazione: A- regolarmente la genetica diventa secondaria; B- regolare il pasto diventa prioritario; C- Togliere le tensioni locali è un altra priorità ed è lavoro per l osteopata. Ma ciò ci permette anche di comprendere perché nella stessa cucciolata tutti i cuccioli non siano colpiti allo stesso modo e anche perché un cucciolo possa essere affetto pur facendo parte di una linea di sangue considerata pulita. Un altra causa frequente di displasia che esula dal contesto genetico e alimentare è un trauma del ginocchio anteriore alla comparsa della displasia. Ciò mette ancora più in luce un proverbio dell osteopatia umana: Quando il ginocchio grida, l anca piange. Il lavoro dell osteopata è quindi quello di cancellare le tensioni, riequilibrare le stesse con il resto dell organismo, con un attenzione particolare alle articolazioni vicine all articolazione o alla regione ossea deformata, ma sempre tenendo conto della globalità del paziente evidentemente. Quindi dalla punta del naso a quella della coda, bisogna riaggiustare le tensioni dei cavi per togliere l eccesso di trazione/pressione sui pilieri che si stanno torcendo. E quando questo eccesso di tensioni è scomparso, le tensioni sono tornate ad allinearsi all asse normale, non resta che il lavoro degli osteoblasti e osteoclasti per tornare alla normalità. Queste cellule sono responsabili in permanenza di costruire e distruggere l osso, della fissazione e della mobilizzazione del calcio; fanno quindi un lavoro permanente di rimodellamento osseo. Quindi un intervento abbastanza precoce nel periodo di crescita dell animale può essere sufficiente per invertire il fenomeno.

5 Mentre un intervento più tardivo non potrà, e già non è male, che migliorare la sintomatologia, normalmente in modo rapido e definitivo. La displasia quindi non è che un fattore che favorirà o aggraverà la prossima zoppia ma in nessun caso sarà essa stessa da sola il problema. In qualche caso, nonostante tutto, sarà necessario l intervento chirurgico, ma dopo aver riequilibrato il tutto, cosa che permetterà a colpo sicuro di scegliere l operazione in modo più accurato, quella strettamente necessaria. In secondo luogo questo nuovo equilibrio favorirà il successivo recupero. In questo modo si riportano la chirurgia e gli antinfiammatori al loro giusto ruolo: uno strumento tra tanti altri. 5) Ecco due casi trattati in questo modo: Un caso di displasia dell anca (del dott. Stephan Cayre) Un caso di UAP (non unione del processo anconeo) che è una delle malattie che compongono la displasia del gomito. A- MUFF, Labrador retriever con displasia dell anca.

6 Il cane Muff, è un Labrador retriever maschio di 9 mesi, è portato alla visita osteopatica su consiglio del suo veterinario curante in seguito alla diagnosi di una displasia dell anca bilaterale. Questo cucciolo gli era stato presentato per valutare la sua andatura ondeggiante e una zoppia dell arto posteriore sinistro comparsa progressivamente. L importanza delle lesioni radiografiche (prima radiografia) hanno portato il veterinario a prevedere un rapido ricorso alla chirurgia: nell attesa della fine della crescita del soggetto il consiglio è stato quello di consultare un osteopata per aiutare un po l animale.

7 L esame clinico tradizionale mostra un cane piuttosto piccolo per un soggetto di questa razza, conferma la zoppia al posteriore, ma non rileva alcun altro sintomo (foto n 1). L analisi osteopatica mette in evidenza una serie di disfunzioni di compensazione tutte collegate ai pessimi appiombi degli arti posteriori dovuti alla displasia preesistente: l ileo sinistro anteriorizzato è legato direttamente alla pessima posizione delle anche, che causano anche una rotazione sinistra della giunzione lombo sacrale, una compensazione in rotazione destra delle vertebre lombari superiori. Alla fine della catena, le articolazioni dell arto anteriore destro risultano troppo sollecitate dal peso del cane e la pressione eccessiva sul carpo è causa di una disfunzione dell osso centrale. Le tecniche di correzione sono quelle classiche: manovra sulle anche per spingere il coxale sinistro, manovra chiamata a chiavistello per la giunzione lombo sacrale, tecnica del recoil sulla quarta vertebra lombare ed infine manipolazione fasciale sull osso centrale del carpo destro. Il cane torna a casa con gli usuali consigli di riposo e viene fissato un secondo appuntamento per il controllo delle disfunzioni quindici giorni dopo. Al secondo appuntamento i proprietari segnalano un grande miglioramento dopo 48 ore dalla manipolazione, seguito da un peggioramento la settimana successiva. L esame osteopatico mette in evidenza una ricaduta della giunzione lombo sacrale, che è di nuovo trattata. La terza visita a un mese di distanza ci mostra un cane in cui tutti i segni di zoppia sono scomparsi. L esame osteopatico non mette in evidenza alcuna disfunzione. Si stabilisce quindi di rivedere Muff due volte all anno, di utilizzare dei condro protettori, usualmente raccomandati in questi casi e, in accordo con il veterinario curante, di non operare le anche se non come ultima spiaggia.

8 A nostra richiesta il veterinario curante esegue un altra radiografia di controllo del cane all età di 10 anni. (seconda radiografia). Nonostante tutto l evoluzione artrosica è molto significativa, ma il cane non presenta alcun segno di zoppia persistente e non prende antinfiammatori. Nei dieci anni che sono trascorsi si sono susseguite le seguenti visite di osteopatia: 19 volte è stato visto per dei controlli e 3 volte per delle zoppie apparse all improvviso dopo aver giocato un po troppo rudemente con l altro cane di casa. In una patologia come la displasia dell anca è evidente che l osteopatia non può correggere il difetto osseo iniziale, ma un sovente ricorso a questa tecnica permette di evitare un certo numero delle classiche complicazioni dovute ad un pessimo equilibrio posturale e dinamico dell animale. Questo è sovente sufficiente, associato

9 ad un trattamento medico poco aggressivo, ad assicurare il confort e una vita soddisfacente all animale. Legenda delle immagini: N 1 radiografia al momento della diagnosi N 2 Muff in uno dei controlli N 3 radiografia di controllo all età di 10 anni. B- Barthez, Alano arlecchino, ha una displasia del gomito. Il 30/10, Barthez ha 6 mesi, pesa 45 kg e è alto 71cm. Ha la febbre quel giorno, vomita e il dorso è incurvato, si procede con un trattamento classico. Il giorno dopo inizia improvvisamente a zoppicare sull anteriore destro e presenta un atteggiamento di iperestensione bilaterale dei carpi. La visita dal veterinario conferma che vi è dolore all estensione del gomito destro; il trattamento farmacologico fa scomparire il dolore ma non la deviazione degli appiombi: l anteriore destro è ruotato verso l esterno e, a detta della proprietaria, sembra che ci sia un osso sporgente a livello della spalla destra. Una seconda visita veterinaria permette di eseguire delle radiografie e viene diagnosticata una non unione del processo anconeo (UAP), luogo d inserzione del muscolo anconeo. La conclusione è che bisogna operare prima possibile in urgenza, e che l operazione non ha una riuscita certa, ma permane un forte rischio di una futura artrosi. Il quadro è triste.

10 Prima di procedere oltre, si ricordi che la zoppia è comparsa subito dopo che un dolore di stomaco ha causato un incurvamento della colonna, quindi una forte modifica dell equilibrio delle forze. Allora l UAP era presente anche prima ma era asintomatica? C è di che riflettere Può l UAP per compensazione aver causato un blocco della toracica 13 e determinato il disagio gastrico (e quindi il vomito)? Oppure la gastrite ha causato la non unione di un punto particolarmente fragile? Ecco delle vere domande da porsi e ci vorranno delle osservazioni crociate per stabilire chi, tra l uovo e la gallina, era là per primo. Ma in ogni caso non si può separare un evento dall altro. Davanti ai rischi annunciati dell operazione, i proprietari decidono che è urgente aspettare. Barthez prende dei condroprotettori, rexorubia complesso omeopatico e symphitum, in attesa della visita osteopatica, e già così i sintomi regrediscono. La prima visita osteopatica ha luogo il 14/11 e ne seguiranno altre tre (4/12, 29/1, 30/4). Le tensioni rilevate e trattate sono le seguenti: Da subito la quantità di energia ingerita con la razione è fortemente diminuita. Dopo la prima manipolazione la schiena di Barthez si è distesa, è tornato più allegro, più giocherellone: anche se è spesso al guinzaglio per limitarne i movimenti. Non è più lo stesso, questa frase apparentemente strana pronunciata dai proprietari è frequente dopo una manipolazione. È significativa: l equilibrio del sistema nervoso simpatico e parasimpatico del cane è cambiato, il dolore non è più lo stesso

11 Alla seconda visita è evidente che l alimentazione lo ha migliorato, la zoppia non è più ricomparsa, le tensioni sono diminuite. Alla terza, la curva della schiena è un vecchio ricordo, l arto anteriore destro ha ripreso muscolatura, segno di un carico adeguato, la spalla è meno sporgente (meno ruotata esternamente). L atteggiamento di iperestensione dei carpi è fortemente attenuato. Una radiografia di controllo fatta da un collega permette di constatare che il processo anconeo si sta saldando, nessun sintomo è più presente. La quarta visita è giusto un controllo (11 mesi e ½, 63 kg e 85cm) per riaggiustare qualche tensione residua. Conclusione: le tensioni chiave si trovavano in T13 e nel cranio. Le tensioni secondarie si erano invece installate nel bacino ma soprattutto tra le scapole e l UAP non era che una conseguenza di tutto ciò, trazione esagerata del muscolo anconeo, che impediva il normale processo di unione dei due nuclei di ossificazione. Il trattamento osteopatico e omeopatico è stato sufficiente per dare sollievo alle tensioni locali e permettere il corretto lavoro degli osteoblasti. Il futuro ci dirà se si produrrà un artrosi dannosa per l articolazione, ma dal mio punto di vista non i rischi non sono più alti che dopo la chirurgia.

12 Conclusione Alcuni potranno stupirsi che senza alcun riferimento a lavori più precisi si possa qui affermare cotanti principi e alcuni potranno risentirsi e gettare astio nella comunità scientifica. Ma non dimentichiamoci che anche se mi attengo ad una osservazione di grande rigore e a una percezione manuale molto fine, rimane il fatto che un osteopata è comunque un clinico che non ha alcuna risorsa finanziaria per fare ricerca, ma che malgrado ciò può sviluppare uno spirito critico quando la spiegazione più accettata sembra prendere una brutta direzione. Un errore frequente è di credere che la scienza sia neutrale e che non abbia bisogno di pensieri per andare avanti. Prova ne è che chiusa nel quadro dell interpretazione genetica tanto in voga la spiegazione della displasia non arriva a nulla. In effetti la politica attuale di eradicazione della displasia fondata sulla lettura delle radiografie delle razze canine si infrange su numerosi scogli. Non ho delle cifre, ma mi sembra che è anche piuttosto inefficace, costatando anche i casi di displasia che mi trovo ad affrontare nell esercizio della mia pratica clinica negli anni. Andando a spigolare su Agoravet ho trovato uno sfogo d impotenza dopo trent anni di selezione secondo questi criteri: malgrado i programmi ben stabiliti di diagnosi della displasia dell anca e una selezione rigorosa dei riproduttori, questa malattia continua ad avere un impatto economico ed emotivo importante sugli allevatori e sui proprietari. La displasia dell anca è una patologia complessa e ancora oggi molte questioni restano senza risposta. La scoperta dei geni fu decisiva a suo tempo, ma voler mettere tutto sulle loro spalle è un errore, soprattutto in assenza di un equazione assolutamente precisa come: presenza del Gene A = malattia B. Oppure questa equazione non esiste per la displasia. E finchè non esiterà eliminare dei cani displasici dalla riproduzione sulla base di una radiografia è un grosso errore. Il giorno in cui ci sarà un test del DNA tale per cui: Con la presenza dei geni X, X, X causa provata della malattia, Quindi si può eliminare il cane dalla riproduzione, solo allora potremmo pretendere onestamente una selezione genetica.

13 Nell attesa selezionare un gene da una radiografia, in più che dalla fusione dei gameti allo scatto della suddetta radiografia passa così tanto tempo e molte altre cause possono intervenire mi sembra un impostura intellettuale. Per me è tempo di rimettere in causa il modo di selezionare i riproduttori e la categorizzazione della displasia nei vizi redibitori. Nel trattamento della malattia è urgente tener conto nel giusto modo del fattore alimentazione rapportato alla fisiologia ossea e di smettere di credere che solo l alimentazione industriale è buona ed equilibrata. In questo momento ad ogni modo l eccesso energetico ha una grande incidenza sull espressione della displasia. È anche tempo di integrare i concetti più avanguardisti nella comprensione della genesi dei sintomi dovuti alla displasia, concetti come la tensegrità, la catena disfunzionale, etc, Tutti gli osteopati che si occupano di cani hanno tra le loro cartelle cliniche degli animali displasici ripartiti dopo una sola manipolazione senza sintomi, così come delle radiografie che testimoniano dei rimaneggiamenti ossei dopo la manipolazione Ma dunque perché tutto ciò dovrebbe rimanere confidenziale? Dovrebbe invece essere integrato nella routine del trattamento veterinario della displasia: quale risparmio di radiografie, di farmaci, di chirurgie! Questi strumenti vanno bene ma al loro giusto posto! Dans productions Animales. Troubles locomoteurs et qualité osseuse chez les volailles de chair C. LETERRIER, P. CONSTANTIN, E. LE BIHAN DUVAL, G. MARCHé, Y. NYS INRA Station de Recherches Avicoles Nouzilly Pronostic et traitement de la dysplasie de la hanche. CHANOIT Guillaume ; GENEVOIS Jean- Pierre ; Point vétérinaire (Point vét.) ISSN , vol. 34, NS, pp Dysplasie Coxo fémorale : comparaison, sur un échantillon de 43 chiens des résultats du dépistage radiographique et du dépistage radiographique en position forcée. JP Genevois & coll...http://revmedvet.envt.fr/revmedvet/2003/rmv154_121_126.pdf Alimentation et dysplasie coxo fémorale Dr Fau & Coll

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Manuale Applicativo. Vers. database tratt.: 221 REV 01. Copyright. Copyright 01/09/2005

Manuale Applicativo. Vers. database tratt.: 221 REV 01. Copyright. Copyright 01/09/2005 Manuale Applicativo Vers. database tratt.: 221 REV 01 Copyright Copyright 01/09/2005 Lorenz Biotech S.p.A. Via Statale, 151/A 41036 MEDOLLA (MO) Tel.+39-0535-51714 Fax +39-0535-51398 e-mail: customer.service@lorenzbiotech.it

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE ESERCIZI PER COSCE E ANCHE Testo e disegni di Stelvio Beraldo ANDATURA DA SEMIACCOSCIATA Varianti: andatura frontale (a) e andatura laterale (b) (a carico naturale, con manubri o cintura zavorrata) - Con

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE PROIEZIONE STANDARD ANTERO- POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, neoplasie, alterazioni flogistiche e degenerative delle articolazioni. Posizione del paziente:

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato

Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato Dott.ssa Elisa Parri*, Prof. Mario Marella*, Dott.ssa Elena Castellini*, Dott. Matteo Levi

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Cos'é un test genetico predittivo?

Cos'é un test genetico predittivo? 16 Orientamenti bioetici per i test genetici http://www.governo.it/bioetica/testi/191199.html IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Autorizzazione al trattamento dei dati genetici - 22 febbraio

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA CANNIZZARO DI RIFERIMENTO REGIONALE DI 3 LIVELLO PER L EMERGENZA Via Messina 829 95126 Catania SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari Direzione Generale della comunicazione e delle relazioni istituzionali Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate

Dettagli

L'utensile é diventato bianco

L'utensile é diventato bianco L'utensile é diventato bianco In questi giorni mi sono allenato a fare delle vele sia di carta che di tessuto. Sono soddisfatissimo, mai avuto vele cosi belle, pero, pero' non riesco ad ottenere un bel

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO Responsabili: M. DENTI - H. SCHÖNHUBER - P. VOLPI Responsabile:

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

La Terapia con Bifosfonati

La Terapia con Bifosfonati Capire La Terapia con Bifosfonati International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (United States and Canada) 818-487-7455 FAX: 818-487-7454

Dettagli

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti Di Marco Mozzi PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO Le funzioni Le componenti Avendo riportato, all interno del paragrafo dedicato agli obiettivi, alcuni concetti che possono risultare di difficile comprensione

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

Placca a maglia LCP ad angolo variabile 2.4/2.7. Parte del sistema LCP ad angolo variabile per avampiede/ mesopiede 2.4/2.7.

Placca a maglia LCP ad angolo variabile 2.4/2.7. Parte del sistema LCP ad angolo variabile per avampiede/ mesopiede 2.4/2.7. Placca a maglia LCP ad angolo variabile 2.4/2.7. Parte del sistema LCP ad angolo variabile per avampiede/ mesopiede 2.4/2.7. Tecnica chirurgica La pubblicazione non è prevista per la distribuzione negli

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

ALLENARE GLI ADDOMINALI

ALLENARE GLI ADDOMINALI ALLENARE GLI ADDOMINALI La teoria di allenamento degli addominali spesso non è ben compresa; molte persone si limitano ad eseguire centinaia di crunch senza però capire come funzionano i muscoli addominali

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute Ergonomia in uffi cio Per il bene della vostra salute Ogni persona è unica, anche per quanto riguarda la struttura corporea. Una postazione di lavoro organizzata in modo ergonomico si adatta a questa individualità.

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Che cos è l ergonomia

Che cos è l ergonomia norme ergonomiche per le attrezzature di lavoro, il posto di lavoro e l ambiente di lavoro. Che cos è l ergonomia La parola ergonomia deriva dal greco ergo, che significa lavoro, e nomos che significa

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete?

Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete? Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete? Tratto da Vitamin requirements: is there basis for re-evaluating dietary specifications? S. LEESON 1 Tradotto, adattato

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Ogni giorno dopo i pasti

Ogni giorno dopo i pasti Ogni giorno dopo i pasti Se si facesse un sondaggio su che cosa la gente porti, abitualmente, nella borsa, uno degli oggetti più quotati sarebbe: medicinali. Non dico gli anziani, ma sapete quanti adolescenti

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr Manuale d uso Rilevamento del parto www.medria.fr Grazie per la preferenza accordataci nell acquistare Vel Phone. Vi chiediamo di leggere attentamente il presente manuale di istruzioni per l uso, prima

Dettagli

Corsi p e r O d o n t o i a t r i

Corsi p e r O d o n t o i a t r i corsi accreditati ECM Corsi p e r O d o n t o i a t r i 2015 20 marzo Approccio Razionale alla Terapia Implantare dalla pianificazione del caso alla realizzazione protesica 22 maggio Rialzo del Pavimento

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Attività con la fune

Attività con la fune lo sport a scuola Attività con la fune percorso n. 1 Attrezzatura: - uno spazio adatto (palestra, cortile) - una fune Scansione delle attività: 1. Fase motoria 2. Fase espressivo-analogica 3. Fase ludica

Dettagli