DISPLASIA NEL CANE. Di Patrick CHENE, Medico Veterinario e D.O. in Francia.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DISPLASIA NEL CANE. Di Patrick CHENE, Medico Veterinario e D.O. in Francia."

Transcript

1 DISPLASIA NEL CANE Di Patrick CHENE, Medico Veterinario e D.O. in Francia. [(La displasia del cane è una patologia di frequente riscontro nell esercizio della pratica clinica veterinaria. Fa scorrere fiumi d inchiostro per dei risultati relativamente medi.)] Questa patologia interessa soprattutto l articolazione dell anca e del gomito che presenta delle deformazioni cartilaginee e ossee. Clinicamente si traduce in zoppie e dolori che possono rivelarsi molto invalidanti e portare l animale all eutanasia dell animale. Queste zoppie si palesano generalmente verso l età di 4-8 mesi per poi stabilizzarsi o regredire e ripresentarsi molto più tardi, attorno ai 6 anni d età o circa. La tendenza attuale, anche se è accertato che si tratti di una patologia polifattoriale, è di considerare predominante l origine genetica, anche se fino ad oggi non è stato possibile identificare nessun gene come maggior responsabile. Quindi ogni veterinario deve eseguire delle radiografie per la displasia perché un soggetto possa o no essere ammesso alla riproduzione. Lo scopo è quello di eliminare dalla razza considerata la presenza di soggetti displasici. Il trattamento classico previsto per la patologia è di tipo chirurgico, le operazioni vanno dalla semplice resezione di un muscolo (pettineo) per permettere una migliore orientazione della testa del femore nell acetabolo, fino alla triplice osteotomia del bacino in generale si tratta di procedure chirurgiche abbastanza pesanti e a volte multiple. Senza di queste (o anche con ) la possibilità di dover somministrare antinfiammatori a vita è alta. Con questo semplice riassunto, forse semplicistico, ho sintetizzato il quadro generale del pensiero della medicina classica, che la nostra maggioranza (veterinari praticanti l osteopatia) rifiuta largamente. Approfittando di due articoli sulla tensegrità che servono da buon punto di partenza concettuale, cercheremo di guardare la displasia con un occhio completamente differente. Ma prima di dire in cosa l osteopatia può aiutarci, ritorniamo su certi punti fondamentali dell equilibrio organico. Ricordiamo che il sistema della tensegrità si basa su due elementi architettonici, le barre (ossa) e le corde (muscoli, tendini, fasciali), che equilibrano le reciproche tensioni e che permettono alla struttura di sostenersi indipendentemente dal suo peso (dalla forza di gravità).

2 1- Un mito da distruggere: l osso (la barra) è duro e indeformabile. Nella costituzione dell osso, per ciò che concerne un cane in crescita, si trova il 50% d acqua che è un elemento per nulla duro e indeformabile non resta quindi che ¼ circa di osso composto da sostanze minerali. Che è poco! Tutti si ricordano: Dell esperimento che consiste nel mettere un osso a bagno nell aceto. Conserva lo stesso volume ma dopo qualche ora diventa elastico. Della consistenza dell osso di pollo allevato in batteria rispetto a quello ruspante diversa. Un esperienza personale: La maggiore consistenza delle ossa dei bambini manipolati in osteopatia in un orfanotrofio del Laos, rispetto a quella dei miei pazienti occidentali. Le ricerche sulla crescita dei polli sono un ottimo spunto, visto le deformazioni ossee osservate dagli allevatori. La conclusione di questi studi è la seguente: le razze a crescita veloce sono le più colpite e hanno una minore densità ossea, come gli animali che ricevono le razioni più energetiche, per questi ultimi, l effetto non si verifica all inizio della crescita ma circa a metà. La deformazione è quindi il risultato della debole densità ossea. Questo ci riporta ai nostri giovani cani in crescita, con un estrapolazione che i nutrizionisti canini non hanno osato fare: Geneticamente più fragili può essere: qualità del collagene, velocità di realizzazione della trama proteica, velocità del deposito di cristalli di idrossiapatite (calcio e fosforo essenzialmente). Ma soprattutto razioni troppo ricche energeticamente, come per i polli, comparsa dei sintomi a metà crescita. Ciò mette in evidenza un concetto molto semplice, un osso si costituisce giorno dopo giorno: in una matrice acquosa: quindi preesistente rispetto all osso stesso; si dissolvono e si costituiscono delle proteine fibrose, che si orientano secondo le tensioni organiche (canali di Havers). Queste proteine si costituiscono in secondo tempo e appaiono quanto prima tanto più l apporto energetico è alto e se la razza possiede il potenziale enzimatico per aumentarne la velocità e dar vita a cani sempre di taglia maggiore infine e solamente dopo si depositano e si legano le molecole minerali sulla trama proteica. Questo processo è molto più lento e quindi l osso che cresce

3 troppo in fretta rimane per troppo tempo deformabile e lascia comparire la displasia, ma anche certe patologie di riscontro nei cuccioli delle razze giganti: la panosteite eosinofilica o enostosi. Questa cronologia è molto importante e per me è la chiave della nostra displasia. Molto semplicemente i nostri cani sono in gran parte displasici perché crescono troppo in fretta, troppo ben nutriti. Le crocchette di buona qualità sono troppo ricche. Ma piuttosto dovremmo dire crocchette di buona quantità, poiché quello che le differenzia è soprattutto il tasso di proteine, di calcio, etc, Nulla a che vedere con l origine delle materie prime scelte dal fabbricante. In più sono alimenti che contengono poca acqua, che il cane beve poi liberamente, ma è acqua libera, cioè non attaccata alle proteine. Mentre in un alimento fresco quest acqua legata è presente e ben più assimilabile nelle corrette condizioni. Una soluzione è di ritornare all alimentazione tradizionale che coscientemente impariamo a denigrare nei nostri ambulatori veterinari. Era quello che faceva da molto tempo una famosa allevatrice di Alani per limitare i problemi di crescita nei suoi cani e con successo. Ma il fatto di dirlo non è sempre buona pratica. Un altra soluzione che consiglio spesso ai miei clienti è di continuare con le crocchette, ma di darne solo i due terzi della dose raccomandata e di sostituire il terzo mancante con dei fagiolini in scatola (volendo si può anche raddoppiare questa dose di verdura). Questo è spesso sufficiente per aiutare a risolvere il problema, conservando la praticità del pasto pronto. Cercando nella rete mi sono accorto di non essere il solo a pensarla in questo modo e c è anche qualcuno che si spinge molto più in là: mad001/erreur du milllenaire.htm 2) Le tensioni muscolari, fasciali, tendinee (delle corde). Il tono muscolare generale e locale è sostenuto e gestito dal sistema nervoso autonomo che localmente può causare delle contratture che chiamiamo disfunzioni e che sono proprie del campo di azione dell osteopatia. Queste tensioni possono essere di origine traumatica, riflessa, conseguenti a problemi viscerali o secondarie ad altre tensioni. Il loro effetto è creare una dissimmetria del tono corporale. 3) Interazione ossa tendini: il ponte sospeso. I ponti sospesi fanno ora parte del paesaggio. Sono fatti con dei pilieri di cemento e dei cavi d acciaio e si auto sostengono per un sapiente rapporto tra tensioni

4 reciproche, resistenza dei materiali in tensione, in compressione, in torsione. Immaginate un momento che ci sia un dispositivo capace di accorciare un cavo e uno solo molto rapidamente si creerebbero delle forze non previste dal sistema iniziale e potremmo vedere dei cavi allentarsi, altri rompersi o i pilieri torcersi. Questo è facilmente comprensibile se parliamo di un ponte. Immaginate ora che questo ponte sia il corpo (ossa e muscoli), che in un punto un muscolo si tenda che aumenti quindi la tensione sulle ossa fragili di un cucciolo di grande taglia in crescita: queste si deformeranno, è logico ed è quello che succede all anca, al gomito, alla schiena che si incurva e alla vertebre che diventano cuneiformi (sindrome di Wobbler). 4) Il trattamento di una simile patologia: Con tale spiegazione: A- regolarmente la genetica diventa secondaria; B- regolare il pasto diventa prioritario; C- Togliere le tensioni locali è un altra priorità ed è lavoro per l osteopata. Ma ciò ci permette anche di comprendere perché nella stessa cucciolata tutti i cuccioli non siano colpiti allo stesso modo e anche perché un cucciolo possa essere affetto pur facendo parte di una linea di sangue considerata pulita. Un altra causa frequente di displasia che esula dal contesto genetico e alimentare è un trauma del ginocchio anteriore alla comparsa della displasia. Ciò mette ancora più in luce un proverbio dell osteopatia umana: Quando il ginocchio grida, l anca piange. Il lavoro dell osteopata è quindi quello di cancellare le tensioni, riequilibrare le stesse con il resto dell organismo, con un attenzione particolare alle articolazioni vicine all articolazione o alla regione ossea deformata, ma sempre tenendo conto della globalità del paziente evidentemente. Quindi dalla punta del naso a quella della coda, bisogna riaggiustare le tensioni dei cavi per togliere l eccesso di trazione/pressione sui pilieri che si stanno torcendo. E quando questo eccesso di tensioni è scomparso, le tensioni sono tornate ad allinearsi all asse normale, non resta che il lavoro degli osteoblasti e osteoclasti per tornare alla normalità. Queste cellule sono responsabili in permanenza di costruire e distruggere l osso, della fissazione e della mobilizzazione del calcio; fanno quindi un lavoro permanente di rimodellamento osseo. Quindi un intervento abbastanza precoce nel periodo di crescita dell animale può essere sufficiente per invertire il fenomeno.

5 Mentre un intervento più tardivo non potrà, e già non è male, che migliorare la sintomatologia, normalmente in modo rapido e definitivo. La displasia quindi non è che un fattore che favorirà o aggraverà la prossima zoppia ma in nessun caso sarà essa stessa da sola il problema. In qualche caso, nonostante tutto, sarà necessario l intervento chirurgico, ma dopo aver riequilibrato il tutto, cosa che permetterà a colpo sicuro di scegliere l operazione in modo più accurato, quella strettamente necessaria. In secondo luogo questo nuovo equilibrio favorirà il successivo recupero. In questo modo si riportano la chirurgia e gli antinfiammatori al loro giusto ruolo: uno strumento tra tanti altri. 5) Ecco due casi trattati in questo modo: Un caso di displasia dell anca (del dott. Stephan Cayre) Un caso di UAP (non unione del processo anconeo) che è una delle malattie che compongono la displasia del gomito. A- MUFF, Labrador retriever con displasia dell anca.

6 Il cane Muff, è un Labrador retriever maschio di 9 mesi, è portato alla visita osteopatica su consiglio del suo veterinario curante in seguito alla diagnosi di una displasia dell anca bilaterale. Questo cucciolo gli era stato presentato per valutare la sua andatura ondeggiante e una zoppia dell arto posteriore sinistro comparsa progressivamente. L importanza delle lesioni radiografiche (prima radiografia) hanno portato il veterinario a prevedere un rapido ricorso alla chirurgia: nell attesa della fine della crescita del soggetto il consiglio è stato quello di consultare un osteopata per aiutare un po l animale.

7 L esame clinico tradizionale mostra un cane piuttosto piccolo per un soggetto di questa razza, conferma la zoppia al posteriore, ma non rileva alcun altro sintomo (foto n 1). L analisi osteopatica mette in evidenza una serie di disfunzioni di compensazione tutte collegate ai pessimi appiombi degli arti posteriori dovuti alla displasia preesistente: l ileo sinistro anteriorizzato è legato direttamente alla pessima posizione delle anche, che causano anche una rotazione sinistra della giunzione lombo sacrale, una compensazione in rotazione destra delle vertebre lombari superiori. Alla fine della catena, le articolazioni dell arto anteriore destro risultano troppo sollecitate dal peso del cane e la pressione eccessiva sul carpo è causa di una disfunzione dell osso centrale. Le tecniche di correzione sono quelle classiche: manovra sulle anche per spingere il coxale sinistro, manovra chiamata a chiavistello per la giunzione lombo sacrale, tecnica del recoil sulla quarta vertebra lombare ed infine manipolazione fasciale sull osso centrale del carpo destro. Il cane torna a casa con gli usuali consigli di riposo e viene fissato un secondo appuntamento per il controllo delle disfunzioni quindici giorni dopo. Al secondo appuntamento i proprietari segnalano un grande miglioramento dopo 48 ore dalla manipolazione, seguito da un peggioramento la settimana successiva. L esame osteopatico mette in evidenza una ricaduta della giunzione lombo sacrale, che è di nuovo trattata. La terza visita a un mese di distanza ci mostra un cane in cui tutti i segni di zoppia sono scomparsi. L esame osteopatico non mette in evidenza alcuna disfunzione. Si stabilisce quindi di rivedere Muff due volte all anno, di utilizzare dei condro protettori, usualmente raccomandati in questi casi e, in accordo con il veterinario curante, di non operare le anche se non come ultima spiaggia.

8 A nostra richiesta il veterinario curante esegue un altra radiografia di controllo del cane all età di 10 anni. (seconda radiografia). Nonostante tutto l evoluzione artrosica è molto significativa, ma il cane non presenta alcun segno di zoppia persistente e non prende antinfiammatori. Nei dieci anni che sono trascorsi si sono susseguite le seguenti visite di osteopatia: 19 volte è stato visto per dei controlli e 3 volte per delle zoppie apparse all improvviso dopo aver giocato un po troppo rudemente con l altro cane di casa. In una patologia come la displasia dell anca è evidente che l osteopatia non può correggere il difetto osseo iniziale, ma un sovente ricorso a questa tecnica permette di evitare un certo numero delle classiche complicazioni dovute ad un pessimo equilibrio posturale e dinamico dell animale. Questo è sovente sufficiente, associato

9 ad un trattamento medico poco aggressivo, ad assicurare il confort e una vita soddisfacente all animale. Legenda delle immagini: N 1 radiografia al momento della diagnosi N 2 Muff in uno dei controlli N 3 radiografia di controllo all età di 10 anni. B- Barthez, Alano arlecchino, ha una displasia del gomito. Il 30/10, Barthez ha 6 mesi, pesa 45 kg e è alto 71cm. Ha la febbre quel giorno, vomita e il dorso è incurvato, si procede con un trattamento classico. Il giorno dopo inizia improvvisamente a zoppicare sull anteriore destro e presenta un atteggiamento di iperestensione bilaterale dei carpi. La visita dal veterinario conferma che vi è dolore all estensione del gomito destro; il trattamento farmacologico fa scomparire il dolore ma non la deviazione degli appiombi: l anteriore destro è ruotato verso l esterno e, a detta della proprietaria, sembra che ci sia un osso sporgente a livello della spalla destra. Una seconda visita veterinaria permette di eseguire delle radiografie e viene diagnosticata una non unione del processo anconeo (UAP), luogo d inserzione del muscolo anconeo. La conclusione è che bisogna operare prima possibile in urgenza, e che l operazione non ha una riuscita certa, ma permane un forte rischio di una futura artrosi. Il quadro è triste.

10 Prima di procedere oltre, si ricordi che la zoppia è comparsa subito dopo che un dolore di stomaco ha causato un incurvamento della colonna, quindi una forte modifica dell equilibrio delle forze. Allora l UAP era presente anche prima ma era asintomatica? C è di che riflettere Può l UAP per compensazione aver causato un blocco della toracica 13 e determinato il disagio gastrico (e quindi il vomito)? Oppure la gastrite ha causato la non unione di un punto particolarmente fragile? Ecco delle vere domande da porsi e ci vorranno delle osservazioni crociate per stabilire chi, tra l uovo e la gallina, era là per primo. Ma in ogni caso non si può separare un evento dall altro. Davanti ai rischi annunciati dell operazione, i proprietari decidono che è urgente aspettare. Barthez prende dei condroprotettori, rexorubia complesso omeopatico e symphitum, in attesa della visita osteopatica, e già così i sintomi regrediscono. La prima visita osteopatica ha luogo il 14/11 e ne seguiranno altre tre (4/12, 29/1, 30/4). Le tensioni rilevate e trattate sono le seguenti: Da subito la quantità di energia ingerita con la razione è fortemente diminuita. Dopo la prima manipolazione la schiena di Barthez si è distesa, è tornato più allegro, più giocherellone: anche se è spesso al guinzaglio per limitarne i movimenti. Non è più lo stesso, questa frase apparentemente strana pronunciata dai proprietari è frequente dopo una manipolazione. È significativa: l equilibrio del sistema nervoso simpatico e parasimpatico del cane è cambiato, il dolore non è più lo stesso

11 Alla seconda visita è evidente che l alimentazione lo ha migliorato, la zoppia non è più ricomparsa, le tensioni sono diminuite. Alla terza, la curva della schiena è un vecchio ricordo, l arto anteriore destro ha ripreso muscolatura, segno di un carico adeguato, la spalla è meno sporgente (meno ruotata esternamente). L atteggiamento di iperestensione dei carpi è fortemente attenuato. Una radiografia di controllo fatta da un collega permette di constatare che il processo anconeo si sta saldando, nessun sintomo è più presente. La quarta visita è giusto un controllo (11 mesi e ½, 63 kg e 85cm) per riaggiustare qualche tensione residua. Conclusione: le tensioni chiave si trovavano in T13 e nel cranio. Le tensioni secondarie si erano invece installate nel bacino ma soprattutto tra le scapole e l UAP non era che una conseguenza di tutto ciò, trazione esagerata del muscolo anconeo, che impediva il normale processo di unione dei due nuclei di ossificazione. Il trattamento osteopatico e omeopatico è stato sufficiente per dare sollievo alle tensioni locali e permettere il corretto lavoro degli osteoblasti. Il futuro ci dirà se si produrrà un artrosi dannosa per l articolazione, ma dal mio punto di vista non i rischi non sono più alti che dopo la chirurgia.

12 Conclusione Alcuni potranno stupirsi che senza alcun riferimento a lavori più precisi si possa qui affermare cotanti principi e alcuni potranno risentirsi e gettare astio nella comunità scientifica. Ma non dimentichiamoci che anche se mi attengo ad una osservazione di grande rigore e a una percezione manuale molto fine, rimane il fatto che un osteopata è comunque un clinico che non ha alcuna risorsa finanziaria per fare ricerca, ma che malgrado ciò può sviluppare uno spirito critico quando la spiegazione più accettata sembra prendere una brutta direzione. Un errore frequente è di credere che la scienza sia neutrale e che non abbia bisogno di pensieri per andare avanti. Prova ne è che chiusa nel quadro dell interpretazione genetica tanto in voga la spiegazione della displasia non arriva a nulla. In effetti la politica attuale di eradicazione della displasia fondata sulla lettura delle radiografie delle razze canine si infrange su numerosi scogli. Non ho delle cifre, ma mi sembra che è anche piuttosto inefficace, costatando anche i casi di displasia che mi trovo ad affrontare nell esercizio della mia pratica clinica negli anni. Andando a spigolare su Agoravet ho trovato uno sfogo d impotenza dopo trent anni di selezione secondo questi criteri: malgrado i programmi ben stabiliti di diagnosi della displasia dell anca e una selezione rigorosa dei riproduttori, questa malattia continua ad avere un impatto economico ed emotivo importante sugli allevatori e sui proprietari. La displasia dell anca è una patologia complessa e ancora oggi molte questioni restano senza risposta. La scoperta dei geni fu decisiva a suo tempo, ma voler mettere tutto sulle loro spalle è un errore, soprattutto in assenza di un equazione assolutamente precisa come: presenza del Gene A = malattia B. Oppure questa equazione non esiste per la displasia. E finchè non esiterà eliminare dei cani displasici dalla riproduzione sulla base di una radiografia è un grosso errore. Il giorno in cui ci sarà un test del DNA tale per cui: Con la presenza dei geni X, X, X causa provata della malattia, Quindi si può eliminare il cane dalla riproduzione, solo allora potremmo pretendere onestamente una selezione genetica.

13 Nell attesa selezionare un gene da una radiografia, in più che dalla fusione dei gameti allo scatto della suddetta radiografia passa così tanto tempo e molte altre cause possono intervenire mi sembra un impostura intellettuale. Per me è tempo di rimettere in causa il modo di selezionare i riproduttori e la categorizzazione della displasia nei vizi redibitori. Nel trattamento della malattia è urgente tener conto nel giusto modo del fattore alimentazione rapportato alla fisiologia ossea e di smettere di credere che solo l alimentazione industriale è buona ed equilibrata. In questo momento ad ogni modo l eccesso energetico ha una grande incidenza sull espressione della displasia. È anche tempo di integrare i concetti più avanguardisti nella comprensione della genesi dei sintomi dovuti alla displasia, concetti come la tensegrità, la catena disfunzionale, etc, Tutti gli osteopati che si occupano di cani hanno tra le loro cartelle cliniche degli animali displasici ripartiti dopo una sola manipolazione senza sintomi, così come delle radiografie che testimoniano dei rimaneggiamenti ossei dopo la manipolazione Ma dunque perché tutto ciò dovrebbe rimanere confidenziale? Dovrebbe invece essere integrato nella routine del trattamento veterinario della displasia: quale risparmio di radiografie, di farmaci, di chirurgie! Questi strumenti vanno bene ma al loro giusto posto! Dans productions Animales. Troubles locomoteurs et qualité osseuse chez les volailles de chair C. LETERRIER, P. CONSTANTIN, E. LE BIHAN DUVAL, G. MARCHé, Y. NYS INRA Station de Recherches Avicoles Nouzilly Pronostic et traitement de la dysplasie de la hanche. CHANOIT Guillaume ; GENEVOIS Jean- Pierre ; Point vétérinaire (Point vét.) ISSN , vol. 34, NS, pp Dysplasie Coxo fémorale : comparaison, sur un échantillon de 43 chiens des résultats du dépistage radiographique et du dépistage radiographique en position forcée. JP Genevois & coll...http://revmedvet.envt.fr/revmedvet/2003/rmv154_121_126.pdf Alimentation et dysplasie coxo fémorale Dr Fau & Coll

RELAZIONE TECNICA SULLO SVILUPPO SCHELETRICO DEL DOGUE DE BORDEAUX

RELAZIONE TECNICA SULLO SVILUPPO SCHELETRICO DEL DOGUE DE BORDEAUX RELAZIONE TECNICA SULLO SVILUPPO SCHELETRICO DEL DOGUE DE BORDEAUX Dottor Thomas Karl Roth Del Dogue de Bordeaux oltre le tipiche forme del molossoide molto vistosa è la sua forte e caratteristica struttura

Dettagli

Mal di schiena Istruzioni per l uso

Mal di schiena Istruzioni per l uso Mal di schiena Istruzioni per l uso A cura del prof. Revrenna Luca Chinesiologo - Personal trainer Operatore di riequilibrio posturale ad approccio globale Metodo Raggi COS È Il mal di schiena è un dolore

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO GALILEO GALILEI CATANIA PARAMORFISMI

LICEO SCIENTIFICO GALILEO GALILEI CATANIA PARAMORFISMI LICEO SCIENTIFICO GALILEO GALILEI CATANIA Dipartimento di Scienze Motorie PARAMORFISMI Si tratta di deformità in genere transitorie, correggibili volontariamente, non sostenute da alterazioni anatomiche

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE

INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE Francesco Albanese, 67 anni Ex titolare di una impresa edile Operato 5 anni fa di protesi alle ginocchia Sul sito web www.storiedivitainmovimento.it

Dettagli

Dr. Mentasti Riccardo

Dr. Mentasti Riccardo TRAUMATOLOGIA Dr. Mentasti Riccardo Obiettivi Apprendere nozioni di anatomia e fisiologia dell apparato muscolo sceletrico Conoscere i meccanismi ed i principali traumi muscolo-scheletrici più frequenti

Dettagli

LE DISPLASIE ARTICOLARI

LE DISPLASIE ARTICOLARI LE DISPLASIE ARTICOLARI Una piccola guida per due grandi problemi del cane: le displasie dell anca e del gomito a cura di Fondazione Salute Animale (FSA) e Innovet Chi è FSA La Fondazione Salute Animale

Dettagli

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico La al ESERCIZI PRATICI ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico L attività fisica è fondamentale per sentirsi bene e per mantenersi in forma. Eseguire degli esercizi di ginnastica dolce, nel postintervento,

Dettagli

LE DEFORMITA DELLA COLONNA SCOLIOSI E CIFOSI

LE DEFORMITA DELLA COLONNA SCOLIOSI E CIFOSI LE DEFORMITA DELLA COLONNA SCOLIOSI E CIFOSI E CIFOSI La colonna vertebrale presenta fisiologicamente una serie di curve sul piano sagittale (laterale), mentre normalmente non presenta curve sul piano

Dettagli

I traumi rappresentano in Italia:

I traumi rappresentano in Italia: Immobilizzare perché: L intervento di immobilizzazione ha lo scopo di: limitare i movimenti dei monconi ossei fratturati durante le manovre di mobilizzazione e trasporto del paziente di ridurre le possibilità

Dettagli

Informazioni e consigli utili per il paziente

Informazioni e consigli utili per il paziente ARTROPROTESI DELL ANCA Informazioni e consigli utili per il paziente INDICE La protesi d anca pag. 3 Intervento 5 Recupero post-operatorio 6 Controlli periodici e sintomi 12 Note 13 3 LA PROTESI D'ANCA

Dettagli

Sistema scheletrico. - ossa. - cartilagini. Il sistema scheletrico è fatto da: - articolazioni. Nel tessuto osseo

Sistema scheletrico. - ossa. - cartilagini. Il sistema scheletrico è fatto da: - articolazioni. Nel tessuto osseo Sistema scheletrico - ossa Il sistema scheletrico è fatto da: - cartilagini - articolazioni Nel tessuto osseo ci sono tante lamelle e in mezzo ci sono le cellule chiamate osteociti. I vasi sanguigni passano

Dettagli

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE È il test iniziale della batteria di prove a carattere funzionale : da posizione seduta, con arti inferiori distesi e piedi a martello, distendere gli arti superiori

Dettagli

FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE. Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso

FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE. Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso Elena Pedrotti - infermiera professionale Ortopedia e Traumatologia Ospedale S. Chiara Obiettivi formativi Valutare

Dettagli

INTERVENTO DI PROTESI D ANCA: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE

INTERVENTO DI PROTESI D ANCA: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE INTERVENTO DI PROTESI D ANCA: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE Agnese Teruzzi, 78 anni Ex consulente d'azienda Operata 5 anni fa di protesi alle anche Sul sito web www.storiedivitainmovimento.it

Dettagli

Attività motoria e benessere psicofisico

Attività motoria e benessere psicofisico Attività motoria e benessere psicofisico BENESSERE Il sistema Muscolo scheletrico -Ossa articolazioni -Tessuti molli muscoli, tendini e legamenti Con l'avanzare dell'età le articolazioni tendono generalmente

Dettagli

Movimentazione Manuale dei Carichi

Movimentazione Manuale dei Carichi Movimentazione Manuale dei Carichi INQUADRAMENTO NORMATIVO Il Titolo VI, D.lgs. n. 81/2008, è dedicato alla movimentazione manuale dei carichi (MMC) e, rispetto alla normativa previgente e, in particolare,

Dettagli

LESIONI SCHELETRICHE

LESIONI SCHELETRICHE LESIONI SCHELETRICHE LESIONI MUSCOLO - SCHELETRICHE Anatomia dell APPARATO SCHELETRICO Lo scheletro umano è costituito da 208 ossa di diversi tipi: OSSA BREVI (es.vertebre) OSSA PIATTE (es. SCAPOLA, BACINO)

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Ricerca dei segni dello stress

Ricerca dei segni dello stress 5 Ricerca dei segni dello stress Prima di iniziare il massaggio vero e proprio, specialmente quando massaggiate una persona per la prima volta, accertate il livello dello stress attraverso la ricerca dei

Dettagli

LA LOMBALGIA. Lezione 1 C. Fondamenti di biomeccanica della colonna vertebrale applicati alla visita medica in azienda

LA LOMBALGIA. Lezione 1 C. Fondamenti di biomeccanica della colonna vertebrale applicati alla visita medica in azienda LA LOMBALGIA Lezione 1 C Fondamenti di biomeccanica della colonna vertebrale applicati alla visita medica in azienda Il dolore lombare Il dolore lombare può essere classificato in base a criteri clinici,

Dettagli

Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009. Relatore: Prof. Nicola Piccinini

Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009. Relatore: Prof. Nicola Piccinini Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 Relatore: Prof. Nicola Piccinini Introduzione Fondamentale da punto con alta valenza tecnico - tattica sia a livello individuale che di squadra. Collegato

Dettagli

L artrosi è la patologia più comune nella seconda metà della vita

L artrosi è la patologia più comune nella seconda metà della vita Focus su... artrosi L artrosi è la patologia più comune nella seconda metà della vita 2 FACCIAMO UN PO DI CHIAREZZA Artrosi (o osteoartrosi) e artrite sono termini spesso considerati sinonimi, ma in realtà

Dettagli

La catena di assicurazione

La catena di assicurazione La catena di assicurazione A cosa serve la corda? A trattenere una eventuale caduta Solo questo? Che cosa succede al momento dell arresto di una caduta? L arrampicatore avverte uno strappo Quanto è violento

Dettagli

Meglio informati sull artrosi

Meglio informati sull artrosi Meglio informati sull artrosi 11316-270801 www.mepha.ch Quelli con l arcobaleno Quelli con l arcobaleno Cos è l artrosi? L artrosi è una malattia articolare caratterizzata dalla progressiva degenerazione

Dettagli

La Sindrome da conflitto sottoacromiale Dr. Matteo Pennisi

La Sindrome da conflitto sottoacromiale Dr. Matteo Pennisi La Sindrome da conflitto sottoacromiale Dr. Matteo Pennisi Molto comunemente nella pratica clinica ci si imbatte in una patologia dolorosa cronica della spalla definita sindrome da conflitto. Alla base

Dettagli

TRAUMI AGLI ARTI LESIONI SCHELETRO-MUSCOLARI

TRAUMI AGLI ARTI LESIONI SCHELETRO-MUSCOLARI A cura di Vds Davide Bolognin Istruttore di Pronto Soccorso e Trasporto Infermi CROCE ROSSA ITALIANA Volontari del Soccorso Delegazione di Terme Euganee (PD) TRAUMI AGLI ARTI LESIONI SCHELETRO-MUSCOLARI

Dettagli

Sindromi da dolore agli arti

Sindromi da dolore agli arti www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Sindromi da dolore agli arti Versione 2016 10. Osteocondrosi (sinonimi: osteonecrosi, necrosi avascolare) 10.1 Che cos è? La parola "osteocondrosi" significa

Dettagli

ADOTTARE UNA POSTURA CORRETTA

ADOTTARE UNA POSTURA CORRETTA ADOTTARE UNA POSTURA CORRETTA Gli Osteopati,i Fisioterapisti ed i Posturologi sono molto attenti riguardo la postura dei loro pazienti, consigliando loro come correggerla e come eseguire esercizi correttivi,

Dettagli

VERONA 14/04/2012 CARRIERE GIANCARLO FISIOTERAPISTA OSTEOPATA SAVONA

VERONA 14/04/2012 CARRIERE GIANCARLO FISIOTERAPISTA OSTEOPATA SAVONA VERONA 14/04/2012 CARRIERE GIANCARLO FISIOTERAPISTA OSTEOPATA SAVONA Limitazione funzionale del ginocchio dopo intervento di P.T.A. Contributo della B.F.D. La Biomeccanica Funzionale Dinamica è un nuovo

Dettagli

PERCORSO 3 Il sostegno e il movimento

PERCORSO 3 Il sostegno e il movimento PERCORSO Il sostegno e il movimento di Elena Ballarin Riferimento al testo base: A. Acquati, Con gli occhi dello scienziato, volume, unità 8, pp. - / volume C, unità, pp. 08-7 Destinatari: scuola secondaria

Dettagli

Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof.

Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Nino Basaglia MODULO DIPARTIMENTALE ATTIVITÀ AMBULATORIALE Responsabile: Dott. Efisio

Dettagli

scheda 04.07 Chirurgia Chirurgia mininvasiva percutanea del piede

scheda 04.07 Chirurgia Chirurgia mininvasiva percutanea del piede scheda 04.07 Chirurgia Chirurgia mininvasiva percutanea del piede Cos è Il piede è una parte dello scheletro che condiziona tutta la postura, in particolare ginocchia, anche, bacino colonna vertebrale.

Dettagli

Curve di crescita di alcune razze di cani. Età di raggiungimento delle dimensioni. Crescita

Curve di crescita di alcune razze di cani. Età di raggiungimento delle dimensioni. Crescita I cuccioli hanno un fabbisogno nutrizionale più elevato: non devono solo preoccuparsi del buon funzionamento del loro organismo e di mantenere la giusta temperatura corporea, ma devono anche sviluppare

Dettagli

IL SISTEMA SCHELETRICO

IL SISTEMA SCHELETRICO IL SISTEMA SCHELETRICO Il sistema scheletrico è una complicata impalcatura interna che svolge tre importantissime funzioni: sostiene il corpo e consente di mantenersi in posizione eretta; protegge gli

Dettagli

Guida alla salute delle articolazioni dei gatti

Guida alla salute delle articolazioni dei gatti Guida alla salute delle articolazioni dei gatti Scopra i benefici di Cosequin per il suo gatto! NewVetline Prodotti veterinari COSEQUIN è un marchio depositato di Nutramax Laboratories, Inc. USA. NewVetline

Dettagli

Regole fondamentali e posture

Regole fondamentali e posture Regole fondamentali e posture Propongo adesso sotto forma schematica una serie di input basilari, da tenere sempre presenti ogni volta che mi accingo a proporre uno stiramento: - I nostri muscoli sono

Dettagli

ORTESI MODULARE PER UN RECUPERO GRADUALE DELL ATTIVITA QUOTIDIANA E SPORTIVA. Ing. Chiara Firenze

ORTESI MODULARE PER UN RECUPERO GRADUALE DELL ATTIVITA QUOTIDIANA E SPORTIVA. Ing. Chiara Firenze ORTESI MODULARE PER UN RECUPERO GRADUALE DELL ATTIVITA QUOTIDIANA E SPORTIVA Ing. Chiara Firenze Nei paesi occidentali, quasi tutte le persone hanno sofferto, o soffriranno almeno una volta, di disturbi

Dettagli

Polipi precancerosi. Circa il 50% delle persone dai 60 anni in su avrà nel corso della vita almeno 1 polipo precanceroso di 1 cm o più di diametro.

Polipi precancerosi. Circa il 50% delle persone dai 60 anni in su avrà nel corso della vita almeno 1 polipo precanceroso di 1 cm o più di diametro. Polipi precancerosi I polipi sono piccole escrescenze dovute ad una proliferazione eccessiva delle cellule sane della mucosa intestinale che può causare lo sviluppo di polipi cosiddetti adenomatosi (anche

Dettagli

SINARTROSI (articolazioni fisse) ANFIARTROSI (articolazioni semi-mobili) DIARTROSI (articolazioni mobili)

SINARTROSI (articolazioni fisse) ANFIARTROSI (articolazioni semi-mobili) DIARTROSI (articolazioni mobili) LE ARTICOLAZIONI Le ossa dello scheletro sono tenute insieme dalle articolazioni. Tali strutture consentono una mobilità più o meno ampia a seconda della loro conformazione e della modalità con cui vengono

Dettagli

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Limite di peso da sollevare da soli Maschi adulti 25 Kg femmine adulte 20 Kg maschi adolescenti 20 Kg femmine adolescenti

Dettagli

Attivo di Bionaïf è un plantare anatomico che partendo dai piedi dona benessere a tutto il tuo corpo.

Attivo di Bionaïf è un plantare anatomico che partendo dai piedi dona benessere a tutto il tuo corpo. il benessere ai tuoi piedi Attivo di Bionaïf è un plantare anatomico che partendo dai piedi dona benessere a tutto il tuo corpo. Attivo è stato studiato per chi soffre di problemi di postura e di mal di

Dettagli

Informazioni per i pazienti per Prodisc -C, protesi di disco intervertebrale per la colonna cervicale.

Informazioni per i pazienti per Prodisc -C, protesi di disco intervertebrale per la colonna cervicale. Informazioni per i pazienti per Prodisc -C, protesi di disco intervertebrale per la colonna cervicale. Funzioni della colonna vertebrale Stabilità La colonna vertebrale umana costituisce l asse mobile

Dettagli

OSTEOPOROSI : Trattamento ortopedico. N. ANNICCHIARICO Primario Ortopedico Ospedale di Chiavenna ( SO )

OSTEOPOROSI : Trattamento ortopedico. N. ANNICCHIARICO Primario Ortopedico Ospedale di Chiavenna ( SO ) OSTEOPOROSI : Trattamento ortopedico N. ANNICCHIARICO Primario Ortopedico Ospedale di Chiavenna ( SO ) OSTEOPOROSI? Malattia del sangue Malattia dell osso OSTEOPOROSI: malattia sistemica dello scheletro

Dettagli

Introduzione IL MAL DI SCHIENA COME SINTOMO

Introduzione IL MAL DI SCHIENA COME SINTOMO Introduzione IL MAL DI SCHIENA COME SINTOMO Il mal di schiena non è una malattia ma un sintomo, il segnale che qualcosa non va, anche se non è sempre facile capire con esattezza cosa. Quasi a tutti capita

Dettagli

Corso avanzato di massaggio antistress

Corso avanzato di massaggio antistress Corso avanzato di massaggio antistress Massaggio parte anteriore del corpo, delle mani e del viso 21 novembre 2009 www.cmosteopatica.it Massaggio parte anteriore, Pagina 1 Massaggio parte anteriore Il

Dettagli

La sindrome pseudo radicolare: quando muscoli, legamenti, articolazioni imitano il dolore radicolare di Dr. Giovanni Migliaccio

La sindrome pseudo radicolare: quando muscoli, legamenti, articolazioni imitano il dolore radicolare di Dr. Giovanni Migliaccio La sindrome pseudo radicolare: quando muscoli, legamenti, articolazioni imitano il dolore radicolare di Dr. Giovanni Migliaccio La sindrome radicolare pura si esprime con un dolore irradiato nel territorio

Dettagli

Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti

Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti www.e-imd.org Che cosa sono i difetti del ciclo dell urea/le acidurie organiche? Gli alimenti che mangiamo vengono scissi

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

EDUCAZIONE POSTURALE

EDUCAZIONE POSTURALE EDUCAZIONE POSTURALE Le statistiche dicono che 8 persone su 10 hanno sofferto o soffrono di mal di schiena; questo fenomeno è in aumento anche tra i giovani e le cause principali, sulle quali si può intervenire,

Dettagli

cell. +39.347.86.66.834 fax +39.0422.422.963 www.paolobruniera.it info@paolobruniera.it PROGRAMMA 1 ANNO CORSO DI OSTEOPATIA N.S.O.

cell. +39.347.86.66.834 fax +39.0422.422.963 www.paolobruniera.it info@paolobruniera.it PROGRAMMA 1 ANNO CORSO DI OSTEOPATIA N.S.O. PROGRAMMA 1 ANNO CORSO DI OSTEOPATIA N.S.O. Tot ore annue 272 da 45 OSTEOPATIA DELL APPARATO MUSCOLO SCHELETRICO: 158 ORE da 45 Piede e caviglia: Presentazione: anatomia funzionale e biomeccanica della

Dettagli

Sostegno e locomozione

Sostegno e locomozione Sostegno e locomozione Uno scheletro è un apparato che deve svolgere almeno le seguenti funzioni: sostenere il corpo permettere il movimento proteggere organi interni Uno scheletro può essere: Idroscheletro

Dettagli

Essendo la displasia un argomento molto complesso, questo scritto serve solo a dare un idea generale di ciò che è la displasia.

Essendo la displasia un argomento molto complesso, questo scritto serve solo a dare un idea generale di ciò che è la displasia. Displasia Essendo la displasia un argomento molto complesso, questo scritto serve solo a dare un idea generale di ciò che è la displasia. La displasia dell'anca è una anomalia di formazione e di sviluppo

Dettagli

I TRAUMI ALLA SCHIENA

I TRAUMI ALLA SCHIENA I TRAUMI ALLA SCHIENA La colonna vertebrale ( rachide ) è composta da 34-35 ossa corte, le vertebre. Si distinguono in 7 cervicali, 12 toraciche, 5 lombari, 5 sacrali (+3/4 coccigee) Funzioni Protezione

Dettagli

LANDKNECHT C,baio,14 anni,olandese,attitudine: salto ostacoli

LANDKNECHT C,baio,14 anni,olandese,attitudine: salto ostacoli LANDKNECHT C,baio,14 anni,olandese,attitudine: salto ostacoli ANAMNESI Schiena: presenza di reazione periostale in prossimità dei processi spinosi delle ultime vertebre toraciche e prime lombari, presenza

Dettagli

Lesioni apparato locomotore, politrauma, trauma cranico e. trauma oculare

Lesioni apparato locomotore, politrauma, trauma cranico e. trauma oculare Lesioni apparato locomotore, politrauma, trauma cranico e vertebrale,trauma toracico, trauma oculare APPARATO LOCOMOTORE Composto da ossa, articolazioni e muscoli Serve a: sostenere l organismo proteggere

Dettagli

Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio.

Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio. Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio. Il portiere di calcio oltre a dover possedere ottime qualità tecniche, deve avere delle componenti fisiche molto importanti, in grado di

Dettagli

Articolazione Dell anca

Articolazione Dell anca Articolazione Dell anca Articolazione tra osso iliare a testa del femore DIARTROSI - enartrosi Priva di disco Sostiene il peso corporeo e le forze di compressione durante il movimento delle gambe Ammette

Dettagli

Postural Posturologia Sportiva Applicata

Postural Posturologia Sportiva Applicata MASTER Postural Posturologia Sportiva Applicata Corso Accreditato COS È LA POSTUROLOGIA? Il sistema posturale è un insieme molto complesso, che vede coinvolte strutture del sistema nervoso centrale e periferico,

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz RIABILITAZIONE PRECOCE POST- OPERATORIA DEL PROTESIZZATO D ANCA

www.fisiokinesiterapia.biz RIABILITAZIONE PRECOCE POST- OPERATORIA DEL PROTESIZZATO D ANCA www.fisiokinesiterapia.biz RIABILITAZIONE PRECOCE POST- OPERATORIA DEL PROTESIZZATO D ANCA Percorso riabilitativo che accompagna il paziente operato dal giorno dell intervento a quello della sua dimissione

Dettagli

REGIONE DEL COLLO. Movimenti attivi della colonna vertebrale cervicale

REGIONE DEL COLLO. Movimenti attivi della colonna vertebrale cervicale Società Italiana di Medicina del Lavoro e Igiene Industriale Linee guida per la formazione continua e l accreditamento del medico del lavoro: UE WMSDs Allegato 10 Manovre di semeiotica clinica (da Sluiter

Dettagli

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA Servizio di Recupero e Rieducazione Funzionale Tel. 030 3709750-Fax 030 3709403 COSCERE LA PROPRIA SCHIENA Come è fatta? È costituita da 24 ossa chiamate vertebre. La colonna vertebrale è suddivisa in

Dettagli

Igiene orale Conoscenza e cura dell'apparato dentale

Igiene orale Conoscenza e cura dell'apparato dentale Scuola Primaria Paritaria «San Giuseppe» Foggia Igiene orale Conoscenza e cura dell'apparato dentale 17 e 24 aprile 2012 Dott. Felice Lipari odontoiatra IL SORRISO Ciao, amici, sapete che il nostro sorriso

Dettagli

Sistema scheletrico. Due sono i tessuti: tessuto osseo tessuto cartilagineo.

Sistema scheletrico. Due sono i tessuti: tessuto osseo tessuto cartilagineo. SISTEMA SCHELETRICO Sistema scheletrico Sistema scheletrico è formato da 205 ossa e ha delle funzioni importanti: sostiene il corpo e permette il movimento protegge gli organi delicati (cervello, cuore,

Dettagli

EPICONDILITE: MA CHE COSA E ESATTAMENTE? DIAGNOSI E TERAPIA

EPICONDILITE: MA CHE COSA E ESATTAMENTE? DIAGNOSI E TERAPIA EPICONDILITE: MA CHE COSA E ESATTAMENTE? DIAGNOSI E TERAPIA Dott. Stefano Folzani Responsabile f.f. Servizio di Radiologia Ospedale di Suzzara Dott. Gianluca Castellarin Responsabile Ortopedia III Ospedale

Dettagli

Mal di schiena: se sai come muoverti lo puoi evitare

Mal di schiena: se sai come muoverti lo puoi evitare Mal di schiena: se sai come muoverti lo puoi evitare L'attività fisica è ai primi posti nella prevenzione del mal di schiena, ma oltre a ciò è indispensabile adottare alcuni accorgimenti posturali nei

Dettagli

DISTROFIA FACIO SCAPOLO-OMERALE (FSH

DISTROFIA FACIO SCAPOLO-OMERALE (FSH DISTROFIA FACIO SCAPOLO-OMERALE (FSH = facioscapulohomeral muscolar daystrophy) Detta anche distrofia di Landouzy-Dejerine che per primi la descrissero nel 1884. Definizione La distrofia FSH è la terza

Dettagli

Lesione di una parte dell'organismo prodotta da una causa esterna in modo rapido e violento Può riguardare (tra l'altro...):

Lesione di una parte dell'organismo prodotta da una causa esterna in modo rapido e violento Può riguardare (tra l'altro...): COS'E' IL TRAUMA: Lesione di una parte dell'organismo prodotta da una causa esterna in modo rapido e violento Può riguardare (tra l'altro...): l'apparato scheletrico (fratture) le articolazioni (distorsioni,

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA La RACHIALGIA, nome scientifico del mal di schiena, si colloca tra le patologie più diffuse, colpendo in modo democratico persone di tutte le età, di tutte le categorie professionali e di tutte le tipologie.

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA 1. MOVIEMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI: RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE

PROCEDURA DI SICUREZZA 1. MOVIEMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI: RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI Pagina 1 di 6 PROCEDURA DI SICUREZZA 1. MOVIEMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI: RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE 2. Revisione numero Data emissione e/o ultima

Dettagli

Obiettivi fondamentali del trattamento riabilitativo precoce post-operatorio

Obiettivi fondamentali del trattamento riabilitativo precoce post-operatorio Obiettivi fondamentali del trattamento riabilitativo precoce post-operatorio Prevenire i pericoli derivanti dall immobilizzazione a letto Evitare la lussazione della protesi Recuperare un articolarità

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Struttura Semplice Dipartimentale Rieducazione Funzionale Ospedale Albenga/Territorio Albenganese Responsabile Dssa. Anna Maria Amato 2

Dettagli

Impara a riconoscere i segni e i fattori di rischio del diabete

Impara a riconoscere i segni e i fattori di rischio del diabete Diabete anche loro possono ammalarsi Impara a riconoscere i segni e i fattori di rischio del diabete Il diabete Il diabete mellito è una malattia caratterizzata da un aumento dei livelli di zucchero (glucosio)

Dettagli

BARI 14-16 DICEMBRE 2006 IL COLLARE CERVICALE

BARI 14-16 DICEMBRE 2006 IL COLLARE CERVICALE BARI 14-16 DICEMBRE 2006 IL COLLARE CERVICALE Dott. Michele Perrini U.O. DI RIANIMAZIONE AUSL BAT/1 BARLETTA 1 COLLARE CERVICALE presidio principe nell immobilizzazione atraumatica del rachide cervicale

Dettagli

15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA

15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA International Pbi S.p.A. Milano Copyright Pbi SETTEMBRE 1996 15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA Introduzione I muscoli e le articolazioni che danno sostegno alla nostra schiena spesso mancano

Dettagli

Lombalgia cronica, Approccio Osteopatico

Lombalgia cronica, Approccio Osteopatico Casi clinici controversi in Riabilitazione muscolo-scheletrica: Lombalgia cronica, Approccio Osteopatico Dott. VIRGILIO SALUTARI Medico Fisiatra, Osteopata. Caso clinico: sig. Valentino 33 aa., celibe,

Dettagli

Fratture vertebrali in osteoporosi: trattamento

Fratture vertebrali in osteoporosi: trattamento Martedì Salute GAM 3 dicembre 2013 Fratture vertebrali in osteoporosi: trattamento Dott. Antonio Bruno Chirurgia i Vertebrale Clinica Cellini, Torino Resp. Dott J. Demangos OSTEOPOROSI Disordine scheletrico

Dettagli

Il colpo di frusta Come comportarsi con un colpo di frusta in base alle ultime ricerche mediche

Il colpo di frusta Come comportarsi con un colpo di frusta in base alle ultime ricerche mediche Il colpo di frusta Come comportarsi con un colpo di frusta in base alle ultime ricerche mediche Come comportarsi con un colpo di frusta in base alle ultime ricerche mediche Questo libricino vi dà i migliori

Dettagli

2. forza-potenza, con lo scopo di ottenere un incremento della forza e della potenza sviluppata dai maggiori gruppi muscolari; 3.

2. forza-potenza, con lo scopo di ottenere un incremento della forza e della potenza sviluppata dai maggiori gruppi muscolari; 3. SOMMARIO Il presente lavoro, nato dalla collaborazione tra il Dipartimento di Bioingegneria del Politecnico di Milano e la Polisportiva Milanese, ha come obiettivo la valutazione di possibili benefici

Dettagli

DIAGNOSI FUNZIONALE E TRATTAMENTO APPLICATI ALLA COLONNA LOMBARE, BACINO E ARTO INFERIORE, SECONDO I CONCETTI DI SHIRLEY SAHRMANN

DIAGNOSI FUNZIONALE E TRATTAMENTO APPLICATI ALLA COLONNA LOMBARE, BACINO E ARTO INFERIORE, SECONDO I CONCETTI DI SHIRLEY SAHRMANN DIAGNOSI FUNZIONALE E TRATTAMENTO APPLICATI ALLA COLONNA LOMBARE, BACINO E ARTO INFERIORE, SECONDO I CONCETTI DI SHIRLEY SAHRMANN (quadrante inferiore) DATA : 5-6 ottobre, 30 novembre e 1 dicembre LUOGO

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Fisioterapia Posturologia Massoterapia Linfodrenaggio Riabilitazione. Dott.ssa. fisioterapista. Sara Vignoli

Fisioterapia Posturologia Massoterapia Linfodrenaggio Riabilitazione. Dott.ssa. fisioterapista. Sara Vignoli Fisioterapia Posturologia Massoterapia Linfodrenaggio Riabilitazione fisioterapista Dott.ssa Sara Vignoli Dott.ssa Sara Vignoli fisioterapista specializzata in posturologia Laureata nel 2010 presso l Università

Dettagli

La colonna. Colonna vertebrale, corpo. Posizione in rapporto alla regione. Contenitore e protezione di porzioni del sistema nervoso

La colonna. Colonna vertebrale, corpo. Posizione in rapporto alla regione. Contenitore e protezione di porzioni del sistema nervoso La colonna Colonna vertebrale, pilastro vertebrale centrale del corpo. Posizione in rapporto alla regione. Contenitore e protezione di porzioni del sistema nervoso La colonna La colonna vertebrale concilia

Dettagli

PAR A A R M A OR O F R I F SMI

PAR A A R M A OR O F R I F SMI PARAMORFISMI LA COLONNA VERTEBRALE IL RACHIDE È COMPOSTO DA NUMEROSI SEGMENTI SOVRAPPOSTI L UNO ALL ALTRO, LE VERTEBRE. È MOLTO FLESSIBILE È COSTITUISCE UN SOSTEGNO STABILE, MOBILE ED ELASTICO PER TESTA,

Dettagli

IL TRATTAMENTO ORTESICO NELLA MALATTIA OSTEOPOROTICA VERTEBRALE

IL TRATTAMENTO ORTESICO NELLA MALATTIA OSTEOPOROTICA VERTEBRALE IL TRATTAMENTO ORTESICO NELLA MALATTIA OSTEOPOROTICA VERTEBRALE Claudio Testi Corsetteria Ortopedica Dinamica TLM Gerenzano (VA) ORTESI VERTEBRALI Le ortesi sono dispositivi finalizzati al recupero di

Dettagli

IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione italiana LO STRABISMO

IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione italiana LO STRABISMO IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione italiana LO STRABISMO CAMPAGNA DI INFORMAZIONE DI SANITA' PUBBLICA SULLE MALATTIE CHE CAUSANO CECITA' O IPOVISIONE NELL'AMBITO DI PROGRAMMI

Dettagli

LA VOCE DI 100.000 LAVORATRICI E LAVORATORI

LA VOCE DI 100.000 LAVORATRICI E LAVORATORI impaginato sintesidef 29-04-2008 19:34 Pagina 66 GRAFICO 11 DEDICANO PIÙ DI 20 ORE A SETTIMANA AL LAVORO DOMESTICO E DI CURA * 7 51,8 58,9 62,4 Uomini 29,0 27,3 20,1 Donne Meno di 35 anni Da 36 a 45 anni

Dettagli

ANATOMIA DEL GINOCCHIO

ANATOMIA DEL GINOCCHIO IL GINOCCHIO ANATOMIA DEL GINOCCHIO Il ginocchio è formato da tre ossa il femore, la tibia e la rotula che costituiscono due articolazioni femoro tibiale femoro rotulea ANATOMIA DEL GINOCCHIO L articolazione

Dettagli

www.vogliadisalute.it 13/11/2008 Schiena al sicuro sulle piste da sci

www.vogliadisalute.it 13/11/2008 Schiena al sicuro sulle piste da sci www.vogliadisalute.it 13/11/2008 Schiena al sicuro sulle piste da sci I consigli degli esperti per prevenire problemi di lombalgia: dalla scelta degli scarponi agli esercizi fisici preparatori, all attenzione

Dettagli

Movimento e fisioterapia

Movimento e fisioterapia Movimento e fisioterapia Spesso il primo sintomo della Malattia di Pompe è la debolezza dei muscoli utilizzati per camminare. È possibile che i bambini nel primo anno di età appaiano ipotonici o non siano

Dettagli

ARTRITE PSORIASICA E L ARTRITE PIU DIFFUSA NELLA POPOLAZIONE GENERALE E UNA ARTRITE CHE FA PARTE DEL GRUPPO DELLE

ARTRITE PSORIASICA E L ARTRITE PIU DIFFUSA NELLA POPOLAZIONE GENERALE E UNA ARTRITE CHE FA PARTE DEL GRUPPO DELLE ARTRITE PSORIASICA E L ARTRITE PIU DIFFUSA NELLA POPOLAZIONE GENERALE E UNA ARTRITE CHE FA PARTE DEL GRUPPO DELLE SPONDILOENTESOARTRITI. E UNA ARTRITE AUTOIMMUNE, DOVUTA AL FATTO CHE UNA PARTE DEL NOSTRO

Dettagli

La Scoliosi del Bambino e dell Adulto. Dott. Giancarlo Corti Responsabile Clinica e Chirurgia della colonna Ospedale di Gallarate

La Scoliosi del Bambino e dell Adulto. Dott. Giancarlo Corti Responsabile Clinica e Chirurgia della colonna Ospedale di Gallarate La Scoliosi del Bambino e dell Adulto Dott. Giancarlo Corti Responsabile Clinica e Chirurgia della colonna Ospedale di Gallarate 1 2 SCOLIOSI 3 SCOLIOSI Skolios: dal greco curvatura Descritta da Ippocrate

Dettagli

Artriti della spalla. Capsulite adesiva. Lesioni della cuffia dei rotatori. Instabilità e lussazione articolare

Artriti della spalla. Capsulite adesiva. Lesioni della cuffia dei rotatori. Instabilità e lussazione articolare Schede informative per il paziente Artriti della spalla Capsulite adesiva Lesioni della cuffia dei rotatori Instabilità e lussazione articolare Vi sono tre articolazioni nella spalla: la clavicola con

Dettagli

Una deviazione di un tratto del rachide che si sviluppa su un piano obliquo. Vera scoliosi

Una deviazione di un tratto del rachide che si sviluppa su un piano obliquo. Vera scoliosi Una deviazione di un tratto del rachide che si sviluppa su un piano obliquo. Vera scoliosi Atteggiamento scoliotico Specifiche alterazioni anatomopatologiche, delle quali la rotazione delle vertebre e

Dettagli

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA Servizio di Recupero e Rieducazione Funzionale Tel. 030 3709750-Fax 030 3709403 COSCERE LA PROPRIA SCHIENA Come è fatta? È costituita da 24 ossa chiamate vertebre. La colonna vertebrale è suddivisa in

Dettagli

Rachide normale. Piano frontale (coronale) Piano sagittale. Piano assiale

Rachide normale. Piano frontale (coronale) Piano sagittale. Piano assiale Le Scoliosi Rachide normale Piano frontale (coronale) Piano sagittale Piano assiale Rachide normale Piano frontale (coronale) Assenza di deviazioni laterali rispetto alla linea mediana Rachide normale

Dettagli

MANUALE SUL PIEDE. Doctor Foot srl. 00060 Formello (RM) Via degli Olmetti, 18 tel. 06 9075520 fax 06 9075155 www.doctorfoot.it info@doctorfoot.

MANUALE SUL PIEDE. Doctor Foot srl. 00060 Formello (RM) Via degli Olmetti, 18 tel. 06 9075520 fax 06 9075155 www.doctorfoot.it info@doctorfoot. MANUALE SUL PIEDE 1 Il Piede Il piede è un capolavoro unico d architettura, o meglio di biomeccanica, con le sue 26 ossa, 33 articolazioni, 114 legamenti, 20 muscoli e 250.000 ghiandole sudorifere presiede

Dettagli

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it Corso nursing Ortopedico Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide DEFINIZIONE MALATTIA INFIAMMATORIA SU BASE IMMUNITARIA DEL TESSUTO CONNETTIVO,ESSENZIALMENTE POLIARTICOLARE AD EVOLUZIONE

Dettagli

MAL DI SCHIENA.. NO GRAZIE! GRAZIE!

MAL DI SCHIENA.. NO GRAZIE! GRAZIE! MAL DI SCHIENA.. MAL NO DI GRAZIE! SCHIENA... NO GRAZIE! COME PREVENIRE E CURARE IL MAL DI SCHIENA E I DOLORI CERVICALI COME PREVENIRE E CURARE I DOLORI CERVICALI E IL MAL DI SCHIENA A.S.D. EFESO MION

Dettagli