Istruzioni del Linguaggio C

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istruzioni del Linguaggio C"

Transcript

1 Istruzioni del Linguaggio C Programmazione strutturata Si parla di programmazione strutturata se si utilizzano solo le seguenti strutture per alterare il flusso di controllo [Dijkstra, 1969]: concatenazione (o composizione) legata al concetto di enumerazione selezione o (istruzione condizionale) ramifica il flusso di controllo in base al valore vero o falso di una espressione detta condizione di scelta iterazione dà luogo all esecuzione ripetuta di un istruzione (semplice o composta) finché permane vera una espressione detta condizione di iterazione OBIETTIVO: rendere i programmi più leggibili, modificabili e manutenibili Programmazione - Michele Colajanni, 2006/

2 Teorema di Jacopini-Böem Le strutture di concatenazione, iterazione e condizione costituiscono un insieme completo in grado di esprimere tutte le funzioni calcolabili Dunque, l uso di queste sole strutture di controllo non limita il potere espressivo. P.es., un linguaggio con i seguenti Tipi di dato: Naturali con l operazione di somma (+) Istruzioni: assegnamento istruzione composta istruzione condizionale istruzione di iterazione è un linguaggio completo, cioè è un linguaggio in grado di esprimere tutte le funzioni calcolabili. Programmazione - Michele Colajanni, 2006/ Programmazione strutturata in C Istruzioni composte concatenazione di istruzioni semplici ; blocco { Istruzione di assegnamento assegnamento = Istruzioni condizionali alternativa if (), if () else selezione switch () Istruzioni di iterazione ciclo while (), do while (), for ( ; ; ) Programmazione - Michele Colajanni, 2006/

3 Concatenazione Qualsiasi espressione (logica, condizionale, assegnamento) seguita da un ; è un istruzione (semplice) ESEMPI x = 0; y = 1; /* due istruzioni */ x = 0, y = 1; /* una sola istruzione */ k++; 3; /* non fa nulla */ ; /* istruzione nulla */ Programmazione - Michele Colajanni, 2006/ <blocco> ::= { [ <dichiarazioni > ] { <istruzioni> Blocco NOTE dopo un blocco non occorre il punto e virgola (esso termina le istruzioni semplici, non separa istruzioni) il campo d azione delle <dichiarazioni > che compaiono entro il blocco è il blocco stesso i blocchi possono essere innestati Programmazione - Michele Colajanni, 2006/

4 Esempio (blocco) #include <stdio.h> main() { /* INIZIO BLOCCO */ const float F1=9.0, F2=5., SH=32; float temp_inp, temp_out; char scala; scanf( %f, &temp_inp); scanf( %c, &scala); temp_out = (scala == C')? (SH + temp_inp * F1 / F2) : (F2 / F1 * (temp_inp - SH)) ; printf ( %f\n, temp_out); /* FINE BLOCCO */ Programmazione - Michele Colajanni, 2006/ #include <stdio.h> main() Esempio (blocco innestato) { /* INIZIO BLOCCO */ const float F1=9.0, F2=5., SH=32; float temp_inp, temp_out; scanf( %f, &temp_inp); { /* INIZIO BLOCCO INTERNO */ char scala; scanf( %c, &scala); temp_out = (scala == C')? (SH + temp_inp * F1 / F2) : (F2 / F1 * (temp_inp - SH)) ; /* FINE BLOCCO INTERNO */ printf ( %f\n, temp_out); /* FINE BLOCCO */ Il campo d azione della variabile scala è limitato al blocco più interno in cui scala è dichiarata. La variabile scala non è più visibile (e neppure esistente!) dopo la che chiude il blocco interno Programmazione - Michele Colajanni, 2006/

5 Istruzione di assegnamento Istruzione di assegnamento Denotata mediante il simbolo = (l operatore relazionale di uguaglianza è denotata con il simbolo == ) Viene utilizzata per assegnare ad una variabile (non ad una costante!) il valore di un espressione Esempio int N; N = 150; simbolo indirizzo N 1600 L esecuzione di un simbolo indirizzo... assegnamento provoca l inserimento N 1600 nello spazio relativo 150 alla variabile del valore... indicato a destra del simbolo = Programmazione - Michele Colajanni, 2006/ L esecuzione di una dichiarazione provoca l allocazione di uno spazio in memoria equivalente a quello necessario a contenere un dato del tipo specificato

6 Istruzione di assegnamento (cont.) L esecuzione di un istruzione di assegnamento comporta innanzitutto la valutazione di tutta l espressione a destra dell assegnamento. Es., int c, d; c = 2; d = (c+5)/3 - c; d = (d+c)/2; Dopodiché, si inserisce il valore risultante nella locazione di memoria relativa alla variabile (posta a sinistra dell assegnamento) Il primo assegnamento di un valore ad una variabile dichiarata viene detto inizializzazione. In C, l inizializzazione si può effettuare anche al momento della dichiarazione. Es., int a, b=56; Programmazione - Michele Colajanni, 2006/ Esercizio 1 (Specifica) Inverti l ordine delle cifre che formano un intero positivo non multiplo di 10 che sia compreso fra 101 e 999. Per esempio: Programmazione - Michele Colajanni, 2006/

7 Esercizio 1 (Algoritmo) Idea!: Utilizzare le operazioni di modulo e di divisione fra numeri interi. Dato un numero, valgono le seguenti relazioni: Unita = (numero/1)%10; Es., (234/1)%10 = 4 Decine = (numero/10)%10; Es., (234/10)%10 = 3 Centinaia = (numero/100)%10; Es., (234/100)%10 = 2 Programmazione - Michele Colajanni, 2006/ Esercizio 1 (Programma) main() { int numero; int unita, decine, centinaia, risultato; scanf( %d, &numero); unita = (numero)%10; decine = (numero/10)%10; centinaia = (numero/100)%10; risultato =unità*100+decine*10+centinaia; printf( %d, risultato); Programmazione - Michele Colajanni, 2006/

8 Esercizi da svolgere Esercizio 1bis Si risolva lo stesso problema posto nell Esercizio 1 accettando in input un qualsiasi numero intero (anche divisibile per 10) compreso fra 100 e 999. Esercizio 1ter Si risolva lo stesso problema posto nell Esercizio 3 accettando in input un qualsiasi numero intero positivo (si richieda in input sia il numero sia il numero di cifre che lo compongono). Programmazione - Michele Colajanni, 2006/ Istruzioni Condizionali

9 Istruzioni condizionali Solitamente vengono rese disponibili due tipi di istruzioni condizionali: Istruzione di SCELTA (semplice) o ALTERNATIVA Istruzione di SCELTA MULTIPLA (questa non è essenziale, ma migliora l espressività del linguaggio) In C, l espressione ternaria condizionale condizione? espr1 : espr2 fornisce già un modo per esprimere il concetto di selezione, che però ha un espressività limitata Il codice basato su essa diviene praticamente illeggibile appena la complessità del problema aumenta (anche di poco) L istruzione di scelta fornisce un più alto livello di espressività, comprensibilità e leggibilità. Programmazione - Michele Colajanni, 2006/ Istruzione di scelta semplice (o Alternativa) Consente di scegliere fra due istruzioni alternative in base al verificarsi di una particolare condizione <istruzione-di-scelta> ::= if (condizione) < istruzione1>; [ else < istruzione2> ] Condizione è un espressione logica che viene valutata al momento dell esecuzione dell istruzione if Se condizione risulta vera si esegue <istruzione1>, altrimenti si esegue <istruzione2> In entrambi i casi l esecuzione continua poi con l istruzione che segue l istruzione if. NOTA: Se condizione è falsa e la parte else (opzionale) è omessa, si passa subito all istruzione che segue l istruzione if Notare il ; Opzionale Programmazione - Michele Colajanni, 2006/

10 Le due istruzioni di scelta semplice if (condizione) istruzione1; if (condizione) istruzione1; else istruzione2; NOTA istruzione può essere qualsiasi istruzione, ovvero assegnamento, condizionale, iterativa, blocco (di istruzioni) Programmazione - Michele Colajanni, 2006/ Esempio int a=3, n=-6, b=0; if (n > 0) a = b + 5; else n = b*5; a? b? n? Programmazione - Michele Colajanni, 2006/

11 Osservazione 1 Secondo la sintassi, <istruzione1> e <istruzione2> sono ciascuna una singola istruzione Qualora occorra specificare più istruzioni, si dovrà quindi utilizzare un blocco if (n > 0) { /* inizio blocco */ a = b + 5; c = x + a - b; /* fine blocco */ else n = b*5; Programmazione - Michele Colajanni, 2006/ Osservazione 2 Istruzioni if annidate Come caso particolare, <istruzione1> o <istruzione2> potrebbero essere un altra <istruzione-di-scelta> In questo caso occorre attenzione ad associare le parti else (che sono opzionali) all if corretto In base alla sintassi del linguaggio C, l else è sempre associato all if più interno Se questo comportamento non soddisfa o crea ambiguità, occorre inserire esplicitamente un blocco { Programmazione - Michele Colajanni, 2006/

12 ? if (n > 0) Osservazione 2 (cont.) if (a>b) n = a; else n = b*5; Per far sì che l else si riferisca al primo if if (n > 0) { if (a>b) n = a; else n = b*5; Per leggibilità, usare sempre parentesi if (n > 0) { if (a>b) n = a; else n = b*5; /* else riferito a if (a>b) */ Programmazione - Michele Colajanni, 2006/ Istruzione di scelta multipla Consente di scegliere fra molte istruzioni in base al valore di un espressione di selezione L espressione di selezione deve denotare un valore numerabile (intero, carattere, ) Il valore di tale espressione viene confrontato con le costanti che etichettano i vari casi: l esecuzione prosegue dal ramo dell etichetta corrispondente (se esiste) Se nessuna etichetta corrisponde al valore dell espressione, si segue il ramo default (se specificato) Se neanche questo esiste, l esecuzione prosegue con l istruzione successiva all istruzione switch Programmazione - Michele Colajanni, 2006/

13 Istruzione di scelta multipla (cont.) espressione di selezione caso A caso B istruzioni1 istruzioni2 break break default istruzioni break Programmazione - Michele Colajanni, 2006/ Istruzione di scelta multipla (sintassi) <istruzione-di-scelta-multipla> ::= switch (espressione di selezione) { case <etichetta1> : < istruzioni> [ break; ] case <etichetta2> : < istruzioni> [ break; ] [ default : < istruzione> ] espressione di selezione è un espressione che denota un valore numerabile che viene valutata al momento dell esecuzione dell istruzione switch Tutte le costanti <etichetta> devono essere dello stesso tipo del selettore Programmazione - Michele Colajanni, 2006/

14 Istruzione di scelta multipla (sintassi) switch (espressione di selezione) { case etichetta1: istruzione1; break; case etichetta2: istruzione2; break; case etichetta3: istruzione3; break; default: istruzione4; Programmazione - Michele Colajanni, 2006/ Istruzione di scelta multipla (sintassi) int a, n=5; scanf( %d, &a); switch (a+2*5) { case 1: n=n*2; break; case 2: n=n*4; break; case 3: n=n*8; break; default: n=0; Programmazione - Michele Colajanni, 2006/

15 Osservazioni <istruzioni> denota una sequenza di istruzioni per cui non occorre un blocco per specificare più istruzioni I vari rami non sono mutuamente esclusivi: una volta imboccato un ramo, l esecuzione prosegue in generale con le istruzioni dei rami successivi Per avere rami mutuamente esclusivi occorre forzare esplicitamente l uscita mediante l istruzione break Programmazione - Michele Colajanni, 2006/ Esempio main() { const float F1=9.0, F2=5., SH=32; int c, f, temp = 20; char scala; scanf( %c, &scala); switch (scala) { case 'C': c = temp; f = SH+temp*F1/F2; break; case 'F': f = temp; c = F2/F1*(temp-SH); break; default: printf( Errore\n ); Necessità di break per rendere le due alternative mutuamente esclusive (ed evitare che f e c vengano subito sovrascritti...) Inutilità di break nell ultimo ramo Utilità (in questo esempio) di un ramo di default, perché le due etichette catturano tutti i casi possibili, tranne l errore in input Programmazione - Michele Colajanni, 2006/

16 Pro e contro della scelta multipla L istruzione switch evita una (lunga) serie di if Tuttavia: è utilizzabile solo con espressioni ed etichette di tipo numerabile (int, char) non è utilizzabile con numeri reali (float, double) o con tipi strutturati (stringhe, vettori, strutture...) Programmazione - Michele Colajanni, 2006/ Esercizio 2 (Specifica) Data una temperatura in ingresso, se è espressa in gradi Celsius, calcolare il corrispondente valore espresso in gradi Fahrenheit se è espressa in gradi Fahrenheit, calcolare il corrispondente valore espresso in gradi Celsius Stampare il risultato Programmazione - Michele Colajanni, 2006/

17 Come non procedere Data la specifica di un problema, iniziare subito a scrivere il programma... Esempio main() { int fahr, celsius; scanf(... FINITO...?! FANTASTICO!! Programmazione - Michele Colajanni, 2006/ Ma Nel modo visto in precedenza si scrivono a fatica programmi di venti righe, quando si è bravissimi programmi di cento Spesso sono errati, e non si sa perché Nessuno capisce cosa abbiamo fatto (e nemmeno noi dopo un po di tempo...) Nessuno riesce a capire se questa soluzione è la migliore o se ne potevano esistere altre migliori Se si deve cambiare linguaggio, siamo rovinati, e analogamente se bisogna apportare modifiche dopo un po di tempo DOV E IL PROBLEMA? Abbiamo fatto coincidere la soluzione del problema (algoritmo) con la fase di codifica Programmazione - Michele Colajanni, 2006/

18 Invece La valutazione della soluzione si deve fare sull algoritmo La codifica è il passo implementativo orientato a un particolare linguaggio CONCLUSIONE PRIMA la specifica dell algoritmo (soluzione) POI la codifica della soluzione in un particolare linguaggio METODOLOGIA TOP-DOWN Programmazione - Michele Colajanni, 2006/ Riprendiamo il problema della temperatura... INTEGRARE LA SPECIFICA... Ricordare quali sono le relazioni tra le grandezze: c * 9/5 = f - 32 c = (f - 32) * 5/9 f = 32 + c * 9/5 PER L ALGORITMO CORRISPONDENTE... Dato c, calcolare f sfruttando la seconda relazione Dato f, calcolare c sfruttando la prima relazione Programmazione - Michele Colajanni, 2006/

19 Esercizio 2 (Rappresentazione informazioni) Servono 2 variabili (di tipo float) per rappresentare i valori delle temperature: fahr, cel Serve, poi, una variabile (di tipo char) per rappresentare il fatto se la temperatura di ingresso è espressa in clesius o fahrenaei: scala Serve, poi, una variabile (di tipo float) per avere il valore della temperatura di ingresso: temp Programmazione - Michele Colajanni, 2006/ Esercizio 2 (Programma) main() { float fahr, cel, temp; char scala; scanf ( %c, &scala); scanf ( %f, &temp); if (scala== f ) cel = (temp - 32) * 5./9.; else fahr = 32 + temp * 9./5.; Notare il punto if (scala== f ) printf ( Gradi Fahrenheit=%f \n, fahr); else printf ( Gradi Celsius=%f \n, cel); Programmazione - Michele Colajanni, 2006/

20 Esercizio 2 (Programma altra convenzione per la scala ) main() { float fahr, cel, temp; int scala; scanf ( %d, &scala); /* 0 Celsius 1 Fahreneit */ scanf ( %f, &temp); if (scala==1) cel= (temp - 32) * 5./9.; else fahr = 32 + temp * 9./5.; if (scala==0) printf ( Gradi Fahrenheit=%f \n, fahr); else printf ( Gradi Celsius=%f \n, cel); Programmazione - Michele Colajanni, 2006/ Esercizio 2 (Programma pro regole C) main() { float fahr, cel, temp; int scala; scanf ( %d, &scala); /* 0 Celsius 1 Fahreneit */ scanf ( %f, &temp); if (scala) cel = (temp - 32) * 5./9.; else fahr = 32 + temp * 9./5.; if!(scala) printf ( Gradi Fahrenheit=%f \n, fahr); else printf ( Gradi Celsius=%f \n, cel); Programmazione - Michele Colajanni, 2006/

21 Parti tipiche di un programma parte dichiarativa input main() { float fahr, cel, temp; char scala; scanf ( %c, &scala); scanf ( %f, &temp); Manca la parte di controllo degli errori (spesso di input, ma non solo) output cuore if (scala== f ) cel = (fahr - 32) * 5./9.; else fahr = 32 + cel* 9./5.; if (scala== f ) printf ( Gradi Fahrenheit=%f \n, fahr); printf ( Gradi Celsius=%f \n, cel); Programmazione - Michele Colajanni, 2006/ Esercizio 2bis (alternativa) Svolgere l Esercizio 2 utilizzando l istruzione switch Programmazione - Michele Colajanni, 2006/

22 Esercizio 3 (Specifica) Dati tre valori a b c che rappresentano le lunghezze di tre segmenti, valutare se possono essere i tre lati di un triangolo. Se sì, stabilire il tipo di triangolo: scaleno, isoscele, equilatero. Programmazione - Michele Colajanni, 2006/ Esercizio 3 (Algoritmo) Primo punto: perché tre segmenti possano costituire i lati di un triangolo, deve valere la relazione c < (a + b) Secondo punto: se (a==b==c) { è equilatero altrimenti se ((a==b) o (b==c) o (a==c)) { è isoscele altrimenti { è scaleno Programmazione - Michele Colajanni, 2006/

23 Esercizio 3 (Rappresentazione informazioni) Servono 3 variabili (float) per rappresentare i valori dei 3 segmenti: a, b, c Serve, poi, una variabile logica (in C, di tipo int) per rappresentare il fatto se i 3 segmenti possono costituire o meno un triangolo: triangolo Servono, infine, 3 variabili logiche (in C, di tipo int) per rappresentare quale caratteristica del triangolo è vera: scaleno, isoscele, equilatero Programmazione - Michele Colajanni, 2006/ Esercizio 3 (Programma) main() { float a, b, c; int triangolo=0, scaleno, isoscele, equilatero; scanf( %f, &a); scanf( %f, &b); scanf( %f, &c); if ((a+b)>c)) triangolo=1; if (triangolo==1) { if ((a==b) && (b==c)) { equilatero=1; isoscele=0; scaleno=0; else if ((a==b) (b==c) (a==c)) { isoscele=1; scaleno=0; equilatero=0; else { scaleno=1; isoscele=0; equilatero=0; Programmazione - Michele Colajanni, 2006/

24 Esercizio 3 (Programma alternativo) main() { float a, b, c; int triangolo, scaleno=0, isoscele=0, equilatero=0; scanf( %f, &a); scanf( %f, &b); scanf( %f, &c); triangolo = ((a+b)>c); if ((a+b)>c) triangolo=1; if (triangolo!=0) else triangolo=0; { if ((a==b) && (b==c)) equilatero=1; else if ((a==b) (b==c) (a==c)) isoscele=1; else scaleno=1; Programmazione - Michele Colajanni, 2006/ Esercizio 3 (nota) Sarebbe stato possibile utilizzare delle espressioni condizionali? un istruzione di scelta multipla switch invece di tanti if innestati? No! Perché: Si tratta di verificare condizioni innestate Si tratta di verificare condizioni complesse (uguaglianze multiple), non di semplici scelte da fare in base al valore di una espressione di selezione. Programmazione - Michele Colajanni, 2006/

25 Esercizio 3 (da completare e far eseguire) Completare l esercizio precedente mediante: Stampa del risultato: è un triangolo ovvero non è un triangolo Stampa il tipo di triangolo Programmazione - Michele Colajanni, 2006/ Esercizio 4 (Specifica) Dati tre valori a, b, c, rappresentanti i coefficienti di un equazione di secondo grado a x 2 + b x + c = 0, calcolare le due radici (se reali) Programmazione - Michele Colajanni, 2006/

26 Esercizio 4 (Algoritmo) Calcolare il valore: delta = b 2-4 a c Se delta 0 - calcolare d = delta - calcolare le due radici: x1 = - (b + d) / 2a x2 = - (b - d) / 2a Altrimenti le radici sono complesse e non bisogna calcolarle Programmazione - Michele Colajanni, 2006/ Esercizio 4 (Rappresentazione informazioni) Servono 3 variabili (float) per rappresentare i valori dei 3 coefficienti dell equazione: a, b, c Serve, poi, una variabile float per rappresentare delta (potrebbe essere utile, per chiarezza, utilizzare un altra variabile per rappresentare la radice quadrata di delta: d) Servono, infine, 2 variabili float per rappresentare le due radici dell equazione: x1, x2 Programmazione - Michele Colajanni, 2006/

27 Esercizio 4 (Programma) #include <math.h> main () { float a=1.0, b=2.0, c=-15.0; float delta, d, x1, x2; delta = b*b-4*a*c; if (delta>=0) { d = sqrt(delta); x1 = -(b+d)/(2*a); x2 = -(b-d)/(2*a); La direttiva al pre-processore #include<math.h> non è un istruzione C Ha lo scopo di rendere disponibili le funzioni matematiche, come sqrt(), fornite nella libreria math.h del linguaggio C Programmazione - Michele Colajanni, 2006/ Esercizio 5 (Specifica) Dato uno stipendio lordo, calcolare lo stipendio netto mensile (ipotizzando solo la tassazione IRPEF) Programmazione - Michele Colajanni, 2006/

28 Esercizio 5 (Algoritmo) Ipotesi semplificativa delle aliquote: Da 0 a euro esente Da a euro 20% Oltre % Se (stipendio_lordo <= 10000) allora stipendio_netto= stipendio_lordo Se (30000 >= stipendio_lordo > 10000) bisogna togliere esentasse e al residuo applicare l aliquota del 20% Se (stipendio_lordo > 30000) bisogna togliere esentasse, tra e applicare l aliquota del 20%, oltre l aliquota del 30% In tutti i casi: stipendio_mensile=stipendio_netto/12 Programmazione - Michele Colajanni, 2006/ Esercizio 3 (Rappresentazione informazioni) Servono 3 variabili (float) per rappresentare i valori dei 3 segmenti: a, b, c Serve, poi, una variabile logica (in C, di tipo int) per rappresentare il fatto se i 3 segmenti possono costituire o meno un triangolo: triangolo Servono, infine, 3 variabili logiche (in C, di tipo int) per rappresentare quale caratteristica del triangolo è vera: scaleno, isoscele, equilatero Programmazione - Michele Colajanni, 2006/

29 Ricordarsi dove si sbaglia frequentemente Operazioni matematiche e tipi di dato Divisione fra numeri int e divisione fra numeri reali (stesso simbolo /, ma differente significato) Significato e uso dell operazione di modulo (%) Operatore di assegnamento (=) e operatore di uguaglianza (==) Notazione prefissa e postfissa di ++ e - - negli assegnamenti Programmazione - Michele Colajanni, 2006/

::= ::= ::= ;

<istruzione> ::= <istruzione-semplice> <istruzione> ::= <istruzione-di-controllo> <istruzione-semplice> ::= <espressione> ; ISTRUZIONI Le istruzioni esprimono azioni che, una volta eseguite, comportano una modifica permanente dello stato interno del programma o del mondo circostante. Le strutture di controllo permettono di

Dettagli

ISTRUZIONI ISTRUZIONI

ISTRUZIONI ISTRUZIONI ISTRUZIONI Le istruzioni esprimono azioni che, una volta eseguite, comportano una modifica permanente dello stato interno del programma o del mondo circostante. Le strutture di controllo permettono di

Dettagli

Programmazione Strutturata. Programmazione Strutturata. Istruzione composta { } Istruzioni strutturate in C

Programmazione Strutturata. Programmazione Strutturata. Istruzione composta { } Istruzioni strutturate in C Programmazione strutturata (Dijkstra, 1969) La programmazione strutturata nasce come proposta per regolamentare e standardizzare le metodologie di programmazione. Obiettivo: rendere piu facile la lettura

Dettagli

Costanti e Variabili

Costanti e Variabili Parte 3 Costanti e Variabili Identificatori Un identificatore è un nome che viene associato a diverse entità (costanti, tipi, variabili, funzioni, ecc.) e serve ad identificare la particolare entità Gli

Dettagli

Le Strutture di controllo Del Linguaggio C. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni

Le Strutture di controllo Del Linguaggio C. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni Le Strutture di controllo Del Linguaggio C Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni STRUTTURE DI CONTROLLO PRIMITIVE SEQUENZA SELEZIONE (o scelta logica) ITERAZIONE NON PRIMITIVE

Dettagli

Un esempio per iniziare. Il controllo del programma in C. Altri cenni su printf() Esercizi (printf) printf( 8!=%d, fatt);

Un esempio per iniziare. Il controllo del programma in C. Altri cenni su printf() Esercizi (printf) printf( 8!=%d, fatt); Un esempio per iniziare Il controllo del programma in C DD Cap.3 pp.91-130 /* calcolo di 8!*/ #include #define C 8 int main() int i=1; int fatt=1; while (i

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica

Corso di Fondamenti di Informatica Corso di Fondamenti di Informatica Le classi di istruzioni in C++ 1 Le classi di istruzioni in C++ SEQUENZIALI Statement semplice Statement composto CONDIZIONALI if < expr.> else switch case

Dettagli

Tipi di dato primitivi

Tipi di dato primitivi Tipi di dato primitivi (oltre int) Tipi di dato primitivi int (già trattati) Valori logici (ricordati) Valori reali Valori carattere Informatica - A.A. 2009/2010 - Tipi di dato 2 1 Valori logici (il caso

Dettagli

PROGRAMMAZIONE STRUTTURATA

PROGRAMMAZIONE STRUTTURATA PROGRAMMAZIONE STRUTTURATA Programmazione strutturata 2 La programmazione strutturata nasce come proposta per regolamentare e standardizzare le metodologie di programmazione (Dijkstra, 1965) Obiettivo:

Dettagli

Il Linguaggio C. Caratteristiche. Caratteristiche. Esempio di programma in C. Tipi di dato primitivi in C. Dati

Il Linguaggio C. Caratteristiche. Caratteristiche. Esempio di programma in C. Tipi di dato primitivi in C. Dati Caratteristiche Il Linguaggio C Linguaggio sequenziale (lineare), imperativo, strutturato a blocchi usabile anche come linguaggio di sistema software di base sistemi operativi compilatori... FI - Algoritmi

Dettagli

INFORMATICA. Strutture iterative

INFORMATICA. Strutture iterative INFORMATICA Strutture iterative Strutture iterative Si dice ciclo (loop) una sequenza di istruzioni che deve essere ripetuta più volte consecutivamente. Si consideri ad esempio il calcolo del fattoriale

Dettagli

Linguaggio C - le strutture di controllo: sequenza, selezione, iterazione

Linguaggio C - le strutture di controllo: sequenza, selezione, iterazione Dipartimento di Elettronica ed Informazione Politecnico di Milano Informatica e CAD (c.i.) - ICA Prof. Pierluigi Plebani A.A. 2008/2009 Linguaggio C - le strutture di controllo: sequenza, selezione, iterazione

Dettagli

Unità Didattica 2 Linguaggio C. Espressioni, Operatori e Strutture linguistiche per il controllo del flusso

Unità Didattica 2 Linguaggio C. Espressioni, Operatori e Strutture linguistiche per il controllo del flusso Unità Didattica 2 Linguaggio C Espressioni, Operatori e Strutture linguistiche per il controllo del flusso 1 Espressioni e assegnazioni Le espressioni sono definite dalla grammatica: espressione = variabile

Dettagli

Laboratorio di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 7/11/2011. Prof. Raffaele Nicolussi

Laboratorio di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 7/11/2011. Prof. Raffaele Nicolussi Laboratorio di Informatica Ingegneria Clinica Lezione 7/11/2011 Prof. Raffaele Nicolussi FUB - Fondazione Ugo Bordoni Via del Policlinico, 147-00161 Roma Docente Raffaele Nicolussi rnicolussi@fub.it Lezioni

Dettagli

Esercizi Programmazione I

Esercizi Programmazione I Esercizi Programmazione I 9 Novembre 201 Esercizio 1 Valutare e dare il tipo delle seguenti espressioni condizionali. 1 char a= a, b= b ; // a ha v a l o r e decimale 97 2 i n t i= 1, j= 2 ; 3 double x=

Dettagli

Elementi lessicali. Lezione 4. La parole chiave. Elementi lessicali. Elementi lessicali e espressioni logiche. Linguaggi di Programmazione I

Elementi lessicali. Lezione 4. La parole chiave. Elementi lessicali. Elementi lessicali e espressioni logiche. Linguaggi di Programmazione I Lezione 4 Elementi lessicali e espressioni logiche Matricole 2-3 Elementi lessicali il linguaggio C ha un suo vocabolario di base i cui elementi sono detti token esistono 6 tipi di token: parole chiave

Dettagli

Linguaggio C. strutture di controllo: strutture iterative. Università degli Studi di Brescia. Docente: Massimiliano Giacomin

Linguaggio C. strutture di controllo: strutture iterative. Università degli Studi di Brescia. Docente: Massimiliano Giacomin Linguaggio C strutture di controllo: strutture iterative Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Elementi di Informatica e Programmazione Università di Brescia 1 Strutture iterative

Dettagli

Istruzioni Condizionali in C

Istruzioni Condizionali in C Concetti chiave Istruzioni Condizionali in C Tipi di Istruzioni Condizionali Espressioni Blocchi d istruzioni Istruzioni Condizionali: if-else Istruzioni Condizionali: switch-case Istruzione break Istruzioni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE: Le strutture di controllo

PROGRAMMAZIONE: Le strutture di controllo PROGRAMMAZIONE: Le strutture di controllo Prof. Enrico Terrone A. S: 2008/09 Le tre modalità La modalità basilare di esecuzione di un programma è la sequenza: le istruzioni vengono eseguite una dopo l

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. E un algebra basata su tre operazioni logiche

Algebra di Boole: Concetti di base. E un algebra basata su tre operazioni logiche Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

STRUTTURE DI CONTROLLO DEL C++

STRUTTURE DI CONTROLLO DEL C++ STRUTTURE DI CONTROLLO DEL C++ Le istruzioni if e else Le istruzioni condizionali ci consentono di far eseguire in modo selettivo una singola riga di codice o una serie di righe di codice (che viene detto

Dettagli

ESECUZIONE DI PROGRAMMI C SU MACCHINE REALI. Docente: Giorgio Giacinto AA 2008/2009. formalizzazione degli algoritmi in linguaggio C

ESECUZIONE DI PROGRAMMI C SU MACCHINE REALI. Docente: Giorgio Giacinto AA 2008/2009. formalizzazione degli algoritmi in linguaggio C Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile - Strutture FONDAMENTI DI INFORMATICA 2

Dettagli

Tipo carattere. Campo di variabilità. Intervallo finito. Tipo. Dimensione (byte) char

Tipo carattere. Campo di variabilità. Intervallo finito. Tipo. Dimensione (byte) char Tipo carattere Finora abbiamo lavorato con valori numerici. I numeri costituiscono molta parte del lavoro dei computer, ma non tutta. I computer sono macchine per il trattamento dell informazione e l informazione

Dettagli

Algoritmi e soluzione di problemi

Algoritmi e soluzione di problemi Algoritmi e soluzione di problemi Dato un problema devo trovare una soluzione. Esempi: effettuare una telefonata calcolare l area di un trapezio L algoritmo è la sequenza di operazioni (istruzioni, azioni)

Dettagli

Istruzioni iterative (o cicliche)

Istruzioni iterative (o cicliche) Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Istruzioni iterative (o cicliche) Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria

Dettagli

Algoritmi e basi del C Struttura di un programma

Algoritmi e basi del C Struttura di un programma Algoritmi e basi del C Struttura di un programma Marco D. Santambrogio marco.santambrogio@polimi.it Ver. aggiornata al 17 Marzo 2015 Compitini Compitini di INFO: 24 Aprile 2015 4.15pm @ C.G.1 (Ed. 9) 21

Dettagli

Come va usato il codice dei caratteri

Come va usato il codice dei caratteri Espressioni booleane Come va usato il codice dei caratteri Convertiamo una lettera minuscola in maiuscolo: char lower = k ; char upper = (char) (lower - a + A ); printf("%c", upper); Convertiamo un carattere

Dettagli

Introduzione alla programmazione in C(++)

Introduzione alla programmazione in C(++) Testi Testi Consigliati: Introduzione alla programmazione in C(++) A. Kelley & I. Pohl C didattica e programmazione A. Kelley & I. Pohl C didattica e programmazione B.W. Kernighan & D. D. M. M. Ritchie

Dettagli

ELEMENTI DI INFORMATICA L-B. Ing. Claudia Chiusoli

ELEMENTI DI INFORMATICA L-B. Ing. Claudia Chiusoli ELEMENTI DI INFORMATICA L-B Ing. Claudia Chiusoli Materiale Lucidi delle lezioni Date degli appelli Testi di esami precedenti Informazioni e contatti http://www.lia.deis.unibo.it/courses/ Programma del

Dettagli

Introduzione alla programmazione

Introduzione alla programmazione Introduzione alla programmazione Risolvere un problema Per risolvere un problema si procede innanzitutto all individuazione Delle informazioni, dei dati noti Dei risultati desiderati Il secondo passo consiste

Dettagli

Scelte ed alternative

Scelte ed alternative Istruzioni if- annidate Scelte ed alternative Istruzioni if- annidate Annidamento di istruzioni if- Opzionalità del ramo Catene if- if-...- Esercizio proposto erifica della soluzione 2 2006 Politecnico

Dettagli

Tipi di dato. Il concetto di tipo di dato viene introdotto per raggiungere due obiettivi:

Tipi di dato. Il concetto di tipo di dato viene introdotto per raggiungere due obiettivi: Tipi di dato Il concetto di tipo di dato viene introdotto per raggiungere due obiettivi: esprimere in modo sintetico la loro rappresentazione in memoria, e un insieme di operazioni ammissibili permettere

Dettagli

Esercitazione 3. Espressioni booleane I comandi if-else e while

Esercitazione 3. Espressioni booleane I comandi if-else e while Esercitazione 3 Espressioni booleane I comandi if-else e while Esercizio Si consideri la seguente istruzione: if (C1) if (C2) S1; else S2; A quali delle seguenti interpretazioni corrisponde? if (C1) if

Dettagli

Esercizi di programmazione in C

Esercizi di programmazione in C Esercizi di programmazione in C Esercizio 1 Scrivere un programma in linguaggio C che legga da tastiera una sequenza di lunghezza ignota a priori di numeri interi positivi. Il programma, a partire dal

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica Classi di istruzioni 2

Corso di Fondamenti di Informatica Classi di istruzioni 2 Corso di Informatica Classi di istruzioni 2 Anno Accademico 2010/2011 Francesco Tortorella Strutture di controllo Caratteristica essenziale degli algoritmi è la possibilità di decidere le operazioni da

Dettagli

Algoritmi e basi del C

Algoritmi e basi del C Algoritmi e basi del C Marco D. Santambrogio marco.santambrogio@polimi.it Ver. aggiornata al 3 O/obre 2013 Installation Party Dove: L.06 Quando: Sabato 12 Ottobre 9.00am - 12.00pm 2 WAT Il docente ha messo

Dettagli

Le strutture di controllo

Le strutture di controllo INFORMATICA B Ingegneria Elettrica Le strutture di controllo Selezione un esempio introduttivo Si disegni il diagramma di flusso di un algoritmo che chiede all utente un valore intero e visualizza il suo

Dettagli

6 - Blocchi e cicli. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo

6 - Blocchi e cicli. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo 6 - Blocchi e cicli Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://pages.di.unipi.it/milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

5 - Istruzioni condizionali

5 - Istruzioni condizionali 5 - Istruzioni condizionali Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

Strutture di Controllo

Strutture di Controllo Strutture di Controllo Informatica B Istruzioni condizionali #include int main() char c; printf("inserire il carattere maiuscolo: "); scanf("%c", &c); printf("la traduzione e' %c\n",c+32); return

Dettagli

Errori frequenti Cicli iterativi Array. Cicli e array. Laboratorio di Programmazione I. Corso di Laurea in Informatica A.A.

Errori frequenti Cicli iterativi Array. Cicli e array. Laboratorio di Programmazione I. Corso di Laurea in Informatica A.A. Cicli e array Laboratorio di Programmazione I Corso di Laurea in Informatica A.A. 2016/2017 Calendario delle lezioni Lez. 1 Lez. 2 Lez. 3 Lez. 4 Lez. 5 Lez. 6 Lez. 7 Lez. 8 - Introduzione all ambiente

Dettagli

Laboratorio di informatica Ingegneria Clinica. Esercitazione 2 10 Ottobre 2011

Laboratorio di informatica Ingegneria Clinica. Esercitazione 2 10 Ottobre 2011 Laboratorio di informatica Ingegneria Clinica Esercitazione 2 10 Ottobre 2011 Istruzioni Istruzioni di Input/Output Istruzioni di assegnamento Istruzioni di controllo Permettono di modificare il flusso

Dettagli

Espressioni ed operatori in C

Espressioni ed operatori in C Espressioni ed operatori in C Espressioni Il C è un linguaggio basato su espressioni Una espressione è una notazione che denota un valore mediante un processo di valutazione Una espressione può essere

Dettagli

JavaScript Core Language. Prof. Francesco Accarino IIS Atiero Spinelli Sesto San Giovanni via leopardi 132

JavaScript Core Language. Prof. Francesco Accarino IIS Atiero Spinelli Sesto San Giovanni via leopardi 132 JavaScript Core Language Prof. Francesco Accarino IIS Atiero Spinelli Sesto San Giovanni via leopardi 132 Condizioni L utilizzo di operatori relazionali e logici consente di formulare delle condizioni

Dettagli

Istruzioni Condizionali

Istruzioni Condizionali Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 1 Dispensa 6 Istruzioni Condizionali Carla Limongelli Settembre 2006 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf1/ Istruzioni condizionali

Dettagli

Espressioni semplici e condizionali

Espressioni semplici e condizionali LIA - DEIS - Facoltà di Ingegneria - Università di Bologna Elementi di informatica L Corso di laurea in Ingegneria Chimica - Anno Accademico 2007-2008 Espressioni semplici e condizionali Esercizio 1 Progettare

Dettagli

ESEMPIO: le variabili LETTURA/SCRITTURA DI VARIABILI. Specifica Leggere da tastiera un intero, un carattere, un float e un double. Stamparli a video.

ESEMPIO: le variabili LETTURA/SCRITTURA DI VARIABILI. Specifica Leggere da tastiera un intero, un carattere, un float e un double. Stamparli a video. ESEMPIO: le variabili LETTURA/SCRITTURA DI VARIABILI Specifica Leggere da tastiera un intero, un carattere, un float e un double. Stamparli a video. LETTURA/SCRITTURA DI VARIABILI Codice #include

Dettagli

Corso di Fondamenti di Programmazione canale E-O ... Un esempio per iniziare. printf) Altri cenni su printf() Esercizi 8. (printf(

Corso di Fondamenti di Programmazione canale E-O ... Un esempio per iniziare. printf) Altri cenni su printf() Esercizi 8. (printf( Corso di Fondamenti di Programmazione canale E-O Tiziana Calamoneri Il controllo del programma in C DD Cap. 3, pp.91-130 Un esempio per iniziare /* calcolo di 8!*/ #define C 8 int i=1; int fatt=1; while

Dettagli

Struttura dei programmi C

Struttura dei programmi C Programmi C Struttura dei Programmi C Dichiarazione delle variabili Operazioni di Ingresso/Uscita Fondamenti di Informatica 1 Struttura dei programmi C Un programma C deve contenere, nell'ordine: una parte

Dettagli

Unità F1. Obiettivi. Il linguaggio C. Il linguaggio C++ Linguaggio C. Pseudolinguaggio. Primi programmi

Unità F1. Obiettivi. Il linguaggio C. Il linguaggio C++ Linguaggio C. Pseudolinguaggio. Primi programmi Obiettivi Unità F1 Primi programmi Conoscere il significato di dichiarazione e definizione di variabili Conoscere i tipi di dato numerici Essere in grado di realizzare semplici algoritmi in pseudolinguaggio

Dettagli

Strutture di Controllo. if () statement; if () statement; Istruzioni condizionali. Istruzione condizionale if.

Strutture di Controllo. if (<condizione>) statement; if (<condizione>) statement; Istruzioni condizionali. Istruzione condizionale if. Istruzioni condizionali 2 Strutture di Controllo Istruzioni in sequenza Cosa succede se il carattere inserite non è una lettera maiuscola? Istruzione condizionale if 3 Istruzione condizionale if 4 Consente

Dettagli

Esempio (if): equazione di secondo grado

Esempio (if): equazione di secondo grado Esempio (if): equazione di secondo grado /* Programma che calcola le radici di un equazione di secondo grado: ax2+bx+c=0 */ #include /*libreria standard matematica*/ main() { float a,b,c; /*coefficienti

Dettagli

Linguaggio C - sezione dichiarativa: costanti e variabili

Linguaggio C - sezione dichiarativa: costanti e variabili Dipartimento di Elettronica ed Informazione Politecnico di Milano Informatica e CAD (c.i.) - ICA Prof. Pierluigi Plebani A.A. 2008/2009 Linguaggio C - sezione dichiarativa: costanti e variabili La presente

Dettagli

Costrutti condizionali e iterativi

Costrutti condizionali e iterativi Costrutti condizionali e iterativi Introduction to Fortran 90 Paolo Ramieri, CINECA Aprile 2014 Strutture di controllo Le strutture di controllo permettono di alterare la sequenza di esecuzione delle istruzioni

Dettagli

ESECUZIONE DI PROGRAMMI C SU MACCHINE REALI. Docente: Giorgio Giacinto AA 2009/2010

ESECUZIONE DI PROGRAMMI C SU MACCHINE REALI. Docente: Giorgio Giacinto AA 2009/2010 Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile - Strutture FONDAMENTI DI INFORMATICA 2

Dettagli

Variabili. Unità 2. Domenico Daniele Bloisi. Corso di Programmazione e Metodi Numerici Ingegneria Aerospaziale BAER

Variabili. Unità 2. Domenico Daniele Bloisi. Corso di Programmazione e Metodi Numerici Ingegneria Aerospaziale BAER Corso di Programmazione e Metodi Numerici Ingegneria Aerospaziale BAER Domenico Daniele Bloisi Docenti Metodi Numerici prof. Vittoria Bruni vittoria.bruni@sbai.uniroma1.it Programmazione prof. Domenico

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE GLI ALGORITMI NOTAZIONE PER LA RAPPRESENTAZIONE DI UN ALGORITMO

RAPPRESENTAZIONE GLI ALGORITMI NOTAZIONE PER LA RAPPRESENTAZIONE DI UN ALGORITMO RAPPRESENTAZIONE GLI ALGORITMI NOTAZIONE PER LA RAPPRESENTAZIONE DI UN ALGORITMO Rappresentazione degli algoritmi Problema Algoritmo Algoritmo descritto con una qualche notazione Programma Defne del procedimento

Dettagli

IL PROBLEMA DEL PROGETTO

IL PROBLEMA DEL PROGETTO IL PROBLEMA DEL PROGETTO La descrizione del problema, in genere, non indica direttamente il modo per ottenere il risultato voluto (il procedimento risolutivo) Occorrono metodologie per affrontare il problema

Dettagli

Programmazione strutturata

Programmazione strutturata Programmazione strutturata C O P Y R I G H T ( C ) 2 0 0 8 W W W. F O N D A M E N T I. I N F O P E R M I S S I O N I S G R A N T E D T O C O P Y, D I S T R I B U T E A N D / O R M O D I F Y T H I S D O

Dettagli

$QDOLVLGHOSURJUDPPDTXDGUDWR

$QDOLVLGHOSURJUDPPDTXDGUDWR $QDOLVLGHOSURJUDPPDTXDGUDWR /* */ calcolare l area del quadrato #include main(){ int lato, area; printf("lato "); scanf("%d", &lato); if(lato < 0) printf("errore nei dati \n"); else { area =

Dettagli

Esercitazione 4. Comandi iterativi for, while, do-while

Esercitazione 4. Comandi iterativi for, while, do-while Esercitazione 4 Comandi iterativi for, while, do-while Comando for for (istr1; cond; istr2) istr3; Le istruzioni vengono eseguite nel seguente ordine: 1) esegui istr1 2) se cond è vera vai al passo 3 altrimenti

Dettagli

Elaboratore Elettronico

Elaboratore Elettronico L ELABORATORE ELETTRONICO Il calcolatore elettronico è uno strumento in grado di eseguire insiemi di azioni ( mosse ) elementari le azioni vengono eseguite su oggetti (dati)) per produrre rre altri oggetti

Dettagli

Fondamenti di Informatica T. Linguaggio C: Istruzioni Strutturate

Fondamenti di Informatica T. Linguaggio C: Istruzioni Strutturate Linguaggio C: Istruzioni Strutturate Programmazione strutturata (Dijkstra, 1969) La programmazione strutturata nasce come proposta per regolamentare e standardizzare le metodologie di programmazione. Obiettivo:

Dettagli

Linguaggio C. Generalità sulle Funzioni. Variabili locali e globali. Passaggio di parametri per valore.

Linguaggio C. Generalità sulle Funzioni. Variabili locali e globali. Passaggio di parametri per valore. Linguaggio C Generalità sulle Funzioni. Variabili locali e globali. Passaggio di parametri per valore. 1 Funzioni Generalizzazione del concetto di funzione algebrica: legge che associa a valori delle variabili

Dettagli

Diagrammi a blocchi 1

Diagrammi a blocchi 1 Diagrammi a blocchi 1 Sommario Diagrammi di flusso, o a blocchi. Analisi strutturata. Esercizi. 2 Diagrammi a blocchi È un linguaggio formale di tipo grafico per rappresentare gli algoritmi. Attraverso

Dettagli

Corso di Informatica. Problemi ed algoritmi. Ing Pasquale Rota

Corso di Informatica. Problemi ed algoritmi. Ing Pasquale Rota Corso di Problemi ed algoritmi Ing Pasquale Rota Argomenti Problemi ed algoritmi Proprietà degli algoritmi Pseucodice Diagrammi di flusso Problemi ed algoritmi - Ing. Pasquale Rota 2 Proprietà degli algoritmi

Dettagli

7. Strutture di controllo

7. Strutture di controllo Corso di Fondamenti di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale (L-Z) 7. Ing. Michele Ruta 1 di 17 Indice Istruzioni di selezione Mappate dal costrutto switch Istruzioni cicliche (di iterazione)

Dettagli

Fondamenti di Programmazione. Strutture di controllo

Fondamenti di Programmazione. Strutture di controllo Fondamenti di Programmazione Strutture di controllo 1! Controllo del flusso! n Flusso di esecuzione: ordine in cui le istruzioni di un programma sono eseguite! n Salvo contrordini, è in sequenza! n Due

Dettagli

linguaggio di programmazione e programma

linguaggio di programmazione e programma I/O bus CPU memoria elementi di Sistemi Informatici il segnale digitale: conversione analogico-numerica esempi di supporti di memorizzazione dell informazione computer: definizione e struttura (modello

Dettagli

Matlab. Istruzioni condizionali, cicli for e cicli while.

Matlab. Istruzioni condizionali, cicli for e cicli while. Matlab. Istruzioni condizionali, cicli for e cicli while. Alvise Sommariva Università degli Studi di Padova Dipartimento di Matematica 17 marzo 2016 Alvise Sommariva Introduzione 1/ 18 Introduzione Il

Dettagli

Gli Operatori. Linguaggio C. Gli Operatori. Esempi sull uso dell Operatore di Assegnamento. L Operatore di Assegnamento

Gli Operatori. Linguaggio C. Gli Operatori. Esempi sull uso dell Operatore di Assegnamento. L Operatore di Assegnamento Linguaggio C Gli Operatori Gli Operatori Gli operatori sono simboli (sia singoli caratteri che loro combinazioni) specificano come devono essere manipolati gli operandi dell espressione Operatori aritmetici

Dettagli

Tempo di vita e scope delle variabili

Tempo di vita e scope delle variabili Tempo di vita e scope delle variabili Richiami sulla struttura di un programma C Un programma C deve essere contenuto in uno o più file (salvo diversa specifica, per ora si assume tutto in un unico file):

Dettagli

Laboratorio Progettazione Web Il linguaggio PHP Le Istruzioni. Andrea Marchetti IIT-CNR AA 2015/2016

Laboratorio Progettazione Web Il linguaggio PHP Le Istruzioni. Andrea Marchetti IIT-CNR AA 2015/2016 Laboratorio Progettazione Web Il linguaggio PHP Le Istruzioni Andrea Marchetti IIT-CNR andrea.marchetti@iit.cnr.it AA 2015/2016 Ambiente di test PHP online per avere un interprete PHP Php Online PHP Tester

Dettagli

Laboratorio di programmazione

Laboratorio di programmazione Laboratorio di programmazione Lezione II Tatiana Zolo zolo@cs.unipr.it 1 IL PROGRAMMA C++ Istruzioni (espressioni terminate da ; ) istruzioni di dichiarazione (es. int x = 0;); istruzioni di assegnamento

Dettagli

Sviluppo di programmi

Sviluppo di programmi Sviluppo di programmi Per la costruzione di un programma conviene: 1. condurre un analisi del problema da risolvere 2. elaborare un algoritmo della soluzione rappresentato in un linguaggio adatto alla

Dettagli

Linguaggio C: introduzione

Linguaggio C: introduzione Dipartimento di Elettronica ed Informazione Politecnico di Milano Informatica e CAD (c.i.) - ICA Prof. Pierluigi Plebani A.A. 2008/2009 Linguaggio C: introduzione La presente dispensa e da utilizzarsi

Dettagli

LA METAFORA DELL UFFICIO

LA METAFORA DELL UFFICIO LA METAFORA DELL UFFICIO Lavagna di lavoro Lavagna di programma Sportello utenti Impiegato Capo Ufficio LAVAGNA DI LAVORO Chiamiamo variabili le posizioni sulla lavagna, identificate ognuna da un nome

Dettagli

Le basi del linguaggio Java

Le basi del linguaggio Java Le basi del linguaggio Java Compilazione e interpretazione Quando si compila il codice sorgente scritto in Java, il compilatore genera il codice compilato, chiamato bytecode. È un codice generato per una

Dettagli

Lezione 7: La Formalizzazione degli Algoritmi - Strutture di Controllo e Selettive La Programmazione Strutturata (3 p) Giovedì 21 Ottobre 2010

Lezione 7: La Formalizzazione degli Algoritmi - Strutture di Controllo e Selettive La Programmazione Strutturata (3 p) Giovedì 21 Ottobre 2010 Università di Salerno Corso di FONDAMENTI DI INFORMATICA Corso di Laurea Ingegneria Corso B Docente : Ing. Anno Accademico 2010-2011 Lezione 7: La Formalizzazione degli Algoritmi - Strutture di Controllo

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica AlgoBuild: Strutture selettive, iterative ed array Prof. Arcangelo Castiglione A.A. 2016/17 AlgoBuild : Strutture iterative e selettive OUTLINE Struttura selettiva Esempi Struttura

Dettagli

Realizzare un programma che legga da input tre numeri interi e stampi a video la loro somma e la media.

Realizzare un programma che legga da input tre numeri interi e stampi a video la loro somma e la media. Esercizio 1 Realizzare un programma che legga da input tre numeri interi e stampi a video la loro somma e la media. #include Esercizio 1 - Soluzione int main() int num1, num2, num3, somma; float

Dettagli

Laboratorio Progettazione Web Il linguaggio PHP Lezione 6. Andrea Marchetti IIT-CNR 2011/2012

Laboratorio Progettazione Web Il linguaggio PHP Lezione 6. Andrea Marchetti IIT-CNR 2011/2012 Laboratorio Progettazione Web Il linguaggio PHP Lezione 6 Andrea Marchetti IIT-CNR andrea.marchetti@iit.cnr.ita 2011/2012 Assegnamento L assegnamento ad una variabile è il classico variabile = valore;

Dettagli

unità didattica 3 Le strutture condizionali e le strutture iterative

unità didattica 3 Le strutture condizionali e le strutture iterative unità didattica 3 Le strutture condizionali e le strutture iterative 1. La struttura condizionale Il Pascal prevede la codifica della struttura condizionale (indicata anche con il nome di struttura dell

Dettagli

Introduzione alla programmazione Algoritmi e diagrammi di flusso. Sviluppo del software

Introduzione alla programmazione Algoritmi e diagrammi di flusso. Sviluppo del software Introduzione alla programmazione Algoritmi e diagrammi di flusso F. Corno, A. Lioy, M. Rebaudengo Sviluppo del software problema idea (soluzione) algoritmo (soluzione formale) programma (traduzione dell

Dettagli

print((math.floor(1345/10)%10); print (Math.floor(1345/100)%10); Le funzioni in JavaScript

print((math.floor(1345/10)%10); print (Math.floor(1345/100)%10); Le funzioni in JavaScript Funzioni Funzioni predefinite della libreria matematica Funzioni disponibili: Math.sqrt(x) radice quadrata Math.log(x) logaritmo naturale in base e di x Math.abs(x) valore assoluto di x Math.ceil(x) arrotonda

Dettagli

Formalismi per la descrizione di algoritmi

Formalismi per la descrizione di algoritmi Formalismi per la descrizione di algoritmi Per descrivere in passi di un algoritmo bisogna essere precisi e non ambigui Il linguaggio naturale degli esseri umani si presta a interpret non univoche Si usano

Dettagli

Switch. Unità 3. Corso di Laboratorio di Informatica Ingegneria Clinica BCLR. Domenico Daniele Bloisi

Switch. Unità 3. Corso di Laboratorio di Informatica Ingegneria Clinica BCLR. Domenico Daniele Bloisi Corso di Ingegneria Clinica BCLR Domenico Daniele Bloisi Docente Ing. Domenico Daniele Bloisi, PhD Ricercatore Dipartimento di Ingegneria Informatica, Automatica e Gestionale Antonio Ruberti Via Ariosto

Dettagli

Istruzioni iterative. Istruzioni iterative

Istruzioni iterative. Istruzioni iterative Istruzioni iterative Esempio: Leggere 5 interi, calcolarne la somma e stamparli. Variante non accettabile: 5 variabili, 5 istruzioni di lettura, 5... int i1, i2, i3, i4, i5; scanf("%d", &i1):... scanf("%d",

Dettagli

Strutture Dati Dinamiche

Strutture Dati Dinamiche Strutture Dati Dinamiche Motivazioni Le variabili considerate fino a questo punto devono essere dichiarate staticamente, ossia la loro esistenza, il loro nome e la loro dimensione devono essere previsti

Dettagli

Espressione di chiamata di funzione

Espressione di chiamata di funzione Avvertenza Quanto segue NON è un libro, ma è una copia dei lucidi usati a lezione che NON sostituisce i libri di testo adottati e consigliati per l insegnamento di Informatica Generale. Questa copia è

Dettagli

Istruzioni di ripetizione in Java 1

Istruzioni di ripetizione in Java 1 in Java Corso di laurea in Informatica Le istruzioni di ripetizione consentono di eseguire molte volte la stessa Si chiamano anche cicli Come le istruzioni condizionali, i cicli sono controllati da espressioni

Dettagli

Funzioni. (Dichiarazione, Prototipo, Chiamata) Concetto di funzione

Funzioni. (Dichiarazione, Prototipo, Chiamata) Concetto di funzione Funzioni (Dichiarazione, Prototipo, Chiamata) Concetto di funzione L astrazione di funzione è presente in tutti i linguaggi di programmazione di alto livello. Una funzione è un componente software che

Dettagli

Tipi elementari, costanti. Tipi di dati. VALORI: un insieme dei valori del tipo OPERAZIONI: per operare su tali valori. Tipi. intero reale carattere

Tipi elementari, costanti. Tipi di dati. VALORI: un insieme dei valori del tipo OPERAZIONI: per operare su tali valori. Tipi. intero reale carattere Tipi elementari, costanti 1 Tipi di dati VALORI: un insieme dei valori del tipo OPERAZIONI: per operare su tali valori Tipi Semplici intero reale carattere Strutturati 2 1 Tipo intero Gli interi servono

Dettagli

Gocce di Java. Gocce di Java. Selezione e ripetizione. Pierluigi Crescenzi. Università degli Studi di Firenze

Gocce di Java. Gocce di Java. Selezione e ripetizione. Pierluigi Crescenzi. Università degli Studi di Firenze Gocce di Java Pierluigi Crescenzi Università degli Studi di Firenze Variabili ed espressioni Booleane Variabile booleana: può assumere valore true o false Espressione Booleana: valore di ritorno true o

Dettagli

Diagrammi a blocchi 1

Diagrammi a blocchi 1 Diagrammi a blocchi 1 Sommario Diagrammi di flusso, o a blocchi." Analisi strutturata." Esercizi. 2 Diagrammi a blocchi È un linguaggio formale di tipo grafico per rappresentare gli algoritmi." Attraverso

Dettagli

Visibilità e tempo di vita delle variabili. (più sintesi di alcuni concetti della prima parte del corso)

Visibilità e tempo di vita delle variabili. (più sintesi di alcuni concetti della prima parte del corso) Visibilità e tempo di vita delle variabili (più sintesi di alcuni concetti della prima parte del corso) Struttura dei programmi C/C++ Un programma C/C++ deve essere contenuto in uno o più file (per ora

Dettagli

Tipi di dato. Le variabili in C. Problema: dato in input un carattere, se esso è una lettera minuscola, trasformarla in maiuscola.

Tipi di dato. Le variabili in C. Problema: dato in input un carattere, se esso è una lettera minuscola, trasformarla in maiuscola. Tipi di dato Le variabili in C KP Cap.3 pp.95-129 Cap.5 pp.190-193 DD Cap. 9 pp.352-355 Abbiamo già parlato delle variabili, ed abbiamo fin ora usato il tipo int, ma abbiamo molte altre possibiltà I tipi

Dettagli

Tipi elementari, costanti. Tipi di dati. VALORI: un insieme dei valori del tipo OPERAZIONI: per operare su tali valori. Tipi. intero reale carattere

Tipi elementari, costanti. Tipi di dati. VALORI: un insieme dei valori del tipo OPERAZIONI: per operare su tali valori. Tipi. intero reale carattere Tipi elementari, costanti 1 Tipi di dati VALORI: un insieme dei valori del tipo OPERAZIONI: per operare su tali valori Tipi Semplici intero reale carattere Strutturati 2 1 Tipo intero Gli interi servono

Dettagli

Istruzioni di Ciclo. Unità 4. Domenico Daniele Bloisi

Istruzioni di Ciclo. Unità 4. Domenico Daniele Bloisi Corso di Fondamenti di Informatica Ingegneria delle Comunicazioni BCOR Ingegneria Elettronica BELR Domenico Daniele Bloisi Docenti Parte I prof. Silvio Salza salza@dis.uniroma1.it http://www.dis.uniroma1.it/~salza/fondamenti.htm

Dettagli

Scienza dei calcolatori elettronici (Computer Science) Scienza dell informazione. è uno strumento in grado di eseguire insiemi di azioni elementari.

Scienza dei calcolatori elettronici (Computer Science) Scienza dell informazione. è uno strumento in grado di eseguire insiemi di azioni elementari. Esistono varie definizioni: Informatica Scienza dei calcolatori elettronici (Computer Science) Scienza dell informazione Definizione proposta: Scienza della rappresentazione e dell elaborazione dell informazione.

Dettagli