ETICA,CACCIA, UMANI ED ALTRI ANIMALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ETICA,CACCIA, UMANI ED ALTRI ANIMALI"

Transcript

1 ETICA,CACCIA, UMANI ED ALTRI ANIMALI Elementi di riflessione per capire meglio qual è il nostro rapporto con gli altri umani e tutti gli altri esseri viventi

2 DEFINIZIONE DI ETICA Il termine deriva dal greco εθος, ovvero condotta, carattere, consuetudine

3 L ETICA E UNA BRANCA DELLA FILOSOFIA Studia i fondamenti che permettono di distinguere comportamenti umani buoni e giusti, o moralmente leciti, rispetto a quelli ritenuti cattivi, o moralmente inappropriati.

4 L Etica non è un concetto assoluto ed universale. Ogni comunità umana ha la sua etica, che non rimane sempre uguale, ma subisce modificazioni con il tempo e con i mutamenti del comune sentire.

5 Certi concetti etici mutano in modo abbastanza rapido Pensiamo che fino alla seconda metà del 1800 negli USA era perfettamente etico e normale possedere schiavi.

6 Tutti i popoli del mondo hanno cacciato ed ancora oggi cacciano. In certe comunità primitive, la caccia ha ancora un ruolo fondamentale per il procacciamento del cibo.

7 Gli sportivi di varie discipline spesso erano cacciatori e ne facevano vanto.

8

9 Cacciare per divertimento è etico al tempo attuale? La risposta possibile è che, oggi, chi caccia ha conservato nel suo patrimonio genetico un istinto che è sempre stato, ANCHE, una passione.

10 Non caccio per uccidere, uccido per aver cacciato. Se, invece di ordire utopistiche supposizioni, ci atteniamo ai fatti, scopriamo, lo si voglia o no, con simpatia o stizza, che l occupazione piacevole più apprezzata dall uomo normale è stata la caccia. È ciò che di preferenza han fatto re e nobili: cacciare. Ma accade che lo stesso han fatto o desiderato di fare pressoché tutte le classi sociali, fino al punto che grosso modo le occupazioni piacevoli dell uomo normale si possono restringere a quattro categorie: caccia, danza, sport e conversazione Insomma, non si va a caccia per uccidere; al contrario, si uccide per aver cacciato. Se a cacciatore la morte dell animale fosse offerta in dono, egli vi rinunzierebbe. (José Ortega y Gasset)

11 FARE L AMORE NON SERVE PIU PER LA RIPRODUZIONE Se fare l amore non fosse così piacevole, l Umanità si sarebbe da tempo estinta. Altrettanto può dirsi per la caccia che ha fornito agli esseri umani proteine nobili, e, soprattutto, accrescimento cognitivo.

12 Cosa c è dunque di etico nella caccia?

13 Definiamo un essere vivente Quali sono le caratteristiche che lo differenziano dalle cose inanimate?

14 INIZIAMO DALLE DIFFERENZE Quali sono le differenze tra queste

15 questo

16 questo..

17 questo

18 oppure questo?

19 LE DIFFERENZE SONO MOLTE: Questi sono vegetali

20 ed anche questi lo sono

21 Per non dir di questo

22 Questo invece è un animale Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Philum: Chordata Subphilum: Vertebrata Classe: Mammalia Sottoclasse: Eutheria Ordine: Primates Sottordine: Haplorrhini Superfamiglia: Hominoidae Famiglia: Hominidae Genere: Homo Specie: Homo sapiens Sottospecie: Homo sapiens sapiens

23 E pure questo lo è, ma ben diverso Gallo Cedrone (Tetrao Urogallus)

24 Tutti sono diversi fra loro ma tutti hanno un unico comune denominatore: SONO TUTTI VIVI!

25 UN ESSERE VIVENTE E UN ORGANISMO CHE NASCE, SI NUTRE, CRESCE, SI RIPRODUCE E MUORE

26 Possiamo dire altre cose. Ad esempio che un organismo vivente respira ed ha una circolazione - sanguigna o linfatica che sia - e che per la riproduzione unisce gameti maschili e femminili.

27 Sotto il profilo della vita non vi sono differenze tra animali e piante

28 Alcune piante hanno addirittura un sistema nervoso relativamente sviluppato La mia Mimosa Pudica, ad esempio, chiude rapidamente le sue foglie al semplice tatto

29 Tutti sono vivi e tutti hanno il medesimo diritto alla vita. Ma questo è un diritto assoluto?

30 Per rispondere a questa domanda bisogna fare ulteriori considerazioni: La quantità di vita sulla terra è infinita? Può aumentare e crescere indefinitamente?

31 LA RISPOSTA E NO! LA RISPOSTA E NO! La biomassa, vale a dire il peso della materia vivente, è sempre la medesima da quando sulla Terra è nata la vita. Il numero degli atomi di materia vivente è sempre quello e si sposta da una specie all altra, da un singolo organismo all altro a seconda delle condizioni e delle situazioni

32 LA TERRA E UN SISTEMA CHIUSO LA TERRA E UN SISTEMA CHIUSO

33 Chi ha codificato questa circostanza? Antoine Laurent de Lavoisier

34 LA LEGGE DI LAVOISIER Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma.

35 La sua lucidità scientifica non gli servì granché negli anni della rivoluzione francese, perché dopo un processo sommario i Giacobini lo condannarono

36 ALLA GHIGLIOTTINA!! Il giudice, a chi gli faceva notare che stava condannando un grande scienziato, rispose perentoriamente: La révolution n à pas besoin des savants

37 ALTRA LEGGE FONDAMENTALE: Ogni essere vivente ha bisogno di energia; l energia è data dal cibo; cibo è ogni altro essere vivente.

38 Perciò tutti gli esseri viventi, a loro modo, ne mangiano altri

39

40 Tutto quanto sopra per dire che: Al fine di rinnovare la materia vivente sulla Terra è necessario che gli organismi che la occupano per le rispettive parti, muoiano.

41 NECESSITA DELLA MORTE Benché sia spiacevole per i singoli soggetti che ne vengono colpiti, la morte è condizione necessaria perché ci sia la

42 Alla domanda che facevamo prima, vale a dire se il diritto alla vita sia o meno un diritto assoluto, la risposta non può essere che questa: Il diritto alla vita, che pure esiste per tutti i viventi, si trasforma ad un certo punto nel dovere di morire, perché altri possano vivere.

43 Pensiamoci, dunque: quando strappiamo un fiore, tagliamo un albero, calpestiamo un ragno, cacciamo un cervo,

44 quando cogliamo un fungo, schiacciamo un rospo sulla strada, uccidiamo una vipera, spariamo ad un camoscio,

45 ma anche quando semplicemente falciamo un campo di grano per il raccolto, pensiamo che stiamo strappando, potando, calpestando, cacciando, cogliendo, schiacciando, uccidendo, sparando e falciando esseri viventi PROPRIO COME NOI, ANCHE SE DIVERSI DA NOI

46 Per uccidere, non è necessario essere cacciatori. E sufficiente essere vivi, perché per ciascuno di noi che attualmente vive, qualche altro essere vivente ha dovuto morire al fine di consentirci di assorbire la sua energia.

47 E male tutto ciò? No, è semplicemente il grande cerchio della vita voluto dalla Natura e, come diceva l antica saggezza, Naturalia non sunt turpia

48 Nel film di Walt Disney Il Re Leone c è un momento fondamentale per capire ciò che stiamo dicendo.

49 Il fatto che la caccia sia lecita secondo le leggi dello stato e soprattutto secondo quelle naturali, non significa che si possa cacciare senza etica!

50 I cacciatori sono sì e no l 1% della popolazione Tutti gli altri a caccia non vanno e molti sono del tutto contrari alla caccia, anche se il più delle volte perché le loro convinzioni si basano su presupposti errati. Per di più la fauna selvatica appartiene alla collettività e dunque anche ai non cacciatori.

51 Pertanto, nel loro stesso interesse. È meglio se i cacciatori si comportano in modo etico, avendo rispetto per la fauna selvatica e secondo criteri tecnici e scientifici validi. E ciò per essere stimati dagli altri, ma prima di tutto per poter rispondere alla propria coscienza

52 Premesso quanto sopra, noi giornalisti, come dovremmo affrontare questi temi? Esattamente come dovremmo fare con tutti gli altri argomenti: dati di fatto e verità scientifiche. Dovremmo quantomeno fornire informazioni autentiche, basate su dati di fatto e non sulle nostre personali sensazioni o sulle fantasiose interpretazioni di persone non qualificate. E, comunque, informandoci prima noi, per non diffondere notizie prive di fondamento.

53

54 Quello a sinistra è un passero. Quello a destra, un Passero Solitario

55 Un evento raro. Una folaga, anatroccolo di colore nero col becco bianco, una specie protetta, è stata avvistata sul fiume Lemene in questi giorni. Dopo una rapida discesa fino al ponte del Rastrello, è risalita fino Portovecchio per la felicità dei bambini. (r.p.) 29 dicembre 2014 LA NUOVA VENEZIA

56 I cacciatori adesso vogliono sparare di più Nel mirino le «specie infestanti» dai cinghiali alle nutrie. In ballo gli indennizzi della Regione e la tassa per la tessera venatoria di Roberto Urizio TRIESTE. I cacciatori mettono mano al portafogli. Pagano il tesserino venatorio, ma vogliono anche usare di più la propria doppietta. E lo fanno richiamando all ordine la Regione, in «ritardo» sugli indennizzi per i danni causati dalla fauna selvatica e le tasse per il tesserino di caccia non utilizzate appieno per questo scopo. A sollevare la questione è il presidente di Federcaccia Udine, Adriano Piccoli, presente ad Agriest con al centro del dibattito il rapporto di collaborazione tra il mondo dell agricoltura e quello della caccia, «condizione indispensabile per realizzare una gestione rispettosa degli obiettivi del piano faunistico. I cacciatori, avendo a cuore l ambiente agricolo, conoscendo a fondo la fauna, i cicli della natura e come averne rispetto e mantenerli in equilibrio, vogliono contribuire alla tutela del comparto agricolo attraverso una gestione programmata e partecipata della caccia».

57 Gli obiettivi è facile intuirli. Ecco che i cacciatori, riferendosi alla fauna selvatica, parlano di «dimensioni allarmanti» con particolare riferimento all incremento del cinghiale e secondariamente del capriolo. Vogliono «controllare le popolazioni delle cosiddette specie problematiche (opportuniste e alloctone, altrimenti dette nocive)». E allora sotto anche a cornacchie grigie, piccioni, gazze che, «in contesti ambientali modificati dall uomo hanno avuto un significativo incremento numerico determinando una importante pressione predatoria su molte specie di passeriformi e nei confronti dei nidiacei di galliformi (fagiani, starne, quaglie), danneggiando altresì i raccolti di granaglie e le semine».

58 I cacciatori vogliono contribuire e, quindi, chiedono di sparare di più. Alle nutrie che «infestano i corsi d acqua ed i canali con il rischio concreto del crollo degli argini alla prima piena» ma anche ai cormorani, «presenti con grandi contingenti lungo i fiumi e nel contesto lagunare, che predano attivamente la fauna ittica di maggior pregio e creano gravissimi danni agli impianti di acquacoltura. Infine nel mirino c è lo storno, uccello protetto dall Unione europea che, sostengono, si è «moltiplicato in modo esponenziale creando notevole impatto alle coltivazioni della frutta ed ai vigneti».

59 E per raggiungere questi risultati «occorre consolidare l alleanza permeata da interessi comuni tra il cacciatore e l agricoltore». E qui entra in ballo anche una questione economica. Le norme regionali definiscono l indennizzo dei danni arrecati dalla fauna selvatica all agricoltura, al patrimonio zootecnico, alle opere approntate sui terreni coltivati e al pascolo, stabilendo che l importo massimo indennizzabile può arrivare fino all 80 per cento del danno stimato o accertato. Secondo l esponente di Federcaccia, «ogni anno i cacciatori versano alla regione la tassa di concessione per il rilascio del tesserino venatorio ma solo una parte di questi fondi viene destinata all originaria finalità. Le tasse di concessione regionale pagate dal mondo venatorio prosegue Piccoli hanno per legge una destinazione vincolata e dovrebbero essere integralmente destinate alla prevenzione e indennizzo dei danni provocati dalla fauna selvatica e alle iniziative di miglioramento ambientale per favorirne l insediamento, la salvaguardia e l incremento».

60 Secondo i numeri indicati da Federcaccia, invece, gli stanziamenti regionali negli ultimi anni sono sempre stati inferiori a quanto incassato dalla tassa per il tesserino di caccia: nel 2014 il Fondo per il miglioramento ambientale è stato finanziato con 800mila euro, a fronte di un milione di euro versati dai cacciatori; l'anno precedente lo scostamento è stato di 600 mila euro (900mila di tasse, 300mila inseriti nel Fondo), seguendo un trend che dal 2007, stando alle cifre di Federcaccia, è stato costante.

CAPITOLO I Principi generali. Art.1

CAPITOLO I Principi generali. Art.1 REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA PREVENZIONE, L ACCERTAMENTO ED IL RISARCIMENTO DEI DANNI CAUSATI ALLE OPERE ED ALLE COLTURE AGRICOLE E FORESTALI DALLA FAUNA SELVATICA E DALL ATTIVITÀ VENATORIA CAPITOLO

Dettagli

Elementi di etologia delle specie e di ecologia del territorio per il riconoscimento e trattamento delle specie

Elementi di etologia delle specie e di ecologia del territorio per il riconoscimento e trattamento delle specie Elementi di etologia delle specie e di ecologia del territorio per il riconoscimento e trattamento delle specie Inquadramento normativo e competenze: Oggetto della tutela Sono tutelate le popolazioni di

Dettagli

GLI ESSERI VIVENTI DALLA CELLULA ALLA CLASSIFICAZIONE. Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore

GLI ESSERI VIVENTI DALLA CELLULA ALLA CLASSIFICAZIONE. Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore GLI ESSERI VIVENTI DALLA CELLULA ALLA CLASSIFICAZIONE Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Tutti gli esseri viventi sono formati da cellule piccolissime e visibili solo al microscopio.

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

DOCUMENTO PROPOSTO DA PRO CINGHIALE E C.S.T. TOSCANA L INCOTRO A CASETTA DEL 23/10/2014

DOCUMENTO PROPOSTO DA PRO CINGHIALE E C.S.T. TOSCANA L INCOTRO A CASETTA DEL 23/10/2014 DOCUMENTO PROPOSTO DA PRO CINGHIALE E C.S.T. TOSCANA L INCOTRO A CASETTA DEL 23/10/2014 Vista l incresciosa situazione gestionale faunistico venatoria verificatasi in Toscana con l avvento della riforma

Dettagli

La catena alimentare. Sommario

La catena alimentare. Sommario La catena alimentare classe Istituto Comprensivo anno scolastico 2009/10 Sommario Che cos è la catena alimentare Il ciclo alimentare I produttori I consumatori primari I consumatori secondari I consumatori

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 20-08-1996 REGIONE UMBRIA

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 20-08-1996 REGIONE UMBRIA LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 20-08-1996 REGIONE UMBRIA Norme per l' attuazione del Fondo regionale per la prevenzione ed il risarcimento dei danni arrecati alla produzione agricola dalla fauna selvatica ed

Dettagli

PROGRAMMA VENATORIO. Annata 2013/2014. Linee Generali

PROGRAMMA VENATORIO. Annata 2013/2014. Linee Generali PROGRAMMA VENATORIO Annata 2013/2014 Linee Generali L art.9 comma 15 della L.R n. 27 del 13.8.98 dispone che, in attuazione del Piano faunistico venatorio regionale, la Giunta Regionale approva il programma

Dettagli

COORDINAMENTO DELLE ASSOCIAZIONI VENATORIE PIEMONTESI

COORDINAMENTO DELLE ASSOCIAZIONI VENATORIE PIEMONTESI COORDINAMENTO DELLE ASSOCIAZIONI VENATORIE PIEMONTESI OSSERVAZIONI E PROPOSTE MODIFICATIVE AL CALENDARIO VENATORIO REGIONALE 2015-2016 Il Coordinamento delle Associazioni Venatorie del Piemonte, presa

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE N 4 A BAROLINI VIA R PALEMONE, 20 CAP 36100-0444 500094-0444 504659 - segdidattica@ic4baroliniit CODICE FISCALE 80016410245

Dettagli

LUCA PEDROTTI FINALITA DELLA GESTIONE FAUNISTICA. LE SPECIE PROBLEMATICHE, TRA AREE PROTETTE E AREE VENATORIE

LUCA PEDROTTI FINALITA DELLA GESTIONE FAUNISTICA. LE SPECIE PROBLEMATICHE, TRA AREE PROTETTE E AREE VENATORIE LUCA PEDROTTI FINALITA DELLA GESTIONE FAUNISTICA. LE SPECIE PROBLEMATICHE, TRA AREE PROTETTE E AREE VENATORIE SPECIE (FAUNA) PROBLEMATICHE Popolazioni che esercitano un impatto significativo sull Ambiente

Dettagli

Legge regionale 29 luglio 2009, n. 17. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge:

Legge regionale 29 luglio 2009, n. 17. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge: Legge regionale 29 luglio 2009, n. 17 Norme per l attuazione del fondo regionale per la prevenzione e l indennizzo dei danni arrecati alla produzione agricola dalla fauna selvatica ed inselvatichita e

Dettagli

Oggetto: Domanda di contributo per l indennizzo dei danni arrecati dalla fauna selvatica alle produzioni agricole DICHIARA

Oggetto: Domanda di contributo per l indennizzo dei danni arrecati dalla fauna selvatica alle produzioni agricole DICHIARA Oggetto: Domanda di contributo per l indennizzo dei danni arrecati dalla fauna selvatica alle produzioni agricole IL SOTTOSCRITTO NATO A IL RESIDENTE A IN TELEFONO CELLULARE CODICE FISCALE PARTITA IVA

Dettagli

Da dove derivano i nostri cibi preferiti? Gli alimenti derivano in gran parte dall agricoltura e dall allevamento degli animali domestici

Da dove derivano i nostri cibi preferiti? Gli alimenti derivano in gran parte dall agricoltura e dall allevamento degli animali domestici Da dove derivano i nostri cibi preferiti? Gli alimenti derivano in gran parte dall agricoltura e dall allevamento degli animali domestici L AGRICOLTURA L'agricoltura è l'attività economica che consiste

Dettagli

REGIONE EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI PIACENZA

REGIONE EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI PIACENZA REGIONE EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI PIACENZA REGOLAMENTO INTERNO DELL A.T.C. PC/2 Il Consiglio Direttivo dell ATC PC/2 nella seduta del 11/11/2008 vista la lettera R dell art. 6 punto 13 dello Statuto

Dettagli

PROTOCOLLO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE AGLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA DELLE ZONE DI RIPOPOLAMENTO E CATTURA DELLA PROVINCIA DI FIRENZE

PROTOCOLLO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE AGLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA DELLE ZONE DI RIPOPOLAMENTO E CATTURA DELLA PROVINCIA DI FIRENZE Allegato A alla Deliberazione della Giunta Provinciale n. 513 del 19.12.2002 PROTOCOLLO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE AGLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA DELLE ZONE DI RIPOPOLAMENTO E CATTURA DELLA PROVINCIA

Dettagli

CALENDARIO VENATORIO RELATIVO ALL INTERO TERRITORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2015/2016

CALENDARIO VENATORIO RELATIVO ALL INTERO TERRITORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2015/2016 ALLEGATO A CALENDARIO VENATORIO RELATIVO ALL INTERO TERRITORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2015/2016 L esercizio venatorio nella stagione 2015/2016, è consentito con le seguenti modalità: 1) SPECIE E PERIODI

Dettagli

Base di lavoro. Idea principale

Base di lavoro. Idea principale Base di lavoro Idea principale «Gli esseri viventi vivono in relazione tra loro e con l ambiente che li ospita, all interno di particolari ecosistemi dotati di un equilibrio ben preciso. Tutti gli organismi

Dettagli

OGGETTO: Richiesta risarcimento danni arrecati alle produzioni agrarie (vegetali e animali) da fauna selvatica ricadenti nel Comune di.

OGGETTO: Richiesta risarcimento danni arrecati alle produzioni agrarie (vegetali e animali) da fauna selvatica ricadenti nel Comune di. PROVINCIA DI FROSINONE SETTORE AGRICOLTURA CACCIA E PESCA Piazza Gramsci, 13 03100 FROSINONE OGGETTO: Richiesta risarcimento danni arrecati alle produzioni agrarie (vegetali e animali) da fauna selvatica

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti.

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti. Scienze Competenze TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - Osserva con attenzione il suo corpo, L alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 17 aprile 2015, n. 803

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 17 aprile 2015, n. 803 20110 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 17 aprile 2015, n. 803 Indennizzi danni provocati da fauna selvatica protetta (Lupo Canis lupus). Indirizzi, criteri e autorizzazioni. L Assessore alle Risorse

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE ALLEGATO ALLA DELIBERA DI N./06 CALENDARIO VENATORIO 2006 2007 La stagione venatoria ha inizio il 2 settembre 2006 e termina il 31 gennaio 2007. Le specie di selvaggina cacciabili sono le seguenti: a)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di SCIENZE 2 QUADRIMESTRE CLASSE PRIMA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di SCIENZE 2 QUADRIMESTRE CLASSE PRIMA PROGRAMMAZIONE di SCIENZE 2 QUADRIMESTRE CLASSE PRIMA 2. L alunno riconosce e descrive i fenomeni fondamentali del mondo fisico, biologico e tecnologico. 1a. Osservare con attenzione il mondo circostante

Dettagli

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA po p i l i F ri Alleg Zurla G ia Barbi er i nluca Luca 2^C a.s. 2013/2014 COS È LA BIODIVERSITÀ È LA VARIETÀ DI SPECIE ANIMALI E VEGETALI PRESENTI NELLA BIOSFERA PERCHÉ

Dettagli

http://servizi-uffici.provincia.fc.it/en/web/flora-e-fauna/danni-invio-web

http://servizi-uffici.provincia.fc.it/en/web/flora-e-fauna/danni-invio-web A.T.C. FO-5 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE MODALITA DI FUNZIONAMENTO DEI FONDI DESTINATI AI CONTRIBUTI PER L INDENNIZZO DEI DANNI PRODOTTI DALLA FAUNA SELVATICA E ALL ACQUISTO DEI MEZZI DI PREVENZIONE DA DARE

Dettagli

Catene alimentari. Scuola primaria (4^-5^) e secondaria di 1 o grado

Catene alimentari. Scuola primaria (4^-5^) e secondaria di 1 o grado Catene alimentari Scuola primaria (4^-5^) e secondaria di 1 o grado Processi vitali Tutti gli animali sono caratterizzati da sette processi vitali: 1. Movimento - riescono a muovere il corpo 2. Respirazione

Dettagli

RILEVAMENTI ED ANALISI DEI DATI FAUNISTICI ED AMBIENTALI

RILEVAMENTI ED ANALISI DEI DATI FAUNISTICI ED AMBIENTALI RILEVAMENTI ED ANALISI DEI DATI FAUNISTICI ED AMBIENTALI Riferimenti normativi e tecnici. Gli INDIRIZZI REGIONALI PER LA PIANIFICAZIONE FAUNISTICO VENATORIA PROVINCIALE (allegato 6 INDIRIZZI PER LA GESTIONE

Dettagli

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA LA DIVERSITÀ BIOLOGICA Partiamo da noi Cosa conosco di questo argomento? Cosa si intende con biodiversità? Ma quante sono le specie viventi sul pianeta? ancora domande Come mai esistono tante diverse specie

Dettagli

D e c r e t a: Il regolamento sulla caccia e la protezione dei mammiferi e degli uccelli selvatici dell 11 luglio 2006 è così modificato:

D e c r e t a: Il regolamento sulla caccia e la protezione dei mammiferi e degli uccelli selvatici dell 11 luglio 2006 è così modificato: Regolamento sulla caccia e la protezione dei mammiferi e degli uccelli selvatici dell 11 luglio 2006; modifica (dell 8 luglio 2015) IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO D e c r e t a:

Dettagli

Regolamento di attuazione dell art. 55, comma 2 della Legge Regionale 06 agosto 2008, n. 20

Regolamento di attuazione dell art. 55, comma 2 della Legge Regionale 06 agosto 2008, n. 20 Regolamento di attuazione dell art. 55, comma 2 della Legge Regionale 06 agosto 2008, n. 20 (Approvato con D.G.R. n. 2203 del 29.12.2008) (Indennizzi per incidenti stradali provocati dalla fauna selvatica)

Dettagli

(Deliberazione del Comitato di Gestione n. 6 del 17/01/08 e successive modificazioni)

(Deliberazione del Comitato di Gestione n. 6 del 17/01/08 e successive modificazioni) AMBITO TERRITORIALE CACCIA ANCONA 2 REGOLAMENTO PER L INDENNIZZO DEI DANNI ARRECATI ALLA PRODUZIONE AGRICOLA DALLA FAUNA SELVATICA (Deliberazione del Comitato di Gestione n. 6 del 17/01/08 e successive

Dettagli

Dipartimento Ambiente

Dipartimento Ambiente Dipartimento Ambiente Arenzano, 20 marzo2015 Così come altrove, il ritorno del lupo in Liguria ha suscitato opinioni e sentimenti contrastanti. Da un lato soddisfazione e dall altro preoccupazione degli

Dettagli

LA DIMINUZIONE DRASTICA DEL NUMERO DI LEPRI IN RC E STRATEGIE DI TUTELA DELLA SPECIE

LA DIMINUZIONE DRASTICA DEL NUMERO DI LEPRI IN RC E STRATEGIE DI TUTELA DELLA SPECIE LA DIMINUZIONE DRASTICA DEL NUMERO DI LEPRI IN RC E STRATEGIE DI TUTELA DELLA SPECIE La lepre é uno degli animali storicamente legati alla storia della caccia nelle terre ceche. A partire dagli 70 si é

Dettagli

ELENCO MATERIALE DI SCIENZE

ELENCO MATERIALE DI SCIENZE ELENCO MATERIALE DI SCIENZE Disney - Esplora: tutto il mondo delle Scienze L acqua (ed. De Agostini Disney - Esplora: tutto il mondo delle Scienze Il pianeta Terra (ed. De Disney - Esplora: tutto il mondo

Dettagli

L Esposizione Universale, chiamata anche. EXPO, è una manifestazione che ha luogo ogni. Riunisce migliaia di persone che provengono

L Esposizione Universale, chiamata anche. EXPO, è una manifestazione che ha luogo ogni. Riunisce migliaia di persone che provengono L Esposizione Universale, chiamata anche EXPO, è una manifestazione che ha luogo ogni cinque anni. Riunisce migliaia di persone che provengono da tutto il mondo per parlare di un tema che riguarda tutti.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE SCIENZE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE SCIENZE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità e modi di

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ZONE DI ADDESTRAMENTO CANI E DELLE GARE CINO-VENATORIE

REGOLAMENTO DELLE ZONE DI ADDESTRAMENTO CANI E DELLE GARE CINO-VENATORIE REGOLAMENTO DELLE ZONE DI ADDESTRAMENTO CANI E DELLE GARE CINO-VENATORIE Approvato con delibera del Consiglio Provinciale n. 67 del 30 dicembre 2013 Pag. 1 di 11 ART. 1 Finalità 1. Il presente regolamento

Dettagli

Provincia di Sondrio

Provincia di Sondrio Regolamento per il controllo della fauna selvatica e inselvatichita, delle forme domestiche di specie selvatiche e delle forme inselvatichite di specie domestiche Approvato con deliberazione di consiglio

Dettagli

La gestione della piccola fauna stanziale: problemi e prospettive

La gestione della piccola fauna stanziale: problemi e prospettive La gestione della piccola fauna stanziale: problemi e prospettive Marco Ferretti ma.ferretti@provincia.pistoia.it Provincia di Pistoia Dati e indicazioni provenienti prevalentemente da ricerche svolte

Dettagli

Quanti animali! Mettiamo ordine

Quanti animali! Mettiamo ordine Quanti animali! Mettiamo ordine Quando... Classe III mangia, è mangiato Quanto... 3 mesi CON... Italiano Educazione all immagine Matematica COME... Immagini chiare e dettagliate Filmati :EARTH,OCEANI,LIFE

Dettagli

OGGETTO: Denuncia e richiesta di risarcimento danni causati dalla selvaggina e dell'attività venatoria.

OGGETTO: Denuncia e richiesta di risarcimento danni causati dalla selvaggina e dell'attività venatoria. (Scrivere in stampatello ed in modo leggibile) Spett.le Parco Nazionale delle Cinque Terre Via T. Signorini n.118 Riomaggiore OGGETTO: Denuncia e richiesta di risarcimento danni causati dalla selvaggina

Dettagli

COMPRENSORIO ALPINO TO 1 Valli Pellice, Chisone e Germanasca DANNI PROVOCATI DALLA FAUNA SELVATICA ALLE COLTURE AGRICOLE ANNO 2015

COMPRENSORIO ALPINO TO 1 Valli Pellice, Chisone e Germanasca DANNI PROVOCATI DALLA FAUNA SELVATICA ALLE COLTURE AGRICOLE ANNO 2015 COMPRENSORIO ALPINO TO 1 Valli Pellice, Chisone e Germanasca DANNI PROVOCATI DALLA FAUNA SELVATICA ALLE COLTURE AGRICOLE ANNO 2015 Elaborazioni A cura di GAYDOU Federica Tecnico faunistico del CATO1 Bricherasio,

Dettagli

LE MALATTIE GENETICHE CLASSE 3 C

LE MALATTIE GENETICHE CLASSE 3 C LE MALATTIE GENETICHE CLASSE 3 C Malattia causata da allele dominante Il nanismo acondroplastico è una malattia causata da un allele dominante; gli individui che ne sono affetti sono di statura molto bassa,

Dettagli

PROGETTO IO MI DIVERTO E SCOPRO CHE I QUATTRO ELEMENTI

PROGETTO IO MI DIVERTO E SCOPRO CHE I QUATTRO ELEMENTI PROGETTO IO MI DIVERTO E SCOPRO CHE I QUATTRO ELEMENTI FINALITA Sviluppare nei bambini una sensibilità nei confronti dell ambiente, con la consapevolezza che in un ecosistema tutto deve essere in equilibrio

Dettagli

R E G I O N E C A L A B R I A

R E G I O N E C A L A B R I A R E G I O N E C A L A B R I A ASSESSORATO AGRICOLTURA FORESTE FORESTAZIONE IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE VISTA la L.R. n 9/96; VISTA la L.R. n 1 del 11/01/2006 che all art. 12 comma 1 modifica la

Dettagli

Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA. Storie di uomini, alberi e animali. Dieci racconti e una riflessione. Disegni di Ernesto Roversi

Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA. Storie di uomini, alberi e animali. Dieci racconti e una riflessione. Disegni di Ernesto Roversi Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA Storie di uomini, alberi e animali Dieci racconti e una riflessione Disegni di Ernesto Roversi Gianpiero Andreatta, Il bosco racconta Copyright 2014 Edizioni del Faro

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONDUZIONE DI ZONE DI RIPOPOLAMENTO E CATTURA

REGOLAMENTO PER LA CONDUZIONE DI ZONE DI RIPOPOLAMENTO E CATTURA REGOLAMENTO PER LA CONDUZIONE DI ZONE DI RIPOPOLAMENTO E CATTURA (Delibera del CdG n. 53 del 26.04.2004 come modificata con delibera CdG n. 221 del 19.03.2007, n. 75 del 18.03.2013) SOMMARIO ART. 1 PREMESSA

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

Il Neolitico. Le nostre lontane origini. quando dove aspetto fisico abilità. Africa, Asia ed Europa meridionali.

Il Neolitico. Le nostre lontane origini. quando dove aspetto fisico abilità. Africa, Asia ed Europa meridionali. il testo: Uguali e diversi. Alle radici dell umanità. 01 Le nostre lontane origini L homo sapiens sapiens è comparso in Africa circa 40000 (quarantamila) anni fa. L homo sapiens è il risultato di una lunga

Dettagli

1) Quali delle seguenti leggi e norme regolano l ambito della caccia e della fauna selvatica?

1) Quali delle seguenti leggi e norme regolano l ambito della caccia e della fauna selvatica? Esame Venatorio Domande a quiz La presente raccolta di domande è finalizzata alla preparazione della prova teorica dell esame di caccia altoatesino. Le risposte corrette sono contrassegnate da una crocetta.

Dettagli

AGRIFONDO MUTUALISTICO ASSOCIAZIONE MUTUALISTICA DEI CONDIFESA DEL VENETO e FRIULI V.G. Padova Via F.S. Orologio 6 tel. 049-8077630 fax 049-8071324

AGRIFONDO MUTUALISTICO ASSOCIAZIONE MUTUALISTICA DEI CONDIFESA DEL VENETO e FRIULI V.G. Padova Via F.S. Orologio 6 tel. 049-8077630 fax 049-8071324 AGRIFONDO MUTUALISTICO ASSOCIAZIONE MUTUALISTICA DEI CONDIFESA DEL VENETO e FRIULI V.G. Padova Via F.S. Orologio 6 tel. 049-8077630 fax 049-8071324 REGOLAMENTO FONDO MUTUALISTICO DANNI DA ANIMALI SELVATICI

Dettagli

L ECOSISTEMA. Educazione ambientale

L ECOSISTEMA. Educazione ambientale L ECOSISTEMA Sai che cos è un ambiente? Il tuo ambiente, ad esempio, è il posto dove vivi ed è fatto dalla casa dove vivi, ma anche dalle persone, delle piante, degli animali che vi abitano. Un ambiente

Dettagli

MODELLO DOMANDA D INDENNIZZO PER DANNI CAUSATI DALLA FAUNA SELVATICA ALLE PRODUZIONI AGRO-FORESTALI, AL PATRIMONIO ZOOTECNICO E/O ALLE OPERE 1

MODELLO DOMANDA D INDENNIZZO PER DANNI CAUSATI DALLA FAUNA SELVATICA ALLE PRODUZIONI AGRO-FORESTALI, AL PATRIMONIO ZOOTECNICO E/O ALLE OPERE 1 MODELLO DOMANDA D INDENNIZZO PER DANNI CAUSATI DALLA FAUNA SELVATICA ALLE PRODUZIONI AGRO-FORESTALI, AL PATRIMONIO ZOOTECNICO E/O ALLE OPERE 1 Al Parco Naturale Regionale delle Serre Via Santa Rosellina

Dettagli

CATENE ALIMENTARI E RETI ALIMENTARI

CATENE ALIMENTARI E RETI ALIMENTARI CATENE ALIMENTARI E RETI ALIMENTARI Nella biologia, lo studio degli esseri viventi, è molto importante sapere chi mangia che cosa. Questa informazione serve per capire che tutti gli esseri viventi sono

Dettagli

Finalità. L offerta formativa prepara il selecontrollore per l iscrizione a due diverse sezioni dell Albo, a scelta del candidato:

Finalità. L offerta formativa prepara il selecontrollore per l iscrizione a due diverse sezioni dell Albo, a scelta del candidato: Dipartimento V Agricoltura ed ambiente rurale U.O. Ambiente rurale e naturale, gestione faunistica Provincia di Lodi Via Fanfulla, 14 26900 Lodi C.F. 92514470159 tel. 0371.442.1 fax 0371.416027 pec: provincia.lodi@pec.regione.lombardia.it

Dettagli

MUTAZIONI ED EVOLUZIONE

MUTAZIONI ED EVOLUZIONE MUTAZIONI ED EVOLUZIONE Durante la duplicazione del DNA possono verificarsi errori di copiatura se ad esempio al posto di una base azotata ne viene inserita un altra. In questo caso può succedere che cambi

Dettagli

Parere europeo sull'uso e il commercio degli animali Un sondaggio tra 2.407 abitanti di sei paesi europei Aprile 2014

Parere europeo sull'uso e il commercio degli animali Un sondaggio tra 2.407 abitanti di sei paesi europei Aprile 2014 Parere europeo sull'uso e il commercio degli animali Un sondaggio tra 2.407 abitanti di sei paesi europei Aprile 2014 1 Composizione del campione e metodologia Abacus Data ha appena completato un sondaggio

Dettagli

CENNI GENERALI SUGLI UNGULATI SELVATICI

CENNI GENERALI SUGLI UNGULATI SELVATICI indice Presentazione...8 Prefazione...11 Cenni generali sugli ungulati selvatici Introduzione...13 Distribuzione e consistenza...16 Biologia e comportamento in natura...28 Dinamica delle popolazioni...31

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO DANNI DA ANIMALI SELVATICI

FONDO MUTUALISTICO DANNI DA ANIMALI SELVATICI FONDO MUTUALISTICO DANNI DA ANIMALI SELVATICI PREMESSA La presenza di aree poco antropizzate quali i boschi, i corsi d acqua, le zone umide e quant altro in prossimità delle aree coltivate può determinare

Dettagli

Rapporto attività di Vigilanza nella Provincia di Ancona Nuclei Vigilanza Venatoria WWF-Legambiente

Rapporto attività di Vigilanza nella Provincia di Ancona Nuclei Vigilanza Venatoria WWF-Legambiente 2014 Rapporto attività di Vigilanza nella Provincia di Ancona Nuclei Vigilanza Venatoria WWF-Legambiente Si ringrazia per il supporto La Legambiente Marche Il WWF di Ancona Via IV Novembre 78 60018 Montemarciano

Dettagli

D.D.L. concernete "Disciplina del regime in deroga in attuazione della Direttiva 79/409/CEE" relativa alla conservazione degli uccelli selvatici.

D.D.L. concernete Disciplina del regime in deroga in attuazione della Direttiva 79/409/CEE relativa alla conservazione degli uccelli selvatici. D.D.L. concernete "Disciplina del regime in deroga in attuazione della Direttiva 79/409/CEE" relativa alla conservazione degli uccelli selvatici. TESTO Articolo 1 Finalità 1. La presente legge disciplina

Dettagli

Modulo Denuncia Sinistro ARCI CACCIA- Convenzione Ariscom Decesso e/o lesioni del cane di proprietà

Modulo Denuncia Sinistro ARCI CACCIA- Convenzione Ariscom Decesso e/o lesioni del cane di proprietà Modulo Denuncia Sinistro ARCI CACCIA- Convenzione Ariscom Per una gestione efficiente del sinistro si prega di compilare accuratamente il presente modulo in tutte le sue parti e di scrivere in stampatello,

Dettagli

La memoria delle terre alte. a colloquio con. www.gyp-monitoring.com/index.php; www.grand-paradis.it

La memoria delle terre alte. a colloquio con. www.gyp-monitoring.com/index.php; www.grand-paradis.it FOCUS ORIZZONTI La memoria delle terre alte Museo del gipeto a Rhême Notre-Dame a colloquio con Luisa Vuillermoz www.gyp-monitoring.com/index.php; www.grand-paradis.it A sinistra, Luisa Vuillermoz, Direttore

Dettagli

Collegio Arcivescovile A. Castelli Saronno Scuola primaria Anno scolastico 2011/12

Collegio Arcivescovile A. Castelli Saronno Scuola primaria Anno scolastico 2011/12 Collegio Arcivescovile A. Castelli Saronno Scuola primaria Anno scolastico 2011/12 Modulo per la progettazione e la programmazione didattica iniziale Classi : 2 A Insegnante Banfi Gabriella (Discipline:

Dettagli

Ramón Lucas Lucas SPIEGAMI. la persona

Ramón Lucas Lucas SPIEGAMI. la persona Ramón Lucas Lucas SPIEGAMI la persona 2012 Edizioni ART Titolo originale dell opera Explícame la persona 2ª edizione 2012 Via dei Del Balzo, 10-00165 ROMA Tel. 06 66 52 77 84 Fax 06 66 52 79 07 E- mail:

Dettagli

La BIODIVERSITA' Un delicato ed antico equilibrio da ristabilire

La BIODIVERSITA' Un delicato ed antico equilibrio da ristabilire Le schede tecniche di Giralafoglia La BIODIVERSITA' Un delicato ed antico equilibrio da ristabilire Il termine trae origine da una parola inglese biodiversity, che a sua volta deriva dalla contrazione

Dettagli

ISPEZIONE E CONTROLLO SELVAGGINA CACCIATA E ALLEVATA. Cenni di legislazione venatoria relativa agli aspetti sanitari

ISPEZIONE E CONTROLLO SELVAGGINA CACCIATA E ALLEVATA. Cenni di legislazione venatoria relativa agli aspetti sanitari ISPEZIONE E CONTROLLO SELVAGGINA CACCIATA E ALLEVATA Cenni di legislazione venatoria relativa agli aspetti sanitari Legge 11 febbraio 1992, n. 157 Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma

Dettagli

L utilità della biodiversità per l uomo

L utilità della biodiversità per l uomo L utilità della biodiversità per l uomo La biodiversità con le sue prestazioni rende possibile la vita sul nostro pianeta, ma è sempre più in pericolo. Oggi la maggior parte delle persone è troppo poco

Dettagli

Interessi legittimi: è l'evento dannoso il presupposto essenziale del risarcimento ( Cassazione, SS.UU. civile, sentenza 24.09.2004 n.

Interessi legittimi: è l'evento dannoso il presupposto essenziale del risarcimento ( Cassazione, SS.UU. civile, sentenza 24.09.2004 n. Interessi legittimi: è l'evento dannoso il presupposto essenziale del risarcimento ( Cassazione, SS.UU. civile, sentenza 24.09.2004 n. 19200 ) La lesione di un interesse legittimo, al pari di quella di

Dettagli

REGOLAMENTO per il risarcimento dei danni arrecati dalla fauna selvatica e dall attività venatoria alle produzioni agricole

REGOLAMENTO per il risarcimento dei danni arrecati dalla fauna selvatica e dall attività venatoria alle produzioni agricole AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA FIRENZE N. 5 REGOLAMENTO per il risarcimento dei danni arrecati dalla fauna selvatica e dall attività venatoria alle produzioni agricole A.T.C. FIRENZE 5 VIA CITTADELLA, 25/A

Dettagli

Il/Ia sottoscritto/a nato/a. il, residente a. in via/loc. e/o allevamento zootecnico sito in agro del Comune di

Il/Ia sottoscritto/a nato/a. il, residente a. in via/loc. e/o allevamento zootecnico sito in agro del Comune di Allegato A Alla Provincia di Bari Servizio Agricoltura, Caccia, Pesca, Risorse Via Amendola 189/b 70100 Bari DOMANDA DI CONTRIBUTO PER DANNI ARRECATI DALLA FAUNA SELVATICA ALLE PRODUZIONI AGRICOLE, ALLE

Dettagli

Tra diritti e doveri: alcune considerazioni sugli incidenti che coinvolgono gli animali selvatici. A cura di: Sandro Nicoloso

Tra diritti e doveri: alcune considerazioni sugli incidenti che coinvolgono gli animali selvatici. A cura di: Sandro Nicoloso Tra diritti e doveri: alcune considerazioni sugli incidenti che coinvolgono gli animali selvatici A cura di: Sandro Nicoloso Cosa dice il codice della strada? Art. 189. Comportamento in caso di incidente

Dettagli

COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita

COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita CORSO DI ABILITAZIONE ALLA CACCIA DI SELEZIONE AGLI UNGULATI RUMINANTI - 2013 - A cura di: Giordano Omar Tecnico faunistico C.A. CN2 RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE E

Dettagli

Critica al paradigma culturale scientifico dominante

Critica al paradigma culturale scientifico dominante Critica al paradigma culturale scientifico dominante Il pensiero scientifico si è evoluto nell'800 grazie soprattutto ad una impostazione di tipo metodologico, che poi gradatamente è diventata ideologica,

Dettagli

LA BOTTE PIENA E LA SERVA UBRIACA DELLA REGIONE VENETO

LA BOTTE PIENA E LA SERVA UBRIACA DELLA REGIONE VENETO COMUNICATO STAMPA ENPA PADOVA, GRIG VENETO, CPP, 6 gen. 16 LA BOTTE PIENA E LA SERVA UBRIACA DELLA REGIONE VENETO Con Deliberazione di Giunta Regionale n. 1100 del 18 agosto 2015 la Regione Veneto ha emanato

Dettagli

PERCORSO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE. Con la collaborazione con il Centro R.D.P. del Padule di Fucecchio

PERCORSO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE. Con la collaborazione con il Centro R.D.P. del Padule di Fucecchio PERCORSO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE Con la collaborazione con il Centro R.D.P. del Padule di Fucecchio SCUOLA PRIMARIA GALILEO GALILEI CLASSE 3A e 3B ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Le attività si sono svolte

Dettagli

SPECIE ANIMALI NOCIVE : EVOLUZIONE DI UN CONCETTO TRA ZOOLOGIA E GIURISPRUDENZA

SPECIE ANIMALI NOCIVE : EVOLUZIONE DI UN CONCETTO TRA ZOOLOGIA E GIURISPRUDENZA SPECIE ANIMALI NOCIVE : EVOLUZIONE DI UN CONCETTO TRA ZOOLOGIA E GIURISPRUDENZA Dott. Fabio Dall Osso Medico Veterinario e Dottore in Produzioni Animali e Controllo della Fauna Selvatica DEFINIAMO IL TERMINE

Dettagli

I parchi naturali. Fulco Pratesi DIFENSORI DELLA NATURA 384 PERCORSO INTERDISCIPLINARE: L AMBIENTE

I parchi naturali. Fulco Pratesi DIFENSORI DELLA NATURA 384 PERCORSO INTERDISCIPLINARE: L AMBIENTE DIFENSORI DELLA NATURA I parchi naturali Fulco Pratesi Notizie Un parco naturale è una zona di estensione variabile, ove si sul testo trovano riunite diverse caratteristiche naturali di elevata importanza,

Dettagli

ETICA AMBIENTALE. UNA PANORAMICA Università degli Studi di Bergamo 23 Maggio 2015, Bergamo. Matteo Andreozzi, PhD Università degli Studi di Milano

ETICA AMBIENTALE. UNA PANORAMICA Università degli Studi di Bergamo 23 Maggio 2015, Bergamo. Matteo Andreozzi, PhD Università degli Studi di Milano ETICA AMBIENTALE. UNA PANORAMICA Università degli Studi di Bergamo 23 Maggio 2015, Bergamo Matteo Andreozzi, PhD Università degli Studi di Milano COS È L ETICA? PRINCIPI E REGOLE DI COMPORTAMENTO ADOTTATE

Dettagli

Quaderno di educazione ambientale n. 3. Il mio Parco. Istituto Comprensivo Villasimius

Quaderno di educazione ambientale n. 3. Il mio Parco. Istituto Comprensivo Villasimius Quaderno di educazione ambientale n. 3 Il mio Parco anno scolastico 2004-2005 e 2005-2006 Agli studenti della scuola di Villasimius.. stimolare in loro il senso di responsabilità verso la natura e la nostra

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA VV1 A.T.C.VV1 Vibo Valentia

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA VV1 A.T.C.VV1 Vibo Valentia AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA VV1 A.T.C.VV1 Vibo Valentia Regolamento per l accertamento, la stima e il risarcimento dei danni, provocati dalla fauna selvatica, alle produzioni agricole all interno del

Dettagli

Premessa. Titolo I. Modalità per l accertamento, la stima e l indennizzo dei danni da fauna selvatica. Art. 1 Ambito di applicazione

Premessa. Titolo I. Modalità per l accertamento, la stima e l indennizzo dei danni da fauna selvatica. Art. 1 Ambito di applicazione Regolamento per l'indennizzo e la prevenzionedei danni causati alle produzioni agricole e al patrimonio zootecnico dalla fauna selvatica nel territorio del Parco. Regolamento per l indennizzo e la prevenzione

Dettagli

Il lupo è un mammifero appartenente alla famiglia dei canidi, come la volpe, lo sciacallo e il cane, di cui è un progenitore. Ci sono due specie di

Il lupo è un mammifero appartenente alla famiglia dei canidi, come la volpe, lo sciacallo e il cane, di cui è un progenitore. Ci sono due specie di Il lupo è un mammifero appartenente alla famiglia dei canidi, come la volpe, lo sciacallo e il cane, di cui è un progenitore. Ci sono due specie di lupo nel mondo: il lupo grigio (Canis Lupus) e il lupo

Dettagli

Collazione dei dati anni 2009 2010-2011 RAFFRONTO

Collazione dei dati anni 2009 2010-2011 RAFFRONTO - (Delibera Giunta Regionale n. 469/2009 Approvazione linee guida per la lotta agli avvelenamenti degli animali ) Bologna, 24 febbraio 2012 Collazione dei dati anni 2009 2010-2011 RAFFRONTO Comando Regionale

Dettagli

REGOLAMENTO 1. Art. 5 - Danni ammessi ad indennizzo per le opere approntate sui terreni

REGOLAMENTO 1. Art. 5 - Danni ammessi ad indennizzo per le opere approntate sui terreni All. alla del. N 12/2012 TESTO COORDINATO REGOLAMENTO 1 Regolamento per le procedure relative all indennizzo dei danni da fauna selvatica alle colture agro-forestali ed al patrimonio zootecniche ricadenti

Dettagli

VISITA DIDATTICA IN FATTORIA: PERCHE

VISITA DIDATTICA IN FATTORIA: PERCHE AZIENDA AGRICOLA CAROFIGLIO SIMONA Via Degli Alberi (S.C. 34) Casamassima Bari P.I. 07152230723 Tel: 347 7512300 e-mail: info@terradincontro.it VISITA DIDATTICA IN FATTORIA: PERCHE Le fattorie didattiche

Dettagli

proposta di legge n. 376

proposta di legge n. 376 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 376 a iniziativa del Consigliere Solazzi presentata in data 25 novembre 2013 TUTELA DEL PATRIMONIO ZOOTECNICO SOGGETTO A PREDAZIONE pdl 376 REGIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PREVENZIONE E L INDENNIZZO DEI DANNI CAUSATI DALLA FAUNA SELVATICA

REGOLAMENTO PER LA PREVENZIONE E L INDENNIZZO DEI DANNI CAUSATI DALLA FAUNA SELVATICA REGOLAMENTO PER LA PREVENZIONE E L INDENNIZZO DEI DANNI CAUSATI DALLA FAUNA SELVATICA Articolo 1 Principi a) Nel territorio della Riserva Naturale Pian di Spagna e Lago di Mezzola l indennizzo per i danni

Dettagli

Che cos è l agricoltura?

Che cos è l agricoltura? L agricoltura Che cos è l agricoltura? L agricoltura è la coltivazione del terreno. L agricoltura produce gli alimenti necessari agli uomini. L agricoltore semina e lavora la terra. Le piante crescono

Dettagli

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato 30/11/2014 1 IL DISCERNIMENTO Adattamento de Il discernimento. Una comunità cristiana

Dettagli

- che attualmente il Lazio è interessato da 6 aree protette nazionali e da 69 aree protette regionali

- che attualmente il Lazio è interessato da 6 aree protette nazionali e da 69 aree protette regionali OGGETTO: PROPOSTA DI ISTITUZIONE DEL MONUMENTO NATURALE ''LAGHETTO IN LOC. SEMBLERA MONTEROTONDO SCALO'' AI SENSI DELL'ART. 6 DELLA LEGGE REGIONALE 6 OTTOBRE 1997 N. 29 E SS.MM.II. - APPROVAZIONE DELLA

Dettagli

PRO CONTRO GENETICAMENTE MODIFICATO ORGANISMO

PRO CONTRO GENETICAMENTE MODIFICATO ORGANISMO ORGANISMO GENETICAMENTE MODIFICATO PRO CONTRO LA FAME NEL MONDO Il maggior utilizzo degli Ogm consentirà una maggiore produttività dei raccolti, garantendo cibo in abbondanza anche ai paesi più arretrati

Dettagli

Seriare e classificare oggetti in base alle loro proprietà. Osservare momenti significativi nella vita di piante e animali.

Seriare e classificare oggetti in base alle loro proprietà. Osservare momenti significativi nella vita di piante e animali. CLASSE PRIMA Sviluppa un atteggiamento di curiosità e di ricerca esplorativa. Sa raggruppare classificare e ordinare in base ad una caratteristica. Individuare la struttura di oggetti semplici e descriverli

Dettagli

SCIENZE CLASSE PRIMA

SCIENZE CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA IL MONDO ATTRAVERSO I CINQUE SENSI 1. Conoscere lo schema corporeo: individuare e denominare le parti principali del corpo umano. 2. Conoscere i cinque sensi: sperimentare, attraverso attività

Dettagli

Naturalmente fotografia

Naturalmente fotografia Naturalmente fotografia per parlare un po di fotografia naturalistica con gli amici del GFCR Di cosa parliamo Perché (i miei) naturalistica Soggetti Strumenti Tecniche Etica Luoghi Link Un po di immagini

Dettagli

David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale

David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale Parco Regionale dei Gessi Bolognesi e Calanchi dell Abbadessa Parchi e Riserve dell Emilia Romagna David Bianco - Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale Che cosa fa un Parco naturale?

Dettagli

FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA Università degli Studi di Udine per migliorare la qualità della vita degli animali e degli esseri umani

FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA Università degli Studi di Udine per migliorare la qualità della vita degli animali e degli esseri umani FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA Università degli Studi di Udine per migliorare la qualità della vita degli animali e degli esseri umani Il mondo degli animali è molto complesso ed affascinante ed offre

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI DANNI PRODOTTI DALLA FAUNA SELVATICA ALLE COLTURE AGRARIE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI DANNI PRODOTTI DALLA FAUNA SELVATICA ALLE COLTURE AGRARIE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI DANNI PRODOTTI DALLA FAUNA SELVATICA ALLE COLTURE AGRARIE (Delibera del CdG n. 176 del 11.04.2006, n. 67 del 06.03.2009, n. 78 del 20.03.2009, n. 267 del 14.03.2011, n.

Dettagli

Oggetto: Proposta di Piano Faunistico Venatorio regionale - Procedura di VAS - Procedura di Valutazione di Incidenza - Osservazioni.

Oggetto: Proposta di Piano Faunistico Venatorio regionale - Procedura di VAS - Procedura di Valutazione di Incidenza - Osservazioni. All Ufficio regionale di Deposito piani e progetti - Via Principe Amedeo n. 17-10123 Torino Alla Direzione Agricoltura della Regione Piemonte - Settore Tutela e gestione della fauna selvatica e acquatica

Dettagli

CURRICOLO DI SCIENZE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA

CURRICOLO DI SCIENZE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA CURRICOLO DI SCIENZE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA Esplorare e descrivere oggetti e materiali 1. Individuare, attraverso l interazione diretta, la struttura di oggetti semplici, analizzarne qualità e proprietà,

Dettagli