ETOILEPEDIA IL LEGAME CHIMICO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ETOILEPEDIA IL LEGAME CHIMICO"

Transcript

1 IL LEGAME CHIMICO La teoria quantistica ha introdotto il concetto di valenza, cioè della capacità di un atomo di formare un determinato numero di legami a seconda della propria configurazione elettronica; la disposizione elettronica in orbitali, quindi, consente di prevedere quanti legami potrà subire un atomo. L unione di due o più atomi attraverso legami porta alla formazione di MOLECOLE. I legami che formano le molecole si suddividono in 2 grandi categorie: LEGAMI IONICI LEGAMI COVALENTI Alla base della formazione di legami sta il principio che durante l unione di 2 atomi a formare un legame stabile avviene sempre una liberazione di energia e quindi il processo di formazione di legame è un processo SPONTANEO. Vediamo brevemente in dettaglio le caratteristiche dei due tipi di legame. LEGAME IONICO E il legame che si forma tra due atomi aventi elettronegatività molto diverse. Quando un atomo fortemente elettropostivo (come ad esempio un metallo alcalino), si lega con un atomo fortemente elettronegativo (come un alogeno), il primo cede l elettrone che ha in più rispetto alla situazione di massima stabilità riferibile al gas nobile precedente nella scala della tavole periodica, mentre il secondo acquista l elettrone che a lui manca per raggiungere la configurazione elettronica del gas nobile subito seguente. A causa della forte differenza di elettronegatività, l atomo elettropositivo CEDE l elettrone all atomo elettronegativo, quindi il legame si forma per TRASFERIMENTO di elettroni da un atomo all altro. Si ha quindi la formazione di due ioni, uno carico positivo e l altro carico negativo. L attrazione tra i due atomi, o meglio tra i due ioni, è di natura puramente elettrostatica. Un esempio di legame ionico si ha nella molecola di cloruro di sodio, NaCl, dove l atomo di sodio (Na) cede l elettrone dell orbitale 3s (raggiungendo la configurazione del gas nobile Neon) all atomo di cloro (Cl) che con quell elettrone va a completare l orbitale 3p (raggiungendo la configurazione del gas nobile Argo). I due atomi, cedendo/acquistando l elettrone, diventano a loro volta ioni Na + e Cl - e stanno quindi uniti per forze di natura elettrostatica. LEGAME COVALENTE E il legame che si forma tra due atomi aventi elettronegatività simili. Per gli atomi che si trovano nella zona centrale della tavola periodica, in cui le elettronegatività sono similari, non è giustificata la formazione di legami ionici, in quanto non si assiste ad una cessione vera e propria di elettroni; tuttavia i legami chimici si formano lo stesso e hanno caratteristiche diverse da quelli ionici. 13

2 Il legame covalente avviene non per cessione ma per COMPARTECIPAZIONE / CONDIVISIONE di elettroni. Due atomi che formano un legame covalente mettono in condivisione gli elettroni che servono per raggiungere a loro volta la configurazione elettronica esterna del gas nobile a loro più vicino. L esempio più semplice di legame covalente è quello che si forma nelle molecole formate da due atomi uguali, ad esempio la molecola di idrogeno (H 2 ) o la molecola di cloro (Cl 2 ): in queste molecole, i due atomi hanno identiche elettronegatività per cui non possono assolutamente formare legami ionici. L atomo di idrogeno, che possiede solo un elettrone di valenza, nella molecola di idrogeno mette in compartecipazione con l altro atomo di idrogeno questo elettrone ed entrambi vanno a completarsi reciprocamente l orbitale 1s, raggiungendo così la configurazione dell Elio. Analogamente l atomo di cloro, a cui manca un elettrone per avere la configurazione dell Argo, compartecipa con l altro atomo di cloro un elettrone in modo che entrambi vanno a completare i rispettivi orbitali 3p. Per descrivere simbolicamente i legami covalenti si utilizza il metodo delle formule di struttura di Kekulè, o formule di struttura a linee: OGNI LEGAME, FORMATO DALLA COMPARTECIPAZIONE DI 2 ELETTRONI, VIENE INDICATO CON UNA LINEA CHE COLLEGA I DUE ATOMI CHE LO FORMANO. I numeri scritti in basso (a pedice) che compaiono nelle formule brevi o a linee delle molecole indicano sempre IL NUMERO DI ATOMI DELL ELEMENTO PRECEDENTE IL NUMERO presenti nella molecola sessa. Ad esempio la molecola di idrogeno, che si indica in breve come H 2, viene disegnata schematicamente come di seguito: H 2 (dicitura abbreviata) = H-H (dicitura secondo formula di struttura) Analogamente la molecola di cloro, Cl 2 : Cl 2 (dicitura abbreviata) = Cl-Cl (dicitura secondo formula di struttura) Più complicato diventa quando si hanno molecole che sono composte da più di 2 atomi, in cui la schematizzazione della formula di struttura avviene disponendo gli atomi sul piano e collegandoli con le linee in modo da posizionarli sul piano secondo vertici di figure geometriche regolari come triangoli (nel caso l atomo leghi altri 3 atomi), rombi (nel caso l atomo leghi altri 4 atomi) etc.. Ad esempio vediamo di seguito come si schematizzano le molecole di acqua (H 2 O), ammoniaca (NH 3 ) e metano (CH 4 ): H H H O H ; ; N H C H Acqua H H H Ammoniaca Metano 14

3 Per descrivere le molecole in modo simbolico, dunque, si usano le abbreviazioni degli atomi che le compongono e si collegano questi atomi con linee che identificano i legami covalenti che le compongono. Di seguito è riportata la tabella che riporta le abbreviazioni di tutti gli atomi componenti la tavola periodica, con relativi numeri atomici e pesi atomici: 15

4 Prima di addentrarci nello studio di molecole complesse come gli zuccheri, i grassi e le proteine è necessario schematizzare come in natura queste molecole siano state classificate e suddivise in gruppi a seconda delle loro caratteristiche che le accomunano. Possiamo innanzi tutto creare una grande distinzione tra molecole di natura inorganica e molecole di natura organica: si definiscono MOLECOLE ORGANICHE tutte quelle molecole che contengono atomi di Carbonio (tranne alcune eccezioni come le molecole di CO, CO 2 e alcuni sali di carbonio); il motivo di questa classificazione risale alla scoperta che tutta la materia vivente, dalle piante agli animali superiori, è composta da molecole contenenti questo elemento in quantità preponderante. La chimica organica, dunque, è la chimica dei composti del carbonio, ed è quella che serve per andare a descrivere le molecole di nostro interesse. Come detto in precedenza per semplificare lo studio delle molecole organiche, furono creati, o meglio si isolarono GRUPPI DI MOLECOLE, aventi caratteristiche di composizione, struttura e reattività simili, in modo da avere CLASSI di molecole simili. Ciò che accomuna le molecole di una stessa classe è quello che si chiama GRUPPO FUNZIONALE, ovvero un insieme di atomi facenti parte la molecola e disposti tra loro sempre nello stesso modo che porta con sé una reattività simile in tutte le molecole di quella classe. Altro concetto fondamentale da citare è quello relativo alla NOMENCALTURA delle molecole organiche, in quanto per nominare le diverse molecole scoperte si rese necessario stabilire delle convenzioni in modo da definire in modo univoco una molecola dall altra. Esistono una serie di regole per dare il nome ad un composto organico, ma la nomenclatura di base parte dall identificare la classe a cui la molecola appartiene; questo deriva dall identificare il gruppo funzionale in essa contenuto. Isolato il gruppo funzionale, la molecola viene nominata con i prefissi e i suffissi tipici di quel gruppo funzionale. Ai nostri fini non interessa imparare le regole specifiche della nomenclatura, tuttavia serve saper riconoscere un alcol da un aldeide; si riporta in seguito la tabella che raggruppa tutti i gruppi funzionali più comuni, con a fianco un esempio di molecola appartenente a quella classe e il suffisso che identifica la classe a cui la molecola appartiene. 16

5 Ogni gruppo funzionale isola una classe di composti organici: vediamo brevemente le classi e le principali caratteristiche dei composti organici. 17

6 ALCANI Composti formati da atomi di C e H uniti da legami semplici tra loro; si hanno catene di atomi di C uniti tra loro in modo lineare, ramificato, o ciclico, a formare un anello chiuso, ma sempre da legami semplici; suffisso che identifica gli alcani è ano e gli esempi più semplici sono le molecole di metano, etano, propano etc.. di seguito schematizzate: Gli alcani sono caratterizzati da una reattività chimica molto bassa. ALCHENI Composti formati da atomi di C e H dove due atomi di C sono uniti da un doppio legame che si identifica nella simbologia C=C; anche qui le catene possono essere lineari, ramificate o cicliche. Il suffisso che identifica gli alcheni è ene e l esempio più semplice è la molecola di etene (o etilene): La reattività degli alcheni è legata al doppio legame C=C, legame forte ma suscettibile di rottura di uno dei due legami che lo compongono per dare la REAZIONE DI ADDIZIONE, cioè la rottura di un legame C-C porta alla formazione di due nuovi legami C-X dove X è l atomo della molecola che reagisce. Un esempio di reazione di addizione è di seguito riportato: 18

7 ALCHINI Composti formati da atomi di C e H dove due atomi di C sono uniti da un triplo legame che si identifica nella simbologia C C; anche qui le catene possono essere lineari, ramificate o cicliche. Il suffisso che identifica gli alchini è ino e l esempio più semplice è la molecola di etino: H-C C-H La reattività degli alchini è legata al triplo legame C C; come il doppio legame C=C, anche questo è suscettibile di REAZIONE DI ADDIZIONE che con un passaggio porta alla formazione di un alchene e con due alla formazione di una alcano. La reazione è di seguito schematizzata: Y-C C-K + H 2 YH-C=C-HK ; YH-C=C-HK + H 2 YH 2 -C-C-H 2 K 1 reazione di addizione 2 reazione di addizione COMPOSTI AROMATICI Composti formati da atomi di C e H dove sei atomi di C sono uniti a formare un ciclo; gli atomi di C sono legati alternatamene da legami semplici e legami doppi, quindi l anello sarà composto da tre legami C-C e tre legami C=C. Il composto più semplice di questa classe è la molecola di benzene: il benzene e tutti i composti aromatici sono molto poco reattivi, in quanto l anello aromatico è fortemente stabilizzato dalla cosiddetta RISONANZA elettronica che si istaura tra gli elettroni dei legami tra gli atomi di C; tuttavia sono possibili reazioni di SOSTITUZIONE ELETTROFILA sull anello benzenico, dove un composto elettrofilo può andare a sostituire un H legato ad un C. La reazione è di seguito schematizzata: 19

8 ALOGENURI ALCHILICI Composti che derivano direttamente dagli alcani (alch-ilici), in cui un atomo di H dell alcano è stato sostituito con un atomo di alogeno (Cl, F, Br, I). la nomenclatura segue le regole degli alcani, dove però si specifica la posizione in cui compare l atomo di alogeno. Gli alogenuri alchilici sono una classe molto importante di molecole organiche non tanto per la loro massiccia presenza in natura, quanto perché implicati in reazioni molto importanti quali la SOSTITUZIONE NUCLEOFILA e la ELIMINAZIONE. Nella reazione di sostituzione nucleofila, un gruppo nucleofilo va a reagire con l alogenuro per sostituirsi all alogeno secondo lo schema seguente: nella reazione di eliminazione, invece, l alogeno in determinate condizioni viene spinto ad uscire dalla molecola di alogenuro formando un alchene e un acido forte, secondo lo schema seguente, che compara la reazione di sostituzione con quella di eliminazione: ALCOLI E FENOLI Composti che contengono il GRUPPO OSSIDRILE, cioè la coppia di atomi O-H, dove l atomo di ossigeno è legato ad un atomo di carbonio; il gruppo funzionale ossidrilico è perciò composto da C-O-H. Se il gruppo O-H è legato ad un carbonio non aromatico ho un ALCOL, mentre se è legato ad un carbonio appartenente ad un anello aromatico ho un FENOLO. Gli alcoli in natura sono importanti molecole in quanto generalmente hanno una parte apolare (la catena formata da C e H) che termina con il gruppo funzionale polare OH, che rende la molecola polare e quindi affine con l acqua e con tutte le molecole polari. La polarità degli alcoli è data dal dipolo del gruppo funzionale OH, cioè dal fatto che verso l ossigeno si accumula la carica negativa (in quanto O è più elettronegativo 20

9 di H), mentre su H resta una parziale carica positiva: questa polarità è responsabile della formazione dei LEGAMI A IDROGENO nelle soluzioni di alcoli. Il legame a idrogeno non è un vero e proprio legame come quello ionico o quello covalente, ma una sorta di attrazione tra atomi di O e di H di gruppi OH di diverse molecole. Il gruppo OH compare in molecole organiche quali gli zuccheri. Gli alcoli sono soggetti a molteplici razioni chimiche: DISIDRATAZIONE: un alcol può perdere una molecola di acqua e formare un alchene; OSSIDAZIONE: una alcol può perdere una molecola di idrogeno e formare un aldeide o un chetone; viceversa per idrogenazione di aldeidi e chetoni si ottengono gli alcoli. ALDEIDI E CHETONI Composti che contengono un GRUPPO CARBONILE C=O, dove l atomo di C possiede altri due legami liberi: se entrambi sono con altri atomi di C allora ho un CHETONE, se invece uno dei due è con un atomo di H allora ho un ALDEIDE. In generale il gruppo CR=O, dove R simboleggia un generico gruppo alchilico, prende il nome di GRUPPO ACILE. Il gruppo carbonile è considerato il più importante nella chimica organica biologica, in quanto compare in molecole quali zuccheri, acidi organici ( molecole di base per la formazione dei grassi) e in altre molecole di notevole importanza. A differenza del legame C=C, il gruppo C=O è fortemente polarizzato, per cui diventa responsabile di molteplici reazioni chimiche: OSSIDAZIONE: un aldeide o un chetone possono venire ossidati, in presenza di ossidanti molto forti, a formare acidi carbossilici. ADDIZIONE NUCLEOFILA: a causa di gruppi nucleofili, cioè gruppi molto ricchi di elettroni disponibili, il C del gruppo carbonile può reagire rompendo il doppio legame C=O e formando generalmente un alcol e un legame con un generico gruppo R. IDRATAZIONE: in condizioni particolari una molecola di aldeide o chetone può addizionare una molecola di acqua e formare un DIOLO, cioè un C con legati due gruppi alcolici OH. 21

10 ACIDI CARBOSSILICI E DERIVATI Gli acidi carbossilici sono composti che contengono il GRUPPO CARBOSSILE COH=O, dove l atomo di C possiede un solo legame libero, in quanto un legame è impegnato con il gruppo -OH e due legami con O: il quarto legame disponibile è sempre con un altro atomo di C, cioè con una catena alchilica. I derivati degli acidi carbossilici sono composti che contengono il gruppo CY=O, dove il gruppo -OH dell acido è sostituito da un gruppo Y particolare che caratterizza il derivato come da figura seguente: Gli acidi carbossilici e derivati sono molecole organiche molto importanti in quanto compaiono nei grassi e anche nelle proteine; possiedono tutti il gruppo carbonile polare e in più gli acidi possiedono anche il gruppo ossidrile, capace di interazioni idrogeno con altri gruppi ossidrile di altre molecole di acido. Caratteristica principale degli acidi carbossilici è la loro ACIDITA, cioè la capacità di perdere uno ione idrogeno (H + ) e di formare uno ione carbossilato negativo COO -, in cui l elettrone responsabile della carica negativa viene stabilizzato dai due ossigeni che con il fenomeno della RISONANZA eguagliano i loro legami con l atomo di carbonio formando uno ione molto stabilizzato. Sia gli acidi carbossilici che i loro derivati danno luogo a reazioni particolari e complesse, di cui non si ha interesse; la reazione più importante è appunto quella acida, cioè di liberare lo ione acido H +, seguita da quella di RIDUZIONE, cioè l addizione di una molecola di idrogeno che porta alla formazione di un alcol. 22

11 AMMINE Composti che contengono un GRUPPO AMMINO C-N, dove l atomo di C possiede tre legami liberi e l atomo di azoto possiede due legami liberi. A seconda che i legami dell azoto siano con altri carboni o con idrogeni si distinguono ammine primarie (RNH 2 ), dove l atomo di azoto ha legati due idrogeni; ammine secondarie (R 2 NH), dove l azoto lega un idrogeno e un altro gruppo alchilico R; ammine terziarie (R 3 N) dove l azoto lega tre gruppi alchilici. Le ammine sono molecole molto importanti perché sono componenti delle proteine, molecole organiche molto importanti. L azoto dell ammina è molto nucleofilo, cioè possiede un doppietto elettronico libero e quindi è molto ricco di elettroni. In condizioni particolari, perciò, lega gruppi elettrofili e forma lo ione ammonio positivo. Anche le ammine sono responsabili di diverse reazioni chimiche, differenti a seconda del tipo di ammina, che tuttavia in questo studio non ci interessano. 23

LA CHIMICA DEL CARBONIO

LA CHIMICA DEL CARBONIO LA CHIMICA DEL CARBONIO E QUELLA PARTE DELLA CHIMICA CHE STUDIA IL CARBONIO E TUTTI I SUOI DERIVATI. I COMPOSTI DEL CARBONIO POSSONO ESSERE NATURALI (PROTEINE, ACIDI NUCLEICI, LIPIDI E CARBOIDRATI) O ESSERE

Dettagli

I composti organici. Gli idrocarburi: composti binari, ovvero costituiti solo da due elementi. Carbonio (C) e idrogeno (H)

I composti organici. Gli idrocarburi: composti binari, ovvero costituiti solo da due elementi. Carbonio (C) e idrogeno (H) I composti organici Gli idrocarburi: composti binari, ovvero costituiti solo da due elementi. Carbonio (C) e idrogeno (H) Gli idrocarburi Gli Alcani Costituiti da uno o più atomi di carbonio legati tra

Dettagli

I LEGAMI CHIMICI. Configurazione elettronica stabile: è quella in cui tutti i livelli energetici dell atomo sono pieni di elettroni

I LEGAMI CHIMICI. Configurazione elettronica stabile: è quella in cui tutti i livelli energetici dell atomo sono pieni di elettroni I LEGAMI CIMICI In natura sono pochi gli elementi che presentano atomi allo stato libero. Gli unici elementi che sono costituiti da atomi isolati si chiamano gas nobili o inerti, formano il gruppo VIII

Dettagli

CORSO DI CHIMICA ORGANICA. Testo consigliato: Chimica Organica H.Hart,D.J.Hart, L.E.Craine Zanichelli

CORSO DI CHIMICA ORGANICA. Testo consigliato: Chimica Organica H.Hart,D.J.Hart, L.E.Craine Zanichelli CORSO DI CIMICA ORGANICA Testo consigliato: Chimica Organica.art,D.J.art, L.E.Craine Zanichelli Nucleo contenente neutroni e protoni 10-2 m Spazio extranucleare contenente elettroni NUMERO ATOMICO: numero

Dettagli

Capitolo 8 Alcoli e Fenoli

Capitolo 8 Alcoli e Fenoli Chimica Organica Informazione Scientifica sul Farmaco Capitolo 8 Alcoli e Fenoli Organic Chemistry, 5 th Edition L. G. Wade, Jr. Struttura degli Alcoli Alcoli: Il gruppo funzionale è l ossidrile (), legato

Dettagli

METALLI: bassa energia di ionizzazione bassa affinità elettronica. NON METALLI: elevata energia di ionizzazione elevata affinità elettronica

METALLI: bassa energia di ionizzazione bassa affinità elettronica. NON METALLI: elevata energia di ionizzazione elevata affinità elettronica METALLI: bassa energia di ionizzazione bassa affinità elettronica NON METALLI: elevata energia di ionizzazione elevata affinità elettronica LEGAME CHIMICO La formazione di legami tra atomi per formare

Dettagli

Legame covalente Puro Polare Legame dativo o di coordinazione Legame ionico Legame metallico

Legame covalente Puro Polare Legame dativo o di coordinazione Legame ionico Legame metallico I LEGAMI CHIMICI Legami atomici o forti Legami molecolari o deboli Legame covalente Puro Polare Legame dativo o di coordinazione Legame ionico Legame metallico Legame dipolo-dipolo Legame idrogeno Legame

Dettagli

Composti carbonilici. Chimica Organica II

Composti carbonilici. Chimica Organica II Composti carbonilici Il gruppo carbonilico è formato da un carbonio legato tramite un doppio legame ad un ossigeno. Probabilmente è il gruppo funzionale più importante. Le proprietà del gruppo carbonilico

Dettagli

CHIMICA II (CHIMICA ORGANICA)

CHIMICA II (CHIMICA ORGANICA) CHIMICA II (CHIMICA ORGANICA) Prof. Gennaro Piccialli Prof. Aldo Galeone Prof. Giorgia Oliviero Testo Consigliato: gruppo 1 (matricole A-E) gruppo 2 (matricole F-O) gruppo 3 (matricole P-Z) Introduzione

Dettagli

Legame chimico unità 1, modulo D del libro

Legame chimico unità 1, modulo D del libro Legame chimico unità 1, modulo D del libro PERCHÉ IL LEGAME CHIMICO? Gli atomi si trovano raramente isolati, spesso due o più atomi si uniscono tramite un legame chimico. Perché ciò avviene? Perché l insieme

Dettagli

Molecole e legami. Chimica generale

Molecole e legami. Chimica generale Molecole e legami Chimica generale Atomi e molecole È estremamente difficile trovare in natura una sostanza formata solamente da atomi semplici Solo i gas inerti dell ottavo gruppo sono presenti in natura

Dettagli

Addizioni nucleofile. Addizioni a C=O

Addizioni nucleofile. Addizioni a C=O Addizioni nucleofile Addizioni a C= Substrato Un composto che possiede un atomo di carbonio elettron-deficiente legato con un legame π (che si possa rompere facilmente) ad un atomo più elettronegativo

Dettagli

Capitolo 13 Classificazione e nomenclatura dei composti

Capitolo 13 Classificazione e nomenclatura dei composti Capitolo 13 Classificazione e nomenclatura dei composti 1. I nomi delle sostanze 2. Valenza e numero di ossidazione 3. Leggere e scrivere le formule più semplici 4. La classificazione dei composti inorganici

Dettagli

FENOLI: nomenclatura IUPAC

FENOLI: nomenclatura IUPAC FENOLI, AMMINE ed ENAMMINE FENOLI: nomenclatura IUPAC I fenoli sono composti la cui caratteristica strutturale è quella di possedere un gruppo idrossile ( OH) legato a un anello benzenico. Il sistema it

Dettagli

PERCHE STUDIARE LA CHIMICA ORGANICA?

PERCHE STUDIARE LA CHIMICA ORGANICA? CIMICA ORGANICA CE COSA E LA CIMICA ORGANICA? La chimica organica è dedicata alla descrizione della struttura, delle proprietà e delle funzioni dei composti del carbonio (C). PERCE STUDIARE LA CIMICA ORGANICA?

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alchini

CHIMICA ORGANICA. Gli alchini 1 C3-ALCHINI CHIMICA ORGANICA ALCHINI Formula generale C n n 2 Desinenza -ino Gli alchini Gli alchini sono caratterizzati dalla presenza di uno o più tripli legami carboniocarbonio e sono anch essi classificati

Dettagli

Nomenclatura chimica

Nomenclatura chimica Nomenclatura chimica Capitolo 13 Classificazione e nomenclatura dei composti 1. I nomi delle sostanze 2. Valenza e numero di ossidazione 3. Leggere e scrivere le formule più semplici 4. La classificazione

Dettagli

Introduzione alla Chimica Organica. Copyright The McGraw-Hill Companies, Inc. Permission required for reproduction or display.

Introduzione alla Chimica Organica. Copyright The McGraw-Hill Companies, Inc. Permission required for reproduction or display. Introduzione alla Chimica Organica Copyright The McGraw-ill Companies, Inc. Permission required for reproduction or display. 1 Elementi Comuni nei Composti Organici 2 Classificazione degli idrocarburi

Dettagli

Alchini (C n H 2n-2 ) Alcheni: idrocarburi insaturi con uno o più legami carbonio-carbonio doppi.

Alchini (C n H 2n-2 ) Alcheni: idrocarburi insaturi con uno o più legami carbonio-carbonio doppi. himica rganica Alcheni Idrocarburi ( x y ) Alifatici Aromatici Alcani ( n 2n+2 ) Alcheni ( n 2n ) Alchini ( n 2n-2 ) icloalcani ( n 2n ) Alcheni: idrocarburi insaturi con uno o più legami carbonio-carbonio

Dettagli

Alcoli, fenoli ed eteri

Alcoli, fenoli ed eteri Alcoli, fenoli ed eteri Alcoli e fenoli Alcoli: gruppo ossidrilico legato ad un carbonio saturo Fenoli: gruppo ossidrilico legato ad un anello aromatico Metanolo Sintesi industriale Tossico per l uomo

Dettagli

TAVOLA PERIODICA DEGLI ELEMENTI

TAVOLA PERIODICA DEGLI ELEMENTI TAVOLA PERIODIA DEGLI ELEMENTI Idrogeno = 1 legame Ossigeno = 2 legami O Azoto = 3 legami N arbonio = 4 legami Questi sono gli atomi che intervengono maggiormente nelle reazioni che tratteremo nella

Dettagli

IDROCARBURI. Alcani Alcheni Alchini C-C C=C C C

IDROCARBURI. Alcani Alcheni Alchini C-C C=C C C IDROCARBURI Alcani Alcheni Alchini C-C C=C C C Nomenclatura Degli idrocarburi saturi (Alcani) CH 4 Metano C 2 H 6 Etano C n H 2n+2 Si dicono alchilici quei gruppi che contengono un idrogeno in meno del

Dettagli

Le reazioni di ossido-riduzione

Le reazioni di ossido-riduzione Le reazioni di ossido-riduzione Si dicono reazioni di ossidazione e di riduzione (o ossido-riduzione) quelle reazioni che avvengono con cambiamento del numero di elettroni che una specie chimica coinvolge

Dettagli

Esploriamo la chimica

Esploriamo la chimica 1 Valitutti, Tifi, Gentile Esploriamo la chimica Seconda edizione di Chimica: molecole in movimento Capitolo 12 Classificazione e nomenclatura dei composti 1. I nomi delle sostanze 2. Valenza e numero

Dettagli

I LEGAMI CHIMICI E LA REGOLA DELL OTTETTO

I LEGAMI CHIMICI E LA REGOLA DELL OTTETTO I LEGAMI CHIMICI E LA REGOLA DELL OTTETTO REGOLA DELL OTTETTO: Tutti gli atomi si legano, cedono, acquistano o condividono elettroni per raggiungere un livello esterno pieno di otto (o due) elettroni.

Dettagli

COMPOSTI AROMATICI. Formula C 6 H 6

COMPOSTI AROMATICI. Formula C 6 H 6 COMPOSTI AROMATICI Gli alcani ed alcheni hanno diversa reattività chimica. Vi è un altra classe di idrocarburi che pur essendo insaturi hanno un comportamento chimico diverso dagli alcheni Sono i composti

Dettagli

Introduzione alla chimica organica. Daniele Dondi

Introduzione alla chimica organica. Daniele Dondi Introduzione alla chimica organica Daniele Dondi dondi@unipv.it Il carbonio nelle sue ibridazioni sp 3 sp 2 sp Il carbonio è un elemento fondamentale per la chimica organica. La stabilità del legame -

Dettagli

IL LEGAME CHIMICO. Per descrivere come gli elettroni si distribuiscono nell atomo attorno al nucleo si può far riferimento al MODELLO A GUSCI

IL LEGAME CHIMICO. Per descrivere come gli elettroni si distribuiscono nell atomo attorno al nucleo si può far riferimento al MODELLO A GUSCI IL LEGAME CIMICO Come dagli atomi si costruiscono le molecole 02/19/08 0959 PM 1 Per descrivere come gli elettroni si distribuiscono nell atomo attorno al nucleo si può far riferimento al MODELLO A GUSCI

Dettagli

Introduzione alla chimica organica. Daniele Dondi

Introduzione alla chimica organica. Daniele Dondi Introduzione alla chimica organica Daniele Dondi dondi@unipv.it 1 enni sulla nascita della chimica organica Analisi elementari tramite combustione WÖLER (metà 1800) sintetizza l urea KLBE sintetizza l

Dettagli

Università degli studi di MILANO Facoltà di AGRARIA. El. di Chimica e Chimica Fisica. Mod. 1 CHIMICA. Mod. 2 CHIMICA FISICA.

Università degli studi di MILANO Facoltà di AGRARIA. El. di Chimica e Chimica Fisica. Mod. 1 CHIMICA. Mod. 2 CHIMICA FISICA. Università degli studi di MILANO Facoltà di AGRARIA El. di Chimica e Chimica Fisica Mod. 1 CHIMICA Mod. 2 CHIMICA FISICA Lezione 4 Anno Accademico 2010-2011 Docente: Dimitrios Fessas Si riconoscono così

Dettagli

Ammine R N + H. ammina terziaria ammina secondaria ammina primaria sale di ammonio quaternario

Ammine R N + H. ammina terziaria ammina secondaria ammina primaria sale di ammonio quaternario AMMINE Ammine Le ammine possono essere considerate dei derivati dell ammoniaca in cui uno o più atomi di idrogeno sono stati sostituiti con gruppi alchilici o arilici. Il simbolo generale per una ammina

Dettagli

Introduzione alla Chimica Organica V Ed.

Introduzione alla Chimica Organica V Ed. William H. Brown - Thomas Poon Introduzione alla Chimica Organica V Ed. Capitolo 2 2.1 Cosa sono gli acidi e le basi secondo Arrhenius? Un Acido di Arrhenius è una sostanze che sciolta in acqua produce

Dettagli

ACIDI CARBOSSILICI. ac. formico ac. acetico ac. benzoico

ACIDI CARBOSSILICI. ac. formico ac. acetico ac. benzoico ACIDI CARBOSSILICI ac. formico ac. acetico ac. benzoico Nomenclatura Nomenclatura acido malonico Acidi bicarbossilici a catena alifatica Proprietà fisiche I primi termini della serie sono liquidi incolori

Dettagli

Zolfo (Z = 16) Conf. Elettronica 1s 2 2s 2 2p 6 3s 2 3p 4 Conf. Elettronica esterna 3s 2 3p 4

Zolfo (Z = 16) Conf. Elettronica 1s 2 2s 2 2p 6 3s 2 3p 4 Conf. Elettronica esterna 3s 2 3p 4 TAVOLA PERIODICA DEGLI ELEMENTI Gli elementi sono ordinati nella tavola periodica secondo numero atomico crescente ed in base alle loro proprietà chimico-fisiche che seguono un andamento periodico. Gli

Dettagli

Esploriamo la chimica

Esploriamo la chimica 1 Valitutti, Tifi, Gentile Esploriamo la chimica Seconda edizione di Chimica: molecole in movimento Capitolo 10 Il sistema periodico 1. L energia di legame 2. I gas nobili e le regole dell ottetto 3. Il

Dettagli

Appunti di Chimica Organica Elementi per CdL Ostetricia CHIMICA ORGANICA. Appunti di Lezione. Elementi per il corso di Laurea In Ostetricia

Appunti di Chimica Organica Elementi per CdL Ostetricia CHIMICA ORGANICA. Appunti di Lezione. Elementi per il corso di Laurea In Ostetricia Appunti di himica Organica Elementi per dl Ostetricia IMIA ORGANIA Appunti di Lezione Elementi per il corso di Laurea In Ostetricia Autore: Roberto Zanrè A.A. 2009/2010 1 Appunti di himica Organica Elementi

Dettagli

Alcoli, eteri, tioli, solfuri

Alcoli, eteri, tioli, solfuri Alcoli, eteri, tioli, solfuri Alcoli Alcoli: gruppo ossidrilico legato ad un carbonio saturo Metanolo Sintesi industriale Tossico per l uomo (

Dettagli

Acidi carbossilici e derivati

Acidi carbossilici e derivati Acidi carbossilici e derivati Acidi carbossilici Il gruppo funzionale di questa classe di sostanze è il carbossile: Il gruppo carbossilico è composto formalmente da un gruppo carbonilico legato ad un gruppo

Dettagli

Regola dell'ottetto e suo superamento Legame ionico Covalenza e ordine di legame Carica formale Risonanza ElettronegativitÄ e polaritä del legame

Regola dell'ottetto e suo superamento Legame ionico Covalenza e ordine di legame Carica formale Risonanza ElettronegativitÄ e polaritä del legame IL LEGAME CHIMICO Regola dell'ottetto e suo superamento Legame ionico Covalenza e ordine di legame Carica formale Risonanza ElettronegativitÄ e polaritä del legame 1 IL LEGAME CHIMICO Il legame chimico

Dettagli

Capitolo 13 Classificazione e nomenclatura dei composti

Capitolo 13 Classificazione e nomenclatura dei composti Capitolo 13 Classificazione e nomenclatura dei composti 1. I nomi delle sostanze 2. Valenza e numero di ossidazione 3. Leggere e scrivere le formule più semplici 4. La classificazione dei composti inorganici

Dettagli

IL LEGAME A IDROGENO

IL LEGAME A IDROGENO IL LEGAME A IDROGENO Il legame idrogeno è un particolare tipo di interazione fra molecole che si forma ogni volta che un atomo di idrogeno, legato ad un atomo fortemente elettronegativo (cioè capace di

Dettagli

Alchini. Francesca Anna Scaramuzzo, PhD

Alchini. Francesca Anna Scaramuzzo, PhD Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Biomedica Complementi di Chimica e Biochimica per le Tecnologie Biomediche Alchini Francesca Anna Scaramuzzo, PhD Dipartimento di Scienze di Base e Applicate per

Dettagli

Composti carbonilici Acidi carbossilici

Composti carbonilici Acidi carbossilici Composti carbonilici Acidi carbossilici Acidi carbossilici: nomenclatura alcano -> acido alcanoico Acidi carbossilici: proprietà Il gruppo carbossilico ha caratteristiche comuni ai chetoni (C=O) e agli

Dettagli

Capitolo 13 Classificazione e nomenclatura dei composti

Capitolo 13 Classificazione e nomenclatura dei composti Capitolo 13 Classificazione e nomenclatura dei composti 1. I nomi delle sostanze 2. Valenza e numero di ossidazione 3. Leggere e scrivere le formule più semplici 4. La classificazione dei composti inorganici

Dettagli

ESERCIZI SPETTROMETRIA DI MASSA

ESERCIZI SPETTROMETRIA DI MASSA ESERCIZI SPETTROMETRIA DI MASSA A SPUNTI DI RIFLESSIONE 1. In cosa differiscono le tecniche soft da quelle strong? 2. Con quali tecniche si hanno maggiori probabilità di ottenere ioni molecolari? 3. Per

Dettagli

Aromaticità. Addizione elettrofila alcheni

Aromaticità. Addizione elettrofila alcheni Aromaticità Le molecole sono aromatiche se sono soddisfatte le seguenti condizioni: La molecola è ciclica La molecola è interamente coniugata La molecola è planare (atomi di carbonio con ibridazione sp

Dettagli

1. L energia di legame

1. L energia di legame legami chimici 1. L energia di legame Nonostante l enorme numero di combinazioni possibili fra gli atomi, non tutte sono realizzabili: un composto si forma solo se la sua energia potenziale è minore dei

Dettagli

ESERCIZI PREPARATORI PER IL COMPITO DI CHIMICA MODULO 2

ESERCIZI PREPARATORI PER IL COMPITO DI CHIMICA MODULO 2 ESERCIZI PREPARATORI PER IL COMPITO DI CHIMICA MODULO 2 69 Il blocco s delle Tavola periodica è costituito dai seguenti elementi a) metalli di transizione b) metalli alcalini c) alogeni d) metalli alcalini

Dettagli

La chimica della vita: i composti organici. CARBOIDRATI LIPIDI PROTEINE ACIDI NUCLEICI (DNA, RNA)

La chimica della vita: i composti organici. CARBOIDRATI LIPIDI PROTEINE ACIDI NUCLEICI (DNA, RNA) La chimica della vita: i composti organici. CARBOIDRATI LIPIDI PROTEINE ACIDI NUCLEICI (DNA, RNA) IL CARBONIO E un non metallo, appartiene al IV gruppo ed al II periodo. Possiede 4 elettroni esterni per

Dettagli

PROPRIETA FISICHE DEI COMPOSTI ORGANICI

PROPRIETA FISICHE DEI COMPOSTI ORGANICI PRPRIETA FISICE DEI CMPSTI RGAICI I composti organici sono molto numerosi a causa del fatto che il legame σ tra due atomi di carbonio è particolarmente forte, a causa delle piccole dimensioni e del valore

Dettagli

Valitutti, Falasca, Tifi, Gentile. Chimica. concetti e modelli.blu

Valitutti, Falasca, Tifi, Gentile. Chimica. concetti e modelli.blu Valitutti, Falasca, Tifi, Gentile Chimica concetti e modelli.blu 2 Capitolo 16 Classificazione e nomenclatura dei composti 3 Sommario 1. I nomi delle sostanze 2. Valenza e numero di ossidazione 3. Leggere

Dettagli

Chimica Organica. Studio dei composti del CARBONIO

Chimica Organica. Studio dei composti del CARBONIO Chimica Organica Studio dei composti del CARBONIO 1 Contengono C, H e possono contenere N, O, S Carbonio legato covalentemente ad un metallo Tutti gli elementi possibili Composti organici 2 Perché si formano

Dettagli

I LEGAMI CHIMICI. I legami chimici si formano quando gli atomi cedono, acquistano oppure mettono in comune

I LEGAMI CHIMICI. I legami chimici si formano quando gli atomi cedono, acquistano oppure mettono in comune I LEGAMI CHIMICI I legami chimici si formano quando gli atomi cedono, acquistano oppure mettono in comune alcuni elettroni con altri atomi, per completare il guscio elettronico più esterno. 1. LEGAME IONICO

Dettagli

Nomenclatura chimica

Nomenclatura chimica Nomenclatura chimica Capitolo 13 Classificazione e nomenclatura dei composti 1. I nomi delle sostanze 2. Valenza e numero di ossidazione 3. Leggere e scrivere le formule più semplici 4. La classificazione

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcheni

CHIMICA ORGANICA. Gli alcheni 1 2-ALENI IMIA ORGANIA ALENI Formula generale n 2n Desinenza -ene Gli alcheni La prima classe di idrocarburi insaturi è quella degli alcheni, detti anche olefine, che presentano lungo la catena uno o più

Dettagli

1. L energia di legame. 2. I gas nobili e a regola dell ottetto. 3. Il legame covalente. 4. Il legame covalente dativo. 5. Il legame covalente polare

1. L energia di legame. 2. I gas nobili e a regola dell ottetto. 3. Il legame covalente. 4. Il legame covalente dativo. 5. Il legame covalente polare Capitolo 10 I legami chimici 1. L energia di legame 2. I gas nobili e a regola dell ottetto 3. Il legame covalente 4. Il legame covalente dativo 5. Il legame covalente polare 6. Il legame ionico 7. I composti

Dettagli

Reazioni degli alcani

Reazioni degli alcani Reazioni degli alcani I legami degli alcani sono semplici, covalenti e non polari per questo sono composti praticamente inerti.(parum affinis ) Reagiscono solo con ossigeno (ossidoriduzioni) e con gli

Dettagli

Tavola periodica e previsione sul comportamento chimico degli elementi (numero di ossidazione)- orbitali ibridi

Tavola periodica e previsione sul comportamento chimico degli elementi (numero di ossidazione)- orbitali ibridi Tavola periodica e previsione sul comportamento chimico degli elementi (numero di ossidazione)- orbitali ibridi Gli elementi sono ordinati secondo numero atomico Z ( numero dei protoni ) crescente Il numero

Dettagli

Per esempio, possiamo osservare il legame ionico nella molecola di cloruro di sodio. Il cloro e il sodio hanno le seguenti strutture di Lewis:

Per esempio, possiamo osservare il legame ionico nella molecola di cloruro di sodio. Il cloro e il sodio hanno le seguenti strutture di Lewis: IL LEGAME IONICO In natura solo i gas nobili presentano atomi allo stato libero. Tutte le altre sostanze consistono di molecole che sono aggregazioni di atomi. Le forze che tengono uniti gli atomi in una

Dettagli

PROGRAMMA FINALE SVOLTO DI CHIMICA CLASSE 3 A - A.S 2013/14 DOCENTE: MASSIMILIANO QUINZI

PROGRAMMA FINALE SVOLTO DI CHIMICA CLASSE 3 A - A.S 2013/14 DOCENTE: MASSIMILIANO QUINZI CLASSE 3 A - A.S 2013/14 Chimica e proprietà della materia; Concetto di trasformazione chimica (in particolare decomposizione, e sintesi) e suo impiego per caratterizzare elementi e composti, Sistemi omogenei

Dettagli

La Chimica Organica idrogeno carbonio azoto ossigeno composti covalenti catene di atomi di carbonio strutture covalenti e debolmente polarizzate

La Chimica Organica idrogeno carbonio azoto ossigeno composti covalenti catene di atomi di carbonio strutture covalenti e debolmente polarizzate LA IMIA ORGANIA La himica Organica I quattro elementi idrogeno, carbonio, azoto e ossigeno rappresentano più del 95% dei costituenti della materia vivente. I composti organici sono composti covalenti che

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE CORSO MONODISCIPLINARE: BIOCHIMICA (6CFU)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE CORSO MONODISCIPLINARE: BIOCHIMICA (6CFU) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE CORSO MONODISCIPLINARE: BIOCHIMICA (6CFU) Roberto Giacominelli Stuffler IL C.M. BIOCHIMICA È SUDDIVISO IN DUE UNITÀ DIDATTICHE: A) BIOCHIMICA

Dettagli

Legame chimico: covalente polare Legame covalente polare

Legame chimico: covalente polare Legame covalente polare Legame chimico: covalente polare Legame covalente polare Il passaggio dal legame covalente al legame ionico è il risultato di una distribuzione elettronica non simmetrica. Il simbolo δ (lettera greca delta

Dettagli

IBRIDAZIONE DEL CARBONIO NEGLI ALCANI PREMESSA: COSA SONO GLI ORBITALI IBRIDI.

IBRIDAZIONE DEL CARBONIO NEGLI ALCANI PREMESSA: COSA SONO GLI ORBITALI IBRIDI. ALCANI Gli alcani sono composti organici costituiti solamente da carbonio e idrogeno (per questo motivo appartengono alla più ampia classe degli idrocarburi), aventi formula bruta C n H (2n + 2). Gli alcani

Dettagli

Idrocarburi Saturi. Reazioni

Idrocarburi Saturi. Reazioni Idrocarburi Saturi Reazioni Fonti ed usi Gli alcani lineari, ramificati e ciclici si ottengono principalmente dalla lavorazione (frazionamento, cracking, etc.), del petrolio. Fonti ed usi Gli alcani, soprattutto

Dettagli

Alcheni e alchini. idrocarburi. Insaturi C-C doppi/tripli. alcani. Saturi C-C semplici cicloalcani. aromatici

Alcheni e alchini. idrocarburi. Insaturi C-C doppi/tripli. alcani. Saturi C-C semplici cicloalcani. aromatici Alcheni e alchini alcani Saturi C-C semplici cicloalcani idrocarburi Insaturi C-C doppi/tripli aromatici 1 Alcheni e Alchini Alcheni e alchini sono idrocarburi che hanno rispettivamente un doppio legame

Dettagli

Gruppi funzionali. aldeidi

Gruppi funzionali. aldeidi Gruppi funzionali alcoli aldeidi chetoni Acidi carbossilici ' eteri ' esteri fenoli In grassetto il gruppo funzionale che definisce il carattere del composto 1 2 Gruppi funzionali: arrangiamento di pochi

Dettagli

Atomi e molecole. Gli atomi degli elementi si trovano in natura generalmente combinati tra loro in molecole o composti ionici

Atomi e molecole. Gli atomi degli elementi si trovano in natura generalmente combinati tra loro in molecole o composti ionici IL LEGAME CHIMICO Atomi e molecole È estremamente difficile trovare in natura una sostanza formata da singoli atomi isolati Solo i gas nobili sono presenti in natura come gas monoatomici Gli atomi degli

Dettagli

Legame covalente polare

Legame covalente polare Legame chimico: covalente polare Legame covalente polare Il passaggio dal legame covalente al legame ionico è il risultato di una distribuzione elettronica non simmetrica. Il simbolo δ (lettera greca delta

Dettagli

Pronti per l Università Liceo Scientifico de Caprariis Atripalda PON F

Pronti per l Università Liceo Scientifico de Caprariis Atripalda PON F Pronti per l Università Liceo Scientifico de Caprariis Atripalda PON F2 2011-14 La chimica del carbonio Il Carbonio Copyright 2008 PresentationFx.com Redistribution Prohibited Image 2008 clix@sxc.hu This

Dettagli

Ammine : caratteristiche strutturali

Ammine : caratteristiche strutturali Ammine : caratteristiche strutturali Le ammine sono composti formalmente derivanti dall ammoniaca in cui uno o più atomi di idrogeno sono stati sostituiti da gruppi alchilici Come per l ammonica l azoto

Dettagli

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DELLA CHIMICA ORGANICA

INTRODUZIONE ALLO STUDIO DELLA CHIMICA ORGANICA INTRODUZIONE ALLO STUDIO DELLA CHIMICA ORGANICA ai primi dell 800 Il chimico svedese Jacob Berzelius (1779-1848) indicava le sostanze con il termine organico se ottenute dagli organismi viventi (animali

Dettagli

Forze intermolecolari

Forze intermolecolari Forze intermolecolari Le forze intermolecolari sono forze attrattive tra molecole, tra ioni o tra ioni e molecole. In assenza di tali forze tutte le molecole sarebbero gas le molecole possono stabilire

Dettagli

Lezione 5. Alogenuri, alcoli, fenoli ed eteri

Lezione 5. Alogenuri, alcoli, fenoli ed eteri Lezione 5 Alogenuri, alcoli, fenoli ed eteri 1 I gruppi funzionali Un gruppo funzionale è un atomo o un gruppo di atomi che determina le proprietà chimiche di un composto organico, permettendone la classificazione.

Dettagli

Verifica di chimica su: Atomo, tavola periodica, legame chimico Nome cognome data classe

Verifica di chimica su: Atomo, tavola periodica, legame chimico Nome cognome data classe 1 Verifica di chimica su: Atomo, tavola periodica, legame chimico Nome cognome data classe 21) Quanti neutroni, protoni ed elettroni ha l elemento con numero atomico Z = 23 e numero di massa A = 51? P=23,

Dettagli

Fenomeno fisico. Le trasformazioni che la materia subisce senza modificare la sua composizione e che sono reversibili si chiamano fenomeni fisici

Fenomeno fisico. Le trasformazioni che la materia subisce senza modificare la sua composizione e che sono reversibili si chiamano fenomeni fisici Atomi e molecole Fenomeno fisico Le trasformazioni che la materia subisce senza modificare la sua composizione e che sono reversibili si chiamano fenomeni fisici Fenomeno chimico Le trasformazioni che

Dettagli

REAZIONE DI SOSTITUZIONE NUCLEOFILA MONOMOLECOLARE SN1

REAZIONE DI SOSTITUZIONE NUCLEOFILA MONOMOLECOLARE SN1 REAZIONE DI SOSTITUZIONE NUCLEOFILA MONOMOLECOLARE SN1 Gli alogenuri organici sono composti in cui un atomo di idrogeno è rimpiazzato con un atomo di alogeno. I due tipi di alogenuri organici più comuni

Dettagli

Esercizi sulle Forze Intermolecolari

Esercizi sulle Forze Intermolecolari Insegnamento di Chimica Generale 083424 - CCS CHI e MAT A.A. 2015/2016 (I Semestre) Esercizi sulle Forze Intermolecolari Prof. Dipartimento CMIC Giulio Natta http://iscamap.chem.polimi.it/citterio Esercizio

Dettagli

Struttura elettronica e tavola periodica

Struttura elettronica e tavola periodica Struttura elettronica e tavola periodica La tavola è suddivisa nei blocchi s, p, d e f Eccezioni: 1) Elio (He) il quale pur appartenendo al blocco s, compare in quello p. Possiede uno strato di valenza

Dettagli

PROVA 1. Dati i composti con formula KBr e HClO 2 :

PROVA 1. Dati i composti con formula KBr e HClO 2 : PROVA 1 Dati i composti con formula KBr e HClO 2 : 1) Individuare a quale categoria di composti appartengono (ossidi,anidridi,idrossidi,acidi,sali) 2) Determinare le valenze o i numeri di ossidazione di

Dettagli

I gruppi funzionali: GLI ALCOLI, FENOLI E TIOLI

I gruppi funzionali: GLI ALCOLI, FENOLI E TIOLI I gruppi funzionali: GLI ALCOLI, FENOLI E TIOLI La struttura Un alcol può essere considerato come un idrocarburo (alifatico o aromatico) a cui è stato sostituito un gruppo (ossidrile) Il nome deriva dalla

Dettagli

Forze intermolecolari

Forze intermolecolari Forze intermolecolari Sono le forze che si instaurano tra le molecole di un composto e ne determinano lo stato di aggregazione (gas, liquido, solido) interazioni dipolo-dipolo attrazioni di van der Waals

Dettagli

Idrocarburi Al A ifatici Ar A oma m tici

Idrocarburi Al A ifatici Ar A oma m tici GLI IDROCARBURI Gli idrocarburi sono i più semplici composti del carbonio con l'idrogeno. Sono le molecole di base della chimica organica poiché, oltre ad essere molto numerosi, tutti gli altri composti

Dettagli

Stampa Preventivo. A.S Pagina 1 di 8

Stampa Preventivo. A.S Pagina 1 di 8 Stampa Preventivo A.S. 2009-2010 Pagina 1 di 8 Insegnante POLESEL Classe 4LTS ART Materia chimica organica e biochimica preventivo consuntivo 106 0 titolo modulo 1. Idrocarburi 2. Composti ossigenati 3.

Dettagli

Corso di BIOCHIMICA. Libro di testo: Nelson DL e Cox MM I PRINCIPI DI BIOCHIMICA DI LEHNINGER QUINTA EDIZIONE - ZANICHELLI

Corso di BIOCHIMICA. Libro di testo: Nelson DL e Cox MM I PRINCIPI DI BIOCHIMICA DI LEHNINGER QUINTA EDIZIONE - ZANICHELLI Corso di BIOCHIMICA Libro di testo: Nelson DL e Cox MM I PRINCIPI DI BIOCHIMICA DI LEHNINGER QUINTA EDIZIONE - ZANICHELLI Materiale didattico e esercizi su: http://moodle2.units.it/ Password: BioFarma

Dettagli

Capitolo 4 Reazioni degli alcheni

Capitolo 4 Reazioni degli alcheni himica Organica Informazione Scientifica sul Farmaco apitolo 4 Reazioni degli alcheni Organic hemistry, 5 th Edition L. G. Wade, Jr. In questa lezione: richiami generali sulle reazioni chimice reattività

Dettagli

Elementi di Chimica. Lezione 03

Elementi di Chimica. Lezione 03 Elementi di Chimica Lezione 03 Elementi atomi e molecole Come si è detto tutta la materia esistente in natura è costituita da 92 elementi. Tuttavia ben pochi di questi elementi si trovano in natura sotto

Dettagli

MOLECOLE. 2 - i legami chimici. Prof. Vittoria Patti

MOLECOLE. 2 - i legami chimici. Prof. Vittoria Patti MOLECOLE 2 - i legami chimici Prof. Vittoria Patti Gli stati di aggregazione della materia STATO SOLIDO molecole ravvicinate, struttura ordinata, volume proprio, forma propria STATO LIQUIDO molecole

Dettagli

Una reazioni chimica esprime il numero e il tipo di specie che si combinano ed il risultato della combinazione. Esempio:

Una reazioni chimica esprime il numero e il tipo di specie che si combinano ed il risultato della combinazione. Esempio: Reazioni chimiche Una reazioni chimica esprime il numero e il tipo di specie che si combinano ed il risultato della combinazione. Esempio: CH 4 + 2O 2 CO 2 + 2H 2 O La reazione chimica è formata da reagenti

Dettagli

H N H R N H R N R R N R H H H

H N H R N H R N R R N R H H H AMMINE Sono derivati dell ammoniaca (NH 3 ) nei quali uno o più atomi di idrogeno sono sostituiti da altrettanti radicali alchilici (R-, come ad esempio il gruppo -CH 3 ). Come l ammoniaca anche le ammine

Dettagli

La struttura di ioni e molecole

La struttura di ioni e molecole La struttura di ioni e molecole Inizialmente: consideriamo atomi che non danno espansione dell ottetto e non ci interessiamo della geometria delle molecole Alcune regole per individuare la posizione degli

Dettagli

Prof.ssa Stacca Prof.ssa Stacca

Prof.ssa Stacca Prof.ssa Stacca La bassa differenza di elettronegatività tra C e H fa sì che i legami presenti negli alcani siano legami covalenti quasi omopolari; di conseguenza gli alcani sono composti apolari. La bassa differenza

Dettagli

REAZIONI E LORO MECCANISMI

REAZIONI E LORO MECCANISMI REAZIONI E LORO MECCANISMI Rivisitazione dei concetti di Omolisi, Eterolisi Reagenti Nucleofili e Reagenti Elettrofili Addizione elettrofila Sostituzione nucleofila Eliminazione Reazioni radicaliche Reazioni

Dettagli

Valitutti, Falasca, Tifi, Gentile. Chimica. concetti e modelli.blu

Valitutti, Falasca, Tifi, Gentile. Chimica. concetti e modelli.blu Valitutti, Falasca, Tifi, Gentile Chimica concetti e modelli.blu 2 Capitolo 13 I legami chimici 3 Sommario (I) 1. L energia di legame 2. I gas nobili e la regola dell ottetto 3. Il legame covalente 4.

Dettagli

Formule di risonanza. Chimica Organica II. Come individuarle: Come valutarne l importanza:

Formule di risonanza. Chimica Organica II. Come individuarle: Come valutarne l importanza: Formule di risonanza Come individuarle: Le formule di risonanza devono rispettare le regole delle strutture di Lewis La posizione dei nuclei deve rimanere fissa (le formule di risonanza vengono scritte

Dettagli