PROPOSTA DI DECRETO PRESIDENZIALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROPOSTA DI DECRETO PRESIDENZIALE"

Transcript

1 PROPOSTA DI DECRETO PRESIDENZIALE UFFICIO EDILIZIA E PATRIMONIO Riorganizzazione degli edifici scolastici per il rispetto del piano di riequilibrio finanziario imposto all Ente dall art. 243-bis del D.Lgs. n.267/2000. Premessa RELAZIONE ISTRUTTORIA La Provincia di Potenza sta attuando un energica azione di progressiva revisione della propria spesa, con l intento di potenziare i servizi prestati ai Cittadini e al Territorio mediante l ottimizzazione dei costi. Si è dato avvio, per tale finalità, a provvedimenti di regolazione e ad attività costruttive miranti alla riduzione dei costi di gestione dei fabbricati, a programmi d installazione di impianti di produzione energetica (elettrica e termica) da fonti rinnovabili e ad attività di rinegoziazione dei fitti passivi per far fronte ai continui tagli imposti dal Governo, che hanno determinato la repentina carenza di fondi utilizzabili dall Ente. A fronte dei tanti risultati già raggiunti, lo squilibrio dei conti provocato da tale operazione - peraltro attuata con criteri evidentemente iniqui - ha finanche condotto l Ente alla soglia del dissesto finanziario, tanto che, per farvi fronte, il Consiglio Provinciale ha dovuto far ricorso alla procedura prevista dall art. 243-bis del D.Lgs. n.267/2000, che, ideata per Amministrazioni non virtuose, obbliga all individuazione di modalità di recupero del disavanzo e alla loro rigorosa applicazione in ambito pluriennale. Detto programma di riequilibrio finanziario pluriennale, approvato con D.C.P. n.11 del , include (ai punti 9.4 e 9.6), fra le misure per ripristinare l equilibrio strutturale del bilancio, la graduale eliminazione degli oneri per fitti passivi. Nel frattempo, l art.1, co. 85, della Legge n.56/2014, Riordino Province e istituzione Città metropolitane, ha confermato, tra le funzioni fondamentali dell Ente, la gestione dell edilizia scolastica e la programmazione provinciale delle rete d istruzione, nel rispetto di quella regionale. In virtù di tale compito e alla luce del precitato obiettivo, l Ufficio Edilizia e Patrimonio ha preliminarmente proceduto alla ricognizione del patrimonio immobiliare dell Ente, specie nel Capoluogo e nei centri urbani di maggior concentrazione delle Scuole secondarie d istruzione superiore, verificando ogni possibilità riorganizzativa utile allo scopo. Pagina 1

2 I dati delle iscrizioni - necessari per la valutazione delle effettive esigenze di spazi e per la costruzione di diagrammi rappresentativi di evoluzioni attendibili per i prossimi anni - sono stati acquisiti presso l Ufficio Scolastico Regionale del MIUR, la cui Direzione, oltre a fornire detto prezioso contributo con cortese disponibilità e prontezza, ha anche acconsentito ad esaminare la presente proposta in via consultiva e preventiva, avvalendosi del Responsabile del proprio Ufficio tecnico di coordinamento regionale per la sicurezza nelle Istituzioni scolastiche, che, con l usuale disponibilità nei confronti della Provincia di Potenza, ha supportato quest Ufficio evidenziando gli interventi prioritari di adattamento di taluni fabbricati, in vista della mutata organizzazione funzionale. Una parte degli esiti delle anzidette attività è stata recentemente discussa e apprezzata presso l Assessorato Politiche di sviluppo, Lavoro, Formazione e Ricerca della Regione Basilicata, cui taluni Istituti si sono rivolti per ottenere garanzia dell appropriatezza di scelte operate dalla Provincia di Potenza, invero già discusse preliminarmente e ampiamente spiegate agli interessati per ragioni di opportunità, vista l esigenza di attuare l intero piano riorganizzativo durante la sospensione estiva delle attività didattiche. Sebbene siano sorte comprensibili difficoltà iniziali, la gran parte dei soggetti coinvolti nelle discussioni iniziali (dirigenti scolastici e rappresentanti di docenti, studenti e loro genitori), compresa la grave situazione finanziaria della Provincia di Potenza e mostrando alto senso di responsabilità e propensione al riconoscimento del primario interesse degli allievi, ha accolto le soluzioni prospettate e fornito collaborazione durante la redazione dei layout d intervento, utili all individuazione delle opere da eseguire e alla quantificazione della connessa spesa da sostenere. Taluni, al contrario, valutati aspetti di limitata ampiezza (quali sono, ad esempio, quelli riferibili a un singolo Istituto), conservano tuttora il proprio convincimento circa la possibilità di mantenere l attuale organizzazione scolastica, obiettivo la cui irrealizzabilità l Ente ha dovuto constatare, prima di assumere ogni gravoso impegno consequenziale. A tal riguardo, è bene precisare che per la redazione della proposta conclusiva, illustrata nel prosieguo, si sono tenuti in special conto gli oneri connessi agli spostamenti degli Istituti, la cui consistenza ha condotto ad evitare l integrale trasferimento di alcuni plessi, seppur meglio allocabili in differenti sedi. Poiché un diverso approccio - meno conservativo - potrebbe rivelarsi sostenibile in futuro, non si esclude di potersi modificare successivamente l assetto qui proposto, laddove ciò consenta di raggiungere - come ora appare - una migliore configurazione logistica complessiva delle scuole provinciali. Si è dunque prestata attenzione alla fattibilità di ciascuna modifica, comparando i costi all entità dei risultati conseguibili e assicurando miglioramenti dell organizzazione attuale, sotto gli aspetti della sicurezza, del comfort e del risparmio, mediante l ottimizzazione degli spazi eccedenti, la valorizzazione del patrimonio e la dismissione dei beni non più necessari. Indirizzi e provvedimenti dell Amministrazione Dopo aver previsto l attuale situazione finanziaria, negli ultimi anni l Amministrazione ha impartito specifici indirizzi tendenti alla riorganizzazione degli edifici e alla conseguente riduzione della spesa di gestione del patrimonio. Un definitivo provvedimento, in tal senso, è costituito dalla Deliberazione della Giunta Provinciale n.81 in data , con cui s è stabilito, in particolare, di avviare la valorizzazione del patrimonio immobiliare scolastico previa puntuale ricognizione degli spazi eccedenti, da utilizzarsi mediante riorganizzazione dei plessi, concessione a terzi, alienazione o locazione, ovvero temporanea dismissione, nel seguente modo: Pagina 2

3 - in caso di presenza di più Scuole nella medesima città, valutando la possibilità che gli stabili non pienamente utilizzati possano meglio prestarsi ad ospitare altri Istituti più frequentati, ovvero, almeno, ad accoglierne parti delle scolaresche; - interrompendo i rapporti di locazione anche prima del raggiungimento del termine previsto dai contratti, per le gravi ragioni di pre-dissesto in cui l Ente si trova incolpevolmente ad operare; - effettuando la separazione degli edifici scolastici che risultino possedere conformazioni planoaltimetriche tali da consentire di ricavare porzioni indipendenti dei fabbricati, senza interferenza con l immobile principale; - chiedendo all Ufficio Edilizia e Patrimonio di predisporre specifiche proposte di riorganizzazione, assegnazione, vendita e/o dismissione. Ricognizione dello stato attuale del patrimonio scolastico provinciale Sono state effettuate attente ispezioni presso gli stabili, per verificare la conformazione degli spazi in vista delle esigenze derivanti dalla dismissione di fitti passivi e dalle eventuali modifiche delle attività svolte in ciascun Istituto. Per tutti gli immobili, in particolare, è stato svolto un controllo degli spazi in relazione al loro effettivo utilizzo e in rapporto agli standard previsti dalla legge, calcolabili in base al numero di studenti iscritti. Con il piano di riorganizzazione scolastica, i cui contenuti si espongono nella presente relazione, si raggiunge la prefissata finalità di eliminare il maggior numero di locazioni e di dismettere, pertanto, la gran parte degli immobili su cui gravano oneri dovuti a fitti passivi, mediante la sola riorganizzazione del patrimonio pubblico disponibile. Deve considerarsi che, in linea con le direttive dell Amministrazione, con risoluzioni che ora convergono nel presente Piano, sono state sinora eliminate le locazioni: - della succursale dell Istituto Alberghiero in Potenza, le cui attività sono state riunite a quelle svolte nella sede principale, assoggettata a tal fine a molteplici interventi di adeguamento ed efficientamento energetico; - delle tre sedi dell Istituto Alberghiero di Melfi, ora sistemato nel nuovo edificio, derivante dalla conversione di un immobile - prima sismicamente inidoneo - demolito e ricostruito in maggior consistenza edilizia; - degli stabili destinati a sedi del Liceo classico e dell Istituto professionale di Venosa, scuole per le quali la Provincia di Potenza ha costruito due moderni edifici; - degli edifici comunali di Pescopagano e di Sant Arcangelo, dove si trovavano rispettivamente gli Istituti Professionale e Tecnico, trasferiti in fabbricati appositamente edificati; - di più d una sede del Da Vinci di Potenza; - della Biblioteca provinciale e dell annesso deposito, i cui testi sono ora conservati in locali dell Ente. Si è altresì proceduto alla restituzione di immobili comunali sinora detenuti ai sensi della Legge n.23/96 per il Liceo scientifico di Lagonegro e il Commerciale di Avigliano, cui sono state assegnate sedi più adatte. Durante l anzidetta analisi del patrimonio disponibile, nel Capoluogo è infine emersa una complessiva disponibilità di spazi per la didattica e i laboratori, in misura sensibilmente maggiore della sommatoria dei valori minimi previsti dalle norme (in particolare, dal D.M. 18 dicembre 1975, recante Norme tecniche aggiornate relative all'edilizia scolastica ) di ogni singola Scuola. Pagina 3

4 Si è quindi ritenuto di potersi riorganizzare una consistente porzione del patrimonio scolastico cittadino, per la necessità di eliminare i residui due contratti di locazione, lungamente sopportati dall Ente per la sede del Liceo scientifico Pasolini e per le aule e i laboratori degli indirizzi elettronico-elettrotecnico e chimico dell Istituto De Lorenzo - Einstein, rispettivamente allocati nel fabbricato corrispondente all ex seminario, in Contrada Macchia Giocoli, di proprietà della Provincia Ecclesiastica, e nel plesso dell Istituto Principe di Piemonte, già di proprietà provinciale e poi ceduto all Opera Nazionale per il Mezzogiorno d Italia, fondata da Don Giovanni Minozzi. Si è quindi compilata, per ciascun immobile scolastico, una speciale scheda - contenitore, che, basata sulle superfici disponibili per la didattica, per i laboratori, le attività integrative e complementari, gli uffici, i percorsi di collegamento e i servizi igienici (destinazioni in cui sono distinte le prescrizioni normative in termini di superficie minima pro capite), è rappresentativa della capacità ricettiva di ogni stabile. Analogamente, una scheda contenuto si è approntata in relazione al numero di iscritti di ciascuna Scuola, i cui parametri areali (inderogabili specie per gli edifici scolastici di nuova costruzione) sono tabellati in base all indirizzo di studi e al numero complessivo degli studenti. Si è quindi determinato numericamente il grado di appropriatezza dello stabile detenuto dalla Scuola, che, con particolare evidenza, emerge dai corrispondenti grafici, laddove si distinguono facilmente gli edifici densamente usati (che quindi non meritano variazione), dai contenitori con scarso contenuto (che sarebbe meglio assegnare ad altre Scuole o, almeno, in cui è possibile allocare altre scolaresche). Variazioni della consistenza patrimoniale dell Ente La redazione della presente proposta è stata resa possibile grazie alla recente attuazione di un consistente programma edificatorio dell Ente, con cui, nel solo capoluogo, si è: - ristrutturato l edificio principale dell Istituto De Lorenzo - Einstein, in via Sicilia (dove è stata trasferita la sezione meccanica dell Industriale); - adeguata la sede dell Istituto d'arte, in via Anzio (riassegnata di recente alla Scuola), sotto il profilo strutturale, impiantistico e igienico - sanitario; - ultimata la costruzione di un edificio di elevata capienza (con superfici parametrata per oltre mille studenti), in via Ancona, sinora assegnato al solo Istituto Da Vinci ; - riqualificata la sede dell'istituto alberghiero di Potenza, in via Anzio, finalmente certificata anche sotto l aspetto igienico-sanitario e antincendio. - operata la manutenzione straordinaria dell ampio plesso scolastico in via Danzi, risultante dalla fusione del fabbricato sinora sede dell Istituto agrario Fortunato e del confinante edificio comunale, già sede di una scuola primaria, ora ceduto alla Provincia di Potenza; - realizzato l auditorium del Liceo classico Flacco, prima non utilizzabile; - proceduto a diffusi interventi manutentivi degli edifici del Nitti, del Giorgi e del Galilei. Al contrario, a causa delle note limitazioni all indebitamento imposte dalle norme, che impediscono all Ente di programmare interventi edilizi di rilievo, può facilmente prevedersi che l attuale infrastrutturazione si manterrà pressoché invariata lungo i prossimi anni, durante i quali potranno attuarsi, al più, i soli lavori indispensabili alla conservazione e al miglioramento dei beni pubblici, ovvero quelli protesi al completamento di opere già finanziate e avviate. Si conferma oltremodo opportuna, pertanto, la riorganizzazione delle Scuole della Città confidando sui plessi ora esistenti, perché possa giungersi, nel più breve tempo possibile, al definitivo assetto del patrimonio provinciale scolastico, interamente pubblico. Pagina 4

5 Valutazione del trend delle iscrizioni Si è ritenuto di far precedere alla presente proposta di riorganizzazione un accurata valutazione dell andamento degli iscritti dei precedenti anni, nonché la raccolta di elementi connessi con le prossime variazioni, il quale - lungi dal costituire un modello di previsione, ancorché semplificato - consenta di escludere, in modo deduttivo, che il piano si riveli inadatto in breve termine. A tal fine, è stata rilevata la composizione degli iscritti di tutti gli Istituti in ragione della loro provenienza e dell anno di corso, e si è calcolato quanto abbiano inciso, dette componenti, sui totali degli alunni che, di anno in anno, giungevano da quella determinata città. Si sono poi acquisiti i dati relativi agli alunni che frequentano, attualmente, le scuole dell obbligo (a partire dalle scuole medie, le elementari e anche le scuole materne) per l intera provincia, dei quali, assumendo approssimativamente invariata la ripartizione degli studenti per ogni città, si è operata una sommaria simulazione a due, cinque e dieci anni, delle prossime iscrizioni. Al di là della bontà del metodo e dell affidabilità delle ipotesi, la generale e progressiva tendenza alla riduzione dei futuri studenti, emersa dallo studio, è tale da non potersi che assumere valida - tristemente - per i prossimi anni, un organizzazione delle scuole commisurata ai numeri d oggi. Né la circostanza di aver rilevato trend anormalmente e isolatamente crescenti per taluni Istituti (che hanno evidentemente beneficiato di speciali circostanze) può far dubitare della giustezza della predetta deduzione, poiché, nell eventualità soggiungano prossimamente condizioni analoghe, data l invariabilità dei saldi, ad impreviste incrementi corrisponderebbero riduzioni ancor maggiori degli iscritti in altre Scuole, con conseguente nuova disponibilità di spazi. Caratteristiche degli stabili in locazione da dismettere Perché possano apprezzarsi i vantaggi derivanti con l attuazione della riorganizzazione proposta, si evidenzia che gli edifici privati innanzi indicati, pur utilizzati per lungo tempo per il Liceo scientifico Pier Paolo Pasolini e per la didattica degli indirizzi elettronico-elettrotecnico e chimico dell Istituto De Lorenzo - Einstein, presentano talune problematiche rispetto alle attuali esigenze. In particolare, l edificio in Contrada Macchia Giocoli, realizzato per ospitare i giovani seminaristi della Diocesi, è ubicato a grande distanza dal centro abitato, tanto che costituisce onere di rilievo servire col servizio di trasporto extra urbano, gestito dalla Provincia di Potenza. Inoltre, sussistono per l immobile rilevanti esigenze di adeguamento, preordinate all ottenimento delle certificazioni prescritte dalla attuali norme di settore - specie per la sicurezza antincendio - difficili da ottenere, anche a causa dell uso promiscuo del bene, in cui la Provincia Ecclesiastica, che dispone di parte del bene, fa svolgere manifestazioni e attività di vario genere. Analoghe e più consistenti esigenze emergono per l edificio Principe di Piemonte, realizzato in epoca antecedente al sisma del 1980 (allorquando si è mutata la tecnica costruttiva) e privato, di recente, dei capannoni - laboratorio, di proprietà della Provincia di Potenza, il cui radicale rifacimento (necessario per la risoluzione delle gravi problematiche strutturali e igienico - sanitarie emerse) si è rivelato inattuabile, a causa dell insistenza di un vincolo urbanistico di integrale demolizione, imposto dal Comune di Potenza e tuttora efficace. Per massimizzare gli spazi per la didattica, infine, la conformazione planimetrica dello stabile locato non risponde alle prescrizioni minime di legge in relazione ai percorsi e ai servizi igienici. Pagina 5

6 Criteri della riorganizzazione Si è giunti alla presente ipotesi riorganizzativa ricorrendo esclusivamente alle caratteristiche degli edifici, operando scelte non arbitrarie, né casuali, ma basate sui seguenti graduali propositi: - eliminare entrambe le locazioni; - contenere la frammentazione di singole Scuole in più sedi; - limitare i traslochi e, in particolare, evitare lo spostamento di Scuole che utilizzano in modo intensivo gli spazi loro assegnati (si tratta, evidentemente, di Scuole che hanno adottato speciali soluzioni funzionali, all interno degli stabili di cui dispongono, per ospitare al meglio i loro iscritti, ottimizzando le attività); - minimizzare gli interventi edilizi e impiantistici di adattamento, specie per i fabbricati che non presentano evidenti esigenze manutentive; - conseguire la migliore corrispondenza fra la capacità ricettiva degli stabili-contenitori e la richiesta di spazi delle Scuole-contenuto; - assegnare gli edifici decentrati alle Scuole già munite di sedi principali. Ipotesi riorganizzativa Nella seguente proposta gli edifici sono ordinati in base al codice assegnato all atto del censimento preordinato all inserimento nella costituenda anagrafe scolastica nazionale. 1. Edificio codice via Anzio n. 6-4: vi sono le caratteristiche dimensionali perché nell edificio continui ad avere sede l Istituto professionale per i servizi alberghieri e della ristorazione Umberto di Pasca (PZRH ) con l annesso Convitto (PZVC03000R) e il Convitto nazionale Salvator Rosa (PZVC01000G) con l annesso Liceo scientifico (PZPS08000N). 2. Edificio codice via Vaccaro, 36: l edificio, in gran parte occupato dal Liceo Ginnasio Quinto Orazio Flacco (PZPC040004), può essere agevolmente utilizzato, come in passato (in corrispondenza ai piani accessibili dalla via Vespucci, secondo quanto concordato con il Classico), dal Liceo economico-sociale Emanuele Gianturco (PZPM01000C), per le esigenze che non possono attualmente trovare soluzione nella sede principale. 3. Edificio codice via Zara: per l ottimizzazione dell utilizzo, si ritiene opportuno che nell edificio continui ad avere sede principale il Liceo economico-sociale Emanuele Gianturco (PZPM01000C). 4. Edificio codice via Anzio, 2: per le caratteristiche dimensionali, l edificio può confermarsi come idonea sede unica del Liceo scientifico Galileo Galilei (PZPS040007). 5. Edificio codice via Torraca: l unità immobiliare potrà ospitare gli Uffici amministrativi dell Istituto agrario Giustino Fortunato (PZRA010001), fino a nuova allocazione nei pressi delle aule didattiche. Pagina 6

7 6. Edificio codice via Anzio: considerata l ampiezza dello stabile, l organizzazione scolastica e l attuale numero di studenti, si valuta che l edificio possa costituire la sede unica dell Istituto d Istruzione superiore Francesco Saverio Nitti (PZIS023004), del Professionale per i servizi commerciali Giacomo Racioppi (PZRC023013) e dell Istituto tecnico commerciale Nitti - Falcone (PZTD02301A). 7. Edificio codice via Anzio: considerata la limitatezza delle opere da eseguire per l adattamento e l ampiezza dei locali, si propone che lo stabile - già assegnato alle Scuole Racioppi e Falcone, costituisca la sede unica del Liceo scientifico Pier Paolo Pasolini (PZRH010005). 8. Edificio codice via Sicilia: considerati i locali specialistici presenti nello stabile e l organizzazione scolastica, si ritiene che l edificio possa continuare ad essere sede principale per l Istituto per geometri Giuseppe De Lorenzo (PZIS022008), l Istituto d Istruzione superiore Albert Einstein (PZIS022008) e l Istituto industriale Einstein - De Lorenzo (PZTF02202T). 9. Edificio codice via Tammone: si ritiene che nell edificio possa aver ancora sede il Conservatorio di Musica Gesualdo da Venosa, che - per l eccedenza di spazi in relazione all utenza - concederà l utilizzo di sale per l esercitazione musicale al Liceo artistico, coreutico e musicale (PZSD030003), come peraltro concordato fra le stesse Scuole. 10. Edificio codice via Danzi: per l ampiezza dei locali da adibire a laboratori e per la presenza di adeguate superfici di percorso e di servizio, l edificio potrà costituire la sede secondaria per l Istituto per geometri Giuseppe De Lorenzo (PZIS022008), l Istituto d Istruzione superiore Albert Einstein (PZIS022008) e l Istituto industriale Einstein - De Lorenzo (PZTF02202T), secondo la suddivisione indicata nei giorni scorsi dalla Scuola. 11. Edificio codice via Anzio, 4: l edificio potrà costituire la sede unica il Liceo artistico, coreutico e musicale (PZSD030003), che otterrà ulteriori spazi per l esercitazione, fra quelli ricavati dai lavori di ristrutturazione in corso. 12. Edificio codice via Pola: per le dimensioni e le caratteristiche dello stabile, oltre che per la vicinanza ai laboratori allocati nel capannone Mediafor - concesso in comodato dalla Regione Basilicata - nell edificio potrà continuare ad essere allocata la sede unica dell Istituto professionale per l industria e l artigianato Giovanni Giorgi (PZRI04000C). 13. Edificio codice via Ancona: per la rilevante eccedenza di spazi, si ritiene che l edificio, per confermarsi sede dell Istituto d Istruzione superiore Leonardo Da Vinci (PZIS02400X - PZPS02401A - PZTD024038), debba anche ospitare la sede principale dell Istituto professionale agrario Giustino Fortunato (PZRA010001), che, accedendo dal lato di monte del plesso, otterrà in assegnazione le superfici concordate col Da Vinci. 14. Edificio codice via Roma (c.d. Mediafor ): la prosecuzione del rapporto di comodato con la Regione Basilicata consentirà l utilizzo dei laboratori allocati nello stabile, in forma condivisa, da parte dell Istituto professionale Giorgi e dell indirizzo meccanico dell Istituto industriale Einstein, mentre gli spazi per la didattica saranno utilizzati dal Liceo economico-sociale Gianturco e dal medesimo Professionale, che - per i mutati fabbisogni - otterrà, a partire dal prossimo anno, n.3 aule aggiuntive rispetto all attuale assegnazione. Pagina 7

8 Impianti sportivi di pertinenza dei plessi scolastici Fino alla ripresa e alla conclusione del programma costruttivo della Provincia di Potenza - che prevede, fra l altro, la realizzazione di ampliamenti di edifici scolastici e la costruzione di nuovi impianti sportivi - le palestre scolastiche esistenti nella città di Potenza dovrebbero essere utilizzate da tutte le Scuole. Tale soluzione potrebbe garantire, infatti, pari opportunità agli studenti dei diversi edifici, in relazione alla pratica delle discipline sportive, poiché non ci si può attendere che l Ente ricorra all utilizzo di strutture di altra proprietà, salvo che non ottenga di usufruirne in forma gratuita. Per tale ragione, è opportuno suggerire alle Istituzioni scolastiche, per il tramite delle Direzioni regionale e provinciale del MIUR, che gli orari delle attività curriculari di educazione fisica delle scuole sprovviste di palestre tengano conto della disponibilità degli impianti, in base al programma di utilizzo approntato dagli Istituti gestori, che, a loro volta, potranno ottimizzarne il proprio uso e agevolare l altrui fruizione. Opportunamente concentrate le attività, la Provincia potrà concorrere al descritto obiettivo, organizzando in modo conseguente il trasporto degli alunni presso le palestre. Spese per l attuazione del Piano Prima di poter procedere alla redazione di perizie tecniche d intervento, l Ufficio Edilizia e Patrimonio è stato costretto ad attendere indicazioni dalle Scuole interessate dagli spostamenti, per l esatta individuazione delle operazioni edili e impiantistiche da effettuare necessariamente, in connessione con l attuazione del proposto piano riorganizzativo. Eseguite le attività tecniche, è stato predisposto il programma d intervento (con quantificazione della relativa spesa da sostenere), così composto: a) ristrutturazione e allestimento laboratori presso la sede di via Danzi: ; b) realizzazione di aule presso la sede di via Vaccaro: ; c) opere manutentive presso l Istituto Nitti : ; d) opere manutentive e realizzazione di aule presso la sede di Via Ancona: ; e) opere manutentive presso la sede di Via Anzio del Pasolini : ; f) opere di complemento presso l Istituto d Arte: ; per complessivi , comprensivi di oneri di trasferimento. Documentazione a corredo del piano di riorganizzazione Come anzidetto, per la preparazione della proposta sono state redatte tavole tecniche e si sono approntate schede di calcolo, nonché grafici rappresentativi di immediata comprensione. Tale documentazione, già utilizzata per illustrare la proposta agli interessati durante numerosi incontri, è disponibile agli atti dell Ufficio, per eventuali approfondimenti. Si ritiene, in particolare, che le tabelle con cui si è operata la valutazione della capacità ricettiva degli stabili possano essere utilmente trasmesse alle Scuole, al fine di consentire loro di tener conto delle caratteristiche degli edifici, all atto di accogliere nuovi iscritti. Pagina 8

9 Conclusioni Nel caso sia condivisa la presente proposta, l attuazione del piano dev essere avviata con estrema urgenza, attesa la necessità di restituire gli stabili locati entro le scadenze fissate dai contratti. Deve altresì considerarsi l esigenza di consegnare, sin dall avvio del prossimo anno scolastico, i plessi destinatari degli interventi manutentivi alle Scuole, che solo di recente si sono mostrate - per la maggior parte - concordi sull opportunità di agire nel senso indicato. Eventuali emendamenti al programma, s intende, procrastinando ulteriormente lo svolgimento dei lavori, potrebbe compromettere definitivamente l obiettivo temporale, che si annuncia sin d ora arduo da raggiungere pienamente. Può utilmente considerarsi, tuttavia, la propizia circostanza della contemporanea esecuzione di opere edili presso due dei plessi interessati, da completare necessariamente entro il 30 luglio p.v., per i quali i nuovi interventi - sinora imprevisti - potranno considerarsi connessi e complementari ai lavori principali. Il Dirigente (Ing. Enrico Spera) * * * LETTA la relazione istruttoria del dirigente dell Ufficio Edilizia e Patrimonio, Ing. Enrico Spera; ESAMINATO il piano di riorganizzazione ivi descritto; DATO ATTO che la proposta è in linea con gli obiettivi del piano di riequilibrio finanziario, adottato dall Ente secondo la procedura prevista dall art. 243-bis del D.Lgs. n.267/2000; si propone al Presidente della Provincia di Potenza di approvare il seguente DECRETO con cui si stabilisce: 1. di approvare il piano di riorganizzazione degli edifici scolastici provinciali di Potenza, predisposto dall Ufficio Edilizia e Patrimonio, che prevede l eliminazione delle locazioni sinora sostenute per il Liceo scientifico Pier Paolo Pasolini e per l Istituto De Lorenzo - Einstein, rispettivamente allocati nel fabbricato corrispondente all ex seminario, in Contrada Macchia Giocoli (di proprietà della Provincia Ecclesiastica) e nel plesso dell Istituto Principe di Piemonte (di proprietà dell Opera Nazionale per il Mezzogiorno d Italia), mediante l assegnazione degli stabili alle Istituzioni scolastiche, nel modo seguente: - nell edificio codice in via Anzio n continueranno ad avere sede l Istituto professionale per i servizi alberghieri e della ristorazione Umberto di Pasca (PZRH ) con l annesso Convitto (PZVC03000R) e il Convitto nazionale Salvator Rosa (PZVC01000G) con l annesso Liceo scientifico (PZPS08000N); - l edificio codice in via Vaccaro - in gran parte riassegnato al Liceo Ginnasio Quinto Orazio Flacco (PZPC040004), sarà utilizzato - nei piani accessibili da via Vespucci, Pagina 9

10 secondo quanto concordato con il Classico - dal Liceo economico-sociale Emanuele Gianturco (PZPM01000C), per le esigenze che non possono trovare soluzione nella sede principale; - nell edificio codice in via Zara - continuerà ad avere sede principale il Liceo economico-sociale Emanuele Gianturco (PZPM01000C); - l edificio codice in via Anzio, 2 - si confermerà sede unica del Liceo scientifico Galileo Galilei (PZPS040007); - l unità immobiliare codice in via Torraca - continuerà ad ospitare gli Uffici amministrativi dell Istituto agrario Giustino Fortunato (PZRA010001), fino a nuova allocazione nei pressi delle aule didattiche; - l edificio codice in via Anzio - sarà sede unica dell Istituto d Istruzione superiore Francesco Saverio Nitti (PZIS023004), del Professionale per i servizi commerciali Giacomo Racioppi (PZRC023013) e dell Istituto tecnico commerciale Nitti - Falcone (PZTD02301A); - l edificio codice in via Anzio - già assegnato alle Scuole Racioppi e Falcone, sarà sede unica del Liceo scientifico Pier Paolo Pasolini (PZRH010005); - l edificio codice in via Sicilia - costituirà sede principale per l Istituto per geometri Giuseppe De Lorenzo (PZIS022008), l Istituto d Istruzione superiore Albert Einstein (PZIS022008) e l Istituto industriale Einstein - De Lorenzo (PZTF02202T); - nell edificio codice in via Tammone - avrà sede il Conservatorio di Musica Gesualdo da Venosa, che concederà l utilizzo di sale per l esercitazione musicale al Liceo artistico, coreutico e musicale (PZSD030003), come concordato fra le stesse Scuole; - l edificio codice in via Danzi, costituirà sede secondaria per l Istituto per geometri Giuseppe De Lorenzo (PZIS022008), l Istituto d Istruzione superiore Albert Einstein (PZIS022008) e l Istituto industriale Einstein - De Lorenzo (PZTF02202T); - nell edificio codice in via Anzio, 4 - avrà sede unica il Liceo artistico, coreutico e musicale (PZSD030003); - nell edificio codice in via Pola - avrà sede unica l Istituto professionale per l industria e l artigianato Giovanni Giorgi (PZRI04000C); - l edificio codice in via Ancona - in gran parte riassegnato all Istituto d Istruzione superiore Leonardo Da Vinci (PZIS02400X - PZPS02401A - PZTD024038), sarà altresì sede principale - in corrispondenza dell accesso di monte, secondo quanto concordato con l Istituto Da Vinci - dell Istituto professionale agrario e ambientale Giustino Fortunato (PZRA010001); - l edificio codice in via Roma (c.d. Mediafor ) consentirà l utilizzo dei laboratori allocati nello stabile, in forma condivisa, da parte dell Istituto professionale Giorgi e dell indirizzo meccanico dell Istituto industriale Einstein, mentre gli spazi per la didattica saranno utilizzati dal Liceo economico-sociale Gianturco e dal medesimo Professionale, che - per i mutati fabbisogni - otterrà, a partire dal prossimo anno, n.3 aule aggiuntive rispetto all attuale assegnazione; 2. di considerare le palestre scolastiche esistenti nella città di Potenza come impianti a disposizione di tutte le Scuole; Pagina 10

11 3. di trasmettere le tabelle con cui si è operata la valutazione della capacità ricettiva degli stabili presso le Scuole interessate, perché possano tener conto delle caratteristiche degli edifici, durante le iscrizioni dei prossimi anni; 4. di riservare all attuazione del piano le somme appostate in bilancio al cap ; 5. di incaricare l Ufficio Edilizia e Patrimonio dei conseguenziali adempimenti. Il Dirigente Il Presidente (ing. Enrico Spera) (dott. Nicola Rocco Valluzzi) Data PARERE DI REGOLARITÀ TECNICA (ai sensi del comma 1 dell art.49 del D.Lgs. n.267/2000) FAVOREVOLE Potenza Il Dirigente (Ing. Enrico SPERA) PARERE DI REGOLARITÀ CONTABILE (ai sensi del comma 1 dell art.49 del D.Lgs. n.267/2000) FAVOREVOLE Potenza Il Responsabile del Servizio Finanziario (Rag. Giovanni Palazzo) Pagina 11

SISTEMA INFORMATIVO DEL MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE SS-13-HA-SXO06 PIANO DI DIMENSIONAMENTO SCUOLE SECONDARIE DI SECONDO GRADO - A.S.

SISTEMA INFORMATIVO DEL MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE SS-13-HA-SXO06 PIANO DI DIMENSIONAMENTO SCUOLE SECONDARIE DI SECONDO GRADO - A.S. UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI POTENZA PAG. 1 PZIS001007 - ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUP."F. DE SARLO" - VIA: VIA S. ANTUONO, 192 - COMUNE: E409 - LAGONEGRO DISTRETTO: 004 - PZPM00101P - FRANCESCO DE SARLO

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE OGGETTO: PIANO DI ASSEGNAZIONE DEGLI SPAZI SCOLASTICI PER DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 22 LUGLIO 2013

PROVINCIA DI UDINE OGGETTO: PIANO DI ASSEGNAZIONE DEGLI SPAZI SCOLASTICI PER DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 22 LUGLIO 2013 PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 22 LUGLIO 2013 Presente Assente FONTANINI PIETRO Presidente X MATTIUSSI FRANCO Vicepresidente X BARBERIO LEONARDO Assessore X

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 11/1 DEL 24.3.2015

DELIBERAZIONE N. 11/1 DEL 24.3.2015 Oggetto: Programma di razionalizzazione dell assetto logistico degli uffici regionali, con particolare riferimento alla sede dell Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza

Dettagli

MODELLO DI DOMANDA PER RICHIESTA DI ACCESSO AL FINANZIAMENTO (da compilare in tutte le parti a pena di inammissibilità)

MODELLO DI DOMANDA PER RICHIESTA DI ACCESSO AL FINANZIAMENTO (da compilare in tutte le parti a pena di inammissibilità) ALLEGATO AL BANDO Alla Regione Marche Servizio Infrastrutture, Trasporti, Energia. P.F. Edilizia ed espropriazione regione.marche.edilizia@emarche.it BANDO PER LA FORMAZIONE DEL PIANO REGIONALE TRIENNALE

Dettagli

Indirizzi per la programmazione della rete scolastica e dell offerta formativa 2016/2017

Indirizzi per la programmazione della rete scolastica e dell offerta formativa 2016/2017 Indirizzi per la programmazione della rete scolastica e dell offerta formativa 2016/2017 I presenti indirizzi costituiscono le indicazioni alle Istituzioni scolastiche, ai Comuni e alle Conferenze per

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 35/I-II del 28/08/2012 / Amtsblatt Nr. 35/I-II vom 28/08/2012 49

Bollettino Ufficiale n. 35/I-II del 28/08/2012 / Amtsblatt Nr. 35/I-II vom 28/08/2012 49 Bollettino Ufficiale n. 35/I-II del 28/08/2012 / Amtsblatt Nr. 35/I-II vom 28/08/2012 49 80666 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI ROMA IL COMUNE DI CIVITAVECCHIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI ROMA IL COMUNE DI CIVITAVECCHIA Città di CIVITAVECCHIA PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI ROMA IL COMUNE DI CIVITAVECCHIA E L AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DEL COMPRENSORIO DI CIVITAVECCHIA (A.T.E.R.)

Dettagli

Università degli Studi di Sassari COMUNICATO STAMPA. Programma edilizio dell Ateneo: prossimi interventi

Università degli Studi di Sassari COMUNICATO STAMPA. Programma edilizio dell Ateneo: prossimi interventi Università degli Studi di Sassari Ufficio Comunicazione COMUNICATO STAMPA Programma edilizio dell Ateneo: prossimi interventi Nel corso della seduta del Consiglio di Amministrazione del 19 maggio è stato

Dettagli

CONOSCERE E GESTIRE PER VALORIZZARE IL PATRIMONIO COME LEVA STRATEGICA DI SVILUPPO PER IL "NUOVO" MODELLO DI ENTE LOCALE

CONOSCERE E GESTIRE PER VALORIZZARE IL PATRIMONIO COME LEVA STRATEGICA DI SVILUPPO PER IL NUOVO MODELLO DI ENTE LOCALE CONOSCERE E GESTIRE PER VALORIZZARE IL PATRIMONIO COME LEVA STRATEGICA DI SVILUPPO PER IL "NUOVO" MODELLO DI ENTE LOCALE LA PROPOSTA LOGOS PA PER LA GESTIONE INTEGRATA DEL PATRIMONIO. DAL D.LGS. 77/95

Dettagli

CONOSCERE E GESTIRE PER VALORIZZARE IL PATRIMONIO COME LEVA STRATEGICA DI SVILUPPO PER IL "NUOVO" MODELLO DI ENTE LOCALE

CONOSCERE E GESTIRE PER VALORIZZARE IL PATRIMONIO COME LEVA STRATEGICA DI SVILUPPO PER IL NUOVO MODELLO DI ENTE LOCALE CONOSCERE E GESTIRE PER VALORIZZARE IL PATRIMONIO COME LEVA STRATEGICA DI SVILUPPO PER IL "NUOVO" MODELLO DI ENTE LOCALE ELABORATO PROGETTUALE PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA DI: 1) ASSISTENZA ALL AGGIORNAMENTO

Dettagli

RISOLUZIONE N. 1/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 1/E QUESITO RISOLUZIONE N. 1/E Roma, 4 gennaio 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Istanza di interpello Trattamento fiscale degli atti di ricomposizione fondiaria tra colottizzanti non riuniti in consorzio

Dettagli

ordine degli ingegneri della provincia di bari

ordine degli ingegneri della provincia di bari ORDINE INGEGNERI BARI CORSO TECNICO FORMATIVO EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA : EVOLUZIONE DELLA LEGISLAZIONE E NORMATIVA ENERGETICA PER LA PROGETTAZIONE E LA CERTIFICAZIONE DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA

Dettagli

1. Dati del dichiarante In quale delle seguenti situazioni ci si trova?

1. Dati del dichiarante In quale delle seguenti situazioni ci si trova? Spazio per apporre il timbro di protocollo Spazio per la vidimazione Data L addetto alla ricezione N.B: Il presente documento è privo di validità in assenza di vidimazione da parte del SUAP. La vidimazione

Dettagli

RITENUTO RITENUTO, altresì,

RITENUTO RITENUTO, altresì, Alla stregua dell istruttoria compiuta dalla Direzione Generale e delle risultanze e degli atti tutti richiamati nelle premesse che seguono, costituenti istruttoria a tutti gli effetti di legge, nonché

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA. O. d. S. n. 11 / 2013

DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA. O. d. S. n. 11 / 2013 DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA Prot.n 7708 del 31/12/2013.. Cat 6.30.6.6. (da citare nella risposta) Torino, 31/12/2013 O. d. S. n. 11 / 2013 Oggetto:

Dettagli

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA 6.1 Gestione delle risorse Per attuare, mantenere e migliorare continuamente il SGQ e per conseguire la soddisfazione degli Utenti ed il raggiungimento degli obiettivi, il LS Majorana garantisce - la disponibilità

Dettagli

Presiede la seduta il sig. Dott. Donato GENTILE nella sua qualità di Sindaco e sono presenti i seguenti sigg.ri:

Presiede la seduta il sig. Dott. Donato GENTILE nella sua qualità di Sindaco e sono presenti i seguenti sigg.ri: C I T T À DI B I E L L A ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 165 DEL 04 APRILE 2011 OGGETTO: PATRIMONIO CONCESSIONE IN COMODATO D USO GRATUITO ALL ASSOCIAZIONE CULTURALE CORO GENZIANELLA DI

Dettagli

Rivalutazione di partecipazioni e terreni

Rivalutazione di partecipazioni e terreni Rivalutazione di partecipazioni e terreni Il Legislatore con l art. 1 commi 376 e 428 della legge 30 dicembre 2004, n. 311 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato,

Dettagli

art. 1 oggetto e finalità Art. 2 definizioni

art. 1 oggetto e finalità Art. 2 definizioni Direttive tecniche in tema di istruzione e formazione professionale (IeFP) di cui al capo III del Decreto Legislativo 17 ottobre 2005, n. 226. Standard regionali in materia di accreditamento degli enti

Dettagli

RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER IL PROGRAMMA ANNUALE DELL ESERCIZIO 2015

RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER IL PROGRAMMA ANNUALE DELL ESERCIZIO 2015 Istituto Professionale di Stato Luigi Galvani Via delle Campanelle 266 34149 Trieste Tel. 040-395565 - Fax 040-941196 TSRI01000B Codice fiscale: 80017450323 tsri01000b@istruzione.it RELAZIONE DEL DIRIGENTE

Dettagli

Decreto ministeriale n. 21

Decreto ministeriale n. 21 Decreto ministeriale n. 21 Il Ministro della Pubblica Istruzione Roma, 1 marzo 2007 VISTA la legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello

Dettagli

A TUTTI GLI ISCRITTI. Trieste, 12/06/2013 OGGETTO: INFORMAZIONI SUL DECRETO LEGGE 63/2013

A TUTTI GLI ISCRITTI. Trieste, 12/06/2013 OGGETTO: INFORMAZIONI SUL DECRETO LEGGE 63/2013 A TUTTI GLI ISCRITTI Trieste, 12/06/2013 OGGETTO: INFORMAZIONI SUL DECRETO LEGGE 63/2013 L ARES informa che ha predisposto un testo coordinato del Decreto Legislativo 192/2005 con le modifiche introdotte

Dettagli

Variante al Piano Attuativo dell Arenile 2001

Variante al Piano Attuativo dell Arenile 2001 COMUNE DI CARRARA Provincia di Massa Carrara SETTORE ASSETTO DEL TERRITORIO, URBANISTICA U.O. CONTROLLO DEL TERRITORIO Variante al Piano Attuativo dell Arenile 2001 RELAZIONE TECNICA Progetto a cura del

Dettagli

INCENTIVI PREVISTI DALLA LEGGE REGIONALE 10 giugno 2008, N. 13

INCENTIVI PREVISTI DALLA LEGGE REGIONALE 10 giugno 2008, N. 13 CITTÀ DI MESAGNE ASSESSORATO ALL URBANISTICA E ASSETTO DEL TERRITORIO UFFICIO DEL PIANO URBANISTICO GENERALE INCENTIVI PREVISTI DALLA LEGGE REGIONALE 10 giugno 2008, N. 13 e ss.mm.ii. recante Norme per

Dettagli

NORMATIVA. ARTICOLO 18 comma 3 del D.L. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente che recita

NORMATIVA. ARTICOLO 18 comma 3 del D.L. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente che recita MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia Ufficio XV Ambito territoriale per le provincie di Palermo 1 NORMATIVA ARTICOLO 18 comma 3 del D.L.

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. SALVEMINI Centro Studi Polivalente Japigia Via Prezzolini, 9 70126 Bari

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. SALVEMINI Centro Studi Polivalente Japigia Via Prezzolini, 9 70126 Bari LICEO SCIENTIFICO STATALE G. SALVEMINI Centro Studi Polivalente Japigia Via Prezzolini, 9 70126 Bari Tel.080/5548739 Fax 080/5548742 E-Mail: baps060001@istruzione.it - C.F.80016760722 PREMESSO Che l art.

Dettagli

PARTE PRIMA LEGISLAZIONE ITALIANA

PARTE PRIMA LEGISLAZIONE ITALIANA PARTE PRIMA LEGISLAZIONE ITALIANA LEGISLAZIONE ITALIANA 1 Leggi, Decreti, Delibere, Ordinanze Ministeriali e di altre Autorità MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DIRETTIVA 10 febbraio 2011

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

Ordinanza n 19 del 13 Marzo 2014

Ordinanza n 19 del 13 Marzo 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n 19 del 13 Marzo 2014 Rimodulazione dei

Dettagli

CONTRATTO DI COMODATO GRATUITO A TEMPO DETERMINATO. - SARDEGNA RICERCHE, con sede legale in., C.F./P.I.:..,., in persona di

CONTRATTO DI COMODATO GRATUITO A TEMPO DETERMINATO. - SARDEGNA RICERCHE, con sede legale in., C.F./P.I.:..,., in persona di versione 19.06.2014 CONTRATTO DI COMODATO GRATUITO A TEMPO DETERMINATO Fra le sottoscritte parti: - SARDEGNA RICERCHE, con sede legale in., C.F./P.I.:..,., in persona di.., nato a.., C.F.:, di seguito

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 31/21 DEL 5.8.2014

DELIBERAZIONE N. 31/21 DEL 5.8.2014 Oggetto: Piano straordinario di edilizia scolastica Iscol@: avvio dell asse di Interventi di messa in sicurezza e manutenzione programmata degli edifici scolastici. Il Presidente, nell illustrare la proposta

Dettagli

Tra. il Comune di Verona, in persona del Sindaco Pro tempore, Flavio Tosi, domiciliato per la carica in Verona, Piazza Brà n. 1

Tra. il Comune di Verona, in persona del Sindaco Pro tempore, Flavio Tosi, domiciliato per la carica in Verona, Piazza Brà n. 1 SCHEMA ACCORDO DI PROGRAMMA ai sensi dell art. 7 della L. R. V. 11/2004 e dell art. 34 del D. Lgs 267/2000 PER LA VALORIZZAZIONE E LA RILOCALIZZAZIONE DELLA SEDE DELL ULSS 20 DI VERONA Tra il Comune di

Dettagli

MIUR/AOODRVE/UFF.III/ 3493/C21 Venezia, 20 marzo 2015

MIUR/AOODRVE/UFF.III/ 3493/C21 Venezia, 20 marzo 2015 MIUR/AOODRVE/UFF.III/ 3493/C21 Venezia, 20 marzo 2015 Ai Ai All Dirigenti degli Uffici Scolastici Territoriali per le province di Belluno, Padova, Rovigo, Treviso, Vicenza, Verona e Venezia Loro Sedi Dirigenti

Dettagli

MIUR.AOODRVEUff.4/ n. 16710_C27a Venezia, 29 dicembre 2014

MIUR.AOODRVEUff.4/ n. 16710_C27a Venezia, 29 dicembre 2014 MIUR.AOODRVEUff.4/ n. 16710_C27a Venezia, 29 dicembre 2014 Ai Dirigenti delle Scuole statali e paritarie di ogni ordine e grado del Veneto e p.c. Ai Dirigenti Amministrativi e tecnici della Direzione Generale

Dettagli

Con la consulenza giuridica in oggetto, concernente l interpretazione dell art. 1 della legge n. 449 del 1997, è stato esposto il seguente QUESITO

Con la consulenza giuridica in oggetto, concernente l interpretazione dell art. 1 della legge n. 449 del 1997, è stato esposto il seguente QUESITO RISOLUZIONE N. 4/E Roma, 04 gennaio 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza Giuridica Art. 1 della legge n. 449 del 1997 Piano Casa Possibilità di fruire della detrazione del 36 per cento

Dettagli

NormAteneo - sito di documentazione sulla normativa di Ateneo vigente presso l Università di Bologna -

NormAteneo - sito di documentazione sulla normativa di Ateneo vigente presso l Università di Bologna - Alma Mater Studiorum-Università di Bologna NormAteneo - sito di documentazione sulla normativa di Ateneo vigente presso l Università di Bologna - REGOLAMENTO SULL ASSEGNAZIONE E LA CONSEGNA ALLE STRUTTURE

Dettagli

CITTÀ di SAVONA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI E DEGLI SPAZI PUBBLICI ATTREZZATI PER LO SPORT

CITTÀ di SAVONA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI E DEGLI SPAZI PUBBLICI ATTREZZATI PER LO SPORT CITTÀ di SAVONA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI E DEGLI SPAZI PUBBLICI ATTREZZATI PER LO SPORT ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 192 DEL 29 LUGLIO 1993 MODIFICATO

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA 2015-41 DEL GIORNO

PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA 2015-41 DEL GIORNO PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA 2015-41 DEL GIORNO 30/07/2015 Presente Assente FONTANINI PIETRO Presidente X MATTIUSSI FRANCO Vicepresidente X BARBERIO LEONARDO Assessore

Dettagli

Consiglio di Amministrazione del 22/7/2014 DELIBERAZIONE N.392/3

Consiglio di Amministrazione del 22/7/2014 DELIBERAZIONE N.392/3 Consiglio di Amministrazione del 22/7/2014 DELIBERAZIONE N.392/3 Convocato mediante lettera del 18/7/2014 con prot. n.27004, trasmessa tramite posta elettronica e a mezzo fax, si è riunito il C.d.A. alle

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 16/22/CU01/C1

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 16/22/CU01/C1 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 16/22/CU01/C1 INTESA SULLO SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 5, COMMA 2, DELLA LEGGE 7 AGOSTO 2015, N.

Dettagli

TITOLO I OPERE INCLUSE NEI PROGRAMMI REGIONALI. Capo I PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI. Art. 1 (Norme generali) Art. 2 (Finalita')

TITOLO I OPERE INCLUSE NEI PROGRAMMI REGIONALI. Capo I PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI. Art. 1 (Norme generali) Art. 2 (Finalita') L.R. 16 Febbraio 1981, n. 12 Norme in materia di edilizia scolastica (1). TITOLO I OPERE INCLUSE NEI PROGRAMMI REGIONALI Capo I PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI Art. 1 (Norme generali) I programmi di edilizia

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA PROTOCOLLO DI INTESA TRA COMUNE DI BERGAMO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO CDP INVESTIMENTI SGR S.P.A. PER LA RIQUALIFICAZIONE E RICONVERSIONE FUNZIONALE DELLA SEDE STORICA DEGLI OSPEDALI RIUNITI DI

Dettagli

Club Alpino Italiano Fondo Stabile Pro Rifugi Bando 2015

Club Alpino Italiano Fondo Stabile Pro Rifugi Bando 2015 FONDO STABILE PRO RIFUGI (Istituito dall Assemblea dei Delegati di Varese 2006) BANDO 2015 (*) Importo presunto per il 2015: euro _751.000,00 SOMMARIO 1 Finalità 2 Soggetti beneficiari (requisiti soggettivi

Dettagli

Agli Associati Direzione Generale Funzione Crediti Funzione Legale Funzione Compliance Funzione Organizzazione

Agli Associati Direzione Generale Funzione Crediti Funzione Legale Funzione Compliance Funzione Organizzazione Roma 1 giugno 2012 Prot. UCR/ULG/001256 Agli Associati Direzione Generale Funzione Crediti Funzione Legale Funzione Compliance Funzione Organizzazione Loro Sedi Nuove misure per il Credito alle PMI del

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

ATTO DI CONVENZIONE PER IL TRASFERIMENTO DI FONDI PER IL FUNZIONAMENTO DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI (art. 3 Legge n. 23 dell 11.01.

ATTO DI CONVENZIONE PER IL TRASFERIMENTO DI FONDI PER IL FUNZIONAMENTO DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI (art. 3 Legge n. 23 dell 11.01. ATTO DI CONVENZIONE PER IL TRASFERIMENTO DI FONDI PER IL FUNZIONAMENTO DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI (art. 3 Legge n. 23 dell 11.01.1996) Tra la PROVINCIA di BERGAMO e l Istituto. L anno 2012, il giorno. del

Dettagli

Osservatorio Enti Locali Febbraio 2013

Osservatorio Enti Locali Febbraio 2013 CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Osservatorio Enti Locali Febbraio 2013 a cura DELL ISTITUTO DI RICERCA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Stefano

Dettagli

2. Dati dei locali o dei terreni 3.1 Identificazione stradale

2. Dati dei locali o dei terreni 3.1 Identificazione stradale Marca da Bollo 14,62 COMUNE DI BAIA E LATINA PROVINCIA DI CASERTA Via XX Settembre 81010 Baia e Latina - tel. 0823/990079 - fax 0823/610063 - pec: protocollo.baiaelatina@asmepec.it Settore Urbanistica

Dettagli

1. TIPOLOGIA DELL INCARICO E INDIVIDUAZIONE DEI CONTENUTI

1. TIPOLOGIA DELL INCARICO E INDIVIDUAZIONE DEI CONTENUTI AVVISO PUBBLICO DI PROCEDURA COMPARATIVA PER AFFIDAMENTO INCARICO DI REDAZIONE PERIZIA DI STIMA ASSEVERATA 1. TIPOLOGIA DELL INCARICO E INDIVIDUAZIONE DEI CONTENUTI La Camera di commercio industria artigianato

Dettagli

Avviso pubblico. per l'accesso a finanziamenti in materia di Edilizia Scolastica

Avviso pubblico. per l'accesso a finanziamenti in materia di Edilizia Scolastica PREMESSA Avviso pubblico per l'accesso a finanziamenti in materia di Edilizia Scolastica Il Decreto Legge (D.L.) n. 14 del 12/9/213, convertito, con modificazioni, dalla Legge n. 128 del 8/11/213, reca

Dettagli

ATTO DI CONVENZIONE TRA COINGAS S.p.A. COMUNE DI ANGHIARI, Premesso che:

ATTO DI CONVENZIONE TRA COINGAS S.p.A. COMUNE DI ANGHIARI, Premesso che: ATTO DI CONVENZIONE L anno duemiladieci (2010) e questo giorno ( ) del mese di, in Arezzo, nella sede Legale di COINGAS S.p.A., Via Igino Cocchi n. 14, TRA COINGAS S.p.A. con sede legale in Arezzo, Via

Dettagli

ATTI DEGLI ORGANI COSTITUZIONALI DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI

ATTI DEGLI ORGANI COSTITUZIONALI DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI LAVORI PREPARATORI Camera dei deputati (atto n. 1923): Presentato dal Ministro degli affari esteri ( BONINO ) il 30 dicembre 2013. Assegnato alla III Commissione (Affari esteri e comunitari), in sede referente,

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI SETTORE PROMOZIONE SOCIALE

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI SETTORE PROMOZIONE SOCIALE COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI SETTORE PROMOZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE ITALO CALVINO Via Boscarelli 23 29100 PIACENZA

SCUOLA MEDIA STATALE ITALO CALVINO Via Boscarelli 23 29100 PIACENZA PROGRAMMA ANNUALE E.F. 2005 RELAZIONE ILLUSTRATIVA LA SCUOLA La Scuola Media Statale Italo Calvino è nata nel 1997 dalla fusione di due preesistenti istituti scolastici con sede l uno ( Don Dilani ) in

Dettagli

AREA POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE, LA TUTELA E LA SICUREZZA AMBIENTALE E PER L ATTUAZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE

AREA POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE, LA TUTELA E LA SICUREZZA AMBIENTALE E PER L ATTUAZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE R E G I O N E P U G L I A AREA POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE, LA TUTELA E LA SICUREZZA AMBIENTALE E PER L ATTUAZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE SERVIZIO LAVORI PUBBLICI Schema di Disegno di Legge Regionale

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA Premessa L Amministrazione Comunale di Matino ha incaricato il sottoscritto Arch. Daniele Cataldo a redigere il seguente progetto definitivo-esecutivo (al fine della realizzazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PISACANE, ROMANO, GIANNI, RUVOLO. Istituzione del fascicolo del fabbricato per la sicurezza degli immobili

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PISACANE, ROMANO, GIANNI, RUVOLO. Istituzione del fascicolo del fabbricato per la sicurezza degli immobili Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5550 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PISACANE, ROMANO, GIANNI, RUVOLO Istituzione del fascicolo del fabbricato per la sicurezza

Dettagli

EDILIZIA DI CULTO: REGIONE ABRUZZO

EDILIZIA DI CULTO: REGIONE ABRUZZO EDILIZIA DI CULTO: REGIONE ABRUZZO Isabella Bolgiani La Regione Abruzzo ha dedicato specifiche disposizioni legislative alla disciplina urbanistica dei servizi religiosi ed alla materia del finanziamento

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

È consentito, in sostituzione della marcatura, riportare tali informazioni su di una etichetta adesiva resistente all acqua.

È consentito, in sostituzione della marcatura, riportare tali informazioni su di una etichetta adesiva resistente all acqua. È consentito, in sostituzione della marcatura, riportare tali informazioni su di una etichetta adesiva resistente all acqua. Art. 3. Su ciascun contenitore delle zattere di cui al precedente articolo dovranno

Dettagli

Si fa presente che i casi elencati sono indicativi di situazioni per le quali permane l obbligo dichiarativo.

Si fa presente che i casi elencati sono indicativi di situazioni per le quali permane l obbligo dichiarativo. DICHIARAZIONE ICI A partire dal 1 gennaio 2008 è soppresso l obbligo della presentazione della dichiarazione ICI per coloro che acquistano o vendono immobili. Coloro che nell anno 2007 hanno acquistato

Dettagli

PROVINCIA DI PAVIA Settore Edilizia

PROVINCIA DI PAVIA Settore Edilizia PROVINCIA DI PAVIA Settore Edilizia 1 RELAZIONE ILLUSTRATIVA 1. PREMESSA L affluenza all istruzione superiore ha subito un incremento grazie alla legge sull'obbligo scolastico che ha permesso il recupero

Dettagli

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 PUC3 COMUNE DI PARRANO Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 Interventi per la rivitalizzazione e rifunzionalizzazione delle aree urbane e dei centri storici Riqualificazione dell insediato storico

Dettagli

Comune di San Salvatore Telesino Provincia di Benevento Regolamento di accesso e fruizione del Servizio di Refezione scolastica e trasporto alunni

Comune di San Salvatore Telesino Provincia di Benevento Regolamento di accesso e fruizione del Servizio di Refezione scolastica e trasporto alunni Comune di San Salvatore Telesino Provincia di Benevento Regolamento di accesso e fruizione del Servizio di Refezione scolastica e trasporto alunni Approvato con Delibera del Consiglio comunale n. del Regolamento

Dettagli

N.202 - VERBALE DI SEDUTA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE TENUTASI IL GIORNO 15/02/2011 N. 202 IN ORDINE PROGRESSIVO DAL SUO INSEDIAMENTO.

N.202 - VERBALE DI SEDUTA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE TENUTASI IL GIORNO 15/02/2011 N. 202 IN ORDINE PROGRESSIVO DAL SUO INSEDIAMENTO. N.202 - VERBALE DI SEDUTA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE TENUTASI IL GIORNO 15/02/2011 N. 202 IN ORDINE PROGRESSIVO DAL SUO INSEDIAMENTO. Cagliari,15/02/2011. Convocato mediante lettera del 11/02/2011

Dettagli

Detrazione Irpef spese ristrutturazione Casi risolti

Detrazione Irpef spese ristrutturazione Casi risolti Detrazione Irpef spese ristrutturazione Casi risolti Saverio Cinieri Dottore Commercialista Revisore Contabile Giornalista pubblicista Agg. 23/06/2015 1 Soggetti Circolare 10 giugno 2004, n. 24/E Nel caso

Dettagli

RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA

RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA SERVIZIO PROGETTAZIONE E DIREZIONE LAVORI SU STRUTTURE Il Responsabile (Arch.

Dettagli

REGIONE TOSCANA MONTOMOLI MARIA CHIARA. Il Dirigente Responsabile: Decreto non soggetto a controllo ai sensi della D.G.R. n. 548/2012 2015AD001170

REGIONE TOSCANA MONTOMOLI MARIA CHIARA. Il Dirigente Responsabile: Decreto non soggetto a controllo ai sensi della D.G.R. n. 548/2012 2015AD001170 REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO EDUCAZIONE, ISTRUZIONE, UNIVERSITA' E RICERCA SETTORE ISTRUZIONE E EDUCAZIONE Il

Dettagli

PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS GIUNTA PROVINCIALE Delibera n 178 Data: 01.08.2011 Approvazione parametri per la definizione del fondo di funzionamento a favore degli Istituti Scolastici di 2 grado della

Dettagli

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE Termine ultimo di presentazione della domanda: 17 novembre 2014 1. Oggetto Obiettivo del bando è assicurare adeguato sostegno alle famiglie potenziando i servizi per l infanzia

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

LA CRISI DELL ENTE LOCALE

LA CRISI DELL ENTE LOCALE LA CRISI DELL ENTE LOCALE Il concetto di crisi Il concetto di crisi è connaturato all azienda: incapacità di adeguamento alle mutate condizioni di mercato con perdita dell equilibrio economicofinanziario.

Dettagli

FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLE IMPRESE DEL GRUPPO UNIPOL GUIDA ALL ANTICIPAZIONE

FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLE IMPRESE DEL GRUPPO UNIPOL GUIDA ALL ANTICIPAZIONE FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLE IMPRESE DEL GRUPPO UNIPOL GUIDA ALL ANTICIPAZIONE L anticipazione può essere concessa dal Fondo esclusivamente nei seguenti casi: a) spese sanitarie a seguito di gravissime

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA ***

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** ATTO DI MODIFICA DELL ACCORDO DI PROGRAMMA 6.10.2005 Il giorno del mese di dell anno 2014 nel Comune

Dettagli

AZENDA SPECIALE SEVIZI PUBBLICI LOCALI

AZENDA SPECIALE SEVIZI PUBBLICI LOCALI AZENDA SPECIALE SEVIZI PUBBLICI LOCALI IPOTESI PROGETTUALI PER LA VALORIZZAZIONE DELLA FARMACIA COMUNALE 1.1 ANDAMENTO FARMACIA COMUNALE I Bilanci degli ultimi anni dell Azienda Speciale evidenziano, per

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO ARTICOLO 2 DEFINIZIONI

ATTO DI INDIRIZZO ARTICOLO 2 DEFINIZIONI ATTO DI INDIRIZZO PER I PROCEDIMENTI DI COMPETENZA COMUNALE DEFINITI DAGLI ARTICOLI 4, 5, 6 bis, 7, 8, 9 E 11 bis DELLA LEGGE REGIONALE 28 DICEMBRE 2009 N. 19 Misure urgenti per il rilancio economico,

Dettagli

Ordinanza n. 52.del 30 Giugno 2014

Ordinanza n. 52.del 30 Giugno 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 52.del 30 Giugno 2014 Rimodulazione del

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Prot. N. 5019 del 1 settembre 2015 Delibera n. 11 del consiglio di Istituto del 1/09/2015 REGOLAMENTO USO LOCALI SCOLASTICI

Prot. N. 5019 del 1 settembre 2015 Delibera n. 11 del consiglio di Istituto del 1/09/2015 REGOLAMENTO USO LOCALI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO G.GALILEI Scuola dell infanzia, primaria, secondaria di primo grado VIA CAPPELLA ARIENZO TEL. 0823/755441 FAX 0823-805491 e-mail ceic848004@istruzione.it ceic848004@pec.it C.M. CEIC848004

Dettagli

Regione Umbria. DECRETO DEL COMMISSARIO DELEGATO (Decreto Presidente Consiglio Ministri 23 marzo 2013) 9 agosto 2013, n. 1

Regione Umbria. DECRETO DEL COMMISSARIO DELEGATO (Decreto Presidente Consiglio Ministri 23 marzo 2013) 9 agosto 2013, n. 1 DECRETO DEL COMMISSARIO DELEGATO (Decreto Presidente Consiglio Ministri 23 marzo 2013) 9 agosto 2013, n. 1 D.P.C.M. 23 marzo 2013 Ordinanza del Commissario delegato n. 10 del 24 giugno 2013. Criteri, procedure

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Assessore all urbanistica e ambiente Via Jacopo Aconcio, n. 5-38100 Trento Tel. 0461 493202- Fax 0461 493203 e-mail: ass.urbambiente@provincia.tn.it Trento, 8 MAGGIO 2006 Prot.

Dettagli

GUIDA ESPLICATIVA NEI NUOVI DECRETI PER LA REDAZIONE DELL APE

GUIDA ESPLICATIVA NEI NUOVI DECRETI PER LA REDAZIONE DELL APE GUIDA ESPLICATIVA NEI NUOVI DECRETI PER LA REDAZIONE DELL APE Dal 1 ottobre 2015 entrano in vigore i nuovi decreti attuativi in materia di prestazione e certificazione energetica. Cosa cambia concretamente?

Dettagli

Dipartimento Salute e Servizi Sociali. Art. 21 (Fondazioni ex IPAB privatizzate ai sensi del D.P.C.M. 16 febbraio 1990) Capo IV

Dipartimento Salute e Servizi Sociali. Art. 21 (Fondazioni ex IPAB privatizzate ai sensi del D.P.C.M. 16 febbraio 1990) Capo IV 1. Ai dipendenti delle ex IPAB e delle ASP che si sono trasformate in associazioni o fondazioni si applicano le disposizioni di cui all articolo 4 comma 2 del decreto-legge 9 ottobre 1989, n. 338, convertito

Dettagli

Criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento

Criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Medie strutture di vendita Criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Adottato con atto C.C. n. 3400/192 del 16.06.2000 Modificato con atto

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 400 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Promozione del progetto per la costituzione del Fondo di Housing Sociale Trentino

Dettagli

COMUNE DI POGGIBONSI Provincia di Siena

COMUNE DI POGGIBONSI Provincia di Siena COMUNE DI POGGIBONSI Provincia di Siena SCUOLA PRIMARIA in via aldo moro a poggibonsi DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE SETTORE LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONE RUP: Arch. Adriano Bartoli 1. DESCRIZIONE

Dettagli

NUOVA NORMATIVA DEL DIRITTO ALLO STUDIO

NUOVA NORMATIVA DEL DIRITTO ALLO STUDIO Legge regionale 26 aprile 1985, n. 30 NUOVA NORMATIVA DEL DIRITTO ALLO STUDIO TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità La Regione, al fine di concorrere alla realizzazione del diritto allo studio,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 99/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 99/E QUESITO RISOLUZIONE N. 99/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 08 aprile 2009 OGGETTO: Istanza di interpello Spese di ristrutturazione nell ambito della determinazione del reddito di lavoro autonomo

Dettagli

COMUNE DI GONARS. Disciplina in materia di impianti per la telefonia mobile REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TELEFONIA MOBILE

COMUNE DI GONARS. Disciplina in materia di impianti per la telefonia mobile REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TELEFONIA MOBILE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI GONARS Disciplina in materia di impianti per la telefonia mobile (L.R. n. 3 del 18 marzo 2011- Capo III) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 175/2011/SRCPIE/PRSE La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, composta dai Magistrati: Dott. ssa Enrica LATERZA Presidente

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA. Seminario per candidati agli esami di abilitazione alla professione di ingegnere LAVORI PUBBLICI

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA. Seminario per candidati agli esami di abilitazione alla professione di ingegnere LAVORI PUBBLICI ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA Seminario per candidati agli esami di abilitazione alla professione di ingegnere LAVORI PUBBLICI Progetto, approvazione, affidamento dott. ing. Orazio

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA. Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA. Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente Legge 1986022 Pagina 1 di 5 LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE

Dettagli

TESTO AGGIORNATO CON LE MODIFICHE APPROVATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO DELL'INPS CON DETERMINAZIONE N. 734 DEL 17 GIUGNO 2003 ART.

TESTO AGGIORNATO CON LE MODIFICHE APPROVATE DAL COMMISSARIO STRAORDINARIO DELL'INPS CON DETERMINAZIONE N. 734 DEL 17 GIUGNO 2003 ART. REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE NELL AMBITO DEI FONDI DI PREVIDENZA ESATTORIALI E DAZIERI DELLA NORMATIVA SULLE ANTICIPAZIONI DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI CUI ALLA LEGGE 29 MAGGIO 1982,N.297 TESTO

Dettagli

1. Dati del dichiarante IL SOTTOSCRITTO

1. Dati del dichiarante IL SOTTOSCRITTO Spazio per apporre il timbro di protocollo Spazio per la vidimazione Data L addetto alla ricezione N.B: Il presente documento è privo di validità in assenza di vidimazione da parte del SUAP. La vidimazione

Dettagli

Abrogazione e sostituzione integrale del regolamento n 3 del 23 ottobre 2001: Regolamento di attuazione della legge regionale n. 25 del 6 luglio 2001.

Abrogazione e sostituzione integrale del regolamento n 3 del 23 ottobre 2001: Regolamento di attuazione della legge regionale n. 25 del 6 luglio 2001. Abrogazione e sostituzione integrale del regolamento n 3 del 23 ottobre 2001: Regolamento di attuazione della legge regionale n. 25 del 6 luglio 2001. Art. 1 (Finalità) 1. Il presente regolamento viene

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI INTERVENTI DI VOLONTARIATO

REGOLAMENTO SUGLI INTERVENTI DI VOLONTARIATO REGOLAMENTO SUGLI INTERVENTI DI VOLONTARIATO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 126 del 22.11.1999 www.comune.genova.it Regolamento sugli interventi di volontariato ART. 1 Finalità In

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Criteri per la concessione da parte del Dipartimento della Protezione Civile dei contributi per il finanziamento di progetti presentati dalle Organizzazioni di Volontariato di Protezione Civile nel triennio

Dettagli

INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO

INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO Direzione Commercio e Artigianato Settore Programmazione e Interventi dei Settori Commerciali INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DI ADDENSAMENTI COMMERCIALI EXTRAURBANI (ARTERIALI) A.5.

Dettagli