PROPOSTA DI DECRETO PRESIDENZIALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROPOSTA DI DECRETO PRESIDENZIALE"

Transcript

1 PROPOSTA DI DECRETO PRESIDENZIALE UFFICIO EDILIZIA E PATRIMONIO Riorganizzazione degli edifici scolastici per il rispetto del piano di riequilibrio finanziario imposto all Ente dall art. 243-bis del D.Lgs. n.267/2000. Premessa RELAZIONE ISTRUTTORIA La Provincia di Potenza sta attuando un energica azione di progressiva revisione della propria spesa, con l intento di potenziare i servizi prestati ai Cittadini e al Territorio mediante l ottimizzazione dei costi. Si è dato avvio, per tale finalità, a provvedimenti di regolazione e ad attività costruttive miranti alla riduzione dei costi di gestione dei fabbricati, a programmi d installazione di impianti di produzione energetica (elettrica e termica) da fonti rinnovabili e ad attività di rinegoziazione dei fitti passivi per far fronte ai continui tagli imposti dal Governo, che hanno determinato la repentina carenza di fondi utilizzabili dall Ente. A fronte dei tanti risultati già raggiunti, lo squilibrio dei conti provocato da tale operazione - peraltro attuata con criteri evidentemente iniqui - ha finanche condotto l Ente alla soglia del dissesto finanziario, tanto che, per farvi fronte, il Consiglio Provinciale ha dovuto far ricorso alla procedura prevista dall art. 243-bis del D.Lgs. n.267/2000, che, ideata per Amministrazioni non virtuose, obbliga all individuazione di modalità di recupero del disavanzo e alla loro rigorosa applicazione in ambito pluriennale. Detto programma di riequilibrio finanziario pluriennale, approvato con D.C.P. n.11 del , include (ai punti 9.4 e 9.6), fra le misure per ripristinare l equilibrio strutturale del bilancio, la graduale eliminazione degli oneri per fitti passivi. Nel frattempo, l art.1, co. 85, della Legge n.56/2014, Riordino Province e istituzione Città metropolitane, ha confermato, tra le funzioni fondamentali dell Ente, la gestione dell edilizia scolastica e la programmazione provinciale delle rete d istruzione, nel rispetto di quella regionale. In virtù di tale compito e alla luce del precitato obiettivo, l Ufficio Edilizia e Patrimonio ha preliminarmente proceduto alla ricognizione del patrimonio immobiliare dell Ente, specie nel Capoluogo e nei centri urbani di maggior concentrazione delle Scuole secondarie d istruzione superiore, verificando ogni possibilità riorganizzativa utile allo scopo. Pagina 1

2 I dati delle iscrizioni - necessari per la valutazione delle effettive esigenze di spazi e per la costruzione di diagrammi rappresentativi di evoluzioni attendibili per i prossimi anni - sono stati acquisiti presso l Ufficio Scolastico Regionale del MIUR, la cui Direzione, oltre a fornire detto prezioso contributo con cortese disponibilità e prontezza, ha anche acconsentito ad esaminare la presente proposta in via consultiva e preventiva, avvalendosi del Responsabile del proprio Ufficio tecnico di coordinamento regionale per la sicurezza nelle Istituzioni scolastiche, che, con l usuale disponibilità nei confronti della Provincia di Potenza, ha supportato quest Ufficio evidenziando gli interventi prioritari di adattamento di taluni fabbricati, in vista della mutata organizzazione funzionale. Una parte degli esiti delle anzidette attività è stata recentemente discussa e apprezzata presso l Assessorato Politiche di sviluppo, Lavoro, Formazione e Ricerca della Regione Basilicata, cui taluni Istituti si sono rivolti per ottenere garanzia dell appropriatezza di scelte operate dalla Provincia di Potenza, invero già discusse preliminarmente e ampiamente spiegate agli interessati per ragioni di opportunità, vista l esigenza di attuare l intero piano riorganizzativo durante la sospensione estiva delle attività didattiche. Sebbene siano sorte comprensibili difficoltà iniziali, la gran parte dei soggetti coinvolti nelle discussioni iniziali (dirigenti scolastici e rappresentanti di docenti, studenti e loro genitori), compresa la grave situazione finanziaria della Provincia di Potenza e mostrando alto senso di responsabilità e propensione al riconoscimento del primario interesse degli allievi, ha accolto le soluzioni prospettate e fornito collaborazione durante la redazione dei layout d intervento, utili all individuazione delle opere da eseguire e alla quantificazione della connessa spesa da sostenere. Taluni, al contrario, valutati aspetti di limitata ampiezza (quali sono, ad esempio, quelli riferibili a un singolo Istituto), conservano tuttora il proprio convincimento circa la possibilità di mantenere l attuale organizzazione scolastica, obiettivo la cui irrealizzabilità l Ente ha dovuto constatare, prima di assumere ogni gravoso impegno consequenziale. A tal riguardo, è bene precisare che per la redazione della proposta conclusiva, illustrata nel prosieguo, si sono tenuti in special conto gli oneri connessi agli spostamenti degli Istituti, la cui consistenza ha condotto ad evitare l integrale trasferimento di alcuni plessi, seppur meglio allocabili in differenti sedi. Poiché un diverso approccio - meno conservativo - potrebbe rivelarsi sostenibile in futuro, non si esclude di potersi modificare successivamente l assetto qui proposto, laddove ciò consenta di raggiungere - come ora appare - una migliore configurazione logistica complessiva delle scuole provinciali. Si è dunque prestata attenzione alla fattibilità di ciascuna modifica, comparando i costi all entità dei risultati conseguibili e assicurando miglioramenti dell organizzazione attuale, sotto gli aspetti della sicurezza, del comfort e del risparmio, mediante l ottimizzazione degli spazi eccedenti, la valorizzazione del patrimonio e la dismissione dei beni non più necessari. Indirizzi e provvedimenti dell Amministrazione Dopo aver previsto l attuale situazione finanziaria, negli ultimi anni l Amministrazione ha impartito specifici indirizzi tendenti alla riorganizzazione degli edifici e alla conseguente riduzione della spesa di gestione del patrimonio. Un definitivo provvedimento, in tal senso, è costituito dalla Deliberazione della Giunta Provinciale n.81 in data , con cui s è stabilito, in particolare, di avviare la valorizzazione del patrimonio immobiliare scolastico previa puntuale ricognizione degli spazi eccedenti, da utilizzarsi mediante riorganizzazione dei plessi, concessione a terzi, alienazione o locazione, ovvero temporanea dismissione, nel seguente modo: Pagina 2

3 - in caso di presenza di più Scuole nella medesima città, valutando la possibilità che gli stabili non pienamente utilizzati possano meglio prestarsi ad ospitare altri Istituti più frequentati, ovvero, almeno, ad accoglierne parti delle scolaresche; - interrompendo i rapporti di locazione anche prima del raggiungimento del termine previsto dai contratti, per le gravi ragioni di pre-dissesto in cui l Ente si trova incolpevolmente ad operare; - effettuando la separazione degli edifici scolastici che risultino possedere conformazioni planoaltimetriche tali da consentire di ricavare porzioni indipendenti dei fabbricati, senza interferenza con l immobile principale; - chiedendo all Ufficio Edilizia e Patrimonio di predisporre specifiche proposte di riorganizzazione, assegnazione, vendita e/o dismissione. Ricognizione dello stato attuale del patrimonio scolastico provinciale Sono state effettuate attente ispezioni presso gli stabili, per verificare la conformazione degli spazi in vista delle esigenze derivanti dalla dismissione di fitti passivi e dalle eventuali modifiche delle attività svolte in ciascun Istituto. Per tutti gli immobili, in particolare, è stato svolto un controllo degli spazi in relazione al loro effettivo utilizzo e in rapporto agli standard previsti dalla legge, calcolabili in base al numero di studenti iscritti. Con il piano di riorganizzazione scolastica, i cui contenuti si espongono nella presente relazione, si raggiunge la prefissata finalità di eliminare il maggior numero di locazioni e di dismettere, pertanto, la gran parte degli immobili su cui gravano oneri dovuti a fitti passivi, mediante la sola riorganizzazione del patrimonio pubblico disponibile. Deve considerarsi che, in linea con le direttive dell Amministrazione, con risoluzioni che ora convergono nel presente Piano, sono state sinora eliminate le locazioni: - della succursale dell Istituto Alberghiero in Potenza, le cui attività sono state riunite a quelle svolte nella sede principale, assoggettata a tal fine a molteplici interventi di adeguamento ed efficientamento energetico; - delle tre sedi dell Istituto Alberghiero di Melfi, ora sistemato nel nuovo edificio, derivante dalla conversione di un immobile - prima sismicamente inidoneo - demolito e ricostruito in maggior consistenza edilizia; - degli stabili destinati a sedi del Liceo classico e dell Istituto professionale di Venosa, scuole per le quali la Provincia di Potenza ha costruito due moderni edifici; - degli edifici comunali di Pescopagano e di Sant Arcangelo, dove si trovavano rispettivamente gli Istituti Professionale e Tecnico, trasferiti in fabbricati appositamente edificati; - di più d una sede del Da Vinci di Potenza; - della Biblioteca provinciale e dell annesso deposito, i cui testi sono ora conservati in locali dell Ente. Si è altresì proceduto alla restituzione di immobili comunali sinora detenuti ai sensi della Legge n.23/96 per il Liceo scientifico di Lagonegro e il Commerciale di Avigliano, cui sono state assegnate sedi più adatte. Durante l anzidetta analisi del patrimonio disponibile, nel Capoluogo è infine emersa una complessiva disponibilità di spazi per la didattica e i laboratori, in misura sensibilmente maggiore della sommatoria dei valori minimi previsti dalle norme (in particolare, dal D.M. 18 dicembre 1975, recante Norme tecniche aggiornate relative all'edilizia scolastica ) di ogni singola Scuola. Pagina 3

4 Si è quindi ritenuto di potersi riorganizzare una consistente porzione del patrimonio scolastico cittadino, per la necessità di eliminare i residui due contratti di locazione, lungamente sopportati dall Ente per la sede del Liceo scientifico Pasolini e per le aule e i laboratori degli indirizzi elettronico-elettrotecnico e chimico dell Istituto De Lorenzo - Einstein, rispettivamente allocati nel fabbricato corrispondente all ex seminario, in Contrada Macchia Giocoli, di proprietà della Provincia Ecclesiastica, e nel plesso dell Istituto Principe di Piemonte, già di proprietà provinciale e poi ceduto all Opera Nazionale per il Mezzogiorno d Italia, fondata da Don Giovanni Minozzi. Si è quindi compilata, per ciascun immobile scolastico, una speciale scheda - contenitore, che, basata sulle superfici disponibili per la didattica, per i laboratori, le attività integrative e complementari, gli uffici, i percorsi di collegamento e i servizi igienici (destinazioni in cui sono distinte le prescrizioni normative in termini di superficie minima pro capite), è rappresentativa della capacità ricettiva di ogni stabile. Analogamente, una scheda contenuto si è approntata in relazione al numero di iscritti di ciascuna Scuola, i cui parametri areali (inderogabili specie per gli edifici scolastici di nuova costruzione) sono tabellati in base all indirizzo di studi e al numero complessivo degli studenti. Si è quindi determinato numericamente il grado di appropriatezza dello stabile detenuto dalla Scuola, che, con particolare evidenza, emerge dai corrispondenti grafici, laddove si distinguono facilmente gli edifici densamente usati (che quindi non meritano variazione), dai contenitori con scarso contenuto (che sarebbe meglio assegnare ad altre Scuole o, almeno, in cui è possibile allocare altre scolaresche). Variazioni della consistenza patrimoniale dell Ente La redazione della presente proposta è stata resa possibile grazie alla recente attuazione di un consistente programma edificatorio dell Ente, con cui, nel solo capoluogo, si è: - ristrutturato l edificio principale dell Istituto De Lorenzo - Einstein, in via Sicilia (dove è stata trasferita la sezione meccanica dell Industriale); - adeguata la sede dell Istituto d'arte, in via Anzio (riassegnata di recente alla Scuola), sotto il profilo strutturale, impiantistico e igienico - sanitario; - ultimata la costruzione di un edificio di elevata capienza (con superfici parametrata per oltre mille studenti), in via Ancona, sinora assegnato al solo Istituto Da Vinci ; - riqualificata la sede dell'istituto alberghiero di Potenza, in via Anzio, finalmente certificata anche sotto l aspetto igienico-sanitario e antincendio. - operata la manutenzione straordinaria dell ampio plesso scolastico in via Danzi, risultante dalla fusione del fabbricato sinora sede dell Istituto agrario Fortunato e del confinante edificio comunale, già sede di una scuola primaria, ora ceduto alla Provincia di Potenza; - realizzato l auditorium del Liceo classico Flacco, prima non utilizzabile; - proceduto a diffusi interventi manutentivi degli edifici del Nitti, del Giorgi e del Galilei. Al contrario, a causa delle note limitazioni all indebitamento imposte dalle norme, che impediscono all Ente di programmare interventi edilizi di rilievo, può facilmente prevedersi che l attuale infrastrutturazione si manterrà pressoché invariata lungo i prossimi anni, durante i quali potranno attuarsi, al più, i soli lavori indispensabili alla conservazione e al miglioramento dei beni pubblici, ovvero quelli protesi al completamento di opere già finanziate e avviate. Si conferma oltremodo opportuna, pertanto, la riorganizzazione delle Scuole della Città confidando sui plessi ora esistenti, perché possa giungersi, nel più breve tempo possibile, al definitivo assetto del patrimonio provinciale scolastico, interamente pubblico. Pagina 4

5 Valutazione del trend delle iscrizioni Si è ritenuto di far precedere alla presente proposta di riorganizzazione un accurata valutazione dell andamento degli iscritti dei precedenti anni, nonché la raccolta di elementi connessi con le prossime variazioni, il quale - lungi dal costituire un modello di previsione, ancorché semplificato - consenta di escludere, in modo deduttivo, che il piano si riveli inadatto in breve termine. A tal fine, è stata rilevata la composizione degli iscritti di tutti gli Istituti in ragione della loro provenienza e dell anno di corso, e si è calcolato quanto abbiano inciso, dette componenti, sui totali degli alunni che, di anno in anno, giungevano da quella determinata città. Si sono poi acquisiti i dati relativi agli alunni che frequentano, attualmente, le scuole dell obbligo (a partire dalle scuole medie, le elementari e anche le scuole materne) per l intera provincia, dei quali, assumendo approssimativamente invariata la ripartizione degli studenti per ogni città, si è operata una sommaria simulazione a due, cinque e dieci anni, delle prossime iscrizioni. Al di là della bontà del metodo e dell affidabilità delle ipotesi, la generale e progressiva tendenza alla riduzione dei futuri studenti, emersa dallo studio, è tale da non potersi che assumere valida - tristemente - per i prossimi anni, un organizzazione delle scuole commisurata ai numeri d oggi. Né la circostanza di aver rilevato trend anormalmente e isolatamente crescenti per taluni Istituti (che hanno evidentemente beneficiato di speciali circostanze) può far dubitare della giustezza della predetta deduzione, poiché, nell eventualità soggiungano prossimamente condizioni analoghe, data l invariabilità dei saldi, ad impreviste incrementi corrisponderebbero riduzioni ancor maggiori degli iscritti in altre Scuole, con conseguente nuova disponibilità di spazi. Caratteristiche degli stabili in locazione da dismettere Perché possano apprezzarsi i vantaggi derivanti con l attuazione della riorganizzazione proposta, si evidenzia che gli edifici privati innanzi indicati, pur utilizzati per lungo tempo per il Liceo scientifico Pier Paolo Pasolini e per la didattica degli indirizzi elettronico-elettrotecnico e chimico dell Istituto De Lorenzo - Einstein, presentano talune problematiche rispetto alle attuali esigenze. In particolare, l edificio in Contrada Macchia Giocoli, realizzato per ospitare i giovani seminaristi della Diocesi, è ubicato a grande distanza dal centro abitato, tanto che costituisce onere di rilievo servire col servizio di trasporto extra urbano, gestito dalla Provincia di Potenza. Inoltre, sussistono per l immobile rilevanti esigenze di adeguamento, preordinate all ottenimento delle certificazioni prescritte dalla attuali norme di settore - specie per la sicurezza antincendio - difficili da ottenere, anche a causa dell uso promiscuo del bene, in cui la Provincia Ecclesiastica, che dispone di parte del bene, fa svolgere manifestazioni e attività di vario genere. Analoghe e più consistenti esigenze emergono per l edificio Principe di Piemonte, realizzato in epoca antecedente al sisma del 1980 (allorquando si è mutata la tecnica costruttiva) e privato, di recente, dei capannoni - laboratorio, di proprietà della Provincia di Potenza, il cui radicale rifacimento (necessario per la risoluzione delle gravi problematiche strutturali e igienico - sanitarie emerse) si è rivelato inattuabile, a causa dell insistenza di un vincolo urbanistico di integrale demolizione, imposto dal Comune di Potenza e tuttora efficace. Per massimizzare gli spazi per la didattica, infine, la conformazione planimetrica dello stabile locato non risponde alle prescrizioni minime di legge in relazione ai percorsi e ai servizi igienici. Pagina 5

6 Criteri della riorganizzazione Si è giunti alla presente ipotesi riorganizzativa ricorrendo esclusivamente alle caratteristiche degli edifici, operando scelte non arbitrarie, né casuali, ma basate sui seguenti graduali propositi: - eliminare entrambe le locazioni; - contenere la frammentazione di singole Scuole in più sedi; - limitare i traslochi e, in particolare, evitare lo spostamento di Scuole che utilizzano in modo intensivo gli spazi loro assegnati (si tratta, evidentemente, di Scuole che hanno adottato speciali soluzioni funzionali, all interno degli stabili di cui dispongono, per ospitare al meglio i loro iscritti, ottimizzando le attività); - minimizzare gli interventi edilizi e impiantistici di adattamento, specie per i fabbricati che non presentano evidenti esigenze manutentive; - conseguire la migliore corrispondenza fra la capacità ricettiva degli stabili-contenitori e la richiesta di spazi delle Scuole-contenuto; - assegnare gli edifici decentrati alle Scuole già munite di sedi principali. Ipotesi riorganizzativa Nella seguente proposta gli edifici sono ordinati in base al codice assegnato all atto del censimento preordinato all inserimento nella costituenda anagrafe scolastica nazionale. 1. Edificio codice via Anzio n. 6-4: vi sono le caratteristiche dimensionali perché nell edificio continui ad avere sede l Istituto professionale per i servizi alberghieri e della ristorazione Umberto di Pasca (PZRH ) con l annesso Convitto (PZVC03000R) e il Convitto nazionale Salvator Rosa (PZVC01000G) con l annesso Liceo scientifico (PZPS08000N). 2. Edificio codice via Vaccaro, 36: l edificio, in gran parte occupato dal Liceo Ginnasio Quinto Orazio Flacco (PZPC040004), può essere agevolmente utilizzato, come in passato (in corrispondenza ai piani accessibili dalla via Vespucci, secondo quanto concordato con il Classico), dal Liceo economico-sociale Emanuele Gianturco (PZPM01000C), per le esigenze che non possono attualmente trovare soluzione nella sede principale. 3. Edificio codice via Zara: per l ottimizzazione dell utilizzo, si ritiene opportuno che nell edificio continui ad avere sede principale il Liceo economico-sociale Emanuele Gianturco (PZPM01000C). 4. Edificio codice via Anzio, 2: per le caratteristiche dimensionali, l edificio può confermarsi come idonea sede unica del Liceo scientifico Galileo Galilei (PZPS040007). 5. Edificio codice via Torraca: l unità immobiliare potrà ospitare gli Uffici amministrativi dell Istituto agrario Giustino Fortunato (PZRA010001), fino a nuova allocazione nei pressi delle aule didattiche. Pagina 6

7 6. Edificio codice via Anzio: considerata l ampiezza dello stabile, l organizzazione scolastica e l attuale numero di studenti, si valuta che l edificio possa costituire la sede unica dell Istituto d Istruzione superiore Francesco Saverio Nitti (PZIS023004), del Professionale per i servizi commerciali Giacomo Racioppi (PZRC023013) e dell Istituto tecnico commerciale Nitti - Falcone (PZTD02301A). 7. Edificio codice via Anzio: considerata la limitatezza delle opere da eseguire per l adattamento e l ampiezza dei locali, si propone che lo stabile - già assegnato alle Scuole Racioppi e Falcone, costituisca la sede unica del Liceo scientifico Pier Paolo Pasolini (PZRH010005). 8. Edificio codice via Sicilia: considerati i locali specialistici presenti nello stabile e l organizzazione scolastica, si ritiene che l edificio possa continuare ad essere sede principale per l Istituto per geometri Giuseppe De Lorenzo (PZIS022008), l Istituto d Istruzione superiore Albert Einstein (PZIS022008) e l Istituto industriale Einstein - De Lorenzo (PZTF02202T). 9. Edificio codice via Tammone: si ritiene che nell edificio possa aver ancora sede il Conservatorio di Musica Gesualdo da Venosa, che - per l eccedenza di spazi in relazione all utenza - concederà l utilizzo di sale per l esercitazione musicale al Liceo artistico, coreutico e musicale (PZSD030003), come peraltro concordato fra le stesse Scuole. 10. Edificio codice via Danzi: per l ampiezza dei locali da adibire a laboratori e per la presenza di adeguate superfici di percorso e di servizio, l edificio potrà costituire la sede secondaria per l Istituto per geometri Giuseppe De Lorenzo (PZIS022008), l Istituto d Istruzione superiore Albert Einstein (PZIS022008) e l Istituto industriale Einstein - De Lorenzo (PZTF02202T), secondo la suddivisione indicata nei giorni scorsi dalla Scuola. 11. Edificio codice via Anzio, 4: l edificio potrà costituire la sede unica il Liceo artistico, coreutico e musicale (PZSD030003), che otterrà ulteriori spazi per l esercitazione, fra quelli ricavati dai lavori di ristrutturazione in corso. 12. Edificio codice via Pola: per le dimensioni e le caratteristiche dello stabile, oltre che per la vicinanza ai laboratori allocati nel capannone Mediafor - concesso in comodato dalla Regione Basilicata - nell edificio potrà continuare ad essere allocata la sede unica dell Istituto professionale per l industria e l artigianato Giovanni Giorgi (PZRI04000C). 13. Edificio codice via Ancona: per la rilevante eccedenza di spazi, si ritiene che l edificio, per confermarsi sede dell Istituto d Istruzione superiore Leonardo Da Vinci (PZIS02400X - PZPS02401A - PZTD024038), debba anche ospitare la sede principale dell Istituto professionale agrario Giustino Fortunato (PZRA010001), che, accedendo dal lato di monte del plesso, otterrà in assegnazione le superfici concordate col Da Vinci. 14. Edificio codice via Roma (c.d. Mediafor ): la prosecuzione del rapporto di comodato con la Regione Basilicata consentirà l utilizzo dei laboratori allocati nello stabile, in forma condivisa, da parte dell Istituto professionale Giorgi e dell indirizzo meccanico dell Istituto industriale Einstein, mentre gli spazi per la didattica saranno utilizzati dal Liceo economico-sociale Gianturco e dal medesimo Professionale, che - per i mutati fabbisogni - otterrà, a partire dal prossimo anno, n.3 aule aggiuntive rispetto all attuale assegnazione. Pagina 7

8 Impianti sportivi di pertinenza dei plessi scolastici Fino alla ripresa e alla conclusione del programma costruttivo della Provincia di Potenza - che prevede, fra l altro, la realizzazione di ampliamenti di edifici scolastici e la costruzione di nuovi impianti sportivi - le palestre scolastiche esistenti nella città di Potenza dovrebbero essere utilizzate da tutte le Scuole. Tale soluzione potrebbe garantire, infatti, pari opportunità agli studenti dei diversi edifici, in relazione alla pratica delle discipline sportive, poiché non ci si può attendere che l Ente ricorra all utilizzo di strutture di altra proprietà, salvo che non ottenga di usufruirne in forma gratuita. Per tale ragione, è opportuno suggerire alle Istituzioni scolastiche, per il tramite delle Direzioni regionale e provinciale del MIUR, che gli orari delle attività curriculari di educazione fisica delle scuole sprovviste di palestre tengano conto della disponibilità degli impianti, in base al programma di utilizzo approntato dagli Istituti gestori, che, a loro volta, potranno ottimizzarne il proprio uso e agevolare l altrui fruizione. Opportunamente concentrate le attività, la Provincia potrà concorrere al descritto obiettivo, organizzando in modo conseguente il trasporto degli alunni presso le palestre. Spese per l attuazione del Piano Prima di poter procedere alla redazione di perizie tecniche d intervento, l Ufficio Edilizia e Patrimonio è stato costretto ad attendere indicazioni dalle Scuole interessate dagli spostamenti, per l esatta individuazione delle operazioni edili e impiantistiche da effettuare necessariamente, in connessione con l attuazione del proposto piano riorganizzativo. Eseguite le attività tecniche, è stato predisposto il programma d intervento (con quantificazione della relativa spesa da sostenere), così composto: a) ristrutturazione e allestimento laboratori presso la sede di via Danzi: ; b) realizzazione di aule presso la sede di via Vaccaro: ; c) opere manutentive presso l Istituto Nitti : ; d) opere manutentive e realizzazione di aule presso la sede di Via Ancona: ; e) opere manutentive presso la sede di Via Anzio del Pasolini : ; f) opere di complemento presso l Istituto d Arte: ; per complessivi , comprensivi di oneri di trasferimento. Documentazione a corredo del piano di riorganizzazione Come anzidetto, per la preparazione della proposta sono state redatte tavole tecniche e si sono approntate schede di calcolo, nonché grafici rappresentativi di immediata comprensione. Tale documentazione, già utilizzata per illustrare la proposta agli interessati durante numerosi incontri, è disponibile agli atti dell Ufficio, per eventuali approfondimenti. Si ritiene, in particolare, che le tabelle con cui si è operata la valutazione della capacità ricettiva degli stabili possano essere utilmente trasmesse alle Scuole, al fine di consentire loro di tener conto delle caratteristiche degli edifici, all atto di accogliere nuovi iscritti. Pagina 8

9 Conclusioni Nel caso sia condivisa la presente proposta, l attuazione del piano dev essere avviata con estrema urgenza, attesa la necessità di restituire gli stabili locati entro le scadenze fissate dai contratti. Deve altresì considerarsi l esigenza di consegnare, sin dall avvio del prossimo anno scolastico, i plessi destinatari degli interventi manutentivi alle Scuole, che solo di recente si sono mostrate - per la maggior parte - concordi sull opportunità di agire nel senso indicato. Eventuali emendamenti al programma, s intende, procrastinando ulteriormente lo svolgimento dei lavori, potrebbe compromettere definitivamente l obiettivo temporale, che si annuncia sin d ora arduo da raggiungere pienamente. Può utilmente considerarsi, tuttavia, la propizia circostanza della contemporanea esecuzione di opere edili presso due dei plessi interessati, da completare necessariamente entro il 30 luglio p.v., per i quali i nuovi interventi - sinora imprevisti - potranno considerarsi connessi e complementari ai lavori principali. Il Dirigente (Ing. Enrico Spera) * * * LETTA la relazione istruttoria del dirigente dell Ufficio Edilizia e Patrimonio, Ing. Enrico Spera; ESAMINATO il piano di riorganizzazione ivi descritto; DATO ATTO che la proposta è in linea con gli obiettivi del piano di riequilibrio finanziario, adottato dall Ente secondo la procedura prevista dall art. 243-bis del D.Lgs. n.267/2000; si propone al Presidente della Provincia di Potenza di approvare il seguente DECRETO con cui si stabilisce: 1. di approvare il piano di riorganizzazione degli edifici scolastici provinciali di Potenza, predisposto dall Ufficio Edilizia e Patrimonio, che prevede l eliminazione delle locazioni sinora sostenute per il Liceo scientifico Pier Paolo Pasolini e per l Istituto De Lorenzo - Einstein, rispettivamente allocati nel fabbricato corrispondente all ex seminario, in Contrada Macchia Giocoli (di proprietà della Provincia Ecclesiastica) e nel plesso dell Istituto Principe di Piemonte (di proprietà dell Opera Nazionale per il Mezzogiorno d Italia), mediante l assegnazione degli stabili alle Istituzioni scolastiche, nel modo seguente: - nell edificio codice in via Anzio n continueranno ad avere sede l Istituto professionale per i servizi alberghieri e della ristorazione Umberto di Pasca (PZRH ) con l annesso Convitto (PZVC03000R) e il Convitto nazionale Salvator Rosa (PZVC01000G) con l annesso Liceo scientifico (PZPS08000N); - l edificio codice in via Vaccaro - in gran parte riassegnato al Liceo Ginnasio Quinto Orazio Flacco (PZPC040004), sarà utilizzato - nei piani accessibili da via Vespucci, Pagina 9

10 secondo quanto concordato con il Classico - dal Liceo economico-sociale Emanuele Gianturco (PZPM01000C), per le esigenze che non possono trovare soluzione nella sede principale; - nell edificio codice in via Zara - continuerà ad avere sede principale il Liceo economico-sociale Emanuele Gianturco (PZPM01000C); - l edificio codice in via Anzio, 2 - si confermerà sede unica del Liceo scientifico Galileo Galilei (PZPS040007); - l unità immobiliare codice in via Torraca - continuerà ad ospitare gli Uffici amministrativi dell Istituto agrario Giustino Fortunato (PZRA010001), fino a nuova allocazione nei pressi delle aule didattiche; - l edificio codice in via Anzio - sarà sede unica dell Istituto d Istruzione superiore Francesco Saverio Nitti (PZIS023004), del Professionale per i servizi commerciali Giacomo Racioppi (PZRC023013) e dell Istituto tecnico commerciale Nitti - Falcone (PZTD02301A); - l edificio codice in via Anzio - già assegnato alle Scuole Racioppi e Falcone, sarà sede unica del Liceo scientifico Pier Paolo Pasolini (PZRH010005); - l edificio codice in via Sicilia - costituirà sede principale per l Istituto per geometri Giuseppe De Lorenzo (PZIS022008), l Istituto d Istruzione superiore Albert Einstein (PZIS022008) e l Istituto industriale Einstein - De Lorenzo (PZTF02202T); - nell edificio codice in via Tammone - avrà sede il Conservatorio di Musica Gesualdo da Venosa, che concederà l utilizzo di sale per l esercitazione musicale al Liceo artistico, coreutico e musicale (PZSD030003), come concordato fra le stesse Scuole; - l edificio codice in via Danzi, costituirà sede secondaria per l Istituto per geometri Giuseppe De Lorenzo (PZIS022008), l Istituto d Istruzione superiore Albert Einstein (PZIS022008) e l Istituto industriale Einstein - De Lorenzo (PZTF02202T); - nell edificio codice in via Anzio, 4 - avrà sede unica il Liceo artistico, coreutico e musicale (PZSD030003); - nell edificio codice in via Pola - avrà sede unica l Istituto professionale per l industria e l artigianato Giovanni Giorgi (PZRI04000C); - l edificio codice in via Ancona - in gran parte riassegnato all Istituto d Istruzione superiore Leonardo Da Vinci (PZIS02400X - PZPS02401A - PZTD024038), sarà altresì sede principale - in corrispondenza dell accesso di monte, secondo quanto concordato con l Istituto Da Vinci - dell Istituto professionale agrario e ambientale Giustino Fortunato (PZRA010001); - l edificio codice in via Roma (c.d. Mediafor ) consentirà l utilizzo dei laboratori allocati nello stabile, in forma condivisa, da parte dell Istituto professionale Giorgi e dell indirizzo meccanico dell Istituto industriale Einstein, mentre gli spazi per la didattica saranno utilizzati dal Liceo economico-sociale Gianturco e dal medesimo Professionale, che - per i mutati fabbisogni - otterrà, a partire dal prossimo anno, n.3 aule aggiuntive rispetto all attuale assegnazione; 2. di considerare le palestre scolastiche esistenti nella città di Potenza come impianti a disposizione di tutte le Scuole; Pagina 10

11 3. di trasmettere le tabelle con cui si è operata la valutazione della capacità ricettiva degli stabili presso le Scuole interessate, perché possano tener conto delle caratteristiche degli edifici, durante le iscrizioni dei prossimi anni; 4. di riservare all attuazione del piano le somme appostate in bilancio al cap ; 5. di incaricare l Ufficio Edilizia e Patrimonio dei conseguenziali adempimenti. Il Dirigente Il Presidente (ing. Enrico Spera) (dott. Nicola Rocco Valluzzi) Data PARERE DI REGOLARITÀ TECNICA (ai sensi del comma 1 dell art.49 del D.Lgs. n.267/2000) FAVOREVOLE Potenza Il Dirigente (Ing. Enrico SPERA) PARERE DI REGOLARITÀ CONTABILE (ai sensi del comma 1 dell art.49 del D.Lgs. n.267/2000) FAVOREVOLE Potenza Il Responsabile del Servizio Finanziario (Rag. Giovanni Palazzo) Pagina 11

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012 Di cosa si tratta Si tratta della possibilità che ha il personale della scuola di poter partecipare alla "mobilità annuale", e cioè di poter prestare servizio, per un anno, in una scuola diversa da quella

Dettagli

Attività e tempi Individuazione dei parametri di accesso SI Pubblicazione bando Acquisizione /verifica /accettazione domande

Attività e tempi Individuazione dei parametri di accesso SI Pubblicazione bando Acquisizione /verifica /accettazione domande NARDÒ SOCIALE Nel 2012 si sono dettate le linee guida per l attivazione della social card da attuarsi nel 2013 con lo scopo di andare incontro alle famiglie meno abbienti fornendo generi di prima necessità

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Strutture a disposizione delle Parrocchie

Strutture a disposizione delle Parrocchie ARCIDIOCESI DI MILANO Ufficio Amministrativo Diocesano Strutture a disposizione delle Parrocchie MANUTENZIONE PROGRAMMATA DEGLI IMMOBILI: FASCICOLO TECNICO DEL FABBRICATO E PIANO DI MANUTENZIONE 1 Don

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Indice (cliccabile) Premessa Terziarizzazione Regole per la definizione degli organici di ciascun profilo o DSGA o Assistenti Tecnici

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

DECRETO n. 375 del 11/07/2014

DECRETO n. 375 del 11/07/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

IPOTESI DI TRA PREMESSO

IPOTESI DI TRA PREMESSO IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE INTEGRATIVO CONCERNENTE LE UTILIZZAZIONI E LE ASSEGNAZIONI PROVVISORIE DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO ED A.T.A. PER L ANNO SCOLASTICO 2015/16. L'anno 2015 il

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO Liceo Ginnasio D. A. Azuni Via Rolando, 4 - Sassari Tel 079 235265 Fax 079 2012672 Mail: lcazuni@tin.it Web: http://www.liceoazuni.it MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI inseriti nel PIANO DELL OFFERTA

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Comune di Sanluri Provincia del Medio Campidano Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 66 del 26.11.2004. Sommario Art.

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità Direzione Centrale Catasto e Cartografia Modalità di aggiornamento relative alle intestazioni catastali presenti nelle dichiarazioni di DOCFA e nelle Domande di Volture Prima iscrizione degli immobili

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

Tasso di copertura della rilevazione. Numero di scuole che hanno risposto

Tasso di copertura della rilevazione. Numero di scuole che hanno risposto MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva de Biasio S. Croce 1299-30135 VENEZIA Ufficio IV - Ordinamenti scolastici -

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

COMUNICATO N. 400. In allegato alla medesima nota è reperibile la modulistica da utilizzare per le istanze relative all a.s. 2014/15.

COMUNICATO N. 400. In allegato alla medesima nota è reperibile la modulistica da utilizzare per le istanze relative all a.s. 2014/15. Istituto Tecnico Statale Settore Tecnologico Via Tronconi, 22-31100 Treviso tel. 0422.430310 fax 0422.432545 mail: pallad@tin.it dirigente@palladio-tv.it pec: itspalladio@pec.palladio-tv.it url: www.palladio-tv.it

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli