Il Brasile e gli altri

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Brasile e gli altri"

Transcript

1 Il Brasile e gli altri Nuovi equilibri della geopolitica di Sandro Sideri

2 Sandro Sideri, PhD Università di Amsterdam (1970) e Harkness Fellow al MIT, Cambridge (Mass.) ( ). Già professore ordinario di economia internazionale all International Institute of Social Studies (ISS) of the Erasmus University Rotterdam, sede L Aja (fino al 2000), ha lavorato alla CEPAL (Commissione economica per America Latina e Caraibi) a Santiago (Cile) ( ), é stato Visiting Professor in varie università straniere, per molti anni all Università Bocconi e poi alla LUISS e all Orientale e docente all ICE e all ISPI. Il presente volume conclude la serie dedicata ai BRIC, iniziata con La Russia e gli altri (ed. Egea) (2009) e, online per l ISPI, La Cina e gli altri (2011) e L India e gli altri (2012).. ii

3 INDICE Abbreviazioni... p. vi 1. Il Brasile...» Introduzione...» Geografia, popolazione, religione e stato...» Storia, politica ed economia...» Società: oligarchia, meticciato e disuguaglianza...» Contesto continentale...» 47 Approfondimento 1.1. La questione razziale...» 51 Approfondimento 1.2. La riforma agraria e il movimento dei senza terra...» 56 Approfondimento 1.3. Le minoranze etniche dell Amazzonia...» Un gigante economico?...» Caratteristiche dell economia brasiliana...» Settori economici...» Agricoltura...» Industria...» Servizi e sistemi finanziario...» Energia e politiche di sicurezza energetica...» Sistema fiscale...» Politica cambiaria, politica monetaria e indebitamento...» Commercio estero e flussi di capitale...» Povertà, disuguaglianze regionale e politiche del reddito...» Impatto della crisi globale...» 146 Approfondimento 2.1. L Amazzonia...» 154 Approfondimento 2.2. Il ruolo delle forze armate e l industria della difesa...» La politica estera brasiliana...» Introduzione...» Da Rio Branco a Cardoso...» Amministrazione Cardoso...» Amministrazione Lula...» Il Brasile e il mondo...» Coclusioni...» Brasile, America Latina e Caraibi...» Introduzione...» 192 iii

4 Indice 4.2. America Latina e Sudamerica... p Argentina e MERCOSUR...» Regionalismo latinoamericano...» Altri paesi del Sudamerica...» Introduzione...» Cile...» Bolivia...» Ecuador...» Colombia...» Perù...» Venezuela...» Guyana, Suriname e Guyana Francese...» America Centrale e Caraibi...» Messico...» Conclusioni...» 229 Approfondimento 4.1. Il regionalismo energetico...» 231 Approfondimento 4.2. Antartida Brasileira...» Brasile e USA...» Introduzione...» Rapporti politici...» Rapporti economici...» Rapporti militari ed energetici...» Difficoltà della relazione Brasile-USA...» Brasile ed Europa...» Introduzione...» Brasile e UE...» Rapporti politici...» Rapporti economici...» Cooperazione scientifica e per lo sviluppo...» UE e MERCOSUR...» Brasile e altri paesi europei...» Russia...» Italia...» Brasile e Asia, Medio Oriente e Oceania...» Introduzione...» Cina...» Giappone...» Penisola coreana...» India...» Iran...» Medio Oriente e altri paesi arabi...» Australia e Nuova Zelanda...» Brasile e Africa...» Introduzione...» 293 iv

5 Indice 8.2. Rapporti economici e cooperazione... p Dimensione strategica...» Sudafrica...» Considerazioni finali...» Organismi internazionali e governance globale...» Introduzione...» Multilateralismo e multipolarismo...» Governance e regionalismo...» Conclusioni...» 313 Bibliografia...» 321 v

6 Abbreviazioni ABACC Agência Brasileiro-Argentina de Contabilidade e Controle de Materiais Nucleares ABC Agência Brasileira de Cooperação AC America Centrale ACI Agência de Cooperação Internacional AfDB African Development Bank Group AL America Latina ALADI Associãô Larino-Americana de Integrãô ALALC/LAFTA Associação Latino-Americana de Livre-Comércio ALBA Alianza Bolivariana para los Pueblos de Nuestra América ALC America Latina e Caraibi ALCA/FTTA Área de Livre Comércio de las Américas ALCSA/SAFTA Área de Livre Comércio Sul-América ANP Agência Nacional do Petróleo, Gás Natural e Biocombustíveis APEC Asia-Pacific Economic Cooperation ART Terapia antiretrovirale ASEAN Association of South-East Asian Nations ASPA América del Sur y los Paises Arabes BCE Banca Centrale Europea BdI Banca d Italia bpd Barrels of petroleum per day/barili di petrolio al giorno BID/IDB Banco Inter-Americano de Desarollo (Inter-American Development Bank) BNDES Banco Nacional de Desenvolvimento Econômico e Social BRIC Brasile, Russia, India e Cina BRICS BRIC più Sudafrica BASIC Brasile, Sudafrica, India e Cina BCB Banco Central do Brasil CA Comunidad Andina CALC Cumbre de América Latina y el Caribe CAN Comunidad Andina de Naciones CASA Comunidad Sulamericana de Naçôes o Comunidad Sudamericana de Naciones CCG Consiglio di Cooperazione del Golfo CELAC Comunidad de Estados de Latinoamérica y el Caribe CEPAL Comisión Económica para América Latina CPLP Comunidade dos Países de Língua Portuguesa CET Tariffa esterna comune (Common external tariff) CPT Comissão Pastoral da Terra CS Consiglio di Sicurezza dell ONU vi

7 Abbreviazioni CSD Consejo Suramericano de Defensa CVRD Companhia Vale do Rio Doce, poi Vale DPI Diritti di proprietà intellettuale EAU Emirati Arabi Uniti ECLAC Economic Commission for Latin America and the Caribbean ECPA Energy and Climate Partnership of the Americas EMBRAPA Empresa Brasileira de Pesquisa Agropecuária FARC Fuerzas Armadas Revolucionarias della Colombia FMI/IFM Fondo monetario internazionale GATT/OMC General Agreement on Tariffs and Trade GGS Gran Gasoducto del Sur GMC Grupo Mercado Comun GSP Generalized System of Preferences GW Un miliardo di watt IAEA International Atomic Energy Agency IBGE Instituto Brasileiro de Geografia e Estatística IBSA India, Brasile e Sudafrica (anche G3) ICT Information and Communication Technology IDE Investimenti diretti esteri IIRSA Iniciativa para la Integración de la Infrastrutura Regional Suramericana IM Impresa multinazionale IPEA Instituto de Pesquisa Econômica Aplicada ISI Industrializzazione tramite sostituzione delle importazioni LAOS Lei Orgánica de la Asistencia Social MERCOSUR/ MERCOSUL Mercado Común del Sur/Mercado Comum do Sul MFN Most Favored Nation (Nazione più preferita) MINUSTAH Unated Nations Stabilization Mission in Haiti MOU Memorandum of Understanding/Memorando d intesa MRE Ministério de Relaçôes Exteriores MST Movimento sem terra (Movimento dei senza terra) Mtep Milioni di tonnellate equivalenti di petrolio MTRST Movimento dos trabalhadores rurais sem terra MW Un milione di watt NAM Non-Aligned Movement NAFTA North American Free Trade Agreement NPT Non-Proliferation Treaty of Nuclear Weapons NTB Non tariff barrier/barriera non tariffaria OAS Organization of American States OCSE Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico OEA Asamblea General de la Organización de Estados Americanos OGM Piante geneticamente modificate ONG/NGO Organismo non governativo PAC Programa de Aceleração do Crescimento Parlatino Parlamento latinoamericano PBF Programa Bolsa Familia vii

8 Il Brasile e gli altri PBM Plano Brasil Maior PEI Politica exterior independiente PICE Programa de Integração e Coperação Econômica PISA Programme for International Student Assessment PITCE Política Industrial, Tecnológica e de Comércio Exterior PMI Piccole e medie imprese PNE2030 Plan Nacional de Energia 2030 ppp Parità di potere d acquisto PSCI Programa de Substituição Competitiva de Importaçôes PSDB Partido da Social Democracia Brasileira PT Partido dos trabalhadores PVS Paesi in via di sviluppo SELIC Sistema Especial de Liquidação e Custodia SEPPIR Secretaria de Politicas de Promoção da Igualidade Racial SICA Sistema de la Integratión Centroamericana SIVAM Sistema de Vigilância da Amazônia SNI Serviço Nacional de Informações SUDENE Superintendência de Desenvolvimento do Nordeste SOA Summit of the Americas (Cumbre de las Américas) SUS Sistema Único de Salud TEC Tariffa esterna comune TIAR Tratado Interamericano de Asistencia Recíproca TNP/NTP Trattato di non proliferazione nucleare TPP Trans Pacific Partnership TRPS Trade-Related Aspects of Intellectual Property Rights UE Unione europea UNASUR Union de Naciones Suramericanas (UNASUL in portoghese) URV Unità reale di valore (Unidade Real de Valor) ZPCAS Zona de Paz y Cooperación del Atlántico Sur ZPE Zona de Processamento de Exportação (Zona di libero scambio) viii

9 ix

10 1. Il Brasile 1.1. INTRODUZIONE Il Brasile è a una fase critica di un lungo processo di trasformazione che da una società patrimoniale basata sulla coltivazione e l esportazione di zucchero e caffè sta passando a una società con un effettivo sistema democratico e una modernizzata economia industriale e di servizi. Quinta nazione al mondo per territorio e popolazione, è ora anche la sesta economia. Dalla fine della seconda Guerra mondiale il Brasile è stato un leader nella governance e nei negoziati internazionali relativi al commercio vedi l importante ruolo avuto nell evoluzione del GATT e nella nascita e sviluppo dell Organizzazione mondiale per il commercio (OMC, o WTO), e nella questione ambientale. Tuttavia, nella seconda metà del secolo scorso la politica del Brasile è stata erratica e l economia si è distinta per forti inflazioni e pesanti disavanzi nella bilancia dei pagamenti. Solo partendo dalla storia sociale, politica e economica del paese è possibile cercare di capire se il Brasile è veramente pronto ad assumere un posto rilevante tra le grandi potenze alla guida del mondo GEOGRAFIA, POPOLAZIONE, RELIGIONE E STATO Il nome del paese deriva da pau brazil, albero rosso (come brasa, cioè brace) (caesalpinia echinata, albero della famiglia delle fabaceae), la cui corteccia era usata per tingere di rosso i tessuti 1. Il pau brazil nasceva nella foresta vergine che ricopriva completamente le regioni litoranee del Brasile, in seguito quasi interamente distrutta ed è ora reperibile solo nei giardini botanici. Il Brasile è il più grande paese dell America Latina 2 (AL), il quinto al mondo sia per dimensione 85,2 milioni km 2 che per popolazione 203 milioni di per- 1. Secondo Davidson (2012: 24), in un antichissima leggenda celtica Brazil era il nome di una mitica terra al di là dell Atlantico. Inizialmente, il Brasile fu anche chiamato America. 2. Il termine America Latina apparve per la prima volta in Francia ne La revue des races Latines del 1861 e fu utilizzato da Napoleone III per rivendicare la matrice culturale latina del Messico, in opposizione a quella anglosassone. Attualmente, con questo termine si intende l insieme di paesi che hanno mantenuto un legame culturale (religioso e linguistico) con le potenze coloniali latine (Lizza, 2009: 71 nota 20). Quando all inizio degli anni 90 il Messico entrò nel North American Free Trade Agreement (NAFTA) e l America Centrale e i Caraibi gravitavano sempre più intorno agli USA, Cardoso e la diplomazia brasiliana decisero che Sudamerica fosse un termine più adeguato per descrivere l area al di sotto del Canale di Panama, praticamente un isola, cioè un entità molto logica, molto ben identificabile dal punto di vista geografico e più facilmente descrivibile. Una delle prime applicazioni ufficiali del termine fu nell Area de Libre Comercio de America del Sur (ALCAS) (Burges, 2009: 38-39). 1

11 Il Brasile e gli altri sone (luglio 2011), il 2,8% di quella globale il solo lusofono in AL e il maggiore lusofono al mondo. Occupa il 47% della superficie del Sudamerica, è attraversato a nord dall equatore e si sviluppa a sud ben oltre il Tropico del Capricorno, s affaccia sull Atlantico con km di coste basse e sabbiose al nord, specialmente dove sfocia il Rio delle Amazzoni, alte e dirupate al sud, mentre la fascia pianeggiante litoranea non è più profonda di 100km e condivide frontiere terrestri, quasi 17 mila km, con tutti i paesi del Sudamerica, salvo Cile ed Ecuador. Chiaramente le sue dimensioni ne fanno un paese a scala continentale. La parte dell Amazzonia entro i confini brasiliani, più di 5 milioni di km 2, costituisce il 59% del territorio nazionale. In effetti, il Brasile ospita il 40% delle foresti tropicali che restano nel mondo ed è dotato di una combinazione unica di risorse naturali, terra, clima e popolazione. Il territorio brasiliano, che comprende tre fusi orari, è per il 57% circa un altopiano situato tra i 200 e i 900 metri sul livello del mare, mentre il 40% è a meno di 200 metri e il 3% al di sopra dei 900 metri. La superficie settentrionale del paese è occupata dal bassopiano amazzonico, interamente percorso dal Rio delle Amazzoni, o Rio mar, che scorre per più di 6 mila km. La foresta pluviale amazzonica, la più grande al mondo e quella a maggior rischio, copre quasi la metà del Brasile e si estende in Venezuela, Colombia, Perù e Bolivia. Proprio questa foresta rappresenta uno dei due maggiori e più antichi problemi del paese: lo spericolato sfruttamento delle risorse naturali, l altro essendo il minaccioso squilibrio sociale vedi 2.5 e Approfondimento 1.1. Il resto del Brasile è costituito da una serie di altopiani che si dipanano tra 200 e 800 metri d altitudine, con rilievi che toccano i 1200 metri, ma la massima altitudine il Cerro della Neblina appena superiore ai 3 mila metri si trova all estremo nord dell Amazzonia, al confine con il Venezuela. L altopiano del Brasile centrale e meridionale cade a picco sul mare formando una barriera naturale la Grande Scarpata (Grande Escarpa) che rende gran parte del litorale inaccessibile o poco adatto alla navigazione. L assenza di un facile accesso al mare per via fluviale, ha inizialmente ostacolato le esportazioni da parte delle regioni più produttive del Sudeste. Con una lunghezza di km il Rio delle Amazzoni è inferiore, di poco, al Nilo, ma ha un bacino idrografico che è più del doppio di quello del Nilo. Il secondo fiume del Brasile è il Rio de la Plata-Paranà lungo 3700 km che alimenta la centrale idroelettrica di Itaipù al confine con Argentina e Paraguay. Tuttavia, il trasporto fluviale ha avuto finora scarso sviluppo, anche perché, salvo il fiume delle Amazzoni, la maggior parte dei fiumi brasiliani fluiscono verso nord o verso sud e presentano notevoli dislivelli, per cui sono più adatti alla generazione di elettricità che alla navigazione. Le condizioni climatiche del paese variano equatoriale, tropicale, semiarido, tropicale d altopiano, temperato e sub-temperato con prevalenza di quello tropicale e solo al sud il clima è temperato e le piogge abbondanti. São Paulo è il solo stato dove a volte gela. Una quantità sufficiente di pioggia cade sulla maggior parte del paese, ma nel Nordeste è molto irregolare e periodi di eccessiva pioggia si alternano a quelli di siccità. Forte umidità si riscontra nell area a monte del fiume delle Amazzoni, quella della costa da Belem in su, varie parti della Grande Escarpa e in una piccola sezione del Paraná occidentale. 2

12 Il Brasile La ricchezza di varietà vegetali non caratterizza solo la foresta amazzonica, ma anche quella atlantica, che si sviluppa tra e 800 metri degradando verso i crinali che orlano il litorale, e che ha subito estesi disboscamenti 3. Sull altopiano centrale la vegetazione dirada in una savana arbustiva, il cerrado del Centro-Oeste, che occupa il 21% del territorio nazionale. Il sertão del Nordeste, ma non solo, è il regno della boscaglia semiarida detta caatinga, mentre al sud abbondano foreste di latifoglie e conifere che poi lasciano il passo a una zona di savane erbose molto adatte all allevamento estensivo del bestiame, un area nella quale nacque e si sviluppò una forma di banditismo sociale, il cangaço, con i suoi cangaçeiros, ma anche forme ricorrenti di messianesimo, con i suoi retirantes che abbandonavano questi luoghi per sfuggire alle siccità che possono durare anni e che spesso sono state all origine di entrambi i fenomeni. Come uno dei 17 paesi megadiverse 4, il Brasile ha estese risorse naturali in una varietà di habitat protetti. Infatti, il 18% del territorio brasiliano è protetto da riserve e parchi, alcuni dichiarati dall UNESCO Patrimonio mondiale dell umanità. Non mancano, però seri problemi ambientali, principalmente il diffuso inquinamento 5 e la deforestazione che in Amazzonia ha già raggiunto il 13% vedi Approfondimento 2.1. Ricco di risorse naturali il Brasile ha le maggiori riserve al mondo di niobio e tantalo e poi è tra i primi per ferro, magnesite e manganese, bauxite, rame, piombo, zinco nickel, tungsteno, stagno, uranio, cristalli di quarzo, diamanti industriali e pietre dure, carbone (concentrato nell Amazzonia, ma la cui estrazione è ancora modesta) e, infine, tanto petrolio e gas. Fino ai primi anni 70, le riserve petrolifere, localizzate in Bahia e Sergipe, fornivano solo un quinto del fabbisogno nazionale. Dal 2007, però, dopo la scoperta dei grandi giacimenti sottomarini, il Brasile è diventato quasi autosufficiente per questo prodotto e nuovi ritrovamenti sottomarini faranno di questo paese uno dei grandi attori globali nel settore petrolifero. Anche il suo potenziale idroelettrico (stimato a 150 mila megawatts (MW)) è uno dei maggiori al mondo e dal 2003 poco più della metà di questo potenziale è utilizzato. Sin dall inizio, la colonia brasiliana acquistò importanza grazie alla sua capacità di provvedere materie prime e derrate (commodities), quali zucchero, cioccolato, oro, diamanti, gomma e caffè ai mercati mondiali. Paragonato ad alcune delle colonie vicine, il Brasile era un entità scomposta e decentralizzata, le cui istituzioni stentavano a emergere ed erano deboli. Le popolazioni indiane nomadi erano piccole e difficili da organizzare, per cui in mancanza di una consistente mano d opera indigena, il paese cominciò a importare dall Africa schiavi in numero sempre più elevato quando si prospettò la possibilità di esportare grandi quantità di zucchero e 3. Il Brasile ha distrutto le proprie foreste meno di tanti altri paesi ed infatti ha conservato il 70% della originale copertura, contro lo 0,3% dell Europa. Molti brasiliani trovano paradossale che invece di essere ammirati per questo e per gli attuali sforzi per proteggere e mantenere l originale copertura forestale, sono severamente criticati da chi invece distrusse le proprie foreste molto tempo fa. Secondo il ministero dell Ambiente, nel periodo l attività di disboscamento si è ridotta del 52%. Malgrado questo, il Brasile resta sempre tra i primi cinque paesi al mondo che emettono gas responsabili dell effetto serra. 4. Megadiverse sono chiamati i paesi che ospitano la maggioranza delle specie terrestri e quindi presentano una notevole biodiversità. 5. Cause principali dell inquinamento idrico sono le dispersioni di materiali tossici provenienti da attività industriali o agroindustriali, oltre agli scarichi fognari che contaminano l Oceano fino a 50 km dalla costa (Isenburg, 2006: 53). 3

13 Il Brasile e gli altri quando esplose l economia mineraria nel XVIII secolo, due attività che richiedevano grande disponibilità di braccia 6. Tra il 1650 e 1855 entrarono più di quattro milioni di africani per cui il Brasile è il paese che nelle Americhe ne ha ricevuto il maggior numero. La rete stradale brasiliana è di 1,7 milioni di km, dei quali solo il 12,5% è asfaltato, cioè 218 mila km. Secondo una commissione governativa (Baer, 2008: 176 nota 48) l 80% delle strade sono classificate come difettose, in cattivo stato o terribili per cui sui restanti 350 mila km passa un quarto del traffico di merci. I porti sono notoriamente cari e inefficienti e per essi passa il 95% delle merci esportate, ma sono al 123 posto su 139 paesi nel rapporto sulla concorrenza del World Economic Forum. Infatti, a Santos, il maggior porto brasiliano, si possono scaricare 30 container l ora, mentre a Singapore ne vengono scaricati 100. L economia brasiliana è una delle maggiori dei paesi in rapida crescita. Nel 2011 il PIL del paese a prezzi correnti è stato il sesto al mondo ($2,5 miliardi, contro i $2,2 miliardi dell Italia) e a parità di potere d acquisto (ppp) il settimo con $2,26 miliardi, il che implica un PIL pro capite di $11,500 (paragonati ai $48,200 degli USA), ma la distribuzione del reddito è molto diseguale 7. Il PIL brasiliano rappresenta il 60% di quello sudamericano e il 2,9% di quello globale. * * * Con i suoi 195 milioni di abitanti (erano 3,9 milioni nel 1822, di cui il 31% schiavi; 10 milioni nel primo censimento del 1872, di cui 15% schiavi; e 18 milioni nel 1900) il Brasile è il quinto stato più popoloso al mondo. La sua popolazione è cresciuta rapidamente fino agli anni 70, quando è iniziata una specie di transizione demografica. Infatti, la natalità è diminuita da 6,2 figli per donna nel 1940 a 1,8 nel 2011 e così anche la mortalità infantile (meno di un anno), che però resta ancora alta a 14 nel 2011 (Cile 8 ), per cui il tasso di crescita annuo della popolazione è passato gradualmente dal 3% degli anni 50 allo 0,9% del Insieme all India, il Brasile è una delle due economie emergenti con una popolazione giovane, per cui nei prossimi decenni la crescita economica non dovrebbe essere ostacolata da un alto tasso di dipendenza (numero persone di 65+ anni/numero persone di anni). Con un età mediana di 28,9 anni, la popolazione brasiliana si trova all inizio del ciclo di consumo. Il gruppo di persone in età produttiva, cioè quelle tra 15 e 65 anni, che ora rappresenta il 68% della popolazione, dovrebbe continuare ad aumentare fino a diventare il 71% nel Dopo quella data, continua 6. Quello degli schiavi era un commercio triangolare: le navi salpavano dai porti atlantici europei cariche di alcool, armi, attrezzi in ferro e piccoli oggetti di scarso valore dirette all Africa occidentale dove, con la complicità di alcune popolazioni locali, scambiavano queste merci con esseri umani e quindi salpavano per il Brasile ma dal XVII secolo anche per le Antille e per le colonie francesi e inglesi in Nord America dove scambiavano gli schiavi con zucchero prima e poi con tabacco, cotone e caffè che riportavano in patria. Dichiarato illegale nel 1815, questo traffico continuò fino al Si stima che gli africani trasportati 15-20% moriva durante il viaggio furono da 3 a oltre 10 milioni. In Brasile gli schiavi erano usati come servitori domestici, nelle piantagioni e altri svolgevano lavori artigianali e artistici o esercitavano la prostituzione, i cui guadagni andavano al padrone. Secondo stime del ministero del Lavoro, al momento in Brasile ci sono tra i sette e gli otto milioni di lavoratori domestici, il maggior numero al mondo, dei quali solo una minoranza è in regola con i contributi. 7. Nella classificazione del Fondo Monetario Internazionale (FMI) il Brasile occupa il 53 posto e il 25 nel Human Development Index della Banca Mondiale (BM). 4

14 Il Brasile Vital (2011). il rapporto tra chi non è più in età lavorativa e chi lo è dovrebbe raggiungere 4:10, da 7:10 all inizio degli anni 90. Il rallentamento del tasso di crescita della popolazione in età attiva inesorabilmente spingerà in alto i salari e il paese resterà competitivo solo aumentando la produttività. L alfabetismo della popolazione (di 15 anni o più) è aumentato dal 49% nel 1950 al 75% nel 1980 al 90% del 2008, ma se si considera l analfabetismo funzionale la percentuale scende attorno al 73%. In media il brasiliano legge annualmente meno di due libri. Anche il sistema sanitario è ancora molto carente tanto che la speranza di vita alla nascita è 73 anni (Cile 79 anni), senza dimenticare, però, che nel 1940 era 43 anni. L urbanizzazione è aumentata, passando da 56% del 1970 all 85% del La densità per km 2 è di persone, ma i valori variano molto: da 3,3 persone nell Amazzonia a 31 nel Nordeste, 149 nello stato di São Paulo, dove 11 milioni di persone vivono nella città di São Paulo, 20 milioni nella sua area metropolitana (il 20% in favelas) e 30 milioni nella sua macro metropoli. Nel 2001 la popolazione era così distribuita sul territorio: 7% nell Amazzonia, 28% nel Nordeste, 43% nel Sudeste, 15% nel Sul e 7% nel Centro- Oeste. Se nel 1872 il 47% dei cittadini vivevano nel Nordeste e il 40% nel Sudeste, oggi in quest area si concentra il 43% della popolazione, cioè negli stati di São Paulo, Rio Grande do Sul, Rio de Janeiro, Minas Gerais e Bahia, a causa del trasferimento di massa dal Nordeste verificatosi tra il 1950 e Dalla metà degli anni 50 è anche cresciuto un movimento di breve e medio raggio dalle campagne verso le città, anche di non grandi dimensioni, e dagli anni 70 si è verificato un movimento ondulatorio verso le aree periferiche dell entroterra, soprattutto Mato Grosso, Rondônia, Acre e la frontiera interna amazzonica. Il tasso di partecipazione della forza lavoro (15 o più anni) è cresciuto dal 33% nel 1950 al 65% nel 1990 e al 70% nel 2010 e continuerà ad aumentare per i prossimi anni anni. La popolazione economicamente attiva è ancora relativamente giovane, ma dagli anni 90 è iniziato l invecchiamento 8 dovuto alla diminuzione dei tassi di natalità e di mortalità. Nel mondo del lavoro aumenta, quindi, la partecipazione di persone con più di 60 anni, contribuendo così a un costante calo del tasso di dipendenza. Il Brasile sta già riscuotendo il cosiddetto dividendo demografico la crescita economica che si verifica quando la forza lavoro aumenta rispetto al resto della popolazione, ma non ha ancora un sistema scolastico per fornire ai giovani l addestramento necessario per contribuire al meglio alla crescita del paese, né ha un assicurazione sociale universale per prendersi cura del crescente numero di pensionati. * * * Il Brasile è un crogiolo di gruppi etnici diversi rosso, bianco, nero e giallo diversità che però non ha impedito al Brasile di raggiungere una forte unità culturale (Baer, 2008: 7). Alla formazione di questa comunità culturale hanno contribuito due movimenti che, alla fine dell Ottocento e all inizio del Novecento, hanno svelato all insieme del paese mondi fino ad allora isolati e sconosciuti. Il primo è stato il movimento messianico dei Canudos nell area di Bahia (1892) che, insieme ai libri 8. L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE, 2011: 13 Fig. 1 e 130) calcola che tra meno di 20 anni il numero di persone di 65 o più anni si raddoppierà e che nel 2050 questa sezione della popolazione crescerà dall attuale 7,6% fino al 38%, per cui il tasso di dipendenza, che dal 1965 ha continuato a diminuire, toccherà il minimo nel 2025 e poi comincerà a crescere. 5

15 Il Brasile e gli altri che l hanno raccontato, ha fatto spostare lo sguardo della giovane nazione in formazione dalla costa protesa verso l esterno all entroterra rivolto verso la propria identità, dall inconsistente mondo della èlite oligarchica bianca alla realtà meticcia del mondo agro-pastorale che aveva nel corso dei secoli elaborato una cultura propria. Il secondo è stato la coluna Prestes (perché guidata da Luis Carlos Prestes), espressione del settore più innovativo e progressista del Tenentismo 9 vedi dopo formato da ufficiali inferiori dell esercito che nel 1922 si ribellarono nel Forte Copacabana in Rio de Janeiro. La loro marcia ( ) attraverso l interno del paese dal sud fino allo stato di Maranhão per chiedere una riforma nazionale rese visibile un mondo ignoto e impose con forza la centralità della questione sociale ad una classe dominante assolutamente chiusa (Isenburg, 2006: 31-32). Le popolazioni autoctone, poco numerose già prima dell arrivo dei portoghesi le stime oscillano tra 3 e 8 milioni, furono decimate da malattie importate, maltrattamenti e lavori pesanti ai quali furono sottoposte, per cui ne restano solo poche centinaia di migliaia che vivono principalmente nell altipiano centrale, nel Mato Grosso, a cavallo della frontiera tra Brasile e Bolivia e negli stati di Roraima, Parà e Maranhão. I neri sono poco più del 5%, mulatti e meticci quasi il 40% e il resto sono bianchi (italiani, spagnoli, tedeschi, portoghesi, siriano-libanesi) e giapponesi per la questione razziale vedi Approfondimento 1.1. Va inoltre notato che tra il 1940 e il 2000 la popolazione brasiliana è quadruplicata e, parallelamente, è diventata più urbana se si considera l accelerato moltiplicarsi delle favelas, dove vive più di un quarto della popolazione, l urbanizzazione brasiliana è passata da 12 a 137 milioni di abitanti, più vecchia, ma anche più meticcia. Il censimento del 2010 ha rivelato che la popolazione che si classifica come bianca sia ormai una minoranza, precisamente il 47,7%, dal 53,7% che era nel 2000, mentre i pardos, ovvero scuri, (43,1%) insieme at neri (7,6%) sono arrivati al 50,7%, seguiti dai gialli (1,1%), ovvero asiatici, e dagli indigeni (0,5%) 10. Il notevole aumento dei pardos è una conseguenza della nascita del movimento di valorizzazione delle etnie, per cui i brasiliani sono orgogliosi del colore della propria pelle e quindi trovano normale dichiararsi pardos. Anche i neri cominciano a rivendicare il proprio colore e a identificarsi come tali, questo grazie alla politica di azione affermativa introdotta dal governo nel 2001 per l ammissione all università degli afro-brasiliani 11. In effetti, il 50,7% della popolazione si è dichiarata nera o mista, ma una percentuale superiore alla media nazionale è stata riscontrata in 21 stati, la più alta in Pará (76,8%), Bahia (76,3%) e Maranhão (76,2%). Invece, più della metà della popolazione si è dichiarata bianca in Santa Catarina (84,0%), Rio Grande do Sul (83,2%), Paraná (70,3%) e São Paulo (63,9%). Chiaramente, se in passato molti brasiliani con carnagione chiara preferirono passare per bianchi, dopo il 2000 è diminu- 9. Fu chiamato Tenentismo il movimento nato all interno delle forze armate per iniziativa di giovani uffici che tra il 1922 e il 1934 scosse la vita politica del paese e contribuì a porre fine alla vecchia Repubblica ( ). 10. Tra il 1940 e il 2000 la percentuale di meticci e mulatti (pardos) è passata da 21% a 39%, quella dei neri da 15% a 6% e quella dei bianchi da 63% a 54% (IBGE, 2007: Tab. 11). 11. Ad aprile 2013 la Corte Suprema ha deciso che tale politica non viola la norma costituzionale relativa alla parità dei diritti, per cui risulta valida anche la legge dell agosto 2012 che ha introdotto quote d ingresso in tutte le università federali e le scuole tecniche federali, misura che non è imposta alle università private. 6

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

ESPERIENZE DI COLLETTIVO NELLA QUESTIONE RURALE BRASILIANA

ESPERIENZE DI COLLETTIVO NELLA QUESTIONE RURALE BRASILIANA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE Corso di Laurea in Scienze dell educazione Indirizzo Educatori Professionali TESI DI LAUREA ESPERIENZE DI COLLETTIVO NELLA QUESTIONE

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata?

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata? CON-TRA S.p.a. Tel. +39 089 253-110 Sede operativa Fax +39 089 253-575 Piazza Umberto I, 1 E-mail: contra@contra.it 84121 Salerno Italia Internet: www.contra.it D. Che cosa è la ISPM15? R. Le International

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Scheda sintetica del progetto arvore da vida

Scheda sintetica del progetto arvore da vida Scheda sintetica del progetto arvore da vida Contesto AVSI collabora con FIAT Brasile dal 2004, con il progetto di responsabilità sociale Arvore da Vida, nelle aree prossime allo stabilimento di Belo Horizonte,

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

I Tribunali internazionali tra globalizzazione e localismi

I Tribunali internazionali tra globalizzazione e localismi Ang e l a De l Ve c c h i o I Tribunali internazionali tra globalizzazione e localismi CACUCCI EDITORE Angela Del Vecchio I Tribunali internazionali tra globalizzazione e localismi CACUCCI EDITORE BARI

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

L evoluzione delle relazioni tra Europa e Africa

L evoluzione delle relazioni tra Europa e Africa Europa e Africa Focus Intervista a Giovanni Bersani L evoluzione delle relazioni tra Europa e Africa a cura di Matteo Montanari Europarlamentare per quasi trent anni (1960-1989), lei ha ricoperto anche

Dettagli

LE TRE DIMENSIONI DELLA RIVOLUZIONE DEMOGRAFICA. Dimensione

LE TRE DIMENSIONI DELLA RIVOLUZIONE DEMOGRAFICA. Dimensione L economia della demografia: quota sette miliardi Siamo in piena rivoluzione demografica: se ora siamo 7 miliardi, nel 2050 avremo probabilmente superato i 9 miliardi. Si sposta così il centro di gravità

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE L ordinamento giuridico internazionale Diritto internazionale generale e diritto internazionale particolare L adattamento del diritto interno

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

6IILA. America Latina e Caraibi: lʼambiente ed il cambiamento climatico. Con la collaborazione di CEPAL, FAO, IICA. Con il contributo di

6IILA. America Latina e Caraibi: lʼambiente ed il cambiamento climatico. Con la collaborazione di CEPAL, FAO, IICA. Con il contributo di COLLANA DI STUDI LATINOAMERICANI - Economia e Società Istituto Italo- Latino Americano Comisión Económica para América Latina y el Caribe America Latina e Caraibi: lʼambiente ed il cambiamento climatico

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino storia del 900 per la scuola di base a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino il materiale di questa unità didattica può essere liberamente utilizzato chi lo utilizza è pregato di darne comunicazione

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM

BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM BIGLIETTI PREMIO CON SKYTEAM SkyTeam Awards è uno dei maggiori vantaggi che ti offre l Alleanza SkyTeam: un solo Biglietto Premio per tante destinazioni nel mondo, anche quando l itinerario che scegli

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace.

Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace. Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace. 1. È stato pubblicato, di recente, dal Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace un volume, che reca il

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Timor Est. L Italia con L ONU contro la fame nel mondo 165

Timor Est. L Italia con L ONU contro la fame nel mondo 165 Timor Est Regione: Asia Meridionale orientale Superficie: 14.874 km 2 Capitale: Dili Forma di Governo: Repubblica Valuta: Dollaro USA PNL pro capite: 800 US$ Popolazione: 950.000 Speranza di vita alla

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

All inizio del diciannovesimo

All inizio del diciannovesimo Atlante 11 Un mondo di città All inizio del diciannovesimo secolo, il nostro pianeta contava un miliardo di esseri umani. All alba del ventunesimo ne accoglie sette. Questa esplosione demografica, che

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 917 RISOLUZIONE GRUPPO FORZA ITALIA Risoluzione presentata dal Gruppo Forza Italia

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO)

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) La presente raccolta comprende solo le voci principali della classificazione di Ratisbona relativa all arte (LH LO) INDICE LD 3000 - LD 8000

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

IMPORTARE IN AUSTRALIA

IMPORTARE IN AUSTRALIA IMPORTARE IN AUSTRALIA Superficie Popolazione Densità di Popolaz. Lingua Ufficiale Religione Unità Monetaria Forma Istituzionale Capitale 7,617,930 kmq 23,530,708 (luglio 2014)) 2.9 ab/kmq Inglese Cristiani

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

L Italia nell economia internazionale

L Italia nell economia internazionale Sistema Statistico Nazionale L Italia nell economia internazionale Rapporto ICE 2012-2013 ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Sistema Statistico

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala. Fo oto Erio Piccaglian ni Teatro alla S Scala L opera italiana nel panorama mondiale Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014 ASK: CHI, PERCHE, COSA Siamo

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Senato della Repubblica. Costituzione

Senato della Repubblica. Costituzione Senato della Repubblica Incontro con la Costituzione giugno 2010 A cura dell'ufficio comunicazione istituzionale del Senato della Repubblica La presente pubblicazione è edita dal Senato della Repubblica.

Dettagli

L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM)

L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM) L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM) Un Ordine Secolare, fin dall inizio, è un gruppo di fedeli cristiani che, inseriti e lavorando nella società, vivono la spiritualità di un Ordine religioso e

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli