2. Sperimentatore Principale IEO: Dr. Giulia Veronesi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2. Sperimentatore Principale IEO: Dr. Giulia Veronesi"

Transcript

1 RIASSUNTO PROGETTO DI RICERCA IEO S669/511 I. INFORMAZIONI GENERALI 1. Titolo: Diagnosi precoce del tumore polmonare in soggetti ad alto rischio con TC a basso dosaggio e marcatori molecolari (Early detection of lung cancer in asymptomatic high risk population by low dose CT scan and molecular markers) 2. Sperimentatore Principale IEO: Dr. Giulia Veronesi 4. Divisione/i: Unità di Ricerca Diagnosi Precoce e Prevenzione Tumore Polmonare/ Divisione di Chirurgia Toracica 6. Unico Centro sperimentale IEO Multicentrico Coordinato da IEO: numero centri partecipanti Italiani 5 Multicentrico IEO Satellite: sede e responsabile del centro coordinatore: 7. Durata: 8 anni (1 di arruolamento; 5 Screening; 2 follow-up) II. CARATTERISTICHE PRINCIPALI 1. STUDIO CON MEDICINALI 1.1 Principio attivo e formula: 1.2 Meccanismo d azione: 1.3 Indicazione proposta per lo studio: 8. Data prevista inizio: Maggio Co-sperimentatore/i IEO: Prof. Pierpaolo Di Fiore, Prof. Massimo Bellomi, Prof. Lorenzo Spaggiari 5. Sponsor: IEO 9. Data prevista fine: Maggio Indicazione approvata e nome commerciale (se il medicinale è già in commercio): 1.5 Fase sperimentale: 1.6 E previsto l uso di placebo: No - Si orale parenterale 2. STUDIO CON DISPOSITIVI MEDICI 3. STUDIO CON RADIAZIONI IONIZZANTI 4. STUDIO OSSERVAZIONALE 5. ALTRO studio diagnostico III. ASPETTI METODOLOGICI 1. Razionale Il tumore polmonare è una delle principali cause di morte; l incidenza annuale è in aumento nelle donne e nei Paesi in via di sviluppo1. L alto tasso di letalità del tumore polmonare è correlato all aggressività biologica che rende la diagnosi tardiva in molti pazienti, ma anche alla mancanza di programmi di diagnosi precoce. La diagnosi precoce è critica per ogni trattamento efficace ed esiste una popolazione target ad alto rischio correlata al tabagismo. Studi osservazionali e randomizzati hanno dimostrato che l utilizzo della TC a basso dosaggio (TCbd) è in grado di favorire l anticipazione diagnostica, individuando noduli di pochi millimetri di diametro, con bassa esposizione alle radiazioni ionizzanti, costi limitati, breve durata dell esame e assenza di mezzo di contrasto. I risultati di un ampio studio randomizzato, the National Lung Screening Trial, su volontari ad alto rischio di oltre 55 anni di età con alta esposizione al fumo, hanno dimostrato una riduzione della mortalità del 20% nei soggetti sottoposti a screening mediante TCbd rispetto a quelli sottoposti a radiografia del torace. La diagnosi precoce di tumore polmonare, specialmente nelle categorie a rischio, si gioverebbe enormemente della disponibilità di marcatori molecolari diagnostici, soprattutto di marcatori rilevabili nel siero e/o nel plasma dei soggetti più a rischio per esposizione al fumo di sigaretta. La disponibilità di un test del sangue per la diagnosi precoce del tumore del polmone permetterebbe programmi di screening a più ampia diffusione. In una prospettiva ideale, un test del sangue potrebbe costituire la prima linea di screening per selezionare un numero limitato d individui da essere sottoposti a ulteriore approfondimento diagnostico con TC a basso dosaggio. Molti studi sono stati pubblicati con l obiettivo di individuare nel sangue marcatori tumorali per diagnosi di tumore polmonare in modo accurato, non invasivo e diffusibile su ampia scala. Allo stato presente, i marcatori più promettenti sono rappresentati dai microrna. I microrna (mirna) sono piccole molecole di RNA (circa 22 nucleotidi), non codificanti, che funzionano nella regolazione negativa dell espressione degli mrna codificanti proteine, inibendone la trascrizione o la

2 traduzione con vari meccanismi. L espressione dei mirna è spesso deregolata nei tumori umani, in maniera tessuto e/o tumore-specifica. I mirna sono anche presenti nei fluidi circolanti (siero e plasma in particolare), grazie al rilascio da parte delle cellule sotto forma di microvescicole circolanti, e quindi protetti dalle attività di RNAsi plasmatiche. Questa proprietà li rende eccezionalmente stabili nel siero e quindi eccellenti marcatori biomolecolari. Inoltre, fino ad oggi la Tc a basso dosaggio in soggetti senza sintomi è stata proposta con scadenza annuale tuttavia avere conoscenze sicure inerenti l ottimale intervallo di screening potrebbe garantire un programma di screening più sicuro ed efficiente. Lo IEO ha messo a punto un modello statistico in grado di identificare differenti categorie di rischio, che se confermate, permetteranno di identificare la migliore popolazione target da arruolare nello screening e di ottimizzare i tempi d intervallo tra una TC e l altra. Le enabling technologies sviluppate in IEO nella diagnosi precoce del tumore polmonare Il progetto si basa sull esperienza cumulativa ottenuta in IEO nell anticipazione diagnostica del tumore polmonare, tramite diagnosi strumentale per mezzo di TCbd e molecolare con mirna sierici. Due studi condotti allo IEO hanno permesso l introduzione e la validazione di linee guida per il trattamento e la diagnosi di noduli polmonari indeterminati riscontrati con tecniche di screening. Il modello di rischio dello studio Cosmos: l intervallo di screening è uno dei principali determinanti del costo dello screening e dell esposizione alle radiazioni. Il modello di rischio basato sulla popolazione Cosmos, è in grado di identificare differenti sottogruppi di pazienti a diversi livelli di rischio di tumore polmonare, secondo alcune variabili cliniche in associazione con i risultati della TC basale. Queste categorie di rischio, se confermate, permetteranno di identificare la migliore popolazione target da arruolare nello screening e di ottimizzare i tempi d intervallo dell esame secondo il rischio individuale con limitazioni di costi e bassa esposizione a radiazioni. La mirna signature. In IEO, abbiamo condotto uno studio caso-controllo sulla presenza di mirna sierici di una popolazione estrapolata dallo studio Cosmos. Questo ha permesso l individuazione di una specifica mirna signature che predice accuratamente la presenza di tumore polmonare a uno stadio precoce di malattia. Questa signature, se confermata in una coorte prospettica indipendente d individui ad alto rischio, potrebbe rappresentare un test non invasivo in grado di selezionare soggetti con tumore polmonare in stadio precoce asintomatico. I vantaggi di tale test rispetto alla TCbd sono rappresentati dalla facile disponibilità per la popolazione sul territorio nazionale, più alta diffusione dello screening, maggior applicabilità dovuta all assenza di radiazioni ionizzanti e ai costi ridotti. Pertanto l analisi di espressione dei mirna sierici potrebbe rappresentare un test di prima linea per individuare i soggetti che necessitano di TCbd per confermare la diagnosi. 2. Obiettivi principali: 1. Validare il test dei mirna come strumento diagnostico precoce in una popolazione di soggetti ad alto rischio che si sottopongono a periodici controlli con TCbd. 2. Validare il modello di rischio personalizzato sviluppato nella popolazione Cosmos su una coorte più vasta in modo prospettico e multicentrico. 3. Integrare le componenti molecolare e radiologica in un protocollo sequenziale per l applicazione di routine in programmi di anticipazione diagnostica del tumore del polmone. Obiettivi secondari: Gli studi ancillari si focalizzeranno su: 1. Analisi costi /benefici dello screening del tumore polmonare 2. Paragone tra due differenti protocolli diagnostici su noduli indeterminati 3. Sperimentazione di nuove molecole per la farmacoprevenzione del tumore del polmone 4. Definizione dei profili cognitivi individuali di soggetti forti fumatori 5. Valutazione del calcio coronarico mediante TC a basso dosaggio nella valutazione del rischio di patologia cardiovascolare 3. Disegno: Si propone uno studio multicentrico Italiano in cui soggetti ad alto rischio saranno sottoposti a TCbd, associata a prelievo di sangue. L IEO sarà il centro coordinatore dello studio multicentrico. Il reclutamento avverrà su base volontaria mediante diffusione delle informazioni tramite siti web e i media. Al momento dell arruolamento i soggetti dovranno firmare il consenso informato e compilare un questionario e incontrare un esperto del centro antifumo. I partecipanti eseguiranno una TC a basso dosaggio e un prelievo di sangue per l analisi dei mirna. Dopo la TCbd basale, la popolazione arruolata verrà divisa in due principali classi di rischio secondo il modello di rischio Cosmos basato sulle caratteristiche epidemiologiche e i risultati della TC basale. La classe ad alto rischio sarà seguita con controlli, mediante TC annuali, in aggiunta ai marcatori sierologici. La classe a basso rischio sarà sottoposta a controlli TC a basso dosaggio ogni due anni. Durante i 5 anni saranno valutati il numero di tumori individuati, intervallo dei tumori, stadio, diagnosi, resecabilità, sopravvivenza e mortalità. 2

3 4. Studio di: Superiorità Equivalenza Non inferiorità X Non applicabile 5. Trattamento/i (sperimentale e di controllo): non applicabile IV. DESCRIZIONE DELLA POPOLAZIONE 1. Caratteristiche dei soggetti/pazienti: soggetti ad alto rischio saranno sottoposti a TCbd, associata a prelievo di sangue 2. N. totale soggetti/pazienti: soggetti 3. N. soggetti/pazienti per centro: 5000 in IEO e 5000 competitivi nei 5 centri. 4. Giustificazione della dimensione del campione: La dimensione del campione è stata calcolata per permettere la convalida della signature dei 34 microrna sviluppata da Bianchi et al. Il nuovo studio dovrebbe avere potenza sufficiente per consentire la conferma della performance globale della signature espressa dall area sotto la curva ROC (AUC) statistica. Nel training set dello studio di Bianchi et al, il punteggio di rischio aveva un area sotto la curva ROC (AUC) di 0,92. Ipotizzando un tasso di rilevamento di cancro al polmone pari all'1% alla TC basale di screening e usando a two-sided z-test ad un livello di significatività di 0,05, un campione di 82 pazienti con cancro al polmone diagnosticato dallo screening TC raggiungerà una potenza dell'80% per rilevare una differenza tra l'auc sotto l'ipotesi nulla di 0,85 e una AUC sotto l'ipotesi alternativa di 0,92, usando il punteggio di rischio 34 microrna sulla sua scala continua. Basandosi sul modello di rischio di cancro al polmone, ricalibrato, derivante dallo studio COSMOS, circa 6000 persone con un minimo rischio di cancro ai polmoni dell 1%, [fumatori di vecchio corso (20 sig/giorno) con età 60 anni che hanno iniziato a fumare all'età di 20 anni (40 pacchetti-anno) o fumatori di vecchio corso (20 sig/giorno) con età 55 anni che hanno iniziato a fumare all'età di 20 anni (40 pacchetti-anno) e sono stati esposto all'amianto] dovrebbero essere arruolati al fine di individuare circa 100 tumori alla TC di screening basale. 5. Criteri di inclusione: i) rischio annuale di tumore polmonare, calcolato secondo lo score di rischio 0.8% anno. Tale rischio corrisponde al criterio di rischio utilizzato dallo studio NLST ed equivale a età 55 anni ed esposizione al fumo maggiore di 30 pacchetti-anno; ii) fumatori attuali o ex fumatori. Gli ex fumatori devono aver cessato di fumare entro i 15 anni precedenti all arruolamento nello studio; iii) assenza di sintomi o manifestazioni di tumore polmonare quali peggioramento della tosse, raucedine, emottisi e perdita di peso. 6. Criteri di esclusione: i) precedente diagnosi di neoplasia polmonare; ii) storia oncologica extrapolmonare positiva negli ultimi 5 anni (escluse le neoplasie in situ o tumore epidermoide della cute); iii) esecuzione di una TC torace nell ultimo anno; iv) patologie polmonari o extrapolmonari di grado severo che possano precludere o inficiare una terapia adeguata in caso di diagnosi di neoplasia polmonare maligna. 7. Criteri generali di valutazione dell efficacia: L efficacia del test sierologico mirna sarà valutata confrontando la sensibilità, la specificità e l accuratezza di mirna nell individuazione del tumore polmonare considerando il protocollo di screening con TC spirale come procedura di riferimento. L efficacia del mirna test sarà inoltre valutata in relazione ai costi e alle tempistiche di analisi dei pazienti idonei allo screening. In alternativa, se la sensibilità del mirna test risultasse inferiore a quella della TCbd, valuteremo nel trial prospettico la possibilità di applicare il mirna test come test aggiuntivo per incrementare la sensibilità o la specificità della TCbd. 8. Criteri generali di valutazione della tollerabilità: NA 9. Metodologia statistica: La performance della signature dei 34 microrna sarà valutata in termini di AUC. La sensibilità, la specificità, i falsi positivi e i falsi negativi della signature saranno calcolati utilizzando il cut-off fissato a 0,325 durante il training del classificatore. Validazione del punteggio di rischio di cancro al polmone ricalibrato. Il numero di casi di cancro al polmone rilevato alla TC di screening basale sarà confrontato con quello atteso calcolato utilizzando il punteggio di rischio ricalibrato sviluppato nello studio COSMOS. La discriminazione sarà valutata come area under the receiver operating characteristic (ROC) curve. La verifica della taratura sarà poi effettuata mediante valutazione visiva del plot confrontando il rischio di cancro al polmone previsto dal modello con la percentuale di tumori polmonari osservati nei gruppi di partecipanti definite per decili di probabilità previsti e valutati secondo il test del chi quadrato di Hosmer- Lemeshow. V. VALUTAZIONE DEL RAPPORTO RISCHIO/BENEFICIO 1. Possibili vantaggi: Alla luce delle recenti acquisizioni scientifiche in vista di una sempre maggiore diffusione di metodiche di 3

4 screening su scala nazionale e di una potenziale copertura con il sistema sanitario nazionale, sarà cruciale avere a disposizione criteri di selezione della popolazione target precisi e personalizzati e criteri di stratificazione della popolazione a rischio per identificare il migliore intervallo di screening. Tale obiettivo potrà essere raggiunto mediante la validazione del modello di rischio Cosmos, in grado di fornire un semplice calcolatore automatico del rischio personalizzato di tumore. Tale strumento rappresenterà un utile metodo di selezione in vista di una pianificazione di programmi di screening regionali o nazionali. Il principale beneficio per il SSN, proveniente dalla validazione prospettica della signature di mirna sierici, sarà quello di ottenere uno strumento di diagnosi precoce del tumore polmonare standardizzato e potenzialmente a basso costo con una maggiore possibilità di diffondere la metodica su ampia scala con un semplice test sierologico. Globalmente la diffusione di tecniche di diagnosi precoce permetterà di individuare un numero maggiore di tumori polmonari in stadio iniziale che richiedono trattamenti chirurgici poco invasivi con notevoli vantaggi in termini di qualità di vita, di sopravvivenza e di costi. 2. Possibili svantaggi e rischi: Non ci sono rischi aggiuntivi per i soggetti in studio. La dose di radiazioni ionizzanti ricevute in conseguenza di questo studio è molto bassa, meno della metà di quella cui la popolazione italiana è esposta per le radiazioni naturali (dal terreno e dall atmosfera). 3. Alternative diagnostico-terapeutiche: NA 4. Procedure dello studio: 1. Alla baseline dei soggetti arruolati, circa 6000 a rischio più elevato saranno sottoposti ad analisi dei mirna e da questi ci si attende la diagnosi di circa 100 casi di tumore. 2. ai sucessivi due controlli annuali a partire da 5000 soggetti ad alto rischio ci si attende circa 70 casi annuali (140 globale). L analisi dei mirna da siero prevede 3 fasi: 1)Estrazione dei RNA da siero, 2) Analisi dei mirna, 3) Relative Quantification del rischio. A ogni Istituto partecipante verrà richiesto di inviare in IEO campioni di siero per l analisi centralizzata dei mirna circolanti, secondo un protocollo standardizzato: Il sangue sarà prelevato in ogni paziente arruolato al momento della prima indagine strumentale e nei successivi controlli e prima di ogni valutazione fisica e strumentale secondo un protocollo definito. Ai pazienti con diagnosi di tumore polmonare verranno chiesti prelievi di sangue aggiuntivi prima e dopo la terapia. I campioni di sangue e di siero dovranno essere conservati in un freezer dedicato a -80 C, o in alternativa spediti immediatamente in ghiaccio secco all IEO. Tutti i campioni saranno conservati presso la Biobanca (IBBRI) dell IEO. Standardizzazione dell algoritmo diagnostico. Le indagini radiologiche positive o sospette saranno discusse con un radiologo senior e un chirurgo toracico senior. La gestione dei noduli dovrà seguire delle linee guida riportate nel protocollo diagnostico. 5. Misure precauzionali a salvaguardia dei soggetti/pazienti: 6. Valutazione complessiva del rapporto rischio beneficio: Alla luce delle recenti acquisizioni scientifiche in vista di una sempre maggiore diffusione di metodiche di screening su scala nazionale e di una potenziale copertura con il sistema sanitario nazionale, sarà cruciale avere a disposizione criteri di selezione della popolazione target precisi e personalizzati e criteri per identificare il migliore intervallo di screening in vista di una pianificazione di programmi di diagnosi precoce regionali o nazionali. Globalmente la diffusione di tecniche di diagnosi precoce permetterà di individuare tumori polmonari in stadio iniziale che richiedono trattamenti chirurgici poco invasivi con notevoli vantaggi in termini di qualità di vita, di sopravvivenza e di costi Il principale beneficio per il SSN, proveniente dalla validazione prospettica della signature di mirna sierici, sarà quello di ottenere uno strumento di diagnosi precoce del tumore polmonare standardizzato e potenzialmente a basso costo con una maggiore possibilità di diffondere la metodica su ampia scala con un semplice test sierologico. VI. INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE Sperimentazione PROFIT: Copertura dei costi: TOTALE - PARZIALE (specificare costi non coperti) RICAVI: SI - NO Compensi e/o emolumenti a favore degli Sperimentatori: NO - SI (specificare entità e provenienza (Promotore/IEO)): Sperimentazione NO PROFIT (DM 17/12/04): TIPOLOGIA DEI COSTI PREVISTI: Farmaco/i: Assicurazione: Indagini diagnostiche (specificare):. MODALITA DI COPERTURA (es: Fondi ad hoc, SSN, Contributo Farma, etc.) 4

5 Compensi e/o emolumenti a favore degli Sperimentatori: NO - SI (specificare entità e provenienza (Promotore/IEO)): VII. OSSERVAZIONI Lo studio prevede il coinvolgimento di una rete di strutture pubbliche e private convenzionate in Italia per l avvio di programmi di screening del tumore polmonare. I centri che parteciperanno alla sperimentazione saranno l Ospedale Forlanini di Roma, il Centro Oncologico Fiorentino di Sesto Fiorentino, l IFO Regina Elena di Roma, l Ospedale di Pescara e l Ismet di Palermo. Obbiettivo dello studio è anche sviluppare una rete nazionale di centri di screening per la diffusione di programmi di diagnosi precoce in individui ad alto rischio. 5

Screening del tumore polmonare in soggetti ad alto rischio con TC a basso dosaggio e marcatori molecolari (studio Cosmos II)

Screening del tumore polmonare in soggetti ad alto rischio con TC a basso dosaggio e marcatori molecolari (studio Cosmos II) Screening del tumore polmonare in soggetti ad alto rischio con TC a basso dosaggio e marcatori molecolari (studio Cosmos II) Sperimentatori IEO Dr. Giulia Veronesi Unità di Ricerca Diagnosi Precoce e Prevenzione

Dettagli

PROGETTO COSMOS II. Giulia Veronesi Chirurgia Toracica Email: giulia.veronesi@ieo.it Istituto Europeo di Oncologia

PROGETTO COSMOS II. Giulia Veronesi Chirurgia Toracica Email: giulia.veronesi@ieo.it Istituto Europeo di Oncologia PROGETTO COSMOS II Giulia Veronesi Chirurgia Toracica Email: giulia.veronesi@ieo.it Istituto Europeo di Oncologia MORTALITY MAYO LUNG PROJECT 1984: 10.000 soggetti fumatori Radiografia + citologia sull

Dettagli

IEO S669/511 Titolo: Diagnosi precoce del tumore polmonare in soggetti ad alto rischio con TC a basso dosaggio e marcatori molecolari

IEO S669/511 Titolo: Diagnosi precoce del tumore polmonare in soggetti ad alto rischio con TC a basso dosaggio e marcatori molecolari Diagnosi precoce del tumore polmonare in soggetti ad alto rischio con TC a basso dosaggio e marcatori molecolari (Early detection of lung cancer in asymptomatic high risk population by low dose CT scan

Dettagli

Trials clinici. Disegni di studio

Trials clinici. Disegni di studio Trials Clinici Dott.ssa Pamela Di Giovanni Studi descrittivi Disegni di studio Popolazioni Individui Studi analitici Osservazionali Sperimentali Studi di correlazione o ecologici Case report - Case series

Dettagli

Consistono nell applicazione di una procedura che consente l identificazione di una malattia in una fase iniziale una condizione a rischio

Consistono nell applicazione di una procedura che consente l identificazione di una malattia in una fase iniziale una condizione a rischio Consistono nell applicazione di una procedura che consente l identificazione di una malattia in una fase iniziale una condizione a rischio Prof.ssa G. Serio, Prof. P. Trerotoli, Cattedra di Statistica

Dettagli

PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING. Relatore: Brunella Spadafora

PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING. Relatore: Brunella Spadafora PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING Relatore: Brunella Spadafora Epidemiologia e prevenzione dei tumori maligni I tumori nel loro insieme, costituiscono la seconda causa di morte,

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

SCOPO DEL PROGETTO 1) PREVENTIVO E 2) CONOSCITIVO

SCOPO DEL PROGETTO 1) PREVENTIVO E 2) CONOSCITIVO 2 RISCHIO AMIANTO 1 SCOPO DEL PROGETTO 1) PREVENTIVO E 2) CONOSCITIVO per le patologie asbesto-correlate nell ambito delle categorie lavorative delle FFAA su personale esposto e non esposto ad amianto

Dettagli

coin lesion polmonare

coin lesion polmonare coin lesion polmonare accurata anamnesi ed esame obiettivo impossibile confronto con precedenti radiogrammi lesione non preesistente o modificatasi TC Follow-up caratteri di benignità lesione sospetta

Dettagli

Classificazione degli studi epidemiologici

Classificazione degli studi epidemiologici Classificazione degli studi epidemiologici STUDI DESCRITTIVI - DI CORRELAZIONE O ECOLOGICI - CASE REPORT/SERIES - DI PREVALENZA O TRASVERSALI STUDI ANALITICI O OSSERVAZIONALI - A COORTE - CASO-CONTROLLO

Dettagli

DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA

DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA PROSTATA? P. Vineis, G. Casetta* Servizio di Epidemiologia dei Tumori *Clinica Urologica 1, Università di Torino IL PROBLEMA Attività sistematiche

Dettagli

PSA SCREENING NEL TUMORE DELLA PROSTATA

PSA SCREENING NEL TUMORE DELLA PROSTATA PSA SCREENING NEL TUMORE DELLA PROSTATA Prof. Giuseppe Martorana Clinica Urologica Alma Mater Studiorum Università di Bologna Convegno medico UniSalute Appropriatezza ed efficacia degli screening Bologna,

Dettagli

STADIAZIONE E TRATTAMENTO CHIRURGICO

STADIAZIONE E TRATTAMENTO CHIRURGICO PROTOCOLLI OPERATIVI IN PNEUMOLOGIA INTERVENTISTICA: NODULO POLMONARE PERIFERICO STADIAZIONE E TRATTAMENTO CHIRURGICO PROF. FEDERICO REA CATTEDRA DI CHIRURGIA TORACICA UNIVERSITA DI PADOVA Firenze 18 Marzo

Dettagli

Il progetto Proteus Donna e altre iniziative di ricerca nell ambito dello screening mammografico regionale

Il progetto Proteus Donna e altre iniziative di ricerca nell ambito dello screening mammografico regionale Alfonso Frigerio Livia Giordano Antonio Ponti Nereo Segnan Il progetto Proteus Donna e altre iniziative di ricerca nell ambito dello screening mammografico regionale Centro di Riferimento Regionale per

Dettagli

LEZIONI DI STATISTICA MEDICA

LEZIONI DI STATISTICA MEDICA LEZIONI DI STATISTICA MEDICA A.A. 2010/2011 - Screening - Test diagnostici Sezione di Epidemiologia & Statistica Medica Università degli Studi di Verona Storia naturale della malattia (Rothman( Rothman,,

Dettagli

La Prevenzione Secondaria dei tumori

La Prevenzione Secondaria dei tumori Chiavari, 29 Maggio 2007 La Prevenzione Secondaria dei tumori Paolo Bruzzi S.C. Epidemiologia Clinica Dpt. Epidemiologia e Prevenzione IST - Genova Prevenzione Secondaria = Prevenzione delle conseguenze

Dettagli

PREVENZIONE. Prevenzione per la Donna. Esami del Sangue e Delle Urine. Esame emocromocitometrico Colesterolo HDL, Colesterolo LDL, Trigliceridi

PREVENZIONE. Prevenzione per la Donna. Esami del Sangue e Delle Urine. Esame emocromocitometrico Colesterolo HDL, Colesterolo LDL, Trigliceridi PREVENZIONE Migliaia di persone in tutto il mondo hanno guadagnato anni di vita grazie agli screening oncologici; e altre migliaia si sono salvate dall infarto, dall ictus o dal coma diabetico, per merito

Dettagli

Allegato alla Deliberazione n. 256 del 11.10.2013

Allegato alla Deliberazione n. 256 del 11.10.2013 Regolamento dell iter aziendale relativo agli studi osservazionali, alle sperimentazioni cliniche, alle iniziative di ricerca assimilabili, istituzione del Clinical Trial Center (C.T.C.) ed individuazione

Dettagli

Nuove prospettive per la diagnosi precoce del tumore al polmone!!!! Ugo Pastorino! Chirurgia Toracica, Istituto Nazionale Tumori, Milano!

Nuove prospettive per la diagnosi precoce del tumore al polmone!!!! Ugo Pastorino! Chirurgia Toracica, Istituto Nazionale Tumori, Milano! GIORNATA MONDIALE SENZA TABACCO! WORLD NO -TOBACCO DAY 2015! ISS - Roma, 29 maggio 2015! Nuove prospettive per la diagnosi precoce del tumore al polmone!!!! Ugo Pastorino! Chirurgia Toracica, Istituto

Dettagli

Titolo. Background. Obiettivi. Metodi Tipo di studio (disegno) Centro/i partecipante/i Popolazione

Titolo. Background. Obiettivi. Metodi Tipo di studio (disegno) Centro/i partecipante/i Popolazione La SIFC promuove la ricerca clini ca nel campo della Fibrosi Cistica in Italia mediante la valutazione di progetti scientifici multicentrici e m ultidisciplinari. La Commissione Permanente Ricerca e Sviluppo

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

R e g i o n e L a z i o

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i o Titolo del programma: Innovazione tecnologica PS su mammella, cervice uterina e colon-retto Identificativo della Linea di intervento generale: 3.1 Prevenzione della popolazione

Dettagli

Massimo Confortini Direttore Laboratorio Prevenzione Oncologica ISPO Firenze

Massimo Confortini Direttore Laboratorio Prevenzione Oncologica ISPO Firenze LA CITOLOGIA NEGLI SCREENING ONCOLOGICI Roma 19 Novembre 2014 IL PAP TEST NEI DIVERSI SCENARI: SIMILITUDINI E DIFFERENZE Massimo Confortini Direttore Laboratorio Prevenzione Oncologica ISPO Firenze Bertozzi

Dettagli

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43 E evidente che lo screening per un tumore può diagnosticare la malattia molto precocemente, ma nel caso del tumore alla prostata il ricorso al test del PSA può creare dati incerti e rischi sanitari in

Dettagli

Il paziente e la ricerca: cosa sapere

Il paziente e la ricerca: cosa sapere Il paziente e la ricerca: cosa sapere 1 Perché è importante la ricerca? Negli ultimi decenni la ricerca scientifica ha conseguito importanti risultati nella lotta contro i tumori. La qualità e l eccellenza

Dettagli

Risultati del triage e del follow-up post-trattamento con HPV-DNA test

Risultati del triage e del follow-up post-trattamento con HPV-DNA test Lo screening per la prevenzione dei tumori della cervice uterina in Emilia Romagna Risultati del triage e del follow-up post-trattamento con HPV-DNA test Bologna, 29 marzo 2011 HPV TEST NEL TRIAGE DI ASC-US

Dettagli

Sviluppo di un tumore

Sviluppo di un tumore TUMORI I tumori Si tratta di diversi tipi di malattie, che hanno cause diverse e che colpiscono organi e tessuti differenti Caratteristica di tutti i tumori è la proliferazione incontrollata di cellule

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2005-2007 REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Settore Livelli di Assistenza

Dettagli

I metodi per la misura della diagnosi

I metodi per la misura della diagnosi C.I. di Metodologia clinica I metodi per la misura della diagnosi Obiettivo Conoscere ed utilizzare i principali strumenti per interpretare l'attendibilità e la rilevanza dei test diagnostici ai fini della

Dettagli

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Rete anatomie patologiche

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Rete anatomie patologiche LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Rete anatomie patologiche Rete delle anatomie patologiche regionali: gestione dei referti e condivisione informatizzata delle informazioni Definizione della rete

Dettagli

Il Decreto attuativo della Regione Lazio: Punto di arrivo o punto di sviluppo?

Il Decreto attuativo della Regione Lazio: Punto di arrivo o punto di sviluppo? Il Decreto attuativo della Regione Lazio: Punto di arrivo o punto di sviluppo? Francesco Cognetti Istituto Regina Elena Camera dei Deputati 2 Dicembre 2010 Perché una rete oncologica? Integrare tutte le

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

PROBABILITÀ E DECISIONI IN MEDICINA: I TEST DIAGNOSTICI

PROBABILITÀ E DECISIONI IN MEDICINA: I TEST DIAGNOSTICI Università degli Studi di Padova CICLO DI LEZIONI SCIENZE DI BASE PER I DOTTORATI DI RICERCA DELL AREA MEDICA Anno accademico 2005-06 Temi di Statistica ed Epidemiologia PROBABILITÀ E DECISIONI IN MEDICINA:

Dettagli

IL TUMORE DELLA MAMMELLA NEL MONDO

IL TUMORE DELLA MAMMELLA NEL MONDO IL TUMORE DELLA MAMMELLA NEL MONDO In tutto il mondo il carcinoma della mammella è il tumore più frequente nella popolazione femminile, sia per incidenza sia per mortalità. L Organizzazione Mondiale della

Dettagli

1 GIORNATA DI STUDIO SUL PROGRAMMA DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI DEL COLON-RETTO

1 GIORNATA DI STUDIO SUL PROGRAMMA DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI DEL COLON-RETTO 1 GIORNATA DI STUDIO SUL PROGRAMMA DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI DEL COLON-RETTO SIGNIFICATO E RUOLO DEL CENTRO SCREENING NELLA GESTIONE E CONTROLLO DEL PROGRAMMA BOLOGNA, 10 MARZO 2005 dr.ssa

Dettagli

Gli studi caso. controlli. Obiettivi. Stime del rischio. Ne deriva la Tabella 2x2

Gli studi caso. controlli. Obiettivi. Stime del rischio. Ne deriva la Tabella 2x2 Gli studi caso controllo Obiettivi Negli ultimi decenni questo modello di indagine è stato applicato soprattutto per lo studio delle malattie cronicodegenerative (le più frequenti cause di morte in tutti

Dettagli

La prevenzione in oncologia: considerazioni per il medico di famiglia

La prevenzione in oncologia: considerazioni per il medico di famiglia La prevenzione in oncologia: considerazioni per il medico di famiglia Negli ultimi anni nel campo della prevenzione in oncologia si è verificato un processo di profonda maturazione e sviluppo, che ha migliorato

Dettagli

Gli studi epidemiologici

Gli studi epidemiologici Gli studi epidemiologici STUDI OSSERVAZIONALI descrittivi STUDI OSSERVAZIONALI analitici: Ecologici Trasversali Caso-controllo Di coorte STUDI SPERIMENTALI : Trial controllati randomizzati Trial sul campo

Dettagli

Espressione di geni specifici per un determinato tumore

Espressione di geni specifici per un determinato tumore Espressione di geni specifici per un determinato tumore Paziente A: Non ha il cancro Espressione dei geni: Nessuna Biopsia Geni associati al cancro allo stomaco Paziente B: Ha un tumore allo stomaco Bassa

Dettagli

SCREENING DI IPERCOAGULABILITÀ

SCREENING DI IPERCOAGULABILITÀ SCREENING DI IPERCOAGULABILITÀ COME STRUMENTO INNOVATIVO PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO, LA DIAGNOSI E LA PROGNOSI DEL TUMORE PROGETTO AIRC 5XMILLE 2011-2014 (+2 ANNI EVENTUALI) LO STUDIO L Associazione

Dettagli

ESERCITAZIONE 2. TRATTO E MODIFICATO DA: Esercizi di epidemiologia - MORO, DAVOLI, PIRASTU Il pensiero scientifico editore

ESERCITAZIONE 2. TRATTO E MODIFICATO DA: Esercizi di epidemiologia - MORO, DAVOLI, PIRASTU Il pensiero scientifico editore ESERCITAZIONE 2 TRATTO E MODIFICATO DA: Esercizi di epidemiologia - MORO, DAVOLI, PIRASTU Il pensiero scientifico editore Modalità di lettura della tabella di contingenza 2x2 sull associazione tra l esposizione

Dettagli

METTI IL MELANOMA IN FUORI GIOCO

METTI IL MELANOMA IN FUORI GIOCO Comunicato stampa METTI IL MELANOMA IN FUORI GIOCO Milano, 14 dicembre 2009 presso l Hotel Quark Via Lampedusa 11/A, i calciatori, Raffaele Palladino e Javier Zanetti fanno da testimonial a METTI IL MELANOMA

Dettagli

Progetto Ex Esposti Amianto Regione Veneto. La diagnostica per immagini del polmone e della pleura

Progetto Ex Esposti Amianto Regione Veneto. La diagnostica per immagini del polmone e della pleura Progetto Ex Esposti Amianto Regione Veneto La diagnostica per immagini del polmone e della pleura PLEURA LE MANIFESTAZIONI - PLACCHE POLMONE RADIOLOGICHE - ISPESSIMENTO DIFFUSO - VERSAMENTO - MESOTELIOMA

Dettagli

Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Obiettivo Primario

Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Obiettivo Primario Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Studio clinico randomizzato, con gruppo di controllo, sull Agopuntura Tradizionale Cinese come Terapia di Supporto in pazienti sottoposti a trattamento Chemioterapico

Dettagli

FOLLOW-UP DEL TUMORE POLMONARE

FOLLOW-UP DEL TUMORE POLMONARE Linee Guida ITT Istituto Toscano Tumori ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI e degli ODONTOIATRI della PROVINCIA di AREZZO 3 gennaio 2007 Ivano Archinucci UO di Pneumologia ASL 8 STADI DEL CARCINOMA POMONARE STADIO

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive Sapienza Università di Roma

Dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive Sapienza Università di Roma Concetti di salute e malattia. La storia naturale delle malattie. Valutazione dell efficacia dei tests diagnostici: sensibilità, specificità e valori predittivi. Gli screening. Paolo Villari paolo.villari@uniroma1.it

Dettagli

Descrizione CAD polmonare e interfaccia web per il sito MEGALAB della regione Lazio

Descrizione CAD polmonare e interfaccia web per il sito MEGALAB della regione Lazio Descrizione CAD polmonare e interfaccia web per il sito MEGALAB della regione Lazio Un applicazione in fase di sperimentazione nel progetto MEGALAB è un sistema computerizzato per il riconoscimento automatico

Dettagli

Prevenzione del carcinoma del collo dell utero

Prevenzione del carcinoma del collo dell utero Prevenzione del carcinoma del collo dell utero Prevenzione primaria : agisce sulla causa del tumore (HPV alto rischio) e sui cofattori (stile di vita) Interviene su tutta la popolazione indistintamente

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Salute e Genere Ipotesi di lavoro nelle Marche

Salute e Genere Ipotesi di lavoro nelle Marche Salute e Genere Ipotesi di lavoro nelle Marche Ancona, 14 aprile 2012 L esperienza della Medicina di Genere nell Azienda Ospedali Riuniti di Ancona. Dall organizzazione alla clinica Perdita di salute nella

Dettagli

Programma di screening

Programma di screening Programma di screening Un programma di screening consiste nel selezionare, in una popolazione, particolari sottogruppi tramite un qualche test (test di screening) Sono selezionate in un gruppo di sani

Dettagli

Il carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC)

Il carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC) OMCeO Provincia di Bari Assessorato Regionale Politiche della Salute Comune di Altamura ASL BA AIOM Fondazione AIOM Southern Italy Cooperative Oncology Group VII Corso di Oncologia Il carcinoma polmonare

Dettagli

UN OPPORTUNITÀ PER IL WELFARE AZIENDALE. Dr. Carlo Cipolla - Direttore Divisione di Cardiologia - IEO

UN OPPORTUNITÀ PER IL WELFARE AZIENDALE. Dr. Carlo Cipolla - Direttore Divisione di Cardiologia - IEO UN OPPORTUNITÀ PER IL WELFARE AZIENDALE Dr. Carlo Cipolla - Direttore Divisione di Cardiologia - IEO LA PREVENZIONE PRIMARIA SCREENING PERSONALIZZATI E COSE PERFETTAMENTE INUTILI 2 IEO 2014 PREGIUDIZI

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO - PROGRAMMA CCM 2012 DATI GENERALI DEL PROGETTO TITOLO:

PROGETTO ESECUTIVO - PROGRAMMA CCM 2012 DATI GENERALI DEL PROGETTO TITOLO: PROGETTO ESECUTIVO PROGRAMMA CCM 2012 DATI GENERALI DEL PROGETTO TITOLO: Rete organizzativa nazionale per la promozione della comprensione dei fenomeni molecolari, l ottimizzazione dei percorsi diagnostici

Dettagli

L IMPORTANZA DELLO SCREENING E L IMPATTO SULLE RISORSE

L IMPORTANZA DELLO SCREENING E L IMPATTO SULLE RISORSE L IMPORTANZA DELLO SCREENING E L IMPATTO SULLE RISORSE RENATO CANNIZZARO S.O.C. GASTROENTEROLOGIA ONCOLOGICA CRO-ISTITUTO NAZIONALE TUMORI IRCCS - AVIANO L IMPORTANZA DELLO SCREENING L IMPATTO SULLE RISORSE

Dettagli

Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto?

Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto? Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto? Florence è il nome con cui abbiamo battezzato questo studio clinico internazionale

Dettagli

Raccolta prospettica di dati di rilevanza prognostica in pazienti con Leucemia Linfatica Cronica a cellule B.

Raccolta prospettica di dati di rilevanza prognostica in pazienti con Leucemia Linfatica Cronica a cellule B. O-CLL1 CHRONIC LYMPHOCYTIC LEUKEMIA PROGNOSTIC FACTOR PROJECT Raccolta prospettica di dati di rilevanza prognostica in pazienti con Leucemia Linfatica Cronica a cellule B. O-CLL1-PROTOCOL Sinossi O-CLL1-sinossi,

Dettagli

La prevenzione secondaria negli esposti all'amianto: cosa ci ha insegnato lo studio ATOM 002

La prevenzione secondaria negli esposti all'amianto: cosa ci ha insegnato lo studio ATOM 002 AMIANTO, LO STATO DELL ARTE SALUTE E AMBIENTE PREVENZIONE E BONIFICHE Venerdì 17 febbraio 2012 Sala Anfiteatro Azienda Ospedaliero - Universitaria S.M.M. di Udine La prevenzione secondaria negli esposti

Dettagli

A.A. 2014-2015. Obiettivi formativi del CI di Metodologia epidemiologica OBIETTIVO GENERALE

A.A. 2014-2015. Obiettivi formativi del CI di Metodologia epidemiologica OBIETTIVO GENERALE A.A. 2014-2015 Obiettivi formativi del CI di Metodologia epidemiologica OBIETTIVO GENERALE Utilizzare gli strumenti epidemiologici e statistici appropriati per ridurre l'area dell'incertezza nella rilevazione

Dettagli

PDTA - 04 Rev. 0 del 24/10/2013

PDTA - 04 Rev. 0 del 24/10/2013 PDTA - 04 Rev. 0 del 24/10/2013 Certificato N 9122 AOLS Data applicazione Redazione Verifica Approvazione 24.10.2013 Dr.ssa S. Ferrario Dr.ssa M.V. Forleo Dr.ssa E. Piazza Dr.ssa G. Saporetti Dr. E. Goggi

Dettagli

Il Pap test come test primario nello screening

Il Pap test come test primario nello screening Il Pap test come test primario nello screening Antonella Pellegrini UOC Anatomia Patologica Az. Osp. S.Giovanni-Addolorata Roma Lo screening non è fare un Test Cosa è lo screening? un esame sistematico,

Dettagli

Lo screening mammografico una revisione sui dati di letteratura

Lo screening mammografico una revisione sui dati di letteratura Lo screening mammografico una revisione sui dati di letteratura Cos è uno screening Strategia di indagini diagnostiche generalizzate, utilizzate per identificare una malattia in una popolazione standard

Dettagli

1997 - Esame di ammissione al Board Europeo di Chirurgia Toracica e Cardio-Vascolare.

1997 - Esame di ammissione al Board Europeo di Chirurgia Toracica e Cardio-Vascolare. Prof. Lorenzo Spaggiari Dati personali Nato il 09/05/1961 a CASINA (RE) Codice fiscale SPGLNZ61E09B967H Indirizzo di residenza o domicilio: Indirizzo Via G. Antonini 32 20141 Milano, Italia Indirizzo E-mail

Dettagli

Il ragionamento diagnostico TEST DIAGNOSTICO. Dott.ssa Marta Di Nicola. L accertamento della condizione patologica viene eseguito TEST DIAGNOSTICO

Il ragionamento diagnostico TEST DIAGNOSTICO. Dott.ssa Marta Di Nicola. L accertamento della condizione patologica viene eseguito TEST DIAGNOSTICO Il ragionamento diagnostico http://www.biostatistica biostatistica.unich unich.itit 2 L accertamento della condizione patologica viene eseguito All'inizio del decorso clinico, per una prima diagnosi In

Dettagli

UNIVERSTY OF TORINO DEPT. OF CLINICAL & BIOLOGICAL SCIENCES. Il Tumore Polmonare

UNIVERSTY OF TORINO DEPT. OF CLINICAL & BIOLOGICAL SCIENCES. Il Tumore Polmonare Il Tumore Polmonare Silvia Novello University of Torino Department of Clinical & Biological Sciences silvia.novello@unito.it www.womenagainstlungcancer.eu www.oncologiapolmonare.it Epidemiologia Cambiamenti

Dettagli

Come cambia lo screening carcinoma della cervice uterina in Basilicata.

Come cambia lo screening carcinoma della cervice uterina in Basilicata. Come cambia lo screening carcinoma della cervice uterina in Basilicata. Georgios Papanikolaou va in soffitta? Sergio Schettini ONCOLOGICI Regione Basilicata Dipartimento Sicurezza e Solidarietà Sociale

Dettagli

Risultati del programma di screening dei tumori del colon retto a Ferrara

Risultati del programma di screening dei tumori del colon retto a Ferrara Risultati del programma di screening dei tumori del colon retto a Ferrara Aldo De Togni direttore Unità Operativa Organizzazione Oncologica Dipartimento di Sanità Pubblica Il tumore del colon-retto è un

Dettagli

Le zone grigie della citologia tiroidea.

Le zone grigie della citologia tiroidea. Carcinoma differenziato della tiroide: dalla diagnosi al follow-up Bologna 21 marzo 2009 Le zone grigie della citologia tiroidea. Cosa deve dire il patologo Gian Piero Casadei Anatomia Patologica Ospedale

Dettagli

Il ruolo dei marcatori molecolari nello screening colo rettale

Il ruolo dei marcatori molecolari nello screening colo rettale Il ruolo dei marcatori molecolari nello screening colo rettale Cristina Sani (1), Leonardo Ventura (2), Marco Zappa (2), Carlo Senore (3), Luigi Bisanti (4), Grazia Grazzini (5), Germana Martinasso (3),

Dettagli

TITOLO SCREENING ONCOLOGICO DEL TUMORE DEL COLON-RETTO IN PROVINCIA DI RAGUSA: TASSI DI INVITI E ADESIONI PERIODO 2011-2014.

TITOLO SCREENING ONCOLOGICO DEL TUMORE DEL COLON-RETTO IN PROVINCIA DI RAGUSA: TASSI DI INVITI E ADESIONI PERIODO 2011-2014. TITOLO SCREENING ONCOLOGICO DEL TUMORE DEL COLON-RETTO IN PROVINCIA DI RAGUSA: TASSI DI INVITI E ADESIONI PERIODO 2011-2014. Ferrera G.* Cilia S.**, Puglisi C.***, Aprile E., Venga R.. * Resp. U.O. Epidemiologia

Dettagli

Prof. Marisa Arpesella Dipartimento di Sanità Pubblica e Neuroscienze Sezione igiene

Prof. Marisa Arpesella Dipartimento di Sanità Pubblica e Neuroscienze Sezione igiene Screening Prof. Marisa Arpesella Dipartimento di Sanità Pubblica e Neuroscienze Sezione igiene Definizione Con il termine di screening, si intende un esame sistematico condotto con mezzi clinici, strumentali

Dettagli

SERVIZIO DI SENOLOGIA E MAMMOGRAFIA

SERVIZIO DI SENOLOGIA E MAMMOGRAFIA SERVIZIO DI SENOLOGIA E MAMMOGRAFIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA Questo testo intende fornire in maniera semplice utili informazioni su un tema di particolare importanza

Dettagli

ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente

ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente diagnosi differenziale: carcinoma della mammella sono elementi di sospetto: monolateralità, rapido sviluppo Primitiva: puberale,

Dettagli

RAZIONALE ED OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE ED OBIETTIVI DIDATTICI PRESIDENTI COMITATO ORGANIZZATORE Giovanni Battista D Errico COMITATO SCIENTIFICO Vincenzo Contursi Giovanni Battista D Errico SEGRETERIA SCIENTIFICA SIICP-Società Italiana Interdisciplinare per le Cure

Dettagli

Cancro. Ecco i 3 screening salva vita.

Cancro. Ecco i 3 screening salva vita. Cancro. Ecco i 3 screening salva vita. Come tenersi aggiornati sui test offerti dal Ssn per il tumore del seno, della cervice uterina e del colon retto. Il vademecum del ministero Il ministero della Salute

Dettagli

Scelta del soggetto. Sviluppo del protocollo. Pretest e revisione del protocollo. Effettuazione dello studio. Analisi dei risultati

Scelta del soggetto. Sviluppo del protocollo. Pretest e revisione del protocollo. Effettuazione dello studio. Analisi dei risultati Ciclo della ricerca Scelta del soggetto Sviluppo del protocollo Pretest e revisione del protocollo Effettuazione dello studio Analisi dei risultati Conclusioni e loro pubblicazione ANATOMIA DELLA RICERCA:

Dettagli

Rete nazionale solidale e collaborazioni internazionali del programma straordinario Oncologia 2006 Roma, 9 febbraio 2009

Rete nazionale solidale e collaborazioni internazionali del programma straordinario Oncologia 2006 Roma, 9 febbraio 2009 Rete nazionale solidale e collaborazioni internazionali del programma straordinario Oncologia 2006 Roma, 9 febbraio 2009 Network nazionale italiano Tumori Eredo-Famigliari (intef): creazione di strumenti

Dettagli

Risultati del test e commenti. Dolores Santini, Modena Lauro Bucchi, Forlì

Risultati del test e commenti. Dolores Santini, Modena Lauro Bucchi, Forlì Risultati del test e commenti Dolores Santini, Modena Lauro Bucchi, Forlì Menu caratteristiche dei casi risultati del test criteri 2007 vs. 2005 commenti commenti commenti Dati richiesti all applicativo

Dettagli

CONFERENZA STAMPA 24 Gennaio 2007. Campagna di prevenzione a favore dello screening per la ricerca del tumore colon rettale

CONFERENZA STAMPA 24 Gennaio 2007. Campagna di prevenzione a favore dello screening per la ricerca del tumore colon rettale CONFERENZA STAMPA 24 Gennaio 2007 Campagna di prevenzione a favore dello screening per la ricerca del tumore colon rettale Conferenza stampa per la presentazione della Campagna di prevenzione a favore

Dettagli

LA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA

LA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA LA VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA IN SANITÀ OBIETTIVI DIDATTICI Definire il ruolo dell epidemiologia nella valutazione dei bisogni sanitari e nell allocazione delle risorse Acquisire le conoscenze sulle principali

Dettagli

CONFERENZA STAMPA. Presentazione del convegno Prevenzione Brescia. 10 anni di screening oncologico 19 gennaio 2015

CONFERENZA STAMPA. Presentazione del convegno Prevenzione Brescia. 10 anni di screening oncologico 19 gennaio 2015 DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE U.O. Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: comunicazione@aslbrescia.it CONFERENZA

Dettagli

Igiene. Dott. Pamela Di Giovanni. Definizione

Igiene. Dott. Pamela Di Giovanni. Definizione Igiene Dott. Pamela Di Giovanni Definizione Disciplina medica che ha come obiettivo la tutela e la promozione della salute umana, intendendo per salute umana un completo stato di benessere psichico, fisico

Dettagli

Analisi organizzativa

Analisi organizzativa Dott.ssa Cristina Nicolai Responsabile Organizzativa Screening Analisi organizzativa Revisione 05/04/2011 Revisione gennaio 2015 Massa Carrara, 9/07/2009 Protocollo organizzativo Mammografia Screening

Dettagli

VALUTAZIONE PREOPERATORIA

VALUTAZIONE PREOPERATORIA VALUTAZIONE PREOPERATORIA Per sottoporre il paziente ad intervento di resezione polmonare è necessario un accurato studio fisiopatologico al fine di valutare: - il rischio di complicanze cardiorespiratorie

Dettagli

Diagnosi di laboratorio di abuso cronico da alcol

Diagnosi di laboratorio di abuso cronico da alcol Diagnosi di laboratorio di abuso cronico da alcol Torino, 10.11.2011 Dr. B.Sciutteri Dip. Dipendenze 1 ASL TO2 Individuazione di criteri oggettivi più sensibili e specifici per la diagnosi di abuso cronico

Dettagli

STUDIO NO PROFIT FINANZIATO DOMANDA DI PARERE AI COMITATI ETICI PER LA SPERIMENTAZIONE CLINICA

STUDIO NO PROFIT FINANZIATO DOMANDA DI PARERE AI COMITATI ETICI PER LA SPERIMENTAZIONE CLINICA SPERIMENTAZIONI OSSERVAZIONALI STUDIO NO PROFIT FINANZIATO DOMANDA DI PARERE AI COMITATI ETICI PER LA SPERIMENTAZIONE CLINICA A CURA DELLO SPERIMENTATORE RESPONSABILE E DEL DIRETTORE DELL UNITÀ OPERATIVA

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma SEBASTIANO FILETTI Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Università di Roma Sapienza, Roma La malattia tiroidea è in aumento negli ultimi anni. Quali le ragioni? Dati epidemiologici provenienti

Dettagli

Seconda Parte Specifica di scuola - Statistica sanitaria e Biometria - 31/07/2015

Seconda Parte Specifica di scuola - Statistica sanitaria e Biometria - 31/07/2015 Domande relative alla specializzazione in: Statistica sanitaria e Biometria Domanda #1 (codice domanda: n.641) : In epidemiologia, una variabile di confondimento è una variabile: A: associata sia alla

Dettagli

DIAGNOSTICA PER IMMAGINI

DIAGNOSTICA PER IMMAGINI APPROPIATEZZA DIAGNOSTICO-TERAPEUTICA IN ONCOLOGIA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI Alessandro Del Maschio Dipartimento di Radiologia Università Vita-Salute IRCCS San Raffaele Milano 1. NEOPLASIE POLMONARI Prof.

Dettagli

PROGETTO DI ATTIVAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING DEI TUMORI DEL COLON-RETTO NELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

PROGETTO DI ATTIVAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING DEI TUMORI DEL COLON-RETTO NELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PROGETTO DI ATTIVAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING DEI TUMORI DEL COLON-RETTO NELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Dati epidemiologici In Emilia-Romagna i tumori del colon-retto costituiscono la seconda causa

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Elementi di Epidemiologia

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Elementi di Epidemiologia Università del Piemonte Orientale Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria Elementi di Epidemiologia Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria: Elementi di epidemiologia

Dettagli

STUDI EPIDEMIOLOGICI. Giuseppe Gorini ISPO, Firenze g.gorini@ispo.toscana.it

STUDI EPIDEMIOLOGICI. Giuseppe Gorini ISPO, Firenze g.gorini@ispo.toscana.it STUDI EPIDEMIOLOGICI Giuseppe Gorini ISPO, Firenze g.gorini@ispo.toscana.it EPIDEMIOLOGIA DESCRITTIVA Studi sulla distribuzione di malattie nella popolazione in esame Tempo, luogo, persone affette da malattie

Dettagli

Prof. Pietro Sartorelli Medicina del Lavoro - Dipartimento di Scienze Mediche Chirurgiche e Neuroscienze Università degli Studi di Siena

Prof. Pietro Sartorelli Medicina del Lavoro - Dipartimento di Scienze Mediche Chirurgiche e Neuroscienze Università degli Studi di Siena INDICATORI BIOLOGICI DI PREGRESSA ESPOSIZIONE AD ASBESTO Prof. Pietro Sartorelli Medicina del Lavoro - Dipartimento di Scienze Mediche Chirurgiche e Neuroscienze Università degli Studi di Siena Le indagini

Dettagli

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1

Potenza dello studio e dimensione campionaria. Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Potenza dello studio e dimensione campionaria Laurea in Medicina e Chirurgia - Statistica medica 1 Introduzione Nella pianificazione di uno studio clinico randomizzato è fondamentale determinare in modo

Dettagli

I.P. Via A. Torlonia, 15-00161 ROMA - Tel. 06 4425971 - Fax 06 4425932 www.lilt.it - E.mail: sede.centrale@lilt.it. Tumore del polmone

I.P. Via A. Torlonia, 15-00161 ROMA - Tel. 06 4425971 - Fax 06 4425932 www.lilt.it - E.mail: sede.centrale@lilt.it. Tumore del polmone I.P. Via A. Torlonia, 15-00161 ROMA - Tel. 06 4425971 - Fax 06 4425932 www.lilt.it - E.mail: sede.centrale@lilt.it Tumore del polmone TUMORE DEL POLMONE Cos è il tumore del polmone? Dopo il tumore della

Dettagli

8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova

8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova 8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova I programmi di screening per la prevenzione dei tumori della mammella, del colon retto e della cervice uterina

Dettagli

Un test di espressione genica per predire l aggressività del carcinoma prostatico. Il test Prolaris può orientare le decisioni mediche e chirurgiche

Un test di espressione genica per predire l aggressività del carcinoma prostatico. Il test Prolaris può orientare le decisioni mediche e chirurgiche Un test di espressione genica per predire l aggressività del carcinoma prostatico Il test Prolaris può orientare le decisioni mediche e chirurgiche Che cos è Prolaris? Una misura molecolare diretta della

Dettagli

N u o v o P r o g r a m m a d i S c r e e n i n g 2 0 1 4 - S e n o l o g i a D i a g n o s t i c a -

N u o v o P r o g r a m m a d i S c r e e n i n g 2 0 1 4 - S e n o l o g i a D i a g n o s t i c a - N u o v o P r o g r a m m a d i S c r e e n i n g 2 0 1 4 - S e n o l o g i a D i a g n o s t i c a - Di seguito si intende riportare, in sequenza non ordinata, i vari elementi che incidono sul primo approccio

Dettagli