CIRCUITI INTEGRATI ESEMPI: INTEL

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CIRCUITI INTEGRATI ESEMPI: INTEL"

Transcript

1 CIRCUITI INTEGRATI Costruzione di circuiti (logici e non) su un substrato di silicio. Non solo la parte attiva, ma anche le connessioni tra le porte. Incredibile miglioramento nelle prestazioni, nell affidabilità e nel costo dei circuiti. Costruzione dei circuiti integrati Il circuito è trasportato su maschere fotografiche: molti chip uguali insieme (wafer). Il circuito è, in molti passi, costruito aggiungendo e togliendo materiale in maniera selettiva. Ciascun circuito è staccato dagli altri e provato. Tecnologia oggi Commerciale: dimensioni: bit per chip (memorie) um. 1 ESEMPI: INTEL CHIP DATA MHZ NUMERO DI MEMORIA TRANSISTOR / , / , KB / , KB / ,000 1 MB / ,000 1 MB / , MB / ,000 4 GB / M 4 GB Pentium 3/ M 4 GB Pentium 3/ M 4 GB Pro Pentium II 5/ M 4 GB um. 2

2 Fattori che limitano i miglioramenti della densità. Litografia il problema è il costo, non la fattibilità: i dettagli non possono essere molto più piccoli della lunghezza d onda della luce usata 0.19 micron è il limite inferiore se si usa luce si può arrivare a dimensioni inferiori usando i raggi x: difficili da mettere a fuoco; costosi. Leggi fondamentali della fisica Ci deve essere un numero sufficiente di elettroni perché un circuito possa funzionare; questo limite è stimato tra 0.1 micron e 0.05 micron. Energia elettrica Fornire energia e rimuovere calore; ma maggiore è l integrazione minore è il voltaggio e la dissipazione: forse questo non sarà un problema. um. 3 Lo porte non sono prodotte o vendute individualmente, ma in unità chiamate circuiti integrati, IC (Integrated Circuit) o chip. I chip hanno un ritardo di porta (gate delay) finito che dipende dal tipo di tecnologia. Comprende sia il tempo di propagazione del segnale nel chip sia il tempo di commutazione (switching), lo stato dell arte commerciale è un ritardo intorno al nano secondo (10-9 ). um. 4

3 CLASSIFICAZIONE SSI (Small Scale Integration) Integrati con complessità inferiore alla decina di porte elementari: non più usati. MSI (Medium Scale Integration) Integrati con complessità compresa tra 10 e 100 porte elementari: usati solo in prodotti a bassissima integrazione e costo. LSI (Large Scale Integration) Integrati con complessità compresa tra 100 e porte elementari: usati in prodotti molto semplici. VLSI (very Large Scale Integration) Integrati con complessità maggiore di porte elementari: gran parte dei componenti di un calcolatore moderno. um. 5 PACKAGE I circuiti integrati sono montati in contenitori (package ) rettangolari di plastica o di ceramica. I package con due file di piedini all esterno sono chiamati in gergo tecnico DIP (Dual Inline Packages). I componenti con molte porte devono contenere circuiti complessi con il minimo numero di connessioni esterne. Il package solitamente ha una tacca vicino al pin 1 per indicare l orientamento. um. 6

4 Package a 787 piedini di SPARC (Sun) um. 7 CIRCUITI COMBINATORI Saranno usati come blocchi per costruire un calcolatore vero e proprio. Sono disponibili commercialmente. Un circuito dove il valore dei segnali di uscita della rete al tempo t dipendono solo dal valore dei segnali d ingresso al tempo (t d) dove d è il ritardo della rete: è chiamato circuito combinatorio, non ha memoria! um. 8

5 È un circuito con 2 n dati di input, un dato di output e n input di controllo che selezionano uno dei dati di input. L input selezionato è inviato all output. In figura ci sono 8 input e 3 linee di controllo A, B e C. DEMULTIPLEXER Invia il segnale di input ad uno di 2 n output, a seconda dei valori delle n linee di controllo. MULTIPLEXER um. 9 Prende un numero di n bit come input e lo usa per selezionare (a 1) una delle 2 n linee di output. In figura ci sono 3 input A, B e C, una delle 8 linee di output (D 0.. D 7 ) è a 1, il resto è a 0. DECODER um. 10

6 Paragona due parole d input. In figura ci sono 2 input A e B, ognuno di 4 bit e produce 1 se gli input sono uguali e 0 se non sono uguali. COMPARATORI um. 11 CIRCUITI ARITMETICI Shifter In figura ci sono 8 bit di input (D 0.. D 7 ). L output, che è l input spostato di 1 bit, è disponibile su (S 0.. S 7 ). La linea di controllo C determina la direzione dello spostamento 0 verso sinistra e 1 verso destra. um. 12

7 SOMMATORI Mezzo Sommatore (Half Adder) Adatto al calcolo dei bit meno significativi della somma di due word a più bit, non funziona per un bit che si trova in mezzo alla word. um. 13 Sommatore completo (Full Adder) È composto da due mezzi sommatori che generano sia la somma sia i bit di riporto. Sommatore con riporto in serie (Ripple Carry Adder) Per due word di 8 bit, si replica il circuito 8 volte. Il carry out di un bit si usa come carry in del suo vicino di sinistra. Il carry in del bit più a destra è collegato a 0. Problema L addizione non si può completare finché il carry non si è propagato da destra verso sinistra. um. 14

8 ALU da 1 bit (bit slice) Calcola: a AND b a OR b b a + b um. 15 ALU da 8 bit Composta da 8 ALU da 1 bit. Il segnale INC incrementa il risultato, in altre parole aggiunge 1. um. 16

9 CLOCK Segnale periodico che permette la sincronizzazione. Frequenza: numero di volte che il segnale torna allo stesso valore, misurata in Hz (Hertz) Periodo o tempo di ciclo: tempo tra due ritorni del segnale allo stesso valore, si misura in secondi. Inverso della frequenza: T = 1/F, F = 1/T I clock sono simmetrici: il tempo passato in uno stato alto è uguale al tempo passato in uno stato basso. A cosa serve? A far avanzare i circuiti logici alternando momenti di calcolo a momenti di memorizzazione del risultato. In un elaboratore possono accadere molte cose durante un singolo ciclo di clock: se questi eventi devono accadere in ordine specifico il ciclo di clock deve essere diviso in sotto cicli. um. 17 È possibile connettersi alla linea del clock principale e inserire un circuito contenente un ritardo conosciuto. Clock spostato di fase. Esempio Fronte di salita di C1 Fronte di discesa di C1 Fronte di salita di C2 Fronte di discesa di C2 Si associano eventi diversi ai vari fronti. um. 18

10 MEMORIA Le porte logiche da sole possono solo calcolare funzioni logiche, ma non possono memorizzare i risultati. Per memorizzare i risultati (in assenza dei valori d ingresso che li hanno generati) bisogna che ci sia un qualche meccanismo di mantenimento dell informazione. I circuiti la cui uscita dipende anche da valori di uscita precedenti si chiamano sequenziali e contengono elementi di memoria. Questi circuiti hanno una parte combinatoria e una parte di memoria. Gran parte dei circuiti in un calcolatore sono circuiti sequenziali. um. 19 LATCH SR (a) Latch NOR (2 porte) nello stato 0 e nello stato 1. Gli output del latch non sono determinati solo dagli input del momento. Due input: S (Setting) per fissare il latch e R (Resetting) per azzerarlo. Due output: Q e Q. um. 20

11 LATCH SR SINCRONIZZATO A volte conviene impedire al latch di cambiare stato tranne in certi momenti specifici. È stato aggiunto un input: il clock che solitamente è sempre 0. um. 21 LATCH DI TIPO D SINCRONIZZATO Per impedire la situazione dei latch di tipo SR (S=R=1), si è progettato un circuito latch con un solo input D. um. 22

12 FLIP-FLOP Nei flip-flop la transizione di stato non accade se il clock è 1, ma durante la transizione da 0 a 1 (fronte di salita) oppure da 1 a 0 (fronte di discesa). Un flip-flop è azionato dal fronte (edge triggered), mentre un latch è azionato dal livello (level triggered). FLIP-FLOP D um parole di 3 bit 8 linee d input 3 dati I 0 I 1 I 2 2 indirizzo A 0 A 1 3 controllo CS Chip Select (1) RD Read (1) Write (0) OE Output Enable MEMORIA 4 X 3 3 linee di output D 0 D 1 D 2 um. 24

13 Chip per implementare memorie um. 25 STRUTTURA DI UNA DRAM Vantaggi e svantaggi: Contro: Ritardo di accesso; Accesso a due passi (R e C); demux rinfresco. Pro: Pochi pin; address Effetto cache. storage matrix e.g. 64 X 64 full row readout mux/demux single bit I/O um. 26

14 TIPI DI RAM E ROM Ogni bit di una DRAM deve essere rinfrescato. Tipo Categoria Modalità di Cancellazione Volatile Usi tipici cancella zione byte SRAM Read/write Elettrica Sì Si Livello 2 di cache DRAM Read/write Elettrica Sì Si Memoria principale ROM Read-only No No No Grandi volumi PROM Read-only No No No Piccoli volumi EPROM Readmostly Luce No No Prototipaggio ultravioletta EEPROM Readmostly Elettrica Sì No Prototipaggio Flash Read/write Elettrica No No Film per macchine fotografiche digitali um. 27 TENDENZE TECNOLOGICHE Capacità Velocità (latenza) Logica: 2x in 3 anni 2x in 3 anni DRAM: 4x in 3 anni 2x in 10 anni Dischi: 4x in 3 anni 2x in 10 anni DRAM Anno Size Cycle Time KB 240 ns KB 210 ns :1! 1 MB 170 ns MB 120 ns. 2:1! MB 60 ns um. 28

15 PROBLEMA REALE? Differenza di prestazioni tra processore e DRAM (latenza) Prestazioni µproc CPU 60%/anno. Legge di Moore (2X/1.5 anni) Processore-memoria Performance Gap: (cresce 50%/anno) DRAM Anno DRAM 9%/anno. (2X/10 anni) um. 29 SISTEMA DI MEMORIA GERARCHIZZATO Velocità: molto veloce Dimensioni: molto piccola Costo: molto costosa Livelli alti Meno veloce Molto grande Poco costosa Livelli bassi Processor e Datapath Control Registers On-Chip Cache Second Level Cache (SRAM) Main memoria (DRAM) Secondary Storage (Disk) Tertiary Storage (Disk) velocità (ns): Dimenzioni (10 ms) (bytes): 100 K M G (10 sec) T um. 30

16 TECNOLOGIA Accesso casuale: tempo di accesso quasi uguale a tutte le locazioni. DRAM Alta densità, poco costosa, densa, lenta. Deve essere rinfrescata periodicamente. SRAM Bassa densità, alta potenza, costosa, veloce. Il contenuto non deve essere rinfrescato. Accesso quasi casuale: il tempo di accesso varia da locazione a locazione esempi: Dischi, CD-ROM Accesso sequenziale: il tempo di accesso dipende dalla posizione (nastri). um. 31 ORGANIZZAZIONE DELLE DRAM bit (data) lines r o w d e c o d e r RAM Cell Array Each intersection represents a 1-T DRAM Cell word (row) select row address Column Selector & I/O Circuits data Column Address L indirizzo di colonna e riga insieme selezionano un bit um. 32

17 SISTEMI DI MEMORIA indirizzo n Controllore n/2 DRAM 2^n x 1 chip w AL BUS T accesso = T cycle + T controller + T driver um. 33 STRUTTURE DI MEMORIA Semplice: CPU, cache, bus hanno la stessa larghezza (32 bit) Larga: CPU/cache, una word Cache/memoria N word ad esempio: 64 bit & 256 bit Interleaved: CPU, cache, bus una word: memoria N Moduli (ad esempio 4 moduli e l accesso è possibile in parallelo a ciascuno dei moduli) Indirizzi sequenziali vanno a memorie diverse! um. 34

18 INTERLEAVING Senza interleaving: CPU memoria D1 available Start Access for D1 Start Access for D2 Con 4-way Interleaving: CPU Accesso Ban k 0 Accesso Ban k 1 Accesso Ban k 2 Accesso Ban k 3 Si può acced ere di nuovo a 0 memoria Bank 0 memoria Bank 1 memoria Bank 2 memoria Bank 3 um. 35 CYCLE TIME VS. ACCESS TIME Cycle Time Access Time Time Il tempo di accesso e quello di ciclo non coincidono necessariamente. um. 36

19 IL NUMERO DI DRAM /SISTEMA DIMINUISCE NEL TEMPO Minimum PC memoria Size 4 MB 8 MB 16 MB 32 MB 64 MB 128 MB 256 MB DRAM Ge neration MB 4 MB 16 MB 64 MB 256 MB 1 GB um. 37 DRAM: SITUAZIONE ECONOMICA DRAM sono commodities Grande volume, basso profitto, progetto conservativo. Poche innovazioni rispetto ai processori (in 20 anni: page mode, EDO, SDRAM, ) Sempre meno DRAM per sistema Crescita bit/chip DRAM : 50%-60%/anno Crescita delle dimensioni del software (33%/anno per NT) um. 38

20 CPU L unità di controllo: legge le istruzioni dalla memoria centrale e ne determina il tipo, genera i segnali di controllo. L unità aritmetico logica: esegue le operazioni aritmetiche e logiche necessarie per l esecuzione delle istruzioni. I registri: elementi di memoria interni alla CPU usati per dati e risultati temporanei e informazioni di controllo. Il valore massimo memorizzabile è determinato dalle dimensioni del registro. R/W su registro sono molto veloci. Esistono registri di uso generico e registri specifici. um. 39 Tutte le CPU moderne sono raccolte in un unico chip. Ogni chip di CPU è dotato di un insieme di piedini (piedinatura), attraverso i quali deve avvenire tutta la comunicazione fra il chip e il mondo esterno: insieme di fili paralleli chiamati bus. Ossia mandando segnali sui piedini o ricevendo segnali dai piedini. Ciascun gruppo di piedini è preposto a specifiche funzioni. um. 40

21 La piedinatura Consta di sette gruppi di piedini, a seconda delle loro funzioni. 1. Indirizzamento (32, 64): prestazioni! 2. Trasferimento dati (16, 32, 64): prestazioni! 3. Abilitazione. 4. Controllo: bus, arbitraggio, interrupt, coprocessore, varie. 5. Alimentazione (3,3 V 5 V). 6. Massa. 7. Clock. um. 41 I piedini di abilitazione trasmettono alla CPU i segnali che ne permettono il funzionamento. I piedini d indirizzamento sono collegati agli analoghi piedini della memoria; la CPU trasmette su di essi l indirizzo della parola che intende leggere o scrivere. Tale comando è trasmesso dalla CPU alla memoria attraverso i piedini di controllo. I dati sono ricevuti o inviati attraverso i piedini per il trasferimento dati. um. 42

22 La piedinatura di controllo Controllo del bus: per controllare il resto del sistema (esempio, richieste di lettura/scrittura). Arbitraggio del bus: per regolare il traffico sul bus (esempio, impedirne uso da parte di due dispositivi). Interrupt: per gestire dispositivi di I/O (esempio, una stampante comunica di aver terminato una stampa). Coprocessore: per gestire coprocessori (esempio, coprocessori matematici, grafici, di I/O, ). Vari segnali: esempio, stato della CPU, inizializzazione, compatibilita con certi I/O, um. 43 um. 44

23 BUS È un insieme di linee elettriche, ciascuna delle quali collega un piedino di un gruppo di dispositivi. Se ogni dispositivo ha 50 piedini, un bus che li collega è un insieme di 50 linee. La linea uno collega i piedini numero uno di tutti i dispositivi, la linea due collega i piedini numero due, e così via fino alla linea 50. Su una linea non può viaggiare più di un segnale! I bus si possono dividere in due categorie. Interno alla CPU, trasporta dati verso e dalla ALU. Esterno: bus tra CPU e memoria, bus per i dispositivi di I/O. Per permettere a schede fornite da terzi di attaccarsi al bus di sistema, ci devono essere delle regole ben precise cui devono attenersi tutti dispositivi che vi sono collegati: protocollo del bus. Inoltre, si deve disporre di specifiche meccaniche ed elettriche. um. 45 PC/XT (8086, 8088), ISA (80286 PC/AT), EISA (80386), Microchannel (PS/2), PCI, SCSI, Nubus (Macintosh), USB, Per mandare un segnale su una linea del bus, un dispositivo mette un voltaggio alto su quella linea, il segnale si trasmette sulla linea e può essere ricevuto da tutti gli altri dispositivi collegati al bus: in termini logici, esso è uno. Un protocollo del bus regola la trasmissione/ricezione. um. 46

24 Master e Slave Se un dispositivo è capace d iniziare un trasferimento dati, si chiama master, altrimenti si chiama slave. Quindi uno slave opera solo su comando di un master. Alcuni dispositivi sono sia master che slave. MASTER SLAVE ESEMPIO CPU Memoria Fetch d istruzioni e dati CPU Dispositivo di I/O Inizio di un operazione di I/O CPU Coprocessore CPU dà istruzioni al coprocess. I/O Memoria DMA (Direct Memory Access) Coprocessore CPU Copr. legge operandi dalla CPU um. 47 I segnali generati dai dispositivi non sono abbastanza forti per pilotare il bus: perché è lungo o ci sono molti dispositivi. Allora specifici chip sono posti tra un dispositivo e un bus per migliorare le prestazioni (amplificando o captando segnali). Bus driver: per dispositivi master. Bus receiver: per dispositivi slave. Bus transceiver: per dispositivi sia master che slave. Driver e transceiver garantiscono che un segnale sia spedito su una linea solo se non ne era presente un altro. um. 48

25 Scaricamento del bus Quando un segnale ha attraversato una linea di un bus, la linea deve essere liberata dal segnale, mediante un resistore, che provoca una resistenza sulla linea. Problema: come calcolare la resistenza giusta? Si calcola approssimativamente perché parte non quantificabile del segnale è assorbita dalle connessioni alla linea. Resistenza eccessiva: il segnale non si stabilizza su tutta la linea. Resistenza insufficiente: permane un segnale di rimbalzo sulla linea. Diminuire la frequenza di trasmissione, ossia il numero di segnali trasmessi nell unità di tempo. Se un segnale si stabilizza sulla linea in tempo x, si attende tempo, per esempio, 5x affinché il segnale di rimbalzo decada naturalmente; quindi si potrà trasmettere un nuovo segnale. Ovviamente diminuiscono le prestazioni ma anche i costi! um. 49 Larghezza del bus Il numero di linee di un bus è detto larghezza del bus, ed è direttamente proporzionale alle prestazioni. Per esempio, se n linee sono dedicate all indirizzamento, si possono indirizzare 2 n locazioni di memoria. Ovviamente, la larghezza è anche direttamente proporzionale ai costi: compromesso! Due modi per aumentare la larghezza di banda dei dati di un bus. Diminuire la durata del ciclo di bus (più trasferimenti/sec): difficile perché i segnali di linee diverse si muovono a velocità diverse (bus skew) ed incompatibilità con i modelli precedenti. Aumentare la larghezza del bus di dati (più bit/trasferimento): approccio più diffuso. Il multiplexed bus prevede l utilizzo interlacciato delle medesime linee sia per l indirizzamento che per il trasferimento dei dati, si risparmia fili e complessità di cablaggio, ma si perde tempo, il circuito è più complicato e si riducono prestazioni e costi. um. 50

26 Dimensioni d indirizzi e dati in rapporto alle prestazioni e al costo = 1 MB 2 24 = 16 MB 2 32 = 4 GB um. 51 Sincronismo dei bus I bus si possono dividere in due categorie. 1. Un bus sincrono ha una linea pilotata da un oscillatore. Il segnale su questa linea è un onda quadra (5 100 MHz): è il clock del bus. Quindi un ciclo di clock del bus, ciclo del bus, ha lunghezza fissata. Inoltre, tutti i dispositivi devono utilizzare il bus per un numero intero di cicli del bus. 2. Il bus asincrono non è dotato di un clock principale. I cicli del bus possono essere della lunghezza necessaria e non devono essere uguali per tutti i dispositivi. um. 52

27 Bus sincrono Vantaggi Semplice utilizzo grazie alla discretizzazione indotta dai cicli di clock, tutto funziona in multipli del clock del bus. Svantaggi Difficile sfruttare al 100% le prestazioni di tutti i dispositivi. Difficile avvantaggiarsi di piccoli miglioramenti prestazionali dei dispositivi che lo utilizzano. Prestazioni globali determinate da quelle del dispositivo più lento che lo utilizza. Esistono per lo più bus sincroni: sono più facili da costruire. um. 53 ESEMPIO di bus sincrono Clock: 40 MHz. Ciclo del bus: 25 nsec. La lettura dalla memoria richiede 40 nsec dal momento in cui l indirizzo è stabile: 3 cicli di bus per leggere una parola. Segnale attivo quando basso. um. 54

28 Bus asincrono Vantaggi Semplicità strutturale: non esiste clock del bus. Ottime prestazioni globali: massimo sfruttamento delle prestazioni di ciascun dispositivo afferente. Svantaggi Difficoltà implementativa: driver e receiver dei dispositivi devono gestire MSYN (Master SYNchronization) e SSYN (Slave SYNchronization). Realizzazione globalmente più complicata dei bus sincroni. um. 55 ESEMPIO di bus asincrono um. 56

29 Arbitraggio dei bus Ovviamente, un solo dispositivo può utilizzare il bus ad un dato istante! E se più dispositivi lo richiedono ad uno stesso istante? Arbitraggio centralizzato: dais y chaining Un dispositivo chiamato arbitro del bus è preposto alla gestione del bus, concedendo accesso al bus ad un solo dispositivo per volta. La linea di richiesta è wired-or: trasporta un segnale alto se e solo se qualche dispositivo richiede il bus. Se c è una richiesta, l arbitro emette segnale alto sulla linea di assegnamento (grant). Se c è un assegnamento, il primo dispositivo prende controllo del bus qualora avesse fatto richiesta; quindi blocca il segnale di assegnamento, altrimenti lo trasmette sulla linea; il secondo dispositivo Dispositivi fisicamente più vicini all arbitro hanno priorità. um. 57 Arbitraggio centralizzato: dais y chaining con livelli di priorità Esiste una linea di richiesta e una di assegnamento per ciascun livello di priorità. Richiesta/assegnamento per ogni livello funzionano come daisy chaining. Se ci sono richieste a più livelli di priorità, l arbitro invia un assegnamento sulla linea con priorità massima. I livelli tentano di superare i limiti della disposizione fisica. um. 58

30 um. 59 Arbitraggio distribuito Non esiste arbitro del bus; i vari dispositivi regolano da soli l accesso esclusivo al bus. Se un dispositivo desidera il bus, manda una richiesta. Se non c è un segnale sulla linea d impegno (busy), ma c è sulla linea di assegnamento, il dispositivo prende il controllo del bus; quindi blocca assegnamento e richiesta, e manda impegno. Se c è un segnale d impegno e uno di assegnamento, il dispositivo blocca comunque il segnale di assegnamento. La linea di richiesta non è indispensabile: informa i vari dispositivi di richieste in attesa. um. 60

31 Trasferimento di blocchi Quando s inizia la lettura di un blocco il master indica allo slave quanto parole vanno trasferite. Il master setta un segnale BLOCK sull apposita linea. Invece di ritornare una parola, lo slave invia una parola durante ogni ciclo finché il numero si è esaurito. Pratica comune in caso di lettura dalla cache: si legge tutta la linea, per esempio 16 parole di 32 bit.. Bus per multiprocessori Più CPU potrebbero richiedere il bus contemporaneamente, per esempio per accedere alla memoria. Per fare questo, la memoria potrebbe avere una variabile: 0 se nessuno sta accedendo alla memoria, 1 altrimenti. Prima di accedere alla memoria, una CPU dovrebbe metterla a 1. E se due CPU lo fanno contemporaneamente? Esiste il ciclo read-modify-write che permette a una CPU di leggere una parola, modificarla e riscriverla senza mai rilasciare il bus. um. 61 Un altro tipo importante di ciclo di bus serve a gestire gli Interrupt Quando un dispositivo di I/O termina, invia un interrupt alla CPU. Ogni interrupt richiede il bus, e potrebbero esserci più interrupt contemporaneamente: stesso problema di arbitraggio! Soluzione più comune: si assegna una priorità ai vari interrupt, e si usa un apposito arbitro centralizzato per sequenzializzarli. Un diffuso arbitro per interrupt è il chip INTEL PPI (Programmable Interrupt Controller) 8259A. um. 62

32 INTEL PPI 8259A Accetta interrupt da al più otto controllori di I/O. Se ci sono interrupt, invia un segnale su INT alla CPU. Se la CPU può gestire un interrupt, manda un segnale su INTA. Sceglie un interrupt e invia alla CPU sulla linea dati l identificativo del corrispondente dispositivo di I/O. Mediante l identificativo, la CPU trova sul vettore d interrupt l indirizzo della procedura per gestire quel dispositivo. um. 63 CHIP DI I/O UART (Universal Asynchronous Receiver Transmitter) È un chip che legge un byte dal bus dei dati e lo invia su una linea seriale un bit per volta, oppure leggere dati dalla linea seriale. USART (U Synchronous ART) Gestisce trasmissioni sincrone e asincrone. PPI (Programmable Peripheral Interface) linee di I/O: tre porte chiamate A, B e C. Programmato in due gruppi (A e B) da dodici linee, in tre modi operativi (modo 0, 1 e 2). A bordo del PC: 60H Port A 61H Port B 62H Port C 63H Control word um. 64

33 Esempio d interconnessione tra bus (CPU) e periferica (PPI 8255A). um. 65

34 UBERTINI MASSIMO Dip. Informatica Industriale I.T.I.S. "Giacomo Fauser" Via Ricci, Novara Italy tel fax

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit)

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) La C.P.U. è il dispositivo che esegue materialmente gli ALGORITMI.

Dettagli

Architetture CISC e RISC

Architetture CISC e RISC FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Architetture CISC e RISC 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide n.

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1 LATCH E FLIPFLOP. I latch ed i flipflop sono gli elementi fondamentali per la realizzazione di sistemi sequenziali. In entrambi i circuiti la temporizzazione è affidata ad un opportuno segnale di cadenza

Dettagli

Flops. Ad esempio nel caso del prodotto classico tra matrici, vengono eseguite 2*N 3 operazioni, quindi ad esempio:

Flops. Ad esempio nel caso del prodotto classico tra matrici, vengono eseguite 2*N 3 operazioni, quindi ad esempio: Flops FLOPS e' un'abbreviazione di Floating Point Operations Per Second e indica il numero di operazioni in virgola mobile eseguite in un secondo dalla CPU. (Top500 e il BlueGene) Ad esempio nel caso del

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

Serduino - SERRA CON ARDUINO

Serduino - SERRA CON ARDUINO Serduino - SERRA CON ARDUINO 1 Componenti Facchini Riccardo (responsabile parte hardware) Guglielmetti Andrea (responsabile parte software) Laurenti Lorenzo (progettazione hardware) Rigolli Andrea (reparto

Dettagli

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense Linguaggio del calcolatore Circuiti e reti combinatorie ppendice + dispense Solo assenza o presenza di tensione: o Tante componenti interconnesse che si basano su e nche per esprimere concetti complessi

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI 29 giugno 2010

CALCOLATORI ELETTRONICI 29 giugno 2010 CALCOLATORI ELETTRONICI 29 giugno 2010 NOME: COGNOME: MATR: Scrivere chiaramente in caratteri maiuscoli a stampa 1. Si disegni lo schema di un flip-flop master-slave S-R sensibile ai fronti di salita e

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

GENERALITA SUI CONVERTITORI DAC E ADC CONVERTITORI DIGITALE-ANALOGICO DAC

GENERALITA SUI CONVERTITORI DAC E ADC CONVERTITORI DIGITALE-ANALOGICO DAC I.T.I. Modesto PANETTI A R I ia Re David, 86-8-54.54. - 75 ARI Fax 8-54.64.3 Internet http://www.itispanetti.it email : ATF5C@istruzione.it Tesina sviluppata dall alunno Antonio Gonnella della classe 5

Dettagli

Fondamenti di Informatica 300 ed oltre esercizi di teoria

Fondamenti di Informatica 300 ed oltre esercizi di teoria Fondamenti di Informatica 300 ed oltre esercizi di teoria Fulvio Corno Antonio Lioy Politecnico di Torino Dip. di Automatica e Informatica v. 4.02 01/09/2009 Indice 1 Introduzione 2 1.1 Nota metodologica........................................

Dettagli

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame.

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. 1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. (a) Da quanti bit è costituito l indirizzo logico? (b) Da quanti bit

Dettagli

Informatica. PARSeC Research Group

Informatica. PARSeC Research Group Informatica Ing. Mauro Iacono Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Studi Politici e per l Alta Formazione Europea e Mediterranea Jean Monnet PARSeC Research Group Introduzione: L informatica

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Introduzione alle pipeline e all'architettura RISC

Introduzione alle pipeline e all'architettura RISC Introduzione alle pipeline e all'architettura RISC Introduzione Pipeline Processori RISC Salti Appendice A: Storia Bibliografia Versione con i frame Versione in pdf Architettura del processore Una possibile

Dettagli

Altri cifrari a blocchi

Altri cifrari a blocchi Altri cifrari a blocchi Barbara Masucci Dipartimento di Informatica ed Applicazioni Università di Salerno masucci@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/masucci RC2 [1989] IDEA (International

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

Lezione 1. 1 All inizio di ogni capitolo vengono indicati gli obiettivi della lezione sotto forma di domande la cui risposta è lo scopo

Lezione 1. 1 All inizio di ogni capitolo vengono indicati gli obiettivi della lezione sotto forma di domande la cui risposta è lo scopo Lezione 1 Obiettivi della lezione: 1 Cos è un calcolatore? Cosa c è dentro un calcolatore? Come funziona un calcolatore? Quanti tipi di calcolatori esistono? Il calcolatore nella accezione più generale

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 Introduzione SmartCard: Carta intelligente Evoluzione della carta magnetica Simile a piccolo computer : contiene memoria (a contatti elettrici)

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI 15 aprile 2014

CALCOLATORI ELETTRONICI 15 aprile 2014 CALCOLATORI ELETTRONICI 15 aprile 2014 NOME: COGNOME: MATR: Scrivere nome, cognome e matricola chiaramente in caratteri maiuscoli a stampa 1 Di seguito è riportato lo schema di una ALU a 32 bit in grado

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Esercizi per il recupero del debito formativo:

Esercizi per il recupero del debito formativo: ANNO SCOLASTICO 2005/2006 CLASSE 3 ISC Esercizi per il recupero del debito formativo: Disegnare il diagramma e scrivere la matrice delle transizioni di stato degli automi a stati finiti che rappresentano

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica Algoritmi e Strutture Dati Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Copyright 2006-2015 by Claudio Salati. Lez. 9a 1 Rappresentazione

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico ESAME DI STATO PER ISTITUTI PROFESSIONALI Corso di Ordinamento Indirizzo: Tecnico delle industrie elettroniche Tema di: Elettronica, telecomunicazioni ed applicazioni Gaetano D Antona Il tema proposto

Dettagli

Corso di Informatica Industriale

Corso di Informatica Industriale Corso di Informatica Industriale Prof. Giorgio Buttazzo Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Pavia E-mail: buttazzo@unipv.it Informazioni varie Telefono: 0382-505.755 Email: Dispense:

Dettagli

ECDL - Modulo 1 - Concetti base delle tecnologie ICT

ECDL - Modulo 1 - Concetti base delle tecnologie ICT ECDL - Modulo 1 - Concetti base delle tecnologie ICT Roberto Albiero 1. Concetti generali 1.1 Hardware, Software, Tecnologia dell Informazione Chi avrebbe pensato, solo quindici anni fa, alla possibilità

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

PD32. Esercitazione sull interfacciamento con un dispositivo di IO

PD32. Esercitazione sull interfacciamento con un dispositivo di IO PD32 Esercitazione sull interfacciamento con un dispositivo di IO Domanda #5 14/09/2000 Si dispone di un PD32 per effettuare il collaudo di un circuito integrato combinatorio con 5 ingressi e una uscita,

Dettagli

Guida alle FM 35x. Siemens S.p.A. I IA AS PLC

Guida alle FM 35x. Siemens S.p.A. I IA AS PLC . Guida alle FM 35x. 1 ... 1 Guida alle FM 35x.... 1 Tipologie d Encoder... 4 Acquisizione degli encoder con S7-300 e S7-400.... 4 Conteggio e misura.... 6 Modalità di conteggio... 6 Posizionamento con

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Controllo industriale SE-609

Controllo industriale SE-609 Controllo industriale SE-609 Controllo e visualizzazione uniti come soluzione per l automazione con comandi mediante touch Controlli industriali all avanguardia per impianti per il trattamento termico

Dettagli

Controllori a Logica Programmabile. Cos è un PLC? Cenni storici. Cenni storici. Cenni storici. Definizione dallo Standard IEC 61131

Controllori a Logica Programmabile. Cos è un PLC? Cenni storici. Cenni storici. Cenni storici. Definizione dallo Standard IEC 61131 Controllori a Logica mabile Nella presente lezione vedremo le caratteristiche principali del controllore a logica programmabile (in inglese, mable Logic Controller, o PLC). In particolare, ci soffermeremo

Dettagli

Descrizioni VHDL Behavioral

Descrizioni VHDL Behavioral 1 Descrizioni VHDL Behavioral In questo capitolo vedremo come la struttura di un sistema digitale è descritto in VHDL utilizzando descrizioni di tipo comportamentale. Outline: process wait statements,

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Introduzione al VHDL. Alcuni concetti introduttivi

Introduzione al VHDL. Alcuni concetti introduttivi Introduzione al VHDL Alcuni concetti introduttivi Riferimenti The VHDL Cookbook, Peter J. Ashenden, Reperibile nel sito: http://vlsilab.polito.it/documents.html The VHDL Made Easy, David Pellerin, Douglas

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Introduzione agli oscilloscopi

Introduzione agli oscilloscopi o s c i l l o s c o p i Indice Introduzione...3 Integrità del segnale Significato dell integrità del segnale..................................4 Perché l integrità del segnale è un problema?...........................4

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Industry Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Dispositivi utilizzati: - 2 LOGO! 0BA7 (6ED1 052-1MD00-0AB7) - Scalance X-208 LOGO! 0BA7 Client IP: 192.168.0.1 LOGO! 0BA7 Server IP:

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Sistemi di numerazione posizionali Rappresentazione dei numeri Rappresentazione dei numeri nei calcolatori rappresentazioni finalizzate ad algoritmi efficienti per le operazioni

Dettagli

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori Gli array Array e puntatori Laboratorio di Informatica I un array è un insieme di elementi (valori) avente le seguenti caratteristiche: - un array è ordinato: agli elementi dell array è assegnato un ordine

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Esempi di algoritmi. Lezione III

Esempi di algoritmi. Lezione III Esempi di algoritmi Lezione III Scopo della lezione Implementare da zero algoritmi di media complessità. Verificare la correttezza di un algoritmo eseguendolo a mano. Imparare a valutare le prestazioni

Dettagli

OVI-SUITE E NAVIGAZ. WEB CON CELLULARE

OVI-SUITE E NAVIGAZ. WEB CON CELLULARE OVI-SUITE E NAVIGAZ. WEB CON CELLULARE 1) Ovviamente anche su quelle GPRS, inoltre il tuo modello supporta anche l'edge. Si tratta di un "aggiornamento" del GPRS, quindi è leggermente più veloce ma in

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI 31 marzo 2015

CALCOLATORI ELETTRONICI 31 marzo 2015 CALCOLATORI ELETTRONICI 31 marzo 2015 NOME: COGNOME: MATR: Scrivere nome, cognome e matricola chiaramente in caratteri maiuscoli a stampa 1. Tradurre in linguaggio assembly MIPS il seguente frammento di

Dettagli

ECDL Modulo 1 Concetti base dell ITC

ECDL Modulo 1 Concetti base dell ITC ECDL Modulo 1 Concetti base dell ITC Syllabus 5.0 Roberto Albiero Modulo 1 Concetti di base dell ICT Questo modulo permetterà al discente di comprendere i concetti fondamentali delle Tecnologie dell Informazione

Dettagli

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Algoritmi Algoritmi Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Il procedimento (chiamato algoritmo) è composto da passi elementari

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

Così come le macchine meccaniche trasformano

Così come le macchine meccaniche trasformano DENTRO LA SCATOLA Rubrica a cura di Fabio A. Schreiber Il Consiglio Scientifico della rivista ha pensato di attuare un iniziativa culturalmente utile presentando in ogni numero di Mondo Digitale un argomento

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Programmazione di un dispositivo 1to4INTGEN

Programmazione di un dispositivo 1to4INTGEN Programmazione di un dispositivo 1to4INTGEN Realizzazione di un sistema timesharing Materiale didattico a cura di: Prof. A. Mazzeo Ing. L. Romano Ing. L. Coppolino Ing. A. Cilardo Dipartimento di Informatica

Dettagli

Appunti di Sistemi Operativi. Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo

Appunti di Sistemi Operativi. Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo Appunti di Sistemi Operativi Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo Indice 1 Cenni su alcuni algoritmi del Kernel di Unix 1 1.1 Elementi di Unix Internals.................................

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Sede di Reggio Emilia

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Sede di Reggio Emilia Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Sede di Reggio Emilia Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccatronica a.a. 2008/2009 Corso di CALCOLATORI ELETTRONICI Capitolo

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

La Struttura dell'elaboratore

La Struttura dell'elaboratore La Struttura dell'elaboratore CHE COS' E' UN COMPUTER? Un computer è un apparecchio elettronico che, strutturalmente, non ha niente di diverso da un televisore, uno stereo, un telefono cellulare o una

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Perché se ho 4 GiB di RAM ne vedo di meno?

Perché se ho 4 GiB di RAM ne vedo di meno? Perché se ho 4 GiB di ne vedo di meno? di Matteo Italia (matteo@mitalia.net) Abstract In questo articolo mi propongo di spiegare perché utilizzando un sistema operativo a 32 bit su una macchina x86 con

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Cenni di Elettronica non Lineare

Cenni di Elettronica non Lineare 1 Cenni di Elettronica non Lineare RUOLO DELL ELETTRONICA NON LINEARE La differenza principale tra l elettronica lineare e quella non-lineare risiede nel tipo di informazione che viene elaborata. L elettronica

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Guida alle memorie Flash. Memorie Flash portatili per computer, fotocamere digitali, smartphone e altri dispositivi mobili

Guida alle memorie Flash. Memorie Flash portatili per computer, fotocamere digitali, smartphone e altri dispositivi mobili Memorie Flash portatili per computer, fotocamere digitali, smartphone e altri dispositivi mobili Kingston, l azienda indipendente produttrice di memorie leader nel mondo, offre un ampia gamma di schede

Dettagli

Uso Razionale dell energia nei centri di calcolo

Uso Razionale dell energia nei centri di calcolo RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Uso Razionale dell energia nei centri di calcolo M. Bramucci D. Di Santo D. Forni Report RdS/2010/221 USO RAZIONALE DELL ENERGIA NEI CENTRI DI CALCOLO M. Bramucci (Federazione

Dettagli

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Installazione Modem USB Momo Gestione segnale di rete Connessione Internet Messaggi di errore "Impossibile visualizzare la pagina" o "Pagina

Dettagli

Istruzioni per l uso Sartorius

Istruzioni per l uso Sartorius Istruzioni per l uso Sartorius Descrizione dell interfaccia per le bilance Entris, ED, GK e GW Indice Impiego previsto Indice.... 2 Impiego previsto.... 2 Funzionamento.... 2 Uscita dati.... 3 Formato

Dettagli

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Maurizio Palesi Maurizio Palesi 1 Introduzione Obiettivo della sintesi logica: ottimizzazione delle cifre di merito area e prestazioni Prestazioni:

Dettagli

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE V.00 AGOSTO 2012 CARATTERISTICHE TECNICHE Il modulo TRACER218 485 è un dispositivo con porta di comunicazione RS485 basata su protocollo MODBUS

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk by Gassi Vito info@gassielettronica.com Questa breve guida pratica ci consentirà installare Zeroshell su pen drive o schede

Dettagli

Manuale d Uso. Ref: 04061

Manuale d Uso. Ref: 04061 Manuale d Uso Ref: 04061 1 Grazie per aver acquistato il lettore digitale ENERGY SISTEM INNGENIO 2000. Questo manuale fornisce istruzioni operative dettagliate e spiegazioni delle funzioni per godere al

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli