CARATTERIZZAZIONE DI DUE ANTICORPI MONOCLONALI UMANI CROSS-NEUTRALIZZANTI DIRETTI CONTRO LA GLICOPROTEINA E2 DEL VIRUS DELL EPATITE C

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARATTERIZZAZIONE DI DUE ANTICORPI MONOCLONALI UMANI CROSS-NEUTRALIZZANTI DIRETTI CONTRO LA GLICOPROTEINA E2 DEL VIRUS DELL EPATITE C"

Transcript

1 UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Dottorato di Ricerca in Patologie Immunometaboliche, degenerative e infettive CARATTERIZZAZIONE DI DUE ANTICORPI MONOCLONALI UMANI CROSS-NEUTRALIZZANTI DIRETTI CONTRO LA GLICOPROTEINA E2 DEL VIRUS DELL EPATITE C Coordinatore: Prof. Pietro E. Varaldo Tutor: Prof.ssa Patrizia Bagnarelli Tesi di Dottorato di: ROBERTA ANTONIA DIOTTI Anno Accademico

2

3 Per la mia famiglia

4

5 CONSULTAZIONE TESI DI LAUREA La sottoscritta ROBERTA ANTONIA DIOTTI nata a TREVIGLIO (BG) il 11/10/1982 autore della tesi dal titolo CARATTERIZZAZIONE DI DUE ANTICORPI MONOCLONALI UMANI CROSS-NEUTRALIZZANTI DIRETTI CONTRO LA GLICOPROTEINA E2 DEL VIRUS DELL EPATITE C NON AUTORIZZA la consultazione della tesi stessa. Data... Firma

6

7 UNIVERSITA' POLITECNICA DELLE MARCHE Facoltà di Medicina e Chirurgia Dottorato di Ricerca in Patologie Immunometaboliche, degenerative e infettive Tesi di Laurea di: Roberta Antonia Diotti Coordinatore: Prof. Pietro E. Varaldo Tutor: Prof.ssa Patrizia Bagnarelli CARATTERIZZAZIONE DI DUE ANTICORPI MONOCLONALI UMANI CROSS-NEUTRALIZZANTI DIRETTI CONTRO LA GLICOPROTEINA E2 DEL VIRUS DELL EPATITE C Nell 80% dei casi di infezione, il virus dell epatite C (HCV) supera le difese dell ospite e stabilisce un infezione persistente, che espone il paziente al rischio di sviluppare cirrosi e epatocarcinoma. La terapia basata su ribavirina e interferone è costosa, poco efficace e gravata da effetti collaterali. Nonostante la grande variabilità genetica del virus, concentrata soprattutto a livello delle glicoproteine E1E2 dell envelope, sono state descritte alcune regioni di E2 conservate tra i diversi genotipi, suggerendo che la scarsa variabilità di tali regioni è necessaria per mantenere alcune funzioni cruciali della glicoproteina nel ciclo virale. Pertanto l identificazione e la caratterizzazione di anticorpi diretti contro queste porzioni conservate di E2 potrebbe fornire un contributo per lo sviluppo di una valida immunoterapia passiva e per la realizzazione di un vaccino efficace. In questa tesi sono stati caratterizzati due frammenti anticorpali monoclonali umani (Fab e20 e Fab e137) diretti contro la glicoproteina E2. e20 ed e137 sono stati clonati dal repertorio linfocitario di una paziente infetta in modo cronico da HCV genotipo 1b. Per selezionare dei cloni potenzialmente cross-reattivi, la library anticorpale ottenuta dalla paziente è stata screenata contro una glicoproteina E2 ricombinante derivata da un sottotipo diverso: 1a. Tramite studi di binding, e20 ed e137 sono risultati in grado di legare E2 di tutti i genotipi (tranne il genotipo 5 per il Fab e137). Esperimenti condotti con peptidi lineari, saggi di competizione con anticorpi diretti contro epitopi noti e la generazione di mutanti sito-specifici di E2 hanno dimostrato che e20 ed e137 sono diretti contro un epitopo conformazionale. In particolar modo, l epitopo del Fab e20

8 coinvolge i residui aminoacidici: W437, F442, W529, G530 e D535; mentre quello del Fab e137 coinvolge: T416, W420, W437, L438, L441, F442, W529, G530 e D535. I residui W529, G530, D535 risultano essere conservati fra i vari genotipi e coinvolti nel legame di E2 al CD81. Saggi di competizione fra il Fab e20 o il Fab e137 e CD81 confermano che i Fab sono diretti contro una regione di E2 importante per il legame del virus al recettore cellulare. Si è osservato che i Fab riconoscono dei residui contenuti della porzione della glicoproteina E2 che va dall aminoacido 436 al 447, regione descritta in letteratura come quella riconosciuta dagli anticorpi non neutralizzati in grado di interferire con l attività dei cloni neutralizzanti. I nostri dati sembrerebbero contrastare questa affermazione, infatti i Fab e20 ed e137 non solo sono in grado di riconoscere alcuni residui contenuti in questa regione, ma possiedono anche un attività neutralizzante rilevante. Inoltre il legame del Fab e137 viene abrogato anche da due mutazioni a livello dell epitopo riconosciuto dall anticorpo murino AP33, descritto in letteratura come il clone con un ampia cross-reattività ed un elevata attività neutralizzante. I Fab e20 ed e137 possiedono una potente attività cross-neutralizzante. Nel saggio di neutralizzazione con pseudovirus, e20 ed e137 neutralizzano i genotipi 1a, 2a e 4 (IC 50 intorno ai 7 µg/ml) e meno efficientemente i genotipi 1b e 2b. L attività neutralizzante è stata confermata in un saggio di neutralizzazione basato sull uso di un particolare isolato virale in grado di replicare in vitro (IC 50 intorno ai 2 µg/ml). Grazie agli studi di cinetica di neutralizzazione è emersa la capacità dei Fab e20 ed e137 di inibire l infettività virale agendo dopo il binding del virus alle cellule bersaglio; in particolare interferiscono con gli eventi immediatamente successivi al legame tra virus e recettori a bassa affinità. Analizzando questi dati, possiamo concludere che abbiamo identificato e caratterizzato due frammenti anticorpali con un ampia cross-reattività ed una potente attività cross-neutralizzante, in quanto sono in grado di legare dei residui aminoacidici sulla glicoproteina E2 che svolgono un ruolo chiave nel ciclo virale e che risultano essere conservati tra i vari genotipi. Per cui questi Fab risultano essere fondamentali per lo sviluppo di una immunoterapia passiva efficace e per lo studio dell interazione virusospite.

9 UNIVERSITA' POLITECNICA DELLE MARCHE Facoltà di Medicina e Chirurgia Dottorato di Ricerca in Patologie Immunometaboliche, degenerative e infettive Tesi di Dottorato di: Roberta Antonia Diotti Coordinatore: Prof. Pietro E. Varaldo Tutor: Prof.ssa Patrizia Bagnarelli CHARACTERIZATION OF TWO HUMAN MONOCLONAL ANTIBODIES CROSS-NEUTRALIZING DIRECTED AGAINST THE E2 ENVELOPE GLYCOPROTEIN OF HEPATITIS C VIRUS In approximately 80% of the cases of infection, hepatitis C virus (HCV) overcomes the host immune response, leading to a chronic infection associated with an increased risk of severe liver diseases. Current therapy (ribavirin and interferon) is expensive, can have adverse side effects and is ineffective for approximately 50% of patients. Despite the genetic variability of the virus at the level of E1E2 envelope glycoproteins, some regions conserved among different E2 genotypes have been described, suggesting that no variability at this level is required to maintain critical functions of the glycoprotein in the life cycle of the virus. Therefore, the identification and characterization of antibodies directed against these regions can theoretically provide a valuable contribution to the creation of an effective vaccine and to the development of passive immunotherapy. In this thesis, two human monoclonal antibody fragments (Fab e20 and Fab e137) directed against the HCV E2 glycoprotein, have been characterized. The antibodies were cloned from lymphocytes of a patient chronically infected with HCV genotype 1b. In order to select cross-reactive clones, the library obtained from the patient was screened against a recombinant glycoprotein E2 derived from a different subtype: 1a. In binding experiment, e20 and e137 are capable of binding E2 of all genotypes (e137 is not able to bind genotype 5). Several studies with linear peptides representing different portions of E2, competition assays with antibodies directed against known epitopes and the generation of site-specific mutants of E2 showed that e20 and e137 are directed against a conformational epitope. In particular, the epitope of Fab e20 includes the

10 amino acids: W437, F442, W529, G530 e D535; whereas the epitope of Fab e137 includes the amino acids: T416, W420, W437, L438, L441, F442, W529, G530 e D535. The residues W529, G530, D535 are conserved between different genotypes and involved in the binding of E2 to CD81. Additional tests of competition, between e20 or e137 and CD81, confirmed that the Fabs are directed against a region of E2 important for the binding of virus to cellular receptor. Fab e20 and e137 are able to recognize amino acids within the region , that is described to bind unneutralizing antibodies, that interfere with the neutralizing antibodies. Furthermore, the data highlight that the epitope of e137 includes two conserved residues (aa 416 and 420) that were described to be within the epitope recognized by mouse monoclonal antibody AP33. The Fab e20 and Fab e137 have a potent cross-neutralizing activity. In the neutralization assay with pseudovirus e20 and e137 neutralize genotypes 1a, 2a and 4 (IC 50 approximately 7 µg/ml) and less efficiently genotypes 1b and 2b. The neutralizing activity was also confirmed in a different neutralization assay based on a particular virus isolate that can replicate in vitro (IC 50 approximately 2 µg/ml). Finally, the kinetic of neutralization study has shown the ability of the Fab e20 and Fab e137 to inhibit viral infectivity by acting after viral binding to target cells, in particular they are capable of interfering with the events immediately after the binding between virus and low affinity receptor. The data highlight that we identified and characterized two different broadly crossreacting and neutralizing human monoclonal antibody fragments direct against highly conserved residues of E2 glycoprotein, that are crucial for CD81 binding and HCVpp infectivity. Overall, the availability of cross-reactive monoclonal antibodies with strong neutralizing activity (i) allows a better understanding of the virus-host interplay, (ii) provides new opportunities to develop antigens potentially able to elicit a broadly neutralizing immune response, and (iii) may assist in the development of an effective passive immunotherapy for HCV infection.

11 SOMMARIO 1. INTRODUZIONE Il virus dell epatite C (HCV) Il ciclo replicativo di HCV Variabilità genetica di HCV Storia naturale dell epatite C Epidemiologia dell epatite C Diagnostica dell infezione da HCV Trattamento farmacologico dell epatite C Modelli in vitro utilizzati per lo studio di HCV La risposta immunologica nei confronti delle infezioni virali Gli anticorpi: struttura e funzione La risposta immunitaria nei confronti del virus dell epatite C Razionale dello studio MATERIALI E METODI Costruzione della library anticorpale Panning della library anticorpale fagica Produzione dei Fab e20 ed e Purificazione dei Fab e20 ed e Titolazione e calcolo dell affinità dei Fab e20 ed e137 mediante ELISA Valutazione del legame dei Fab e20 ed e137 sulla glicoproteina E2 derivante dai diversi genotipi di HCV Determinazione dell epitopo riconosciuto dai Fab e20 ed e Valutazione della capacità dei Fab e20 ed e137 di inibire il legame fra il recettore CD81 e la glicoproteina E Valutazione dell attività biologica dei Fab e20 ed e Saggio di cinetica di neutralizzazione dei Fab e20 ed e RISULTATI Panning della library su HCV/E

12 3.2 Analisi di sequenza dei Fab e20 ed e Valutazione della cross-reattività dei Fab e20 ed e Studio dell affinità dei Fab e20 ed e137 mediante saggio ELISA Definizione dell epitopo riconosciuto dai Fab e20 ed e Valutazione della capacità dei Fab e20 ed e137 di inibire il legame fra il CD81-LEL umano e la glicoproteina E2 ricombinante (genotipo 1a, H77) Valutazione della attività biologica dei Fab e20 ed e Valutazione della cinetica di neutralizzazione dei Fab e20 ed e137 su pseudovirus HCV/MLV esprimenti sulla superficie le glicoproteine E1E2 di genotipo 1a (isolato H77) DISCUSSIONE E CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA

13 1. INTRODUZIONE 1.1 Il virus dell epatite C (HCV) Flaviviridae Il virus dell epatite C (HCV, Hepatitis C virus), agente eziologico dell epatite non A, non B (NANB), (Feinstone et al., 1975), è stato identificato nel 1989 da Choo e colleghi grazie all impiego di tecniche di biologia molecolare. La disponibilità di grandi quantità di plasma di uno scimpanzé infetto con l agente eziologico di un epatite virale NANB, ha permesso di costruire, mediante l impiego del fago λ, una libreria di DNA complementare (cdna), a partire dagli acidi nucleici estratti dal plasma, e di identificare, successivamente, un clone di E. Coli che esprimeva una proteina ricombinante virus-specifica (Choo et al., 1989; Choo et al., 1991). In seguito è stato clonato l intero genoma virale, che attraverso analisi di sequenza, ha permesso di classificare HCV come membro di un distinto genere, chiamato Hepacivirus, all interno della famiglia delle Flaviviridae a cui appartengono anche il genere Flavivirus (virus della febbre gialla, virus della febbre Dengue, virus West Nile e virus dell encefalite giapponese), il genere Pestivirus (virus della diarrea virale bovina e virus della febbre classica suina) e i virus non classificati: il GB virus A (GBV-A), il GB virus B (GBV- B) e il GB virus C (GBV-C)/virus dell epatite G (HGV) (Figura 1) (Bartenschlager and Lohmann, 2000; Murphy, 1995). Il virus dell epatite C presenta un organizzazione genomica e un profilo di idrofobicità della poliproteina da esso codificata che sono simili a quelli dei Pestivirus e dei Flavivirus (Miller and Purcell, 1990). 3

14 Figura 1 Albero filogenetico della famiglia Flaviviridae basato sull analogia della regione dell elicasi NS3. In particolare sono mostrati i membri dei generi Flavivirus (YF: virus della febbre gialla; DEN-1 e DEN-2: Dengue virus 1 e 2; WN: virus West Nile; JE: virus dell encefalite giapponese), Pestivirus (BVDV: virus della diarrea virale bovina; CSFV: virus della febbre classica suina) e alcuni isolati degli Hepacivirus (HCV) e i virus non classificati GBV-A, GBV-B e GBV-C(Fields, 2001) Il virus dell epatite C La particella virale di HCV ha una morfologia sferica e un diametro di circa 55 nm, presenta un envelope, in cui sono inserite le glicoproteine di superficie virali E1 ed E2, che circonda un nucleocapside a simmetria icosaedrica costituito dalla proteina Core la quale racchiude il genoma virale (Figura 2). Figura 2 Particella virale di HCV, la quale presenta una densità di g/ml e una morfologia sferica con un diametro di circa 55 nm (Wakita et al., 2005). 4

15 Ultracentrifugando il siero dei pazienti con epatite C acuta e cronica si rileva la presenza di una popolazione di particelle di HCV eterogenea con una densità che va da 1,03 a 1,34 g/ml (Andre et al., 2005). Le particelle di HCV a bassa densità sono associate principalmente alle lipoproteine e rappresentano il virus infettivo, mentre le particelle di HCV ad alta densità sono associate alle immunoglobuline, sottoforma di immunocomplessi che risultano essere meno infettive (Aiyama et al., 1996; Andre et al., 2002; Dienstag et al., 1979; Thomssen et al., 1993). Solo una piccola popolazione delle particelle sieriche ha proprietà corrispondenti al virione di HCV descritto precedentemente, poi troviamo altre forme del virus: le virolipoparticelle (LVPs) composte da virioni e lipoproteine ricche di trigliceridi, gli exosomi cioè vescicole membranose in cui si rilevano proteine dell envelope virale ed infine troviamo i nucleocapsidi di HCV non ricoperti da envelope (Andre et al., 2002; Diaz et al., 2006; Maillard et al., 2001; Masciopinto et al., 2004; Nielsen et al., 2006; Petit et al., 2005). Il genoma dell HCV è costituito da un singolo filamento di RNA a polarità positiva della lunghezza di circa nucleotidi che presenta alle estremità due regioni non tradotte (UTR, UnTranslated Region) e contiene un unica Open Reading Frame (ORF) che codifica per una poliproteina di circa aminoacidi (Choo et al., 1991; Feinstone and Purcell, 1983; Trestard et al., 1998; Yoshikura et al., 1996). La poliproteina virale è processata sia da proteasi cellulari che virali a formare 10 specifici prodotti genici virali: le proteine strutturali (Core, E1, E2 e p7) collocate nella porzione N-terminale della poliproteina e le proteine non strutturali (NS2, NS3, NS4A, NS4B, NS5A e NS5B) derivanti dalla rimanente porzione della poliproteina (Grakoui et al., 1993; Penin et al., 2004). Le proteine strutturali sono rilasciate dalla poliproteina dopo il taglio da parte da signal peptidasi presenti nel reticolo endoplasmatico della cellula ospite mentre le proteine non strutturali sono rilasciate dalla poliproteina dopo il clivaggio da parte delle proteasi virali (NS2-3 e NS3-4A) (Figura 3) (Reed and Rice, 2000). 5

16 Figura 3 Struttura del genoma di HCV. (A) Il genoma consiste in un unica ORF che codifica per una poliproteina di circa 3010 aminoacidi, fiancheggiata alle estremità da due sequenze non codificanti. La sequenza 5 -UTR contiene un Internal Ribosome Entry Site (IRES) ed insieme all estremità 3 -UTR è coinvolta nella traduzione dell RNA virale. (B) La poliproteina tradotta è processata da proteasi cellulari e virali. Nell immagine, i numeri al di sotto della poliproteina indicano i residui aminoacidici in cui avviene il clivaggio. (C) Rappresentazione delle risultanti 10 proteine virali: strutturali e non strutturali (Rehermann, 2009) La regione 5 -UTR La regione 5 -UTR di HCV è costituita dai primi 341 nucleotidi del genoma virale ed è una delle regioni più conservate tra i diversi genotipi del virus e tra i diversi generi della famiglia, sia in termini di sequenza nucleotidica sia in termini di struttura secondaria (Bukh et al., 1992; Choo et al., 1991; Han et al., 1991). La struttura di tale regione contiene 4 domini altamente strutturati che formano numerose conformazioni a forcina importanti sia per la traduzione sia per la replicazione del genoma virale (Brown et al., 1992; Wang et al., 1995). 6

17 La regione 3 -UTR A seguito del codone di stop della ORF si trova la regione non tradotta dell estremità 3, lunga 225 nucleotidi. Questa regione è coinvolta nella traduzione e nella replicazione attraverso l interazione con proteine cellulari e sembra essere molto importante per l infettività (Ito and Lai, 1997; Ito and Lai, 1999) La regione Core I primi 191 aminoacidi della poliproteina costituiscono il nucleocapside o Core (p21), che mostra un peso molecolare che va dai 17 ai 23 kda. Le varie isoforme sono dovute alla presenza di diverse forme immature della proteina e la forma maggiormente rappresentata è quella matura di 21 kda (Yasui et al., 1998). La proteina è molto conservata e include molti epitopi che vengono riconosciuti dalla risposta immune specifica (linfociti T e B) (Goeser et al., 1994). Il Core non solo è importante per la formazione del nucleocapside icosaedrico virale, ma è coinvolto anche in differenti processi cellulari quali: il metabolismo lipidico, l apoptosi, la trasformazione e la proliferazione cellulare ed è inoltre implicato nel danno tissutale e nella progressione della fibrosi (Fukutomi et al., 2005; McLauchlan, 2000; Nunez and Soriano, 2004; Suzuki et al., 1995). In particolare, la proteina può fungere da attivatore in trans di alcuni oncogeni cellulari (come ras) e può modulare in vivo l azione di p53 e di p73 nei meccanismi dell apoptosi epatocitaria (Chou et al., 2005; Kountouras et al., 2003; Meyer et al., 2005; Moriya et al., 1997) e questo potrebbe spiegare come un virus, quale HCV, incapace di integrarsi nel genoma cellulare possa essere coinvolto direttamente nell oncogenesi epatica in corso di infezione cronica (Moriya et al., 1998; Smirnova et al., 2006). La proteina del nucleocapside di HCV è composta da tre distinti domini: il dominio idrofilo D1 di 120 aminoacidi all N-terminale, il dominio idrofobico D2 di circa 50 aminoacidi al C-terminale e il peptide segnale (di circa 20 aminoacidi) per la proteina E1 (Grakoui et al., 1993; Harada et al., 1991; Santolini et al., 1994). Il dominio D1 è idrofilico e ricco di aminoacidi basici conservati. In questo dominio sono presenti: tre segnali di localizzazione nucleare, un motivo legante il DNA e un motivo legante l RNA; tutto questo potrebbe suggerire la traslocazione di questa proteina all interno del nucleo, ma non vi sono dati che confermano questa supposizione (Barba et al., 1997; 7

18 Chang et al., 1994; Suzuki et al., 1995; Suzuki et al., 2005). Il dominio D2 è principalmente responsabile dell associazione della proteina virale con alcune membrane cellulari, tra cui: le membrane del reticolo endoplasmatico, la membrana esterna dei mitocondri e le membrane delle vescicole lipidiche (Barba et al., 1997; Nolandt et al., 1997). Alcuni studi hanno evidenziato che nella porzione del dominio D2 (una regione compresa tra gli aminoacidi 82 e 102) è presente una sequenza ricca in triptofano, la quale sembra acconsentire l associazione di più proteine Core p21 e che quindi permetterebbe la formazione del capside virale (Nolandt et al., 1997). Altri studi hanno però dimostrato che l espressione in batteri dei primi 75 aminoacidi della porzione N-terminale (dominio D1) sono sufficienti per la formazione delle particelle nucleocapsidiche (Klein et al., 2005; Majeau et al., 2004). È ancora quindi da chiarire quali siano effettivamente i residui critici per la formazione delle particelle virali La regione F La regione F (dall inglese Frameshift) codifica per la alternate reading frame protein (ARFP) generata in seguito ad uno slittamento ribosomiale di -2/+1 nucleotidi a livello della regione codificante per la porzione N-terminale della proteina Core. ARFP è prodotta durante l infezione, infatti nei pazienti con infezione cronica da HCV sono stati rilevati anticorpi diretti verso questa proteina (Walewski et al., 2001). L esatto meccanismo traduzionale alla base della frequenza di slittamento e della produzione della proteina F durante le diverse fasi dell infezione sono ad oggi completamente ignote (Xu et al., 2003). Il ruolo di ARFP non è noto, si pensa che possa essere coinvolta nei meccanismi di persistenza del virus (Baril and Brakier-Gingras, 2005) Glicoproteine di superficie E1 ed E2 Il genoma di HCV codifica per le due glicoproteine dell envelope, denominate E1 ed E2, rispettivamente di e kda (Deleersnyder et al., 1997). Esse sono componenti essenziali dell envelope e sono necessarie per le prime fasi del ciclo virale (Bartosch et al., 2003c). Per lungo tempo non è stato possibile caratterizzare tali proteine a causa della mancanza di un sistema efficiente di coltura cellulare per la replicazione e 8

19 l assemblaggio delle particelle virali. Sistemi di espressione transiente hanno permesso di analizzare le fasi della biogenesi di tali glicoproteine e i primi stadi dell ingresso nel ciclo vitale virale (Op De Beeck, 2001). Grazie allo sviluppo delle pseudoparticelle retrovirali esprimenti sull envelope le glicoproteine native di HCV è stato possibile, per la prima volta, caratterizzare l assemblaggio e la funzionalità di tali glicoproteine (queste particelle sono state denominate HCV pseudovirus, HCVpp) (Bartosch et al., 2003b; Drummer et al., 2003; Flint et al., 1999a; Hsu et al., 2003) Traduzione e folding delle glicoproteine E1 ed E2 sono glicoproteine transmembrana di tipo I e sono indirizzate al reticolo endoplasmatico da peptidi segnale presenti nella porzione N-terminale (Dubuisson et al., 1994; Grakoui et al., 1993). È stato dimostrato che tali proteine vengono tradotte a livello dei ribosomi associati al reticolo endoplasmatico, dove vengono processate. Le due glicoproteine presentano a livello della porzione C-terminale un dominio idrofobico transmembrana lungo circa 30 aminoacidi, mentre all N-terminale posseggono un dominio extracellulare lungo 160 e 334 aminoacidi rispettivamente per la glicoproteina E1 ed E2 (Figura 5) (Flint et al., 1999a; Flint et al., 1999b). I domini transmembrana delle due glicoproteine sono composti da due segmenti idrofobici separati da una corta regione polare, che contiene residui aminoacidici carichi conservati. I domini transmembrana sono importanti per l ancoraggio alle membrane, la localizzazione e ritenzione a livello del reticolo endoplasmatico e l assemblaggio in eterodimeri tra E1 ed E2. Questo è stato dimostrato grazie a studi in cui la regione transmembrana viene deleta o mutagenizzata (Cocquerel et al., 1998; Cocquerel et al., 2000). Le glicoproteine dell envelope di HCV si assemblano in modo non covalente formando eterodimeri di E1-E2 (Deleersnyder et al., 1997). Il folding di E1 dipende dalla co-espressione di E2 e viceversa, quindi il corretto ripiegamento di E1 e di E2 dipende dalla espressione reciproca delle due glicoproteine, indicando che entrambe cooperano per la formazione di un complesso funzionale (Cocquerel et al., 2003; Duvet et al., 1998; Michalak et al., 1997; Patel et al., 2001). È stato dimostrato che il processo di ripiegamento delle glicoproteine procede lentamente e che grazie ai glicani interagiscono con la calnexina, una proteina chaperone del reticolo endoplasmatico 9

20 (Brazzoli et al., 2005; Deleersnyder et al., 1997; Dubuisson and Rice, 1996; Duvet et al., 1998; Merola et al., 2001) Glicosilazione delle glicoproteine I domini extracellulari delle glicoproteine E1 ed E2 di HCV sono altamente N- glicosilati. La N-glicosilazione è una delle modificazioni post-traduzionali più frequenti delle proteine e avviene attraverso il trasferimento di un oligosaccaride da un intermedio lipidico ad un residuo di asparagina a livello della sequenza consenso Asn-X-Thr/Ser di una proteina neosintetizzata, dove X può essere qualsiasi aminoacido eccetto la prolina (Gavel and von Heijne, 1990; Kornfeld and Kornfeld, 1985). La catena polipeptidica in via di sintesi emerge all interno del lume del reticolo endoplasmatico ed è in tale sede che avviene questa modificazione post-trascrizionale catalizzata da oligosaccaril transferasi (Silberstein and Gilmore, 1996). La glicoproteina E1 presenta 4 siti di glicosilazione altamente conservati tra i diversi genotipi di HCV e un quinto sito di glicosilazione (in posizione 250) poco conservato, presente solo nei genotipi 1b e 6. La glicoproteina E2 presenta invece 11 siti di glicosilazione, 9 di questi siti sono altamente conservati, mentre i 2 rimanenti (N5 e N7) presentano dei livelli di conservazione rispettivamente del 75% e dell 89% tra i vari genotipi (Figura 4) (Goffard and Dubuisson, 2003; Zhang et al., 2004b). Il processo di glicosilazione esercita un ruolo importante nel folding corretto della proteina, nella sua funzione e nel modulare la risposta immunitaria (Hebert et al., 1997; Ohuchi et al., 1997a; Ohuchi et al., 1997b; van Kooyk and Geijtenbeek, 2003; von Messling and Cattaneo, 2003). Come detto precedentemente, la glicosilazione modula il ripiegamento delle glicoproteine permettendo l interazione con la calnexina nel reticolo endoplasmatico durante la maturazione. Studi di mutagenesi sito-diretta hanno dimostrato che l'assenza di alcuni glicani in E1 (posizione N1 e N4) ed E2 (posizione N8 e N10) porta ad un misfolding delle glicoproteine (Goffard et al., 2005; Meunier et al., 1999). È stato sottolineato il fatto come questa alterazione non sia dovuta alla mancata interazione tra le glicoproteine e la calnexina, suggerendo l effetto diretto della glicosilazione sul corretto ripiegamento delle glicoproteine. Infatti la presenza di un saccaride polare ad 10

21 alto peso molecolare legato ad un segmento peptidico influenza almeno localmente il ripiegamento di tale segmento (Imperiali and O'Connor, 1999; Wormald and Dwek, 1999). La mutazione di alcuni siti di glicosilazione nelle glicoproteine dell envelope di HCV può ridurre o abolire l infettività degli HCVpp apparentemente senza incidere sul ripiegamento e sull'incorporazione delle glicoproteine nelle pseudoparticelle. I glicani in posizione N2 e N4 di E2 hanno effettivamente dimostrato di essere essenziali per le funzioni di entry svolta dalle glicoproteine virali. Altri glicani (N2 di E1 e N5, N6 e N11 di E2) sembrano modulare l ingresso degli HCVpp (Goffard et al., 2005). Infine la glicosilazione permette di mascherare alcuni epitopi conservati nei vari genotipi virali a livello delle glicoproteine importanti per la fitness virale, rendendoli inaccessibili agli anticorpi e permettendo quindi al virus di evadere la risposta umorale. 11

22 Figura 4 Rappresentazione schematica delle glicoproteine E1 e E2. I siti di N-glicosilazione sono indicati dalla lettera N a livello dell aminoacido target di questa modifica post-traduzionale. I glicani coinvolti nell entry di HCVpp sono evidenziati da un quadrato nero mentre i siti di glicosilazione che mutati alterano il ripiegamento di E1-E2 sono evidenziati da un cerchio grigio (Goffard et al., 2005). La regione ipervariabile 1 (HVR1) di E2 è rappresentata dal box grigio. Le sequenze dei domini transmembrana delle glicoproteine dell envelope di HCV sono indicati nelle corrispondenti regioni C- terminali di E1 e E2 (TMD), i due segmenti idrofobici interni a tali domini sono sottolineati. In ultimo le frecce indicano le posizioni dove l inserzione di alanina blocca l eterodimerizzazione fra E1 e E2 (Op De Beeck, 2001) Regioni funzionali delle glicoproteina E2 Le attuali conoscenze sulla fisiologia del virus suggeriscono che la glicoproteina E2 potrebbe essere il principale anti-recettore di HCV (la principale molecola virale che interagisce con i recettori cellulari per permettere al virus di infettare le cellule target). Le regioni funzionali di E2 importanti in quanto capaci di interagire con le molecole cellulari finora definite sono due. La prima regione è rappresentata da almeno tre segmenti discreti della proteina E2 (aminoacidi , e ) che durante il ripiegamento di questa glicoproteina si uniscono a formare un unico dominio importante per l interazione tra E2 e il CD81 (Clayton et al., 2002; Flint et al., 1999a; Forns et al., 2000a; Forns et al., 2000b; Hsu et al., 2003; Owsianka et al., 2001; Yagnik et al., 2000). La seconda regione dotata di un ruolo fondamentale nel legame alla cellula ospite è situata nella porzione N-terminale della proteina E2. Questa regione è caratterizzata da un alta variabilità aminoacidica, denominata per questo motivo HVR1 (dall inglese 12

GENERALITA PARASSITA INTRACELLULARE OBBLIGATO

GENERALITA PARASSITA INTRACELLULARE OBBLIGATO GENERALITA A causa della natura di PARASSITA INTRACELLULARE OBBLIGATO, il virus può esprimere la sua attività biologica solo all interno di una CELLULA OSPITE che permetta la completa espressione del suo

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE DEI VIRUS

LA MOLTIPLICAZIONE DEI VIRUS LA MOLTIPLICAZIONE DEI VIRUS I virioni, rappresentano la fase biologicamente inattiva, dei singoli virus. Le diverse famiglie di virus utilizzano strategie replicative a causa della differente organizzazione

Dettagli

La regolazione genica nei virus

La regolazione genica nei virus La regolazione genica nei virus Lic. Scientifico A. Meucci Aprilia Prof. Rolando Neri I VIRUS INDICE Caratteristiche dei virus: il capside e il genoma virale Classificazione virale Fasi del ciclo riproduttivo

Dettagli

Il TCR è un eterodimero costituito da due catene polipeptidiche chiamate catena α ecatenaβ legate insieme da un ponte disolfuro. Entrambe le catene

Il TCR è un eterodimero costituito da due catene polipeptidiche chiamate catena α ecatenaβ legate insieme da un ponte disolfuro. Entrambe le catene I linfociti T sono le cellule dell immunità adattativa responsabili della protezione verso le infezioni ad opera dei microbi intracellulari. Essi derivano da cellule staminali del midollo osseo che si

Dettagli

Funzioni delle proteine del sangue:

Funzioni delle proteine del sangue: PROTEINE DEL SANGUE Funzioni delle proteine del sangue: 1. Funzioni nutrizionali 2. Regolazione dell equilibrio acido base 3. Ripartizione dell acqua nei vari distretti 4. Funzione di trasporto 5. Coagulazione

Dettagli

DMM SCIENTIFIC MEETING PADOVA, 29-30 MAGGIO 2014

DMM SCIENTIFIC MEETING PADOVA, 29-30 MAGGIO 2014 DMM SCIENTIFIC MEETING PADOVA, 29-30 MAGGIO 2014 DMM SCIENTIFIC MEETING - PADOVA, 29-30 MAGGIO 2014 QUESTIONARIO RISPOSTE CORRETTE 1. I vaccini a DNA sono potenziati dall uso della elettroporazione in

Dettagli

KIR EVOLUZIONE RAPIDA E DIVERSIFICATA DEI RECETTORI DELL IMMUNITA INNATA E ADATTATIVA

KIR EVOLUZIONE RAPIDA E DIVERSIFICATA DEI RECETTORI DELL IMMUNITA INNATA E ADATTATIVA KIR EVOLUZIONE RAPIDA E DIVERSIFICATA DEI RECETTORI DELL IMMUNITA INNATA E ADATTATIVA C.Vilches, P. Parham Natural Killer Cellule di origine linfoide la cui funzione è lisare le cellule infettate da virus

Dettagli

Struttura e funzione dei geni. Paolo Edomi - Genetica

Struttura e funzione dei geni. Paolo Edomi - Genetica Struttura e funzione dei geni 1 Il DNA è il materiale genetico La molecola di DNA conserva l informazione genetica: topi iniettati con solo DNA di batteri virulenti muoiono 2 Proprietà del DNA Il DNA presenta

Dettagli

RNA interference. La tecnologia dell RNAi è basata su un processo di inattivazione genica post-trascrizionale, altamente specifico

RNA interference. La tecnologia dell RNAi è basata su un processo di inattivazione genica post-trascrizionale, altamente specifico RNA interference Tecnica che permette di interferire con l espressione di alcuni geni mediante la trasfezione di piccoli frammenti di RNA a doppio filamento in grado di antagonizzare l RNA messaggero corrispondente.

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT INFEZIONE DA HIV ED AIDS HIV 1 ed HIV 2 appartengono alla famiglia dei Retroviridae, genere lentovirus. L infezione da HIV provoca nell ospite una progressiva compromissione delle difese immunitarie, soprattutto

Dettagli

La traduzione: dall mrna alle proteine

La traduzione: dall mrna alle proteine La traduzione: dall mrna alle proteine Le infezioni batteriche sono una grave causa di malattie e morte in Europa e negli USA. Le infezioni batteriche si curano con antibiotici che colpiscono l espressione

Dettagli

I mirna NEI MECCANISMI ANTIVIRALI

I mirna NEI MECCANISMI ANTIVIRALI Davide Schiavone Biochimica A.A. 2004-2005 I mirna NEI MECCANISMI ANTIVIRALI I processi di difesa antivirale operati da RNA sfruttano diversi meccanismi che sono raggruppati sotto il nome di RNA silencing.

Dettagli

Scuola Universitaria Interfacoltà per le Biotecnologie Primo anno della Laurea specialistica in Biotecnologie molecolari Anno Accademico 2004-2005

Scuola Universitaria Interfacoltà per le Biotecnologie Primo anno della Laurea specialistica in Biotecnologie molecolari Anno Accademico 2004-2005 Scuola Universitaria Interfacoltà per le Biotecnologie Primo anno della Laurea specialistica in Biotecnologie molecolari Anno Accademico 2004-2005 ALESSIA PERINO La leptina è una piccola proteina non glicosilata

Dettagli

Citotossicità mediata dai linfociti T CD8 + nell eziologia eziologia di patologie neurodegenerative. Manuele Ongari

Citotossicità mediata dai linfociti T CD8 + nell eziologia eziologia di patologie neurodegenerative. Manuele Ongari Citotossicità mediata dai linfociti T CD8 + nell eziologia eziologia di patologie neurodegenerative Manuele Ongari Esame di Immunologia Scuola di specializzazione in Biochimica clinica I LINFOCITI T CD8

Dettagli

Geni che codificano per il CCR5

Geni che codificano per il CCR5 Geni che codificano per il CCR5 Gli individui con due copie normali del gene CCR5 sono predominanti nella popolazione generale e sono suscettibili d infezione da parte di HIV-1. 3,9 Gli eterozigoti Δ 32

Dettagli

Reovirus. Stabili in svariate condizioni di ph, T e negli aerosol.

Reovirus. Stabili in svariate condizioni di ph, T e negli aerosol. Orthoreovirus, Rotavirus, Orbivirus, Coltivirus Caratteri generali: Privi di mantello. Due involucri capsidici. 10-12 segmenti di RNA genomico a doppio filamento. Reovirus Stabili in svariate condizioni

Dettagli

Difese dell organismo

Difese dell organismo Difese dell organismo Gli organismi hanno essenzialmente 3 tipi di difese, disposte sequenzialmente, che il virus deve superare: Difese di superficie Barriere fisiche Difese sistemiche Immunità innata

Dettagli

DELPLVTLPHPNLHGPEILDVPST EILDVPST

DELPLVTLPHPNLHGPEILDVPST EILDVPST Tesi di Laurea Triennale Anna Pezzutto Glicoproteine transmembrana eterodimeriche (α/β) 18 subunitàαe 8 β che si possono assemblare in 24 diversi eterodimeri Mediano interazioni cellula-cellula e cellula-matrice

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV

Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV Alterata regolazione del ciclo cellulare: un nuovo meccanismo patologico coinvolto nella deplezione delle cellule T CD4+ nell infezione da HIV ADULTS AND CHILDREN ESTIMATED TO BE LIVING WITH HIV/AIDS,

Dettagli

UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012.

UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012. UNIVERSITA' degli STUDI di PERUGIA Facoltà di MEDICINA e CHIRURGIA Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia AA 2011-2012 Rhabdovirus Rhabdoviridae: Virus della rabbia a) Vesiculovirus - virus della stomatite

Dettagli

Regione cerniera monomero regione cerniera

Regione cerniera monomero regione cerniera Regione cerniera Tutte le Ig, sia quelle secrete che quelle presenti sulla membrana plasmatica dei linfociti B, sono costituite da quattro catene proteiche, due pesanti (H, da heavy, in rosso nel disegno)

Dettagli

la struttura tridimensionale può essere ottenuta solo per Un intero dominio in genere da 50 a 300 residui

la struttura tridimensionale può essere ottenuta solo per Un intero dominio in genere da 50 a 300 residui Durante la traduzione l informazione di ripiegamento codificata nella sequenza aminoacidica diventa disponibile in maniera vettoriale la struttura tridimensionale può essere ottenuta solo per Un intero

Dettagli

I virus vegetali nella formulazione di un vaccino contro il virus HIV-1

I virus vegetali nella formulazione di un vaccino contro il virus HIV-1 "Molecular Farming: produzione di cibi funzionali, di nutraceutici e biofarmaceutici" ENEA - Casaccia 4 Dicembre 2003 I virus vegetali nella formulazione di un vaccino contro il virus HIV-1 Carla Marusic

Dettagli

L endocitosi dell EGFR

L endocitosi dell EGFR L endocitosi dell EGFR IFOM per la scuola Lo Studente Ricercatore 2011 Muzio Giulia Istituto d Istruzione Superiore Maserati Voghera Gruppo di lavoro: Determinanti della trasformazione neoplastica e della

Dettagli

Terapia Genica. Trattamento di patologie umane in cui il farmaco è materiale genetico

Terapia Genica. Trattamento di patologie umane in cui il farmaco è materiale genetico Terapia Genica Trattamento di patologie umane in cui il farmaco è materiale genetico Storia clinica della terapia genica E cominciata nel 1990 con trattamento ex vivo di pazienti affetti da immunodeficienza

Dettagli

Tipi di immunità acquisita. www.uniroma2.it/didattica/immunotlb

Tipi di immunità acquisita. www.uniroma2.it/didattica/immunotlb Tipi di immunità acquisita Caratteristiche dell immunità acquisita Espansione clonale Fasi della risposta immunitaria acquisita Specificità, memoria, risoluzione delle risposte immunitarie acquisite Immunità

Dettagli

Corso di Biologia Molecolare

Corso di Biologia Molecolare Corso di Biologia Molecolare Dott.ssa Renata Tisi Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Acidi nucleici Il ruolo degli acidi nucleici è quello di custodire e trasmettere

Dettagli

L'epatite virale acuta è un processo necrotico infiammatorio del fegato indotto da virus, dovuto alla risposta immune.

L'epatite virale acuta è un processo necrotico infiammatorio del fegato indotto da virus, dovuto alla risposta immune. L'epatite virale acuta è un processo necrotico infiammatorio del fegato indotto da virus, dovuto alla risposta immune. Virus Epatici Maggiori HAV,HBV,HCV,HDV,HEV Virus Epatici Minori EBV, CMV,HSV Alterazioni

Dettagli

Uso di vettori lentivirali per trasdurre linee cellulari di adenocarcinoma colorettale con shrnas silenzianti il gene herg1

Uso di vettori lentivirali per trasdurre linee cellulari di adenocarcinoma colorettale con shrnas silenzianti il gene herg1 Uso di vettori lentivirali per trasdurre linee cellulari di adenocarcinoma colorettale con shrnas silenzianti il gene herg1 e loro applicazione in studi pre-clinici. Il trasferimento genico è una tecnologia

Dettagli

Her-2 nel carcinoma mammario

Her-2 nel carcinoma mammario Her-2 nel carcinoma mammario Piera Balzarini U.O. Anatomia Patologica Università degli Studi di Brescia Spedali Civili di Brescia Il gene ERBB2 dà origine ad un recettore tirosin-chinasico appartenente

Dettagli

Segnali post-inserzionali

Segnali post-inserzionali Segnali post-inserzionali Ritenzione nel R.E. KDEL C-term RDEL KEEL Individuazione di recettori per KDEL tramite anticorpi di Seconda generazione Recupero di proteine localizzate nel reticolo endoplasmatico

Dettagli

Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale. Comunicazione fra le cellule

Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale. Comunicazione fra le cellule Segnalazione cellulare e trasduzione del segnale Comunicazione fra le cellule Le cellule comunicano e interagiscono tra loro tramite il fenomeno della segnalazione cellulare Una cellula segnalatrice produce

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

Seminario. Domini modulari delle proteine 1

Seminario. Domini modulari delle proteine 1 Seminario Proteine della matrice DOMINI E MODULI Domini modulari delle proteine 1 La maggior parte dei peptidi consiste in disposizioni lineari di regioni globulari, ripiegate in modo indipendente, dette

Dettagli

Downloaded from www.immunologyhomepage.com. Riarrangiamento dei geni per le Immunoglobuline e sviluppo dei linfociti B

Downloaded from www.immunologyhomepage.com. Riarrangiamento dei geni per le Immunoglobuline e sviluppo dei linfociti B Downloaded from www.immunologyhomepage.com Riarrangiamento dei geni per le Immunoglobuline e sviluppo dei linfociti B I geni che codificano i recettori per gli antigeni (BCR e TCR) sono presenti in uno

Dettagli

centrale (CNS) causata dall infezione litica degli oligodendrociti da parte del Polyomavirus JC (JCPyV). Ad

centrale (CNS) causata dall infezione litica degli oligodendrociti da parte del Polyomavirus JC (JCPyV). Ad RESOCONTO ATTIVITÀ DI RICERCA ANNO 2013 Studio dell espressione di fattori virali e cellulari implicati nella replicazione del Polyomavirus umano JC Responsabile scientifico: Dr. Simone Giannecchini, Dipartimento

Dettagli

PLASMIDI puc ALTRI TIPI DI VETTORI. VETTORI λ 17-06-2010

PLASMIDI puc ALTRI TIPI DI VETTORI. VETTORI λ 17-06-2010 PLASMIDI puc ALTRI TIPI DI VETTORI VETTORI λ (15-20 Kb) = vettori ottenuti apportando delle modifiche al genoma del batteriofago λ. COSMIDI (40-45 Kb) = plasmidi che contengono i siti cos di λ utili per

Dettagli

DOMINI E MODULI 02/04/2014. Domini modulari delle proteine 2

DOMINI E MODULI 02/04/2014. Domini modulari delle proteine 2 Domini modulari delle proteine 1 Proteine della matrice DOMINI E MODULI La maggior parte dei peptidi consiste in disposizioni lineari di regioni globulari, ripiegate in modo indipendente, dette domini,

Dettagli

LE PIANTE COME BIOREATTORI

LE PIANTE COME BIOREATTORI LE PIANTE COME BIOREATTORI POSSIBILI PRODOTTI - Anticorpi - Proteine di interesse farmaceutico - Vaccini edibili - Metaboliti secondari - Polimeri biodegradabili Produzione di Anticorpi SISTEMI DI ESPRESSIONE

Dettagli

PROTEINE. Amminoacidi

PROTEINE. Amminoacidi PROTEINE Le proteine sono le macromolecole alla base delle attività cellulari. Sono oltre diecimila per cellula, dove svolgono differenti funzioni: Sono ad esempio: enzimi: aumentano la velocità delle

Dettagli

Citosol Ribosomi Sintesi proteica

Citosol Ribosomi Sintesi proteica CITOSOL (1) Citosol Ribosomi Sintesi proteica Biotecnologie_2012 Tutta la porzione non strutturata che costituisce la parte liquida del citoplasma. In esso si trovano in soluzione tutte le molecole necessarie

Dettagli

Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici

Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici MORTE CELLULARE Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici Omeostasi tissutale (di tessuti dinamici) Sviluppo embrionale Eliminazione di strutture corporee inutili - Fasi di scultura/rimodellamento

Dettagli

DOMANDA FREQUENTE: QUALE E LA FUNZIONE DI UNA CERTA PROTEINA? SI AUMENTA O SI DIMINUISCE L ESPRESSIONE DELLA PROTEINA

DOMANDA FREQUENTE: QUALE E LA FUNZIONE DI UNA CERTA PROTEINA? SI AUMENTA O SI DIMINUISCE L ESPRESSIONE DELLA PROTEINA DOMANDA FREQUENTE: QUALE E LA FUNZIONE DI UNA CERTA PROTEINA? OVERESPRESSIONE DELLA PROTEINA ESPRESSIONE ECTOPICA CON UN VETTORE DI ESPRESSIONE ABOLIZIONE DELLA ESPRESSIONE DELLA PROTEINA INTERFERENZA

Dettagli

Presentazione dell antigene tramite TCR

Presentazione dell antigene tramite TCR Presentazione dell antigene tramite TCR Elena Adinolfi Il recettore della cellula T (TCR) Il TCR è il recettore per l antigene delle cellule T. In maniera analoga a quanto accade per le cellule B ad ogni

Dettagli

frazionamento). Per ciascuna frazione è determinata la quantità di proteine totali e le unità di attività enzimatica della proteina di interesse.

frazionamento). Per ciascuna frazione è determinata la quantità di proteine totali e le unità di attività enzimatica della proteina di interesse. Ogni passaggio della procedura di purificazione determina la separazione delle proteine totali presenti nel campione in una serie di frazioni (frazionamento( frazionamento). Per ciascuna frazione è determinata

Dettagli

Il virus dell epatite B

Il virus dell epatite B Il virus dell epatite B Dall antigene Australia agli analoghi nucleos(t)idici Alfredo Marzano SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@edizioniseed.it

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it Recettori a tirosina chinasi I recettori a tirosina chinasi presentano vari domini Una regione di legame (extracellulare) Una regione transmembrana Una coda intracellulare con numerose tirosine scaricato

Dettagli

La brevettazione in campo medico e biotecnologico. Università degli Studi di Ferrara, 29 marzo 2007

La brevettazione in campo medico e biotecnologico. Università degli Studi di Ferrara, 29 marzo 2007 La brevettazione in campo medico e biotecnologico Università degli Studi di Ferrara, 29 marzo 2007 La brevettazione delle sequenze di acido nucleico Elena Comoglio Jacobacci & Partners S.p.A. Brevetti

Dettagli

Vaccini di origine vegetale contro i tumori associati al virus del papilloma umano (HPV)

Vaccini di origine vegetale contro i tumori associati al virus del papilloma umano (HPV) Workshop ENEA, 4 dicembre 2003 Molecular farming: produzione di cibi funzionali, di nutraceutici e biofarmaceutici Vaccini di origine vegetale contro i tumori associati al virus del papilloma umano (HPV)

Dettagli

Regolazione genica post- trascrizionale

Regolazione genica post- trascrizionale 18. L RNA regolatore contiene materiale protetto da copyright, ad esclusivo uso personale; non è consentita diffusione ed utilizzo di tipo commerciale Regolazione genica post- trascrizionale L espressione

Dettagli

Classi e sottoclassi di anticorpi

Classi e sottoclassi di anticorpi Classi e sottoclassi di anticorpi Anticorpi: classi e sottoclassi In base alla catena pesante gli anticorpi sono divisi in classi e sottoclassi Classi o isotipi IgA, IgD, IgE, IgG, IgM Sottoclassi IgA1

Dettagli

Legami chimici. Covalente. Legami deboli

Legami chimici. Covalente. Legami deboli Legami chimici Covalente Legami deboli Legame fosfodiesterico Legami deboli Legami idrogeno Interazioni idrofobiche Attrazioni di Van der Waals Legami ionici Studio delle macromolecole Lipidi

Dettagli

SINTESI DELL RNA. Replicazione. Trascrizione. Traduzione

SINTESI DELL RNA. Replicazione. Trascrizione. Traduzione SINTESI DELL RNA Replicazione Trascrizione Traduzione L RNA ha origine da informazioni contenute nel DNA La TRASCRIZIONE permette la conversione di una porzione di DNA in una molecola di RNA con una sequenza

Dettagli

U.O. Gastroenterologia ed Epatologia, Spedali Riuniti di Santa Chiara, Pisa

U.O. Gastroenterologia ed Epatologia, Spedali Riuniti di Santa Chiara, Pisa DIAGNOSI E MONITORAGGIO DELL INFEZIONE DA HCV: IL RUOLO DEL LABORATORIO Anna Maria Maina, Giovanna Moscato, Barbara Coco, Filippo Oliveri, Pietro Ciccorossi, Piero Colombatto e Maurizia Rossana Brunetto

Dettagli

Controllo post-trascrizionale dell espressione genica

Controllo post-trascrizionale dell espressione genica Controllo post-trascrizionale dell espressione genica Livelli di controllo dell espressione genica Rivisitazione del concetto di gene Per gli organismi eucariotici più evoluti il dogma un gene = una proteina

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

LA MEMBRANA. www.fisiokinesiterapia.biz

LA MEMBRANA. www.fisiokinesiterapia.biz LA MEMBRANA www.fisiokinesiterapia.biz Struttura della membrana Le membrane sono fondamentali per la vita della cellula Racchiudono la cellula definendone i confini e mantenendo le differenze fondamentali

Dettagli

INTERAZIONE DI PROTEINE CON SFINGOLIPIDI

INTERAZIONE DI PROTEINE CON SFINGOLIPIDI Seminario Rafts INTERAZIONE DI PROTEINE CON SFINGOLIPIDI Motivi strutturali coinvolti nell interazione di proteine con sfingolipidi e colesterolo (1) Uno dei primi passi per l identificazione di tale motive

Dettagli

- Polimeri biodegradabili

- Polimeri biodegradabili POSSIBILI PRODOTTI - Anticorpi - Proteine di interesse farmaceutico - Vaccini edibili - Metaboliti secondari - Polimeri biodegradabili Produzione di Anticorpi SISTEMI DI ESPRESSIONE - Cellule di mammifero

Dettagli

26/11/2014 CITOSOL (3) Citosol Ribosomi Sintesi delle proteine nei ribosomi CITOSOL (2) CITOSOL (1)

26/11/2014 CITOSOL (3) Citosol Ribosomi Sintesi delle proteine nei ribosomi CITOSOL (2) CITOSOL (1) CITOSOL (3) Citosol Ribosomi Sintesi delle proteine nei ribosomi http://hyperphysics.phy astr.gsu.edu/hbase/biology/ribosome.html http://www.accessexcellence.org/rc/vl/gg/ecb/ecb_images/01_24_organelles.jpg

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA. Attivazione delle cellule Natural Killer durante infezione Acuta da virus dell epatite C

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA. Attivazione delle cellule Natural Killer durante infezione Acuta da virus dell epatite C UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Dottorato di ricerca in Immunologia, Immunopatologia Sperimentale e Comparata Ciclo XXIII Attivazione delle cellule Natural Killer durante infezione Acuta da virus dell

Dettagli

Traduzione dell informazione genetica (1)

Traduzione dell informazione genetica (1) Traduzione dell informazione genetica (1) 1 Traduzione dell informazione genetica (2) Il processo negli eucarioti richiede: 70 diverse proteine ribosomiali >20 enzimi che attivano i precursori degli amminoacidi

Dettagli

Genetica dei microrganismi 3

Genetica dei microrganismi 3 Genetica dei microrganismi 3 2 In questo caso il filtro poroso non eliminava lo scambio, indicando l esistenza di un fattore diffusibile DNasi resistente Trasduzione generalizzata 3 Figura 10.14 4 Trasduzione

Dettagli

Servizi di Ricerca a Terzi. Luglio 2015

Servizi di Ricerca a Terzi. Luglio 2015 Servizi di Ricerca a Terzi Luglio 2015 Chi siamo Vera Salus Ricerca S.r.l. (VSR) è una target discovery biotech company che mette a disposizione le proprie competenze e la propria strumentazione in qualità

Dettagli

Cenni storici. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di ricerca biologica:

Cenni storici. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di ricerca biologica: DNA Microarray: griglia di DNA costruita artificialmente, in cui ogni elemento della griglia riconosce una specifica sequenza target di RNA o cdna. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di

Dettagli

Dall RNA alle proteine. La traduzione nei procarioti e negli eucarioti

Dall RNA alle proteine. La traduzione nei procarioti e negli eucarioti Dall RNA alle proteine La traduzione nei procarioti e negli eucarioti Codice genetico La sequenza dell mrna viene decodificata a gruppi di tre nucleotidi, e tradotta in una sequenza di amminoacidi 4 x

Dettagli

Distribuzione e composizione dei liquidi corporei

Distribuzione e composizione dei liquidi corporei Distribuzione e composizione dei liquidi corporei Cavità principali del corpo umano Dee Unglaub Silverthorn, Fisiologia umana 2010 Pearson Italia S.p.A Organizzazione generale dell organismo: un visione

Dettagli

C2. Il rilascio del fattore sigma marca il passaggio alla fase di allungamento della trascrizione.

C2. Il rilascio del fattore sigma marca il passaggio alla fase di allungamento della trascrizione. Soluzioni ai problemi del Capitolo 12 Domande concettuali C1. A. I geni dei trna codificano molecole di trna e i geni degli rrna le molecole di rrna che si trovano nei ribosomi. Esistono anche dei geni

Dettagli

Soluzioni ai problemi del Capitolo 15. Domande concettuali

Soluzioni ai problemi del Capitolo 15. Domande concettuali Soluzioni ai problemi del Capitolo 15 Domande concettuali C1. 1. La struttura DNA-cromatina. Questo livello comprende l amplificazione genica, un aumento del numero di copie; riarrangiamenti di geni, come

Dettagli

Genetica dei microrganismi

Genetica dei microrganismi Genetica dei microrganismi Dott.ssa Silvia Preziuso Dipartimento di Scienze Veterinarie Università di Camerino Sezione di Patologia Animale, Profilassi e Igiene degli Alimenti Argomenti trattati Gli acidi

Dettagli

7a. COMPARTIMENTI INTRACELLULARI

7a. COMPARTIMENTI INTRACELLULARI 7a. COMPARTIMENTI INTRACELLULARI contiene materiale protetto da copyright, ad esclusivo uso personale; non è consentita diffusione ed utilizzo di tipo commerciale molte delle reazioni chimiche che avvengono

Dettagli

Divisione di Gastroenterologia - Casa Sollievo della Sofferenza- IRCCS San Giovanni Rotondo

Divisione di Gastroenterologia - Casa Sollievo della Sofferenza- IRCCS San Giovanni Rotondo EPATITE B: DIAGNOSI. Il Laboratorio GA Niro, A Andriulli Divisione di Gastroenterologia - Casa Sollievo della Sofferenza- IRCCS San Giovanni Rotondo La descrizione del meccanismo replicativo del virus

Dettagli

Strategie per lo sviluppo di antivirali

Strategie per lo sviluppo di antivirali Strategie per lo sviluppo di antivirali Attacco del virus al recettore Ingresso Spoliazione Trascrizione e traduzione Modifiche post-traduzionali Replicazione del genoma virale Assemblaggio/maturazione

Dettagli

Dott.ssa Renata Tisi. Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it

Dott.ssa Renata Tisi. Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Dott.ssa Renata Tisi Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Il ruolo degli acidi nucleici è quello di custodire e trasmettere l informazione genetica nelle cellule,

Dettagli

Orthomyxovirus. G. Di Bonaventura Università di Chieti-Pescara

Orthomyxovirus. G. Di Bonaventura Università di Chieti-Pescara G. Di Bonaventura Università di Chieti-Pescara Caratteri generali I virus dell influenza A, B, C sono gli unici membri della Famiglia Orthomyxoviridae Tutti patogeni per l uomo (A anche per animali) Virione

Dettagli

PROCESSI DI ADESIONE ED ACCRESCIMENTO DEI TESSUTI: BIOMOLECOLE DI INTERESSE APPLICATIVO

PROCESSI DI ADESIONE ED ACCRESCIMENTO DEI TESSUTI: BIOMOLECOLE DI INTERESSE APPLICATIVO Interazione tra Biomateriali e Tessuti Anno Accademico 2004/2005 PROCESSI DI ADESIONE ED ACCRESCIMENTO DEI TESSUTI: BIOMOLECOLE DI INTERESSE APPLICATIVO Premessa Negli ultimi 20 anni, indagini in campo

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata - Corso di Laurea in Scienze Biologiche - Immunologia Molecolare - dott. Claudio PIOLI - a.a.

Università di Roma Tor Vergata - Corso di Laurea in Scienze Biologiche - Immunologia Molecolare - dott. Claudio PIOLI - a.a. Anticorpi generalità Riconoscimento antigene Anticorpi Molecole MHC Recettore per l Ag dei linfociti T (TCR) Anticorpi riconoscono diversi tipi di strutture antigeniche macromolecole proteine, lipidi,

Dettagli

Per comprendere a fondo l aterosclerosi è necessario avere chiaro il metabolismo lipoproteico

Per comprendere a fondo l aterosclerosi è necessario avere chiaro il metabolismo lipoproteico PATOLOGIA. Per comprendere a fondo l aterosclerosi è necessario avere chiaro il metabolismo lipoproteico Metabolismo lipoproteico Il metabolismo lipoproteico si può immaginare come organizzato in tre grossi

Dettagli

RNA non codificanti ed RNA regolatori

RNA non codificanti ed RNA regolatori RNA non codificanti ed RNA regolatori RNA non codificanti ed RNA regolatori Piccoli RNA non codificanti RNA regolatore microrna RNAi e sirna Piccoli RNA non codificanti Gli RNA non codificanti (ncrna)

Dettagli

La cellula. Copyright (c) by W. H. Freeman and Company

La cellula. Copyright (c) by W. H. Freeman and Company La cellula Gli organismi contengono organi, gli organi sono costituiti da tessuti, i tessuti sono composti da cellule e le cellule sono formate da molecole Evoluzione molecolare L evoluzione è un processo

Dettagli

Microbiologia Dipartimento di Farmacia e BioTecnologie Università di Bologna

Microbiologia Dipartimento di Farmacia e BioTecnologie Università di Bologna Microbiologia Dipartimento di Farmacia e BioTecnologie Università di Bologna Prof. Giorgio Gallinella Prof.ssa Giovanna Gentilomi Dott.ssa Francesca Bonvicini (ricercatore) Dott.ssa Elisabetta Manaresi

Dettagli

Si tratta di corpiccioli di natura ribonucleoproteica che nel citoplasma di tutte le cellule presiedono ai processi di sintesi proteica.

Si tratta di corpiccioli di natura ribonucleoproteica che nel citoplasma di tutte le cellule presiedono ai processi di sintesi proteica. I R I BOSOM I I RIBOSOMI sono organuli citoplasmatici presenti in tutte le cellule, sia procariotiche che eucariotiche. Sono visibili al M.O. solo quando presenti in gran numero, (come capita nelle cellule

Dettagli

Plasmidi come vettori di clonaggio

Plasmidi come vettori di clonaggio Plasmidi come vettori di clonaggio Un vettore plasmidico di buona qualità deve possedere le seguenti proprietà: 1. Piccole dimensioni (

Dettagli

PESTIVIRUS. fam. FLAVIVIRIDAE. Suddivisa in tre generi Flavivirus. Pestivirus. Hepacivirus

PESTIVIRUS. fam. FLAVIVIRIDAE. Suddivisa in tre generi Flavivirus. Pestivirus. Hepacivirus PESTIVIRUS fam. FLAVIVIRIDAE Suddivisa in tre generi Flavivirus Pestivirus Hepacivirus 1 CLASSIFICAZIONE DEI PESTIVIRUS Un tempo classificati in BVDV, CSFV, BDV Questo schema tiene conto SOLO dello spettro

Dettagli

Biologia Molecolare. CDLM in CTF 2010-2011 La modificazione dell RNA e la traduzione

Biologia Molecolare. CDLM in CTF 2010-2011 La modificazione dell RNA e la traduzione Biologia Molecolare CDLM in CTF 2010-2011 La modificazione dell RNA e la traduzione La maturazione del trascritto primario I microrna Le componenti del macchinario di traduzione Il meccanismo della traduzione

Dettagli

TOSSICOLOGIA. TOSSICO Ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali DANNOSE mediante una azione fisica o chimica.

TOSSICOLOGIA. TOSSICO Ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali DANNOSE mediante una azione fisica o chimica. TOSSICOLOGIA COS E UN FARMACO? - ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali mediante un azione fisica o chimica. - Per l OMS è farmaco una sostanza o un prodotto utilizzato

Dettagli

SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA DOTTORATO DI RICERCA IN MEDICINA SPERIMENTALE XXVI CICLO

SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA DOTTORATO DI RICERCA IN MEDICINA SPERIMENTALE XXVI CICLO SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA DOTTORATO DI RICERCA IN MEDICINA SPERIMENTALE XXVI CICLO Studio del ruolo dei polimorfismi a singolo nucleotide rs12979860 e rs8099917 dell IL28B in una coorte di pazienti italiani

Dettagli

Modello del collasso idrofobico. Il folding è facilitato dalla presenza di chaperons molecolari quali le Heat Shock Proteins, Hsp70 e Hsp60

Modello del collasso idrofobico. Il folding è facilitato dalla presenza di chaperons molecolari quali le Heat Shock Proteins, Hsp70 e Hsp60 Modello gerarchico Modello del collasso idrofobico Il folding è facilitato dalla presenza di chaperons molecolari quali le Heat Shock Proteins, Hsp70 e Hsp60 Le Hsp70 si legano ai segmenti idrofobici di

Dettagli

Proteine integrali di membrana legate sul versante esterno a gruppi di carboidrati. Formati da diverse subunità che circoscrivono un poro acquoso che

Proteine integrali di membrana legate sul versante esterno a gruppi di carboidrati. Formati da diverse subunità che circoscrivono un poro acquoso che Canali ionici Proteine integrali di membrana legate sul versante esterno a gruppi di carboidrati. Formati da diverse subunità che circoscrivono un poro acquoso che permette il passaggio selettivo di ioni.

Dettagli

immagine Biologia applicata alla ricerca bio-medica Materiale Didattico Docente: Di Bernardo

immagine Biologia applicata alla ricerca bio-medica Materiale Didattico Docente: Di Bernardo Esperto in processi innovativi di sintesi biomolecolare applicata a tecniche di epigenetica Materiale Didattico Biologia applicata alla ricerca bio-medica immagine Docente: Di Bernardo A COSA SERVE il

Dettagli

Virus delle febbri emorragiche. 4 distinte famiglie: Arenaviridae Filoviridae Bunyaviridae Flaviviridae

Virus delle febbri emorragiche. 4 distinte famiglie: Arenaviridae Filoviridae Bunyaviridae Flaviviridae Virus delle febbri emorragiche 4 distinte famiglie: Arenaviridae Filoviridae Bunyaviridae Flaviviridae Hemorrhagic Fever Viruses JAMA, 2002; 287:2391 Family Disease Vector in Nature Geographic Distribution

Dettagli

TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A.

TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A. TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A.A 2007/2008 LE TERAPIE BIOLOGICHE: possono avere una maggiore efficacia terapeutica;

Dettagli

L EPATITE VIRALE PUO ESSERE CAUSATA DA ALMENO SEI VIRUS DIVERSI E SPECIFICI PER GLI EPATOCITI NANB B D

L EPATITE VIRALE PUO ESSERE CAUSATA DA ALMENO SEI VIRUS DIVERSI E SPECIFICI PER GLI EPATOCITI NANB B D L EPATITE VIRALE PUO ESSERE CAUSATA DA ALMENO SEI VIRUS DIVERSI E SPECIFICI PER GLI EPATOCITI Infectious A E Enterically transmitted Viral hepatitis NANB F, G,? Other * Serum B D C Parenterally transmitted

Dettagli

LE MOLECOLE INFORMAZIONALI. Lezioni d'autore Treccani

LE MOLECOLE INFORMAZIONALI. Lezioni d'autore Treccani LE MOLECOLE INFORMAZIONALI Lezioni d'autore Treccani Introduzione (I) I pionieri della biologia molecolare, scoperta la struttura degli acidi nucleici, pensarono di associare al DNA una sequenza di simboli,

Dettagli

- AXXAM Spa Milano - DOMPÈ PHA.R.MA Spa L Aquila - ISTITUTO CLINICO HUMANITAS Spa Rozzano (MI) - BIOXELL Spa Milano

- AXXAM Spa Milano - DOMPÈ PHA.R.MA Spa L Aquila - ISTITUTO CLINICO HUMANITAS Spa Rozzano (MI) - BIOXELL Spa Milano SCHEDE TECNICHE INTERVENTI CONCLUSI ATI AXXAM - AXXAM Spa Milano - DOMPÈ PHA.R.MA Spa L Aquila - ISTITUTO CLINICO HUMANITAS Spa Rozzano (MI) - BIOXELL Spa Milano ID69/2005 PROGETTO R&S Piattaforma integrata

Dettagli

Meccanismi molecolari di trasduzione del segnale. Le vie di trasduzione del segnale sono molto specifiche ed estremamente sensibili.

Meccanismi molecolari di trasduzione del segnale. Le vie di trasduzione del segnale sono molto specifiche ed estremamente sensibili. Meccanismi molecolari di trasduzione del segnale. Le vie di trasduzione del segnale sono molto specifiche ed estremamente sensibili. La sensibilita delle vie di trasduzione dipende da 3 fattori: -l affinita

Dettagli