La banca dati contiene oltre quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia."

Transcript

1 QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione infette sono: cocchi gram-positivi aerobi gram-negativi anaerobi anaerobi gram-negativi E* tutti 2) Nella prevenzione delle ulcere da pressione, le ciambelle: dovrebbero essere usate sempre * riducono il flusso di sangue destinato alla cute in corrispondenza della parte centrale non hanno effetti negativi sulle lesioni aumentano il flusso di sangue 3) Le ulcere venose si manifestano con predilezione a livello del: lato laterale dell'estremità distale degli arti inferiori ** lato mediale dell'estremità distale degli arti inferiori polpaccio porzione antero-laterale degli arti inferiori 4) UN PZIENTE H SUITO UN INTERVENTO HIRURGIO LIVELLO OMINLE. PER FVORIRE L GURIGIONE I UN LESIONE EUITO ETERS HE INTERESSI IL TESSUTO UTNEO, SOTTOUTNEO E MUSOLRE È PREFERIILE UTILIZZRE: ) Medicazioni che asciughino le lesioni ) **Medicazioni che mantengano un ambiente umido ) L applicazione di ossigeno senza copertura della lesione ) Nessuna delle precedenti

2 5) Rallentano il processo di riparazione delle ulcere da pressione: antibiotici per uso topico soluzioni ipoclorito acqua ossigenata ** tutte le precedenti 6) L SL I EXTON-SMITH SI US PER: )** Valutare il rischio di insorgenza di lesioni da decubito ) Valutare lo stato nutrizionale ) Valutare il rischio di infezione di una ferita chirurgica ) Nessuna delle precedenti 7) L ulcera da decubito nell anziano si forma prevalentemente nella zona: ) Malleolare ) alcaneare ) **Sacrale ) scellare 8) urante l'ospedalizzazione, rischi primari potenziali per l'anziano sono: delirio ulcere da pressione aumentato rischio di frattura ** tutte le precedenti 9) L indice di Norton serve per valutare: ) Lo stato di vigilanza di una persona anziana ) La vitalità degli spermatozoi nell uomo. ) La condizione di salute del neonato. ) ** Il rischio di insorgenza di piaghe da decubito nel paziente anziano 10) Le ulcere da pressione allo stadio 3 e 4 sono più facilmente infettate da: aerobi gram-negativi cocchi gram-positivi

3 aerobi **anaerobi 11) I siti più frequenti di insorgenza delle ulcere da pressione sono: avambraccio coscia ** regione trocanterica regione plantare del piede 12. Quali tra questi non è un fattore di rischio estrinseco per lo sviluppo delle ulcere da pressione? pressione frizione strappo ** prensione 13) Non è un fattore di rischio esterno per le ulcere da pressione: lo strappo la frizione **l'essiccamento 14) Quale strumento chirurgico viene utilizzato per pulire un ulcera da decubito Pinze di ocker isturi Forbici e pinze **Tutte le precedenti 15) Le ulcere torpide degli arti inferiori sono piu' frequentemente di origine * venosa arteriosa nervosa-metabolica neoplastica

4 16) In un paziente anziano sono tutte condizioni predisponenti alla formazione di una piaga da decubito tranne: malnutrizione allettamento diabete * familiarità 17) Le ipostasi ** si ritrovano solo nelle zone declivi del decubito del soggetto indicano sempre una morte violenta sono un segno certo di morte hanno sempre lo stesso colore 18) Un paziente anziano può presentare una piaga da decubito perché: E' malnutrito E' allettato E' diabetico * Tutte le precedenti 19) Sono fattori associati all'insorgenza delle ulcere da pressione: linfocitopenia ipoalbuminemia calo ponderale ** tutte le precedenti 20) Lo stadio II delle ulcere da pressione nell'anziano è caratterizzato da: eritema cutaneo persistente alla digitopressione danno o necrosi del tessuto sottocutaneo che può estendersi non oltre la fascia muscolare sottostante perdita cutanea estesa, necrosi tissutale o danno muscolare-osseo ** perdita di spessore parziale di cute interessante epidermide e /o derma

5 21) Il terzo stadio nella classificazione delle ulcere da decubito corrisponde a: ulcera superficiale eritema persistente alla digito-pressione perdita cutanea estesa con necrosi tissutale o danno muscolare-osseo ** danno-necrosi del sottocute non oltre la fascia muscolare 22) Nel paziente anziano si osserva prevalentemente: ** rtrosi Sindrome da immunoricostituzione Sindrome mieloproliferativa Ittero da sindrome di ubin - Johnson 23)Gli enzimi proteolitici sono usati nella terapia delle ulcere da pressione: * perchè facilitano la rimozione del tessuto necrotico quando il fondo dell'ulcera è deterso se il fondo dell'ulcera comincia a granuleggiare tutte 24. Quale tra le seguenti è la complicanza più seria delle ulcere da pressione? infezione locale cellulite osteomielite ** sepsi 25) Le ulcere da pressione possono presentarsi come: eritema zone disepitelizzate escara ** tutte 26) Le ulcere che emanano cattivo odore sono verosimilmente infettate da:

6 germi aerobi l'assenza di cattivo odore esclude l'infezione ** germi anaerobi la presenza di cattivo odore fa fare diagnosi di certezza 27) L ulcera da decubito è: Una lesione cutanea protratta nel tempo non tendente alla guarigione Un a lesione cutanea che regredisce spontaneamente Un ulcera del piede diabetico Nessuna delle precedenti 28) Quale di questi attrezzi è utilizzato allo scopo di prevenire ulcere da decubito? **iambelle ad aria rchetto Spondina atetere 29) La genesi di una piaga da decubito è rappresentata da : poptosi delle cellule sottocutanee Riduzione del derma **Infiammazione e distruzione dell epidermide Necrosi progressiva 30) Quali materassi sono più adatti per prevenire le piaghe da decubito? Quelli rigidi Quelli di lana Quelli ad acqua **Quelli ad aria 31) Per evitare la formazione di una piaga da decubito sacrale, quale posizione deve evitare il paziente? La posizione eretta **Supina

7 Laterale sinistra a 90 Nessuna delle precedenti 32) Quale tra i seguenti non è fattore che predispone alla comparsa di piaghe da decubito? L'allettamento o la riduzione della mobilità isidratazione Età **Sesso 33) Quale procedura è particolarmente utile adottare in caso di paziente anziano alettato? La mobilizzazione La fisioterapia L eliminazione degli sfregamenti **Tutte le precedenti 34) Quale sostanza viene utilizzata per ridurre il rischio di infezioni da anaerobi in caso di ulcere da decubito? Soluzioni di cloruro di sodio ** Perossido di Idrogeno Penicillina lcool etilico 35) Per causare un ulcera da decubito, quanta pressione deve essere esercitata? 17 mmhg 36mmHg 43mmHg **Nessuna delle precedenti

Epidemiologia delle piaghe da decubito

Epidemiologia delle piaghe da decubito G Gerontol 2011;59:237-243 Società Italiana di Gerontologia e Geriatria Articolo di aggiornamento Review Sezione di Geriatria Clinica Epidemiologia delle piaghe da decubito Epidemiology of pressure ulcers

Dettagli

Gestione del rischio clinico. lesioni da pressione: prevenzione e trattamento. linee guida di riferimento regionale

Gestione del rischio clinico. lesioni da pressione: prevenzione e trattamento. linee guida di riferimento regionale Gestione del rischio clinico lesioni da pressione: prevenzione e trattamento linee guida di riferimento regionale REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Direzione centrale salute, integrazione socio sanitaria,

Dettagli

Prevenzione delle Ulcere da Pressione

Prevenzione delle Ulcere da Pressione delle Ulcere da Pressione GUIDA RAPIDA DI RIFERIMENTO 1 Introduzione Questa Guida Rapida di Riferimento riassume le linee guida basate sulle prove di efficacia relative alla prevenzione e al trattamento

Dettagli

PREVENZIONE E CURA DELLE LESIONI DA DECUBITO

PREVENZIONE E CURA DELLE LESIONI DA DECUBITO PREVENZIONE E CURA DELLE LESIONI DA DECUBITO Guida per una corretta assistenza a domicilio 1. Le lesioni da decubito 2. La prevenzione 3. Come intervenire 4. Presidi e ausili A.I.S.Le.C. azione Infermieristica

Dettagli

Consigli per muoverti bene con la persona che assisti

Consigli per muoverti bene con la persona che assisti 8. Strumenti per qualificare il lavoro di cura a domicilio Consigli per muoverti bene con la persona che assisti Assessorato alla Promozione delle politiche sociali e di quelle educative per l infanzia

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

La Terapia con Bifosfonati

La Terapia con Bifosfonati Capire La Terapia con Bifosfonati International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (United States and Canada) 818-487-7455 FAX: 818-487-7454

Dettagli

TUMORI DELLA MAMMELLA

TUMORI DELLA MAMMELLA TUMORI DELLA MAMMELLA INFORMAZIONI GENERALI La mammella Struttura e funzione della mammella La mammella è costituita da grasso (tessuto adiposo), tessuto connettivo e tessuto ghiandolare. Quest'ultimo

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

Come, reumatismo infantile? Ma esiste?

Come, reumatismo infantile? Ma esiste? Come, reumatismo infantile? Ma esiste? Dr. med. Traudel Saurenmann, Ospedale pediatrico di Zurigo Quando racconto a qualcuno che mi occupo di reumatologia infantile, spesso la reazione si tratti di un

Dettagli

ADDETTI ALLE CASSE DEI SUPERMERCATI. Linee guida per la valutazione del rischio e delle soluzioni ergonomiche

ADDETTI ALLE CASSE DEI SUPERMERCATI. Linee guida per la valutazione del rischio e delle soluzioni ergonomiche ADDETTI ALLE CASSE DEI SUPERMERCATI Linee guida per la valutazione del rischio e delle soluzioni ergonomiche Area/Centro di appartenenza: CRREO Responsabile del Centro: dr. Doriano Magosso - Spisal AULSS

Dettagli

IL CERVELLO CHE INVECCHIA

IL CERVELLO CHE INVECCHIA IL CERVELLO CHE INVECCHIA Conoscere per affrontare al meglio il declino cognitivo i quaderni della salute 2 a cura dell Assessorato alla Salute INDICE il cervello che invecchia pag 02 Quali norme comportamentali

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Questa pubblicazione ha lo scopo di fornire alle persone che hanno avuto un

Questa pubblicazione ha lo scopo di fornire alle persone che hanno avuto un ??? Questa pubblicazione ha lo scopo di fornire alle persone che hanno avuto un infarto alcune informazioni utili a condurre la vita di ogni giorno con serenità e consapevolezza. Viene consegnata al momento

Dettagli

TROMBOSI: SI PREVIENE E SI CURA

TROMBOSI: SI PREVIENE E SI CURA Periodico quadrimestrale - N. 59 - agosto 2005 - Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/2/04 n.46) art. 1 comma 2 DCB Milano TROMBOSI: SI PREVIENE E SI CURA I nfarto, Ictus, Embolia,

Dettagli

easy made Ulcere da pressione e idrocolloidi

easy made Ulcere da pressione e idrocolloidi made easy Volume 2 Numero 4 Novembre 2011 www.woundsinternational.com Ulcere da pressione e idrocolloidi Introduzione Le ulcere da pressione rappresentano una sfida importante con cui si confrontano i

Dettagli

NON SO COSA AVREI FATTO OGGI SENZA DI TE

NON SO COSA AVREI FATTO OGGI SENZA DI TE Regione Emilia-Romagna NON SO COSA AVREI FATTO OGGI SENZA DI TE MANUALE PER I FAMILIARI DELLE PERSONE AFFETTE DA DEMENZA Quando ti guardo sono terrorizzata dall idea che tutto ciò finirà ben presto. Conosciamo

Dettagli

LA TRASFUSIONE DI SANGUE EMOCOMPONENTI ED EMODERIVATI

LA TRASFUSIONE DI SANGUE EMOCOMPONENTI ED EMODERIVATI LA TRASFUSIONE DI SANGUE EMOCOMPONENTI ED EMODERIVATI 3 a edizione Dicembre 2008 Questa terza edizione delle Linee Guida per la trasfusione di sangue ed emoderivati, frutto della collaborazione e dell

Dettagli

In viaggio con 1 b i i a n i b m n viaggio con i bam I bnii

In viaggio con 1 b i i a n i b m n viaggio con i bam I bnii In viaggio con i bambini 1 Indice Prefazione 4 Introduzione 5 Le vaccinazioni 7 EPATITE A FEBBRE TIFOIDE FEBBRE GIALLA ENCEFALITE GIAPPONESE ENCEFALITE DA MORSO DI ZECCA MALATTIA MENINGOCOCCICA COLERA

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

Camminiamo insieme. Gli ematologi ai pazienti con trombocitemia

Camminiamo insieme. Gli ematologi ai pazienti con trombocitemia Camminiamo insieme Gli ematologi ai pazienti con trombocitemia 1 A cura di: Prof. Valerio De Stefano Professore Ordinario Istituto di Ematologia Università Cattolica di Roma - Policlinico Agostino Gemelli

Dettagli

Che cosa occorre sapere sull alopecia.

Che cosa occorre sapere sull alopecia. 01/ 2014 Sandoz Pharmaceuticals S.A. Suurstoffi 14 Casella postale 6343 Rotkreuz Tel. 0800 858 885 Fax 0800 858 888 www.generici.ch Che cosa occorre sapere sull alopecia. Struttura dei capelli 4 Ciclo

Dettagli

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Documento di linee-guida per la prevenzione e il controllo della legionellosi. LA CONFERENZA PERMANENTE

Dettagli