Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4"

Transcript

1

2 1. Descrizione della struttura portante Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4 terrazzamenti delimitati da preesistenti muri di sostegno. L edificio è suddiviso in due grandi corpi di fabbrica, Zona a monte e Zona a valle, fra loro strutturalmente indipendenti. La copertura è costituita, in entrambi i corpi, da un cassettonato di legno lamellare di circa 1500 mq per la Zona a monte e circa 1380 mq per la Zona a valle inclinato di 12 rispetto all orizzontale e quindi pressappoco parallelo al profilo medio del terreno d impianto. Tanto nella Zona a monte quanto nella Zona a valle una parte della superficie della grande falda del tetto per circa il 45% a monte ed il 40% a valle trovasi a quota superiore rispetto alla parte rimanente, con sfalsamento di un metro circa. Il cassettonato di legno lamellare, a maglie quadrate di m 1,80 x 1,80 circa, è sostenuto, all interno di ciascuno dei due corpi di fabbrica, da colonne metalliche circolari cave n. 20 nella Zona a monte, n. 16 nella Zona a valle disposte nei vertici di un reticolo a maglie quadrate con lato di m 7,20. Ciascuna colonna è sormontata da una chioma, costituita da n. 4 bracci metallici inclinati e a sezione tubolare variabile, che alle estremità superiori si congiungono con altrettanti nodi del cassettonato costituendone gli effettivi punti di appoggio. Lungo il perimetro dei due corpi di fabbrica il sostegno del tetto è invece costituito da telai metallici, con travi e colonne in profilati HE: dette colonne perimetrali, in numero di 46 per la Zona a monte e di 40 per la Zona a valle, sono prevalentemente distanziate di m 7,20 circa. Tanto le colonne centrali quanto quelle perimetrali spiccano da plinti in cemento armato poggianti su micropali che sono inclinati del 20% sulla verticale. I plinti sono collegati da un reticolo di travi in c.a., le quali svolgono anche, lungo il perimetro, funzione di travi portamuro. Per una migliore comprensione della forma della struttura in elevazione e del modello di calcolo di cui si dirà in appresso si rimanda alla vista assonometrica schematica riportata alla pag. 2 degli Allegati 1 e 2 alla Relazione di calcolo.

3 2. La modellazione strutturale Il modello fisico-matematico della struttura, per quel che concerne la geometria, i vincoli, la schematizzazione dei carichi e delle altre azioni esterne, è stato descritto articolatamente nella prima parte dei due citati Allegati alla Relazione di calcolo; mentre l analisi dei carichi unitari verticali (neve compresa), delle azioni del vento, delle variazioni termiche e delle azioni sismiche è contenuta nella Relazione di calcolo (punto 2.), nella quale sono pure riportate le caratteristiche meccaniche di tutti i materiali previsti dal progetto. In questa sede, al fine di facilitare la lettura dei suddetti Allegati 1 e 2, si trascrivono i dati di base in quanto a geometria, vincoli, carichi e azioni esterne impiegati per la modellazione numerica necessaria all analisi agli Elementi Finiti. La suddetta modellazione numerica della struttura, e così pure la rielaborazione dei risultati dell analisi agli Elementi Finiti e le verifiche dei singoli elementi strutturali sono state condotte utilizzando il programma CMP realizzato dalla Cooperativa Architetti e Ingegneri Progettazione di Reggio Emilia. Il solutore ad elementi finiti utilizzato è X FINEST della Ge.A.S. di Milano. La licenza d uso del software è intestata a SP studio via SARDEGNA, Casagiove (CE) (vid. anche pag. 3 in Allegati 1 e 2). 2.1 La modellazione geometrica Elemento centrale della modellazione è il nodo. L elemento strutturale che congiunge due nodi è il Beam. Tutti i vincoli esterni ed interni sono collocati nei nodi. I carichi agenti, schematizzati come carichi concentrati, agiscono nei nodi. Le colonne metalliche, sia quelle centrali che quelle perimetrali, e così pure i bracci delle chiome in cima alle colonne circolari, costituiscono in genere, per l intera lunghezza, un unico Beam tra i due nodi estremi nei quali sono presenti vincoli esterni o interni; in un certo numero di colonne della Zona a valle, per le quali risulta utile conoscere l entità dello spostamento orizzontale ad una determinata quota, è stato invece inserito anche un nodo intermedio (vid. pagg. 6 e 8 in Alleg. 2). Nelle campate delle travi metalliche ed in quelle di legno lamellare, oltre ai nodi di estremità dove sono sempre 2

4 presenti i vincoli interni, sono stati quasi sempre posizionati alcuni nodi intermedi caratterizzati anch essi dalla presenza di vincoli interni e di carichi concentrati: tali campate risultano perciò suddivise in più elementi Beam. Nella costruzione del modello ci si è serviti di un sistema di riferimento globale, esterno all edificio, costituito da una terna X Y Z cartesiana destrorsa; e da sistemi di riferimento locali per ciascuno degli elementi tipo Beam, costituiti anch essi da una terna cartesiana destrorsa, denominata 1 2 3, con l asse 1 avente la direzione dell elemento in esame, l asse 2 definibile di volta in volta e l asse 3 tale da completare la terna (vid. punto in Allegg. 1 e 2). Ad esempio (vid. punto in Allegg. 1 e 2) per le travi si stabilisce che, qualunque sia la direzione del loro asse geometrico, l asse locale 1 sarà diretto secondo tale asse geometrico, l asse 3 sarà verticale o comunque contenuto nel piano verticale e ortogonale all asse 1, e l asse 2 sarà naturalmente perpendicolare ai primi due: in tal modo il piano d inflessione verticale sarà sempre il piano 1,3. Le colonne invece, il cui asse geometrico è verticale e quindi parallelo all asse Z globale, avranno l asse 1 locale diretto secondo il suddetto asse geometrico, l asse 3 generalmente parallelo all asse globale Y (o ad esso angolarmente vicino) e l asse 2 tale da completare la terna destrorsa. Le colonne metalliche che, all interno di ciascuno dei due corpi di fabbrica, sorreggono il tetto hanno, come si è detto, sezione circolare cava, con diametro esterno Øe = 298,5 mm e spessore s = 12,5 mm (pagg in Alleg. 1, in Alleg. 2), e sono in acciaio S 355. Dalla loro sommità spiccano i 4 bracci metallici inclinati costituenti la chioma, i quali vanno a sorreggere il tetto, ciascuno in un nodo del cassettonato: i bracci, anch essi in acciaio S 355, presentano sezione circolare cava, con spessore costante s = 8 mm e diametro esterno variabile da Øe = 200 mm a Øe = 100 mm; quest ultimo però, per motivi di semplicità, è stato nella modellazione considerato costante e pari a Øe = 150 mm (pagg in Alleg. 1, pag. 19 in Alleg. 2). I telai metallici che sorreggono il tetto lungo l intero perimetro dei due corpi di fabbrica sono costituiti da colonne e travi HE 200 B (pagg. da 20 a 24 in Alleg. 1, da 20 a 22 in 3

5 Alleg. 2) in acciaio S 275. Le colonne circolari nella Zona a monte hanno un altezza minima di m 4,07 ed una massima di m 6,73, computata a partire dall estradosso dei plinti di fondazione e fino alla quota dalla quale si dipartono gli assi dei bracci (pagg. da 4 a 6 in Alleg. 1); nella Zona a valle l altezza minima è di m 3,73, quella massima di m 8,22 (pagg. 4-5 in Alleg. 2). Le colonne perimetrali HE 200 B, a loro volta, presentano le seguenti altezze: da un minimo di m 3,58 ad un massimo di m 8,68 nella Zona a monte (pagg. 7-8 in Alleg. 1); da un minimo di m 3,56 ad un massimo di m 10,48 nella Zona a valle (pagg. 7-8 in Alleg. 2). Le chiome alla cima delle colonne circolari sono tutte identiche fra loro e le lunghezze dei bracci, uguali a due a due, sono pari a m 2,73 quella minima, a m 3,10 circa quella massima (lunghezze deducibili dalle tabelle a pagg. 5-6 in Alleg. 1 e a pag. 5 in Alleg. 2). La copertura dell edificio in ciascuno dei due corpi di fabbrica è costituita, come si è detto, da un cassettonato di legno lamellare a maglie quadrate di m 1,80 x 1,80 circa. Le travi hanno tutte sezione rettangolare di dimensioni cm 14 x 29,7. La copertura della Zona a monte contiene n. 501 nodi (pagg. da 13 a 17 in Alleg. 1) con n elementi Beam (pagg. da 27 a 37 in Alleg. 1); quella della Zona a valle n. 474 nodi (pagg. da 12 a 16 in Alleg. 2) con n elementi Beam (pagg. da 24 a 33 in Alleg. 2). In entrambi i corpi di fabbrica le due parti della copertura sfalsate in altezza di 1 m circa sono collegate da pilastrini di legno 14 x 14 cm (tirantini), in numero di 6 per la Zona a monte (pag. 38 in Alleg. 1) e in numero di 9 per la Zona a valle (pag. 34 in Alleg. 2). Infine gli appoggi del cassettonato di legno lamellare sulla sottostante struttura portante metallica sono complessivamente n. 159 per la Zona a monte e n. 128 per la Zona a valle. Nella Zona a monte n. 80 dei 159 appoggi sono ubicati alle estremità superiori dei bracci delle 20 colonne circolari (pag. 5 in Alleg. 1), i rimanenti n. 79 in altrettanti nodi delle travi dei telai perimetrali (pagg in Alleg. 1). Nella Zona a valle n. 64 dei 128 appoggi si trovano in corrispondenza delle estremità dei bracci delle 16 colonne circolari (pag. 5 in Alleg. 1), i rimanenti n. 64 in altrettanti nodi delle travi dei telai perimetrali (pag. 23 in Alleg. 2). Sembra opportuno evidenziare, per quel che concerne gli appoggi sulle travi 4

6 perimetrali, che nel modello utilizzato questi ultimi sono stati materializzati con degli elementi Beam di sezione 20 x 20 cm, di altezza molto piccola, pari a cm 5 (pagg in Alleg. 1, pag. 23 in Alleg. 2), e modulo elastico elevatissimo, sì da poterli considerare infinitamente rigidi. I due nodi alle estremità di questo piccolo elemento Beam coincidono, quello a quota più bassa, con uno dei nodi della trave metallica (posizionati questi ultimi sempre all estradosso); e quello a quota a più alta con uno dei nodi del cassettonato di legno (posizionati sempre all intradosso del medesimo). Questo accorgimento si è reso necessario per poter differenziare i nodi delle due travi quella inferiore metallica e quella di legno sovrastante e parallela le quali, differentemente, avrebbero rappresentato erroneamente nel modello un unica trave. 2.2 I vincoli esterni e i vincoli interni I vincoli esterni si trovano esclusivamente alla base delle colonne, che sono state considerate incastrate al piede, tanto le circolari quanto le HE 200 B (pagg. 4 e 7 in Alleg. 1 e in Alleg. 2). Le condizioni di vincolo interno sono state attribuite agli elementi Beam associando agli stessi uno svincolamento, vale a dire interrompendo la continuità strutturale (con riferimento agli spostamenti e/o alle rotazioni) in uno o entrambi i nodi alle sue estremità. Gli elementi che compongono le strutture metalliche le colonne circolari con i bracci, le colonne perimetrali HE con le travi perimetrali HE sono fra loro solidali (continuità non interrotta). Gli svincolamenti sono invece presenti nei collegamenti fra cassettonato di legno lamellare e strutture metalliche che lo sorreggono, nonché nei nodi del cassettonato medesimo, secondo quanto qui di seguito descritto. Alle estremità dei bracci che spiccano dalla sommità delle colonne circolari sono posizionate cerniere che consentono la rotazione nei piani 13 e 12 del riferimento locale (pagg in Alleg. 1, e in Alleg. 2). 5

7 Nei piccoli elementi Beam mediante i quali sono stati schematizzati gli appoggi del cassettonato di legno sulle travi metalliche perimetrali è stata considerata non interrotta, nel nodo inferiore, la continuità strutturale con la trave metallica, mentre nel nodo superiore (cioè nel collegamento con il cassettonato) è stata posizionata una cerniera che consente la rotazione nei piani 13 e 12 del riferimento locale (pagg in Alleg. 1 e pag. 38 in Alleg. 2). Nei nodi del reticolo costituente il cassettonato di legno lamellare sono state posizionate cerniere in tutti i collegamenti trave secondaria/trave principale e trave secondaria/trave secondaria, oltre ad alcune cerniere che interrompono talvolta, per ragioni costruttive, la lunghezza delle travi principali: le suddette cerniere la cui ubicazione si rileva dai prospetti nelle pagg. da 44 a 51 in Alleg. 1 e nelle pagg. da 39 a 46 in Alleg. 2, nonché dagli schemi grafici di cui alle pagg in Alleg. 1 e alle pagg in Alleg. 2 consentono generalmente la rotazione in entrambi i piani 13 e 12 del riferimento locale. Nei pilastrini di legno (tirantini) che collegano, sia nella Zona a monte che nella Zona a valle, le due parti della copertura sfalsate di 1 m circa in altezza sono state posizionate cerniere in entrambi i nodi di estremità, sicché essi funzionano da pendoli (pagg. 38 e 41 in Alleg. 1, 34 e 37 in Alleg. 2). 2.3 La schematizzazione dei carichi e delle altre azioni esterne Sono state considerate agenti nella struttura n. 9 Condizioni di Carico Elementari (CdC), cosiddette carichi statici, che comprendono i carichi verticali e altre azioni esterne. Esse sono: i pesi propri degli elementi strutturali, i sovraccarichi permanenti (pesi propri degli elementi non strutturali), la neve, il vento (secondo ± X e secondo ± Y), le variazioni termiche ( T u = ± 15 C). Le relative analisi, con i valori finali unitari, si leggono nei punti da 2.1 a 2.11 della Relazione di calcolo. Nel prospetto di cui al punto 1.4 degli Allegati 1 e 2 sono poi riportati i coefficienti di combinazione 0, 1, 2 previsti dalla Norma al punto (Tabella 2.5.I). 6

8 I carichi verticali (permanenti e variabili) La CdC n. 1 è costituita dai pesi propri degli elementi strutturali, dei quali il software tiene conto in modo automatico. Pertanto al punto 1.7 dei due Allegati alla Relazione di calcolo vengono forniti, per ciascun elemento Beam (colonne circolari, bracci, colonne e travi perimetrali HE, travi del cassettonato di legno lamellare, tirantini) i pesi per unità di lunghezza. La CdC n. 2 è costituita dai pesi propri degli elementi non strutturali (carichi permanenti), la CdC n. 3 dalla neve (carico variabile). Nei prospetti di cui al punto dei due Allegati sono tabellati nelle pagine da 55 a 77 dell Allegato 1 e nelle pagine da 50 a 70 dell Allegato 2 i carichi agenti nei nodi, ottenuti come prodotto dell area di pertinenza del nodo per il valore unitario dei pesi propri non strutturali e della neve. Sempre al punto dei due Allegati nelle pagine da 78 a 81 dell Allegato 1 e nelle pagine da 71 a 73 dell Allegato 2 sono riportati poi, in appositi prospetti, i carichi verticali relativi ai pesi propri delle murature perimetrali di tamponamento (ancora quindi CdC 2). Questi carichi sono stati considerati, a vantaggio di sicurezza, applicati nei nodi delle travi metalliche dei telai perimetrali (quindi alla quota più alta); e calcolati, al solito, come prodotto dell area di pertinenza nodale per il peso a mq della muratura. Va subito detto, però, che di tale schematizzazione ci si è serviti unicamente al fine della determinazione delle masse che danno luogo alle azioni sismiche. Le azioni del vento Le azioni del vento, normale e radente alle superfici, i cui valori unitari si leggono ai punti e della Relazione di calcolo, sono state rappresentate con quattro diverse Condizioni di Carico Elementari non contemporanee (la n. 4 Vento in direzione + X, la n. 5 Vento in direzione - X, la n. 6 Vento in direzione + Y, la n. 7 Vento in direzione Y), i cui schemi grafici sono riportati al punto 1.6 dei due Allegati. Tali CdC danno luogo anch esse a carichi nodali, applicati nei nodi del tetto ed in quelli delle travi metalliche 7

9 dei telai perimetrali; e calcolati sempre come prodotto dell area di pertinenza del nodo per i valori unitari dell azione del vento tangente e del vento normale. In entrambi gli Allegati i carichi nodali dovuti all azione del vento tangente si leggono nei prospetti riportati al punto 1.6.1, quelli dovuti all azione del vento normale nei prospetti del punto Le azioni della temperatura Il gradiente termico uniforme T u = ± 15 C, di cui al punto 2.11 della Relazione di calcolo, ha dato luogo alle due Condizioni di Carico Elementari non contemporanee, la n. 8 e la n. 9. Esse interessano tutti gli elementi strutturali in acciaio (colonne circolari, bracci, colonne e travi perimetrali), come si rileva dai prospetti riportati al punto degli Allegati 1 e 2. Le azioni sismiche Per effettuare l esame delle condizioni di carico sismiche occorre, come già detto al punto 2.12 della Relazione di calcolo, definire gli spettri di risposta che forniscono l accelerazione spettrale orizzontale (coefficiente di risposta) in funzione del periodo di vibrazione della struttura. I parametri necessari a definire gli spettri di risposta per i tre Stati Limite considerati i due Stati Limite di Esercizio SLO e SLD che intervengono nelle Verifiche di deformabilità e lo Stato Limite Ultimo SLV che interviene nelle Verifiche di Resistenza e di Instabilità sono, oltre a quelli B, T 1 e = 5 fissati al richiamato punto 2.12 della Relazione di calcolo, gli ulteriori parametri: - a g accelerazione orizzontale massima del suolo - F 0 valore massimo del fattore di amplificazione dello spettro in accelerazione orizzontale - * C T periodo di inizio del tratto a velocità costante dello spettro di accelerazione orizzontale 8

10 che si ottengono dalla Tabella I dell Allegato B al D.M e che qui di seguito si trascrivono: SLO P VR = 81%, T R = 45 anni, a g /g = 0,0679, F 0 = 2,3366, * T C = 0,3054 sec SLD P VR = 63%, T R = 75 anni, a g /g = 0,0882, F 0 = 2,3792, * T C = 0,3269 sec SLV P VR = 10%, T R = 712 anni, a g /g = 0,2338, F 0 = 2,4447, * T C = 0,3829 sec. I suddetti parametri si leggono al punto degli Allegati 1 e 2 alla Relazione di calcolo. Gli spettri di risposta utilizzati sono stati calcolati con le formule di cui al punto del D.M e riportati per punti nei prospetti alle pagg. da 176 a 179 dell Alleg. 1 e alle pagg. da 161 a 164 dell Alleg. 2. Si fa osservare in proposito che, mentre negli spettri degli Stati Limite di Esercizio il fattore delle formule è stato posto uguale a 1, in quello dello Stato Limite Ultimo esso è stato sostituito con il valore 1/q, essendo q il fattore di struttura: con ciò si riducono le ordinate di quest ultimo spettro per tener conto in modo semplificato della capacità dissipativa anelastica della struttura (punto del D.M ). Il fattore di struttura, tanto per il sisma lungo X quanto per quello lungo Y, è fornito dalla formula di cui al punto della Norma: q X = q Y = q o K R. Entrambi i corpi di fabbrica dell edificio, la Zona a monte e la Zona a valle, si presentano come costruzioni monopiano, regolari in altezza e non regolari in pianta, a struttura metallica intelaiata e di classe di duttibilità B (bassa). Si è assunto, perciò: q 0 = 4 (Tabella 7.5.II): K R = 1 (punto 7.3.1) 9

11 e quindi: q X = q Y = 4. Gli effetti derivanti dalle azioni sismiche sono stati determinati attraverso l analisi lineare dinamica. Essa consiste (punto del D.M ): - nella determinazione dei modi di vibrare della costruzione (analisi modale); - nel calcolo degli effetti dell azione sismica, rappresentata dallo spettro di risposta di progetto, per ciascuno dei modi di vibrare individuati; - nella combinazione di questi effetti. Sono stati considerati n. 8 modi di vibrare per il corpo di fabbrica Zona a monte, n. 13 modi per il corpo di fabbrica Zona a valle (vid. punto in entrambi gli Allegati alla Relazione di calcolo), sì da rispettare sempre le due condizioni suggerite dalla Norma quella di considerare tutti i modi con massa partecipante superiore al 5% e l altra di considerare comunque un numero di modi la cui massa partecipante totale sia superiore all 85% come può rilevarsi dai prospetti riportati al richiamato punto La combinazione degli effetti relativi ai singoli modi è stata effettuata (punto in entrambi gli Allegati) utilizzando una combinazione quadratica completa di tali effetti, nella quale i coefficienti di correlazione fra due modi distinti dipendono dai coefficienti di smorzamento dei due modi e dal rapporto fra le due frequenze, secondo le formule (7.3.3) e (7.3.4) presenti nel punto della Norma. 3. La soluzione Il programma CMP utilizzato fornisce la soluzione per ciascuna delle n. 9 Condizioni di Carico Elementari di tipo statico di cui si è detto al precedente punto 2.3, nonché la soluzione relativa alle azioni sismiche. Si ottengono così le caratteristiche della sollecitazione e gli spostamenti in tutti i nodi della struttura, che vengono poi combinati, secondo le indicazioni della Norma (punto 2.5.3), negli Stati Limite di Esercizio SLO e SLD che intervengono nelle 10

12 Verifiche di deformabilità e nello Stato Limite Ultimo SLV che interviene invece nelle Verifiche di Resistenza e di Instabilità. In particolare, la combinazione relativa allo Stato Limite Ultimo SLV è quella di cui alla formula (2.5.1) per le azioni connesse ai carichi statici (CdC da n. 1 a n. 9), quella di cui alla formula (2.5.5) per le azioni sismiche. La combinazione relativa agli Stati Limite di Esercizio SLO e SLD è invece quella di cui alla formula (2.5.2) per i carichi statici e ancora quella di cui alla formula (2.5.5) per le azioni sismiche. Nelle formule suddette il termine Q k1 rappresenta l azione variabile dominante della combinazione, i termini Q k2, Q k3.. le azioni variabili che possono agire contemporaneamente a quella dominante. I coefficienti F si leggono nella colonna A1 STR della Tabella 2.6.I, quelli 0, 1, 2, come già detto, nella Tabella 2.5.I e sono riportati al punto 1.4 degli Allegati 1 e Le verifiche di resistenza e di instabilità Le verifiche di resistenza e le verifiche di instabilità sono state effettuate, come si è detto, in regime di Stato Limite Ultimo SLV tanto per gli elementi strutturali in acciaio quanto per quelli in legno lamellare, considerando separatamente le combinazioni relative ai carichi statici e quelle relative alle azioni sismiche. Le combinazioni relative ai carichi statici prevedono, oltre ai pesi propri strutturali e ai carichi permanenti non strutturali, i carichi variabili dovuti alla neve, al vento e alle variazioni termiche agenti contemporaneamente ma con uno di essi che assume, di volta in volta, il ruolo di azione variabile dominante. Si determinano così i tre inviluppi: SLO8 STR SLV 1, in cui è dominante la neve SLO8 STR SLV 2, in cui è dominante il vento SLO8 STR SLV 3, in cui è dominante la variazione termica. 11

13 Le combinazioni relative alla azioni sismiche prevedono, a loro volta, oltre ai pesi propri strutturali e ai carichi permanenti non strutturali, l intervento dell azione sismica E di cui alla formula prima richiamata, da valutarsi con l espressione E = 1,00 E x + 0,30 E y fornita dalla Norma al punto 7.3.5; in altri termini, al sisma in direzione X (o Y) va sempre abbinato il sisma lungo Y (o X), seppure in misura ridotta. Ne discendono, per le verifiche, gli ulteriori due inviluppi: SLO8 STR SLU Sism. Orizz. 1 SLO8 STR SLU Sism. Orizz. 2. Attraverso i cinque inviluppi di cui innanzi sono stati poi individuati i venti inviluppi elencati negli Allegati 1 e 2, al punto 2.1 per l acciaio e al punto per il legno lamellare, che determinano, nelle varie tipologie degli elementi Beam, i massimi valori in assoluto, positivi e negativi, delle caratteristiche della sollecitazione sforzo normale, taglio in direzione 2 e in direzione 3, momento flettente agente nel piano 12 e nel piano 13, momento torcente; nonché i massimi e minimi valori della tensione nei quattro vertici del rettangolo circoscritto alla sezione dell asta per gli elementi Beam in acciaio e nei quattro vertici del rettangolo costituente la sezione per gli elementi Beam in legno. 4.1 Elementi strutturali in acciaio Le sezioni delle colonne circolari cave (Ø e = 298,5 mm, s = 12,5 mm), quelle dei bracci (Ø e = 150 mm, s = 8 mm) e quelle delle colonne e delle travi perimetrali (HE 200 B) sono tutte collocabili in classe 1 ai sensi del punto del D.M Pertanto sia le verifiche di resistenza che quelle di instabilità possono essere effettuate in campo plastico (punto 4.2 della Norma). 12

14 4.1.1 Le verifiche di resistenza La verifica di resistenza impone che nello Stato Limite Ultimo sia sempre rispettata la condizione E Ed /R d 1 in cui E Ed è il valore di calcolo della generica azione esterna e R d è la corrispondente resistenza di calcolo della sezione; quest ultima, a sua volta, è fornita dal rapporto R k / Mo di cui alla formula (4.2.4) al punto , dove R k è il valore caratteristico della resistenza della sezione, determinata dal valore caratteristico f yk della resistenza del materiale e, una volta stabilita la classe, dalle caratteristiche geometriche della sezione. Le caratteristiche del materiale acciaio, indicate al punto 3. della Relazione di calcolo, sono le seguenti: - Colonne circolari e bracci: S355 con f yk = dan/cm 2 - Colonne e travi HE 200 B: S275 con f yk = dan/cm 2. Il coefficiente di sicurezza relativo alla resistenza assume, per la classe 1, il valore Mo = 1,05 (vid. Tabella 4.2.V). Tanto premesso, le verifiche di resistenza sono state effettuate, nell ambito di ciascuno dei cinque inviluppi di Stato Limite Ultimo di cui si è detto sub. 4., determinando le situazioni più pericolose per le sollecitazioni di presso o tensoflessione biassiale, di taglio e di torsione, e individuando fra le stesse quella più pericolosa in assoluto. Si è operato, in conformità delle indicazioni fornite dal punto della Norma, attraverso le formule (4.2.39) o (4.2.40) per la pressoflessione deviata, la (4.2.17) per il taglio, la (4.2.29) per la torsione: i primi membri delle formule suddette da confrontare poi con il valore 1 del secondo membro ai fini delle verifiche vengono così denominati dal programma: Coeff MN = coeff. di sfruttamento di resistenza a pressoflessione deviata Coeff V = coeff. di sfruttamento di resistenza a taglio Coeff T = coeff. di sfruttamento di resistenza a torsione. 13

15 Viene poi denominato Coeff Res = coeff. di sfruttamento di resistenza il più grande tra i valori precedenti. I massimi valori dei suddetti coefficienti di sfruttamento della resistenza e, fra loro, il valore massimo in assoluto che determina la situazione più pericolosa ai fini della verifica si leggono nei due Allegati alla Relazione di calcolo per ciascuno dei cinque inviluppi di condizioni di carico: e precisamente al punto per quanto concerne le colonne circolari, al punto per le colonne HE su due pali, al punto per le colonne HE su quattro pali, al punto per i bracci, al punto per le travi HE dei telai perimetrali. Si riportano di seguito a titolo di esempio, anche per facilitare la lettura degli Allegati, le situazioni più pericolose quelle cioè caratterizzate dai valori più alti dei coefficienti di sfruttamento della resistenza nei diversi elementi strutturali della Zona a monte. Per ciascuna di tali situazioni vengono anche indicati l elemento Beam (*) e la sezione in cui essa si presenta, nonché la sestupla di valori delle caratteristiche della sollecitazione che in quel Beam ed in quella sezione danno luogo alla situazione medesima. COLONNE CIRCOLARI Ø e = 298,5 mm, S = 12,5 mm (pag. 185 in Alleg. 1) Massimo Coeff Res Massimo Coeff MN = 0,30 Invil. SLV 2 Beam n. 8 Sezione x = 5,00 m N = ,25 dan, V 12 = - 239,06 dan, V 13 = ,17 dan M 12 = 1.393,17 danm, M 13 = ,23 danm, M t = 202,59 danm COLONNE HE 200B (pagg. 196/197 in Alleg. 1) Massimo Coeff Res Massimo Coeff MN = 0,41 Inv. Sism. Orizz. 1 (**) Inv. Sism. Orizz. 2 Beam n. 21 Sezione x = 5,51 m N = ,24 dan, V 12 = 417,85 dan, V 13 = ,05 dan M 12 = 1.183,04 danm, M 13 = ,83 danm, M t = 0,17 danm (*) (**) L elemento Beam è individuabile attraverso le indicazioni grafiche e tabellari contenute nel punto Configurazione degli elementi Beam in Alleg. 1; e con l ausilio, inoltre, degli schemi grafici qui fascicolati in calce. La sestupla dei valori indicati per le caratteristiche della sollecitazione si riferisce all Inv. Sism. Orizz

16 BRACCI Ø e = 150,00 mm, S = 8 mm (pagg. 198/199 in Alleg. 1) Massimo Coeff Res Massimo Coeff MN = 0,87 Invil. SLV 1 Beam n Sezione x = 3,10 m N = ,33 dan, V 12 = - 135,05 dan, V 13 = ,97 dan M 12 = - 418,13 danm, M 13 = ,58 danm, M t = 670,60 danm TRAVI HE 200 B (pag. 203 in Alleg. 1) Massimo Coeff Res Max Coeff MN Max Coeff V = 0,48 Invil. SLV 1 Beam n Sezione x = 0,00 m N = ,42 dan, V 12 = 69,22 dan, V 13 = 5.207,39 dan M 12 = - 99,00 danm, M 13 = ,97 danm, M t = - 8,85 danm Procedendo analogamente, si ha per la Zona a valle: COLONNE CIRCOLARI Ø e = 298,5 mm, S = 12,5 mm (pagg. 169/170 in Alleg. 2) Massimo Coeff Res Massimo Coeff MN = 0,39 Invil. SLV 2 Beam n. 9 Sezione x = 4,75 m N = ,26 dan, V 12 = - 47,42 dan, V 13 = ,99 dan M 12 = - 406,74 danm, M 13 = ,22 danm, M t = 24,82 danm COLONNE HE 200B (pagg. 175/176 in Alleg. 2) Massimo Coeff Res Massimo Coeff MN = 0,47 Invil. SLV 2 Beam n. 27 Sezione x = 4,37 m N = dan, V 12 = - 37,51 dan, V 13 = 2.288,86 dan M 12 = - 184,19 danm, M 13 = 6.932,81 danm, M t = 0,13 danm BRACCI Ø e = 150,00 mm, S = 8 mm (pagg. 185/186 in Alleg. 2) Massimo Coeff Res Massimo Coeff MN = 0,39 Invil. SLV 1 Beam n. 701 Sezione x = 2,73 m N = dan, V 12 = 25,98 dan, V 13 = - 639,42 dan M 12 = 70,88 danm, M 13 = ,83 danm, M t = - 95,92 danm TRAVI HE 200 B (pag. 191 in Alleg. 2) Massimo Coeff Res Max Coeff MN = 0,54 Invil. SLV 1 Beam n Sezione x = 0,00 m N = ,05 dan, V 12 = 490,30 dan, V 13 = 5.161,01 dan M 12 = - 526,87 danm, M 13 = ,26 danm, M t = 39,22 danm. 15

17 Come può rilevarsi, il Massimo Coeff Res risulta << 1 per tutti gli elementi strutturali in acciaio; e quindi le corrispondenti verifiche di resistenza sono sempre ampiamente soddisfatte. Per meglio evidenziare, tanto per la Zona a monte quanto per la Zona a valle, i risultati delle verifiche di resistenza innanzi riportate sono stati tracciati, per l intera lunghezza di ciascuno degli elementi Beam, i diagrammi dello sforzo normale, dei due tagli e dei due momenti flettenti corrispondenti alla condizione di carico che vi ha dato luogo al Massimo Coeff Res: i relativi grafici si trovano fascicolati in calce alla presente Relazione illustrativa Le verifiche di instabilità La verifica di instabilità impone che nello Stato Limite Ultimo sia sempre rispettata la condizione E Ed / R bd 1 in cui E Ed è, come nella verifica di resistenza, il valore di calcolo della generica azione esterna, mentre R bd è la corrispondente resistenza all instabilità. Quest ultima è data dal rapporto R bk / M1, dove R bk è il valore caratteristico della resistenza all instabilità, che è funzione di f yk, delle caratteristiche geometriche e della classe della sezione nonché della snellezza dell elemento strutturale nel piano d inflessione considerato; e il coefficiente di sicurezza alla stabilità vale M1 = 1,05 (vid. Tabella 4.2.V). Per le verifiche di instabilità si è operato in modo analogo alle verifiche di resistenza, in conformità però delle indicazioni fornite dalla Norma al punto , in particolare ai punti (aste compresse) e (membrature inflesse e compresse). Sono state perciò individuate, nell ambito di ciascuno dei cinque inviluppi di Stato Limite Ultimo, le situazioni più pericolose attraverso la determinazione dei coefficienti di cui al punto 2.1 degli Allegati alla Relazione di calcolo: Coeff N = coefficiente di sfruttamento d instabilità a compressione 16

18 Coeff NM 12 = coefficiente di sfruttamento d instabilità flessotorsionale nel piano 12 Coeff NM 13 = coefficiente di sfruttamento d instabilità flessotorsionale nel piano 13 da calcolare, gli ultimi due, con le formule (C ) di cui al punto C Metodo B della Circolare Min. n. 617/2009, al quale la Norma implicitamente rimanda; e tenendo conto, altresì, delle curve d instabilità a, b, c riportate in EC3. I valori massimi dei tre coefficienti di sfruttamento d instabilità sono riportati nei due Allegati alla Relazione di calcolo, per ciascuno dei cinque inviluppi di condizioni di carico, rispettivamente al punto per quel che concerne le colonne circolari, al punto per le colonne HE su due pali, al punto per le colonne HE su quattro pali, al punto per i bracci, al punto per le travi HE dei telai principali. Il più grande in assoluto di tali valori determina, per ciascuna tipologia degli elementi strutturali, la situazione più pericolosa nei confronti dell instabilità. Si riportano di seguito le situazioni più pericolose, quelle cioè caratterizzate dai valori più elevati dei coefficienti di sfruttamento d instabilità: Zona a monte (Allegato 1) COLONNE CIRCOLARI Ø e = 298,5 mm, s = 12,5 mm (pag. 208) Lunghezza libera d inflessione : l 0 = 2l (coeff. di vincolo = 2 nei due piani 12 e 13) Massimo Coeff Inst Massimo Coeff NM 12 = 0,22 Invil. SLV 1 Beam n. 6 Sezione x = 3,37 m COLONNE HE 200 B (pag. 217) Lunghezza libera d inflessione : l 0 = l (coeff. di vincolo = 1 nei due piani 12 e 13) Massimo Coeff Inst Massimo Coeff NM 13 = 0,43 Invil. SLV 2 Beam n. 46 Sezione x = 1,79 m BRACCI Ø e = 150 mm, s = 8 mm (pag. 233) Lunghezza libera d inflessione : l 0 = 2l (coeff. di vincolo = 2 nei due piani 12 e 13) Massimo Coeff Inst Massimo Coeff NM 13 = 0,70 Invil. SLV 1 Beam n Sezione x = 1,55 m 17

19 TRAVI HE 200 B (pag. 239) Lunghezza libera d inflessione : l 0 = 0,8 l piano 12; l 0 = 0,7 l piano 13 (coeff. di vincolo = 0,8 piano infless. orizz., coeff. di vincolo = 0,7 piano infless. vert.) Massimo Coeff Inst Massimo Coeff NM 13 = 0,47 Invil. SLV 1 Beam n Sezione x = 0,90 m Zona a valle (Allegato 2) COLONNE CIRCOLARI Ø e = 298,5 mm, s = 12,5 mm (pag. 197) Lunghezza libera d inflessione : l 0 = 2l (coeff. di vincolo = 2 nei due piani 12 e 13) Massimo Coeff Inst Massimo Coeff NM 13 = 0,34 Invil. SLV 1 Beam n. 7 Sezione x = 2,19 m COLONNE HE 200 B (pag. 202) Lunghezza libera d inflessione : l 0 = l (coeff. di vincolo = 1 nei due piani 12 e 13) Massimo Coeff Inst Massimo Coeff NM 12 = 0,38 Invil. SLV 1 Beam n. 23 Sezione x = 2,19 m BRACCI Ø e = 150 mm, s = 8 mm (pag. 215) Lunghezza libera d inflessione : l 0 = 2l (coeff. di vincolo = 2 nei due piani 12 e 13) Massimo Coeff Inst Massimo Coeff NM 12 = 0,49 Invil. SLV 1 Beam n. 904 Sezione x = 1,54 m TRAVI HE 200 B (pag. 222) Lunghezza libera d inflessione : l 0 = 0,8 l piano 12; l 0 = 0,7 l piano 13 (coeff. di vincolo = 0,8 piano infless. orizz., coeff. di vincolo = 0,7 piano infless. vert.) Massimo Coeff Inst Massimo Coeff NM 13 = 0,53 Invil. SLV 1 Beam n Sezione x = 0,91 m Da tali risultati si evince che il Massimo Coeff Inst risulta << 1 per tutti gli elementi strutturali in acciaio sia nella Zona a monte che nella Zona a valle e quindi le corrispondenti verifiche di instabilità sono sempre ampiamente soddisfatte. Va rilevato però che per poche colonne perimetrali HE 200 B della Zona a valle la snellezza di sbandamento nel piano 12 risulta pari a 206,913, appena superiore cioè al valore 200 suggerito dalla Norma come limite opportuno per le membrature principali (punto D.M ). 18

20 L inosservanza di tale suggerimento è comunque di peso praticamente nullo, vuoi perché i valori del Massimo Coeff Inst risultano assai modesti, e vuoi perché il suggerimento appare, nel caso di specie, fin troppo cautelativo se si considera che nel calcolo della snellezza delle suddette colonne si è trascurato, a vantaggio di sicurezza, il contenimento laterale offerto dal vespaio areato e dalla massicciata presenti alla base per un altezza di 60 cm. 4.2 Elementi strutturali in legno lamellare Gli elementi Beam di legno lamellare, sia quelli principali che quelli secondari, hanno tutti, come si è detto, sezione rettangolare di cm 14 x 29,7. Nelle verifiche occorre utilizzare i valori di calcolo relativi alle proprietà del materiale: tali valori, ai sensi del punto del D.M , vengono determinati, a partire dai valori caratteristici, con riferimento combinato alla classe di servizio del legno e alla classe di durata del carico. Nel caso in esame sono state assegnate al materiale la classe di servizio 1 (vid. Tabella 4.4.II) che dipende dall umidità; e la classe di durata del carico istantanea (Tabella 4.4.I al punto 4.4.4). In quanto alla scelta di quest ultima si osservi che, se una combinazione di carico comprende azioni appartenenti a differenti classi di durata del carico, dovrà privilegiarsi nella scelta l azione di minor durata Le verifiche di resistenza Per la verifica di resistenza, da effettuare nello Stato Limite Ultimo, vanno preliminarmente calcolati i valori di calcolo X d delle proprietà del materiale, che intervengono nelle singole verifiche, con la formula (4.4.1) del punto 4.4.6: X d = k mod X K M dove: X K M è il valore caratteristico della singola proprietà del materiale è il coefficiente parziale di sicurezza relativo al materiale 19

Lezione. Progetto di Strutture

Lezione. Progetto di Strutture Lezione Progetto di Strutture Impostazione della carpenteria Impostazione della carpenteria Definizione dell orditura dei solai e della posizione di travi e pilastri ( La struttura deve essere in grado

Dettagli

Analisi sismica di edifici in muratura e misti

Analisi sismica di edifici in muratura e misti Analisi sismica di edifici in muratura e misti Parte 3 1 1. Verifiche meccanismi locali 2. Interventi locali (cerchiature, catene, rinforzo solai) 3. Collegamento 3Muri Axis VM per calcolo fondazioni ed

Dettagli

Realizzazione di copertura telescopica

Realizzazione di copertura telescopica Realizzazione di copertura telescopica Relazione di calcolo Progetto ed esecuzione dell opera : Lynx s.r.l. Responsabile di Progetto e verifica : ing. Abilitato Committente : sig. Bianco Bianchi 1 INDICE

Dettagli

NUOVO TECNOPOLO Progetto Esecutivo INDICE

NUOVO TECNOPOLO Progetto Esecutivo INDICE 1 INDICE 1. RELAZIONE DI CALCOLO VANO SCALA... 2 1.1 DESCRIZIONE DEI DATI DEL MODELLO... 2 1.1.1 INTRODUZIONE... 5 1.1.2 CARATTERISTICHE DEI MATERIALI... 6 1.1.3 DESCRIZIONE DELLE CONDIZIONI DI CARICO

Dettagli

GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto.

GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto. GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto. Il progetto prevede: la realizzazione di un nuovo intervento strutturale:

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA Edifici in muratura portante 2 1 Cosa è ANDILWall? ANDILWall è un software di analisi strutturale che utilizza il motore di calcolo SAM II, sviluppato presso l Università degli Studi di Pavia e presso

Dettagli

INDICE. 1. Premesse e schema di calcolo della struttura pag. 2. 2. Regime normativo pag. 5

INDICE. 1. Premesse e schema di calcolo della struttura pag. 2. 2. Regime normativo pag. 5 INDICE 1. Premesse e schema di calcolo della struttura pag. 2 2. Regime normativo pag. 5 3. Vita nominale, classi d uso e periodo di riferimento pag. 6 4. Determinazione dell azione sismica secondo pag.

Dettagli

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3)

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3) Domande su: taglio, flessione composta e collegamenti. Indica se ciascuna delle seguenti affermazioni è vera o falsa (per ciascuna domanda punti 2) (1) L adozione di un gioco foro-bullone elevato semplifica

Dettagli

Il calcolo delle sopraelevazioni in muratura in funzione del livello di conoscenza

Il calcolo delle sopraelevazioni in muratura in funzione del livello di conoscenza MICHELE VINCI Il calcolo delle sopraelevazioni in muratura in funzione del livello di conoscenza Collana Calcolo di edifici in muratura (www.edificiinmuratura.it) Articolo 2 Ottobre 2013 Bibliografia:

Dettagli

MODELLAZIONE DI UN EDIFICIO IN MURATURA CON IL PROGRAMMA DI CALCOLO 3MURI

MODELLAZIONE DI UN EDIFICIO IN MURATURA CON IL PROGRAMMA DI CALCOLO 3MURI MODELLAZIONE DI UN EDIFICIO IN MURATURA CON IL PROGRAMMA DI CALCOLO 3MURI 1) CREARE UN FILE.DXF IN AUTOCAD NEL QUALE VENGONO RIPORTATE LE PIANTE DEI VARI PIANI DELL EDIFICIO DA ANALIZZARE. RISULTA CONVENIENTE

Dettagli

Verifica sismica degli edifici in muratura attraverso il software di calcolo 3Muri

Verifica sismica degli edifici in muratura attraverso il software di calcolo 3Muri Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270 Relazione di fine tirocinio A.A. 2013-2014 Verifica sismica degli edifici in muratura attraverso il software

Dettagli

ALCUNE NOTE SULLA MODELLAZIONE FEM DELLE PLATEE DI FONDAZIONE IN C.A.

ALCUNE NOTE SULLA MODELLAZIONE FEM DELLE PLATEE DI FONDAZIONE IN C.A. Paolo Varagnolo Giorgio Pilloni ALCUNE NOTE SULLA MODELLAZIONE FEM DELLE PLATEE DI FONDAZIONE IN C.A. Ingegneri liberi professionisti Padova luglio 2010 ------------------------- Nella progettazione esecutiva

Dettagli

Università degli studi di Cagliari. Corso di aggiornamento. Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ

Università degli studi di Cagliari. Corso di aggiornamento. Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ Università degli studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Strutturale Corso di aggiornamento Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ RELATORE: Ing. Igino MURA imura@unica.it 25-26 Giugno 2010 - Instabilità:

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

SCHEDA DI VULNERABILITÀ SISMICA

SCHEDA DI VULNERABILITÀ SISMICA Comune di Taranto 10^ Direzione Lavori Pubblici SCHEDA DI VULNERABILITÀ SMICA OGGETTO: Lavori di riqualificazione edilizia ed impiantistica della scuola media C. COLOMBO Via Medaglie D Oro n. 117 - Taranto

Dettagli

SETTI O PARETI IN C.A.

SETTI O PARETI IN C.A. SETTI O PARETI IN C.A. Parete Pareti accoppiate SETTI O PARETI IN C.A. Na 20% Fh i i h i Na/M tot >=0.2 SETTI O PARETI IN C.A. IL FATTORE DI STRUTTURA VERIFICHE SETTI O PARETI IN C.A. SOLLECITAZIONI -FLESSIONE

Dettagli

RELAZIONE Ai sensi del Cap. 10.2 delle N.T.C. 2008 ANALISI E VERIFICHE SVOLTE CON L' AUSILIO DI CODICI DI CALCOLO

RELAZIONE Ai sensi del Cap. 10.2 delle N.T.C. 2008 ANALISI E VERIFICHE SVOLTE CON L' AUSILIO DI CODICI DI CALCOLO Comune di Calatabiano Provincia di Catania RELAZIONE Ai sensi del Cap. 10.2 delle N.T.C. 2008 ANALI E VERIFICHE SVOLTE CON L' AULIO DI CODICI DI CALCOLO PROGETTO PER LA MESSA IN CUREZZA DEL MURO DI CONFINE

Dettagli

Combinazione dei carichi

Combinazione dei carichi Combinazione dei carichi Un passo fondamentale del progetto di un opera civile è sicuramente l analisi delle forze agenti su essa che sono necessarie per l individuazione delle corrette sollecitazioni

Dettagli

Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2

Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2 Indice Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2 A1.1 Relazione generale illustrativa dell opera... 2 A1.2 Normativa di riferimento... 3 A1.3 Descrizione del modello strutturale... 4 A1.4 Valutazione

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA PORTANTE 1 - ZONE NON SISMICHE PRINCIPI DI DIMENSIONAMENTO E VERIFICA STRUTTURALE

EDIFICI IN MURATURA PORTANTE 1 - ZONE NON SISMICHE PRINCIPI DI DIMENSIONAMENTO E VERIFICA STRUTTURALE EDIFICI IN MURATURA PORTANTE PRINCIPI DI DIMENSIONAMENTO E VERIFICA STRUTTURALE 1 - ZONE NON SISMICHE Riferimenti: D.M. LLPP 20.11.1987 Il calcolo strutturale degli edifici in muratura portante, secondo

Dettagli

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali 1 Pali di fondazione La portata dei pali Nel caso dei pali di punta soggetti a sforzi assiali, cioè realizzati in terreni incoerenti e infissi in terreno profondo compatto, il carico ammissibile P su ogni

Dettagli

Le coperture in legno

Le coperture in legno CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 Le coperture in legno LA CAPRIATA Tra scienza ed arte del costruire «Il forte intreccio di storia, tecnologia, architettura e cultura materiale,

Dettagli

Leonardo Principato Trosso

Leonardo Principato Trosso Leonardo Principato Trosso Software per il calcolo con i metodi delle tensioni ammissibili e agli stati limite ai sensi del D.M. 14 gennaio 2008 * Solai in cemento armato, ferro, legno e a piastra * Sbalzi

Dettagli

Capitolo 4 CALCOLO DELLE SEZIONI

Capitolo 4 CALCOLO DELLE SEZIONI Capitolo 4B - Stati limite ultimi 51 Capitolo 4 CALCOLO DELLE SEZIONI 4.1 Trazione Il comportamento sotto carico crescente di un pezzo di acciaio è ricavabile dalla prova a trazione effettuata con apposite

Dettagli

Costruzioni in legno. Caratteristiche meccaniche Metodi di calcolo

Costruzioni in legno. Caratteristiche meccaniche Metodi di calcolo Costruzioni in legno Caratteristiche meccaniche Metodi di calcolo Bozza del 18/5/21 Costituzione del tronco Bozza del 18/5/21 Difetti Bozza del 18/5/21 Relazione tra Umidità, Umidità relativa e Temperatura

Dettagli

4. Edificio multipiano a telaio in acciaio : DIMENSIONAMENTO TRAVI, PILASTRI, CONTROVENTI ORIZZONTALI E VERTICALI.

4. Edificio multipiano a telaio in acciaio : DIMENSIONAMENTO TRAVI, PILASTRI, CONTROVENTI ORIZZONTALI E VERTICALI. 4. Edificio multipiano a telaio in acciaio : DIMENSIONAMENTO TRAVI, PILASTRI, CONTROVENTI ORIZZONTALI E VERTICALI. La tipologia è descritta in figura (pianta piano tipo). In figura sono anche evidenziati

Dettagli

INFOSYS S.r.l. - Via Castromediano, 133-70126 Bari tel 080.2022050 fax 080.5531734 e-mail: infosys@hsnet.it sito: www.e-infosys.it

INFOSYS S.r.l. - Via Castromediano, 133-70126 Bari tel 080.2022050 fax 080.5531734 e-mail: infosys@hsnet.it sito: www.e-infosys.it INFOSYS S.r.l. - Via Castromediano, 133-70126 Bari tel 080.2022050 fax 080.5531734 e-mail: infosys@hsnet.it sito: www.e-infosys.it DESCRIZIONE GENERALE Software di calcolo strutturale, per il progetto

Dettagli

4 Azioni sulle costruzioni

4 Azioni sulle costruzioni 4 Azioni sulle costruzioni Classificazione delle azioni 1/2 Si definisce azione ogni causa o insieme di cause capace di indurre stati limite in una struttura. Si definisce sollecitazione ogni effetto interno

Dettagli

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi Incontro di aggiornamento Edifici antisismici in calcestruzzo armato Aspetti strutturali e geotecnici secondo le NTC08 1 Esame visivo della struttura Orizzonte Hotel, Acireale 16-17 dicembre 2010 Aurelio

Dettagli

Via Emilia Ovest, 21/A 42048 Rubiera (R.E.) Tel. 0522/629909; fax. 626229 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 01207970359 C.F.

Via Emilia Ovest, 21/A 42048 Rubiera (R.E.) Tel. 0522/629909; fax. 626229 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 01207970359 C.F. Via Emilia Ovest, 1/A 4048 Rubiera (R.E.) Tel. 05/69909; fax. 669 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 0107970359 C.F. FLLPLA48L06I496U MONTANTE PER ANCORAGGIO DISPOSITIVI INDIVIDUALI CONTRO LA CADUTA DAI TETTI,

Dettagli

Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali...

Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali... LabCos! 4LabCos! Le forme e le soluzioni per le strutture orizzontali... LabCos! LabCos! il problema della spinta, oltre a quello dei carichi verticali! Strutture inflesse! Strutture spingenti! Un arco

Dettagli

LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Predimensionamento e analisi dei carichi del solaio

LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Predimensionamento e analisi dei carichi del solaio prof. Renato Giannini LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Predimensionamento e analisi dei carichi del solaio (arch. Lorena Sguerri) PREDIMENSIONAMENTO E ANALISI DEI CARICHI DEL SOLAIO Norme per il predimensionamento

Dettagli

AEROPORTO INTERNAZIONALE NAPOLI CAPODICHINO AMPLIAMENTO TERMINAL PASSEGGERI PROGETTO STRUTTURE METALLICHE SISMORESISTENTI

AEROPORTO INTERNAZIONALE NAPOLI CAPODICHINO AMPLIAMENTO TERMINAL PASSEGGERI PROGETTO STRUTTURE METALLICHE SISMORESISTENTI AEROPORTO INTERNAZIONALE NAPOLI CAPODICHINO AMPLIAMENTO TERMINAL PASSEGGERI PROGETTO STRUTTURE METALLICHE SISMORESISTENTI INTERNAZIONAL AIRPORT NAPOLI CAPODICHINO NEW TERMINAL PASSENGER DESIGN OF STEEL

Dettagli

Analisi pushover per edifici in muratura (parametri che ne influenzano i risultati)

Analisi pushover per edifici in muratura (parametri che ne influenzano i risultati) MICHELE VINCI Analisi pushover per edifici in muratura (parametri che ne influenzano i risultati) Articolo 3 Marzo 2014 Collana Calcolo di edifici in muratura (www.edificiinmuratura.it) Software utilizzato:

Dettagli

Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale e orizzontale

Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale e orizzontale CORSO DI LAUREA QUINQUENNALE a.a. 2012/13 MATERIALI PER L'ARCHITETTURA Prof. Alberto De Capua Struttura Portante: problematiche funzionali - Strutture di fondazione - Strutture di contenimento verticale

Dettagli

PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO

PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO PROGRAMMA DETTAGLIATO CORSO INTEGRATO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI: COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO E ACCIAIO 1 LEZIONE COSTRUZIONI IN CEMENTO ARMATO ARGOMENTI 1. Introduzione Presentazione del corso 2.

Dettagli

Pali di fondazione. Portata dei pali. Scelta del tipo di palo. 8 Le fondazioni 8.3 Fondazioni continue

Pali di fondazione. Portata dei pali. Scelta del tipo di palo. 8 Le fondazioni 8.3 Fondazioni continue 1 Pali di fondazione Si possono avere: a) pali in legno: oggi quasi totalmente abbandonati e impiegati solo per modeste costruzioni che trasmettono carichi limitati, per lo più in zone con abbondante legname,

Dettagli

Liborio Cavaleri, Valerio Radice Specificità nella valutazione della capacità delle strutture murarie di nuova costruzione

Liborio Cavaleri, Valerio Radice Specificità nella valutazione della capacità delle strutture murarie di nuova costruzione A08 458 Liborio Cavaleri, Valerio Radice Specificità nella valutazione della capacità delle strutture murarie di nuova costruzione Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

ELEMENTI IN ACCIAIO MONO-SIMMETRICI CON ANIMA IRRIGIDITA. Domenico Leone

ELEMENTI IN ACCIAIO MONO-SIMMETRICI CON ANIMA IRRIGIDITA. Domenico Leone ELEMENTI IN ACCIAIO MONO-SIMMETRICI CON ANIMA IRRIGIDITA Domenico Leone ELEMENTI IN ACCIAIO MONO-SIMMETRICI CON ANIMA IRRIGIDITA Domenico Leone Il prof. Domenico Leone vanta un esperienza più che trentennale

Dettagli

Bassa massa volumica (peso)= basse forze inerziali sismiche (peso del legno= 450 Kg/m³ 30-40 kg/m² ;

Bassa massa volumica (peso)= basse forze inerziali sismiche (peso del legno= 450 Kg/m³ 30-40 kg/m² ; BUON COMPORTAMENTO IN ZONA SISMICA Il legno come materiale e le strutture in legno in generale sono naturalmente dotate di alcune caratteristiche intrinseche che ne rendono non solo adatto ma consigliabile

Dettagli

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi ANDILWall è un programma di calcolo per la progettazione e verifica sismica

Dettagli

VERIFICA DI EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA E ARMATA CON METODI DI ANALISI STATICA LINEARE E NON LINEARE.

VERIFICA DI EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA E ARMATA CON METODI DI ANALISI STATICA LINEARE E NON LINEARE. VERIFICA DI EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA E ARMATA CON METODI DI ANALISI STATICA LINEARE E NON LINEARE. PREFAZIONE A partire dal 1973, anno di fondazione di ANPEL (Associazione Nazionale Produttori Elementi

Dettagli

La nuova normativa sismica. Edifici in cemento armato

La nuova normativa sismica. Edifici in cemento armato La nuova normativa sismica Ordinanza 3274 del 20 marzo 2003 e 3431 del 3 maggio 2005 Edifici in cemento armato Prof. Ing. Gennaro Magliulo Conglomerato: Caratteristiche dei materiali Rbk > = 25 Mpa (250

Dettagli

30/05/2012. PDF Lezioni sul sito: www2.unibas.it/ponzo. Mettere figura. Prof. Ing. Felice Carlo Ponzo. Prof. Ing. Felice Carlo Ponzo

30/05/2012. PDF Lezioni sul sito: www2.unibas.it/ponzo. Mettere figura. Prof. Ing. Felice Carlo Ponzo. Prof. Ing. Felice Carlo Ponzo PDF Lezioni sul sito: www2.unibas.it/ponzo Mettere figura 1 Cinematica delle strutture Produzione di profilati e lamiere in acciaieria Trasformazione in elementi strutturali e preassemblaggi Trasporto

Dettagli

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc 10.10.8 Esempi di progetti e verifiche di generiche sezioni inflesse o presso-tensoinflesse in conglomerato armato (rettangolari piene, circolari piene e circolari cave) Si riportano, di seguito, alcuni

Dettagli

EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi

EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO E LEGNO Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO Sbalzi PONTI under construction Sbalzi

Dettagli

Dal punto di vista strutturale i manufatti oggetto di calcolo, ai sensi del D.M. 14/01/2008 e della Circ. Min. 617/2009, sono i seguenti :

Dal punto di vista strutturale i manufatti oggetto di calcolo, ai sensi del D.M. 14/01/2008 e della Circ. Min. 617/2009, sono i seguenti : PREMESSA La presente relazione riguarda il calcolo analitico ed il dimensionamento strutturale relativi alla realizzazione di strutture in c.a. ed in acciaio costituenti tre scale ed una tettoia da realizzare

Dettagli

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE 7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove opere soggette anche all azione sismica. Le sue indicazioni sono da considerare aggiuntive

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DI EDIFICI IN

LA PROGETTAZIONE DI EDIFICI IN LA PROGETTAZIONE DI EDIFICI IN MURATURA PORTANTE ORDINARIA E ARMATA SECONDO LE NTC 2008 Come progettare edifici prestazionali in laterizio Modena - 15 Febbraio 2013 Sommario Brevi cenni sull evoluzione

Dettagli

esercizio e le verifiche di durabilità.

esercizio e le verifiche di durabilità. Normativa: aspetti generali e di dettaglio FONDAZIONI PER EDIFICI Le scelte progettuali per le opere di fondazione devono essere effettuate t contestualmente e congruentemente con quelle delle strutture

Dettagli

4. ANALISI SEMPLIFICATA DELL EDIFICIO IN VIA MARTOGLIO UNIVERSITÀ DELL AQUILA G.C. Beolchini 1

4. ANALISI SEMPLIFICATA DELL EDIFICIO IN VIA MARTOGLIO UNIVERSITÀ DELL AQUILA G.C. Beolchini 1 4. ANALISI SEMPLIFICATA DELL EDIFICIO IN VIA MARTOGLIO UNIVERSITÀ DELL AQUILA G.C. Beolchini 1 4.1 Introduzione In questo capitolo sono riportati alcuni risultati, ottenuti con modelli semplificati, delle

Dettagli

FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI

FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI 1.0 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DEI PALI Il dimensionamento dei pali viene eseguito tenendo conto dei criteri appresso riportati. a) Inizialmente vengono determinati i carichi

Dettagli

Strutture prefabbricate: caratteristiche generali Esempi di travi di produzione corrente

Strutture prefabbricate: caratteristiche generali Esempi di travi di produzione corrente !"# Strutture prefabbricate: caratteristiche generali Vantaggi vs. svantaggi Struttura prefabbricata: assemblaggio di elementi (pilastri, travi, tegoli) prodotti in appositi stabilimenti, trasportati in

Dettagli

LE STRUTTURE IN LEGNO LAMELLARE. Ing. Andrea Flisi Mantova 24 Giugno 2011

LE STRUTTURE IN LEGNO LAMELLARE. Ing. Andrea Flisi Mantova 24 Giugno 2011 LE STRUTTURE IN LEGNO LAMELLARE Ing. Andrea Flisi Mantova 24 Giugno 2011 CLASSIFICAZIONE LEGNO In accordo con le norme europee EN 14080 e EN 1194 il legno lamellare incollato viene definito con le classi

Dettagli

13 LE FONDAZIONI. 13.1 L elemento costruttivo fondazione

13 LE FONDAZIONI. 13.1 L elemento costruttivo fondazione 13 LE FONDAZIONI 13.1 L elemento costruttivo fondazione Le strutture portanti di fondazione costituiscono l elemento di trasmissione al terreno dei carichi verticali ed orizzontali agenti sull edificio;

Dettagli

Flessione orizzontale

Flessione orizzontale Flessione orizzontale Presso-flessione fuori piano Presso-flessione fuori piano Funzione dei rinforzi FRP nel piano trasmissione di sforzi di trazione all interno di singoli elementi strutturali o tra

Dettagli

Gli edifici in c.a. Prof. Ing. Aurelio Ghersi Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Catania

Gli edifici in c.a. Prof. Ing. Aurelio Ghersi Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Catania Gli edifici in c.a. Prof. Ing. Aurelio Ghersi Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Catania Il controllo della progettazione: i compiti del collaudatore. Forum della Tecnica delle

Dettagli

Indice. R.07.a Relazione tecnica e di calcolo Illustrazione sintetica degli elementi essenziali del progetto. NUOVO TECNOPOLO Progetto Esecutivo

Indice. R.07.a Relazione tecnica e di calcolo Illustrazione sintetica degli elementi essenziali del progetto. NUOVO TECNOPOLO Progetto Esecutivo 1 Indice ILLUSTRAZIONE SINTETICA DEGLI ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO STRUTTURALE... 2 a) Contesto edilizio e caratteristiche del sito... 2 b) Descrizione generale della struttura e della tipologia d

Dettagli

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CONSOLIDAMENTO DI SOLAI LIGNEI

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CONSOLIDAMENTO DI SOLAI LIGNEI CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 CONSOLIDAMENTO DI SOLAI LIGNEI CONSOLIDAMENTO DI SOLAI IN LEGNO (1) Chiodi in numero eccessivo ed allineati: soluzione scorretta. Tavole connesse

Dettagli

Lezione. Tecnica delle Costruzioni

Lezione. Tecnica delle Costruzioni Lezione Tecnica delle Costruzioni 1 Flessione composta tensoflessione Risposta della sezione Campo elastico σ + A I Risposta della sezione Al limite elastico el, Per calcolare el, : σ A + el, I f f + el,

Dettagli

Pescia, 15 Marzo 2014

Pescia, 15 Marzo 2014 Adeguamento sismico di edificio con struttura portante in cemento armato mediante la tecnologia dell isolamento sismico: il caso dell ex Pretura di Pescia Pescia, 15 Marzo 2014 Prof. Ing. Enrico Mangoni

Dettagli

VERIFICHE RINFORZI (estensione a nuove funzionalità)

VERIFICHE RINFORZI (estensione a nuove funzionalità) DI SEGUITO ILLUSTRIAMO BREVEMENTE LE PRINCIPALI NOVITA CHE SONO STATE INTRODOTTE DI RECENTE OPPURE CHE VERRANNO INTRODOTTE NELLA VERSIONE VERIFICHE RINFORZI (estensione a nuove funzionalità) MASTERSAP

Dettagli

CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO. NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008 Norme Tecniche per le costruzioni

CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO. NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008 Norme Tecniche per le costruzioni GENERALITA COMUNE DI PREDOSA Provincia di Alessandria CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO ZONA SISMICA: Zona 3 ai sensi dell OPCM 3274/2003 NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008

Dettagli

Hilti Seismic Academy

Hilti Seismic Academy Hilti Seismic Academy Esempi di progettazione antisismica di elementi non strutturali Ing. Marco Mitri Associato Studio d ingegneria Suraci Udine marco.mitri@studiosuraci.it www.studiosuraci.it Seismic

Dettagli

SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI

SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI 1.1 DIMENSIONAMENTO E VERIFICA DEGLI ELEMENTI STRUTTURALI travi secondarie

Dettagli

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE 7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove opere soggette anche all azione sismica. Le sue indicazioni sono da considerare aggiuntive

Dettagli

Capitolo 8. Assegnazione carichi: modellazione dei carichi agenti sulla struttura

Capitolo 8. Assegnazione carichi: modellazione dei carichi agenti sulla struttura Capitolo 8 Assegnazione carichi: modellazione dei carichi agenti sulla struttura Questo capitolo presenta una panoramica dei comandi e delle procedure per la modellazione dei carichi agenti sulla struttura,

Dettagli

Indice. L impostazione del calcolo strutturale, 1. Il cemento armato: metodo alle tensioni ammissibili, 21. modulo A. modulo B1

Indice. L impostazione del calcolo strutturale, 1. Il cemento armato: metodo alle tensioni ammissibili, 21. modulo A. modulo B1 III Indice modulo A L impostazione del calcolo strutturale, 1 Unità 1. Le basi del progetto e i metodi di calcolo, 2 1. La modellazione, 3 2. Le azioni sulle costruzioni, 4 Periodo di ritorno, 4 Vita nominale

Dettagli

ANALISI DI UNA STRUTTURA IN MURATURA ESISTENTE

ANALISI DI UNA STRUTTURA IN MURATURA ESISTENTE ANALISI DI UNA STRUTTURA IN MURATURA ESISTENTE si esamina una struttura esistente, individuando carenze sugli spessori della muratura con snellezza e pressoflessione trasversale (statica e sismica) non

Dettagli

Descrizione del prodotto

Descrizione del prodotto Descrizione del prodotto I pannelli prodotti dalla ditta Diemme Legno e denominati diemme X- LAM e diemmexx- LAM sono pannelli strutturali in legno composti da strati di tavole sovrapposti a fibratura

Dettagli

presentation calcolo del ponteggio

presentation calcolo del ponteggio Il progetto: Title of presentation calcolo del ponteggio IL PROGETTO: PREMESSA D.Lgs 81/2008: Testo unico sulla sicurezza nei luoghi di lavoro Titolo IV: Cantieri temporanei e mobili Capo II: Prevenzioni

Dettagli

Normative sismiche italiane

Normative sismiche italiane pag. 98 Normative sismiche italiane 1783 norme dopo il terremoto della Calabria: muratura intelaiata, limitazione di altezza. Edifici esistenti: riduzione di altezza 1908 norme sismiche locali dopo il

Dettagli

TEST DI VALIDAZIONE DEL SOFTWARE VEM NL

TEST DI VALIDAZIONE DEL SOFTWARE VEM NL 1 2 TEST DI VALIDAZIONE DEL SOFTWARE VEM NL Confronto dei risultati tra il software VEM NL el il metodo SAM proposto dall Unità di Ricerca dell Università di Pavia. Stacec s.r.l. Software e servizi per

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

LEZIONE 7. PROGETTO DI STRUTTURE IN LEGNO Parte II. Criteri di verifica. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A.

LEZIONE 7. PROGETTO DI STRUTTURE IN LEGNO Parte II. Criteri di verifica. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A. Corso i TECNICA DELLE COSTRUZIONI Chiara CALDERINI A.A. 2007-2008 Facoltà i Architettura Università egli Stui i Genova LEZIONE 7 PROGETTO DI STRUTTURE IN LEGNO Parte II. Criteri i verifica NORMATIVA DI

Dettagli

STANDARD DI MODELLAZIONE STRUTTURALE.

STANDARD DI MODELLAZIONE STRUTTURALE. STUDIO TECNICO Dott. Ing. Gino DI RUZZA Via Trecce, 2 03039 SORA (FR) ginodiruzza uzza@tin tin.it PROGETTAZIONI, CALCOLI ED INDAGINI STRUTTURALI INDICE STANDARD DI MODELLAZIONE STRUTTURALE. Impostazioni

Dettagli

Committente : Provincia Regionale di Ragusa Località : Porto di Pozzallo (RG) Opera : Realizzazione della stazione passeggeri nel porto di Pozzallo

Committente : Provincia Regionale di Ragusa Località : Porto di Pozzallo (RG) Opera : Realizzazione della stazione passeggeri nel porto di Pozzallo Committente : Provincia Regionale di Ragusa Località : Porto di Pozzallo (RG) Opera : Realizzazione della stazione passeggeri nel porto di Pozzallo RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA SOMMARIO 1 DESCRIZIONE

Dettagli

1 PREMESSA. Normativa di riferimento

1 PREMESSA. Normativa di riferimento 1 PREMESSA EDILFERRO TRAVEST è coinvolto da alcuni anni nel settore del fotovoltaico,occupandosi della realizzazione di sistemi di fissaggio per pannelli solari e fotovoltaici. Nel campo ormai saturo della

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Progetto strutturale di una trave rovescia Alle travi di fondazioni

Dettagli

Criteri per il miglioramento e l adeguamento di edifici in struttura prefabbricata

Criteri per il miglioramento e l adeguamento di edifici in struttura prefabbricata Cinque mesi dopo il sisma Tecniche innovative per una ripresa efficiente e sicura Criteri per il miglioramento e l adeguamento di edifici in struttura prefabbricata Prof. ing. Gennaro Magliulo ReLuis -

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA

CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA AA 2008-2009 Arch. Elisa Adorni Legno LEGNO: materiale con caratteristiche molto variabili a seconda delle specie arboree Fattori climatici e morfologia

Dettagli

LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA

LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA LEZIONI N 9, 10, 11 E 12 COSTRUZIONI DI ACCIAIO: IPOTESI DI BASE E METODI DI VERIFICA L acciaio da carpenteria è una lega Fe-C a basso tenore di carbonio, dall 1 al 3 per mille circa. Gli acciai da costruzione

Dettagli

Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana

Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana Strada Statale Valsesia, 20-13035 Lenta (VC), Tel. (+39) 331 2696084 segreteria@ingegneriasismicaitaliana.it www.ingegneriasismicaitaliana.it Connessioni dissipative

Dettagli

ELEMENTI PRESSO-FLESSI IN ACCIAIO Colonna Scatolare Bi-Simmetrica. Domenico Leone

ELEMENTI PRESSO-FLESSI IN ACCIAIO Colonna Scatolare Bi-Simmetrica. Domenico Leone ELEMENTI PRESSO-FLESSI IN ACCIAIO Colonna Scatolare Bi-Simmetrica Domenico Leone ELEMENTI PRESSO-FLESSI IN ACCIAIO Colonna Scatolare Bi-Simmetrica Domenico Leone Il prof. Domenico Leone vanta un esperienza

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

PREDIMENSIONAMENTO E ANALISI DEI CARICHI DEL SOLAIO

PREDIMENSIONAMENTO E ANALISI DEI CARICHI DEL SOLAIO prof. Gianmarco de Felice, arch. Lorena Sguerri PREDIMENSIONAMENTO E ANALISI DEI CARICHI DEL SOLAIO Norme per il predimensionamento Analisi dei carichi permanenti Sovraccarichi variabili Combinazioni di

Dettagli

COPERTINA. Prototipo di Relazione geotecnica di esempio

COPERTINA. Prototipo di Relazione geotecnica di esempio COPERTINA Prototipo di Relazione geotecnica di esempio GENERALITA RELAZIONE GEOTECNICA SULLE FONDAZIONI (NTC 2008 CAP. 6 e CIRCOLARE 617/2009 punto C6.2.2.5) OGGETTO COMUNE: Progetto di una struttura in

Dettagli

SOMMARIO 01. PREMESSA... 6 02. NORMATIVE DI RIFERIMENTO... 6

SOMMARIO 01. PREMESSA... 6 02. NORMATIVE DI RIFERIMENTO... 6 SOMMARIO 01. PREMESSA... 6 02. NORMATIVE DI RIFERIMENTO... 6 03. DESCRIZIONE DELLE STRUTTURE... 7 03.01 STRUTTURA ESISTENTE... 7 03.02 STRUTTURA IN PROGETTO... 8 03.03 MATERIALI... 9 03.03.01 COSTRUZIONE

Dettagli

Parte I: Basi del progetto

Parte I: Basi del progetto XV XVII Introduzione Prefazione Parte I: Basi del progetto 3 CAP. 1 - LA CONCEZIONE STRUTTURALE 3 1.1 Carattere di una costruzione 5 1.2 La forma tecnica della costruzione in calcestruzzo armato 11 1.3

Dettagli

6. Analisi statica lineare: esempio di calcolo

6. Analisi statica lineare: esempio di calcolo 6. Analisi statica lineare: esempio di calcolo Si supponga di volere determinare lo schema di carico per il calcolo all SLV delle sollecitazioni in direzione del telaio riportato nella Pfigura 1, con ordinata

Dettagli

Manuali uso e manutenzione del ponteggio: argomento Ancoraggi

Manuali uso e manutenzione del ponteggio: argomento Ancoraggi Manuali uso e manutenzione del ponteggio: argomento Ancoraggi cod. 00140 - Rev. 2 - ottobre 2009 pag.1 di 13 CETA Ancoraggi - Rev.2 - ottobre 2009 INDICE PREMESSA 3 1. SCHEMI STANDARD DI PONTEGGIO 3 2.

Dettagli

La modellazione delle strutture

La modellazione delle strutture La modellazione delle strutture 1 Programma 31-1-2012 Introduzione e brevi richiami al metodo degli elementi finiti 7-2-2012 La modellazione della geometria 14-2-2012 21-2-2012 28-2-2012 6-3-2012 13-32012

Dettagli

2 Tetti e strutture di copertura

2 Tetti e strutture di copertura 1.8 Combinazioni di diversi sistemi costruttivi di legno In edilizia, i sistemi costruttivi di legno precedentemente descritti possono essere anche combinati l uno con l altro. Una combinazione utilizzata

Dettagli

Materiali, analisi strutturale e stati limite delle costruzioni in acciaio

Materiali, analisi strutturale e stati limite delle costruzioni in acciaio La Progettazione delle Strutture tt di Acciaio i e composte in Acciaio-Calcestruzzo secondo il D.M. 14.01.08 Siena, 19-21 Maggio 2010 Materiali, analisi strutturale e stati limite delle costruzioni in

Dettagli

Oggetto: Realizzazione di una stazione ferroviaria per l alta velocità

Oggetto: Realizzazione di una stazione ferroviaria per l alta velocità Oggetto: Realizzazione di una stazione ferroviaria per l alta velocità Scelte architettoniche Corpo centrale Pensiline Pensiline Parte centrale Superficie 13600 m 2 Pensiline Lunghezza 92 m Scelte architettoniche

Dettagli

Le strutture di FONDAZIONE

Le strutture di FONDAZIONE Le strutture di FONDAZIONE Laboratorio di Tecnologia dell Architettura Prof.ssa Paola Gallo A.A. 2012-2013 Strutture di fondazione Le fondazioni sono elementi strutturali che trasferiscono i carichi delle

Dettagli

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti Convegno CRITICITÀ DELLA PROGETTAZIONE TERMICA E ACUSTICA DEGLI EDIFICI IN RAPPORTO ALLE PRESCRIZIONI STRUTTURALI ANTISISMICHE Saie 2009, Sala Topazio, Sabato 31 ottobre ore 9.00 PRESCRIZIONI ANTISISMICHE

Dettagli

PROGRAMMA COSTRUZIONI PROGETTAZIONE IMPIANTI CLASSE 4B PROF. ABELLO SERENA A.S. 2013-2014

PROGRAMMA COSTRUZIONI PROGETTAZIONE IMPIANTI CLASSE 4B PROF. ABELLO SERENA A.S. 2013-2014 - CLASSE 4B PROF. ABELLO SERENA A.S. 2013-2014 Per una maggiore chiarezza e trasparenza sui contenuti del corso svolti durante l anno scolastico si allega il programma che segue. I libri di testo a cui

Dettagli