Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9"

Transcript

1

2 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di altezze e distacchi. 11 D) Disposizioni in materia di dotazioni urbanistiche e opere di urbanizzazione 11 E) Disposizioni specifiche per alcune zone ed aree F) Disposizioni specifiche per le destinazioni non residenziali. 13 G) Precisazioni inerenti all art. 2 della Legge.. 13 H) Precisazioni inerenti all art. 3 della Legge I) Interventi di cui all art. 4 della Legge. 14 L) Interventi soggetti a parere preventivo. 15 M) Ampliamenti su edifici ricompresi in P.U.A. o ricadenti in zona sottoposte a P.U.A. dal P.R.G N) Esclusioni. 17 1

3 PREMESSA La L.R. 14/2009, in vigore dall 11 luglio 2009, successivamente prorogata e modificata dalla L.R. 13/2011, in vigore dal 9 luglio 2011, allo scopo di favorire la ripresa dell attività edilizia, prevede la concessione di ampliamenti volumetrici in deroga alle normative urbanistiche vigenti per un periodo di tempo limitato (fino al 30 novembre 2013). Gli ampliamenti volumetrici sono di entità variabile in funzione delle caratteristiche degli edifici e degli interventi, e così articolati: fino ad un massimo del 45% del volume per gli edifici residenziali e del 30% della superficie coperta degli edifici a destinazione diversa dalla residenziale, per gli interventi in attuazione diretta e soggetti già a permesso di costruire, ma attuabili mediante DIA speciale, in alternativa al permesso di costruire stesso; fino ad un massimo del 50% dei parametri suddetti se l intervento di riqualificazione del tessuto esistente avviene mediante la predisposizione di un Piano Urbanistico Attuativo (PUA). L incremento della percentuale base, pari al 20% e fino a conseguire le percentuali sopra indicate, viene determinato, essenzialmente, in funzione dell impiego di fonti rinnovabili per la produzione di energia e di modalità costruttive secondo criteri di risparmio energetico e di bioarchitettura. La Legge prevede che gli ampliamenti vengano realizzati in deroga a tutti i parametri urbanistici, fatte salve le Norme Statali recanti principi fondamentali, validi per tutto il territorio italiano, in materia di: distanze e parametri igienico - sanitari, altezze e indici di edificabilità, rispetto degli edifici e ambiti tutelati dalla Soprintendenza e/o di interesse storico architettonico e zone di inedificabilità assoluta quali aree destinate a sedi stradali, ferroviarie e fasce di rispetto varie. La Legge, così come modificata dalla L.R. 13/2011 prevede, infatti, nel rispetto dei principi sopra delineati i seguenti temi: 1. la soppressione delle caratteristiche, precedentemente previste, di pertinenzialità e accessorietà del corpo separato, per cui oggi è possibile realizzare l ampliamento anche con un corpo separato a carattere principale: in pratica, una costruzione autonoma con creazione di una o più nuove unità immobiliari (articolo 2, comma 2); 2. l introduzione per le destinazioni residenziali di una nuova possibilità di incremento della percentuale di ampliamento, pari ad un ulteriore 15%, in caso l edificio nel suo complesso consegua, attraverso una riqualificazione, una prestazione energetica corrispondente alla classe B, ai sensi del D. Lgs. 192/2005 e s.m.i. (articolo 2, comma 5 bis); 2

4 3. la precisazione che l articolo 3 della legge, riguardante gli incentivi volumetrici nel caso di demolizione e ricostruzione con adeguamento alle normative vigenti, di edifici esistenti anteriormente all 89, è applicabile anche alle demolizioni parziali (articolo 3, comma 2); 4. l estensione delle tipologie di sistemi di captazione dell energia solare alle serre bioclimatiche, pareti ad accumulo e muri collettori, le cui caratteristiche devono essere definite da un ulteriore provvedimento regionale (articolo 5 - norma a carattere permanente); 5. l introduzione della possibilità di applicazione della legge agli edifici ricadenti in Centro Storico, purché privi di grado di protezione e nel rispetto dei limiti di altezza di cui all articolo 8 del D.M. 1444/1968 (articolo 9, comma 1; articolo 6, comma 1 della L.R. 13/2011); 6. l introduzione della possibilità di modificare la destinazione d uso degli edifici (articolo 9, comma 2); 7. la possibilità di realizzare limitati ampliamenti, anche mediante cambio d uso, negli edifici situati in zona impropria, tramite predisposizione di un P.U.A. (articolo 9, commi 2 bis e 2 ter); 8. la precisazione che l ampliamento di superficie utile all interno del volume autorizzato è consentito anche negli edifici del Centro Storico, purché non soggetti a vincolo della Soprintendenza (articolo 9, comma 9 della L.R. 14/2009; art.6, comma 3 della L.R.13/2011); 9. la modifica della definizione del termine di prima casa di cui all articolo 8 della L.R. 26/2009, con l introduzione dell obbligo per gli aventi titolo o loro familiari di stabilire la residenza per un periodo di 24 mesi dalla data di conseguimento dell agibilità; 10. l annullamento dell efficacia delle deliberazioni comunali assunte con la L.R. 14/2009 e la possibilità per i Comuni di deliberare nuovamente, entro il 30/11/2011, se e con quali limiti applicare il Piano Casa, ma con esclusione della prima casa di abitazione (articolo 9, comma 5; articolo 8, comma 4 L.R. 13/2011). Particolari agevolazioni di carattere permanente, riguardano la realizzazione in deroga di sistemi di produzione di energia da fonti rinnovabili e/o di risparmio energetico, modalità innovative di attuazione degli interventi di ristrutturazione e interventi a favore dei disabili. CONTENUTI E LIMITI PREVISTI DAL PIANO CASA 2 Con la deliberazione C.C. n. 111 del 26 ottobre 2009 il Comune di Padova ha determinato di attuare la Legge introducendo un sistema equilibrato di regole volte al 3

5 corretto inserimento degli interventi nel contesto ambientale mediante la salvaguardia di alcune regole urbanistiche fondamentali in ordine a distanze, altezze e discipline di zona. Inoltre ha stabilito l esclusione degli interventi nell ambito dei piani attuativi in corso, al fine di non alterare i patti convenzionali sottoscritti, che garantivano il corretto equilibrio tra edificazione e condizioni di urbanizzazione nonché dei progetti su questi presentati, limitandola agli edifici esistenti. In base a tale deliberazione sono stati presentati, nel primo biennio di applicazione, richieste per 696 interventi, per la maggior parte riguardanti edifici residenziali costituiti da una o due unità immobiliari, che rappresentano un dato significativo rispetto agli interventi edificatori richiesti nello stesso ambito temporale (circa il 35% del totale) e con un livello del contenzioso analogo a quello generale, nonostante la novità, l impatto e la portata derogatoria della nuova normativa. Ciò, tuttavia, è stato possibile perché le regole stabilite con la deliberazione citata sono state applicate a tutti gli interventi, compresi quelli sulla prima casa, evitando di applicare quelle parti della normativa fonte di possibili limitazioni dei diritti edificatori dei confinanti e limitando gli interventi suscettibili di determinare aspetti di notevole disordine urbanistico. Con la nuova versione della Legge, a seguito delle modifiche apportate dalla L.R. 13/2011, è stato reso esplicito che le limitazioni comunali non sono più applicabili alla prima casa di abitazione, salvo quelle del Centro Storico; ciò significa che, oltre a tutte le regolamentazioni urbanistiche previste dal Comune, vengono meno anche le limitazioni poste in materia di distanze, per le quali varrebbero solo le prescrizioni poste da leggi nazionali, rappresentate dal Codice Civile, dal Codice della Strada e dal D.M. 1444/1968, che ha quest ultimo istituito la distanza minima di 10 metri tra le pareti finestrate contrapposte. Le conseguenze dell applicazione della Legge, secondo una diffusa interpretazione, comporterebbero quanto segue: distanze dai confini: poiché il Codice Civile si basa sul principio di prevenzione, viene cioè favorito chi costruisce per primo, sarebbe possibile per i detentori di prime case, se il lotto confinante è libero da costruzioni a meno di 10 metri, eseguire ampliamenti a distanza di 1,5 m. dal confine con pareti finestrate, ovvero sul confine con pareti cieche; il confinate che intervenisse successivamente dovrebbe, nel primo caso, posizionare la sua costruzione a 10 metri da quella eseguita e, cioè, a m. 8,50 dal proprio confine in luogo dei 5 previsti, in genere, dal P.R.G., mentre nel secondo caso potrebbe costruire in aderenza a quella già realizzata, si determinerebbe, quindi una notevole lesione dei diritti edificatori del confinante, il quale potrebbe non essere più in 4

6 grado di realizzare la propria costruzione per mancanza di spazio disponibile, o di doverla realizzare con potenzialità edificatoria inferiore a quella che avrebbe potuto eseguire in assenza del primo intervento; distanza dalle strade: il Codice della Strada, per le strade locali cioè quelle urbane, che sono la maggior parte di quelle costituenti il tessuto viario della città di Padova, non prevede alcuna distanza da mantenere, di conseguenza, sarebbe possibile eseguire gli ampliamenti a meno di 5 metri dalle strade, distanza prevista, in genere dal P.R.G., per cui si determinerebbe un grave disordine urbanistico e l impossibilità di realizzare gli ampliamenti delle sedi stradali necessari ed indispensabili ad una coerente organizzazione della viabilità e del traffico. Tale opportunità, in genere, più agevole per realizzare gli ampliamenti, determina inoltre la perdita degli allineamenti dell edificazione, mantenuti per decenni a fronte dell esecuzione anche di modesti e irregolari ampliamenti, modificando le fronti principali e perdendo i caratteri storici della composizione urbana, che si esprimevano nella continuità delle facciate fronte strada. La necessità di salvaguardare i diritti edificatori dei terzi interessati, e di evitare grave disordine nel sistema urbano e di configurazione dell edificato, ha imposto di confermare le scelte già operate con la D.C.C. n. 111 del 26 ottobre 2009, relative alla distanza dai confini e dalla strada, consentendo l ampliamento a distanza inferiore dai confini solo previo atto di consenso del confinante e richiedendo il mantenimento della distanza minima di 5 metri dalle strade, salvo i casi di allineamenti preesistenti a distanza inferiore, da valutare da parte del Comune con il meccanismo del parere preventivo. La nuova versione della Legge prevede che siano applicabili gli ampliamenti anche nei centri storici, limitatamente agli edifici privi di grado di protezione e di valori storici e architettonici. Analizzando l applicabilità della normativa agli edifici privi di grado di protezione, compresi quelli per i quali è prevista la ricomposizione volumetrica nell ambito di Piani di Recupero, si può osservare che la legge prevede che debbano essere rispettati i criteri di mantenimento delle altezze preesistenti indicati nel D.M. 1444/1968, art. 8 il quale stabilisce che, per le operazioni di risanamento conservativo non è consentito superare le altezze degli edifici preesistenti, mentre per le trasformazioni o nuove costruzioni che risultino ammissibili, l'altezza massima di ogni edificio non può superare quella degli edifici circostanti di carattere storico - artistico. Si ritiene, tuttavia, che anche altri limiti presenti nello stesso D.M., inerenti: le distanze - art. 9, che stabilisce che, anche per le operazioni di risanamento conservativo e per le eventuali ristrutturazioni, le distanze tra gli edifici non possano essere inferiori a quelle intercorrenti tra i volumi edificati preesistenti; la densità edilizia - art. 7, che stabilisce che per le eventuali nuove costruzioni ammesse, la densità fondiaria non debba superare il 50% 5

7 della densità fondiaria media della zona e, in nessun caso, i 5 mc/mq. Le suddette limitazioni, che risultano cogenti anche in caso di deroghe per edifici e impianti pubblici, non possono certamente essere superate per gli ampliamenti di edifici privati, ed applicando tali limitazioni solo pochissimi interventi possono essere approvati. Considerate infine le particolari caratteristiche del Centro Storico e le modifiche ancorché limitate che potrebbero derivare dall applicazione delle deroghe previste, al fine di salvaguardare le caratteristiche storiche ed ambientali dello stesso che non sono limitate solo alla salvaguardia dei fronti edilizi, ma principalmente al mantenimento delle condizioni ambientali date dai giardini ed aree permeabili e degli spazi liberi ancora esistenti, condizioni funzionali ad un coerente rapporto con la parte di città già edificata, si è ritenuto di escludere del tutto l applicazione della norma nell ambito del Centro Storico e non applicare gli ampliamenti previsti anche nel caso di prima casa. In merito alle aree ed edifici destinati a servizi pubblici o di interesse pubblico, la legge, oltre a quanto riguarda la prima casa, di cui si è parlato sopra, non ha espressamente previsto che i Comuni possano introdurre limitazioni all applicazione della Legge. L articolo 31 delle N.T.A. del P.R.G., peraltro, prevede che nelle aree a servizi (articoli 25, 26, 30 e 34) l intervento dei soggetti diversi dal Comune (Azienda Ospedaliera, l U.L.S.S., l Università, la Provincia, ecc.) venga definito con deliberazione del Consiglio Comunale, unitamente ad apposita convenzione, mantenendo quindi al Comune il controllo sugli interventi stessi. Verificato che la normativa comunale già consente l ampliamento degli edifici fino al massimo consentito dal D.M. 1444/1968 e ritenendo che anche gli edifici pubblici siano compresi, in senso lato e/o per analogia agli altri diversi dal residenziale già indicati dalla legge, tra quelli soggetti alla regolamentazione comunale, si stabilisce che l ampliamento di cui al Piano Casa dovrà essere contenuto nei limiti e con le modalità indicate dal Piano Regolatore Generale Vigente. Alla luce di quanto finora esposto, sulla base dell articolo 9, commi 1 e 5, il Comune di Padova, in virtù di quanto stabilito dai suddetti articoli ha inteso definire gli indirizzi e le regole ovvero i limiti e le modalità di applicazione della predetta normativa nel territorio comunale. A tale proposito, l Amministrazione Comunale, preso atto delle finalità, dei contenuti e dei limiti già previsti dalla Legge Regionale, ha predisposto una specifica disciplina inerente alle Modalità e limiti di applicazione della L.R. 14/2009 cosiddetta Piano Casa come prorogata e modificata dalla L.R.13/2011, finalizzata, in particolare, a garantire una corretta applicazione della legge in coerenza con gli obiettivi territoriali, urbanistico - ambientali, definiti dal vigente P.R.G. e/o dal P.A.T.I. - P.A.T., attraverso il controllo dell impatto degli interventi nel contesto urbano, con particolare riguardo agli ambiti ed edifici di pregio 6

8 architettonico, culturale ed ambientale, le aree a servizi pubblici e/o di uso pubblico, nonché attraverso la correttezza e completezza della procedura, salvaguardando lo stato di diritto in essere anche al fine di evitare l insorgere di possibili contenziosi e/o abusi edilizi. Detta disciplina si compone e si articola in: a) definizioni; b) disposizioni riguardanti aspetti generali; c) disposizioni in materia di altezze e distacchi; d) disposizioni in materia di dotazioni urbanistiche e opere di urbanizzazione; e) disposizioni specifiche per alcune zone ed aree; f) disposizioni specifiche per le destinazioni non residenziali; g) precisazioni inerenti all articolo 2 della legge; h) precisazioni inerenti all articolo 3 della legge; i) interventi di cui all articolo 4 della legge; l) interventi soggetti a parere preventivo; m) ampliamenti su edifici ricompresi in P.U.A. o ricadenti in zone sottoposte a P.U.A. dal P.R.G.; n) esclusioni. La disciplina è orientata, da un lato, a contestualizzare i dettami di legge alla realtà fisica e previsionale del territorio comunale, dall altro a consentire un applicazione delle norme il più possibile chiara per tutti coloro che intendono avvalersi della stessa legge. La disciplina, oltre a confermare le precedenti disposizioni in quanto applicabili, provvede a formulare nuove disposizioni in merito agli aspetti introdotti e/o modificati dalla L.R. 13/2011, che vengono di seguito evidenziati con riferimento ai punti sopra elencati: a) definizioni: viene introdotta la definizione di corpo edilizio separato, la quale prevede che lo stesso sia realizzabile entro il lotto di pertinenza dell edificio principale ed entro le stessa zona di P.R.G. o in zona limitrofa compatibile, che deve mantenere un collegamento funzionale con l edificio da ampliare: a tal fine dovrà essere posto in prossimità dello stesso e non essere, di norma, da questo separato mediante recinzioni, usufruendo altresì dei medesimi accessi; b) disposizioni riguardanti aspetti generali: viene precisato che l ampliamento di cui all articolo 2, comma 5 bis (pari ad un ulteriore 15% dell ampliamento base del 20% in caso l edificio residenziale originario venga riqualificato sino a conseguire la classe energetica B della legge 192/2005 e s.m.i.) è considerato come aggiuntivo rispetto a quello di cui al comma 5 (pari ad un ulteriore 10% nel caso di utilizzo di sistemi di produzione di energia da fonti rinnovabili per un minimo di 3 Kwp); viene precisato che con gli interventi di ampliamento può essere modificata la destinazione d uso degli edifici, precisando che i parametri per l ampliamento sono definiti sulla base delle destinazioni esistenti alla data di entrata in vigore della L.R. 13/2011; viene precisato che eventuali ampliamenti in zona impropria possono essere eseguiti solo mediante P.U.A. e devono riferirsi a destinazioni finali conformi alle norme di zona con la previsione della demolizione di tutti gli eventuali volumi residui a destinazione non conforme; viene precisato che nell ambito del centro storico l ampliamento di superficie all interno del volume autorizzato di cui all articolo 9, comma 9 della legge 7

9 è consentito nel rispetto dei valori culturali propri di ciascuna unità di piano come definiti dall art.42 delle N.T.A. del P.R.G.; c) disposizioni in materia di altezze e distacchi: viene precisato che il distacco minimo dai confini pari a 5 metri deve essere rispettato da tutti gli interventi, compresi quelli sulla prima casa di abitazione; parimenti per il distacco minimo dalle strade previsto dal P.R.G. per ciascuna zona; d) disposizioni in materia di dotazioni urbanistiche e opere di urbanizzazione: viene precisato che qualora l ampliamento venga attuato mediante realizzazione di un corpo separato è richiesta, per quest ultimo, la dotazione minima di parcheggio pari a 1mq/10 mc; e) disposizioni specifiche per alcune zone ed aree: viene precisato che l ampliamento degli annessi rustici in zona agricola è regolato dalle disposizioni della L.R. n.11/2004; viene mantenuta la precisazione, già contenuta nelle precedenti disposizioni, che nelle aree a Servizi di Interesse Generale i benefici di Legge sono subordinati ad una deliberazione del Consiglio Comunale come previsto dal P.R.G., e da specifica convenzione; f) interventi soggetti a parere preventivo: viene sottoposto a parere preventivo l intervento da eseguirsi mediante realizzazione di un corpo separato, che deve mantenere carattere accessorio e pertinenziale; g) esclusioni: viene sancita l esclusione degli interventi di ampliamento nell ambito del centro storico, anche con riferimento alle prime case di abitazione; viene precisato che l esclusione degli interventi sugli edifici anteriori al 1942 opera nel caso vengano alterati i caratteri tutelati; viene definita l esclusione degli ampliamenti mediante corpi separati, salvo il caso che gli stessi mantengano carattere accessorio e pertinenziale. 8

10 A) DEFINIZIONI 1 Legge Regionale: la Legge Regionale 8 luglio 2009 n.14 Intervento regionale a sostegno del settore edilizio e per favorire l utilizzo dell edilizia sostenibile e modifiche alla Legge Regionale 12 luglio 2007, n. 16 in materia di barriere architettoniche, d ora innanzi chiamata Legge, come modificata dalla Legge Regionale 8 luglio 2011 n Piano Urbanistico Attuativo (P.U.A.): di cui all art.19 della L.R. urbanistica del 23 aprile 2004 n. 11 Norme per il governo del territorio e in materia di paesaggio. 3. Zona territoriale propria: zona territoriale del P.R.G. vigente o zona omogenea di cui al D.M. 1444/68 nella quale è ammessa o è compatibile la destinazione d uso degli edifici oggetto di intervento. 4. Ampliamento in aderenza: ampliamento realizzato a contatto dell edificio preesistente, sia lateralmente che in sopraelevazione. 5. Corpo edilizio contiguo già esistente: corpo edilizio legittimato dal titolo abilitativo, posto in aderenza o nelle immediate vicinanze dell edificio principale. 6. Edifici esistenti realizzati anteriormente al 1989: edifici realizzati in conformità a titoli edilizi per i quali la dichiarazione di fine lavori depositata in Comune documenti l avvenuta ultimazione entro il 31/12/1988. In mancanza di tale documento può essere assunta la data di fine lavori indicata nel certificato di collaudo statico depositato o nella richiesta o certificato di agibilità/abitabilità. Nei casi di titolo abilitativo in sanatoria, si assume quale data di fine lavori quella dichiarata nell istanza o desumibile dalla medesima. Per gli edifici realizzati in data anteriore al 27 luglio 1957 (data di approvazione del primo P.R.G. di Padova) l anteriorità e la non successiva modificazione necessitante di titolo abilitativo è dichiarata mediante autocertificazione. 7. Compromissione dell armonia estetica del fabbricato esistente: intervento che altera negativamente le proporzioni compositive e architettoniche del fabbricato. 8. Corpo edilizio separato: edificio autonomo realizzato in base agli ampliamenti consentiti dalla Legge Regionale, ricadente entro il lotto di pertinenza dell edificio originario ed entro la stessa zona di P.R.G. o in zona limitrofa compatibile, che deve mantenere un collegamento funzionale con l edificio da ampliare: a tal fine dovrà essere posto in prossimità dello stesso e non essere, di norma, da questo separato mediante recinzioni, usufruendo altresì dei medesimi accessi. 9. Corpo edilizio a carattere accessorio e pertinenziale: un corpo separato avente contemporaneamente carattere di pertinenza e destinazione ad usi accessori, e le cui caratteristiche dimensionali siano tali da non consentire un utilizzo ad usi principali. 10. Centro Storico: la zona individuata con apposito perimetro nel P.R.G. di cui agli art. 41 e ss. delle N.T.A. 9

11 B) DISPOSIZIONI RIGUARDANTI ASPETTI GENERALI 1. Gli ampliamenti di cui agli articoli 2 e 3 della Legge vanno intesi come aggiuntivi rispetto alla eventuale potenzialità edificatoria residua del lotto consentita dal P.R.G. vigente. L ampliamento di cui all articolo 2, comma 5 bis va considerato come aggiuntivo rispetto a quello di cui al comma Le deroghe in materia di indici di edificabilità, altezze massime di zona e distacchi dai confini e tra fabbricati operano, nei limiti della Legge, con le specificazioni di cui alle presenti disposizioni. 3. Con gli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della Legge può essere modificata la destinazione d uso degli edifici, purché la nuova destinazione sia consentita dalla disciplina edilizia di zona. 4. I parametri e le percentuali di ampliamento sono riferiti alle destinazioni esistenti alla data del 9 luglio 2011, salvo nel caso di cui al comma Gli ampliamenti devono interessare edifici compatibili con le destinazioni d uso previste dal P.R.G. nella zona od area in cui ricadono, ovvero essere situati in zona propria. 6. Eventuali ampliamenti ai sensi degli articoli 2 e 3 su edifici situati in zona impropria possono essere eseguiti solo mediante piano urbanistico attuativo ai sensi dell articolo 20 della legge regionale 23 aprile 2004, n. 11 e successive modificazioni, con esclusione della zona agricola. In tali interventi i parametri per la definizione delle percentuali di ampliamento dell edificio esistente devono essere riferiti alla destinazione finale conforme alle norme di zona, applicando i relativi indici di edificabilità aumentati delle percentuali di legge. Nell ambito del P.U.A. deve essere prevista la demolizione dell eventuale volume residuo recante destinazioni non compatibili con le norme di zona. Sono fatti salvi eventuali accordi o convenzioni precedentemente sottoscritti. 7. Con gli interventi di ampliamento è ammessa, nel rispetto delle presenti disposizioni e norme del R.E., la formazione di nuove unità immobiliari rispetto a quelle esistenti. 8. L ampliamento della superficie di cui all articolo 9, comma 9 della Legge si applica ai soli edifici a destinazione residenziale. Nell ambito del Centro Storico l ampliamento di superficie all interno del volume autorizzato è consentito nel rispetto dei valori culturali propri di ciascuna unità di piano come definiti dall art.42 delle N.T.A. del P.R.G.. 9. Nei casi di edifici a destinazione mista (residenziale - non residenziale) gli interventi di ampliamento devono rispettare, separatamente per ciascuna destinazione, i limiti fissati dalla Legge. 10. Tutti gli interventi, secondo le fattispecie, devono rispettare le indicazioni del titolo VI Ambiente urbano e requisiti qualitativi delle costruzioni del R.E., con particolare riferimento all art.63 - Decoro degli edifici e riqualificazione dell ambiente urbano. 11. Gli ampliamenti di cui ai commi 2 e 3 dell art.3 della Legge devono essere documentati nella D.I.A. da elaborati tecnici redatti e sottoscritti da un professionista abilitato in 10

12 conformità con le disposizioni vigenti in materia di efficienza degli usi finali dell energia e sul rendimento energetico in edilizia, nel rispetto dei criteri di cui alla D.G.R. n del 4/8/ La Legge si applica esclusivamente agli edifici già esistenti alla data della sua entrata in vigore (9/07/2011), tranne nei casi previsti al successivo punto M1. C) DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ALTEZZE E DISTACCHI 1. L altezza dell edificio ampliato ai sensi dell art.72 del R.E, nei casi di coperture non piane, non deve superare quella massima di zona, o quella dell edificio preesistente qualora a questa superiore, di oltre m. 2,50; in tal caso la copertura deve essere contenuta entro il triangolo di massimo ingombro di cui all art.101 Volume dell edificio del R.E.; per gli edifici con copertura piana (in generale per gli edifici non residenziali) la suddetta deroga all altezza non può essere superiore a m Per tutti gli interventi, compresi quelli sulla prima casa di abitazione, il distacco dai confini di proprietà non può essere inferiore a m. 5 ovvero non inferiore a metà dell altezza dell edificio ampliato; il distacco minimo di m. 5,00 dal confine può essere ridotto, solo nel caso di assenso irrevocabile reso nei termini di Legge, da parte dei vicini confinanti nel rispetto del distacco minimo tra pareti finestrate. 3. In deroga ai distacchi dai confini di cui sopra è ammesso l ampliamento in sopraelevazione di edifici o corpi di fabbrica principali, anche a filo del fabbricato esistente, qualora la sopraelevazione stessa non superi l altezza di m. 10, con il mantenimento delle caratteristiche della parete preesistente (parete finestrata o non finestrata); nel caso di pareti non finestrate la sopraelevazione, anche superiore a m.10, può essere attuata nel rispetto dei distacchi esistenti. 4. Il distacco dell ampliamento dal limite della zona agricola non può essere inferiore a m. 1, Per tutti gli interventi, compresi quelli sulla prima casa di abitazione, il distacco dalle strade deve rispettare quanto previsto dal P.R.G. fatto salvo quanto precisato al successivo punto L - INTERVENTI SOGGETTI A PARERE PREVENTIVO. 6. Il distacco tra fabbricati non può essere inferiore a m. 10 qualora almeno una delle pareti sia finestrata. D) DISPOSIZIONI IN MATERIA DI DOTAZIONI URBANISTICHE E OPERE DI URBANIZZAZIONE 1. Per gli interventi di cui all articolo 2 della Legge non ricompresi in zone soggette a P.U.A. è richiesta la seguente dotazione di parcheggi: - per gli interventi residenziali che comportano aumento di unità immobiliari: almeno un posto auto privato, anche scoperto, di dimensione minima di 10 mq per ciascuna 11

13 unità immobiliare; se l ampliamento viene attuato, in caso di deroga per prima casa, mediante realizzazione di un corpo separato, è dovuta per quest ultimo, in tutti i casi, la dotazione a parcheggio di 1 mq/10 mc; - per gli interventi a destinazione non residenziale comportanti aumento della S.L.P.: almeno 1 mq/2,5 mq di nuova S.L.P. di parcheggi pubblici o di uso pubblico. 2. Gli interventi di cui all articolo 3 della Legge devono rispettare la normativa di P.R.G. in materia di parcheggi. 3. Gli interventi di cui all articolo 3 della Legge devono rispettare la normativa in tema di permeabilità dei suoli nonché perseguire i requisiti indicati agli articoli 121 e ss. del R.E. 4. Gli interventi attuati mediante P.U.A. devono prevedere la dotazione di aree a servizi (standard) stabilita dalla L.R.11/2004 e/o dal P.R.G.. 5. L esistenza e l adeguatezza delle OO.UU., tranne per gli interventi sulla prima casa di abitazione, deve essere attestata dal professionista previa verifica presso gli Enti e/o Settori comunali competenti; le eventuali inadeguatezze accertate, devono essere eliminate nei modi consentiti dalla legge a completa cura e spesa del richiedente l intervento. E) DISPOSIZIONI SPECIFICHE PER ALCUNE ZONE ED AREE 1. Gli ampliamenti di cui all articolo 2 inerenti edifici residenziali sono compatibili con tutte le zone ed aree nelle quali è consentita l applicazione dell art.8 lettera c) delle N.T.A. del P.R.G.. 2. Gli ampliamenti di edifici ricompresi in zona insediativa periurbana di cui all art.19 bis delle N.T.A. del P.R.G. devono rispettare, in ogni caso, i criteri e le specifiche indicazioni di inserimento nel contesto urbano/territoriale e/o ambientale dettate dallo stesso articolo. 3. Nella zona privata soggetta a tutela dello stato di fatto così come definita dall art.23 delle N.T.A. del P.R.G., con esclusione della destinazione produttiva, sono ammessi i soli interventi di cui all art.2 della Legge, salvo quanto previsto al successivo punto M1 4. Per le zone di perequazione ambientale e integrata di cui all art.16 delle N.T.A. del 5. P.R.G., sono ammessi esclusivamente gli ampliamenti di cui all art.2 della Legge. 5. Nelle zone territoriali omogenee di tipo D così come individuate dal P.AT.I/P.A.T e dal P.R.G. sono ammessi esclusivamente gli interventi di cui all art.2 della Legge con la seguente specificazione, ferme rimanendo le esclusioni di cui al successivo punto N ESCLUSIONI: - per la Zona Industriale di cui all art.21 delle N.T.A. del P.R.G. (ZIP Sud) ricompresa negli ambiti di urbanizzazione consolidata così individuati nel P.A.T.I/P.A.T. (art e art ), l ampliamento di cui all art.2 della Legge è ammesso, senza modifiche alle destinazioni d uso, unicamente per le seguenti destinazioni: 12

14 produttiva, della logistica e della ricerca. Eventuali modifiche della destinazione d uso sono consentite, ad eccezione degli edifici utilizzati per attività produttive alla data del 30 novembre 2011, solamente mediante interventi di ristrutturazione senza demolizione e ricostruzione e senza aumento delle unità immobiliari, ed esclusivamente per la realizzazione di attività produttive, commercio all ingrosso o concessionarie di veicoli in genere; per tali interventi è, comunque, richiesta la dotazione di parcheggi prevista dal P.R.G. 6. Gli ampliamenti in fascia di rispetto stradale sono consentiti nei limiti dettati dal Codice della Strada ovvero dalle norme di P.R.G. (Cfr. successivo punto L). 7. Nelle zone agricole l ampliamento degli annessi rustici è regolato dalle disposizioni della L.R. 11/ Nelle aree a Servizi di Interesse Generale, fatto salvo quanto previsto al punto C 2) c) per gli edifici residenziali, i benefici di Legge sono subordinati ad una delibera di Consiglio Comunale come previsto dal P.R.G. e da specifica convenzione. F) DISPOSIZIONI SPECIFICHE PER LE DESTINAZIONI NON RESIDENZIALI 1. Gli ampliamenti della superficie coperta di edifici a destinazione non residenziale, consentiti dall art.2 della legge nei limiti del 20% o del 30% nel caso di cui all art.2, comma 5, possono, in alternativa, essere attuati mediante eguale aumento della superficie lorda di pavimento, sia al piano terra che in sopraelevazione o all interno dell edificio. L altezza massima, nel caso di ampliamenti in aderenza, non dovrà superare quella di zona definita dalle N.T.A. del P.R.G. ovvero, qualora manchi tale indicazione o l edificio da ampliare superi detta altezza, l altezza di quest ultimo aumentata del 10%; nel caso di ampliamenti in sopraelevazione l altezza massima è definita dal precedente punto C) Per le strutture commerciali di vendita esistenti l ampliamento, nei limiti previsti dalla Legge, è consentito unicamente per i negozi di vicinato e le medio piccole strutture di vendita fino ad un massimo di mq della superficie di vendita. 3. Per gli edifici ed impianti produttivi (artigianali - industriali) situati in zona impropria si applicano esclusivamente le norme delle N.T.A. del P.R.G., fatta salva la vigente disciplina dello Sportello Unico Attività Produttive nei limiti definiti dal P.A.T.I./P.A.T. G) PRECISAZIONI INERENTI ALL ART. 2 DELLA LEGGE 1. L ulteriore 10% di ampliamento di cui al comma 5 dell art.2 della Legge è consentito qualora la potenza ricavata dall uso di energie rinnovabili sia pari o superiore a 3 kw per ciascuna unità immobiliare finale. 2. È considerato ampliamento ai sensi della Legge anche il recupero ad usi abitativi dei sottotetti realizzati sino al 31/05/2011 aventi le caratteristiche di cui all art.2 della L.R. 13

15 12/99; in tutti i casi il relativo volume va computato in detrazione da quello realizzabile ai sensi della Legge. H) PRECISAZIONI INERENTI ALL ART. 3 DELLA LEGGE 1. Negli interventi di demolizione e ricostruzione degli edifici realizzati anteriormente al 1989 attuativi ai sensi dell art.3 della Legge, la localizzazione dell edificio ricostruito, fatte salve le variazioni conseguenti all eventuale ampliamento, deve mantenere un rapporto con il suo sedime originario con esclusione quindi della possibilità di ricomporre il volume in altra posizione, anche nella stessa area di proprietà, fatti salvi eventuali scostamenti finalizzati al rispetto o al ripristino dei distacchi dai confini, dai fabbricati contermini e dalla strada. 2. Nel caso di interventi di ricomposizione planivolumetrica di edifici esistenti, richiesti mediante PUA ai sensi del comma 3, la percentuale di ampliamento può essere elevata dal 40% fino ad un massimo del 50% con graduazione percentuale in funzione del punteggio conseguito in applicazione dei criteri illustrati nelle schede di valutazione della L.R. 4/2007, in analogia alle linee guida della medesima, come integrate dalla Regione ai sensi del comma 2, per i punteggi compresi tra 4 e 5; in alternativa tale volumetria aggiuntiva potrà essere concessa qualora nella riqualificazione dell ambiente urbano si adottino elevati standard qualitativi, stabiliti dal Comune in sede di redazione del Piano, ovvero vengano realizzate opere pubbliche concordate con il Comune in aggiunta agli standard di legge. 3. In tutti i casi di attuazione degli interventi mediante PUA, qualora la volumetria esistente sia superiore agli indici del P.R.G., i benefici di legge in termine di ampliamento volumetrico devono essere riferiti agli indici stabiliti dal P.R.G. medesimo. 4. Nei casi previsti ai precedenti punti 2 e 3 rientra il complesso Serenissima di via Anelli, nel quale si potrà intervenire soltanto con P.U.A.; a quest area sarà dedicata particolare attenzione nello sviluppare una edificazione, soprattutto residenziale, di qualità, al fine di favorire un processo di riqualificazione dell intero quadrante. 5. Per gli interventi di ricomposizione planivolumetrica con forme architettoniche diverse previsti dall art.3 comma 3 della Legge, anche nei casi in cui l ampliamento richiesto sia inferiore al 40%, è richiesta la definizione di precise disposizioni planivolumetriche, tipologiche, formali e strutturali ai sensi dell art.10, comma 1 punto b) del D.P.R. 380/01. In tali casi la richiesta del P.U.A. potrà essere preceduta da un progetto preliminare finalizzato alla verifica dell ambito di intervento, della sua fattibilità e delle specifiche prescrizioni per la presentazione della D.I.A.. I) INTERVENTI DI CUI ALL ART. 4 DELLA LEGGE 14

16 Atteso che gli interventi di cui all art.4 della Legge interventi per favorire da riqualificazione degli insediamenti turistico - ricettivi di fatto sono inconferenti per il territorio del Comune di Padova, le presenti disposizioni non trattano in modo specifico i contenuti di detto articolo. In ogni caso per le attrezzature di cui all art.4 della Legge l ampliamento può essere consentito previa deliberazione favorevole del Consiglio Comunale unitamente ad una specifica convenzione attuativa. L) INTERVENTI SOGGETTI A PARERE PREVENTIVO Sono subordinati alla richiesta di parere preventivo i seguenti interventi: la realizzazione di corpi separati a carattere accessorio e pertinenziale, attuabili in luogo degli ampliamenti in aderenza o con l utilizzo di corpi contigui, fatta salva l esclusione di cui al successivo punto N inerente la realizzazione di corpi separati a carattere principale; in caso di edifici ricadenti nelle fasce di rispetto può essere autorizzata la realizzazione di tali corpi separati anche collocati al di fuori della fascia di rispetto stessa (Cfr. precedente punto E) 6); l ampliamento di case a schiera o di singole unità immobiliari in edifici composti da più unità immobiliari di cui al comma 4 dell art.2 della Legge; l ampliamento di cui all art.2 della Legge richiesto sulla scorta del preesistente allineamento di fabbricazione ai sensi dell art.7 delle N.T.A. del P.R.G. in deroga a quanto disposto al precedente punto B) 5; gli interventi su edifici realizzati prima del 42 di cui all art commi 7 e 8 del P.A.T., fatto salvo quanto precisato alla seguente lettera N - ESCLUSIONI. Nei casi suddetti la presentazione della D.I.A per l esecuzione dell intervento può avvenire solo successivamente all ottenimento del parere positivo su progetto preventivo ovvero di un progetto architettonico unitario assentito da tutti i proprietari, in particolare per quanto riguarda le case a schiera e gli edifici composti da più unità immobiliari; per queste due fattispecie, nel rispetto di quanto disposto dall art.2 comma 4 della Legge il progetto, qualora non venga compromessa l armonia estetica del fabbricato, potrà essere attuato anche per parti e in tempi diversi e purché l ampliamento complessivo venga concluso entro il termine di validità della D.I.A. M) AMPLIAMENTI SU EDIFICI RICOMPRESI IN P.U.A. O RICADENTI IN ZONE SOTTOPOSTE A P.U.A. DAL P.R.G. 15

17 1. Gli ampliamenti di cui agli artt. 2, 3 e 4 della Legge non sono consentiti sugli edifici ricompresi nell ambito di un P.U.A., adottato o approvato, non ancora ultimato con riferimento sia alle opere di urbanizzazione che all'edificazione, salvo i casi di seguito precisati: a) per la Zona a destinazione privata soggetta a tutela dello stato di fatto di cui all articolo 23 delle N.T.A. del P.R.G. è consentito l ampliamento di cui all articolo 3 della Legge qualora il volume complessivo (esistente più ampliamento) non superi l indice massimo previsto dal P.R.G. (2 mc/mq). L ampliamento è consentito sulla scorta di una variante al PUA vigente, ed è riferito alla volumetria preesistente o a quella approvata dal PUA se a questa inferiore. Con le medesime modalità e parametri è ammessa anche la formazione di nuovi piani, nei quali l ampliamento può avvenire anche con contestuale modifica delle destinazioni d uso produttive preesistenti; b) per le altre zone è previsto un ampliamento massimo del 15% rispetto a quanto definito dal PUA - realizzabile mediante vani, strutture ed impianti anche non strettamente riconducibili ai volumi tecnici di cui all art.102 del R.E.- in funzione di progetti con i quali vengano conseguiti più elevati standard qualitativi e funzionali (rif. artt. da 121 a 123 del R.E.), secondo i requisiti individuati per l accesso agli incentivi nel Regolamento per la promozione dell efficienza energetica e dell edilizia sostenibile non appena questo entrerà in vigore, ovvero vengano realizzate opere pubbliche, concordate con il Comune, in aggiunta a quelle di legge. L ampliamento è approvato con delibera della Giunta Comunale, senza che ciò costituisca variante al PUA previgente, sulla base dello specifico progetto presentato, corredato da apposito atto d obbligo. 2. Sugli edifici esistenti ricadenti in zone sottoposte a P.U.A., in assenza di piano sono ammessi gli ampliamenti: Per la zona privata soggetta a tutela dello stato di fatto di cui all art.23 delle N.TA del P.R.G.: come definiti al precedente punto E.3; Per le zone di perequazione ambientale e integrata di cui all art.16 delle N.T.A. del P.R.G.: come definiti al precedente punto E.4; Si precisa che, nei casi di cui sopra, qualora nella successiva presentazione del P.U.A venga prevista la delocalizzazione dell edificio, l ampliamento autorizzato non potrà essere computato ai fini della potenzialità volumetrica del Piano. 16

18 N) ESCLUSIONI Oltre agli ambiti di esclusione indicati dall art.9 della Legge, e ferme restando le precisazioni/specificazioni date dalle presenti disposizioni, gli interventi di cui agli articoli 2, 3 e 4 della Legge non trovano applicazione: Sugli edifici ricompresi nel Centro Storico, anche per le destinazioni a prima casa di abitazione; Sugli edifici ricompresi nella zona di tutela delle unità insediative di interesse storico culturale, architettonico e ambientale di cui all art.24 delle N.T.A. del P.RG.; Sugli edifici realizzati prima del 42 di cui all art commi 7 e 8 del P.A.T., e fermo restando quanto disposto al punto L, qualora gli interventi risultino alterativi delle caratteristiche sotto riportate: - gli edifici esistenti, esterni al centro storico, costruiti in data antecedente al 1942 che presentano elementi tipologici, di finitura, decorazioni e/o particolari connotazioni di valore storico-culturale, vanno conservati e tutelati; - al pari, con riferimento alla medesima data, due o più edifici esterni al centro storico che, pur non presentando gli elementi di cui al comma precedente, costituiscono una unitarietà costruttiva e/o morfologica (stesso periodo, progetto unitario, identità di immagine), vanno conservati e tutelati, salvaguardando, tra l altro gli allineamenti, planimetrici e altimetrici, gli spazi privati e/o pubblici, gli accessi pedonali e carrabili e comunque tutti gli elementi costitutivi della morfologia urbana; Sugli edifici di interesse storico - ambientale, ancorché non vincolati, individuati specificatamente dal P.A.T.I./P.A.T. Sugli edifici del 900 individuati dal P.T.R.C. Nelle aree a rischio idrogeologico inedificabili definite dal P.A.T.I./P.A.T.; Nelle seguenti zone di P.R.G.: - Zona residenziale 5 di conservazione art.17 delle N.T.A.; - Zona di trasformazione integrata art.17 bis delle N.T.A.; - Zona polifunzionale di trasformazione art.22 delle N.T.A.; - Zona industriale di cui all art.21 e Zona Commerciale Artigianale di cui all art.22 ter delle N.T.A. individuate quali ambiti di riqualificazione e riconversione dal P.A.T.I./P.A.T. (art e art ); - Zona di Edilizia residenziale Pubblica di via Canestrini via Gerardo; Sugli edifici ricadenti nei piani attuativi non ancora conclusi ai sensi del precedente punto M1. In tutte le zone ed aree è, inoltre, esclusa la realizzazione degli ampliamenti mediante corpi separati di cui all articolo 2, comma 2 della Legge, salvo che gli stessi mantengano carattere accessorio e pertinenziale (cfr. anche precedente punto L). 17

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI Il Comune di Cadoneghe, valutate le caratteristiche e le peculiarità del proprio territorio, considerate le esigenze di sostegno al settore edilizio, attentamente soppesati

Dettagli

Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009

Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009 ALLEGATO A Definizione dei limiti e delle modalità operative, ai sensi dell art. 9 c. 5 della L.R. 14/2009 come modificata ed integrata dalla LR 26/2009 Approvato con deliberazione di CC n.47 in data 29/10/2009

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data SETTEMBRE 2011 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

Art. 1 - Finalità... 2. Art. 2 - Interventi edilizi... 2. Art. 3 - Interventi per favorire il rinnovamento del patrimonio edilizio esistente...

Art. 1 - Finalità... 2. Art. 2 - Interventi edilizi... 2. Art. 3 - Interventi per favorire il rinnovamento del patrimonio edilizio esistente... REGIONE VENETO Legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 1 INTERVENTO REGIONALE A SOSTEGNO DEL SETTORE EDILIZIO E PER FAVORIRE L UTILIZZO DELL EDILIZIA SOSTENIBILE E MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 12 LUGLIO

Dettagli

COMUNE DI LIMENA. Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i.

COMUNE DI LIMENA. Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i. COMUNE DI LIMENA Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i. Approvate con la deliberazione di C.C. n. 33 del 28.09.2011

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data ottobre 2009 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

C O M U N E D I I L L A S I

C O M U N E D I I L L A S I C O M U N E D I I L L A S I PROVINCIA DI VERONA DEFINIZIONI, LIMITI, MODALITA E CRITERI INTERPRETATIVI DELLA LEGGE REGIONALE VENETO 8 LUGLIO 2009 N.14 NEL TERRITORIO COMUNALE DI ILLASI TITOLO I DEFINIZIONI

Dettagli

Art. 1 - Finalità. a) al miglioramento della qualità abitativa per preservare,

Art. 1 - Finalità. a) al miglioramento della qualità abitativa per preservare, IL VECCHIO E IL NUOVO PIANO CASA A CONFRONTO con le nuove disposizioni dettate dalla legge regionale n. 32 del 29 novembre 2013 (Bur n. 103 del 30/11/2013) - Il primo dicembre 2013 è entrata in vigore

Dettagli

Pagina 1 di 6. Allegato A

Pagina 1 di 6. Allegato A Allegato A LIMITI E MODALITÀ APPLICATIVE DEGLI INTERVENTI PREVISTI DAGLI ARTICOLI 2, 3 e 4 DELLA LEGGE REGIONALE N. 14 DEL 08.07.2009 e smi Pagina 1 di 6 Limiti e modalità applicative per gli interventi

Dettagli

PRIMO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2009, n. 14. SECONDO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 BREVE ANALISI DEI RISULTATI OTTENUTI

PRIMO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2009, n. 14. SECONDO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 BREVE ANALISI DEI RISULTATI OTTENUTI PRIMO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 SECONDO PIANO CASA Legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 BREVE ANALISI DEI RISULTATI OTTENUTI MONITORAGGIO PIANO CASA STATO DELL ARTE Numero di istanze

Dettagli

- relazione istruttoria - Il Responsabile della III Area Arch. Nicla Paola Frezza. 04 febbraio 2011

- relazione istruttoria - Il Responsabile della III Area Arch. Nicla Paola Frezza. 04 febbraio 2011 LEGGE REGIONALE 21/12/2010 N.19 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 8 OTTOBRE 2009, N. 22 "INTERVENTI DELLA REGIONE PER IL RIAVVIO DELLE ATTIVITÀ EDILIZIE AL FINE DI FRONTEGGIARE LA CRISI ECONOMICA, DIFENDERE

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO ARTICOLO 2 DEFINIZIONI

ATTO DI INDIRIZZO ARTICOLO 2 DEFINIZIONI ATTO DI INDIRIZZO PER I PROCEDIMENTI DI COMPETENZA COMUNALE DEFINITI DAGLI ARTICOLI 4, 5, 6 bis, 7, 8, 9 E 11 bis DELLA LEGGE REGIONALE 28 DICEMBRE 2009 N. 19 Misure urgenti per il rilancio economico,

Dettagli

PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA

PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA (si veda anche la parte normativa, più sotto) Norme L. 11/11/2009 n. 19; L. 21/10/2010 n. 17 Aumenti massimi (salvo casi particolari) + 35% volume con

Dettagli

per accesso e individuazione catastale, anche adiacenti ad altri edifici; sono esclusi gli edifici cosiddetti a schiera e quelli di tipo

per accesso e individuazione catastale, anche adiacenti ad altri edifici; sono esclusi gli edifici cosiddetti a schiera e quelli di tipo Regione Piemonte Bollettino Ufficiale n. 38 del 24 settembre 2009 Circolare della Presidente della Giunta Regionale 21 settembre 2009, n. 4/PET Legge regionale 14 luglio 2009, n. 20 Snellimento delle procedure

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, in questo articolo analizziamo le definizioni di CIL,

Dettagli

RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE

RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE COMUNE DI PREGNANA MILANESE (Provincia di Milano) SETTORE ASSETTO ED USO DEL TERRITORIO UFFICIO URBANISTICA RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE INTRODUZIONE L art. 43 della legge Regionale

Dettagli

INDICE TITOLO I DEFINIZIONI URBANISTICO EDILIZIE PER L APPLICAZIONE DEL PIANO CASA

INDICE TITOLO I DEFINIZIONI URBANISTICO EDILIZIE PER L APPLICAZIONE DEL PIANO CASA INDICE TITOLO I DEFINIZIONI URBANISTICO EDILIZIE PER L APPLICAZIONE DEL PIANO CASA Articolo 1 IL CONCETTO DI PRIMA CASA DI ABITAZIONE Articolo 2 IL CONCETTO DI EDIFICI ESISTENTI Articolo 3 DEFINIZIONE

Dettagli

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo 1. L area disciplinata dal presente Piano Particolareggiato è quella perimetrata nella cartografia del R.U. vigente nel Comune di Colle VE ed identificata

Dettagli

DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI Comune di Cisano B.sco Piano dei Servizi Disciplina degli interventi COMUNE DI CISANO BERGAMASCO DISCIPLINA DEL PIANO DEI SERVIZI DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

Dettagli

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L.

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L. TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI ordinaria manutenzione D.P.R. 380/01 art. 6 e L.R. 12/05 art. 27 gli interventi edilizi che riguardano le opere

Dettagli

COMUNE DI MONTESCUDAIO REGOLAMENTO URBANISTICO

COMUNE DI MONTESCUDAIO REGOLAMENTO URBANISTICO COMUNE DI MONTESCUDAIO REGOLAMENTO URBANISTICO Variante di manutenzione con procedura semplificata ai sensi art. 30 L.R. 65/14 Responsabile del procedimento: Arch. Paola Pollina Responsabile Area Tecnica

Dettagli

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Committente: Ferrari Vittorio e Rebellato Maria Bertilla Via

Dettagli

PIANO CASA VENETO SCHEDA SINTETICA

PIANO CASA VENETO SCHEDA SINTETICA PIANO CASA VENETO SCHEDA SINTETICA (si veda anche la parte normativa, più sotto) Norme L. 8/7/2009 n. 14, Dgr 24/8/2009 n. 2499 e 2508, Dgr 22/9/2009 n. 2797, L. 8/7/2011, n. 13; L. 1/8/2012, n. 36; Circolare

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO PREFETTIZIO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO PREFETTIZIO COPIA COMUNE DI MIRANO Provincia di Venezia Servizio Segreteria Delibera N. 28 del 29/11/2011 EDIL.PRIV./alm VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO PREFETTIZIO (ASSUNTA CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE)

Dettagli

COMUNE DI VITTORIO VENETO

COMUNE DI VITTORIO VENETO COMUNE DI VITTORIO VENETO L.R. 13/2011 SECONDO PIANO CASA A VITTORIO VENETO Determinazioni limiti e modalità di applicazione IL SINDACO Gianantonio Da Re L' ASSESSORE ALL' EDILIZIA PRIVATA Flavio De Nardi

Dettagli

Legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 (BUR n. 50/2011) - Testo storico

Legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 (BUR n. 50/2011) - Testo storico MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 8 LUGLIO 2009, N. 14 INTERVENTO REGIONALE A SOSTEGNO DEL SETTORE EDILIZIO E PER FAVORIRE L'UTILIZZO DELL'EDILIZIA SOSTENIBILE E MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 12 LUGLIO 2007,

Dettagli

IL PIANO CASA DEL COMUNE DI BADIA POLESINE Dicembre 2009

IL PIANO CASA DEL COMUNE DI BADIA POLESINE Dicembre 2009 1 INDICE TITOLO I DEFINIZIONI URBANISTICO EDILIZIE PER L APPLICAZIONE DEL PIANO CASA Articolo 1 IL CONCETTO DI PRIMA CASA DI ABITAZIONE Articolo 2 IL CONCETTO DI EDIFICI ESISTENTI Articolo 3 DEFINIZIONE

Dettagli

Il Vicepresidente GELLI

Il Vicepresidente GELLI 10 14.2.2007 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 2 Art. 25 Entrata in vigore 1. Il presente regolamento entra in vigore novanta giorni dopo la sua pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della

Dettagli

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MARCHE N. 96 del 15 ottobre 2009

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MARCHE N. 96 del 15 ottobre 2009 LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 08-10-2009 REGIONE MARCHE Interventi della Regione per il riavvio delle attività edilizie al fine di fronteggiare la crisi economica, difendere l occupazione, migliorare la sicurezza

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Quarta Variante Parziale al Piano degli Interventi (PRG) modifica dell articolo 34 Parcheggi e servizi pubblici delle N.T.A.. Ai sensi dell'art. 18 della L.R.V. 11/2004 e s.m.i..

Dettagli

URBANISTICA b) il diritto di farsi casa per abitarvi. a) delle cose di interesse artistico e storico. c) n 1150 del 17 agosto 1942.

URBANISTICA b) il diritto di farsi casa per abitarvi. a) delle cose di interesse artistico e storico. c) n 1150 del 17 agosto 1942. URBANISTICA La legge n 1766 del 16 giugno 1927 introduceva il concetto dello Ius caselimandi cioè: a) il diritto di costruire abitazioni rurali. b) il diritto di farsi casa per abitarvi. c) il diritto

Dettagli

BOZZA DELLA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE INERENTE LA L.R. 13 DEL 10 GIUGNO 2008.

BOZZA DELLA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE INERENTE LA L.R. 13 DEL 10 GIUGNO 2008. BOZZA DELLA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE INERENTE LA L.R. 13 DEL 10 GIUGNO 2008. Premesso che: - la Regione Puglia, con la Legge Regionale 10 giugno 2008, n. 13, Norme per l abitare

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA. Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05

DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA. Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05 DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05 PROPOSTA DI DELIBERAZIONE - OGGETTO - ESTENSIONE DELL AMBITO DI

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Disegno di legge di iniziativa della Giunta regionale concernente Disposizioni straordinarie per il sostegno dell economia mediante il rilancio del settore edilizio e per la promozione di interventi e

Dettagli

NOVITA INTRODOTTE DALLA L.R. 12/2015 NELL AMBITO DELLA L.R. N. 16/2008 E S.M.

NOVITA INTRODOTTE DALLA L.R. 12/2015 NELL AMBITO DELLA L.R. N. 16/2008 E S.M. NOVITA INTRODOTTE DALLA L.R. 12/2015 NELL AMBITO DELLA L.R. N. 16/2008 E S.M. Con la legge regionale n. 12 del 7 aprile 2015 (Disposizioni di adeguamento della normativa regionale) è stato completato l

Dettagli

COMUNE DI MASER (TV) Limiti e modalità operative di applicazione della L.R. 14/2009 così come integrata e modificata dalla L.R.

COMUNE DI MASER (TV) Limiti e modalità operative di applicazione della L.R. 14/2009 così come integrata e modificata dalla L.R. COMUNE DI MASER (TV) Limiti e modalità operative di applicazione della L.R. 14/2009 così come integrata e modificata dalla L.R. 13/2011 Allegato A alla delibera di Consiglio Comunale n. 35 del 30/11/2011

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione Allegato C

Norme Tecniche di Attuazione Allegato C (Aggiornamento 31.03.2004) Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.2003 ART. 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Norme

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA. O. d. S. n. 11 / 2013

DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA. O. d. S. n. 11 / 2013 DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA Prot.n 7708 del 31/12/2013.. Cat 6.30.6.6. (da citare nella risposta) Torino, 31/12/2013 O. d. S. n. 11 / 2013 Oggetto:

Dettagli

SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività

SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività CAMBIO DI DESTINAZIONE D USO - Art. 9.5 del R.E.C. - Art. 79 comma 1, lett c) L.R. 1/05 SCHEDA A6 CLASSIFICAZIONE DELL INTERVENTO R.E.C.

Dettagli

Comune di Cagliari Assessorato Ambiente e Urbanistica Servizio Edilizia Privata

Comune di Cagliari Assessorato Ambiente e Urbanistica Servizio Edilizia Privata Comune di Cagliari Assessorato Ambiente e Urbanistica Servizio Edilizia Privata OGGETTO: INDIRIZZI INTERPRETATIVI DELLA L. R. 4/2009 AGGIORNAMENTO AL 18.10.2010 ART. 1 Finalità 1) L obiettivo primario

Dettagli

TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE

TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione del Piano dei Servizi Il Piano dei Servizi è lo strumento di pianificazione comunale che ha le finalità di assicurare una

Dettagli

L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli

L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli Dirigente del Settore Edilizia e Urbanistica / Comune di Scandicci (FI)

Dettagli

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA Il Servizio Edilizia privata si occupa di atti abilitativi e di controllo sui lavori edili eseguiti da parte di privati ed imprese su tutto il territorio cittadino, suddiviso

Dettagli

Piano casa della Regione Marche Le modifiche L.R. n. 22 del 8 Ottobre 2009 modificata dalla L.R. 19 del 2010

Piano casa della Regione Marche Le modifiche L.R. n. 22 del 8 Ottobre 2009 modificata dalla L.R. 19 del 2010 ANCE MARCHE Piano casa della Regione Marche Le modifiche L.R. n. 22 del 8 Ottobre 2009 modificata dalla L.R. 19 del 2010 INTERVENTI DELLA REGIONE PER IL RIAVVIO DELLE ATTIVITA EDILIZIE AL FINE DI FRONTEGGIARE

Dettagli

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga REGIONE LIGURIA ----------- LEGGE REGIONALE 12 NOVEMBRE 2014 N. 30 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 6 AGOSTO 2001, N. 24 (RECUPERO AI FINI ABITATIVI DEI SOTTOTETTI ESISTENTI) E ALLA LEGGE REGIONALE 6 GIUGNO

Dettagli

Piano casa: le regole poste dai Comuni

Piano casa: le regole poste dai Comuni Piano casa: le regole poste dai Comuni PIEMONTE LR n. 20/2009 Le esclusioni previste dalla legge edifici in assenza o difformità dal titolo abilitativo edifici nei centri storici o nelle aree esterne d'interesse

Dettagli

PARTE IV - TABELLE INDICI DI DENSITÀ FONDIARIA E ZONE OMOGENEE

PARTE IV - TABELLE INDICI DI DENSITÀ FONDIARIA E ZONE OMOGENEE PARTE IV - TAELLE INDICI DI DENSITÀ FONDIARIA E ZONE OMOGENEE Il parametro della densità fondiaria si riferisce non a quella dello specifico intervento, bensì a quella corrispondente all indice edificabile

Dettagli

Le semplificazioni e i procedimenti introdotti. dal decreto del fare in edilizia

Le semplificazioni e i procedimenti introdotti. dal decreto del fare in edilizia SAMANTA RICCO LUCA GRASSI mercoledì, martedì, 23 18 settembre 2014 2013 Le semplificazioni e i procedimenti introdotti Giornata del Decreto del fare dal decreto del fare in edilizia DISPOSIZIONI IN MATERIA

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

COMUNE DI CHIOGGIA (Provincia di Venezia)

COMUNE DI CHIOGGIA (Provincia di Venezia) COMUNE DI CHIOGGIA (Provincia di Venezia) SETTORE LAVORI PUBBLICI SERVIZIO ECOLOGIA-AMBIENTE CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE DI CHIOGGIA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE GIUGNO 2002 Il Responsabile

Dettagli

Al SETTORE EDILIZIA URBANISTICA SUAP Pratica n. / del COMUNE di CORNATE D ADDA

Al SETTORE EDILIZIA URBANISTICA SUAP Pratica n. / del COMUNE di CORNATE D ADDA Protocollo Marca da bollo Al SETTORE EDILIZIA URBANISTICA SUAP Pratica n. / del COMUNE di CORNATE D ADDA _I_ sottoscritt : RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE ai sensi dell art. 10 del D.P.R. 380/01 (Testo

Dettagli

PIANO CASA REGIONALE LIMITI E MODALITÀ APPLICATIVE DEGLI INTERVENTI OGGETTO DELLA L.R.14/2009, COSÌ COME MODIFICATA DALLA L.R.

PIANO CASA REGIONALE LIMITI E MODALITÀ APPLICATIVE DEGLI INTERVENTI OGGETTO DELLA L.R.14/2009, COSÌ COME MODIFICATA DALLA L.R. COMUNE DI CANDIANA Provincia di Padova Regione del Veneto PIANO CASA REGIONALE LIMITI E MODALITÀ APPLICATIVE DEGLI INTERVENTI OGGETTO DELLA L.R.14/2009, COSÌ COME MODIFICATA DALLA L.R. 13/2011 Allegato

Dettagli

REGIONE ABRUZZO LEGGE REGIONALE

REGIONE ABRUZZO LEGGE REGIONALE REGIONE ABRUZZO LEGGE REGIONALE 15 ottobre 2012, n. 49 Norme per l'attuazione dell'articolo 5 del D.L. 13 maggio 2011, n. 70 (Semestre europeo - Prime disposizioni urgenti per l'economia) convertito, con

Dettagli

Attuazione dell'art. 5 del d.l. 70/2011: Scheda illustrativa su Legge regionale 5 agosto 2011, n. 40

Attuazione dell'art. 5 del d.l. 70/2011: Scheda illustrativa su Legge regionale 5 agosto 2011, n. 40 Roma 29 e 30 settembre 2011 Regione Toscana La legge regionale 40/2011 1 ha introdotto significative modifiche ad alcune leggi ma in particolare alla legge regionale 1/2005 in attuazione dell articolo

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE CONCESSIONE DELLA DEROGA AI SENSI DELLA L. 106/2011, DELLA CIRCOLARE REGIONE PIEMONTE 7/UOL E DELL ART. 72 DELLE N.T.A. DEL P.R.G.C. A ESACASE S.R.L. PER AMPLIAMENTO DELLA VOLUMETRIA, NUMERO DEI PIANI,

Dettagli

CAMPANIA. Sono consentiti in deroga agli strumenti urbanistici vigenti ampliamenti per il solo residenziale con aumento del:

CAMPANIA. Sono consentiti in deroga agli strumenti urbanistici vigenti ampliamenti per il solo residenziale con aumento del: CAMPANIA AMPLIAMENTI Sono consentiti in deroga agli strumenti urbanistici vigenti ampliamenti per il solo residenziale con aumento del: 20% del volume esistente per tipologie uni-bifamiliari o comunque

Dettagli

Comune di Trissino Provincia di Vicenza

Comune di Trissino Provincia di Vicenza Comune di Trissino Provincia di Vicenza MODULISTICA ONLINE 2014 www.comune.trissino.vi.it servizi tecnici pianificazione e sviluppo del territorio edilizia privata Definizione dei TIPI di INTERVENTO aggiornato

Dettagli

Comune di Veggiano Provincia di Padova

Comune di Veggiano Provincia di Padova Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2, 3 e 4 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 così come modificata dalla legge regionale 8 luglio 2011, n. 13 PREMESSA Nell'intento

Dettagli

Art. 1 (Interventi di ampliamento)

Art. 1 (Interventi di ampliamento) Legge Regionale 8 ottobre 2009, n. 22: Interventi della Regione per il riavvio delle attività edilizie al fine di fronteggiare la crisi economica, difendere l'occupazione, migliorare la sicurezza degli

Dettagli

REGIONE MARCHE. Legge regionale 8 ottobre 2009, n. 22 1

REGIONE MARCHE. Legge regionale 8 ottobre 2009, n. 22 1 REGIONE MARCHE Legge regionale 8 ottobre 2009, n. 22 1 INTERVENTI DELLA REGIONE PER IL RIAVVIO DELLE ATTIVITÀ EDILIZIE AL FINE DI FRONTEGGIARE LA CRISI ECONOMICA, DIFENDERE L'OCCUPAZIONE, MIGLIORARE LA

Dettagli

PIANO DEGLI INTERVENTI

PIANO DEGLI INTERVENTI COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza P.R.C. Elaborato Scala PIANO DEGLI INTERVENTI Atto di Indirizzo Criteri perequativi per il Piano degli Interventi IL SINDACO Maurizio Chemello IL SEGRETARIO Maria

Dettagli

STIMA SINTETICA E DEFINIZIONE DELLA RESIDUA CAPACITA EDIFICATORIA TERRENO OSTRA

STIMA SINTETICA E DEFINIZIONE DELLA RESIDUA CAPACITA EDIFICATORIA TERRENO OSTRA STIMA SINTETICA E DEFINIZIONE DELLA RESIDUA CAPACITA EDIFICATORIA TERRENO OSTRA 1 Superficie Fondiaria relativa al lotto 2: mq. 1584,00 composto da Foglio 16 particella 925 di mq. 650 Foglio 16 particella

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione VENETO

Guida al PIANO CASA della Regione VENETO Guida al PIANO CASA della Regione VENETO (aggiornata a marzo 2015) SOMMARIO INTRODUZIONE.. pag. 3 IL PIANO CASA NEL VENETO.. pag. 4 EDIFICI RESIDENZIALI, Ampliamento volumetrico.....pag. 6 EDIFICI RESIDENZIALI,

Dettagli

Sblocca Italia: ecco la tabella con le novità per l edilizia in vigore

Sblocca Italia: ecco la tabella con le novità per l edilizia in vigore Sblocca Italia: ecco la tabella con le novità per l edilizia in vigore Il decreto Sblocca Italia (DL 133/2014 convertito nella Legge 164/2014) ha introdotto significative modifiche al Testo Unico dell

Dettagli

DIREZIONE URBANISTICA

DIREZIONE URBANISTICA DIREZIONE URBANISTICA LE VERIFICHE DI CONFORMITA URBANISTICO - EDILIZIA IN REGIME DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO (Deliberazione Consiglio comunale nr. 13/2014) SCHEDA INFORMATIVA

Dettagli

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ Regione Lombardia Comune di Ticengo Provincia di Cremona Area Tecnica Sportello Unico edilizia Responsabile del procedimento:.. Protocollo Generale per interventi di cui alla successiva tabella A (articolo

Dettagli

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E LA POSA DI IMPIANTI SOLARI E FOTOVOLTAICI (da 1 a 5 Kwp) (approvato con deliberazione c.c. numero 21 del 30.06.2011) Pagina 1 di 5

Dettagli

ALTRO. Modello ISTAT per nuove costruzioni ed ampliamenti 1 copia 1 copia - 1 copia 1 copia 1 copia

ALTRO. Modello ISTAT per nuove costruzioni ed ampliamenti 1 copia 1 copia - 1 copia 1 copia 1 copia COMUNE DI PADOVA Settore Edilizia Privata ELENCO DELLA DOCUMENTAZIONE da allegare al Permesso di costruire, DIA o SCIA. A seconda del tipo di intervento edilizio che si intende effettuare, dovrà essere

Dettagli

S.C.I.A. SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

S.C.I.A. SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA Comune di BORNASCO Provincia di PAVIA Area Tecnica P.G. S.C.I.A. SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (ex articolo 19 Legge /.8.1990 n. 241 - art.5, Legge n 73/2010) per interventi di cui alla successiva

Dettagli

INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO

INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO Direzione Commercio e Artigianato Settore Programmazione e Interventi dei Settori Commerciali INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DI ADDENSAMENTI COMMERCIALI EXTRAURBANI (ARTERIALI) A.5.

Dettagli

CITTA DI VITTORIO VENETO IL NUOVO PIANO CASA. LEGGE REGIONALE N. 13 del 08 luglio 2011

CITTA DI VITTORIO VENETO IL NUOVO PIANO CASA. LEGGE REGIONALE N. 13 del 08 luglio 2011 CITTA DI VITTORIO VENETO IL NUOVO PIANO CASA LEGGE REGIONALE N. 13 del 08 luglio 2011 Vittorio Veneto, Biblioteca Civica 10 ottobre 2011 La legge sul nuovo piano casa è una legge che non prevede nuovo

Dettagli

INCENTIVI PREVISTI DALLA LEGGE REGIONALE 10 giugno 2008, N. 13

INCENTIVI PREVISTI DALLA LEGGE REGIONALE 10 giugno 2008, N. 13 CITTÀ DI MESAGNE ASSESSORATO ALL URBANISTICA E ASSETTO DEL TERRITORIO UFFICIO DEL PIANO URBANISTICO GENERALE INCENTIVI PREVISTI DALLA LEGGE REGIONALE 10 giugno 2008, N. 13 e ss.mm.ii. recante Norme per

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Novembre 2012 INDICE Nuove aree di trasformazione... 3 Ambito A - Residenziale e Commerciale... 4 Ambito B - Residenziale

Dettagli

COMUNE DI CARTIGLIANO

COMUNE DI CARTIGLIANO ALLEGATO B ALLA DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE/D.I.A./S.C.I.A. n COMUNE DI CARTIGLIANO ALLO SPORTELLO UNICO ELENCO DOCUMENTI ALLEGATI Sempre obbligatoria Dettagliata relazione tecnica-descrittiva, a

Dettagli

Ufficio Tecnico Comunale

Ufficio Tecnico Comunale COMUNE di LEIVI Provincia di Genova Via IV Novembre, n.1 16040 LEIVI Tel.0185.319033 + Fax.0185.319569 ufficio tecnico@comune.leivi.ge.it Ufficio Tecnico Comunale REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI

Dettagli

SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux

SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux SCHEDA INTERVENTO n.10.1.1.1- Riqualificazione urbana e residenziale Edilizia sociale: Immobile di edilizia sociale in Via Barbaroux QUADRO CONOSCITIVO Breve descrizione dell intervento Gli interventi

Dettagli

Norme per il sostegno dell attività edilizia e la riqualificazione del patrimonio edilizio. *********************** Regione siciliana

Norme per il sostegno dell attività edilizia e la riqualificazione del patrimonio edilizio. *********************** Regione siciliana L.R. 23 marzo 2010, n. 6. Norme per il sostegno dell attività edilizia e la riqualificazione del patrimonio edilizio. Pubblicata sulla Gazz. Uff. Reg. sic. 26 marzo 2010, n. 14. ***********************

Dettagli

STUDIO URBANISTICO DEL TERRITORIO

STUDIO URBANISTICO DEL TERRITORIO 1 STUDIO URBANISTICO DEL TERRITORIO In attuazione del comma 2, lett. d) art. 6 della L.R. n. 14 del 30.07.2009 Misure straordinarie ed urgenti a sostegno dell attività edilizia e per il miglioramento della

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni; ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI FINANZE Direzione generale della pianificazione urbanistica territoriale e della Vigilanza edilizia del 08/10/2008 OGGETTO: Verifica di conformità ai sensi dell art. 52 delle

Dettagli

CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE

CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE Urbanistica Edilizia privata Comune di Fauglia Provincia di Pisa CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE DISCIPLINA IN MATERIA DI SANZIONI AMMINISTRATIVE DI CUI L ART. 140

Dettagli

COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO

COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO PRATICA EDILIZIA N. AL RESPONSABILE DELL UFFICIO TECNICO DEL COMUNE DI CERRO AL LAMBRO Piazza Roma, 11 20070 Cerro al Lambro (MI) DENUNCIA

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

PROGETTO DI LEGGE N. 0392. di iniziativa del Presidente della Giunta regionale

PROGETTO DI LEGGE N. 0392. di iniziativa del Presidente della Giunta regionale REGIONE LOMBARDIA VIII LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 15996 PROGETTO DI LEGGE N. 0392 di iniziativa del Presidente della Giunta regionale Azioni straordinarie per lo sviluppo e la qualificazione

Dettagli

PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01

PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01 PdC PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01 art. 3 comma 1 lett. e) DPR 380/01 [art.27 lett. e) LR 12/05] a) gli interventi

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO (P.I.I.): MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA CONCERTAZIONE IL SINDACO

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO (P.I.I.): MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA CONCERTAZIONE IL SINDACO AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO (P.I.I.): MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA CONCERTAZIONE IL SINDACO Allegato B Visto il Piano Regolatore Generale, approvato con

Dettagli

COMUNE DI CELLINO SAN MARCO

COMUNE DI CELLINO SAN MARCO COMUNE DI CELLINO SAN MARCO Provincia di Brindisi REGOLAMENTO COMUNALE DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO RELATIVO AI PERMESSI DI COSTRUIRE E ALLE DENUNCE DI INIZIO ATTIVITA, NONCHE ALLE SANATORIE EX LEGGE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE URBANISTICO-COMMERCIALE DEGLI ESERCIZI DI VENDITA

REGOLAMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE URBANISTICO-COMMERCIALE DEGLI ESERCIZI DI VENDITA REGOLAMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE URBANISTICO-COMMERCIALE DEGLI ESERCIZI DI VENDITA Approvato con deliberazione di C.C. n. 15 del 25/03/2009 1/8 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Questo regolamento, adottato nell

Dettagli

COMUNE DI MODENA PIANO DI RECUPERO

COMUNE DI MODENA PIANO DI RECUPERO COMUNE DI MODENA 2005 PIANO DI RECUPERO Piano di Recupero di iniziativa pubblica -VARIANTE -"EX CINEMA ODEON Tav. L Adottato con Del. Di C.C. N.48 del 04-07-2005 NORME URBANISTICHE ED EDILIZIE VARIANTE

Dettagli

PIANO URBANISTICO COMMERCIALE

PIANO URBANISTICO COMMERCIALE PIA URBANISTICO COMMERCIALE RME DI ATTUAZIONE Definizioni SV Superficie di vendita Per superficie di vendita di un esercizio commerciale si intende, la misura dell'area o delle aree destinate alla vendita,

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Assessore all urbanistica e ambiente Via Jacopo Aconcio, n. 5-38100 Trento Tel. 0461 493202- Fax 0461 493203 e-mail: ass.urbambiente@provincia.tn.it Trento, 8 MAGGIO 2006 Prot.

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE - Norme Tecniche di Attuazione (estratto) Il Progettista Magrini Arch. Marco Con la collaborazione degli Uffici Comunali LUGLIO 2012 REGOLAMENTO URBANISTICO - Norme Tecniche

Dettagli

ing. Fulvio Bartoli coordinatore del Settore Urbanistica, Edilizia privata e Ambiente del Comune di Imola

ing. Fulvio Bartoli coordinatore del Settore Urbanistica, Edilizia privata e Ambiente del Comune di Imola ing. Fulvio Bartoli ing. Fulvio Bartoli coordinatore del Settore Urbanistica, Edilizia privata e Ambiente del Comune di Imola L attività edilizia libera Il PdC I frazionamenti L Attività Edilizia Libera

Dettagli

Art. 101 Volume dell'edificio

Art. 101 Volume dell'edificio Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006 In vigore

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI. Servizio Edilizia Privata

COMUNE DI CAGLIARI. Servizio Edilizia Privata COMUNE DI CAGLIARI Servizio Edilizia Privata Indirizzi Interpretativi 19 Dicembre 2013 1 La presente nota scaturisce dalla necessità di dare risposta ai quesiti più frequenti posti all ufficio da parte

Dettagli

Attività edilizia libera. Attività soggette a comunicazione

Attività edilizia libera. Attività soggette a comunicazione REGIMI PROCEDURALI A CUI È SOGGETTA L ATTIVITÀ EDILIZIA IN SICILIA APPENDICE NORMATIVA Attività edilizia libera (Art. 6 L.R. 37/85) Per la realizzazione degli interventi edilizi rientranti nel "regime

Dettagli