Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate"

Transcript

1 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio lo sviluppo del processo di un nuovo prodotto in azienda. Sebbene saranno presentati alcuni metodi, lo Stage-Gate, che è uno dei più popolari, sarà descritto più in dettaglio, analizzando quali sono i suoi elementi di successo. Con questo modulo i lettori avranno un quadro essenziale su come in azienda si possa gestire con successo lo sviluppo di nuovi prodotti e servizi da portare sul mercato. Saranno acquisite le seguenti nozioni: L importanza di seguire uno dei MSNP; I passi necessari per l implementazione dello Stage-Gate e i fattori di successo di ogni fase; Come un MSNP possa aiutare a minimizzare i rischi e a massimizzare i profitti. Il tempo stimato per completare questo modulo è di circa 30 minuti. Introduzione Tutte le organizzazioni che si occupano di business devono fronteggiare la sfida dell innovazione. La sopravvivenza e la crescita dipende dalla loro capacità di rinnovare cosa offrono al mercato (prodotti/servizi) e il modo in cui esse creano e distribuiscono questa offerta distintiva (processo di innovazione). 1 Sui nuovi prodotti è tuttavia difficile riporre obiettivi di crescita importanti, e per la maggior parte delle nuove piccole e medie imprese (PMI) contare quindi su un profitto nel brevissimo termine derivante dai nuovi prodotti/servizi. La maggior parte delle PMI europee non ha una divisione specifica che si occupa di Ricerca e Sviluppo (R&S), e le PMI che giocano e vincono la partita dell innovazione, non solo si auto-sostengono spesso da sole per lo svolgimento delle attività di R&S, ma si distinguono anche come leader di uno specifico mercato. Le teorie elementari di marketing suggeriscono che tutti i prodotti hanno un ciclo di vita composto dalle seguenti fasi: introduzione, crescita, maturità e declino. Nella fase della maturità è vitale che l impresa consideri di: 1. espandere la linea del prodotto per allungarne il ciclo di vita; 2. oppure di ridisegnare il prodotto per mantenere la sua superiorità competitiva; 3. oppure di sviluppare un nuovo prodotto per mantenere elevati ricavi e profitto. 1Tidd, J., J. Bessant, and K. Pavitt, 2001 innoskills 1/10

2 Il mercato solitamente riconosce le innovazioni di successo ma punisce aspramente quelle fallimentari. Il processo di sviluppo del nuovo prodotto deve essere gestito in modo appropriato in modo da minimizzare tale rischio e massimizzare quindi i profitti. Questo testo è ideato per far capire come i MSNP siano necessari per introdurre con successo sul mercato i nuovi prodotti/servizi Che cosa sono i metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti? Per evitare che un nuovo prodotto non abbia successo sul mercato e per minimizzare i costi di sviluppo, può essere utilizzata la tabella di marcia prevista dai MSNP. In linea generale i MSNP sono strumenti che forniscono una tabella di marcia che aiuta le aziende e le organizzazioni a sviluppare con successo nuovi prodotti/servizi, o ad aggiornare quelli esistenti attraverso alcune fasi logiche che vanno dal processo di generazione dell idea e fino al lancio del prodotto sul mercato. Uno dei MSNP più famosi è lo Stage-GateTM, che prevede una serie di attività chiamate Stage e di punti di controllo tra due stage chiamati Gate. Ogni stage contiene alcune informazioni e una serie di attività ben definita concernenti particolari fasi dello sviluppo; ogni gate costituisce invece un punto di decisione dove si valuta se procedere al successivo stage, oppure fermare il processo di sviluppo del prodotto. In particolare, uno stage contiene tutte le informazioni e gli strumenti per completare con successo la singola fase. Mentre il gate contiene le specifiche di prodotto sulle quali viene comparato il risultato ottenuto dalla fase precedente, cosicché potrà essere presa la decisione se portare avanti o eliminare il processo in atto. Figura 1: Metodo Stage-Gate, tabella di marcia 2 Rifletti se nella tua azienda siano stati mai utilizzati questi tipi di procedure mentre si sviluppano nuovi prodotti o mentre si rinnovano quelli esistenti. 2 InnoSupport: Supporting Innovations in SME. 6.1 New product development methods, 2005 innoskills 2/10

3 6.1.2 Perché i MSNP sono importanti? In parte come conseguenza della crescita del tasso di introduzione di nuovi prodotti, ma anche a causa del sempre più rapido avanzamento tecnologico, il ciclo di vita dei prodotti risulta ad oggi più breve. Quindi le aziende, e in particolare le PMI, sono sempre più dipendenti dai ricavi provenienti dai nuovi prodotti per gestire la loro crescita e, a volte, sostenere la loro stessa esistenza. Il rapido sviluppo delle nuove tecnologie, il cambiamento nei bisogni dei consumatori e la graduale crescita della competizione nell era dell economia della conoscenza ha obbligato tutti i settori di business, in particolare quelli innovativi, ad adottare i MSNP quali strumenti necessari e indispensabili. I MSNP sono in generale costituiti da un processo complesso e lungo che può comportare alcuni rischi. David S. Hopkins and Earl L. Baily, dimostra che il 40% dei nuovi prodotti per il mercato consumer, il 20% dei nuovi prodotti industriali e il 18% dei nuovi servizi relativi ai prodotti esistenti hanno fallito sul mercato 3. Sapevi che nella maggior parte dei mercati e specialmente in quelli relativi ai prodotti consumer, il numero di nuovi prodotti introdotti per anno è aumentato enormemente? Per esempio, uno studio del mercato dei beni di consumo confezionati mostra che l introduzione di nuovi prodotti è aumentata di più di dieci volte in 18 anni 4. Guidate dalla domanda del consumatore e alimentate dall avanzamento tecnologico, le PMI devono quindi introdurre sempre più nuovi prodotti sul mercato per restare competitive. Le PMI che meglio mettono in pratica i MSNP avranno dei chiari vantaggi sia in termini di riduzione del tempo di introduzione su mercato dei nuovi prodotti, sia in termini di utilizzo efficace delle risorse interne destinabili alla Ricerca e allo Sviluppo Dove possono essere applicati i MSNP? I MSNP possono essere applicati da chiunque sia coinvolto nei processi di sviluppo di nuovi prodotti, inclusi i direttori esecutivi, i direttori marketing e di business development, i direttori R&S, gli ingegneri del processo, gli ingegneri dedicati allo sviluppo, i quality manager, il servizio di supporto al cliente, i manager degli acquisti. Ovviamente tutte le aziende creano e rinnovano i loro prodotti, perciò non c è un particolare settore in cui i MSNP non possano essere applicati. Le PMI che rinnovano i loro prodotti possono trarre un vantaggio da un applicazione sistematica dei MSNP per organizzare al meglio il processo d innovazione e ridurre i costi ad esso correlati. In più, l uso dei MSNP fornisce alle aziende benefici sensibili nel caso in cui la progettazione, lo sviluppo e l introduzione di un nuovo prodotto nel mercato generi costi molto alti. 3 InnoSupport: Supporting Innovations in SME. 6.1 New product development methods, Tidd, J., J. Bessant, and K. Pavitt, 2001 innoskills 3/10

4 6.1.4 Come possono essere applicati i MSNP? Il processo ad imbuto relativo allo sviluppo di un nuovo prodotto è uno dei framework dei MSNP 5. Il concetto di imbuto illustra come i bisogni dei consumatori e le capacità tecnologiche influenzino molto il concetto di generazione e selezione delle idee e di come i progetti evolvano quindi attraverso le fasi di design di prodotto, di prototipazione e test, di produzione pilota, per finire con l industrializzazione e il lancio del prodotto sul mercato. Tutto il processo avviene su livelli decrescenti di incertezza - che contemporaneamente significa però ridotta flessibilità - mano a mano che si procede con le fasi di sviluppo. Una delle descrizioni concettuali più diffusa e condivisa di MSNP è quella di Clark & Fujimoto (1991), la quale identifica 5 fasi successive, ma in parte sovrapposte, del processo: Generazione del concetto del prodotto in cui i progettisti e i responsabili di prodotto definiscono le caratteristiche del prodotto dal punto di vista delle esigenze del consumatore; Pianificazione del prodotto in cui il concetto viene specificato con maggiori dettagli relativi alla progettazione, alle tecnologie di lavorazione e ai possibili costi; Ingegnerizzazione del prodotto in cui idee di prodotto vengono trasformate in progetti o disegni CAD, successivamente in prototipi ed infine in componenti; Ingegnerizzazione del processo in cui vengono sviluppati gli strumenti tecnologici utili alla costruzione del prodotto e vengono selezionati i materiali adeguati. In questa fase vengono anche definiti il lay-out dell impianto produttivo, l organizzazione del lavoro e la suddivisione delle mansioni; Processo di produzione in cui il prodotto viene realizzato ed assemblato per il consumatore finale. Il MSNP termina con una serie di verifiche sul prodotto finito e sulle fasi del processo di realizzazione. 5 InnoSupport: Supporting Innovations in SME. 6.1 New product development methods, 2005 innoskills 4/10

5 Figura 2: Il concetto di imbuto nei MSNP6 Un MSNP largamente utilizzato è proprio lo Stage-Gate TM (Cooper et al, 2002) introdotto al paragrafo Questo metodo definisce una serie di fasi di sviluppo simili a quelle descritte in precedenza, ma integra questi modelli identificando una serie di punti di valutazione (gate), attraverso i quali si passa dall idea al lancio commerciale di un nuovo prodotto. Il modello stage-gate garantisce disciplina all interno del processo di sviluppo di un nuovo prodotto, con revisioni sistematiche del progetto, realizzate ad intervalli regolari. Hughes & Chafin (1996) propongono un punto di vista complementare da loro chiamato Value Proposition Process (VPP), che consiste nel mantenere focalizzate le persone impegnate nello sviluppo del prodotto su quattro domande principali: valore di mercato (il consumatore è interessato al nuovo prodotto?); valore per lo sviluppo del business (lo sviluppo interessa all azienda?), proposta di soluzioni vincenti (è possibile battere i concorrenti?), ed effettiva fattibilità dei progetti (l azienda può effettivamente realizzarlo?). È necessario tenere presente queste domande nell agenda di sviluppo del nuovo prodotto, insieme alle voci non meno importanti quali il monitoraggio continuo delle performance del 6 InnoSupport: Supporting Innovations in SME. 6.1 New product development methods, 2005 innoskills 5/10

6 prodotto e la soddisfazione dei clienti, piuttosto che la gestione finanziaria e strategica assieme al processo del controllo di gestione. La figura 2 illustra il processo di sviluppo del prodotto integrando il modello a fase di Clark e Fujimoto, lo sviluppo del prodotto ad imbuto, il modello stage-gate e il processo di value proposition. Nella tua azienda è mai stato usato uno dei MSNP sopra menzionati? Quali benefici si potrebbero ottenere adattando opportunamente i MSNP alla tua organizzazione? Informazioni richieste Stage 7 : costituiscono gli stadi in cui si effettuano le attività. Ai membri del progetto vengono assegnati i compiti e la responsabilità di raccogliere tutte le informazioni necessarie per l avanzamento del progetto al prossimo gate o punto di decisione. Gli stage hanno una valenza funzionale di tipo trasversale: non c è una fase relativa al settore R&S distinta ad esempio da quella del marketing. Piuttosto ogni fase consiste in una serie di attività parallele intraprese da persone appartenenti anche a diverse aree funzionali dell azienda, che lavorano in una squadra guidata da un project leader con responsabilità trasversali alle varie aree coinvolte. Al fine di gestire il rischio relativo al business attraverso il metodo stage-gate, le attività parallele presenti in una certa fase devono essere progettate per ottenere le informazioni essenziali di tipo tecnico, commerciale e finanziario delle azioni previste nel singolo stage. In genere ogni fase è più costosa della precedente, cosicché la pianificazione è basata su un impegno incrementale di denaro. Nell avanzamento del progetto, con la riduzione dell incertezza, le spese sono ammesse nella misura in cui il rischio è ritenuto gestibile. Gate: 8 è posizionato prima e dopo ciascuno stage. I gate sono fondamentali per il successo di un processo di sviluppo di un nuovo prodotto, e servono come veri e propri punti di controllo: in tali punti si risponde alla domanda il progetto è eseguito nel rispetto della qualità attesa? I gate servono anche come punti di decisione di tipo Go/Kill e per attribuire una priorità alle varie decisioni da prendere. I gate tengono inoltre conto degli imbuti, dove le progettualità mediocri vengono progressivamente eliminate. Laddove venga presa la decisione di proseguire verso lo stage successivo, i gate determinano infine l impegno delle risorse. La riunione di gate è spesso gestita dai senior manager dei diversi settori operativi, i quali possiedono la consapevolezza circa la disponibilità delle risorse, la conoscenza del progetto e del team che è necessario costituire per lo stage successivo. I decisori sono chiamati gatekeeper. 7 John Wiley and Sons, John Wiley and Sons, 1995 innoskills 6/10

7 I gate hanno un formato comune che include i seguenti tre elementi: Consegne: sono gli input della revisione del gate, ovvero che cosa ii project leader e il team riportano alla riunione di gate. Si tratta cioè dei risultati delle azioni dello stage precedente, e sono basati su un menù standardizzato di consegne per ogni stage; Criteri: sono costituiti dalle metriche con cui il progetto viene valutato. Questo elemento è necessario per mettere in atto le decisioni di tipo Go/Kill e l assegnazione delle priorità alle varie attività; Output: sono i risultati della revisione del gate, accompagnati dalla relativa decisione Go/Kill. Viene approvato un piano d azione e vengono concordate le date e le consegne per il prossimo gate. Le revisioni dello stage-gate dovrebbero avere dei criteri d ingresso ben definiti, obiettivi di revisione ed un agenda per ogni revisione. Fattori di successo Affinché il lancio di un prodotto abbia successo, 7 diversi fattori 9 devono concorrere nel modo corretto. Se uno di questi non funziona il lancio ha buona probabilità di fallire. I 7 Fattori critici di successo 1. Lavoro di preparazione utile per definire il prodotto e il progetto nel suo complesso; 2. La voce del consumatore: dedicarsi a tutti gli aspetti del mercato e agli input dei consumatori per l intera durata del progetto; 3. Vantaggio del prodotto: tipo di differenziazione sul mercato, proposizione unica di valore, quale valore aggiunto per il consumatore; 4. Forma, stabilità e prima definizione del prodotto, precedente allo sviluppo; 5. Un lancio ben pianificato, impiegando una quantità e qualità di risorse adeguate; 6. Forti decisioni go/kill e gate funnels not tunnels (imbuti non tunnel n.d.tr.); 7. Team responsabile: dedicato, supportato e trasversalmente funzionale, con leadership riconosciuta. La sfida di un MSNP è assicurare che tutti i 7 fattori siano sempre presenti contemporaneamente. Uno dei commenti più frequenti è che un MSNP è difficile da gestire, e ciò è vero per due principali motivi: All inizio di un progetto il risultato atteso ed il lavoro che deve essere realizzato per ottenerlo è spesso permeato da una forte incertezza. Per molti gruppi, ed in particolar modo per le aziende che lavorano a catena di montaggio e per quelle di tipo 9 SAP A.G, 2004 innoskills 7/10

8 manifatturiero, un MSNP può avere un effetto dirompente, andando ad interferire con il processo in quel momento in uso. Questo tipo di impatto deve essere attentamente gestito e ottimizzato. Segue un caso studio che evidenzia come lo Stage Gate ha supportato un azienda che opera nel mercato della costruzione di grandi imbarcazioni a diventare fortemente competitiva nel nuovo mercato liberalizzato Caso studio Un importante azienda toscana di costruzione di Mega-Yacht ha l'obiettivo di creare velieri di grandi dimensioni manovrabili da una sola persona. Oggi il rivoluzionario sistema per l automazione del controllo del piano velico creato dal fondatore è diventato lo stato dell arte della tecnologia della navigazione a vela, e uno standard per l intera cantieristica mondiale. L azienda è attualmente l unico cantiere al mondo che progetta, sviluppa e quindi costruisce le proprie imbarcazioni. In questo momento, le aziende che progettano e costruiscono imbarcazioni si trovano a fronteggiare una serie di importanti sfide imposte dall attuale situazione di mercato. Infatti, per essere competitive devono creare prodotti sempre più all avanguardia, che rispondano in modo puntuale a tutte le richieste dei propri clienti, in termini di prestazioni, rapporto qualità/prezzo riducendo, nello stesso tempo, i costi e i tempi di consegna. Tutto il settore, dai progettisti agli architetti, dai cantieri navali ai fornitori, sta quindi cercando un proprio equilibrio. Per rispettare le scadenze di consegna e guadagnare in competitività, architetti e progettisti navali, cantieri e fornitori hanno cominciato ad adottare nuove metodologie di lavoro. Poco alla volta, i disegni lasciano spazio ai modelli digitali in 3D, permettendo anche ai piccoli costruttori di imbarcazioni da diporto di lanciare vere e proprie linee di prodotti simili a quelle sviluppate dall industria automobilistica. Sempre grazie alla tecnologia 3D digitale, i costruttori di super yacht possono evadere più velocemente gli ordini. In parallelo deve essere considerata anche la crescita costante del mercato inerente il ricondizionamento (refitting). innoskills 8/10

9 In questo quadro generale l azienda ha applicato metodologie per produrre innovazione di prodotto in modo coordinato e quindi efficiente. In particolare si tratta del processo di introduzione di un nuovo materiale quale l alluminio per la realizzazione di scafi per alcuni modelli di mega-yacht di punta dell azienda. Il processo messo a punto è partito da un analisi delle idee generate in varie sessioni di brainstorming, che hanno coinvolto tutte le funzioni del gruppo, dalla progettazione agli specialisti nella costruzione dell imbarcazione. Si è quindi realizzata un analisi di fattibilità tecnologica, in modo da disegnare l effettiva ipotesi di applicazione del nuovo materiale all interno del ciclo produttivo esistente. Al risultato positivo di tale analisi, l azienda ha provveduto alla realizzazione di un prototipo, facendo pesante ricorso alle moderne tecnologie di prototipazione rapida. Quindi è avvenuto il passaggio all ingegnerizzazione di prodotto e del processo, che ha costituito la parte più onerosa di tutto il percorso, sia in termini economici sia in termini di impegno delle persone in azienda. I gate sono stati in pratica caratterizzati dalle decisioni chiave durante tutto il processo, perché il nuovo prodotto potesse arrivare fino alla commercializzazione. L azienda comunica fortemente la propria innovazione messa a punto, facendo emergere il proprio brand come uno dei più tecnologici e al passo con i tempi Riepilogo dei punti chiave La natura di tutto il lavoro che ha a che fare con il processo di sviluppo di un nuovo prodotto è caratterizzata da un alta complessità, imprevedibilità e dalla necessaria presenza di una capacità decisionale a più livelli. Al giorno d oggi sono disponibili molti metodi di sviluppo di nuovi prodotti ed ognuno di questi dovrebbe essere usato ed applicato seguendo le fasi richieste dal metodo stesso. I criteri per decidere se e quando usare un MSNP sono rappresentati dai costi e dai rischi relativi agli specifici bisogni che devono essere presi in considerazione quali il tipo di prodotto, il processo di produzione, ecc. Per avere successo nell uso di un MSNP, le PMI devono dotarsi di un quadro di riferimento/tabella di marcia sul quale basare le loro decisioni per ridurre i costi e i rischi che sono compresi nel concetto stesso di sviluppo di nuovo prodotto. L obiettivo principale di questo capitolo è stato quello di presentare alcuni dei principali MSNP e le fasi principali di questi metodi. È stato presentato l uso del metodo dello Stage-Gate con tutte le sue azioni e le sue fasi, così come i relativi fattori di successo. È stato inoltre presentato ciò che comporta ciascun stage e ciascun gate, e come bisogna implementarlo per ridurre rischi e costi al fine di migliorare la qualità della progettazione. Infine è stato presentato un caso studio per far capire meglio come il metodo Stage-Gate cambia e rinnova le unità di produzione, le quali possono migliorare la loro flessibilità e qualità! innoskills 9/10

10 BIBLIOGRAFIA Tidd, J., J. Bessant, and K. Pavitt, (2001), GEstione dell Innovazione (2nd edition) John Wiley and Sons, (1995), Progettazione di prodotto: fondamenti e metodi, Chichester SAP A.G, (2004), Introduzione allo sviluppo e di un nuovo prodotto Dr. Robert G. Cooper, (2001), Avere successo con i nuovi prodotti, Stage Gate Inc, Product Development Institute B2B International, consultato il 25/03/2010 QMI Solutions, 2008, consultato il 25/03/2010 InnoSupport: Supportare l innovazione nelle PMI. 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti, 2005, consultato il 25/03/2010 GLOSSARIO Stage-Gate TM process: è un processo di sviluppo di prodotto ampiamente usato che suddivide il lavoro da fare in due fasi separate. Il team coinvolto nel progetto deve completare con successo una serie di attività prestabilite della fase precedente per poter accedere alla fase successiva. Il quadro di riferimento del processo Stage-Gate include un flusso di lavoro e decisionale e definisce i sistemi di supporto e le pratiche necessarie per assicurare che tutte le attività del processo vadano a buon fine. Stage: gruppo di attività simultaneamente portate a termine, con risultati specifici rispetto all intero processo di sviluppo del prodotto. Gate: punto di decisione, è spesso una riunione durante la quale viene presa una decisione di tipo gestionale per permettere al progetto di sviluppo di prodotto di procedere alla fase successiva, di ritornare alla fase precedente per completare alcuni compiti o semplicemente di terminare. Il numero di gate varia a seconda del tipo di progetto. Gatekeepers: il gruppo di manager (consulenti, responsabili e gestori di risorse) è parte fondamentale del processo stage-gate. Essi solitamente stabiliscono i criteri per verificare i progetti di sviluppo dei prodotti ad ogni gate. Questo gruppo multifunzionale è generalmente coincidente con le persone che partecipano ai gatemeeting. CAD: acronimo di Computer Aided Design, (Disegno Assistito dal Calcolatore, n.d.tr) è una tecnologia che permette ai progettisti di usare i computer per il loro lavoro di progettazione. innoskills 10/10

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!!

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! MISSION La mission di CSR Solution è quella di supportare soluzioni software avanzate nei settori della progettazione e della produzione industriale per le aziende

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

IL PROCESSO DI FABBRICAZIONE (sviluppo nuovo prodotto)

IL PROCESSO DI FABBRICAZIONE (sviluppo nuovo prodotto) CORSO DI Gestione aziendale Facoltà di Ingegneria IL PROCESSO DI FABBRICAZIONE (sviluppo nuovo prodotto) Carlo Noè Università Carlo Cattaneo Istituto di Tecnologie e-mail: cnoe@liuc.it 1 Il processo di

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

ICT e strategie. L influenza delle ICT sulla strategia

ICT e strategie. L influenza delle ICT sulla strategia ICT e strategie Information Systems Design L influenza delle ICT sulla strategia 1. Miglioramento dei processi decisionali strategici e di pianificazione e controllo 2. Strumento per perseguire la strategia

Dettagli

Una necessità per aumentare Velocità Qualità Motivazione Flessibilità di un organizzazione moderna. SKF Car Business Unit

Una necessità per aumentare Velocità Qualità Motivazione Flessibilità di un organizzazione moderna. SKF Car Business Unit Una necessità per aumentare Velocità Qualità Motivazione Flessibilità di un organizzazione moderna 1 Un approccio difficile perchè Il Team conta più del singolo Utilizza risorse condivise E trasversale

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ

PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT CENTRATE I VOSTRI OBIETTIVI LA MISSIONE In qualità di clienti Rockwell Automation, potete contare

Dettagli

MODELLO PER LO SVILUPPO DEL PRODOTTO

MODELLO PER LO SVILUPPO DEL PRODOTTO MODELLO PER LO SVILUPPO DEL PRODOTTO 34 Funzioni aziendali coinvolte nello sviluppo prodotto LE PRINCIPALI FUNZIONI AZIENDALI PROTAGONISTE NELLO SVIPUPPO PRODOTTI SONO: Progettazione e sviluppo prodotto

Dettagli

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Obiettivi di apprendimento Sono sempre di più le aziende interessate ad approfondire la conoscenza degli strumenti di collaborazione per migliorare la propria

Dettagli

Cos è la UNI EN ISO 9001?

Cos è la UNI EN ISO 9001? Cos è la UNI EN ISO 9001? Cos è la UNI EN ISO 9001? è una norma che definisce i requisiti per un sistema di gestione per la qualità. Aiuta le organizzazioni ad essere più efficaci ed efficienti, assicurando

Dettagli

Project Management & Innovazione

Project Management & Innovazione Project Management & Innovazione Milano, 24 ottobre 2006 Antonio Bassi, PMP antonio.bassi@pmi-nic.org www.pmi-nic.org Agenda Il progetto La ricerca L evoluzione Il libro e poi Ambito e missione del progetto

Dettagli

UML e (R)UP (an overview)

UML e (R)UP (an overview) Lo sviluppo di sistemi OO UML e (R)UP (an overview) http://www.rational.com http://www.omg.org 1 Riassumento UML E un insieme di notazioni diagrammatiche che, utilizzate congiuntamente, consentono di descrivere/modellare

Dettagli

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente ISO 14001 e OHSAS 18001 nuovi traguardi per una raffineria ogni giorno più compatibile, innovativa, responsabile api raffineria di ancona S.p.A. DUE TRAGUARDI

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Il target costing Che cosa è il target costing. In prima analisi. E un metodo di calcolo dei costi, utilizzato in fase di progettazione di nuovi prodotti,

Dettagli

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Introduzione Questa nota informativa ha lo scopo di introdurre le fasi principali del processo di valutazione LRQA riferito al Sistema di Gestione

Dettagli

Percorso di specializzazione: Sviluppo Nuovi Prodotti Tecniche potenti di progettazione e industrializzazione

Percorso di specializzazione: Sviluppo Nuovi Prodotti Tecniche potenti di progettazione e industrializzazione Percorso di specializzazione: Sviluppo Nuovi Prodotti Tecniche potenti di progettazione e industrializzazione Un percorso dedicato Riduzione costi Qualità Oobeya Room Product Development Value Stream Map

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari

Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari Definizione di progetto Cos è un progetto Progetto si definisce, di regola, uno sforzo complesso di durata solitamente

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

Innovazione e cambiamento

Innovazione e cambiamento ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Innovazione e cambiamento 2 Contenuti del capitolo Innovare o perire: il ruolo strategico del cambiamento Cambiamento tecnologico Nuovi prodotti e servizi Cambiamenti strategici

Dettagli

PMO: così fanno le grandi aziende

PMO: così fanno le grandi aziende PMO: così fanno le grandi aziende Tutte le grandi aziende hanno al loro interno un PMO - Project Management Office che si occupa di coordinare tutti i progetti e i programmi aziendali. In Italia il project

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

ARIES. Architettura per l'implementazione rapida dei Sistemi Aziendali. Presentazione della metodologia ARIES

ARIES. Architettura per l'implementazione rapida dei Sistemi Aziendali. Presentazione della metodologia ARIES ARIES Architettura per l'implementazione rapida dei Sistemi Aziendali. Presentazione della metodologia ARIES ARIES è una metodologia per implementare rapidamente sistemi informativi aziendali complessi,

Dettagli

GUIDA VELOCE PER TRAINER

GUIDA VELOCE PER TRAINER GUIDA VELOCE ~ 6 ~ GUIDA VELOCE PER TRAINER Perché usare il toolkit di EMPLOY? In quanto membro del personale docente, consulente di carriera, addetto al servizio per l impiego o chiunque interessato ad

Dettagli

Indice. pagina 2 di 8

Indice. pagina 2 di 8 LEZIONE SOURCING, PROCUREMENT E METODOLOGIE PER L'OTTIMIZZAZIONE DELLA CATENA DEL VALORE DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1 Catena del valore e creazione del valore --------------------------------------------------------------

Dettagli

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda Fa quadrato attorno alla tua azienda Professional Perché scegliere Cosa permette di fare la businessintelligence: Conoscere meglio i dati aziendali, Individuare velocemente inefficienze o punti di massima

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto 11 1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto Poiché ciascun progetto è un processo complesso ed esclusivo, una pianificazione organica ed accurata è indispensabile al fine di perseguire

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE II ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO UDA 4 IL TEAM DI PROGETTO LEZIONE: IL

Dettagli

TECNICHE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO

TECNICHE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO Per conto di AICQ CN 1 - Autore Giovanni Mattana - Consigliere di Giunta AICQ CN Presidente della Commissione UNI per i Sistemi di Qualità La norma è intesa come un supporto per la Iso 31000 e fornisce

Dettagli

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE SALESFORCE EFFECTIVENESS 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ DISPORRE DI PROCESSI COMMERCIALI PIÙ COMPETITIVI? Realizzare nel tempo una crescita

Dettagli

Redazione e Presentazione di Progetti Informatici

Redazione e Presentazione di Progetti Informatici Redazione e Presentazione di Progetti Informatici Corso di Laurea in Informatica Massimo Ruffolo E-mail: ruffolo@icar.cnr.it Web: http://www.icar.cnr.it/ruffolo Istituto di CAlcolo e Reti ad alte prestazioni

Dettagli

GUIDA OPERATIVA AL DIVERSITY MANAGEMENT

GUIDA OPERATIVA AL DIVERSITY MANAGEMENT GUIDA OPERATIVA AL DIVERSITY MANAGEMENT (LA GESTIONE DELLE DIVERSITÁ DELLE PERSONE IN AZIENDA) L incremento dell eterogeneità all interno dei mercati del lavoro rappresenta una delle principali caratteristiche

Dettagli

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE : L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE Definizioni Per lo sviluppo di un impresa sono necessarie sia le abilità dell imprenditore che quelle dei manager * Le abilità imprenditoriali sono

Dettagli

Edizione 2010. www.sovedi.it

Edizione 2010. www.sovedi.it Edizione 2010 www.sovedi.it SOVEDI s.r.l. Via Antica, 3-25080 Padenghe sul Garda (BS) email: info@sovedi.it tel: +39 0302076341 CAP.SOC. 51.480,00 - C.F. p.iva 00632180246 SOVEDI nasce nel 1978 a Vicenza.

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane

I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane La presente pubblicazione si rivolge ai dirigenti del settore sanitario e ha come obiettivo

Dettagli

FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B

FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B Fornire ai partecipanti elementi di Marketing, applicati alla realtà Business to Business. MARKETING B2B Il corso si rivolge a tutti coloro che si occupano di vendite

Dettagli

Talent Management 2020. Scenari e prospettive futuri

Talent Management 2020. Scenari e prospettive futuri Talent Management 2020 Scenari e prospettive futuri INTRODUZIONE Le funzioni delle Risorse Umane (Human Resources-HR) non solo forniscono molti servizi interni, come la selezione del personale, il sostegno

Dettagli

Fabbrica Futuro. Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani LA RISPOSTA EVOLUTA DELLA CONSULENZA ALLA DINAMICITÀ DEL MERCATO.

Fabbrica Futuro. Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani LA RISPOSTA EVOLUTA DELLA CONSULENZA ALLA DINAMICITÀ DEL MERCATO. Fabbrica Futuro Idee e strumenti per l impresa manifatturiera del domani 27 giugno 2013 WEGE LA RISPOSTA EVOLUTA DELLA CONSULENZA ALLA DINAMICITÀ DEL MERCATO. MCS, Q&O e PTM tre società di consulenza che,

Dettagli

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future

1 Introduzione. 1.1 La Mobilé Inc in breve. 1.2 Storia. 1.3 Ai giorni nostri. 1.4 Prospettive future 1 Introduzione 1.1 La Mobilé Inc in breve Mobilé Inc è un azienda produttrice di telefonini, con sede negli Stati Uniti, che si è concentrata sulla produzione di telefonini di nuova generazione a partire

Dettagli

Il marketing dei servizi

Il marketing dei servizi Il marketing dei servizi Il gap 2: la progettazione del servizio e gli standard operativi visibili e misurabili dai clienti 22 P f ROBERTO PAPA GAP 2: il gap di progettazione del servizio Il secondo gap

Dettagli

Il ciclo di progetto focus su. Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT

Il ciclo di progetto focus su. Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT Il ciclo di progetto focus su Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT analisi periodica e finale di: efficienza, efficacia, impatto atteso, sostenibilità

Dettagli

SISTEMA E-LEARNING INeOUT

SISTEMA E-LEARNING INeOUT SISTEMA E-LEARNING INeOUT AMBIENTE OPERATIVO 1 Premesse metodologiche La complessità di un sistema informatico dipende dall aumento esponenziale degli stati possibili della sua architettura. Se è vero

Dettagli

UN CASO AZIENDALE CASI AZIENDALI: N 00103/2008. Value Management System Un caso aziendale. Pagina n 1 Pagine totali 7

UN CASO AZIENDALE CASI AZIENDALI: N 00103/2008. Value Management System Un caso aziendale. Pagina n 1 Pagine totali 7 Pagina n 1 CASI AZIENDALI: N 00103/2008 UN CASO AZIENDALE SETTORE: COMMERCIO FORMA GIURIDICA: SNC PROBLEMA: SITUAZIONE DI INDEBITAMENTO FINANZIARIO OBIETTIVO: RIORGANIZZAZIONE SISTEMA DI GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

Credex LA PIATTAFORMA PER LA GESTIONE DELLA CATENA ESTESA DEL VALORE DEL RECUPERO CREDITI. ABI Consumer Credit 2003. Roma, 27 marzo 2003

Credex LA PIATTAFORMA PER LA GESTIONE DELLA CATENA ESTESA DEL VALORE DEL RECUPERO CREDITI. ABI Consumer Credit 2003. Roma, 27 marzo 2003 LA PIATTAFORMA PER LA GESTIONE DELLA CATENA ESTESA DEL VALORE DEL RECUPERO CREDITI ABI Consumer Credit 2003 Roma, 27 marzo 2003 Questo documento è servito da supporto ad una presentazione orale ed i relativi

Dettagli

Sviluppo e Gestione dei Progetti. docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it

Sviluppo e Gestione dei Progetti. docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it Sviluppo e Gestione dei Progetti docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it Metodologie operative Metodi Stage Gate Tecniche avanzate di sviluppo progetti Metodi Stage - Gate Suddividono il progetto

Dettagli

Mappatura della supply chain. Soluzioni Clienti

Mappatura della supply chain. Soluzioni Clienti Mappatura della supply chain Soluzioni Clienti Mappatura della supply chain State cercando di migliorare la gestione della supply chain della vostra organizzazione? Mappare i processi rappresenta una modalità

Dettagli

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output Vantaggio di costo Un'impresa ha un vantaggio di costo se i suoi costi cumulati per realizzare tutte le attività generatrici di valore sono più bassi di quelli dei suoi concorrenti" Porter Costo fisso

Dettagli

Progetto software 2008/2009. Docente Marianna Nicolosi Asmundo

Progetto software 2008/2009. Docente Marianna Nicolosi Asmundo Progetto software 2008/2009 Docente Marianna Nicolosi Asmundo Obiettivi del corso Coinvolgervi nello sviluppo di un progetto software in cui mettere a frutto le conoscenze che avete acquisito durante i

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELL INNOVAZIONE

ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELL INNOVAZIONE COME GESTIRE I PROGETTI IN MODO PIÙ SEMPLICE, VELOCE E COLLABORATIVO? COME RENDERE LA PROGETTAZIONE E LO SVILUPPO DEI PRODOTTI PIÙ VELOCE ED EFFICIENTE? COME RIDURRE LA COMPLESSITÀ DEI PRODOTTI GARANTENDO

Dettagli

PRESENTAZIONE Time & Mind

PRESENTAZIONE Time & Mind PRESENTAZIONE Time & Mind Febbraio 2008 Time & Mind srl C.so Svizzera, 185 10149 Torino T +39 011 19505938 www.timeandmind.com - info@timeandmind.com Ecosistemi Digitali al servizio delle aziende L agenzia

Dettagli

Le prestazioni della Supply Chain

Le prestazioni della Supply Chain Le prestazioni della Supply Chain L ottenimento dell adattamento strategico e la sua portata Le prestazioni della Supply Chain 1 Linea guida Le strategie Competitiva e della supply chain L ottenimento

Dettagli

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Logo azienda/università I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting

Dettagli

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte)

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte) Paolo Mazzoni 2011. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2011". Non sono ammesse

Dettagli

Brand Management. al Global Business Management nelle imprese Market-Driven *

Brand Management. al Global Business Management nelle imprese Market-Driven * Dal Brand Management al Global Business Management nelle imprese Market-Driven * Emilio Zito ** Abstract Le imprese più competitive, operanti nei mercati globali di massa (automotive, high-tech, largo

Dettagli

La gestione manageriale dei progetti

La gestione manageriale dei progetti PROGETTAZIONE Pianificazione, programmazione temporale, gestione delle risorse umane: l organizzazione generale del progetto Dimitri Grigoriadis La gestione manageriale dei progetti Per organizzare il

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel

Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel di Rinaldo Tartari Consulente Qualità e Affidabilità Excel

Dettagli

ISO Revisions Whitepaper

ISO Revisions Whitepaper ISO Revisions ISO Revisions ISO Revisions Whitepaper Processi e procedure Verso il cambiamento Processo vs procedura Cosa vuol dire? Il concetto di gestione per processi è stato introdotto nella versione

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

PROGETTAZIONE B.I.M.

PROGETTAZIONE B.I.M. PROGETTAZIONE B.I.M. Building Information Modeling INTRODUZIONE: Negli ultimi anni, in architettura, ingegneria e nel mondo delle costruzioni è avvenuto un radicale cambiamento negli strumenti e nei metodi

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Perfare MASSIMIZZARE IL VALORE DELL ATTUALE GAMMA DI PRODOTTI

Perfare MASSIMIZZARE IL VALORE DELL ATTUALE GAMMA DI PRODOTTI Perfare Perfare Percorsi aziendali di formazione e assistenza operativa MASSIMIZZARE IL VALORE DELL ATTUALE GAMMA DI PRODOTTI Costruire un piano di azioni concrete per ottenere il massimo valore dall attuale

Dettagli

AL RICONOSCIMENTO DELLE STARTUP A VOCAZIONE SOCIALE. La nuova procedura per accedere ai vantaggi fiscali

AL RICONOSCIMENTO DELLE STARTUP A VOCAZIONE SOCIALE. La nuova procedura per accedere ai vantaggi fiscali GUIDA AL RICONOSCIMENTO DELLE STARTUP A VOCAZIONE SOCIALE La nuova procedura per accedere ai vantaggi fiscali Il rischio dell Italia è di città straordinariamente belle ma città del passato. La sfida è

Dettagli

Indice strutturato dello studio di fattibilità

Indice strutturato dello studio di fattibilità Indice strutturato dello studio di fattibilità DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 10 Indice 1 2 SPECIFICITÀ DELLO STUDIO DI FATTIBILITÀ IN UN PROGETTO DI RIUSO... 3 INDICE STRUTTURATO DELLO

Dettagli

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti 10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti Nel 2013 hanno chiuso in Italia oltre 50.000 aziende, con un aumento di oltre

Dettagli

CONSULENZA LOCALE, SOLUZIONI INDIVIDUALI, KNOW-HOW INTERNAZIONALE

CONSULENZA LOCALE, SOLUZIONI INDIVIDUALI, KNOW-HOW INTERNAZIONALE CONSULENZA LOCALE, SOLUZIONI INDIVIDUALI, KNOW-HOW INTERNAZIONALE Innovazione e ostacoli relativi L innovazione è il fattore chiave per la creazione di valore nell economia del 21 secolo e determina significativamente

Dettagli

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio CENTRO STUDI Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni Progetto Confetra Lazio: Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio Roma, maggio 2011 PROGETTO REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DELLA

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

Sviluppo e Gestione di Progetti. Primo modulo: Introduzione al PM. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione di Progetti per Informatici

Sviluppo e Gestione di Progetti. Primo modulo: Introduzione al PM. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione di Progetti per Informatici Università di Padova - e Gestione di Progetti Primo modulo: Introduzione al PM docente: Filippo Ghiraldo filippo.ghiraldo@unipd.it Progetti e loro ciclo di vita Esempi Materiale didattico sottoposto a

Dettagli

METODOLOGIA DELL ASSESSMENT

METODOLOGIA DELL ASSESSMENT METODOLOGIA DELL ASSESSMENT Chi siamo HR RiPsi nasce come divisione specializzata di Studio RiPsi grazie alla collaborazione di Psicologi e Direttori del Personale che hanno maturato consolidata esperienza

Dettagli

Accenture Innovation Center for Broadband

Accenture Innovation Center for Broadband Accenture Innovation Center for Broadband Il nostro centro - dedicato alla convergenza e alla multicanalità nelle telecomunicazioni - ti aiuta a sfruttare al meglio il potenziale delle tecnologie broadband.

Dettagli

Project Management. Modulo: Introduzione. prof. ing. Guido Guizzi

Project Management. Modulo: Introduzione. prof. ing. Guido Guizzi Project Management Modulo: Introduzione prof. ing. Guido Guizzi Definizione di Project Management Processo unico consistente in un insieme di attività coordinate con scadenze iniziali e finali, intraprese

Dettagli

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business 2 La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business (2 - migliorate la vostra credibilità: i 5 passi per dimostrare l efficacia del Marketing) Pagina 1 di 9 SOMMARIO PREMESSA...

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

7. Esigenze informative e FAQ. 8. Allegati. Repository documentale.

7. Esigenze informative e FAQ. 8. Allegati. Repository documentale. Titolo Documento: Specifica customer service e knowledge base Codice Documento e versione template: MR CRZ 17 - v2.0 Repository documentale. I contenuti relativi al sistema/servizio possono essere di varia

Dettagli

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini Vicenza, 5 marzo 2013 Relatore: FABIO VENTURI Consulente di direzione e formatore. Testimonianza:

Dettagli

DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN

DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI MONITORAGGIO DEI MERCATI DELLA VENDITA AL DETTAGLIO DELL ENERGIA ELETTRICA E DEL GAS NATURALE Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 10 giugno

Dettagli

I NUOVI MODELLI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI A SUPPORTO DELL EFFICIENZA AZIENDALE

I NUOVI MODELLI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI A SUPPORTO DELL EFFICIENZA AZIENDALE I NUOVI MODELLI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI A SUPPORTO DELL EFFICIENZA AZIENDALE PROJECT PORTFOLIO MANAGEMENT Strumento indispensabile per l efficienza del business SICUREZZA FORMAZION E AMBIENTE ETICA

Dettagli

L AUMENTO DELL AUTOMAZIONE - come introdurre sul mercato i contatori intelligenti

L AUMENTO DELL AUTOMAZIONE - come introdurre sul mercato i contatori intelligenti L AUMENTO DELL AUTOMAZIONE - come introdurre sul mercato i contatori intelligenti INTRODUZIONE I contatori intelligenti sono strumenti per il monitoraggio in tempo reale dei consumi e per l invio automatico

Dettagli

CRM Downsizing Program

CRM Downsizing Program Azzerare i costi inutili del CRM e massimizzare il valore di quanto già realizzato S empre, e in special modo durante periodi di crisi, risulta vitale in azienda individuare tutte le potenziali fonti di

Dettagli

Studio Coluccia Rossetti Dottori Commercialisti e Revisori contabili

Studio Coluccia Rossetti Dottori Commercialisti e Revisori contabili Modulo 0 Aree nelle quali operiamo Contrattualistica Internazionale Contabilità Generale Analitica Consulenza Tributaria Fiscale Certificazioni Processi Prodotti Perizie Giurate Organizzazione Produttiva

Dettagli

Incrementare i profitti con una riduzione dei costi generali

Incrementare i profitti con una riduzione dei costi generali Incrementare i profitti con una riduzione dei costi generali La competizione generata dall economia globale continuerà ad imporre un abbassamento dei prezzi al cliente finale. Di conseguenza, controllare

Dettagli

executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti

executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 20 Sempre un passo avanti EXECUTIVE MASTER COURSE Production Manager OBIETTIVI Il corso mette in condizione i partecipanti

Dettagli

I processi aziendali e l industria della cornice di legno.

I processi aziendali e l industria della cornice di legno. I processi aziendali e l industria della cornice di legno. Productio Flow può essere classificato come un sistema software progettato ad hoc sulle esigenze gestionali dell industria della cornice di legno

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

YOUR EASY SOLUTION FOR COSTING

YOUR EASY SOLUTION FOR COSTING YOUR EASY SOLUTION FOR COSTING INNOVAZIONE TECNOLOGICA CHE SEMPLIFICA I PROCESSI AZIENDALI Hyperlean nasce dall intuizione di sei giovani ricercatori del Dipartimento di Meccanica (ora Dipartimento di

Dettagli

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi.

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. 5. Processi Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. Il criterio vuole approfondire come l azienda agrituristica

Dettagli

Corso di. Analisi e contabilità dei costi

Corso di. Analisi e contabilità dei costi Corso di Analisi e Contabilità dei Costi I costi nelle aziende che lavorano su commessa 1. Cosa significa produrre su commessa? L azienda produce un bene (complesso) solo dopo aver ricevuto un ordine da

Dettagli

si può fare di più La sostenibilità, il nuovo motore delle imprese. Più si ricercano soluzioni sostenibili e più si aprono nuove strade.

si può fare di più La sostenibilità, il nuovo motore delle imprese. Più si ricercano soluzioni sostenibili e più si aprono nuove strade. si può fare di più La sostenibilità, il nuovo motore delle imprese. Più si ricercano soluzioni sostenibili e più si aprono nuove strade. Cloros è una società certificata ISO 9001 e UNI CEI 11352, che ha

Dettagli

Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche

Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche Obiettivi. Affrontare i primi passi della produzione del software: la definizione dei requisiti ed il progetto architetturale che porta alla definizione delle

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO L organizzazione di un progetto è la realizzazione del processo di pianificazione. In altre parole, organizzare significa far funzionare le cose. Nello specifico, implica una

Dettagli

Il modello di ottimizzazione SAM

Il modello di ottimizzazione SAM Il modello di ottimizzazione control, optimize, grow Il modello di ottimizzazione Il modello di ottimizzazione è allineato con il modello di ottimizzazione dell infrastruttura e fornisce un framework per

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

Technology and Quality of Life. [Preincubazione] [Preincubazione]

Technology and Quality of Life. [Preincubazione] [Preincubazione] Technology and Quality of Life W W W. P O N T - T E C H. I T [Preincubazione] [Preincubazione] [Obiettivo: sviluppare un Business Plan] Offrire un supporto professionale alle vostre idee attraverso un

Dettagli

Creazione automatica di organigrammi e di rapporti sulla forza lavoro

Creazione automatica di organigrammi e di rapporti sulla forza lavoro Creazione automatica di organigrammi e di rapporti sulla forza lavoro Visualizzazione della forza lavoro Generazione di rapporti sul numero di dipendenti Definizione del budget e pianificazione Gestione

Dettagli