Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate"

Transcript

1 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio lo sviluppo del processo di un nuovo prodotto in azienda. Sebbene saranno presentati alcuni metodi, lo Stage-Gate, che è uno dei più popolari, sarà descritto più in dettaglio, analizzando quali sono i suoi elementi di successo. Con questo modulo i lettori avranno un quadro essenziale su come in azienda si possa gestire con successo lo sviluppo di nuovi prodotti e servizi da portare sul mercato. Saranno acquisite le seguenti nozioni: L importanza di seguire uno dei MSNP; I passi necessari per l implementazione dello Stage-Gate e i fattori di successo di ogni fase; Come un MSNP possa aiutare a minimizzare i rischi e a massimizzare i profitti. Il tempo stimato per completare questo modulo è di circa 30 minuti. Introduzione Tutte le organizzazioni che si occupano di business devono fronteggiare la sfida dell innovazione. La sopravvivenza e la crescita dipende dalla loro capacità di rinnovare cosa offrono al mercato (prodotti/servizi) e il modo in cui esse creano e distribuiscono questa offerta distintiva (processo di innovazione). 1 Sui nuovi prodotti è tuttavia difficile riporre obiettivi di crescita importanti, e per la maggior parte delle nuove piccole e medie imprese (PMI) contare quindi su un profitto nel brevissimo termine derivante dai nuovi prodotti/servizi. La maggior parte delle PMI europee non ha una divisione specifica che si occupa di Ricerca e Sviluppo (R&S), e le PMI che giocano e vincono la partita dell innovazione, non solo si auto-sostengono spesso da sole per lo svolgimento delle attività di R&S, ma si distinguono anche come leader di uno specifico mercato. Le teorie elementari di marketing suggeriscono che tutti i prodotti hanno un ciclo di vita composto dalle seguenti fasi: introduzione, crescita, maturità e declino. Nella fase della maturità è vitale che l impresa consideri di: 1. espandere la linea del prodotto per allungarne il ciclo di vita; 2. oppure di ridisegnare il prodotto per mantenere la sua superiorità competitiva; 3. oppure di sviluppare un nuovo prodotto per mantenere elevati ricavi e profitto. 1Tidd, J., J. Bessant, and K. Pavitt, 2001 innoskills 1/10

2 Il mercato solitamente riconosce le innovazioni di successo ma punisce aspramente quelle fallimentari. Il processo di sviluppo del nuovo prodotto deve essere gestito in modo appropriato in modo da minimizzare tale rischio e massimizzare quindi i profitti. Questo testo è ideato per far capire come i MSNP siano necessari per introdurre con successo sul mercato i nuovi prodotti/servizi Che cosa sono i metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti? Per evitare che un nuovo prodotto non abbia successo sul mercato e per minimizzare i costi di sviluppo, può essere utilizzata la tabella di marcia prevista dai MSNP. In linea generale i MSNP sono strumenti che forniscono una tabella di marcia che aiuta le aziende e le organizzazioni a sviluppare con successo nuovi prodotti/servizi, o ad aggiornare quelli esistenti attraverso alcune fasi logiche che vanno dal processo di generazione dell idea e fino al lancio del prodotto sul mercato. Uno dei MSNP più famosi è lo Stage-GateTM, che prevede una serie di attività chiamate Stage e di punti di controllo tra due stage chiamati Gate. Ogni stage contiene alcune informazioni e una serie di attività ben definita concernenti particolari fasi dello sviluppo; ogni gate costituisce invece un punto di decisione dove si valuta se procedere al successivo stage, oppure fermare il processo di sviluppo del prodotto. In particolare, uno stage contiene tutte le informazioni e gli strumenti per completare con successo la singola fase. Mentre il gate contiene le specifiche di prodotto sulle quali viene comparato il risultato ottenuto dalla fase precedente, cosicché potrà essere presa la decisione se portare avanti o eliminare il processo in atto. Figura 1: Metodo Stage-Gate, tabella di marcia 2 Rifletti se nella tua azienda siano stati mai utilizzati questi tipi di procedure mentre si sviluppano nuovi prodotti o mentre si rinnovano quelli esistenti. 2 InnoSupport: Supporting Innovations in SME. 6.1 New product development methods, 2005 innoskills 2/10

3 6.1.2 Perché i MSNP sono importanti? In parte come conseguenza della crescita del tasso di introduzione di nuovi prodotti, ma anche a causa del sempre più rapido avanzamento tecnologico, il ciclo di vita dei prodotti risulta ad oggi più breve. Quindi le aziende, e in particolare le PMI, sono sempre più dipendenti dai ricavi provenienti dai nuovi prodotti per gestire la loro crescita e, a volte, sostenere la loro stessa esistenza. Il rapido sviluppo delle nuove tecnologie, il cambiamento nei bisogni dei consumatori e la graduale crescita della competizione nell era dell economia della conoscenza ha obbligato tutti i settori di business, in particolare quelli innovativi, ad adottare i MSNP quali strumenti necessari e indispensabili. I MSNP sono in generale costituiti da un processo complesso e lungo che può comportare alcuni rischi. David S. Hopkins and Earl L. Baily, dimostra che il 40% dei nuovi prodotti per il mercato consumer, il 20% dei nuovi prodotti industriali e il 18% dei nuovi servizi relativi ai prodotti esistenti hanno fallito sul mercato 3. Sapevi che nella maggior parte dei mercati e specialmente in quelli relativi ai prodotti consumer, il numero di nuovi prodotti introdotti per anno è aumentato enormemente? Per esempio, uno studio del mercato dei beni di consumo confezionati mostra che l introduzione di nuovi prodotti è aumentata di più di dieci volte in 18 anni 4. Guidate dalla domanda del consumatore e alimentate dall avanzamento tecnologico, le PMI devono quindi introdurre sempre più nuovi prodotti sul mercato per restare competitive. Le PMI che meglio mettono in pratica i MSNP avranno dei chiari vantaggi sia in termini di riduzione del tempo di introduzione su mercato dei nuovi prodotti, sia in termini di utilizzo efficace delle risorse interne destinabili alla Ricerca e allo Sviluppo Dove possono essere applicati i MSNP? I MSNP possono essere applicati da chiunque sia coinvolto nei processi di sviluppo di nuovi prodotti, inclusi i direttori esecutivi, i direttori marketing e di business development, i direttori R&S, gli ingegneri del processo, gli ingegneri dedicati allo sviluppo, i quality manager, il servizio di supporto al cliente, i manager degli acquisti. Ovviamente tutte le aziende creano e rinnovano i loro prodotti, perciò non c è un particolare settore in cui i MSNP non possano essere applicati. Le PMI che rinnovano i loro prodotti possono trarre un vantaggio da un applicazione sistematica dei MSNP per organizzare al meglio il processo d innovazione e ridurre i costi ad esso correlati. In più, l uso dei MSNP fornisce alle aziende benefici sensibili nel caso in cui la progettazione, lo sviluppo e l introduzione di un nuovo prodotto nel mercato generi costi molto alti. 3 InnoSupport: Supporting Innovations in SME. 6.1 New product development methods, Tidd, J., J. Bessant, and K. Pavitt, 2001 innoskills 3/10

4 6.1.4 Come possono essere applicati i MSNP? Il processo ad imbuto relativo allo sviluppo di un nuovo prodotto è uno dei framework dei MSNP 5. Il concetto di imbuto illustra come i bisogni dei consumatori e le capacità tecnologiche influenzino molto il concetto di generazione e selezione delle idee e di come i progetti evolvano quindi attraverso le fasi di design di prodotto, di prototipazione e test, di produzione pilota, per finire con l industrializzazione e il lancio del prodotto sul mercato. Tutto il processo avviene su livelli decrescenti di incertezza - che contemporaneamente significa però ridotta flessibilità - mano a mano che si procede con le fasi di sviluppo. Una delle descrizioni concettuali più diffusa e condivisa di MSNP è quella di Clark & Fujimoto (1991), la quale identifica 5 fasi successive, ma in parte sovrapposte, del processo: Generazione del concetto del prodotto in cui i progettisti e i responsabili di prodotto definiscono le caratteristiche del prodotto dal punto di vista delle esigenze del consumatore; Pianificazione del prodotto in cui il concetto viene specificato con maggiori dettagli relativi alla progettazione, alle tecnologie di lavorazione e ai possibili costi; Ingegnerizzazione del prodotto in cui idee di prodotto vengono trasformate in progetti o disegni CAD, successivamente in prototipi ed infine in componenti; Ingegnerizzazione del processo in cui vengono sviluppati gli strumenti tecnologici utili alla costruzione del prodotto e vengono selezionati i materiali adeguati. In questa fase vengono anche definiti il lay-out dell impianto produttivo, l organizzazione del lavoro e la suddivisione delle mansioni; Processo di produzione in cui il prodotto viene realizzato ed assemblato per il consumatore finale. Il MSNP termina con una serie di verifiche sul prodotto finito e sulle fasi del processo di realizzazione. 5 InnoSupport: Supporting Innovations in SME. 6.1 New product development methods, 2005 innoskills 4/10

5 Figura 2: Il concetto di imbuto nei MSNP6 Un MSNP largamente utilizzato è proprio lo Stage-Gate TM (Cooper et al, 2002) introdotto al paragrafo Questo metodo definisce una serie di fasi di sviluppo simili a quelle descritte in precedenza, ma integra questi modelli identificando una serie di punti di valutazione (gate), attraverso i quali si passa dall idea al lancio commerciale di un nuovo prodotto. Il modello stage-gate garantisce disciplina all interno del processo di sviluppo di un nuovo prodotto, con revisioni sistematiche del progetto, realizzate ad intervalli regolari. Hughes & Chafin (1996) propongono un punto di vista complementare da loro chiamato Value Proposition Process (VPP), che consiste nel mantenere focalizzate le persone impegnate nello sviluppo del prodotto su quattro domande principali: valore di mercato (il consumatore è interessato al nuovo prodotto?); valore per lo sviluppo del business (lo sviluppo interessa all azienda?), proposta di soluzioni vincenti (è possibile battere i concorrenti?), ed effettiva fattibilità dei progetti (l azienda può effettivamente realizzarlo?). È necessario tenere presente queste domande nell agenda di sviluppo del nuovo prodotto, insieme alle voci non meno importanti quali il monitoraggio continuo delle performance del 6 InnoSupport: Supporting Innovations in SME. 6.1 New product development methods, 2005 innoskills 5/10

6 prodotto e la soddisfazione dei clienti, piuttosto che la gestione finanziaria e strategica assieme al processo del controllo di gestione. La figura 2 illustra il processo di sviluppo del prodotto integrando il modello a fase di Clark e Fujimoto, lo sviluppo del prodotto ad imbuto, il modello stage-gate e il processo di value proposition. Nella tua azienda è mai stato usato uno dei MSNP sopra menzionati? Quali benefici si potrebbero ottenere adattando opportunamente i MSNP alla tua organizzazione? Informazioni richieste Stage 7 : costituiscono gli stadi in cui si effettuano le attività. Ai membri del progetto vengono assegnati i compiti e la responsabilità di raccogliere tutte le informazioni necessarie per l avanzamento del progetto al prossimo gate o punto di decisione. Gli stage hanno una valenza funzionale di tipo trasversale: non c è una fase relativa al settore R&S distinta ad esempio da quella del marketing. Piuttosto ogni fase consiste in una serie di attività parallele intraprese da persone appartenenti anche a diverse aree funzionali dell azienda, che lavorano in una squadra guidata da un project leader con responsabilità trasversali alle varie aree coinvolte. Al fine di gestire il rischio relativo al business attraverso il metodo stage-gate, le attività parallele presenti in una certa fase devono essere progettate per ottenere le informazioni essenziali di tipo tecnico, commerciale e finanziario delle azioni previste nel singolo stage. In genere ogni fase è più costosa della precedente, cosicché la pianificazione è basata su un impegno incrementale di denaro. Nell avanzamento del progetto, con la riduzione dell incertezza, le spese sono ammesse nella misura in cui il rischio è ritenuto gestibile. Gate: 8 è posizionato prima e dopo ciascuno stage. I gate sono fondamentali per il successo di un processo di sviluppo di un nuovo prodotto, e servono come veri e propri punti di controllo: in tali punti si risponde alla domanda il progetto è eseguito nel rispetto della qualità attesa? I gate servono anche come punti di decisione di tipo Go/Kill e per attribuire una priorità alle varie decisioni da prendere. I gate tengono inoltre conto degli imbuti, dove le progettualità mediocri vengono progressivamente eliminate. Laddove venga presa la decisione di proseguire verso lo stage successivo, i gate determinano infine l impegno delle risorse. La riunione di gate è spesso gestita dai senior manager dei diversi settori operativi, i quali possiedono la consapevolezza circa la disponibilità delle risorse, la conoscenza del progetto e del team che è necessario costituire per lo stage successivo. I decisori sono chiamati gatekeeper. 7 John Wiley and Sons, John Wiley and Sons, 1995 innoskills 6/10

7 I gate hanno un formato comune che include i seguenti tre elementi: Consegne: sono gli input della revisione del gate, ovvero che cosa ii project leader e il team riportano alla riunione di gate. Si tratta cioè dei risultati delle azioni dello stage precedente, e sono basati su un menù standardizzato di consegne per ogni stage; Criteri: sono costituiti dalle metriche con cui il progetto viene valutato. Questo elemento è necessario per mettere in atto le decisioni di tipo Go/Kill e l assegnazione delle priorità alle varie attività; Output: sono i risultati della revisione del gate, accompagnati dalla relativa decisione Go/Kill. Viene approvato un piano d azione e vengono concordate le date e le consegne per il prossimo gate. Le revisioni dello stage-gate dovrebbero avere dei criteri d ingresso ben definiti, obiettivi di revisione ed un agenda per ogni revisione. Fattori di successo Affinché il lancio di un prodotto abbia successo, 7 diversi fattori 9 devono concorrere nel modo corretto. Se uno di questi non funziona il lancio ha buona probabilità di fallire. I 7 Fattori critici di successo 1. Lavoro di preparazione utile per definire il prodotto e il progetto nel suo complesso; 2. La voce del consumatore: dedicarsi a tutti gli aspetti del mercato e agli input dei consumatori per l intera durata del progetto; 3. Vantaggio del prodotto: tipo di differenziazione sul mercato, proposizione unica di valore, quale valore aggiunto per il consumatore; 4. Forma, stabilità e prima definizione del prodotto, precedente allo sviluppo; 5. Un lancio ben pianificato, impiegando una quantità e qualità di risorse adeguate; 6. Forti decisioni go/kill e gate funnels not tunnels (imbuti non tunnel n.d.tr.); 7. Team responsabile: dedicato, supportato e trasversalmente funzionale, con leadership riconosciuta. La sfida di un MSNP è assicurare che tutti i 7 fattori siano sempre presenti contemporaneamente. Uno dei commenti più frequenti è che un MSNP è difficile da gestire, e ciò è vero per due principali motivi: All inizio di un progetto il risultato atteso ed il lavoro che deve essere realizzato per ottenerlo è spesso permeato da una forte incertezza. Per molti gruppi, ed in particolar modo per le aziende che lavorano a catena di montaggio e per quelle di tipo 9 SAP A.G, 2004 innoskills 7/10

8 manifatturiero, un MSNP può avere un effetto dirompente, andando ad interferire con il processo in quel momento in uso. Questo tipo di impatto deve essere attentamente gestito e ottimizzato. Segue un caso studio che evidenzia come lo Stage Gate ha supportato un azienda che opera nel mercato della costruzione di grandi imbarcazioni a diventare fortemente competitiva nel nuovo mercato liberalizzato Caso studio Un importante azienda toscana di costruzione di Mega-Yacht ha l'obiettivo di creare velieri di grandi dimensioni manovrabili da una sola persona. Oggi il rivoluzionario sistema per l automazione del controllo del piano velico creato dal fondatore è diventato lo stato dell arte della tecnologia della navigazione a vela, e uno standard per l intera cantieristica mondiale. L azienda è attualmente l unico cantiere al mondo che progetta, sviluppa e quindi costruisce le proprie imbarcazioni. In questo momento, le aziende che progettano e costruiscono imbarcazioni si trovano a fronteggiare una serie di importanti sfide imposte dall attuale situazione di mercato. Infatti, per essere competitive devono creare prodotti sempre più all avanguardia, che rispondano in modo puntuale a tutte le richieste dei propri clienti, in termini di prestazioni, rapporto qualità/prezzo riducendo, nello stesso tempo, i costi e i tempi di consegna. Tutto il settore, dai progettisti agli architetti, dai cantieri navali ai fornitori, sta quindi cercando un proprio equilibrio. Per rispettare le scadenze di consegna e guadagnare in competitività, architetti e progettisti navali, cantieri e fornitori hanno cominciato ad adottare nuove metodologie di lavoro. Poco alla volta, i disegni lasciano spazio ai modelli digitali in 3D, permettendo anche ai piccoli costruttori di imbarcazioni da diporto di lanciare vere e proprie linee di prodotti simili a quelle sviluppate dall industria automobilistica. Sempre grazie alla tecnologia 3D digitale, i costruttori di super yacht possono evadere più velocemente gli ordini. In parallelo deve essere considerata anche la crescita costante del mercato inerente il ricondizionamento (refitting). innoskills 8/10

9 In questo quadro generale l azienda ha applicato metodologie per produrre innovazione di prodotto in modo coordinato e quindi efficiente. In particolare si tratta del processo di introduzione di un nuovo materiale quale l alluminio per la realizzazione di scafi per alcuni modelli di mega-yacht di punta dell azienda. Il processo messo a punto è partito da un analisi delle idee generate in varie sessioni di brainstorming, che hanno coinvolto tutte le funzioni del gruppo, dalla progettazione agli specialisti nella costruzione dell imbarcazione. Si è quindi realizzata un analisi di fattibilità tecnologica, in modo da disegnare l effettiva ipotesi di applicazione del nuovo materiale all interno del ciclo produttivo esistente. Al risultato positivo di tale analisi, l azienda ha provveduto alla realizzazione di un prototipo, facendo pesante ricorso alle moderne tecnologie di prototipazione rapida. Quindi è avvenuto il passaggio all ingegnerizzazione di prodotto e del processo, che ha costituito la parte più onerosa di tutto il percorso, sia in termini economici sia in termini di impegno delle persone in azienda. I gate sono stati in pratica caratterizzati dalle decisioni chiave durante tutto il processo, perché il nuovo prodotto potesse arrivare fino alla commercializzazione. L azienda comunica fortemente la propria innovazione messa a punto, facendo emergere il proprio brand come uno dei più tecnologici e al passo con i tempi Riepilogo dei punti chiave La natura di tutto il lavoro che ha a che fare con il processo di sviluppo di un nuovo prodotto è caratterizzata da un alta complessità, imprevedibilità e dalla necessaria presenza di una capacità decisionale a più livelli. Al giorno d oggi sono disponibili molti metodi di sviluppo di nuovi prodotti ed ognuno di questi dovrebbe essere usato ed applicato seguendo le fasi richieste dal metodo stesso. I criteri per decidere se e quando usare un MSNP sono rappresentati dai costi e dai rischi relativi agli specifici bisogni che devono essere presi in considerazione quali il tipo di prodotto, il processo di produzione, ecc. Per avere successo nell uso di un MSNP, le PMI devono dotarsi di un quadro di riferimento/tabella di marcia sul quale basare le loro decisioni per ridurre i costi e i rischi che sono compresi nel concetto stesso di sviluppo di nuovo prodotto. L obiettivo principale di questo capitolo è stato quello di presentare alcuni dei principali MSNP e le fasi principali di questi metodi. È stato presentato l uso del metodo dello Stage-Gate con tutte le sue azioni e le sue fasi, così come i relativi fattori di successo. È stato inoltre presentato ciò che comporta ciascun stage e ciascun gate, e come bisogna implementarlo per ridurre rischi e costi al fine di migliorare la qualità della progettazione. Infine è stato presentato un caso studio per far capire meglio come il metodo Stage-Gate cambia e rinnova le unità di produzione, le quali possono migliorare la loro flessibilità e qualità! innoskills 9/10

10 BIBLIOGRAFIA Tidd, J., J. Bessant, and K. Pavitt, (2001), GEstione dell Innovazione (2nd edition) John Wiley and Sons, (1995), Progettazione di prodotto: fondamenti e metodi, Chichester SAP A.G, (2004), Introduzione allo sviluppo e di un nuovo prodotto Dr. Robert G. Cooper, (2001), Avere successo con i nuovi prodotti, Stage Gate Inc, Product Development Institute B2B International, consultato il 25/03/2010 QMI Solutions, 2008, consultato il 25/03/2010 InnoSupport: Supportare l innovazione nelle PMI. 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti, 2005, consultato il 25/03/2010 GLOSSARIO Stage-Gate TM process: è un processo di sviluppo di prodotto ampiamente usato che suddivide il lavoro da fare in due fasi separate. Il team coinvolto nel progetto deve completare con successo una serie di attività prestabilite della fase precedente per poter accedere alla fase successiva. Il quadro di riferimento del processo Stage-Gate include un flusso di lavoro e decisionale e definisce i sistemi di supporto e le pratiche necessarie per assicurare che tutte le attività del processo vadano a buon fine. Stage: gruppo di attività simultaneamente portate a termine, con risultati specifici rispetto all intero processo di sviluppo del prodotto. Gate: punto di decisione, è spesso una riunione durante la quale viene presa una decisione di tipo gestionale per permettere al progetto di sviluppo di prodotto di procedere alla fase successiva, di ritornare alla fase precedente per completare alcuni compiti o semplicemente di terminare. Il numero di gate varia a seconda del tipo di progetto. Gatekeepers: il gruppo di manager (consulenti, responsabili e gestori di risorse) è parte fondamentale del processo stage-gate. Essi solitamente stabiliscono i criteri per verificare i progetti di sviluppo dei prodotti ad ogni gate. Questo gruppo multifunzionale è generalmente coincidente con le persone che partecipano ai gatemeeting. CAD: acronimo di Computer Aided Design, (Disegno Assistito dal Calcolatore, n.d.tr) è una tecnologia che permette ai progettisti di usare i computer per il loro lavoro di progettazione. innoskills 10/10

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network

La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network La Borsa delle idee Innovare: il reale valore dei social network Di cosa parliamo? La Borsa delle Idee è la soluzione per consentire alle aziende di coinvolgere attivamente le persone (dipendenti, clienti,

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris.

ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris. ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris. Sin dal lancio, avvenuto dieci anni fa, il marchio ghd è diventato sinonimo di prodotti di hair styling di fascia

Dettagli

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo Aggreko Process Services Soluzioni rapide per il miglioramento dei processi Aggreko può consentire rapidi miglioramenti dei processi

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: una sfida avvincente Gestire una propria rete di punti vendita monomarca diretti o in franchising, per molte aziende sta diventando

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Il prodotto Tre punti fondamentali 1. Elementi di base nella gestione del prodotto 2. Sviluppo di nuovi prodotti 3. L organizzazione per il prodotto 1.Elementi

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 4. Gli indicatori G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 Cosa sono gli indicatori Gli indicatori sono strumenti in grado

Dettagli

1. AGROALIMENTARE, PROMOZIONE TERRITORIALE E TURISMO

1. AGROALIMENTARE, PROMOZIONE TERRITORIALE E TURISMO CHI SIAMO Sagitter One é la compagnia specializzata nel fornire soluzioni all avanguardia nel mercato dell ospitalità, della promozione agroalimentare, del marketing territoriale e dell organizzazione

Dettagli

Le Dashboard di cui non si può fare a meno

Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le aziende più sensibili ai cambiamenti stanno facendo di tutto per cogliere qualsiasi opportunità che consenta loro di incrementare il business e di battere

Dettagli

2 Come individuare le necessità di innovazione in un azienda. 2.2 L analisi SWOT degli elementi tangibili e intangibili

2 Come individuare le necessità di innovazione in un azienda. 2.2 L analisi SWOT degli elementi tangibili e intangibili 2 Come individuare le necessità di innovazione in un azienda 2.2 L analisi SWOT degli elementi tangibili e intangibili Parole chiave Analisi SWOT, Punti di forza, Opportunità, Punti di debolezza, Minacce

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY THE FUTURE IS CLOSER Il primo motore di tutte le nostre attività è la piena consapevolezza che il colore è

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

DISPENSA N. 18 MARKETING

DISPENSA N. 18 MARKETING 1 E PIANIFICAZIONE Per marketing si intende l'insieme di attività che servono per individuare a chi vendere, che cosa vendere e come vendere, con l'obiettivo di soddisfare í bisogni e i desideri del consumatore,

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Il software per la gestione smart del Call Center

Il software per la gestione smart del Call Center Connecting Business with Technology Solutions. Il software per la gestione smart del Call Center Center Group srl 1 Comunica : per la gestione intelligente del tuo call center Comunica è una web application

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Lo spettacolo di una vecchia fatiscente imbarcazione da diporto, sia in decomposizione nel suo ormeggio che mezza affondata con gli alberi che spuntano dall acqua

Dettagli

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci L Autovalutazione con il Modello CAF Questa presentazione L autovalutazione e il miglioramento Il processo di autovalutazione La scelta dell approccio all autovalutazione Alcuni approfondimenti sull autovalutazione

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli