MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)"

Transcript

1 MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era in genere controindicato. Ormai in qualsiasi sport si devono includere nei programmi di allenamento, nei termini e nei modi appropriati, le metodiche per lo sviluppo della forza. Cercando il miglioramento della Forza si deve prestare attenzione a non trascurare lo sviluppo delle altre capacità motorie. In questo articolo cercheremo di dare una classificazione dei Metodi di allenamento soffermandoci sui più importanti Come lavora il Muscolo : tipi di lavoro muscolare Metodi Principali di sviluppo: i 3 metodi principali di sviluppo Serie, Ripetizioni, recupero: cosa sono? Tabella di HARRE: una delle prime e più classiche tabelle Mezzi per allenare la Forza : i mezzi e gli ausili principali I programmi: i principali sistemi di allenamento per incrementare la Forza I lavori in circuito: Vai alla pagina dove si trattano le esercitazioni in circuito I nuovi Metodi : Vai alla pagina dove si trattano i nuovi metodi Come lavora il muscolo Nella pagina I Tipi di Forza abbiamo visto che il muscolo può esercitare essenzialmente 3 tipi di lavoro Lavoro Statico Isometrico Contrazione Isometrica Lavoro Dinamico Concentrico Eccentrico Contrazione o Lavoro cedente Contrazione o Lavoro vincente Lavoro Misto Eccentrico-Concentrico Statico-Dinamico In base alla velocità di esecuzione del movimento, al tipo di contrazione esercitata o al peso e resistenza applicati possiamo distinguere altri 4 tipi di lavoro: Tipo di lavoro Lavoro ISOMETRICO Lavoro ISOTONICO Lavoro ISOCINETICO Descrizione Non c è allungamento ne accorciamento del ventre muscolare, quindi i capi articolari rimangono equidistanti mantenendo invariato l angolo articolare, le fibre muscolari però si contraggono nel tentativo di vincere od opporsi ad una resistenza esterna più alta della F.Massimale Il muscolo si contrae (in modo eccentrico od eccentrico) contro una resistenza esterna da vincere sempre uguale, se ne deduce ad esempio che nei vari angoli articolari del movimento abbiamo una forza esercitata diversa, a cui corrisponde però un lavoro sempre uguale Il muscolo si contrae (in mo do eccentrico o concentrico) secondo una resistenza che varia al fine di mantenere inalterata la velocità di contrazione durante tutto l arco del movimento

2 Lavoro PLIOMETRICO È il lavoro che sfrutta la elasticità o pretensionamento muscolare al fine di portare ad un innalzamento della forza massima, della capacità contrattile e di reclutamento massimo nel più breve tempo possibile (F.Veloce, F.Esplosiva) Ad un rapido stiramento del ventre muscolare ottenuto in genere con delle fasi di carico e preparazione (atteggiamenti del corpo) o con cadute dall alto (forza di gravità) segue una repentina contrazione concentrica. METODI PRINCIPALI DI SVILUPPO DELLA FORZA Riassumendo i metodi principali per lo sviluppo della forza sono L utilizzazione di una resistenza con una intensità massimale o sub-massimale (n.d.r. molto prossima alla massimale) 2. Una resistenza non massimale fino all esaurimento 3. Mediante l utilizzazione di una resistenza da vincere relativamente bassa ma con velocità di contrazione massimale. Questi tre metodi sono poi stati sviluppati e discriminati in maniera più dettagliata, al fine di pervenire ad incrementi della forza nelle sue varie accezioni, utili per un allenamento più attinente alle esigenze delle varie discipline sportive. Il Metodo di allenamento consiste in pratica nella organizzazione dei mezzi e degli strumenti. 1) Metodo delle serie e ripetizioni -TABELLA DI HARRE Il Metodo Principale è stato così esaurientemente riassunto da Harre (1977) nella sua ormai celebre tabella: Facciamo chiarezza sui termini 1 : ovvero un piccolo glossario metodologico Metodo Il metodo è un principio unitario che ha possibilità di applicazione universale. Metodologia E la applicazione del principio unitario, e quindi è la strutturazione del metodo. Tabella sul SOVRACCARICO secondo HARRE, 1977 % Numero Numero Velocità Tempo di Obiettivo Del MAX Ripetizioni Serie Intensità Recupero Allenamento % Vel. Bassa 2' - 5' F. Massima 70-85% Vel. Bassa 2' - 4' F. Massima ipetrofia 30-50% Vel. Max 4' - 6' F. Veloce 75% Vel. Max 4' - 6' F. Veloce Massimale 40-60% Vel. Bassa 30" - 45" F. Resistente 20-40% Vel. Moderata Ottimale F. Resistente Tabella 3. Tabella generale sulle esercitazioni di Forza, in base alla intensità di lavoro (espressa in percentuale % del massimo carico), si ricavano le indicazioni di massima sull'allenamento quali: il numero delle ripetizioni, numero delle serie, il recupero necessario, la velocità di esecuzione e soprattutto le finalità od obiettivi di allenamento, cioè la direzione verso cui è orientato il carico allenante.

3 2) Metodo Piramidale prevede l incremento del sovraccarico al diminuire del numero delle ripetizioni. Esempio: in ordine di esecuzione Piramidale viceversa, si parla allora Piramidale Inverso, se invece si fa questa scala sia in un verso che nell altro si parla allora di doppio piramidale o Clessidra SERIE, RIPETIZIONI, RECUPERO La ripetizione o ripetuta è l esecuzione corretta dell esercizio con arrivo di nuovo alla posizione di partenza, quindi per ripetizioni si intende il numero delle volte di cui si richiede l esecuzione dell esercizio. Le serie sono quante volte dovrò ripetere quel numero di ripetizioni. La pausa interna o micropausa sarà l intervallo che devo rispettare dopo ogni ripetizione La pausa esterna o macropausa è invece l intervallo di recupero da rispettare dopo ogni serie o Set di ripetizioni. Quindi se io scrivo una tipica progressione per un allenamento di atletica : corsa veloce 4 x (6 x 30 mt con 2 00 ) Intervallo 3 00 Vorrò dire che faro 6 ripetizioni da 30 mt di corsa, tra ogni ripetizione farò un intervallo di 2 00, quindi ripeterò tutta questa sequenza per 4 volte (serie) rispettando tra ogni serie (quindi ogni sei ripetizioni) un intervallo di recupero di ulteriori Se scrivo un tipico allenamento per l incremento della Forza veloce e della Potenza: distensioni panca5 x 8 rip al 75% ( 90 kg) velocità massima con serie da 8 ripetizioni dell esercizio distensione su Panca con un sovraccarico del 75% (pari in questo caso a 90 Kg) con un intervallo tra le sire (quindi dopo ogni 8 ripetizioni) di Il Metodo Piramidale può essere personalizzato e ne esistono numerose varianti tra cui ricordiamo il Piramidale Largo: La base della piramide è molto larga quindi si inizierà da un numero elevato di ripetizioni con carico basso, in genere il P.Largo non arriva oltre il 90% del Max e le serie sono ovviamente anch esse numerose. Più adatto ad aumentare la potenza e la Resistenza alla Forza Piramidale Stretto: La base della Piramide è più stretta (basso numero di ripetizioni) e si arriva con meno serie al Max. Il piramidale stretto stimola di più la crescita muscolare e la Forza Massima. 3) Il metodo Misto Il metodo misto (serie + piramidale) prevede una combinazione tra il metodo delle serie ed il metodo piramidale. 4) Il metodo Massimale Si compiono quante più singole ripetute con il massimo della resistenza possibile. Es : 4 x 1 rip al % con ) I Nuovi Metodi (le Tabelle della Forza: i nuovi Metodi) 1 Metodo "a Contrasto" o Variante di Bechcevenov 2 Metodo a Contrasto o Metodo Bulgaro 1 Metodo del Principio dell Isometria o Metodo Dell Affaticamento Totale

4 2 Metodo del Principio dell Isometria o Metodo Statico-Dinamico Per una trattazione più dettagliata vi rimandiamo alla apposita pagina sul nostro sito : Le Tabelle della Forza: I nuovi Metodi I MEZZI e gli AUSILI Per mezzi si intendono gli strumenti metodologici che abbiamo a disposizione per allenare. I mezzi possono essere: Principali imprescindibili Secondari meno importanti e sono scelti o meno in relazione, al tempo, e alle caratteristiche dell atleta Inoltre abbiamo un insieme di stimoli o mezzi allenanti che si dividono in Generali di ordine generale o di base Speciali Di gara specifici detti anche mezzi normali od orientati Per ausili si intendono tutti gli ausili artificiali e/o naturali che sono usati dalle metodologie I MEZZI E GLI AUSILI PER L AUMENTO DELLA FORZA MEZZO OD AUSILIO TIPI ESEMPI 1 mezzo 2 mezzo 3 mezzo 4 mezzo Atteggiamenti del proprio corpo atti ad aumentare l intensità dell esercizio Sovraccarichi di vario genere ed entità Il partner Oggetti Elastici Posizione di vari segmenti corporei rispetto alla posizione di equilibrio, alla direzione del movimento, o ai vari punti delle leve articolari (braccio, potenza, resistenza, fulcro) Per sovraccarico si intende tutto ciò che viene aggiunto al corpo umano, per aumentare l intensità dell esercizio L intervento del partner durante l esecuzione di numerosi esercizi può contribuire a variare l intensità dell esercizio L uso di semplici elastici, o macchine ad elastici contribuisce ad aumentare la resistenza da vincere Esempio, crunch o flessione del busto sul bacino da posizione sdraiata (classici Addominali) eseguiti con l atteggiamento degli arti superiore variabile Bilanceri manubri, palle mediche o vibrate, clavette, macchine da muscolazione isotoniche, isocinetiche ecc.. Tramite o la sua forza applicata contro la direzione del nostro movimento, o il suo stesso peso applicato in eguale maniera Possiamo applicare la resistenza fornita dagli elastici a tutti gli esercizi, compresi quelli per gli arti inferiori o per i muscoli del tronco (addominali, dorsali)

5 5 mezzo 6 mezzo Variazione delle caratteristiche esterne di esecuzione dell esercizio Utilizzo della gravità e/o dei momenti di inerzia La variazione delle caratteristiche ad esempio del mezzo in cui o sui si svolge l esercizio può far variare notevolmente l intensità. Si utilizza la gravità, e quindi il peso del corpo o di parte di esso, gli stati di accelerazione o di decelerazione, i cambi di direzione Corsa in salita, corsa in discesa, corsa su sabbia ecc Esempio cadute dall alto, accelerazioni e decelerazioni, opposizioni alla direzione del movimento I PROGRAMMI O SISTEMI DI ALLENAMENTO Dividiamo i Sistemi di Allenamento per la FORZA in 2 categorie: SISTEMI A DOMINANTE MUSCOLARE Sono quei sis temi che hanno si hanno come obiettivo allenante quello di incrementare la forza in uno o più dei suoi aspetti. Distinguiamo : In condizione isotonica (contrazioni dinamiche) SOVRACCARICHI: carico minimo ALLENAMENTO CON PESI E MACCHINE in serie di ripetizioni secondo vari metodi (alcuni dei quali già visti precedentemente) In condizione isometrica (contrazioni statiche) ISOM ETRIA Principi: - intensità della contrazione: 30% 40% 50% 70% 100% - durata della contrazione: numero degli stimoli settimanali: 2 settimanali per incremento - 1 settimanale per mantenimento - recupero dipende dalla intensità va dai 30 ai esercizi: di trazione e di spinta - angolature: dipendono dalla disciplina sportiva, in genere 40, In condizione di allungamento (contrazioni in fase di allungamento) PLI OMETRIA Rapido passaggio da un lavoro di tipo negativo ad uno di tipo positivo. Tipi di contrazione: esplosivo-balistica elastici Esplosivo-reattivo-balistica salti in basso e poi in alto, spinte alla parete o dal pavimento Veloce-ciclica corse: balzate, in salita, in discesa Esercizi: con palle vibrate e palle mediche SISTEMI A DOMINANTE MUSCOLARE ED ORGANICA Sono quei mezzi che non solo aumentano la forza, di solito nei suoi aspetti generali, ma vanno ad incrementare anche quelle che sono le doti di resistenza organica. Sono caratterizzati da lavori in circuito eseguiti a tempo o a serie di ripetizioni. Il recupero tra le stazioni o i tipi di lavoro è in genere basso o inesistente. Distinguiamo : CIRCUIT TRAINING SATZ TRAINING 5 e 10 BX CROSS PROMENADE

6

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara La forza La definizione di forza Per forza s intende la capacità dell apparato neuro- muscolare di vincere o contrapporsi a un carico esterno con un impegno muscolare. La classificazione della forza Tipi

Dettagli

LE CAPACITÀ FISICHE: DEFINIZIONE E LORO SVILUPPO. Tecnico Nazionale Maurizio Castagna

LE CAPACITÀ FISICHE: DEFINIZIONE E LORO SVILUPPO. Tecnico Nazionale Maurizio Castagna LE CAPACITÀ FISICHE: DEFINIZIONE E LORO SVILUPPO Tecnico Nazionale Maurizio Castagna CAPACITÀ FISICHE E SVILUPPO LE CAPACITÀ FISICHE SONO: FORZA, RESISTENZA, RAPIDITÀ. La mobilità articolare è una capacità

Dettagli

Corso aggiornamento allenatori Comitato Provinciale di Modena

Corso aggiornamento allenatori Comitato Provinciale di Modena Corso aggiornamento allenatori Comitato Provinciale di Modena Aspetti metodologici e pratici del periodo preparatorio nella pallavolo. Organizzazione della seduta fisico tecnica. Utilizzo di attrezzi e

Dettagli

Il modello della prestazione nella pallavolo: condizionamento fisico ed organico. Prof. Chiovini Mimmo

Il modello della prestazione nella pallavolo: condizionamento fisico ed organico. Prof. Chiovini Mimmo Il modello della prestazione nella pallavolo: condizionamento fisico ed organico Prof. Chiovini Mimmo Chieti 9 Dicembre 2012 La pallavolo richiede un notevole impegno neuromuscolare. I tendini e le articolazioni

Dettagli

FORZA RAPIDA (o veloce)

FORZA RAPIDA (o veloce) FORZA RAPIDA (o veloce) Per FORZA RAPIDA (o VELOCE) si intende la capacità del sistema neuromuscolare di superare resistenze con un elevata velocità di contrazione. Viene definita: - Forza esplosiva quando

Dettagli

L ALLENAMENTO DELLA FORZA NELLA PALLAVOLO FEMMINILE

L ALLENAMENTO DELLA FORZA NELLA PALLAVOLO FEMMINILE L ALLENAMENTO DELLA FORZA NELLA PALLAVOLO FEMMINILE Relatore: dott.. Massimo Viganò Indice della lezione Introduzione Aspetti fisiologici Modello prestazione forza nel volley Tecniche esecutive Progettazione

Dettagli

Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi

Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi Area Fisico Motoria Giuseppe Trucchi Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi di Giuseppe Trucchi Tra le capacità fondamentali per un giocatore di calcio la forza occupa un posto

Dettagli

Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino

Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino Il ruolo dell istruttore nel Minibasket è di fondamentale importanza in quanto deve migliorare

Dettagli

I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE

I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE Testo e disegni di Stelvio Beraldo L' ottimale di scatti, salti e balzi è legata alla FORZA RAPIDA (o veloce) che è la capacità del sistema neuromuscolare di superare

Dettagli

MAPPE DI SINTESI CAPACITÀ MOTORIE CONDIZIONALI: E COORDINATIVE FORZA RESISTENZA AEROBICA SPORT DI SQUADRA SPORT INDIVIDUALI IL GO-BACK

MAPPE DI SINTESI CAPACITÀ MOTORIE CONDIZIONALI: E COORDINATIVE FORZA RESISTENZA AEROBICA SPORT DI SQUADRA SPORT INDIVIDUALI IL GO-BACK MAPPE DI SINTESI CAPACITÀ MOTORIE CONDIZIONALI E COORDINATIVE CAPACITÀ MOTORIE CONDIZIONALI: FORZA CAPACITÀ MOTORIE CONDIZIONALI: RESISTENZA AEROBICA SPORT DI SQUADRA SPORT INDIVIDUALI IL GO-BACK STEP

Dettagli

L allenamento posturale per il Biker di Saverio Ottolini

L allenamento posturale per il Biker di Saverio Ottolini L allenamento posturale per il Biker di Saverio Ottolini Saverio Ottolini L allenamento posturale per il biker www.mtbpassione.com L allenamento posturale per il biker Per chi si allena e gareggia in Mountain

Dettagli

ALLIEVI. Programma MILAN LAB

ALLIEVI. Programma MILAN LAB ALLIEVI Programma MILAN LAB SEDUTA DI ALLENAMENTO ALLIEVI CAPACITÀ MOTORIE 100% CAPACITÀ COORDINATIVE 10% 90% CAPACITÀ CONDIZIONALI Rapidità/Velocità 20% Resistenza 30% Forza (didattica) 20% Flessibilità

Dettagli

OBIETTIVI E STRATEGIE DI SVILUPPO DELL ALLENAMENTO PER I GIOVANI VELOCISTI DAI 16 AI 17 ANNI

OBIETTIVI E STRATEGIE DI SVILUPPO DELL ALLENAMENTO PER I GIOVANI VELOCISTI DAI 16 AI 17 ANNI OBIETTIVI E STRATEGIE DI SVILUPPO DELL ALLENAMENTO PER I GIOVANI VELOCISTI DAI 16 AI 17 ANNI Queste brevi note vogliono stimolare una riflessione sui percorsi di allenamento da proporre ai nostri giovani

Dettagli

FORZA MASSIMA. Testo e disegni di Stelvio Beraldo

FORZA MASSIMA. Testo e disegni di Stelvio Beraldo FORZA MASSIMA Testo e disegni di Stelvio Beraldo LA SCELTA DELLA GIUSTA METODOLOGIA LA FORZA MASSIMA NELLE VARIE DISCIPLINE SPORTIVE METODI DI MIGLIORAMENTO DELLA FORZA MASSIMA Metodo dei Carichi Massimali

Dettagli

La forza nei giovani

La forza nei giovani La forza nei giovani Vinicio PAPINI Premessa FORZA: capacità di vincere o contrastare resistenze esterne Lo sviluppo della forza deve essere effettuato unitamente agli altri aspetti della motricità. Considerare

Dettagli

Scopo fondamentale delle seguenti pagine è quello di non presentare una ricetta medica da seguire, ma invece fornire alcuni strumenti per saper

Scopo fondamentale delle seguenti pagine è quello di non presentare una ricetta medica da seguire, ma invece fornire alcuni strumenti per saper Linee guida della proposta di lavoro Giuliano Corradi - Marco Di Maggio Scopo fondamentale delle seguenti pagine è quello di non presentare una ricetta medica da seguire, ma invece fornire alcuni strumenti

Dettagli

Dott. Franziskus Vendrame, Chinesiologo, Centro Kinesis, Conegliano ( TV )

Dott. Franziskus Vendrame, Chinesiologo, Centro Kinesis, Conegliano ( TV ) LA BIOMECCANICA DELLA CORSA E DELLA MARCIA Dott. Franziskus Vendrame, Chinesiologo, Centro Kinesis, Conegliano ( TV ) Analizzare l azione del trailrunner non è cosa semplice. Fondamentalmente perché non

Dettagli

3 TENNIS TRAINING PERIODO FONDAMENTALE 2 PROGRAMMA COMPLETO DI PREPARAZIONE ATLETICA SPECIFICA PER IL TENNISTA. www.tennisworlditalia.

3 TENNIS TRAINING PERIODO FONDAMENTALE 2 PROGRAMMA COMPLETO DI PREPARAZIONE ATLETICA SPECIFICA PER IL TENNISTA. www.tennisworlditalia. ANDREA GUARNACCIA 3 TENNIS TRAINING PROGRAMMA COMPLETO DI PREPARAZIONE ATLETICA SPECIFICA PER IL TENNISTA PERIODO FONDAMENTALE 2 DICEMBRE GENNAIO www.tennisworlditalia.com Andrea Guarnaccia Titolo TENNIS

Dettagli

7 - LA FORZA. La forza muscolare, capacità motoria importante per qualunque attività sportiva, è condizionata:

7 - LA FORZA. La forza muscolare, capacità motoria importante per qualunque attività sportiva, è condizionata: 64 7 - LA FORZA La forza è la capacità posseduta dal muscolo umano di sviluppare tensioni utili a superare o ad opporsi a resistenze esterne. (Vittori, 1978) La forza muscolare, capacità motoria importante

Dettagli

BASI delle ATTIVITA MOTORIE

BASI delle ATTIVITA MOTORIE BASI delle ATTIVITA MOTORIE Maria Chiara Gallotta Stanza 59 1 piano palazzo IUSM Tel 06 36733211 mariachiara.gallotta@iusm.it Ricevimento Martedì 10:00-12:00 Rapidità La capacità di eseguire azioni motorie

Dettagli

PARTE PRIMA: PRINCIPI FONDAMENTALI DELL ALLENAMENTO DELLA FORZA CAPITOLO 1 FORZA, RESISTENZA MUSCOLARE E POTENZA NELLO SPORT

PARTE PRIMA: PRINCIPI FONDAMENTALI DELL ALLENAMENTO DELLA FORZA CAPITOLO 1 FORZA, RESISTENZA MUSCOLARE E POTENZA NELLO SPORT INDICE PARTE PRIMA: PRINCIPI FONDAMENTALI DELL ALLENAMENTO DELLA FORZA CAPITOLO 1 FORZA, RESISTENZA MUSCOLARE E POTENZA NELLO SPORT Principali teorie che influenzano l allenamento della forza nello sport:

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA FORZA MASSIMALE DINAMOMETRIA ISOMETRICA

VALUTAZIONE DELLA FORZA MASSIMALE DINAMOMETRIA ISOMETRICA CLASSIFICAZIONE DELLA FORZA Harre 1972 (mod. 1994) MASSIMALE massima tensione che il sistema neuromuscolare è in grado di esprimere con una contrazione mm isometrica RAPIDA (VELOCE) capacità del sistema

Dettagli

Giornata di aggiornamento per allenatori di pallavolo 2-3 grado

Giornata di aggiornamento per allenatori di pallavolo 2-3 grado Giornata di aggiornamento per allenatori di pallavolo 2-3 grado gessate (milano( milano) ) 21-11 11-04 Il potenziamento muscolare nella pallavolo, con particolare riferimento agli arti inferiori Relatore:

Dettagli

Materia : Scienze Motorie e Sportive

Materia : Scienze Motorie e Sportive Materia : Scienze Motorie e Sportive Docente Prof. Mauro Marras Testo in adozione Altri testi o fonti utilizzate N. ore settimanali Manuale Illustrato dell educazione Fisica Scolastica Fotocopie Proiezione

Dettagli

POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI PROGRAMMI DI ALLENAMENTO CON LA PANCA MULTIFUNZIONE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI PROGRAMMI DI ALLENAMENTO CON LA PANCA MULTIFUNZIONE Testo e disegni di Stelvio Beraldo POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI PROGRAMMI DI ALLENAMENTO CON LA PANCA MULTIFUNZIONE Testo e disegni di Stelvio Beraldo - Caratteristiche della panca multifunzione come mezzo di allenamento - Schede esercizi

Dettagli

ALLENAMENTO FUNZIONALE VOLLEY

ALLENAMENTO FUNZIONALE VOLLEY ALLENAMENTO FUNZIONALE VOLLEY Poggibonsi 03-01-2009 Prof. Sandro Bencardino . Ogni miglioramento tecnico tattico è possibile solo grazie ad un allenamento fisico!!! L allenamento è un processo pedagogico

Dettagli

Lecco, 16 maggio 2015

Lecco, 16 maggio 2015 Silvano DANZI Lo sviluppo delle componenti aerobiche Lecco, 16 maggio 2015 RESISTENZA 2 La resistenza è la capacità di resistere alla fatica in esercitazioni di durata e di opporsi all affaticamento affaticamento

Dettagli

Meccanica muscolare. Tensione muscolare: Forza esercitata dal muscolo / area di sezione (N/m 2 ) Carico: Forza esercitata da un peso sul muscolo

Meccanica muscolare. Tensione muscolare: Forza esercitata dal muscolo / area di sezione (N/m 2 ) Carico: Forza esercitata da un peso sul muscolo Meccanica muscolare Tensione muscolare: Forza esercitata dal muscolo / area di sezione (N/m 2 ) Carico: Forza esercitata da un peso sul muscolo Quando i muscoli si contraggono sviluppano forza (spesso

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO SULLA PREPARAZIONE FISICA

OPUSCOLO INFORMATIVO SULLA PREPARAZIONE FISICA NUMERO 0 OPUSCOLO INFORMATIVO SULLA PREPARAZIONE FISICA INTRODUZIONE : PREPARAZIONE FISICA NEI GIOVANI Premessa La formazione del Tecnico di Triathlon che opera con i Giovani e Giovanissimi è uno dei punti

Dettagli

Mezzofondo e resistenza, pianificazione per la categoria allievi. Esposito Vincenzo

Mezzofondo e resistenza, pianificazione per la categoria allievi. Esposito Vincenzo Mezzofondo e resistenza, pianificazione per la categoria allievi. Esposito Vincenzo Introduzione sulle diverse tipologie di resistenza. Resistenza: la facoltà di svolgere per lungo tempo una qualsiasi

Dettagli

I mezzi di allenamento muscolare a confronto (articolo del M.d.S. Stelvio Beraldo)

I mezzi di allenamento muscolare a confronto (articolo del M.d.S. Stelvio Beraldo) I mezzi di allenamento muscolare a confronto (articolo del M.d.S. Stelvio Beraldo) ESERCIZI CON GLI ELASTICI Consentono di eseguire una vastissima gamma di esercizi per tutti i gruppi muscolari del corpo

Dettagli

Nuove frontiere per l allenamento del giovane calciatore. Dal modello prestativo alla crescita del giovane calciatore: Quale percorso?

Nuove frontiere per l allenamento del giovane calciatore. Dal modello prestativo alla crescita del giovane calciatore: Quale percorso? Nuove frontiere per l allenamento del giovane calciatore Dal modello prestativo alla crescita del giovane calciatore: Quale percorso? Breve accenno al modello prestativo del calcio E oramai risaputo e

Dettagli

Tecnica. Capacità di Prestazione del Giocatore di pallacanestro. Condizione. Forza Velocità Resistenza Mobilità articolare

Tecnica. Capacità di Prestazione del Giocatore di pallacanestro. Condizione. Forza Velocità Resistenza Mobilità articolare 1 Le forme principali di sollecitazione motoria rappresentate dalla forza, velocità, resistenza, mobilità articolare e dalle capacità coordinative costituiscono i presupposti fondamentali per l apprendimento

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA HOCKEY E PATTINAGGIO LE CAPACITA CONDIZIONALI

FEDERAZIONE ITALIANA HOCKEY E PATTINAGGIO LE CAPACITA CONDIZIONALI FEDERAZIONE ITALIANA HOCKEY E PATTINAGGIO LE CAPACITA CONDIZIONALI Di Ilaria Barbieri SCUOLA ITALIANA PATTINAGGIO EDIZIONE 2009 a cura di Lucio Ronci 1 INTRODUZIONE Questa dispensa voluta dalla SCUOLA

Dettagli

SCIENZE E TECNICHE DELLE ATTIVITA MOTORIE PREVENTIVE E ADATTATE CORSO DI TECNICA DEL FITNESS

SCIENZE E TECNICHE DELLE ATTIVITA MOTORIE PREVENTIVE E ADATTATE CORSO DI TECNICA DEL FITNESS SCIENZE E TECNICHE DELLE ATTIVITA MOTORIE PREVENTIVE E ADATTATE CORSO DI TECNICA DEL FITNESS CALCOLO MASSIMA FREQUENZA CARDIACA Massima frequenza teorica: 220 - età Pregi: facilità operativa, larga diffusione

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

SVILUPPO DELLA FORZA (di E. Zanini - PVdic97)

SVILUPPO DELLA FORZA (di E. Zanini - PVdic97) SVILUPPO DELLA FORZA (di E. Zanini - PVdic97) La letteratura della teoria dell'allenamento è ricchissima di definizioni (a volte molto astratte) riguardanti la Forza e la Potenza. Innumerevoli ed autorevoli

Dettagli

ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO

ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO Testo e disegni di Stelvio Beraldo - IL RUOLO E LA PROGRAMMAZIONE DELLA FORZA NEL CANOTTAGGIO - FORZA MASSIMA: Parametri di lavoro,

Dettagli

Preparazione atletica per squadre giovanili (Under 13 Under 15)

Preparazione atletica per squadre giovanili (Under 13 Under 15) Silvio Brovarone - Preparazione Atletica Giovanile 1 Preparazione atletica per squadre giovanili (Under 13 Under 15) Introduzione L obiettivo specifico di un programma di preparazione atletica nel settore

Dettagli

basket Siena 05-12- 09 PROF. SANDRO BENCARDINO

basket Siena 05-12- 09 PROF. SANDRO BENCARDINO L allenamento funzionale nel basket Siena 05-12- 09 PROF. SANDRO BENCARDINO PROGRAMMMA COSTRUZIONE FISICA 1. Conoscere le sollecitazioni specifiche della disciplina praticata 2. Conoscere i modelli biomeccanici

Dettagli

Metodo per determinare la percentuale di carico riferita al massimale e per conoscere il massimale utilizzando carichi inferiori (S.

Metodo per determinare la percentuale di carico riferita al massimale e per conoscere il massimale utilizzando carichi inferiori (S. Metodo per determinare la percentuale di carico riferita al massimale e per conoscere il massimale utilizzando carichi inferiori (S. Beraldo 1983) MODALITÀ DI UTILIZZO DELLA TABELLA - Per stabilire il

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Comitato Regionale Veneto PERIODO PREPARATORIO Stagione Sportiva 2010-2011

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Comitato Regionale Veneto PERIODO PREPARATORIO Stagione Sportiva 2010-2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Comitato Regionale Veneto PERIODO PREPARATORIO Stagione Sportiva 2010-2011 La durata del lavoro sarà di circa tre settimane per poi passare

Dettagli

MEZZOFONDO VELOCE : Mezzi di Allenamento. - Esercitazioni tecniche della Corsa :

MEZZOFONDO VELOCE : Mezzi di Allenamento. - Esercitazioni tecniche della Corsa : MEZZOFONDO VELOCE : Mezzi di Allenamento - Esercitazioni tecniche della Corsa : Queste rappresentano il mezzo più specifico per l apprendimento di un corretto utilizzo della corsa. Questa, infatti, dovrebbe

Dettagli

LE CAPACITA CONDIZIONALI E L ALLENAMENTO NEI GIOVANI

LE CAPACITA CONDIZIONALI E L ALLENAMENTO NEI GIOVANI LE CAPACITA CONDIZIONALI E L ALLENAMENTO NEI GIOVANI CORSO CONI PER FEDERAZIONE ORIENTEERING 24.04.2010 Ivan Zadro, PhD PRIMA PARTE Le capacità condizionali LE CAPACITÀ CONDIZIONALI LA FORZA FORZA RAPIDA

Dettagli

Verona, 14 Gennaio 2008. La Preparazione Fisica nel Rugby: Sport di Accelerazioni Ripetute

Verona, 14 Gennaio 2008. La Preparazione Fisica nel Rugby: Sport di Accelerazioni Ripetute Verona, 14 Gennaio 2008 La Preparazione Fisica nel Rugby: Sport di Accelerazioni Ripetute Verona, 14 Gennaio 2008 La Formazione del Giocatore Silvano Garbin L Allenamento Sportivo Processo pedagogico-educativo

Dettagli

(A cura di: A. Claudia Cartoni - Cinzia Delisi - Francesca Gardini)

(A cura di: A. Claudia Cartoni - Cinzia Delisi - Francesca Gardini) (A cura di: A. Claudia Cartoni - Cinzia Delisi - Francesca Gardini) LA PREPARAZIONE FISICA DI BASE L obiettivo di chi pratica la ginnastica aerobica è quello di ottenere il raggiungimento e successivamente

Dettagli

LA PREVENZIONE NELLA PALLAVOLO Aspetti teorici ed esercitazioni pratiche

LA PREVENZIONE NELLA PALLAVOLO Aspetti teorici ed esercitazioni pratiche Corso aggiornamento allenatori Comitato Provinciale di Reggio Emilia LA PREVENZIONE NELLA PALLAVOLO Aspetti teorici ed esercitazioni pratiche Relatore Prof. Nicola Piccinini www.volleyballproject.it La

Dettagli

Indicazioni metodologiche per la preparazione atletica del calciatore

Indicazioni metodologiche per la preparazione atletica del calciatore Indicazioni metodologiche per la preparazione atletica del calciatore Claudio Albertini Genova 31 Maggio 2007 Approccio Specialistico e Approccio Sistemico L impostazione tradizionale della preparazione

Dettagli

Considerazioni energetiche sull attività motoria

Considerazioni energetiche sull attività motoria Considerazioni energetiche sull attività motoria [La maggior parte dei dati, figure e tabelle riportati nel seguito sono tratti da: R. Margaria, Fisiologia muscolare e meccanica del movimento, Mondadori,

Dettagli

LE CAPACITÀ MUSCOLARI

LE CAPACITÀ MUSCOLARI UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PAVIA CORSO DI LAUREA IN EDUCAZIONE FISICA E TECNICA SPORTIVA LE CAPACITÀ MUSCOLARI Seconda parte prof. GIAN PIERO GRASSI gianpiero.grassi@unimi.it gianpiero.grassi@unipv.it DEFINIZIONE

Dettagli

MIGLIORAMENTO DELLA FORZA RAPIDA E DELLA VELOCITÀ DEGLI ARTI INFERIORI CON ESERCIZI A CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

MIGLIORAMENTO DELLA FORZA RAPIDA E DELLA VELOCITÀ DEGLI ARTI INFERIORI CON ESERCIZI A CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo MIGLIORAMENTO DELLA FORZA RAPIDA E DELLA VELOCITÀ DEGLI ARTI INFERIORI CON ESERCIZI A CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo - Aspetti della forza rapida - Il carico naturale come mezzo di

Dettagli

La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore.

La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore. La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore. All interno di un moderno programma di rieducazione funzionale è necessario porre particolare attenzione alla fase iniziale di recupero

Dettagli

IL TERZO MESOCICLO: LAVORO IPERTROFICO. ( mesociclo per l ipertrofia) A cura di Gaspari Riccardo

IL TERZO MESOCICLO: LAVORO IPERTROFICO. ( mesociclo per l ipertrofia) A cura di Gaspari Riccardo IL TERZO MESOCICLO: LAVORO IPERTROFICO ( mesociclo per l ipertrofia) A cura di Gaspari Riccardo L ipertrofia, ovvero l aumento dei volumi muscolari, non è altro che l adattamento dei nostri muscoli in

Dettagli

PROGRAMMA DI PREPARAZIONE PRE-RADUNO. ARBITRI - stagione sportiva 2011/2012

PROGRAMMA DI PREPARAZIONE PRE-RADUNO. ARBITRI - stagione sportiva 2011/2012 PROGRAMMA DI PREPARAZIONE PRE-RADUNO ARBITRI - stagione sportiva 2011/2012 Tutto il periodo di allenamento previsto dal programma di pre - raduno, rappresenta una fase fondamentale per creare i presupposti

Dettagli

METODO PER DETERMINARE LA PERCENTUALE DI CARICO RIFERITA AL MASSIMALE E PER CONOSCERE IL MASSIMALE UTILIZZANDO CARICHI INFERIORI

METODO PER DETERMINARE LA PERCENTUALE DI CARICO RIFERITA AL MASSIMALE E PER CONOSCERE IL MASSIMALE UTILIZZANDO CARICHI INFERIORI METODO PER DETERMINARE LA PERCENTUALE DI CARICO RIFERITA AL MASSIMALE E PER CONOSCERE IL MASSIMALE UTILIZZANDO CARICHI INFERIORI Testo e disegni di Stelvio Beraldo (Stelvio Beraldo - 1983) MODALITÀ DI

Dettagli

FIBS I MANUALI DEL CNT ALLENARE IL BRACCIO DEL LANCIATORE

FIBS I MANUALI DEL CNT ALLENARE IL BRACCIO DEL LANCIATORE FIBS I MANUALI DEL CNT Tratto da The Pitching Edge di Tom House Tom House BASEBALL FIBS-CNT 1 L Allenamento con i Pesi per i Lanciatori non è Body Building L obiettivo è ottenere una forza bilanciata e

Dettagli

Argomento del modulo: Organizzazione e realizzazione di un programma di allenamenti con 3 sedute settimanali

Argomento del modulo: Organizzazione e realizzazione di un programma di allenamenti con 3 sedute settimanali Argomento del modulo: Organizzazione e realizzazione di un programma di allenamenti con 3 sedute settimanali Modugno 14 maggio 2006 In generale, per organizzazione del processo di allenamento, s'intende:

Dettagli

Esercitazioni per la mobilità articolare passiva (stretching), mista, attiva.

Esercitazioni per la mobilità articolare passiva (stretching), mista, attiva. Categoria cadetti Indirizzi programmatici per i giovani ( fascia d età 13/14/15 anni ) PERIODO DELL ALLENAMENTO GENERALE Es. di lavoro settimanale (fino alle vacanze di Natale) con corsa lenta rimbalzata

Dettagli

EQUILIBRIO TRA RESISTENZA, FORZA E AGILITA LA PREPARAZIONE FISICA DEL CALCIATORE DILETTANTE

EQUILIBRIO TRA RESISTENZA, FORZA E AGILITA LA PREPARAZIONE FISICA DEL CALCIATORE DILETTANTE EQUILIBRIO TRA RESISTENZA, FORZA E AGILITA LA PREPARAZIONE FISICA DEL CALCIATORE DILETTANTE UN ALLENATORE NON DEVE MAI DIMENTICARE CHE: DOBBIAMO PREPARARE AL MEGLIO I NOSTRI GIOCATORI IN FUNZIONE DEL GIOCO

Dettagli

ALLENAMENTO. AD LENAM e significa acquistare lena cioè fiato. la parola allenamento deriva dal latino

ALLENAMENTO. AD LENAM e significa acquistare lena cioè fiato. la parola allenamento deriva dal latino ALLENAMENTO la parola allenamento deriva dal latino AD LENAM e significa acquistare lena cioè fiato. La programmazione, l organizzazione e la scelta dei mezzi d allenamento derivano da diversi fattori,

Dettagli

FIF ANNUAL CONVENTION. Bologna 27 Ottobre 2012

FIF ANNUAL CONVENTION. Bologna 27 Ottobre 2012 FIF ANNUAL CONVENTION Bologna 27 Ottobre 2012 LA PROGRAMMAZIONE Ricordiamoci che nelle attività di fitness vi sono sostanziali differenze rispetto agli sport di prestazione dove l atleta utilizza il proprio

Dettagli

La forza muscolare nel gioco del calcio: lo Squat con sovraccarico.

La forza muscolare nel gioco del calcio: lo Squat con sovraccarico. articolo N.38 GENNAIO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE E STESURA DEL PROGRAMMA D ALLENAMENTO CON I SOVRACCARICHI. dott. Alessandro Ganzini

PROGRAMMAZIONE E STESURA DEL PROGRAMMA D ALLENAMENTO CON I SOVRACCARICHI. dott. Alessandro Ganzini PROGRAMMAZIONE E STESURA DEL PROGRAMMA D ALLENAMENTO CON I SOVRACCARICHI dott. Alessandro Ganzini Principi generali dell allenamento Specificità Es. Gli schemi di movimento devono essere simili allo sport

Dettagli

Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995. Allenatore Maurizio Bruni

Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995. Allenatore Maurizio Bruni Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995 Allenatore Maurizio Bruni MESE DI SETTEMBRE OBIETTIVI TECNICI Palleggio individuale Conduzione della

Dettagli

Antonio Laguardia e collaboratori (Roberto Piscitelli, Riccardo Pisani, Sergio Biagetti, Andrea Presacane)

Antonio Laguardia e collaboratori (Roberto Piscitelli, Riccardo Pisani, Sergio Biagetti, Andrea Presacane) L ALLENAMENTO DEGLI SPRINTER JUNIOR, PROPOSTE PER L ANNO 2007 Antonio Laguardia e collaboratori (Roberto Piscitelli, Riccardo Pisani, Sergio Biagetti, Andrea Presacane) SETTORE VELOCITÀ PROGRAMMAZIONE

Dettagli

SCHEDA ESERCIZI CONCENTRICI ED ECCENTRICI con attrezzi isotonici

SCHEDA ESERCIZI CONCENTRICI ED ECCENTRICI con attrezzi isotonici SCHEDA ESERCIZI CONCENTRICI ED ECCENTRICI con attrezzi isotonici 1 Riscaldamento : saltelli funicella Note : esercizio ottimale per le gambe e polpacci per la spinta verso l'alto (contrazione concentrina)

Dettagli

Tabelle SPECIALE SNOWBOARD

Tabelle SPECIALE SNOWBOARD Tabelle SPECIALE SNOWBOARD Per programmare un buon allenamento per i surfer vediamo prima che forze entrano in gioco quando siamo in tavola;utilizziamo una componente di forza esplosiva,i cambi di pendenza

Dettagli

PROGRAMMA DI ALLENAMENTO 2004-2005 DALLA 13^ ALLA 15^ SETTIMANA 2005 28 marzo 17 aprile 2005

PROGRAMMA DI ALLENAMENTO 2004-2005 DALLA 13^ ALLA 15^ SETTIMANA 2005 28 marzo 17 aprile 2005 PROGRAMMA DI ALLENAMENTO 2004-2005 DALLA 13^ ALLA 15^ SETTIMANA 2005 28 marzo 17 aprile 2005 CATEGORIE Junior Alta Specializzazione, femminile e maschile TABELLA DI CONTROLLO DEL CARICO DI ALLENAMENTO

Dettagli

FACILITAZIONE NEUROMUSCOLARE PROPRIOCETTIVA (METODO HERMAN KABAT)

FACILITAZIONE NEUROMUSCOLARE PROPRIOCETTIVA (METODO HERMAN KABAT) FACILITAZIONE NEUROMUSCOLARE PROPRIOCETTIVA (METODO HERMAN KABAT) MECCANISMI ALLA BASE DELLA PLASTICITÀ DEL S.N.C. 1 RIORGANIZZAZIONE DELLE FUNZIONI PERDUTE O UTILIZZAZIONE DI ALTRE AREE CORTICALI (Lurija)

Dettagli

SPECIFICHE dello SPORT di INTERESSE (Triathlon): N ALLENAMENTI SETTIMANALI: 5(Lunedì, martedì, mercoledì,giovedì,sabato)

SPECIFICHE dello SPORT di INTERESSE (Triathlon): N ALLENAMENTI SETTIMANALI: 5(Lunedì, martedì, mercoledì,giovedì,sabato) ATLETA: SPORT di INTERESSE: Paolo Rossi Triathlon Riccardo Monzoni Dottore in Scienze Motorie rm1989@hotmail.it 3406479850 DATI SOCIO richiedente: NOME: Paolo COGNOME: Rossi ETA : 34 PESO (Kg): 78 ALTEZZA

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO AREA SVILUPPO E FORMAZIONE SETTORE TECNICO FIPAV AREA SVILUPPO E FORMAZIONE

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO AREA SVILUPPO E FORMAZIONE SETTORE TECNICO FIPAV AREA SVILUPPO E FORMAZIONE FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO AREA SVILUPPO E FORMAZIONE SETTORE TECNICO LE PRINCIPALI DIFFERENZE METODOLOGICHE TRA L'ALLENAMENTO DEI GIOVANI E QUELLO DEGLI ATLETI DI MEDIO/ALTO LIVELLO" 22 settembre

Dettagli

LE ANDATURE. Non esiste una terminologia ufficiale ma alcuni termini sono ormai comunemente accettati. 1. ALLUNGO

LE ANDATURE. Non esiste una terminologia ufficiale ma alcuni termini sono ormai comunemente accettati. 1. ALLUNGO LE ANDATURE Le andature sono una serie di esercizi simili alla corsa o alla marcia che sono funzionali alla tecnica, alla coordinazione o alla mobilità. 1 Sono andature speciali utilizzate per allenare

Dettagli

POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI PROGRAMMI DI ALLENAMENTO COL CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI PROGRAMMI DI ALLENAMENTO COL CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI PROGRAMMI DI ALLENAMENTO COL CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo 1- Caratteristiche del carico naturale come mezzo di allenamento 2- Schede esercizi per

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CENTRO STUDI SUPERIORI s.r.l. BERGAMO VIA G.B. MORONI, 255 VIA DEI CANIANA 2B Tel. 035259090 Fax 035262335 Email: info@centrostudi.it I.P. OTTICI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE MATERIA: SCIENZE MOTORIE

Dettagli

06/12/2204 Corso allenatori di secondo grado Relatore : Maurizio Gardenghi LA PREPARAZIONE ATLETICA NELLA PALLAVOLO

06/12/2204 Corso allenatori di secondo grado Relatore : Maurizio Gardenghi LA PREPARAZIONE ATLETICA NELLA PALLAVOLO 06/12/2204 Corso allenatori di secondo grado Relatore : Maurizio Gardenghi LA PREPARAZIONE ATLETICA NELLA PALLAVOLO CHE TIPO DI SFORZO SI PRODUCE NEL SISTEMA PALLAVOLO? MASCHILE : AZIONE BREVE 1 4 SECONDI

Dettagli

Allenamento e programmazione della forza

Allenamento e programmazione della forza Allenamento e programmazione della forza Autore: Antonio PINTUS Introduzione In queste ultimissime stagioni si sono sentiti pareri discordanti riguardo l allenamento della forza nel calcio. Vi sono molti

Dettagli

La preparazione atletica di Stefano Faletti

La preparazione atletica di Stefano Faletti La preparazione atletica di Stefano Faletti INTRODUZIONE I bambini giocano a calcio per giocare con il pallone ma non sanno che in una partita di 90 si gioca per circa 60 ed essendo in campo in 20 giocatori

Dettagli

La Forza muscolare. University of Rome "Tor Vergata" - Faculty of Medicine and Surgery - School of Sport and Exercise Science

La Forza muscolare. University of Rome Tor Vergata - Faculty of Medicine and Surgery - School of Sport and Exercise Science La Forza muscolare University of Rome "Tor Vergata" - Faculty of Medicine and Surgery - School of Sport and Exercise Science Qualità fisiche di base e derivate Forza max Forza reattiva Forza dinamica massima

Dettagli

Scossa muscolare semplice

Scossa muscolare semplice Scossa muscolare semplice La durata della scossa semplice dipende dal tipo di fibra 1 Caratteristiche dei tipi di fibre muscolari Ossidativo lento Ossidativo rapido Glicolitico rapido Tempo di sviluppo

Dettagli

Consigli sul riscaldamento e sull ansia agonistica

Consigli sul riscaldamento e sull ansia agonistica Consigli sul riscaldamento e sull ansia agonistica IL RISCALDAMENTO Il riscaldamento è l attività che introduce il lavoro motorio vero e proprio, preparando gradualmente l organismo al passaggio dalla

Dettagli

PRIMA SETTIMANA. 1. Retto addominale : crunch 2. Lombari : ponte supino 3. Pettorali : piegamenti 4. Add. Profondi : Ponte prono

PRIMA SETTIMANA. 1. Retto addominale : crunch 2. Lombari : ponte supino 3. Pettorali : piegamenti 4. Add. Profondi : Ponte prono PRIMA SETTIMANA LUNEDI Riscaldamento : 20 Corsa 2 Mobilità articolare 6 Esercitazione tecnica 12 Parte centrale : 32 Circuit training forza tonificante busto 16 4 ad esercizio ( per ogni esercizio verranno

Dettagli

RESISTENZA AEROBICA CAPACITA' AEROBICA POTENZA AEROBICA SOGLIA ANAEROBICA CAPACITA' ANAEROBICA POTENZA ANAEROBICA

RESISTENZA AEROBICA CAPACITA' AEROBICA POTENZA AEROBICA SOGLIA ANAEROBICA CAPACITA' ANAEROBICA POTENZA ANAEROBICA RESISTENZA AEROBICA Gli allenamenti per la resistenza aerobica (definita anche resistenza di base o generale), migliorano i fattori fisiologici che stanno alla base delle prestazioni di resistenza: efficienza

Dettagli

La Corsa. Approfondimento tecnico a cura di Francesco Galgani. (www.galgani.it)

La Corsa. Approfondimento tecnico a cura di Francesco Galgani. (www.galgani.it) La Corsa Approfondimento tecnico a cura di Francesco Galgani (www.galgani.it) La Corsa Approfondimento tecnico a cura di Francesco Galgani DEFINIZIONE L ESIGENZA DI UNO STUDIO DELLA CORSA L IMPORTANZA

Dettagli

Volley Ball Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009

Volley Ball Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 Volley Ball Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 INTRODUZIONE Il bagher è un fondamentale di base nella pallavolo, cioè concorre con varianti diverse a formare i fondamentali complessi della ricezione

Dettagli

Muscolo Scheletrico 2. Biomeccanica muscolare

Muscolo Scheletrico 2. Biomeccanica muscolare Muscolo Scheletrico 2. Biomeccanica muscolare Prof. Carlo Capelli Fisiologia Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive Università di Verona Obiettivi Definizione dei determinanti della potenza

Dettagli

Dott. Piero Benelli. Analisi dell impegno fisiologico del giocatore di basket in relazione all impegno tecnico

Dott. Piero Benelli. Analisi dell impegno fisiologico del giocatore di basket in relazione all impegno tecnico Dott. Piero Benelli Analisi dell impegno fisiologico del giocatore di basket in relazione all impegno tecnico Introduzione L impegno fisico del giocatore di basket è stato analizzato da diversi studiosi

Dettagli

CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE DELLE ALTERAZIONI POSTURALI INDOTTE DAL CICLO DI VOGA. Tesi di Laurea di: CAUDULLO Claudio Matricola N 3809553

CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE DELLE ALTERAZIONI POSTURALI INDOTTE DAL CICLO DI VOGA. Tesi di Laurea di: CAUDULLO Claudio Matricola N 3809553 UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO Facoltà di scienze della formazione Corso di Laurea in Scienze E Tecniche Delle Attività Motorie Preventive e Adattate CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE

Dettagli

La preparazione precampionato di una formazione di Serie C1.

La preparazione precampionato di una formazione di Serie C1. N.44 LUGLIO - AGOSTO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Aumentare la forza muscolare

Aumentare la forza muscolare Una delle migliori vie per migliorare il proprio rendimento in salita, è allenare la forza resistente. La forza resistente si allena principalmente in due modi: 1. aumentare il grado di forza dei muscoli

Dettagli

Protocollo numero 1 - recupero breve, scatti

Protocollo numero 1 - recupero breve, scatti Protocolli di lavoro a corpo libero Il lavoro ad alta intensità a corpo libero: 6 protocolli di allenamento ad alta intensità da svolgere a corpo libero. 6 diverse schede di allenamento ad alta intensità

Dettagli

Prof. Marcello Cesaroni ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO

Prof. Marcello Cesaroni ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO a.s.2011/2012 A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Prof. Marcello Cesaroni L AMBITO DISCIPLINARE DI EDUCAZIONE FISICA STABILISCE CHE: 1. I docenti prevedono un congruo numero di ore per il recupero

Dettagli

PROGRAMMA PRE-CAMPIONATO DI ALLENAMENTO PER ARBITRI

PROGRAMMA PRE-CAMPIONATO DI ALLENAMENTO PER ARBITRI PROGRAMMA PRE-CAMPIONATO DI ALLENAMENTO PER ARBITRI STAGIONE AGONISTICA 2014-15 Programma Pre-Campionato Arbitri CRA Caro Arbitro, Il programma di allenamento che trovi in questo allegato ha come obiettivo

Dettagli

BIOMECCANICA A A 2 0 11-2 0 1 2. P r o f. s s a M a r i a G u e r r i s i D o t t. P i e t r o P i c e r n o

BIOMECCANICA A A 2 0 11-2 0 1 2. P r o f. s s a M a r i a G u e r r i s i D o t t. P i e t r o P i c e r n o A A 2 0 11-2 0 1 2 U N I V E R S I TA D E G L I S T U D I D I R O M A T O R V E R G ATA FA C O LTA D I M E D I C I N A E C H I R U R G I A L A U R E A T R I E N N A L E I N S C I E N Z E M O T O R I E

Dettagli

Train hard or go home. Tecniche di Allenamento. by Federico Focherini

Train hard or go home. Tecniche di Allenamento. by Federico Focherini Train hard or go home Tecniche di Allenamento by Federico Focherini introduzione AVVERTENZA: Questa sezione ha finalità puramente informativa e descrive le tecniche di allenamento utilizzate da un atleta

Dettagli

8 - LA VELOCITÀ. Per velocità s intende la capacità di eseguire il maggior numero d azioni motorie nell'unità di tempo (Zaciorskij, 1977).

8 - LA VELOCITÀ. Per velocità s intende la capacità di eseguire il maggior numero d azioni motorie nell'unità di tempo (Zaciorskij, 1977). 85 8 - LA VELOCITÀ Per velocità s intende la capacità di eseguire il maggior numero d azioni motorie nell'unità di tempo (Zaciorskij, 1977). Se riferita alla Fisica, possiamo definirla come la capacità

Dettagli

ALLENAMENTO CICLISMO PER I TRIATLETI

ALLENAMENTO CICLISMO PER I TRIATLETI ALLENAMENTO CICLISMO PER I TRIATLETI Premessa L elaborazione di un programma di allenamento deve tener conto dei concetti basilari della metologia. Lo scopo di quanto andremo ad esporre è principalmente

Dettagli

PROGRAMMA DI PREPARAZIONE PRE-CAMPIONATO Stagione sportiva 2012/2013 ARBITRI CALCIO A 5

PROGRAMMA DI PREPARAZIONE PRE-CAMPIONATO Stagione sportiva 2012/2013 ARBITRI CALCIO A 5 PROGRAMMA DI PREPARAZIONE PRE-CAMPIONATO Stagione sportiva 2012/2013 ARBITRI CALCIO A 5 Tutto il periodo di allenamento previsto dal programma di pre - campionato, rappresenta una fase fondamentale per

Dettagli

A A 2 0 1 2-2 0 1 3 BIOMECCANICA. P i e t r o P i c e r n o, P h D

A A 2 0 1 2-2 0 1 3 BIOMECCANICA. P i e t r o P i c e r n o, P h D A A 2 0 1 2-2 0 1 3 U N I V E R S I TA D E G L I S T U D I D I R O M A T O R V E R G ATA FA C O LTA D I M E D I C I N A E C H I R U R G I A L A U R E A T R I E N N A L E I N S C I E N Z E M O T O R I E

Dettagli

R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili

R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili Gli atleti che praticano sport in carrozzina sono ormai destinati a raggiungere carichi di allenamento

Dettagli

ESERCIZI PER GLI ADDOMINALI

ESERCIZI PER GLI ADDOMINALI ESERCIZI PER GLI ADDOMINALI BREVE ANATOMIA DEGLI ADDOMINALI La parete addominale è interamente rivestita da muscolatura la cui tonicità occupa importanza estetica e funzionale, garantendo la tenuta dei

Dettagli