ACCERTAMENTO SULLA BASE DEGLI STUDI DI SETTORE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ACCERTAMENTO SULLA BASE DEGLI STUDI DI SETTORE"

Transcript

1 55 ACCERTAMENTO SULLA BASE DEGLI STUDI DI SETTORE L. 146/98 10 Prassi Circ. Agenzia delle Entrate n. 10; Circ. Agenzia delle Entrate n. 32; Circ. Agenzia delle Entrate n. 38; Circ. Agenzia delle Entrate n. 31; Circ. Agenzia delle Entrate n. 58; Ris. Agenzia delle Entrate n. 330; Circ. Agenzia delle Entrate n. 5; Circ. Agenzia delle Entrate n. 31; Circ. Agenzia delle Entrate n. 44; Circ. Agenzia delle Entrate n. 4; Circ. Agenzia delle Entrate n. 13; Circ. Agenzia delle Entrate n. 19; Ris. Agenzia delle Entrate n. 40; Circ. Agenzia delle Entrate n. 30; Circ. Agenzia delle Entrate n. 28; Circ. Agenzia delle Entrate n. 30; Circ. Agenzia delle Entrate n. 41; Circ. Agenzia delle Entrate n. 8; Circ. Agenzia delle Entrate n. 30 Giurisprudenza Cass n. 2891; Cass n ; Cass n ; Cass. SS.UU n ; Cass n ; Cass n. 3923; Cass n. 5399; Cass n ; Cass n PREMESSA Gli studi di settore, elaborati attraverso la raccolta sistematica di dati contabili ed extracontabili, sia di carattere fiscale che di tipo strutturale, relativi a determinate attività economiche nei settori del commercio, servizi, manifatture e professioni, rappresentano uno strumento per la ricostruzione induttiva dei ricavi e compensi nei confronti dei soggetti con ricavi o compensi dichiarati non superiori a ,00 euro. 2 REVISIONE ORDINARIA DEGLI STUDI DI SETTORE Al fine di mantenere, nel medio periodo, la rappresentatività della situazione economica cui si riferiscono, gli studi di settore devono essere sottoposti a revisione al massimo ogni tre anni dalla data della loro entrata in vigore ovvero da quella dell ultima revisione, sentito il parere della Commissione di esperti per gli studi di settore (art. 10-bis della L. 146/98). L attività di revisione deve essere programmata annualmente con provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate da emanare entro il mese di febbraio di ciascun anno (circ. Agenzia delle Entrate n. 31, 2.1). Osservatori regionali Il monitoraggio delle realtà economiche territoriali per fornire elementi utili alla revisione degli studi di settore è effettuato dagli Osservatori regionali, istituiti con provv. Direttore Agenzia delle Entrate

2 2.1 TERMINI DI PUBBLICAZIONE DEGLI STUDI DI SETTORE I termini di pubblicazione degli studi di settore e delle relative integrazioni sono stati più volte modificati negli anni recenti. Di seguito in forma tabellare sono riassunti i principali interventi in materia. Descrizione Norma Efficacia A partire dall anno 2009 gli studi di settore devono essere pubblicati nella Gazzetta Ufficiale entro il 30.9 del periodo d imposta nel quale entrano in vigore Art. 1 co. 1 del DPR 195/99, come modificato dall art. 33 co. 1 del DL 112/2008, conv. L. 133/2008 Per i periodi 2009 e 2010 Approvazione degli studi di settore Il termine di pubblicazione dei decreti di approvazione di nuovi studi di settore e degli studi di settore in revisione per il 2011 è rinviato dal al DPCM , attuativo dell art. 1 co. 2 del DL 225/2010, conv. L. 10/2011 Per il periodo 2011 Gli studi di settore devono essere pubblicati nella Gazzetta Ufficiale entro il del periodo d imposta nel quale entrano in vigore Art. 1 co. 1-bis del DPR 195/99, come inserito dall art. 23 co. 28 lett. a) del DL 98/2011 Dall anno 2012 Eventuali integrazioni, indispensabili per tenere conto degli andamenti economici Approvazione delle integrazioni agli studi di settore e dei mercati, con particolare riguardo a determinati settori o aree territoriali, o per aggiornare o istituire gli indicatori di coerenza, compresi quelli previsti dall art. 10-bis della L. 146/98, devono essere pubblicate in Gazzetta Ufficiale entro il 31.3 del periodo d imposta successivo a quello della loro entrata in vigore Art. 1 co. 1-bis del DPR 195/99, come inserito dall art. 23 co. 28 lett. a) del DL 98/2011 A partire dagli studi di settore utilizzabili per il periodo d imposta 2011 Art. 10 co. 13 Le integrazioni agli studi di settore devono essere pubblicate nella Gazzetta Ufficiale entro il secondo periodo del DL 201/2011, come inserito dall art. 5 co. 1 del DL 16/2012 (conv. L. 44/2012) Limitatamente all annualità ELABORAZIONE DEGLI STUDI DI SETTORE SU BASE REGIONALE E COMUNALE Allo scopo di attuare il federalismo fiscale, l art. 83 co. 19 e 20 del DL 112/2008 (conv. L. 133/2008) ha disposto che, a decorrere dall , gli studi di settore siano elaborati, sentite le associazioni nazionali di categoria, anche su base regionale o comunale. Sono stati elaborati su base regionale gli studi relativi all edilizia ed al settore tessile-abbigliamento. Disposizioni attuative In attuazione della predetta disciplina è stato emanato il DM che detta le regole di elaborazione degli studi: 1184

3 nel rispetto di criteri di gradualità, entro il ; garantendo la partecipazione dei Comuni. La predisposizione degli studi di settore su base regionale o comunale può avvenire compatibilmente con le modalità indicate dal co. 1 secondo periodo dell art. 62-bis del DL 331/93, secondo cui l elaborazione degli studi di settore avviene individuando campioni significativi di contribuenti per ogni settore economico preso in esame. 3 REVISIONE CONGIUNTURALE DEGLI STUDI DI SETTORE Al fine di tenere conto degli effetti che la crisi economico-finanziaria manifestatasi dal 2008 ha provocato su determinati settori o aree territoriali, l art. 8 del DL 185/2008 (conv. L. 2/2009) ha previsto la possibilità di integrare gli studi di settore anche oltre i termini per la revisione ordinaria degli studi (art. 1 co. 1 del DPR 195/99). Le informazioni necessarie alla predisposizione degli strumenti correttivi più adeguati ad affrontare la crisi sono reperite tenendo conto dei dati della contabilità nazionale, degli elementi acquisibili presso istituti ed enti specializzati nell analisi economica, delle segnalazioni degli Osservatori regionali per gli studi di settore (art. 8 ultimo periodo del DL 185/2008). 3.1 AMBITO APPLICATIVO La revisione congiunturale: non riguarda necessariamente tutti gli studi di settore, ma è circoscritta a quei settori economici o aree territoriali in relazione ai quali l attività di monitoraggio ha rilevato flessioni negative dell attività determinate dalla crisi; opera in maniera differente da uno studio all altro in quanto i correttivi agiscono su variabili diverse; coinvolge sia gli studi di settore revisionati, sia quelli già in vigore per i precedenti periodi d imposta. 3.2 PROVVEDIMENTI ATTUATIVI L integrazione degli studi di settore è disposta tramite apposito decreto del Ministro dell Economia e delle Finanze, previo parere della Commissione di Esperti per gli studi di settore. Per il periodo d imposta 2012 (UNICO 2013), i correttivi operanti in sede di applicazione degli studi di settore sono di quattro tipi: interventi relativi all analisi di normalità economica, tra i quali è previsto un correttivo all indicatore durata delle scorte ; correttivi specifici per la crisi, tra i quali consta lo strumento che neutralizza l effetto del rincaro del carburante per le categorie maggiormente colpite; correttivi congiunturali di settore, che provvedono, cluster per cluster, a modificare la funzione di ricavo dei contribuenti non congrui, per tenere conto della contrazione dei margini e del minor uso dei beni strumentali; correttivi congiunturali individuali, operanti per i soggetti non congrui che presentano nel 2012 una riduzione dei costi variabili dichiarati rispetto al biennio precedente. Per i professionisti è data la possibilità di indicare la percentuale di compensi relativi alle attività iniziate e completate nell anno e quella dei compensi relativi alle altre attività (saldi di anni pre- 1185

4 cedenti o acconti): in questo modo i correttivi dovrebbero poter cogliere le situazioni di ritardati e dilazionati incassi da parte dei clienti. 4 SOGGETTI INTERESSATI DAGLI STUDI DI SETTORE Gli studi di settore trovano applicazione nei confronti dei contribuenti che svolgono in maniera prevalente una delle attività economiche (d impresa o di arti e professioni) per le quali risulta approvato il relativo studio di settore, indipendentemente dal regime di contabilità adottato. Tali soggetti devono provvedere alla compilazione degli appositi modelli, con l indicazione dei dati contabili ed extracontabili rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore. Soggetto a partecipazione pubblica L Agenzia delle Entrate, con la circ n. 8 ( 6.4), ha affermato l applicabilità degli studi di settore ad una spa a capitale interamente pubblico, in quanto l attuale disciplina sugli studi non pone alcuna preclusione basata sulla veste giuridica del soggetto nei cui confronti è possibile effettuare la ricostruzione presuntiva dei ricavi. Tuttavia precisa l Agenzia delle Entrate, tenuto conto delle specifiche caratteristiche del soggetto in questione, gli eventuali controlli effettuabili sulla base degli studi di settore devono essere sempre valutati nel merito della loro sostenibilità. Tale indicazione trova fondamento nella natura della compagine sociale e nella tipologia di evasione contrastata dagli studi di settore, basata sull omessa certificazione dei corrispettivi. 4.1 CAUSE DI ESCLUSIONE Nella tabella di seguito riportata sono indicati i soggetti nei cui confronti gli studi di settore non trovano applicazione con l indicazione della fonte normativa o di prassi che lo prevede. CAUSE DI ESCLUSIONE Fonte Art. 10 co. 4 della L. 146/98 Soggetti Dichiarano ricavi (art. 85 co. 1 del TUIR, escluse le lett. c), d) ed e)) 1 o compensi (art. 54 co. 1 del TUIR) di ammontare superiore al limite stabilito per ciascuno studio di settore dal relativo decreto di approvazione ( ,00 euro) Iniziano o cessano l attività nel periodo d imposta, salvo i casi di: cessazione e inizio dell attività, da parte dello stesso soggetto, entro sei mesi dalla data di cessazione; mera prosecuzione dell attività svolta da altri soggetti Si trovano in un periodo di non normale svolgimento dell attività Art. 1 co. 113 della L. 244/2007 C.M n. 110/E, circ. Agenzia delle Entrate n. 31 e ris. Agenzia delle Entrate n. 104 Fruiscono del regime di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità 2 Determinano il reddito con criteri forfetari Sono incaricati delle vendite a domicilio 1186

5 CAUSE DI ESCLUSIONE Fonte segue Soggetti Sono classificati in una categoria reddituale diversa (ad esempio, reddito di lavoro autonomo invece che reddito d impresa) da quella prevista dal quadro degli elementi contabili del modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dello studio di settore approvato per l attività esercitata 3 Società cooperative a mutualità prevalente di cui all art c.c. Soggetti che redigono il bilancio in base ai principi contabili internazionali Art. 5 del DM Soggetti che esercitano in maniera prevalente l attività contraddistinta: dal codice Attività dei consorzi di garanzia collettiva fidi ; dal codice Attività di Bancoposta Soggetti esercenti attività d impresa, cui si applicano gli studi di settore, per il periodo d imposta in cui cessa di avere applicazione il regime dei contribuenti minimi (art. 1 co. 96 ss. della L. 244/2007) Soggetti che esercitano in maniera prevalente l attività di affitto d aziende - codice Sono, pertanto, esclusi i ricavi derivanti dalla cessione di azioni o quote di partecipazione al capitale di società ed enti di cui all art. 73 del TUIR, di strumenti finanziari similari alle azioni, di obbligazioni e di altri titoli in serie o di massa diversi dai precedenti. 2 La circ. Agenzia delle Entrate n. 8 ( 6.6) ha precisato che i contribuenti che usufruiscono, dal 2012, del regime degli ex minimi, di cui all art. 27 co. 3 del DL 98/2011, sono soggetti agli studi di settore. Tuttavia, la sussistenza dei requisiti di cui ai commi 96 e 99 dell articolo 1 della legge n. 244 del 2007 potrebbe configurare anche una situazione di marginalità economica. 3 Così, un lavoratore autonomo non compilerà il modello per la comunicazione dei dati rilevanti qualora questo contenga un quadro (F) destinato ad accogliere i dati contabili riguardanti l esercizio dell attività in forma d impresa (circ. Agenzia delle Entrate n. 58, 9.1) Limite dei ricavi o compensi I decreti di approvazione degli studi di settore possono stabilire l applicabilità degli studi medesimi a soggetti che dichiarano fino a euro ,00 di ricavi o compensi (art. 10 co. 4 della L. 146/98). Tuttavia, i decreti ministeriali finora emanati (da ultimo, la serie di DM ) hanno previsto una soglia massima pari a ,00 euro. Pertanto, nei confronti dei contribuenti che dichiarano ricavi o compensi superiori alla suddetta soglia non sono applicabili gli studi di settore. Mera prosecuzione di altra attività - Ragguaglio ad anno dei ricavi Con la circ n. 8 ( 6.1, quesito 2), l Agenzia delle Entrate ha affermato che, in caso di avvio di un attività costituituente mera prosecuzione di una precedente svolta da altri soggetti: il contribuente che prosegue l attività è soggetto agli studi di settore anche se quello di cui si prosegue l attività ne era escluso per una delle cause previste dal co. 4 dell art. 10 della L. 146/98; per verificare il superamento del limite di ,00 euro, ai fini dell esclusione dagli studi di settore, l ammontare dei ricavi conseguiti nel primo 1187

6 periodo d imposta va ragguagliato al periodo di svolgimento dell attività o alla durata del periodo Periodo di non normale svolgimento dell attività A titolo esemplificativo, si considerano di non normale svolgimento dell attività: i periodi nei quali l impresa è in liquidazione ordinaria, in liquidazione coatta amministrativa o fallimentare; i periodi nei quali non è ancora iniziata l attività produttiva prevista dall oggetto sociale; ad esempio, perché: la costruzione dell impianto da utilizzare per lo svolgimento dell attività si è protratta oltre il primo periodo d imposta, per cause non dipendenti dalla volontà dell imprenditore; non sono state rilasciate le autorizzazioni amministrative necessarie per lo svolgimento dell attività, a condizione che le stesse siano state tempestivamente richieste; viene svolta esclusivamente un attività di ricerca propedeutica allo svolgimento di altra attività produttiva di beni e servizi, sempreché l attività di ricerca non consenta di per sé la produzione di beni e servizi e quindi la realizzazione di proventi; il periodo di interruzione dell attività che si è protratto tutto l anno a causa di lavori di ristrutturazione dei locali, qualora la ristrutturazione abbia riguardato tutti i locali nei quali viene esercitata l attività; il periodo in cui l imprenditore individuale o la società hanno affittato l unica azienda; il periodo di sospensione dell attività ai fini amministrativi, qualora sia stata data comunicazione alla Camera di Commercio; il periodo nel corso del quale è stata modificata l attività, nell ipotesi in cui le attività succedutesi siano contraddistinte da codici attività rientranti in studi di settore diversi; per le attività professionali, il periodo in cui si è verificata l interruzione dell attività per la maggior parte dell anno a causa di provvedimenti disciplinari. I soggetti interessati da un periodo di non normale svolgimento dell attività devono indicare le ragioni che hanno impedito lo svolgimento dell attività in maniera regolare nel campo Note aggiuntive di GE.RI.CO. Modifica nel corso del periodo d imposta dell attività esercitata La modifica nel corso del periodo d imposta dell attività esercitata costituisce una causa di esclusione riconducibile al non normale svolgimento dell attività. L Agenzia delle Entrate (circ n. 8, 6.1, quesito 1) ha precisato che rientra in tale fattispecie l avvio, nel corso del periodo d imposta, di una seconda attività che risulti prevalente, in termini di ricavi/compensi, rispetto alla prima. Nello specifico, si legge che tale situazione può essere ricondotta ad una modifica nel corso del periodo d imposta dell attività esercitata, in quanto la nuova attività iniziata nel corso dell anno sostituisce, in termini di prevalenza dei ricavi, l attività precedente. [..] La società cui si fa 1188

7 riferimento nel quesito non è, pertanto, soggetta all applicazione degli studi di settore, in quanto si trova in un periodo di non normale svolgimento dell attività per quanto concerne lo strumento presuntivo. Inoltre, poiché in caso di non normale svolgimento dell attività, permane l obbligo di presentare la dichiarazione dei dati rilevanti, il modello da presentare è quello afferente lo studio di settore relativo all attività per la quale si sono conseguiti i maggiori ricavi/compensi durante il periodo d imposta considerato, prescindendo dalla circostanza che detta attività sia quella iniziata o cessata Inizio/cessazione dell attività nei sei mesi e mera prosecuzione Ai sensi della lett. b) del co. 4 dell art. 10 della L. 146/98, i contribuenti sono esclusi dagli studi di settore in relazione al periodo d imposta in cui hanno iniziato o cessato l attività, salvi i casi di: cessazione e inizio dell attività, da parte dello stesso soggetto, entro sei mesi dalla data di cessazione; mera prosecuzione dell attività svolta da altri soggetti. La causa di esclusione relativa all inizio dell attività deve essere riferita all attività svolta nel suo complesso dal contribuente (circ. Agenzia delle Entrate n. 8, 6.1, quesito 1). Pertanto, in caso di svolgimento di più attività, l esclusione dall applicazione degli studi per inizio attività è riferibile solo alla prima delle attività svolte. Inizio e cessazione dell attività nello stesso anno Il contribuente che inizia e cessa l attività nel corso del medesimo periodo d imposta rientra in due fattispecie di esclusione dall applicazione degli studi di settore (per inizio e per cessazione dell attività). Posto che nei quadri contabili di UNICO si può indicare un solo codice di esclusione dall applicazione degli studi di settore, il contribuente è tenuto ad inserire solo la causa di esclusione relativa all inizio dell attività (codice 1) ed a presentare eventualmente, se previsto, il modello INE (risposta n. 9 delle FAQ pubblicate sul sito Internet dell Agenzia delle Entrate, di cui al comunicato stampa n. 120). Cessazione e riavvio dell attività entro sei mesi La cessazione dell attività e il successivo riavvio della medesima da parte dello stesso contribuente entro sei mesi dalla cessazione non comporta l esclusione dagli studi di settore soltanto se sussistono contemporaneamente tutti e tre i seguenti presupposti: perfetta identità tra il soggetto che cessa l attività e successivamente la riavvia; arco temporale non superiore a sei mesi tra cessazione e successivo riavvio; omogeneità tra l attività cessata e quella successivamente riavviata (circ. Agenzia delle Entrate n. 31, 4.1). Per quanto riguarda il primo presupposto, la circostanza che debba esservi perfetta identità tra il soggetto che cessa l attività e successivamente la riavvia implica, di fatto, la neutralizzazione della causa di esclusione esclusivamente nei confronti delle persone fisiche/imprenditori individuali. Infatti, per i soggetti diversi dalle persone fisiche (società di persone e società di capitali), la cessazione dell attività determina l estinzione della posizione fiscale del soggetto e, quindi, fa venir meno uno dei requisiti essenziali per l applicabilità della norma in oggetto. 1189

8 Con riferimento a tali soggetti, occorre inoltre valutare la causa di esclusione conseguente al non normale svolgimento dell attività. Per quanto concerne il requisito dell intervallo di sei mesi tra cessazione e riavvio: rilevano sia le cessioni e successivi riavvii entro sei mesi che si perfezionano all interno del medesimo periodo d imposta, sia quelli che ricadono a cavallo di due periodi d imposta consecutivi; il computo dei mesi deve essere effettuato a decorrere dalla data di chiusura dell attività, quale risultante sulla base della comunicazione effettuata ai competenti uffici dell Agenzia delle Entrate con l apposita modulistica (mod. AA9/11 e AA7/10), considerando come mese intero le frazioni di esso pari o superiori a 15 giorni. Infine, per quanto concerne il terzo presupposto, l omogeneità tra l attività cessata e quella avviata entro i successivi sei mesi si verifica: quando le attività sono contraddistinte dal medesimo codice attività; quando le attività, seppur contraddistinte da codici diversi, sono comprese nel medesimo studio di settore. Mera prosecuzione dell attività altrui La mera prosecuzione di un attività già precedentemente in essere non comporta l esclusione dagli studi di settore. Ciò può verificarsi, alternativamente, nei casi di: operazioni aventi per oggetto la circolazione di complessi aziendali (quali compravendite, affitti, successioni o donazioni), per effetto delle quali l avente causa (cessionario, affittuario, erede o donatario) avvia un attività che è la naturale prosecuzione di quella precedentemente esercitata dal dante causa (cedente, concedente, de cuius o donante); operazioni aventi per oggetto la soggettività dell impresa gestita in forma societaria (quali trasformazioni, fusioni e scissioni), per effetto delle quali la società risultante dall operazione prosegue l attività precedentemente esercitata dalla società trasformata, scissa, incorporata o fusa. In questi casi, l applicabilità dell accertamento sulla base degli studi di settore riguarda esclusivamente il periodo d imposta del soggetto che prosegue nell esercizio dell attività altrui, mentre per il soggetto che cessa l attività, che si trasforma o che si estingue per effetto di scissione o fusione, rimane applicabile la causa di esclusione rappresentata dalla cessazione dell attività nel periodo d imposta. Indicazione nel modello di comunicazione dei dati rilevanti. La ricorrenza di una delle situazioni di cessazione/prosecuzione dell attività deve essere indicata nel frontespizio del modello di comunicazione dei dati rilevanti, indicando, tra i seguenti, l apposito codice: inizio dell attività da parte dello stesso soggetto entro sei mesi dalla sua cessazione, nel corso dello stesso periodo d imposta codice 1; cessazione dell attività nel corso del periodo d imposta ed inizio della stessa nel periodo d imposta successivo, da parte dello stesso soggetto, entro sei mesi dalla cessazione codice 2; 1190

9 avvio nel periodo d imposta di un attività costituente mera prosecuzione di quella svolta da altri soggetti codice 3; periodo d imposta diverso da dodici mesi codice 4; cessazione dell attività nel corso del periodo d imposta, senza successivo inizio della stessa entro i successivi sei mesi da parte dello stesso soggetto codice Ulteriori esclusioni dall accertamento in base agli studi di settore L art. 5 del DM dispone l esclusione dell utilizzo dei risultati derivanti dall applicazione degli studi di settore per l azione di accertamento di cui all art. 10 della L. 146/98 nei confronti dei seguenti contribuenti: società cooperative a mutualità prevalente di cui all art c.c.; soggetti che redigono il bilancio in base ai principi contabili internazionali; soggetti che esercitano in maniera prevalente l attività contraddistinta: dal codice Attività dei consorzi di garanzia collettiva fidi ; dal codice Attività di Bancoposta ; soggetti esercenti attività d impresa, cui si applicano gli studi di settore, per il periodo d imposta in cui cessa di avere applicazione il regime dei contribuenti minimi (dal 2012, regime di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità); soggetti che esercitano in maniera prevalente l attività di affitto d aziende - codice Si segnala che, limitatamente all annualità 2010, l esclusione dall accertamento basato sugli studi di settore riguardava solo le società cooperative a mutualità prevalente, i soggetti che redigevano il bilancio in base agli IAS e i soggetti che esercitavano in maniera prevalente l attività di garanzia fidi e di Bancoposta. Limitatamente all annualità 2011, ai predetti soggetti si sono aggiunti gli esercenti attività d impresa che, nel precedente periodo d imposta, si erano avvalsi del regime dei contribuenti minimi e i soggetti che esercitavano in maniera prevalente l attività di affitto d aziende. A partire dal periodo d imposta 2012, tali esclusioni sono state previste a regime. Per questi soggetti, i risultati dell applicazione degli studi di settore: sono utilizzati esclusivamente per la selezione delle posizioni soggettive da sottoporre a controllo con le ordinarie metodologie; non rilevano ai fini dell applicazione dell art. 10 co. 4-bis della L. 146/98 (esonero dagli accertamenti presuntivi). La norma citata è stata abrogata dall art. 10 co. 12 del DL n. 201 (conv. L n. 214) e mantiene una residua operatività limitatamente alle attività di accertamento effettuate in relazione alle annualità 2010 e precedenti. 4.2 CAUSE DI INAPPLICABILITÀ Di seguito sono indicate le cause d inapplicabilità degli studi di settore come previste dai decreti di approvazione degli studi di settore. 1191

10 Cause di inapplicabilità Fonte Soggetti Decreti di approvazione degli studi di settore (DM , DM , DM ) Società cooperative, società consortili e consorzi che operano esclusivamente a favore delle imprese socie o associate. Società cooperative costituite da utenti non imprenditori che operano esclusivamente a favore degli utenti stessi. Con riferimento alle società cooperative, la ris. Agenzia delle Entrate n. 330 ha precisato che gli studi di settore: non si applicano alle cooperative che svolgono attività esclusivamente a favore di soci, associati o utenti (cfr. C.M n. 110, 6.5); trovano applicazione nelle cooperative a mutualità prevalente (ma non esclusiva). In quest ultima ipotesi, gli uffici dovranno, volta per volta, verificare, ai fini dell applicabilità degli studi di settore, la sussistenza dei requisiti di mutualità prevalente e tenere conto delle particolari situazioni di mercato influenzate dal perseguimento di fini mutualistici che possono incidere in maniera anche rilevante sui ricavi conseguiti. Impresa sociale Con la circ n. 29 ( 10), l Agenzia delle Entrate ha precisato che l impresa sociale di cui al DLgs n. 155, è soggetta agli studi di settore. Alla stessa sono applicabili i chiarimenti già forniti con riferimento alle cooperative a mutualità prevalente. 5 DISCIPLINA PER LE IMPRESE MULTIATTIVITÀ Il DM ha abrogato le cause di inapplicabilità degli studi di settore per i soggetti che esercitano: due o più attività d impresa ( multiattività ); la propria attività attraverso l utilizzo di più punti di vendita e di più punti di produzione ( multipunto ). Il provvedimento ha previsto nuovi criteri per l applicazione degli studi per le imprese multiattività. Per le imprese multipunto si applicano gli studi di settore secondo le regole ordinarie. Infatti, il DM prevede l applicazione dell obbligo di annotazione separata dei ricavi e delle nuove regole per l applicazione degli studi di settore limitatamente alle imprese multiattività. 5.1 ANNOTAZIONE SEPARATA DEI RICAVI Le imprese che esercitano due o più attività, per almeno una delle quali risultino approvati gli studi di settore, sono tenute ad annotare separatamente i ricavi: relativi alle diverse attività esercitate; derivanti dall attività di vendita di generi soggetti ad aggio o a ricavo fisso (art. 1 co. 1 del DM ). In relazione alle modalità di annotazione separata dei ricavi, il contribuente può utilizzare il metodo ritenuto più idoneo (es. codici causali, registri sezionali, schede extracontabili). 1192

11 Decorrenza La disposizione si applica a decorrere dal periodo d imposta in corso al (vale a dire, dal periodo d imposta 2007, per i soggetti solari ). 5.2 CRITERIO DELL ATTIVITÀ PREVALENTE Il modello per la comunicazione dei dati rilevanti per l applicazione degli studi di settore deve essere utilizzato dai soggetti che esercitano in maniera prevalente una delle attività per le quali risultano approvati i relativi studi di settore, intendendosi per tale quella dalla quale deriva la maggiore entità di ricavi nel periodo d imposta (art. 1 co. 2 del DM ). Ai fini della determinazione dei ricavi relativi alle attività prevalenti, occorre computare anche gli aggi e i ricavi fissi considerati per l importo dell aggio percepito e del ricavo al netto del prezzo corrisposto al fornitore dei beni (circ. Agenzia delle Entrate 31/2008, 4). Ai fini dell applicazione degli studi di settore, l impresa che esercita due o più attività deve: preliminarmente, verificare la sussistenza dell obbligo di annotazione separata, nel caso in cui almeno una, tra le attività esercitate, sia soggetta agli studi di settore; successivamente, verificare quale tra le attività esercitate produca maggiori ricavi; quindi, applicare lo studio di settore relativo a quest ultima attività Computo delle attività appartenenti ad uno stesso studio di settore Nell ambito dell attività prevalente devono essere computate tutte le attività facenti parte del medesimo studio di settore, ancorché contraddistinte da diversi codici attività Esercizio contemporaneo di attività soggette agli studi e ai parametri I predetti criteri di determinazione dell attività prevalente si applicano anche nel caso in cui il contribuente svolga più attività, di cui alcune soggette alla disciplina degli studi di settore ed altre a quella dei parametri Indicazione dei dati nella comunicazione dei dati rilevanti Le istruzioni alla compilazione del modello di comunicazione dei dati rilevanti (Parte generale) precisano che i dati (contabili ed extracontabili) da indicare nel modello relativo allo studio di settore prevalente devono essere forniti tenendo conto del complesso dell attività d impresa esercitata. Così, ad esempio, i contribuenti che esercitano, prevalentemente, un attività d impresa soggetta a studi di settore e un altra soggetta a parametri da cui derivino ricavi superiori al 30% di quelli complessivamente dichiarati, sono tenuti alla compilazione del modello dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dello studio di settore relativo all attività prevalente, indicando in esso anche i dati relativi all attività soggetta a parametri Esemplificazioni La circ. Agenzia delle Entrate n. 31 ( 4) indica alcune applicazioni delle regole enunciate nei precedenti. 1193

12 ES ES ES Un impresa consegue ricavi complessivi pari a ,00 euro, derivanti da diverse attività nelle misure seguenti: ricavi derivanti dall attività X (studio UG41U): ,00 euro (20%); ricavi derivanti dall attività Y (studio UG41U): ,00 euro (40%); ricavi derivanti dall attività Z (studio UG42U): ,00 euro (40%). In tal caso, risultano prevalenti le attività comprese nello studio UG41U (60% dei ricavi totali). Il contribuente applicherà tale studio di settore e compilerà il relativo modello, con l indicazione dei dati (contabili ed extracontabili) riferiti all intera attività d impresa esercitata. Un impresa consegue ricavi complessivi pari a ,00 euro, così composti: ricavi derivanti dall attività X (studio UG41U): ,00 euro (20%); ricavi derivanti dall attività Y (studio UG41U): ,00 euro (55%); ricavi derivanti dall attività Z (parametri): ,00 euro (25%). Nella fattispecie risultano prevalenti le attività comprese nello studio UG41U (75% dei ricavi totali). Il contribuente applicherà lo studio di settore UG41U e compilerà il relativo modello, con l indicazione dei dati (contabili ed extracontabili) riferiti all intera attività d impresa esercitata. Un impresa consegue ricavi complessivi pari a ,00 euro, così composti: ricavi derivanti dall attività X (studio UG41U): ,00 euro (40%); ricavi derivanti dall attività Y (studio UG42U): ,00 euro (10%); ricavi derivanti dall attività Z (parametri): ,00 euro (50%). Il contribuente applicherà i parametri in quanto i ricavi derivanti dall attività Z risultano prevalenti (50% dei ricavi totali) rispetto a quelli delle attività X e Y. 5.3 UTILIZZABILITÀ IN SEDE DI ACCERTAMENTO DEI RISULTATI DERIVANTI DAGLI STUDI SETTORE Il DM detta le condizioni per l utilizzo in sede di accertamento dei risultati derivanti dall applicazione degli studi di settore nei confronti dei soggetti che esercitano due o più attività d impresa, non rientranti nel medesimo studio di settore. Se i ricavi dichiarati relativi alle attività non rientranti tra quelle considerate dallo studio di settore relativo all attività prevalente: sono pari o inferiori al 30% dei ricavi complessivi, i risultati derivanti dagli studi di settore sono direttamente utilizzabili in sede di accertamento; sono superiori al 30% dell ammontare totale dei ricavi dichiarati, i risultati derivanti dall applicazione degli studi di settore possono essere utilizzati solo ai fini della selezione delle posizioni da sottoporre a controllo (art. 2 del DM ) Decorrenza La suddetta disciplina si applica a decorrere dal periodo d imposta in corso al (2008, per i soggetti solari ). Limitatamente al periodo d imposta in corso al (anno 2007, per i soggetti solari ), il DM aveva previsto l applicazione di una disciplina transitoria. Si trattava della medesima disciplina a regime alla quale era applicata un inferiore percentuale di ricavi derivanti delle attività non prevalenti: 20%, anziché 30%. 1194

13 Utilizzo, in sede di accertamento, dei risultati derivanti dagli studi di settore ricavi delle attività non prevalenti pari o inferiori al 30% dei ricavi complessivi ricavi delle attività non prevalenti superiori al 30% dei ricavi complessivi consentito non consentito utilizzo solo per selezione delle posizioni da sottoporre a controllo Fig. 2 - Condizioni per l utilizzo dei risultati derivanti dagli studi di settore Criteri di utilizzo dei risultati degli studi di settore Se i risultati derivanti dagli studi di settore sono direttamente utilizzabili in sede di accertamento, il loro impiego da parte dell Amministrazione finanziaria deve essere orientato a criteri di ragionevolezza (circ. Agenzia delle Entrate n. 31). Ciò è necessario in quanto l esercizio contestuale di attività prevalenti e non prevalenti potrebbe determinare una stima dei ricavi presunti non corretta posto che la medesima stima è operata mediante lo studio di settore relativo alla sola attività prevalente. Tale circostanza potrebbe ricorrere nei casi in cui: l incidenza dei ricavi delle attività non prevalenti, su quelli complessivi, sia prossima alla soglia del 30%; le attività non prevalenti siano disomogenee rispetto a quelle considerate dallo studio di settore applicabile. 6 MODELLO DI COMUNICAZIONE DEI DATI RILEVANTI Il modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore: costituisce parte integrante del modello UNICO; deve essere compilato dai soggetti che esercitano, in maniera prevalente, una delle attività con riferimento alle quali sono stati approvati i relativi studi di settore. L individuazione dell attività prevalente deve essere effettuata con riferimento ad una stessa categoria reddituale. Pertanto, se il contribuente svolge diverse attività, alcune delle quali in forma d impresa ed altre in forma di lavoro autonomo, dovrà determinare sia l attività prevalente relativa al complesso delle attività svolte in forma d impresa, sia l attività prevalente relativa al complesso delle attività svolte in forma di lavoro autonomo, indicando separatamente quelle che producono una categoria di reddito e quelle che producono l altra. Al riguardo: se le attività prevalenti per le due categorie reddituali sono contraddistinte da codici attività riguardanti due studi di settore differenti, il contribuente dovrà applicare i diversi studi eventualmente approvati per ciascuna di esse; se le attività prevalenti per le due categorie reddituali sono contraddistinte da codici attività compresi nello stesso studio di settore, il contribuente dovrà applicarlo sia per l attività d impresa che per quella di lavoro autonomo (in un caso sarà compilato il quadro F e nell altro il quadro G). 1195

14 6.1 DATI RILEVANTI AI FINI DELL APPLICAZIONE DEGLI STUDI DI SETTORE I dati di natura contabile ed extracontabile rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore sono individuati nei decreti di approvazione dei singoli studi. Rilevanza delle variazioni fiscali I dati contabili da indicare nei quadri F o G e nel quadro X del modello di comunicazione ai fini degli studi di settore devono essere forniti tenendo conto delle eventuali variazioni fiscali determinate dall applicazione di disposizioni tributarie. Ad esempio, le spese e i componenti negativi relativi ad autovetture, autocaravan, ciclomotori e motocicli utilizzati nell esercizio dell impresa sono indicati tenendo conto dei criteri di deducibilità di cui all art. 164 del TUIR. I dati contabili contenuti nei quadri destinati all indicazione di dati strutturali devono, invece, essere desunti dalle scritture contabili, senza considerare eventuali variazioni fiscali derivanti dall applicazione di disposizioni tributarie. Contribuenti con periodo d imposta non coincidente con l anno solare I contribuenti con periodo d imposta non coincidente con l anno solare devono comunicare i dati che nel modello sono richiesti con riferimento al tenendo conto della situazione esistente alla data di chiusura del periodo d imposta. Contribuenti che hanno cessato l attività I contribuenti che hanno cessato l attività e sono interessati da una causa di esclusione devono comunicare i dati che nel modello sono richiesti con riferimento al tenendo in considerazione la situazione esistente alla data di cessazione dell attività. Analoghe indicazioni valgono per i contribuenti che hanno cessato l attività prima del e l hanno nuovamente iniziata, entro 6 mesi dalla cessazione, nel periodo d imposta successivo. Compilazione del modello per gli ex contribuenti minimi I soggetti che, nei periodi d imposta 2011 o precedenti, hanno cessato di avvalersi del regime dei contribuenti minimi (di cui alla L. 244/2007) devono fornire i dati contabili da indicare nei quadri F, G e X, senza tenere conto degli effetti derivanti dal principio di cassa, applicato nei periodi d imposta di fruizione del regime (istruzioni alla compilazione della comunicazione dei dati rilevanti per il Parte generale). Così, ad esempio, il costo del venduto da considerare per la stima dei ricavi deve coincidere con il costo effettivamente sostenuto per l acquisto dei beni o servizi da cui originano i ricavi dichiarati dal contribuente (tale costo va indicato al netto dell IVA esposta in fattura). Il valore delle esistenze iniziali e delle rimanenze finali, da indicare nel quadro F, di conseguenza, deve essere determinato in relazione alle merci effettivamente giacenti in magazzino, anche se le stesse, sulla base delle disposizioni previste dal regime dei minimi, sono già state dedotte integralmente nel periodo d imposta di acquisto. Analogamente, devono essere individuati i valori delle quote di ammortamento relativi ai beni di costo unitario superiore a 516,46 euro, strumentali all esercizio dell attività d impresa, ovvero di lavoro autonomo, acquistati durante i periodi d imposta in cui il contribuente si è avvalso del regime dei minimi; tali valori, determinati sulla base dei criteri ordinariamente previsti dal TUIR, devono essere indicati nei quadri F o G del modello di comunicazione. 1196

15 Un contribuente ha acquistato nel 2010 (ultimo anno nel quale ha applicato il regime dei minimi) un bene strumentale all esercizio dell attività d impresa, le cui spese d acquisto, pari a 8.000,00 euro + IVA, sono state integralmente dedotte nel 2010, in ottemperanza al principio di cassa vigente durante il regime agevolato. Considerando che per la tipologia di bene acquistato il coefficiente di ammortamento è pari al 25%, in sede di compilazione del quadro F della comunicazione dei dati rilevanti ai fini degli studi di settore per il 2012, occorre indicare: al rigo F20, l importo di 2.000,00 euro, corrispondente alla terza quota di ammortamento relativa al bene strumentale; al rigo F29, l importo di 8.000,00 euro, relativo al valore del bene al netto dell IVA. ES Tale modo di procedere può determinare una divergenza tra i dati reddituali da indicare nei modelli degli studi di settore e quelli da indicare nei quadri RE, RF o RG di UNICO CASI DI ESCLUSIONE DAGLI STUDI DI SETTORE CON OBBLIGO DI COMPILA- ZIONE DEL MODELLO Sono tenuti a compilare il modello di comunicazione dei dati rilevanti, ancorché esclusi dall accertamento in base agli studi di settore: i soggetti che hanno dichiarato ricavi o compensi di ammontare superiore a ,00 euro e inferiore a ,00 euro; i soggetti che rientrano in una delle cause di esclusione previste nelle ipotesi di: cessazione dell attività; liquidazione ordinaria; non normale svolgimento dell attività, ad eccezione delle ipotesi di liquidazione coatta amministrativa o fallimentare (art. 1 co. 19 ultimo periodo della L. 296/2006); i soggetti che determinano il reddito con criteri forfetari (ad eccezione dei quadri F e G dei dati contabili); per tali soggetti, i dati comunicati sono utilizzati per valutare se le caratteristiche strutturali dell impresa sono coerenti con i ricavi/compensi dichiarati (C.M n. 110/E, 6.2); le società cooperative a mutualità prevalente di cui all art c.c.; i soggetti che redigono il bilancio in base ai principi contabili internazionali; i soggetti che esercitano in maniera prevalente l attività contraddistinta: dal codice Attività dei consorzi di garanzia collettiva fidi ; dal codice Attività di Bancoposta ; soggetti esercenti attività di impresa che, nel precedente periodo di imposta, si sono avvalsi del regime dei contribuenti minimi e hanno cessato di avvalersene per il periodo d imposta 2012; i soggetti che esercitano in maniera prevalente l attività di affitto d aziende - codice Nei modelli di comunicazione dei dati rilevanti, è predisposto il quadro V - Ulteriori dati specifici nel quale, barrando la specifica casella, il contribuente può indicare se si trova in una delle seguenti 1197

16 condizioni: esercizio dell attività sotto forma di cooperativa a mutualità prevalente, redazione del bilancio secondo gli IAS, oppure applicazione del regime dei minimi nel periodo d imposta precedente. Invece, i soggetti che esercitano in maniera prevalente l attività di Consorzio di garanzia collettiva fidi, Bancoposta ed Affitto di aziende devono fornire le informazioni necessarie ai fini del diverso utilizzo delle risultanze dello studio di settore attraverso la semplice compilazione del frontespizio del modello di comunicazione dei dati rilevanti relativo all attività prevalente esercitata (circ. Agenzia delle Entrate n. 30, 5.7). Nella risposta n. 14 delle FAQ pubblicate sul sito Internet dell Agenzia delle Entrate, di cui al comunicato stampa n. 120, è stato precisato che: se la cooperativa a mutualità prevalente è costituita da utenti non imprenditori e opera esclusivamente a favore degli utenti stessi, sussiste una causa di inapplicabilità dagli studi di settore, con conseguente esonero dalla presentazione della comunicazione dei dati rilevanti; qualora i consorzi di garanzia collettiva fidi siano costituiti sotto forma di società cooperativa, società consortile o consorzio e operino esclusivamente a favore delle imprese socie o associate, sussiste una causa di inapplicabilità dagli studi di settore che li esonera dalla presentazione del modello. Prospetto esemplificativo Nella tabella seguente sono indicati, a titolo esemplificativo, gli obblighi dichiarativi ai fini degli studi di settore di alcune tipologie di soggetti. Soggetto con ricavi o compensi compresi tra e Soggetto con ricavi o compensi superiori a Inizio dell attività nel corso del 2012 Inizio, nel corso del 2012, di una attività che costituisce mera continuazione di una precedente esercitata da un altro soggetto Cessazione dell attività nel corso del 2012 Cessazione dell attività e inizio della stessa, da parte dello stesso soggetto, entro sei mesi dalla cessazione Periodo d imposta diverso da 12 mesi Nel 2012 l imprenditore affitta l unica azienda Codice relativo Comunicazione Applicabilità alla causa di dei dati rilevanti Modello INE dello studio di esclusione da ai fini degli studi settore indicare in di settore UNICO 2013 SÌ NO NO "3" NO SÌ NO "4" NO SÌ NO "1" SÌ NO SÌ Nessuno SÌ NO NO "2" SÌ NO SÌ Nessuno SÌ NO SÌ Nessuno SÌ NO NO "7" 1198

17 Impresa in liquidazione ordinaria nel 2012 Impresa in liquidazione coatta amministrativa o fallimentare nel 2012 Determinazione del reddito con criteri forfetari Comunicazione dei dati rilevanti ai fini degli studi di settore Modello INE Applicabilità dello studio di settore Codice relativo alla causa di esclusione da indicare in UNICO 2013 SÌ NO NO "5" SÌ NO NO "6" SÌ Vanno compilati i soli dati strutturali NO NO "8" Incaricati vendite a domicilio NO NO NO "9" Classificazione in una categoria reddituale diversa da quella prevista dal quadro elementi contabili Impresa che redige il bilancio in base agli IAS NO SÌ NO "10" SÌ NO NO 12 Imprese in liquidazione Nel seguente prospetto si riepilogano gli obblighi dichiarativi ai fini degli studi di settore in capo alle imprese in liquidazione, secondo quanto chiarito dalla circ. Agenzia delle Entrate n. 8 ( 6.3). Dichiarazione dei redditi Accertamento studi di settore Presentazione modello studi di settore Periodo ante liquidazione Esclusione Sì (codice esclusione 2 - periodo di cessazione dell attività) Periodo/i post liquidazione Sì (codice esclusione 5 - non normale svolgimento dell attività per liquidazione ordinaria) Esclusione (c.d. dichiarazioni intermedie ) Riepilogativa Esclusione No 1 1 Non devono essere presentati neppure i modelli parametri contabili o INE, in quanto i dati degli studi relativi alle frazioni di periodo d imposta collegati al quadro del reddito d impresa sono già stati portati a conoscenza dell Agenzia delle Entrate. Non normale svolgimento dell attività - Assenza di dati per il calcolo della congruità I contribuenti che si trovano in un periodo di non normale svolgimento dell attività e che non dispongono di alcuni dati fondamentali per il calcolo della congruità in GE.RI.CO., devono limitarsi a salvare la posizione e trasmetterla in allegato ad UNI- CO (cfr. istruzioni alla compilazione della comunicazione dei dati rilevanti - Parte generale). 6.3 COMPOSIZIONE DEL MODELLO In generale, i modelli di comunicazione dei dati rilevanti possono essere composti dai quadri seguenti: 1199

18 ES quadro relativo alle imprese multiattività; quadro A, che accoglie le informazioni relative al personale addetto all attività; quadro B, ove vanno indicati i dati relativi all unità locale destinata all esercizio dell attività (es. ubicazione, superficie dei locali, spese per servizi); quadro C, relativo alle modalità di svolgimento dell attività (es. tipologia di clientela, modalità di produzione); quadro D, che accoglie le informazioni relative ad elementi specifici dell attività (es. materie utilizzate, organizzazione dell attività, destinazione dei prodotti); quadro E, relativo ai beni strumentali; quadro F, riservato all indicazione dei dati contabili degli esercenti attività d impresa; quadro G, riservato all indicazione dei dati contabili degli esercenti attività di arti e professioni; quadro X, che accoglie i dati necessari per rendere operativi eventuali correttivi predisposti per lo specifico studio (i dati richiesti sono differenti da un modello all altro e possono essere più o meno dettagliati in relazione alle modalità di esercizio dell attività); quadro V, nel quale devono essere indicate le cause di esclusione dall accertamento basato sugli studi di settore previste dall art. 5 del DM ; quadro T, nel quale vanno indicate le ulteriori informazioni necessarie ad adeguare le risultanze dello studio di settore alla situazione di crisi economica. Occorre segnalare che: i modelli di comunicazione non necessariamente sono composti da tutti i suddetti quadri; le informazioni richieste nei quadri non sono standardizzate, ma variano da uno studio all altro in relazione alle caratteristiche specifiche delle attività cui si riferiscono. Prospetto Imprese multiattività Sono tenuti alla presentazione del modello di comunicazione dei dati rilevanti con la compilazione del prospetto in esame i soggetti che esercitano due o più attività d impresa, non rientranti nel medesimo studio di settore, qualora l importo complessivo dei ricavi dichiarati relativi alle attività non rientranti tra quelle prese in considerazione dallo studio di settore relativo all attività prevalente, superi il 30% dell ammontare totale dei ricavi dichiarati. Un impresa consegue ricavi complessivi per ,00 euro, così suddivisi: ricavi derivanti dall attività X (studio UG41U), pari a ,00 euro (18%); ricavi derivanti dall attività Y (studio UG41U), pari a ,00 euro (36%); ricavi derivanti dall attività Z (studio UG42U), pari a ,00 euro (46%). Il contribuente dovrà utilizzare il modello di comunicazione dei dati rilevanti per l applicazione dello studio di settore UG41U (attività prevalente con il 54% dei ricavi) e compilare il prospetto Imprese multiattività con l indicazione dei dati (contabili ed extracontabili) riferiti all intera attività d impresa esercitata. 1200

Ex minimi e studi di settore

Ex minimi e studi di settore Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 175 18.06.2015 Ex minimi e studi di settore Categoria: Studi di settore Sottocategoria: Modelli I soggetti che dal 2014 sono fuoriusciti del regime

Dettagli

N. 37. Studi di settore I codici delle diverse cause di esclusione. Premessa. Cause di esclusione.

N. 37. Studi di settore I codici delle diverse cause di esclusione. Premessa. Cause di esclusione. a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it N. 37 04.06.2010 Categoria Sottocategoria Studi di settore I codici delle diverse cause di esclusione Studi di settore Cause di esclusione In presenza di

Dettagli

bozza_14_01_2016 ISTRUZIONI PARTE GENERALE ntrate genzia PERIODO D IMPOSTA 2015

bozza_14_01_2016 ISTRUZIONI PARTE GENERALE ntrate genzia PERIODO D IMPOSTA 2015 genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2015 2016 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore ISTRUZIONI PARTE GENERALE 1. PREMESSA Nella presente Parte generale

Dettagli

UNICO 2014 : LE CAUSE DI ESCLUSIONE DAGLI STUDI DI SETTORE

UNICO 2014 : LE CAUSE DI ESCLUSIONE DAGLI STUDI DI SETTORE UNICO 2014 : LE CAUSE DI ESCLUSIONE DAGLI STUDI DI SETTORE a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto sono obbligati alla compilazione degli studi di settore tutti i contribuenti titolari di

Dettagli

Modificate le cause di esclusione dagli studi di settore

Modificate le cause di esclusione dagli studi di settore Modificate le cause di esclusione dagli studi di settore - a cura dello Studio Tributario Gigliotti e Associati - La Finanziaria 2007 (D.Lgs. n. 296/2006), ai commi 16, 18 e 19 dell articolo unico, ha

Dettagli

Fiscal Adempimento N. 20. Studi di settore: correttivi e quadro T. La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal Adempimento N. 20. Studi di settore: correttivi e quadro T. La circolare di aggiornamento professionale Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 20 09.06.2014 Studi di settore: correttivi e quadro T A cura di Devis Nucibella Categoria: Studi di settore Sottocategoria: Adeguamento

Dettagli

ACCERTAMENTO SULLA BASE DEGLI STUDI DI SETTORE

ACCERTAMENTO SULLA BASE DEGLI STUDI DI SETTORE 53 ACCERTAMENTO SULLA BASE DEGLI STUDI DI SETTORE L. 146/98 Prassi Circ. Agenzia delle Entrate 16.3.2005 n. 10; Circ. Agenzia delle Entrate 21.6.2005 n. 32; Circ. Agenzia delle Entrate 12.6.2007 n. 38;

Dettagli

Sommario 1. AMBITO SOGGETTIVO... 7

Sommario 1. AMBITO SOGGETTIVO... 7 Sommario 1. AMBITO SOGGETTIVO... 7 1.1. Contribuenti soggetti agli studi e contribuenti esclusi... 7 1.2. Contribuenti che dichiarano ricavi o compensi superiori a euro 5.164.569... 7 1.3. Inizio e cessazione

Dettagli

Studi di settore Sommario

Studi di settore Sommario Sommario 1. AMBITO SOGGETTIVO 1.1. Contribuenti soggetti agli studi e contribuenti esclusi 1.2. Contribuenti che dichiarano ricavi o compensi superiori a euro 5.164.569 1.3. Inizio e cessazione dell attività

Dettagli

DICHIARAZIONI FISCALI STUDI DI SETTORE

DICHIARAZIONI FISCALI STUDI DI SETTORE SOMMARIO Caratteristiche generali Natura e funzione degli studi di settore pag. 1 Il regime probatorio degli studi di settore» 2 L accertamento analitico-induttivo in base agli studi di settore» 4 L accertamento

Dettagli

WM29U. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore

WM29U. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2016 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore 2017 WM29U 47.59.10 Commercio al dettaglio di mobili per la casa; 47.59.91

Dettagli

UG98U. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore

UG98U. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2012 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore 2013 UG98U 95.12.01 Riparazione e manutenzione di telefoni fissi, cordless

Dettagli

VG70U. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore

VG70U. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2013 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore 2014 VG70U 81.21.00 Pulizia generale (non specializzata) di edifici;

Dettagli

Per quanto riguarda le istruzioni comuni a tutti gli studi di settore, si rinvia alle indicazioni fornite nelle Istruzioni Parte generale.

Per quanto riguarda le istruzioni comuni a tutti gli studi di settore, si rinvia alle indicazioni fornite nelle Istruzioni Parte generale. 1. GENERALITÀ Il modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dello studio di settore WG33U deve essere compilato con riferimento al periodo d imposta 2016 e deve essere utilizzato

Dettagli

UM86U. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2012. Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore

UM86U. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2012. Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2012 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore 2013 UM86U 47.99.20 Commercio effettuato per mezzo di distributori

Dettagli

Per quanto riguarda le istruzioni comuni a tutti gli studi di settore, si rinvia alle indicazioni fornite nelle Istruzioni Parte generale.

Per quanto riguarda le istruzioni comuni a tutti gli studi di settore, si rinvia alle indicazioni fornite nelle Istruzioni Parte generale. 1. GENERALITÀ Il modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dello studio di settore WG34U va compilato con riferimento al periodo d imposta 2016 e deve essere utilizzato

Dettagli

Studidisettore: quando non si è soggetti Mascia Dalmaggioni e Manuela Castellani - Dottori commercialisti in Bergamo

Studidisettore: quando non si è soggetti Mascia Dalmaggioni e Manuela Castellani - Dottori commercialisti in Bergamo Studidisettore: quando non si è soggetti Mascia Dalmaggioni e Manuela Castellani - Dottori commercialisti in Bergamo ADEMPIMENTO " NOVITA " RIFERIMENTI " SOGGETTI PASSIVI " SOGGETTI ESCLUSI " PROCEDURE

Dettagli

Le cause di esclusione dagli studi di settore

Le cause di esclusione dagli studi di settore Le cause di esclusione dagli studi di settore a cura di Antonio Gigliotti Come ogni anno arriva l appuntamento con gli studi di settore. La prima questione che si deve affrontare è quella relativa alla

Dettagli

dott. Mauro Nicola Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Novara

dott. Mauro Nicola Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Novara dott. Mauro Nicola Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Novara PRINCIPALI NOVITÀ DELLA MODULISTICA PRESENTAZIONE DEL MODELLO STUDI DI SETTORE Nella Circolare n. 24/E

Dettagli

Ex minimi fuori dagli studi di settore. di Sandro Cerato

Ex minimi fuori dagli studi di settore. di Sandro Cerato ESCLUSIONI Ex minimi fuori dagli studi di settore di Sandro Cerato Anche per l applicazione degli studi di settore per il periodo d imposta 2012 non risultano novità di rilievo relativamente all ambito

Dettagli

Lo studio di settore VG52U è stato approvato con decreto ministeriale del 28 dicembre 2012.

Lo studio di settore VG52U è stato approvato con decreto ministeriale del 28 dicembre 2012. 1. GENERALITÀ Il modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dello studio di settore VG52U deve essere compilato con riferimento al periodo d imposta 2013 e deve essere utilizzato

Dettagli

Studi di Settore. a cura di Gian Paolo Ranocchi

Studi di Settore. a cura di Gian Paolo Ranocchi Studi di Settore a cura di Gian Paolo Ranocchi TERZO COMMA DELL ART. 62 SEXIES DEL D.L. N. 331/1993 GLI ACCERTAMENTI EFFETTUATI AI SENSI DELL ART. 39, PRIMO COMMA, LETT. d) DEL DPR 600/1973 POSSONO ESSERE

Dettagli

Modello UNICO Alcuni quadri rilevanti

Modello UNICO Alcuni quadri rilevanti Modello UNICO Alcuni quadri rilevanti QUADRO RF 106 E SS PROSPETTO DEL PN Capitale sociale: esplicitare le somme trasferite riguardanti i fondi pubblici per le quali la legge ha permesso l imputazione

Dettagli

UNICO 2016: LE CAUSE DI ESCLUSIONE DAGLI STUDI DI SETTORE

UNICO 2016: LE CAUSE DI ESCLUSIONE DAGLI STUDI DI SETTORE UNICO 2016: LE CAUSE DI ESCLUSIONE DAGLI STUDI DI SETTORE di Celeste Vivenzi Premessa Al fine di una corretta compilazione del modello Unico 2016 è necessario sottolineare che le cause di esclusione si

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Catania LE NOVITÀ IN TEMA DI STUDI DI SETTORE

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Catania LE NOVITÀ IN TEMA DI STUDI DI SETTORE LE NOVITÀ IN TEMA DI STUDI DI SETTORE NOVITA NORMATIVE GLI STUDI APPLICABILI NEL 2012 PECULIARITA NEL MODELLO STUDI DI SETTORE DL 6/7/11 n. 98 conv. in L. 111/11 (art. 23 co 28) DL 13/8/11 n. 138 conv.

Dettagli

NUOVI INDICATORI STUDI DI SETTORE INDICATORI - IMPRESE INDICATORI DI COERENZA GERICO ANALISI ORDINARIA INDICI COERENZA BASE ACCERTAMENTO

NUOVI INDICATORI STUDI DI SETTORE INDICATORI - IMPRESE INDICATORI DI COERENZA GERICO ANALISI ORDINARIA INDICI COERENZA BASE ACCERTAMENTO NUOVI INDICATORI INDICATORI DI COERENZA GERICO ANALISI ORDINARIA Σ INDICI COERENZA ADEGUAMENTO IN DR BASE ACCERTAMENTO 37 STUDI DI SETTORE INDICATORI - IMPRESE 38 19 INDICATORI IMPRESE COSTI DISPONIBILITÀ

Dettagli

1. GENERALITÀ. Il presente modello è così composto:

1. GENERALITÀ. Il presente modello è così composto: 1. GENERALITÀ Il modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dello studio di settore VD21U deve essere compilato con riferimento al periodo d imposta 2013 e deve essere utilizzato

Dettagli

GLI STUDI DI SETTORE NELLE OPERAZIONI STRAORDINARIE

GLI STUDI DI SETTORE NELLE OPERAZIONI STRAORDINARIE GLI STUDI DI SETTORE NELLE OPERAZIONI STRAORDINARIE a cura Dott. Antonio Gigliotti I contribuenti che hanno iniziato o cessato l attività nel corso del 2007 sono esclusi dagli studi di settore. In particolare

Dettagli

9.2 Adempimenti per l accesso al nuovo regime forfetario

9.2 Adempimenti per l accesso al nuovo regime forfetario 33 9 NUOVO REGIME FORFETARIO DEI CONTRIBUENTI PERSONE FISICHE ESERCENTI ATTIVITA D IMPRESA, ARTI O PROFESSIONI 9.1 Accesso da parte dei contribuenti minimi Un contribuente che esercita l attività di imbianchino

Dettagli

VM02U. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore

VM02U. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2012 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore 2013 VM02U 47.22.00 Commercio al dettaglio di carni e di prodotti a

Dettagli

I nuovi indici sintetici di affidabilità fiscale

I nuovi indici sintetici di affidabilità fiscale Paola Rivetti (Avvocato - Gruppo di Studio EUTEKNE) I nuovi indici sintetici di affidabilità fiscale 1 Introduzione e operatività degli ISA L art. 9-bis, D.L. 50/2017 convertito disciplina i nuovi indici

Dettagli

VG34U. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore

VG34U. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2012 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore 2013 VG34U 96.02.01 Servizi dei saloni di barbiere e parrucchiere 1.

Dettagli

LA NUOVA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA (DAL 2017) REQUISITI PER LA TENUTA DELLA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA

LA NUOVA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA (DAL 2017) REQUISITI PER LA TENUTA DELLA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA LA NUOVA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA (DAL 2017) Come noto, l art. 5, Ddl della legge Finanziaria 2017, prevede: la modifica dell art. 66, TUIR, per effetto della quale, a decorrere dall 1.1.2017,

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio del 30 Giugno 2015 News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Proroga del versamento del diritto camerale 2015, ma non per tutti Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. in base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, dispone

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. in base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, dispone PROT. N.53376/2016 Accesso al regime premiale previsto dall articolo 10 del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214 e modifica della modulistica

Dettagli

FAQ. 1) L omessa presentazione del modello degli studi di settore per il periodo di imposta 2011 può essere oggetto di ravvedimento?

FAQ. 1) L omessa presentazione del modello degli studi di settore per il periodo di imposta 2011 può essere oggetto di ravvedimento? FAQ 1) L omessa presentazione del modello degli studi di settore per il periodo di imposta 2011 può essere oggetto di ravvedimento? Come evidenziato al paragrafo 2.2.4 della circolare n. 8/E del 2012 Nel

Dettagli

VG31U. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore

VG31U. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2012 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore 2013 VG31U 45.20.10 Riparazioni meccaniche di autoveicoli; 45.20.20

Dettagli

L obbligo di presentazione del modello degli studi di settore e del modello ine unitamente a unico 2007

L obbligo di presentazione del modello degli studi di settore e del modello ine unitamente a unico 2007 L obbligo di presentazione del modello degli studi di settore e del modello ine unitamente a unico 2007 1 PREMESSA I commi da 13 a 27 della L. 27.12.2006 n. 296 (legge finanziaria per il 2007) hanno introdotto

Dettagli

Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Dentro la Notizia 124/2013 OTTOBRE/2/2013 (*) 2 Ottobre 2013

Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli. Dentro la Notizia 124/2013 OTTOBRE/2/2013 (*) 2 Ottobre 2013 Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 124/2013 OTTOBRE/2/2013 (*) 2 Ottobre 2013 10 GIORNI PRIMA DELLA SCADENZA

Dettagli

Pagina 1 di 5 MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

Pagina 1 di 5 MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE Pagina 1 di 5 DECRETO 5 aprile 2006 MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE Approvazione di quattro studi di settore in evoluzione relativi ad attivita' professionali. IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE

Dettagli

Circolare n. 18. Del 17 giugno Contribuenti minimi - Svolgimento di attività con studio di settore - Proroga dei termini di versamento INDICE

Circolare n. 18. Del 17 giugno Contribuenti minimi - Svolgimento di attività con studio di settore - Proroga dei termini di versamento INDICE Circolare n. 18 Del 17 giugno 2013 Contribuenti minimi - Svolgimento di attività con studio di settore - Proroga dei termini di versamento INDICE 1 Premessa...2 2 Contribuenti interessati...2 2.1 Contribuenti

Dettagli

Bologna, 2 Gennaio 2012 A TUTTI I CLIENTI CONTRIBUENTI MINIMI CIRCOLARE N. 1/2012. Oggetto: IL NUOVO REGIME DEI MINIMI

Bologna, 2 Gennaio 2012 A TUTTI I CLIENTI CONTRIBUENTI MINIMI CIRCOLARE N. 1/2012. Oggetto: IL NUOVO REGIME DEI MINIMI Bologna, 2 Gennaio 2012 A TUTTI I CLIENTI CONTRIBUENTI MINIMI CIRCOLARE N. 1/2012 Oggetto: IL NUOVO REGIME DEI MINIMI L Agenzia delle Entrate ha recentemente approvato il nuovo Provvedimento attuativo

Dettagli

Circolare N.100 del 18 Giugno 2013

Circolare N.100 del 18 Giugno 2013 Circolare N.100 del 18 Giugno 2013 Ufficializzata la proroga dei versamenti di Unico 2013, ma non per tutti Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, con la pubblicazione in Gazzetta

Dettagli

Studi di settore: casi pratici di esclusione e imprese multi-attivita`

Studi di settore: casi pratici di esclusione e imprese multi-attivita` Studi di settore: casi pratici di esclusione e imprese multi-attivita` di Valerio Artina e Cristina Piseroni (*) L ADEMPIMENTO Approvati i modelli di comunicazione degli Studi di settore, e resa disponibile

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 58 15.07.2014 Adeguamento agli studi di settore in Unico Categoria: Studi di settore Sottocategoria: Varie Al fine di evitare il rischio di

Dettagli

San Marino, IGR: cosa cambia per le persone fisiche

San Marino, IGR: cosa cambia per le persone fisiche San Marino, IGR: cosa cambia per le persone fisiche Reddito d impresa L art. 29, in particolare, specifica che è considerato reddito d impresa quello conseguente allo svolgimento di attività artigianali,

Dettagli

Per quanto riguarda le istruzioni comuni a tutti gli studi di settore, si rinvia alle indicazioni fornite nelle Istruzioni Parte generale.

Per quanto riguarda le istruzioni comuni a tutti gli studi di settore, si rinvia alle indicazioni fornite nelle Istruzioni Parte generale. 1. GENERALITÀ Il modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dello studio di settore WD34U deve essere compilato con riferimento al periodo d imposta 2014 e deve essere utilizzato

Dettagli

COLLEGIO DEI COSTRUTTORI EDILI DELLA PROVINCIA DI PADOVA Codice Fiscale

COLLEGIO DEI COSTRUTTORI EDILI DELLA PROVINCIA DI PADOVA Codice Fiscale COLLEGIO DEI COSTRUTTORI EDILI DELLA PROVINCIA DI PADOVA Codice Fiscale 80031160288 Prot. n. 149 circ. n. 69 Padova, 6 marzo 2002 Piazza De Gasperi, 45/A tel. 049-666273/299 fax 049-8754369 Email: info@costruttoripadova.it

Dettagli

GRUPPO MICROIMPRESA E NUOVA CITTADINANZA. Incontro di studio. 1. Regime dei minimi 2. Disposizioni disciplina dell immigrazione

GRUPPO MICROIMPRESA E NUOVA CITTADINANZA. Incontro di studio. 1. Regime dei minimi 2. Disposizioni disciplina dell immigrazione GRUPPO MICROIMPRESA E NUOVA CITTADINANZA Incontro di studio 1. Regime dei minimi 2. Disposizioni disciplina dell immigrazione Lunedì 12 dicembre 2011 Referente: Leila Farfan Approfondimenti interpretazioni

Dettagli

Fiscal News N Studi di settore: indicatori per i professionisti. La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News N Studi di settore: indicatori per i professionisti. La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 191 07.07.2015 Studi di settore: indicatori per i professionisti Categoria: Studi di settore Sottocategoria: Modelli Nella nota tecnica e metodologica

Dettagli

WG39U. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore

WG39U. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2013 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore 2014 WG39U 68.31.00 Attività di mediazione immobiliare 1. GENERALITÀ

Dettagli

CIRCOLARE DI APPROFONDIMENTO N. 3 ANNO 2008 STUDI DI SETTORE

CIRCOLARE DI APPROFONDIMENTO N. 3 ANNO 2008 STUDI DI SETTORE CIRCOLARE DI APPROFONDIMENTO N. 3 ANNO 2008 STUDI DI SETTORE STUDI DI SETTORE SOPPRESSO DAL 2007 L OBBLIGO DI ANNOTAZIONE SEPARATA Con un recente Decreto il Ministero dell Economia e delle Finanze ha notevolmente

Dettagli

COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL F AX INFORMATIVA N. 21/2015

COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL F AX INFORMATIVA N. 21/2015 Como, 12.6.2015 INFORMATIVA N. 21/2015 Proroghe versamenti e differimento delle scadenze di agosto 2015 INDICE 1 PREMESSA... pag. 2 2 PROROGA DEI VERSAMENTI COLLEGATI ALLE DICHIARAZIONI... pag. 2 2.1 CONTRIBUENTI

Dettagli

Scritto da Alessandro Ingrosso Lunedì 02 Gennaio :40 - Ultimo aggiornamento Martedì 28 Gennaio :24

Scritto da Alessandro Ingrosso Lunedì 02 Gennaio :40 - Ultimo aggiornamento Martedì 28 Gennaio :24 contribuenti minimi - Studio Ingrosso Dottore Commercialista - Consulente del Lavoro - Revisore Contabi L'Agenzia delle Entrate con il provvedimento 22 dicembre 2011, n. 185825 contenente le indicazioni

Dettagli

I super-ammortamenti Art. 7, DDL Stabilità o t t o b r e

I super-ammortamenti Art. 7, DDL Stabilità o t t o b r e Art. 7, DDL Stabilità 2016 30 ottobre 2015 I super-ammortamenti nel DDL Stabilità 2016 Nell ambito di misure destinate a dare un nuovo impulso al sistema produttivo, il DDL Stabilità 2016 prevede, all

Dettagli

FISCAL NEWS. La circolare di aggiornamento professionale. Studi di settore

FISCAL NEWS. La circolare di aggiornamento professionale. Studi di settore a cura di Antonio Gigliotti FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 01 Settembre 2014 Categoria Sottocategoria Studi di settore in Unico Studi di settore Modelli Il Modello Studi di settore

Dettagli

Informativa n. 48. Versamento dell IVA dopo la riscossione del corrispettivo INDICE. del 26 novembre 2012

Informativa n. 48. Versamento dell IVA dopo la riscossione del corrispettivo INDICE. del 26 novembre 2012 Informativa n. 48 del 26 novembre 2012 Versamento dell IVA dopo la riscossione del corrispettivo INDICE 1 Premessa... 2 1.1 Provvedimenti attuativi... 2 1.2 Decorrenza... 2 1.3 Abrogazione dell attuale

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme indicate nei riferimenti normativi. Dispone

IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme indicate nei riferimenti normativi. Dispone N. 185825/2011 Modalità di applicazione del regime contabile agevolato di cui all'articolo 27, comma 3, del D.L. 6 luglio 2011, n. 98, convertito con modificazioni dalla legge 15 luglio 2011, n. 111).

Dettagli

WM28U. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore

WM28U. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2013 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore 2014 WM28U 47.51.10 Commercio al dettaglio di tessuti per l'abbigliamento,

Dettagli

NUOVO REGIME FORFETARIO 2016

NUOVO REGIME FORFETARIO 2016 NUOVO REGIME FORFETARIO 2016 L art. 1, commi da 54 a 89, Legge n. 190/2014 ha introdotto la disciplina del regime forfetario riservato alle persone fisiche esercenti attività d impresa / lavoro autonomo

Dettagli

Studi di settore Novità

Studi di settore Novità OSSERVATORI REGIONALI Studi di settore Novità 12 giugno 2012 1 GLI STUDI EVOLUTI PER IL 2011 2 I 69 nuovi studi evoluti per il 2011 risultano così suddivisi tra i vari comparti: MANIFATTURE 18 SERVIZI

Dettagli

Circolare n. 1-bis. del 10 gennaio Il regime fiscale dei contribuenti minimi e marginali - Principali novità INDICE

Circolare n. 1-bis. del 10 gennaio Il regime fiscale dei contribuenti minimi e marginali - Principali novità INDICE Via Principe Amedeo 11 10123 Torino c.f. e p.iva 06944680013 Tel. 011 8126939 Fax. 011 8122079 Email: info@studiobgr.it www.studiobgr.it Circolare n. 1-bis del 10 gennaio 2008 Il regime fiscale dei contribuenti

Dettagli

Studi di settore: evoluzione delle modalità di accertamento

Studi di settore: evoluzione delle modalità di accertamento Studi di settore: evoluzione delle modalità di accertamento Gli accertamenti da studi di settore e la novità dell inibizione per accertamenti di tipo analitico induttivo dott. Paolo Stella Finanziaria

Dettagli

UNICOSC2016quadroRS: condizioni di non operatività di Filippo Gagliardi

UNICOSC2016quadroRS: condizioni di non operatività di Filippo Gagliardi UNICOSC2016quadroRS: condizioni di non operatività di Filippo Gagliardi ADEMPIMENTO " NOVITÀ " FISCO I soggetti che, per espressa previsione normativa, rientrano nell ambito di applicazione della disciplina

Dettagli

Le guide di FISCAL FOCUS. Studi di Settore. e ultime novità fiscali. a cura di Antonio Gigliotti. Studi di Settore e ultime novità fiscali

Le guide di FISCAL FOCUS. Studi di Settore. e ultime novità fiscali. a cura di Antonio Gigliotti. Studi di Settore e ultime novità fiscali Studi di Settore e ultime novità fiscali a cura di Antonio Gigliotti 1 Direttore responsabile: Antonio Gigliotti Area servizi fiscali: Devis Nucibella, Giuseppe Moschella Comitato di Redazione: Impaginazione

Dettagli

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI Dottore Commercialista 1/9 OGGETTO STUDI DI SETTORE PER LA DETERMINAZIONE PRESUNTIVA DEI RICAVI O COMPENSI AI FINI DELLE RIFERIMENTI NORMATIVI I.I. D.D. ED IVA PER L ESERCIZIO 2015 CLASSIFICAZIONE DT STUDI DI SETTORE 20.300.000

Dettagli

TRATTAMENTO A FINI IRAP DI ATTIVITÀ COMMERCIALE E AGRICOLA NON PREVALENTE SVOLTE DA ENTI PUBBLICI

TRATTAMENTO A FINI IRAP DI ATTIVITÀ COMMERCIALE E AGRICOLA NON PREVALENTE SVOLTE DA ENTI PUBBLICI Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - - - - - * * * * - - - - - TRATTAMENTO A FINI IRAP DI ATTIVITÀ COMMERCIALE E AGRICOLA NON PREVALENTE SVOLTE DA ENTI PUBBLICI Il presente approfondimento

Dettagli

INDICE STUDI DI SETTORE

INDICE STUDI DI SETTORE INDICE STUDI DI SETTORE Introduzione agli studi di settore 1 Perché gli studi 1 Obiettivi e funzioni 1 Studi di settore e parametri 2 I soggetti obbligati 2 Le cause di esclusione e di inapplicabilità

Dettagli

2. AMBITO SOGGETTIVO.

2. AMBITO SOGGETTIVO. 2. AMBITO SOGGETTIVO. L art. 10 della Legge 8 maggio 1998, n. 146, viceversa, si limita a regolamentare l impiego degli studi di settore, definendone le modalità di utilizzazione in sede di accertamento

Dettagli

Circolare dell'agenzia delle Entrate (CIR) n. 38/E del 12 giugno 2007

Circolare dell'agenzia delle Entrate (CIR) n. 38/E del 12 giugno 2007 Circolare dell'agenzia delle Entrate (CIR) n. 38/E del 12 giugno 2007 ALLEGATO 4 Ulteriori precisazioni in merito alla corretta applicazione degli indicatori di normalità economica di cui al comma 14 della

Dettagli

VG77U. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore

VG77U. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2013 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore 2014 VG77U 50.10.00 Trasporto marittimo e costiero di passeggeri; 50.20.00

Dettagli

Risoluzione del 30/11/2010 n Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa

Risoluzione del 30/11/2010 n Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa Risoluzione del 30/11/2010 n. 123 - Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa Interpello ai sensi dellarticolo 11 della legge n. 212 del 2000 Riportabilità delle perdite dei contribuenti minimi

Dettagli

VM40B. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore

VM40B. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2013 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore 2014 VM40B 47.89.01 Commercio al dettaglio ambulante di fiori, piante,

Dettagli

Nuovo costo per le auto

Nuovo costo per le auto Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 19 21.01.2014 Nuovo costo per le auto Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette Con la chiusura del 2013 è necessario porre attenzione alle

Dettagli

IL REGIME DEI NUOVI CONTRIBUENTI MINIMI. D.L. n. 98/11, convertito nella L. n. 111/11 (cosiddetta Manovra Correttiva )

IL REGIME DEI NUOVI CONTRIBUENTI MINIMI. D.L. n. 98/11, convertito nella L. n. 111/11 (cosiddetta Manovra Correttiva ) IL REGIME DEI NUOVI CONTRIBUENTI MINIMI D.L. n. 98/11, convertito nella L. n. 111/11 (cosiddetta Manovra Correttiva ) 1 PARTE DAL 2012 IL REGIME DEI NUOVI CONTRIBUENTI MINIMI Il nuovo regime decorre dal

Dettagli

OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Istruzioni per la compilazione del quadro RW della dichiarazione dei redditi

OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Istruzioni per la compilazione del quadro RW della dichiarazione dei redditi RISOLUZIONE N. 77/E Roma 16/09/2016 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Istruzioni per la compilazione del quadro RW della dichiarazione

Dettagli

CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA E LIQUIDAZIONI IVA TRIMESTRALI 2017

CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA E LIQUIDAZIONI IVA TRIMESTRALI 2017 CIRCOLARE N. 03 DEL 02/02/2017 CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA E LIQUIDAZIONI IVA TRIMESTRALI 2017 La Finanziaria 2017 ha introdotto dall 1.1.2017 la contabilità semplificata per cassa. La tenuta della

Dettagli

CIRCOLARE N. 36/E. Roma, 16 luglio 2009

CIRCOLARE N. 36/E. Roma, 16 luglio 2009 CIRCOLARE N. 36/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 luglio 2009 OGGETTO: Articolo 1, commi 50 e 51 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 Modifiche alla determinazione della base imponibile

Dettagli

NUOVO REGIME FISCALE FORFETARIO

NUOVO REGIME FISCALE FORFETARIO NUOVO REGIME FISCALE FORFETARIO È introdotto un nuovo regime forfetario riservato alle persone fisiche (imprese e lavoratori autonomi), che sostituisce l attuale regime delle nuove iniziative ex art. 13,

Dettagli

Gruppo Buffetti S.p.A. Direzione e coordinamento Dylog Italia S.p.A. Via Francesco Antolisei, Roma

Gruppo Buffetti S.p.A. Direzione e coordinamento Dylog Italia S.p.A. Via Francesco Antolisei, Roma Gruppo Buffetti S.p.A. Direzione e coordinamento Dylog Italia S.p.A. Via Francesco Antolisei, 10-00173 Roma CONTRIBUENTI MINIMI. Possono accedere al nuovo regime dei contribuenti minimi introdotto dall

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. dispone

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. dispone Prot n. 33991/2017 Approvazione delle specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore e dei parametri, dei relativi controlli con

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 32 02.02.2015 Nuovo regime forfettario: la verifica dei ricavi Categoria: Finanziaria Sottocategoria: 2015 Categoria: Regimi speciali Sottocategoria:

Dettagli

VM15A. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore

VM15A. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2012 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore 2013 VM15A 47.77.00 Commercio al dettaglio di orologi, articoli di

Dettagli

Per quanto riguarda le istruzioni comuni a tutti gli studi di settore, si rinvia alle indicazioni fornite nelle Istruzioni Parte generale.

Per quanto riguarda le istruzioni comuni a tutti gli studi di settore, si rinvia alle indicazioni fornite nelle Istruzioni Parte generale. 1. GENERALITÀ Il modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dello studio di settore VD39U deve essere compilato con riferimento al periodo d imposta 2014 e deve essere utilizzato

Dettagli

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA

PROFESSIONISTI AZIENDALI ASSOCIATI I PROFESSIONISTI PER L AZIENDA CIRCOLARE INFORMATIVA N. 18 Del 10 Giugno 2015 Ufficializzata la proroga dei versamenti di Unico 2015 per i contribuenti soggetti agli studi di settore Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

Fiscal News N Unico 2015: i soggetti che godono della proroga. La circolare di aggiornamento professionale Comunicato del Mef

Fiscal News N Unico 2015: i soggetti che godono della proroga. La circolare di aggiornamento professionale Comunicato del Mef Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 171 12.06.2015 Unico 2015: i soggetti che godono della proroga Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Scadenze Come atteso il MEF, con il Comunicato

Dettagli

La dichiarazione IVA 2012

La dichiarazione IVA 2012 La dichiarazione IVA 2012 di Roberto Fanelli (*) L ADEMPIMENTO Con Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate sono stati approvati i modelli IVA per la presentazione della dichiarazione. Pratica

Dettagli

Decreti Monti. NOVITA in materia di STUDI DI SETTORE e di CONTROLLI

Decreti Monti. NOVITA in materia di STUDI DI SETTORE e di CONTROLLI Decreti Monti NOVITA in materia di STUDI DI SETTORE e di CONTROLLI 1 NOVITA in materia di STUDI DI SETTORE D.L. n. 98/2011 (conv( conv.. L. n. 111/2011) D.L. n. 138/2011 (conv( conv.. L. n. 148/2011) D.L.

Dettagli

Lo studio VK28U è stato approvato con decreto ministeriale del 23 dicembre 2013.

Lo studio VK28U è stato approvato con decreto ministeriale del 23 dicembre 2013. 1. GENERALITÀ Il modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione dello studio di settore VK28U deve essere compilato con riferimento al periodo d imposta 2014 e deve essere utilizzato

Dettagli

NOVITA STUDI DI SETTORE 2016

NOVITA STUDI DI SETTORE 2016 NOVITA STUDI DI SETTORE 2016 Le principali novità modulistica e Sp. Tec. La legge di stabilità 2016 riconosce a imprenditori e professionisti che, a far data dal 15 ottobre 2015, investono in beni materiali

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento,

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, N. protocollo 2012/87956 Individuazione di determinate situazioni oggettive in presenza delle quali è consentito disapplicare le disposizioni sulle società in perdita sistematica di cui all articolo 2,

Dettagli

Roma, 22 e 23 gennaio 2008 Legge finanziaria 2008: il regime dei contribuenti minimi

Roma, 22 e 23 gennaio 2008 Legge finanziaria 2008: il regime dei contribuenti minimi Roma, 22 e 23 gennaio 2008 Legge finanziaria 2008: il regime dei contribuenti minimi Ufficio Studi - Sezione Analisi giuridiche Normativa - Articolo 1, commi da 96 a 117, della legge finanziaria per il

Dettagli

Studi di settore: sulla rilevanza delle cause di esclusione nella fase del contraddittorio

Studi di settore: sulla rilevanza delle cause di esclusione nella fase del contraddittorio Pag. 3406 n. 39/2005 22/10/2005 Studi di settore: sulla rilevanza delle cause di esclusione nella fase del contraddittorio di Lucia Laccesaglia Per gli studi di settore di cui all art. 62-bis del decreto

Dettagli

Legge di stabilità 2015 Regime fiscale agevolato per autonomi

Legge di stabilità 2015 Regime fiscale agevolato per autonomi 5.2015 Febbraio Legge di stabilità 2015 Regime fiscale agevolato per autonomi Sommario 1. REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI... 2 1.1. Durata del regime e cause di esclusione... 3 1.2. Determinazione

Dettagli

bozza 13/06/2012 UNICO 2012 Modello VK05U ntrate genzia Studi di settore QUADRO A Personale addetto all attività

bozza 13/06/2012 UNICO 2012 Modello VK05U ntrate genzia Studi di settore QUADRO A Personale addetto all attività DOMICILIO FISCALE ALTRE ATTIVITÀ ALTRI DATI QUADRO A Personale addetto all attività QUADRO B Unità locale destinata all esercizio dell attività B00 B01 B02 B03 B04 B05 B06 69.20.11 - Servizi forniti da

Dettagli

UNICO Modello WK05U. ntrate. genzia. Studi di settore. QUADRO A Personale addetto all attività

UNICO Modello WK05U. ntrate. genzia. Studi di settore. QUADRO A Personale addetto all attività 69.0. - Servizi forniti da dottori commercialisti 69.0. - Servizi forniti da ragionieri e periti commerciali 69.0.30 - Attività dei consulenti del lavoro barrare la casella corrispondente al codice di

Dettagli

La disciplina delle società in perdita sistematica

La disciplina delle società in perdita sistematica La disciplina delle società in perdita sistematica a cura di Silvia Mezzetti Bologna, 29 maggio 2013 (*) La relazione è svolta a titolo personale e non coinvolge la posizione dell Amministrazione di appartenenza

Dettagli

Regime di cassa per le imprese minori: il punto

Regime di cassa per le imprese minori: il punto CIRCOLARE A.F. N.72 del 18 Maggio 2017 Ai gentili clienti Loro sedi Regime di cassa per le imprese minori: il punto Gentile cliente, con la presente desideriamo ricordarle che l art. 1, co. 17 23, della

Dettagli