Cosa può fare per voi l Europa sociale?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cosa può fare per voi l Europa sociale?"

Transcript

1 DOSSIER Cosa può fare per voi l Europa sociale? Campagna di Comunicazione e Informazione della Commissione Europea sull Europa Sociale 1

2 2

3 Campagna di comunicazione e informazione della Commissione europea sull Europa sociale Cosa può fare per voi l Europa sociale? Capire le politiche sociali dell'ue con l'aiuto del circo La Commissione europea ha lanciato una campagna di comunicazione e informazione per spiegare alla cittadinanza cosa l'ue stia facendo, in termini di politiche e azioni, volte a creare nuovi e migliori posti di lavoro, migliorare le condizioni di lavoro, eliminare gli ostacoli alla mobilità professionale in Europa, favorire le pari opportunità e promuovere l inclusione sociale. Organizzata nella forma di circo itinerante per l Europa, la campagna della Commissione europea sarà ospitata, per la prima volta in Italia, dalla Regione Emilia-Romagna, nelle città di Bologna e Ravenna, e fa seguito alle precedenti edizioni di Praga, Cardiff, Marsiglia, Parigi, Bruxelles, Varsavia e Lisbona. L iniziativa prevede un ricco programma di conferenze, seminari, dibattiti, stand interattivi, interviste e spettacoli vari e rappresenta un opportunità per coinvolgere sia la cittadinanza che i decisori politici e i diversi attori del territorio regionale, promuovendo un dialogo sulle questioni sociali di più grande interesse nell attuale contesto di crisi economico-finanziaria. 3

4 Le politiche sociali dell Unione Europea Le politiche sociali a livello europeo si propongono, in linea generale, di aumentare l occupazione, migliorare le condizioni di vita e di lavoro, assicurare la protezione sociale e il dialogo fra l parti sociali, sviluppare le risorse umane per garantire un livello più alto di occupazione, lottare contro l espulsione, le discriminazioni di ogni tipo e la povertà. Le politiche sociali non erano previste nel Trattato di Roma del 1957, ma sono apparse poco a poco nei Trattati successivi, diventando oggi una priorità per i legislatori europei. Compito principale dell UE, in questo ambito, è fissare degli obiettivi per gli Stati membri nell ambito delle politiche sociali: si occupa quindi di adottare linee direttrici per l occupazione e gli obiettivi comuni in materia di protezione sociale che i singoli Paesi si impegnano ad applicare. Oppure analizza i provvedimenti presi a livello nazionale e adotta le raccomandazioni degli Stati membri. Dal momento che le politiche sociali rimangono soprattutto di competenza nazionale, l Unione Europea si occupa di far convergere le politiche comunitarie e quelle nazionali. Uno degli strumenti più importanti utilizzati dall UE è il metodo di coordinamento aperto (MCA) che provvede un nuovo quadro di cooperazione tra gli Stati membri per far convergere le politiche nazionali, soprattutto per quanto riguarda l occupazione, al fine di realizzare obiettivi comuni. Le politiche sociali nel Trattato di Nizza Nel Trattato di Nizza del 2001, attualmente in vigore, le disposizioni che riguardano le politiche sociali si trovano negli articoli 2 (obiettivi generali) e 13 (discriminazione), e nei titoli III (lavoratori), VIII (occupazione) e XI (politiche sociali). La politiche sociali nel Trattato di Lisbona Nel Trattato di Lisbona non ancora entrato in vigore si trovano alcune novità che rafforzano il ruolo dell Unione Europea per quanto riguarda le politiche sociali. Per esempio, la Carta dei Diritti Fondamentali verrebbe inclusa nel Trattato europeo, consentendo quindi ai cittadini di utilizzare questo testo per investire la Corte europea di giustizia. Nuovi obiettivi sono stati aggiunti nel testo, tra cui: la piena occupazione e il progresso sociale, la lotta all esclusione sociale e alle discriminazioni, la promozione della giustizia, l eliminazione della povertà. Inoltre, viene aggiunta una clausola sociale che promuove l integrazione orizzontale di questi obiettivi nelle politiche comunitarie ( social mainstreaming ). Il Trattato di Lisbona conferma inoltre il ruolo delle parti sociali e del dialogo tra loro. 4

5 Comunicare le politiche sociali dell UE La campagna Cosa può fare per voi l Europa sociale? si propone l obiettivo di illustrare i nove diversi settori d'intervento delle politiche sociali dell UE. A questo proposito, la Commissione ha ideato alcuni manifesti creativi per comunicare le diverse politiche in modo più efficace, e che vengono presentati nelle schede che seguono: 1) Diritti sul lavoro La sicurezza ti preoccupa? L Europa sociale migliora le condizioni di lavoro L Unione europea collabora attivamente con gli Stati membri, i sindacati e le imprese per migliorare le condizioni di sicurezza e salute sul posto di lavoro. Dal 2002 c è stata una diminuzione del 17% degli incidenti mortali, mentre gli incidenti che determinano assenze dal lavoro per tre o più giorni sono diminuiti del 20%. In concreto sono 800 vite salvate ogni anno. Approfondimento La normativa dell'ue in materia di occupazione garantisce livelli minimi di protezione che valgono per tutti coloro che vivono e lavorano nell'unione europea. Le norme UE vanno recepite dagli ordinamenti nazionali. Tra i diritti sul lavoro tutelati dall UE figurano: 1. la salute e sicurezza sul lavoro: diritti e doveri generali, ambienti di lavoro, attrezzatura professionale, rischi specifici e lavoratori a rischio; 2. le pari opportunità tra uomo e donna: parità di trattamento sul lavoro, lavoratrici in stato di gravidanza, congedo di maternità, congedo parentale; 3. la tutela contro ogni forma di discriminazione fondata su sesso, razza, religione, età, disabilità e orientamento sessuale; 4. il diritto del lavoro: lavoro a tempo parziale, contratti a termine, orario di lavoro, giovani lavoratori, informazione e consultazione dei lavoratori. 5

6 2) Mobilità professionale Hai voglia di cambiare? L Europa sociale rimuove le barriere alla mobilità professionale Dal 1957 i cittadini dell Unione europea hanno il diritto di lavorare in un altro Stato membro, ma solo il 2% degli Europei approfitta di questa opportunità. Lavorare in un altro paese europeo offre l occasione di imparare una nuova lingua, scoprire una nuova cultura e sviluppare nuove competenze. La mobilità professionale è di cruciale importanza per la crescita economica e l occupazione. Ecco perché l UE lavora per stimolare la mobilità, eliminare gli ostacoli burocratici e promuovere l apprendimento delle lingue. Approfondimento Libera circolazione dei lavoratori Ogni cittadino di uno Stato membro ha il diritto di lavorare in un altro Stato membro. Il diritto comunitario sulla libera circolazione dei lavoratori si applica dal momento in cui un cittadino europeo esercita il suo diritto alla mobilità, e questo anche quando rientra nel proprio Stato membro, dopo avere esercitato il diritto alla libera circolazione dei lavoratori. I membri della famiglia di un cittadino comunitario, indipendentemente dalla loro nazionalità, quindi anche se cittadini di paesi terzi, hanno diritto a risiedere insieme al lavoratore migrante. I figli di lavoratori migranti beneficiano poi, indipendentemente dalla loro nazionalità, del diritto di accedere all'istruzione nello Stato membro ospite. Il diritto di soggiorno è indissociabile dalla libera circolazione dei lavoratori. In base al diritto comunitario attualmente in vigore, gli Stati membri sono obbligati a rilasciare ai lavoratori migranti una carta di soggiorno, dietro presentazione della loro carta d'identità o passaporto e di un attestato del datore di lavoro. L'ottenimento della carta di soggiorno non può condizionare in alcun caso l'accesso all'occupazione di un cittadino europeo. Dal principio comunitario di non discriminazione secondo la nazionalità discende che un lavoratore migrante va trattato alla stregua dei lavoratori nazionali soprattutto riguardo all'accesso al lavoro, alle condizioni di occupazione e di lavoro, ai benefici sociali e fiscali. Requisiti linguistici, se ragionevoli e utili, possono talvolta condizionare l'accesso a 6

7 un'occupazione. Inoltre, se è logico chiedere livelli molto elevati di competenze linguistiche per alcune occupazioni, non è accettabile esigere che la lingua richiesta sia la lingua materna. Ai sensi del sistema di riconoscimento delle qualifiche, un cittadino comunitario, qualificato a pieno titolo in uno Stato membro, può esercitare in un altro Stato membro una professione regolamentata. A seconda dell'attività interessata e della formazione ricevuta, il riconoscimento può essere automatico o essere preceduto da un periodo di adattamento o da una prova attitudinaria. 3) Lotta all esclusione sociale e povertà Ti serve una mano? L Europa sociale combatte l esclusione sociale e la povertà Per raggiungere l obiettivo di integrazione sociale e prosperità economica, l Unione europea deve assicurare che ogni cittadino sia parte attiva della società. Il ruolo dell UE consiste nel promuovere la cooperazione tra gli Stati membri al fine di condividere esperienze e iniziative per combattere la povertà e l esclusione sociale. È desiderio di tutti poter fruire di pensioni sicure e adeguate, nonché di un assistenza medicosanitaria. L UE favorisce lo scambio di esperienze tra gli Stati membri sulla modernizzazione del sistema pensionistico e dell assistenza medico-sanitaria affinché questi siano accessibili e rispondano ai nostri bisogni e a quelli delle future generazioni. Approfondimento Anno europeo della lotta alla povertà e all'esclusione sociale L Unione europea è mercato più grande al mondo. Tuttavia, il 17% degli europei dispone ancora di risorse limitate e non riesce a soddisfare le proprie necessità primarie. Il 2010 è l anno europeo della lotta contro la povertà e l esclusione sociale, un occasione per rinnovare l impegno verso la solidarietà, la giustizia e l inclusione sociale. 7

8 Uno dei valori su cui si fonda l Unione europea è la solidarietà, un valore particolarmente importante in questo momento di crisi. Unione significa affrontare la crisi economica insieme, nella solidarietà, dando sicurezza all individuo e alla collettività. Ecco alcuni degli impegni dell UE per l Anno europeo della lotta alla povertà e all esclusione sociale: - Incoraggiare il coinvolgimento e l impegno politico di tutta la società nella lotta alla povertà e all esclusione sociale a livello europeo e locale, nel settore pubblico come in quello privato; - Coinvolgere i cittadini europei nella lotta contro la povertà e l esclusione sociale; - Dare visibilità ai problemi e alle necessità delle persone che vivono nella povertà e nell esclusione sociale; - Collaborare con la società civile e le organizzazioni non governative che lottano contro la povertà e l esclusione sociale; - Eliminare i luoghi comuni e i cliché che riguardano la povertà e l esclusione sociale; - Promuovere una società che favorisca una buona qualità della vita, il benessere sociale e le pari opportunità; - Sostenere la solidarietà tra le generazioni e assicurare uno sviluppo sostenibile. 4) Diversità Un posto per tutti. L Europa sociale promuove la diversità Nell Unione europea tutti hanno il diritto a essere trattati ugualmente e a vivere senza subire discriminazioni. La diversità può garantire enormi vantaggi nel mondo del lavoro e nella società in generale, eppure le pari opportunità per tutti sono ancora un obiettivo lontanissimo. La legislazione europea vieta la discriminazione fondata su sesso, origine etnica o razza, disabilità, età, tendenza sessuale, religione o convinzioni personali. Per garantire una parità reale, l UE si impegna inoltre ad educare i cittadini affinché vengano modificati gli atteggiamenti discriminatori nelle prassi e nelle abitudini di ogni aspetto della vita: lavoro, istruzione, assistenza medico-sanitaria. 8

9 5) Pari opportunità per le età Troppo anziano per questo lavoro? L Europa sociale promuove opportunità per tutte le età La popolazione europea sta invecchiando. È pertanto essenziale utilizzare al massimo tutto il potenziale dei lavoratori anziani, così da sostenere la crescita e l occupazione, modernizzare la protezione sociale e incrementare il benessere dei cittadini. L Unione europea incoraggia gli anziani ad inserirsi e a rimanere nel mercato del lavoro, promuovendo strategie di prolungamento della vita attiva e posti di lavoro di maggiore qualità. Approfondimento Lotta alle discriminazioni Dal 2000, accanto alle norme che disciplinano la parità di trattamento tra uomo e donna, è in vigore la legislazione europea in materia di lotta alle discriminazioni per garantire livelli minimi di parità di trattamento e tutela a tutti coloro che vivono e lavorano in Europa. Queste norme intendono assicurare la parità di trattamento a prescindere da: origine razziale o etnica; religione e convinzioni personali; disabilità; orientamento sessuale; età. La legislazione europea mira a garantire la parità di trattamento in molti ambiti della vita quotidiana dal posto di lavoro, al mondo della scuola, all'assistenza sanitaria, all'accesso a beni e servizi. La Commissione europea considera estremamente importante informare i cittadini sui diritti e doveri derivanti da tale legislazione. Sostegno alle organizzazioni La Commissione europea intende andare oltre e far sì che i rappresentanti di tutta la società siano coinvolti nella lotta per la parità in Europa. Ciò significa riunire un'ampia gamma di organizzazioni ed enti con cui collaborare. La Commissione sostiene diverse organizzazioni della società civile che rappresentano persone a rischio di discriminazione in Europa. 9

10 Azioni di sensibilizzazione La legislazione e le iniziative politiche dell'ue possono essere efficaci soltanto se le persone ne sono a conoscenza e sono in grado di capirle. La Commissione europea ha pertanto varato in tutta Europa la campagna informativa "Sì alle diversità. No alle discriminazioni" per far conoscere le norme sulla parità di trattamento ed illustrare i vantaggi che le diversità rappresentano sul luogo di lavoro e per la società nel suo insieme. Le attività nazionali di sensibilizzazione sono state inizialmente supportate dal programma di Azione comunitaria per combattere la discriminazione nel ) Uguaglianza fra uomini e donne Vuoi rompere gli stereotipi? L Europa sociale promuove l uguaglianza tra donne e uomini In Europa, il tasso di occupazione delle donne rimane inferiore a quello degli uomini. Nonostante ottengano risultati scolastici migliori rispetto agli uomini, le donne sono ancora sottorappresentate nelle posizioni di responsabilità e vengono retribuite in media il 17% in meno rispetto agli uomini. L Unione europea ha svolto finora un ruolo cruciale per migliorare la situazione. L Europa garantisce e protegge il diritto alla parità di trattamento e sostiene numerose attività per l uguaglianza tra donne e uomini in ogni aspetto della vita sociale ed economica. Approfondimento Pari opportunità Alla parità tra uomo e donna è dedicato un ampio corpus legislativo europeo, composto in particolare da diverse disposizioni del trattato istitutivo e da direttive riguardanti l'accesso all'occupazione, la parità retributiva, la protezione della maternità, il congedo parentale, la sicurezza sociale, specie in ambito lavorativo, l'onere della prova nei casi di discriminazione e il lavoro autonomo. Un ulteriore elemento chiave è costituito dalla giurisprudenza della Corte di giustizia europea. Tabella di marcia per la parità tra i sessi 10

11 La tabella di marcia dell'ue per la parità tra uomo e donna indica le priorità per il periodo Prevede sia iniziative specifiche che l'inserimento della tematica della parità fra i sessi in tutte le politiche e attività dell'ue ("gender mainstreaming"). Situazione delle donne e degli uomini nell'ue Qual è la situazione nell'ue per quanto riguarda la parità tra uomo e donna? I progressi compiuti vengono misurati ogni anno ed illustrati in una relazione sulla parità tra uomo e donna. Ecco alcuni esempi: il tasso di occupazione delle donne aumenta, ma rimane inferiore a quello degli uomini, sebbene le donne rappresentino la maggioranza degli studenti e dei laureati; le donne continuano a guadagnare in media il 17.4% in meno degli uomini per ogni ora lavorata - un dato che rimane purtroppo stabile; le donne continuano ad essere sottorappresentate nelle posizioni che comportano responsabilità politiche ed economiche, anche se la loro percentuale è aumentata nel corso degli ultimi dieci anni; la ripartizione delle responsabilità familiari tra uomini e donne resta poco equilibrata; il rischio di povertà è superiore per le donne che per gli uomini; le donne sono le principali vittime della violenza sessuale, inoltre donne e ragazze sono più esposte alla tratta di esseri umani. 7) Conciliazione dei tempi di vita e di lavoro La vita è un esercizio d equilibrio? L Europa sociale lavora per un migliore equilibrio tra vita professionale e vita privata Destreggiarsi tra lavoro e vita privata può essere difficile, soprattutto per le donne, sulle quali continua a ricadere la principale responsabilità per i lavori domestici e le cure dei figli e delle altre persone a carico. La condivisione delle responsabilità familiari permette sia agli uomini che alle donne di raggiungere un migliore equilibrio tra vita professionale e vita privata, di avere una carriera gratificante e, allo stesso tempo, di godere pienamente della vita familiare. L Europa promuove la disponibilità di servizi di custodia dei bambini, un adeguato livello di assistenza per le persone a carico quali parenti anziani e malati, i congedi parentali e nuove forme di lavoro. 11

12 Approfondimento European Alliance for Families Il miglioramento della speranza di vita e i bassi tassi di nascite a livello europeo hanno avuto come conseguenza diretta il cambiamento del panorama demografico e l invecchiamento della popolazione europea. Se l invecchiamento della popolazione, grazie all aumento della speranza di vita, è da considerarsi un successo considerevole, i bassi tassi di nascite osservati in molti Stati membri dell UE sembrano invece indicare che il realizzare una famiglia uno degli obiettivi importanti per molti cittadini europei - diventa sempre più difficile. Nel tentativo di far fronte a questa sfida, al Summit europeo del 8-9 marzo 2007, i Capi di Stato e di Governo dell UE hanno deciso di istituire un Alleanza Europea per le Famiglie. L obiettivo dell Alleanza è quello di creare stimoli per maggiori politiche favorevoli alle famiglie, attraverso scambi di idee ed esperienze nei vari Stati membri, e promuovere la cooperazione attraverso l Unione europea. L Alleanza europea per le famiglie si basa sulla riconoscenza del bisogno di migliorare le condizioni di vita degli europei che vogliono costruire una famiglia. Bassi tassi di nascita, alti livelli di povertà infantile e una significante discriminazione sessuale sul mercato del lavoro, testimoniano quanto sia difficile, in particolare per le donne, realizzare il desiderio di crescere un figlio e conciliare la vita in famiglia con una normale carriera lavorativa. Una migliore conciliazione può essere realizzata attraverso la disposizione di strutture di assistenza ai bambini e attraverso adattamenti degli orari di lavoro e un organizzazione del lavoro favorevole alle famiglie. 8) Formazione e adattabilità Vuoi sviluppare nuove competenze? L Europa sociale promuove la formazione e l adattabilità Il Fondo sociale europeo è il principale strumento finanziario dell Unione europea per investire nelle persone. Ogni anno, il Fondo sociale europeo spende oltre 10 miliardi di euro in tutti gli Stati membri e nelle loro regioni. Obiettivo principale del FSE è di sostenere l occupazione e aiutare le persone a migliorare la propria formazione e le proprie competenze. In tal modo, il FSE aumenta le possibilità di trovare lavoro e di 12

13 fare carriera. Approfondimento Il Fondo sociale europeo (FSE) fa parte dei Fondi strutturali dell'ue, ideati per ridurre le differenze nella qualità di vita e nella prosperità esistenti fra regioni europee e fra Stati membri, e serve dunque a incentivare la coesione sociale ed economica. Il FSE si dedica alla promozione dell'occupazione nell'ue, aiutando gli Stati membri a preparare al meglio la forza lavoro e le aziende di fronte alle nuove sfide globali. In breve: - il finanziamento viene fornito in particolare a Stati membri e regioni in cui lo sviluppo economico è più arretrato; - si tratta di un elemento chiave della strategia europea per la crescita e l'occupazione, la cui finalità è migliorare la vita dei cittadini comunitari offrendo loro nuove competenze e maggiori opportunità di lavoro; - si pensi che tra il 2007 e il 2013 regioni e Stati membri dell'ue si divideranno un totale di 75 miliardi di euro per raggiungere gli obiettivi prefissati. Il FSE in prospettiva La strategia per la crescita e l'occupazione, ovvero la Strategia di Lisbona rinnovata, è il mezzo primario tramite cui l'ue intende garantire prosperità e benessere all'europa e ai suoi cittadini, oggi come in futuro. In questo contesto, la strategia per l'occupazione riunisce i 27 Stati membri in uno sforzo comune rivolto al potenziamento della capacità europea di creare posti di lavoro di qualità e di fornire ai cittadini le competenze per poterli occupare. L'FSE la segue scrupolosamente, destinando denaro europeo al perseguimento di tali obiettivi. Il FSE nei partenariati La strategia e il budget dell'fse vengono decisi congiuntamente da Stati membri, Parlamento europeo e Commissione europea. Su queste basi e in collaborazione con la Commissione, gli Stati membri definiscono programmi operativi di durata settennale. Tali programmi vengono poi attuati tramite un ampio ventaglio di organizzazioni attive nel settore pubblico o privato, tra le quali troviamo autorità nazionali, regionali e locali, enti di istruzione e formazione, ONG e il settore del volontariato, parti sociali (come sindacati e organismi di rappresentanza), l'industria, associazioni di categoria e le singole aziende. 13

14 9) Nuove opportunità di lavoro Sei al posto giusto? L Europa sociale si impegna per posti di lavoro più numerosi e di migliore qualità L Unione europea si adopera per aumentare l occupazione e combattere la disoccupazione incrementando il numero dei posti di lavoro e migliorando la qualità del lavoro in Europa. Le sue iniziative sono dirette ad attrarre più persone verso il mondo del lavoro, incentivandole a restarvi, a migliorare l adattabilità di lavoratori e imprese, a investire maggiormente nell istruzione e nella formazione dei cittadini e dei lavoratori. L UE contribuisce a coordinare le strategie nazionali al fine di aumentare l occupazione. Approfondimento Strategia europea per l occupazione La strategia europea per l'occupazione è stata elaborata per incoraggiare lo scambio di informazioni e la riflessione comune tra tutti gli Stati membri, allo scopo di individuare insieme soluzioni e buone pratiche che possano contribuire a creare un maggior numero di posti di lavoro di migliore qualità in ogni paese. La strategia consiste principalmente in un dialogo tra gli Stati membri e la Commissione europea, sulla base di documenti ufficiali, come orientamenti, raccomandazioni e l'annuale relazione comune sull'occupazione. A ciò si affianca un dialogo tra la Commissione europea e le parti sociali e con le altre istituzioni europee, tra cui il Parlamento europeo, il Comitato economico e sociale europeo e il Comitato delle regioni. Il comitato per l occupazione, composto da rappresentanti degli Stati membri e della Commissione europea, svolge un ruolo chiave nel coordinare gli obiettivi e le priorità a livello europeo. Gli obiettivi sono organizzati secondo indicatori comuni e traguardi misurabili per l'occupazione. 14

15 Per saperne di più L Agenda sociale Priorità e obiettivi delle politiche sociali UE Le politiche sociali dell Unione Europea si realizzano nell ambito dell Agenda sociale e non fanno parte di quelle - definite in gergo - politiche comunitarie, in quanto le competenze in questo ambito ricadono ancora nelle sfere nazionali. L'Agenda Sociale offre comunque una strategia rilevante: innanzitutto pone l'accento sul suo ruolo per accrescere la fiducia dei cittadini; in secondo luogo presenta azioni chiave secondo due assi maggiori che sono l'occupazione e le pari opportunità e l'inserimento sociale. Per mezzo dell Agenda Sociale, la Commissione propone anche lo sviluppo di una strategia per meglio anticipare, incitare e gestire le mutazioni economiche. Questa strategia si sviluppa attorno a quattro elementi: - una migliore integrazione delle politiche europee; - una maggiore implicazione delle parti sociali; - una sinergia più importante tra le politiche e le leve finanziarie, in particolare il FSE; - un legame rafforzato tra le SEE e l evoluzione dei quadri giuridici e degli accordi intercorsi tra le parti sociali. L Agenda sociale rinnovata L Agenda sociale rinnovata completa la strategia di Lisbona per il periodo Essa propone un approccio integrato in grado di fornire delle risposte alle trasformazioni del mercato del lavoro e della società europea e stabilisce le priorità che devono orientare la politica sociale europea per il periodo L'agenda sociale rinnovata si basa sui risultati della strategia di Lisbona in materia di stabilità economica e di occupazione. Inoltre, per rispondere più adeguatamente alle sfide socioeconomiche del XXI secolo, il suo ambito di applicazione si estende a nuovi settori di azione politica, strutturati intorno a tre obiettivi: 1) creare nuove opportunità nel mercato del lavoro; 15

16 2) facilitare l accesso all istruzione, alla protezione sociale, all assistenza sanitaria e ai servizi di qualità per tutti; 3) sviluppare la solidarietà all interno della società europea, in modo da favorire l inclusione sociale e le pari opportunità per tutti. Quali sono le sfide in corso? I progressi tecnologici, la globalizzazione, l immigrazione, la disoccupazione e l'invecchiamento della popolazione stanno trasformano la società europea. Le politiche dell'ue devono tenere il passo di questa evoluzione e aiutare i cittadini ad adattarsi al mutamento della situazione. L'agenda sociale rinnovata intende creare maggiori opportunità per i cittadini europei, migliorare l'accesso a servizi di qualità ed esprimere solidarietà nei confronti delle persone che subiscono le conseguenze negative di questi cambiamenti. Quale sarà il contributo dell'agenda sociale rinnovata? L'UE dispone di poteri e di competenze limitati, ma agendo in cooperazione con gli Stati membri e le parti interessate, può incidere concretamente sulla vita dei cittadini. Nel corso degli ultimi cinquanta anni, l'ue ha operato con successo a favore della crescita e dell'occupazione, dell'eguaglianza dei sessi e del miglioramento delle condizioni di lavoro. Ha contribuito a combattere la discriminazione, la povertà e le disparità tra regioni. Sulla base di questi risultati, l'agenda sociale rinnovata promuove, associando diverse politiche comunitarie, una serie di iniziative in sette campi prioritari: l'infanzia e la gioventù: l'europa di domani; l'investimento nel capitale umano: maggiore e migliore occupazione, nuove competenze; la mobilità; una vita più lunga e in migliore salute; la lotta contro la povertà e l'esclusione sociale; la lotta contro la discriminazione e la promozione dell'eguaglianza dei sessi; opportunità, accesso e solidarietà sulla scena mondiale. Come funzionerà? La Commissione intende utilizzare una pluralità di strumenti per raggiungere gli obiettivi fissati nell'agenda sociale rinnovata: la legislazione (ad es. proposte per eliminare la discriminazione al di fuori del mercato del lavoro, sui diritti dei pazienti che fruiscono di un'assistenza sanitaria transfrontaliera e per il miglioramento del funzionamento dei comitati aziendali europei); il dialogo sociale (incoraggiando i rappresentanti dei lavoratori e dei datori di lavoro a fare pieno uso delle possibilità che offre il dialogo sociale europeo); la cooperazione tra Stati membri (in particolare, la cooperazione rafforzata nei settori della protezione sociale e dell'inclusione sociale); 16

17 i finanziamenti comunitari (mediante i Fondi strutturali, il Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione e il programma per l'occupazione e la solidarietà sociale "PROGRESS"); la collaborazione, il dialogo e la comunicazione (coinvolgimento e consultazione di organizzazioni non governative, enti locali e regionali e altri soggetti); fare in modo che tutte le politiche europee favoriscano le opportunità, l'accesso e la solidarietà (scelta di nuove iniziative in funzione dei loro effetti sociali e occupazionali). Per saperne di più - Commissione Europea, Rappresentanza di Milano: - Centro Europe Direct dell'assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna: - Ufficio RER di Bruxelles: 17

L Agenda Sociale Europea

L Agenda Sociale Europea L Agenda Sociale Europea La politica sociale europea La politica sociale e per l'occupazione dell'unione Europea mira a promuovere l'occupazione, il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro,

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli

Paola Degani. Diparitmento di Scienze politiche, giuridiche e studi internazionali

Paola Degani. Diparitmento di Scienze politiche, giuridiche e studi internazionali Paola Degani Diparitmento di Scienze politiche, giuridiche e studi internazionali Centro interdipartimentale di ricerca e servizi sui diritti della persona e dei popoli PARITÀ UOMO-DONNA NELL'UE IL CONTESTO

Dettagli

LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA

LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA Il principio della parità fra donne e uomini è sempre stato uno dei cardini della costruzione dell Europa unita. I suoi aspetti essenziali sono infatti espressi già nel Trattato

Dettagli

Gioventù in movimento: l Europa sostiene i giovani

Gioventù in movimento: l Europa sostiene i giovani INNOVARE Gioventù in movimento: l Europa sostiene i giovani STUDIARE TIROCINIO LAVORARE PARTECIPARE I TUOI DIRITTI APPRENDERE SPOSTARSI VOLONTARIO CREARE in EUROPA Né la Commissione europea né alcuna persona

Dettagli

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES Provincia di Pistoia EaSI Employment and Social Innovation Assi PROGRESS e EURES Potenzialità per il lavoro e l integrazione sociale su scala europea Carla Gassani Servizio Politiche attive del Lavoro,

Dettagli

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014 I NUOVI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE Milano, 11 Febbraio 2014 CONTESTO DI RIFERIMENTO Nel marzo 2010 la Commissione Europea (CE) lancia la strategia EUROPA 2020 per una crescita intelligente, sostenibile

Dettagli

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Allegato La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Progress Il programma comunitario per l occupazione e la solidarietà sociale 2007-2013

Progress Il programma comunitario per l occupazione e la solidarietà sociale 2007-2013 Progress Il programma comunitario per l occupazione e la solidarietà sociale 2007-2013 Per garantire che l Unione possa sostenere in modo adeguato l impegno degli Stati membri di creare posti di lavoro

Dettagli

LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità

LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità LA STRATEGIA DELL UNIONE EUROPEA A FAVORE DELLA GIOVENTÙ: Investire nei giovani e conferire loro maggiori responsabilità Roma, 2 dicembre 2010 Vittorio Calaprice della Commissione europea Dal 2009 al 2010

Dettagli

Le delegazioni troveranno in allegato la versione finale delle conclusioni del Consiglio EPSCO adottate il 3 Ottobre 2011.

Le delegazioni troveranno in allegato la versione finale delle conclusioni del Consiglio EPSCO adottate il 3 Ottobre 2011. CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA Bruxelles, 3 Ottobre 2011 14552/11 SOC 804 JEUN 53 CULT 66 NOTA Da : Il Segretariato Generale del Consiglio a : Le Delegazioni N. doc. prec.: 14061/1/11 REV 1 SOC 759 JEUN

Dettagli

Il Programma per la formazione permanente.

Il Programma per la formazione permanente. Anno VII 15 dicembre 2008 Numero speciale a cura di Giuseppe Anzaldi NUMERO SPECIALE: IL PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE PERMANENTE Introduzione Obiettivi e struttura I quattro pilastri Comenius Erasmus Leonardo

Dettagli

92/241/CEE: Raccomandazione del Consiglio, del 31 marzo 1992, sulla custodia dei bambini

92/241/CEE: Raccomandazione del Consiglio, del 31 marzo 1992, sulla custodia dei bambini 92/241/CEE: Raccomandazione del Consiglio, del 31 marzo 1992, sulla custodia dei bambini Gazzetta ufficiale n. L 123 del 08/05/1992 pag. 0016-0018 RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO del 31 marzo 1992 sulla

Dettagli

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene: FONDO SOCIALE EUROPEO IN ROMANIA Il Fondo Sociale Europeo (FSE) è lo strumento principale tramite il quale l Unione Europea finanzia gli obiettivi strategici delle politiche di occupazione. Da 50 anni,

Dettagli

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)]

Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Risoluzione adottata dall Assemblea Generale [sul rapporto del Terzo Comitato (A/66/457)] Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani (Traduzione non ufficiale) L

Dettagli

Europa 2020, salute e sociale

Europa 2020, salute e sociale Europa 2020, salute e sociale Breve introduzione L Europa 2020 presenta tre priorità che si rafforzano a vicenda: Crescita intelligente: sviluppare un'economia basata sulla conoscenza e sull'innovazione.

Dettagli

I DIRITTI DELLE DONNE NELLA NUOVA U.E. ALLARGATA: UN INTRODUZIONE

I DIRITTI DELLE DONNE NELLA NUOVA U.E. ALLARGATA: UN INTRODUZIONE Ente accreditato dalla Regione autonoma Friuli Venezia Giulia per la formazione professionale Servizio di promozione europea della Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia. Punto della Rete informativa per

Dettagli

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Il Trattato di Lisbona Padova, 19 marzo 2010 Istituto Tecnico Einaudi Matteo Fornara LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA Storia breve: 50 anni Obiettivi

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

Fondo Sociale Europeo (FSE) 2007-2013

Fondo Sociale Europeo (FSE) 2007-2013 Fondo Sociale Europeo (FSE) 2007-2013 Base giuridica Descrizione Per l'attuale periodo di programmazione del FSE (2007-2013), nel 2006 e nel 2007 è stato adottato un nuovo pacchetto di regolamenti. REGOLAMENTO

Dettagli

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE Dichiarazione di Brasilia sul lavoro minorile Noi, rappresentanti dei governi e delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori che hanno partecipato

Dettagli

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE:

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: VALORI PER SOCIETÀ SICURE ED INTERCULTURALI di Giovanna Spagnuolo Ci manca la comunità perché ci manca la sicurezza Z. Bauman (Voglia di comunità, Laterza, Bari-Roma,

Dettagli

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità

Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Conciliazione dei tempi di vita e di lavoro Il welfare aziendale e l azione del Dipartimento per le Pari Opportunità Dott.ssa Serenella Martini Dipartimento per le Pari Opportunità Presidenza del Consiglio

Dettagli

Bergamo, 21 dicembre 2015. Fondi europei

Bergamo, 21 dicembre 2015. Fondi europei Bergamo, 21 dicembre 2015 Fondi europei Fondi europei 1. Il 76% del bilancio dell'ue è gestito attraverso i «Fondi strutturali e di investimento europei» (c.d. fondi indiretti) attraverso piani di sviluppo

Dettagli

Modernizzare l organizzazione del lavoro. - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti. Comunicazione della Commissione

Modernizzare l organizzazione del lavoro. - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti. Comunicazione della Commissione Modernizzare l organizzazione del lavoro - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti Comunicazione della Commissione 1. Introduzione 1.1 Obiettivo della comunicazione L'obiettivo della comunicazione

Dettagli

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori E. Un Economia Europea Inclusiva Alla luce delle conseguenze della crisi finanziaria ed economica, c è un urgente bisogno di evitare il deterioramento della coesione sociale e le sue drammatiche ripercussioni,

Dettagli

L Assemblea Generale,

L Assemblea Generale, Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani. Adottata il 23 marzo 2011 dal Consiglio diritti umani, con Risoluzione 16/1 L Assemblea Generale, 165 Riaffermando gli

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

PROPOSTA DI RISOLUZIONE

PROPOSTA DI RISOLUZIONE PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Documento di seduta 3.9.2010 B7-0491/2010 PROPOSTA DI RISOLUZIONE presentata a seguito dell'interrogazione con richiesta di risposta orale B7-0457/2010 a norma dell'articolo

Dettagli

Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere

Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere P7_TA-PROV(2010)0037 Pechino 15 anni dopo - Piattaforma delle Nazioni Unite per la parità di genere Risoluzione del Parlamento europeo del 25 febbaio 2010 su Pechino +15: Piattaforma d'azione delle Nazioni

Dettagli

PROGRESS 2007-2013 PROGRAMMA COMUNITARIO PER L OCCUPAZIONE E LA SOLIDARIETA SOCIALE

PROGRESS 2007-2013 PROGRAMMA COMUNITARIO PER L OCCUPAZIONE E LA SOLIDARIETA SOCIALE PROGRESS 2007-2013 PROGRAMMA COMUNITARIO PER L OCCUPAZIONE E LA SOLIDARIETA SOCIALE Davide Bonagurio DG Occupazione, Affari Sociali e Pari Opportunità Unità Italia, Malta e Romania IL CONTESTO POLITICO

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

STORIE DA CONDIVIDERE IN RADIO

STORIE DA CONDIVIDERE IN RADIO VITE REALI STORIE VERE CAMBIAMENTI CONCRETI... OTTIMO LAVORO! STORIE DA CONDIVIDERE IN RADIO Fornire microfinanziamenti alle startup italiane, formare taglialegna in Scozia, ispirare i giovani scienziati

Dettagli

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 Raccomandazione 202 RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 La Conferenza generale della Organizzazione Internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio

Dettagli

Le politiche europee nel settore dei Diritti Uguaglianza e Cittadinanza. Programma Diritti Uguaglianza e Cittadinanza 2014-2020 (REC):

Le politiche europee nel settore dei Diritti Uguaglianza e Cittadinanza. Programma Diritti Uguaglianza e Cittadinanza 2014-2020 (REC): Le politiche europee nel settore dei Diritti Uguaglianza e Cittadinanza Programma Diritti Uguaglianza e Cittadinanza 2014-2020 (REC): Martine Parmantier Commissione Europea DG Giustizia e dei Consumatori

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO 20.9.2008 C 241/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 16 maggio

Dettagli

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che:

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che: Sindaco Paolo Mascaro paolo.mascaro@comune.lamezia-terme.cz.it Presidente del consiglio comunale Francesco De Sarro francesco.desarro@comune.lamezia-terme.cz.it Oggetto: mozione ex art. 18 regolamento

Dettagli

Strategia europea dell'occupazione. Investire nelle persone, investire in un maggior numero di posti di lavoro di miglior qualità

Strategia europea dell'occupazione. Investire nelle persone, investire in un maggior numero di posti di lavoro di miglior qualità Strategia europea dell'occupazione Investire nelle persone, investire in un maggior numero di posti di lavoro di miglior qualità La sfida dell'occupazione per l'europa L'Unione europea costituisce attualmente

Dettagli

Labour market intelligence in Europa

Labour market intelligence in Europa Labour market intelligence in Europa di Mara Brugia* e Antonio Ranieri** Dal nostro punto di osservazione che è quello di chi guarda all insieme del sistema europeo della formazione professionale e del

Dettagli

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 Pierandrea Zotti Roma, 28 novembre 2008 Indice LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 1. Le politiche di sviluppo economico dell Unione Europea:

Dettagli

«DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000)

«DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000) «DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000) COME NASCE? Il programma subentra a tre programmi che sono stati operativi nel periodo 2007-2013, ovvero i programmi specifici Daphne III e

Dettagli

Anno Europeo dei. Rita Sassu Europe for Citizens Point

Anno Europeo dei. Rita Sassu Europe for Citizens Point Anno Europeo dei Cittadini 2013 Rita Sassu Europe for Citizens Point Base giuridica Decisione n. 1093/2012/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 21 novembre 2012 Basata sulla Proposta della Commissione

Dettagli

IL TEMA SALUTE NELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020

IL TEMA SALUTE NELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 Workshop Politiche di Integrazione Socio- Sanitaria: modelli a confronto e sfide per un futuro sostenibile IL TEMA SALUTE NELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 Cittadella, 23-24 settembre 2014 IL

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro. Proposta di Intesa

La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro. Proposta di Intesa La violenza sulle donne nei luoghi di lavoro Proposta di Intesa 27 novembre 2012 LE ORGANIZZAZIONI SINDACALI CGIL, CISL, UIL PREMESSO - che l espressione violenza nei confronti delle donne designa ogni

Dettagli

Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri

Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri dei volontari YFJ_VolunteeringCharter_IT.indd 1 16/09/12 13:02 Editorial team Editor in Chief Giuseppe Porcaro Copy Editor Thomas Spragg Graphic

Dettagli

Progetti finanziati dall UE: opportunità per le Organizzazioni Sindacali

Progetti finanziati dall UE: opportunità per le Organizzazioni Sindacali Progetti finanziati dall UE: opportunità per le Organizzazioni Sindacali Info Day Etui / CISL Fiesole, 31/03 01/04/2014 Il contesto di riferimento: Europa 2020 crescita intelligente investimenti efficaci

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI L Agenda 21 per il turismo europeo Nella comunicazione del novembre 2003, Orientamenti di base per la sostenibilità del turismo europeo 20, la Commissione europea preannunciava «una serie di provvedimenti

Dettagli

Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016

Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016 Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016 Documento finale Conferenza mondiale de L Aia sul lavoro minorile 2010 Verso un mondo senza lavoro minorile Tabella di

Dettagli

Progetto. Seminario per la formazione congiunta degli operatori. Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali.

Progetto. Seminario per la formazione congiunta degli operatori. Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali. Progetto Seminario per la formazione congiunta degli operatori Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali Ida Leone 30-31 Gennaio 2013 Uno sguardo sui Fondi UE Fondo Europeo Agricoltura

Dettagli

Carta europea della qualità per i tirocini e gli apprendistati

Carta europea della qualità per i tirocini e gli apprendistati Carta europea della qualità per i tirocini e gli apprendistati www.qualityinternships.eu Preambolo Premesso che:! per i giovani il passaggio dal sistema educativo al mercato del lavoro è sempre più difficile

Dettagli

Politiche europee per i giovani

Politiche europee per i giovani Politiche europee per i giovani Roma, 25 maggio 2011 Natalja Montefusco della Commissione europea Base giuridica: Trattato di Lisbona Articolo 165 (ex articolo 149 del TCE) L'azione dell'unione è intesa

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI OGGETTO PRINCIPI E OBIETTIVI art. 1 Oggetto e principi art. 2 Obiettivi TITOLO II

Dettagli

Indice sistematico PRINCIPI FONDAMENTALI

Indice sistematico PRINCIPI FONDAMENTALI Indice sistematico PRINCIPI FONDAMENTALI I diritti sociali nel Trattato di Lisbona... 3 Convenzione 4 novembre 1950 Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell Uomo e delle libertà fondamentali...

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Iniziativa parlamentare Finanziamento iniziale per l istituzione di centri di accoglienza per l infanzia complementari alle famiglie (Fehr Jacqueline)

Iniziativa parlamentare Finanziamento iniziale per l istituzione di centri di accoglienza per l infanzia complementari alle famiglie (Fehr Jacqueline) ad 00.403 Iniziativa parlamentare Finanziamento iniziale per l istituzione di centri di accoglienza per l infanzia complementari alle famiglie (Fehr Jacqueline) Rapporto del 22 febbraio 2002 della Commissione

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 !1 COUNCIL OF THE EUROPEAN UNION Brussels, 22 July 2014 Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 Onorevole Presidente, Onorevoli Membri della Commissione, Sono

Dettagli

GLI EFFETTI DELLA CRISI ECONOMICA SULLA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI ALL'INTERNO DELL'UNIONE EUROPEA. Prof.

GLI EFFETTI DELLA CRISI ECONOMICA SULLA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI ALL'INTERNO DELL'UNIONE EUROPEA. Prof. GLI EFFETTI DELLA CRISI ECONOMICA SULLA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI ALL'INTERNO DELL'UNIONE EUROPEA Prof. Daniel Navas Vega 1 SCHEMA LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI? LE CARATTERISTICHE DELLO

Dettagli

LE PARI OPPORTUNITA VANNO A SCUOLA : laboratori per educare alla relazione di genere nelle Scuole Secondarie di II grado

LE PARI OPPORTUNITA VANNO A SCUOLA : laboratori per educare alla relazione di genere nelle Scuole Secondarie di II grado LE PARI OPPORTUNITA VANNO A SCUOLA : laboratori per educare alla relazione di genere nelle Scuole Secondarie di II grado IL NOSTRO TEAM Il nostro team è composto da avvocati, una psicologa, una educatrice,

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE

MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE MANUALE PER LA REDAZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE a cura della Consigliera di Parità Avv. Maria Francesca Siclari INDICE Perché fare un piano triennale Premesse legislative Linee guida

Dettagli

Raccomandazione CM/Rec(2007)9 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sui progetti di vita in favore dei minori stranieri non accompagnati

Raccomandazione CM/Rec(2007)9 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sui progetti di vita in favore dei minori stranieri non accompagnati Raccomandazione CM/Rec(2007)9 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sui progetti di vita in favore dei minori stranieri non accompagnati (adottata dal Comitato dei Ministri il 12 luglio 2007, in

Dettagli

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA Preambolo Istanbul, 11 maggio 2011 Gli Stati membri del Consiglio d

Dettagli

POAT. Europa per i Cittadini. Presentare una proposta di progetto. Comune di Agrigento Giovedì 14 Maggio 2015

POAT. Europa per i Cittadini. Presentare una proposta di progetto. Comune di Agrigento Giovedì 14 Maggio 2015 POAT PROGETTO OPERATIVO DI ASSISTENZA TECNICA ALLE REGIONI DELL OBIETTIVO CONVERGENZA Linea 3 - Ambito 1 Azioni a supporto della partecipazione ai programmi comunitari a gestione diretta e al lavoro in

Dettagli

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA Conoscere per governare 13 novembre 2013 Sala Polifunzionale Via Santa Maria in Via, 37 R o m a I servizi per la prima infanzia: il punto sulle Intese e il Piano di Azione

Dettagli

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA Quale è la competenze dell Unione europea nell ambito della cultura? Il trattato di Maastricht (1993) ha consentito all'unione europea, storicamente orientata

Dettagli

Proposta di regolamento generale

Proposta di regolamento generale Analisi delle priorità e degli obiettivi della in relazione alla proposta di regolamento generale dei Fondi del QSC Fondi del Quadro Strategico Comune (QSC) Obiettivi Una crescita intelligente: sviluppare

Dettagli

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration)

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Conferenza Europea sulle Politiche sanitarie: opportunità per il futuro Copenaghen, Danimarca, 5-9 dicembre 1994. La Conferenza ha concordato di

Dettagli

SEGNALAZIONE N. 20/2015 DEL 30.03.2015 A CURA DELLA DIREZIONE GENERALE DELLA PRESIDENZA SERVIZIO PER L UFFICIO DI BRUXELLES

SEGNALAZIONE N. 20/2015 DEL 30.03.2015 A CURA DELLA DIREZIONE GENERALE DELLA PRESIDENZA SERVIZIO PER L UFFICIO DI BRUXELLES SEGNALAZIONE N. 20/2015 DEL 30.03.2015 A CURA DELLA DIREZIONE GENERALE DELLA PRESIDENZA SERVIZIO PER L UFFICIO DI BRUXELLES AVENUE DES ARTS, 3-4-5, 1210 BRUXELLES TEL. +32(0)2.894.99.70 FAX +32(0)2.894.99.71

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le politiche europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le politiche europee Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le politiche europee Cittadinanza europea: riferimenti normativi 1950 - Convenzione di Roma Richiamandosi espressamente ai principi supremi enunciati

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

e delle imprese di servizi 2014/2015 Laurea magistrale in Servizio sociale e politiche sociali Fondi e finanziamenti Tipologie di Fondi Fondi pubblici: derivano dall attuazione di obiettivi politici locali

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Il diritto comunitario del lavoro. 27 gennaio 2004

Il diritto comunitario del lavoro. 27 gennaio 2004 Il diritto comunitario del lavoro 27 gennaio 2004 Di Seri 1 Nozione Con il termine diritto comunitario si fa riferimento al complesso normativo costituito dai trattati istitutivi delle tre Comunità Europee

Dettagli

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA Quale obiettivo si prefigge l Unione europea nel rafforzare la sua coesione economica, sociale e territoriale? L Unione europea sviluppa

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion)

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion) SCHEDA 1 Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion) Prima Conferenza Internazionale sulla Promozione della Salute Ottawa, Canada, 7-21 novembre 1986 II primo Congresso

Dettagli

COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA

COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA TEL: 0422/831825 Via S. Pio X n. 15/17 31036 ISTRANA (TV) C.F. 80008050264 FAX 0422/831890 P.I. 00389970260 --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------www.comune.istrana..tv.it

Dettagli

POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO

POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO POR FSE SARDEGNA 2007 2013 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO 1 Di cosa parliamo! 1. Il FSE nella Politica di Coesione 2. Cos è il Fondo Sociale Europeo? 3. Il FSE in Sardegna 4. Le priorità del FSE 2 1. Il

Dettagli

LE INIZIATIVE PROMOSSE DALLA COMUNITÀ EUROPEA PER L ANNO 2010 DI LOTTA ALLA POVERTÀ E ALL ESCLUSIONE SOCIALE

LE INIZIATIVE PROMOSSE DALLA COMUNITÀ EUROPEA PER L ANNO 2010 DI LOTTA ALLA POVERTÀ E ALL ESCLUSIONE SOCIALE LE INIZIATIVE PROMOSSE DALLA COMUNITÀ EUROPEA PER L ANNO 2010 DI LOTTA ALLA POVERTÀ E ALL ESCLUSIONE SOCIALE Relatrice _ Angela Martinez Centro Studi ed Iniziative Europeo CE.S.I.E CESIE - ONG- non profit

Dettagli

SERVIZIO VOLONTARIO EUROPEO

SERVIZIO VOLONTARIO EUROPEO SERVIZIO VOLONTARIO EUROPEO CHE COS È È un programma di mobilità che permette ai giovani di impegnarsi nel volontariato in un paese diverso da quello di residenza per un periodo non superiore ai 12 mesi.

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI PREVENZIONE E CONTRASTO DELLE DISCRIMINAZIONI

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI PREVENZIONE E CONTRASTO DELLE DISCRIMINAZIONI PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI PREVENZIONE E CONTRASTO DELLE DISCRIMINAZIONI VISTI l art. 2 della Costituzione che afferma La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come

Dettagli

Programmi UE di rilevanza per il Settore sociale

Programmi UE di rilevanza per il Settore sociale Programmi UE di rilevanza per il Settore sociale marco mietto L Unione europea si è data cinque obiettivi da realizzare entro la fine del decennio: 1.occupazione: il tasso di occupazione deve essere del

Dettagli

n. 183 2 novembre 2011

n. 183 2 novembre 2011 n. 183 2 novembre 2011 ATTIVITA FERROVIARIE Convocazione Responsabili Regionali Attività Ferroviarie LOGISTICA TRASPORTO MERCI E SPEDIZIONI Autamarocchi conferma incontro DIPARTIMENTO DIRITTI Pari opportunità:

Dettagli

Sistemi di welfare 3. LE DISUGUAGLIANZE DI GENERE. mlpruna@unica.it. A.A. 2014-2015 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione

Sistemi di welfare 3. LE DISUGUAGLIANZE DI GENERE. mlpruna@unica.it. A.A. 2014-2015 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione A.A. 2014-2015 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare 3. LE DISUGUAGLIANZE DI GENERE Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro mlpruna@unica.it

Dettagli

Roma, 8 novembre 2010. Silvia Vaccaro Centro Nazionale Europass Italia

Roma, 8 novembre 2010. Silvia Vaccaro Centro Nazionale Europass Italia La mobilità europea dei giovani per motivi di studio e di lavoro: risorsa per lo sviluppo delle competenze, l'inserimento nel mercato del lavoro e l'integrazione sociale Roma, 8 novembre 2010 Silvia Vaccaro

Dettagli

Pane e denti. Progetto Comunitario Equal

Pane e denti. Progetto Comunitario Equal Progetto Comunitario Equal Pane e denti Problema di riferimento Nonostante il carattere strutturale assunto dalla presenza immigrata in Italia, l immigrazione viene percepita ancora come un problema piuttosto

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

Manifesto. Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012. Bucarest, Romania

Manifesto. Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012. Bucarest, Romania Manifesto Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012 Bucarest, Romania Manifesto del PPE (Adottato durante il Congresso del PPE, Bucarest, 17 e 18 Ottobre 2012) 1. Chi siamo? Il Partito Popolare Europeo

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

Erasmus per tutti Domande ricorrenti (cfr. anche IP/11/1398)

Erasmus per tutti Domande ricorrenti (cfr. anche IP/11/1398) MEMO/11/818 Bruxelles, 23 novembre 2011 Erasmus per tutti Domande ricorrenti (cfr. anche IP/11/1398) Cos'è Erasmus per tutti? Erasmus per tutti è il nuovo programma proposto dalla Commissione europea nel

Dettagli