La Chirurgia Senologica. Istituto Oncologico Veneto. Unità Operativa di Chirurgia Senologica. Regione del Veneto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Chirurgia Senologica. Istituto Oncologico Veneto. Unità Operativa di Chirurgia Senologica. Regione del Veneto"

Transcript

1 I.O.V. ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico La Chirurgia Senologica Unità Operativa di Chirurgia Senologica

2 ESENZIONE TICKET U n a v o l t a a c c e r t a t a l a p a t o l o g i a o n c o l o g i c a è n e c e s s a r i o c h e q u e s t a v e n g a c e r t i f i c a t a d a l m e d i c o c h e f a d i a g n o s i s u l M o d u l o R e g i o n a l e d i e s e n z i o n e t i c k e t p e r m a l a t t i e c r o n i c h e e d i n v a l i d a n t i. I l m o d u l o c o m p i l a t o v a c o n s e g n a t o a l l a p r o p r i a U L S S c h e r i l a s c i a u n t e s s e r i n o n e c e s s a r i o p e r p o t e r u s u f r u i r e d e l l e s e n z i o n e t i c k e t p e r l e i n d a g i n i e l e c u r e c o l l e g a t e a l l a m a l a t t i a. INVALIDITA CIVILE L a d i a g n o s i d i m a l a t t i a o n c o l o g i c a d à d i r i t t o a l r i c o n o s c i m e n t o d i i n v a l i d i t à c i v i l e. P e r u l t e r i o r i i n f o r m a z i o n i s i p r e g a d i c o n s u l t a r e i l p r o p r i o M e d i c o d i B a s e o l U f f i c i o R e l a z i o n i c o n i l P u b b l i c o d e l l I s t i t u t o O n c o l o g i c o Ve n e t o.

3 Da una paziente per diversi specialisti a diversi specialisti riuniti per una paziente. Un luogo ed un tempo dedicati, per riunire le diverse competenze, per considerare sotto tutti i punti di vista le diverse possibilità di diagnosi, le opportunità terapeutiche, le variabili reazioni emotive, mai tanto soggettive quanto nell ambito della patologia mammaria. Questo è lo scopo di una Unità Operativa di Senologia. Parte integrante di questa e momento fondamentale del percorso terapeutico di molte pazienti è l intervento chirurgico. La chirurgia del seno negli ultimi anni ha assunto sempre più dignità di disciplina autonoma, portando la formazione di chirurghi specializzati in una neonata materia: la chirurgia oncoplastica, raffinato connubio tra precisa tecnica oncologica e versatile perizia estetica. Questo piccolo opuscolo nasce con l ambiziosa pretesa di essere un manuale d uso, il più pratico e chiaro possibile, per accompagnare una paziente candidata ad intervento chirurgico al seno attraverso i successivi passi che vanno dal ricovero, al momento operatorio, fino agli esercizi da eseguire nel post-operatorio. Con la celata pretesa e la palese speranza di poter essere utili. L equipe di Chirurgia Senologica

4 Indice DEVO ESSERE OPERATA AL SENO... 6 FASE PRE - RICOVERO 6 LA VISITA SENOLOGICA 6 IL CENTRAMENTO E LA LOCALIZZAZIONE DEL LINFONODO SENTINELLA 7 IL GIORNO DEL RICOVERO... 8 ALLA DIMISSIONE... 8 TIPI DI INTERVENTO CHIRURGICO 9 BIOPSIA 9 QUADRANTECTOMIA 10 MASTECTOMIA 11 COS E IL LINFONODO SENTINELLA? 13 COS E LO SVUOTAMENTO ASCELLARE? 14 MODALITA DI RICOSTRUZIONE 15

5 Indice SONO STATA OPERATA. COSA DEVO FARE? 22 NELL IMMEDIATO POST - OPERATORIO COME EVOLVE LA MIA FERITA? 23 COME DEVO GESTIRE IL MIO ESPANSORE? 23 CONSIGLI PRATICI IN CASO DI INTERVENTO ALL ASCELLA 24 ESERCIZI DA ESEGUIRE DOPO L INTERVENTO CHIRURGICO 26 TERAPIE COMPLEMENTARI 34 CHEMIOTERAPIA 34 TERAPIA ORMONALE 35 RADIOTERAPIA 37 CONTROLLI POST - OPERATORI 38 NUMERI UTILI, CONTATTI, ORARI 41

6 DEVO ESSERE OPERATA AL SENO Siete appena state ad una visita dal chirurgo senologo, che, in base ai riscontri clinici ed agli esami effettuati, ha posto indicazione ad un intervento chirurgico al seno. È molto importante fornire un recapito telefonico sicuro, dove poter essere facilmente e direttamente rintracciati per qualsiasi comunicazione inerente il ricovero. Fase pre-ricovero Dalla visita al ricovero per intervento chirurgico potrà trascorrere un periodo di tempo molto variabile, da pochi giorni ad anche più di un mese, in base alle condizioni cliniche presentate ed all urgenza del quadro. I tempi di attesa applicati, in ogni caso, non sono rilevanti dal punto di vista della variazione della prognosi. Circa due settimane prima della data decisa per l intervento, verrete contattate telefonicamente e vi verranno fornite le seguenti informazioni: data, ora e reparto di degenza fissati per il ricovero; data, ora e luogo fissati per l eventuale visita anestesiologica (se necessaria). Eventuali altre procedure necessarie prima dell intervento (ad esempio ecografie, centramenti o identificazione del linfonodo sentinella) vengono eseguite da servizi collegati all èquipe di chirurgia senologica, che vi contatteranno autonomamente per comunicare date, luogo e modalità per l esecuzione di tali procedure. La visita anestesiologica La visita anestesiologica, se necessaria, viene eseguita alcuni giorni prima della data fissata per l intervento. 6

7 È importante portare tutta la documentazione in vostro possesso (eventuali lettere di dimissione di precedenti ricoveri ospedalieri, esami ematochimici, radiografie del torace, elettrocardiogrammi, visite cardiologiche, eseguiti negli ultimi 6 mesi). Non è necessaria alcuna impegnativa. Durante la visita anestesiologica, se necessario, potrà essere richiesta l esecuzione di esami ematochimici (per tale motivo dovrà essere a digiuno da almeno tre ore) o di indagini strumentali, la cui prescrizione è di competenza del medico anestesista. Gli esiti di tali esami non dovranno essere ritirati dalla paziente, in quanto arrivano direttamente al reparto di degenza. Il centramento di un nodo non palpabile e la localizzazione del linfonodo sentinella A volte, qualora il nodo mammario da asportare non fosse palpabile, si può rendere necessario eseguire un centramento : consiste in una ecografia o una mammografia che permettono di identificare con precisione la sede del nodo o delle calcificazioni e di segnalarla mediante un segno sulla pelle o un sottile filo metallico (procedura non dolorosa); in altri casi, qualora indicato, si può rendere necessario, il giorno prima dell intervento, il reperimento del linfonodo sentinella: consiste in una iniezione sulla mammella che permette di identificare la sede del linfonodo sentinella mediante scintigrafia e di segnalarla con un segno sulla pelle. Gli appuntamenti per tali procedure vengono fissati dai relativi servizi di competenza, che provvederanno anche a comunicarlo alle pazienti. Qualora non doveste essere contattate, significa che per il vostro caso tali procedure non sono necessarie. 7

8 IL GIORNO DEL RICOVERO 1. recarsi al Reparto di Chirurgia Oncologica indicato all orario stabilito: Ospedale Busonera, III piano, oppure Ospedale Giustinianeo, I piano; 2. presentarsi a digiuno (è permesso cenare liberamente la sera precedente); 3. portare con sé tutta la documentazione e consegnarla agli infermieri (vi verrà restituita alla dimissione); 4. per un ricovero in Day Surgery non sono necessari particolari effetti personali; 5. per un ricovero Ordinario, sono utili una camicia da notte, dei cambi di biancheria intima, il minimo indispensabile per l igiene personale. 6. non mettere trucco, smalto alle unghie o unghie finte (interferiscono con apparecchiature di monitoraggio intraoperatorio); 7. non indossare gioielli, monili o altri oggetti metallici; 8. portare il minimo indispensabile per il vestiario e l igiene personale; 9. portare un reggiseno stretto ed elastico da indossare dopo l intervento; 10. non portare con sé oggetti di valore. 8 Alla dimissione La dimissione solitamente avviene nella tarda mattinata o nel primo pomeriggio, a meno di incombenti necessità di reparto. Alla dimissione vi saranno consegnati: tutta la documentazione fornita al momento del ricovero; una lettera di dimissione, che descrive in modo sintetico l intervento eseguito,

9 fornisce indicazioni da seguire nell immediato post-operatorio; un foglietto blu, necessario per la prenotazione al CUP ( ), qualora fossero necessarie eventuali visite e/o medicazioni. TIPI DI INTERVENTO CHIRURGICO Biopsia Per biopsia si intende l asportazione di una porzione molto limitata di ghiandola mammaria. Tipo di ricovero: Day Surgery. Durata degenza: dimissione in giornata. Durata dell intervento: da 15 a 30 minuti. Tipo di anestesia: locale, eventuale ansiolisi. Dolore: ben controllabile. Alla dimissione: nessuna o una visita di controllo a distanza di qualche giorno. INDOSSARE UN REGGISENO STRETTO PER ALMENO 7 GIORNI (ANCHE DI NOTTE) 9

10 Quadrantectomia Per quadrantectomia si intende l asportazione di un ampio settore di ghiandola mammaria. Tipo di ricovero: Day Surgery. Durata degenza: dimissione in giornata (nel 90% dei casi). Durata dell intervento: da 30 minuti ad 1 ora (in caso di asportazione del linfonodo sentinella). Tipo di anestesia: locale e sedazione. Dolore: ben controllabile. Possibili interventi associati: biopsia del linfonodo sentinella, svuotamento linfonodale ascellare, se indicati. Alla dimissione: necessità di almeno 1 visita di controllo a distanza di qualche giorno. Spesso, durante un intervento di quadrantectomia, vengono posizionate delle clips metalliche in titanio nella sede di asportazione del nodo: serviranno ad individuare con precisione la zona da irradiare durante le sedute di radioterapia. Queste clips non daranno mai alcun problema, è possibile eseguire senza rischi qualsiasi esame, anche la risonanza magnetica. Un intervento di quadrantectomia prevede, successivamente all atto 10

11 chirurgico, un trattamento radioterapico. Ciò comporta un impegno di circa sedute, effettuate in giorni successivi, e non è solitamente causa di particolare disagio fisico per la paziente. INDOSSARE UN REGGISENO STRETTO PER ALMENO 7 GIORNI (ANCHE DI NOTTE) Mastectomia Per mastectomia si intende l asportazione dell intera ghiandola mammaria. Solitamente si procede a ricostruzione immediata della mammella mediante il posizionamento di un espansore (vedi in seguito). Tipo di ricovero: Ordinario. Durata degenza: da 2 a 4 giorni. Durata dell intervento: circa 1 ora (senza ricostruzione); circa 2 ore (con ricostruzione); circa 2 ore e mezza (con ricostruzione e svuotamento linfonodale ascellare). 11

12 Tipo di anestesia: generale. Dolore: ben controllabile. Possibili interventi associati: biopsia del linfonodo sentinella, svuotamento linfonodale ascellare, rimodellamento controlaterale, se indicati. Alla dimissione: presenza di medicazione con bendaggio elastico e compressivo e di 2 drenaggi (3 in caso di svuotamento ascellare). Necessità di un numero variabile di visite e medicazioni. Spesso, durante un intervento di mastectomia, vengono utilizzate delle clips metalliche in titanio per chiudere vasi che vengono sezionati. Queste clips non daranno mai alcun problema, è possibile eseguire senza rischi qualsiasi esame, anche la risonanza magnetica. IN CASO DI PROTESI O ESPANSORE munirsi di apposito reggiseno (reperibile nei negozi di sanitaria) gli infermieri vi prenderanno la misura corretta; 2. mantenere il reggiseno giorno e notte anche a casa per almeno un mese. 3. alla dimissione vi verrà fornito un libretto di accompagnamento all espansore. Portarlo a tutti i successivi controlli ambulatoriali! 12

13 Cos è il linfonodo sentinella? Il linfonodo sentinella è il primo linfonodo o gruppo di linfonodi che riceve linfa direttamente dal tumore, nel contesto della stazione linfonodale ascellare. Le cellule neoplastiche, nel loro eventuale processo di disseminazione, seguono preferenzialmente la via linfatica. Nel loro percorso verranno ad incontrare un primo linfonodo, che fungerà da filtro, ed è pertanto rappresentativo dello stato dei linfonodi successivi. Per tale motivo viene definito sentinella. Si configurano pertanto due possibilità: linfonodo sentinella negativo per presenza di cellule tumorali: non serve proseguire oltre chirurgicamente; linfonodo sentinella positivo per presenza di cellule tumorali: implica nella gran parte dei casi uno svuotamento linfonodale ascellare (vedi in seguito). 13

14 Per l identificazione del linfonodo sentinella, viene iniettata in prossimità della neoplasia una soluzione contenente un tracciante debolmente radioattivo, assolutamente innocuo. Tale procedura viene effettuata solitamente il giorno prima dell intervento, e porta ad identificare con precisione sede del linfonodo sentinella (che viene segnalata con un segno sulla cute), oltre al numero, nel caso fossero più di uno. Durante l intervento chirurgico il linfonodo sentinella viene identificato mediante un dispositivo che ne rileva la radioattività, rendendo la procedura molto sicura. In alcuni casi l esecuzione della biopsia del linfonodo sentinella può non essere indicata: sarà il medico a valutare la situazione ed a proporla alla paziente nei casi indicati. Cos è uno svuotamento ascellare? Per dissezione ascellare totale si intende l asportazione di tutti i linfonodi dell ascella. 14

15 Lo svuotamento ascellare viene effettuato: in caso di positività del linfonodo sentinella; in caso di neoplasie mammarie molto voluminose con riscontro di linfoadenopatia ascellare; precauzionalmente dopo trattamento chemioterapico neoadiuvante (cioè eseguito prima dell intervento). Un intervento di svuotamento ascellare può comportare alcuni problemi, peraltro di entità poco prevedibile e molto variabili da persona a persona: linfocele: si tratta di un accumulo di linfa limitato al cavo ascellare. Necessita di drenaggio mediante puntura; sensibilità ridotta, formicolìi all ascella ed al braccio, senso di cuscino sotto l ascella: di entità variabile, sono dovuti alla lesione di piccole fibre nervose durante l intervento. Solitamente tendono a risolversi con il tempo; difficoltà al movimento della spalla: ovviabili con l esecuzione regolare di opportuni esercizi di fisio-chinesi-terapia (vedi in seguito); linfedema ( braccio gonfio ): evento molto più raro rispetto al passato. Può insorgere a distanza anche di mesi o anni dall intervento. Per prevenirlo o limitarne i danni sono utili manovre di linfodrenaggio ed esercizi appositi (vedi in seguito). Modalità di ricostruzione Dopo biopsia o quadrantectomia... Solitamente, un intervento di biopsia o quadrantectomia non comporta rilevanti alterazioni esterne alla mammella, lasciando buoni risultati dal punto di vista estetico. Il buco lasciato dalla porzione di ghiandola mammaria asportata viene colmato con porzioni della restante mammella. In casi più rari, e su desiderio della paziente, si possono effettuare altri tipi di intervento ricostruttivo: Integrazione volumetrica (lipofilling); Integrazione cutanea (lembo cutaneo); Rimodellamento della mammella controlaterale. 15

16 Dopo mastectomia... Dopo una mastectomia, la ricostruzione mammaria rappresenta la prassi. Solo in particolari condizioni essa non viene effettuata, ad esempio in caso di condizioni cliniche che la rendano non indicata, o su espresso desiderio della paziente. La mammella ricostruita difficilmente ha dimensioni, consistenza e sensibilità simili alla controlaterale sana, anche se con il tempo e con gli eventuali interventi di rimodellamento tali differenze si possono ridurre. Esistono diverse tecniche di ricostruzione mammaria, più o meno complesse, e con diverse indicazioni. La scelta del tipo di ricostruzione dipende da diversi fattori, e viene discussa dal chirurgo con la paziente, al fine di identificare la più indicata. Qui di seguito vengono illustrate le tecniche più utilizzate. Ricostruzione immediata con protesi Consiste nell inserimento, al di sotto del muscolo grande pettorale, di una protesi definitiva, che verrà tenuta in sede per tutta la vita. Questo intervento viene effettuato nella stessa seduta operatoria della mastectomia, subito dopo la rimozione della ghiandola. Le protesi attuali sono anallergiche e sicure. 16

17 Una volta stabilizzatosi l intervento (dopo alcuni mesi), si può procedere alla ricostruzione dell areola e del capezzolo, qualora fossero stati rimossi durante la mastectomia. Può essere effettuata se: La pelle residua è soffice, elastica ed abbondante; Il muscolo grande pettorale è sufficientemente trofico; La mammella controlaterale è di piccole dimensioni. Vantaggi: unico intervento chirurgico, assenza di cicatrici supplementari. Svantaggi: ricostruibili solo mammelle piccole, solco sottomammario poco definito, è difficile raggiungere una perfezione di forma e simmetria. Ricostruzione immediata con espansore Rappresenta la modalità più frequente di ricostruzione mammaria dopo mastectomia. Consiste nel posizionamento, al di sotto del muscolo grande pettorale, di una protesi espandibile (detta espansore ), che verrà progressivamente gonfiata in occasione dei controlli ambulatoriali. Il razionale consiste nel fatto che, durante l intervento di mastectomia, viene asportata una porzione di cute e tessuto sottocutaneo tale da impedire il posizionamento di una protesi definitiva: in tal caso ci si troverebbe, infatti, nella situazione di non avere sufficiente cute per coprire la protesi e dare un aspetto naturale alla mammella ricostruita. Gli scopi dell espansore sono dunque: funzionale: espandere progressivamente la cute ( recuperare cute ) fino a rendere possibile il posizionamento di una protesi definitiva; estetico: ripristinare sin da subito, per quanto possibile, un aspetto esteriore il più possibile rispondente al normale (evitare l impatto immediato di mutilazione). 17

18 L espansore si presenta come un palloncino dalla superficie ruvida, inizialmente sgonfio. Esso possiede una valvola che ne permette plurimi ulteriori gonfiaggi e ne assicura la tenuta. Generalmente, questa protesi viene inserita già riempita circa al 50%, con soluzione fisiologica (comune acqua da infusione per fleboclisi). I successivi gonfiaggi avverranno durante i controlli ambulatoriali. La procedura consiste nell iniezione, mediante un ago sottile, di cc 18

19 di soluzione fisiologica per volta, fino a raggiungere il volume finale desiderato (variabile in base alle dimensioni originarie della mammella), in un tempo che va dalle 4 alle 8 settimane circa. La procedura di gonfiaggio è semplice ed indolore. Una volta raggiunto il volume di espansione desiderato, si può procedere ad un secondo intervento, in anestesia generale, durante il quale si procede a rimozione dell espansore ed al posizionamento di una protesi definitiva. Solitamente questo secondo intervento viene effettuato almeno sei mesi dopo il raggiungimento del volume di espansione desiderato, al fine di attendere una stabilizzazione della cute espansa ed evitare retrazioni cicatriziali. Una volta stabilizzatosi l intervento (dopo alcuni mesi), si può procedere alla ricostruzione dell areola e del capezzolo. Vantaggi: possibilità di ricostruire qualsiasi tipo di mammella, possibilità di ritocchi alla mammella controlaterale durante il secondo intervento chirurgico, buoni risultati estetici (solco sottomammario ben definito, ricostruzione delle fisiologica caduta della mammella). Svantaggi: necessità di un secondo intervento, maggiori difficoltà in caso di radioterapia in sede di mastectomia. 19

20 Ricostruzione con tessuti autologhi In casi particolari, meno frequenti, è indicata la ricostruzione della mammella mediante lembi muscolari o muscolocutanei. I muscoli più frequentemente utilizzati sono il grande dorsale (situato sulla parte laterale del dorso) ed il retto addominale (posto sulla superficie anteriore dell addome). Talvolta si rende necessario anche il posizionamento di una protesi mammaria, o un intervento di rimodellamento controlaterale. Lipofilling Il lipofilling è una tecnica che prevede l uso di tessuto grasso per la ricostruzione di parti di mammella dopo un intervento. Consiste nel prelevare tessuto adiposo (grasso) da zone ove è presente in quantità, e nel successivo reimpianto nelle aree che necessitano di riempimento. Tale tecnica viene più frequentemente usata per correggere piccoli difetti estetici, esiti di radioterapia, o per rimodellare la mammella dopo un intervento di ricostruzione. In casi particolari è possibile ricostruire l intera mammella, ma tale procedura necessita di tempi lunghi e di numerose sedute di lipofilling. Vantaggi: possibilità di correzioni di piccoli difetti a distanza dall intervento, assenza di rigetto o reazioni locali, tecnica piuttosto semplice. Svantaggi: difficoltà a ricostruire grandi difetti tessutali (rischio di necrosi delle cellule impiantate), possibilità di riassorbimento dell innesto, di ematomi, di correzione insufficiente o eccessiva. 20

21 Ricostruzione di areola e capezzolo Si tratta dell atto finale della ricostruzione mammaria. Solitamente viene effettuato quando le mammelle hanno raggiunto la forma definitiva, più raramente nel corso di altri intervento correttivi. La procedura può essere eseguita ambulatorialmente e in anestesia locale. Si possono utilizzare tatuaggi per la ricostruzione dell areola, piccoli lembi di cute per il capezzolo. Uso di protesi esterne Nel caso venga effettuata una mastectomia senza alcuna ricostruzione, per necessità cliniche o desiderio della paziente, si possono utilizzare delle protesi esterne, sostenute da appositi reggiseni. La simmetria finale delle mammelle Non sempre è possibile ottenere una mammella ricostruita d aspetto naturale, in forma e volume il più possibile vicina alla controlaterale, e non in tutti i casi è possibile ricreare la normale caduta (ptosi) della ghiandola. Generalmente la correzione della mammella controlaterale sana è delegata ad un secondo tempo chirurgico, ad esempio quando viene rimosso l espansore per il posizionamento di una protesi definitiva. Gli interventi più frequentemente effettuati sulla mammella controlaterale sana sono: mastoplastica riduttiva: riduzione di cute e ghiandola, trasposizione del capezzolo; mastopessi: innalzamento e modellamento della mammella, senza asportare porzioni di ghiandola; mastoplastica additiva: inserzione di protesi definitiva, al fine di aumentarne 21

22 le dimensioni. IN OGNI CASO LA RICOSTRUZIONE MAMMARIA NON ALTERA LA PROGNOSI! SONO STATA OPERATA COSA DEVO FARE? Solitamente, dopo un intervento chirurgico al seno, la ripresa della attività normali è piuttosto rapida e completa. Vi sono tuttavia dei casi in cui il ruolo attivo della paziente gioca un ruolo fondamentale nel favorire un buon esito dell intervento: si va da piccoli accorgimenti che permettono un migliore risultato estetico a cicli di esercizi da effettuare al fine di ridurre le difficoltà motorie che possono derivare da interventi all ascella. 22 Nell immediato post-operatorio Nei primi giorni dopo l intervento si possono presentare alcune sensazioni, che solitamente scompaiono con il tempo, quali: dolore o senso di tensione in sede di intervento, che solitamente si risolve con la guarigione; parestesie, formicolii, bruciore alle aree sede di intervento o circostanti, dovute a lesione di piccoli rami nervosi.

23 Come evolve la mia ferita? Il processo di guarigione della ferita chirurgica non termina con la rimarginazione dei lembi. La cicatrizzazione completa avviene in un tempo più lungo, molto variabile, e può comportare esiti opposti e poco prevedibili, quali: retrazioni, con stiramento dei lembi e delle estremità della ferita; cheloidi, cioè ipertrofia delle cicatrici, associata ad anomala pigmentazione. PER EVITARE INESTETISMI CICATRIZIALI E UTILE: 1. effettuare almeno una volta al giorno un massaggio circolare sulla cicatrice; 2. applicare durante il massaggio apposite creme emollienti (comunemente reperibili in farmacia); 3. non usare saponi irritanti; 4. evitare il contatto con stoffe ruvide; 5. evitare l esposizione diretta e prolungata al sole. Come devo gestire il mio espansore? Il posizionamento di un espansore tessutale può comportare: dolore: localizzato soprattutto alla parte superiore ed inferiore della mammella ricostruita, solitamente è isolato al primo periodo post-operatorio ed è facilmente controllabile con i comuni farmaci antidolorifici; infezione: evenienza rara, che si manifesta con dolore locale, gonfiore ed arrossamento, febbre. Necessita di drenaggio dell eventuale essudato, terapia antibiotica, impacchi caldi, al massimo si può rendere necessaria la rimozione dell espansore (manovra piuttosto semplice). In particolari condizioni più a rischio, può essere prescritta una terapia antibiotica per alcuni giorni dopo la dimissione; incapsulamento: dovuto ad una normale reazione tessutale locale, di variabile intensità, che porta ad inglobare l espansore in una capsula fibrosa e può causare dolore; 23

24 lieve linfangite: si manifesta con indurimento della cute, arrossamento e senso di tensione. Sono utili massaggi circolari verso l ascella; rottura: evenienza molto rara, che può insorgere soprattutto durante il processo di gonfiaggio. Da ricordare che, dopo ogni procedura di gonfiaggio, è normale avvertire per alcuni giorni un senso di tensione alla mammella ricostruita. LA PAZIENTE CON ESPANSORE DEVE: 1. massaggiare la mammella ricostruita, con movimento diretto all ascella, utilizzando anche creme emollienti ed elasticizzanti (comunemente reperibili in farmacia), al fine di mantenere l elasticità di cute e cicatrice chirurgica; 2. muovere l espansore, tentando di spingerlo verso il basso (la protesi ha la tendenza a spostarsi verso l alto). 3. indossare reggiseni appositi (reperibili in negozi di sanitari e farmacie), con un elastico al girovita, in modo da favorire la definizione del solco sottomammario, e con una banda elastica superiore, che tenga spinta verso il basso la protesi. 24 Consigli pratici in caso di intervento all ascella Mi fa male a muovere il braccio! Dopo un intervento all ascella, sia di rimozione parziale che totale dei linfonodi, dopo una mastectomia con posizionamento di espansore, soprattutto nelle prime settimane dalla dimissione, si possono riscontrare delle difficoltà o dei dolori al movimento del braccio omolaterale all intervento, che potrebbero indurre a tenerlo fermo in posizione antalgica. Tali dolori sono dovuti ad un variabile accumulo di linfa a livello dell arto superiore e dell ascella, ed alla formazione di cicatrici all interno del cavo ascellare.

25 Per evitare dolore eccessivo e difficoltà al movimento del braccio, è necessario seguire alcuni consigli ed eseguire dei semplici esercizi (vedi più avanti). QUANTO POSSO MUOVERE IL BRACCIO? 1. EVITARE DI IMMOBILIZZARE IL BRACCIO! 2. subito dopo la dimissione, muovere tranquillamente il braccio, evitando tuttavia sforzi eccessivi e prolungati (ad esempio, trasportare borse pesanti, utilizzare a lungo il ferro da stiro); 3. è possibile tornare alle faccende di casa, alla cura personale, alla guida (con prudenza); 4. eseguire gli esercizi indicati in seguito. E se il braccio o l ascella si gonfiano? Dopo interruzione delle vie linfatiche, non è detto che braccio ed ascella siano necessariamente destinati a gonfiarsi. Ciò che si verifica è un aumentato rischio di edema dell arto, che può essere ostacolato e prevenuto seguendo alcuni consigli ed eseguendo dei semplici esercizi (vedi più avanti). PER EVITARE EDEMI AL BRACCIO: 1. non tenere il braccio eccessivamente al caldo (favorisce la stasi linfatica): evitare ad esempio saune e fanghi per almeno alcuni mesi; 2. non comprimere l arto: evitare indumenti troppo stretti, maniche con elastici, bracciali; 3. evitare, per quanto possibile, di misurare la pressione arteriosa al braccio, di eseguire su di esso prelievi ematici, vaccinazioni, abrasioni e punture accidentali; 25

26 4. NON AUMENTARE DI PESO! Seguire una dieta equilibrata e controllare il peso corporeo; 5. effettuare attività fisica leggera (camminate, escursioni, corsa lenta o simili); 6. seduti o a letto, mantenere il braccio sollevato rispetto al resto del corpo (per esempio, appoggiandolo ad un cuscino); 7. in piedi, non lasciare per tanto tempo il braccio pendere lungo il corpo, ma muoverlo attivamente; 8. per quanto possibile, evitare di dormire con il peso del corpo che grava sul braccio. Esercizi da eseguire dopo l intervento chirurgico Utili soprattutto in caso di: Mastectomia e posizionamento di espansore tessutale; Svuotamento linfonodale ascellare completo; Svuotamento linfonodale ascellare parziale; Cicatrici chirurgiche prolungate all ascella; Pregresso o incipiente edema al braccio; Trattamento radioterapico dell ascella. Il primo giorno dopo l intervento 1. 26

27 Tenere il braccio sollevato rispetto al piano del letto, disteso su un cuscino. Aprire e chiudere le dita della mano per qualche minuto più volte al giorno. 2. Esercizi di respirazione: con la mano appoggiata, controllare i movimenti di pancia e torace con la respirazione, per qualche minuto più volte al giorno. Dal secondo giorno dopo l intervento Mettersi sedute, quindi alzarsi dal letto e camminare. Eseguire i seguenti esercizi, una decina di volte ciascuno, almeno due volte al giorno

28 Da sedute, alzare ed abbassare le spalle (A), ruotarle (B), spingere indietro le scapole, avvicinandole (C). 2. Da sedute, flettere il capo in avanti ed indietro (A), a destra e a sinistra (B), ruotarlo a destra e a sinistra (C). Gli esercizi 1 e 2 possono essere eseguiti di fronte allo specchio, per controllare che le spalle si mantengano alla stessa altezza ed il capo diritto durante i movimenti. 3. In piedi, con il busto lievemente inclinato in avanti, appoggiandosi al bordo di un tavolo o alla testiera del letto, lasciare pendere liberamente il braccio, e farlo oscillare in avanti ed indietro (A), a destra e sinistra (B), ed in circolo (C). 28

29 4. Da sedute, tenere il gomito piegato a 90 e fisso contro il fianco, portarlo verso l esterno e verso l interno alternativamente. Dopo la dimissione Una volta tornate a casa, continuare gli esercizi illustrati precedentemente. A questi, vanno aggiunti anche i seguenti: 1. Da sedute, incrociare le dita tenendo le braccia distese in avanti (A), quindi sollevarle fino a sopra la testa (B) e riabbassarle lentamente (A). 29

30 2. Da sedute, portare le dita intrecciate dietro la testa (A), e tenendole ferme, aprire e chiudere i gomiti (B). 3. Incrociare le dita dietro la schiena (A), e cercare di portare le mani in su verso le scapole (B). 30

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC (*risponde l infermiera / l ostetrica/ il medico) AGGIORNATO A Maggio 2009 1 CHE COSA E UN PROGRAMMA

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

TUMORI DELLA MAMMELLA

TUMORI DELLA MAMMELLA TUMORI DELLA MAMMELLA INFORMAZIONI GENERALI La mammella Struttura e funzione della mammella La mammella è costituita da grasso (tessuto adiposo), tessuto connettivo e tessuto ghiandolare. Quest'ultimo

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. La radioterapia. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia ANESTESIA Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa fa l Anestesista Pag. 2 Visita Anestesiologica Pag. 2 Che cosa significa Consenso Informato Pag. 3 Esami preoperatori Pag. 4 Prescrizioni

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Sommario IL PORT SOTTOCUTANEO. Che cos è? Come viene impiantato? DOVE VIENE POSIZIONATO IL PORT? L intervento L uso del Port

Sommario IL PORT SOTTOCUTANEO. Che cos è? Come viene impiantato? DOVE VIENE POSIZIONATO IL PORT? L intervento L uso del Port Che cos è il Port? Le informazioni fornite in questo opuscolo vi aiuteranno a capire meglio che cosa sono i port e a trovare risposta ad alcuni quesiti riguardanti i port sottocutanei Bard Access. Sommario

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C.

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C. Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI T.A.C o meglio T.C. Gentili Pazienti in modo molto semplice vogliamo fornirvi alcune informazioni utili per

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI

TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI TUMORE AL SENO IL PRESENTE. IL FUTURO. LIBERTÀ DI SAPERE LIBERTÀ DI SCEGLIERE I QUADERNI DELLA SALUTE DI FONDAZIONE VERONESI 14 Fondazione Umberto Veronesi - Piazza Velasca 5, 20122 Milano Tel. +39 02

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife è un metodo ampiamente diffuso per il trattamento di un area selezionata del cervello, detta bersaglio.

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA Per prenotare ed eseguire un esame è necessario: 1. Il paziente deve avere una richiesta medica completa che comprenda cognome e nome, data di nascita, numero

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Informazioni sullo schema di Chemioterapia. Chop

Informazioni sullo schema di Chemioterapia. Chop Informazioni sullo schema di Chemioterapia Chop Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

10 DOMANDE E 10 RISPOSTE PER CAPIRE LA RADIOTERAPIA

10 DOMANDE E 10 RISPOSTE PER CAPIRE LA RADIOTERAPIA 10 DOMANDE E 10 RISPOSTE PER CAPIRE LA RADIOTERAPIA ISTITUTO NAZIONALE PER LO STUDIO E LA CURA DEI TUMORI DI MILANO Dieci domande e dieci risposte per far capire che cosa è la radioterapia Dedicato a tutti

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Gentili Pazienti, desideriamo fornirvi alcune informazioni utili per affrontare in modo

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Lo screening mammografico La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Indice 03 Gli esperti raccomandano la mammografia nell ambito di un programma di screening 04 Che

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo.

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Ospedale Oncologico Armando Businco Cagliari. Le informazioni

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro Come affrontare il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il tumore del pancreas colpisce ogni anno in Italia circa 12.200 persone. Purtroppo si tratta di una malattia complessa, aggressiva, diagnosticata

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI SUL NEVO CONGENITO GIGANTE

INFORMAZIONI GENERALI SUL NEVO CONGENITO GIGANTE INFORMAZIONI GENERALI SUL NEVO CONGENITO GIGANTE CHE COSA E UN NEVO? Il Nevo, parola latina che significa voglia o mola, è un termine generico che indica una lesione congenita della cute. Mola è il termine

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO Responsabili: M. DENTI - H. SCHÖNHUBER - P. VOLPI Responsabile:

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

ALLENARE GLI ADDOMINALI

ALLENARE GLI ADDOMINALI ALLENARE GLI ADDOMINALI La teoria di allenamento degli addominali spesso non è ben compresa; molte persone si limitano ad eseguire centinaia di crunch senza però capire come funzionano i muscoli addominali

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli