La Chirurgia Senologica. Istituto Oncologico Veneto. Unità Operativa di Chirurgia Senologica. Regione del Veneto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Chirurgia Senologica. Istituto Oncologico Veneto. Unità Operativa di Chirurgia Senologica. Regione del Veneto"

Transcript

1 I.O.V. ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico La Chirurgia Senologica Unità Operativa di Chirurgia Senologica

2 ESENZIONE TICKET U n a v o l t a a c c e r t a t a l a p a t o l o g i a o n c o l o g i c a è n e c e s s a r i o c h e q u e s t a v e n g a c e r t i f i c a t a d a l m e d i c o c h e f a d i a g n o s i s u l M o d u l o R e g i o n a l e d i e s e n z i o n e t i c k e t p e r m a l a t t i e c r o n i c h e e d i n v a l i d a n t i. I l m o d u l o c o m p i l a t o v a c o n s e g n a t o a l l a p r o p r i a U L S S c h e r i l a s c i a u n t e s s e r i n o n e c e s s a r i o p e r p o t e r u s u f r u i r e d e l l e s e n z i o n e t i c k e t p e r l e i n d a g i n i e l e c u r e c o l l e g a t e a l l a m a l a t t i a. INVALIDITA CIVILE L a d i a g n o s i d i m a l a t t i a o n c o l o g i c a d à d i r i t t o a l r i c o n o s c i m e n t o d i i n v a l i d i t à c i v i l e. P e r u l t e r i o r i i n f o r m a z i o n i s i p r e g a d i c o n s u l t a r e i l p r o p r i o M e d i c o d i B a s e o l U f f i c i o R e l a z i o n i c o n i l P u b b l i c o d e l l I s t i t u t o O n c o l o g i c o Ve n e t o.

3 Da una paziente per diversi specialisti a diversi specialisti riuniti per una paziente. Un luogo ed un tempo dedicati, per riunire le diverse competenze, per considerare sotto tutti i punti di vista le diverse possibilità di diagnosi, le opportunità terapeutiche, le variabili reazioni emotive, mai tanto soggettive quanto nell ambito della patologia mammaria. Questo è lo scopo di una Unità Operativa di Senologia. Parte integrante di questa e momento fondamentale del percorso terapeutico di molte pazienti è l intervento chirurgico. La chirurgia del seno negli ultimi anni ha assunto sempre più dignità di disciplina autonoma, portando la formazione di chirurghi specializzati in una neonata materia: la chirurgia oncoplastica, raffinato connubio tra precisa tecnica oncologica e versatile perizia estetica. Questo piccolo opuscolo nasce con l ambiziosa pretesa di essere un manuale d uso, il più pratico e chiaro possibile, per accompagnare una paziente candidata ad intervento chirurgico al seno attraverso i successivi passi che vanno dal ricovero, al momento operatorio, fino agli esercizi da eseguire nel post-operatorio. Con la celata pretesa e la palese speranza di poter essere utili. L equipe di Chirurgia Senologica

4 Indice DEVO ESSERE OPERATA AL SENO... 6 FASE PRE - RICOVERO 6 LA VISITA SENOLOGICA 6 IL CENTRAMENTO E LA LOCALIZZAZIONE DEL LINFONODO SENTINELLA 7 IL GIORNO DEL RICOVERO... 8 ALLA DIMISSIONE... 8 TIPI DI INTERVENTO CHIRURGICO 9 BIOPSIA 9 QUADRANTECTOMIA 10 MASTECTOMIA 11 COS E IL LINFONODO SENTINELLA? 13 COS E LO SVUOTAMENTO ASCELLARE? 14 MODALITA DI RICOSTRUZIONE 15

5 Indice SONO STATA OPERATA. COSA DEVO FARE? 22 NELL IMMEDIATO POST - OPERATORIO COME EVOLVE LA MIA FERITA? 23 COME DEVO GESTIRE IL MIO ESPANSORE? 23 CONSIGLI PRATICI IN CASO DI INTERVENTO ALL ASCELLA 24 ESERCIZI DA ESEGUIRE DOPO L INTERVENTO CHIRURGICO 26 TERAPIE COMPLEMENTARI 34 CHEMIOTERAPIA 34 TERAPIA ORMONALE 35 RADIOTERAPIA 37 CONTROLLI POST - OPERATORI 38 NUMERI UTILI, CONTATTI, ORARI 41

6 DEVO ESSERE OPERATA AL SENO Siete appena state ad una visita dal chirurgo senologo, che, in base ai riscontri clinici ed agli esami effettuati, ha posto indicazione ad un intervento chirurgico al seno. È molto importante fornire un recapito telefonico sicuro, dove poter essere facilmente e direttamente rintracciati per qualsiasi comunicazione inerente il ricovero. Fase pre-ricovero Dalla visita al ricovero per intervento chirurgico potrà trascorrere un periodo di tempo molto variabile, da pochi giorni ad anche più di un mese, in base alle condizioni cliniche presentate ed all urgenza del quadro. I tempi di attesa applicati, in ogni caso, non sono rilevanti dal punto di vista della variazione della prognosi. Circa due settimane prima della data decisa per l intervento, verrete contattate telefonicamente e vi verranno fornite le seguenti informazioni: data, ora e reparto di degenza fissati per il ricovero; data, ora e luogo fissati per l eventuale visita anestesiologica (se necessaria). Eventuali altre procedure necessarie prima dell intervento (ad esempio ecografie, centramenti o identificazione del linfonodo sentinella) vengono eseguite da servizi collegati all èquipe di chirurgia senologica, che vi contatteranno autonomamente per comunicare date, luogo e modalità per l esecuzione di tali procedure. La visita anestesiologica La visita anestesiologica, se necessaria, viene eseguita alcuni giorni prima della data fissata per l intervento. 6

7 È importante portare tutta la documentazione in vostro possesso (eventuali lettere di dimissione di precedenti ricoveri ospedalieri, esami ematochimici, radiografie del torace, elettrocardiogrammi, visite cardiologiche, eseguiti negli ultimi 6 mesi). Non è necessaria alcuna impegnativa. Durante la visita anestesiologica, se necessario, potrà essere richiesta l esecuzione di esami ematochimici (per tale motivo dovrà essere a digiuno da almeno tre ore) o di indagini strumentali, la cui prescrizione è di competenza del medico anestesista. Gli esiti di tali esami non dovranno essere ritirati dalla paziente, in quanto arrivano direttamente al reparto di degenza. Il centramento di un nodo non palpabile e la localizzazione del linfonodo sentinella A volte, qualora il nodo mammario da asportare non fosse palpabile, si può rendere necessario eseguire un centramento : consiste in una ecografia o una mammografia che permettono di identificare con precisione la sede del nodo o delle calcificazioni e di segnalarla mediante un segno sulla pelle o un sottile filo metallico (procedura non dolorosa); in altri casi, qualora indicato, si può rendere necessario, il giorno prima dell intervento, il reperimento del linfonodo sentinella: consiste in una iniezione sulla mammella che permette di identificare la sede del linfonodo sentinella mediante scintigrafia e di segnalarla con un segno sulla pelle. Gli appuntamenti per tali procedure vengono fissati dai relativi servizi di competenza, che provvederanno anche a comunicarlo alle pazienti. Qualora non doveste essere contattate, significa che per il vostro caso tali procedure non sono necessarie. 7

8 IL GIORNO DEL RICOVERO 1. recarsi al Reparto di Chirurgia Oncologica indicato all orario stabilito: Ospedale Busonera, III piano, oppure Ospedale Giustinianeo, I piano; 2. presentarsi a digiuno (è permesso cenare liberamente la sera precedente); 3. portare con sé tutta la documentazione e consegnarla agli infermieri (vi verrà restituita alla dimissione); 4. per un ricovero in Day Surgery non sono necessari particolari effetti personali; 5. per un ricovero Ordinario, sono utili una camicia da notte, dei cambi di biancheria intima, il minimo indispensabile per l igiene personale. 6. non mettere trucco, smalto alle unghie o unghie finte (interferiscono con apparecchiature di monitoraggio intraoperatorio); 7. non indossare gioielli, monili o altri oggetti metallici; 8. portare il minimo indispensabile per il vestiario e l igiene personale; 9. portare un reggiseno stretto ed elastico da indossare dopo l intervento; 10. non portare con sé oggetti di valore. 8 Alla dimissione La dimissione solitamente avviene nella tarda mattinata o nel primo pomeriggio, a meno di incombenti necessità di reparto. Alla dimissione vi saranno consegnati: tutta la documentazione fornita al momento del ricovero; una lettera di dimissione, che descrive in modo sintetico l intervento eseguito,

9 fornisce indicazioni da seguire nell immediato post-operatorio; un foglietto blu, necessario per la prenotazione al CUP ( ), qualora fossero necessarie eventuali visite e/o medicazioni. TIPI DI INTERVENTO CHIRURGICO Biopsia Per biopsia si intende l asportazione di una porzione molto limitata di ghiandola mammaria. Tipo di ricovero: Day Surgery. Durata degenza: dimissione in giornata. Durata dell intervento: da 15 a 30 minuti. Tipo di anestesia: locale, eventuale ansiolisi. Dolore: ben controllabile. Alla dimissione: nessuna o una visita di controllo a distanza di qualche giorno. INDOSSARE UN REGGISENO STRETTO PER ALMENO 7 GIORNI (ANCHE DI NOTTE) 9

10 Quadrantectomia Per quadrantectomia si intende l asportazione di un ampio settore di ghiandola mammaria. Tipo di ricovero: Day Surgery. Durata degenza: dimissione in giornata (nel 90% dei casi). Durata dell intervento: da 30 minuti ad 1 ora (in caso di asportazione del linfonodo sentinella). Tipo di anestesia: locale e sedazione. Dolore: ben controllabile. Possibili interventi associati: biopsia del linfonodo sentinella, svuotamento linfonodale ascellare, se indicati. Alla dimissione: necessità di almeno 1 visita di controllo a distanza di qualche giorno. Spesso, durante un intervento di quadrantectomia, vengono posizionate delle clips metalliche in titanio nella sede di asportazione del nodo: serviranno ad individuare con precisione la zona da irradiare durante le sedute di radioterapia. Queste clips non daranno mai alcun problema, è possibile eseguire senza rischi qualsiasi esame, anche la risonanza magnetica. Un intervento di quadrantectomia prevede, successivamente all atto 10

11 chirurgico, un trattamento radioterapico. Ciò comporta un impegno di circa sedute, effettuate in giorni successivi, e non è solitamente causa di particolare disagio fisico per la paziente. INDOSSARE UN REGGISENO STRETTO PER ALMENO 7 GIORNI (ANCHE DI NOTTE) Mastectomia Per mastectomia si intende l asportazione dell intera ghiandola mammaria. Solitamente si procede a ricostruzione immediata della mammella mediante il posizionamento di un espansore (vedi in seguito). Tipo di ricovero: Ordinario. Durata degenza: da 2 a 4 giorni. Durata dell intervento: circa 1 ora (senza ricostruzione); circa 2 ore (con ricostruzione); circa 2 ore e mezza (con ricostruzione e svuotamento linfonodale ascellare). 11

12 Tipo di anestesia: generale. Dolore: ben controllabile. Possibili interventi associati: biopsia del linfonodo sentinella, svuotamento linfonodale ascellare, rimodellamento controlaterale, se indicati. Alla dimissione: presenza di medicazione con bendaggio elastico e compressivo e di 2 drenaggi (3 in caso di svuotamento ascellare). Necessità di un numero variabile di visite e medicazioni. Spesso, durante un intervento di mastectomia, vengono utilizzate delle clips metalliche in titanio per chiudere vasi che vengono sezionati. Queste clips non daranno mai alcun problema, è possibile eseguire senza rischi qualsiasi esame, anche la risonanza magnetica. IN CASO DI PROTESI O ESPANSORE munirsi di apposito reggiseno (reperibile nei negozi di sanitaria) gli infermieri vi prenderanno la misura corretta; 2. mantenere il reggiseno giorno e notte anche a casa per almeno un mese. 3. alla dimissione vi verrà fornito un libretto di accompagnamento all espansore. Portarlo a tutti i successivi controlli ambulatoriali! 12

13 Cos è il linfonodo sentinella? Il linfonodo sentinella è il primo linfonodo o gruppo di linfonodi che riceve linfa direttamente dal tumore, nel contesto della stazione linfonodale ascellare. Le cellule neoplastiche, nel loro eventuale processo di disseminazione, seguono preferenzialmente la via linfatica. Nel loro percorso verranno ad incontrare un primo linfonodo, che fungerà da filtro, ed è pertanto rappresentativo dello stato dei linfonodi successivi. Per tale motivo viene definito sentinella. Si configurano pertanto due possibilità: linfonodo sentinella negativo per presenza di cellule tumorali: non serve proseguire oltre chirurgicamente; linfonodo sentinella positivo per presenza di cellule tumorali: implica nella gran parte dei casi uno svuotamento linfonodale ascellare (vedi in seguito). 13

14 Per l identificazione del linfonodo sentinella, viene iniettata in prossimità della neoplasia una soluzione contenente un tracciante debolmente radioattivo, assolutamente innocuo. Tale procedura viene effettuata solitamente il giorno prima dell intervento, e porta ad identificare con precisione sede del linfonodo sentinella (che viene segnalata con un segno sulla cute), oltre al numero, nel caso fossero più di uno. Durante l intervento chirurgico il linfonodo sentinella viene identificato mediante un dispositivo che ne rileva la radioattività, rendendo la procedura molto sicura. In alcuni casi l esecuzione della biopsia del linfonodo sentinella può non essere indicata: sarà il medico a valutare la situazione ed a proporla alla paziente nei casi indicati. Cos è uno svuotamento ascellare? Per dissezione ascellare totale si intende l asportazione di tutti i linfonodi dell ascella. 14

15 Lo svuotamento ascellare viene effettuato: in caso di positività del linfonodo sentinella; in caso di neoplasie mammarie molto voluminose con riscontro di linfoadenopatia ascellare; precauzionalmente dopo trattamento chemioterapico neoadiuvante (cioè eseguito prima dell intervento). Un intervento di svuotamento ascellare può comportare alcuni problemi, peraltro di entità poco prevedibile e molto variabili da persona a persona: linfocele: si tratta di un accumulo di linfa limitato al cavo ascellare. Necessita di drenaggio mediante puntura; sensibilità ridotta, formicolìi all ascella ed al braccio, senso di cuscino sotto l ascella: di entità variabile, sono dovuti alla lesione di piccole fibre nervose durante l intervento. Solitamente tendono a risolversi con il tempo; difficoltà al movimento della spalla: ovviabili con l esecuzione regolare di opportuni esercizi di fisio-chinesi-terapia (vedi in seguito); linfedema ( braccio gonfio ): evento molto più raro rispetto al passato. Può insorgere a distanza anche di mesi o anni dall intervento. Per prevenirlo o limitarne i danni sono utili manovre di linfodrenaggio ed esercizi appositi (vedi in seguito). Modalità di ricostruzione Dopo biopsia o quadrantectomia... Solitamente, un intervento di biopsia o quadrantectomia non comporta rilevanti alterazioni esterne alla mammella, lasciando buoni risultati dal punto di vista estetico. Il buco lasciato dalla porzione di ghiandola mammaria asportata viene colmato con porzioni della restante mammella. In casi più rari, e su desiderio della paziente, si possono effettuare altri tipi di intervento ricostruttivo: Integrazione volumetrica (lipofilling); Integrazione cutanea (lembo cutaneo); Rimodellamento della mammella controlaterale. 15

16 Dopo mastectomia... Dopo una mastectomia, la ricostruzione mammaria rappresenta la prassi. Solo in particolari condizioni essa non viene effettuata, ad esempio in caso di condizioni cliniche che la rendano non indicata, o su espresso desiderio della paziente. La mammella ricostruita difficilmente ha dimensioni, consistenza e sensibilità simili alla controlaterale sana, anche se con il tempo e con gli eventuali interventi di rimodellamento tali differenze si possono ridurre. Esistono diverse tecniche di ricostruzione mammaria, più o meno complesse, e con diverse indicazioni. La scelta del tipo di ricostruzione dipende da diversi fattori, e viene discussa dal chirurgo con la paziente, al fine di identificare la più indicata. Qui di seguito vengono illustrate le tecniche più utilizzate. Ricostruzione immediata con protesi Consiste nell inserimento, al di sotto del muscolo grande pettorale, di una protesi definitiva, che verrà tenuta in sede per tutta la vita. Questo intervento viene effettuato nella stessa seduta operatoria della mastectomia, subito dopo la rimozione della ghiandola. Le protesi attuali sono anallergiche e sicure. 16

17 Una volta stabilizzatosi l intervento (dopo alcuni mesi), si può procedere alla ricostruzione dell areola e del capezzolo, qualora fossero stati rimossi durante la mastectomia. Può essere effettuata se: La pelle residua è soffice, elastica ed abbondante; Il muscolo grande pettorale è sufficientemente trofico; La mammella controlaterale è di piccole dimensioni. Vantaggi: unico intervento chirurgico, assenza di cicatrici supplementari. Svantaggi: ricostruibili solo mammelle piccole, solco sottomammario poco definito, è difficile raggiungere una perfezione di forma e simmetria. Ricostruzione immediata con espansore Rappresenta la modalità più frequente di ricostruzione mammaria dopo mastectomia. Consiste nel posizionamento, al di sotto del muscolo grande pettorale, di una protesi espandibile (detta espansore ), che verrà progressivamente gonfiata in occasione dei controlli ambulatoriali. Il razionale consiste nel fatto che, durante l intervento di mastectomia, viene asportata una porzione di cute e tessuto sottocutaneo tale da impedire il posizionamento di una protesi definitiva: in tal caso ci si troverebbe, infatti, nella situazione di non avere sufficiente cute per coprire la protesi e dare un aspetto naturale alla mammella ricostruita. Gli scopi dell espansore sono dunque: funzionale: espandere progressivamente la cute ( recuperare cute ) fino a rendere possibile il posizionamento di una protesi definitiva; estetico: ripristinare sin da subito, per quanto possibile, un aspetto esteriore il più possibile rispondente al normale (evitare l impatto immediato di mutilazione). 17

18 L espansore si presenta come un palloncino dalla superficie ruvida, inizialmente sgonfio. Esso possiede una valvola che ne permette plurimi ulteriori gonfiaggi e ne assicura la tenuta. Generalmente, questa protesi viene inserita già riempita circa al 50%, con soluzione fisiologica (comune acqua da infusione per fleboclisi). I successivi gonfiaggi avverranno durante i controlli ambulatoriali. La procedura consiste nell iniezione, mediante un ago sottile, di cc 18

19 di soluzione fisiologica per volta, fino a raggiungere il volume finale desiderato (variabile in base alle dimensioni originarie della mammella), in un tempo che va dalle 4 alle 8 settimane circa. La procedura di gonfiaggio è semplice ed indolore. Una volta raggiunto il volume di espansione desiderato, si può procedere ad un secondo intervento, in anestesia generale, durante il quale si procede a rimozione dell espansore ed al posizionamento di una protesi definitiva. Solitamente questo secondo intervento viene effettuato almeno sei mesi dopo il raggiungimento del volume di espansione desiderato, al fine di attendere una stabilizzazione della cute espansa ed evitare retrazioni cicatriziali. Una volta stabilizzatosi l intervento (dopo alcuni mesi), si può procedere alla ricostruzione dell areola e del capezzolo. Vantaggi: possibilità di ricostruire qualsiasi tipo di mammella, possibilità di ritocchi alla mammella controlaterale durante il secondo intervento chirurgico, buoni risultati estetici (solco sottomammario ben definito, ricostruzione delle fisiologica caduta della mammella). Svantaggi: necessità di un secondo intervento, maggiori difficoltà in caso di radioterapia in sede di mastectomia. 19

20 Ricostruzione con tessuti autologhi In casi particolari, meno frequenti, è indicata la ricostruzione della mammella mediante lembi muscolari o muscolocutanei. I muscoli più frequentemente utilizzati sono il grande dorsale (situato sulla parte laterale del dorso) ed il retto addominale (posto sulla superficie anteriore dell addome). Talvolta si rende necessario anche il posizionamento di una protesi mammaria, o un intervento di rimodellamento controlaterale. Lipofilling Il lipofilling è una tecnica che prevede l uso di tessuto grasso per la ricostruzione di parti di mammella dopo un intervento. Consiste nel prelevare tessuto adiposo (grasso) da zone ove è presente in quantità, e nel successivo reimpianto nelle aree che necessitano di riempimento. Tale tecnica viene più frequentemente usata per correggere piccoli difetti estetici, esiti di radioterapia, o per rimodellare la mammella dopo un intervento di ricostruzione. In casi particolari è possibile ricostruire l intera mammella, ma tale procedura necessita di tempi lunghi e di numerose sedute di lipofilling. Vantaggi: possibilità di correzioni di piccoli difetti a distanza dall intervento, assenza di rigetto o reazioni locali, tecnica piuttosto semplice. Svantaggi: difficoltà a ricostruire grandi difetti tessutali (rischio di necrosi delle cellule impiantate), possibilità di riassorbimento dell innesto, di ematomi, di correzione insufficiente o eccessiva. 20

21 Ricostruzione di areola e capezzolo Si tratta dell atto finale della ricostruzione mammaria. Solitamente viene effettuato quando le mammelle hanno raggiunto la forma definitiva, più raramente nel corso di altri intervento correttivi. La procedura può essere eseguita ambulatorialmente e in anestesia locale. Si possono utilizzare tatuaggi per la ricostruzione dell areola, piccoli lembi di cute per il capezzolo. Uso di protesi esterne Nel caso venga effettuata una mastectomia senza alcuna ricostruzione, per necessità cliniche o desiderio della paziente, si possono utilizzare delle protesi esterne, sostenute da appositi reggiseni. La simmetria finale delle mammelle Non sempre è possibile ottenere una mammella ricostruita d aspetto naturale, in forma e volume il più possibile vicina alla controlaterale, e non in tutti i casi è possibile ricreare la normale caduta (ptosi) della ghiandola. Generalmente la correzione della mammella controlaterale sana è delegata ad un secondo tempo chirurgico, ad esempio quando viene rimosso l espansore per il posizionamento di una protesi definitiva. Gli interventi più frequentemente effettuati sulla mammella controlaterale sana sono: mastoplastica riduttiva: riduzione di cute e ghiandola, trasposizione del capezzolo; mastopessi: innalzamento e modellamento della mammella, senza asportare porzioni di ghiandola; mastoplastica additiva: inserzione di protesi definitiva, al fine di aumentarne 21

22 le dimensioni. IN OGNI CASO LA RICOSTRUZIONE MAMMARIA NON ALTERA LA PROGNOSI! SONO STATA OPERATA COSA DEVO FARE? Solitamente, dopo un intervento chirurgico al seno, la ripresa della attività normali è piuttosto rapida e completa. Vi sono tuttavia dei casi in cui il ruolo attivo della paziente gioca un ruolo fondamentale nel favorire un buon esito dell intervento: si va da piccoli accorgimenti che permettono un migliore risultato estetico a cicli di esercizi da effettuare al fine di ridurre le difficoltà motorie che possono derivare da interventi all ascella. 22 Nell immediato post-operatorio Nei primi giorni dopo l intervento si possono presentare alcune sensazioni, che solitamente scompaiono con il tempo, quali: dolore o senso di tensione in sede di intervento, che solitamente si risolve con la guarigione; parestesie, formicolii, bruciore alle aree sede di intervento o circostanti, dovute a lesione di piccoli rami nervosi.

23 Come evolve la mia ferita? Il processo di guarigione della ferita chirurgica non termina con la rimarginazione dei lembi. La cicatrizzazione completa avviene in un tempo più lungo, molto variabile, e può comportare esiti opposti e poco prevedibili, quali: retrazioni, con stiramento dei lembi e delle estremità della ferita; cheloidi, cioè ipertrofia delle cicatrici, associata ad anomala pigmentazione. PER EVITARE INESTETISMI CICATRIZIALI E UTILE: 1. effettuare almeno una volta al giorno un massaggio circolare sulla cicatrice; 2. applicare durante il massaggio apposite creme emollienti (comunemente reperibili in farmacia); 3. non usare saponi irritanti; 4. evitare il contatto con stoffe ruvide; 5. evitare l esposizione diretta e prolungata al sole. Come devo gestire il mio espansore? Il posizionamento di un espansore tessutale può comportare: dolore: localizzato soprattutto alla parte superiore ed inferiore della mammella ricostruita, solitamente è isolato al primo periodo post-operatorio ed è facilmente controllabile con i comuni farmaci antidolorifici; infezione: evenienza rara, che si manifesta con dolore locale, gonfiore ed arrossamento, febbre. Necessita di drenaggio dell eventuale essudato, terapia antibiotica, impacchi caldi, al massimo si può rendere necessaria la rimozione dell espansore (manovra piuttosto semplice). In particolari condizioni più a rischio, può essere prescritta una terapia antibiotica per alcuni giorni dopo la dimissione; incapsulamento: dovuto ad una normale reazione tessutale locale, di variabile intensità, che porta ad inglobare l espansore in una capsula fibrosa e può causare dolore; 23

24 lieve linfangite: si manifesta con indurimento della cute, arrossamento e senso di tensione. Sono utili massaggi circolari verso l ascella; rottura: evenienza molto rara, che può insorgere soprattutto durante il processo di gonfiaggio. Da ricordare che, dopo ogni procedura di gonfiaggio, è normale avvertire per alcuni giorni un senso di tensione alla mammella ricostruita. LA PAZIENTE CON ESPANSORE DEVE: 1. massaggiare la mammella ricostruita, con movimento diretto all ascella, utilizzando anche creme emollienti ed elasticizzanti (comunemente reperibili in farmacia), al fine di mantenere l elasticità di cute e cicatrice chirurgica; 2. muovere l espansore, tentando di spingerlo verso il basso (la protesi ha la tendenza a spostarsi verso l alto). 3. indossare reggiseni appositi (reperibili in negozi di sanitari e farmacie), con un elastico al girovita, in modo da favorire la definizione del solco sottomammario, e con una banda elastica superiore, che tenga spinta verso il basso la protesi. 24 Consigli pratici in caso di intervento all ascella Mi fa male a muovere il braccio! Dopo un intervento all ascella, sia di rimozione parziale che totale dei linfonodi, dopo una mastectomia con posizionamento di espansore, soprattutto nelle prime settimane dalla dimissione, si possono riscontrare delle difficoltà o dei dolori al movimento del braccio omolaterale all intervento, che potrebbero indurre a tenerlo fermo in posizione antalgica. Tali dolori sono dovuti ad un variabile accumulo di linfa a livello dell arto superiore e dell ascella, ed alla formazione di cicatrici all interno del cavo ascellare.

25 Per evitare dolore eccessivo e difficoltà al movimento del braccio, è necessario seguire alcuni consigli ed eseguire dei semplici esercizi (vedi più avanti). QUANTO POSSO MUOVERE IL BRACCIO? 1. EVITARE DI IMMOBILIZZARE IL BRACCIO! 2. subito dopo la dimissione, muovere tranquillamente il braccio, evitando tuttavia sforzi eccessivi e prolungati (ad esempio, trasportare borse pesanti, utilizzare a lungo il ferro da stiro); 3. è possibile tornare alle faccende di casa, alla cura personale, alla guida (con prudenza); 4. eseguire gli esercizi indicati in seguito. E se il braccio o l ascella si gonfiano? Dopo interruzione delle vie linfatiche, non è detto che braccio ed ascella siano necessariamente destinati a gonfiarsi. Ciò che si verifica è un aumentato rischio di edema dell arto, che può essere ostacolato e prevenuto seguendo alcuni consigli ed eseguendo dei semplici esercizi (vedi più avanti). PER EVITARE EDEMI AL BRACCIO: 1. non tenere il braccio eccessivamente al caldo (favorisce la stasi linfatica): evitare ad esempio saune e fanghi per almeno alcuni mesi; 2. non comprimere l arto: evitare indumenti troppo stretti, maniche con elastici, bracciali; 3. evitare, per quanto possibile, di misurare la pressione arteriosa al braccio, di eseguire su di esso prelievi ematici, vaccinazioni, abrasioni e punture accidentali; 25

26 4. NON AUMENTARE DI PESO! Seguire una dieta equilibrata e controllare il peso corporeo; 5. effettuare attività fisica leggera (camminate, escursioni, corsa lenta o simili); 6. seduti o a letto, mantenere il braccio sollevato rispetto al resto del corpo (per esempio, appoggiandolo ad un cuscino); 7. in piedi, non lasciare per tanto tempo il braccio pendere lungo il corpo, ma muoverlo attivamente; 8. per quanto possibile, evitare di dormire con il peso del corpo che grava sul braccio. Esercizi da eseguire dopo l intervento chirurgico Utili soprattutto in caso di: Mastectomia e posizionamento di espansore tessutale; Svuotamento linfonodale ascellare completo; Svuotamento linfonodale ascellare parziale; Cicatrici chirurgiche prolungate all ascella; Pregresso o incipiente edema al braccio; Trattamento radioterapico dell ascella. Il primo giorno dopo l intervento 1. 26

27 Tenere il braccio sollevato rispetto al piano del letto, disteso su un cuscino. Aprire e chiudere le dita della mano per qualche minuto più volte al giorno. 2. Esercizi di respirazione: con la mano appoggiata, controllare i movimenti di pancia e torace con la respirazione, per qualche minuto più volte al giorno. Dal secondo giorno dopo l intervento Mettersi sedute, quindi alzarsi dal letto e camminare. Eseguire i seguenti esercizi, una decina di volte ciascuno, almeno due volte al giorno

28 Da sedute, alzare ed abbassare le spalle (A), ruotarle (B), spingere indietro le scapole, avvicinandole (C). 2. Da sedute, flettere il capo in avanti ed indietro (A), a destra e a sinistra (B), ruotarlo a destra e a sinistra (C). Gli esercizi 1 e 2 possono essere eseguiti di fronte allo specchio, per controllare che le spalle si mantengano alla stessa altezza ed il capo diritto durante i movimenti. 3. In piedi, con il busto lievemente inclinato in avanti, appoggiandosi al bordo di un tavolo o alla testiera del letto, lasciare pendere liberamente il braccio, e farlo oscillare in avanti ed indietro (A), a destra e sinistra (B), ed in circolo (C). 28

29 4. Da sedute, tenere il gomito piegato a 90 e fisso contro il fianco, portarlo verso l esterno e verso l interno alternativamente. Dopo la dimissione Una volta tornate a casa, continuare gli esercizi illustrati precedentemente. A questi, vanno aggiunti anche i seguenti: 1. Da sedute, incrociare le dita tenendo le braccia distese in avanti (A), quindi sollevarle fino a sopra la testa (B) e riabbassarle lentamente (A). 29

30 2. Da sedute, portare le dita intrecciate dietro la testa (A), e tenendole ferme, aprire e chiudere i gomiti (B). 3. Incrociare le dita dietro la schiena (A), e cercare di portare le mani in su verso le scapole (B). 30

La Chirurgia Senologica. Istituto Oncologico Veneto. Unità Operativa di Chirurgia Senologica. Regione del Veneto

La Chirurgia Senologica. Istituto Oncologico Veneto. Unità Operativa di Chirurgia Senologica. Regione del Veneto I.O.V. ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico La Chirurgia Senologica Unità Operativa di Chirurgia Senologica

Dettagli

E SE MI RICHIAMANO... DOPO LA MAMMOGRAFIA?

E SE MI RICHIAMANO... DOPO LA MAMMOGRAFIA? E SE MI RICHIAMANO... DOPO LA MAMMOGRAFIA? Informazioni sui percorsi di trattamento chirurgico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

Pubblicazione in collaborazione con l'azienda Unità sanitaria locale di Ravenna

Pubblicazione in collaborazione con l'azienda Unità sanitaria locale di Ravenna Coordinamento editoriale e di redazione: Marta Fin, Alba Carola Finarelli, Carlo Naldoni Redazione testi: Gianni Saguatti, Debora Canuti, Marilena Manfredi, Mario Taffurelli Grafica: Tracce, Modena Stampa:

Dettagli

Servizio di Fisioterapia

Servizio di Fisioterapia Servizio di Fisioterapia Esercizi di riabilitazione motoria dopo interventi chirurgici al seno A cura del Servizio di Fisioterapia Una Guida per i pazienti Our Booklets Istituto Europeo di Oncologia Via

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA FISIOTERAPIA DOPO INTERVENTO CHIRURGICO AL SENO

L IMPORTANZA DELLA FISIOTERAPIA DOPO INTERVENTO CHIRURGICO AL SENO L IMPORTANZA DELLA FISIOTERAPIA DOPO INTERVENTO CHIRURGICO AL SENO Femme à l ombrelle di C. Monet Opuscolo a cura di: Ft. Laura Airoldi Ft. Antonella Manna Fisioterapia U.O. Riabilitazione Specialistica

Dettagli

MASTOPESSI LA CHIRURGIA PER IL SOLLEVAMENTO DEL SENO

MASTOPESSI LA CHIRURGIA PER IL SOLLEVAMENTO DEL SENO MASTOPESSI LA CHIRURGIA PER IL SOLLEVAMENTO DEL SENO dottor Alessandro Gennai CHIRURGIA PLASTICA RICOSTRUTTIVA ed ESTETICA dottor Luigi Izzo CHIRURGIA PLASTICA RICOSTRUTTIVA ed ESTETICA La chirurgia plastica

Dettagli

Per vincere la paura del tumore al seno. Pianeta Donna

Per vincere la paura del tumore al seno. Pianeta Donna POLIAMBULATORIO Per vincere la paura del tumore al seno Pianeta Donna DIAGNOSTICA FISIOTERAPIA RADIOLOGIA Pianeta Donna Iter senologico preventivo-diagnostico, terapeutico e riabilitativo del tumore al

Dettagli

Consenso informato all intervento di MASTOPLASTICA ADDITIVA. Prof. Massimo Monti. Specialista in chirurgia generale e chirurgia plastica

Consenso informato all intervento di MASTOPLASTICA ADDITIVA. Prof. Massimo Monti. Specialista in chirurgia generale e chirurgia plastica Consenso informato all intervento di MASTOPLASTICA ADDITIVA Per la paziente Prof. Massimo Monti Specialista in chirurgia generale e chirurgia plastica Lo scopo del seguente modulo di consenso è di fornire

Dettagli

LA RIABILITAZIONE PER LE DONNE OPERATE AL SENO

LA RIABILITAZIONE PER LE DONNE OPERATE AL SENO Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico LA RIABILITAZIONE PER LE DONNE OPERATE AL SENO Guida per le pazienti Subito dopo l intervento è importante

Dettagli

.E SE MI DEVO OPERARE?

.E SE MI DEVO OPERARE? Regione Lazio A cura di: U.O.C. Screening Oncologici dell ASL Roma C, via Monza2 U.O.C. Oncologia Medica Ospedale S. Eugenio.E SE MI DEVO OPERARE? Tel. 06.51008021 fax 06.51003771 email: screening.mammografico@aslrmc.it

Dettagli

MultiMedica. Tumore al seno: il nostro percorso diagnostico terapeutico. IRCCS Istituto di Ricovero e Cura. m Istituto di Ricovero e Cura

MultiMedica. Tumore al seno: il nostro percorso diagnostico terapeutico. IRCCS Istituto di Ricovero e Cura. m Istituto di Ricovero e Cura COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE m IRCCS MultiMedica m Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300 - Sesto S. Giovanni (Mi) MultiMedica Castellanza Viale Piemonte, 70 - Castellanza

Dettagli

RIABILITAZIONE DONNE OPERATE AL SENO Informazioni utili

RIABILITAZIONE DONNE OPERATE AL SENO Informazioni utili RIABILITAZIONE DONNE OPERATE AL SENO Informazioni utili 2 Ad oggi il carcinoma alla mammella è il tumore più frequente nelle donne. Il trattamento si avvale di varie strategie, chirurgiche e mediche e

Dettagli

IL TRATTAMENTO CHIRURGICO DEL TUMORE MAMMARIO IN DAY-SURGERY 15 anni di esperienza della AOUPR. Dott. Leonardo Cattelani

IL TRATTAMENTO CHIRURGICO DEL TUMORE MAMMARIO IN DAY-SURGERY 15 anni di esperienza della AOUPR. Dott. Leonardo Cattelani IL TRATTAMENTO CHIRURGICO DEL TUMORE MAMMARIO IN DAY-SURGERY 15 anni di esperienza della AOUPR Dott. Leonardo Cattelani Martedì dell'ordine Parma 15/05/2012 INTERVENTI CHIRURGICI SENOLOGICI DAY SURGERY

Dettagli

Reconstruction Ricostruzione immediata o differita Possono essere sottoposti a ricostruzione gli esiti dei seguenti interventi

Reconstruction Ricostruzione immediata o differita Possono essere sottoposti a ricostruzione gli esiti dei seguenti interventi In presenza di una neoformazione maligna della mammella e spesso anche quando c'è un forte rischio che si sviluppi un tumore vengono eseguiti interventi demolitivi di vario tipo, in rapporto allo sviluppo

Dettagli

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita La Quadrantectomia mammaria è una tecnica chirurgica che prevede la asportazione limitata di ghiandola mammaria per le pazienti affette da neoplasia mammaria. L obiettivo della Quadrantectomia mammaria

Dettagli

INFORMAZIONI PER LA PAZIENTE AFFETTA DA NEOPLASIA MALIGNA DELLA MAMMELLA CANDIDATA A INTERVENTO CHIRURGICO

INFORMAZIONI PER LA PAZIENTE AFFETTA DA NEOPLASIA MALIGNA DELLA MAMMELLA CANDIDATA A INTERVENTO CHIRURGICO INFORMAZIONI PER LA PAZIENTE AFFETTA DA NEOPLASIA MALIGNA DELLA MAMMELLA CANDIDATA A INTERVENTO CHIRURGICO DIPARTIET AD ATTIVITA ITEGRATA DI CHIRURGIA GEERAE E TRACICA Direttre Prf. ic de a!i i UERI UTII

Dettagli

Per quanto riguarda l intervento chirurgico e le possibili complicanze ho avuto informazioni complete per:

Per quanto riguarda l intervento chirurgico e le possibili complicanze ho avuto informazioni complete per: La quadrantectomia o resezione parziale della mammella può produrre una perdita di sostanza che frequentemente rischia di deformare permanentemente la mammella rimasta. Un intervento contemporaneo di chirurgia

Dettagli

Ospedale Classificato Equiparato Sacro Cuore Don Calabria Presidio Ospedaliero Accreditato Regione Veneto

Ospedale Classificato Equiparato Sacro Cuore Don Calabria Presidio Ospedaliero Accreditato Regione Veneto Ospedale Classificato Equiparato Sacro Cuore Don Calabria Presidio Ospedaliero Accreditato Regione Veneto Rev 0 del 01.12.09 Reparto di Chirurgia Plastica Primario: Dr. C. Cristofoli Rif. Norma UNI EN

Dettagli

astoplastica Riduttiva

astoplastica Riduttiva astoplastica Riduttiva 1 MASTOPLASTICA RIDUTTIVA Quando una donna ha le mammelle molto grandi e cadenti può accusare una serie di disturbi dovuti al peso eccessivo; male alla schiena e al collo, irritazioni

Dettagli

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita Nei casi di grave e media asimmetria mammaria, non è possibile ottenere un buon risultato inserendo di prima istanza una protesi nella mammella, pertanto si deve preventivamente posizionare in regione

Dettagli

La ricostruzione del seno. informarsi, capire, parlare. Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti e amici

La ricostruzione del seno. informarsi, capire, parlare. Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti e amici La ricostruzione del seno Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti e amici Questa brochure si rivolge alle donne che dovranno subire, o hanno già subito, un intervento al seno a causa di un tumore

Dettagli

ore al Tumore al seno: dalla prevenzione alla terapia

ore al Tumore al seno: dalla prevenzione alla terapia ore al Tumore al seno: dalla prevenzione alla terapia rapia RCCS ultimedica Cosa è un Centro di Senologia Il Centro di Senologia dell Ospedale MultiMedica di Castellanza è un luogo di cura studiato per

Dettagli

ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente

ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente diagnosi differenziale: carcinoma della mammella sono elementi di sospetto: monolateralità, rapido sviluppo Primitiva: puberale,

Dettagli

CARCINOMA MAMMARIO: terapia chirurgica. Dott. Luca Rotunno

CARCINOMA MAMMARIO: terapia chirurgica. Dott. Luca Rotunno CARCINOMA MAMMARIO: terapia chirurgica Dott. Luca Rotunno LE DONNE VANNO INFORMATE SU: Scopi della terapia chirurgica. Possibili opzioni (chirurgia conservativa-demolitiva demolitiva- ricostruttiva). Vantaggi

Dettagli

1IEO - Istituto Europeo di Oncologia. Il tumore al seno

1IEO - Istituto Europeo di Oncologia. Il tumore al seno la Speranza, l Amore, la cura 1 Il tumore al seno Il tumore al seno 2 Introduzione La mammella è una ghiandola con funzioni importanti: produce il latte, ma è anche un organo in cui alcuni ormoni si trasformano

Dettagli

Perché mi devo sottoporre ad intervento di chirurgia mammaria?

Perché mi devo sottoporre ad intervento di chirurgia mammaria? Dir. Gen. e Sede Amm.va: Ospedale Policlinico Via Brunamonti, 51 06122 Perugia Sede Legale: Ospedale Silvestrini S. Andrea delle Fratte 06156 PERUGIA Partita IVA 02101050546 DIPARTIMENTO DI SCIENZE CHIRURGICHE

Dettagli

VIENE DEFINITA SULLA BASE DI UN INQUADRAMENTO DIAGNOSTICO PREOPERATORIO CONDIVISA A LIVELLO MULTIDISCIPLINARE CON LA DONNA

VIENE DEFINITA SULLA BASE DI UN INQUADRAMENTO DIAGNOSTICO PREOPERATORIO CONDIVISA A LIVELLO MULTIDISCIPLINARE CON LA DONNA LA STRATEGIA CHIRURGICA VIENE DEFINITA SULLA BASE DI UN INQUADRAMENTO DIAGNOSTICO PREOPERATORIO CONDIVISA A LIVELLO MULTIDISCIPLINARE CON LA DONNA IMAGING MICROISTOLOGIA TUMORE EREDO FAMILIARE CLINICA

Dettagli

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita La Skin Reducing Mastectomy è una tecnica di mastectomia e ricostruzione immediata con impianto protesico per le pazienti affette da neoplasia mammaria. Si può effettuare nel caso in cui il volume della

Dettagli

MASTECTOMIA ESERCIZI DI FISIOTERAPIA

MASTECTOMIA ESERCIZI DI FISIOTERAPIA MASTECTOMIA ESERCIZI DI FISIOTERAPIA Esercizi di fisioterapia In questo opuscolo sono riportati alcuni semplici esercizi che devono essere ripetuti quotidianamente sino al recupero totale della funzionalità

Dettagli

Alcune Informazioni per le Nostre Pazienti

Alcune Informazioni per le Nostre Pazienti Unità Operativa di Senologia Nessun altro tumore ha visto una così rapida progressione nella diagnosi e nella terapia. Oggi, la maggior parte dei tumori della mammella è guaribile, senza disfigurazioni

Dettagli

GINECOLOGIA. Guida al DAY SURGERY

GINECOLOGIA. Guida al DAY SURGERY GINECOLOGIA Guida al DAY SURGERY Gentile utente, questa guida contiene le informazioni utili per accedere al Day Surgery. Le indicazioni che troverà nella guida la faciliteranno nel percorso pre e post

Dettagli

CHIRURGIA ESTETICA DEL CORPO

CHIRURGIA ESTETICA DEL CORPO CHIRURGIA ESTETICA DEL CORPO SENO Il seno rappresenta uno degli elementi essenziali della femminilità ed è visto come il simbolo della sessualità e della maternità. Il seno ideale è di forma emisferica

Dettagli

Breast Unit. azienda Ulss 12 veneziana

Breast Unit. azienda Ulss 12 veneziana Breast Unit unità interdipartimentale di Senologia informazioni sul tumore al seno, sugli aspetti chirurgici e di chirurgia ricostruttiva e indicazioni per il dopo intervento azienda Ulss 12 veneziana

Dettagli

Chirurgia Plastica all'istituto Europeo di Oncologia: Informazione al Paziente

Chirurgia Plastica all'istituto Europeo di Oncologia: Informazione al Paziente Introduzione Chirurgia Plastica all'istituto Europeo di Oncologia: Informazione al Paziente Nell'ultima decade molta attenzione è stata dedicata al miglioramento della qualità della vita dei pazienti oncologici;

Dettagli

Il tumore della mammella

Il tumore della mammella Il tumore della mammella LA RIABILITAZIONE Deborah Ferro 17 gennaio 2014 DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE ULSS7 Direttore Dott.ssa FRANCESCA GATTINONI Emanue la Farina fisioterapist e IL RUOLO DELLA RIABILITAZIONE

Dettagli

Il Tumore al seno Saperne di più

Il Tumore al seno Saperne di più Il Tumore al seno Saperne di più Il seno è un insieme di ghiandole e tessuto adiposo. Le strutture ghiandolari sono unite tra loro a formare un lobo. In un seno ci sono tra 15 e 20 lobi. Il latte giunge

Dettagli

PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Il ritorno a casa. Come contattarci. Indirizzi utili. Una guida per le pazienti del Centro di Senologia della Svizzera Italiana

Il ritorno a casa. Come contattarci. Indirizzi utili. Una guida per le pazienti del Centro di Senologia della Svizzera Italiana Come contattarci Centro di Senologia della Svizzera Italiana Tel. +41 (0)91 811 65 00 senologia@eoc.ch www.eoc.ch Reparto di Ginecologia - Ospedale San Giovanni, Bellinzona Tel. +41 (0)91 811 90 76 Reparto

Dettagli

Percentuale di soggetti operati entro 60 giorni dalla data della mammografia

Percentuale di soggetti operati entro 60 giorni dalla data della mammografia Codice Interno Definizione Fase PDTA Significato Denominatore Numeratore Formula Matematica Valore di Riferimento Fonti dati BC obj1 Percentuale di soggetti operati entro 60 giorni dalla data della mammografia

Dettagli

Fibromi uterini, le soluzioni possibili

Fibromi uterini, le soluzioni possibili Università Cattolica del Sacro Cuore Policlinico Universitario A. Gemelli ROMA Dipartimento per la Tutela della Salute della Donna e della Vita Nascente Dipartimento di Bioimmagini e Scienze Radiologiche

Dettagli

PACLITAXEL (Taxolo) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

PACLITAXEL (Taxolo) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI PACLITAXEL (Taxolo) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

... u n a p o s s i b i l i t à

... u n a p o s s i b i l i t à L a r i c o s t r u z i o n e d e l l a m a m m e l l a...... u n a p o s s i b i l i t à p e r u n a s c e l t a p e r s o n a l e Introduzione Questo opuscolo, frutto della nostra esperienza ormai ventennale

Dettagli

CONOSCERE 1. IL SENO COME E FATTO. Il seno è costituito da un insieme di ghiandole e tessuto adiposo ed è posto tra la pelle e la parete del torace.

CONOSCERE 1. IL SENO COME E FATTO. Il seno è costituito da un insieme di ghiandole e tessuto adiposo ed è posto tra la pelle e la parete del torace. 1. IL SENO COME E FATTO CONOSCERE Il seno è costituito da un insieme di ghiandole e tessuto adiposo ed è posto tra la pelle e la parete del torace. La ghiandola mammaria ha la funzione di produrre latte

Dettagli

Ricostruzione del seno

Ricostruzione del seno Ricostruzione del seno Le donne che hanno perso uno o entrambi i seni a causa del cancro possono desiderare di ricostruirli. Tale operazione può essere effettuata contemporaneamente alla rimozione del

Dettagli

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita L obiettivo della mastectomia Nipple-Sparing è di conservare il complesso areola-capezzolo, evitando un ulteriore mutilazione estetica del seno e riducendo così l impatto psicologico negativo, senza aumentare

Dettagli

IL LINFEDEMA CONSIGLI PRATICI

IL LINFEDEMA CONSIGLI PRATICI IL LINFEDEMA CONSIGLI PRATICI 1 I N D I C E pag. 1. Precauzioni nella vita di tutti i giorni 5 2. Sovrappeso.... 7 3. Lavoro... 7 4. Dal medico.... 8 5. Massaggi... 8 6. Sport... 9 7. Vacanze..... 9 8.

Dettagli

tumore della mammella: una risposta alle domande più frequenti della paziente. Collana per saperne di più

tumore della mammella: una risposta alle domande più frequenti della paziente. Collana per saperne di più tumore della mammella: una risposta alle domande più frequenti della paziente. Collana per saperne di più Cos è la mammella? La mammella è una ghiandola esocrina, la cui funzione è quella di produrre il

Dettagli

Unità Multidisciplinare di Senologia. Dedicato a te, donna. Percorso Senologico. con la collaborazione dell'associazione

Unità Multidisciplinare di Senologia. Dedicato a te, donna. Percorso Senologico. con la collaborazione dell'associazione Percorso Senologico Dedicato a te, donna Unità Multidisciplinare di Senologia con la collaborazione dell'associazione Percorso Senologico dedicato a te, donna Percorso senologico E' un percorso di accoglienza

Dettagli

P.O. Rho Passirana U.O. Recupero e Rieducazione Funzionale

P.O. Rho Passirana U.O. Recupero e Rieducazione Funzionale P.O. Rho Passirana U.O. Recupero e Rieducazione Funzionale dedicato alle donne 1 A cura di: Carmen Bonetto (Responsabile del progetto) Fulvia Basilico Cinzia Belingheri Bruno Bescapè Maria Enrica Borsani

Dettagli

Consenso informato relativo all intervento di mastopessi o mastopessia

Consenso informato relativo all intervento di mastopessi o mastopessia Consenso informato relativo all intervento di mastopessi o mastopessia La mastopessi si propone di rimodellare e risospendere la mammella senza ridurne ne aumentarne il volume. L operazione prevede lo

Dettagli

Riabilitazione motoria dopo intervento chirurgico al seno

Riabilitazione motoria dopo intervento chirurgico al seno Riabilitazione motoria dopo intervento chirurgico al seno Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l

Dettagli

RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE. Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova

RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE. Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova 1 RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova 2 Le informazioni trovate in questo opuscolo non sostituiscono il colloquio col

Dettagli

Seno. Personalmente, nell ambito della mia specializzazione, ho sempre nutrito un interesse particolare verso la chirurgia estetica del seno.

Seno. Personalmente, nell ambito della mia specializzazione, ho sempre nutrito un interesse particolare verso la chirurgia estetica del seno. Seno Personalmente, nell ambito della mia specializzazione, ho sempre nutrito un interesse particolare verso la chirurgia estetica del seno. Mastoplastica Additiva E uno degli interventi di chirurgia estetica

Dettagli

LA PREVENZIONE SENOLOGICA A TUTTE LE ETÀ

LA PREVENZIONE SENOLOGICA A TUTTE LE ETÀ LA PREVENZIONE SENOLOGICA A TUTTE LE ETÀ 1 2 3 SOMMARIO 3 Il tumore della mammella: dati epidemiologici 4 I fattori di rischio 6 I sintomi 7 La prevenzione 12 La terapia e la prognosi 15 Domande&Risposte

Dettagli

MASTOPLASTICA RIDUTTIVA: RIDUZIONE DEL VOLUME DEL SENO

MASTOPLASTICA RIDUTTIVA: RIDUZIONE DEL VOLUME DEL SENO MASTOPLASTICA RIDUTTIVA: RIDUZIONE DEL VOLUME DEL SENO La finalità dell'intervento chirurgico di mastoplastica riduttiva consiste nella diminuzione del volume del seno e il suo conseguente rimodellamento.

Dettagli

Approccio riabilitativo nelle donne operate al seno

Approccio riabilitativo nelle donne operate al seno Approccio riabilitativo nelle donne operate al seno La perdita del seno comporta per la Donna un grave danno psicologico con le conseguenze che nella sua vita di relazione tutto si sconvolge, e spesso

Dettagli

TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA

TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA Luigi Salvagno U.O. di Oncologia ANATOMIA DELLA GHIANDOLA MAMMARIA PROGRESSIONE TUMORALE La progressione neoplastica richiede

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

manuale di autobendaggio per linfedema di arto inferiore

manuale di autobendaggio per linfedema di arto inferiore iquaderni della iriabilitazione manuale di autobendaggio per linfedema di arto inferiore Struttura Complessa di Cure Palliative (Terapia del Dolore - Riabilitazione) Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale

Dettagli

DOXORUBICINA (Adriamicina) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

DOXORUBICINA (Adriamicina) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI DOXORUBICINA (Adriamicina) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ;

Dettagli

GLOSSARIO DEI TERMINI Interventi e trattamenti

GLOSSARIO DEI TERMINI Interventi e trattamenti GLOSSARIO DEI TERMINI Interventi e trattamenti A cura del D r.g.antonini RIASSUNTO Questo capitolo tratta in maniera semplice e comprensibile i termini utilizzati dai medici, spiegando sommariamente il

Dettagli

Guida Pratica dopo intervento di Chirurgia Senologica

Guida Pratica dopo intervento di Chirurgia Senologica Guida Pratica dopo intervento di Chirurgia Senologica Il Servizio di Riabilitazione Oncologica segue la paziente nel momento dell intervento e successivamente, durante le fasi di cura e di follow-up. A

Dettagli

CAPECITABINA (Xeloda)

CAPECITABINA (Xeloda) CAPECITABINA (Xeloda) 1 POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO SULL INTERVENTO DI. Mastopessi INFORMAZIONI GENERALI SULLA CHIRURGIA PLASTICA ESTETICA

PROSPETTO INFORMATIVO SULL INTERVENTO DI. Mastopessi INFORMAZIONI GENERALI SULLA CHIRURGIA PLASTICA ESTETICA PROSPETTO INFORMATIVO SULL INTERVENTO DI Mastopessi INFORMAZIONI GENERALI SULLA CHIRURGIA PLASTICA ESTETICA Lo scopo della Estetica è quello di correggere difetti o dismorfie di varia natura. Chi si aspetta

Dettagli

CISPLATINO + GLIVEC (Imatinib)

CISPLATINO + GLIVEC (Imatinib) CISPLATINO + GLIVEC (Imatinib) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Questo schema comprende i seguenti farmaci: cisplatino, imatinib. Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione

Dettagli

Centro di Senologia della Svizzera Italiana. Il ritorno a casa. Una guida per le pazienti del Centro di Senologia della Svizzera Italiana

Centro di Senologia della Svizzera Italiana. Il ritorno a casa. Una guida per le pazienti del Centro di Senologia della Svizzera Italiana Centro di Senologia della Svizzera Italiana Il ritorno a casa Una guida per le pazienti del Centro di Senologia della Svizzera Italiana A cura del personale infermieristico di: Centro di Senologia della

Dettagli

ore al Tumore al seno: dalla prevenzione alla terapia Senologia ultimedica

ore al Tumore al seno: dalla prevenzione alla terapia Senologia ultimedica ore al Tumore al seno: dalla prevenzione alla terapia rapia ruppo Senologia ultimedica Dove siamo Sede di Milano Sede di Sesto San Giovanni Ospedale San Giuseppe IRCCS MultiMedica Via San Vittore, 12 -

Dettagli

POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI CISPLATINO POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori informazioni:

Dettagli

INSTABILITA DI SPALLA PAZIENTE

INSTABILITA DI SPALLA PAZIENTE DOTT. MICHELE A. VERDANO SPECIALISTA IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA INSTABILITA DI SPALLA PAZIENTE 1 Dott. Michele A. Verdano L articolazione della spalla è tra le più mobili del corpo umano consentendo

Dettagli

CHIRURGIA GENERALE. Guida al DAY SURGERY

CHIRURGIA GENERALE. Guida al DAY SURGERY CHIRURGIA GENERALE Guida al DAY SURGERY Gentile utente, questa guida contiene le informazioni utili per accedere al Day Surgery. Le indicazioni che troverà nella guida la faciliteranno nel percorso pre

Dettagli

RADIOTERAPIA ESTERNA PER LA CURA DEI TUMORI GINECOLOGICI

RADIOTERAPIA ESTERNA PER LA CURA DEI TUMORI GINECOLOGICI RADIOTERAPIA ESTERNA PER LA CURA DEI TUMORI GINECOLOGICI Informazioni generali Gentile Signora, questo opuscolo è stato realizzato per fornire alcune utili informazioni a chi, come lei, deve seguire un

Dettagli

INFORMAZIONI MEDICHE PER L INTERVENTO CHIRURGICO DI SVUOTAMENTO LATERO-CERVICALE

INFORMAZIONI MEDICHE PER L INTERVENTO CHIRURGICO DI SVUOTAMENTO LATERO-CERVICALE UNITA OPERATIVA COMPLESSA DI OTORINOLARINGOIATRIA Direttore: Carlo Alicandri Ciufelli NOTA ORL 35 Revisione 1 del 09.09.2010 Pagina 1 di 5 INFORMAZIONI MEDICHE PER L INTERVENTO CHIRURGICO DI SVUOTAMENTO

Dettagli

Ricostruzione del seno. breve guida per le donne operate di carcinoma mammario

Ricostruzione del seno. breve guida per le donne operate di carcinoma mammario Ricostruzione del seno breve guida per le donne operate di carcinoma mammario 2 Con questa guida ADOCM Crisalide ha inteso offrire un aiuto a tutte le donne operate di carcinoma mammario e metterle in

Dettagli

VINCRISTINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VINCRISTINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VINCRISTINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori informazioni:

Dettagli

INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE

INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE Francesco Albanese, 67 anni Ex titolare di una impresa edile Operato 5 anni fa di protesi alle ginocchia Sul sito web www.storiedivitainmovimento.it

Dettagli

Cancro del seno. Cause. Sintomi. Diagnosi. Terapia. Prognosi. Informazioni a cura della Lega svizzera contro il cancro

Cancro del seno. Cause. Sintomi. Diagnosi. Terapia. Prognosi. Informazioni a cura della Lega svizzera contro il cancro Cancro del seno Cause Sintomi Diagnosi Terapia Prognosi Informazioni a cura della Lega svizzera contro il cancro Cancro del seno (carcinoma della mammella) Il cancro del seno è una neoplasia maligna originata

Dettagli

Lifting del seno con protesi

Lifting del seno con protesi Lifting del seno con protesi I seni di una donna aiutano a definire la sua femminilità e il suo individualismo, ma come altre zone del corpo, subiscono cambiamenti dovuti al processo di invecchiamento,

Dettagli

La Ricostruzione Mammaria

La Ricostruzione Mammaria La Ricostruzione Mammaria LA RICOSTRUZIONE MAMMARIA INTRODUZIONE Grazie ai progressi compiuti in campo chirurgico oggi è possibile ottenere un buon risultato estetico anche quando si renda necessario

Dettagli

GEMCITABINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

GEMCITABINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI GEMCITABINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori informazioni:

Dettagli

ORTOPEDIA. Guida al DAY SURGERY

ORTOPEDIA. Guida al DAY SURGERY ORTOPEDIA Guida al DAY SURGERY Gentile utente, questa guida contiene le informazioni utili per accedere al Day Surgery. Le indicazioni che troverà nella guida la faciliteranno nel percorso pre e post

Dettagli

www.slidetube.it Addominoplastica

www.slidetube.it Addominoplastica Addominoplastica Autori: Fabio Santanelli, Professore Associato, Titolare Cattedra di Chirurgia Plastica, Direttore Scuola di Specializzazione in Chirurgia Plastica, Università di Roma, Responsabile Unità

Dettagli

La ricostruzione mammaria

La ricostruzione mammaria La ricostruzione mammaria Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire, gli esercizi

Dettagli

Che cosa è un epidurale?

Che cosa è un epidurale? CONTROLLO DEL DOLORE POST-OPERATORIO CON L ANALGESIA EPIDURALE Questo foglietto vuole essere un informativa per il paziente e la sua famiglia circa il controllo del dolore postoperatorio attraverso l utilizzo

Dettagli

IN REGIME DI DAY SURGERY ERNIA INGUINALE ERNIA OMBELICALE ERNIA EPIGASTRICA LAPAROCELE

IN REGIME DI DAY SURGERY ERNIA INGUINALE ERNIA OMBELICALE ERNIA EPIGASTRICA LAPAROCELE Dipartimento Chirurgia Generale e Specialistiche Dott. V. Barbieri - Direttore PATOLOGIE CHIRURGICHE DELLA PARETE ADDOMINALE IN REGIME DI DAY SURGERY ERNIA INGUINALE ERNIA OMBELICALE ERNIA EPIGASTRICA

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO IN STADIO INIZIALE.

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO IN STADIO INIZIALE. PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO IN STADIO INIZIALE. 1. Stadiazione La stadiazione della paziente con tumore della mammella iniziale comprende l esame obiettivo, un emocromo e un

Dettagli

D R. F A B R I Z I O D E B I A S I O

D R. F A B R I Z I O D E B I A S I O MASTOPLASTICA RIDUTTIVA Questo documento di consenso informato è stato preparato per informarla circa l intervento di mastoplastica riduttiva, i possibili risultati, i suoi rischi ed i trattamenti alternativi.

Dettagli

UROLOGIA. Guida al DAY SURGERY

UROLOGIA. Guida al DAY SURGERY UROLOGIA Guida al DAY SURGERY Gentile utente, questa guida contiene le informazioni utili per accedere al Day Surgery. Le indicazioni che troverà nella guida la faciliteranno nel percorso pre e post operatorio

Dettagli

Intervento di blefaroplastica INFORMAZIONI

Intervento di blefaroplastica INFORMAZIONI Intervento di blefaroplastica INFORMAZIONI A COSA SERVE LA BLEFAROPLASTICA? La blefaroplastica è una procedura chirurgica che ha lo scopo di migliorare l aspetto estetico e la funzionalità delle palpebre,

Dettagli

PER PAZIENTI OPERATI ALLA SPALLA

PER PAZIENTI OPERATI ALLA SPALLA H H H Settore di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Nino Basaglia MODULO DIPARTIMENTALE ATTIVITÀ AMBULATORIALE Responsabile: Dott. Efisio

Dettagli

1) Perché devo subire due anestesie, cioè anche un anestesia regionale, se devo comunque essere sottoposta all anestesia generale?

1) Perché devo subire due anestesie, cioè anche un anestesia regionale, se devo comunque essere sottoposta all anestesia generale? ANESTESIA LOCALE (LOCOREGIONALE) PER LA CHIRURGIA DEL SENO: DOMANDE FREQUENTI Dott. med. A. Saporito, Capoclinica Servizio Anestesia ORBV 1) Perché devo subire due anestesie, cioè anche un anestesia regionale,

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

CARCINOMA DELLA MAMMELLA

CARCINOMA DELLA MAMMELLA CARCINOMA DELLA MAMMELLA TRATTAMENTO LOCO REGIONALE e ADIUVANTE NEOPLASIE INTRAEPITELIALI DELLA MAMMELLA Neoplasia Lobulare Intraepiteliale (LIN 2-3) Nessun trattamento (dopo la diagnosi) Resezione mammaria

Dettagli

tumore al seno Ciss Consorzio intercomunale per i servizi socio sanitari

tumore al seno Ciss Consorzio intercomunale per i servizi socio sanitari tumore al seno Ciss Consorzio intercomunale per i servizi socio sanitari Il Ciss, Consorzio Intercomunale per i Servizi Socio Sanitari, ha un ruolo strategico all interno dei Comuni associati, poiché attraverso

Dettagli

Riabilitazione motoria dopo intervento chirurgico al seno.

Riabilitazione motoria dopo intervento chirurgico al seno. Riabilitazione motoria dopo intervento chirurgico al seno. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Maurizio Bersani Direzione Generale Salute Regione Lombardia

Maurizio Bersani Direzione Generale Salute Regione Lombardia Maurizio Bersani Direzione Generale Salute Regione Lombardia Complessità Sistema Sanitario e Sociosanitario Natura delle patologie stadio ed evoluzione necessità assistenziali Domanda popolazione che esprime

Dettagli

U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI

U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI PROTOCOLLO INFERMIERISTICO-TECNICO P.I.T. 1F N 02 GESTIONE DEL PAZIENTE EMOFILICO PREMESSA I pazienti con emofilia

Dettagli

Tumore al seno risposte alle domande più frequenti

Tumore al seno risposte alle domande più frequenti risposte al Un opuscolo informativo di mamazone - Alto Adige Frauen und Forschung gegen Brustkrebs Onlus Donne e ricerca contro il tumore al seno A un certo momento della nostra esistenza, perdiamo il

Dettagli

BLEFAROPLASTICA LA CHIRURGIA DELLE PALPEBRE

BLEFAROPLASTICA LA CHIRURGIA DELLE PALPEBRE BLEFAROPLASTICA LA CHIRURGIA DELLE PALPEBRE dottor Alessandro Gennai CHIRURGIA PLASTICA RICOSTRUTTIVA ed ESTETICA dottor Luigi Izzo CHIRURGIA PLASTICA RICOSTRUTTIVA ed ESTETICA Gentilissima/o Paziente,

Dettagli

RADIOTERAPIA INFORMAZIONI

RADIOTERAPIA INFORMAZIONI RADIOTERAPIA INFORMAZIONI Lo scopo di questo opuscolo è fornire al paziente e ai familiari alcune semplici informazioni per conoscere meglio la radioterapia e affrontare il trattamento nel modo più sereno

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli