I CREDITI: APPROFONDIMENTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I CREDITI: APPROFONDIMENTI"

Transcript

1 I CREDITI: APPROFONDIMENTI 1

2 2 1. I crediti: l esposizione in bilancio Per quanto riguarda i CREDITI, li ritroviamo in tutte e quattro le macroclassi dell Attivo Circolante. A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti, con separata indicazione della parte già richiamata. Si tratta dei crediti vantati verso i sottoscrittori del capitale di rischio e rappresenta una rettifica indiretta della macroclasse A del passivo Patrimonio netto. B) Fra le immobilizzazioni finanziarie, alla voce 2 troviamo i crediti di finanziamento, indipendentente dalla loro scadenza, secondo la seguente suddivisione: 2) Crediti (con separata indicazione, per ciascuna voce dei crediti, degli importi esigibili entro l esercizio successivo) verso: a) imprese controllate b) imprese collegate c) imprese controllanti d) altre imprese C) Nella classe CII dell Attivo circolante troviamo i crediti di funzionamento indipendentente dalla loro scadenza (con separata indicazione, per ciascuna voce dei crediti, degli importi esigibili entro l esercizio successivo): 1) verso clienti 2) vero imprese controllate 3) verso imprese collegate 4) verso controllanti 4-bis) crediti tributari 4-ter) imposte anticipate 5) verso altri Le voci 4-bis e 4-ter sono state introdotte dal D.Lgs. n 6/2003 e si riferiscono a poste che, in precedenza, andavano ricomprese nella voce n 5 crediti verso altri. La voce n 5 (Altri) è residuale e può comprendere crediti per depositi cauzionali a breve, crediti verso dipendenti, ecc.. D) Nella macroclasse D, fra i ratei ed i risconti troviamo infine i ratei attivi che sono particolari classi di crediti. Come si comprende, le poste contabili più importanti relative ai crediti sono quelle contenute nelle immobilizzazioni e nell attivo circolante (macroclassi B e C). 2. I crediti commerciali valutati secondo la normativa civilistica ed i principi contabili nazionali. Per il codice civile i crediti devono essere iscritti al presumibile valore di realizzazione, cioè al netto di eventuali fondi di svalutazione. Il codice non specifica quali crediti debbano essere svalutati, quindi in linea di principio tale criterio deve valere per tutti i crediti, qualora ne ricorrano i presupposti (ovvero il rischio di insolvenza). Tuttavia, non tutte le classi sono soggette al medesimo rischio di insolvenza. Esso deve essere ritenuto nullo per i ratei attivi e molto basso per i crediti verso i soci. È inoltre difficilmente ipotizzabile che i crediti vantati verso lo stato, enti pubblici, ecc. possano non essere integralmente recuperati. Sono dunque a rischio di insolvenza i crediti, sia commerciali che finanziari vantati vantati verso soggetti diversi da quelli sopra riportati.

3 Come anticipato, il criterio fondamentale inerente la valutazione dei crediti è, anzitutto, una regola di buon senso. Invero, sia secondo il dettato civilistico, che quello dei principi contabili nazionali i quali sono praticamente identici essi devono essere iscritti al «valore di realizzo presunto». Più precisamente, il punto 8) dell art c.c., riguardante i criteri di valutazione dei crediti, stabilisce che essi «[...] devono essere iscritti secondo il valore presumibile di realizzazione», mentre i principi contabili stabiliscono che i «[...] crediti vanno esposti in bilancio al valore di presunto realizzo». Ciò posto, occorre rilevare che il codice civile, una volta enunciato il principio generale di valutazione, nulla indica rispetto alle concrete metodologie da adottare. Come per le altre voci di bilancio, il valutatore deve perciò fare riferimento alla prassi ed ai principi contabili. I principi contabili, in particolare, si soffermano diffusamente sulla valutazione dei soli crediti commerciali. Ciò in quanto essi rappresentano normalmente la parte preponderante o esclusiva dei crediti iscritti in bilancio di un azienda industriale, commerciale o di servizi. Secondariamente, la valutazione dei crediti finanziari può desumersi, con gli opportuni adattamenti, da quella dei crediti commerciali. Peraltro, la richiamata norma generale del codice del presunto realizzo, apparentemente semplice, è di non agevole applicazione. In termini concreti, per determinare il valore da attribuire ai crediti in bilancio i principi contabili nazionali segnalano che occorre, anzitutto, prendere le mosse dal loro valore nominale. Esso rappresenta, ovviamente, un valore ideale, il quale molto difficilmente si traduce tale e quale senza subire variazioni. Ciò in quanto il valore dell effettivo incasso può risultare diminuito per i seguenti motivi: perdite di inesigibilità; resi e rettifiche di fatturazione; sconti ed abbuoni; interessi non maturati; altre cause. Ferma restando la possibile incidenza di tutti i fattori citati sul valore dei crediti iscrivibile in bilancio, le perdite di inesigibilità rappresentano senz altro quello più importante. Per questo motivo, la prassi contabile prevede un intervento specifico, da attuare mediante svalutazione del valore nominale dei crediti per mezzo dell accensione di un apposita posta correttiva denominata «fondo rischi su crediti» o «fondo svalutazione crediti». A fronte della costituzione del fondo in questione viene inserito nel conto economico uno specifico accantonamento pari al valore delle perdite presunte, la cui determinazione risulta di solito alquanto complessa ed aleatoria. Una tale difficoltà scaturisce dal fatto che in azienda si ha soltanto la percezione di elementi difficilmente conoscibili alla chiusura dell esercizio, per cui si è costretti a ricorrere ad astrazioni e congetture, la cui fondatezza è verificabile esclusivamente ex post. Naturalmente, la sovrastima o la sottovalutazione di tale quota di costo, espressione dell aliquota di perdita temuta, incide sulla determinazione dell utile dell esercizio e, di riflesso, sulla consistenza contabile del patrimonio aziendale. 3

4 Gli amministratori devono, quindi, svolgere un accurata analisi del rischio di insolvenza gravante sui crediti, da considerare singolarmente e nel loro complesso, per definire il valore più attendibile da iscrivere in bilancio. Tale operazione, ovviamente, richiede l attenta considerazione della situazione in cui versa l impresa e le delle tendenze e delle condizioni del mercato in cui essa opera. Oltre a ciò, occorre considerare le doti di moralità, le abitudini e le condizioni economiche dei debitori. Infine, devono essere attentamente valutate anche le garanzie fornite a supporto. Ciò posto, secondo i principi contabili nazionali, allo scopo di stanziare un adeguato fondo svalutazione, si deve procedere come segue: analizzare i singoli crediti e le correlative perdite presunte per ciascuna situazione di inesigibilità già manifestatasi; stimare le ulteriori perdite presunte in base all esperienza e ad ogni ulteriore elemento utile; valutare l andamento degli indici di «anzianità» globale dei crediti rispetto a quelli degli esercizi precedenti; tener conto delle condizioni economiche generali, di settore e di «rischio paese». Ad integrazione o in sostituzione del suddetto procedimento (analitico), in determinate circostanze, si suggerisce la possibilità di stimare le perdite presunte per mezzo di un procedimento più semplice (sintetico) che si avvale di formule pratiche (utilizzo di percentuali) che dovrebbero però essere sottoposte a verifica periodica. Peraltro, viene segnalato come tali formule siano ritenute accettabili solo qualora conducano a risultati sostanzialmente analoghi a quelli ottenuti utilizzando il metodo analitico precedentemente descritto. A ben vedere, tuttavia, talvolta la stima sintetica può rappresentare addirittura una scelta obbligata, o comunque preferibile. Ad esempio, essa è senz altro di più agevole applicazione in presenza di numerosi crediti di piccolo importo unitario e conduce, di norma, a risultati sufficientemente affidabili quando tali crediti sono marcatamente eterogenei. Un alternativa, che è anche una via di mezzo fra i due procedimenti (procedimento misto), può essere quella di raggruppare i crediti per categorie omogenee (ad esempio: sicuramente solvibili, leggermente incerti, altamente incerti, sicuramente insolvibili) e applicare percentuali di svalutazione differenziate per ciascuna di tali categorie. In definitiva, i procedimenti sintetici (o misti) per la valutazione globale dei crediti sono i più utilizzati e comportano, come segnalato, l uso di percentuali di svalutazione da applicare al loro valore nominale. I più comuni prevedono l utilizzo di percentuali presunte di svalutazione, oppure calcolate in funzione di dati storici quali il confronto fra le perdite su crediti subite nel periodo e le vendite effettuate nel medesimo oppure, ancora, l applicazione di percentuali diverse in funzione dell «età» dei crediti. Ad ogni buon conto, il metodo migliore è quello prospettico, ovvero quello che, sulla base della conoscenza passata, tenta di stabilire ciò che ragionevolmente potrà accadere. Pertanto, partendo dalla esperienza maturata, si cerca di individuare una appropriata percentuale di svalutazione, dopo aver escluso i componenti di natura occasionale quindi non riproducibili e aver cercato di prendere in considerazione le eventuali condizioni prospettiche connesse ai crediti in atto. 4

5 Per la determinazione del valore «di presunto realizzo», si deve poi considerare l eventuale incidenza degli ulteriori elementi rettificativi citati in precedenza, ed in particolare: resi e rettifiche di fatturazione; sconti ed abbuoni; interessi non maturati; altre cause di minor realizzo. Invero, la possibilità che, dopo la chiusura dell esercizio, si manifestino restituzioni di prodotti da parte dei clienti, dovrebbe suggerire un congruo stanziamento atto a fronteggiare tale eventualità. I motivi che possono condurre ad una tale eventualità sono numerosi, ma sostanzialmente riconducibili a differenze quantitative o qualitative relativamente ai prodotti consegnati, nonché a ritardi di consegna, ad errori di conteggi o ad altri fattori fisiologici, che, proprio perché ricorrenti nell ambito delle compravendite, è abbastanza semplice stimare e prevedere. Analogamente, deve essere valutata la possibilità di un minor incasso dovuto alla concessione di sconti o abbuoni, di norma per il pagamento anticipato, o all applicazione di rettifiche di vario tipo del valore sottoposto a fatturazione. Anche la considerazione degli interessi non maturati o «impliciti» assume rilevanza per la valutazione dei crediti commerciali, in particolare per quelli a medio/lungo termine. Invero, i crediti a lunga scadenza derivano di solito dalla concessione di prestiti, ma, anche se raramente, possono essere costituiti anche da crediti di funzionamento legati alle operazioni caratteristiche di gestione. Sarebbe pertanto scorretto, in questi casi, trascurare l effetto finanziario causato dalla presenza di un interesse attivo, implicito o solo in parte esplicito, da ricomprendere nel corrispettivo pattuito, ma non ancora maturato del tutto. Si pone allora il problema di determinare il tasso di interesse ed il periodo di tempo, al fine dell attualizzazione dei crediti stessi, con la possibilità per gli amministratori di formulare giudizi e valutazioni più o meno discrezionali. Dal punto di vista metodologico, il loro valore dovrebbe venire rettificato sulla base del principio della competenza, attraverso l iscrizione degli interessi da differire temporalmente all interno dei «risconti passivi». Ad evidenza, tale attualizzazione consente di determinare in modo «corretto» il risultato economico ed il relativo patrimonio di periodo. Nell attribuzione del valore possono incidere ulteriori cause di minor realizzo legate, ad esempio, al sostenimento di spese in sede di riscossione di alcune particolari classi di crediti, le quali devono essere opportunamente previste. Talvolta, inoltre, un minore realizzo può derivare da contestazioni sorte fra compratore e venditore in materia di inadempienza contrattuale, di vizi occulti e di garanzie accordate. Infine, i crediti espressi in valuta, possono originare un minor realizzo, rappresentato da eventuali differenze negative di cambio. Conseguentemente, deve essere tenuta in debita considerazione anche l eventuale problematica relativa al rischio di cambio. 5

6 6 3. I crediti commerciali valutati secondo la normativa fiscale. Dal punto di vista fiscale la valutazione dei crediti è attualmente disciplinata dall articolo 106 del testo unico delle imposte sui redditi (T.U.I.R.). Tale articolo, intitolato rappresenta una deroga al principio generale di certezza ed oggettiva determinabilità dei componenti del reddito imposta dall art. 109 T.U.I.R.. Invero, in virtù del citato art. 106, ai fini del calcolo del reddito imponibile viene ammessa la deduzione di una perdita presunta in relazione all incasso dei crediti commerciali. Nello specifico, esso permette di dedurre, in ciascun esercizio, accantonamenti nel limite dello 0,50 per cento dell ammontare complessivo costituito indifferentemente dal valore nominale o di acquisizione dei soli crediti commerciali risultanti in bilancio, non coperti da garanzia assicurativa, derivanti dalle cessioni di beni e dalle prestazioni di servizi da cui scaturiscono ricavi, così come elencati nel primo comma dell art. 85 della stessa normativa. In altri termini, il fisco non consente di dedurre costi relativi a perdite presunte su crediti di natura finanziaria o diversa ( 1 ). Tale deduzione è ammessa fino al raggiungimento, nell ambito dello specifico fondo di svalutazione, del cinque per cento dei crediti indicati alla fine dell esercizio ( 2 ). Sono consentiti eventuali accantonamenti superiori a tale percentuale, ma ciò genera una ripresa fiscale in sede di dichiarazione dei redditi, con un conseguente ampliamento della base imponibile. Sono ovviamente ammesse in deduzione dal reddito di esercizio, in virtù dell art. 101 T.U.I.R., quinto comma, le perdite su crediti derivanti da elementi certi e precisi e, in ogni caso, quelle inerenti i crediti vantati verso un soggetto assoggettato ad una procedura concorsuale. Se l azienda, negli esercizi precedenti, aveva già portato in deduzione tramite svalutazioni o accantonamenti parte del relativo costo, la deducibilità sarà limitata alla quota di costo non ancora imputata. Peraltro, poiché a differenza delle norme civilistiche, quelle fiscali sono relativamente rigide, è opportuno riflettere sull «ammontare complessivo» dei crediti che, per il testo unico, è possibile assoggettare ad accantonamento per rischi. Invero, al riguardo si rileva che l articolo 106, comma 1, T.U.I.R., opera sul valore complessivo dei crediti iscritti in bilancio, a differenza della normativa civilistica, per la quale, come illustrato, la svalutazione deve essere effettuata, di norma, con riferimento ad ogni singolo credito o, al limite, per categorie omogenee di crediti. Ne deriva che l accantonamento fiscale è determinato prescindendo completamente dall analisi dell esigibilità dei singoli crediti e dei relativi rischi di insolvenza. Si tratta, pertanto, di un accantonamento di tipo «forfetario». In termini tecnici, si è soliti parlare di «massa creditizia», ovvero del complesso dei crediti su cui applicare la percentuale stabilita dalla legge. Invero, la sua determinazione non è semplice, in quanto le tipologie di crediti coinvolte sono numerose e suscitano notevoli dubbi interpretativi. ( 1 ) Ovviamente, tale principio non vale per le banche e gli altri enti finanziari, per i quali i crediti di finanziamento rappresentano la quasi totalità dei crediti. Anzi, per tali categorie di aziende i crediti di prestito sono dei veri e propri crediti commerciali e per questo motivo il fisco ammette anche in questo caso con specifici limiti - la deduzione per le relative perdite presunte. ( 2 ) Tale accantonamento è però consentito solo ai fini del calcolo dell IRES e dell IRE. Ai fini IRAP, infatti, l art. 5 del D.Lgs. 15 dicembre 1997, n 446, esclude la loro deducibilità. Da tempo, peraltro, si discute in merito, in sede politica e tecnica, sull opportunità di abrogazione di tale imposta.

7 7 Alla luce della lettura congiunta del citato articolo 85 del T.U.I.R. ricadono nella massa creditizia: i crediti derivanti dalla vendita dei prodotti e dei servizi di cui è oggetto l attività aziendale; i crediti derivanti dalla vendita di materie prime e sussidiarie, di semilavorati ed altri beni mobili da utilizzarsi nella produzione; i crediti derivanti dalla cessione di azioni, obbligazioni ed altri titoli di serie e di massa; i crediti derivanti dall ottenimento di contributi di natura contrattuale o di enti pubblici. Non entrano invece nella massa creditizia i seguenti crediti: anticipi a fornitori; anticipi a dipendenti e ad altri soggetti; crediti di finanziamento. Oltre a ciò, occorre rilevare che il Ministero delle Finanze ha, in diverse occasioni, fornito chiarimenti in merito ai crediti da conteggiare nella massa creditizia ai fini del calcolo della percentuale di accantonamento. In primo luogo, si rammentano le cambiali attive emesse a fronte della cessione di beni alla cui produzione o scambio è diretta l attività dell impresa che hanno formato oggetto di sconto e sulle quali grava pertanto il rischio di regresso. Esse sono escluse dal calcolo della massa creditizia. Alla medesima conclusione si giunge per quanto concerne i crediti ceduti a società di factoring, e ciò indipendentemente dalla presenza della clausola «pro-solvendo» o «pro-soluto». Invero, in entrambi i casi, l eventuale retrocessione del credito da parte dell anticipatore o dello scontatore è, almeno giuridicamente, una facoltà, quindi è solo eventuale. Questi crediti potranno pertanto essere computati solo qualora vengano effettivamente retrocessi da parte della società che li aveva presi in carico. Sono altresì esclusi dal computo della massa creditizia i crediti derivanti da cessioni di beni strumentali o da prestiti a chiunque fatti o da depositi bancari o da finanziamenti a società controllate o collegate, salvo non si tratti di aziende che hanno per oggetto specifico l assunzione di partecipazioni ed il finanziamento delle società cui partecipano e i crediti coperti da garanzia assicurativa, poiché i premi pagati alla compagnia di assicurazione costituiscono componenti negativi di reddito e come tali sono deducibili. 4. Il confronto con i principi contabili internazionali (IAS-IFRS) Rispetto alle regole imposte dal codice civile e applicate dai principi contabili nazionali, i principi contabili internazionali non differiscono in maniera sostanziale. L unica differenza da rilevare riguarda la contabilizzazione dei versamenti ancora dovuti dai soci a fronte del capitale sociale. Secondo gli IAS/IFRS questi devono essere portati a detrazione del netto patrimoniale: ne consegue che il valore del capitale sociale risulta iscritto in bilancio solo per l importo già versato.

730, Unico 2013 e Studi di settore

730, Unico 2013 e Studi di settore 730, Unico 2013 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 15 14.05.2014 La svalutazione dei crediti Disciplina fiscale ed esempi di compilazione del modello Unico14 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria:

Dettagli

Le perdite su crediti

Le perdite su crediti Il bilancio 2013 : novità e criticità Le perdite su crediti dott. Paolo Farinella Commissione Principi Contabili ODCEC Milano Milano 28 febbraio 2014 sede corso Europa 11 0. Introduzione Sintesi argomenti

Dettagli

OIC 15: novità sulla valutazione dei crediti

OIC 15: novità sulla valutazione dei crediti S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I nuovi principi contabili nazionali OIC 15: novità sulla valutazione dei crediti CLAUDIA MEZZABOTTA 1 dicembre 2014 Sala Conferenze Biblioteca Comunale Cernusco

Dettagli

10/09 Cliente X a Diversi 600 Merci c/vendite 500 Iva c/vendite 100

10/09 Cliente X a Diversi 600 Merci c/vendite 500 Iva c/vendite 100 Nel normale svolgimento della propria attività, l impresa si trova talvolta, per scelta o per il verificarsi di determinate circostanze, a dover gestire particolari adempimenti contabili relativi alla

Dettagli

PROSPETTO SVALUTAZIONE CREDITI DEDUCIBILI

PROSPETTO SVALUTAZIONE CREDITI DEDUCIBILI PROSPETTO SVALUTAZIONE CREDITI DEDUCIBILI INTRODUZIONE ASPETTI CIVILISTICI Ai sensi dell art. 2426 comma 1, punto 8) del cod. civile i crediti devono essere iscritti in bilancio in base al loro presumibile

Dettagli

E.S.CO. BERICA SRL Bilancio al 31/12/2013

E.S.CO. BERICA SRL Bilancio al 31/12/2013 E.S.CO. BERICA SRL Sede legale: VIA CASTELGIUNCOLI, 5 LONIGO (VI) Iscritta al Registro Imprese di VICENZA C.F. e numero iscrizione 03510890241 Iscritta al R.E.A. di Vicenza n. 221382 Capitale Sociale sottoscritto

Dettagli

LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE

LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE SOCIETÀ DI PERSONE La base imponibile Irap delle imprese individuali e delle società di persone, secondo quanto stabilito dall

Dettagli

LEASING, LEASE-BACK E FACTORING

LEASING, LEASE-BACK E FACTORING ESERCIZIO 1 MAXICANONE DI LEASING LEASING, LEASE-BACK E FACTORING Il contratto di leasing può prevedere, oltre ai canoni mensili, il pagamento di un maxicanone iniziale. In tale ipotesi la quota del canone

Dettagli

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Le scritture di assestamento sono le scritture di fine periodo che modificano, con operazioni di storno e di integrazione, i «dati grezzi» desunti dalla contabilità generale

Dettagli

LA DEDUZIONE DELLE PERDITE SU CREDITI NEL MODELLO UNICO a cura di Giovanni Valcarenghi e Sergio Pellegrino

LA DEDUZIONE DELLE PERDITE SU CREDITI NEL MODELLO UNICO a cura di Giovanni Valcarenghi e Sergio Pellegrino LA DEDUZIONE DELLE PERDITE SU CREDITI NEL MODELLO UNICO a cura di Giovanni Valcarenghi e Sergio Pellegrino Considerazioni iniziali Le modifiche alla disciplina che regola la deducibilità delle perdite

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE N 15

PRINCIPIO CONTABILE N 15 Corso di ragioneria generale ed applicata Prof. Paolo Congiu A. A. 2013-2014 1 PRINCIPIO CONTABILE N 15 CREDITI = valori numerari che si ha il diritto di esigere a date scadenze. DISTINZIONE CREDITI IN

Dettagli

TEMA 6. Aspetti civilistici e fiscali della svalutazione dei crediti

TEMA 6. Aspetti civilistici e fiscali della svalutazione dei crediti TEMA 6 75 Aspetti civilistici e fiscali della svalutazione dei crediti di Gian Carlo Bondi Per ragioni di semplicità, negli esempi si ipotizza che il Fondo rischi su crediti preesistente coincida con le

Dettagli

Università degli Studi di Cassino e del Lazio meridionale Dipartimento di Economia e Giurisprudenza ECONOMIA AZIENDALE. Anno Accademico 2014-2015

Università degli Studi di Cassino e del Lazio meridionale Dipartimento di Economia e Giurisprudenza ECONOMIA AZIENDALE. Anno Accademico 2014-2015 Università degli Studi di Cassino e del Lazio meridionale Dipartimento di Economia e Giurisprudenza ECONOMIA AZIENDALE Anno Accademico 2014-2015 Parte speciale: la logica e il sistema delle rilevazioni

Dettagli

Oggetto: CREDITI: CESSIONI E PERDITE RILEVAZIONI CONTABILI

Oggetto: CREDITI: CESSIONI E PERDITE RILEVAZIONI CONTABILI www..com posta@.com Altavilla Vicentina, 5 febbraio 2007 associati dottori commercialisti pierpaolo baldinato gabriele pantaleoni tirocinanti dottori commercialisti viviana gentile gaia peloso collaboratori

Dettagli

Crediti in nota integrativa

Crediti in nota integrativa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 139 13.0.2014 Crediti in nota integrativa Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Nota integrativa Secondo lo schema di Stato patrimoniale

Dettagli

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005 EMAN SOFTWARE S.P.A. SEDE LEGALE: MILANO Viale Monza 265 CAPITALE SOCIALE: Euro 120.000.= i.v. CODICE FISCALE: 04441590967 CCIAA di Milano nº 1747663 REA REGISTRO IMPRESE di Milano nº 04441590967 Società

Dettagli

Disciplina fiscale Lezione 5 I crediti

Disciplina fiscale Lezione 5 I crediti Disciplina fiscale Lezione 5 I crediti Perdite su crediti Le perdite su crediti, sia nazionali che esteri, sono deducibili solo se risultano da elementi certi e precisi. Sono in ogni caso deducibili quando

Dettagli

RISOLUZIONE N. 98/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 98/E QUESITO RISOLUZIONE N. 98/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 dicembre 2013 OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento fiscale della svalutazione civilistica di beni materiali

Dettagli

Il trattamento civilistico e contabile del leasing

Il trattamento civilistico e contabile del leasing ? INQUADRAMEN TEMA 9 - IL TRATTAMENTO CIVILISTICO E CONTABILE DEL LEASING TEMA 9 Il trattamento civilistico e contabile del leasing Dopo aver illustrato le diverse finalità del leasing finanziario rispetto

Dettagli

Dicembre 2003. Principi contabili internazionali e nazionali - immobilizzazione finanziarie: titoli e partecipazioni, di Michele Iori

Dicembre 2003. Principi contabili internazionali e nazionali - immobilizzazione finanziarie: titoli e partecipazioni, di Michele Iori Dicembre 2003 Principi contabili internazionali e nazionali - immobilizzazione finanziarie: titoli e partecipazioni, di Michele Iori I Principi contabili nazionali distinguono fra due categorie di partecipazioni

Dettagli

ESERCITAZIONE DEL 25 MAGGIO 2012

ESERCITAZIONE DEL 25 MAGGIO 2012 ESERCITAZIONE DEL 25 MAGGIO 2012 NUMERO 1 Nel bilancio di verifica della Giallo S.p.A. risultano, tra gli altri, i seguenti valori relativi ai crediti della società: Crediti verso clienti 52.000 Crediti

Dettagli

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O Sede in SPEZZANO DELLA SILA Codice Fiscale 02328170788 - Numero Rea COSENZA 157898 P.I.: 02328170788 Capitale Sociale Euro 42.400 i.v. Forma giuridica: SOCIETA'

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL VIA PALLODOLA 23 19038 - SARZANA (SP) CODICE FISCALE 00148620115 CAPITALE SOCIALE EURO 844.650 BILANCIO DI ESERCIZIO CHIUSO AL 31.12.2013 Nota integrativa La presente

Dettagli

FISCALITA DIFFERITA E ANTICIPATA OIC 25

FISCALITA DIFFERITA E ANTICIPATA OIC 25 FISCALITA DIFFERITA E ANTICIPATA OIC 25 PREVALENZA DELLA SOSTANZA SULLA FORMA Compravendita con obbligo di retrocessione Il lavoro interinale Operazioni di retrolocazione (Lease Back) 1 FISCALITA DIFFERITA

Dettagli

Schema di stato patrimoniale. Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale. Stato patrimoniale - ATTIVO. Stato patrimoniale - ATTIVO

Schema di stato patrimoniale. Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale. Stato patrimoniale - ATTIVO. Stato patrimoniale - ATTIVO Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale analisi bilancio 1 Schema di stato patrimoniale ATTIVO PASSIVO A) Crediti verso soci A) Patrimonio netto B) Immobilizzazioni B) Fondi per rischi e oneri C)

Dettagli

STUDIO MURER COMMERCIALISTI

STUDIO MURER COMMERCIALISTI 1 R E N A T O M U R E R G A B R I E L E G I AM B R U N O R O B E R T A F A Z Z A N A C A R M E N B A T T I S T E L DOTTORI COMMERCIALISTI REVISORI CONTABILI San Donà di Piave, 10 dicembre 2002 Alle Spett.li

Dettagli

Dott. Pasquale SAGGESE

Dott. Pasquale SAGGESE INTERESSI PASSIVI: MODALITÀ DI CONTABILIZZAZIONE E PROFILI FISCALI Dott. Pasquale SAGGESE Diretta 20 aprile 2009 SOGGETTI IRES - DISCIPLINA FISCALE COMMA 1: CRITERIO GENERALE DI DEDUCIBILITÀ DEGLI ONERI

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI & ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI Sede in VIA N. COLAJANNI 4-00100 ROMA Stato patrimoniale attivo 31/12/2014 31/12/2013 A) Immobilizzazioni I. Immateriali 24.229

Dettagli

Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai fini IRES e IRAP

Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai fini IRES e IRAP Calcolo del Reddito Imponibile di una Spa ai In base alle risultanze del Conto Economico, e tenendo conto delle le informazioni che seguono, si determini: L imponibile IRES L IRES liquidata (l aliquota

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 178 COMPUTO DEGLI AMMORTAMENTI

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

Corso di bilancio e principi contabili

Corso di bilancio e principi contabili Corso di bilancio e principi contabili Quinta lezione: Lo stato patrimoniale Prof. Alessandro Zattoni - Università Parthenope di Napoli 1 LO SCHEMA DELLO STATO PATRIMONIALE A SEZIONI DIVISE E CONTRAPPOSTE

Dettagli

CONSORZIO TURISTICO AREA PISANA società consortile a responsabilità limitata

CONSORZIO TURISTICO AREA PISANA società consortile a responsabilità limitata società consortile a responsabilità limitata Sede Via Pietrasantina c/o Bus Terminal - 56100 PISA (PI) Codice Fiscale, partita IVA e iscrizione Registro Imprese di Pisa n. 0170429 050 9 Repertorio Economico

Dettagli

Magazzino: regole di bilancio e fiscali

Magazzino: regole di bilancio e fiscali Numero 53/2011 Pagina 1 di 8 Magazzino: regole di bilancio e fiscali Numero : 53/2011 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : BILANCIO LA VALUTAZIONE DEL MAGAZZINO PRINCIPIO CONTABILE OIC N. 13, CODICE CIVILE

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

COSTI PLURIENNALI: L IMPATTO SUL BILANCIO DI ESERCIZIO

COSTI PLURIENNALI: L IMPATTO SUL BILANCIO DI ESERCIZIO Circolare N. 28 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 14 aprile 2009 COSTI PLURIENNALI: L IMPATTO SUL BILANCIO DI ESERCIZIO Una tra le più ricorrenti problematiche inerenti la chiusura di bilancio

Dettagli

Bilancio di esercizio Dichiarazione dei Redditi. Relazione tra. Risultato ante imposte reddito imponibile. Si pongono diversi problemi:

Bilancio di esercizio Dichiarazione dei Redditi. Relazione tra. Risultato ante imposte reddito imponibile. Si pongono diversi problemi: Relazione tra Bilancio di esercizio Dichiarazione dei Redditi Risultato ante imposte reddito imponibile Si pongono diversi problemi: Che relazione esiste tra bilancio d esercizio e dichiarazione dei redditi?

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI

DICHIARAZIONE DEI REDDITI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI Massimiliano Sironi 25.05.2015 - Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Svalutazione e perdite su crediti: problematiche

Dettagli

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 5 Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Walter Roverelli Sulla base del seguente bilancio di verifica al 31/12/n, redatto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 251/E

RISOLUZIONE N. 251/E RISOLUZIONE N. 251/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 settembre 2007 Oggetto: Interpello - Alfa S.p.a. - Disciplina applicabile, ai fini IRES e IRAP, agli indennizzi assicurativi spettanti

Dettagli

Nota integrativa al Bilancio chiuso al 31-12-2014

Nota integrativa al Bilancio chiuso al 31-12-2014 Nota integrativa al Bilancio chiuso al 31-12-2014 Nota Integrativa parte iniziale Ai sensi delle disposizioni del codice civile in tema di bilancio si forniscono le informazioni seguenti ad integrazione

Dettagli

Holding: trattamento degli interessi ai fini IRAP ed ai fini IRES

Holding: trattamento degli interessi ai fini IRAP ed ai fini IRES Holding: trattamento degli interessi ai fini IRAP ed ai fini IRES IRAP Fonti Circolare Assonime n. 46/2009 Risoluzione 38/E del 26/2/2003 Nota Assoholding n. 6 del 14/12/2010 Circolare Ministeriale 141/E

Dettagli

Anno accademico 2015/2016

Anno accademico 2015/2016 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Scienze aziendali, economiche e metodi quantitativi Corso di laurea magistrale Economia Aziendale, Direzione Amministrativa e Professione Corso di Bilanci secondo i principi

Dettagli

LIBERA ASSOCIAZIONI NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE

LIBERA ASSOCIAZIONI NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE LIBERA ASSOCIAZIONI NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE ----------------------- NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO D'ESERCIZIO 2013 PREMESSA Il Bilancio che viene sottoposto alla vostra approvazione è costituito dallo

Dettagli

Il Bilancio di esercizio

Il Bilancio di esercizio Il Bilancio di esercizio Il bilancio d esercizio è il fondamentale documento contabile che rappresenta la situazione patrimoniale e finanziaria dell impresa al termine di un periodo amministrativo e il

Dettagli

Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali

Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali di Luciano Olivieri SOMMARIO Pag. riore alla metà dei coefficienti presi a base per il calcolo degli ammortamenti. 1. Premessa 2. La deducibilità degli ammortamenti

Dettagli

4. La Società di Mutuo Soccorso 4.6 Il bilancio o rendiconto consuntivo

4. La Società di Mutuo Soccorso 4.6 Il bilancio o rendiconto consuntivo 83 4. La Società di Mutuo Soccorso 4.6 Il bilancio o rendiconto consuntivo Una delle problematiche che assume maggiore rilievo nelle Società di Mutuo Soccorso, riguarda l'individuazione della corretta

Dettagli

Riccardo Galardi. Empoli, 1 aprile 2014

Riccardo Galardi. Empoli, 1 aprile 2014 Riccardo Galardi Empoli, 1 aprile 2014 Il progetto OIC OIC 15 Ambito di applicazione Esposizione in bilancio Rilevazione iniziale e valutazione Cancellazione 2 Il progetto OIC Oggetto del progetto La nascita

Dettagli

ANTICA FIERA DEL SOCO SRL Società con unico socio NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CHIUSO AL 31.10.2012

ANTICA FIERA DEL SOCO SRL Società con unico socio NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO CHIUSO AL 31.10.2012 Antica Fiera del Soco Srl - società con unico socio ANTICA FIERA DEL SOCO SRL Società con unico socio Sede in Grisignano di Zocco (VI) Capitale Sociale: Euro 235.400,00= i.v. Codice Fiscale e Numero Iscrizione

Dettagli

EUROLEADER Soc.Cons. r.l. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2011

EUROLEADER Soc.Cons. r.l. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2011 EUROLEADER Soc.Cons. r.l. Codice fiscale 02225450309 Partita iva 02225450309 VIA CARNIA LIBERA 1944, 15-33028 TOLMEZZO UD Numero R.E.A. 244558 Registro Imprese di UDINE n. 02225450309 Capitale Sociale

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 83/E. Oggetto: Interpello - Componenti di reddito in valuta estera - Articoli 9, 109 e 110 del TUIR

RISOLUZIONE N. 83/E. Oggetto: Interpello - Componenti di reddito in valuta estera - Articoli 9, 109 e 110 del TUIR RISOLUZIONE N. 83/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 30 marzo 2009 A tutte le Direzioni Oggetto: Interpello - Componenti di reddito in valuta estera - Articoli 9, 109 e 110 del TUIR La

Dettagli

Bilancio 2011: adempimenti e principali novità

Bilancio 2011: adempimenti e principali novità Bilancio 2011: adempimenti e principali novità Bilancio abbreviato Ancona Sede Confindustria, giovedì 15 marzo 2012 Relatore: Dott. Paolo Massinissa Magini Ambito soggettivo Ai sensi dell art.2435-bis

Dettagli

LA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE DELLA TREMONTI-QUATER

LA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE DELLA TREMONTI-QUATER INFORMATIVA N. 134 06 MAGGIO 2015 BILANCIO LA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE DELLA TREMONTI-QUATER Art. 18, DL n. 91/2014 Circolare Agenzia Entrate 19.2.2015, n. 5/E Principi contabili OIC 16 e 25 Informativa

Dettagli

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir tire e da indici Olivia Leone Il candidato illustri brevemente quali sono i principali vincoli da

Dettagli

LE NOVITÀ DEL BILANCIO 2013

LE NOVITÀ DEL BILANCIO 2013 GLI ASPETTI PRINCIPALI 1. Perdite su crediti Novità della Legge di stabilità 2014 (L. 147/2013) 2. Utilizzo Fondo svalutazione crediti alla luce dei «mini crediti» 3. Correzione errori Circolare 31/E/2013

Dettagli

Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 AMBRA-AGENZIA PER LA MOBILITA DEL BACINO DI RAVENNA SRL Codice fiscale 02143780399 Partita iva 02143780399 VIALE DELLA LIRICA 21-48124 RAVENNA RA Numero R.E.A. 175498 Registro Imprese di Ravenna n. 02143780399

Dettagli

OIC 15 Crediti Capitolo sulla disciplina contabile della cancellazione dei crediti

OIC 15 Crediti Capitolo sulla disciplina contabile della cancellazione dei crediti OIC 15 Crediti Capitolo sulla disciplina contabile della cancellazione dei crediti Analisi dei principali contenuti della proposta di integrazione in tema di cancellazione dei crediti del principio contabile

Dettagli

RISOLUZIONE N. 5/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 5/E QUESITO RISOLUZIONE N. 5/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 gennaio 2011 OGGETTO: Consulenza Giuridica - Rapporto di concessione Beni realizzati dalla società concedente e beni realizzati dalla società concessionaria

Dettagli

Fattispecie di applicazione delle modalità di determinazione del reddito di impresa a seguito dell adozione degli IAS/IFRS

Fattispecie di applicazione delle modalità di determinazione del reddito di impresa a seguito dell adozione degli IAS/IFRS Profili fiscali e opportunità in vista di Basilea 2 Fattispecie di applicazione delle modalità di determinazione del reddito di impresa a Agenzia delle Entrate Ufficio controlli fiscali - Direzione Regionale

Dettagli

Perdite su crediti: principi contabili e profili tributari.

Perdite su crediti: principi contabili e profili tributari. Perdite su crediti: principi contabili e profili tributari. Bologna, 3 giugno 2015 a cura di Silvia Mezzetti (*) La relazione è svolta a titolo personale e non coinvolge la posizione dell Amministrazione

Dettagli

IL BILANCIO DI ESERCIZIO

IL BILANCIO DI ESERCIZIO IL BILANCIO DI ESERCIZIO CHE COS E UN BILANCIO Il bilancio è un insieme di documenti che illustrano la situazione economica, finanziaria e patrimoniale dell impresa a tutti i soggetti interessati. CHI

Dettagli

La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti

La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Fabio Giommoni * La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti Il presente contributo

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL Sede in VIA PALLODOLA 23 SARZANA Codice Fiscale 00148620115 - Numero Rea P.I.: 00148620115 Capitale Sociale Euro 844.650 Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono

Dettagli

Codice fiscale 97219890155. Bilancio 2014. Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15

Codice fiscale 97219890155. Bilancio 2014. Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15 Bilancio 2014 Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15 AITR ASSOCIAZIONE ITALIANA TURISMO RESPONSABILE Codice fiscale 97219890155 Partita iva 08693820964 VIA TOMMASO DA CAZZANIGA SNC - 20144

Dettagli

IMPOSTE ANTICIPATE E DIFFERITE

IMPOSTE ANTICIPATE E DIFFERITE IMPOSTE ANTICIPATE E DIFFERITE Il codice civile si prefigge la rappresentazione della situazione patrimoniale, finanziaria ed economica della società con chiarezza ed in modo veritiero e corretto mentre

Dettagli

11-09-2014 Ragioneria A.A. 2014/2015

11-09-2014 Ragioneria A.A. 2014/2015 1 ü I crediti di natura commerciale ü Le partite da liquidare ü I crediti dubbi e in contenzioso ü i crediti tributari ü I crediti verso altri 2 1 COLLOCAZIONE NELLO STATO PATRIMONIALE Schema di sintesi

Dettagli

Bilancio in forma abbreviata: contenuto, regole e modalita` di redazione

Bilancio in forma abbreviata: contenuto, regole e modalita` di redazione Bilancio in forma abbreviata: contenuto, regole e modalita` di redazione di Giancarlo Modolo (*) L ADEMPIMENTO La riforma del diritto societario ha introdotto alcune semplificazioni per la redazione del

Dettagli

Immobilizzazioni finanziarie METODI DI VALUTAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI

Immobilizzazioni finanziarie METODI DI VALUTAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI Immobilizzazioni finanziarie METODI DI VALUTAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI Immobilizzazioni finanziarie III FINANZIARIE 1) Partecipazioni in: - imprese controllate - imprese collegate - imprese controllanti

Dettagli

LE SCRITTURE ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Le scritture di assestamento consentono di passare dal criterio della manifestazione finanziaria al criterio della competenza economica e sono effettuate

Dettagli

IL BILANCIO EUROPEO LO STATO PATRIMONIALE

IL BILANCIO EUROPEO LO STATO PATRIMONIALE IL BILANCIO EUROPEO LO STATO PATRIMONIALE ATTIVO A) CREDITI V/S SOCI PER VERSAMENTI ANCORA DOVUTI B) IMMOBILIZZAZIONI C) ATTIVO CIRCOLANTE D) RATEI E RISCONTI PASSIVO A) PATRIMONIO NETTO B) FONDI PER RISCHI

Dettagli

MOVIMENTAZIONE DEI CONTI INTERESSATI DALLE OPERAZIONI IN VALUTA ESTERA

MOVIMENTAZIONE DEI CONTI INTERESSATI DALLE OPERAZIONI IN VALUTA ESTERA MOVIMENTAZIONE DEI CONTI INTERESSATI DALLE OPERAZIONI IN VALUTA ESTERA CREDITO VS CLIENTE INGLESE @ MERCI C/TO VENDITA 161,29 161,29 MATERIE PRIME C/ACQUISTO @ DEBITI VS FORNITORE USA 212,77 212,77 Università

Dettagli

RISOLUZIONE N. 117/E

RISOLUZIONE N. 117/E RISOLUZIONE N. 117/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 novembre 2010 OGGETTO: Consulenza giuridica Opere ultrannuali Costi relativi ai SAL liquidati in via provvisoria al subappaltatore Articoli 93

Dettagli

Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO. I crediti, i debiti e i fondi per rischi e oneri. Università degli Studi di Parma

Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO. I crediti, i debiti e i fondi per rischi e oneri. Università degli Studi di Parma Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO I crediti, i debiti e i fondi per rischi e oneri Università degli Studi di Parma I crediti 1 I crediti Definizione e riferimenti Definizione:

Dettagli

CONSORZIO POLO TECNOLOGICO MAGONA. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2012 redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c.

CONSORZIO POLO TECNOLOGICO MAGONA. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2012 redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c. Sede in CECINA - VIA MAGONA, ND Fondo consortile Euro 186.000 di cui versato Euro 172.114 Iscritta alla C.C.I.A.A. di LIVORNO Codice Fiscale e N. iscrizione Registro Imprese 01228620496 Partita IVA: 01228620496

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

AD Adelante Dolmen Società Cooperativa Sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano

AD Adelante Dolmen Società Cooperativa Sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano AD Adelante Dolmen Società Cooperativa Sociale Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21 Registro delle Imprese di Milano Codice fiscale e numero di iscrizione 12237260158 Numero di iscrizione all Albo

Dettagli

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio Tassonomia XBRL Principi Contabili Italiani Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio VERSIONE OTTOBRE 2014 Tavolo di lavoro società non quotate XBRL Italia Versione: 20141024-1

Dettagli

SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009

SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009 SOCIOSANITARIA SONNINESE S.R.L. Reg. Imp. 02329330597 Rea 162878 Sede in PIAZZA GARIBALDI SNC - 04010 SONNINO (LT) Capitale sociale Euro 10.000,00 i.v. Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2009

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Sommario. Parte prima. Il modello di bilancio civilistico: aspetti economico-aziendali e giuridici. 1. Funzioni e principi del bilancio di esercizio

Sommario. Parte prima. Il modello di bilancio civilistico: aspetti economico-aziendali e giuridici. 1. Funzioni e principi del bilancio di esercizio INDICE COMPLETO Sommario Parte prima Il modello di bilancio civilistico: aspetti economico-aziendali e giuridici 1. Funzioni e principi del bilancio di esercizio Funzioni del bilancio e principi di redazione

Dettagli

OIC 26 Operazioni, attività e passività in valuta estera bozza in consultazione fino al 31 ottobre 2012. Codice civile, art. 2426, 2427 c.c.

OIC 26 Operazioni, attività e passività in valuta estera bozza in consultazione fino al 31 ottobre 2012. Codice civile, art. 2426, 2427 c.c. OIC 26: revisione anche per operazioni, le attività e le passività in valuta estera della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO L Organismo Italiano di Contabilità ha dettato regole più chiare anche

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI

IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI Studio+com segue pagina 1 Ai signori Clienti Loro sedi Circolare n. 35/2014 IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI Con l avvicinarsi delle festività natalizie si ripresenta la necessità di gestire l effettuazione

Dettagli

Esempi scritture contabili Costituzione Spa

Esempi scritture contabili Costituzione Spa Esempi scritture contabili Costituzione Spa 1 Esempi scritture contabili Vincolo 25% 2 Esempi scritture contabili Versamento restante parte del capitale sociale 3 Esempi scritture contabili Registrazione

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

AZIENDA FARMACEUTICA COMUNALE DI MARTINENGO. Via Locatelli, 61 24057 MARTINENGO - BG. Codice fiscale 02101190169 * * * * *

AZIENDA FARMACEUTICA COMUNALE DI MARTINENGO. Via Locatelli, 61 24057 MARTINENGO - BG. Codice fiscale 02101190169 * * * * * AZIENDA FARMACEUTICA COMUNALE DI MARTINENGO Via Locatelli, 61 24057 MARTINENGO - BG Codice fiscale 02101190169 * * * * * NOTA INTEGRATIVA ABBREVIATA 2013 EX ART. 2427 E 2435 BIS CODICE CIVILE Signori Soci,

Dettagli

Regime contabile: ordinario o semplificato

Regime contabile: ordinario o semplificato Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 02 20.01.2014 Regime contabile: ordinario o semplificato A cura di Devis Nucibella Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione

Dettagli

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico Biblioteca di Economia aziendale PIANO DEI CONTI DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI Documento Piano dei conti BILANCIO DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI STATO

Dettagli

Acconti e debiti verso fornitori

Acconti e debiti verso fornitori Le voci di bilancio sotto la lente di ingrandimento di Sergio Pellegrino e Federica Furlani * Acconti e debiti verso fornitori Il presente articolo fornisce un analisi del contenuto delle voci D.6 e D.7

Dettagli

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99

Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 Esercitazioni del corso di Ragioneria generale ed applicata Corso 50-99 ESERCITAZIONE N 2 ARGOMENTI CONSIDERATI: Fase di diritto e fase di fatto delle registrazioni contabili Registrazione dei finanziamenti

Dettagli

INTERESSI PASSIVI. Rol x 30% = = soglia massima di deducibilità interessi passivi netti. Interessi passivi + Voce C17) conto economico

INTERESSI PASSIVI. Rol x 30% = = soglia massima di deducibilità interessi passivi netti. Interessi passivi + Voce C17) conto economico INTERESSI PASSIVI Gli interessi passivi di qualsiasi natura vanno imputati al conto economico per competenza. Si considerano assimilati agli interessi passivi: - le commissioni passive su finanziamenti

Dettagli

Perdite su crediti e fondo svalutazione crediti

Perdite su crediti e fondo svalutazione crediti Perdite su crediti e fondo svalutazione crediti dott. Mauro Nicola Presidente dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Novara VALUTAZIONE CIVILISTICA DEI CREDITI REQUISITI PER LA

Dettagli

IL LEASING FINANZIARIO E GLI ALTRI FINANZIAMENTI: CONFRONTO AI FINI DELLA RAPPRESENTAZIONE IN BILANCIO E DEI RISVOLTI SUL RATING

IL LEASING FINANZIARIO E GLI ALTRI FINANZIAMENTI: CONFRONTO AI FINI DELLA RAPPRESENTAZIONE IN BILANCIO E DEI RISVOLTI SUL RATING IL LEASING FINANZIARIO E GLI ALTRI FINANZIAMENTI: CONFRONTO AI FINI DELLA RAPPRESENTAZIONE IN BILANCIO E DEI RISVOLTI SUL RATING 1. Introduzione L imprenditore intenzionato ad acquisire un nuovo bene per

Dettagli

CONSORZIO MEDIO TIRRENO IN LIQUIDAZIONE

CONSORZIO MEDIO TIRRENO IN LIQUIDAZIONE CONSORZIO MEDIO TIRRENO IN LIQUIDAZIONE Sede in TORRE EUROPA - VIA ANNOVAZZI, 00053 CIVITAVECCHIA (RM) Codice Fiscale 03908900586 - Numero Rea RM 911152 P.I.: 01259061008 Capitale Sociale Euro - i.v. Forma

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 7/2013. OGGETTO: Spese di manutenzione su beni propri, imputazione in bilancio e deducibilità.

NOTA OPERATIVA N. 7/2013. OGGETTO: Spese di manutenzione su beni propri, imputazione in bilancio e deducibilità. NOTA OPERATIVA N. 7/2013 OGGETTO: Spese di manutenzione su beni propri, imputazione in bilancio e deducibilità. - Introduzione Nella formazione del bilancio di esercizio civilistico, bisogna porre molta

Dettagli

residua possibilità di utilizzazione

residua possibilità di utilizzazione Focus di pratica professionale di Fabio Giommoni La modifica dei piani di ammortamento: vincoli civilistici e fiscali Premessa A causa del difficile contesto economico e di mercato dovuto alla perdurante

Dettagli

Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari

Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari Beni in leasing.trattamento fiscale secondo la nuova disciplina Dott.ssa Valentina Pellicciari Filodiritto.it Premessa La disciplina fiscale del leasing finanziario ha visto, nel tempo, importanti variazioni

Dettagli

L ADEGUAMENTO DEL BILANCIO 2004 AL NUOVO CODICE CIVILE

L ADEGUAMENTO DEL BILANCIO 2004 AL NUOVO CODICE CIVILE L ADEGUAMENTO DEL BILANCIO 2004 AL NUOVO CODICE CIVILE Raffaele Rizzardi Bologna 14 dicembre 2004 FONTI NORMATIVE - RIFORMA DEL CODICE CIVILE - D.Lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (applicazione facoltativa per

Dettagli

LA NOTA INTEGRATIVA GLI ALLEGATI AL BILANCIO

LA NOTA INTEGRATIVA GLI ALLEGATI AL BILANCIO LA NOTA INTEGRATIVA E GLI ALLEGATI AL BILANCIO NOTA INTEGRATIVA ART. 2423 comma 1 del Codice Civile: GLI AMMINISTRATORI DEVONO REDIGERE IL BILANCIO DI ESERCIZIO, COSTITUITO DALLO STATO PATRIMONIALE, DAL

Dettagli