INQUILINI UNITI. In ricordo di Bill. MAR no In questo numero. G.A.B Bellinzona 1.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INQUILINI UNITI. In ricordo di Bill. MAR. 2010 no. 124. In questo numero. G.A.B. 6500 Bellinzona 1. www.asi-infoalloggio.ch"

Transcript

1 INQUILINI UNITI In questo numero Cantiere vicino Dossier muffa Subentrante e tinteggio MAR no. 124 Doverci occupare questa volta di riempire lo spazio messo a disposizione dell Associazione Inquilini con un ricordo per lo scomparso Bill Arigoni è forse l ultima cosa che ci saremmo immaginati di dover compiere. Ma così è la vita e, purtroppo, bisogna saper affrontare momenti difficili come questi. Bill, nella sua vita costellata di iniziative, di denunce, di azioni concrete a favore dei più deboli, ha sempre affrontato con coerenza battaglie difficili. Proprio quella strada, per la quale si era impegnato moltissimo perché fosse resa meno pericolosa per gli abitanti di Magliaso, lo ha visto concludere la sua vita terrena con una morte assurda e che mai avremmo pensato potesse toccare a Bill. L Associazione Svizzera Inquilini, Federazione della Svizzera italiana, perde con Bill un presidente carismatico, tenace e disponibile. Aveva assunto la presidenza nel 2001 dopo aver intrapreso questa attività nell ambito di una riqualifica professionale. Si era integrato bene e, pur con il suo proverbiale carattere non sempre facile, era riuscito a creare un buon ambiente di lavoro nel quale doveva impiegare molte energie, con collaboratori e collaboratrici, per seguire le numerose pratiche che giornalmente venivano a invadere le scrivanie. Come diceva in una recente intervista: La conflittualità è accresciuta e non solo verso i proprietari ma anche fra inquilini: la crisi, la precarietà, la pressione su chi lavora e altro ancora, fa sì che si litighi più spesso e per cose banali. In ricordo di Bill Anni fa si cercava di trovare soluzioni con il buon senso, ora il confronto è diventato più formale, basato sulla legge, a volte senza tenere conto degli aspetti umani. Il buon senso e gli aspetti umani: due sensibilità che avevano in Bill un attento e sensibile mediatore che, pur con un apparente durezza, trovavano sempre il loro rispetto. Il suo impegno globale su tematiche delicate come l ambiente, le persone più deboli, i bambini e gli animali denotavano in lui un sincero e profondo amore per migliorare questi aspetti e queste realtà. Nella sua veste di deputato, si è impegnato fino all ultimo per migliorare le condizioni degli inquilini sia per quanto attiene l offerta sul mercato di stabili a pigione moderata, sia per le condizioni contrattuali che avrebbero potuto e dovuto offrire maggiori garanzie a chi si apprestava a firmare un contratto di locazione. Nell editoriale di dicembre di Inquilini uniti sottolineava il successo della petizione per un parco alloggi a pigione moderata, richiesta avanzata più G.A.B Bellinzona 1 POSTCODE 1 Ass. Svizzera Inquilini - Fed. della Svizzera Italiana via Stazio 2, 6900 Massagno d una volta ed alla quale non è mai stata prestata la dovuta attenzione. Il Gran Consiglio, come Bill temeva, non aveva poi dato seguito alla sua proposta che chiedeva l obbligo di allegare il formulario ufficiale da consegnare con il contratto di locazione all inquilino subentrante che gli avrebbe consentito di conoscere le condizioni, in particolare riguardo al canone di locazione, in vigore nel contratto del precedente inquilino. Una trasparenza, scriveva, che non piace alla maggioranza dei deputati e che si è in effetti tramutata nel voto negativo alla proposta. Bill ha vinto battaglie, ne ha perse ma si è sempre dimostrato tenacemente attento alle ingiustizie, di qualunque genere queste fossero. Ci inchiniamo davanti a questo suo modo di operare, dobbiamo ereditarne gli stimoli e fare il possibile perché quanto egli ha seminato, porti un giorno a raccoglierne i frutti. Grazie Bill, non ti dimenticheremo e resterai sempre tra di noi. Comitato ASI FSI

2 Politica della casa Difetti I cantieri giustificano la riduzione della pigione Nel corso della locazione accade spesso che l inquilino scopra difetti dovuti all usura, alla vetustà dell immobile, a rotture o danni improvvisi. È il caso ad esempio delle smaltature della vasca da bagno rovinata dall uso prolungato, dell ascensore del palazzo che si blocca frequentemente perché oramai obsoleto, è il caso della lavastoviglie che non funziona più per un guasto meccanico. In queste circostanze l inquilino non è ovviamente tenuto ad effettuare le riparazioni necessarie, è il locatore che deve provvedere a mantenere l appartamento e l immobile in uno stato idoneo e a permetterne un uso normale. L inquilino che vuole l eliminazione del difetto dovrà seguire un percorso ben definito. L art. 259 a CO definisce quali sono i diritti dell inquilino e quali i modi per esercitarli. In particolare precisa Ricordiamo a tutti i soci di comunicarci subito eventuali cambiamenti di indirizzo come deve agire se vuole che il proprietario intervenga e disponga quanto necessario per eliminare il difetto, ma chiarisce anche che se il difetto pregiudica l uso normale della cosa, l inquilino può chiedere una diminuzione della pigione. La giurisprudenza cantonale e federale in passato ha costantemente confermato sia il diritto all eliminazione del difetto sia alla riduzione dell affitto. Il Tribunale federale ha pure sancito che questo diritto è applicabile anche se il locatore non è responsabile del difetto e anche quando la sua eliminazione sfugge al suo controllo. È il caso dei cantieri edili, che generano a chi vi abita vicino pesanti disagi (traffico, rumore, polvere, ecc). La massima autorità ha sempre deciso a favore della riduzione dell affitto estendendo questo diritto anche quando si tratta di un cantiere pubblico, ritenendo che in entrambi i casi la qualità dell alloggio è diminuita. La stessa cosa è stata ribadita dai Tribunali cantonali che ad esempio avevano accordato la riduzione dell affitto in seguito all incremento dei rumori dovuto all aumentato traffico in prossimità di una stazione ferroviaria o all aumento dei disagi provocati dal traffico aereo nelle vicinanze dell aeroporto. Recentemente il Tribunale federale si è chinato nuovamente sulla questione emanando una decisione apparentemente contraria, che ha generato subito una reazione da parte dei proprietari. Il Tribunale ritiene che non si possa considerare difetto l aumento del traffico stradale, la vista ridotta a causa della crescita degli alberi, la densificazione delle costruzioni nelle vicinanze a dove si vive. Nel caso in esame ha negato la diminuzione ad un inquilino che si lamentava perché l immobile costruito più voluminoso e alto di quello esistente e dotato di ampie finestre e balconi, comprometteva la sua intimità e diminuiva il confort e di conseguenza il valore del suo appartamento. Nella sentenza il Tribunale precisa che la costruzione di un palazzo nelle vicinanze è cosa prevedibile in una zona urbana che per definizione è destinata ad essere sempre più edificata, ed ha pure ritenuto che la diminuzione del confort non costituisce sempre un difetto. Di fronte a quella che a prima vista sembra un importante svolta, si impongono alcune osservazioni. In questa decisione, il Tribunale non entra nel merito della riduzione della pigione per i disagi che il cantiere ha creato all inquilino durante la costruzione del nuovo edificio. Tale questione non è stata sollevata da nessuna delle parti in causa. Questo diritto dunque non viene messo in discussione, il tribunale ha solo negato la riduzione permanente della pigione per il diminuito confort per le ragioni esposte sopra. Ha però anche precisato che la riduzione non può essere considerata poiché non è stato dimostrato che è stata disattesa una promessa fatta dal locatore, nel nostro caso la promessa che nessuna costruzione sarebbe sorta nelle vicinanze. Si può concludere quindi che al contrario nel caso l inquilino possa dimostrare che una prestazione gli è stata promessa e garantita, pensiamo ad esempio alla vista lago, e che quindi l ammontare dell affitto è stato stabilito, fra l altro, anche in funzione di questa ambita qualità, può chiedere la riduzione della pigione se durante la locazione per ragioni anche indipendenti dalla volontà del locatore, la vista lago gli viene negata. D altra parte tutti sappiamo che il prezzo dell alloggio è in funzione certamente del costo della costruzione, ma anche della posizione, della vista e dell insolazione di cui gode, della vicinanza ai servizi, e di tanti altri elementi che ognuno considera prima di scegliere un alloggio.

3 L'esperto risponde a cura di Lara Terrani Segretaria generale dell'associazione Svizzera Inquilini e membro dell'ufficio di Conciliazione di Lugano-Est Il mio contratto di locazione prevede la messa a disposizione di una cantina. L'amministrazione dello stabile ha riorganizzato la distribuzione degli spazi e mi ha attribuito una cantina molto più piccola. Devo accettare lo scambio? (F.F., Paradiso) In generale, le parti a contratto devono attenersi a quanto stabilito dallo stesso (art.1 CO). Di conseguenza, se il suo contratto prevedeva l utilizzo di una cantina, l amministrazione dovrà riattribuirle uno spazio dalle dimensioni equivalenti. Se non dovesse più essere possibile (supponiamo che le cantine siano state tutte ridotte), non le resterà che accettare lo spazio offerto, ma il locatore dovrà concederle una riduzione proporzionale del canone di locazione, poiché lo spazio di cui può usufruire è diminuito. Se invece il contratto non riporta nessuna indicazione, si dovranno considerare tutte le circostanze attinenti al contratto di locazione (ad esempio da quanti anni occupava la cantina, eventuali condizioni discusse, anche oralmente, all inizio del contratto) per valutare l esistenza di un diritto acquisito ad occupare una cantina di certe dimensioni. In ogni caso risulta opportuno discutere con l amministrazione, illustrando chiaramente le proprie esigenze e ascoltando quelle altrui per la ricerca di una soluzione soddisfacente per entrambe le parti. Anche in questa ipotesi, si potrà tentare di discutere un eventuale leggera riduzione del canone di locazione in cambio dell accettazione di una cantina più piccola. In questo caso, il locatore non è obbligato a concedere la riduzione, ma sarebbe il risultato di un atteggiamento conciliante. Vivo in un appartamento di 2 locali da 3 anni; durante la prossima stagione partirò all estero per 12 mesi e ho chiesto al mio padrone di casa di poter prestare l appartamento ad un amico durante la mia assenza. Mi ha risposto che non è possibile, che sono obbligato a lasciare i locali abitati. Sono davvero costretto a dare la disdetta, sapendo che al mio rientro dovrò nuovamente cercare casa? (M.G., Bellinzona) Dicendole di avere l obbligo di inoltrare la disdetta del suo contratto di locazione (lasciare i locali), il suo proprietario non le ha risposto correttamente. In effetti, le disposizioni di legge che regolano il contratto di locazione prevedono la possibilità, per il conduttore, di subaffittare una parte o la totalità dei locali locati con l accordo del locatore (art. 262 cpv 1 CO). Il locatore, da parte sua, è tenuto a dare il suo consenso, oralmente o per iscritto, a meno che: 1)non gli vengono comunicate le condizioni del contratto di sublocazione (ad esempio non viene indicata la pigione concordata) 2) le condizioni del contratto di sublocazione sono abusive (ad esempio una pigione molto più elevata rispetto alla pigione del contratto principale) 3) la sublocazione comporta, per il locatore, degli inconvenienti maggiori (ad esempio i locali sublocati vengono utilizzati per esercitare attività illegali). Lei dovrà quindi avere cura di comunicare al locatore tutte le condizioni del contratto di sublocazione: identità del subconduttore, ammontare della pigione, eventualmente durata della sublocazione (anche se la giurisprudenza prevede la possibilità di una sublocazione di durata indeterminata). Tuttavia, se il locatore dovesse rifiutare, ma tutte le condizioni previste dalla legge sono ciononostante soddisfatte, lei potrà subaffittare i locali, e rioccuparli una volta rientrato dal suo soggiorno all estero. Per porre le vostre domande scriveteci al seguente indirizzo: Associazione Svizzera Inquilini - Redazione di «Inquilini Uniti» - L'esperto risponde - via Stazio Massagno Tra le lettere che ci giungeranno sceglieremo quelle più interessanti per i nostri lettori.

4 Dossier Difetti dell'ente locato Umidità e A fine autunno 2009, è uscita una guida ai problemi di umidità e muffa nelle abitazioni, edito dall Ufficio federale della sanità pubblica e sotto l egida dell Associazione Svizzera Inquilini (SMV), dell Associazione Svizzera dei Proprietari Fondiari (APF) e dell Associazione svizzera dell economia immobiliare (Svit). Riprendiamo in questo contributo i passaggi e i concetti che ci appaiono significativi. La muffa è composta da vari funghi microscopici che proliferano in ambiente umido; quando si arieggia un locale, le spore di muffa entrano con l aria esterna. Quando queste spore si depositano su materiali umidi, trovano le condizioni ideali per crescere e proliferare. Negli ambienti interni possono esserci pareti umide per vari motivi; può penetrare acqua dall esterno, attraverso tetti difettosi o crepe nel muro. L umidità può anche risalire dal terreno, infiltrandosi all interno dei muri o sulla loro superficie. Gli appartamenti al piano terra sono in genere più a rischio di quelli ai piani superiori perché più esposti alla risalita dell umidità dal terreno e alle infiltrazioni di acqua dall esterno. È inoltre molto importante la sottile interazione tra l umidità dell aria e la temperatura della superficie dei materiali. L aria può, in effetti, assorbire molta umidità: ad esempio, prima della pioggia, oppure nella stanza da bagno dopo una doccia. Più l aria è calda più è in grado di assorbire umidità. Ad esempio, l aria a 30 gradi riesce a contenere fino a 30,3 grammi d acqua per metro cubo, mentre se la temperatura scende a 10 gradi, l assorbimento massimo è di soli 9,4 grammi per metro cubo. L aria fredda invernale, quindi, contiene relativamente poca acqua persino quando piove. I problemi di umidità e muffa possono manifestarsi in vari modi ed in Svizzera affliggono un appartamento su quattro. Numerosi studi dimostrano che umidità e muffa nei locali d abitazione possono compromettere la salute di chi li occupa. Ad esempio, è emerso che in presenza di evidenti problemi come formazione frequente di condensa sulle finestre, macchie di umidità sulle pareti, tappezzeria che si stacca o muffa visibile, si riscontrano più frequentemente allergie, irritazioni e infezioni delle vie respiratorie. Fra le cause più frequenti ritroviamo i difetti di costruzione, le perdite da tubature, le inondazioni, gli interventi edili come il montaggio di finestre isolanti senza le necessarie misure di accompagnamento e l usura in generale. Per quanto attiene il montaggio di finestre isolanti, le misure di isolamento dei serramenti possono modificare radicalmente le condizioni di ventilazione dell edificio.

5 vecchie e molto scaldate un umidità relativa del 50% può quindi essere già troppo elevata. muffa Il ruolo della temperatura diventa particolarmente evidente quando l aria subisce un raffreddamento. Con il calo repentino della temperatura dell aria, si raggiunge velocemente la soglia di assorbimento di umidità, che precipita sottoforma di goccioline. Le superfici fredde sono un problema perché predestinate a diventare umide. Per stimare il rischio di formazione di umidità di una parete fredda, occorre misurare la temperatura della stessa, quella dell ambiente e l umidità relativa dell aria (ossia la misurazione di quanta acqua è contenuta nell aria e quanta ne può ancora contenere). Esistono tabelle che indicano la temperatura sotto la quale la parete fredda inizia a diventare umida (punto di rugiada). Ad esempio, con una temperatura interna di 20 gradi ed un umidità dell aria del 60%, una parete che presenta una temperatura superficiale di 12 gradi è già quasi umida. Anche se la temperatura del locale è di 23 gradi e l umidità relativa di 50%, la parete fredda a 12 gradi si trova proprio sul punto di rugiada. In abitazioni Sovente vengono rivolte critiche alle moderne norme di costruzione che impediscono di fatto alle pareti di respirare. In effetti, per sfruttare al meglio l energia per il riscaldamento, gli edifici di nuova costruzione devono avere un involucro ermetico e pareti ben isolate. Tuttavia, secondo alcuni, la coibentazione soffocherebbe gli edifici, che non potrebbero più respirare e diverrebbero così malsani. Una delle tesi articolate per porvi rimedio sarebbe costituito dall uso di materiali edili porosi, che contribuirebbero anche a evitare i problemi di umidità e muffa. Attraverso i muri non è possibile un ricambio d aria; se porte e finestre sono chiuse, il ricambio naturale d aria tra interno ed esterno avviene nei punti deboli dell involucro, ossia le chiusure di finestre e porte, soprattutto quando non sono dotate di guarnizioni di gomma, oppure i giunti tra diverse strutture edili (finestra-muro e parete-tetto). Una casa quindi respira dove non è ermetica e non attraverso pareti intatte, nemmeno se costruite in argilla. Se con respirare riferito ad una parete si intende la sua capacità di assorbire, accumulare e rilasciare umidità, questo è un fenomeno che effettivamente accade. La regolazione dell umidità è una delle proprietà dei materiali porosi privi di rivestimento, come il calcestruzzo poroso, il gesso, l argilla, il legno massiccio e di derivati del legno. In pratica, assorbono i brevi picchi di umidità che si formano durante le attività domestiche e quando l umidità relativa scende restituiscono all aria l acqua che hanno accumulato. Di conseguenza, il clima interno è più stabile, il che indubbiamente costituisce un vantaggio. Tuttavia, nel complesso non fanno che compensare piccole oscillazioni di umidità, mentre non modificano in modo rilevante l umidità media dell ambiente, che insieme alla temperatura della superficie del materiale è il fattore determinante per la formazione di muffa. Gli inquilini che riscontrano tracce di umidità e muffa nei locali devono avvisare prontamente il locatore dell esistenza del difetto, preferibilmente per iscritto, corredando la lettera, se possibile, di fotografie. Al locatore passa così la responsabilità per ulteriori accertamenti ed è tenuto ad eliminare il difetto rapidamente. Tuttavia, determinare le cause del problema non è sempre facile, ed occorre rivolgersi ad uno specialista. In effetti, un risanamento da muffa deve essere eseguito a regola d arte; le disposizioni legali sulla protezione degli addetti al risanamento e degli occupanti devono essere garantite. In particolare, l impresa incaricata deve prendere le misure necessarie per impedire che durante i lavori di risanamento quantità rilevanti di muffa si diffondano in ambienti non colpiti e mettano in pericolo la salute delle persone.

6 Alla Finestra Verbale di riconsegna Attenzione alle pratiche scorrette Riprendiamo ancora una volta il tema del verbale di riconsegna dell ente locato: questa volta lo facciamo esasperati dal comportamento scorretto di due amministrazioni che malgrado i nostri numerosi richiami all ordine, continuano e perseverano con una modalità a dir poco scorretta e ambigua. Quando gli inquilini giungono da noi con in mano una raccomandata di pretese danni inviata dalle Amministrazioni Ris e Sevino SA regolarmente non sono in possesso né del verbale d entrata né tantomeno di quello d uscita necessari per poter procedere alla definizione e quantificazione degli eventuali danni causati. Spesso queste pretese sono esagerate e non contengono nessun tipo di calcolo del deprezzamento dei materiali, nonostante l appartamento fosse vetusto e con istallazioni ed elettrodomestici che avevano largamente superato la durata di vita media. Purtroppo abbiamo potuto constatare che l amministrazione Ris e Sevino SA del Sig. Arnoldo Ris compila in un unico esemplare il verbale di riconsegna, lo fa sottoscrivere e promette l invio il giorno seguente di una copia del documento. Copia che invece non viene inviata!!! Il documento utilizzato altro non è che una fotocopia del documento ufficiale edito dalla Camera Ticinese dell Economia Fondiaria e acquistabile per Fr. 4. : il documento originale è composto da tre parti staccabili proprio per permettere agli inquilini di ricevere immediatamente un esemplare del verbale compilato e sottoscritto. Forse costa troppo utilizzare gli originali? E gli inquilini? Spiace doverlo ammettere ma la maggior parte peccano di ingenuità e solo quando su nostra richiesta il famoso verbale ci viene inviato in copia, ci comunicano i loro dubbi:...ma questo punto non ci pareva fosse stato annotato ma questo danno era stato iscritto solo a futura memoria... e via di questo passo. Arrabbiature, delusioni e un grande sentimento di impotenza. Ogni tanto un inquilino si fa furbo e riesce a fare una fotocopia del documento, malgrado le rimostranze delle portinaie, come nel caso illustrato qui sotto. Infatti per poter valutare le pretese danni notificate dall amministrazione abbiamo richiesto come al solito il verbale di riconsegna e SORPRESA!!! quello inviato dall Amministrazione non corrisponde a quello fotocopiato dall inquilino il giorno della riconsegna!!! E Allora? Inquilino avvisato mezzo salvato: dovete pretendere di ricevere subito la copia del verbale; mai firmare un documento se non siete certi di riceverne copia immediatamente: meglio essere precisi e rigorosi prima, piuttosto che lamentarsi in seguito. 44 bidet: "crepato" 75 pavimento: "piccola macchia"

7 Alla Finestra Röschtigrabe Fumare nel proprio appartamento Il divieto di fumo (in ristoranti e locali pubblici) è sempre più diffuso. Nessun divieto può essere imposto ad un inquilino ma, dopo anni di intenso affumicare le pareti dell appartamento occupato, egli potrebbe, in circostanze particolari, essere chiamato ad un contributo dovuto in particolare per il tinteggio dei locali. Questo naturalmente solo dopo avere tenuto in debita considerazione anche l usura che il tempo ha determinato p.es. dopo un periodo di otto e più anni, ed il tipo di intervento che deve essere effettuato. Come detto un divieto di fumare nell appartamento affittato non può essere, di principio, stabilito in un contratto. Una clausola di questo tipo sarebbe troppo invasiva della sfera privata e quindi non vincolante. Lo stesso vale per gli annunci sui quotidiani: se questa clausola fosse contenuta sarebbe giuridicamente irrilevante. Un amministrazione può favorire un non fumatore rispetto ad un fumatore ma non lo può vincolare tramite contratto. Unica eccezione possibile potrebbe riguardare fondazioni o associazioni che investono capitali in stabili che hanno come obiettivo il miglioramento della qualità di vita e che quindi potrebbero costruire ed affittare appartamenti destinati unicamente a non fumatori. In questo caso specifico anche un contratto di locazione potrebbe contenere una clausola di questo tipo ma, ad oggi non esiste giurisprudenza in merito.. Naturalmente inquilini fumatori devono rispettare, entro certi limiti, inquilini non fumatori. Fumando sul balcone, bisogna p.es. evitare che il fumo vada ad invadere il balcone o i locali del vicino attraverso le finestre aperte, in particolare d estate. Ma qui siamo decisamente nel campo del rispetto reciproco che può essere gestito senza conflitti. Assemblea generale 2010 L Assemblea generale ordinaria dell Associazione Svizzera Inquilini-Federazione della Svizzera Italiana si terrà: venerdì 7 maggio 2010 alle ore presso il Ristorante Canvetto Luganese a Lugano-Molino Nuovo con il seguente ordine del giorno: 1. Nomina Presidente del giorno 2. Approvazione ordine del giorno definitivo 3. Approvazione del verbale dell assemblea Rapporto d attività Approvazione conti Nomine Statutarie 7. Revisione statuti 8. Eventuali Per tornare alla questione del tinteggio dei locali è evidente che un appartamento in cui si è fumato per anni e che non è mai stato ritinteggiato, al momento in cui viene messo a disposizione di un nuovo inquilino, dovrà essere lavato e pitturato magari anche con più due mani di vernice. Una parte dei costi potrebbe quindi essere in parte addebitata all inquilino che lascia l appartamento. Oggi esistono però sul mercato anche vernici molto valide che danno una buona qualità anche con una sola mano di tinteggio. Va pur detto che senza fumo l appartamento si conserva più pulito per molti anni rispetto a locali affumicati. Vale quindi la pena evitare, come molti fanno, di fumare tra le mura del proprio appartamento salvaguardando in tal modo i muri ma anche i propri polmoni... tratto da M&W/settembre 09 trad.fm L assemblea è aperta a tutti i soci. Hanno diritto di voto tutte le persone che hanno rinnovato la quota sociale per l anno in corso. Per chi volesse, prima dell inizio dell assemblea, c è la possibilità di fermarsi a cena.

8 Consigli pratici INQUILINI UNITI REDAZIONE E PUBBLICITÀ Associazione Svizzera Inquilini Federazione della Svizzera Italiana via Stazio 2, 6900 Massagno FAX REDATTORI Lara Terrani (responsabile), Piera Bignasca, Elena Fiscalini, Franco Molinari, Corrado Mordasini STAMPA Tipografia Leins Ballinari Via Dogana Bellinzona SEGRETARIATO GENERALE Associazione Svizzera Inquilini Federazione della Svizzera Italiana Via Stazio Massagno FAX SEZIONE DI BELLINZONA E VALLI Viale Stazione 31a Bellinzona Appuntamenti: telefonare LUNEDI dalle 9.00 alle MARTEDI dalle alle GIOVEDI e CCP UFFICIO DI LOCARNO Via ai Saleggi Locarno Appuntamenti: telefonare LUNEDI dalle alle 17.00, MERCOLEDI dalle 8.30 alle 11.30, VENERDI dalle alle CCP UFFICIO DI LUGANO Via Stazio Massagno Appuntamenti: telefonare da LUNEDI a VENERDI dalle alle CCP UFFICIO DEL MENDRISIOTTO Via Primavesi Balerna Appuntamenti: telefonare LUNEDI, MERCO- LEDI, VENERDI dalle alle CCP La restituzione anticipata e il tinteggio Capita molto spesso di dover lasciare anticipatamente l ente locato, prima della scadenza del contratto di locazione. Cosa fare in questo caso? Come ci si deve comportare? Inquilini Uniti riassume qui di seguito le regole principali. 1. Innanzitutto va detto che se si intende lasciare anticipatamente l ente locato, non bisogna inoltrare disdetta del contratto di locazione: occorre invece comunicare per invio raccomandato al locatore o all amministrazione la data per la quale si intende restituire l ente locato e il nominativo del subentrante che intende riprendere il contratto alle medesime condizioni. Vi ricordiamo che tale comunicazione deve essere sottoscritta da tutte le persone intestatarie del contratto e per quanto riguarda i coniugi deve essere sottoscritta da entrambi. 2. Il Codice delle Obbligazioni prevede che l inquilino uscente deve reperire un solo subentrante solvibile che sia disposto a riprendere il contratto di locazione alle medesime condizioni. I criteri per appurare se un candidato è solvibile o meno sono in linea di massima i seguenti: l interessato deve percepire un entrata che possa garantire il pagamento della pigione (di regola si stima che il canone di locazione non debba superare ca. 1/3 dello stipendio), non deve avere eccessive procedure esecutive in corso per importi dovuti ed in particolar modo pigioni, e in caso di uno straniero che abbia un permesso valido. Al momento della presentazione del subentrante al locatore o all amministrazione, si deve calcolare all incirca 2-3 settimane prima di ricevere una risposta. In questo lasso di tempo il locatore o il suo rappresentante dovrà effettuare tutti i passi necessari per verificare la solvibilità del candidato. Qualora il locatore, accertasse che il subentrante non fosse solvibile, l inquilino uscente dovrà reperire un altro interessato e rimarrà responsabile del pagamento delle pigioni future sino alla rilocazione dell ente locato o al massimo sino alla prossima scadenza contrattuale. Se il locatore rifiuta irragionevolmente il subentrante (vuoi che per esempio abbia un precetto esecutivo relativo ad un importo secondo lui contestabile, per esempio una fattura relativa ad un acquisto fatto, vuoi che sia straniero ecc.), l inquilino uscente può ritenersi sciolto dal contratto di locazione unicamente se può provare che il proprietario ha ritenuto inaccettabile un candidato idoneo. L inquilino uscente dunque sarà legittimato a riconsegnare le chiavi e non dovrà più corrispondere le future pigioni e tantomeno il locatore potrà avvalersi del diritto di chiedere i corrispettivi allo stesso fino a rilocazione dell ente locato. 3. Se il subentrante che avete presentato risulta solvibile e riprende l ente locato alle medesime condizioni, questi non può obbligare l inquilino uscente al tinteggio dell appartamento. Va evidenziato che molto spesso sui contratti, per quanto riguarda il tinteggio a fine locazione, vengono inserite delle clausole da parte del proprietario che risultano abusive. L inquilino che lascia anticipatamente l ente locato o a fine contratto non deve tinteggiare l appartamento. Dovrà invece rispondere, qualora sussistesse, della maggior usura e cioè del ritinteggio delle pareti danneggiate, disegnate ecc. Esempio Una famiglia ha preso in locazione 5 anni fa un appartamento, al momento della presa in consegna l ente locato era stato tinteggiato a nuovo. Dopo cinque anni a seguito di vari episodi le pareti risultano essere sensibilmente danneggiate, per cui vi è una maggior usura dell ente di cui sono responsabili gli inquilini uscenti. Gli inquilini lasciano l ente locato e il locatore accerta che l appartamento necessita di un nuovo tinteggio. Ritenuto che la durata di vita del tinteggio è di 8 anni, e considerato che i nostri inquilini hanno danneggiato le pareti, quest ultimi dovranno prendersi a carico 3/8 dei costi del tinteggio, poiché nei primi 5 anni di locazione, i costi del tinteggio sono stati ammortizzati. Questo si applica anche in caso di subentranza. Tuttavia ribadiamo che in caso di normale usura dell ente locato, né il subentrante né il locatore non possono pretendere il tinteggio a nuovo dell ente locato. Qualora la subentranza si verificasse dopo 8 anni dal primo tinteggio, il nuovo inquilino (al pari di quello uscente a cui subentra nei doveri ma anche nei diritti) potrà pretendere dal locatore il tinteggio a nuovo dell ente locato. Eventuali clausole contrattuali che impediscano al subentrante di chiedere il ripristino dell ente locato in caso di difetti o di chiedere al locatore il tinteggio in caso di superamento della durata di vita di quest ultimo, sono nulle. In conclusione, il conduttore non deve ritinteggiare l ente locato a meno che non vi sia della maggior usura a lui imputabile. Comunque in caso di dubbio rivolgetevi al nostro Centro Infoalloggio oppure contattate le nostre sedi regionali.

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

Lista di controllo «Interlocutori»: chi dev'essere informato e quando?

Lista di controllo «Interlocutori»: chi dev'essere informato e quando? Nationale Plattform Naturgefahren PLANAT Plate-forme nationale "Dangers naturels" Plattaforma nazionale "Pericoli naturali" National Platform for Natural Hazards c/o BAFU, 3003 Berna Tel. +41 31 324 17

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1

REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1 REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1 Gli inquilini sono tenuti oltre che all osservanza delle disposizioni contenute nel contratto di locazione anche a quelle del

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

La sua cartella sanitaria

La sua cartella sanitaria La sua cartella sanitaria i suoi diritti All ospedale, lei decide come desidera essere informato sulla sua malattia e sulla sua cura e chi, oltre a lei, può anche essere informato Diritto di accesso ai

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA:

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato parte locatrice E: il Sig. nato a il residente a, codice

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni ASSISTENZA ESTRATTO DELLE CONDIZIONI DI SERVIZIO Il presente documento costituisce un estratto delle Condizioni di Servizio, il cui testo integrale è depositato presso la sede legale del contraente, oppure

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C.

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C. L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 La responsabilità dell appaltatore per i vizi e le difformità dell opera: la verifica e il collaudo Avv. Alessandro SCIOLLA LA

Dettagli

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO dopo il TERREMOTO IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO Assicurare la ricostruzione di case e imprese secondo tempi certi e procedure snelle, garantendo

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

STUDIO DE POLI - VENEZIA

STUDIO DE POLI - VENEZIA IL TRUST: COS È, IN BREVE di Ilaria Della Vedova Avvocato dello Studio De Poli Venezia Membro dell organismo Professionisti Accreditati in materia di Trust 1) Che cos è il trust? È un istituto di origine

Dettagli

Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza.

Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza. Tema Isolamento termico ad alta efficienza energetica Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza. Le informazioni, le immagini,

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Informazione sul prodotto e condizioni contrattuali Edizione 2010 La vostra sicurezza ci sta a cuore. 2 Informazione

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

MUNICIPIO di MASSAGNO. Messaggio Municipale N. 2201

MUNICIPIO di MASSAGNO. Messaggio Municipale N. 2201 MUNICIPIO di MASSAGNO Messaggio Municipale N. 2201 concernente l alienazione della particella n. N.N. ex 207 RFD Massagno per la realizzazione di un edificio parzialmente offerto ad anziani Onorando Consiglio

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Ministero dei lavori pubblici Direzione generale edilizia statale e sovvenzionata div. XVI-bis: Norme per i collaudi dei fabbricati costruiti da cooperative edilizie fruenti

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

CONTRATTO PER LA LICENZA D USO DEL SOFTWARE GESTIONE AFFITTI

CONTRATTO PER LA LICENZA D USO DEL SOFTWARE GESTIONE AFFITTI CONTRATTO PER LA LICENZA D USO DEL SOFTWARE GESTIONE AFFITTI IMPORTANTE: il presente documento è un contratto ("CONTRATTO") tra l'utente (persona fisica o giuridica) e DATOS DI Marin de la Cruz Rafael

Dettagli

BacPac con LCD. Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia

BacPac con LCD. Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia BacPac con LCD Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia AGGIORNAMENTO FIRMWARE Per determinare se è necessario effettuare un aggiornamento del firmware, seguire questi passi: Con l apparecchio

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Privacy in Condominio

Privacy in Condominio 1^ edizione! 1 Privacy in Condominio COSA SI PUO FARE E COSA NO Guida aggiornata al nuovo Vademecum del Palazzo emanato dall Autorità Garante per la tutela dei dati personali a seguito dell entrata in

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa

Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa Affitti in nero: convenienza ZERO Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa A cura del Comando Provinciale Guardia di Finanza Studia e vivi Roma Studia e vivi Roma è una guida di

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari Direzione Generale della comunicazione e delle relazioni istituzionali Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Il miglior investimento che tu possa fare. Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente

Il miglior investimento che tu possa fare. Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente Il miglior investimento che tu possa fare Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente Il miglior investimento che tu possa fare Se progettate di rinnovare o costruire un nuovo bagno, una cucina o un

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Obiettivo I lavoratori e i loro superiori conoscono le otto regole vitali da rispettare sistematicamente nell edilizia Formatori Assistenti, capi

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Il Mobile Significante 2015 XII edizione

Il Mobile Significante 2015 XII edizione Internazionale Fondazione Aldo Morelato sull arte applicata nel mobile. Il Mobile Significante XII edizione I Luoghi del relax 2.0 oggetti d arredo per il relax domestico Art. 1 Tema del concorso Lo spazio

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli