LA NONNA CI RACCONTA Di Ivana Baldassarri

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA NONNA CI RACCONTA Di Ivana Baldassarri"

Transcript

1 La nonna ci racconta 1 Ivana Baldassarri LA NONNA CI RACCONTA Di Ivana Baldassarri Lei ha sempre raccontato: la sua vita, il suo paese, le atmosfere, le feste, le discendenze, la Storia. Se fosse viva racconterebbe ancora, colorando il suo narrare della sua intelligenza, della sua fantasia, della sua curiosità e di quella superiore capacità di capire, nelle cose e nei fatti, quel nucleo di originalità che fa di una vita, anche se semplice e sconosciuta, una vita speciale: pensava che la memoria fosse un esercizio di alta formazione culturale e che narrare le cose desse loro una longevità e un brillio che assomigliavano alla vita vera. Si chiamava Cleofe Baldassarri ed era la mia nonna: era nata il 20 Novembre 1883 al Mulino Albani in contrada Canonici di San Pietro in Calibano, oggi Villa Fastiggi, in una povera casa di un solo piano, stesa in lunghezza, con davanti una vite rampicante di uva corna, proprio lateralmente al mulino: la casa aveva due porte verdi affiancate e appena distanziate, una del mugnaio Baldassarri e l altra del fattore Cangiotti. Due case, due mestieri, due famiglie, tanti bambini, le nonne rimaste vedove e le zie rimaste zitelle. Il mugnaio Girolamo Baldassarri e il fattore Cangiotti, o meglio la fattora Benilde Cangiotti perché in casa e sul lavoro era lei che comandava, non erano né condomini né colleghi: erano più che parenti. Cleofe era la più grande dei quattro figli del mugnaio Baldassarri detto Momo, che aveva sposato la dolcissima Maria Pagnini figlia del fattore degli Antaldi-Santinelli. La mamma raccontava la nonna Cleofe era nata in quella bella e grande casa bianca vicina a Porta Rimini, (ora schiacciata fra la strada e la Caserma Aldo Del Monte) proprio di fronte alla casa degli Antaldi che custodisce le palle di Cialdini come se fossero mele in un portafrutta. Una grandissima casa che aveva perfino la foresteria per l accoglienza dei viaggiatori che arrivando tardi a Pesaro, trovavano le porte della città chiuse. E quando i viaggiatori che chiedevano asilo per una notte avevano facce e modi poco raccomandabili, il vecchio Pagnini ordinava alle donne e ai bambini di non uscire dalle loro stanze fino a mattina. La vita al mulino dei Canonici scorreva felice e serena: i bambini Baldassarri e i bambini Cangiotti crescevano insieme scorrazzando nei campi: d estate c erano i bagni nel bottaccio e d inverno le lunghe camminate nella neve per raggiungere la scuola di San Pietro. Molta neve nei racconti della nonna Cleofe: Il garzone più giovane e più forte e a volte perfino due garzoni, ci accompagnavano a scuola, aprendo con i loro corpi e con grosse pale, la rotta, tanta era la neve!

2 La nonna ci racconta 2 Ivana Baldassarri Nel 1892 nacque l ultimo figlio dei fattori Cangiotti, Claudio: piccolo e malaticcio rifiutava di dormire, di mangiare e piangeva sempre. La fattora Benilde che doveva spesso assentarsi di casa per curare gli affari e le terre degli Albani, chiedeva alla mia nonna, che allora aveva nove anni, di dare un occhiatina a quel suo piccolo ranz. Fu per la piccola Baldassarri la scoperta vera della vita, della dedizione assoluta al femminile e della gioia profonda di essere importante e amata da protagonista. Quel bambino piccolissimo diventò il suo: chiese se poteva tenerlo a casa sua per guardarlo meglio e ottenne perfino di farlo dormire nel suo letto. Per mesi e mesi la bambina si dedicò al piccolo Claudio con attenzione e cura totalizzanti. Gli faceva perfino le pappe: Lessavo una carotina, una zucchina e una patatina che poi pestavo nel mortaio, come vedevo fare con la carne a Natale per i cappelletti. Quando le verdurine diventavano cremose aggiungevo l acqua di cottura e ci cuocevo dentro il pane. L olio di oliva completava il pancottino che Claudio imparò a mangiare e a gustare con grande profitto per la sua crescita e il suo colorito. Avevo imparato a fare per lui anche la crema, perché uova e latte a casa non mancavano mai! E di notte, le fredde notti delle case con cattivi infissi e nessuna fonte di riscaldamento, Claudio rimaneva attaccato al corpicino saldo e caldo di Cleofe assaporando istintivamente calore, protezione e sicurezza. Claudio sarà un uomo fortunato profetizzò Benilde Cangiotti compiaciuta e grata di vederlo crescere così bene ha avuto due grandi mamme! Non so quando durò questa dolcissima simbiosi, ma so per certo che non fu mai dimenticata se Claudio Cangiotti, ormai anziano, ricco e potente, parlava della mia nonna con accenti di commossa tenerezza, accenti rari e insoliti nei suoi giudizi e nei suoi commenti. Era a Natale la vera grande festa dell anno al mulino dei Canonici! Arrivavano i parenti da Fano, anche loro mugnai di Albani, con le carrozze, il pesce per la vigilia e i dolci per il cenone. Da giorni e giorni prima si cominciavano i preparativi d accoglienza: tutti i bambini Baldassarri e Cangiotti avrebbero dormito in un unica stanza per far posto ai fanesi: le bambine da una parte e i maschietti dall altra, su sacchi provvisori di foglie di granturco che cricchiavano chiassose sotto i nostri salti eccitati. Sacchi provvisori, perché in casa nostra ci sono sempre stati i materassi di lana e di crine. - precisava la nonna come chi vuol puntualizzare la cifra di un blasone - Le lenzuola odorose di spighetta, gli asciugamani di lino col pizzo e il secondo cassetto di ogni comò lasciato libero perché gli ospiti potessero farne uso. Ma il Natale era soprattutto sinonimo di cappelletti. Un orgia di cappelletti! La mamma chiedeva aiuto alle donne dei contadini vicini raccontava ancora la nonna Cleofe e queste venivano volentieri e si facevano duemila, tremila cappelletti o forse più! La carne, selezionata con cura maniacale, veniva cotta col burro in grandi tegami di coccio e poi battuta nei mortai. Le lame dei coltelli non dovevano neppure avvicinarsi alla carne: avrebbero lasciato un cattivo sapore di metallo.

3 La nonna ci racconta 3 Ivana Baldassarri Nella grande cucina, oltre le chiacchiere allegre delle donne, non si sentiva per ore, altro che il battere ritmato e regolare dei pestelli nei mortai, fino a che la carne non diventava un pesto raffinato, omogeneo e soffice. Poi la pasta, morbida, mi raccomando! Se no, i cappelletti non si possono chiudere bene e i va tutti par el brod! diceva la mamma che dirigeva i lavori. Sul grande tavolo della cucina due, a volte tre taglieri su cui fiorivano le sfoglie, gialle come l oro, perfettamente rotonde, senza imperfezioni, lisce come seta. Dopo l ultimo scenografico schiocco della sfoglia, che era l annuncio che la si poteva tagliare, ogni donna tirava fuori dalla propria parananza bianca e odorosa di bucato, un attrezzo tondo e tagliente col manico di legno, per fare i tondi di pasta dentro i quali rinchiudere il pesto di carne odoroso di limone, noce moscata e cannella. Mentre le mani delle donne di casa, bambine comprese, e delle contadine orgogliose di partecipare al rito più importante dell anno, si muovevano svelte a chiudere i cappelletti, le confidenze, i consigli, i sorrisi e le lacrime parlando dei figli, del lavoro, degli amori e della morte. Eccoli finalmente i cappelletti! Tutti uguali, tutti in fila, tutti contati, bellissimi, appoggiati sulle tavole del pane, ricoperti di teli bianchi e poi portati nei grandi vani sopra il mulino, dove era freddissimo e si sarebbero mantenuti fino a Natale. Un altro appuntamento annuale era la visita della Principessa Albani: per la nonna Cleofe un vero incubo, fin da piccolissima. Non sopportava di doversi mettere in ginocchio nello spiazzo grande davanti al mulino, per accogliere quella vecchia incappellata, con i guanti di pizzo e orecchini preziosi: quella gran signora aveva la faccia dura, senza sorriso e nella voce l'arroganza dei dominatori. Non mi voglio mettere in ginocchio. diceva Cleofe alla sua mamma. Abbi pazienza supplicava Maria a quella sua bambina tenace è un momentino solo, poi se ne va!, ma Cleofe, avrò avuto cinque o sei anni, precisava compiaciuta la nonna, non s inginocchiò più né davanti alla Principessa, né a nessun altro mai: come sentiva il rumore della carrozza dell Albani, annunciata già dall ansia e dai preparativi materni, Cleofe fuggiva e andava a nascondersi fra i sacchi di grano, nella parte alta del mulino, dove a Natale si mettevano i cappelletti. La Principessa, passando in rivista la famiglia e guardando con i suoi occhialetti a mascherina i bambini inginocchiati vicini alla carrozza, diceva: Come mai non c è la tua figlia più grande? La perdoni Signora Principessa, si sarà nascosta da qualche parte, quella birichina sussurrava servile la moglie del mugnaio era proprio qui un minuto fa! Un altro appuntamento, ma questo ricordato con immenso piacere, era la visita che assieme a sua madre Maria faceva ogni tanto al Conte Ciro Antaldi Santinelli che era il padrone del fattore Pagnini, suo nonno. Era già bellissimo venire a Pesaro col calessino: tutta la strada alberata fino al Miralfiore e poi costeggiare le belle mura pentagonali fino a Porta Rimini!

4 La nonna ci racconta 4 Ivana Baldassarri Qualcuno apriva il grande portone di casa Antaldi: saluti, gran vedute e complimenti, e poi lungo i corridoi silenziosi, lucidi, freschi e pieni di quadri, fino alla sala grande delle visite, dove c era una specie di trono. Su una grande pedana con tre gradini ricoperti di damasco rosso, poggiava una poltrona sontuosa con i braccioli di velluto e schienale alto, sulla quale era seduto il padrone, Ciro Santinelli Antaldi con papalina rossa ornata da una greca color oro come quella di Garibaldi. Brava la mia Maria che mi sei venuta a trovare! E tu piccola Cleofe come stai? Vieni e siediti qui vicino a me! e indicava il terzo gradino, proprio vicino alla sua poltrona! Mi piaceva tanto stare lì continuava la nonna mi sembrava di essere la figlia del re!. Ogni tanto il padrone mi accarezzava la testa e io sentivo come in sogno la voce della mamma che raccontava, con rispettosa confidenza di noi, del mulino, del paese e delle visite di quella strega della Castelbarco. Poi Ciro Santinelli faceva un cenno al cameriere che ci portava un vassoio pieno d arance: una vera rarità. Prendi quante ne vuoi! mi diceva e io guardando la mamma per avere il permesso, ne prendevo sempre due, una per mano. Sarà stata l aria rivoluzionaria e progressista che circolava a San Pietro più prepotente che altrove per i nuovi trasalimenti socio-politici che si sarebbero poi imposti lungo tutto il 900, a far maturare nella nonna Cleofe uno spiccato senso di insofferenza nei confronti di ogni ingiustizia e sopruso specie se commessi contro le donne. Scoprì presto, e con una specie di sgomento, la consolidata disparità femminile nel mondo: ancora non si conosceva la parola femminismo, ma lei fu una femminista viscerale, per quell istinto di equità violata che riscontrava quotidianamente, nei comportamenti, nelle abitudini e nella mentalità di tutti gli uomini, anche i migliori. Non capiva, per esempio, perché i suoi due fratelli maschi venivano mandati alla scuola superiore dopo le elementari pur senza nessun costrutto e lei che aveva una passione sincera e appassionata per tutte le cose che riguardavano il sapere, doveva fare la sarta. Teneva da conto i rari giornali che capitavano in casa, leggeva con interesse e passione i libri sulla vita dei santi che le prestava il parroco, nascondeva i libri di scuola suoi e quelli dei suoi fratelli perché sua madre non li vendesse a scuola finita. Le piaceva la mitologia e la storia, si esercitava nelle operazioni tanto che era diventata così svelta che il padre spesso la chiamava nel mulino per farsi aiutare a fare i conti; fantasticava sulla geografia, ma si confondeva sulla possibilità di rimanere attaccati ad una palla che girava da sola e le riuscivano difficili i concetti di lontananza e di alternanza della stagioni e si confondeva sempre fra i meridiani e i paralleli. Questi interessi che tutti dicevano non essere adatti alle femmine, le avevano però dato un tono diverso da tutte le altre sue amiche. Moralmente limpida, niente la stupiva e la limitava, nemmeno una conversazione impegnativa e ardita, come il lavoro delle donne e il diritto ad esprimere le proprie opinioni. Cleofe si arricchiva via via di una garbata autorevolezza e di una personale fermezza che mescolandosi all innata simpatia, all acuta

5 La nonna ci racconta 5 Ivana Baldassarri sensibilità, alla prontezza fulminante dei riflessi, le consolideranno una seduzione spigliata e comunicativa, non priva di una spiccata tendenza al comando. Da giovane era agile e minuta: le piaceva cantare, recitare e ballare: a carnevale Momo, il capo mugnaio, staccava i cavalli e col carro del mulino portava tutti a ballare: sua madre Clarice, sua moglie Maria e le sue due figlie Cleofe e Cleomene: quando arrivavano a San Pietro, tutti si facevano loro intorno per salutarli con deferenza e rispetto. La più festeggiata era la nonna Clarice, - raccontava Cleofe perché si era fatta fin da giovane una fama di donna ardita e coraggiosa. Una specie di Calamity Jane che non aveva paura di affrontare i ladri e i banditi che infestavano le campagne pesaresi. Tutti sapevano che Clarice Baldassarri, moglie del placido Giocondo mugnaio dei Canonici, rimaneva spesso sola quando suo marito andava ad acquistare le granaglie per il suo padrone. Il principe Castelbarco Albani aveva scelto Giocondo Baldassarri per queste incombenze per l assoluta onestà e la grande competenza che si era fatto sui cereali: queste importanti trasferte lo tenevano lontano da casa anche per molti giorni. Ma Clarice non aveva paura di niente e di nessuno: la sera sprangava diligentemente le porte e le finestre di casa, metteva a letto i suoi numerosi figli Giocondo e Clarice ne avranno fra vivi e morti ben dieci - e si ritirava nella sua camera da letto col fucile vicino al comodino. E se di notte, nello spiazzo silenzioso del mulino qualcosa si muoveva, fossero uomini o animali, Clarice metteva il fucile nell incrocio delle due persiane socchiuse e cominciava a sparare, fino a che il fitto silenzio non tornava a tranquillizzarla. La mattina dopo le donne e gli uomini delle case attorno andavano a chiederle ragione di tutte quelle schioppettate, ma lei li rassicurava con l occhio lucido di sorriso e un alzata di spalle. Avret avut na bella paura Sora Claric! (Avrete avuto una bella paura, Signora Clarice) Nisciuna paura, cara la mi donina rispondeva lei fiammeggiando con gli occhi dle donn an ho paura e d iom i vag in cerca (Nessuna paura, cara la mia donnina, delle donne non ho paura e degli uomini vado in cerca). Tutti ridevano soddisfatti e ammirati: questa sora Clarice nonostante il temperamento fiero e dirompente, considerato quasi scandaloso, era una gran donna, capace di attendere sola e senza paura il ritorno del suo dolce Giocondo, di sbrigare tutte le incombenze del mulino, comandare con polso fermo tutti i garzoni e di cantare, con voce modulata e bellissima le romanze d opera e le lodi a Pio IX, quando i suoi bambini avevano la febbre. La nonna Cleofe aveva mantenuto per lei, nel cuore e nei ricordi un rispetto e una tenerezza indelebile: da lei che veniva dalle campagne di Urbino, aveva imparato antiche storie di Duchi e di Duchesse, di matrimoni sfarzosi e infelici, di guerre e di veleni assieme all immagine, quasi mitica, di un gran palazzo con due torricini alti bianchi e slanciati, che dominava tutta la valle attraversata una sola volta, nel 1848, quando, giovanissima era venuta verso Pesaro per sposare Giocondo Baldassarri mugnaio dei Castelbalco Albani. Nel 1903, al mulino dei Canonici arrivò da Fano, Francesco Storoni detto Checco: anche lui mugnaio, esperto nel battere le macine, che era un lavoro da veri specialisti.

6 La nonna ci racconta 6 Ivana Baldassarri Occhi di velluto nero ricordava la nonna con ancora una punta di eccitazione nella voce con sguardi lunghi, dolci e selvatici che mi facevano battere il cuore fino alle orecchie. Bello, bruno, di pochissime parole, quasi cupo Checco era rimasto orfano di padre a 11 anni con cinque fratelli e una mamma da aiutare: era serio, lavoratore, obbediente e intelligente, diventò presto uno di casa. Dormiva nel mulino con gli altri garzoni venuti da fuori, ma spesso Maria lo chiamava a mangiare a tavola con loro, specie la domenica quando, dopo la Messa, tutti rimanevano con i vestiti buoni e le scarpe lucide. Checco si incantava ad ascoltare i racconti della nonna: a lui così cupo e malinconico, pareva di venir trasportato in un mondo diverso, più positivo, più allegro, dove tutti si sorridevano e si salutavano. Cominciò ad aspettarla, la sera all uscita del suo lavoro di sarta: e in quei due chilometri di strada del ritorno, da San Pietro al mulino, nel soave paesaggio piano, pezzato di toni d ocra e spruzzato dall oro ancora acceso dei pioppi che l autunno andava rapidamente sfoltendo, Checco cominciò a raccontarle con voce morbida e intensa della sua adorata mamma Caterina, dei suoi fratelli sempre affamati, delle sue sorelline che già sapevano cucire e pulire la casa: Caterina, per cercare di racimolare qualche baiocco, andava ogni mattina a pettinare le signore aristocratiche fanesi, lei che veniva proprio da una di quelle famiglie, i Mariotti. Tornava con pochi soldi, ma con gli avanzi di quelle ricche cucine. Checco e Cleofe avevano 20 anni, si innamorarono e decisero di sposarsi: lui diventò capo mugnaio al mulino della Sacca, nel comune di Serrungarina dove nacque la loro prima figlia, Isora: poi fu trasferito a Pesaro al mulino di San Cassiano, dove rimase, con pochi e brevi trasferimenti occasionali, fino alla morte. Nel mulino di San Cassiano, nacque Maria la mia mamma. La nonna Cleofe fu felicissima di stabilirsi a Pesaro: la casa sopra il mulino non era bella, ma era grande e tutta per loro: dopo la morte di Momo avvenuta nel 1905, appena dopo le loro nozze, Cleofe aveva preso con sé la sorella Cleomene, mentre Maria era andata a vivere con i figli maschi. La giovinezza della sposa fu tormentata, e non poco, dalla gelosia: Checco era troppo bello diceva la nonna le donne lo guardavano e le più sfacciate andavano perfino nel mulino un giorno sì e uno no, con un cartoccino di grano da macinare, con la scusa che la farina macinata fresca era più buona. E lui sotto quella berretta floscia, aveva due occhi che non si lasciavano dimenticare! La nonna, alla quale nulla sfuggiva, notò che una di queste donne rimaneva nel mulino più tempo di quanto la macinata di quel famoso cartoccino di grano, non richiedesse. Scelse fra i ferri e i bastoni che servivano per trasportare i sacchi, una barra che fosse maneggevole e che potesse essere facilmente nascosta tra gonna e zinale: non appena la sospettata entrò nel mulino, la nonna scese rapida con la sua barra di ferro ben nascosta fra le pieghe delle gonne e si avvicinò dove il suo Checco e la sfacciata stavano parlottando. Appena Cleofe si presentò, Checco, allarmato, le si avvicinò per sentire cosa volesse e lei, con un sorriso

7 La nonna ci racconta 7 Ivana Baldassarri radioso e velenoso, sollevò appena un lembo del zinale e, mostrandogli la barra di ferro, gli disse minacciosa, fra i denti: Questa Checchin è metà per te e metà per quella! Il nonno capì che Cleofe faceva sul serio e non macinò più a nessuna donna piccole quantità di grano. Se le si chiedeva, quando era già anziana: Nonna, cosa avresti voluto fare se ti avessero fatto studiare? L avvocatessa rispondeva, sicura di rigenerare la parola al femminile con un significativo apporto di valore: andava spesso perfino in Tribunale ad assistere ai processi, sapeva tutto di Bruneri e Cannella e del fosco caso Murri: facendo la spesa comprava L Idea Cattolica e a volte anche Il Progresso perché quella prima giovinezza sanpietrana le aveva lasciato un ansia di rivendicazioni e di uguaglianza sociale. Amava la lirica e come tutti, ricchi e poveri, andava con il suo bel Checco al Teatro Rossini ad assistere alle opere: con i vestiti più belli, quelli che lei stessa si cuciva per le grandi occasioni. Le piacevano Andrea Chénier, "La Bohème e Tosca che poi cantava, con una bella vocina, alla Toti del Monte. Poi imparò a cantare Francesca da Rimini e nessuna musica le sembrò più bella di quella di Zandonai! Con il suo ombroso, taciturno e bellissimo Checco, fu vita difficile: ma una cosa li unì indissolubilmente oltre ad un amore caldo e rissoso, una reciproca considerazione e la generosità nei confronti di chi aveva bisogno. Checco ricordava la sua infanzia poverissima come un marchio d infamia e non sapeva rinunciare ad aiutare tutti quelli che si rivolgevano a lui. Nelle capaci tasche del suo giaccotto da lavoro aveva un notes nero, tenuto chiuso da un elastico: lì segnava i soldi che prestava, senza interessi e senza speranze di restituzione. Ogni settimana la nonna andava a fare una spesa supplementare per alcune famiglie che abitavano a San Pietro e che erano in difficoltà: carne, pesce, zucchero, olio, tanta farina e un mucchietto di soldi in un sacchettino di stoffa. Partiva il garzone del mulino con carretto e cavallo alla volta di San Pietro e i nonni si guardavano soddisfatti. Nella casa del mulino di San Cassiano non mancava nulla, ma nulla veniva sprecato: la nonna non buttava via neppure gli stracci e le ossa (quelli della carne da brodo, per intenderci), perché li vendeva ad un ambulante che di tanto in tanto passava sotto casa urlando: Stracciiii! Ossiiii! ; il ricavato veniva devoluto con una ricca aggiunta alle missioni Comboniane. Nel 1940, il nonno Checco morì: aveva appena 56 anni e nel suo camiciotto da lavoro la nonna trovò il notes nero con tutti i crediti e i nomi dei creditori: vicino a tutte le cifre il nonno aveva già scritto requiescant. Da allora la nonna Cleofe visse con noi e diventò la mia instancabile intrattenitrice. Da lei ho saputo la storia dei Castelbarco Albani e dei Baldassini, quella degli Antaldi e dei Perticari, ma la sua storia preferita era quella di Oreste Ruggeri, delle sue 11 ville, dei suoi sei figli con nomi strani e insoliti, dei suoi glomeruli e della sua bellissima moglie Olga che quando andava a teatro pareva una regina.

8 La nonna ci racconta 8 Ivana Baldassarri Spesso andavamo a vederla entrare in teatro! La signora Olga aveva diadema con brillanti, file e file di perle e stola di pelliccia bianca.. Le piaceva raccontare anche di Mascagni quando era direttore del Liceo musicale: Era un gran bell uomo: giovane, con i capelli lasciati liberi senza scriminatura e senza brillantina: portava gilet sgargianti e un sortout giallo, corto, e il sigaro sempre in bocca. Era un vero rubacuori: ha tolto la pace a molte famiglie! aggiungeva severa. Era scandalosamente e segretamente sedotta da D annunzio: pur così elegantemente atteggiato, baffi incollati, levrieri ai piedi, cranio lucido e mani troppo curate, configurava forse una trasgressione così eccitante da essere assolutamente irraggiungibile, ma con un che di squisito, di sfuggente, e di struggente Durante la guerra e lo sfollamento, la nonna fu la vera figura di riferimento per tutti noi: coraggiosa, generosa e attiva, regnava incontrastata con fervidi pensieri organizzativi, sul piccolo gineceo di famiglia formato da lei, dalla zia Isora elegante, signorile e malmaritata, dalla mia mamma Maria bellissima e bruna come Checco e da me bambina avida e interessata di tutto: mio padre era in Africa prigioniero degli inglesi nei campi di Gil Gil Kenya. A proposito di gineceo ricordo una funzione alla quale le mie tre donne offrivano grande attenzione: il bidè e dato che in casa nostra si mangiavano molto spesso le erbe di campagna - costavano poco, spesso ci venivano regalate e qualche volta erano la nonna e la zia che le raccoglievano - era sistematico che l acqua di cottura venisse usata per fare il bidè. Quasi un anticipazione al successo che hanno oggi tutti i prodotti da erboristeria. C era un turnover preciso e gerarchico: oggi la nonna, la volta dopo (poteva essere anche l indomani) la zia Isora e poi la mia mamma: poi si ricominciava il giro ombrato di pudore, ma con regolarità di cura e con certezza di un risultato rinfrescante che almeno esorcizzasse brutte malattie. Come volle il Signore, fra ristrettezze al limite della miseria, tessere annonarie e poche amlire, fra vestiti mille volte rifatti, lo sferruzzare della nonna per calze e maglie di lana caprina, scatolette di piselli e caffè di cicoria, la terribile guerra finì: il ritorno di mio padre il 26 Dicembre 1946 segnò la faticosa ripresa postbellica. La nonna Cleofe mollò la presa dell autorevolezza e del comando, divenne più silenziosa, badando soprattutto se stessa. Aveva imparato a giocare a canasta con abilità ed era un entusiasta spettatrice degli sceneggiati in TV. La mattina, dopo la Messa delle sette, si preparava il caffè, metà caffè e metà Vecchina (un misto di orzo, cicoria e non so che altro) e vi aggiungeva due cucchiai di latte condensato Berna ; nel delizioso liquido spezzettava un panino fresco del forno Bortolotti: verso le 11 la spremuta di ½ arancia e l altra ½ sempre allungate con l acqua tiepida, nel pomeriggio. Cuoca abilissima, pranzava con appetito ma era esigente e raffinata; la sera non cenava, un abitudine presa da giovane dopo una colica di fegato e quando d estate l afa le scombinava un po la respirazione, prendeva la sua bottiglina di acqua antisterica, annusava a lungo, riprendendosi in fretta. Pregava con gli occhi chiusi: la si vedeva muovere le labbra e far scorrere il rosario fra le piccole dita appuntite e bianche a ritmo regolare, senza distrazioni. Si sedeva vicino a me quando studiavo le poesie e la storia:

9 La nonna ci racconta 9 Ivana Baldassarri Non fa mai male imparare ancora qualcosa! Negli ultimi tempi, quando non cuciva più, non pregava più, e non guardava neppure la televisione che tanto l entusiasmava, allontanata dalla realtà e da se stessa per una specie di frantumazione interiore, chiedeva sempre della sua mamma Maria e di essere riportata nel bel mulino dei Canonici: poi, leggermente contrariata per non poter mai essere accontentata, cominciava a tracciare con il piccolo indice appuntito o sul tavolo, o sul bracciolo della poltrona o sulle sue gambe coperte dal plaid, indecifrabili e nervosi segni, forse parole, allusive a ricordi che non riusciva più a raccontare e che non sapremo mai. Come per cercare di ristabilire in se stessa, i rassicuranti equilibri della memoria.

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08. Intervista

INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08. Intervista Allegato 11 INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08 Proponi ai nonni e ai genitori la seguente intervista Intervista 1. Con che cosa giocavi? 2. Chi ti comprava i giochi? 3. Ne

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Come si fa a stare bene insieme?

Come si fa a stare bene insieme? Come si fa a stare bene insieme? Stare insieme è bello. Alle volte per noi bambini è difficile. Abbiamo intrapreso questo viaggio alla scoperta di un modo migliore per vivere a scuola e non solo. Progetto

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

UNA FORTUNATA CATASTROFE Di Adela Turin. Lettura della storia

UNA FORTUNATA CATASTROFE Di Adela Turin. Lettura della storia UNA FORTUNATA CATASTROFE Di Adela Turin Lettura della storia La famiglia Ratti vive in un ripostiglio di una bella casa. In questa famiglia i ruoli sono chiari: il padre va a lavorare ogni mattina e la

Dettagli

La mia Storia. nome. cognome. Istituto Comprensivo di Scuola Primaria di Classe II sez. By Maestra Luciana. Spazio riservato alla foto del bambino

La mia Storia. nome. cognome. Istituto Comprensivo di Scuola Primaria di Classe II sez. By Maestra Luciana. Spazio riservato alla foto del bambino La mia Storia nome Spazio riservato alla foto del bambino cognome Istituto Comprensivo di Scuola Primaria di Classe II sez. Questa è la copia del mio documento d identità: ( Spazio riservato alla copia

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA?

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA? CAPITOLO XXX MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA VALLE, TROVARONO COMPAGNI CHE ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «TANTA GENTE ATTIRA I SOLDATI. POVERO ME!» BORBOTTAVA DON ABBONDIO. «NEI PERICOLI È MEGLIO

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

Il principe Biancorso

Il principe Biancorso Il principe Biancorso C era una volta un re che aveva tre figlie. Un giorno, stando alla finestra con la maggiore a guardare nel cortile del castello, vide entrare di corsa un grosso orso che rugliava

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

TEST DI ITALIANO L2 LIVELLO A2

TEST DI ITALIANO L2 LIVELLO A2 Cognome e nome:. Data:.. TEST DI ITALIANO L2 LIVELLO A2 1. Scrivi i nomi sotto le immagini............. 1 2. Completa le frasi. Prendo due chili di Per fare la torta devo comprare anche le Per favore,

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

Ehi!! PSSS, dopo i doni i doveri!!! Ma non ti preoccupare presto arriverà la mia amica Befana e saranno di nuovo doni. BUON LAVORO

Ehi!! PSSS, dopo i doni i doveri!!! Ma non ti preoccupare presto arriverà la mia amica Befana e saranno di nuovo doni. BUON LAVORO Ehi!! PSSS, dopo i doni i doveri!!! Ma non ti preoccupare presto arriverà la mia amica Befana e saranno di nuovo doni. BUON LAVORO Per avere un ricordo stupendo di questo tuo Natale ricordati di fare il

Dettagli

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007

RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 ATTORI: 3B RECITA MUSICALE DELLA PACE 4 ottobre 2007 CANTANTI: 4B Narratrice Valentina Massimo Re sì Re no Orsetto Farfalla Uccellino Cerbiatto Lepre Popolo del paese sì Popolo del paese no Sophie Dana

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi Concorso Nazionale di poesia città di Foligno Sezione Ragazzi LA VITA La vita è come un libro illustrato Dal quale spesso rimani affascinato A tal punto che resteresti incollato E vorresti sfogliarla tutta

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

Sandro Fabbri È GIUNTA L ALBA

Sandro Fabbri È GIUNTA L ALBA È giunta l alba Sandro Fabbri È GIUNTA L ALBA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Sandro Fabbri Foto dell autore Tutti i diritti riservati A mia moglie Martina Introduzione È passato quasi

Dettagli

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo.

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Pensieri.. In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Simone Per me non è giusto che alcune persone non abbiano il pane e il cibo che ci spettano di diritto. E pensare che molte

Dettagli

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati *Dopo il primo incontro con la monaca buddista Doyu Freire, i bambini sono stati invitati a raccontare liberamente l esperienza, appena fatta,

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Collana: Libri per bambini

Collana: Libri per bambini La Madonna a Medjugorje appare SHALOM Collana: Libri per bambini Testi e illustrazioni: Editrice Shalom Editrice Shalom 25.06.2014 33 o Anniversario delle apparizioni a Medjugorje ISBN 9788884043498 Per

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud Paolo DÊAmbrosio La finestra sul mare una storia del Sud Paolo D Ambrosio La finestra sul mare Proprietà letteraria riservata 2011 Paolo D Ambrosio Kion Editrice, Terni Prima edizione luglio 2011 ISBN

Dettagli

Quasi stelle di Marcella Bettini

Quasi stelle di Marcella Bettini Quasi stelle di Marcella Bettini Illustrazione di Simonetta Fratini Quasi-stelle C era una volta una casa con tante finestre con le persiane verdi a pallini blu che, quando si aprivano, sembravano ali

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

PARTIAMO DAL VISSUTO DEL BAMBINO «DOVE SIETE STATI IN VACANZA QUEST ESTATE?»

PARTIAMO DAL VISSUTO DEL BAMBINO «DOVE SIETE STATI IN VACANZA QUEST ESTATE?» PARTIAMO DAL VISSUTO DEL BAMBINO «DOVE SIETE STATI IN VACANZA QUEST ESTATE?» «SONO STATO A IESOLO E POI A MINORCA CON L AEREO» «SONO STATA IN POLONIA A TROVARE LA NONNA» «IN SICILIA.E UN PO LONTANO CI

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de Nome: Telefono: Data: Kurs- und Zeitwunsch: 1. Ugo è a. italiano b. da Italia c. di Italia d. della Italia 3. Finiamo esercizio. a. il b. lo c. gli d. l 5. Ugo e Pia molto. a. non parlano b. non parlare

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Poi venne l aurora Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Ernesto Riggi Tutti i diritti riservati A tutti i giovani coraggiosi, capaci di lottare pur di realizzare

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto.

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. Attività: ascolto di un racconto. La bambola diversa Lettura dell insegnante

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Il piccolo pezzo di argilla

Il piccolo pezzo di argilla di iana Engel Su in alto, nella vecchia torre, c era un laboratorio. Era un laboratorio di ceramica, pieno di barili di smalti colorati, col tornio del ceramista, i forni e, naturalmente, l argilla. ccanto

Dettagli

NOMI IN CERCA DI AGGETTIVI...

NOMI IN CERCA DI AGGETTIVI... NOMI IN CERCA DI AGGETTIVI... Collega ogni nome all aggettivo corretto. NOMI spettacolo leone lana musica arrosto gioiello cavaliere minestra sostanza fiore ragno scolaro bambina torta AGGETTIVI bollente

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA!

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! PREPARATIVI - Preparare un grande cerchio di cartoncino marrone (la torta ) e tanti spicchi di diversi colori vivaci (le fette ), in modo che ci sia uno spicchio

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 1 1 Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 2 Pag 3 La nonna: è il capostipite della famiglia Cantona, insieme al cognato Nicola ha aperto il pastificio di famiglia e lo ha gestito con

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI Maggio-Giugno Le campane nel campanile suonano a festa. E risorto Gesù E Pasqua senti come suonano allegre! ascoltiamole Queste suonano forte! Maestra perchè

Dettagli

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1 Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 3 ottobre 2011 LIVELLO A1 1. Completa le frasi con gli articoli determinativi (il, lo, la, l, i,

Dettagli