LA NONNA CI RACCONTA Di Ivana Baldassarri

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA NONNA CI RACCONTA Di Ivana Baldassarri"

Transcript

1 La nonna ci racconta 1 Ivana Baldassarri LA NONNA CI RACCONTA Di Ivana Baldassarri Lei ha sempre raccontato: la sua vita, il suo paese, le atmosfere, le feste, le discendenze, la Storia. Se fosse viva racconterebbe ancora, colorando il suo narrare della sua intelligenza, della sua fantasia, della sua curiosità e di quella superiore capacità di capire, nelle cose e nei fatti, quel nucleo di originalità che fa di una vita, anche se semplice e sconosciuta, una vita speciale: pensava che la memoria fosse un esercizio di alta formazione culturale e che narrare le cose desse loro una longevità e un brillio che assomigliavano alla vita vera. Si chiamava Cleofe Baldassarri ed era la mia nonna: era nata il 20 Novembre 1883 al Mulino Albani in contrada Canonici di San Pietro in Calibano, oggi Villa Fastiggi, in una povera casa di un solo piano, stesa in lunghezza, con davanti una vite rampicante di uva corna, proprio lateralmente al mulino: la casa aveva due porte verdi affiancate e appena distanziate, una del mugnaio Baldassarri e l altra del fattore Cangiotti. Due case, due mestieri, due famiglie, tanti bambini, le nonne rimaste vedove e le zie rimaste zitelle. Il mugnaio Girolamo Baldassarri e il fattore Cangiotti, o meglio la fattora Benilde Cangiotti perché in casa e sul lavoro era lei che comandava, non erano né condomini né colleghi: erano più che parenti. Cleofe era la più grande dei quattro figli del mugnaio Baldassarri detto Momo, che aveva sposato la dolcissima Maria Pagnini figlia del fattore degli Antaldi-Santinelli. La mamma raccontava la nonna Cleofe era nata in quella bella e grande casa bianca vicina a Porta Rimini, (ora schiacciata fra la strada e la Caserma Aldo Del Monte) proprio di fronte alla casa degli Antaldi che custodisce le palle di Cialdini come se fossero mele in un portafrutta. Una grandissima casa che aveva perfino la foresteria per l accoglienza dei viaggiatori che arrivando tardi a Pesaro, trovavano le porte della città chiuse. E quando i viaggiatori che chiedevano asilo per una notte avevano facce e modi poco raccomandabili, il vecchio Pagnini ordinava alle donne e ai bambini di non uscire dalle loro stanze fino a mattina. La vita al mulino dei Canonici scorreva felice e serena: i bambini Baldassarri e i bambini Cangiotti crescevano insieme scorrazzando nei campi: d estate c erano i bagni nel bottaccio e d inverno le lunghe camminate nella neve per raggiungere la scuola di San Pietro. Molta neve nei racconti della nonna Cleofe: Il garzone più giovane e più forte e a volte perfino due garzoni, ci accompagnavano a scuola, aprendo con i loro corpi e con grosse pale, la rotta, tanta era la neve!

2 La nonna ci racconta 2 Ivana Baldassarri Nel 1892 nacque l ultimo figlio dei fattori Cangiotti, Claudio: piccolo e malaticcio rifiutava di dormire, di mangiare e piangeva sempre. La fattora Benilde che doveva spesso assentarsi di casa per curare gli affari e le terre degli Albani, chiedeva alla mia nonna, che allora aveva nove anni, di dare un occhiatina a quel suo piccolo ranz. Fu per la piccola Baldassarri la scoperta vera della vita, della dedizione assoluta al femminile e della gioia profonda di essere importante e amata da protagonista. Quel bambino piccolissimo diventò il suo: chiese se poteva tenerlo a casa sua per guardarlo meglio e ottenne perfino di farlo dormire nel suo letto. Per mesi e mesi la bambina si dedicò al piccolo Claudio con attenzione e cura totalizzanti. Gli faceva perfino le pappe: Lessavo una carotina, una zucchina e una patatina che poi pestavo nel mortaio, come vedevo fare con la carne a Natale per i cappelletti. Quando le verdurine diventavano cremose aggiungevo l acqua di cottura e ci cuocevo dentro il pane. L olio di oliva completava il pancottino che Claudio imparò a mangiare e a gustare con grande profitto per la sua crescita e il suo colorito. Avevo imparato a fare per lui anche la crema, perché uova e latte a casa non mancavano mai! E di notte, le fredde notti delle case con cattivi infissi e nessuna fonte di riscaldamento, Claudio rimaneva attaccato al corpicino saldo e caldo di Cleofe assaporando istintivamente calore, protezione e sicurezza. Claudio sarà un uomo fortunato profetizzò Benilde Cangiotti compiaciuta e grata di vederlo crescere così bene ha avuto due grandi mamme! Non so quando durò questa dolcissima simbiosi, ma so per certo che non fu mai dimenticata se Claudio Cangiotti, ormai anziano, ricco e potente, parlava della mia nonna con accenti di commossa tenerezza, accenti rari e insoliti nei suoi giudizi e nei suoi commenti. Era a Natale la vera grande festa dell anno al mulino dei Canonici! Arrivavano i parenti da Fano, anche loro mugnai di Albani, con le carrozze, il pesce per la vigilia e i dolci per il cenone. Da giorni e giorni prima si cominciavano i preparativi d accoglienza: tutti i bambini Baldassarri e Cangiotti avrebbero dormito in un unica stanza per far posto ai fanesi: le bambine da una parte e i maschietti dall altra, su sacchi provvisori di foglie di granturco che cricchiavano chiassose sotto i nostri salti eccitati. Sacchi provvisori, perché in casa nostra ci sono sempre stati i materassi di lana e di crine. - precisava la nonna come chi vuol puntualizzare la cifra di un blasone - Le lenzuola odorose di spighetta, gli asciugamani di lino col pizzo e il secondo cassetto di ogni comò lasciato libero perché gli ospiti potessero farne uso. Ma il Natale era soprattutto sinonimo di cappelletti. Un orgia di cappelletti! La mamma chiedeva aiuto alle donne dei contadini vicini raccontava ancora la nonna Cleofe e queste venivano volentieri e si facevano duemila, tremila cappelletti o forse più! La carne, selezionata con cura maniacale, veniva cotta col burro in grandi tegami di coccio e poi battuta nei mortai. Le lame dei coltelli non dovevano neppure avvicinarsi alla carne: avrebbero lasciato un cattivo sapore di metallo.

3 La nonna ci racconta 3 Ivana Baldassarri Nella grande cucina, oltre le chiacchiere allegre delle donne, non si sentiva per ore, altro che il battere ritmato e regolare dei pestelli nei mortai, fino a che la carne non diventava un pesto raffinato, omogeneo e soffice. Poi la pasta, morbida, mi raccomando! Se no, i cappelletti non si possono chiudere bene e i va tutti par el brod! diceva la mamma che dirigeva i lavori. Sul grande tavolo della cucina due, a volte tre taglieri su cui fiorivano le sfoglie, gialle come l oro, perfettamente rotonde, senza imperfezioni, lisce come seta. Dopo l ultimo scenografico schiocco della sfoglia, che era l annuncio che la si poteva tagliare, ogni donna tirava fuori dalla propria parananza bianca e odorosa di bucato, un attrezzo tondo e tagliente col manico di legno, per fare i tondi di pasta dentro i quali rinchiudere il pesto di carne odoroso di limone, noce moscata e cannella. Mentre le mani delle donne di casa, bambine comprese, e delle contadine orgogliose di partecipare al rito più importante dell anno, si muovevano svelte a chiudere i cappelletti, le confidenze, i consigli, i sorrisi e le lacrime parlando dei figli, del lavoro, degli amori e della morte. Eccoli finalmente i cappelletti! Tutti uguali, tutti in fila, tutti contati, bellissimi, appoggiati sulle tavole del pane, ricoperti di teli bianchi e poi portati nei grandi vani sopra il mulino, dove era freddissimo e si sarebbero mantenuti fino a Natale. Un altro appuntamento annuale era la visita della Principessa Albani: per la nonna Cleofe un vero incubo, fin da piccolissima. Non sopportava di doversi mettere in ginocchio nello spiazzo grande davanti al mulino, per accogliere quella vecchia incappellata, con i guanti di pizzo e orecchini preziosi: quella gran signora aveva la faccia dura, senza sorriso e nella voce l'arroganza dei dominatori. Non mi voglio mettere in ginocchio. diceva Cleofe alla sua mamma. Abbi pazienza supplicava Maria a quella sua bambina tenace è un momentino solo, poi se ne va!, ma Cleofe, avrò avuto cinque o sei anni, precisava compiaciuta la nonna, non s inginocchiò più né davanti alla Principessa, né a nessun altro mai: come sentiva il rumore della carrozza dell Albani, annunciata già dall ansia e dai preparativi materni, Cleofe fuggiva e andava a nascondersi fra i sacchi di grano, nella parte alta del mulino, dove a Natale si mettevano i cappelletti. La Principessa, passando in rivista la famiglia e guardando con i suoi occhialetti a mascherina i bambini inginocchiati vicini alla carrozza, diceva: Come mai non c è la tua figlia più grande? La perdoni Signora Principessa, si sarà nascosta da qualche parte, quella birichina sussurrava servile la moglie del mugnaio era proprio qui un minuto fa! Un altro appuntamento, ma questo ricordato con immenso piacere, era la visita che assieme a sua madre Maria faceva ogni tanto al Conte Ciro Antaldi Santinelli che era il padrone del fattore Pagnini, suo nonno. Era già bellissimo venire a Pesaro col calessino: tutta la strada alberata fino al Miralfiore e poi costeggiare le belle mura pentagonali fino a Porta Rimini!

4 La nonna ci racconta 4 Ivana Baldassarri Qualcuno apriva il grande portone di casa Antaldi: saluti, gran vedute e complimenti, e poi lungo i corridoi silenziosi, lucidi, freschi e pieni di quadri, fino alla sala grande delle visite, dove c era una specie di trono. Su una grande pedana con tre gradini ricoperti di damasco rosso, poggiava una poltrona sontuosa con i braccioli di velluto e schienale alto, sulla quale era seduto il padrone, Ciro Santinelli Antaldi con papalina rossa ornata da una greca color oro come quella di Garibaldi. Brava la mia Maria che mi sei venuta a trovare! E tu piccola Cleofe come stai? Vieni e siediti qui vicino a me! e indicava il terzo gradino, proprio vicino alla sua poltrona! Mi piaceva tanto stare lì continuava la nonna mi sembrava di essere la figlia del re!. Ogni tanto il padrone mi accarezzava la testa e io sentivo come in sogno la voce della mamma che raccontava, con rispettosa confidenza di noi, del mulino, del paese e delle visite di quella strega della Castelbarco. Poi Ciro Santinelli faceva un cenno al cameriere che ci portava un vassoio pieno d arance: una vera rarità. Prendi quante ne vuoi! mi diceva e io guardando la mamma per avere il permesso, ne prendevo sempre due, una per mano. Sarà stata l aria rivoluzionaria e progressista che circolava a San Pietro più prepotente che altrove per i nuovi trasalimenti socio-politici che si sarebbero poi imposti lungo tutto il 900, a far maturare nella nonna Cleofe uno spiccato senso di insofferenza nei confronti di ogni ingiustizia e sopruso specie se commessi contro le donne. Scoprì presto, e con una specie di sgomento, la consolidata disparità femminile nel mondo: ancora non si conosceva la parola femminismo, ma lei fu una femminista viscerale, per quell istinto di equità violata che riscontrava quotidianamente, nei comportamenti, nelle abitudini e nella mentalità di tutti gli uomini, anche i migliori. Non capiva, per esempio, perché i suoi due fratelli maschi venivano mandati alla scuola superiore dopo le elementari pur senza nessun costrutto e lei che aveva una passione sincera e appassionata per tutte le cose che riguardavano il sapere, doveva fare la sarta. Teneva da conto i rari giornali che capitavano in casa, leggeva con interesse e passione i libri sulla vita dei santi che le prestava il parroco, nascondeva i libri di scuola suoi e quelli dei suoi fratelli perché sua madre non li vendesse a scuola finita. Le piaceva la mitologia e la storia, si esercitava nelle operazioni tanto che era diventata così svelta che il padre spesso la chiamava nel mulino per farsi aiutare a fare i conti; fantasticava sulla geografia, ma si confondeva sulla possibilità di rimanere attaccati ad una palla che girava da sola e le riuscivano difficili i concetti di lontananza e di alternanza della stagioni e si confondeva sempre fra i meridiani e i paralleli. Questi interessi che tutti dicevano non essere adatti alle femmine, le avevano però dato un tono diverso da tutte le altre sue amiche. Moralmente limpida, niente la stupiva e la limitava, nemmeno una conversazione impegnativa e ardita, come il lavoro delle donne e il diritto ad esprimere le proprie opinioni. Cleofe si arricchiva via via di una garbata autorevolezza e di una personale fermezza che mescolandosi all innata simpatia, all acuta

5 La nonna ci racconta 5 Ivana Baldassarri sensibilità, alla prontezza fulminante dei riflessi, le consolideranno una seduzione spigliata e comunicativa, non priva di una spiccata tendenza al comando. Da giovane era agile e minuta: le piaceva cantare, recitare e ballare: a carnevale Momo, il capo mugnaio, staccava i cavalli e col carro del mulino portava tutti a ballare: sua madre Clarice, sua moglie Maria e le sue due figlie Cleofe e Cleomene: quando arrivavano a San Pietro, tutti si facevano loro intorno per salutarli con deferenza e rispetto. La più festeggiata era la nonna Clarice, - raccontava Cleofe perché si era fatta fin da giovane una fama di donna ardita e coraggiosa. Una specie di Calamity Jane che non aveva paura di affrontare i ladri e i banditi che infestavano le campagne pesaresi. Tutti sapevano che Clarice Baldassarri, moglie del placido Giocondo mugnaio dei Canonici, rimaneva spesso sola quando suo marito andava ad acquistare le granaglie per il suo padrone. Il principe Castelbarco Albani aveva scelto Giocondo Baldassarri per queste incombenze per l assoluta onestà e la grande competenza che si era fatto sui cereali: queste importanti trasferte lo tenevano lontano da casa anche per molti giorni. Ma Clarice non aveva paura di niente e di nessuno: la sera sprangava diligentemente le porte e le finestre di casa, metteva a letto i suoi numerosi figli Giocondo e Clarice ne avranno fra vivi e morti ben dieci - e si ritirava nella sua camera da letto col fucile vicino al comodino. E se di notte, nello spiazzo silenzioso del mulino qualcosa si muoveva, fossero uomini o animali, Clarice metteva il fucile nell incrocio delle due persiane socchiuse e cominciava a sparare, fino a che il fitto silenzio non tornava a tranquillizzarla. La mattina dopo le donne e gli uomini delle case attorno andavano a chiederle ragione di tutte quelle schioppettate, ma lei li rassicurava con l occhio lucido di sorriso e un alzata di spalle. Avret avut na bella paura Sora Claric! (Avrete avuto una bella paura, Signora Clarice) Nisciuna paura, cara la mi donina rispondeva lei fiammeggiando con gli occhi dle donn an ho paura e d iom i vag in cerca (Nessuna paura, cara la mia donnina, delle donne non ho paura e degli uomini vado in cerca). Tutti ridevano soddisfatti e ammirati: questa sora Clarice nonostante il temperamento fiero e dirompente, considerato quasi scandaloso, era una gran donna, capace di attendere sola e senza paura il ritorno del suo dolce Giocondo, di sbrigare tutte le incombenze del mulino, comandare con polso fermo tutti i garzoni e di cantare, con voce modulata e bellissima le romanze d opera e le lodi a Pio IX, quando i suoi bambini avevano la febbre. La nonna Cleofe aveva mantenuto per lei, nel cuore e nei ricordi un rispetto e una tenerezza indelebile: da lei che veniva dalle campagne di Urbino, aveva imparato antiche storie di Duchi e di Duchesse, di matrimoni sfarzosi e infelici, di guerre e di veleni assieme all immagine, quasi mitica, di un gran palazzo con due torricini alti bianchi e slanciati, che dominava tutta la valle attraversata una sola volta, nel 1848, quando, giovanissima era venuta verso Pesaro per sposare Giocondo Baldassarri mugnaio dei Castelbalco Albani. Nel 1903, al mulino dei Canonici arrivò da Fano, Francesco Storoni detto Checco: anche lui mugnaio, esperto nel battere le macine, che era un lavoro da veri specialisti.

6 La nonna ci racconta 6 Ivana Baldassarri Occhi di velluto nero ricordava la nonna con ancora una punta di eccitazione nella voce con sguardi lunghi, dolci e selvatici che mi facevano battere il cuore fino alle orecchie. Bello, bruno, di pochissime parole, quasi cupo Checco era rimasto orfano di padre a 11 anni con cinque fratelli e una mamma da aiutare: era serio, lavoratore, obbediente e intelligente, diventò presto uno di casa. Dormiva nel mulino con gli altri garzoni venuti da fuori, ma spesso Maria lo chiamava a mangiare a tavola con loro, specie la domenica quando, dopo la Messa, tutti rimanevano con i vestiti buoni e le scarpe lucide. Checco si incantava ad ascoltare i racconti della nonna: a lui così cupo e malinconico, pareva di venir trasportato in un mondo diverso, più positivo, più allegro, dove tutti si sorridevano e si salutavano. Cominciò ad aspettarla, la sera all uscita del suo lavoro di sarta: e in quei due chilometri di strada del ritorno, da San Pietro al mulino, nel soave paesaggio piano, pezzato di toni d ocra e spruzzato dall oro ancora acceso dei pioppi che l autunno andava rapidamente sfoltendo, Checco cominciò a raccontarle con voce morbida e intensa della sua adorata mamma Caterina, dei suoi fratelli sempre affamati, delle sue sorelline che già sapevano cucire e pulire la casa: Caterina, per cercare di racimolare qualche baiocco, andava ogni mattina a pettinare le signore aristocratiche fanesi, lei che veniva proprio da una di quelle famiglie, i Mariotti. Tornava con pochi soldi, ma con gli avanzi di quelle ricche cucine. Checco e Cleofe avevano 20 anni, si innamorarono e decisero di sposarsi: lui diventò capo mugnaio al mulino della Sacca, nel comune di Serrungarina dove nacque la loro prima figlia, Isora: poi fu trasferito a Pesaro al mulino di San Cassiano, dove rimase, con pochi e brevi trasferimenti occasionali, fino alla morte. Nel mulino di San Cassiano, nacque Maria la mia mamma. La nonna Cleofe fu felicissima di stabilirsi a Pesaro: la casa sopra il mulino non era bella, ma era grande e tutta per loro: dopo la morte di Momo avvenuta nel 1905, appena dopo le loro nozze, Cleofe aveva preso con sé la sorella Cleomene, mentre Maria era andata a vivere con i figli maschi. La giovinezza della sposa fu tormentata, e non poco, dalla gelosia: Checco era troppo bello diceva la nonna le donne lo guardavano e le più sfacciate andavano perfino nel mulino un giorno sì e uno no, con un cartoccino di grano da macinare, con la scusa che la farina macinata fresca era più buona. E lui sotto quella berretta floscia, aveva due occhi che non si lasciavano dimenticare! La nonna, alla quale nulla sfuggiva, notò che una di queste donne rimaneva nel mulino più tempo di quanto la macinata di quel famoso cartoccino di grano, non richiedesse. Scelse fra i ferri e i bastoni che servivano per trasportare i sacchi, una barra che fosse maneggevole e che potesse essere facilmente nascosta tra gonna e zinale: non appena la sospettata entrò nel mulino, la nonna scese rapida con la sua barra di ferro ben nascosta fra le pieghe delle gonne e si avvicinò dove il suo Checco e la sfacciata stavano parlottando. Appena Cleofe si presentò, Checco, allarmato, le si avvicinò per sentire cosa volesse e lei, con un sorriso

7 La nonna ci racconta 7 Ivana Baldassarri radioso e velenoso, sollevò appena un lembo del zinale e, mostrandogli la barra di ferro, gli disse minacciosa, fra i denti: Questa Checchin è metà per te e metà per quella! Il nonno capì che Cleofe faceva sul serio e non macinò più a nessuna donna piccole quantità di grano. Se le si chiedeva, quando era già anziana: Nonna, cosa avresti voluto fare se ti avessero fatto studiare? L avvocatessa rispondeva, sicura di rigenerare la parola al femminile con un significativo apporto di valore: andava spesso perfino in Tribunale ad assistere ai processi, sapeva tutto di Bruneri e Cannella e del fosco caso Murri: facendo la spesa comprava L Idea Cattolica e a volte anche Il Progresso perché quella prima giovinezza sanpietrana le aveva lasciato un ansia di rivendicazioni e di uguaglianza sociale. Amava la lirica e come tutti, ricchi e poveri, andava con il suo bel Checco al Teatro Rossini ad assistere alle opere: con i vestiti più belli, quelli che lei stessa si cuciva per le grandi occasioni. Le piacevano Andrea Chénier, "La Bohème e Tosca che poi cantava, con una bella vocina, alla Toti del Monte. Poi imparò a cantare Francesca da Rimini e nessuna musica le sembrò più bella di quella di Zandonai! Con il suo ombroso, taciturno e bellissimo Checco, fu vita difficile: ma una cosa li unì indissolubilmente oltre ad un amore caldo e rissoso, una reciproca considerazione e la generosità nei confronti di chi aveva bisogno. Checco ricordava la sua infanzia poverissima come un marchio d infamia e non sapeva rinunciare ad aiutare tutti quelli che si rivolgevano a lui. Nelle capaci tasche del suo giaccotto da lavoro aveva un notes nero, tenuto chiuso da un elastico: lì segnava i soldi che prestava, senza interessi e senza speranze di restituzione. Ogni settimana la nonna andava a fare una spesa supplementare per alcune famiglie che abitavano a San Pietro e che erano in difficoltà: carne, pesce, zucchero, olio, tanta farina e un mucchietto di soldi in un sacchettino di stoffa. Partiva il garzone del mulino con carretto e cavallo alla volta di San Pietro e i nonni si guardavano soddisfatti. Nella casa del mulino di San Cassiano non mancava nulla, ma nulla veniva sprecato: la nonna non buttava via neppure gli stracci e le ossa (quelli della carne da brodo, per intenderci), perché li vendeva ad un ambulante che di tanto in tanto passava sotto casa urlando: Stracciiii! Ossiiii! ; il ricavato veniva devoluto con una ricca aggiunta alle missioni Comboniane. Nel 1940, il nonno Checco morì: aveva appena 56 anni e nel suo camiciotto da lavoro la nonna trovò il notes nero con tutti i crediti e i nomi dei creditori: vicino a tutte le cifre il nonno aveva già scritto requiescant. Da allora la nonna Cleofe visse con noi e diventò la mia instancabile intrattenitrice. Da lei ho saputo la storia dei Castelbarco Albani e dei Baldassini, quella degli Antaldi e dei Perticari, ma la sua storia preferita era quella di Oreste Ruggeri, delle sue 11 ville, dei suoi sei figli con nomi strani e insoliti, dei suoi glomeruli e della sua bellissima moglie Olga che quando andava a teatro pareva una regina.

8 La nonna ci racconta 8 Ivana Baldassarri Spesso andavamo a vederla entrare in teatro! La signora Olga aveva diadema con brillanti, file e file di perle e stola di pelliccia bianca.. Le piaceva raccontare anche di Mascagni quando era direttore del Liceo musicale: Era un gran bell uomo: giovane, con i capelli lasciati liberi senza scriminatura e senza brillantina: portava gilet sgargianti e un sortout giallo, corto, e il sigaro sempre in bocca. Era un vero rubacuori: ha tolto la pace a molte famiglie! aggiungeva severa. Era scandalosamente e segretamente sedotta da D annunzio: pur così elegantemente atteggiato, baffi incollati, levrieri ai piedi, cranio lucido e mani troppo curate, configurava forse una trasgressione così eccitante da essere assolutamente irraggiungibile, ma con un che di squisito, di sfuggente, e di struggente Durante la guerra e lo sfollamento, la nonna fu la vera figura di riferimento per tutti noi: coraggiosa, generosa e attiva, regnava incontrastata con fervidi pensieri organizzativi, sul piccolo gineceo di famiglia formato da lei, dalla zia Isora elegante, signorile e malmaritata, dalla mia mamma Maria bellissima e bruna come Checco e da me bambina avida e interessata di tutto: mio padre era in Africa prigioniero degli inglesi nei campi di Gil Gil Kenya. A proposito di gineceo ricordo una funzione alla quale le mie tre donne offrivano grande attenzione: il bidè e dato che in casa nostra si mangiavano molto spesso le erbe di campagna - costavano poco, spesso ci venivano regalate e qualche volta erano la nonna e la zia che le raccoglievano - era sistematico che l acqua di cottura venisse usata per fare il bidè. Quasi un anticipazione al successo che hanno oggi tutti i prodotti da erboristeria. C era un turnover preciso e gerarchico: oggi la nonna, la volta dopo (poteva essere anche l indomani) la zia Isora e poi la mia mamma: poi si ricominciava il giro ombrato di pudore, ma con regolarità di cura e con certezza di un risultato rinfrescante che almeno esorcizzasse brutte malattie. Come volle il Signore, fra ristrettezze al limite della miseria, tessere annonarie e poche amlire, fra vestiti mille volte rifatti, lo sferruzzare della nonna per calze e maglie di lana caprina, scatolette di piselli e caffè di cicoria, la terribile guerra finì: il ritorno di mio padre il 26 Dicembre 1946 segnò la faticosa ripresa postbellica. La nonna Cleofe mollò la presa dell autorevolezza e del comando, divenne più silenziosa, badando soprattutto se stessa. Aveva imparato a giocare a canasta con abilità ed era un entusiasta spettatrice degli sceneggiati in TV. La mattina, dopo la Messa delle sette, si preparava il caffè, metà caffè e metà Vecchina (un misto di orzo, cicoria e non so che altro) e vi aggiungeva due cucchiai di latte condensato Berna ; nel delizioso liquido spezzettava un panino fresco del forno Bortolotti: verso le 11 la spremuta di ½ arancia e l altra ½ sempre allungate con l acqua tiepida, nel pomeriggio. Cuoca abilissima, pranzava con appetito ma era esigente e raffinata; la sera non cenava, un abitudine presa da giovane dopo una colica di fegato e quando d estate l afa le scombinava un po la respirazione, prendeva la sua bottiglina di acqua antisterica, annusava a lungo, riprendendosi in fretta. Pregava con gli occhi chiusi: la si vedeva muovere le labbra e far scorrere il rosario fra le piccole dita appuntite e bianche a ritmo regolare, senza distrazioni. Si sedeva vicino a me quando studiavo le poesie e la storia:

9 La nonna ci racconta 9 Ivana Baldassarri Non fa mai male imparare ancora qualcosa! Negli ultimi tempi, quando non cuciva più, non pregava più, e non guardava neppure la televisione che tanto l entusiasmava, allontanata dalla realtà e da se stessa per una specie di frantumazione interiore, chiedeva sempre della sua mamma Maria e di essere riportata nel bel mulino dei Canonici: poi, leggermente contrariata per non poter mai essere accontentata, cominciava a tracciare con il piccolo indice appuntito o sul tavolo, o sul bracciolo della poltrona o sulle sue gambe coperte dal plaid, indecifrabili e nervosi segni, forse parole, allusive a ricordi che non riusciva più a raccontare e che non sapremo mai. Come per cercare di ristabilire in se stessa, i rassicuranti equilibri della memoria.

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

L ALFABETO DELLA LEGALITA

L ALFABETO DELLA LEGALITA L alfabeto, che sta alla base dell acquisizione di ogni lingua, diventa, in questo nostro giornalino, il punto di partenza per la conoscenza di quei valori fondamentali che è indispensabile interiorizzare

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini.

Il sei gennaio, c è la festa dell Epifania. In quel giorno la Befana, una buona vecchietta con una scopa fra le gambe, porta regali per i bambini. A) Le feste italiane Naturalmente la più grande festa per i bambini e gli italiani è Natale. In Italia non mancano mai l albero di Natale, il presepio e molti regalini: la sera della Vigilia, il ventiquattro

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

Incontro di lunedì 23 febbraio 2009 S.Maria Regina Feriole

Incontro di lunedì 23 febbraio 2009 S.Maria Regina Feriole Incontro di lunedì 23 febbraio 2009 S.Maria Regina Feriole 0) Auguri alla Francy I) Annuncio dell incontro del Primo Marzo, ore 15, con possibilità di cenare, sul Bene Comune, giornata mondiale del Bene

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.)

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.) Attorno alla Rupe Attorno alla rupe orsù lupi andiam d'akela e Baloo or le voci ascoltiam del branco la forza in ciascun lupo sta del lupo la forza del branco sarà. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi L'equilibrio tra libertà e regole nella formazione dei bambini Incontro Mario Lodi nella cascina ristrutturata a Drizzona, nella campagna tra Cremona

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli