GESÙ CI RIVELA IL VOLTO DEL PADRE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GESÙ CI RIVELA IL VOLTO DEL PADRE"

Transcript

1 Meta: accompagnare i fanciulli a scoprire nelle parole, negli atteggiamenti e nella Pasqua di Gesù l'amore personale di Dio e ad apprendere i modi semplici e quotidiani attraverso i quali possono accoglierlo e renderlo fruttuoso nella loro vita, accompagnati e guidati dalla comunità cristiana TEMPI E UNITÀ TEMI DEGLI INCONTRI OBIETTIVI RIFERIMENTI BIBLICI RIFERIMENTI AL CATECHISMO pp CELEBRAZIONI La festa del nome Il segno della croce Novena di Natale Cammino di catechesi per fanciulli e ragazzi Prima tappa Anno di prima evangelizzazione GESÙ CI RIVELA IL VOLTO DEL PADRE Catechismo di riferimento: Io sono con voi Ottobre Novembre 1.UN NOME PER TE 1.1 Il nome 1.2 Dio ti conosce, ti ama da sempre: è Papà 1.3 Festa del nome Il fanciullo scopre che fra tutte le meraviglie del creato, l uomo è la realtà più bella e preziosa perché capace di parlare ed ascoltare: è persona che Dio ama e chiama per nome da sempre Ger 1 Is 43; 49,15 Mt 6, Avvento Natale 2.UOMO PER NOI 2.1 Il dono 2.2 Una mamma per Gesù 2.3 Gesù, il dono più bello che il Padre ci ha fatto Il fanciullo riconosce nel dono che riceve l amore di chi lo offre; impara a riconoscere l amore dei genitori e di tante altre persone che ogni giorno si fanno dono per noi; scopre che Gesù è il più grande dono che Dio Padre ha fatto agli uomini Lc 1, Lc 2, 1-14 pp pp Gennaio Febbraio 3.UNICO FRA NOI 3.1 Da soli non si cresce 3.2 Parole e gesti che aiutano a crescere 3.3 Gesù al tempio ci svela il segreto della sua crescita 3.4 Gesù dona la vita 3.5 Le parole di Gesù rivelano il cuore grande del Padre 3.6 Gesù apre i nostri occhi perché lo possiamo seguire Dai bisogni di parole e gesti per crescere,il fanciullo scopre con Gesù il segreto per crescere in età, sapienza e grazia: l amore del Padre; accoglie nelle parole e nei gesti di Gesù, l annuncio di un Dio che promuove la vita; si dispone ad assumere parole e gesti che favoriscono la crescita della vita Lc 2, Dt 6,5 Mc 5, Lc 15, 1-6 pp pp

2 pp pp Celebrazione del Buon Pastore Memoria del Battesimo Quaresima Pasqua 4.IL MISTERO DELLA PASQUA 4.1 La Quaresima (I parte) 4.2 La Quaresima (II parte): Gesù sceglie di compiere il volere del Padre suo 4.3 Gesù: un amore che incontra incomprensione e che accetta la solitudine e la morte 4.4 La storia della passione di Gesù Il fanciullo accoglie l'amore fedele di Gesù morto e risorto che, per il dono del suo Spirito, ci abilita ad amare come Lui per una crescita sempre più piena Libro di Giona Lc 4, 1-15 Mc 10, Mc Maggio 5.IL BATTESIMO 5.1 Il rito del Battesimo 5.2 Celebrazione memoria del Battesimo Il fanciullo fa memoria del Battesimo come segno in cui può scoprire e accogliere l'amore gratuito e fedele di Dio che in Cristo risorto ci fa suoi figli e ci chiama a vivere da fratelli, per vivere con lui per sempre 2

3 CAMMINO ORDINARIO 1 TAPPA I UNITA : UN NOME PER TE 1 Incontro: IL NOME Obiettivo:il fanciullo scopre che fra tutte le meraviglie del creato, l'uomo è la realtà più bella e preziosa perché è capace di parlare ed ascoltare: è persona che Dio ama e chiama per nome da sempre! Facendo riflettere i bambini sull esperienza dell essere chiamati per nome vogliamo condurre i bambini alla consapevolezza di essere AMATI UNICI PREZIOSI. Questa consapevolezza ci aiuterà a portare i fanciulli a scoprire con Gesù che la gioia di tutto questo viene dal fatto che Dio è Padre (ABBA ) che ci conosce e ama da sempre. ACCOGLIENZA Predisporre il luogo dell incontro avendo cura che ogni bambino trovi con facilità il proprio posto. Per facilitare tale lavoro si possono preparare dei segna posti personalizzati che i bambini potranno in seguito completare per formare alla fine dell incontro un cartellone (già predisposto dalla catechista ( es. con la figura di Gesù nel mezzo come l immagine della copertina del catechismo Io sono con voi ) Per iniziare la catechista aiuterà ogni bambino a presentarsi e raccontare di se e della loro famiglia. Per facilitare questo può servirsi di una palla da passare dalla catechista ad un bambino per volta. Chi la riceve deve dire il suo nome e aggiungervi quello che desidera su di se e sulla sua famiglia. Per aiutare i fanciulli a familiarizzare tra di loro, a ricordare i nomi dei compagni e incominciare a sentirsi un gruppo di amici si può passare ad un gioco di interazione. Possiamo prendere i giochi che favoriscono l inizio di un cammino.(nb! E importante provare il gioco in modo da presentarlo bene ai bambini ) Una proposta: Accanto a me c è un posto vuoto Segna nome personalizzato. Cartellone per i nomi del gruppo Il segna nome può essere fatto anche con una sagoma di bambino/a che, alla fine dell incontro i bambini possono mettere tutto intorno l immagine di copertina del Catechismo Io sono con voi RIFLESSIONE Prima di finire il gioco la catechista farà notare ai bambini il posto vuoto e potrà far presente che c è ancora un compagno da conoscere, il più importante: Gesù. E Lui che ci ha riuniti insieme, che desidera farci capire quanto ci vuole bene, quanto siamo importanti. Con Lui, quest anno faremo insieme delle scoperte importanti! Giochi di interazione per bambini e ragazzi Vopel 1 ed. Elle di Ci N 4 Accanto a me c è un posto vuoto PREGHIERA R. Grazie Signore Gesù: perché ci hai dato... (tre fanciulli di seguito dicono il loro nome) R. - perché ci hai dato... (si ripetono i nomi dei primi tre fanciulli e si invitano altri tre a dire il loro nome e così via fino alla fine). Canto: Grazie Signore

4 Allegato 1 ACCANTO A ME C È UN POSTO VUOTO (gioco tradizionale)

5

6 CAMMINO ORDINARIO 1 TAPPA 1 Unità: UN NOME PER TE 2 incontro: Dio ti conosce, ti ama da sempre: è Papà INTRODUZIONE Voi tutti avete un bellissimo nome. Il nome è il primo dono che i genitori danno ai loro bambini. Cosa significa per voi dare un nome? (dialogo con i bambini) Io sono con voi pp Dare il nome significa: Tu mi appartieni, fai parte di me, della mia famiglia. Tu sei UNICO al mondo e nessun altro è come te. Io mi prendo cura di te, mi preoccupo per te, ti proteggo, ti difendo, ti aiuto a crescere. Tu sei PREZIOSO per me e desidero che il tuo nome diventi grande. Io ti VOGLIO BENE. Viceversa, non sentirsi chiamare per nome o sentirlo storpiato è trovarsi soli, dimenticati, disprezzati... Anche noi, a volte, ci rifiutiamo di chiamare per nome qualche persona: quando ci dà fastidio la sua presenza quando ci scomodano le sue richieste quando si mostra ostile... Vi siete mai domandati: Chi ha scelto il mio nome? Perché proprio questo? (chiedi ai genitori) ******* Il nome ti permette di essere riconosciuto, aiutato, protetto, amato, inserito nella società con diritti e doveri. Sapete che il primo diritto di un bambino e bambina che nasce è quello di avere un nome? I bambini hanno bisogno e diritto: di essere riconosciuti, accolti e compresi dalla madre, dal padre e dalla famiglia, per avere fiducia; di essere circondati di affetto e godere di una sicurezza affettiva, sia che essi vivano con i loro genitori o no, per scoprire la propria identità; di avere un nome, una famiglia e una nazionalità, rispetto e buona reputazione, per godere di sicurezza e stabilità affettiva nelle loro condizioni di vita e di educazione. Nel mondo ci sono ancora, purtroppo, dei bambini e bambine che non hanno diritti; alcuni non possono andare a scuola per studiare; altri sono venduti come fossero delle cose; altri sfruttati al lavoro anche se molto piccoli; altri costretti a fare la guerra. 2

7 A Dio non piacciono queste cose. Lui conosce il tuo nome da sempre, conosce il nome di ogni bambino che nasce a questo mondo. Catechismopag.9-10 ASCOLTARE Dio conosce il tuo nome. Prima che tu nascessi, Dio ti conosceva: ti ha chiamato e sei venuto al mondo. Ti chiama per nome perché ti ama, da sempre. (Catechismo a pag. 10) Queste frasi sono scritte su un libro - la Bibbia - che raccoglie le parole più importanti che Dio dice per consolare e dare coraggio ai bambini, alle mamme e ai papà, a tutte le persone di questo mondo. Ascoltiamo: Dio parla al cuore di un giovane di nome Geremia e gli dice: Prima di formarti nel grembo della tua mamma, io ti conoscevo già, prima che tu nascessi, io pensavo già a te, ti ho scelto per un compito molto importante (Ger.1) Poi Dio parla ad un altro giovane che si chiama Isaia: Non temere, io ti libero, ti ho chiamo per nome: tu mi appartieni.. tu sei prezioso ai miei occhi perchè sei degno di stima e io ti voglio bene (Is.43) Ora provate a sentire queste parole rivolte a ciascuno di voi. Provate a ripetervele dentro il cuore. (La catechista rilegge lentamente la frase) Sentite che bello. Dio parla al nostro cuore, vede ciascuno di noi, anche se noi non ce ne accorgiamo e non lo vediamo. Egli ci è accanto per aiutarci e volerci bene. Proseguire a pag.14 del catechismo con il testo di Isaia 49,15. Una mamma può dimenticarsi del suo bambino? Anche se una mamma si dimenticasse del suo bambino, il Signore non si dimenticherà mai di lui. Ecco,Ti ho disegnato sulle palme delle mie mani. Lettura dell immagine Il Signore è il Padre che non dimentica mai nessuno. Chi è questo Dio che ci parla con parole così belle, che non si dimentica di nessuno, neppure del bambino più povero e solo? Gesù ci dice che questo Dio è il suo Papà! Lui non è geloso del suo Papà, anzi, vuole che anche noi possiamo sentirlo vicino e parlargli come fa un bambino con la sua mamma e il suo papà. Un giorno Gesù si ferma a guardare gli uccellini, i fiori, l erba e gli alberi e vede quanto sono belli. A voi è mai capitato? Gesù vede quante belle cose la natura ci mostra e dice: 3

8 Guardate gli uccelli del cielo : non seminano, né mietono, né ammassano nei granai; eppure il Padre vostro che è nei cieli li nutre. Osservate come crescono i gigli del campo: non lavorano e non filano. Ora se Dio veste così l erba del campo, non farà assai più per voi?. (Vangelo di Matteo 6, 25-30) Catechismo-pag.17 Catechismo a pag. 12 RIFLETTERE Ma come possiamo parlare a questo papà speciale? Gesù dice ai noi, suoi amici: Quando parlate con lui, dite: Padre nostro!. Gesù insegna che il Padre suo è anche il Padre nostro. E noi siamo tutti fratelli. Se ci vogliamo bene, Dio Padre è con noi. Se facciamo la pace, Dio Padre è con noi. Anche quando non siamo buoni, Dio Padre non ci abbandona e resta vicino a noi. FARE Utilizzando la scheda costruire con i bambini il cartoncino che li aiuta ad imparare il Segno di Croce. Quando i cristiani iniziano la loro giornata o si mettono a pregare usano chiedere a Dio che li abbracci e fanno un segno così: (la catechista fa il segno della croce): Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Quando dicono Nel nome del Padre con la mano destra toccano la fronte perché Dio Padre li aiuti a pensare come Lui; quando dicono e del Figlio (che è Gesù) con la mano destra toccano il petto per imparare da Lui ad amare sempre; - quando dicono e dello Spirito Santo con la mano toccano prima la spalla sinistra e poi quella destra per portare insieme con Lui il peso della fatica di ogni giorno nello studio, nel lavoro nel gioco, nella gioia e anche nel dolore. Anche amare ogni giorno con tutto il nostro cuore costa fatica e per questo noi abbiamo bisogno che Dio ci aiuti. Fare il segno di croce è come sentirci abbracciati da Dio. PREGARE Predisporre per la preghiera una lampada, un centrino con sopra la Bibbia e, se possibile, dei fiori. Richiamare brevemente il discorso fatto e quindi invitare i bambini a pregare con voi: (pag.14 del catechismo) 4

9 Gesù dice: Pregate così : Padre nostro, che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome. Padre nostro, che sei nei cieli, dacci oggi il nostro pane quotidiano. Canto: Ti benedico; Signor, nella mia vita a Te, levo le mani, Alleluia! O Dio, nostro Padre, tu ci hai riuniti e noi siamo qui per dirti il nostro grazie e per cantare insieme la tua lode. Ti lodiamo per tutte le cose belle e grandi, che hai creato in noi e per la gioia che metti nel nostro cuore.rit. Ti benediciamo per il sole che illumina il giorno e per la tua parola che è luce per la nostra mente. Ti ringraziamo per i campi, i mari e le montagne, per gli uomini che abitano la terra e per la vita che abbiamo ricevuto da te.rit. Padre buono, tu vegli sempre su di noi e non ti dimentichi mai di nessuno.rit. In Gesù abbiamo conosciuto, o Padre, quanto è grande il tuo amore per tutti gli uomini e ora mostriamo nel canto la nostra gioia. Rit. 5

10 1.2 Allegato 1

11

12 (eventuali intenzioni libere) Gesù ci insegna che possiamo chiamare per nome questo Dio; è il suo Papà e ci ha insegnato ad invocarlo dicendo: Padre nostro che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno, sia fatta la tua volontà, come in cielo, così in terra. Dacci oggi il nostro pane quotidiano e rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori e non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen FESTA DEL NOME

13 Guida: Ci troviamo tutti assieme, perché abbiamo scoperto che Dio Padre ci conosce tutti per nome e ci ama da sempre. Questa scoperta è così importante che il Signore oggi vuol far festa con noi: la festa del nome. (La catechista avrà già preparato una Bibbia e una luce accesa vicino al testo - E' opportuno spiegare ai bambini il perché di tali segni: la Bibbia raccoglie la Parola che Dio ha detto ai suoi amici e che oggi dice a noi che lo ascoltiamo; la candela accesa ci ricorda che questa Parola è una luce per noi e che noi vogliamo essere "accesi", pronti davanti a Dio che ci parla) Lettura dal Catechismo "Io sono con voi" alla pag.16 Quante cose belle ci dice il Catechismo su Dio. Ora noi vogliamo lodare Dio con il nostro canto e la nostra preghiera: Rit. Ti benedico, Signor, nella mia vita, a Te levo le mani, alleluia. (o altro ritornello che aiuti il senso di gratitudine a Dio) Catechista o genitore Mi piace il canto degli uccellini. Tutte le creature mi parlano di te, o Signore. Ci hai donato un mondo meraviglioso. Rit Mi piace, o Signore, quando al mattino mi alzo e vedo la luce del sole. Rit Ti ringrazio, o Signore, per le meraviglie del creato, per gli uccelli, i pesci, gli animali e i fiori profumati. Tutto parla della tua bontà. Rit Ti lodo, o Signore, e ti ringrazio per i monti e per i mari, e per la vita che abbiamo ricevuto da Te. Rit Ti ringrazio soprattutto per le mamme e i papà, per tutti i bambini e le bambine che sono nel mondo. Rit. Guida: Quando il Signore ha creato il mondo noi eravamo nei suoi pensieri. Ascoltiamo dalla Bibbia come noi siamo importanti per Lui. Il Signore dice: 1 Lett. Prima che tu nascessi io ti conoscevo. Ti ho chiamato e sei venuto alla vita. Ti chiamo per nome perchè ti voglio bene da sempre. 2 Lett. Fin da fanciullo t'insegnavo a camminare tenendoti per mano; mi chinavo su di te per darti da mangiare. Ero per te come una mamma che porta il suo bambino alla guancia. 1 Lett. Anche se una mamma si dimenticasse del suo bambino io non mi dimenticherò mai di te. Ecco, ti ho disegnato sulle palme delle mie mani. 2 Lett. Tu sei prezioso ai miei occhi. Ti tengo sempre nel mio cuore. (A questo punto si possono mettere sul cartellone "Rallegratevi, i vostri nomi sono scritti nel cielo" delle nuvolette con bi-adesivo riportanti ognuna il nome di una bambino e bambina del gruppo). Guida: Ora, insieme, vogliamo dire grazie al Signore: Grazie, Signore, rendiamo grazie, a Te che regni nei secoli eterni Grazie, Signore, perchè mi hai dato la vita, l'intelligenza, una famiglia e tanti compagni e compagne. Rit Come e bello, Signore, sapere che sempre mi sei vicino e che mi tieni sul tuo cuore. Rit. Signore, ti lodo e ti ringrazio perché mi conosci e mi ami da sempre. Rit Grazie per la vita, per gli amici, per il cibo di ogni giorno, grazie per i giochi. Rit. Grazie perché per Te io sono prezioso più di tutte le cose. Rit.

14

15

16

17 CAMMINO ORDINARIO 1 TAPPA 2 unita : UOMO PER NOI Primo incontro : il dono Obiettivo Aiutare i bambini a saper riconoscere nel dono che ricevono l amore di chi lo offre. Imparare a riconoscere l amore dei genitori e di tante altre persone che ogni giorno si fanno dono per noi. Introduzione Riflessione La catechista può partire dal racconto: Un regalo fuori serie proposto nell allegato e sviluppare le domande proposte alla conclusione del racconto. La bambola di pezza, è un DONO, segno che esprime l amore di chi si prende cura di noi, di chi vuole essere con noi anche quando non è vicino. Quanti doni riceviamo dalle persone che ci amano: mamma, papà, nonni, amici... in mille modi ci esprimono il loro amore non si accontentano di donarci «cose», anche se costa loro fatica; il loro desiderio più grande è quello di donarci il loro tempo, le loro energie, la loro attenzione, se stessi. La loro presenza è un dono prezioso per noi! Come sarebbe la nostra vita senza di loro? Anche il regalo più bello, senza di loro, non riuscirebbe a renderei felici... Con loro anche il più piccolo regalo diventa prezioso, capace di dar gioia alla nostra vita. Quante persone desiderano esserci amiche... e quante altre attendono che noi le accogliamo per darci gioia! Peccato che spesso non ce ne accorgiamo, non sappiamo accogliere il loro messaggio ci abituiamo alla loro presenza. Allora diciamo che «DONO» sono solo le cose nuove, belle, costose... che riceviamo in regalo... Alle volte può succedere che le persone che ci vogliono bene non riescono a comprenderci, non riescono ad aiutarci come vorrebbero. Eppure, anche se il loro amore è limitato, la loro volontà di amare è preziosa per noi: essa ci vuole mostrare un amore più grande che vorrebbe esserci vicino sempre. Fare Il lavoro potrebbe essere fatto con un cartellone dove la catechista avrà già appeso le figure di una mamma e di un papà; di un amico o amica; della maestra.ecc. A fianco o sotto tali figure i bambini potranno incollare dei pacchi dono con dentro il nome dei doni che ricevono ogni giorno da queste persone. (variante accanto alle figure e alle scritte che indicano: papà e mamma nonni.. amici maestra ecc. si potrebbe mettere una figura di un cuore costruito con un cartoncino di colore rosso, doppio, capace di raccogliere dei piccoli biglietti gialli sui quali i bambini scrivono quanto ricevono) 6

18 Pregare L incontro si potrebbe concludere con una preghiera di grazie per tutte le cose che le persone ogni giorno ci donano. Rit. Signore, noi ti ringraziamo - Per tutto quello che papà e mamma fanno per noi ogni giorno R. - Per il dono della vita R. - Per il dono dell amore R. - Per.( riprendere i bigliettini scritti dai bambini ) 7

19 bambola più famosa di questo mondo, perché possiedo un ricchissimo guardaroba, una villa di sogno... non mi manca nulla di quanto una bambina può desiderare». Cary la lasciò parlare sicura di sé e quando toccò a lei disse: «Certamente la più bella sono io, la più cercata perché so fare tante cose: mi muovo, cammino, parlo, racconto favole, simulo...». Cary, girando gli occhi verso i suoi compagni per farsi ammirare, scorse che Geny sullo scaffale più alto aveva alzato la mano per chiedere la parola e disse: «Certo hai un gran coraggio di chiedere di presentarti, sei solo una bambola di pezza! Hai solo il musino un po simpatico!». Geny arrossì per le parole superbe e offensive di Cary, ma non rinunciò a presentarsi, e disse con coraggio: «lo so di non essere un regalo fra i più costosi e pubblicizzati, sono una semplice bambola di pezza, scelta da qualcuno, per esprimere qualcosa di grande». E non riuscì a dire altro. Cary, sempre più prepotente e con tono di sfida verso Geny, proseguì: «Vorrei proprio sapere chi si può divertire con te che non vali nulla, ma accetto una sfida, qualcuno dovrà controllare chi tra noi sarà il prediletto e al momento opportuno riferirà il risultato». L assemblea dei giocattoli si divise: chi a favore di Cary e chi a favore di Geny. Nessuno di loro, però, avrebbe potuto raccontare l esito della sfida perché erano solo «oggetti». «Ci penso io», disse Brik, lo scricciolo della siepe vicina, che vide e ascoltò tutto dal davanzale della finestra socchiusa. Tutto tornò inanimato quando improvvisamente entrò Babbo Natale con le sue immense ceste e cominciò a riempirle fischiettando una dolce ninna-nanna. Babbo Natale uscì per il suo lungo viaggio notturno seguito ovunque da Brik che annotava ogni particolare, per poi tornare l indomani e raccogliere i dati della sfida di Cary. Babbo Natale depose i suoi regali nelle stanze dei bambini facendo Allegato: Un regalo fuori serie Nel magazzino di fiducia di Babbo Natale tutto era già pronto e ordinato sugli scaffali, in attesa delle varie destinazioni. Sugli scaffali più bassi c erano i giochi nuovissimi, e su quelli più alti e lontani, stavano quelli fuori moda, quelli ormai sorpassati. II padrone del magazzino se ne tornò a casa soddisfatto dei suoi ultimi acquisti. Disse tra sé: «Sarà felice Babbo Natale di poter soddisfare il desiderio di tanti bambini...», e non si accorse di aver lasciato una luce accesa e una finestra aperta. Nel grande silenzio della notte, grazie a quella luce, i giocattoli si animarono, come se fossero stati vivi. Si guardarono curiosi, un po incerti per la nuova esperienza. II gufo più chiacchierone, fra i giocattoli di peluche, ruppe quel silenzio e disse: «Perché non facciamo un po di conoscenza?». «È un ottima idea» rispose Bamby. I giocattoli cominciarono: «Io sono Stik, un pupazzo che cammina e fa le capriole, so di essere stato ordinato da un bambino che frequenta la scuola materna; che gioia, quanto mi divertirò con lui». «Io sono Lary, sono l idolo dei ragazzi, tutti mi vogliono perché li faccio sempre giocare, sono molto costoso, mi ha ordinato un bambino, io sono il più prezioso». «Io sono Sufi, la più bella e raffinata tivù al plasma, ho una padroncina che mi preferirà a tutti gli altri, perché sono una novità in assoluto». Tutti parlavano e avevano fretta di presentarsi tanto che rischiarono di accapigliarsi. Geny, la bambola di pezza, dal vestito modesto, fece udire la sua voce per cercare di riportare alla calma e di smorzare il rumore assordante che si era scatenato, ma nessuno le dette retta, anzi, ripresero con più foga. II computer disse: «Sono io l ultimo modello, sono stato ordinato da un bambino che se ne intende e per questo ho più valore di tutti voi messi insieme». Un magico mostro lunare era fuori di sé dalla gioia perché diceva: «lo sono il più fantastico dei giochi, infatti con le mie batterie posso compiere trasformazioni favolose. Io sono certo il più fantastico, il più divertente e il più invidiato». Barbie con aria sostenuta di autosufficienza, disse: «Io sono la

20 attenzione a non scambiare le ordinazioni. Era il turno di Ketty, aveva scritto: «Caro Babbo Natale, io credo che sarei molto felice se tu mi portassi una bella Barbie, sai come quella che si vede in tivù, con tanti bei vestitini per ogni occasione, con... con... con...». Ketty infatti voleva che il suo regalo fosse il più bello, il più nuovo, il più raffinato tra tutti quelli dei suoi compagni di scuola. Ma c era per Ketty anche un pacchettino con la scritta: «Per la mia carissima Ketty». Al mattino Ketty si svegliò presto per l attesa e la curiosità di vedere esauditi i suoi desideri. Corse subito ai piedi del letto: «Evviva!, Papà, mamma venite! È arrivato Babbo Natale, guardate!». Un grosso pacco con un grande fiocco argentato stava lì in attesa di essere aperto. Ketty non esitò un istante, non vide altro, ed ecco uscire una bella Barbie con un guardaroba zeppo zeppo, con... con... con... Ketty non vedeva l ora di andare a scuola quel mattino; pensava che certo non si sarebbe fatto lezione, ma solo mostra di regali. Si sentiva proprio felice. Appena arrivata posò il suo grande scatolone sul suo tavolino; era molto emozionata. La maestra invitò ciascuno a mostrare il proprio regalo. Luca cominciò a far vedere tutte le possibilità della sua bella macchina telecomandata. Patty mise in azione la sua minitivù al plasma. Marco fece funzionare il suo computer con i suoi giochi preferiti. Era la volta di Ketty. Ketty con molto orgoglio aprì il suo regalo. «Il mio, disse, è il più bello di tutti, guardate quanti vestiti ha: sportivo, elegante, per l ufficio, per i monti, per il mare... e quanti nuovi accessori...». «Ora tocca a te Marta», disse la maestra. «Anch io», disse Marta, «ho ricevuto una bambola, è stupenda, non ha tanti vestiti; quelli glieli posso fare io, ma parla, ride, mi sveglia al mattino dicendomi: Buon giorno, se la guardo mi sorride, mi ricorda l ora dei compiti...». E, mentre Marta parlava, Ketty sentiva che la gioia del mattino lentamente lasciava il posto alla delusione, alla rabbia di non aver chiesto un regalo come quello di Marta; la sua era proprio niente al confronto di quella di Marta. Quel giorno tornò a casa triste. Se la prese con la mamma, a tavola non le andava bene niente. Il babbo la osservava sorpreso: «Ketty, le disse, perché sei così irritata... eppure hai ricevuto il regalo che desideravi!». «Proprio per quello, sbottò Ketty, Marta l ha ricevuto molto più bello del mio! Il mio è già vecchio!». «Ketty, disse la mamma, sei sicura di aver aperto tutti i pacchetti?». «Sì», disse Ketty. «Guarda meglio», disse la mamma. Ketty corse nella sua stanza e vide là sotto la sedia un pacchetto con un fiocco rosso. Lo aprì ma senza tanto entusiasmo: era così piccolo! Dentro c era una bambolina di pezza, ma con la faccina molto simpatica. Pareva che dicesse: «Ti voglio bene, voglio stare con te». Nella tasca del vestitino c era un biglietto: «È solo un piccolo segno che ho chiesto a Babbo Natale per te, per ricordarti che ti voglio bene. La tua nonna». Ketty sentì il cuore riempirsi di gioia... era commossa... Questa era una gioia diversa da quella del mattino, aveva una voglia matta di buttare le braccia al collo a Babbo Natale, per ringraziarlo di aver esaudito il desiderio della nonna lontana, ma ormai non c era più. Ketty, però, non poteva tenere solo per sé quella gioia che sentiva dentro. Corse allora tra le braccia del suo papà, stringendo forte la sua bambolina di pezza... Certo non era bella come Barbie: né raffinata come quella di Marta, ma era molto di più, non era un semplice regalo, ma un dono segno di qualcuno che le voleva molto bene. Sarebbero davvero diventate amiche inseparabili. Certo la bambolina di pezza non sapeva dire molte cose, ma le diceva continuamente: «ti voglio bene, voglio stare con te sempre: quando dormi, quando fai i compiti, quando giochi, quando se sola... io ti ricorderò sempre che c è qualcuno che ti vuole ancora più bene di me». Brik il giorno seguente ritornò in ognuna delle case dove erano finiti i regali di Babbo Natale e raccontò tutto quello che aveva visto e udito.. Cosa raccontò agli altri regali Brik?. Chi ha vinto la sfida... perché?. Quale messaggio ci regala questa storiella?

21 Capitello: Tagliare lungo la linea - piegare le parti laterali in avanti - con un taglierino aprire i fori e inserire due striscie di cartoncino della stessa larghezza del foglio. piegare piegare

22 CAMMINO ORDINARIO 1 TAPPA 2 unita : UOMO PER NOI Una mamma per Gesù Introduzione La catechista inizia l incontro richiamando quanto si è scoperto la volta precedente. Dio, è un Papà e una Mamma speciale. Lui prepara per noi ogni giorno i suoi doni: la bellezza di un fiore, il calore del sole, le persone che ci stanno attorno e ci voglione bene Ma nel suo cuore porta un desiderio ancora più grande. Lui ci ama così tanto che vuole farci il dono più grande di tutti: il suo Figlio Gesù. Riflettere Gesù è il SEGNO del grande amore di Dio Padre. Attraverso Gesù, Dio Padre vuole essere vicino a noi e ci chiede di lasciarlo entrare nel nostro cuore per rimanere con noi e non abbandonarci mai! Ascoltare lettura del disegno Con Gesù Dio Padre ci dice: Io ti voglio bene, voglio stare con te. Ma come fa Dio Padre a darci questo dono così grande? Prima di tutto sceglie una mamma per il suo Gesù! La cerca in un piccolo paese: Nazaret. Qui abita una ragazza di nome Maria. Poi Dio decide di mandare a Maria un suo messaggero: un Angelo. Ne manda uno speciale: Gabriele il suo nome significa Potenza di Dio. La catechista può leggere il testo del catechismo pag.40-41, quindi aiuta i bambini a leggere l immagine dell angelo: Di che colore ha il vestito? (la tunica è verde il colore della natura è il colore della vita; il mantello è rosso come l amore). Cosa dicono le sue mani? Che segno compie? (con la sua mano Gabriele benedice Maria; porta a lei il dono della vita di Dio, la sua potenza ed il suo grande amore). Ora vediamo la figura di Maria. Di che colore è il suo vestito? (rosso come l amore) Cosa ci indicano le mani di Maria? Quella sul cuore? (Maria ama Dio, gli vuole bene con tutto il suo cuore.) L altra mano è aperta e abbassata e ci dice che lei accetta quanto Dio gli dice attraverso Gabriele. Catechismo a pag Cosa risponde Maria a Dio che la chiama? (Eccomi, sono la serva del Signore, sono tutta per te. Avvenga dentro di me quello che tu desideri compiere) Quel giorno in cielo Dio fece una grande festa con tutti i suoi angeli per il Sì di Maria. 8

23 Noi cristiani ci ricordiamo sempre di questo Sì che Maria ha detto, la ringraziamo e la preghiamo per essere capaci di accogliere il dono più bello di Dio: Gesù. Fare Durante la storia molti hanno costruito, in onore di Maria, delle Chiese o dei piccoli Capitelli. Costruiamo anche noi il nostro capitello a Maria e con Lei accendiamo la nostra lampada e preghiamo Dio Padre per preparare il nostro cuore ad accogliere Gesù che viene. (Utilizzando le figure dell angelo e di Maria costruire con il cartoncino un Capitello con dentro la preghiera dell Ave). Pregare Utilizzando il catechismo a pag.41 si recita tutti insieme la preghiera dell Ave Maria Per casa si invitano i bambini a mettere il disegno di Maria nella loro cameretta e a pregare con le parole dell Ave Maria. Se ci fosse un capitello dedicato a Maria si potrebbe andare insieme ad accendere un lume e dire una preghiera. Lo stesso si può fare davanti all altare della chiesa dedicato a Maria. 9

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri.

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri. CHI SI CURA DI NOI? Nel libro della Bibbia si narra come da sempre Dio si prende cura dell uomo. Con l aiuto di alcune immagini riflettiamo su chi si preoccupa di noi e in che modo. Proviamo anche noi

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi 6-8 anni Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi Diocesi di Ferrara-Comacchio Hanno collaborato: Debora Curulli, Manuela Pisa, Ottavia Persanti, Elena Sambo, don Enrico Garbuio Finito di stampare:

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

Dio ci dona se stesso come dono d amore gratuito gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date (Mt 10,8) Siamo tutti dei poveri dinanzi a Dio

Dio ci dona se stesso come dono d amore gratuito gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date (Mt 10,8) Siamo tutti dei poveri dinanzi a Dio Dio ci dona se stesso come dono d amore gratuito gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date (Mt 10,8) Siamo tutti dei poveri dinanzi a Dio Leggiamo un passo del vangelo di Giovanni (Gv 4, 7-10):

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi 6-8 anni Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi Diocesi di Ferrara-Comacchio Hanno collaborato: Gabriele Battocchio, Filippo Celeghini, Giulio Iazzetta, Ottavia Persanti, Manuela Pisa, don Enrico

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA C O M U N I T A E C C L E S I A L E D I S A N C A T A L D O ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA PREGHIERA PER IL SINODO SULLA FAMIGLIA IN COMUNIONE CON IL SANTO PADRE FRANCESCO E LA CHIESA SPARSA NEL MONDO San

Dettagli

Schede operative per fanciulli dai 3 ai 6 anni Libricino di.

Schede operative per fanciulli dai 3 ai 6 anni Libricino di. Schede operative per fanciulli dai 3 ai 6 anni Libricino di. Le schede sono divise in due sezioni: La prima riporta la frase del Vangelo propria della domenica, il disegno da colorare relativo all opera

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

CONTIAMO MOLTO AUGURA TANTISSIMI AUGURI DI BUON NATALE ANCHE A TUTTI VOI ^_^

CONTIAMO MOLTO AUGURA TANTISSIMI AUGURI DI BUON NATALE ANCHE A TUTTI VOI ^_^ FRASI DI NATALE - BELLE FRASI DI AUGURI DI NATALE Scegli le migliori Frasi di Natale per fare tanti Auguri di Buon Natale Prepara il tuo sorriso migliore, a Natale tutti vogliono essere felici. Regala

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

Consegna del Catechismo

Consegna del Catechismo .II C 1.. L albero dove i piccoli trovano il nido Fase II Consegna del Catechismo Lasciate che i bambini vengano a me Parrocchia..... Domenica. LA TUA PAROLA, SIGNORE, È LUCE AI NOSTRI PASSI Se è possibile,

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Tre minuti per Dio SHALOM

Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Editrice Shalom - 22.05.2005 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile concessione Fondazione di Religione Santi

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

preghiere Associazione Ragazzi del Cielo guardando di la

preghiere Associazione Ragazzi del Cielo guardando di la preghiere Associazione Ragazzi del Cielo Ragazzi della Terra 1 guardando di la Madre di tutte le madri Vergine Maria, madre di tutti i figli, madre di tutte le madri e di tutti i padri. Noi, famiglie dei

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

ITINERARIO DI AVVENTO PER RAGAZZI 1997 anno liturgico. C

ITINERARIO DI AVVENTO PER RAGAZZI 1997 anno liturgico. C ITINERARIO DI AVVENTO PER RAGAZZI 1997 anno liturgico. C CERCATE IL SIGNORE itinerario di catechesi dei ragazzi in preparazione al Natale L itinerario che proponiamo si ispira all esperienza cristiana

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

2 lectio di quaresima

2 lectio di quaresima 2 lectio di quaresima 2014 GESU E LA SAMARITANA Sono qui, conosco il tuo cuore, con acqua viva ti disseterò. sono io, oggi cerco te, cuore a cuore ti parlerò. Nessun male più ti colpirà il tuo Dio non

Dettagli

LE SETTE PAROLE DELL AMORE

LE SETTE PAROLE DELL AMORE LE SETTE PAROLE DELL AMORE Le sette parole di Gesù in croce sono le parole ultime, quelle che restano, che ci dicono chi è Lui e quindi chi siamo noi. Le parole dell Amore ultimo ci trovano lì dove siamo

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015. R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor!

Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015. R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor! Dom. 11à DEL TEMPO ORDINARIO Anno B - n. 36 14 giugno 2015 Canto d'inizio: 1 TERRA TUTTA DÀ LODE A DIO R. Terra tutta, dà lode a Dio, canta il tuo Signor! 1. Servite Dio nell allegrezza, 2. Sì, il Signore

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

Oleggio, 21/12/2014. IV Domenica di Avvento - Anno B

Oleggio, 21/12/2014. IV Domenica di Avvento - Anno B 1 Letture: 2 Samuele 7, 1-5.8.12.14.16 Salmo 89 (88) Romani 16, 25-27 Vangelo: Luca 1, 26-38 Oleggio, 21/12/2014 IV Domenica di Avvento - Anno B NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO. AMEN!

Dettagli

Suppliche e ringraziamenti

Suppliche e ringraziamenti Domenica, 09 ottobre 2011 Suppliche e ringraziamenti Filippesi 4:6-7- Non angustiatevi di nulla, ma in ogni cosa fate conoscere le vostre richieste a Dio in preghiere e suppliche, accompagnate da ringraziamenti.

Dettagli

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. GESU rimani sempre in mezzo a noi, Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. GESU rimani sempre in mezzo a noi, Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia GESU rimani sempre in mezzo a noi, per aiutarci a volerci bene, come TU vuoi a tutti noi. Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di 12 Iniziamo

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE Cos è la fede? FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO EBREI 11:1 che si sperano SPERANZA: Aspettazione fiduciosa di qualcosa in cui

Dettagli

Cari papà e mamma, Buon cammino e buona Quaresima a tutti!... Scuola Materna Crespi-Zilioli OPERA PIA CLAUDIO ZILIOLI

Cari papà e mamma, Buon cammino e buona Quaresima a tutti!... Scuola Materna Crespi-Zilioli OPERA PIA CLAUDIO ZILIOLI OPERA PIA CLAUDIO ZILIOLI Scuola Materna Crespi-Zilioli Tel. Fax 035 520838 e.mail: maternacrespizilioli@virgilio.it sito: www.scuolamaternacrespizilioli.it Cari papà e mamma, è iniziato un tempo speciale:

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

La rivelazione della Parola di Dio

La rivelazione della Parola di Dio Domenica, 26 settembre 2010 La rivelazione della Parola di Dio Salmo 119:130- La rivelazione delle tue parole illumina; rende intelligenti i semplici. Apro la bocca e sospiro, per il desiderio dei tuoi

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO L alunno riflette su Dio Padre e si confronta con l esperienza religiosa. Cogliere nel proprio nome un mondo di potenzialità, dono di Dio Padre. Prendere coscienza

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che inizia la processione all altare)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che inizia la processione all altare) ore 18.00 7.30-11.30 (prime comunioni) (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che inizia la processione all altare) Celebriamo la Messa vigiliare della quarta domenica di Pasqua. È così grande

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO

FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO INTRODUZIONE Le attività proposte in preparazione all incontro con il Vescovo Gianni hanno il loro orizzonte più ampio nei contenuti della

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it XI DOMENICA PRIMA LETTURA Il Signore ha rimosso il tuo peccato: tu non morirai. Dal secondo libro di Samuèle 12, 7-10.13 In quei giorni, Natan disse a Davide: «Così dice il Signore, Dio d Israele: Io ti

Dettagli

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico gruppo di lavoro 7 11 anni materiale per la sperimentazione diocesana SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico Versione aprile 2010 a cura di don

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE

PARROCCHIA SACRO CUORE PARROCCHIA SACRO CUORE VEGLIA MISSIONARIA 2013 1 ARCIDIOCESI DI CAPUA PARROCCHIA SACRO CUORE VEGLIA MISSIONARIA 30 OTTOBRE 2013 SULLE STADE DEL MONDO PRESIEDE DON CARLO IADICICCO MISSIONARIO FIDEI DONUM

Dettagli

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 I. RADUNO Inno processionale Coloro che guidano la celebrazione entrano e possono portare una Bibbia, una candela e del sale Indirizzo

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che inizia la processione all altare)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che inizia la processione all altare) 18 novembre 2012 prima di avvento anno C ore 18.00 ore 10.00 18.00 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che inizia la processione all altare) Oggi è una domenica speciale: oggi inizia l Avvento.

Dettagli

XXV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO. Sapienza 2, 12.17-20 Salmo 53 Giacomo 3, 16; 4,3. Daall Vaangeello sseeccondo Maarrcco 9,, 30--37

XXV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO. Sapienza 2, 12.17-20 Salmo 53 Giacomo 3, 16; 4,3. Daall Vaangeello sseeccondo Maarrcco 9,, 30--37 1 Oleggio 24/9/2006 XXV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO Sapienza 2, 12.17-20 Salmo 53 Giacomo 3, 16; 4,3 Dal Vangelo secondo Marco 9, 30-37 Riifflleessssiionii -- prreeghiieerraa La Chiesa, oggi, ci fa leggere

Dettagli

Il Leader: discepolo di Gesù

Il Leader: discepolo di Gesù Il Leader: discepolo di Gesù Introduzione La dimensione del discepolato è essenziale nella vita cristiana, del battezzato e nel ministero di leader. Chi vuole annunciare il vangelo non può farlo se prima

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

XXI Ciclo di incontri 2007-2008

XXI Ciclo di incontri 2007-2008 XXI Ciclo di incontri 2007-2008 LA PERSONA UMANA CUORE DELLA PACE X INCONTRO - DOMENICA 9-3-2008 ORE 15,00 Educazione: rispondere al bisogno di crescere.educare è possibile e si deve Relatore: Prof. Don

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28)

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) La mancanza di un figlio da sempre è stata fonte di sofferenza per molte donne, Un tempo, non conoscendo i meccanismi del concepimento,

Dettagli

La regina delle nevi di H.C. Andersen. Maria De Nigris Insegnante di scuola primaria

La regina delle nevi di H.C. Andersen. Maria De Nigris Insegnante di scuola primaria La regina delle nevi di H.C. Andersen Maria De Nigris Insegnante di scuola primaria Introduzione Rileggendo queste fiabe di Andersen, con la maturità di oggi, ho potuto cogliere la ricchezza delle descrizioni

Dettagli