COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE"

Transcript

1 AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Delibera n. 328 del 25 marzo 211

2 COMITATO TECNICO PREPOSTO AL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Dr. Osvaldo Perfetti, Coordinatore Direzione Sanitaria P.U. Dr.ssa Cristina Giraldi, Vice Coordinatore Direttore U.O. Virologia e Microbiologia Dr.ssa Antonella Benvenuto, Coordinatrice G.O A. Dr. Clemente Peta, Direttore U.O.C. Chirurgia Falcone Dr. Franco Cesario, Responsabile SSD Malattie Infettive Dr. Gianfranco Scarpelli, Direttore U.O.C. Neonatologia Dr.ssa Ripalta Diterlizzi, Direttore U.O.C. Anestesia e Rianimazione Dr. Alfonso Noto, Direttore U.O.C. Medicina Valentini Dr. Renzo Bonofiglio, Direttore U.O.C. Nefrologia, Dialisi e Trapianti Dr. Filippo Canino, Direttore U.O.C. Prevenzione Protezione Ambientale Dr.ssa M. Addolorata Vantaggiato, Responsabile SSD Clinical Risk Management Aziendale Dr. Franco Spadafora, Direttore SITROS Sig.ra Caterina Barberio, I.C.I. Coordinatrice Infermieri C.I.O. Sig.ra M. Teresa Multari, Responsabile Procedimento Amministrativo

3 COMPITI DEL CIO A) il Comitato Tecnico CIO definisce la strategia per la lotta alle IO nei tre Presidi dell A.O. di Cosenza, con particolare riguardo ai seguenti aspetti: 1. organizzazione del sistema di sorveglianza delle IO; 2. misure di prevenzione; 3. coinvolgimento dell UOC Microbiologia; 4. report epidemiologici delle IO, per UU.OO. o Dipartimenti; 5. predisposizione di piani annuali di intervento aziendale; 6. adozione di una corretta politica degli antibiotici; 7. formazione culturale e tecnica del personale, soprattutto in particolari evenienze di rischio infettivo; 8. organizzazione di programmi di formazione; 9. relazione annuale delle attività svolte e delle risorse impegnate; 1. validazione di protocolli sulla politica delle infezioni ospedaliere elaborati dal GO; 11. nomina di referenti, per ciascuna UO, su indicazione dei Direttori, di n.1 dirigente medico e n.1 infermiere, al fine di interfacciarsi con le attività del Comitato Tecnico CIO e GO; 12. convocazione, come Componente Esterna, al fine di partecipare alle riunioni del Comitato Tecnico CIO, di ogni altra figura professionale che si riterrà utile per i lavori del Comitato Tecnico CIO. B) Il CIO si propone l istituzione di n.2 Gruppi Operativi (GO) volti a specifiche mansioni attinenti ai programmi di sorveglianza delle IO e costituiti da figure professionali provenienti dalle aree di Igiene, Microbiologia, Malattie Infettive, Farmacia Clinica o Ospedaliera e da Scienze Infermieristiche, così costituiti:

4 COMPITI DEL GRUPPI OPERATIVI Il GO è un organo esecutivo con la funzione primaria di mettere in atto i progetti pianificati dal Comitato Tecnico CIO e con il compito di occuparsi di problemi specifici quali: 1. valutazione degli alert microbiologici per UU.OO, con sede operativa nell UOC Microbiologia e Virologia 2. indagini epidemiologiche, studi di incidenza e prevalenza; 3. elaborazione stesura di protocolli di vario tipi: isolamento, sanificazione, disinfezione; 4. informazione e formazione; 5. valutazioni igienico compartimentali; 6. coordinamento di misure di controllo appropriate; 7. convocazione di riunioni straordinarie in caso di incidenti e/o epidemie gravi; 8. attivazione di indagini di sorveglianza microbiologiche sui pazienti in entrata e in uscita dalle UU.OO, indagini ambientali mirate, gestione di eventi epidemici;

5 I Gruppo Operativo P.O. Annunziata Coordinatore Dr. F.Rose Dirigente Medico Direzione Sanitaria Dr. Luciani Dirigente Medico SSD Malattie Infettive Dr.ssa C. Oriolo Dirigente Farmacista U.O. Farmacia Dr. P. Cavalcanti e Dr.ssa Perugini U.O. C. Microbiologia e Virologia Sig.ra C. Barberio Infermiera Sig.ra E. Stomeo Infermiera

6 II Gruppo Operativo P.O. Mariano Santo e S. Barbara Coordinatrice Dr.ssa M. Loizzo Dirigente Medico Direzione Sanitaria Dr. S. De Santis U.O.C. Malattie Infettive Dr. S. Dodaro U.O.C. Microbiologia e Virologia Sig.ra L. De Santo Assistente Sanitario

7 COMPITI DELL INFERMIERE DEL GRUPPO OPERATIVO CIO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI NELLE UU.OO (ICI GO) ICI GO È UNA FIGURA PROFESSIONALE CON COMPITI ESECUTIVI DERIVANTI DA UNA SITUAZIONE DI ALERT 1. valutazione degli alert microbiologici per UU.OO, mediante scheda raccolta dati 2. VALUTAZIONI IGIENICO COMPORTAMENTALI: controllo ambientale, pulizia, utilizzo DPI, isolamento e contatti del paziente 3. Attivazione di indagini di sorveglianza microbiologica sui pazienti ed contatti e ambientali 4. coordinamento di misure di controllo appropriate mediante procedimenti di verifica (indicatori);

8 1 obiettivo STESURA E VALIDAZIONE PROCEDURE

9 Protocolli validati AO Cosenza Igiene delle mani Precauzioni standard e misure di isolamento Scabbia: Procedure operative per limitarne la diffusione in ospedale Tubercolosi polmonare: procedure operative per limitarne la diffusione in ospedale Percorso intraospedaliero del pz con patologie infettive trasmissibili per via aerea Modalità di pulizia nelle UU.OO di Ematologia e Sale Operatorie Preparazione del paziente all intervento chirurgico (in process) Riproposizione di audit o corsi formativi?

10 Protocolli da elaborare e validare AO Cosenza prevenzione delle infezioni urinarie correlate a cateterismo prevenzione delle infezioni correlate a cateterismo intravascolare prevenzione delle infezioni del sito chirurgico post intervento prevenzione delle polmoniti batteriche correlate a procedure invasive gruppo di lavoro di programmazione alla stesura divulgazione con audit o corsi formativi

11 2 obiettivo Segnalazione alert organism Figure professionali coinvolte: 1. Microbiologo 2. Infermiere del Gruppo Operativo CIO per il controllo nelle UU.OO delle infezioni (ICI GO) 3. Referenti (infermiere e medico) UU.OO

12 UOC MICROBIOLOGIA E VIROLOGIA Direttore Dr.Cristina Giraldi Tel cell Data / /. Ora:. Dati anagrafici del malato: Cognome e Nome..Data di nascita././.. sesso M F Reparto di Degenza n.accettazione Residenzaa..Via.tel Medico curante..tel informazioni sul campione biologico: sangue liquor feci urine espettorato pus cute siero altro.. Data del prelievo / / Infezione: accertata sospetta Brucellosi Enterite da Rotavirus Enterocolite da C. difficile Enterocolite da Campylobacter spp. Enterocolite da Salmonella spp. Enterocolite da Shigella spp. Epatite A Infezione da E.coli enteroemorragico Infezione da Enterobatteri ESBL produttori Infezione da Acinetobacter multi-r Infezione da Pseudomonas multi-r Infezione da Enterobatteri KPC produttori Infezione da Enterococcus Vancomicina-R Infezione da P.aeruginosa multi-r (*) se disponibili allegare informazioni addizionali (sierotipizzazioni, antibiogrammi,. alert organism Infezione da S.aureus Vancomicina-R Infezione da S.pneumoniae Penicillina-R Infezione da N.meningitidis Infezione invasiva da S pyogenes Legionellosi Leptospirosi Listeriosi Meningite da H.influenzae Tifo (Salmonella typhi) Tubercolosi /Micobatteriosi Dermatofitosi Sarcoptes scabiei altro

13 DESTINATARI DELLA COMUNICAZIONE DI ALERT ORGANISM ICI GO UOC interessata referenti UOC microbiologia, settore infezioni ospedaliere

14 Flow chart operativa alert organism alert organism ICI-GO UO (EQUIPE DIRIGENZA) REFERENTI IO CONTROLLO AMBIENTALE CONTROLLO PULIZIA COMPILAZIONE SCHEDA RACCOLTA DATI INFEZIONE OSPEDALIERA INFEZIONE COMUNITARIA VERIFICA LEGENDA IO: Infezioni Ospedaliere ICI GO: Infermiere del Gruppo Operativo CIO per il controllo delle IO nelle UU.OO DPI: Dispositivi di Protezione Individuale CORRETTO UTILIZZO DPI ISOLAMENTO CONTROLLO CONTATTI

15 REFERENTE CIO X UO REFERENTE MEDICO REFERENTE INFERMIERISTICO Su nomina del Direttore per il controllo delle IO nell UOC e collaborazione con ICI Compiti dei referenti IO x UOC 1. VERIFICA DELLA PRESENZA DI PROCEDURE INERENTI (referente infermieristico): Pratiche di pulizia, disinfezione e sterilizzazione Igiene delle mani Uso corretto dei DPI Precauzioni standard e misure di isolamento Pulizia del carrello di medicazione e terapia Corretta applicazione e gestione dei CVC e vescicale Infezioni del sito chirurgico Polmoniti correlate a procedure invasive sulle vie respiratorie 2. PRESENZA DI INDICATORI PER MONITORARE L ADESIONE ALLE PROCEDURE SU ESPOSTE CON RISPETTIVI AUDIT E VERBALI DELLE STESSE (3 VOLTE/ANNO) (entrambi i referenti): 3. COLLABORAZIONE CON ICI SU ALERT (entrambi i referenti): Compilazione della scheda di raccolta dati (da parte di ICI o dei referenti???) 4. PRESENZA DEI PROTOCOLLI TERAPEUTICI NELLE SOSPETTE IO (referente medico):

16 3 obiettivo Epidemiologia infezioni ospedaliere

17 EPIDEMIOLOGIA SU TUTTI I MICROORGANISMI ISOLATI DA UU.OO: CHIRURGIE NEUROCHIRURGIA RIANIMAZIONE NEFROLOGIA MEDICINE CH. PEDIATRICA PEDIATRIA NEONATOLOGIA

18 Azienda Ospedaliera di Cosenza UOC Microbiologia e Virologia Direttore dr. Cristina Giraldi n. batteri di maggiore isolamento

19 % RESISTENZA CONFRONTO ANNI

20 Azienda Ospedaliera di Cosenza UOC Microbiologia e Virologia Direttore dr. Cristina Giraldi E.coli % R 21 % R 211 % R 1 5

21 Azienda Ospedaliera di Cosenza UOC Microbiologia e Virologia Direttore dr. Cristina Giraldi Klebsiella pneumoniae % R 21 % R 211 % R 1

22 Azienda Ospedaliera di Cosenza UOC Microbiologia e Virologia Direttore dr. Cristina Giraldi Pseudomonas aeruginosa % R 21 % R 211 % R 1

23 Azienda Ospedaliera di Cosenza UOC Microbiologia e Virologia Direttore dr. Cristina Giraldi Acinetobacter baumannii % R 21 % R 211 % R 1

24 Azienda Ospedaliera di Cosenza UOC Microbiologia e Virologia Direttore dr. Cristina Giraldi Proteus mirabilis % R 21 % R 211 % R 2 1

25 Azienda Ospedaliera di Cosenza UOC Microbiologia e Virologia Direttore dr. Cristina Giraldi Stafilococcus aureus % R 21 % R 211 % R 5

26 Azienda Ospedaliera di Cosenza UOC Microbiologia e Virologia Direttore dr. Cristina Giraldi Enterococcus faecalis % R 21 % R 211 % R

27 Azienda Ospedaliera di Cosenza UOC Microbiologia e Virologia Direttore dr. Cristina Giraldi Enterococcus faecium %R 21 %R 211 %R

28 4 obiettivo 1. Report sul consumo degli antibiotici per UO 1. Rapporto consumo farmaci/ comparsa di antibioticoresistenze

29 RIANIMAZIONE Gram negativi CONSUMO ANTIBIOTICI Acinetobacter % Resistenza E.coli 29 ESBL 22% - 21 ESBL 22% 4 2 DELTA % CONSUMI ANTIBIOTICI , 2, 15, 1, 1 Klebsiella 29 ESBL 22% - 21 ESBL 22% 29 KPC % - 21 KPC 68% 5, 5, 29-5, 21

30 RIANIMAZIONE Gram positivi CONSUMO ANTIBIOTICI Stafilococcus aureus 29 MRSA 25% - 21 MRSA 34% Enterococcus faecalis VRE % DELTA % CONSUMI ANTIBIOTICI , 2, 15, Enterococcus faecium VRE % 1, 1 5, 5, -5, 29 21

31 NEUROCHIRURGIA NEUROCHIRURGIA Consumi 29 6, 5, 4, 3, 2, 1, Consumi 21, DELTA % 1 Pseudomonas aeruginosa 1 Acinetobater baumannii Klebsiella pneumoniae 21 ESBL 85% KPC 6% 6 Stafilococcus aureus 29 MRSA 14% 21 MRSA 43%

32 PROGETTO FARMACIA-MICROBIOLOGIA MONITORAGGIO DEL CONSUMO DEGLI ANTIBIOTICI PER UU.OO mediante analisi delle richieste nominative motivate Antibiotici: Linezolid Vancomicina Daptomicina Tigeciclina Meropenem Imipenem Levofloxacina Colistina UU.OO: Rianimazione Neurochirurgia Nefrologia Neonatologia Obiettivo: verifica della appropriatezza prescrittiva

33 5 obiettivo Produzione dei protocolli terapeutici in relazione all epidemiologia locale e consumo di antibiotici Programmazione della stesura con un gruppo di lavoro Audit o corsi formativi

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA Antonio Silvestri Risk Manager 1982 I RAPPORTO ISTISAN 1982 Indagine conoscitiva sulle infezioni ospedaliere negli

Dettagli

ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2

ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 Le Infezioni nosocomiali nella realtà degli Ospedali liguri: un up to date con il contributo di casistiche personali ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 Dott.. G. CALCAGNO Responsabile S.S. Prevenzione rischio

Dettagli

Attività sorveglianza prevalenza incidenza controllo raccolta dati sui processi.

Attività sorveglianza prevalenza incidenza controllo raccolta dati sui processi. Attività I cardini su cui si fondano tutti i Programmi di prevenzione delle Infezioni Nosocomiali o, meglio, Infezioni Correlate all Assistenza (ICA), sono: sorveglianza, controllo e formazione del personale,

Dettagli

Allegato 1 Controllo delle infezioni correlate all assistenza: proposta di attività in Toscana per il biennio 2015 2016

Allegato 1 Controllo delle infezioni correlate all assistenza: proposta di attività in Toscana per il biennio 2015 2016 Allegato 1 Controllo delle infezioni correlate all assistenza: proposta di attività in Toscana per il biennio 2015 2016 a cura del 'Comitato di coordinamento regionale per la prevenzione e la lotta alle

Dettagli

I protocolli e la standardizzazione nelle procedure nelle sale operatorie. Dott. Oreste Caporale

I protocolli e la standardizzazione nelle procedure nelle sale operatorie. Dott. Oreste Caporale I protocolli e la standardizzazione nelle procedure nelle sale operatorie Dott. Oreste Caporale Indicano descrivono lo scopo le procedure di un attivit attività, (step( by, ciò step) che che deve i soggetti

Dettagli

RIANIMAZIONE EPIDEMIOLOGIA 2014

RIANIMAZIONE EPIDEMIOLOGIA 2014 RIANIMAZIONE EPIDEMIOLOGIA 2014 1 RIANIMAZIONE 2014 RICHIESTE INDAGINI BATTERIOLOGIA indagine neg pos tot indagine neg pos tot ANTIGENE ADENOVIRUS 4 0 4 PROTESI 7 3 10 ANTIGENE CLOSTRIDIUM DIFFICILE 5

Dettagli

Misure di prevenzione e controllo delle infezioni da CPE Indicazioni del Ministero della Salute

Misure di prevenzione e controllo delle infezioni da CPE Indicazioni del Ministero della Salute Klebsiella pneumoniae resistente ai carbapenemi: un problema emergente di sanità pubblica Roma, 5 giugno 2012 - ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA' Misure di prevenzione e controllo delle infezioni da CPE Indicazioni

Dettagli

Isolamento: emarginazione o sicurezza dei dei Malati, delle delle Comunità, degli degli Operatori?

Isolamento: emarginazione o sicurezza dei dei Malati, delle delle Comunità, degli degli Operatori? Dal Dal Lazzaretto ai ai flussi laminari. Isolamento: emarginazione o sicurezza dei dei Malati, delle delle Comunità, degli degli Operatori? Precauzioni di Isolamento da Patogeni Emergenti. Prevenzione

Dettagli

INFEZIONI Epidemiologia

INFEZIONI Epidemiologia INFEZIONI Epidemiologia Fonte d infezione diretta Sano recettivo Indiretta (veicoli e vettori) Trasmissione delle infezioni INFEZIONI OSPEDALIERE Etiologia SCHIZOMICETI FUNGHI PROTOZOI VIRUS INFEZIONI

Dettagli

Gruppo Fides. Dr Giuliano Grillo

Gruppo Fides. Dr Giuliano Grillo Gruppo Fides Dr Giuliano Grillo Medio di assistenza medica, infermieristica e riabilitativa Alto di assistenza tutelare e alberghiera Completamento cicli riabilitativi Trattamenti socio sanitari di mantenimento

Dettagli

Sistema di segnalazione rapida di eventi epidemici ed eventi sentinella nelle strutture sanitarie e nella popolazione generale

Sistema di segnalazione rapida di eventi epidemici ed eventi sentinella nelle strutture sanitarie e nella popolazione generale Sistema di segnalazione rapida di eventi epidemici ed eventi sentinella nelle strutture sanitarie e nella popolazione generale Regione Emilia-Romagna Deliberazione della Giunta Regionale N 186/2005 del

Dettagli

TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE

TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE CURRICULUM VITAE Informazioni personali Cognome e Nome ONOFARO FILIPPINA Data di nascita 15/09/1961 Qualifica MED.S.S.EX9-117TP Disciplina Medicina Matricola 36173 Incarico attuale Dirigente U.O.S.D. ALPI

Dettagli

Sistema di segnalazione delle malattie infettive, diffusive o sospetto di esserlo e alert organism, nelle strutture ospedaliere INDICE

Sistema di segnalazione delle malattie infettive, diffusive o sospetto di esserlo e alert organism, nelle strutture ospedaliere INDICE Pag. 1 di 20 INDICE MODIFICHE...3 OGGETTO E SCOPO...3 OGGETTO...3 SCOPO...4 CAMPO DI APPLICAZIONE...4 RESPONSABILITA COINVOLTE...4 DEFINIZIONI...5 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO...7 CONTENUTO...8 SEGNALAZIONE

Dettagli

CONTENUTI DELLA ISTRUZIONE OPERATIVA

CONTENUTI DELLA ISTRUZIONE OPERATIVA Pagina 1 di 6 CONTENUTI DELLA ISTRUZIONE OPERATIVA 1 TITOLO...2 2 AMBITO DI APPLICAZIONE...2 3 DECRIZIONE DELLE ATTIVITA'...2 3.1 Introduzione...2 3.2 Criteri generali di individuazione dei microrganismi

Dettagli

Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it

Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it CURRICULUM VITAE DOTT. RAITERI DORANNA Data 20 febbraio 2014 Cognome e Nome RAITERI DORANNA Data di nascita 23/07/1959 Qualifica Collaboratore Professionale

Dettagli

SEDE E CONTATTI. Direttore Struttura Complessa: Prof.ssa Rossana CAVALLO MACROAREA BATTERIOLOGIA MACROAREA VIROLOGIA E BIOLOGIA MOLECOLARE

SEDE E CONTATTI. Direttore Struttura Complessa: Prof.ssa Rossana CAVALLO MACROAREA BATTERIOLOGIA MACROAREA VIROLOGIA E BIOLOGIA MOLECOLARE afferente al Dipartimento Qualità e Sicurezza dei percorsi di Diagnosi e Cura Direttore Struttura Complessa: Prof.ssa Rossana CAVALLO SEDE E CONTATTI Ospedale MOLINETTE - Ingresso: Corso Bramante, 88-10126

Dettagli

Le Infezioni nosocomiali. Corso di Laurea Medicina e Chirurgia AA 2009 / 2010

Le Infezioni nosocomiali. Corso di Laurea Medicina e Chirurgia AA 2009 / 2010 Le Infezioni nosocomiali Corso di Laurea Medicina e Chirurgia AA 2009 / 2010 Definizione Ogni infezione non presente, né in fase di incubazione, al momento dell ingresso in ospedale Infezione contratta

Dettagli

CAMPO DI APPLICAZIONE E RESPONSABILITA

CAMPO DI APPLICAZIONE E RESPONSABILITA SCOPO La seguente Procedura, insieme con la PA 36 Prevenzione del rischio d' insorgenza e trasmissione delle infezioni negli operatori e nei pazienti, identifica e delinea i comportamenti da seguire per

Dettagli

Prevenzione delle Infezioni Ospedaliere: Normativa di riferimento

Prevenzione delle Infezioni Ospedaliere: Normativa di riferimento Corso di Formazione aziendale: SISTEMA DI SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI DEL SITO CHIRURGICO NEI PRESIDI OSPEDALIERI DELLA A.S.L. CASERTA Prevenzione delle Infezioni Ospedaliere: Normativa di riferimento

Dettagli

Assessori Regionali alla Sanità delle Regioni a Statuto Ordinario e Speciale e delle Province Autonome di Trento e Bolzano PEC

Assessori Regionali alla Sanità delle Regioni a Statuto Ordinario e Speciale e delle Province Autonome di Trento e Bolzano PEC Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ PUBBLICA E DELL INNOVAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE Ufficio 05 Ex DGPREV Viale Giorgio Ribotta, 5-00144 Roma Oggetto: Circolare Sorveglianza,

Dettagli

CURRICULUM VITAE IN FORMATO EUROPEO

CURRICULUM VITAE IN FORMATO EUROPEO CURRICULUM VITAE IN FORMATO EUROPEO Informazioni personali Nome PIANA TIZIANA Comune di residenza VIGEVANO (Pavia) E-mail sitra@aogallarate.it Nazionalità Italiana Luogo e Data di nascita Vigevano, 02-03-1963

Dettagli

NURSING E PROBLEMATICHE INFETTIVE: Nulla di nuovo tutto cambiato!

NURSING E PROBLEMATICHE INFETTIVE: Nulla di nuovo tutto cambiato! NURSING E PROBLEMATICHE INFETTIVE: Nulla di nuovo tutto cambiato! NOEMI ZIGLIOLI Coordinatore infermieristico Unità Spinale Unipolare MILANO NURSING E PROBLEMATICHE INFETTIVE Le infezioni ospedaliere costituiscono

Dettagli

Il contributo dell organizzazione per implementare e migliorare le buone pratiche assistenziali per il controllo delle infezioni

Il contributo dell organizzazione per implementare e migliorare le buone pratiche assistenziali per il controllo delle infezioni Il contributo dell organizzazione per implementare e migliorare le buone pratiche assistenziali per il controllo delle infezioni dr. Simone Bradariolo Unità Locale Socio-Sanitaria Sanitaria 9 Treviso Pesaro,

Dettagli

IL RUOLO DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE Anna Barbui S.C. Microbiologia e Virologia U Città della Salute e della Scienza di Torino

IL RUOLO DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE Anna Barbui S.C. Microbiologia e Virologia U Città della Salute e della Scienza di Torino IL RUOLO DEL LABORATORIO DI RIFERIMENTO REGIONALE Anna Barbui S.C. Microbiologia e Virologia U Città della Salute e della Scienza di Torino Torino 17 febbraio 2016 RISULTATI DI 11 ANNI DI ATTIVITÀ (2005-2015)

Dettagli

DISINFETTANTI ED ANTISETTICI: è già stato tutto scritto? La nuova procedura aziendale

DISINFETTANTI ED ANTISETTICI: è già stato tutto scritto? La nuova procedura aziendale DISINFETTANTI ED ANTISETTICI: è già stato tutto scritto? La nuova procedura aziendale Il rischio infettivo connesso alla struttura ospedaliera Pietro Caramello Malattie Infettive A Malattie Infettive A,

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 UO RISK MANAGEMENT PROCEDURA PER LA CORRETTA IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE NEI PRESIDI OSPEDALIERI DELLA

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ISOLAMENTO DEI PAZIENTI CON COLONIZZAZIONE/INFEZIONE DA GERMI MULTIRESISTENTI IN TERAPIA INTENSIVA

PROTOCOLLO PER L ISOLAMENTO DEI PAZIENTI CON COLONIZZAZIONE/INFEZIONE DA GERMI MULTIRESISTENTI IN TERAPIA INTENSIVA ISTRUZIONE OPERATIVA n 3/2004 Revisione 0 PROTOCOLLO PER L ISOLAMENTO DEI PAZIENTI CON COLONIZZAZIONE/INFEZIONE DA GERMI MULTIRESISTENTI IN TERAPIA INTENSIVA Ratificato dalla Commissione Aziendale per

Dettagli

Azienda Sanitaria Firenze. Dorella Donati - Infermiere Coordinatore - RTI SMN

Azienda Sanitaria Firenze. Dorella Donati - Infermiere Coordinatore - RTI SMN Azienda Sanitaria Firenze Dorella Donati - Infermiere Coordinatore - RTI SMN Percorso Sepsi 2011 aumentare il livello di attenzione 2012 - Giornata Mondiale per la Prevenzione della Sepsi Attivazione di

Dettagli

Prevenzione generale delle malattie infettive

Prevenzione generale delle malattie infettive Prevenzione generale delle malattie infettive la sorveglianza epidemiologica l indagine epidemiologica isolamento e contumacia disinfezione e sterilizzazione Sorveglianza epidemiologica: definizione La

Dettagli

MALATTIE A VEICOLO IDRICO: EVIDENZE EPIDEMIOLOGICHE

MALATTIE A VEICOLO IDRICO: EVIDENZE EPIDEMIOLOGICHE ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO:RISCHI MICROBIOLOGICI E MALATTIE A VEICOLO IDRICO: EVIDENZE EPIDEMIOLOGICHE PROF. G. Sansebastiano Dr.ssa R. Zoni Dr.ssa L. Bigliardi UNIVERSITA DI PARMA microrganismi

Dettagli

Procedura per il trasporto intra ed extraospedaliero dei pazienti

Procedura per il trasporto intra ed extraospedaliero dei pazienti PA SQ 26 ev. 1 del 28 /4/2015 Data applicazione edazione Verifica Approvazione 28.4.2015 Dr.P.Olivieri Dr.ssa A. Bellotto Dr.ssa G.Saporetti Dr.ssa L.Dolcetti Dr. E.Goggi U.O. QUALITA ISCHIO CLINICO E

Dettagli

La figura dell OSS: dalla formazione teorica all addestramento pratico

La figura dell OSS: dalla formazione teorica all addestramento pratico RIPENSARE LA STERILIZZAZIONE DEI DM: Sfide Organizzative e soluzioni innovative La figura dell OSS: dalla formazione teorica all addestramento pratico Dr.ssa S. Remafedi Prima Parte s.remafedi@ao-pisa.toscana.it

Dettagli

Terapia delle principali infezioni correlate all assistenza: assistenza: gli aspetti da considerare

Terapia delle principali infezioni correlate all assistenza: assistenza: gli aspetti da considerare Corso aziendale Uso responsabile degli antibiotici Terapia delle principali infezioni correlate all assistenza: assistenza: gli aspetti da considerare Rosario Cultrera Dip. Medico - UOC Malattie Infettive

Dettagli

L esperienza degli ospedali: la Regione Piemonte Roma 25 giugno 2008

L esperienza degli ospedali: la Regione Piemonte Roma 25 giugno 2008 QuickTime e un decompressore TIFF (Non compresso) sono necessari per visualizzare quest'immagine. L esperienza degli ospedali: la Regione Piemonte Roma 25 giugno 2008 QuickTime e un decompressore TIFF

Dettagli

Epidemiologia delle infezioni correlate all assistenza

Epidemiologia delle infezioni correlate all assistenza Epidemiologia delle infezioni correlate all assistenza Maria Luisa Moro 1 Infezioni correlate all assistenza Sono infezioni che insorgono come risultato di interventi sanitari Possono essere acquisite

Dettagli

PROCEDURA IDENTIFICAZIONE DEL NEONATO

PROCEDURA IDENTIFICAZIONE DEL NEONATO 17.01.2013 1 di 5 LISTA DI DISTRIBUZIONE Direttori Presidi Ospedalieri Direttori di Dipartimento Servizio Infermieristico Direttori UU.OO. Coordinatori Infermieristici UU.OO. Rev. Data Causale Redazione

Dettagli

E.O. Ospedali Galliera di Genova

E.O. Ospedali Galliera di Genova E.O. Ospedali Galliera di Genova (L.833/1978, art. 41; D.lgs n.517/1993 art. 4 c. 12) Ospedale di rilievo nazionale e di alta specializzazione (D.P.C.M. 14 luglio 1995) Gruppo Operativo della Commissione

Dettagli

Automazione in batteriologia: Roberto Rigoli Direttore Dipartimento Patologia Clinica ULSS n.9 Treviso

Automazione in batteriologia: Roberto Rigoli Direttore Dipartimento Patologia Clinica ULSS n.9 Treviso Automazione in batteriologia: nuove frontiere tecnologiche Roberto Rigoli Direttore Dipartimento Patologia Clinica ULSS n.9 Treviso Cambiamenti in batteriologia: raccolta del campione Comparison of 3 swab

Dettagli

Presentazione. Infezioni correlate all assistenza sanitaria (I.C.A.)

Presentazione. Infezioni correlate all assistenza sanitaria (I.C.A.) Presentazione Infezioni correlate all assistenza sanitaria e resistenza antimicrobica costituiscono due speciali problematiche sanitarie sulle quali importanti istituzioni internazionali, quali l OMS,

Dettagli

Al Gaslini e per il Gaslini

Al Gaslini e per il Gaslini Al Gaslini e per il Gaslini Calendario delle iniziative Istituzionali del mese di Settembre 2015 Seminari, Convegni, Congressi, Corsi, Aggiornamento dei Piani Formativi Aziendali Data / Ora / Luogo Titolo

Dettagli

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010 Allegato 1 Regione Abruzzo Programma Operativo 2010 Intervento 6: Razionalizzazione della rete di assistenza ospedaliera Azione 3: Razionalizzazione delle Unità Operative Complesse Determinazione delle

Dettagli

Infezioni correlate all assistenza

Infezioni correlate all assistenza Infezioni correlate all assistenza Il problema Che cosa si intende per infezione correlata all assistenza Le infezioni correlate all assistenza sono infezioni acquisiti in ospedale o in altri ambiti assistenziali

Dettagli

Lavoro di gruppo su: scheda di rilevamento delle non conformità

Lavoro di gruppo su: scheda di rilevamento delle non conformità Azienda Ospedaliera di Cosenza UOC Microbiologia e Virologia Clinica e Molecolare CORSO TEORICO/PRATICO DI AGGIORNAMENTO La fase preanalitica del campione biologico: ottimizzazione delle procedure Lavoro

Dettagli

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA Dott.ssa Cristina Matranga Coordinamento Regionale Rischio Clinico INCIDENZA DI PAZIENTI INFETTI 5,2% IN ITALIA

Dettagli

Terapia antibiotica in combinazione nel trattamento di un infezione multiresistente in terapia intensiva

Terapia antibiotica in combinazione nel trattamento di un infezione multiresistente in terapia intensiva Università degli Studi di Catania Dipartimento di Anestesia Rianimazione e Terapia Intensiva Policlinico G.Rodolico Direttore Prof.ssa M. Astuto Terapia antibiotica in combinazione nel trattamento di un

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA n. 5 PREVENZIONE DELLE INFEZIONI DELLE BASSE VIE RESPIRATORIE. Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli

PROCEDURA OPERATIVA n. 5 PREVENZIONE DELLE INFEZIONI DELLE BASSE VIE RESPIRATORIE. Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli PROCEDURA OPERATIVA n. 5 PREVENZIONE DELLE INFEZIONI DELLE BASSE VIE RESPIRATORIE Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli SOMMARIO Introduzione Obiettivi generali Obiettivi specifici Indicazioni

Dettagli

Curriculum Professionale. Dirigente Farmacista Azienda Ospedaliera di Cosenza Responsabile Unità Operativa Semplice

Curriculum Professionale. Dirigente Farmacista Azienda Ospedaliera di Cosenza Responsabile Unità Operativa Semplice Dr. Rossana Ritacca Curriculum Professionale INFORMAZIONI PERSONALI Nome ROSSANA RITACCA Data di nascita 20.06.1960 Indirizzo Via Cagliari 9 Montalto Uffugo scalo 87040 Qualifica Amministrazione Incarico

Dettagli

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto. Posizione Organizzativa - U.O Qualità, Accreditamento e Risk Mnagement-Contr.

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto. Posizione Organizzativa - U.O Qualità, Accreditamento e Risk Mnagement-Contr. INFORMAZIONI PERSONALI Nome Marnati Maria Grazia Data di nascita 28/01/1962 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Collaboratore Professionale Sanitario Esperto AZIENDA

Dettagli

OGGETTO: nomina componenti organismi dedicati alla prevenzione, sorveglianza e controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza (I.C.A.).

OGGETTO: nomina componenti organismi dedicati alla prevenzione, sorveglianza e controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza (I.C.A.). Deliberazione n. 916 del 29 07 2009 OGGETTO: nomina componenti organismi dedicati alla prevenzione, sorveglianza e controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza (I.C.A.). IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO

Dettagli

Il nuovo concetto di infezione, le modalità di trasmissione degli agenti patogeni. Importanza della disinfezione

Il nuovo concetto di infezione, le modalità di trasmissione degli agenti patogeni. Importanza della disinfezione Il nuovo concetto di infezione, le modalità di trasmissione degli agenti patogeni. Importanza della disinfezione Nuovi aspetti epidemiologici delle infezioni correlate all assistenza sanitaria Aggiornamento

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO Segnalazione e gestione di eventuali casi sospetti di Malattia da Virus Ebola (MVE) Rev.2 del 16.10.2014

PROTOCOLLO OPERATIVO Segnalazione e gestione di eventuali casi sospetti di Malattia da Virus Ebola (MVE) Rev.2 del 16.10.2014 PROTOCOLLO OPERATIVO Segnalazione e gestione di eventuali casi sospetti di Malattia da Virus Ebola (MVE) Rev.2 del 16.10.2014 Con nota n. 365516 del 1/09/2014 la Regione del Veneto ha diffuso il Protocollo

Dettagli

Programma Evento Formativo

Programma Evento Formativo Pagina 1 di 8 PROGRAMMA DELL EVENTO FORMATIVO Corso di formazione per l implementazione della P.A.T. I.O.O. 02 Attivazione del sistema di sorveglianza straordinaria e controllo per la tubercolosi in occasione

Dettagli

Autori: dr. Giacomo Benedetti Resp. S.S. Anziani e Residenze D 2 dr.ssa Cristina Montesi Resp. S.S. Cure Ambulatoriali e Domiciliari D 3 dr.

Autori: dr. Giacomo Benedetti Resp. S.S. Anziani e Residenze D 2 dr.ssa Cristina Montesi Resp. S.S. Cure Ambulatoriali e Domiciliari D 3 dr. PREVENZIONE E GESTIONE DEL PAZIENTE CON COLONIZZAZIONE o INFEZIONE DA GERMI MULTIRESISTENTI Autori: dr. Giacomo Benedetti Resp. S.S. Anziani e Residenze D 2 dr.ssa Cristina Montesi Resp. S.S. Cure Ambulatoriali

Dettagli

EVENTO FORMATIVO RESIDENZIALE: TERAPIA ANTIFUNGINA: CONFRONTO CON GLI ESPERTI N.ECM 106-108711 INFORMAZIONI DI DETTAGLIO SUL PROGRAMMA FORMATIVO

EVENTO FORMATIVO RESIDENZIALE: TERAPIA ANTIFUNGINA: CONFRONTO CON GLI ESPERTI N.ECM 106-108711 INFORMAZIONI DI DETTAGLIO SUL PROGRAMMA FORMATIVO EVENTO FORMATIVO RESIDENZIALE: TERAPIA ANTIFUNGINA: CONFRONTO CON GLI ESPERTI N.ECM 106-108711 INFORMAZIONI DI DETTAGLIO SUL PROGRAMMA FORMATIVO TIPOLOGIA EVENTO E ACCREDITAMENTO Evento Residenziale (RES).

Dettagli

Nota dell editore. Prefazione

Nota dell editore. Prefazione Autori Nota dell editore Prefazione XI XIII XV 1 Importanza dello studio della microbiologia 1 Cenni di epidemiologia 1 Le infezioni nosocomiali 5 I microrganismi e la microbiologia 7 Microrganismi endogeni

Dettagli

strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico

strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico Corso per Direttori Sanitari di strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico ORDINE PROVINCIALE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI MODENA 8 MAGGIO 2007 Dr

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita Qualifica Sede di lavoro 17.10.1962Sassari Dirigentemedico DirezioneMedica - P.O di Olbia

Dettagli

CORSO BREVE. Il rischio clinico

CORSO BREVE. Il rischio clinico CORSO BREVE Il rischio clinico OBIETTIVI Fornire Elementi Basilari(ABC) sul Risk Management Stimolare l attenzione degli operatori sul governo dei processi assistenziali Sensibilizzarli alla cultura dell

Dettagli

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità Le malattie infettive - definizione - rapporto tra microrganismi e uomo - modalità di trasmissione delle infezioni - le basi della prevenzione - il ruolo dell ambiente domestico Malattie infettive: forme

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO MALATTIE TUMORALI PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO MALATTIE TUMORALI PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE Corso di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina e Chirurgia PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO

Dettagli

Checklist per la sicurezza in sala operatoria

Checklist per la sicurezza in sala operatoria INNOVAZIONE Checklist per la sicurezza in sala operatoria Il progetto presentato dall ASL TA al Forum del Risk management di Arezzo Dr. M. Chironi Resp U.O. Rischio Clinico - Medicina Legale ASL Ta Dott.ssa

Dettagli

PIANO ANNULAE 2012 PER LA SICUREZZA E LA GESTIONE DEL RISCHIO AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA POLICLINICO S.ORSOLA MALPIGHI BOLOGNA

PIANO ANNULAE 2012 PER LA SICUREZZA E LA GESTIONE DEL RISCHIO AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA POLICLINICO S.ORSOLA MALPIGHI BOLOGNA 1 Definizione Obiettivi Strategici Aziendali Gestione del Rischio 2 Adozione del registro dei pericoli e mappatura delle prevalenti criticità aziendali Redazione del documento Sicurezza delle Cure con

Dettagli

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 033 Look Back. Data: 20-01-2014

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 033 Look Back. Data: 20-01-2014 1 Prima Stesura Redattori: Cosenza Data: 20-01-2014 1 2 1 SCOPO Lo scopo della presente procedura è specificare i criteri da adottare per l effettuazione di indagini e valutazioni retrospettive relative

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

4. SCHEDA DI INSERIMENTO OPERATORE SOCIO SANITARIO

4. SCHEDA DI INSERIMENTO OPERATORE SOCIO SANITARIO 4. SCHEDA DI INSERIMENTO OPERATORE SOCIO SANITARIO SEDE: LEGNAGO BOVOLONE ZEVIO NOGARA UNITÀ OPERATIVA/SERVIZIO: DIRETTORE: COORDINATORE INFERMIERISTICO: COGNOME QUALIFICA: INFERMIERE NOME DATA INIZIO

Dettagli

Azienda Ospedaliera Fatebenefratelli e Oftalmico Corso di Porta Nuova, 23 Milano SEMINARI DEL FATEBENEFRATELLI ANNO 2002

Azienda Ospedaliera Fatebenefratelli e Oftalmico Corso di Porta Nuova, 23 Milano SEMINARI DEL FATEBENEFRATELLI ANNO 2002 Azienda Ospedaliera Fatebenefratelli e Oftalmico Corso di Porta Nuova, 23 Milano I SEMINARI DEL FATEBENEFRATELLI ANNO 2002 Addestramento alla rianimazione cardiopolmonare di base(bls) 9-18 10 aprile 8

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E DATI PERSONALI Nome Indirizzo Borgotti Maria Cristina Telefono 026590037 Piazza XXV Aprile,7 Milano Fax 026590037 E-mail Nazionalità

Dettagli

REGIONE EMILIA ROMAGNA - GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE SANITA' E POLITICHE SOCIALI DETERMINAZIONE N.001925 BOLOGNA 16/02/2006

REGIONE EMILIA ROMAGNA - GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE SANITA' E POLITICHE SOCIALI DETERMINAZIONE N.001925 BOLOGNA 16/02/2006 REGIONE EMILIA ROMAGNA - GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE SANITA' E POLITICHE SOCIALI DETERMINAZIONE N.001925 BOLOGNA 16/02/2006 OGGETTO: APPROVAZIONE DEL DOCUMENTO CHE DISCIPLINA IL SISTEMA DI SEGNALAZIONE

Dettagli

Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive

Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive ALLEGATO 1 Direzione Sanità Assessorato alla Tutela della Salute e Sanità Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI E STRUTTURA DEL

Dettagli

Eziologia, epidemiologia e prevenzione delle infezioni ospedaliere. Dipartimento di Sanità Pubblica Università degli Studi di Firenze

Eziologia, epidemiologia e prevenzione delle infezioni ospedaliere. Dipartimento di Sanità Pubblica Università degli Studi di Firenze Eziologia, epidemiologia e prevenzione delle infezioni ospedaliere Dipartimento di Sanità Pubblica Università degli Studi di Firenze OSPEDALE: SEMINARIUM MORTIS, THESAURUS INFECTIONIS (Gottfried Wilhelm

Dettagli

Sepsi addominale da KPC in paziente con AIDS

Sepsi addominale da KPC in paziente con AIDS Casi difficili in Patologia Infettiva Sepsi addominale da KPC in paziente con AIDS Laura Sighinolfi U.O.Malattie Infettive Azienda Ospedaliero Universitaria -Ferrara Paziente G.F. Donna, trasmissione sessuale

Dettagli

Esperienza di applicazione di un bundle per il controllo dei germi multiresistenti in Terapia Intensiva

Esperienza di applicazione di un bundle per il controllo dei germi multiresistenti in Terapia Intensiva 32 Congresso Nazionale Aniarti Napoli, 6-7-8 novembre 2013 Esperienza di applicazione di un bundle per il controllo dei germi multiresistenti in Terapia Intensiva Ospedale San Bortolo Ulss 6 Vicenza Flavio

Dettagli

U.O.S.Risk Management

U.O.S.Risk Management ( Allegato 7) Azienda USL Pescara Direttore Generale Dr. C. D Amario Rev. 1 Giugno 2014 U.O.S. Risk Management Responsabile Dr. ssa Anna Maria Ambrosi PROCEDURA La sicurezza in Sala Operatoria. L adozione

Dettagli

Infezioni ospedaliere

Infezioni ospedaliere Piano Sanitario Regionale 1999-2001 Rapporto tecnico per la definizione di obiettivi e strategie per la salute obiettivi e strategie per la salute Infezioni ospedaliere ISSN 1591-223X DOSSIER 55 Regione

Dettagli

METROLOGIKA PRESENTAZIONE DEL SISTEMA. ML BIOTECH Via Preie 38, 10080 TORRE CANAVESE (TO) TEL. 0124 372220 www.mlbiotech.com www.metrologika.

METROLOGIKA PRESENTAZIONE DEL SISTEMA. ML BIOTECH Via Preie 38, 10080 TORRE CANAVESE (TO) TEL. 0124 372220 www.mlbiotech.com www.metrologika. METROLOGIKA PRESENTAZIONE DEL SISTEMA SOMMARIO PRESENTAZIONE DEL SISTEMA METROLOGIKA - Introduzione - Il carico socio economico delle infezioni ospedaliere - Stime dei tassi di infezioni (ICA) correlate

Dettagli

Report Malattie infettive situazione gennaio-maggio 2009

Report Malattie infettive situazione gennaio-maggio 2009 NUOVA INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 Le ultime settimane hanno visti impegnati molti operatori del SSR nella pandemia da nuovo virus influenzale A H1N1 : ciò ha consentito di verificare i percorsi e attuare

Dettagli

6. GESTIONE, VALUTAZIONE E MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ

6. GESTIONE, VALUTAZIONE E MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ 205 6. GESTIONE, VALUTAZIONE E MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ 6.5 ELENCO DOCUMENTAZIONE 206 E MATRICE DELLE RESPONSABILITÀ Codice documento titolo del documento Documento aziendale redatto da approvato da

Dettagli

Personale laureato del ruolo sanitario

Personale laureato del ruolo sanitario TABELLA DI SUPPORTO per la compilazione della Sezione 3: Professionalità e Tipologia di rapporto della Scheda anagrafica Personale laureato del ruolo sanitario 1. MEDICI 1.01. Odontoiatria 1.02. Allergologia

Dettagli

Dall osservazione strutturata all audit per il controllo delle ICA: l esperienza dell AOU Maggiore

Dall osservazione strutturata all audit per il controllo delle ICA: l esperienza dell AOU Maggiore Dall osservazione strutturata all audit per il controllo delle ICA: l esperienza dell AOU Maggiore della Carità di Novara Rel.: Barbara SUARDI ICI Sig.ra Rita NEGRI Inf. Sig.ra Carla GUENZI Comitato Infezioni

Dettagli

Il controllo delle infezioni.

Il controllo delle infezioni. . L esperienza dell Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara. Dott.ssa Paola M. Antonioli Struttura Direzione Medica di Presidio Azienda Ospedaliero - Universitaria di Ferrara (e-mail: p.antonioli@ospfe.it)

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

Alberto Villani. Dipartimento Medicina Pediatrica Direttore: Alberto G. Ugazio. La sepsi nel lattante

Alberto Villani. Dipartimento Medicina Pediatrica Direttore: Alberto G. Ugazio. La sepsi nel lattante Alberto Villani UOC Pediatria Generale e Malattie Infettive Dipartimento Medicina Pediatrica Direttore: Alberto G. Ugazio La sepsi nel lattante Unità Operativa di Pediatria Generale e Malattie Infettive

Dettagli

MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE

MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE Modifiche al R.D. 2 maggio 1940, numero 1310, sulle mansioni degli infermieri professionali e infermieri generici. TITOLO I - Mansioni dell infermiere professionale

Dettagli

Sicurezza del paziente nelle sale operatorie del PO Nostra Signora della Mercede

Sicurezza del paziente nelle sale operatorie del PO Nostra Signora della Mercede anno 18.05. Pag. 1 di 7 Sommario.1 PREMESSA... 2.2 INTRODUZIONE... 2.3 OBIETTIVO GENERALE... 3.4 OBIETTIVI SPECIFICI... 3.5 DESTINATARI... 3.6 AZIONI E RESPONSABILITÀ... 4.7 TEMPI... 5.8 VALUTAZIONI...

Dettagli

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO Roma, 20 gennaio 2011 Articolo 1: Caratteristiche Generali 1. Il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico (di seguito Policlinico Universitario)

Dettagli

PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010

PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010 REGIONE LAZIO AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE RIETI PIANO ATTUATIVO LOCALE 2008-2010 Allegato n 3 PROGRAMMA DI PRESA IN CARICO DELLE DONNE IN GRAVIDANZA E NEONATI A RISCHIO SOCIALE Dipartimento Programma

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome CLAUDIA LEPRATTO Indirizzo ASL AL SEDI DI OVADA E ACQUI TERME Telefono 0143/826402-0144 777374 Fax 0143 /826404-0144

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

maria.portesi@gmail.com

maria.portesi@gmail.com Dott.ssa Maria Portesi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo PORTESI

Dettagli

PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI

PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI ISTRUZIONE OPERATIVA N 1/2005 PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI RATIFICATO DALLA COMMISSIONE AZIENDALE PER LA SORVEGLIANZA E IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

Dettagli

1. medicina di urgenza e di pronto soccorso O medicina e chirurgia d'accettazione e d'urgenza

1. medicina di urgenza e di pronto soccorso O medicina e chirurgia d'accettazione e d'urgenza organigramma aziendale dipartimento emergenza accettazione Denominazione Strutture Complesse 1. medicina di urgenza e di pronto soccorso O medicina e chirurgia d'accettazione e d'urgenza 2. chirurgia di

Dettagli

19/05/2015 Emissione (Rev.0) Dott.ssa M. Colombo

19/05/2015 Emissione (Rev.0) Dott.ssa M. Colombo Rev.0 Pag. 1 di 34 INDICE 1. PREMESSA... 2 3. SCOPO... 4 4. DESTINATARI DELLA PROCEDURA... 4 5. CAMPO D APPLICAZIONE... 4 6. LA SORVEGLIANZA... 5 7. MODALITÀ OPERATIVE: COMUNICAZIONE ED ATTIVAZIONE DELLE

Dettagli

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Provincia Autonoma di Trento AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Trento via Degasperi 79 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Reg. delib. n. 473 2011 OGGETTO: Riorganizzazione delle attività

Dettagli

Associazione CNOS/FAP Regione Abruzzo Viale Don Bosco nr. 6 - L Aquila

Associazione CNOS/FAP Regione Abruzzo Viale Don Bosco nr. 6 - L Aquila Associazione CNOS/FAP Regione Abruzzo Viale Don Bosco nr. 6 - L Aquila AVVISO di SELEZIONE PER SOLI TITOLI PER IL CONFERIMENTO DELL INCARICO DI INSEGNAMENTO NELL AMBITO DEI CORSI PER IL CONSEGUIMENTO DELLA

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA 1 INTRODUZIONE 2 Le infezioni correlate all assistenza (ICA) rappresentano una complicanza frequente. In media il 5-10% dei pazienti ricoverati in

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA GESTIONE DEI PAZIENTI CON COLONIZZAZIONE/INFEZIONE DA GERMI MULTIRESISTENTI

PROTOCOLLO PER LA GESTIONE DEI PAZIENTI CON COLONIZZAZIONE/INFEZIONE DA GERMI MULTIRESISTENTI Rev. 0 del 05.02.2013 Data applicazione Redazione Verifica Approvazione 05.02.2013 Gruppo operativo CIO Dott.ssa Lucia Dolcetti Dott.ssa Lucia Dolcetti Pagina 2 di 26 STATO DELLE REVISIONI Rev n Data Descrizione

Dettagli

Disciplina per l accesso di animali d affezione nelle strutture ospedaliere pubbliche e private in caso di paziente ricoverato

Disciplina per l accesso di animali d affezione nelle strutture ospedaliere pubbliche e private in caso di paziente ricoverato Allegato A) Disciplina per l accesso di animali d affezione nelle strutture ospedaliere pubbliche e private in caso di paziente ricoverato Scopo La L.R. 5/2005 e s.m. all art. 4 ter Accessibilità degli

Dettagli

Infezioni Ospedaliere: proposta per un progetto regionale in Toscana

Infezioni Ospedaliere: proposta per un progetto regionale in Toscana Infezioni Ospedaliere: proposta per un progetto regionale in Toscana A partire dal gennaio 2002 l Agenzia Regionale di Sanità e, in particolare, l Osservatorio per la Qualità, ha avviato un progetto per

Dettagli