APPROCCIO LUDICO-MOTORIO PER L' ACQUISIZIONE DI ALCUNI PRE-REQUISITI LOGICO-MATEMATICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "APPROCCIO LUDICO-MOTORIO PER L' ACQUISIZIONE DI ALCUNI PRE-REQUISITI LOGICO-MATEMATICI"

Transcript

1 DIREZIONE DIDATTICA STATALE 2 CIRCOLO CESENATICO Anno Scolastico 2011/ 2012 APPROCCIO LUDICO-MOTORIO PER L' ACQUISIZIONE DI ALCUNI PRE-REQUISITI LOGICO-MATEMATICI Ideato e realizzato da CI.nzia Giorgetti e FRA.ncesca Baldini Pieri (insegnanti scuola dell Infanzia Villamarina e scuola Primaria Villalta) 1

2 PREMESSA La matematica si vive e si respira nella quotidianità. La matematica non si impara davanti al computer, è un fatto culturale! I bambini la imparano stando con noi adulti e con i coetanei che parlano mentre vivono con noi e ci insegnano a parlare e a ragionare. Nella scuola dell'infanzia perciò ci sembra più utile lavorare sulle attività abituali (filastrocche, giochi, ecc.) e sulle "attività di sfondo" che fanno parte della prassi corrente. Ogni attività va considerata al''interno di uno sfondo che è un elemento di continuità trasversale nella vita del bambino e dovrebbe collegare tutte le sue esperienze. È importante non dimenticarlo nella programmazione dell'area logico-matematica, perché troppo spesso la matematica viene collocata "da un'altra parte" rispetto a tutto il resto. Nelle Indicazioni per il Curricolo per la scuola dell'infanzia e per il primo ciclo d' istruzione si individuano cinque campi di esperienza. Uno di questi, "la conoscenza del mondo", fa riferimento proprio all'ordine, alla misura, allo spazio, al tempo, alla natura. I contenuti (come già negli Orientamenti precedenti) sono inerenti sia alle capacità di raggruppamento, ordinamento, quantificazione e misurazione di fatti e fenomeni della realtà e alle abilità necessarie per interpretarla e per intervenire consapevolmente su di essa, sia alla scoperta e la prima sistematizzazione delle conoscenze della realtà naturale ed artificiale attraverso i sistemi simbolici di riferimento della conoscenza scientifica nei quali entrano in gioco l'intelligenza spaziale, logico-linguistica e i collegamenti con il pensiero matematico. Il compito dell'insegnante è quello di aiutare il bambino a "matematizzare", cioè a passare da una rappresentazione elementare della realtà ad una sempre più strutturata, sempre in modo ludico, in cui entrano come elementi fondamentali e irrinunciabili caratteristiche come la numerosità, la forma, l'estensione, la quantità. DENOMINAZIONE PROGETTO CI&FRA RESPONSABILI PROGETTO prof.ssa GIORGETTI CINZIA e prof.ssa BALDINI PIERI FRANCESCA FINALITA' Promuovere lo sviluppo dell'identità personale, dell'autonomia, della competenza, della cittadinanza. 2

3 OBIETTIVO FONDAMENTALE Acquisire alcuni pre-requisiti logico-matematici attraverso un approccio ludico-motorio. L' obiettivo fondamentale è anzitutto quello di curare l'organizzazione della percezione dello spazio, e dei rapporti temporali e causali, quindi la capacità di operare con le quantità (anche continue) e la capacità di classificare e ordinare. Queste tematiche sono strettamente legate alla organizzazione logica del pensiero e al concetto di numero. L'esperienza maturata a seguito delle esigenze generali dello sviluppo cognitivo nei settori indicati fornisce la base per la formalizzazione propria della matematica nei settori della logica e dell'aritmetica. In ogni intervento si cercherà di lavorare su un concetto proprio della matematica anche se in realtà, in ogni situazione ludica si cercherà di "scoprire la matematica nascosta", intervenendo con osservazioni, domande, piccole consegne, giochi, legami con altre esperienze ed osservazioni. -Orientamento e seriazione Si giocherà per verificare inizialmente l'orientamento spazio-temporale -spazio:sopra-sotto,dentro-fuori,davanti-dietro,vicino-lontano,"di qua-di là ", (destra-sinistra) -tempo: prima-dopo, semplici strutture ritmiche. Il gioco finale verterà ad una prima classificazione e ad una relazione il più alto tra, il più basso tra... - Numeri Riprenderemo l'abc della nostra tradizione, dove l'approccio al numero avveniva proprio attraverso filastrocche, cantilene, giochi di imitazione più vicine al vissuto del bambino rispetto a certi giochi che oggi sono costruiti con materiale strutturato. - Geometria Si giocherà con la magia delle forme intesa come loro trasformazione e quindi in un contesto di geometria non solo statica ma anche dinamica. - Finale: invenzione di una storia dove si riprenderanno i concetti degli incontri precedenti. In questo incontro finale tutti i bambini indosseranno una magliettina azzurra e avranno modo di sentirsi parte di un bellissimo mondo:quello del mare! Infatti, ad ognuno di loro, verrà regalata una preziosa goccia di sapienza (palla blu). DESTINATARI Tutti gli alunni di 5 anni del 2 Circolo Didattico di Cesenatico. (Ultimo anno di Scuola dell Infanzia) TEMPI 4 incontri per ogni plesso (1 incontro settimanale) di 45 minuti per gruppo. Sala 2 gruppi (numero alunni 22), Villamarina 3 gruppi (numero alunni 53), Bagnarola 2 gruppi (numero alunni 22). 3

4 METODOLOGIA La metodologia sarà quella tipica della scuola dell'infanzia cioè laboratoriale: essa infatti è la modalità privilegiata per realizzare esperienze interdisciplinari per un apprendimento unitario mirante all unitarietà della persona, in quanto coinvolge in maniera diretta, attiva e partecipata gli alunni. Il bambino è protagonista del proprio percorso di apprendimento. L ambiente sarà sereno, coinvolgente, cooperativo. La progettualità sarà flessibile e in divenire. Le esperte-animatrici, si travestiranno in due personaggi CI & FRA (due numeri animati) e insceneranno delle brevi gag teatrali e inviteranno i bambini a giocare con loro nel "mare della MAT-MAT". La Ci e la Fra sono pagliacci che fanno La Ci e la Fra sono dei pagliacci che ci fanno imparare la matematica. Mi fanno ridere: ridere e anche giocare. Mi fanno ridere perché La Ci dice con la Fra che non sa niente! la Fra dice che è più alta lei e quando ci hanno dato il nastro diceva che era più lunga lei non era vero! MODALITÀ DI VERIFICA (FINALE ED IN ITINERE) Osservazione durante le attività proposte. Ogni incontro si concluderà con una breve verbalizzazione sul lavoro svolto. Le insegnanti di sezione svilupperanno e approfondiranno gli input della lezione pratica attraverso la continua esperienzialità della matematica nella vita quotidiana. 4

5 INCONTRI SALA (2 GRUPPI, ORE 13:30-15:30 / 55 minuti ogni gruppo) gennaio/1-8 febbraio. (*) VILLAMARINA-BOSCHETTO (3 GRUPPI, ORE 13:30-16:00 / 45 minuti ogni gruppo) 27 febbraio, marzo. BAGNAROLA (2 GRUPPI, ORE 13:30-15:30 / 55 minuti ogni gruppo) 26 marzo, aprile. (*) causa neve queste due ultime date sono state posticipate al febbraio 5

6 PRIMO INCONTRO 1) -PRESENTAZIONE DEI DUE PERSONAGGI (CI E FRA) AMICHE DEL MARE CHE SARA LO SFONDO CONDUTTORE DI TUTTI GLI INCONTRI. PER QUESTO I DUE PERSONAGGI HANNO SEMPRE DEGLI ELEMENTI MEDIATORI RAPPRESENTATI DA ANIMALI. I DUE ANIMALI PRESENTI IN TUTTI GLI INCONTRI SONO DUE DELFINI (PELUCHES): CIFROLINO (PICCOLO E SEMPRE ATTACCATO AL CAPPELLO DI CI) E CIFROLONE (GRANDE), AMICI DEI BAMBINI. La Ci mi fa ridere quando parla con il delfino 2) -ORIENTARSI NELLO SPAZIO COORDINAZIONE OCULO-MANUALE Cifrolone vuole giocare con i bambini PER ORIENTARSI NEL FOGLIO E AD OGNI BAMBINO VIENE DATA UN ONDA DEL MARE (UN NASTRO COLORATO) PER IMITARE I SUOI MOVIMENTI (OSCILLAZIONI GRANDI E PICCOLE, SERPENTINE E SPIRALI, TONDI IN SENSO ORARIO E ANTIORARIO). DOPO LA DIMOSTRAZIONE DELL INSEGNANTE, OGNI BAMBINO UTILIZZA IL NASTRO DA RITMICA E CAMMINANDO ALL INDIETRO COME IL GAMBERO (PELUCHE) ESEGUE GLI STESSI MOVIMENTI DELLE ONDE FATTI PRECEDENTEMENTE (OSCILLAZIONE DEL BRACCIO, AVAMBRACCIO, MOVIMENTO DEL POLSO; SUL PIANO FRONTALE E SAGITTALE). La Ci fa le onde con il nastro Sono io che faccio i lavori con i nastri 6

7 Giochiamo con i nastri a fare le onde Le onde grandi 3) -DI PIU', DI MENO, IL NIENTE (L'INSIEME VUOTO) SONO DISPOSTI 3 CERCHI A TERRA DI COLORE DIVERSO CHE RAPPRESENTANO 3 CASE ( BLU IL MARE, VERDE LA TERRA, GIALLO IL CIELO). NELL'ALTRO LATO DELLA PALESTRA, IN ORDINE SPARSO A TERRA, VENGONO MESSI DEGLI ANIMALI DI TERRA, DI MARE, DI CIELO (NESSUN ANIMALE SARA' DI CIELO). AL VIA I BAMBINI DEVONO PRENDERE UN ANIMALE E TRASPORTARLO ALL'INTERNO DELLA PROPRIA CASA-CERCHIO USANDO UNA PARTE DEL CORPO CHIAMATA DALL'INSEGNANTE (SULLA SCHIENA, SOTTO IL MENTO, SOTTO BRACCIO, FRA LE GINOCCHIA ECC..) SENZA USARE LE MANI. ALLA FINE CI SI SIEDE TUTTI INSIEME ATTORNO AI CERCHI E SI FANNO OSSERVAZIONI COLLETTIVE E VARIE IPOTESI: DOVE CI SONO PIU' ANIMALI? DOVE MENO? DOVE NON CI SONO? E SI SCOPRE L'INSIEME VUOTO, UN PRIMO APPROCCIO ALLA QUANTITA' DELLO ZERO. ALLA FINE SI CONTANO GLI ANIMALI DELLE VARIE CASE PER VEDERE EFFETTIVAMENTE DOVE CE NE SONO DI PIU E DI MENO. 7

8 Facciamo insieme delle ipotesi 4) -FORMIAMO GRUPPI I CERCHI A TERRA CON UNA CONCHIGLIA ALL'INTERNO DI OGNI CERCHIO SONO LA CASA-RIFUGIO DEI BAMBINI-PESCIOLINI. AL VIA DELLA MUSICA (MUSICA SUL MARE: IL PICCOLO NAVIGLIO ) I BAMBINI DEVONO BALLARE FUORI DALLE CASE. ALLO STOP UN INSEGNANTE CHIAMA: GRUPPI DA 1, 2, 3 ; L ALTRO INSEGNANTE HA UNO SQUALO IN MANO CHE HA FAME DI BAMBINI! CHI RIMANE FUORI VIENE PER UN ATTIMO CATTURATO MA CON UNA MAGIA COLLETTIVA SI ROMPE L'NCANTESIMO E IL BAMBINO VIENE LIBERATO IN MODO CHE SEMPRE TUTTI POSSANO GIOCARE E LO SQUALO RIMANE AFFAMATO! 5) -PICCOLO NAVIGLIO: BALLO ANIMATO LA STESSA MUSICA VIENE POI UTILIZZATA PER FARE DEI MOVIMENTI RITMATI (MANI SUI FIANCHI, SI PIEGANO E SI DISTENDONO LE GAMBE) E COL RITORNELLO SI CONTA FINO A 7 MUOVENDO IL BACINO A DESTRA E A SINISTRA. 8

9 Balliamo tutti insieme! RITO FINALE: TUTTI INSIEME CON UNA MANO AL CENTRO, SALUTO FINALE: 1,2,3 CI DIVERTIAMO UNA CIFRA OLE'!!! SECONDO INCONTRO 1) -I NUMERI E IL RITMO SI PRESENTA UNA FILASTROCCA MIMATA CHE CI INSEGNA IL NOSTRO AMICO DELFINO CIFROLINO AMICO CIFROLINO 0: DONDOLA SOPRA IL PERO AMICO CIFROLINO 1: INVIA UN BACINO A QUALCUNO AMICO CIFROLINO 2: DORME COME UN BUE AMICO CIFROLINO 3: FELICE COME UN RE AMICO CIFROLINO 4: CORRE COME UN GATTO AMICO CIFROLINO 5: SI DIVERTE A FAR LE LINGUE AMICO CIFROLINO 6: BELLO E BUONO COME SEI AMICO CIFROLINO 7: MANGIA LE POLPETTE AMICO CIFROLINO 8: HA UN BEL SEDEROTTO AMICO CIFROLINO 9: TIRA LE OVE AMICO CIFROLINO 10: CONTA CON I CECI ALLA FINE SI CONTA CON LE DITA FINO A DIECI. Mimiamo la filastrocca 9

10 2) -IL MIO NOME QUANTE SILLABE HA? OGNI BAMBINO SCANDISCE IL PROPRIO NOME CONTANDO CON LE DITA LE SILLABE E SALTANDO SUL POSTO... (ES.: FRAN 1, CE 2, SCA 3); POI SALTA IN AVANTI DAVANTI ALLE CIFRE SCRITTE SUI PALETTI. GLI ALTRI BAMBINI AD OGNI SILLABA BATTONO LE MANI. Come ti chiami?...adesso battiamo le mani e Saltiamo: Cri-sti-na. Sono 3, salto fino al 3! 3) -OGNUNO A CASA SUA TANTI ANIMALI SONO SPARSI IN UN LATO DELLA PALESTRA. L'INSEGNANTE CHIAMA 2-3 BAMBINI ALLA VOLTA E DICE AD OGNUNO UN NUMERO. OGNI BAMBINO DEVE PRENDERE QUELLA QUANTITA DI ANIMALI CONTANDOLI AD ALTA VOCE POI SCEGLIE IL PERCORSO GIUSTO PER RIPORTARE GLI ANIMALI NELLA LORO ESATTA CASA-RIFUGIO, PASSANDO SUI SASSI (MATTONCINI). 10

11 1 2 3 Prendo 3 animali e li metto nella casa dei ) -MIMARE LE CIFRE CON IL CORPO DA 0 A 9 TUTTI INSIEME SI MIMANO LE CIFRE ASSUMENDO POSIZIONI SIMILI CON IL CORPO, MENTRE UN INSEGNANTE PASSA A PITTURARLE, CON UN GROSSO PENNELLO, SUL CORPO DEI BAMBINI. L 8 ha un tondo in alto e uno in basso 11

12 4) -MIMO POSIZIONI DI EQUILIBRIO CONTANDO ALL INDIETRO! SI INVITANO I BAMBINI A MIMARE QUESTE POSIZIONI E A CONTARE DA 10 A 0 - L UCCELLO CHE STA NELLA POSIZIONE DEL VOLO - IL FENICOTTERO - L ORSO CON UNA ZAMPA SU - IL LEPROTTO CHE SALTA SOLO CON UNA ZAMPA L orso con una zampa su Il fenicottero su una zampa 5) -GIOCO-STOP CON LA MUSICA DI PESCIOLINO ROSSO. AL VIA DELLA MUSICA SI BALLA, ALLO STOP BISOGNA RIPRODURRE CON IL CORPO LA CIFRA CHIAMATA DALL INSEGNANTE. RITO FINALE: TUTTI INSIEME CON UNA MANO AL CENTRO, SALUTO FINALE: 1,2,3 CI DIVERTIAMO UNA CIFRA OLE'!!! TERZO INCONTRO 1) -NEL MONDO DELLA MAGICA GEOMETRIA SI OSSERVA UNA PALLA...CI: "HA LA FORMA DI UNA SFERA"; SI OSSERVA UN MATTOCINO FRA: "HA LA FORMA DI PARALLELEPIPEDO...CHE PAROLA DIFFICILE!!!", CI &FRA OSSERVANO I CONI COLORATI "HANNO LA FORMA DI... UN CONO!" ENTRANO DENTRO UN MAGICO TUNNEL E...OHHH!!! L'OMBRA DI QUESTI TRE OGGETTI SONO: UN CERCHIO, UN RETTANGOLO, UN TRIANGOLO! 2) - RETTANGOLO, TRIANGOLO, CERCHIO E LORO CARATTERISTICHE CI E FRA PROVANO CON LE BACCHETTE A COSTRUIRE VARIE FIGURE. FRA NON E CAPACE E CI CHIEDE AIUTO AI BAMBINI. CON GAG DIVERTENTI, FRA E CI SI SBAGLIANO E I BAMBINI SONO COSI STIMOLATI A CORREGGERE E A DIRE LE CARATTERISTICHE DELLE VARIE FIGURE (ES: QUANTE PUNTE? COME SONO LE BACCHETTE FRA DI LORO? ETC ). IL CERCHIO: FRA CERCA DI FARE CON LE BACCHETTE ANCHE IL CERCHIO MA NON RIESCE E ALLORA COME FACCIAMO? I BAMBINI PROPONGONO DI FARLO CON UNA FUNICELLA CHE SI CURVA PERCHE IL CERCHIO NON HA LE PUNTE O PRENDIAMO UN CERCHIO DI PLASTICA. SI COSTRUISCONO COSI 2 CERCHI, 2 RETTANGOLI E 2 TRIANGOLI. 12

13 Costruiamo le forme con le bacchette 13

14 ERROR: ioerror OFFENDING COMMAND: image STACK:

PROGETTO LOGICO-MATEMATICO

PROGETTO LOGICO-MATEMATICO PROGETTO LOGICO-MATEMATICO Forme e numeri intorno a me INSEGNANTE : ARIANNA RUCIRETA PREMESSA Negli ultimi anni l utilizzo delle tecnologie multimediali nella scuola è aumentato e si è rafforzata la consapevolezza

Dettagli

Programmazione annuale classi prime

Programmazione annuale classi prime DIREZIONE DIDATTICA STATALE IV CIRCOLO - GELA 1 PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2009-2010 CLASSI PRIME PREREQUISITI PREMESSA La programmazione annuale che viene presentata si muove in un ottica

Dettagli

PROGETTO CLASSI PRIME. Scuola Primaria Plessi: CARNOVALI-MATTEI-S.UGUZZONE A SCUOLA IMPARIAMO GIOCANDO.

PROGETTO CLASSI PRIME. Scuola Primaria Plessi: CARNOVALI-MATTEI-S.UGUZZONE A SCUOLA IMPARIAMO GIOCANDO. PROGETTO CLASSI PRIME Scuola Primaria Plessi: CARNOVALI-MATTEI-S.UGUZZONE A SCUOLA IMPARIAMO GIOCANDO. PREMESSA Per agevolare l inserimento nella scuola Primaria dei bambini provenienti da diverse scuole

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

Scuola dell infanzia G. Siani - Marano

Scuola dell infanzia G. Siani - Marano Scuola dell infanzia G. Siani - Marano a.s. 2015/16..Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono la curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento per favorire

Dettagli

ISOLA DELLE MERAVIGLIE

ISOLA DELLE MERAVIGLIE SFONDO INTEGRATORE: Giramondo è uno strano personaggio, ama divertirsi e conoscere paesi lontani per vedere se e quanto sono diversi dal suo. Propone ai bambini uno scambio: loro guideranno Giramondo alla

Dettagli

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA SIAMO TUTTI AMICI Fermani Roberta Nocelli Rita - Grassi Katia Bambini di 2 anni e mezzo e 3 anni Sezioni D e E Il progetto Accoglienza

Dettagli

Spazio e forme: Camminiamo sulla matematica

Spazio e forme: Camminiamo sulla matematica ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL INFANZIA PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO Via U. Foscolo - 73021 CALIMERA (LE) Telefono 0832-872014 Fax 0832-875306 Email- leic816004@pec.istruzione.it Indicazioni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE 2012/13. delle Nuove Indicazioni Nazionali per il Curricolo della Scuola dell infanzia

PROGRAMMAZIONE 2012/13. delle Nuove Indicazioni Nazionali per il Curricolo della Scuola dell infanzia ANALISI INIZIALE DELLA SEZIONE I La sezione I è composta da 24 bambini di 4 anni, di cui 14 femmine e 10 maschi. Tutti usufruiscono del servizio mensa e permangono a scuola per l intero orario. La maggior

Dettagli

PROGETTO LOGICO-MATEMATICO

PROGETTO LOGICO-MATEMATICO SCUOLA DELL INFANZIA Plesso DECORATO A.S. 2012-2013 PROGETTO LOGICO-MATEMATICO ALLA SCOPERTA DEI NUMERI E DELLA LOGICA MOTIVAZIONE Il progetto nasce dal desiderio di accompagnare i bambini di cinque anni,

Dettagli

Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori

Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori PROGETTAZIONE DIDATTICA a/s 2013-2014 Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori Breve viaggio attorno al cibo e oltre Percorso di scoperta ed interazione tra il cibo e le qualità che gli alimenti nascondono:

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO LOGICO-MATEMATICO: SOTTO A CHI.CONTA!!!

UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO LOGICO-MATEMATICO: SOTTO A CHI.CONTA!!! UNITA DI APPRENDIMENTO LABORATORIO LOGICO-MATEMATICO: SOTTO A CHI.CONTA!!! di GIUSTI ROBERTA Anno scolastico 2013-2014 (bambini di 5 anni) Da: Gennaio a Maggio 1. LA TIPOLOGIA DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO

Dettagli

Classi I A B sc. ARDIGO anno scol. 2012 13 MATEMATICA

Classi I A B sc. ARDIGO anno scol. 2012 13 MATEMATICA Classi I A B sc. ARDIGO anno scol. 2012 13 MATEMATICA U di APPRENDIMENTO Numeri 1. Comprendere il significato dei numeri e i modi per rappresentarli, anche in relazione al loro uso nella realtà 2. Comprendere

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA di MATEMATICA (CLASSI PRIME) secondo le indicazioni nazionali del 2012

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA di MATEMATICA (CLASSI PRIME) secondo le indicazioni nazionali del 2012 PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA di MATEMATICA (CLASSI PRIME) secondo le indicazioni nazionali del 2012 NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO DI SVILUPPO UDA N. 1 Io imparo a contare Settembre/ottobre/novembre

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO

ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Scuola Primaria classe prima plesso Molinelli a.sc.2013/2014 PREMESSA Gli insegnanti della classe, tenendo conto dell analisi della situazione di partenza,

Dettagli

Istituto Comprensivo Parziale Dante Cassano Magnago. Via Galvani, 10 tel 0331/201464 fax: 0331202749 E-mail vaee04200d@istruzione.

Istituto Comprensivo Parziale Dante Cassano Magnago. Via Galvani, 10 tel 0331/201464 fax: 0331202749 E-mail vaee04200d@istruzione. Istituto Comprensivo Parziale Dante Cassano Magnago Via Galvani, 10 tel 0331/201464 fax: 0331202749 E-mail vaee04200d@istruzione.it Le sottoscritte insegnanti dichiarano di aver preso in esame i seguenti

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA STATALE PROGETTAZIONE ANNUALE

SCUOLA DELL INFANZIA STATALE PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE PROGETTAZIONE ANNUALE PROGETTAZIONE PERIODO: Settembre - Ottobre COMPETENZE CHIAVE EUROPEE: competenze sociali e civiche comunicazione nella madrelingua imparare ad imparare

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO Il bambino supera serenamente il distacco con la famiglia Conosce e rispetta le prime regole di convivenza E autonomo nelle situazioni di vita quotidiana (servizi igienici, pranzo, gioco)

Dettagli

RACCONTIAMOCI CON LE PAROLE SCUOLA DELL INFANZIA GUARDIA VOMANO A.S. 2015/16

RACCONTIAMOCI CON LE PAROLE SCUOLA DELL INFANZIA GUARDIA VOMANO A.S. 2015/16 PROGETTO DIDATTICO RACCONTIAMOCI CON LE PAROLE SCUOLA DELL INFANZIA GUARDIA VOMANO A.S. 2015/16 Educare è come seminare: il frutto non è garantito e non è immediato, ma se non si semina è certo che non

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

Sfruttiamo quindi tutte le occasioni per far contare piccole quantità di oggetti

Sfruttiamo quindi tutte le occasioni per far contare piccole quantità di oggetti Contare oggetti In fase iniziale abbiamo accostato l operazione chiamata contare per contare con una qualsiasi sequenza ritmica. Verifichiamo anche quello usuale, chiedendo ai bambini fin dove sanno contare,

Dettagli

SCHEDA DEL PROGETTO FINALITA

SCHEDA DEL PROGETTO FINALITA ISTITUTO COMPRENSIVO DI SERGNANO Via Al Binengo, 38 26010 SERGNANO (CR) Telefono 0373 41168 Fax 0373 419397 SCHEDA DEL PROGETTO INSERITO NEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA DELL A. S. 2014/15 SCUOLE DELL

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO IRRINUNCIABILI

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO IRRINUNCIABILI SCUOLA PRIMARIA PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE VERTICALE MATEMATICA In tutti i nuclei tematici sviluppati trasversalmente si persegue questo traguardo per lo sviluppo di competenze: l alunno sviluppa un atteggiamento

Dettagli

OK PROGETTO INTEGRATO MULTICAMPO

OK PROGETTO INTEGRATO MULTICAMPO OK PROGETTO INTEGRATO MULTICAMPO Anno Scolastico 2013/14 Insegnanti coinvolti: De Vecchi Fiore Angela, Fanini Francesco, Loddo Silvia, Maiorana Tiziana MI PRENDO CURA DI TE TI INSEGNO A VOLARE PREMESSA

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA DELL INFANZIA :

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA DELL INFANZIA : ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA DELL INFANZIA : GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DEI PROCESSI DI MATURAZIONE GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI PER I

Dettagli

a. s. 2011-2012 Laboratorio di attività motoria

a. s. 2011-2012 Laboratorio di attività motoria ISTITUTO COMPRENSIVO ALFANO QUASIMODO SCUOLA DELL INFANZIA a. s. 2011-2012 Laboratorio di attività motoria 1 Motivazione Guido Petter afferma che : L educazione motoria ha un importanza assai maggiore

Dettagli

NOI CONTIAMO E RACCONTIAMO

NOI CONTIAMO E RACCONTIAMO Scuola dell infanzia e scuola primaria G. Marconi Istituto Comprensivo Carrara e Paesi a Monte NOI CONTIAMO E RACCONTIAMO PROGETTO DI ACCOMPAGNAMENTO ALLE INDICAZIONI NAZIONALI RETE-POLO "SCUOLA DI CITTADINANZA

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE ISTITUTO COMPRENSIVO LUCCA 3 Via don Minzoni, 244 SANT ANNA 55100 LUCCA C.F. 92051740469 0583/581457 Fax : 0583/581997 ex DD n. 3 di Lucca 0583/584388 Fax: 0583/419187 ex Scuola secondaria 1 Carlo del

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO

DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO dalla prima alla quinta classe Scuole Primarie del Circolo Didattico di Corciano Anno scolastico 2010-2011 LE NUOVE INDICAZIONI: QUALI VIE PER LA SCUOLA? Circolo didattico

Dettagli

Raffaele Pisano (TNPEE)

Raffaele Pisano (TNPEE) ATTIVITA PER BAMBINI 5 ANNI Raffaele Pisano (TNPEE) AZIONI MOTORIE OBIETTIVO PER FASCE D ETA : GUIDA 3 ANNI Camminare Correre Saltare Quadrupedie Strisciare Rotolare Arrampicarsi Entrare / uscire Tirare

Dettagli

PROGETTO. Scuola dell Infanzia: L ALBERO AZZURRO di La Salute di Livenza. Titolo del progetto annuale 2015/ 2016. Giochiamo alla musica

PROGETTO. Scuola dell Infanzia: L ALBERO AZZURRO di La Salute di Livenza. Titolo del progetto annuale 2015/ 2016. Giochiamo alla musica PROGETTO Istituto Comprensivo di San Stino di Livenza Scuola dell Infanzia: L ALBERO AZZURRO di La Salute di Livenza Titolo del progetto annuale 2015/ 2016 Giochiamo alla musica Responsabile progetto:

Dettagli

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME A.S. 2014-2015 ITALIANO 1 - Ascoltare e parlare. Ascoltare, comprendere ed

Dettagli

Area matematico-scientifico-tecnologica: matematica

Area matematico-scientifico-tecnologica: matematica Campo/ area/ materia Periodo di riferimento Nucleo tematico??? Macroindicato re??? Traguardo di competenza Area matematico-scientifico-tecnologica: matematica Scuola primaria: classe 1^ NUMERI L alunno

Dettagli

ITALIANO NUCLEI TEMATICI CONTENUTI OBIETTIVI

ITALIANO NUCLEI TEMATICI CONTENUTI OBIETTIVI ITALIANO NUCLEI TEMATICI CONTENUTI OBIETTIVI ASCOLTO E PARLATO -Ascolto di letture, filastrocche, fiabe, favole, brevi storie. -Ascolto dell intervento di un compagno. -Ascolto di semplici consegne. -Racconto

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO CLASSI PRIME

PERCORSO FORMATIVO CLASSI PRIME ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TARRA BUSTO GAROLFO Via Correggio 80,- 20020 PERCORSO FORMATIVO CLASSI PRIME SCUOLA PRIMARIA SCUOLE TARRA, MENTASTI, FERRAZZI-COVA A.S. 2014-2015 1 LINGUA ITALIANA 1. ASCOLTO

Dettagli

PROGETTAZIONE DELLE ATTIVITA

PROGETTAZIONE DELLE ATTIVITA PROGETTAZIONE DELLE ATTIVITA Tempo Tema Destinatari Evento e progettazione delle attività Organizzazione Campi di esperienza e Obiettivi formativi e di apprendimento Settembre-Ottobre Io quaggiù, il cielo

Dettagli

LA PREVENZIONE DELLA DISLESSIA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROPOSTE DIDATTICHE

LA PREVENZIONE DELLA DISLESSIA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROPOSTE DIDATTICHE LA PREVENZIONE DELLA DISLESSIA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROPOSTE DIDATTICHE 1 Scuola dell infanzia e primi anni scuola primaria Segnali di rischio e difficoltà IDENTIFICAZIONE PRECOCE Intervenire: risolvere

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CLASSI I A E I B ANNO 2015-16 MAPPA DELLA PROGETTAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CLASSI I A E I B ANNO 2015-16 MAPPA DELLA PROGETTAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CLASSI I A E I B ANNO 2015-16 MAPPA DELLA PROGETTAZIONE ANNUALE Ottobre/Novembre Unità 1 MISURE E FORME - LA QUANTITA Prerequisiti: Acquisizione dei concetti relativi all orientamento

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI. CURRICOLO di MUSICA

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI. CURRICOLO di MUSICA DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO di MUSICA Modello di matrice adottata per la costruzione del curricolo Campo d esperienza/area Periodo di riferimento Traguardi di competenza Obiettivi

Dettagli

QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum

QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum Questa storia è stata scelta perché ricca di spunti educativi. Nel periodo dell inserimento ci guiderà DOROTHY che ci aiuterà nella conoscenza delle regole

Dettagli

UN PERCORSO FRA I TANTI MODI DI INTENDERE I PUNTI DI VISTA

UN PERCORSO FRA I TANTI MODI DI INTENDERE I PUNTI DI VISTA UN PERCORSO FRA I TANTI MODI DI INTENDERE I PUNTI DI VISTA La fiaba è il luogo di tutte le ipotesi: essa ci può dare delle chiavi per entrare nella realtà per strade nuove (G.Rodari). La diversità e la

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ORGANIZZAZIONE CURRICOLARE

SCUOLA PRIMARIA ORGANIZZAZIONE CURRICOLARE SCUOLA PRIMARIA ORGANIZZAZIONE CURRICOLARE ITALIANO termine della classe L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e adulti. Legge e comprende brevi testi con correttezza e rapidità; dimostra

Dettagli

PROGETTAZIONE educativo-didattica

PROGETTAZIONE educativo-didattica PROGETTAZIONE educativo-didattica A.S. 2014/15 Premessa Motivazione del Percorso Formativo Il bambino nella scuola dell infanzia, sviluppa la propria identità personale e il senso di appartenenza alla

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE per la classe prima. Matematica

PROGRAMMAZIONE ANNUALE per la classe prima. Matematica ISTITUTO COMPRENSIVO DI SORISOLE Scuole Primarie PROGRAMMAZIONE ANNUALE per la classe prima Matematica Anno Scolastico 2015/ 2016 COMPETENZE : A -NUMERO Comprende il significato dei numeri, i modi per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli

"COME PARLA IL NOSTRO CORPO"

COME PARLA IL NOSTRO CORPO SCUOLA DELL' INFANZIA STATALE DI CHIESANUOVA/NE "COME PARLA IL NOSTRO CORPO" Itinerario di tipo psicomotorio atto a promuovere nei bambini una buona presa di coscienza del proprio corpo ed una corretta

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini Nella scuola dell'infanzia non si può parlare di vere e proprie "discipline", bensì di CAMPI DI ESPERIENZA educativa. Con questo termine si indicano i diversi ambiti del fare e dell'agire e quindi i settori

Dettagli

TITOLO: LABORATORIO DI SCRITTURA CREATIVA Scrittura giocata: dal gesto al segno mi muovo con l alfabeto

TITOLO: LABORATORIO DI SCRITTURA CREATIVA Scrittura giocata: dal gesto al segno mi muovo con l alfabeto TITOLO: LABORATORIO DI SCRITTURA CREATIVA Scrittura giocata: dal gesto al segno mi muovo con l alfabeto DESTINATARI: Il progetto è rivolto al gruppo omogeneo per età dei bambini di 5 anni (sezione B) della

Dettagli

3 ISTITUTO COMPRENSIVO S. TODARO AUGUSTA (SR)

3 ISTITUTO COMPRENSIVO S. TODARO AUGUSTA (SR) 3 ISTITUTO COMPRENSIVO S. TODARO AUGUSTA (SR) Anno Scolastico 2015/2016 SCUOLA INFANZIA TITOLO: U.A. N. _1_ SEZ: A-B-C-D-E-F DISCIPLINA/AMBITO programmazione educativo-didattica RIFERITA A Settembre -

Dettagli

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione)

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione) CURRICOLO DI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione) Le conoscenze matematiche contribuiscono

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO DI SVILUPPO UDA N.1 Di colore in colore a suon di musica

Dettagli

PROTOCOLLO CONTINUITÀ SCUOLA DELL'INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PREMESSA

PROTOCOLLO CONTINUITÀ SCUOLA DELL'INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PREMESSA PROTOCOLLO CONTINUITÀ SCUOLA DELL'INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PREMESSA "La continuità nasce dall'esigenza primaria di garantire il diritto del bambino/ragazzo ad un percorso formativo organico e completo...a

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C 1 INTRODUZIONE Ai bambini e alle bambine che a tre anni, fanno il loro

Dettagli

MONOENNIO SCUOLA PRIMARIA 3^ CIRCOLO DIDATTICO-

MONOENNIO SCUOLA PRIMARIA 3^ CIRCOLO DIDATTICO- MONOENNIO SCUOLA PRIMARIA 3^ CIRCOLO DIDATTICO- CARPI Curricoli in verticale di Ed. Motoria a. sc.2009-2010 Nucleo fondante NUCLEO TEMATICO IL CORPO Riconoscere e denominare le varie parti del corpo su

Dettagli

Programmazione annuale scuola dell infanzia a. s. 2015 / 2016. Periodo : Settembre / Ottobre / Novembre

Programmazione annuale scuola dell infanzia a. s. 2015 / 2016. Periodo : Settembre / Ottobre / Novembre Programmazione annuale scuola dell infanzia a. s. 2015 / 2016 Campi di esperienza coinvolti Periodo : Settembre / Ottobre / Novembre Il sé e l altro Il corpo in movimento Linguaggi,creatività espressione-

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI 3 anni IL SÉ E L ALTRO Supera il distacco dalla famiglia Prende coscienza di sé Sviluppa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 CENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 CENTO ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 CENTO Anno scolastico 2012-2013 CLASSE PRIMA PROGRAMMAZIONI ANNUALI ITALIANO pagg. 2 /4 MATEMATICA pagg. 5 /11 STORIA pag. 12 GEOGRAFIA pagg. 13 /14 SCIENZE pagg. 15 /16 LINGUA

Dettagli

OBIETTIVI GENERALI. Conoscenza dello spazio, rispetto degli altri. Sviluppo del senso di orientamento. Socializzazione tra i bambini e aumento

OBIETTIVI GENERALI. Conoscenza dello spazio, rispetto degli altri. Sviluppo del senso di orientamento. Socializzazione tra i bambini e aumento OBIETTIVI GENERALI Il progetto offre a tutti gli alunni, l'opportunità di praticare attività motoria nella scuola dell infanzia, secondo itinerari e processi organici graduali di apprendimento commisurati

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI PRIME

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI PRIME UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI PRIME Denominazione IO E GLI ALTRI UNITA DI APPRENDIMENTO Compito-prodotto Cartellone e/o video e/o manufatti e/o fascicolo Competenze mirate

Dettagli

ALLEGATE AL DECRETO MINISTERIALE 12 LUGLIO 2011

ALLEGATE AL DECRETO MINISTERIALE 12 LUGLIO 2011 GRIGLIA IPDA LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. Art. 2 Finalità f) favorire la diagnosi precoce e percorsi didattici riabilitativi;

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MINEO SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2007/2008 PROGETTO MI ESPRIMO CON IL CORPO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MINEO SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2007/2008 PROGETTO MI ESPRIMO CON IL CORPO ISTITUTO COMPRENSIVO DI MINEO SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2007/2008 PROGETTO MI ESPRIMO CON IL CORPO Premessa Tenuto conto che la scuola Materna di Mineo ha attivato con successo da più di quattro

Dettagli

CURRICOLO DI MATEMATICA ABILITA. (Come saprà operare e quali conoscenze procedurali)

CURRICOLO DI MATEMATICA ABILITA. (Come saprà operare e quali conoscenze procedurali) TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE (obiettivi d apprendimento per lo sviluppo delle competenze cosa sarà in grado di fare l alunno) cfr. Indicazioni per il curricolo Riferimento alle competenze europee.

Dettagli

GiocoSport PROGRAMMA DI LAVORO SCUOLA PRIMARIA BIENNIO TRIENNIO

GiocoSport PROGRAMMA DI LAVORO SCUOLA PRIMARIA BIENNIO TRIENNIO GiocoSport PROGRAMMA DI LAVORO SCUOLA PRIMARIA BIENNIO TRIENNIO INTRODUZIONE Il progetto intende costituire un insieme d esperienze motorie per: Rispondere al gran bisogno di movimento dei bambini. Promuovere

Dettagli

Istituto Comprensivo di Castellucchio Scuola primaria di Marcaria (MN)

Istituto Comprensivo di Castellucchio Scuola primaria di Marcaria (MN) ITALIANO Istituto Comprensivo di Castellucchio Scuola primaria di Marcaria (MN) Obiettivi specifici di apprendimento per la classe I Comunicazione orale: concordanze (genere, numero), tratti prosodici

Dettagli

FAMIGLIA, A CHE GIOCO GIOCHIAMO?

FAMIGLIA, A CHE GIOCO GIOCHIAMO? NON NASCONDERTI DAL GIOCO, NASCONDITI PER GIOCO! FAMIGLIA, A CHE GIOCO GIOCHIAMO? UNA GUIDA PER NON NASCONDERSI DAL GIOCO Sussidio realizzato nell ambito della campagna di comunicazione non nasconderti

Dettagli

2 SEZIONE 4 ANNI. Le grandi domande, il senso morale, il vivere insieme

2 SEZIONE 4 ANNI. Le grandi domande, il senso morale, il vivere insieme 2 SEZIONE 4 ANNI CAMPO DI ESPERIENZA : IL SÉ E L ALTRO Le grandi domande, il senso morale, il vivere insieme Sviluppa il senso dell identità Accettazione positiva dell ambiente personale scuola (adulti,

Dettagli

OSSERVAZIONI SISTEMATICHE DI

OSSERVAZIONI SISTEMATICHE DI OSSERVAZIONI SISTEMATICHE DI RILEVAZIONE PRECOCE ATTIVITA PSICOMOTORIA Potenziamento attività psicomotoria ATTIVITÀ PSICOMOTORIE Coordinazione oculomanuale Motricità fine Traccia una linea continua tra

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA BAMBINI GRANDI GIROTONDO DI AMICIZIA E SOLE CON MOLLI, TIRO E MINA LA LUCERTOLINA

PROGETTO ACCOGLIENZA BAMBINI GRANDI GIROTONDO DI AMICIZIA E SOLE CON MOLLI, TIRO E MINA LA LUCERTOLINA PROGETTO ACCOGLIENZA BAMBINI GRANDI GIROTONDO DI AMICIZIA E SOLE CON MOLLI, TIRO E MINA LA LUCERTOLINA Scuola dell infanzia di Belfiore San Giovanni Bosco Anno scolastico 2015/2016 PROGETTO ACCOGLIENZA

Dettagli

Addentiamo la salute

Addentiamo la salute UNITÀ DI APPRENDIMENTO Addentiamo la salute Comprendente: UDA PIANO DI LAVORO Scuola dell infanzia Nazaret ; suor Caterina Cais, Annunziata Gioffrè, Francesca Ientile, Marilisa Poletti Pagina 1 di 9 UDA_INF_N

Dettagli

Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria

Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria Via Palazzo di Città, 5 10023 CHIERI (TO) tel. 011-9472245 fax 011-9473410 email: infanzia@santateresachieri.it sito web: www.santateresachieri.it SU

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06 Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA Il progetto sulla Terza Dimensione Queste attività si

Dettagli

CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Mimare testi ascoltati grafica, corporea e audiovisiva

CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Mimare testi ascoltati grafica, corporea e audiovisiva ETA : 4 ANNI Immagini, suoni e colori CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Tecniche di rappresentazione Ascoltare brani musicali Mimare testi ascoltati grafica, corporea

Dettagli

Progetto di Psicomotricità

Progetto di Psicomotricità Progetto di Psicomotricità 3 anni PROGRAMMA DI LAVORO SCUOLA DELL INFANZIA 4 anni 5/6 anni La psicomotricità nella scuola dell infanzia. I bambini come gli esseri umani adulti hanno un bisogno innato di

Dettagli

SCUOLA INFANZIA FONTANELLE

SCUOLA INFANZIA FONTANELLE SCUOLA INFANZIA FONTANELLE PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE A.S. 2014/2015 CAMPO D ESPERIENZA : IL SE E L ALTRO IL CORPO E IL MOVIMENTO IMMAGINI,SUONI,COLORI I DISCORSI E LE PAROLE LA CONOSCENZA DEL MONDO INSEGNANTI

Dettagli

AMBIENTE SCOLASTICO ORGANIZZAZIONE SCOLASTICA

AMBIENTE SCOLASTICO ORGANIZZAZIONE SCOLASTICA AMBIENTE SCOLASTICO La scuola dell infanzia di Montebello è situata nell omonimo quartiere della città di Perugia. Dispone di un piccolo giardino che confina con una grande area verde attrezzata ed un

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

Anno Scolastico 2015/2016

Anno Scolastico 2015/2016 Anno Scolastico 2015/2016 ATTRAVERSO 1 Il bambino: IL SÉ E L ALTRO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA sviluppa il senso dell identità personale; sa di avere una storia personale e familiare, conosce

Dettagli

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI Nel laboratorio vengono presentati e analizzati, attraverso la sperimentazione di materiali e tecniche

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SORBANO DEL VESCOVO ANNO SCOLASTICO 2012-2013. Progetto annuale UNA FIABA.. A COLORI!!!

SCUOLA DELL INFANZIA SORBANO DEL VESCOVO ANNO SCOLASTICO 2012-2013. Progetto annuale UNA FIABA.. A COLORI!!! SCUOLA DELL INFANZIA SORBANO DEL VESCOVO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Progetto annuale UNA FIABA.. A COLORI!!! Il tempo dell accoglienza Accogliere i bambini significa, in primo luogo, predisporre un ambiente

Dettagli

LABORATORIO DEI LINGUAGGI VERBALI E NON VERBALI

LABORATORIO DEI LINGUAGGI VERBALI E NON VERBALI ISTITUTO COMPRENSIVO JACOPO SANNAZZARO OLIVETO CITRA (SA) DIRIGENTE SCOLASTICO DOTT.SSA ANNARITA CARRAFIELLO SCUOLA DELL INFANZIA DI CAPOLUOGO E DOGANA ANNO SCOLASTICO: 2010/2011 LABORATORIO DEI LINGUAGGI

Dettagli

LA SIGNORA MATEMATICA

LA SIGNORA MATEMATICA PROGETTO LOGICA-MENTE SEZIONE 1 SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN LA SIGNORA MATEMATICA ANNO SCOLASTICO 2012 / 2013 Numero BAMBINI 23 3 4 5 ANNI INSEGNANTI REGGIANI MARIA LUISA PANARO IRENE CATERINO MARIA

Dettagli

CURRICOLO DI ISTITUTO

CURRICOLO DI ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Galileo Galilei Pieve a Nievole SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO DI ISTITUTO ADEGUAMENTO AI NUOVI TRAGUARDI DI SVILUPPO ALLINEAMENTO ALLE COMPETENZE CHIAVE E AGLI ASSI CULTURALI

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE I. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati. II. Sa esprimere e comunicare

Dettagli

Campo d esperienza n 2 : IL CORPO IN MOVIMENTO Identità, autonomia, salute Obiettivi

Campo d esperienza n 2 : IL CORPO IN MOVIMENTO Identità, autonomia, salute Obiettivi Sezione:I A Disciplina: AREA1 Scuola: Infanzia De Amicis Campo d esperienza n 1 : IL SE E L ALTRO Le grandi domande, il senso morale, il vivere insieme 1. Sviluppare il senso dell'identità personale 2.

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE ISTITUTO COMPRENSIVO LUCCA 3 Via don Minzoni, 244 SANT ANNA 55100 LUCCA C.F. 92051740469 0583/581457 Fax : 0583/581997 ex DD n. 3 di Lucca 0583/584388 Fax: 0583/419187 ex Scuola secondaria 1 Carlo del

Dettagli

un laboratorio, tante emozioni!

un laboratorio, tante emozioni! * Metodologia ludica, interdisciplinare e creativa della musica * un laboratorio, tante emozioni! Progetti di educazione al suono e alla musica presentati da Sandro Malva Fare musica è importante. Psicologi

Dettagli

CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Tecniche di rappresentazione

CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Tecniche di rappresentazione ETA : 5 ANNI Immagini, suoni e colori CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Tecniche di rappresentazione Mimare testi ascoltati grafica, corporea e audiovisiva Gioco

Dettagli

Obiettivi di apprendimento Contenuti Tempi

Obiettivi di apprendimento Contenuti Tempi Docente: Scuola: Classe/i: CORRIAS RAFFAELA PRIMARIA 1^ A Discipline riportate: ARTE E IMMAGINE MATEMATICA SCIENZE - GEOGRAFIA 1) Disciplina: ARTE E IMMAGINE Obiettivi di apprendimento Contenuti Tempi

Dettagli

Istituto Comprensivo Monte Rosello Alto CURRICOLO SCUOLA DELL'INFANZIA

Istituto Comprensivo Monte Rosello Alto CURRICOLO SCUOLA DELL'INFANZIA Istituto Comprensivo Monte Rosello Alto CURRICOLO SCUOLA DELL'INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA PREMESSA La formula dell'istituto comprensivo, in cui si articola oggi la nostra scuola, prevede

Dettagli

Scuola Primaria Progettazione annuale classe 1^ anno scolastico 2013/2014

Scuola Primaria Progettazione annuale classe 1^ anno scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Progettazione annuale classe 1^ anno scolastico 2013/2014 ITALIANO Ascolto e conversazione: l alunno comprende e organizza gli elementi principali della comunicazione orale Intervenire

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Programmazione annuale Classi II Sezioni A - B - C - D Sezione A F. Mazzarello Vidari Anno Scolastico 2006/07 Premessa Chi pretende che un idea generale penetri, per così dire, e germogli nella testa di

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013

SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013 SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Chiunque sia, ovunque si trovi, l uomo vive nel movimento: il suo corpo è un mondo di movimento in sé Il movimento non è verbale

Dettagli

Fate clic per aggiungere testo

Fate clic per aggiungere testo Fate clic per aggiungere testo UN PESCE IN CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Sandro Pertini Vernio Fate clic per PRATO aggiungere testo Scuola dell Infanzia Collocazione del percorso effettuato nel curricolo

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE DI SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTAZIONE ANNUALE DI SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GRAZIA DELEDDA CATANIA PROGETTAZIONE ANNUALE DI SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2015-2016 La Progettazione annuale delle Attività Didattiche elaborata per l anno scolastico

Dettagli