Perché ci scambiamo doni?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Perché ci scambiamo doni?"

Transcript

1 Perché ci scambiamo doni? (dai tempi di Adamo ed Eva) Luca Beltrametti

2 SOMMARIO Perché ci scambiamo doni? (dai tempi di Adamo ed Eva) Siamo imperfettamente informati Non agiamo solo per denaro Le sirene ci tentano? Facciamoci legare! È un regalo, me lo impacchetta? Ci piace scegliere Motivare i dipendenti BOX 1: Cosa sono i gift voucher? BOX 2: Voucher con valore palese e con valore celato BOX 3: i regali di Natale in Italia Copyright by Edenred Italia Srl, Milano. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere fotocopiata, riprodotta, archiviata, memorizzata o trasmessa in qualsiasi forma o mezzo - elettronico, meccanico, reprografico, digitale - se non nei termini previsti dalla legge che tutela il Diritto d Autore o da autorizzazione del titolare del diritto. Per informazioni

3 Luca Beltrametti è professore ordinario di Politica economica nella Facoltà di Economia dell Università di Genova. Esperto di sistemi voucher, si interessa di finanza pubblica e di mercati multi-laterali. Per i tipi de Il Mulino ha pubblicato nel 2004 Voucher. Presupposti, usi e abusi, in breve diventato punto di riferimento per tutti quelli che nel nostro paese si occupano di dispositivi voucher. In questo sintetico testo ci aiuta ad analizzare e comprendere meglio le dinamiche che stanno alla base dello scambio di doni: sia nella nostra vita privata, sia in quella professionale. Perché ci scambiamo regali? Qual è la loro funzione nelle relazioni e nei comportamenti di acquisto delle persone? In particolare, quali le soluzioni migliori quando si parla di motivazione dei dipendenti, in un contesto socio-economico sempre più complesso e difficile?

4 I voucher nello scambio di doni Perché ci scambiamo doni? (dai tempi di Adamo ed Eva) Nelle società primitive il dono permetteva di affermare ruoli sociali evidenziando gerarchie e posizioni di status dei singoli individui. Tuttavia, anche nel passato lontano, il dono non aveva solo un valore rituale e simbolico, ma svolgeva anche una funzione economica ben precisa: lo scambio di doni realizzava una sorta di assicurazione trasferendo risorse in eccedenza o attuando forme di solidarietà nei momenti di difficoltà. Ciò permetteva di socializzare rischi importanti (carestie, calamità naturali) svolgendo una funzione economica oggi realizzata con programmi pubblici di protezione sociale e/o dalle assicurazioni private. Il dono ha la capacità di trasmettere significati: i singoli doni - così come le parole di un linguaggio - trasmettono messaggi che dipendono dal contesto in cui lo scambio ha luogo. Lo stesso dono assume significati diversi in contesti sociali ed in momenti diversi. Tali messaggi possono - tra l altro - sancire l appartenenza ad un gruppo sociale (familiare, amicale o lavorativo). Il dono dei grandi filantropi può - tra l altro - attuare processi redistributivi finalizzati a garantire una legittimazione sociale. Siamo imperfettamente informati In presenza di asimmetrie informative il dono trasmette segnali sulle caratteristiche del donatore e circa la capacità di questo di conoscere i gusti della persona alla quale il dono è destinato. La scelta del dono segnala quindi un livello di attenzione verso l altro che altrimenti non è direttamente osservabile. Il dono in denaro ha una valenza segnaletica quasi nulla, il dono in natura scelto personalmente ha una valenza massima. Il gift voucher costituisce una sorta di terza via, uno strumento molto flessibile con caratteristiche intermedie tra quelle del denaro e quelle del dono in natura: ha una capacità di trasmettere segnali che dipende dall ampiezza della gamma di doni tra i quali ci dà diritto di scegliere. I voucher multi - insegna (vedi Box 1) permettono di accedere anche a beni di primaria e universale necessità (per esempio la benzina o 1 Riciclare i doni è un comportamento socialmente censurato perché segnala che non ci si è impegnati nella ricerca di un regalo personalizzato (e quindi non si hanno messaggi personali da trasmettere) e che - non attribuendo valore affettivo ai doni ricevuti - probabilmente non si attribuisce valore simbolico/affettivo neanche ai doni che si fanno. 1 I voucher nello scambio di doni

5 beni alimentari presso supermercati): essi hanno quindi un basso potere segnaletico. Esistono tuttavia anche gift voucher capaci di trasmettere messaggi valoriali e simbolici confrontabili con quelli di molti doni in natura. Non agiamo solo per denaro Non è vero che gli agenti economici agiscono sempre e solo per massimizzare in modo egoistico i propri interessi materiali: comportamenti cooperativi, anche indotti da motivazioni disinteressate, sono fondamentali nelle relazioni economiche. Lo scambio di doni svolge una funzione importante nell instaurare tali comportamenti attraverso scambi reciproci e attiva aspetti emozionali che sono rilevanti sia nelle relazioni di lavoro sia nei comportamenti di acquisto 2. In generale, vi sono numerose situazioni nelle quali la logica del dono è più efficiente rispetto alle logiche di mercato 3. Le sirene ci tentano? Facciamoci legare! Persino Ulisse (il più razionale degli eroi greci) aveva problemi di autocontrollo: sapeva che, qualora avesse ascoltato il canto delle sirene, avrebbe perso il controllo di sé e non sarebbe più tornato ad Itaca. La soluzione paradossale proposta da Omero è nota: facendosi legare all albero della nave (riducendo dunque la propria libertà), egli aumenta la propria capacità di realizzare i propri obiettivi (lui, unico sulla nave, ascolta le sirene e riesce anche a tornare a casa!). Anche noi, come Ulisse, abbiamo problemi di autocontrollo (vogliamo dimagrire e spesso non ci riusciamo, vogliamo risparmiare e spesso non ci riusciamo ) e adottiamo spesso soluzioni simili a quelle omeriche: ci imponiamo di aderire a regole che - pur limitando la nostra libertà - ci aiutano a realizzare i nostri obiettivi. In altri termini, costruiamo modelli mentali ai quali ci imponiamo di aderire; per esempio, posso darmi la regola non comprare mai un oggetto puramente voluttuario che costi più di 50. In questi contesti il dono può assumere il significato di implicita autorizzazione (per esempio, da parte del partner) a deviare una tantum da una regola di comportamento adottata per rafforzare il proprio autocontrollo. 2 Gli scambi di doni nell ambito delle politiche commerciali (campioni omaggio e offerte tre per due ) sono finalizzate non solo a far conoscere il prodotto ai consumatori ma anche ad attivare meccanismi - anche inconsci - di reciprocità e gratitudine che possono sviluppare una fidelizzazione al prodotto. 3 Esempio classico è la raccolta di sangue per trasfusioni. I voucher nello scambio di doni 2

6 Il gift voucher può inserirsi utilmente in dinamiche di questo tipo. Per esempio, è possibile che un/a lavoratore/trice si dia un sistema di cassetti mentali : lo stipendio va ad alimentare il bilancio familiare, mentre i doni (anche quelli ricevuti sul luogo di lavoro) vanno in un capitolo diverso, quello dei piccoli piaceri personali. Pertanto le risorse ricevute sotto forma di gift voucher possono essere usate anche al di fuori della routine quotidiana e garantiscono a chi le riceve un potere di scelta e una forte carica emozionale. Un incentivo sotto forma di gift voucher non presenta quindi solo benefici di tipo fiscale, ma può anche essere un dono che tiene conto in modo evoluto di problemi molto antichi: nella vita reale gli agenti economici non sono perfetti, hanno problemi di autocontrollo, hanno bisogno di darsi delle regole ed hanno anche bisogno di qualche regola che permetta piccole deviazioni dalle regole. In analogia con la logica less is more di Ulisse e le sirene, notiamo anche che un voucher riduce la libertà di scelta per chi riceve il dono rispetto ad una somma di denaro, ma aumenta la capacità del dono di trasmettere segnali e significati. Alla limitazione della libertà di scelta si associa dunque un espansione della capacità segnaletica e simbolica del dono. È un regalo, me lo impacchetta? La pratica di celare il prezzo del bene donato è principalmente finalizzata a garantire la reciprocabilità del dono (vedi seguito), a sottolinearne il valore segnaletico ed i contenuti immateriali ed a renderne esplicita la valenza non-retributiva. L atto di celare il prezzo può essere quindi interpretato come un rito che sottrae un bene alla sua dimensione commerciale ed impersonale e lo porta in una dimensione non-economica. Anche nel caso del gift voucher è possibile celare il prezzo (vedi Box 2): lo strumento si presta dunque a doni reciprocabili e fortemente simbolici. 3 I voucher nello scambio di doni

7 Ci piace scegliere Il dono in denaro garantisce il pieno rispetto delle preferenze di chi lo riceve e non comporta per il donante i costi della sua scelta (tempo, fatica e paura di sbagliare). A questo proposito, l economista americano Waldfogel 4 stima che i regali non in denaro distruggerebbero tra il 10% ed il 30% del valore speso. In realtà, tuttavia, non si tratta di un puro spreco di risorse ma di un costo che il donatore sostiene in vista di obiettivi più ampi: trasmissione di messaggi, condivisione di valori, creazione di eventi emozionali memorabili. Il gift voucher - se utilizzato in modo corretto - può coniugare la libertà di scelta e la razionalità che caratterizzano i doni in denaro con la carica simbolica, valoriale ed emozionale di un dono in natura. Motivare i dipendenti I contratti di lavoro sono inevitabilmente incompleti : è impossibile descrivere tutte le prestazioni che il lavoratore è chiamato a svolgere in tutte le diverse situazioni che si possono verificare; inoltre, per l impresa è impossibile (o troppo costoso) monitorare il livello di impegno che il lavoratore dedica a ogni singola fase lavorativa. Vi è quindi un asimmetria informativa circa il livello di sforzo effettivamente messo sul lavoro. In questo contesto le imprese devono sviluppare un rapporto fiduciario che porti a rafforzare una relazione di produttività con il dipendente; è importante notare tuttavia che la produttività del lavoro e la motivazione del lavoratore dipendono anche da elementi che vanno al di là della sola remunerazione monetaria. La relazione tra azienda e dipendente si sviluppa su più livelli in ciascuno dei quali occorre utilizzare modalità di remunerazione e/o incentivazione che tengano congiuntamente conto di una gerarchia di bisogni di riferimento e di particolari significati che ogni modalità può assumere in diversi contesti relazionali tra impresa e dipendente. Parafrasando la rappresentazione dei bisogni offerta dalla celebre piramide di Maslow, è possibile individuare una relazione tra livelli e tipologie di bisogno e modalità ottimali di remunerazione/incentivazione (vedi figura 1). 4 Waldfogel (1993), The Deadweight Loss of Christmas, in The American Economic Review, vol. 83, n.5. I voucher nello scambio di doni 4

8 FIGURA 1 PIRAMIDE BISOGNI E REMUNERAZIONE Bisogni anche di superfluo che consentano di sfuggire a regole rigide. Bisogno di autostima, autorealizzazione nel gruppo. Alto impatto emozionale, memorabilità. Dono in natura o gift voucher specializzati, eventualmente anche con valore celato. Si riconosce un risultato e si manifesta apprezzamento personale verso un contributo creativo, un impegno particolare; riconoscimento intermittente a rinforzo positivo. Area dell auto - motivazione. Bisogni materiali non primari; bisogno di segnali di riconoscimento del risultato, senso di appartenenza; valorizzazione del gruppo. Impatto emozionale medio. Remunerazione (monetaria o con gift voucher multi-insegna ) associata al raggiungimento di obiettivi quali-quantitativi. Logica azione-reazione. Alta attenzione all aspetto fiscale. Area della continuità del risultato. Bisogni primari (alimentazione, casa, sicurezza). Acquisti ripetitivi, basso impatto emozionale, bassa memorabilità. Remunerazione monetaria associata ad un carico normale di lavoro (e all eventuale straordinario). Area della presenza. Area della presenza I bisogni primari trovano una corrispondenza intuitiva nel salario monetario che remunera la presenza e un livello di impegno normale del lavoratore il quale utilizza tale reddito per la gestione, appunto, della vita normale : acquisti ripetuti di beni primari (alimentazione, abitazione,...); si tratta di acquisti con un basso impatto emozionale ed una bassa memorabilità. 5 I voucher nello scambio di doni

9 Ai livelli superiori della piramide dei bisogni (appartenenza, stima, autorealizzazione), la pura remunerazione ed incentivazione monetaria può risultare insufficiente a coprire l intera gamma di significati che si vogliono trasmettere. Questo è un territorio nel quale la sola remunerazione monetaria non è efficiente. Area della continuità del risultato Un secondo livello di bisogni riguarda beni e servizi non primari che soddisfano esigenze di riconoscimento del risultato, senso di appartenenza e di apprezzamento nell ambito di un gruppo. A tali bisogni si associano incentivi (trimestrali/semestrali) che sono riconducibili a meccanismi di azione-reazione: premi associati al raggiungimento di obiettivi di tipo quantitativo o qualitativo. Si tratta per lo più di incentivi monetari o tramite gift voucher multi-insegna (vedi Box 1) volti a garantire continuità di impegno; il loro impatto emozionale è medio. Tali incentivi talvolta possono generare conflitto (per esempio, nel caso di obiettivi mancati non per mancanza di impegno, ma per fattori esterni sfavorevoli o nel caso di un obiettivo raggiunto grazie all impegno di più persone che hanno profuso livelli diversi di impegno). Area dell auto-motivazione (riconoscimenti intermittenti a rinforzo positivo ) Un terzo livello di bisogni riguarda l autostima e l autorealizzazione nel gruppo; il riferimento è a beni e servizi che possono riguardare bisogni apparentemente di superfluo e che consentano di sfuggire a regole rigide. Si tratta di riconoscimenti che si associano ad una relazione diretta, che sanciscono l appartenenza ad una squadra e che dimostrano un apprezzamento personale verso un contributo creativo o verso un impegno particolare. La frequenza di questi doni è intermittente a rinforzo positivo. In questo contesto il premio in denaro è inappropriato (non permette di segnalare messaggi I voucher nello scambio di doni 6

10 valoriali ed emozionali) e il dono in natura comporta difficili problemi di scelta e rischia di frustrare il desiderio del dipendente di scegliere secondo le proprio personali preferenze. Questo è il territorio in cui l utilizzo di gift voucher può essere ottimale. Data l esigenza di alto impatto emozionale e di memorabilità, il gift voucher più indicato è quello specializzato, eventualmente con valore celato (vedi Box 1 e 2). Nel valutare la relazione tra tipologie di bisogno e forme di remunerazione/incentivazione occorre tenere conto del fatto che i lavoratori hanno sia motivazioni intrinseche (il lavoro può anche essere fonte di gratificazione in sé) sia estrinseche (legate al salario e agli incentivi). Tali diverse motivazioni coesistono e si compongono in modo complesso e instabile dal punto di vista psicologico. La natura delle relazioni personali tra lavoratore e supervisore, il tipo di attività svolta, la possibilità di partecipare alle decisioni, la natura dell incentivo esterno sono gli elementi che influenzano maggiormente la motivazione intrinseca sul lavoro. Si evidenzia in letteratura che incentivi che implicano controllo risultano meno efficaci di incentivi che implicano sostegno alle motivazioni intrinseche. Il dono (soprattutto nella sua forma flessibile del gift voucher) permette di dare un riconoscimento alle motivazioni intrinseche dei lavoratori attivando meccanismi (anche inconsci ed automatici) di reciprocità. Il gift voucher può essere di particolare utilità in quanto esprime sostegno e rispetto delle preferenze del lavoratore. I doni in denaro Lo stigma sociale contro i doni in denaro si giustifica perché il dono in denaro: non è reciprocabile: se Mario dona 100 a Carlo e Carlo dona 60 a Mario, alla fine Mario avrà donato 40 a Carlo e Mario non avrà ricevuto alcun dono. Nei casi in cui il contesto in cui avviene il dono renda molto importante la reciprocità, allora il dono in denaro è socialmente inopportuno. Inoltre, il dono in denaro rende immediata una gerarchia tra i doni che può risultare indesiderata: se 7 I voucher nello scambio di doni

11 Maria dona 100 a Luigi e 50 a Carlo, è forse perché vuole più bene a Luigi o forse perché lo più considera bisognoso di aiuto? è privo di potere simbolico e segnaletico: tutte le banconote da 50 sono uguali! presuppone relazioni verticali esplicite: il dono in denaro non solo è inopportuno in casi in cui le parti si trovino in una situazione di parità (es. tra fratelli o tra partner) ma anche in situazioni in cui una relazione gerarchica verticale esiste ma non è opportuno accentuarne l esistenza in modo esplicito. è privo di elementi di sorpresa e di altre caratteristiche cognitive che - attraverso un amplificazione emotiva - ne rafforzino la memorabilità. Con l espressione trophy effect ci si riferisce alla tendenza psicologica che ci porta a valutare un premio vinto più del suo valore intrinseco dal momento che evoca un momento piacevole di gratificazione e/o di alimentazione dell autostima. Similmente, si parla di effetto Ikea con riferimento alla tendenza ad attribuire un valore speciale agli oggetti che abbiamo realizzato con il nostro lavoro manuale ed il nostro impegno. In analogia con tali tendenze psicologiche si può pensare che i doni che sono l esito di un processo mentale di raccolta di informazioni e di scelta attivato dall utilizzo di un gift voucher siano particolarmente forti emotivamente. Rituali decontaminanti? Esistono vari rituali che permettono di decontaminare, almeno parzialmente, il dono in denaro: per esempio, mettere il contante in una busta con un biglietto in cui si spiegano le motivazioni del dono. Il gift voucher multi-insegna (vedi Box 1), costituisce una modalità per fare doni che offre a chi li riceve una possibilità di scelta simile a quella offerta dal denaro pur essendo immune dallo stigma verso i doni in denaro contante. In conclusione, il dono ha, inevitabilmente, una valenza ambigua: è un istituzione al tempo stesso adulta ed infantile, arcaica e moderna, razionale ed emozionale. I voucher nello scambio di doni 8

12 Il gift voucher rappresenta una forma estremamente razionale per realizzare un dono: se opportunamente utilizzato (agendo non solo sulla sostanza economica dello strumento ma anche su elementi esteriori e di contesto), esso può avere anche valenze simboliche ed emozionali enormemente più ampie rispetto ad un trasferimento monetario. Il gift voucher costituisce uno strumento prezioso per trovare un non facile equilibrio tra le complesse dinamiche (economiche, sociali, psicologiche) del dono. BOX 1: Cosa sono i gift voucher? Con il termine gift voucher ( buono regalo ) si intende un titolo prepagato che dia al possessore la possibilità di scegliere tra una pluralità di tipologie di beni e servizi e/o di soggetti erogatori; l uso del voucher apre la possibilità di donare non solo beni ma anche servizi: in tale caso, la scelta riguarda - ovviamente - anche il momento in cui usufruire del servizio stesso. Il gift voucher consiste in una modalità per effettuare un dono che è intermedia tra il dono in denaro ed il dono in natura (ovvero il dono di uno specifico bene o servizio). I voucher multi-insegna danno accesso ad una gamma molto eterogenea di prodotti di uso universale quali, ad esempio, la spesa al supermercato o la benzina; i voucher specializzati danno invece accesso ad una gamma di prodotti molto selezionata e quindi più ridotta. Con il termine gift card si intende un gift voucher che si sostanzia in una carta elettronica dalla quale gli acquisti sono automaticamente dedotti e che sia totalmente trasferibile. 9 I voucher nello scambio di doni

13 FIGURA 2 GIFT VOUCHER: La terza via tra dono in denaro e dono in natura. Garanzia di soddisfazione Non emette segnali e significati Non reciprocabile Presuppone relazioni verticali esplicite Non memorabile DENARO Carattere: basso impatto emozionale Controvalore: palese Finalità: situazioni con bassa necessità di personalizzazione e di trasmissione dei segnali. Per le imprese: forme di retribuzione/premio fiscalmente Incentivate. Carattere: emozionale Controvalore: palese Finalità: risorse per usi più memorabili Per le imprese: si differenzia di più rispetto alla retribuzione e sviluppa una relazione non solo economica ma anche simbolica Carattere: fortemente emozionale Controvalore: celato Finalità: incorpora un aspetto fondamentale nel dono: la non immediata riconducibilità ad un valore economico. Per le imprese: segnala e convoglia contenuti simbolici, valoriali e/o di appartenenza Gift voucher multi-insegna Gift voucher specializzato Gift card mono-marca Voucher digitale su sito dedicato Gift Box DONO IN NATURA No garanzia di soddisfazione Emette segnali e significati Reciprocabile I voucher nello scambio di doni 10

14 BOX 2: Voucher con valore palese e con valore celato In alcuni casi al beneficiario viene comunicato il controvalore spendibile in termini monetari ( voucher con valore palese ), in altri casi non si trasferisce al beneficiario tale informazione ( voucher con valore celato ). I voucher con valore palese consistono in carte prepagate, gift voucher e gift card monomarca emesse dai singoli esercizi commerciali. La presenza di un valore palese rende possibile per il beneficiario aggiungere risorse proprie. La possibilità di personalizzazione del voucher, attenua del tutto o in parte il problema della reciprocabilità e dunque elimina o riduce lo stigma verso tale tipo di dono. I voucher con valore celato consistono in voucher digitali da spendere su siti web dedicati, in gift box o in voucher digitali da spendere presso uno specifico erogatore. FIGURA 3 le diverse tipologie di dono e la loro adeguatezza rispetto alle loro diverse possibili finalità. Controvalore palese STRUMENTO Controvalore celato CASH CARTA DEBITO PREPAGATA GIFT VOUCHER MULTI- INSEGNA GIFT VOUCHER SPECIALIZ- ZATO GIFT CARD MONO- MARCA VOUCHER DIGITALE GIFT BOX IN NATURA TRASFERIMENTO RISORSE RETRIBUZIONE FINALITÀ LIBERTÀ SCELTA RICEVENTE TRASMISSIONE SEGNALE RECIPROCABILITÀ MEMORABILITÀ Legenda: 0 = totalmente inadeguato; 5 = perfettamente adeguato. 11 I voucher nello scambio di doni

15 BOX 3: i regali di Natale in Italia Utilizzando i dati aggregati sulle vendite al dettaglio si può stimare che in Italia si spendano per i regali di Natale circa 18 miliardi (circa l 1,2% del PIL); considerando anche i doni per compleanni, anniversari, nozze è plausibile che la cifra possa raddoppiare. Una recente indagine di Confcommercio 5 rivela, tra l altro, che: 1 dono su 6 (valore medio 44) è percepito come totalmente inutile; oltre l 89% degli Italiani fa un dono di Natale a familiari, oltre il 63% ad amici, il 36% a persone con cui vi sono rapporti di lavoro; tra il 10% circa di Italiani che non fanno regali, le ragioni economiche sono prevalenti: solo il 15% di costoro afferma infatti che si tratta di una spesa del tutto inutile ; oltre il 46% di coloro che fanno regali dichiara che si tratta di una spesa piacevole da affrontare ; per il 23% delle persone che fanno regali si tratta invece di una spesa del tutto inutile che si è costretti ad affrontare ; la percentuale di donne che dichiara di affrontare le spese per i regali di Natale con gioia è nettamente superiore a quella degli uomini (50% contro il 31%). Dati relativi ad altri Paesi suggeriscono che la spesa per i doni cresca più che proporzionalmente al reddito, che le donne facciano più regali degli uomini e che la spesa per gift card abbia un trend fortemente crescente. Per esempio, negli USA tale spesa è passata tra il 1998 ed il 2010 da circa 12 a circa 87 miliardi di dollari; in occasione del Natale 2010 il 77% dei consumatori americani aveva intenzione di acquistare almeno una gift card. Dal 2006, le gift card sono l articolo regalo più desiderato dai consumatori americani; il picco del gradimento si registra per i consumatori nella classe di età anni. 5 Indagine Confcommercio-Format ricerche di mercato su regali di Natale 2010 I voucher nello scambio di doni 12

16 è la collana pensata da Edenred per condividere riflessioni qualificate su alcune tematiche di particolare interesse e attualità per i manager italiani. Dall alimentazione ai sistemi di welfare, dall incentivazione alla gestione ottimale delle spese aziendali, RedPapers riunisce i contributi di autorevoli personalità del mondo accademico, economico e culturale italiano, nonché ricerche specifiche condotte da Edenred per conoscere meglio i nuovi stili di vita e i nuovi bisogni della società italiana. Edenred Italia srl Via G.B.Pirelli 18, Milano MI * Per una vita più semplice

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica Capitolo 17 I mercati con informazione asimmetrica Introduzione L incertezza sulla qualità e il mercato dei bidoni I segnali di mercato Il rischio morale Il problema agente-principale L informazione asimmetrica

Dettagli

SISTEMA PREMIANTE WELFARE AZIENDALE FIRENZE 19 APRILE 2016 MASSIMO MANCINI HR SOLUTION STP

SISTEMA PREMIANTE WELFARE AZIENDALE FIRENZE 19 APRILE 2016 MASSIMO MANCINI HR SOLUTION STP SISTEMA PREMIANTE WELFARE AZIENDALE FIRENZE 19 APRILE 2016 MASSIMO MANCINI HR SOLUTION STP Dono in natura o voucher specializzati eventualmente anche con valore celato. Si riconosce un risultato e si manifesta

Dettagli

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale Le caratteristiche must have del software gestionale ideale ww.microsa Quali sono i principali elementi da tenere in considerazione per la scelta del Quali software sono i ottimale? principali elementi

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

Il mercato dei beni. Prof. Sartirana

Il mercato dei beni. Prof. Sartirana Il mercato dei beni Prof. Sartirana Gli scambi di beni economici avvengono tra soggetti che vengono definiti: soggetti economici I soggetti economici sono 4 ed ognuno di essi ha necessità diverse. I soggetti

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato

Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato Leonardo Becchetti, Angela Schito - 15/04/2009 (BENE COMUNE:NET) Una delle conseguenze della crisi che stiamo vivendo riguarderà senza dubbio le

Dettagli

Comunicazione persuasiva e manipolazione

Comunicazione persuasiva e manipolazione Comunicazione persuasiva e manipolazione Il messaggio persuasivo, tipico della comunicazione pubblicitaria o politica, è quel messaggio che induce il ricevente ad un certo comportamento, perché in grado

Dettagli

di informazione asimmetrica:

di informazione asimmetrica: Informazione asimmetrica In tutti i modelli che abbiamo considerato finora abbiamo assunto (implicitamente) che tutti gli agenti condividessero la stessa informazione (completa o incompleta) a proposito

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta La Comunicazione Cosa significa Comunicare? Trasmettere informazioni,conoscenze,pensieri tra due o piú soggetti. La comunicazione contiene elementi non

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

I giovani e il rapporto con le assicurazioni

I giovani e il rapporto con le assicurazioni I giovani e il rapporto con le assicurazioni Francesco Saita Patrizia Contaldo CAREFIN, Università Bocconi Roma, 21 ottobre 2014 Introduzione (1) I giovani hanno un mix di caratteristiche che possono rendere

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

Cosa ci può stimolare nel lavoro?

Cosa ci può stimolare nel lavoro? a Cosa ci può stimolare nel lavoro? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa

Dettagli

Marketing mix Prodotto

Marketing mix Prodotto Marketing mix Parlare di marketing mix per il settore pubblico è possibile soltanto prendendo i fattori che lo contraddistinguono ed adattarli al settore. Accanto ai tradizionali quattro fattori: prezzo,

Dettagli

I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA

I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Corso di Laurea in Servizio Sociale Istituzioni di Economia Introduzione allo studio dell Economia I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA (Capitolo 1) Il termine economia... Deriva da una parola greca che significa

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE VII IL SETTORE MONETARIO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti

Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti Francesca Rizzi, Roberta Marracino, Laura Toia - McKinsey & Company In un contesto in cui i vincoli di finanza pubblica rappresentano una limitazione

Dettagli

COMUNITÀ DI PRATICA. i loro membri condividono modalità di AZIONE E INTERPRETAZIONE della realtà

COMUNITÀ DI PRATICA. i loro membri condividono modalità di AZIONE E INTERPRETAZIONE della realtà Comunità di pratica e reti professionali di Massimo Tomassini Vorrei ringraziare per questo invito. Sono molto lieto di essere in questa sala in cui sono stato circa quattro anni fa, presentando con altri

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

"Pure Performance" per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune

Pure Performance per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune "Pure Performance" per i Partner Una direzione chiara per una crescita comune 2 "Pure Performance" per i Partner "Pure Performance" per i Partner 3 Alfa Laval + Partner Valore per il Cliente Partner per

Dettagli

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE Docente: Gatto Antonino Elaborazione: Dott.ssa Locantro Antonia Lucia I motivi dell intervento dello

Dettagli

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo La legge del prezzo unico La parità del potere d acquisto (PPP) Un modello sui tassi di cambio di lungo periodo basato sulla PPP Problemi relativi

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Polizza assicurativa Tutela Futuro

Polizza assicurativa Tutela Futuro Polizza assicurativa Tutela Futuro Servizi reali per la non autosufficienza Dai primi anni 90 si è manifestato un crescente interesse per il sostanziale aumento della domanda di prestazioni di lunga durata

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

Chi siamo. Governance e Compagine. 7000 Aziende Clienti. Crescita del fatturato (Valore in milioni di euro)

Chi siamo. Governance e Compagine. 7000 Aziende Clienti. Crescita del fatturato (Valore in milioni di euro) Company Profile Chi siamo Qui! Group S.p.A. è un gruppo made in Italy, leader nel mondo dei buoni pasto e dei titoli di servizio, dei sistemi di fidelizzazione, della monetica, degli strumenti di pagamento,

Dettagli

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni nazionali e

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO Castellanza, 10 novembre 2014 Signor Presidente, Magnifico Rettore, colleghi Studenti, Autorità

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA PROF.SSA MARIA ALESSANDRA ROSSI ALESSANDRA.ROSSI@UNISI.IT Innovazione e lavoro UN TEMA (DI)BATTUTO DA TEMPO SCHEMA DELLA LEZIONE Effetti dell innovazione

Dettagli

I processi decisionali all interno delle coppie

I processi decisionali all interno delle coppie 9 aprile 2003 I processi decisionali all interno delle coppie Nel 2001 l indagine Panel europeo sulle famiglie ha dedicato una particolare attenzione agli aspetti legati ai processi decisionali all interno

Dettagli

Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione

Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione Francesco Prota Piano della lezione Le funzioni della moneta La teoria quantitativa della moneta Inflazione La domanda di moneta Moneta, prezzi e inflazione I costi

Dettagli

Welfare Aziendale Nuove frontiere

Welfare Aziendale Nuove frontiere Welfare Aziendale Nuove frontiere Il contesto: nuovi bisogni e nuove soluzioni Ritiro del Welfare State a causa della spending review e della riduzione dei fondi di welfare pubblico. Nascita di nuovi servizi

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

KEYNES E IL MODELLO IS-LM

KEYNES E IL MODELLO IS-LM Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali ECONOMIA POLITICA MODULO TEORIA A.A. 2013/2014 KEYNES E IL MODELLO IS-LM Fabio

Dettagli

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Con il termine Politica

Dettagli

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo Questo modulo si occupa dei problemi della moneta e dei prezzi nel lungo periodo. Prenderemo in esame gli aspetti istituzionali che regolano il controllo del

Dettagli

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE La comunicazione efficace - cioè quella qualità nella comunicazione che produce il risultato desiderato nell interlocutore prescelto - è il prodotto di un perfetto ed equilibrato mix di scientificità,

Dettagli

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 CAPITOLO 10 Crescita: i fatti principali 1) Spiegate cosa si intende per convergenza nella teoria della crescita e mostrate il grafico con cui si rappresenta. 2) Spiegate

Dettagli

Lezione 6: La moneta e la scheda LM

Lezione 6: La moneta e la scheda LM Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 6: La moneta e la scheda LM Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Moneta DEFINIZIONE. In macroeconomia

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta Economia Aperta In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta 167 Economia aperta applicata ai mercati dei beni mercati

Dettagli

Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti.

Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti. Il welfare sussidiario: un vantaggio per aziende e dipendenti. Francesca Rizzi, Roberta Marracino, Laura Toia - McKinsey & Company In un contesto in cui i vincoli di finanza pubblica rappresentano una

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. La finanza etica

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. La finanza etica Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito La finanza etica Idea di sovversivi o segmento di mercato? 1. La finanza etica, per alcuni, è la strada per una obiezione finanziaria. Tutto il mondo della

Dettagli

Introduzione all informazione asimmetrica. Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale;

Introduzione all informazione asimmetrica. Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale; Introduzione all informazione asimmetrica Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale; Informazione imperfetta Virtualmente ogni transazione economica

Dettagli

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo Le relazioni della Giornata Tecnica ANTIM di Parma La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo di Lorenzo Morandi - L.M.Consulting La motivazione non è una caratteristica intrinseca

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

PIL : produzione e reddito

PIL : produzione e reddito PIL : produzione e reddito La misura della produzione aggregata nella contabilità nazionale è il prodotto interno lordo o PIL. Dal lato della produzione : oppure 1) Il PIL è il valore dei beni e dei servizi

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

TUTELA E SUCCESSIONE DEL PATRIMONIO Alcune decisioni influenzano il percorso della nostra vita

TUTELA E SUCCESSIONE DEL PATRIMONIO Alcune decisioni influenzano il percorso della nostra vita ESPERTI NELLA CONSULENZA PATRIMONIALE ESPERTI NELLA CONSULENZA PATRIMONIALE Soluzioni per proteggere, conservare e trasmettere il patrimonio familiare e aziendale Soluzioni per proteggere, conservare e

Dettagli

Equazione quantitativa della moneta

Equazione quantitativa della moneta Moneta e inflazione Equazione quantitativa della moneta Gli individui detengono moneta allo scopo di acquistare beni e servizi QUINDI la quantità di moneta è strettamente correlata alla quantità che viene

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

Occupazione femminile

Occupazione femminile Occupazione femminile Le misure per l inserimento lavorativo delle donne Francesca Di Giovangiulio Struttura Lavoro e Professioni Roma, Corso D Italia, 33 Il lavoro della giornata Quali numeri per le donne

Dettagli

La curva di offerta. La curva di offerta

La curva di offerta. La curva di offerta La curva di offerta La curva di offerta Un diagramma che mostra la quantità di un bene che i venditori desiderano vendere per un dato prezzo rapporto tra prezzo e quantità offerta Ha pendenza positiva

Dettagli

LE VARIABILI NOMINALI: LA MONETA, I PREZZI E L INFLAZIONE

LE VARIABILI NOMINALI: LA MONETA, I PREZZI E L INFLAZIONE LE VARIABILI NOMINALI: LA MONETA, I PREZZI E L INFLAZIONE 0 COSA IMPAREREMO La teoria classica dell inflazione cause effetti Costi sociali In che senso classica? Assumiamo che i prezzi siano flessibili

Dettagli

Lezione 23 Legge di Walras

Lezione 23 Legge di Walras Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 23 Legge di Walras Funzione del Consumo Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Perché la macroeconomia I problem illustrati nelle lezione precedente

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento LA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE CONOSCENZE La comunicazione è una delle politiche del marketing mix e può essere definita come il complesso di azioni poste in essere dall

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: Storia, Cittadinanza e Costituzione DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Le competenze

Dettagli

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A Ω B Ω C Ω D Ω 2) A Ω B Ω C Ω D Ω 3) A Ω B Ω C Ω D Ω 4) A Ω B Ω C Ω

Dettagli

CAPITOLO 1 PENSARE DA ECONOMISTI. La microeconomia studia le decisioni individuali in condizioni di scarsità.

CAPITOLO 1 PENSARE DA ECONOMISTI. La microeconomia studia le decisioni individuali in condizioni di scarsità. Capitolo 1 Pensare da economisti pagina 1 CAPITOLO 1 PENSARE DA ECONOMISTI La microeconomia studia le decisioni individuali in condizioni di scarsità. Alternativamente: l analisi dell impiego di risorse

Dettagli

Modelli e regimi di welfare. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12

Modelli e regimi di welfare. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Modelli e regimi di welfare Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Storicamente i sistemi di Welfare State si sono caratterizzati

Dettagli

Fare Welfare tra tecnologia e semplicità

Fare Welfare tra tecnologia e semplicità Fare Welfare tra tecnologia e semplicità EASY WELFARE: IERI E OGGI Easy Welfare nasce nel 2007 con il nome Muoversi e oggi è leader in Italia nell offerta di sistemi integrati di Welfare Aziendale. Servizi

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota Capitolo 11 Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici Francesco Prota Piano della lezione Lo stock di moneta e l equilibrio nel mercato monetario: la curva LM Il modello IS-LM

Dettagli

Il rapporto fra finanziamento e qualità delle prestazioni nelle ASL e nelle aziende ospedaliere. A cura di Michele Borgia

Il rapporto fra finanziamento e qualità delle prestazioni nelle ASL e nelle aziende ospedaliere. A cura di Michele Borgia Il rapporto fra finanziamento e qualità delle prestazioni nelle ASL e nelle aziende ospedaliere A cura di Michele Borgia Struttura dell intervento I. Caratteristiche originarie e carenze : II. Istituzioni

Dettagli

DOMANDE di RIEPILOGO

DOMANDE di RIEPILOGO DOMANDE di RIEPILOGO UNITA A - ANALISI ECONOMICA DELL IMPRESA Lez2 Nuove teorie dell impresa La teoria manageriale Quali problemi fondamentali delle moderne organizzazioni delle imprese non sono stati

Dettagli

LE RELAZIONI DURANTE L ADOLESCENZA

LE RELAZIONI DURANTE L ADOLESCENZA ITC C. Deganutti Udine SPAZIO DEDICATO AI GENITORI SECONDO INCONTRO ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA Programma specifico FSE nr.. 13 Azione B SECONDO INCONTRO Istituto:

Dettagli

La trasferibilità del risparmio dei migranti fra prospettive ed ostacoli.

La trasferibilità del risparmio dei migranti fra prospettive ed ostacoli. La trasferibilità del risparmio dei migranti fra prospettive ed ostacoli. Daniele Frigeri CeSPI Roma, 26 novembre 2009 Evoluzione bancarizzazione dei migranti in Italia Nel 2007 i migranti titolari di

Dettagli

Dalla rete tante idee per costruire a Natale

Dalla rete tante idee per costruire a Natale Dalla rete tante idee per costruire a Natale Il Natale è un momento speciale per i bambini e per gli adulti, educare al senso di appartenenza alla propria comunità, con le proprie scelte di fede e di valori,

Dettagli

Politiche per la famiglia e Fattore famiglia

Politiche per la famiglia e Fattore famiglia Politiche per la famiglia e Fattore famiglia Maria Cecilia Guerra Modena, 3 novembre 21 OBIETTIVI DELLE POLTICHE PER LE FAMIGLIE Sostegno alle responsabilità familiari natalità partecipazione femminile

Dettagli

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10) A B C D 11) A B

Dettagli

Diversity management & Best practices aziendali. Gini Dupasquier donnalab

Diversity management & Best practices aziendali. Gini Dupasquier donnalab Diversity management & Best practices aziendali Gini Dupasquier donnalab Il contesto di riferimento esterno Le donne rappresentano almeno la metà dei talenti e valorizzarle significa sfruttare un più ampio

Dettagli

Moneta e Tasso di cambio

Moneta e Tasso di cambio Moneta e Tasso di cambio Come si forma il tasso di cambio? Determinanti del tasso di cambio nel breve periodo Determinanti del tasso di cambio nel lungo periodo Che cos è la moneta? Il controllo dell offerta

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

MIGRANTI E SERVIZI FINANZIARI

MIGRANTI E SERVIZI FINANZIARI N questionario (non compilare) MIGRANTI E SERVIZI FINANZIARI Con questo questionario le chiediamo di aiutarci a capire i suoi rapporti con il sistema bancario italiano: modalità, livello di soddisfazione,

Dettagli

WELFARE AZIENDALE Sviluppo dell impresa e coesione sociale - uno schema interpretativo - aprile 2012

WELFARE AZIENDALE Sviluppo dell impresa e coesione sociale - uno schema interpretativo - aprile 2012 WELFARE AZIENDALE Sviluppo dell impresa e coesione sociale - uno schema interpretativo - aprile 2012 1 Sommario Premessa: welfare aziendale e coesione sociale Lo stato dell arte del welfare: risorse ed

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

proposta di legge n. 404

proposta di legge n. 404 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 404 a iniziativa dei Consiglieri Marinelli, D Anna, Foschi, Natali, Bugaro presentata in data 20 marzo 2014 DISCIPLINA DELL AFFIDO DELLE PERSONE

Dettagli

CITTADINANZA E COSTITUZIONE. Premessa

CITTADINANZA E COSTITUZIONE. Premessa CITTADINANZA E COSTITUZIONE Premessa L insegnamento di Cittadinanza e Costituzione, introdotto dalla Legge 30-10-2008, n. 169, mette a fuoco il fondamentale rapporto che lega la scuola alla Costituzione,

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Lezione di orientamento: il Management nei settori produttivi

Lezione di orientamento: il Management nei settori produttivi Lezione di orientamento: il Management nei settori produttivi Prof.ssa Nicolaia Iaffaldano Ricercatore in Economia e Gestione delle Imprese Dipartimento Ionico in Sistemi Giuridici ed Economici del Mediterraneo

Dettagli

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011 Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011 Macroeconomia Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011 Nuovo Orario Riassunto lezione precedente Definizione e misurazione: PIL

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli