REGIONE UMBRIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGIONE UMBRIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA"

Transcript

1 ALLEGATO A PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE UMBRIA E UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA PER LA COLLABORAZIONE NELL AMBITO DELLA AGENDA DIGITALE DELL UMBRIA (D.G.R. n.397/2012, n.1546/2012, n.1555/2013)

2 Il giorno 10 del mese di ottobre dell anno 2014, presso la sede della Regione Umbria TRA Università degli Studi di Perugia (P.I. e C.F ) con sede in Perugia, piazza Università 1, rappresentata dal Prof. Franco Moriconi, nato a Perugia il 16 febbraio 1949, in qualità di Magnifico Rettore e domiciliato per il presente atto presso la sede dell Università E Regione Umbria (C.F e P.IVA ) con sede in Perugia, presso Palazzo Donini, Corso Vannucci 96, Perugia, in persona della Presidente protempore, dott.ssa Catiuscia Marini, nata a Todi il 25 settembre 1967, PREMESSE Visto il d.lgs. n. 82 del 7 marzo 2005, e ss.mm.ii., avente ad oggetto il Codice per l'amministrazione Digitale ed in particolare l articolo 14 che prevede che Le regioni promuovono sul territorio azioni tese a realizzare un processo di digitalizzazione dell'azione amministrativa coordinato e condiviso tra le autonomie locali ; Vista la Legge regionale n. 28 del 16 dicembre 2002, recante Norme per l attuazione del diritto allo studio ; Vista la legge regionale n. 11 del 25 luglio 2006 recante Norme in materia di pluralismo informatico, sulla adozione e la diffusione del software a sorgente aperto e sulla portabilità dei documenti informatici nell'amministrazione regionale. ; Vista l'agenda digitale europea presentata dalla Commissione Europea nel maggio 2010 con la comunicazione COM(2010)245; Vista la legge regionale n. 8 del 16 settembre 2011 recante Semplificazione amministrativa e normativa dell ordinamento regionale e degli Enti locali territoriali promuove fra l altro lo sviluppo dell Amministrazione digitale; Vista la D.G.R. n.397 del 16/4/2012 recante Società dell informazione della Regione Umbria (DGR n. 292/2009) Determinazioni ha adottato le linee guida per l Agenda digitale dell Umbria; Vista la D.G.R. n.1546 del 03/12/2012 recante Agenda digitale dell Umbria (D.G.R. n.397/2012). Ulteriori determinazioni per l attuazione del Programma degli interventi. stabilisce il percorso complessivo di elaborazione e di generazione partecipata dell Agenda digitale dell Umbria, prevedendo un connesso Nucleo operativo; Vista la D.G.R. n.148 del 20/02/2013 recante Piano Esigenze ICT Determinazioni. ha costituito, tra quant altro, il Nucleo operativo dell Agenda digitale dell Umbria (in breve taskforce );

3 Vista la D.G.R. n.1555 del 23/12/2013 recante Agenda digitale dell'umbria: Adozione del Piano digitale regionale ha adottato il Piano digitale regionale per il triennio nel quale sono previsti progetti trasversali che realizzano le 5 missioni dell agenda digitale per le quali è necessario una collaborazione con i diversi soggetti del territorio per attiva un interscambio di azioni e competenze; Vista la Legge regionale n.31 del 23 dicembre 2013, recante Norme in materia di infrastrutture per le telecomunicazioni ed in particolare l articolo 22 sulle attività di ricerca ed innovazione che prevede che la Regione promuove lo sviluppo della ricerca e dell'innovazione in materia di telecomunicazioni mediante: a) la stipula di accordi di programma, intese e convenzioni con le università, con la Scuola umbra di amministrazione pubblica, con il CO.RE.COM. e con enti di ricerca pubblici e privati; b) l'adozione di bandi per il finanziamento di progetti di ricerca; c) il sostegno all'innovazione per le piccole e medie imprese; d) l'attivazione di borse di studio ed assegni di ricerca per la formazione di professionalità altamente qualificate e specializzate. ; Vista la Legge regionale n.9 del 30 aprile 2014, recante Norme in materia di sviluppo della società dell informazione e riordino della filiera ICT regionale ed in particolare l articolo 1, comma d, lettera c) che prevede che la Regione promuove la ricerca scientifica nel settore ICT, l'innovazione tecnologica e la diffusione delle competenze digitali nel territorio regionale, ed in particolare l'accrescimento delle competenze digitali di creazione, l'uso consapevole e professionale dei social network, le opportunità offerte dal digitale al management pubblico e privato (e-leadership). ed inoltre l articolo 3, comma 2, che prevede che la Regione promuove l'agenda digitale dell'umbria quale percorso partecipato e collaborativo volto a definire impegni condivisi, anche con specifici accordi di programma, da parte di tutti i soggetti pubblici e privati operanti sul territorio, per l'attuazione delle azioni di sistema ed il monitoraggio dei risultati ottenuti. ; Viste le iniziative europee e nazionali collegate alla Grande coalizione per le occupazioni nel settore digitale e l importanza delle competenze digitali per l occupabilità e per la crescita digitale; Vista la D.G.R. n. 263 del 17 marzo 2014 con cui è stata preadottata la Strategia regionale di ricerca e innovazione per la Specializzazione intelligente (RIS3) ; Visto il Programma Quadro europea per la Ricerca e l'innovazione e l importante ruolo svolto dalle ICT come key enabling technology (KET); Considerato che il d.l. 82/2005 Codice dell Amministrazione Digitale e ss.ms.ii. (comprensive delle disposizioni del d.l. 5/2012 Decreto sulla Semplificazione ) prevede che le pubbliche amministrazioni provvedano in particolare a razionalizzare e semplificare i procedimenti amministrativi, le attività gestionali, i documenti, la modulistica, le modalità di accesso e di presentazione delle istanze da parte dei cittadini e delle imprese; Considerato che l art. 15 della legge 7 agosto 1990, n. 241, prevede la possibilità per le pubbliche amministrazioni di concludere tra loro accordi per disciplinare lo svolgimento in collaborazione di attività di interesse comune.

4 Considerato che nell ambito della agenda digitale sono già stati attivati percorsi di collaborazione tra Regione e Università: a) Per il Comitato tecnico-scientifico dell Agenda digitale dell Umbria e per incontri di partecipazione lungo il percorso partecipato e collaborativo; b) Per attività nell ambito dell assessment della Community Network regionale, tramite il Consorzio S.I.R. Umbria; c) Per l attivazione di n.2 assegni di ricerca, della durata di 12 mesi ciascuno, al Dipartimento di Ingegneria dell Università degli Studi di Perugia i cui ambiti di interesse sono stati i seguenti: o conduzione di programmi e progetti strategici complessi nel campo dell e-government, metodi di gestione e misurazione della qualità di servizi e sistemi informativi (ITIL, COBIT, PRINCE2, MSP, ecc); o sicurezza ICT nella PA, community network regionale SPC, sviluppo della collaborazione on line, del FLOSS e degli "open data" nel settore pubblico. Regione Umbria e Università degli Studi di Perugia, tutto ciò premesso, convengono e stipulano quanto segue: Art.1 Premesse Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale della presente intesa. Art. 2 Finalità Il presente protocollo ha come finalità la collaborazione tra gli Enti firmatari per: 1. promuove la ricerca scientifica nel settore ICT, l'innovazione tecnologica e la diffusione delle competenze digitali nel territorio regionale, ed in particolare l'accrescimento delle competenze digitali di creazione, l'uso consapevole e professionale dei social network, le opportunità offerte dal digitale al management pubblico e privato (e-leadership); 2. sviluppare l importante ruolo dell Università e dei centri di ricerca e di alta formazione, rispetto al miglioramento delle competenze digitali di cittadini ed imprese del territorio, per la creazione di sbocchi occupazionali connessi all innovazione digitale e per la crescita digitale. 3. sviluppare i temi dell open data (dati aperti), open source (codice aperto), open access (ricerca aperta) ed open gov (amministrazione aperta, trasparenza, partecipazione e collaborazione civica) in connessione alle attività del Centro di competenza sull openness (CCOS) previsto dalla legge regionale n.11/2006; 4. attuare l'agenda digitale dell'umbria quale percorso partecipato e collaborativo definendo tra le parti impegni condivisi per l'attuazione delle azioni di sistema ed il monitoraggio dei risultati ottenuti; Art. 3 Oggetto Il presente Protocollo ha per oggetto la collaborazione, fra gli Enti firmatari, con il fine di: attivare iniziative, progetti eventi nell ambito delle missioni dell agenda digitale per promuovere lo sviluppo del territorio tramite l uso del digitale e dell ICT.

5 In particolare gli interventi più significativi saranno: a) L'Università degli Studi di Perugia si impegna a promuovere il tema della cultura digitale e delle competenze digitali all'interno dei singoli corsi di studio esistenti (in particolare sui temi legati ad amministrazione digitale, crescita digitale, e- leadership, open gov, open data e big data), anche con iniziative congiunte legati alle iniziative europee e nazionali della Grande coalizione per le occupazioni nel settore digitale ; b) L'Università degli Studi di Perugia si impegna ad attivare master per la formazione a livello post-universitario di figure professionali sui temi dell'agenda digitale, in connessione alle necessità del territorio, espresse sia dalle imprese che dalle Pubbliche Amministrazioni, in collaborazione con la Regione Umbria e con imprese nazionali e locali; nonché assegni di ricerca e tirocini curricolari in specifici progetti connessi all agenda digitale; c) L'Università degli Studi di Perugia si impegna a diffondere online, tutti i progetti di ricerca e di trasferimento tecnologico portati avanti in Umbria, nell'ultimo triennio, su temi connessi alle missioni dell'agenda digitale dell'umbria, sia dall'università che da tutto il sistema regionale della ricerca&innovazione; d) La Regione si impegna a valutare nella programmazione europea azioni di sostegno alla ricerca sui temi dell agenda digitale, compresi i temi delle smart city&communities e dell agenda urbana, e promuoverà lo sviluppo della ricerca e dell'innovazione in materia di telecomunicazioni come previsto dalla legge regionale n.31/2013, in particolare puntando su azioni sinergiche ai progetti del Piano digitale regionale triennale e tese ad avere ricadute dalla ricerca verso istituzioni ed imprese del territorio umbro, in connessione a finanziamenti nel programma Horizon2020 o altri progetti/finanziamenti nazionali; e) La Regione attiverà il progetto "Misurare l'agenda digitale", con l'università degli Studi di Perugia, per la valutazione dell'impatto dell'agenda digitale dell'umbria e la rilevazione di dati/indicatori rispetto al Piano digitale regionale triennale ed alla programmazione europea in ambito agenda digitale; f) La Regione mette a disposizione le sue piattaforme, a riuso o in ASP, ed i servizi infrastrutturali della CN-Umbria, e l'università degli Studi di Perugia le adotterà nei propri servizi digitali a partire dal sistema di identità digitale regionale FED (ad es. per l'identificazione degli studenti nei servizi erogati dall'università stessa) e dal sistema di cooperazione applicativa SPC (per lo scambio automatico di dati tra enti pubblici) e saranno valutate ulteriori piattaforme e servizi infrastrutturali che la Regione attiverà, nel suo ruolo di intermediario come da legge regionale n.8/2011; g) La Regione mette a disposizione le infrastrutture della rete pubblica regionale RUN, e l'università degli Studi di Perugia le utilizzerà per i collegamenti tra le sue sedi, in particolare sulla dorsale tra Perugia e Terni; h) La Regione mette a disposizione il Data center regionale unitario (DCRU), e l'università degli Studi di Perugia si impegna ad attuare il consolidamento dei propri Data center massimizzando la convergenza nel DCRU, nell ambito del Piano di razionalizzazione dell'infrastruttura digitale dell'umbria (PRID). L'Università degli Studi di Perugia, quale strumento di attuazione del presente protocollo, si impegna costituire una "Taskforce inter-dipartimentale sull'agenda digitale" come interlocutore unitario dell'università degli Studi di Perugia, per coordinare iniziative sinergiche dell Università con i progetti del Piano digitale regionale

6 triennale, per la mobilitazione legata alle competenze digitali ed alle occupazioni nel settore digitale in Umbria, e per sviluppare nell Università il trasferimento tecnologico dell'ict come KET (key enabling technology) verso le imprese del territorio, anche in riferimento alla strategia specializzazione intelligente (RIS3) della Regione Umbria. La Regione Umbria, quale strumento di attuazione del presente protocollo si avvarrà della già costituita Taskforce inter-direzionale dell Agenda digitale dell Umbria di cui alla D.G.R. n.148/2013. Art. 4 Coordinamento del Protocollo 1. Il coordinamento del presente protocollo è affidato ad un Tavolo di Coordinamento istituito con referenti individuati dai sottoscrittori e la composizione può essere modificata con una comunicazione tra le parti senza modificare il protocollo. 3. Il Tavolo di Coordinamento ha il compito di definire e validare le singole convenzioni o i piani di progetto di cui al successivo articolo 5, per la realizzazione degli interventi di collaborazione ed individuare eventuali successivi ambiti di collaborazione, a partire da quelli indicati all articolo 3. Art. 5 Attuazione del Protocollo 1. I singoli interventi oggetto di collaborazione di cui all'articolo 3 saranno definiti mediante convenzione o piano di progetto, che ne descriva gli obiettivi, l'articolazione e la responsabilità delle attività progettuali o servizi, le modalità di sostenimento dei costi ed i tempi di esecuzione. 2. Per i progetti, il Tavolo di Coordinamento individua il Nucleo operativo del progetto, con un responsabile di progetto tecnico ed uno amministrativo per ogni sottoscrittore, per la predisposizione, attuazione e monitoraggio in itinere del piano di progetto relativo a ciascun intervento. 3. Convenzioni o piani di progetto, validati dal Tavolo di Coordinamento, saranno approvati dai singoli sottoscrittori secondo i rispettivi ordinamenti, subordinatamente all effettivo reperimento delle relative risorse finanziarie nell ambito degli esercizi di competenza, nonché all adozione dei conseguenti impegni di spesa e daranno attuazione tecnicamente ed operativamente all intesa definita nel presente Protocollo. Art. 6 Finanziamenti 1. Le risorse per il finanziamento delle iniziative di cooperazione vengono individuate con gli atti di approvazione delle relative convenzioni e piani di progetto. Art. 7 Durata Il presente Protocollo entra in vigore dalla data della sua sottoscrizione, e ha durata per anni 3 (tre), e potrà essere eventualmente rinnovato per un periodo analogo mediante comunicazione reciproca di tale intento. Per l Università degli Studi di Perugia Per la Regione Umbria

Protocollo tra le Regioni Emilia Romagna, Lazio, Marche,Toscana, Umbria e l Agenzia per l Italia Digitale per la collaborazione nell ambito dell

Protocollo tra le Regioni Emilia Romagna, Lazio, Marche,Toscana, Umbria e l Agenzia per l Italia Digitale per la collaborazione nell ambito dell Protocollo tra le Regioni Emilia Romagna, Lazio, Marche,Toscana, Umbria e l Agenzia per l Italia Digitale per la collaborazione nell ambito dell Agenda Digitale nella Programmazione 2014-2020 TRA Regione

Dettagli

Regione Umbria. Sessione tematica V: Standardizzazione ed armonizzazione interistituzionale delle informazioni. www.umbriageo.regione.umbria.

Regione Umbria. Sessione tematica V: Standardizzazione ed armonizzazione interistituzionale delle informazioni. www.umbriageo.regione.umbria. DIREZIONE AMBIENTE TERRITORIO E INFRASTRUTTURE Servizio Informatico/Informativo: geografico ambientale e territoriale Sessione tematica V: Standardizzazione ed armonizzazione interistituzionale delle informazioni

Dettagli

MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE (STRALCIO PIANO DELLA PERFORMANCE AGID 2014-2016) 1.1 ALBERO DELLA PERFORMANCE

MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE (STRALCIO PIANO DELLA PERFORMANCE AGID 2014-2016) 1.1 ALBERO DELLA PERFORMANCE MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE (STRALCIO PIANO DELLA PERFORMANCE AGID 2014-2016) 1.1 ALBERO DELLA PERFORMANCE Pur perdurando il momento di profondo riordino dell assetto organizzativo e delle attività dell

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO BIM PIAVE DI BELLUNO GIOVANNI PICCOLI

PROTOCOLLO D INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO BIM PIAVE DI BELLUNO GIOVANNI PICCOLI PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO BIM PIAVE DI BELLUNO GIOVANNI PICCOLI PER GARANTIRE L ACCESSO AI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE IL RETTORE DELL'UNIVERSITA' DEGLI STUDI DELL AQUILA

PROTOCOLLO D'INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE IL RETTORE DELL'UNIVERSITA' DEGLI STUDI DELL AQUILA Università degli Studi dell Aquila PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL RETTORE DELL'UNIVERSITA' DEGLI STUDI DELL AQUILA Per la realizzazione del Progetto

Dettagli

di seguito indicate anche semplicemente come le Parti, PREMESSI

di seguito indicate anche semplicemente come le Parti, PREMESSI ACCORDO DI PROGRAMMA FRA GLI ENTI PARTECIPANTI ALLA COSTITUZIONE DI UN CENTRO SERVIZI TERRITORIALE NELLA PROVINCIA DI TORINO PER L INCLUSIONE DEI PICCOLI COMUNI NELL ATTUAZIONE DELL E-GOVERNMENT La Regione

Dettagli

L'anno duemilaquattordici il giorno 6 del mese di Giugno, in Messina, nei locali della TRA

L'anno duemilaquattordici il giorno 6 del mese di Giugno, in Messina, nei locali della TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA LA PREFETTURA DI MESSINA E L'UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MESSINA L'anno duemilaquattordici il giorno 6 del mese di Giugno, in Messina, nei locali della Prefettura di Messina, sita

Dettagli

Capitolato speciale per la fornitura di

Capitolato speciale per la fornitura di ALLEGATO A Capitolato speciale per la fornitura di Servizi di verifica procedurale e funzionale delle componenti di servizio della Community Network dell'umbria nell'ambito del piano di Semplificazione

Dettagli

- gli artt. 68, 69 e 70 del Decreto legislativo 07 marzo 2005, n. 82 e ss.mm.ii., recante Codice dell'amministrazione Digitale (CAD);

- gli artt. 68, 69 e 70 del Decreto legislativo 07 marzo 2005, n. 82 e ss.mm.ii., recante Codice dell'amministrazione Digitale (CAD); REGIONE PIEMONTE BU50 11/12/2014 Codice DB2101 D.D. 23 ottobre 2014, n. 242 Approvazione dello schema di Convenzione tra la Regione Piemonte e la Regione Lazio per il riuso del software gestionale della

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. IL MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITA e della RICERCA (di seguito denominato MIUR)

PROTOCOLLO D INTESA. IL MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITA e della RICERCA (di seguito denominato MIUR) 5-2014 PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITA e della RICERCA (di seguito denominato MIUR) E Telecom Italia S.p.A. (di seguito denominata Telecom) per la Promozione di soluzioni

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE

PROTOCOLLO DI INTESA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE PROTOCOLLO DI INTESA TRA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE TECNOLOGICA E ENGINEERING INGEGNERIA INFORMATICA S.p.A.

Dettagli

Premesso che: Considerato che:

Premesso che: Considerato che: REGIONE PIEMONTE BU39 25/09/2014 Codice DB2101 D.D. 26 maggio 2014, n. 145 Convenzione per la condivisione di esperienze e soluzioni finalizzate allo sviluppo, alla realizzazione, all'avviamento e alla

Dettagli

Pubblicata nel Bollettino ufficiale della Regione Umbria n. 37 del 2 agosto 2006. promulga la seguente legge: Capo I Principi generali

Pubblicata nel Bollettino ufficiale della Regione Umbria n. 37 del 2 agosto 2006. promulga la seguente legge: Capo I Principi generali Legge Regionale 25 luglio 2006, n. 11 Norme in materia di pluralismo informatico sulla adozione e la diffusione del software a sorgente aperto e sulla IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato LA PRESIDENTE

Dettagli

Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica (DIPE);

Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica (DIPE); PROTOCOLLO D INTESATRA LA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI E LA REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PER LA PARTECIPAZIONE ALLA PROGETTAZIONE DEL SISTEMA MONITORAGGIO INVESTIMENTI PUBBLICI MIP PREMESSO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. IL MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITA e della RICERCA (di seguito denominato MIUR) SOCIETA KNOW K.

PROTOCOLLO D INTESA. IL MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITA e della RICERCA (di seguito denominato MIUR) SOCIETA KNOW K. 4-2014 PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITA e della RICERCA (di seguito denominato MIUR) E SOCIETA KNOW K. Srl per la Promozione di azioni a supporto dell innovazione degli

Dettagli

Programma Nazionale per la Cultura, la Formazione e le Competenze digitali

Programma Nazionale per la Cultura, la Formazione e le Competenze digitali Programma Nazionale per la Cultura, la Formazione e le Competenze digitali Le Competenze digitali nella missione dell Agenzia per l Italia Digitale Dal Decreto legge 83/2012, convertito con legge 134/2012

Dettagli

Le criticità nella gestione dei dati sensibili

Le criticità nella gestione dei dati sensibili Le criticità nella gestione dei dati sensibili Ing.Giovanni Gentili Resp. Agenda digitale dell Umbria Regione Umbria Questo lavoro è pubblicato sotto licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia (CC

Dettagli

ALLEGATO B. Protocollo d intesa

ALLEGATO B. Protocollo d intesa Protocollo d intesa per la determinazione del valore del canone di locazione delle stazioni radio base finalizzate all erogazione del servizio di telefonia mobile ALLEGATO B Protocollo d intesa per la

Dettagli

salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, finalizzate anche al conseguimento di una preparazione multidisciplinare in grado di consentire a i

salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, finalizzate anche al conseguimento di una preparazione multidisciplinare in grado di consentire a i CONVENZIONE PER L EROGAZIONE DI 15 BORSE DI STUDIO PER GLI STUDENTI DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN SCIENZA E TECNICHE DELLA PREVENZIONE E DELLA SICUREZZA A.A. 2015-16 TRA L Università Ca Foscari

Dettagli

Il Presidente della Regione Toscana e il Presidente di ANCI Toscana, Ricordate:

Il Presidente della Regione Toscana e il Presidente di ANCI Toscana, Ricordate: ALLEGATO A Protocollo di intesa tra Regione Toscana e ANCI Toscana finalizzato al supporto delle politiche e delle iniziative per l innovazione nel territorio toscano. Il Presidente della Regione Toscana

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI

PROTOCOLLO DI INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI per la realizzazione di un programma di innovazione per il patrimonio

Dettagli

L'UFFICIO DI PRESIDENZA

L'UFFICIO DI PRESIDENZA DELIBERAZIONE DELL UFFICIO DI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO REGIONALE N. 71 DELL 8 OTTOBRE 2014 Protocollo d intesa tra Consiglio regionale e Comune di Venezia in materia di servizi informatici e telematici.

Dettagli

proposta di legge n. 316

proposta di legge n. 316 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 316 a iniziativa dei Consiglieri ALTOMENI, BRANDONI, AMAGLIANI, BINCI, PETRINI, COMI, MOLLAROLI, ORTENZI, D ISIDORO, CAPPONI presentata in data

Dettagli

Protocollo d 'Intesa

Protocollo d 'Intesa . l l ' P~. tjrtj. ~'f /.Ao RQ{>. e+j R.~\~ N..286~ ja,o Protocollo d 'Intesa Tra Regione Puglia e Consiglio nazionale delle Ricerche La Regione Puglia (C.F. 80017210727), di seguito Regione, nella persona

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R.

PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R. PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R. E L ONG ASSOCIAZIONE ITALIANA PER IL WORLD WIDE FUND FOR NATURE - ONLUS WWF ITALIA PROTOCOLLO D'INTESA TRA

Dettagli

Comune di Terni Provincia di Terni A.T.C. & Partners Mobilità F.I.S.H. Umbria ONLUS PROTOCOLLO DI INTESA

Comune di Terni Provincia di Terni A.T.C. & Partners Mobilità F.I.S.H. Umbria ONLUS PROTOCOLLO DI INTESA PROTOCOLLO DI INTESA per la non discriminazione e le pari opportunità attraverso il pieno riconoscimento del diritto alla mobilità e all accessibilità PREMESSO TRA Comune di Terni Provincia di Terni l

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali PROTOCOLLO D INTESA TRA L AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE E L AGENZIA NAZIONALE PER I SERVIZI SANITARI REGIONALI ****************** L AUTORITÀ NAZIONALE

Dettagli

Regione Friuli Venezia Giulia

Regione Friuli Venezia Giulia Regione Friuli Venezia Giulia Legge regionale 14 luglio 2011, n. 9 Disciplina del sistema informativo integrato regionale del Friuli Venezia Giulia CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 (Finalita') 1. La Regione

Dettagli

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A.

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. La Regione Abruzzo, rappresentata dal componente la Giunta preposto alle Politiche attive del lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali,

Dettagli

AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE

AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AVVISO n. 07/2013 Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per il profilo specialistico di Esperto nei processi

Dettagli

Pagina 1 di 7. Protocollo d intesa

Pagina 1 di 7. Protocollo d intesa Protocollo d intesa La Regione Puglia, di seguito denominata Regione, con sede in Bari, Lungomare Nazario Sauro n. 33, (C.F. 80017210727), qui rappresentata dal Presidente della Giunta regionale, on.le

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA. IL MINISTRO per la Pubblica Amministrazione e l'innovazione. SUN MICROSYSTEMS ITALIA SpA

PROTOCOLLO D INTESA TRA. IL MINISTRO per la Pubblica Amministrazione e l'innovazione. SUN MICROSYSTEMS ITALIA SpA PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTRO per la Pubblica Amministrazione e l'innovazione E SUN MICROSYSTEMS ITALIA SpA PER LA REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO DI DOTAZIONE DELLE POSTAZIONI DI LAVORO DELLA PUBBLICA

Dettagli

Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali

Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali A cosa servono queste linee guida? Queste linee guida identificano gli elementi la cui presenza è ritenuta necessaria per i progetti della Coalizione Nazionale

Dettagli

L.R. n.8/2011 capo III: sviluppo dell amministrazione digitale

L.R. n.8/2011 capo III: sviluppo dell amministrazione digitale Ambito di coordinamento Conoscenza e Welfare Servizio informativo regionale, e-government, società dell'informazione e infrastrutture tecnologiche L.R. n.8/2011 capo III: sviluppo dell amministrazione

Dettagli

L impatto del d. CAD e dell innovazione l innovazione tecnologica sull organizzazione dei procedimenti amministrativi. Bari, 3 luglio 2012

L impatto del d. CAD e dell innovazione l innovazione tecnologica sull organizzazione dei procedimenti amministrativi. Bari, 3 luglio 2012 L impatto del d CAD e dell innovazione l innovazione tecnologica sull organizzazione dei procedimenti amministrativi. Bari, 3 luglio 2012 Giovanni Damiano Agenda LA PA VISTA DALL UTENTE LE LEVE DEL CAMBIAMENTO

Dettagli

Relazione della I Commissione consiliare permanente

Relazione della I Commissione consiliare permanente Regione Umbria O Assemblea legislativa ATTO N. 1520 IBI5 Relazione della I Commissione consiliare permanente AFFARI ISTITUZIONALI E COMUNITARI Relatore di maggioranza Consigliere Renato Locchi Relatore

Dettagli

VISTI. il Decreto Legislativo 29 Marzo 2012, n. 68 Revisione della normativa di principio in materia di diritto allo studio;

VISTI. il Decreto Legislativo 29 Marzo 2012, n. 68 Revisione della normativa di principio in materia di diritto allo studio; SCHEMA DI CONVENZIONE TRA L UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE E L AZIENDA REGIONALE PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO DELLA TOSCANA PER L ACCESSO AI SERVIZI DEL DIRITTO ALLO STUDIO, LA DISCIPLINA

Dettagli

PARTE SECONDA. VISTO il PO 2007 2013 FESR della Regione Puglia, come approvato dalla Commissione Europea con C(2007) 5726 del 20/11/2007;

PARTE SECONDA. VISTO il PO 2007 2013 FESR della Regione Puglia, come approvato dalla Commissione Europea con C(2007) 5726 del 20/11/2007; 50014 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 175 del 24 12 2014 PARTE SECONDA Atti regionali DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO ECONOMICO, IL LAVORO E L IN NOVAZIONE 18 dicembre

Dettagli

CONVENZIONE. Progetto per la semplificazione amministrativa. ComUnica la tua attività commerciale COMUNE DI

CONVENZIONE. Progetto per la semplificazione amministrativa. ComUnica la tua attività commerciale COMUNE DI Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura Lecce COMUNE DI Progetto per la semplificazione amministrativa C O N V E N Z I O N E T R A - la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

A relazione dell'assessore Giordano: Premesso che:

A relazione dell'assessore Giordano: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU26 28/06/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 11 giugno 2012, n. 18-3996 Approvazione dello schema di Protocollo d'intesa tra la Citta' di Torino, la Fondazione Torino Smart City,

Dettagli

Incontro allo stand Forum PA 2010

Incontro allo stand Forum PA 2010 Innovazione e pubblica amministrazione: la Direzione Generale per l organizzazione, gli affari generali, l innovazione, il bilancio ed il personale (DG-OAGIP) Incontro allo stand Forum PA 2010 19 maggio

Dettagli

ACCORDO OPERATIVO. tra

ACCORDO OPERATIVO. tra MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali ACCORDO OPERATIVO tra la Regione Umbria (di seguito

Dettagli

FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30

FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30 PROGRAMMAZIONE 2014-2020 DEI FONDI SIE PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE GOVERNANCE E CAPACITA ISTITUZIONALE FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30 Il PON Governance e capacità istituzionale

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari

Università degli Studi di Cagliari ACCORDO PER LA FORMAZIONE E INSERIMENTO LAVORATIVO DI FIGURE ESPERTE IN SISTEMI EMBEDDED PER INTERNET OF THINGS (IOT). L anno duemilaquindici, addì 19 del mese di Maggio in Cagliari, TRA L Agenzia regionale

Dettagli

La strategia AgID per la realizzazione dell Agenda. Agostino Ragosa

La strategia AgID per la realizzazione dell Agenda. Agostino Ragosa La strategia AgID per la realizzazione dell Agenda Digitale Italiana Agostino Ragosa Forum PA 2013 Palazzo dei Congressi - Roma, 28 Maggio 2013 Il contesto L economia digitale italiana Ha registrato un

Dettagli

La «Community Network dell Umbria» (CN-Umbria)

La «Community Network dell Umbria» (CN-Umbria) La «Community Network dell Umbria» (CN-Umbria) Un opportunità per gli Enti territoriali della Regione Umbria 1 La riforma della Pubblica Amministrazione La trasformazione dei processi della PA: Le riforme

Dettagli

Protocollo di Intesa

Protocollo di Intesa Protocollo di Intesa tra Istituto Nazionale di Previdenza Sociale (di seguito denominato INPS), E Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) per la valorizzazione

Dettagli

MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015

MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015 MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca IL DIRETTORE GENERALE VISTA la legge 18 dicembre 1997, n. 440, recante istituzione

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA / TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA / TRA CONVENZIONE QUADRO TRA L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA / UNIVERSITA DELLA VALLE D AOSTA TRA L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA /, con sede e domicilio fiscale in Milano, Piazza dell

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA. L'Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto. L'Università degli Studi di Trento. In tema di Orientamento Universitario

PROTOCOLLO D'INTESA TRA. L'Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto. L'Università degli Studi di Trento. In tema di Orientamento Universitario lniversità DEGLI STUDI ~I TRENTO UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO.. - Direzione Regionale ' PROTOCOLLO D'INTESA TRA L'Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto e L'Università degli Studi di

Dettagli

PREMESSA. Piano Animatore Digitale per PTOF 2016/2019

PREMESSA. Piano Animatore Digitale per PTOF 2016/2019 La Scuola che cambia Proposta progettuale dell Animatore Digitale Ins. Francesca Cocchi Dirigente Scolastico Rosella Puzzuoli Allegato al POF TRIENNALE 2016/2019 PREMESSA Il Piano Nazionale per la Scuola

Dettagli

CONVENZIONE-QUADRO TRA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BERGAMO E COMUNE DI BERGAMO

CONVENZIONE-QUADRO TRA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BERGAMO E COMUNE DI BERGAMO CONVENZIONE-QUADRO TRA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BERGAMO E COMUNE DI BERGAMO Premesse L'Università degli Studi di Bergamo e il Comune di Bergamo intendono instaurare un rapporto non episodico di collaborazione,

Dettagli

TRA IN ATTUAZIONE PREMESSI

TRA IN ATTUAZIONE PREMESSI PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE PIEMONTE, UNIONE DELLE PROVINCE PIEMONTESI, ANCI PIEMONTE, UNCEM PIEMONTE, LEGA DELLE AUTONOMIE LOCALI, CONSULTA UNITARIA DEI PICCOLI COMUNI DEL PIEMONTE, PER LA COSTITUZIONE

Dettagli

Obiettivi e potenzialità del nuovo impegno verso la standardizzazione

Obiettivi e potenzialità del nuovo impegno verso la standardizzazione Obiettivi e potenzialità del nuovo impegno verso la standardizzazione Dott.ssa Maria Pia Giovannini Agenzia per l Italia Digitale Componente della Commissione permanente per il coordinamento della modulistica

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure ai sensi dell art. 24 comma 3bis DL 90/2014 (L. 114/2014)

Piano di informatizzazione delle procedure ai sensi dell art. 24 comma 3bis DL 90/2014 (L. 114/2014) Piano di informatizzazione delle procedure ai sensi dell art. 24 comma 3bis DL 90/2014 (L. 114/2014) Comune di Argelato Comune di Bentivoglio Comune di Castel Maggiore Comune di Castello d Argile Comune

Dettagli

Davide D Amico CURRICULUM SCIENTIFICO DIDATTICO E PROFESSIONALE

Davide D Amico CURRICULUM SCIENTIFICO DIDATTICO E PROFESSIONALE Davide D Amico CURRICULUM SCIENTIFICO DIDATTICO E PROFESSIONALE Dati personali Nome e cognome: Davide D Amico Data di nascita: 03 Luglio 1974 Nazionalità : italiana Titoli di studio e culturali Master

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2013 2015 1 Indice Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Articolo 7. Oggetto e Finalità Organizzazione e

Dettagli

CONVENZIONE TRA VISTO

CONVENZIONE TRA VISTO CONVENZIONE TRA L Università Telematica Guglielmo Marconi (di seguito denominata UTGM), istituita con D.M. 1 marzo 2004, (G.U. n. 65 del 18 marzo 2004) con sede in Roma, Via Fabio Massimo, 88, rappresentata

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA. tra. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca. Regione autonoma Friuli Venezia Giulia

PROTOCOLLO D'INTESA. tra. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca. Regione autonoma Friuli Venezia Giulia REGI9NE AUTONOMA FREILI VENEZIA GIULIA MIUR - Ministero dell'istruzione dell'università e della Ricerca AOOUFGAB - Ufficio del Gabinetto del MIUR ATTI del Ministro Prot. n. 0000014-02/05/2016 - REGISTRAZIONE

Dettagli

CONVENZIONE PER CONDIVISIONE DI PERSONALE TRA IL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE UNIVERSITÁ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI

CONVENZIONE PER CONDIVISIONE DI PERSONALE TRA IL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE UNIVERSITÁ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI CONVENZIONE PER CONDIVISIONE DI PERSONALE TRA IL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE E UNIVERSITÁ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI 1 di 6 CONVENZIONE TRA CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE E UNIVERSITA /POLITECNICO

Dettagli

Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015

Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015 Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015 Adozione del Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni on line. IL SEGRETARIO COMUNALE Visto

Dettagli

IL DIRETTORE REGIONALE DELLA FORMAZIONE E LAVORO Su proposta del Dirigente dell Area Programmazione Interventi

IL DIRETTORE REGIONALE DELLA FORMAZIONE E LAVORO Su proposta del Dirigente dell Area Programmazione Interventi OGGETTO: Progetto interregionale Verso un sistema integrato di alta formazione. Approvazione dell Avviso Parte prima Ammissione degli organismi e delle offerte formative, destinato all ammissione di organismi

Dettagli

Protocollo D Intesa. Tra. L Ufficio Scolastico Regionale Per L Umbria. Il Conservatorio F. Morlacchi di Perugia

Protocollo D Intesa. Tra. L Ufficio Scolastico Regionale Per L Umbria. Il Conservatorio F. Morlacchi di Perugia Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Direzione Regionale Protocollo D Intesa Tra L Ufficio Scolastico Regionale Per L Umbria E Il Conservatorio

Dettagli

Università degli Studi di Messina. Regolamento dei corsi di alta formazione

Università degli Studi di Messina. Regolamento dei corsi di alta formazione Università degli Studi di Messina Regolamento dei corsi di alta formazione Art. 1. - Ambito di applicazione TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI 1. Il presente regolamento disciplina le procedure per l'istituzione

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE TRIENNIO 2015/2017

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE TRIENNIO 2015/2017 PIANO DI INFORMATIZZAZIONE TRIENNIO 2015/2017 Redatto ai sensi dell articolo 24, comma 3 bis del D.L. 24 giugno 2014, n. 90. I. QUADRO NORMATIVO Il Decreto Legge 24 giugno 2014, n. 90, convertito in legge

Dettagli

7995 05/09/2013 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO. Identificativo Atto n. 738

7995 05/09/2013 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO. Identificativo Atto n. 738 Identificativo Atto n. 738 7995 05/09/2013 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO APPROVAZIONE DELLA GRADUATORIA DI PRE-SELEZIONE DEI PROGETTI DI CUI ALL AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE

Dettagli

L Agenda digitale del Piemonte. 2 febbraio 2015

L Agenda digitale del Piemonte. 2 febbraio 2015 L Agenda digitale del Piemonte 2 febbraio 2015 I punti di partenza La Digital Agenda europea è una delle sette iniziative faro della strategia Europa 2020 Nella politica di coesione 2014-2020 il miglior

Dettagli

CONVENZIONE. tra: Il Politecnico di Milano - Dipartimento di Architettura, Ingegneria delle

CONVENZIONE. tra: Il Politecnico di Milano - Dipartimento di Architettura, Ingegneria delle CONVENZIONE tra: Il Politecnico di Milano - Dipartimento di Architettura, Ingegneria delle Costruzioni e Ambiente Costruito - Department Architecture, Built Environment and Construction Engineering (ABC)

Dettagli

Approvazione Convenzione tra Regione Piemonte e Universita' degli Studi di Torino, ai sensi della d.g.r. 7-2062 del 7/9/2015

Approvazione Convenzione tra Regione Piemonte e Universita' degli Studi di Torino, ai sensi della d.g.r. 7-2062 del 7/9/2015 REGIONE PIEMONTE BU43 29/10/2015 Codice A1108A D.D. 8 settembre 2015, n. 512 Approvazione Convenzione tra Regione Piemonte e Universita' degli Studi di Torino, ai sensi della d.g.r. 7-2062 del 7/9/2015

Dettagli

Adesione al Nodo nazionale dei pagamenti elettronici SPC (Sistema Pubblico di Connettivita').

Adesione al Nodo nazionale dei pagamenti elettronici SPC (Sistema Pubblico di Connettivita'). REGIONE PIEMONTE BU19 08/05/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 15 aprile 2014, n. 37-7454 Adesione al Nodo nazionale dei pagamenti elettronici SPC (Sistema Pubblico di Connettivita'). A relazione

Dettagli

Protocollo d intesa "Azioni per la tutela dei diritti dei consumatori e degli utenti" tra. Co.Re.Com Umbria e Associazioni regionali dei consumatori

Protocollo d intesa Azioni per la tutela dei diritti dei consumatori e degli utenti tra. Co.Re.Com Umbria e Associazioni regionali dei consumatori Protocollo d intesa "Azioni per la tutela dei diritti dei consumatori e degli utenti" tra Co.Re.Com Umbria e Associazioni regionali dei consumatori Il Co.Re.Com Umbria, con sede in Perugia, Piazza Italia,

Dettagli

La Coalizione Italiana per le Occupazioni Digitali

La Coalizione Italiana per le Occupazioni Digitali La Coalizione Italiana per le Occupazioni Digitali Agostino Ragosa Direttore Agenzia per l Italia Digitale 18 giugno 2014 Le Competenze digitali nella missione dell Agenzia per l Italia Digitale Dal Decreto

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1053 Seduta del 05/12/2013

DELIBERAZIONE N X / 1053 Seduta del 05/12/2013 DELIBERAZIONE N X / 1053 Seduta del 05/12/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Tra. VISTO l art. 3 della Costituzione italiana in materia di uguaglianza e pari dignità fra tutti i cittadini;

Tra. VISTO l art. 3 della Costituzione italiana in materia di uguaglianza e pari dignità fra tutti i cittadini; PROTOCOLLO D INTESA TRA L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA E L ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA (A.I.D.) per attività di promozione e sviluppo di studi e ricerche sui Disturbi Specifici d Apprendimento

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA. Ministero dell Economia e delle Finanze Ragioneria Generale dello Stato

PROTOCOLLO D INTESA TRA. Ministero dell Economia e delle Finanze Ragioneria Generale dello Stato PROTOCOLLO D INTESA TRA Ministero dell Economia e delle Finanze Ragioneria Generale dello Stato E Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture PREMESSO CHE la legge 31

Dettagli

CONVENZIONE TRA REGIONE LAZIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO

CONVENZIONE TRA REGIONE LAZIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO CONVENZIONE Operativa per la gestione di programmi di ricerca dell Università Foro Italico, di cui all Art. 5 del Protocollo d Intesa sottoscritto tra la Regione Lazio e il CRUL in data 23 Giugno 2009;

Dettagli

CONVENZIONE TRA L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA E L Università di Camerino, Istituto Zooprofilattico del Lazio e della Toscana,

CONVENZIONE TRA L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA E L Università di Camerino, Istituto Zooprofilattico del Lazio e della Toscana, CONVENZIONE TRA L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA E L Università di Camerino, Istituto Zooprofilattico del Lazio e della Toscana, Ministero della Salute e l Istituto Superiore di Sanità PER

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3299 Seduta del 16/03/2015

DELIBERAZIONE N X / 3299 Seduta del 16/03/2015 DELIBERAZIONE N X / 3299 Seduta del 16/03/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

Un caso concreto di dematerializzazione e semplificazione dei processi inter -amministrazioni: la gestione dei contratti dei docenti

Un caso concreto di dematerializzazione e semplificazione dei processi inter -amministrazioni: la gestione dei contratti dei docenti FORUMPA 2008 13 maggio 2008 Un caso concreto di dematerializzazione e semplificazione dei processi inter -amministrazioni: la gestione dei contratti dei docenti Modello applicativo e tecnologico dott.ssa

Dettagli

STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE. Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014

STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE. Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014 Al servizio di gente unica STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014 Trieste 11 febbraio 2015 La crescita digitale in

Dettagli

ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE TRA CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO E UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA

ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE TRA CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO E UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE TRA CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO E UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco (di seguito denominato Corpo Nazionale), C.F. n. 80219290584,

Dettagli

PIANO DEGLI OBIETTIVI E DELLE PERFORMANCE 2014-2016. Adottato con deliberazione del Presidente del Consorzio SIR Umbria 22/01/2014 n.

PIANO DEGLI OBIETTIVI E DELLE PERFORMANCE 2014-2016. Adottato con deliberazione del Presidente del Consorzio SIR Umbria 22/01/2014 n. PIANO DEGLI OBIETTIVI E DELLE PERFORMANCE 2014-2016 Adottato con deliberazione del Presidente del Consorzio SIR Umbria 22/01/2014 n. 4 Le amministrazioni pubbliche devono adottare, in base a quanto disposto

Dettagli

ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA

ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 PROTOCOLLO D INTESA TRA Regione del Veneto Ministero dell'istruzione,dell'università e della Ricerca - Ufficio Scolastico

Dettagli

Delibera del Direttore Generale n. 527 del 25/06/2014

Delibera del Direttore Generale n. 527 del 25/06/2014 Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 Delibera del

Dettagli

e, p. c. Al Dirigente A.Di Oggetto: Accordo di collaborazione con la Croce Rossa Italiana, comitato di Catania.

e, p. c. Al Dirigente A.Di Oggetto: Accordo di collaborazione con la Croce Rossa Italiana, comitato di Catania. 4.\\ UNIVERSITÀ ;fli, ' i degli STUDI di CATANIA AREA DEI RAPPORTI ISTITUZIONALI E CON IL TERRITORIO Prot. n. 38 830 All. n. 1 N B Nella risposta vanno citati il numero dr protocollo della presente e [Area

Dettagli

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Assemblea 17 giugno, ore 11.30 Date: 2011-06-17 1 (11) Ericsson Internal Premessa La Sezione Elettronica ed Elettrotecnica intende rappresentare un importante elemento

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Regione Veneto

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Regione Veneto giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/10 Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Regione Veneto CONVENZIONE TRA L Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali (C.F.

Dettagli

La Misura delle Smart Communities e il Piano Nazionale. Irene Bengo Dipartimento di Ingegneria Gestionale Politecnico di Milano

La Misura delle Smart Communities e il Piano Nazionale. Irene Bengo Dipartimento di Ingegneria Gestionale Politecnico di Milano La Misura delle Smart Communities e il Piano Nazionale Irene Bengo Politecnico di Milano Strategia: Smart Community 2 SMART CITY Convergenza tecnologia innovazione sociale (benessere) Articolazione sul

Dettagli

Via Orazio Raimondo, 18 00173 Roma http://fondazioneinuit.it/

Via Orazio Raimondo, 18 00173 Roma http://fondazioneinuit.it/ Via Orazio Raimondo, 18 00173 Roma http://fondazioneinuit.it/ Introduzione La Fondazione Universitaria INUIT è la Fondazione dell Università degli Studi di Roma Tor Vergata costituita ai sensi dell art.

Dettagli

PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020

PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020 Allegato parte integrante - 2 Allegato B) PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020 TRA Regione Emilia Romagna, in persona

Dettagli

Piano di Informatizzazione

Piano di Informatizzazione Piano di Informatizzazione Piano di Informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni Comune di Gattatico in ottemperanza all art. 24, comma 3-bis, D. L. n.

Dettagli

subappaltatori e subcontraenti della filiera delle imprese, nonché a carico dei concessionari di finanziamenti pubblici anche europei, a qualsiasi

subappaltatori e subcontraenti della filiera delle imprese, nonché a carico dei concessionari di finanziamenti pubblici anche europei, a qualsiasi PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI E LA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA PARTECIPAZIONE DELLA REGIONE EMILIA- ROMAGNA ALLA PROGETTAZIONE DEL SISTEMA MONITORAGGIO INVESTIMENTI

Dettagli

Protocollo d Intesa. fra

Protocollo d Intesa. fra MIUR Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione Generale Area del Sistema Integrato Ripartizione IV Studenti Servizio Orientamento, Tutorato e Placement d Ateneo (SOrT) Protocollo d Intesa fra

Dettagli

Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa?

Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa? Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa? Paolo Donzelli DG Progetti strategici per l innovazione digitale Dipartimento per la Digitalizzazione della P.A. e l innovazione

Dettagli

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27)

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27) CONVENZIONE TRA LA REGIONE DELL UMBRIA, LE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI DI PERUGIA E TERNI, I COMUNI DELL UMBRIA LE COMUNITÀ MONTANE DELL UMBRIA PREMESSO CHE: - La legge regionale 31 luglio 1998, n. 27

Dettagli

L'Istituto nazionale di statistica (di seguito denominato ISTAT) con sede in Roma, Via Cesare Balbo, n. 16, C.F. 80111810588, rappresentato da

L'Istituto nazionale di statistica (di seguito denominato ISTAT) con sede in Roma, Via Cesare Balbo, n. 16, C.F. 80111810588, rappresentato da PROTOCOLLO D'INTESA TRA L ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA E L ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO PER LA COLLABORAZIONE IN AMBITO STATISTICO L'Istituto nazionale di

Dettagli