L INTERSCAMBIO COMMERCIALE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L INTERSCAMBIO COMMERCIALE"

Transcript

1 L INTERSCAMBIO COMMERCIALE TRA L ITALIA E IL RESTO DEL MONDO NEL 2010 Quadro d insieme Nel 2010 le esportazioni italiane di merci sono aumentate del 15,7% e le importazioni del 22,6% rispetto al 2009; il deficit commerciale ha raggiunto 27,3 miliardi di euro, contro 5,9 miliardi del Al netto di petrolio greggio e gas naturale, l avanzo si è ridotto di 10 miliardi (da 35,1 nel 2009 a 25,1). Entrambi i flussi sono ancora al di sotto dei valori massimi raggiunti nel 2008: le esportazioni rappresentano il 91,5% e le importazioni il 95,5%; il deficit è invece più che raddoppiato. L aumento in valore è dovuto sia ai maggiori volumi esportati (+ 9,1%) ed importati (11,1)% sia agli incrementi dei valori medi unitari: +6,1% all export e +10,3% all import. I flussi commerciali hanno registrato variazioni positive in tutti i raggruppamenti principali di industria. Dal lato dell export, l energia ha fatto registrare il maggiore incremento tendenziale (59,1%); ad esso hanno concorso sia i maggiori volumi esportati (+19,3%) sia soprattutto l aumento dei valori unitari (33,4%). Gli aumenti delle altre tipologie di beni: prodotti intermedi (+17,6%), beni strumentali (+11,9%), beni di consumo (+12,8%), sono invece prevalentemente dovuti ai volumi esportati. All import sono i prodotti intermedi la tipologia che è cresciuta di più (37,7%), soprattutto a causa dei maggiori volumi (+22,7%), ma anche i valori medi unitari hanno subito un rilevante aumento (12,2%). L energia è al secondo posto (29,8%), l incremento è in larga misura dovuto ai valori medi unitari (+23,9% a fronte di un +4,8% dei volumi); seguono i beni di consumo (11,8%) e i beni strumentali (10,9%). Raggruppamenti principali per tipologia di beni: variazioni percentuali 2010 su Beni di consumo durevoli Beni di consumo non durevoli Beni strumentali Prodotti intermedi Energia Esportazioni Importazioni 1

2 Nel confronto tra il 2010 e il 2009, le esportazioni sono aumentate in tutti i settori (eccetto il settore residuale altri prodotti nca); nel manifatturiero l aumento è stato del 16,3% e i maggiori incrementi si sono registrati per coke e prodotti petroliferi raffinati (57,7%) e prodotti chimici (26,2%). Tra i settori di punta del Made in Italy, il migliore risultato è quello degli articoli in pelle e simili (18,1%), mentre abbigliamento (7%) e mobili (6,3%) sono agli ultimi posti e la crescita della meccanica è stata solo del 9,2%, anche se ha nettamente accelerato negli ultimi tre mesi. All import, spiccano gli aumenti dei metalli di base e prodotti in metallo, di coke e prodotti petroliferi raffinati, dell elettronica e del petrolio greggio, tutti all incirca pari o superiori al 40%. Le cessioni verso i paesi Ue sono cresciute del 14,9%, gli acquisti del 17,2%. Verso l extra Ue l aumento delle esportazioni è stato del 16,7%, quello delle importazioni del 29,8%. I flussi con i paesi extra Ue si sono quindi mostrati più dinamici sia in entrata sia in uscita, ma la differenza è particolarmente rilevante per l import. L'interscambio Ue ed extra Ue 2010 (valori in migliaia di euro) Esportazioni Importazioni Saldi Paesi UE Paesi extra Ue Nonostante l aumento delle esportazioni sia stato maggiore verso le destinazioni extraeuropee, il peso dell Ue sulle esportazioni italiane è rimasto sostanzialmente invariato rispetto al 2009, al 57% circa. Considerando le sole esportazioni manifatturiere, la cui crescita percentuale verso l Unione europea e verso il resto del mondo è stata all incirca la stessa (pari a poco più del 16%), il peso dell extra Ue è invece aumentato. I prodotti dell agricoltura, della silvicoltura e della pesca e i prodotti dell estrazione di minerali da cave e miniere costituiscono nel 2010 il 35%, delle importazioni extra Ue, mentre sulle importazioni dall Ue incidono soltanto per il 5,7%. La maggiore dinamica delle importazioni dai paesi extra Ue rispetto a quelle dall Ue è quindi in parte causata dal peso più rilevante delle importazioni di materie prime (il cui aumento in valore nel 2010 è prevalentemente dovuto ai forti rincari subiti, accompagnati da un più modesto incremento delle quantità importate). Ma anche considerando soltanto il manifatturiero, l aumento percentuale delle importazioni dall extra Ue è stato pari a oltre il 30% a fronte del 17% degli acquisti dall Ue. 2

3 Guardando ai risultati per paesi di destinazione, i maggiori incrementi percentuali dell export italiano nel 2010 si sono avuti nel Mercosur (47,6%), in Turchia (42%) e Cina (30%); dal lato dell import la Cina (48%) si colloca al primo posto seguita dai paesi OPEC (36%). I principali mercati di destinazione delle esportazioni italiane Considerando i principali partner dell Unione, si registra una ripresa delle esportazioni italiane superiore alla media in Germania (18,6%), Regno Unito (21,1%) e Spagna (17,5%), paesi in cui nel 2009 la riduzione era stata particolarmente forte. Composizione delle esportazioni italiane nel 2010: Unione europea e Paesi extra Ue Russia (2,3%) Svizzera (4,8%) Turchia (2,4%) Stati Uniti (6,0%) Cina (2,6%) Giappone (1,2%) India (1,0%) Mercosur (1,5%) ASEAN (1,4%) Paesi Ue (57,2%) Altri (19,6%) La Germania, cui si è diretto il 13% dell export complessivo nel 2010 (e il 23% delle vendite nell Ue) si conferma il più importante mercato di sbocco. Tra i settori di maggiore incidenza sulle esportazioni in questo paese, si evidenzia la forte variazione positiva dei metalli di base e prodotti in metallo (40%), che segue al crollo del 2009, e delle sostanze e prodotti chimici (39%), in cui le esportazioni italiane hanno toccato un massimo storico. La ripresa dell economia tedesca ha avuto invece effetti ancora abbastanza contenuti per le esportazioni dei mezzi di trasporto (+ 15,6%), a fronte di un calo del 26% nel 2009, e delle macchine ed apparecchi meccanici (+ 10,3%, mentre nel 2009 erano calate di oltre il 25%). Le vendite di prodotti tessili e dell abbigliamento, pelli e accessori, per i quali la Germania è il secondo mercato di destinazione dopo la Francia, sono cresciute del 13%, una ripresa solo parziale dopo i decrementi subiti nel 2008 e Invece, benché la dinamica dei prodotti alimentari, bevande e tabacco possa apparire modesta (7% circa), avendo questo settore mostrato una sostanziale tenuta nel corso del 2009, il livello raggiunto nel 2010 rappresenta un nuovo massimo. Si evidenzia anche il successo dei prodotti dell agricoltura, della silvicoltura e della pesca (+23,6%) che, non solo hanno 3

4 recuperato rispetto al 2009, ma sono anch essi ai massimi livelli storici; la Germania assorbe più di un quarto dell export dell Italia relativo al settore primario, grazie principalmente alle importazioni di ortofrutta. All aumento delle esportazioni nel Regno Unito contribuiscono soprattutto i risultati positivi dei due settori di maggior peso: le macchine ed apparecchi meccanici (+22%) e i mezzi di trasporto (+70%), su questa variazione così ampia influisce in misura determinante il comparto navi e imbarcazioni, che tipicamente presenta una grande variabilità di anno in anno. L aumento nel comparto autoveicoli è stato anch esso assai rilevante (43%). La crescita dei prodotti alimentari, bevande e tabacco, per i quali il Regno Unito costituisce un mercato di primaria importanza, è stata poco elevata (6,7%) ma, data la riduzione contenuta subita nel 2009, il valore ha già superato il livello del E stata positiva la performance delle esportazioni nel Regno Unito di articoli di abbigliamento (+ 19% circa) che complessivamente hanno invece mostrato un andamento poco dinamico. Alla crescita in Spagna ha invece dato il maggiore contributo il coke e prodotti petroliferi raffinati (+69%), il principale settore dell export italiano verso questo paese, il Tra gli altri settori più importanti spicca anche il risultato dei metalli di base e prodotti in metallo (+25%). L aumento dei prodotti tessili e dell abbigliamento, pelli e accessori è stato del 10%, insufficiente a compensare le riduzioni subite nel 2008 e 2009; particolarmente modesto il risultato del settore abbigliamento: 2,6%, sicuramente penalizzato dalle perduranti difficoltà di ripresa dell economia spagnola. Le esportazioni italiane verso la Francia, che si è confermata il secondo mercato di destinazione, sono aumentate del 14,9%. Considerando i settori di maggior peso, si riscontrano variazioni positive superiori alla media per i metalli di base e prodotti in metallo (24%) e i mezzi di trasporto (21,5%) e nettamente inferiori per le macchine ed apparecchi meccanici (6,6%). Le vendite di prodotti tessili e dell abbigliamento, pelli e accessori, per i quali la Francia costituisce il nostro principale mercato di sbocco, hanno registrato nel complesso un aumento del 15%; all interno di questo settore, il risultato migliore è quello degli articoli in pelle, cresciuti di oltre il 20%. Le esportazioni verso la Polonia, un mercato che negli anni precedenti la crisi si era dimostrato molto ricettivo verso i prodotti italiani, sono cresciute solo del 7,6% (dopo una diminuzione di circa il 19% nel 2009). Questo modesto risultato appare dipendere in larga misura dall andamento sfavorevole dei due principali settori di esportazione: le macchine ed apparecchi meccanici (+0,5%) e i mezzi di trasporto (- 0,3%); spicca in particolare la riduzione nel comparto degli autoveicoli (-6,6%). I metalli di base e prodotti in metallo (al terzo posto per il peso sull export) registrano una variazione positiva di quasi il 18%. Guardando ai principali mercati al di fuori dell Unione europea (considerati in ordine di importanza per l export italiano), le esportazioni verso gli Stati Uniti sono aumentate del 19,4%. Registrano un buon risultato i beni del sistema moda, per i quali gli Stati Uniti sono il principale mercato extra europeo e che nel 2009 sono stati fortemente penalizzati dalla crisi. Gli articoli in pelle sono cresciuti del 27%, i tessili del 25%; gli articoli di abbigliamento di oltre il 17%. Considerando i due settori di maggior peso, ad un aumento del 31% dei mezzi di trasporto si contrappone una diminuzione dello 0,3% delle macchine ed apparecchi meccanici. All incremento delle esportazioni verso la Svizzera, pari al 18,4%, dà un contributo essenziale la sostenuta dinamica dei metalli di base e prodotti in metallo (46%), il settore che incide di più, e degli articoli farmaceutici (21,5%). L aggregato dei prodotti tessili e dell abbigliamento, pelli e accessori, per i quali la Svizzera rappresenta il nostro terzo mercato di sbocco, mostra una dinamica molto moderata (+4,7%, a fronte di un calo del 18% nel 2009), su cui pesa in particolare il risultato negativo dell abbigliamento (-6,2%). Particolarmente positivo, invece, l andamento dei prodotti delle altre attività manifatturiere (34%), soprattutto dovuto alla gioielleria, bigiotteria; pietre preziose lavorate per cui la Svizzera ha rappresentato nel 2009 la nostra seconda destinazione a livello mondiale 1. 1 Al primo posto c erano gli Emirati Arabi Uniti. I dati per il 2010 non sono ancora disponibili a questo livello di dettaglio. 4

5 Le nostre esportazioni verso la Cina sono concentrate nel settore delle macchine ed apparecchi meccanici, che ne costituiscono oltre il 47% nel L export verso la Cina in questo settore non era diminuito neanche nel 2009 ed è cresciuto del 36% nel 2010; l aumento è stato del 60% per i mezzi di trasporto (che pesano per il 5%). Sono stati molto positivi anche i risultati dei settori del sistema moda, in particolare degli articoli di abbigliamento (42%) e degli articoli in pelle e simili (35%) che hanno un peso ancora limitato, ma in crescita, sull export verso la Cina. Questo mercato, che da anni suscita grandi attenzioni ed attese per la sua potenziale vastità, non era stato finora in grado di rappresentare un concreto sbocco alternativo per le nostre produzioni; questi risultati potrebbero essere un primo segnale dell apertura tanto auspicata ai beni del lusso accessibile del made in Italy. Il successo delle esportazioni italiane in Turchia è condiviso da numerosi settori. Tra i principali, spiccano gli aumenti delle macchine ed apparecchi meccanici (58%), dei mezzi di trasporto (56,5%) e specialmente degli autoveicoli (128%), di coke e prodotti petroliferi raffinati (102%), dei metalli di base e prodotti in metallo (36%) e dei prodotti chimici (32%). Anche il mercato russo, molto promettente negli anni recenti fino al 2008 sia per i beni di consumo sia per i beni strumentali italiani, è ancora lontano dai livelli del 2008, ma le esportazioni hanno mostrato un accelerazione negli ultimi mesi del 2010, che ha portato la crescita complessiva sull anno precedente al 23%. Il maggiore aumento percentuale si è avuto nel settore dei mezzi di trasporto, +181% (e in particolare degli autoveicoli); le esportazioni di macchine ed apparecchi meccanici (che costituiscono oltre un quarto delle nostre vendite in Russia) sono cresciute del 21%. Sono positivi anche i risultati per alimentari e tessili, mentre l export dell abbigliamento (+1,8% nel 2010), dopo anni di sostenuti incrementi, che avevano fatto della Russia il secondo mercato di sbocco nel 2008, non ha mostrato significativi segni di ripresa rispetto al crollo subito nel Addirittura negativi sono i risultati dei mobili (al calo del 35% nel 2009, è seguita una ulteriore erosione del 2,7%). Guardando al Mercosur, i due settori che più pesano sul nostro export, le macchine ed apparecchi meccanici (che costituiscono oltre un terzo delle esportazioni italiane), mostrano una crescita del 39%, inferiore alla media, ma comunque di grande rilievo; i mezzi di trasporto invece sono aumentati di oltre il 60%; Tra i settori di peso minore, spicca l aumento degli articoli farmaceutici, pari al 95%, dei metalli di base e prodotti in metallo (48,5%), dei prodotti chimici (44,5%). I dati disponibili non consentono ancora di conoscere il consuntivo annuale settoriale per i singoli paesi. I dati parziali, relativi al periodo gennaio-novembre 2010, evidenziano aumenti percentuali molto elevati per tutti i paesi con l eccezione del Venezuela, le cui importazioni dall Italia sono diminuite del 5%. Le esportazioni verso il Brasile, che hanno un incidenza di oltre i due terzi, sono cresciute del 45%; quelle verso l Argentina (il secondo paese con un peso del 17%) sono salite del 62%. Le esportazioni verso l India sono aumentante del 24%. Le macchine ed apparecchi meccanici accentrano oltre il 42% del nostro export; la crescita del 2010, pari al 25% ha più che compensato il calo del Guardando agli altri due principali settori, le esportazioni di metalli di base e prodotti in metallo sono calate del 3%, mentre quelle di mezzi di trasporto sono più che raddoppiate (grazie soprattutto all andamento del comparto navi e imbarcazioni). Tra i beni del sistema moda cresce soprattutto l abbigliamento, ma il suo peso è ancora esiguo. I principali fornitori dell Italia Considerando i quattro principali partner commerciali dell Italia nell Unione europea, si rileva una crescita delle importazioni italiane più cospicua dalla Spagna (+24%) e dal Regno Unito (+23%), che non da Germania (17%) e Francia (15,3%). All aumento delle importazioni dalla Spagna contribuiscono tutti i settori di maggiore peso: i metalli di base e prodotti in metallo (+ 82%), i prodotti chimici (46%), gli alimentari, bevande e tabacco (25%); la sola eccezione riguarda i mezzi di trasporto, che registrano una lieve flessione. 5

6 I maggiori aumenti delle importazioni dal Regno Unito si riscontrano per le materie prime minerarie (164%) e il settore energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata (105%), che insieme hanno un peso di oltre il 20%; seguono, considerando solo i principali comparti, gli autoveicoli (+26%) e l elettronica (+20%). La Germania si conferma il nostro più importante fornitore estero, da sola incide per il 16% sul nostro import dal mondo nel 2010 (e il 29% sui nostri acquisti dall Ue). Le nostre importazioni di mezzi di trasporto, il settore di maggiore incidenza, evidenziano però una lieve erosione (-0,7%), la variazione negativa del comparto autoveicoli è ancora più pronunciata (-2%). Considerando gli altri principali settori di importazione, i prodotti chimici sono cresciuti del 24,5%, le macchine ed apparecchi meccanici di quasi il 19%, computer, apparecchi elettronici e ottici del 70%, i metalli di base e prodotti in metallo del 26%. In tutti questi settori la Germania è il nostro primo mercato di approvvigionamento, con l eccezione dei computer, apparecchi elettronici e ottici, in cui si colloca al secondo posto dopo la Cina. Composizione de lle importazioni italiane ne l 2010: Unione europea e paesi extra Ue Russia (3,6%) Svizzera (3,2%) Turchia (1,4%) Stati Uniti (3,0%) Cina (7,8%) Paesi Ue (54,9%) India (1,0%) Mercosur 1,3% ASEAN (1,6%) Altri (22,1%) Considerando i principali fornitori extraeuropei 2 in ordine di importanza, le importazioni dalla Cina hanno registrato rilevanti incrementi in quasi tutti i settori, anche se gli aumenti dell elettronica (98%), che costituisce quasi un quarto dell import italiano, dei mezzi di trasporto (124%) e dei metalli di base e prodotti in metallo (64%) sono tra i più eclatanti. L aggregato prodotti tessili e dell abbigliamento, pelli e accessori, che incide poco meno del 24%, è cresciuto invece solo del 19%. 2 Vale l avvertenza che le tavole paese/settori Ateco pubblicate dall Istat sono al momento disponibili solo per un numero limitato di paesi e aree e che quindi non ci sono ancora rilevazioni dettagliate per alcuni paesi di particolare rilievo per l import italiano, quali, ad esempio, la Libia e l Algeria. 6

7 L aumento dell import dai paesi OPEC appare tutto concentrato nei prodotti dell attività mineraria (+33,5%) che incidono per l 84% sulle importazioni italiane, e nel settore coke e prodotti petroliferi raffinati (+36%), che ha un peso del 6,5%. Le importazioni dagli altri settori hanno un incidenza del tutto esigua, con l eccezione di quelle dei prodotti chimici, che pesano il 2,7% e sono cresciute anch esse di oltre il 36%. L incremento delle importazioni dalla Russia è stato molto contenuto (7,7%), ma è interessante notare come per i prodotti dell attività mineraria, che da soli costituiscono quasi i due terzi del nostro import, si sia registrata una riduzione (-10%), mentre per i prodotti delle attività manifatturiere c è stato un aumento del 63,5%, dovuto essenzialmente ai due settori principali: coke e prodotti petroliferi raffinati (55,6%) e metalli di base e prodotti in metallo (73%). Le importazioni dagli Stati Uniti sono aumentate del 17%; in particolare la farmaceutica, il settore di maggiore incidenza sul nostro import (18%), ha registrato un risultato superiore alla media (23%). Le importazioni dall India che hanno ancora un incidenza poco rilevante, nel 2010 sono aumentate del 31%. L aggregato prodotti tessili e dell abbigliamento, pelli e accessori, che costituisce oltre il 28% dell import italiano è cresciuto meno del 15%, frenato specialmente dal modestissimo risultato dell abbigliamento (+0,8%), ma gli incrementi maggiori si sono concentrati in altri settori di rilievo come coke e prodotti petroliferi raffinati (+232%), prodotti chimici (48%), elettronica (272%). Le importazioni di autoveicoli si sono invece fortemente ridotte (-26%). Attivi e deficit di bilancia commerciale Nel 2010 l Italia presenta i maggiori saldi positivi con Stati Uniti, Francia, Regno Unito e Svizzera. Gli attivi con gli Stati Uniti e il Regno Unito si sono accresciuti rispetto al 2009, pur restando lontano dai livelli raggiunti in altri anni del decennio scorso, invece i surplus verso la Svizzera e la Francia hanno raggiunto nuovi massimi. Principali attivi e deficit dell'italia nel 2010 (valori in milioni di euro) Stati Uniti Francia 5000 Regno Unito Svizzera Cina OPEC Germania Paesi Bassi 7

8 Il deficit con la Cina, dopo essersi molto ridimensionato nel 2009, ha ripreso ad aumentare ed è al massimo storico; rispetto ai livelli del è più che quadruplicato. Il saldo con l OPEC, pur strutturalmente negativo, a causa dell assoluta preponderanza delle importazioni di petrolio greggio e gas naturale, appare caratterizzato da una grande variabilità: Il valore del 2010 è tra i più alti nel tempo, ma non è il più alto in assoluto; oltre la metà di esso è da attribuire al deficit con la Libia, seguita dall Algeria, mentre con gli Emirati Arabi Uniti, l Italia vanta un cospicuo avanzo. Nonostante le esportazioni verso la Germania siano cresciute più delle importazioni, il disavanzo si è allargato rispetto al 2009, pur non giungendo ai valori massimi degli anni Il deficit con i Paesi Bassi è maggiore che nel 2009, ma si mantiene leggermente al di sotto dei livelli raggiunti negli anni precedenti. Riguardo all entità di questo disavanzo, non va comunque dimenticato che i flussi commerciali dei Paesi Bassi sono sovrastimati, in quanto comprendono una quota particolarmente elevata di merci che transitano dai loro porti e vengono riesportate. A livello settoriale, le macchine ed apparecchi meccanici fanno registrare come sempre il maggiore saldo positivo, il cui valore assoluto resta però lontano da quello del 2008; il miglioramento rispetto al 2009 è contenuto, a causa di un incremento delle importazioni quasi doppio di quello delle esportazioni. Anche l avanzo complessivo dell aggregato prodotti tessili e dell abbigliamento, pelli e accessori, il secondo in ordine di importanza, è migliorato poco rispetto al 2009, data la dinamica molto più rapida delle importazioni. Proseguendo nell esame dei saldi di maggiore entità, il surplus che l Italia storicamente vanta nel coke e prodotti petroliferi raffinati, sostenuto da un notevole differenziale di crescita a favore delle esportazioni, si è avvicinato ai massimi del 2008, mentre l avanzo nel settore apparecchi elettrici si è ulteriormente assottigliato anche rispetto al 2009, a causa della crescita più che doppia delle importazioni. Il maggiore saldo negativo riguarda come sempre il petrolio greggio, ma al secondo posto si colloca l elettronica: in un anno in cui si è verificato un notevole rafforzamento dell interscambio in questo settore, le importazioni sono infatti salite del 40% contro il 20% delle esportazioni e il disavanzo ha subito un nettissimo deterioramento. Il terzo maggior deficit nel 2010 si riscontra per il gas naturale ed ha subito un ampliamento più moderato; le importazioni infatti sono aumentate solo dell 11,5%. Gli altri due disavanzi più consistenti si sono registrati per gli autoveicoli e i prodotti chimici, nonostante in entrambi i casi le esportazioni siano state più dinamiche (specie nel comparto autoveicoli, in cui sono aumentate del 20%, a fronte dell 1,2% delle importazioni). 8

COMMERCIO CON L ESTERO

COMMERCIO CON L ESTERO 16 aprile 2012 Febbraio 2012 COMMERCIO CON L ESTERO A febbraio si rileva un aumento dello 0,1% rispetto al mese precedente per le esportazioni, determinato da una crescita dello 0,5% delle vendite verso

Dettagli

COMMERCIO CON L ESTERO

COMMERCIO CON L ESTERO 17 febbraio 015 Dicembre 014 COMMERCIO CON L ESTERO Rispetto al mese precedente, a dicembre 014 si registra un aumento dell export (+,6%) e una diminuzione dell import (-1,6%). L aumento congiunturale

Dettagli

IL COMMERCIO ESTERO DELL ITALIA NEL I TRIMESTRE 2012

IL COMMERCIO ESTERO DELL ITALIA NEL I TRIMESTRE 2012 IL COMMERCIO ESTERO DELL ITALIA NEL I TRIMESTRE 212 Nei primi tre mesi del 212 il valore delle esportazioni italiane di merci è aumentato del 5,5 per cento rispetto allo stesso periodo del 211 per un totale

Dettagli

LA CRISI SI AGGRAVA: ANCHE L EXPORT CALA

LA CRISI SI AGGRAVA: ANCHE L EXPORT CALA 309 LA CRISI SI AGGRAVA: ANCHE L EXPORT CALA 17 Settembre2013 1 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente EXECUTIVE SUMMARY 2 Il 16 settembre

Dettagli

VOLUME Suddivisione per Macroregioni e Macrosettori

VOLUME Suddivisione per Macroregioni e Macrosettori 2 Marzo 215 FOCUS VOLUME Suddivisione per Macroregioni e Macrosettori VOLUME VOLUME Volumi - per area geografica di destinazione (var. % gen- Paesi UE 6,9 2,6 Paesi extra UE 4,2-1,7 Mondo 5,4,6 Volumi

Dettagli

Le esportazioni della provincia di Modena. Gennaio Settembre 2011

Le esportazioni della provincia di Modena. Gennaio Settembre 2011 Le esportazioni della provincia di Modena Gennaio Settembre 2011 I dati diffusi da Istat, ed elaborati dal Centro Studi e Statistica della Camera di Commercio, incorporano le rettifiche effettuate dall

Dettagli

IL COMMERCIO ESTERO DELL ITALIA NEL 2011

IL COMMERCIO ESTERO DELL ITALIA NEL 2011 IL COMMERCIO ESTERO DELL ITALIA NEL 211 I dati più recenti diffusi dall Istat rivelano che nel quarto trimestre 211 il prodotto interno lordo dell Italia ha subito una flessione dello,7 per cento rispetto

Dettagli

Commercio con l estero (scambi con i paesi extra Ue) Dicembre 2009

Commercio con l estero (scambi con i paesi extra Ue) Dicembre 2009 Commercio con l estero (scambi con i paesi extra Ue) Dicembre 2009 27 gennaio 2010 I dati diffusi con questo comunicato riguardano l interscambio con i paesi extra Ue del mese di dicembre 2009. I risultati

Dettagli

VARIAZIONI E CONTRIBUTI ALLA VARIAZIONE DELL'EXPORT NAZIONALE 47,5 30,3 19,7 8,5 5,9 2,3

VARIAZIONI E CONTRIBUTI ALLA VARIAZIONE DELL'EXPORT NAZIONALE 47,5 30,3 19,7 8,5 5,9 2,3 LE ESPORTAZIONI NEL PRIMO SEMESTRE 2017 AUMENTO IN LIGURIA DEL 19,7% Nel primo semestre del 2017 in Italia le vendite di beni sui mercati esteri risultano in aumento dell 8,0% rispetto allo stesso periodo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 26/2017

COMUNICATO STAMPA 26/2017 AI GIORNALI E CORRISPONDENTI DELLE PROVINCE DI BIELLA E VERCELLI LORO SEDI COMUNICATO STAMPA 26/2017 EXPORT: NEL 1 TRIMESTRE 2017 AUMENTO SOSTENUTO PER BIELLA E VERCELLI Le vendite all'estero crescono

Dettagli

EXPORT 2016: CRESCONO LE VENDITE ALL ESTERO DELLA LIGURIA

EXPORT 2016: CRESCONO LE VENDITE ALL ESTERO DELLA LIGURIA EXPORT 2016: CRESCONO LE VENDITE ALL ESTERO DELLA LIGURIA Nei primi 9 mesi del 2016 in Italia si è registrata una crescita tendenziale dell export pari allo 0,5%, sintesi del contributo positivo dell Italia

Dettagli

Commercio estero e attività internazionali delle imprese 2014

Commercio estero e attività internazionali delle imprese 2014 Commercio estero e attività internazionali delle imprese 2014 L'edizione 2014 dell'annuario statistico realizzato dall'istat e l'ice fornisce un quadro aggiornato sulla struttura e la dinamica dell'interscambio

Dettagli

L interscambio commerciale con l estero della provincia di Bergamo nel primo trimestre 2014

L interscambio commerciale con l estero della provincia di Bergamo nel primo trimestre 2014 L interscambio commerciale con l estero della provincia di Bergamo nel primo trimestre 2014 Servizio Studi della Camera di Commercio di Bergamo 26/06/2014 Le esportazioni originate dalla provincia di Bergamo

Dettagli

Esportazioni 3 trimestre Var.% Imp. 2016/2015. Italia ,9% +0,5% Puglia Brindisi

Esportazioni 3 trimestre Var.% Imp. 2016/2015. Italia ,9% +0,5% Puglia Brindisi L interscambio commercialee della provincia di Brindisi, archivia il 3 trimestre 2016 con una aumento dei flussi esportativi (rispetto al 3 trimestre 2015) del (+15,7%) al contrario, i dati relativi alle

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese

Internazionalizzazione delle imprese Internazionalizzazione delle imprese italiane: contesto ed opportunità 24 Febbraio 2015 Business Analysis Pio De Gregorio, Responsabile Anna Tugnolo, Senior Analyst Dopo un 2013 difficile, le esportazioni

Dettagli

il Commercio Estero in Friuli Venezia Giulia anno 2016

il Commercio Estero in Friuli Venezia Giulia anno 2016 il Commercio Estero in Friuli Venezia Giulia anno 2016 maggio 2017 Via Morpurgo 4-33100 Udine - Tel. +39 0432 273200 273219 - fax +39 0432 509469 - email: statistica@ud.camcom.it Indice Il contesto internazionale

Dettagli

ESPORTAZIONI NEL VERBANO CUSIO OSSOLA: LE VENDITE ALL'ESTERO DIMINUISCONO DEL 34% NEL 2009

ESPORTAZIONI NEL VERBANO CUSIO OSSOLA: LE VENDITE ALL'ESTERO DIMINUISCONO DEL 34% NEL 2009 1 ESPORTAZIONI NEL VERBANO CUSIO OSSOLA: LE VENDITE ALL'ESTERO DIMINUISCONO DEL 34% NEL 2009 Premessa In questo rapporto si intende esaminare la dinamica del commercio estero nella provincia del Verbano

Dettagli

Le esportazioni delle regioni italiane

Le esportazioni delle regioni italiane Le esportazioni delle regioni italiane Gennaio giugno 2008 17 settembre 2008 Nel periodo gennaio-giugno 2008 il valore delle esportazioni italiane ha registrato un incremento del 5,9 per cento rispetto

Dettagli

Scheda riassuntiva Francia.

Scheda riassuntiva Francia. Scheda riassuntiva Francia. Quadro generale. Totale importazioni 2006 533.972 (milioni di dollari) Totale esportazioni 2006 488.884 (milioni di dollari) Totale importazioni dall'italia 33.688 (milioni

Dettagli

Le esportazioni delle regioni italiane

Le esportazioni delle regioni italiane Le esportazioni delle regioni italiane Gennaio dicembre 2010 14 Marzo 2011 Nella media del 2010 la ripresa delle esportazioni ha interessato tutte le ripartizioni territoriali. Particolarmente e levato

Dettagli

Industria (escl.costruzioni) Settore Automotive* Elaborazioni Anfia su dati ISTAT *Codici Ateco 29

Industria (escl.costruzioni) Settore Automotive* Elaborazioni Anfia su dati ISTAT *Codici Ateco 29 La produzione industriale cresce a giugno 2017 del 5,3% su giugno 2016. L industria manifatturiera registra un aumento tendenziale del 4,9%. Bene il settore automotive, +15,4% la crescita tendenziale di

Dettagli

Le esportazioni delle regioni italiane

Le esportazioni delle regioni italiane Le esportazioni delle regioni italiane Gennaio settembre 2008 12 dicembre 2008 Nel periodo gennaio-settembre 2008 il valore delle esportazioni italiane ha registrato, rispetto al corrispondente periodo

Dettagli

Il saldo della bilancia commerciale risulta positivo ed è pari a 18 miliardi e 454 milioni di euro.

Il saldo della bilancia commerciale risulta positivo ed è pari a 18 miliardi e 454 milioni di euro. I SEMESTRE 2015: CRESCITA DELL EXPORT IN LIGURIA DEL 7% Nel primo semestre 2015, rispetto allo stesso periodo del 2014, in Italia le vendite di beni sui mercati esteri risultano in sensibile espansione

Dettagli

Clicca qui per scaricare gli allegati della rubrica "Sicilia nei numeri"

Clicca qui per scaricare gli allegati della rubrica Sicilia nei numeri Clicca qui per scaricare gli allegati della rubrica "Sicilia nei numeri" Nel primo semestre del 2009 l interscambio della Sicilia con l estero ha registrato un notevole ridimensionamento, superiore al

Dettagli

LE ESPORTAZIONI AGRICOLE E DELL INDUSTRIA ALIMENTARE DELL EMILIA-ROMAGNA. Gennaio 2016

LE ESPORTAZIONI AGRICOLE E DELL INDUSTRIA ALIMENTARE DELL EMILIA-ROMAGNA. Gennaio 2016 LE ESPORTAZIONI AGRICOLE E DELL INDUSTRIA ALIMENTARE DELL EMILIA-ROMAGNA Gennaio 2016 DATI CONGIUNTURALI: I PRIMI NOVE MESI DEL 2015 2 LE ESPORTAZIONI REGIONALI NEL 2015 Nei primi nove mesi del 2015 l

Dettagli

IL COMMERCIO ESTERO IN PROVINCIA DI UDINE anno 2015

IL COMMERCIO ESTERO IN PROVINCIA DI UDINE anno 2015 Centro Studi Ufficio Statistica e Prezzi IL COMMERCIO ESTERO IN PROVINCIA DI UDINE anno 2015 Aprile 2016 Via Morpurgo 4-33100 Udine - Tel. +39 0432 273223 273224 - fax +39 0432 512408 - email: unioncamerefvg@ud.camcom.it

Dettagli

SERIE STORICHE. Tabella 9 - Esportazioni, importazioni e saldi della bilancia commerciale (milioni di euro) (a)

SERIE STORICHE. Tabella 9 - Esportazioni, importazioni e saldi della bilancia commerciale (milioni di euro) (a) SERIE STORICHE Tabella 9 - Esportazioni, importazioni e saldi della bilancia commerciale (milioni di euro) (a) Dati grezzi Dati mensili destagionalizzati Esportazioni Variazioni Importazioni Variazioni

Dettagli

Elaborazione flash. Alcuni dati sul Settore della Meccanica in Lombardia FOCUS PROVINCIA DI VARESE

Elaborazione flash. Alcuni dati sul Settore della Meccanica in Lombardia FOCUS PROVINCIA DI VARESE Elaborazione flash Osservatorio MPI Confartigianato Lombardia 29/06/2016 Alcuni dati sul Settore della Meccanica in Lombardia FOCUS PROVINCIA DI VARESE HIGHLIGHTS SETTORE MECCANICA DEL TERRITORIO DI VARESE

Dettagli

Focus 03/2017 ITALIA PRODUZIONE INDUSTRIALE

Focus 03/2017 ITALIA PRODUZIONE INDUSTRIALE Segno positivo per la produzione industriale a marzo 2017: +2,8%. Bene anche il settore automotive, che continua la sua crescita: +12,9%. Produzione industriale Secondo i dati diffusi da ISTAT, a marzo

Dettagli

Variazione % tendenziale 2017/2016. Industria (escl.costruzioni) Settore Automotive* Elaborazioni Anfia su dati ISTAT *Codici Ateco 29

Variazione % tendenziale 2017/2016. Industria (escl.costruzioni) Settore Automotive* Elaborazioni Anfia su dati ISTAT *Codici Ateco 29 Segno positivo per la produzione industriale a febbraio 2017: +1,9%. Bene anche il settore automotive, che continua la sua crescita: +6,4%. Produzione industriale Secondo i dati diffusi da ISTAT, a febbraio

Dettagli

Le esportazioni delle regioni italiane

Le esportazioni delle regioni italiane Le esportazioni delle regioni italiane Gennaio dicembre 2006 14 marzo 2007 Nel periodo gennaio-dicembre 2006 il valore delle esportazioni italiane ha registrato un aumento del 9 per cento rispetto allo

Dettagli

Le esportazioni delle regioni italiane

Le esportazioni delle regioni italiane Le esportazioni delle regioni italiane Gennaio dicembre 2008 12 marzo 2009 Nel 2008 il valore delle esportazioni italiane ha registrato un leggero incremento (più 0,3 per cento) rispetto all anno precedente,

Dettagli

Le esportazioni delle regioni italiane

Le esportazioni delle regioni italiane Le esportazioni delle regioni italiane Gennaio settembre 2007 12 dicembre 2007 Nel periodo gennaio-settembre 2007 il valore delle esportazioni italiane ha registrato un aumento dell 11,5 per cento rispetto

Dettagli

Abruzzo. Cresa traccia il bilancio del 2014: Pil in flessione ma ci sono timidi segnali di ripresa

Abruzzo. Cresa traccia il bilancio del 2014: Pil in flessione ma ci sono timidi segnali di ripresa Abruzzo. Cresa traccia il bilancio del 2014: Pil in flessione ma ci sono timidi segnali di ripresa - 16 giugno 2015 In un contesto nazionale ancora negativo, per il 2014 le stime disponibili ed elaborate

Dettagli

Economia Provinciale - Rapporto Commercio Estero

Economia Provinciale - Rapporto Commercio Estero Economia Provinciale - Rapporto 2006 131 Commercio Estero Commercio Estero 133 Analisi congiunturale Dopo la congiuntura sfavorevole riscontrata negli ultimi due anni nell interscambio provinciale, (nel

Dettagli

COMMERCIO ESTERO SINTESI SULL EXPORT DELL EMILIA-ROMAGNA. Anno 2015

COMMERCIO ESTERO SINTESI SULL EXPORT DELL EMILIA-ROMAGNA. Anno 2015 COMMERCIO ESTERO SINTESI SULL EXPORT DELL EMILIA-ROMAGNA Anno 2015 Bologna, 7 aprile 2016 Fonte principale Elaborazioni Confindustria ER su dati ISTAT Sono riportati alcuni dati di fonte CSC, Unioncamere

Dettagli

Le esportazioni delle regioni italiane

Le esportazioni delle regioni italiane Le esportazioni delle regioni italiane Gennaio dicembre 2007 13 marzo 2008 Nel 2007 il valore delle esportazioni italiane ha registrato un aumento dell 8 per cento rispetto al 2006 (più 6,1 per cento verso

Dettagli

STIMA PRELIMINARE DEL COMMERCIO ESTERO EXTRA UE

STIMA PRELIMINARE DEL COMMERCIO ESTERO EXTRA UE 23 Maggio 214 Aprile 214 STIMA PRELIMINARE DEL COMMERCIO ESTERO EXTRA UE Ad aprile 214 le esportazioni sono in lieve contrazione rispetto al mese precedente (-,2%) mentre le importazioni sono in crescita

Dettagli

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE 11 dicembre 2013 III Trimestre 2013 LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE Nel terzo trimestre del 2013, rispetto ai tre mesi precedenti, le regioni dell Italia nord-occidentale conseguono una rilevante

Dettagli

Import-export della provincia di Brindisi

Import-export della provincia di Brindisi Import-export della provincia di Brindisi (Dati al I trimestre 2013) L export brindisino nel primo trimestre 2013 registra un -5,7% rispetto al primo trimestre 2012 mentre la regione Puglia registra un

Dettagli

L industria chimica in Toscana. Giugno 2016

L industria chimica in Toscana. Giugno 2016 L industria chimica in Toscana Giugno 2016 Il comparto chimico in Italia Perchè la chimica è importante? Con 52 miliardi di euro prodotti la chimica italiana si colloca al 3 posto in Europa (al 10 nel

Dettagli

Nota sull andamento dell interscambio commerciale nel primo quadrimestre 2014

Nota sull andamento dell interscambio commerciale nel primo quadrimestre 2014 Nota sull andamento dell interscambio commerciale nel primo quadrimestre 2014 I dati Eurostat relativi al primo quadrimestre 2014 indicano un calo dell'interscambio tra Italia e rispetto allo stesso periodo

Dettagli

DELLE ESPORTAZIONI. La provincia di Modena ha esportato merci per 10,7 miliardi, con un aumento del 2,6%

DELLE ESPORTAZIONI. La provincia di Modena ha esportato merci per 10,7 miliardi, con un aumento del 2,6% indicatori 35 In positivo indicatori il bilancio DELLE ESPORTAZIONI 2013 La provincia di ha esportato merci per 10,7 miliardi, con un aumento del 2,6% MAURA MONARI Sia Prometeia sia il Bollettino Economico

Dettagli

VOLA IL MADE IN ITALY NEL MONDO: NEL 2015 HA REALIZZATO UN SALDO COMMERCIALE DI 122 MILIARDI DI EURO

VOLA IL MADE IN ITALY NEL MONDO: NEL 2015 HA REALIZZATO UN SALDO COMMERCIALE DI 122 MILIARDI DI EURO VOLA IL MADE IN ITALY NEL MONDO: NEL 2015 HA REALIZZATO UN SALDO COMMERCIALE DI 122 MILIARDI DI EURO Il saldo commerciale del 2015* (dato dalla differenza tra l export e l import) dei prodotti ascrivibili

Dettagli

LA BILANCIA DEI PAGAMENTI DELLA TECNOLOGIA DELL ITALIA NEL 2015

LA BILANCIA DEI PAGAMENTI DELLA TECNOLOGIA DELL ITALIA NEL 2015 17 ottobre 2016 LA BILANCIA DEI PAGAMENTI DELLA TECNOLOGIA DELL ITALIA NEL 2015 Questa pubblicazione è stata curata da Arcangela De Cata, Enrico Tosti e Simonetta Zappa. 1. L andamento della bilancia dei

Dettagli

STIMA PRELIMINARE DEL COMMERCIO ESTERO EXTRA UE

STIMA PRELIMINARE DEL COMMERCIO ESTERO EXTRA UE 25 marzo 214 Febbraio 214 STIMA PRELIMINARE DEL COMMERCIO ESTERO EXTRA UE A febbraio 214 le esportazioni sono in calo rispetto al mese precedente (-2,%) mentre le importazioni crescono (+1,7%). La flessione

Dettagli

Annuario statistico Commercio estero e attività internazionali delle imprese

Annuario statistico Commercio estero e attività internazionali delle imprese Annuario statistico Commercio estero e attività internazionali delle imprese Nota per la stampa L edizione 2011 dell Annuario statistico Commercio estero e attività internazionali delle imprese, frutto

Dettagli

Variazione % tendenziale 1,0. Elaborazioni Anfia su dati ISTAT *Codici Ateco 29

Variazione % tendenziale 1,0. Elaborazioni Anfia su dati ISTAT *Codici Ateco 29 Con due giorni lavorativi in meno, la produzione industriale cresce ad aprile 2017 solo dell 1% su aprile 2016. L industria manifatturiera registra un aumento tendenziale dello 0,7%, ma il settore automotive

Dettagli

Le esportazioni delle regioni italiane

Le esportazioni delle regioni italiane Le esportazioni delle regioni italiane Gennaio - giugno 2004 17 settembre 2004 Nel primo semestre 2004 il valore delle esportazioni italiane ha registrato un aumento del 5,7 per cento rispetto allo stesso

Dettagli

Comunicato stampa del 24 marzo 2017

Comunicato stampa del 24 marzo 2017 Comunicato stampa del 24 marzo 2017 Brusca frenata dell export in Sardegna: tengono le esportazioni nei Paesi dell Ue grazie al siderurgico, ma la domanda di prodotti sardi è in caduta libera Il 2016 si

Dettagli

Provincia di Brescia: importazioni e esportazioni dati trimestrali (milioni di euro)

Provincia di Brescia: importazioni e esportazioni dati trimestrali (milioni di euro) 2008 1 2008 2 2008 3 2008 4 2009 1 2009 2 2009 3 2009 4 2010 1 2010 2 2010 3 2010 4 2011 1 2011 2 2011 3 2011 4 2012 1 2012 2 2012 3 2012 4 2013 1 2013 2 2013 3 2013 4 2014 1 2014 2 2014 3 2014 4 2015

Dettagli

I dati Import-Export II Trimestre 2015

I dati Import-Export II Trimestre 2015 In collaborazione con il Consorzio Mantova Export Comunicato stampa Mantova, 22 settembre I dati Import-Export II Trimestre Nel primo semestre dell anno, secondo i dati Istat, si conferma la ripresa del

Dettagli

L INTERSCAMBIO CINA ITALIA

L INTERSCAMBIO CINA ITALIA L INTERSCAMBIO CINA ITALIA L interscambio commerciale tra Cina e Italia e cresciuto negli ultimi anni con tassi lievemente decrescenti (+31,9 nel 2006, +27,7 nel 2007, +21,9 nel 2008), per poi subire gli

Dettagli

STIMA PRELIMINARE DEL COMMERCIO ESTERO EXTRA UE

STIMA PRELIMINARE DEL COMMERCIO ESTERO EXTRA UE 3 Ottobre 1 Settembre 1 STIMA PRELIMINARE DEL COMMERCIO ESTERO EXTRA UE A settembre 1, rispetto al mese precedente, entrambi i flussi commerciali presentano un sensibile incremento, più marcato per le

Dettagli

Provincia di Brescia: importazioni e esportazioni dati trimestrali (milioni di euro)

Provincia di Brescia: importazioni e esportazioni dati trimestrali (milioni di euro) 2008 1 2008 2 2008 3 2008 4 2009 1 2009 2 2009 3 2009 4 2010 1 2010 2 2010 3 2010 4 2011 1 2011 2 2011 3 2011 4 2012 1 2012 2 2012 3 2012 4 2013 1 2013 2 2013 3 2013 4 2014 1 2014 2 2014 3 2014 4 2015

Dettagli

Annuario statistico Commercio estero e attività internazionali delle imprese Edizione 2014

Annuario statistico Commercio estero e attività internazionali delle imprese Edizione 2014 29 luglio 2014 Annuario statistico Commercio estero e attività internazionali delle imprese Edizione 2014 Nota per la stampa L edizione 2014 dell Annuario statistico Commercio estero e attività internazionali

Dettagli

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE 11 settembre 2013 II Trimestre 2013 LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE Nel secondo trimestre del 2013, la crescita congiunturale del complesso delle esportazioni dell Italia dello (+0,4%) è la sintesi

Dettagli

Il commercio estero in provincia di Cremona Dati trimestrali in migliaia di euro - provvisori Dati grezzi Dati destagionalizzati

Il commercio estero in provincia di Cremona Dati trimestrali in migliaia di euro - provvisori Dati grezzi Dati destagionalizzati Il commercio estero di beni nella provincia di Cremona 4 trimestre 2014 Dati generali I dati ISTAT del quarto trimestre 2014 sul commercio estero, ancora provvisori, indicano che nel periodo ottobredicembre,

Dettagli

Commercio estero ANALISI BILANCIA COMMERCIALE

Commercio estero ANALISI BILANCIA COMMERCIALE Commercio Estero Commercio estero ANALISI BILANCIA COMMERCIALE Le indagini della congiuntura italiana evidenziano, per l anno 2000, una ripresa delle attività produttive, accompagnata tuttavia da alcune

Dettagli

UNGHERIA CONGIUNTURA ECONOMICA E COMMERCIO ESTERO

UNGHERIA CONGIUNTURA ECONOMICA E COMMERCIO ESTERO UNGHERIA CONGIUNTURA ECONOMICA E COMMERCIO ESTERO 2012 Agenzia per la promozione all estero e e l internazionalizzazione delle imprese italiane Ufficio di Budapest Maggio 2013 IL QUADRO CONGIUNTURALE Congiuntura

Dettagli

Esportazioni Importazioni Saldi. Gen-Ago Gen-Ago

Esportazioni Importazioni Saldi. Gen-Ago Gen-Ago Scambi per settori - Tavola 1 Paese dichiarante: Italia Mercato selezionato: Kazakistan Periodo: Gennaio - Agosto (valori in migliaia di euro) Settori Predefiniti 2005 Esportazioni Importazioni Saldi Var.%

Dettagli

IL COMMERCIO ESTERO MANTOVANO

IL COMMERCIO ESTERO MANTOVANO C O M U N I C A T O S T A M P A IL COMMERCIO ESTERO MANTOVANO Diffusi i dati relativi all import-export 2003 Mantova, 30.03.2004 Dall analisi dei dati sul commercio estero, condotta dal Servizio Informazione

Dettagli

Interscambio commerciale Turchia Mondo 2016

Interscambio commerciale Turchia Mondo 2016 Interscambio commerciale Turchia Mondo 2016 TURCHIA/MONDO 2015 2016 Var% IMPORTAZIONI 207.234.359 198.601.934-4,2% ESPORTAZIONI 143.838.871 142.606.247-0,9% INTERSCAMBIO 351.073.230 341.208.181-2,8% SALDO

Dettagli

Tavola 16.1 - Interscambio commerciale della Puglia - Anni 1994-2004 (dati in migliaia di euro - eurolire fino al 1998)

Tavola 16.1 - Interscambio commerciale della Puglia - Anni 1994-2004 (dati in migliaia di euro - eurolire fino al 1998) Tavola 16.1 - Interscambio commerciale della Puglia - Anni 1994-2004 (dati in migliaia di euro - eurolire fino al 1998) ANNI Interscambio commerciale Esportazioni Var. % Importazioni Var. % Saldi 1994

Dettagli

Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali

Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali 28 agosto 2009 Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali Luglio 2009 Nel mese di luglio 2009, sulla base degli elementi finora disponibili, l indice totale dei prezzi alla produzione dei

Dettagli

Il commercio estero dell Italia con i nuovi paesi membri dell Unione europea

Il commercio estero dell Italia con i nuovi paesi membri dell Unione europea 3 settembre 2004 Il commercio estero dell Italia con i nuovi paesi membri dell Unione europea Ufficio della comunicazione Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. + 39 06 4673.3105

Dettagli

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE 11 giugno 2013 I Trimestre 2013 LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE Nel primo trimestre 2013, rispetto al trimestre precedente, le vendite di beni sui mercati esteri risultano in diminuzione per le

Dettagli

Il commercio estero in provincia di Cremona Dati trimestrali in milioni di euro provvisori per il 2016 ed il

Il commercio estero in provincia di Cremona Dati trimestrali in milioni di euro provvisori per il 2016 ed il Il commercio estero di beni nella provincia di Cremona 2 trimestre 2017 Dati generali I dati di fonte Istat del secondo trimestre 2017 sul commercio estero, ancora provvisori, indicano che nel periodo

Dettagli

Indice. Lo scenario economico globale. Il posizionamento dell Italia. Le imprese italiane e l internazionalizzazione. Focus Emilia-Romagna e Rimini

Indice. Lo scenario economico globale. Il posizionamento dell Italia. Le imprese italiane e l internazionalizzazione. Focus Emilia-Romagna e Rimini 1 2 Indice Lo scenario economico globale Il posizionamento dell Italia Focus Emilia-Romagna e Rimini Le imprese italiane e l internazionalizzazione 3 Evoluzione dell economia globale previsioni 8, Dinamica

Dettagli

OSSERVATORIO DEI SETTORI INDUSTRIALI Aggiornamento del Rapporto Italia Dati macroeconomici. Pag. 1 of 19

OSSERVATORIO DEI SETTORI INDUSTRIALI Aggiornamento del Rapporto Italia Dati macroeconomici. Pag. 1 of 19 OSSERVATORIO DEI SETTORI INDUSTRIALI Aggiornamento del 20.02.2014 Rapporto Italia Dati macroeconomici Pag. 1 of 19 OSSERVATORIO DEI SETTORI INDUSTRIALI Aggiornamento del 20.02.2014 Dati Macroeconomici

Dettagli

Bollettino Mezzogiorno Sardegna

Bollettino Mezzogiorno Sardegna Bollettino Mezzogiorno 01 2017 Sardegna INDICE IL QUADRO MACROECONOMICO 1.1 Struttura economica ed andamento del Pil in Sardegna 1.2 Occupazione e disoccupazione in Sardegna LE IMPRESE 2.1 Struttura e

Dettagli

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE 12 marzo 2014 IV Trimestre 2013 LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE Nel quarto trimestre del 2013, rispetto ai tre mesi precedenti, le vendite di beni sui mercati esteri risultano in diminuzione per

Dettagli

REPORT VINO Scambi internazionali I trimestre 2014

REPORT VINO Scambi internazionali I trimestre 2014 REPORT VINO Scambi internazionali I trimestre 2014 Il punto del primo trimestre 2014 sul commercio internazionale 16 luglio 2014 Battuta d arresto per gli scambi in volume e valore Il primo trimestre del

Dettagli

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 Una leggera frenata del trend che rimane comunque ampiamente positivo nei dieci mesi dell anno: tra gennaio e ottobre sono stati esportati prodotti per 5,3 miliardi,

Dettagli

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE 11 dicembre 2014 III Trimestre 2014 LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE Nel terzo trimestre del 2014, rispetto ai tre mesi precedenti, le vendite di beni sui mercati esteri sono in aumento sia per le

Dettagli

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale PARAGUAY

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale PARAGUAY Istituto nazionale per il Commercio Estero Nota Congiunturale PARAGUAY Gennaio 2011 Nel 2010 l economia paraguaiana ha registrato una eccellente performance presentando cifre storiche di crescita. Secondo

Dettagli

Industria (escl.costruzioni) Settore Automotive* 6,6. Elaborazioni Anfia su dati ISTAT *Codici Ateco 29

Industria (escl.costruzioni) Settore Automotive* 6,6. Elaborazioni Anfia su dati ISTAT *Codici Ateco 29 Nel 2016, negli stabilimenti italiani prodotti oltre 1,1 milioni di autoveicoli: +8,8%. La domanda interna ed estera hanno trainato finora l industria automotive, una delle attività manifatturiere che

Dettagli

COMMERCIO ESTERO MARCHE RUSSIA - DATI 2012

COMMERCIO ESTERO MARCHE RUSSIA - DATI 2012 COMMERCIO ESTERO MARCHE RUSSIA - DATI 2012 Elaborazioni Marzo 2013 Fonte dei dati import export : ISTAT COEWEB REGIONE MARCHE Sistema Informativo Statistico e-mail: Funzione.SIStatistico@regione.marche.it

Dettagli

Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali

Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali 29 maggio 2009 Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali Aprile 2009 Nel mese di aprile 2009, sulla base degli elementi finora disponibili, l indice generale dei prezzi alla produzione

Dettagli

Variazione % tendenziale 2,8. Elaborazioni Anfia su dati ISTAT *Codici Ateco 29

Variazione % tendenziale 2,8. Elaborazioni Anfia su dati ISTAT *Codici Ateco 29 La produzione industriale cresce a maggio 2017 del 2,8% su maggio 2016. L industria manifatturiera registra un aumento tendenziale del 3,1%. Bene il settore automotive, +11,4% la crescita tendenziale a

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 25/11/2014. Le esportazioni del settore Orafo

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 25/11/2014. Le esportazioni del settore Orafo ago-11 ott-11 dic-11 feb-12 apr-12 giu-12 ago-12 ott-12 dic-12 feb-13 apr-13 giu-13 ago-13 ott-13 dic-13 feb-14 apr-14 giu-14 ago-14 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Vicenza Ad agosto 2014

Dettagli

I MPR P ESE S I TA T L A IAN A E E MERCA C T A I T E MERGENT N I T Fabio Cassia

I MPR P ESE S I TA T L A IAN A E E MERCA C T A I T E MERGENT N I T Fabio Cassia 15. IMPRESE ITALIANE E MERCATI EMERGENTI Fabio Cassia Esportazioni: quote dell Italia in volume e a valore Fonte: ICE, 2009. 2 Esportazioni: quote dell Italia in volume e a valore Selezione delle imprese

Dettagli

Bollettino Mezzogiorno Calabria

Bollettino Mezzogiorno Calabria Bollettino Mezzogiorno 01 2017 Calabria INDICE IL QUADRO MACROECONOMICO 1.1 Struttura economica ed andamento del Pil in Calabria 1.2 Occupazione e disoccupazione in Calabria LE IMPRESE 2.1 Struttura e

Dettagli

Esportazioni destag. Esportazioni (grezzo) Importazioni destag. Importazioni (grezzo)

Esportazioni destag. Esportazioni (grezzo) Importazioni destag. Importazioni (grezzo) Il commercio estero di beni nella provincia di Cremona - 2 trimestre 2015 - Dati generali I dati ISTAT del secondo trimestre 2015 sul commercio estero, ancora provvisori, indicano che nel periodo aprile-giugno,

Dettagli

Il quadro del commercio mondiale: opportunità per le imprese. Alessandra Lanza, Prometeia spa

Il quadro del commercio mondiale: opportunità per le imprese. Alessandra Lanza, Prometeia spa Il quadro del commercio mondiale: opportunità per le imprese Alessandra Lanza, Prometeia spa Esportare perché? Fatturato trainato dall export indici mensili del fatturato nel settore manifatturiero (2010=100)

Dettagli

Bollettino Mezzogiorno Basilicata

Bollettino Mezzogiorno Basilicata Bollettino Mezzogiorno 02 2014 Basilicata INDICE IL QUADRO MACROECONOMICO 1.1 1.2 Struttura economica ed andamento del Pil in Basilicata Occupazione e disoccupazione in Basilicata LE IMPRESE 2.1 Struttura

Dettagli

Il commercio estero in provincia di Cremona Dati trimestrali provvisori in migliaia di euro 1 trimestre trimestre 2013 Dati grezzi

Il commercio estero in provincia di Cremona Dati trimestrali provvisori in migliaia di euro 1 trimestre trimestre 2013 Dati grezzi Il commercio estero di beni nella provincia di Cremona - 1 trimestre 2014 - Dati generali I dati ISTAT del primo trimestre 2014 sul commercio estero - ancora provvisori - indicano che nel periodo gennaio-marzo,

Dettagli

Il commercio estero in provincia di Cremona Dati trimestrali in migliaia di euro - provvisori Dati grezzi Dati destagionalizzati

Il commercio estero in provincia di Cremona Dati trimestrali in migliaia di euro - provvisori Dati grezzi Dati destagionalizzati Il commercio estero di beni nella provincia di Cremona 1 trimestre 2015 Dati generali I dati ISTAT del primo trimestre 2015 sul commercio estero, ancora provvisori, indicano che nel periodo gennaiomarzo,

Dettagli

Segno negativo per la produzione industriale a gennaio 2017: -0,5%. Rallenta anche il settore automotive, ma mantiene il segno positivo: +0,5%.

Segno negativo per la produzione industriale a gennaio 2017: -0,5%. Rallenta anche il settore automotive, ma mantiene il segno positivo: +0,5%. Segno negativo per la produzione industriale a gennaio 2017: -0,5%. Rallenta anche il settore automotive, ma mantiene il segno positivo: +0,5%. Produzione industriale Secondo i dati diffusi da ISTAT, a

Dettagli

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE 13 giugno 2011 I Trimestre 2011 LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE Nel primo trimestre 2011 si rileva una crescita congiunturale delle esportazioni per tutte le ripartizioni territoriali, più marcata

Dettagli

Bollettino Mezzogiorno Sardegna

Bollettino Mezzogiorno Sardegna Bollettino Mezzogiorno 02 2014 Sardegna INDICE IL QUADRO MACROECONOMICO 1.1 1.2 Struttura economica ed andamento del Pil in Sardegna Occupazione e disoccupazione in Sardegna LE IMPRESE 2.1 2.2 Struttura

Dettagli

IMPORTAZIONI & ESPORTAZIONI NEL SISTEMA FORESTA-LEGNO-MOBILI

IMPORTAZIONI & ESPORTAZIONI NEL SISTEMA FORESTA-LEGNO-MOBILI IMPORTAZIONI & ESPORTAZIONI NEL SISTEMA FORESTA-LEGNO-MOBILI Oggetto: Analisi delle serie storiche delle importazioni, delle esportazioni e delle produzioni del legno in Italia e dei relativi indici commerciali.

Dettagli

Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali

Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali 29 novembre 2010 Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali Ottobre 2010 Nel mese di ottobre 2010, sulla base degli elementi finora disponibili, l indice totale dei prezzi alla produzione

Dettagli

PREZZI ALLA PRODUZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALLA PRODUZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 30 dicembre 2015 Novembre 2015 PREZZI ALLA PRODUZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI Nel mese di novembre 2015 l indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali diminuisce dello 0,5% rispetto al mese

Dettagli

Bollettino Mezzogiorno Sardegna

Bollettino Mezzogiorno Sardegna Bollettino Mezzogiorno 01 2014 Sardegna INDICE IL QUADRO MACROECONOMICO 1.1 Struttura economica ed andamento del Pil in Sardegna 1.2 Occupazione e disoccupazione in Sardegna LE IMPRESE 1.3 Struttura e

Dettagli

ESPORTAZIONI Distribuzione merceologica

ESPORTAZIONI Distribuzione merceologica BILANCIA COMMERCIALE IN PROVINCIA DI UDINE La bilancia commerciale della provincia di Udine conferma per il 2016 un solido saldo commerciale attivo pari a 2.339 milioni di euro riveniente dalla differenza

Dettagli

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE 11 giugno 2014 I Trimestre 2014 LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE Nel primo trimestre del 2014, rispetto ai tre mesi precedenti, le vendite di beni sui mercati esteri risultano stazionarie per l Italia

Dettagli

Variazione % tendenziale. Industria (escl.costruzioni) -0,6

Variazione % tendenziale. Industria (escl.costruzioni) -0,6 Rallenta la produzione industriale in termini sia congiunturali sia tendenziali per lo stesso valore: -0,6%. Prosegue il trend positivo dell industria automotive: +9,3% su aprile 2016 e +6,6 su maggio

Dettagli

Centro Studi SUPPLEMENTO FOCUS TRIMESTRALE SULL EXPORT DELLA PROVINCIA DI CUNEO I TRIMESTRE 2008

Centro Studi SUPPLEMENTO FOCUS TRIMESTRALE SULL EXPORT DELLA PROVINCIA DI CUNEO I TRIMESTRE 2008 SUPPLEMENTO Centro Studi FOCUS TRIMESTRALE SULL EXPORT DELLA PROVINCIA DI CUNEO I TRIMESTRE 2008 Decr. Trib. di Cuneo n. 71 - Poste Italiane SpA. Spedizione in A.P.- D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004

Dettagli