Silvia Mancini, Elisa Rinaldi, Rosa Vattiato, Fabio Falcini

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Silvia Mancini, Elisa Rinaldi, Rosa Vattiato, Fabio Falcini"

Transcript

1 Silvia Mancini, Elisa Rinaldi, Rosa Vattiato, Fabio Falcini 1

2 # ^ INVASIVI ^ IN SITU *

3 Centro di screening In situ Invasivi Linfomi n medio Totale D06 C53 C83 casi annuo Piacenza # Parma Reggio Emilia * Modena Bologna ^ Imola Ferrara Ravenna Forlì Cesena Rimini Totale RER # Piacenza: fornisce dati per il periodo Parma: fornisce dati per il periodo , con un prescreening diverso rispetto agli altri centri (lo screening incomincia nel invito del 40% della popolazione target - ) * Reggio Emilia fornisce dati per il periodo (senza pre-screening) ^ Bologna: fornisce casi per i periodi: (invasivi) e (in situ) 3

4 CIN2/3-CIN3-CA IS Cancri invasivi Linfomi Totale Centro di casi NON casi NON casi NON casi NON screening casi IARC casi IARC casi IARC casi IARC IARC IARC IARC IARC Piacenza Parma Reggio Emilia Modena Bologna Imola Ferrara Ravenna Forlì Cesena Rimini Totale N = 9937 casistica selezionata sono le lesioni previste dalle regole di codifica IARC registrate in Emilia-Romagna nel periodo

5 Centro di screening CIN2/3-CIN3-CA IS Cancri invasivi Totale n donne 2 lesioni n donne 2 lesioni n donne 2 lesioni Piacenza Parma Reggio Emilia Modena Bologna Imola Ferrara Ravenna Forlì Cesena Rimini Totale è il numero di donne all interno del Registro di Patologia; 46 di queste presentano una seconda lesione. 5

6 Sede CIN2/3-CIN3 Cancro IS Adenocarcinoma invasivo Squamoso invasivo Altro cancro inv. n. tot % Endocervice ,2 Esocervice ,2 Lesione sconfinante della cervice uterina ,9 Cervice NAS ,8 Totale RER ,0 Sede n % Endocervice 28 3,3 Esocervice ,6 Lesione sconfinante della cervice uterina 1 0,1 Cervice NAS ,0 Totale RER ,0 Sede n % Endocervice 55 5,7 Esocervice ,4 Lesione sconfinante della cervice uterina 10 1,0 Cervice NAS ,9 Totale RER ,0 6

7 Tipo istologico n % CIN2/3-CIN3-Cancro IS ,8 Adenocarcinoma invasivo 390 3,9 Squamoso invasivo ,9 Altro cancro invasivo 134 1,3 Totale RER ,0 Morfologia Neoplasia maligna 65 Cellule tum. maligne 1 Carcinoma, NAS 37 Carcinoma a cellule vitree 1 Carcinoma indifferenziato 5 Carcinoma anaplastico 1 Ca a piccole cellule, NAS 2 Ca basocellulare adenoide 1 Tumore carcinoide, NAS 1 Sarcoma, NAS 1 Leiomiosarcoma, NAS 2 Rabdomiosarcoma embrionale, NAS 1 Rabdomiosarcoma alveolare 1 Adenosarcoma 5 Sarcoma stromale, NAS 2 Tumore misto mulleriano 2 Tumore misto mesodermico 1 Carcinosarcoma, NAS 3 Tumore del sacco vitellino 1 Mesonefroma maligno 1 n Totale RER 134 7

8 100% CIN2/3-CIN3-Cancro IS Adenocarcinoma invasivo Squamoso invasivo Altro cancro invasivo 0,7 2,7 1,0 0,7 0,7 1,2 1,6 0,5 1,3 1,3 2,0 3,6 0,6 90% 80% 70% 30,9 4,7 23,2 25,3 3,9 3,1 22,5 22,1 19,9 18,2 21,5 17,9 16,1 3,2 3,7 3,6 4,3 4,2 4,8 4,2 17,3 4,3 17,2 3,9 13,2 3,3 60% 50% 40% 30% 63,7 70,2 70,7 72,6 72,4 74,6 76,5 73,8 77,2 79,4 76,4 75,2 82,8 20% 10% 0% n casi Anno 2006: 3,6% Altro ca invasivo 10 casi con istologia del tumore primitivo derivante solo da SDO e non da istologia. Casi riferiti a donne anziane con tumori avanzati (ct>2 e metastasi a distanza), diagnosticati clinicamente o all atto del decesso. Circa il 36% dei casi non specificati deriva da Bologna 8

9 Adenocarcinoma invasivo Squamoso invasivo Altro cancro invasivo 100% 90% 2,0 9,1 3,2 2,7 2,5 4,7 6,8 1,9 5,8 6,3 8,5 14,7 3,7 80% 70% 60% 50% 85,1 77,9 86,1 82,1 80,0 78,2 77,6 82,1 78,5 78,2 73,1 69,5 76,9 40% 30% 20% 10% 12,8 13,0 10,6 15,2 17,5 17,1 15,6 15,9 15,7 15,5 18,4 15,8 19,4 0% n casi

10 Periodo di diagnosi DCO Clinico Indagini strumentali Citologia Cito/Isto su metastasi Istologia Autopsia Totale ,3 0,0 0,2 0,1 0,3 99,0 0,0 100, ,2 0,0 0,3 0,2 0,1 99,2 0,0 100, ,1 0,1 0,1 0,4 0,2 99,1 0,0 100, ,1 0,0 0,1 0,2 0,2 99,3 0,1 100, ,1 0,2 0,2 0,1 0,0 99,4 0,0 100, ,4 0,5 0,1 0,0 0,1 98,9 0,0 100,0 % 0,2 0,2 0,2 0,2 0,1 99,1 0,0 100,0 Totale RER

11 Periodo di diagnosi DCO Clinico Indagini strumentali Citologia Cito/Isto su metastasi Istologia Autopsia Totale <= 24 anni 0,0 0,0 0,0 0,0 0,0 100,0 0,0 100, anni 0,0 0,0 0,1 0,0 0,0 99,9 0,0 100, anni 0,1 0,1 0,1 0,2 0,3 99,3 0,0 100, anni 1,5 1,1 1,0 1,1 0,3 94,8 0,1 100,0 % 0,2 0,2 0,2 0,2 0,1 99,1 0,0 100,0 Totale RER

12 Tempo tra diagnosi e intervento n % < 1 mese ,0 1-3 mesi ,1 4-6 mesi 7 1, mesi 6 1,5 oltre 24 mesi 88 22,6 Totale RER ,0 DATA DI INTERVENTO CHIRURGICO: data dell intervento più grave che la donna ha ricevuto Tempo tra diagnosi e intervento DATA DI DIAGNOSI: criteri di scelta e priorità: data della prima conferma istologica o citologica certa della neoplasia; data del ricovero ospedaliero durante il quale viene formulata la prima diagnosi di tumore; data del primo esame clinico o strumentale; data di morte per i casi DCO. n % < 1 mese ,2 1-3 mesi ,2 4-6 mesi 85 4, mesi 28 1, mesi 2 0,1 oltre 24 mesi ,8 Totale RER ,0 12

13 Biopsia Conizzazione Isterectomia Cito/isto NAS Ignoto 100% 90% 20,8 15,2 23,5 17,1 9,4 12,9 10,5 8,1 7,6 9,4 7,1 4,8 4,6 80% 70% 60% 50% 40% 63,5 72,2 68,8 73,6 79,5 78,6 84,1 85,9 88,4 85,2 88,0 89,2 88,7 30% 20% 10% 0% n casi 15,8 12,7 7,7 9,2 11,1 8,3 5,2 6,0 4,0 5,4 4,9 5,9 6,

14 No intervento Biopsia Conizzazione Isterectomia Cito/isto NAS Ignoto 100% 90% 80% 70% 60% 68,4 60,0 65,2 70,0 52,4 54,5 68,8 78,8 66,7 66,7 75,7 78,6 73,1 50% 40% 14,3 30% 20% 10% 0% n casi 8,7 24,2 3,3 5,3 10,0 7,5 12,5 14,8 3,8 31,0 12,1 30,0 10,8 10,7 15,8 26,1 20,0 22,5 21,2 18,8 14,8 9,1 10,8 10,7 23,

15 No intervento Biopsia Conizzazione Isterectomia Cito/isto NAS Ignoto 100% 90% 80% 70% 60% 65,1 66,7 62,4 66,2 55,7 58,3 56,6 49,4 55,3 61,8 49,0 55,3 48,5 50% 40% 30% 7,9 6,7 13,4 11,6 12,0 12,6 15,7 14,1 14,0 17,6 23,8 13,8 16,5 20% 10% 24,6 25,0 23,1 20,8 28,1 27,2 27,0 32,4 29,3 20,6 23,8 26,8 33,0 0% n casi

16 No intervento Biopsia Conizzazione Isterectomia Cito/isto NAS Ignoto 100% 90% 6,3 9,6 1,6 2,4 3,2 2,5 4,9 3,2 9,1 1,4 2,9 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% n casi 51,6 6,3 35,9 53,8 15,4 21,2 63,6 18,2 18,2 MO pre MO post IMO pre 88,9 0,0 11,1 IMO post 66,7 8,3 25,0 43,8 18,8 37,5 63,5 11,1 20,6 * Sono esclusi i seguenti centri screening: Piacenza, Parma, Reggio Emilia e Bologna (per rendere possibile il confronto con il prescreening) 50,0 9,6 38,5 78,0 4,9 9,8 58,8 11,8 29,4 FE pre FE post RA pre RA post FO pre FO post CE pre CE post RN pre RN post RER pre RER post ,8 3,2 32,3 45,5 27,3 18,2 82,6 8,7 8,7 56,3 12,5 31,3 64,1 7,8 23,5 53,2 13,7 29,8 16

17 No intervento Biopsia Conizzazione Isterectomia Cito/isto NAS Ignoto 100% 90% 80% 0,6 2,4 9,5 3,9 45,9 12,5 22,0 6,0 30,6 11,4 22,6 2,9 21,8 3,9 17,5 5,0 70% 60% 50% 40% 30% 99,4 95,1 83,3 92,2 37,8 64,1 58,2 88,7 61,1 81,8 64,3 91,2 41,0 90,6 68,5 89,0 20% 37,2 10% 0% n casi 2,4 7,1 MO pre MO post IMO pre 3,9 IMO post 16,2 23,4 19,9 5,4 8,3 6,8 FE pre FE post RA pre RA post FO pre FO post CE pre CE post RN pre RN post RER pre RER post ,1 5,9 5,5 14,0 6,0 * Sono esclusi i seguenti centri screening: Piacenza, Parma, Reggio Emilia e Bologna (per rendere possibile il confronto con il prescreening) 17

18 No intervento Biopsia Conizzazione Isterectomia Cito/isto NAS 100% 90% 80% 70% 60% 50,0 39,0 66,9 72,6 72,2 57,0 29,4 3,9 50% 40% 30% 40,0 50,8 6,4 56,2 20% 23,8 8,7 6,2 33,0 10% 0% n casi 16,7 18,0 10,0 6,2 7, anni anni anni anni anni anni 75 + anni

19 Non eseguita Eseguita Ignoto 100% 90% 6,7 2,8 4,3 1,9 3,8 6,1 3,1 1,6 9,6 80% 70% 60% 45,8 51,5 57,4 53,5 37,9 65,2 54,2 55,9 50,9 45,3 47,6 54,3 50% 40% 30% 20% 10% 54,2 41,8 39,8 46,5 59,6 30,4 43,9 40,3 43,0 51,6 50,8 36,1 0% n casi Piacenza Parma Reggio Emilia 2,6 Modena Bologna Imola Ferrara Ravenna Forlì Cesena Rimini Totale RER

20 100% 90% 18,8 Non eseguita Eseguita Ignoto 7,4 9,1 9,6 9,5 11,3 80% 70% 60% 80,0 60,7 58,0 53,1 48,0 38,0 50% 65,2 40% 30% 20% 31,9 33,0 37,3 42,5 50,7 10% 20,0 15,9 0% n casi 15-24anni 25-34anni 35-44anni 45-54anni 55-64anni 65-74anni 75+anni

21 Pre-screening 0,5 Dubbio o inclassificabile 4,6 Ca in donne mai rispondenti 16,6 Ca in donne escluse 1,3 Ca in donne non invitate 5,8 Ca intervallo ^ 3,4 Il 68% dei casi è stato diagnosticato all interno del programma di screening Rifiuti II livello Early recall Early rescreen Screen-detected II+ Screen-detected I 0,5 1,2 6,4 17,4 42, ^ i cancri di intervallo sono diagnosticati entro 36 mesi da un test di screening negativo 21

22 SD I-II Early rescreen-recall Rifiuti II livello Ca interv Non invitate/escluse Non rispondenti Dubbio Pre-screening 100% 90% 80% 70% 60% 6,3 1,6 6,1 32,6 2,1 4,7 2,3 3,5 4,0 1,4 1,2 10,8 9,0 8,4 16,8 23,0 21,5 18,9 16,2 20,3 10,0 13,7 14,4 21,6 1,3 2,1 4,8 2,1 2,9 7,0 6,1 5,5 14,5 2,9 4,2 4,5 4,6 3,0 3,7 2,6 3,2 1,8 4,8 13,7 6,8 7,3 11,0 2,4 5,9 8,6 9,1 3,0 5,7 13,4 50% 100,0 100,0 1,1 40% 30% 51,8 59,3 61,4 58,5 59,7 59,0 63,0 63,2 60,5 56,3 61,7 20% 10% 0% n casi

23 Pre-screening 20,5 23,1 35,9 20,5 Dubbio o inclassificabile 29,4 32,5 26,6 11,6 Ca in donne mai rispondenti 25,3 37,5 23,5 13,8 Ca in donne escluse 28,6 39,8 15,3 16,3 Ca in donne non invitate 37,9 35,9 16,1 10,1 Ca intervallo ^ 32,2 39,0 16,7 12,1 Rifiuti II livello 22,9 34,3 31,4 11,4 Early recall 34,2 35,8 18,8 11,1 Early rescreen 36,8 35,8 14,7 12,6 Screen-detected II+ 31,3 42,8 15,6 10,2 Screen-detected I 37,7 34,5 16,8 11, anni anni anni anni ^ i cancri di intervallo sono diagnosticati entro 36 mesi da un test di screening negativo 23

24 Stato di screening Microinvasivi altro pt1 pt2+ Totale RER n % n % n % n % Screen-detected I 87 43, , , ,8 Screen-detected II ,5 64 9,1 7 4, ,5 Early rescreen 1 0,5 8 1,1 0 0,0 9 0,8 Early recall 17 8,5 24 3,4 2 1,2 43 4,0 Rifiuti II livello 0 0,0 3 0,4 4 2,3 7 0,7 Ca intervallo ^ 5 2,5 43 6,1 8 4,7 56 5,2 Ca in donne non invitate 12 6,0 58 8, ,2 91 8,5 Ca in donne escluse 4 2,0 16 2,3 1 0,6 21 2,0 Ca in donne mai rispondenti 32 16, , , ,3 Dubbio o inclassificabile 11 5,5 44 6,3 16 9,3 71 6,6 Pre-screening 0 0,0 4 0,6 3 1,7 7 0,7 Totale RER , , , ,0 ^ i cancri di intervallo sono diagnosticati entro 36 mesi da un test di screening negativo 24

25 Stato di screening CIN2/3-CIN3-CA IS Adenocarcinomi inv Squamosi inv Altro ca inv Totale RER n % n % n % n % n % Screen-detected I , , ,4 6 14, ,2 Screen-detected II , ,5 84 7,7 1 2, ,4 Early rescreen 83 1,3 3 1,3 8 0,7 1 2,4 95 1,2 Early recall 447 7,1 13 5,6 33 3,0 1 2, ,4 Rifiuti II livello 26 0,4 2 0,9 7 0,6 0 0,0 35 0,5 Ca intervallo ^ 188 3, ,2 40 3, , ,4 Ca in donne non invitate 322 5,1 15 6, ,8 2 4, ,8 Ca in donne escluse 69 1,1 5 2,2 23 2,1 1 2,4 98 1,3 Ca in donne mai rispondenti , , , , ,6 Dubbio o inclassificabile 262 4,2 19 8,2 70 6,4 3 7, ,6 Pre-screening 30 0,5 0 0,0 9 0,8 0 0,0 39 0,5 Totale RER , , , , ,0 ^ i cancri di intervallo sono diagnosticati entro 36 mesi da un test di screening negativo 25

26 Centro CIN2/3 - CIN3 e in situ Ca invasivi Screen-detected (%) Non screen-detected (%) Screen-detected (%) Non screen-detected (%) Piacenza 62,7 37,3 36,7 63,3 Parma 50,7 49,3 29,5 70,5 Reggio Emilia 81,5 18,5 52,4 47,6 Modena 74,0 26,0 42,2 57,8 Bologna 62,1 37,9 41,5 58,5 Imola 89,4 10,6 55,3 44,7 Ferrara 82,7 17,3 49,3 50,7 Ravenna 75,6 24,4 47,7 52,3 Forlì 50,2 49,8 28,0 72,0 Cesena 74,1 25,9 48,3 51,7 Rimini 71,3 28,7 47,6 52,4 Totale RER 71,8 28,2 43,4 56,6 26

27 Tasso grezzo per ab Screen-detected I-II Rifiuti II livello Ca in donne non invitate o escluse Pre-screening Early rescreen - Early recall Ca intervallo^ Ca in donne mai rispondenti ^ i cancri di intervallo sono diagnosticati entro 36 mesi da un test di screening negativo Nel grafico non sono rappresentati i casi con stato di screening Dubbio o inclassificabile (n=262) 27

28 Tasso grezzo per ab Screen-detected I-II Rifiuti II livello Ca in donne non invitate o escluse Pre-screening Early rescreen - Early recall Ca intervallo^ Ca in donne mai rispondenti ^ i cancri di intervallo sono diagnosticati entro 36 mesi da un test di screening negativo Nel grafico non sono rappresentati i casi con stato di screening Dubbio o inclassificabile (n=92) 28

29 Tempo intercorso n % <6 mesi 24 5, mesi 37 9, mesi 47 11, mesi 67 16, mesi 97 24, mesi 34 8, mesi 95 23,69 Totale RER ,0 CANCRI INTERVALLO Classe di età n % 25-34anni 85 31, anni , anni 44 16, anni 32 11, anni 8 2,9 Totale RER ,0 29

30 pt n % Cancro in situ ,6 Microinvasivo 5 1,8 Altro pt ,2 pt ,0 ignoto 20 7,4 Totale ,0 Istologia n % CIN2/3-CIN3+Ca IS ,6 Adenocarcinoma invasivo 27 9,9 Squamoso invasivo 43 15,8 Altro Cancro invasivo 10 3,7 Totale ,0 30

31 N progressivo del tumore CIN2/3-CIN3-CA IS Adenocarcinoma invasivo Squamoso invasivo Altro Cancro invasivo Totale Tumori unici Primo di più tumori Secondo di più tumori Terzo di più tumori Quarto di quattro tumori Totale Nelle elaborazioni sui tumori multipli sono inclusi anche i casi non previsti dalle regole di registrazione IARC 31

32 Numeri assoluti Prima lesione CIN2/3-CIN3- CA IS Seconda lesione Adenocarcinoma invasivo Squamoso invasivo Totale CIN2/3-CIN3-CA IS Adenocarcinoma invasivo Squamoso invasivo Altro Cancro invasivo Totale Prima lesione CIN2/3-CIN3-CA IS Seconda lesione Adenocarcinoma invasivo Squamoso invasivo Percentuali Totale CIN2/3-CIN3-CA IS 81,1 5,6 13,3 100,0 Adenocarcinoma invasivo 69,2 7,7 23,1 100,0 Squamoso invasivo 33,3 50,0 16,7 100,0 Altro Cancro invasivo 100,0 0,0 0,0 100,0 Totale 77,3 8,2 14,5 100,0 Nelle elaborazioni sui tumori multipli sono inclusi anche i casi non previsti dalle regole di registrazione IARC 32

33 % , , ,8 13,6 10 7,3 8,2 5 0 entro 1 mese 1-6 mesi 7-12 mesi mesi mesi oltre 24 mesi Nelle elaborazioni sui tumori multipli sono inclusi anche i casi non previsti dalle regole di registrazione IARC 33

34 1 intervento 2 intervento biopsia conizzazione isterectomia Totale biopsia conizzazione isterectomia Totale Nelle elaborazioni sui tumori multipli sono inclusi anche i casi non previsti dalle regole di registrazione IARC 34

35 Tassi std per abitanti 40,0 35,0 30,0 25,0 20,0 15,0 10,0 Variazione % annua = 0,7% 5,0 0, CIN2/3+in situ CIN2/3+in situ - trend I tassi sono standardizzati per età sulla popolazione Europea 35

36 Tassi std per abitanti 2,0 1,8 1,6 1,4 1,2 1,0 0,8 0,6 0,4 Variazione % annua = -2,4% 0,2 0, Adenoca invasivo Adenoca invasivo - trend I tassi sono standardizzati per età sulla popolazione Europea 36

37 Tassi std per abitanti 10,0 9,0 8,0 7,0 6,0 5,0 4,0 3,0 2,0 1,0 0,0 Variazione % annua = -6,3%* (*statisticamente significativo) Squamoso invasivo Squamoso invasivo - trend I tassi sono standardizzati per età sulla popolazione Europea 37

38 Tassi std per abitanti Microinvasivi altro pt1 pt APC pt1 = - 8,5%* 2 APC pt2+ = - 4,8%* 1 0 APC microinv = - 2,8% I tassi sono standardizzati per età sulla popolazione Europea APC = Variazione percentuale annua (Annual Percent Change) * Statisticamente significativo 38

39 Tassi std per ab , ,3 11,2 10,4 8, ,9 5,1 4,3 3,5 4,3 7,5 6,2 2,6 6,3 5,2 5,1 2 0 Modena Imola Ferrara Ravenna Forlì Cesena Rimini RER I tassi sono standardizzati per età sulla popolazione Europea Sono esclusi i centri che non forniscono il pre-screening: Piacenza, Parma, Reggio Emilia e Bologna 39

40 Tassi per abitanti CIN2/3+in situ Adenoca invasivo Squamo invasivo anni anni anni anni anni anni 75+ anni I tassi sono specifici per classe di età 40

41 % 100 RS 5 anni (%) media regionale ,2 74,6 71,6 71,2 68,2 55,6 62,6 73,6 63,7 74,2 65, Piacenza Parma Reggio Emilia Modena Bologna Imola Ferrara Ravenna Forlì Cesena Rimini * Sono esclusi i casi DCO e i secondi tumori. La sopravvivenza attesa è la sopravvivenza della RER. Il 31/12/2008 è la data di fine follow-up. 41

42 % ,9 89, ,6 75,5 73,3 70, anno 3 anni 5 anni Adenoca invasivo Squamo invasivo * Sono esclusi i casi DCO e i secondi tumori. La sopravvivenza attesa è la sopravvivenza della RER. Il 31/12/2008 è la data di fine follow-up. 42

43 % Adenocarcinomi Squamosi 100,0 90,0 80,0 79,4 81,5 91,1 80,5 70,0 60,0 69,4 67,4 70,4 74,7 50,0 40,0 30,0 20,0 10,0 0,0 n casi squamo ^ n casi adeno * Sono esclusi i centri di screening che non forniscono casi per l'intero periodo (Piacenza, Parma, Reggio e Bologna). Si sono esclusi anche i casi DCO e i secondi tumori. La sopravvivenza attesa è la sopravvivenza della RER. Il 31/12/2008 è la data di fine follow-up. ^ Coorte : la sopravvivenza a 5 anni è calcolata con l approccio di periodo. 43

44 Periodo di diagnosi Adenoca invasivo Squamo invasivo n pt2+ % pt2+ n pt2+ % pt , , ,1 16 8, , , , ,2 * Sono esclusi i centri di screening che non forniscono casi per il periodo prescreening (Piacenza, Parma, Reggio e Bologna). 44

45 % nsd sd 100,0 90,0 80,0 92,3 89,9 91,4 90,9 70,0 60,0 50,0 70,2 59,5 58,9 59,4 40,0 30,0 20,0 10,0 0,0 n casi nsd n casi sd ^ * Sono esclusi i centri di screening che non forniscono casi per l'intero periodo (Piacenza, Parma, Reggio e Bologna). Si sono esclusi anche i casi DCO e i secondi tumori. La sopravvivenza attesa è la sopravvivenza della RER. Il 31/12/2008 è la data di fine follow-up. ^ Coorte : la sopravvivenza a 5 anni è calcolata con l approccio di periodo. 45

46 Periodo di diagnosi Screen-Detected Non Screen-Detected n pt2+ % pt2+ n pt2+ % pt , , , , , , ,7 * Sono esclusi i centri di screening che non forniscono casi per il periodo prescreening (Piacenza, Parma, Reggio e Bologna). 46

47 47

Il Registro tumori di patologia della Regione Emilia-Romagna: cosa è cambiato nella patologia tumorale colorettale?

Il Registro tumori di patologia della Regione Emilia-Romagna: cosa è cambiato nella patologia tumorale colorettale? Il Registro tumori di patologia della Regione Emilia-Romagna: cosa è cambiato nella patologia tumorale colorettale? Fabio Falcini, Orietta Giuliani, Silvia Mancini, Alessandra Ravaioli, Rosa Vattiato Registro

Dettagli

Registro dei Tumori del Collo dell Utero dell Emilia Romagna

Registro dei Tumori del Collo dell Utero dell Emilia Romagna Registro dei Tumori del Collo dell Utero dell Emilia Romagna Alessandra Ravaioli Bologna, 23 febbraio 2006 Che cos è? nasce con l obiettivo di valutare il programma di screening cervicale registra i casi

Dettagli

Analisi dei dati sull impatto dello screening dal registro di patologia regionale F. FALCINI

Analisi dei dati sull impatto dello screening dal registro di patologia regionale F. FALCINI La sorveglianza epidemiologica dello screening mammografico nella Regione Emilia-Romagna Seminario di studio Bologna, 18 marzo 2013 Analisi dei dati sull impatto dello screening dal registro di patologia

Dettagli

L impatto dello screening nei tumori femminili in Emilia-Romagna

L impatto dello screening nei tumori femminili in Emilia-Romagna L impatto dello screening nei tumori femminili in Emilia-Romagna Dott. Fabio Falcini Responsabile U.O. Prevenzione Oncologica-AUSL Forlì- Ravenna Direttore U.O. Registro Tumori della Romagna-R.T.Ro-IRST

Dettagli

Analisi dei dati sull impatto dello screening dal registro di patologia regionale

Analisi dei dati sull impatto dello screening dal registro di patologia regionale La sorveglianza epidemiologica dello screening mammografico nella Regione Emilia-Romagna Seminario di studio Bologna, 1 marzo 2012 Analisi dei dati sull impatto dello screening dal registro di patologia

Dettagli

Il polipo cancerizzato Dimensione del problema

Il polipo cancerizzato Dimensione del problema Reggio Emilia, 7 Aprile 2011 Il polipo cancerizzato Dimensione del problema Lucia Mangone Azienda Ospedaliera Reggio Emilia La dimensione del problema. dipende - Emilia-Romagna: Fabio Falcini - Ferrara:

Dettagli

Analisi degli indicatori e dei trend temporali

Analisi degli indicatori e dei trend temporali Analisi degli indicatori e dei trend temporali Fabio Falcini, Silvia Mancini, Paolo Collarile, Orietta Giuliani, Rosa Vattiato Registro Tumori della Romagna IRCCS Istituto Scientifico Romagnolo per lo

Dettagli

Tempi di attesa per il trattamento chirurgico dei tumori della mammella: sistemi di rilevazione regionali e nazionali e loro criticità

Tempi di attesa per il trattamento chirurgico dei tumori della mammella: sistemi di rilevazione regionali e nazionali e loro criticità Seminario di studio Tempi di attesa per il trattamento chirurgico dei tumori della mammella: sistemi di rilevazione regionali e nazionali e loro criticità Bologna, 23 marzo 2015 P Sassoli de Bianchi; M

Dettagli

Il nuovo progetto Impatto degli screening oncologici. Screening Cervicale. XIV Riunione AIRTUM Sabaudia Aprile 2010

Il nuovo progetto Impatto degli screening oncologici. Screening Cervicale. XIV Riunione AIRTUM Sabaudia Aprile 2010 Il nuovo progetto Impatto degli screening oncologici Screening Cervicale XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 Razionale Lo screening tramite Pap-test permette di ridurre i tassi di incidenza

Dettagli

Registro Tumori della Romagna

Registro Tumori della Romagna Istituto Oncologico Romagnolo Registro Tumori della Romagna Survey screening tumori colorettali: illustrazione ed analisi delle criticità rilevate nella gestione del tracciato record individuale e dei

Dettagli

Carlo Naldoni, Priscilla Sassoli de Bianchi Assessorato politiche per la Salute Regione Emilia-Romagna

Carlo Naldoni, Priscilla Sassoli de Bianchi Assessorato politiche per la Salute Regione Emilia-Romagna XI Convegno Osservatorio Nazionale Screening Palermo, 13 dicembre 2012 Carlo Naldoni, Priscilla Sassoli de Bianchi Assessorato politiche per la Salute Regione Emilia-Romagna La regione Emilia-Romagna nell

Dettagli

I TUMORI OGGETTO DI SCREENING: SPECIFICITA DELLA REGISTRAZIONE E VARIABILI AGGIUNTIVE

I TUMORI OGGETTO DI SCREENING: SPECIFICITA DELLA REGISTRAZIONE E VARIABILI AGGIUNTIVE I TUMORI OGGETTO DI SCREENING: SPECIFICITA DELLA REGISTRAZIONE E VARIABILI AGGIUNTIVE Orietta Giuliani Registro Tumori della Romagna IRCCS Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori

Dettagli

I tumori ginecologici

I tumori ginecologici I tumori ginecologici Baracco M, Bovo E, Dal Cin A, Fiore AR, Greco A, Guzzinati S, Monetti D, Rosano A, Stocco CF, Tognazzo S, Zorzi M e Zambon P. Indice 1 Indicatori. 2 Nuovi casi di tumori stimati in

Dettagli

Lo screening per il. cervicocarcinoma; in Italia, nel Veneto, nell Ulss 21. Dr Paolo Bulgarelli

Lo screening per il. cervicocarcinoma; in Italia, nel Veneto, nell Ulss 21. Dr Paolo Bulgarelli Lo screening per il 31 cervicocarcinoma; in Italia, nel Veneto, nell Ulss 21 Dr Paolo Bulgarelli UOC ostetricia e ginecologia Direttore: Dr. Pietro Catapano Ospedale Mater Salutis, Legnago 31 Marzo 2012

Dettagli

Screening Citologico. Azienda ULSS n 21. Legnago. anno 2010

Screening Citologico. Azienda ULSS n 21. Legnago. anno 2010 Screening Citologico Azienda ULSS n 21 Legnago anno 2010 Note. 1. Come anticipato nelle riunioni annuali del 2006, si introduce la suddivisione tra coorte invitate e coorte screenate. La coorte invitate

Dettagli

Sistema di Sorveglianza PASSI AUSL di Modena

Sistema di Sorveglianza PASSI AUSL di Modena Diagnosi precoce delle neoplasie del colon-retto Le neoplasie del colon-retto rappresentano la seconda causa di morte per tumore sia negli uomini (1 dei decessi oncologici) sia nelle donne (12) e sono

Dettagli

Lo screening colorettale: i dati nazionali e regionali di estensione ed adesione. Carlo Naldoni

Lo screening colorettale: i dati nazionali e regionali di estensione ed adesione. Carlo Naldoni Lo screening colorettale: i dati nazionali e regionali di estensione ed adesione Carlo Naldoni Lo screening colo-rettale: i dati nazionali al 31/12/2011 e regionali al 31/12/2012 di estensione e adesione

Dettagli

I Ricoveri ospedalieri da Incidente stradale

I Ricoveri ospedalieri da Incidente stradale Aspetti significativi dello studio Incidenti stradali in Emilia-Romagna anni 1995-2007 Nicoletta Bertozzi Patrizia Vitali Dipartimento Sanità Pubblica Ausl Cesena Bologna, 9 luglio 2010 I Ricoveri ospedalieri

Dettagli

Servizio Sanitario Nazionale

Servizio Sanitario Nazionale Servizio Sanitario Nazionale Analisi e riflessione sul rilevamento dei dati e risultati dell attività del II livello screening (diagnosi e terapia) Risultati attività Dipartimento 4 M. Pia Alibrandi Audit

Dettagli

Quali feedback dai risultati della survey? il secondo livello dello screening

Quali feedback dai risultati della survey? il secondo livello dello screening Quali feedback dai risultati della survey? Focus 3: il secondo livello dello screening Paola Garutti Clinica Ostetrica e Ginecologica Ferrara (Direttore: Prof Pantaleo Greco) Focus sul II livello Screening

Dettagli

SCREENING MAMMOGRAFICO E REGISTRO TUMORI DI POPOLAZIONE VALUTAZIONE DEI PRIMI TRE ANNI DI ATTIVITA' COORDINATA

SCREENING MAMMOGRAFICO E REGISTRO TUMORI DI POPOLAZIONE VALUTAZIONE DEI PRIMI TRE ANNI DI ATTIVITA' COORDINATA SCREENING MAMMOGRAFICO E REGISTRO TUMORI DI POPOLAZIONE VALUTAZIONE DEI PRIMI TRE ANNI DI ATTIVITA' COORDINATA * Fabio Pannozzo *Susanna Busco, **Giuseppe Cerimoniale, **Paola Bellardini, *Leonarda Macci,

Dettagli

Stefano Ferretti Registro Tumori della provincia di Ferrara

Stefano Ferretti Registro Tumori della provincia di Ferrara La sorveglianza epidemiologica dello screening dei tumori del colon-retto nella Regione Emilia-Romagna Seminario di Studio Bologna, 3 marzo 2009 Stefano Ferretti Registro Tumori della provincia di Ferrara

Dettagli

Andrea Gini e Martina Taborelli, Diego Serraino, Guglielmo Ronco, Paolo Giorgi Rossi, Marco Zappa, Antonella Franzo, Stefano Ferretti, Fabio Falcini,

Andrea Gini e Martina Taborelli, Diego Serraino, Guglielmo Ronco, Paolo Giorgi Rossi, Marco Zappa, Antonella Franzo, Stefano Ferretti, Fabio Falcini, Andrea Gini e Martina Taborelli, Diego Serraino, Guglielmo Ronco, Paolo Giorgi Rossi, Marco Zappa, Antonella Franzo, Stefano Ferretti, Fabio Falcini, Francesco La Rosa, Carmen Beatriz Visioli, Massimo

Dettagli

Aggiornamenti sullo studio IMPATTO

Aggiornamenti sullo studio IMPATTO Incontro Annuale Screening Mammografico Aggiornamenti sullo studio IMPATTO Manuel Zorzi Istituto Oncologico Veneto - Registro Tumori del Veneto Studio Impatto studio multicentrico italiano casistiche di

Dettagli

Il programma di screening della cervice uterina: risultati, criticità e prospettive

Il programma di screening della cervice uterina: risultati, criticità e prospettive CORSO di FORMAZIONE Strategie di comunicazione e advocacy per promuovere lo screening della cervice uterina presso le fasce di popolazione più svantaggiate evento residenziale: Cesena, 15 e 16 ottobre

Dettagli

L impatto dei programmi di screening sull incidenza del cancro della cervice uterina in Emilia-Romagna ( )

L impatto dei programmi di screening sull incidenza del cancro della cervice uterina in Emilia-Romagna ( ) L impatto dei programmi di screening sull incidenza del cancro della cervice uterina in Emilia-Romagna (1996-2008) Stefania Caroli, Paolo Giorgi Rossi, Silvia Mancini, Priscilla Sassoli de' Bianchi, Alba

Dettagli

REGIONE PIEMONTE SCREENING 2005 REPORT 2007

REGIONE PIEMONTE SCREENING 2005 REPORT 2007 Servizio Sanitario Nazionale REGIONE PIEMONTE SCREENING 25 REPORT 27 WORKSHOP 22 OTTOBRE 27 II livello screening cervicocarcinoma Azienda Ospedaliere OIRM S.Anna TORINO Sede normata da convenzione Relatore

Dettagli

VALUTAZIONE TEMPORALE DEI TUMORI DIAGNOSTICATI CON STADIO III+ IN REGIONE EMILIA-ROMAGNA

VALUTAZIONE TEMPORALE DEI TUMORI DIAGNOSTICATI CON STADIO III+ IN REGIONE EMILIA-ROMAGNA VALUTAZIONE TEMPORALE DEI TUMORI DIAGNOSTICATI CON STADIO III+ IN REGIONE EMILIA-ROMAGNA Orietta Giuliani 1, Alessandra Ravaioli 1, Silvia Mancini 1, Rosa Vattiato 1, Lauro Bucchi 1, Fabio Falcini 1,1,

Dettagli

Lo screening mammografico: i dati nazionali e regionali di estensione ed adesione. Carlo Naldoni

Lo screening mammografico: i dati nazionali e regionali di estensione ed adesione. Carlo Naldoni Lo screening mammografico: i dati nazionali e regionali di estensione ed adesione Carlo Naldoni Programma Lo screening mammografico: i dati nazionali e regionali di estensione ed adesione C. Naldoni La

Dettagli

Lo Screening dei tumori del collo dell utero. Raffaella Andresini

Lo Screening dei tumori del collo dell utero. Raffaella Andresini Lo Screening dei tumori del collo dell utero Raffaella Andresini Modena, 11 Novembre 2014 Aggiornamento sui risultati nell AUSL di Modena Aggiornamento sui risultati del I livello Aggiornamento sui risultati

Dettagli

E possibile applicare la metodologia dello Studio Impact al colon retto?

E possibile applicare la metodologia dello Studio Impact al colon retto? Gruppo Italiano Screening Colorettale E possibile applicare la metodologia dello Studio Impact al colon retto? Dott. Fabio Falcini Registro Tumori della Romagna Napoli - 11 dicembre 2006 1 Lo Studio Impact:

Dettagli

POPOLAZIONE RESIDENTE MINORENNE

POPOLAZIONE RESIDENTE MINORENNE POPOLAZIONE RESIDENTE MINORENNE Popolazione residente totale e minorenne per provincia di residenza in Emilia-Romagna al 1.1.214 Provincia valori assoluti composizione % Totale di cui Minorenni Totale

Dettagli

SCREENING 2009 REPORT APPROFONDOMENTI DIAGNOSTICI E TRATTAMENTI NELL ARCHIVIO DELLO SCREENING Giovanni MAINA

SCREENING 2009 REPORT APPROFONDOMENTI DIAGNOSTICI E TRATTAMENTI NELL ARCHIVIO DELLO SCREENING Giovanni MAINA Servizio Sanitario Nazionale Azienda Ospedaliera OIRM - S.Anna TORINO SCREENING 9 REPORT WORKSHOP 3 maggio APPROFONDOMENTI DIAGNOSTICI E TRATTAMENTI NELL ARCHIVIO DELLO SCREENING Giovanni MAINA S.S. Dip..

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI

SINTESI DEI RISULTATI Nell 22 in provincia di Modena sono stati diagnosticati 4138 nuovi casi di tumore, 2335 tra gli uomini e 183 tra le donne. Sempre nello stesso periodo sono deceduti per tumore 1159 uomini e 811 donne.

Dettagli

Sintesi dei risultati

Sintesi dei risultati Sintesi dei risultati Il presente volume riporta il quadro epidemiologico della patologia oncologica per l anno 211 nelle province di odena e Parma. Per l analisi dei trend temporali è stato considerato

Dettagli

Programmi di screening

Programmi di screening Programmi di screening Identità e differenze Alberto Bellomi Centro di diagnostica istocitologica Azienda Ospedaliera Carlo Poma Mantova Identità Prevenzione del cervicocarcinoma (squamoso? ghiandolare?)

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DEL COLON RETTO IN VENETO

EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DEL COLON RETTO IN VENETO EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DEL COLON RETTO IN VENETO Registro Tumori del Veneto settembre 213 Baracco M, Bovo E, Dal Cin A, Fiore AR, Greco A, Guzzinati S, Monetti D, Rosano A, Stocco CF, Tognazzo S, Zorzi

Dettagli

Lo screening fa la differenza? La diagnosi è oggi più precoce? Corradini Rossella Paolo Trande Rita Conigliaro Alberto Merighi

Lo screening fa la differenza? La diagnosi è oggi più precoce? Corradini Rossella Paolo Trande Rita Conigliaro Alberto Merighi Lo screening fa la differenza? La diagnosi è oggi più precoce? Corradini Rossella Paolo Trande Rita Conigliaro Alberto Merighi Il programma regionale Emilia Romagna Prevenzione e diagnosi precoce del

Dettagli

XI CONVEGNO NAZIONALE GISCOR. La rilevazione dei cancri di intervallo come best practice dei programmi di screening Un esperienza regionale

XI CONVEGNO NAZIONALE GISCOR. La rilevazione dei cancri di intervallo come best practice dei programmi di screening Un esperienza regionale XI CONVEGNO NAZIONALE GISCOR La rilevazione dei cancri di intervallo come best practice dei programmi di screening Un esperienza regionale 10-11 Novembre Firenze Cinzia Campari Centro Screening AUSL di

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DEL MELANOMA CUTANEO IN VENETO

EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DEL MELANOMA CUTANEO IN VENETO dicembre 213 EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DEL MELANOMA CUTANEO IN VENETO Registro Tumori del Veneto Baracco M, Bovo E, Dal Cin A, Fiore AR, Greco A, Guzzinati S, Monetti D, Rosano A, Stocco CF, Tognazzo S,

Dettagli

In Italia il tumore della cervice uterina da molto tempo è oggetto di screening spontaneo e organizzato.

In Italia il tumore della cervice uterina da molto tempo è oggetto di screening spontaneo e organizzato. Allegato A PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA Background Epidemiologico Esclusi i carcinomi della cute, In Italia i cinque tumori più frequentemente diagnosticati

Dettagli

Andamento dello screening in Emilia- Romagna

Andamento dello screening in Emilia- Romagna Venerdì 30 Marzo 2007 Ferrara Diagnosi e trattamento dei polipi colo-rettali: problematiche emergenti nel programma di screening dei tumori del colon-retto Andamento dello screening in Emilia- Romagna

Dettagli

DATI PRELIMINARI SULLA INCIDENZA DELLE PATOLOGIE DA SILICE IN EMILIA ROMAGNA IVAN PAREDES AZIENDA USL MODENA PARMA 27 MARZO 2009 BANCHE DATI

DATI PRELIMINARI SULLA INCIDENZA DELLE PATOLOGIE DA SILICE IN EMILIA ROMAGNA IVAN PAREDES AZIENDA USL MODENA PARMA 27 MARZO 2009 BANCHE DATI DATI PRELIMINARI SULLA INCIDENZA DELLE PATOLOGIE DA SILICE IN EMILIA ROMAGNA IVAN PAREDES AZIENDA USL MODENA INAIL SPSAL SDO ALTRE: BANCHE DATI REPARTI OSPEDALIERI MMG PROCURA DELLA REPUBBLICA BANCA DATI

Dettagli

I TRATTAMENTI. WORKSHOP 19 settembre Giovanni MAINA. Azienda Ospedaliera CITTA DELLA SALUTE E DELLA SCIENZA DI TORINO PRESIDIO SANT ANNA ANNA

I TRATTAMENTI. WORKSHOP 19 settembre Giovanni MAINA. Azienda Ospedaliera CITTA DELLA SALUTE E DELLA SCIENZA DI TORINO PRESIDIO SANT ANNA ANNA Servizio Sanitario Nazionale Azienda Ospedaliera CITTA DELLA SALUTE E DELLA SCIENZA DI TORINO PRESIDIO SANT ANNA ANNA WORKSHOP 9 settembre SCREENING REPORT I TRATTAMENTI Giovanni MAINA S.S. Dip.. Diagnosi

Dettagli

Gestione del cancro della mammella nell area di riferimento del Registro Tumori Campano: percorsi sanitari e variabili cliniche

Gestione del cancro della mammella nell area di riferimento del Registro Tumori Campano: percorsi sanitari e variabili cliniche Gestione del cancro della mammella nell area di riferimento del Registro Tumori Campano: percorsi sanitari e variabili cliniche M. Fusco 1, L. Maione 2, L. Gigli 3, R. Palombino 3, D.Puliti 4 e Gruppo

Dettagli

Confronto Regione Emilia- Romagna vs Ausl provinciali

Confronto Regione Emilia- Romagna vs Ausl provinciali Ricoveri DRG cardiovascolari regionali Confronto Regione Emilia- Romagna vs Ausl provinciali Confronto Diabetici della provincia di Modena: Gestione Integrata SI vs NO L elenco dei DRG considerati è tratto

Dettagli

Diagnosi precoce e screening mammografico

Diagnosi precoce e screening mammografico Gli screening nello studio PASSI Priscilla Sassoli de Bianchi Servizio Sanità Pubblica Assessorato Politiche per la Salute Bologna 18 dicembre 7 Diagnosi precoce e screening mammografico 1 Lo Screening

Dettagli

Tempi di attesa per il trattamento chirurgico dei tumori della mammella: sistemi di rilevazione regionali e nazionali e loro criticità

Tempi di attesa per il trattamento chirurgico dei tumori della mammella: sistemi di rilevazione regionali e nazionali e loro criticità Tempi di attesa per il trattamento chirurgico dei tumori della mammella: sistemi di rilevazione regionali e nazionali e loro criticità P. Sassoli de Bianchi; M. Vizioli; G.Tazzioli La sorveglianza epidemiologica

Dettagli

Gli approfondimenti diagnostici

Gli approfondimenti diagnostici REGIONE PIEMONTE Workshop 212 Programma Regionale di Screening per il Cervicocarcinoma Torino 19/9/212 Gli approfondimenti diagnostici Laura Pasero SSD di Diagnosi e Terapia Oncologica Precoce DIP. FUNZIONALE

Dettagli

Epidemiologia del tumore del polmone in Veneto. Periodo

Epidemiologia del tumore del polmone in Veneto. Periodo maggio 2016, SER Sistema Epidemiologico Regionale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Area Sanità e Sociale - Sezione Controlli Governo e Personale SSR Regione Veneto Epidemiologia del tumore del polmone in

Dettagli

La campagna vaccinale nella Regione Emilia-Romagna

La campagna vaccinale nella Regione Emilia-Romagna La campagna vaccinale nella Regione Emilia-Romagna Ferrara 6 marzo 2009 Alba Carola Finarelli Servizio Sanità Pubblica Assessorato Politiche per la salute I dati epidemiologici nazionali e regionali A

Dettagli

Regione Piemonte Screening 2005 Report II livello screening cervicocarcinoma DIPARTIMENTO 6

Regione Piemonte Screening 2005 Report II livello screening cervicocarcinoma DIPARTIMENTO 6 Servizio Sanitario Nazionale Regione Piemonte Screening 25 Report 27 II livello screening cervicocarcinoma DIPARTIMENTO 6 Sedi operative: Novara, Verbania, Borgomanero Dott.ssa Raffaella Ribaldone Clinica

Dettagli

RICERCA ATTIVA DELLE MALATTIE DI NATURA PROFESSIONALE: UTILIZZO DELLE SDO E DI ALTRE BANCHE DATI

RICERCA ATTIVA DELLE MALATTIE DI NATURA PROFESSIONALE: UTILIZZO DELLE SDO E DI ALTRE BANCHE DATI RICERCA ATTIVA DELLE MALATTIE DI NATURA PROFESSIONALE: UTILIZZO DELLE SDO E DI ALTRE BANCHE DATI IVAN PAREDES AZIENDA USL MODENA Viterbo 27-28 OTTOBRE LA RICERCA CONSULTAZIONE DELLE SCHEDE DI DIMISSIONE

Dettagli

SCREENING MAMMOGRAFICO REGIONE PIEMONTE. Indicatori sulla diagnosi e terapia delle lesioni identificate allo screening. Anno Torino, aprile 2006

SCREENING MAMMOGRAFICO REGIONE PIEMONTE. Indicatori sulla diagnosi e terapia delle lesioni identificate allo screening. Anno Torino, aprile 2006 SCREENING MAMMOGRAFICO REGIONE PIEMONTE Indicatori sulla diagnosi e terapia delle lesioni identificate allo screening Anno 2004 Torino, aprile 2006 R.Bordon, M.Tomatis CPO Piemonte, Torino * IEO MI, CAREGGI

Dettagli

Impatto dei programmi di screening del carcinoma colorettale

Impatto dei programmi di screening del carcinoma colorettale Padova, 3 novembre 2010 Impatto dei programmi di screening del carcinoma colorettale Manuel Zorzi Istituto Oncologico Veneto IRCCS Registro Tumori del Veneto Programmi di screening colorettale attivi in

Dettagli

La rilevazione dei dati: i risultati, la verifica della loro correttezza e completezza, il confronto coi dati aggregati

La rilevazione dei dati: i risultati, la verifica della loro correttezza e completezza, il confronto coi dati aggregati Registro Tumori della Romagna La rilevazione dei dati: i risultati, la verifica della loro correttezza e completezza, il confronto coi dati aggregati Orietta Giuliani, Flavia Foca, Alessandra Ravaioli,

Dettagli

MIGLIORAMENTO DEI PERCORSI DEDICATI ALLA DIAGNOSI E CURA DEI TUMORI FEMMINILI: MAMMELLA

MIGLIORAMENTO DEI PERCORSI DEDICATI ALLA DIAGNOSI E CURA DEI TUMORI FEMMINILI: MAMMELLA Gruppo di Coordinamento Piano per la Salute (PPS) MIGLIORAMENTO DEI PERCORSI DEDICATI ALLA DIAGNOSI E CURA DEI TUMORI FEMMINILI: MAMMELLA E. Gallo Dati epidemiologici in Italia 30000 nuovi casi all anno

Dettagli

Il cancro della vescica

Il cancro della vescica Il cancro della vescica Reggio Emilia 2-5 dicembre 2007 Silvia Patriarca Registro tumori Piemonte La vescica La vescica La vescica è un organo cavo situato nella parte inferiore dell addome che serve a

Dettagli

WORKSHOP 21 novembre Giovanni Maina

WORKSHOP 21 novembre Giovanni Maina Servizio Sanitario Nazionale Presidio Sant Anna WORKSHOP 21 novembre 2013 IL SECONDO LIVELLO: I TRATTAMENTI RISULTATI ATTIVITA 2011 Giovanni Maina S.C Ginecologia e Ostetricia 4, P.O Sant ANNA Dipartimento

Dettagli

I dati di sorveglianza PASSI: confronto fra Emilia-Romagna e Italia

I dati di sorveglianza PASSI: confronto fra Emilia-Romagna e Italia I dati di sorveglianza PASSI: confronto fra Emilia-Romagna e Italia Giuliano Carrozzi, Nicoletta Bertozzi, Letizia Sampaolo, Lara Bolognesi per il Gruppo Tecnico REGIONALE PASSI Bologna, 25 marzo 2013

Dettagli

Impatto dei programmi di screening cervicale

Impatto dei programmi di screening cervicale Padova, 30 novembre 2010 Impatto dei programmi di screening cervicale Manuel Zorzi Istituto Oncologico Veneto IRCCS Registro Tumori del Veneto Impatto dello Screening Cervicale - mortalità specifica -

Dettagli

Tavola Rotonda: Esperienze regionali di sorveglianza e prevenzione. L Emilia-Romagna. Maria Grazia Pascucci Servizio Sanità Pubblica

Tavola Rotonda: Esperienze regionali di sorveglianza e prevenzione. L Emilia-Romagna. Maria Grazia Pascucci Servizio Sanità Pubblica Tavola Rotonda: Esperienze regionali di sorveglianza e prevenzione L Emilia-Romagna Maria Grazia Pascucci Servizio Sanità Pubblica Coperture vaccinali - Regione Emilia-Romagna 2007 2008 2009 2010 2011

Dettagli

indicatori di qualità

indicatori di qualità AIRTUM Regione Lombardia Corso di base sulla registrazione dei tumori principi e metodi Rho, 24 maggio 2010 indicatori di qualità Stefano Ferretti Registro Tumori della provincia di Ferrara quali indicatori?

Dettagli

Sintesi dei risultati

Sintesi dei risultati Sintesi dei risultati Nel presente volume vengono riportati i dati di incidenza, mortalità e sopravvivenza relativi alle popolazioni di Parma e odena. Le analisi presentate in questo rapporto documentano

Dettagli

Registri Tumori. Sono una raccolta continua, sistematica e nominale di tutti i casi di cancro

Registri Tumori. Sono una raccolta continua, sistematica e nominale di tutti i casi di cancro Registri Tumori Sono una raccolta continua, sistematica e nominale di tutti i casi di cancro Finalità di un RT Studiare incidenza, mortalità e sopravvivenza Definire i fattori di rischio Valutare i programmi

Dettagli

Generalità sugli standard di registrazione

Generalità sugli standard di registrazione Corso intensivo di formazione sui controlli di qualità Generalità sugli standard di registrazione C. Buzzoni 1,2 1 ISPO, Firenze 2 Banca Dati AIRTUM Salerno, 10-12 Giugno 2015 Standard di registrazione:

Dettagli

Donna nata nel A marzo 1998, resezione segmentaria del trasverso. Neopl. di 12 cm

Donna nata nel A marzo 1998, resezione segmentaria del trasverso. Neopl. di 12 cm Donna nata nel 1920. A marzo 1998, resezione segmentaria del trasverso. Neopl. di 12 cm Adenocarcinoma scarsamente differenziato con diffuse aree necrotiche che infiltra la parete del viscere a tutto spessore

Dettagli

LA PREVENZIONE DI GENERE IN PROVINCIA DI FERRARA: IL CARCINOMA DEL COLON-RETTO

LA PREVENZIONE DI GENERE IN PROVINCIA DI FERRARA: IL CARCINOMA DEL COLON-RETTO Società Medico Chirurgica di Ferrara SALUTE DI GENERE TRA MEDICINA E SOCIETA Sabato 8 marzo 2014 Aula Magna Nuovo Arcispedale S.Anna, CONA, Ferrara LA PREVENZIONE DI GENERE IN PROVINCIA DI FERRARA: IL

Dettagli

Prime valutazioni di impatto dello screening del colon-retto in provincia di Reggio Emilia Enza Di Felice, Registro Tumori Reggiano

Prime valutazioni di impatto dello screening del colon-retto in provincia di Reggio Emilia Enza Di Felice, Registro Tumori Reggiano XIV Riunione AIRTUM Sabaudia, 21-23 aprile 2010 Prime valutazioni di impatto dello screening del colon-retto in provincia di Reggio Emilia Enza Di Felice, Registro Tumori Reggiano Alcuni dati di contesto

Dettagli

HPV - DNA test nella gestione della Paziente dopo terapia conservativa

HPV - DNA test nella gestione della Paziente dopo terapia conservativa Bologna 8 Giugno 2007 HPV e tumori dell apparato genitale femminile: L ERA DEI VACCINI HPV - DNA test nella gestione della Paziente dopo terapia conservativa Silvano Costa I Clinica Ginecologica/Ostetrica

Dettagli

Programma Regionale di Screening per il Cervicocarcinoma Prevenzione Serena Workshop 2016

Programma Regionale di Screening per il Cervicocarcinoma Prevenzione Serena Workshop 2016 Programma Regionale di Screening per il Cervicocarcinoma Prevenzione Serena Workshop 216 IL SECONDO LIVELLO: LA COLPOSCOPIA RISULTATI ATTIVITÀ 214 RAFFAELLA RIBALDONE Dipartimento di Ostetricia e Ginecologia

Dettagli

LA DISPLASIA CERVICALE: FOLLOW UP FOLLOW UP FOLLOW UP IN RICORDO DI GIOIA MONTANARI. IL FOLLOW UP COLPOSCOPICO Quanto, quando

LA DISPLASIA CERVICALE: FOLLOW UP FOLLOW UP FOLLOW UP IN RICORDO DI GIOIA MONTANARI. IL FOLLOW UP COLPOSCOPICO Quanto, quando LA DISPLASIA CERVICALE: FOLLOW UP FOLLOW UP FOLLOW UP IN RICORDO DI GIOIA MONTANARI IL FOLLOW UP COLPOSCOPICO Quanto, quando In ricordo di GIOIA MONTANARI Quanto: vedremo per quanto tempo inviteremo la

Dettagli

L ESPERIENZA DELLA BREAST UNIT DI TRIESTE

L ESPERIENZA DELLA BREAST UNIT DI TRIESTE CONVEGNO NAZIONALE GISMA 2017 VERONA 24 MAGGIO CORSO MULTIDISCIPLINARE SUI B3 TEMPO DI CAMBIARE IL MANAGEMENT? L ESPERIENZA DELLA BREAST UNIT DI TRIESTE MARINA BORTUL - MAURA TONUTTI FABRIZIO ZANCONATI

Dettagli

Le modalità di avvio e sviluppo in Emilia- Romagna

Le modalità di avvio e sviluppo in Emilia- Romagna Le modalità di avvio e sviluppo in Emilia- Romagna La DGR 703 del 6/2013 (proroga del PRP) definisce le azioni da realizzare al fine di affrontare il nuovo programma con una rete organizzativa e professionale

Dettagli

Indicatori di attività: cardiochirurgia. pubblicazione luglio 2010

Indicatori di attività: cardiochirurgia. pubblicazione luglio 2010 Indicatori di attività: cardiochirurgia 2009 pubblicazione luglio 2010 Indicatori dell attività di cardiochirurgia 1. Volumi di attività di cardiochirurgia 2. Distribuzione per EUROscore 3. Mobilità passiva

Dettagli

Aderenza ai protocolli di follow-up nei pazienti con diagnosi di tumore del colon retto

Aderenza ai protocolli di follow-up nei pazienti con diagnosi di tumore del colon retto 13-15 Aprile 2016 Reggio Children c/o Centro Internazionale Loris Malaguzzi REGGIO EMILIA Aderenza ai protocolli di follow-up nei pazienti con diagnosi di tumore del colon retto Manuel Zorzi Stefano Guzzinati,

Dettagli

GILDA-UNAMS FERRARA C.so Giovecca 47 tel/fax 0532 206281 e-mail: gilda.ferrara@libero.it www.gildaferrara.it

GILDA-UNAMS FERRARA C.so Giovecca 47 tel/fax 0532 206281 e-mail: gilda.ferrara@libero.it www.gildaferrara.it Ipotesi contingenti per nomine sui posti vacanti e disponibili in O.D. 2015/16 Emilia Romagna GRADO ISTRUZIONE posti comunicati in titolari O.D. 2015/16 esubero provinciale ipotesi 2015/16 al 16 vacanze

Dettagli

Focus on: valutazione dello screening mammografico nella fascia d età anni

Focus on: valutazione dello screening mammografico nella fascia d età anni Focus on: valutazione dello screening mammografico nella fascia d età 45-49 anni Lauro Bucchi, Fabio Falcini, Alessandra Ravaioli Registro Tumori della Romagna, IRST Meldola Menu 1) Effetto dello screening

Dettagli

Come registrare i mesoteliomi ed analizzare i

Come registrare i mesoteliomi ed analizzare i Come registrare i mesoteliomi ed analizzare i dati Sede e Morfologia Workshop AIRTUM-RENAM Reggio Emilia, 23 Settembre 2016 Carone Simona Registri tumori di popolazione raccolgono tutti i tipi di tumore

Dettagli

COLON-RETTO. Lucia Mangone. Registro Tumori Reggio Emilia

COLON-RETTO. Lucia Mangone. Registro Tumori Reggio Emilia COLON-RETTO Lucia Mangone Registro Tumori Reggio Emilia DATI DI CONTESTO Chi sono? epidemiologia RT Modena dal 1990+ clinica oncologia medicina RT Reggio dal 2001 Formazione in AIRTUM dal 2007 Il personale

Dettagli

CheckAIRTUM: Interpretazione dei risultati

CheckAIRTUM: Interpretazione dei risultati Corso Intensivo di formazione sui Controlli di Qualità Salerno, 10-12 Giugno 2015 CheckAIRTUM: Interpretazione dei risultati Ivan Rashid Strategia di decisione: diagramma di Pareto BENCHMARK TOTALE: 92.38%

Dettagli

Sezione Cooperative sociali al

Sezione Cooperative sociali al Aggiornamento della pubblicazione Rapporto sull offerta di servizi sociali, sociosanitari ed educativi del territorio provinciale di Bologna - un approfondimento di Quaderni Capito 6 Terzo Settore al 26.06.2007

Dettagli

LO SCREENING A BRESCIA: DAL LABORATORIO ALLA CLINICA. Dr. Fabrizio Speziani Direttore Dipartimento di Prevenzione Medico ASL Brescia

LO SCREENING A BRESCIA: DAL LABORATORIO ALLA CLINICA. Dr. Fabrizio Speziani Direttore Dipartimento di Prevenzione Medico ASL Brescia LO SCREENING A BRESCIA: DAL LABORATORIO ALLA CLINICA Dr. Fabrizio Speziani Direttore Dipartimento di Prevenzione Medico ASL Brescia mercoledì 21 gennaio 2015 Il tumore del colonretto rappresenta un rilevante

Dettagli

INFEZIONE DA HPV E CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA.

INFEZIONE DA HPV E CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA. INFEZIONE DA HPV E CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA www.fisiokinesiterapia.biz Cenni di anatomia Il collo dell utero è suddivisibile in due distretti: Esocervice (la parte esterna che si continua con la

Dettagli

I risultati dei programmi del Veneto nel 2009

I risultati dei programmi del Veneto nel 2009 Padova, 3 novembre 1 I risultati dei programmi del Veneto nel 9 Manuel Zorzi Istituto Oncologico Veneto IRCCS Registro Tumori del Veneto Programmi di screening colorettale attivi in Veneto al 31.12.9 Popolazione

Dettagli

QUALE MANAGEMENT PER LA DIAGNOSI DI LESIONE GHIANDOLARE

QUALE MANAGEMENT PER LA DIAGNOSI DI LESIONE GHIANDOLARE QUALE MANAGEMENT PER LA DIAGNOSI DI LESIONE GHIANDOLARE Fausto Boselli Modulo di Ginecologia Oncologica Preventiva Dipartimento Materno Infantile Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Ginecologia

Dettagli

SCREENING E DIAGNOSI PRECOCE IN ONCOLOGIA: COLON RETTO. Manuel Zorzi Registro Tumori del Veneto

SCREENING E DIAGNOSI PRECOCE IN ONCOLOGIA: COLON RETTO. Manuel Zorzi Registro Tumori del Veneto SCREENING E DIAGNOSI PRECOCE IN ONCOLOGIA: COLON RETTO Manuel Zorzi Registro Tumori del Veneto Lo screening colorettale in Italia I programmi di screening colorettale si sono diffusi in Italia a partire

Dettagli

LE ANOMALIE GHIANDOLARI

LE ANOMALIE GHIANDOLARI LE ANOMALIE GHIANDOLARI MANUALE GRUPPO DI STUDIO PER LO SCREENING DEL CERVICOCARCINOMA G.MAINA-R.VOLANTE O.I.R.M.- S.ANNA TORINO GIORNATA NAZIONALE GISCI PESCARA 23/03/2009 Lo screening citologico cervicale

Dettagli

Analisi della mortalità in relazione a fattori meteo-climatici in Emilia-Romagna

Analisi della mortalità in relazione a fattori meteo-climatici in Emilia-Romagna ONDATE DI CALORE: VARIAZIONI CLIMATICHE, EFFETTI SULLA SALUTE E MISURE DI CONTENIMENTO COSA È ACCADUTO NELL ESTATE 2003: Analisi della mortalità in relazione a fattori meteo-climatici in Emilia-Romagna

Dettagli

LA CITOLOGIA NEGLI SCREENING ONCOLOGICI Roma 19 Novembre Epidemiologia delle lesioni ghiandolari

LA CITOLOGIA NEGLI SCREENING ONCOLOGICI Roma 19 Novembre Epidemiologia delle lesioni ghiandolari LA CITOLOGIA NEGLI SCREENING ONCOLOGICI Roma 19 Novembre 2014 Epidemiologia delle lesioni ghiandolari Massimo Confortini Direttore Laboratorio Prevenzione Oncologica ISPO Firenze ADENOCARCINOMI DELLA PROVINCIA

Dettagli

Intervento delle Regioni

Intervento delle Regioni La situazione degli screening mammografici Intervento delle Regioni Carlo Naldoni Ass.to Politiche Salute Regione Emilia- Romagna www.regione.emilia-romagna.it/sanita/screening Programmi di Screening di

Dettagli

Il SUICIDIO nel MONDO

Il SUICIDIO nel MONDO LA PREVENZIONE DEL SUICIDIO Dott. Marco Venuta Coordinatore attività di prevenzione e interventi precoci Dipartimento di Salute mentale Azienda USL di Modena. Il SUICIDIO nel MONDO 1.000.000 di suicidi

Dettagli

Il Cancro in Italia e la Rete dei Registri Tumori Italiani

Il Cancro in Italia e la Rete dei Registri Tumori Italiani Il Cancro in Italia e la Rete dei Registri Tumori Italiani Eugenio Paci Vice-Segretario AIRTum Associazione Italiana Registri Tumori www.registri-tumori.it CCM, ISS, ISTAT 253.000 casi di tumore incidenti

Dettagli

TUMORE DELLA CERVICE IN ITALIA

TUMORE DELLA CERVICE IN ITALIA TUMORE DELLA CERVICE IN ITALIA INCIDENZA DEL TUMORE DELLA CERVICE NEL MONDO Incidenza correlata all esecuzione del pap test I paesi con l incidenza più alta sono quelli in cui non sono stati attivati programmi

Dettagli

RELAZIONE SULL ANNO 2009

RELAZIONE SULL ANNO 2009 CPO-Piemonte Centro di riferimento per l'epidemiologia e la prevenzione oncologica I programmi di screening dell'azienda Sanitaria Regione Valle d'aosta RELAZIONE SULL ANNO 29 E RELAZIONE PRELIMINARE SEMESTRE

Dettagli

La valutazione dei cancri di intervallo come effetto della temperatura ambiente sul test di primo livello

La valutazione dei cancri di intervallo come effetto della temperatura ambiente sul test di primo livello La sorveglianza epidemiologica dello screening dei tumori del colon-retto nella Regione Emilia-Romagna Seminario di studio Bologna, 28 aprile 2014 Auditorium Regione Emilia-Romagna Via A. Moro, 18 Bologna

Dettagli

Principi di codifica delle neoplasie. Piera Vicari Registro Tumori Piemonte Corso per operatori dei Registri Reggio Emilia dicembre 2007

Principi di codifica delle neoplasie. Piera Vicari Registro Tumori Piemonte Corso per operatori dei Registri Reggio Emilia dicembre 2007 Principi di codifica delle neoplasie Piera Vicari Registro Tumori Piemonte Corso per operatori dei Registri Reggio Emilia dicembre 2007 Perché codificare Dare un nome girasole tulipano iris margherita

Dettagli

Programma Regionale di Screening per il Cervicocarcinoma Prevenzione Serena Workshop 2013

Programma Regionale di Screening per il Cervicocarcinoma Prevenzione Serena Workshop 2013 Programma Regionale di Screening per il Cervicocarcinoma Prevenzione Serena Workshop 2013 IL SECONDO LIVELLO: LA COLPOSCOPIA RISULTATI ATTIVITÀ 2011 LAURA PASERO RESPONSABILE SSCVD COLPOSCOPIA E LASERCHIRURGIA

Dettagli

Quante donne hanno eseguito una mammografia in accordo con le linee guida?

Quante donne hanno eseguito una mammografia in accordo con le linee guida? Diagnosi precoce delle neoplasie della mammella Lo screening mammografico consente interventi chirurgici meno invasivi e riduce del 25 la mortalità da tumore mammario (beneficio di comunità); a livello

Dettagli