I miceti: da saprofiti a patogeni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I miceti: da saprofiti a patogeni"

Transcript

1 I trattamento dee micosi di più frequente riscontro in Medicina Generae Perché occuparsi di micosi superficiai? } Le micosi superficiai (che coinvogono cute e mucose) rappresentano un capitoo rievante per attività de medico di medicina generae (MMG). Un anaisi effettuata ne maggio 00 da nove Tabea 1. Pazienti con diagnosi MMG di Guastaa (Reggio cinica di micosi, su un campione Emiia) su 710 pazienti di 710 accessi consecutivi. (visitati consecutivamente Micosi numero % nei oro ambuatori in una settimana) Onicomicosi 65 9, evidenzia che ne 17% 1 3,0 dei casi è stata riscontrata Intertrigo Tinea pedis 19,7 una micosi nonostante soo i,8% dei pazienti Pityriasis versicoor 10 1,4 avesse consutato Cheiite angoare 0,3 i medico per a dermatosi (tabea 1). La tabea Perionichia 0,3 a ato presenta Tinea corporis 0,3 i numero e i tipo di micosi riscontrate. Totae 11 17,0 } Esiste i rischio di potenziai interazioni sfavorevoi (in tauni casi etai) fra e terapie antimicotiche e acuni farmaci di impiego comune (es. antistaminici, cisapride, macroidi e statine). Gi argomenti trattati... Eementi generai di interesse pratico Mughetto, cheiite angoare, candidosi vaginae Intertrigine, perionichia Tinea pedis, Tinea barbae Tinea capitis, Tinea corporis Onicomicosi Pityriasis versicoor Preparati antimicotici... pensando ad acune domande pratiche } In quai casi ricorrere ad accertamenti diagnostici o consuti speciaistici? } Per quai trattamenti esistono e evidenze migiori? } Quando impiegare trattamenti topici e quando ricorrere a una terapia sistemica? } Che durata deve avere i trattamento? } Quai misure igieniche affiancare aa terapia farmacoogica? } Con quai farmaci di frequente impiego possono esservi interazioni pericoose? Pacchetto informativo n. 7 Aprie 004 disponibie in versione pdf su sito CeVEAS pagina Inserto Le informazioni presentate sono state ricavate da una vautazione approfondita di testi speciaistici, inee guida, revisioni sistematiche e studi controati randomizzati. 1

2 I miceti: da saprofiti a patogeni Sua cute e su taune mucose acuni funghi (per esempio Candida spp.) possono vivere come saprofiti senza causare quadri patoogici mentre atri (per esempio i dermatofiti Trichophyton, Microsporum ed Epidermophyton) 1, sono parassiti obbigati. I fattori predisponenti che innescano o favoriscono a patogenicità de micete possono essere sia ocai (macerazione e traumatismo cutaneo, modificazioni de ph vaginae) sia generai (diabete meito, AIDS, neopasie), oppure egati a trattamenti farmacoogici (chemioterapia antineopastica, antibiotici sistemici, ecc.) oadaterazioni dee difese immunitarie. 1-3 Per a persistenza di condizioni favorenti e per un decorso spesso quasi asintomatico, a micosi facimente cronicizza e ciò ne faciita estensione in atre sedi e/o i contagio di atri individui. -4 La prima diagnosi è cinica Per un medico esperto esame cinico può essere sufficiente per un primo sospetto diagnostico, soprattutto in presenza di condizioni predisponenti. 5 I ricorso ad esami coturai o microscopici (difficimente attuabie in un contesto non speciaistico) èdariservare ai casi dubbi o agi insuccessi terapeutici nonostante un trattamento adeguato. 1,3,5 Terapia dee micosi: acuni principi generai I trattamento dee micosi superficiai prevede normamente un approccio graduae. 1-9 La terapia topica associata a eiminazione dee condizioni favorenti dovrebbe essere i primo approccio; fanno eccezione i trattamento dea tinea capitis,7 e dea maggioranza dee onicomicosi.,8 Lozioni, spray e souzioni idroacoiche sono più indicate nee micosi associate a macerazione, mentre non dovrebbero essere impiegate in prossimità dee mucose o su cute erosa. 6 L impiego di sapone antimicotico (es. sapone ao zinco-piritione) può essere un utie coadiuvante. 1 In caso di recidiva è indispensabie verificare adesione ai consigi per correggere i fattori ocai favorenti e vautare esistenza di condizioni generai predisponenti (diabete meito, immunodepressione, neopasie, trattamenti antibiotici). 3 La terapia sistemica nee micosi superficiai dovrebbe essere riservata ae manifestazioni estese, asituazioni non risote da terapie ocai ben condotte oppure a pazienti con severi difetti immunoogici. 3,6 Nonostante i nuovi antimicotici sistemici siano reativamente ben toerati eaoro efficacia consenta generamente trattamenti più brevi che in passato, non può essere trascurato i rischio di effetti coaterai anche gravissimi (vedi tabea ne risguardo «Antimicotici azoici: attenzione ae interazioni!»), a seguito di possibii interazioni con farmaci di uso corrente. 9 E fondamentae informare i pazienti affinché non assumano autonomamente farmaci a rischio di interazione durante intera durata di un trattamento antimicotico sistemico. 1. Eewski BE et a Superficia infections of the skin in Infectious Diseases ed. Hoeprich PD, Coin Jordan M and Ronad AR Lippincott Company 1994 p Hay RJ Dermatophytosis and other superficia mycoses in Principes and practice of infectious diseases ed. Mande GL, Bennett JE and Dooin R Churchi Livingstone p Rex J et a. Practice Guideines for the treatment of Candidiasis Cin Infect Dis 000; 30: Gupta AK et a Lancet 1998; 351: Drake LA et a. Guideines of care for superficia mycotic infections of the skin tinea corporis, t. cruris, tinea faciei, tinea manuum, and tinea pedis J Amer Acad Dermato 1996; 34: Bennett JE Antifunga Agents in Principes and practice of infectious diseases ed. Mande GL, Bennett JE and Dooin R Churchi Livingstone p Higgins EM et a. Guideines for the management of tinea capitis Br J Dermato 000; 143: Roberts DT et a. Guideines for treatment of onychomycosis Br J Dermato 003; 148: Antifungas in Martindae: the compete Drug Reference ed. Sweetman SC 00 Pharmaceutica Press p CeVEAS Pacchetto informativo n. 7 Aprie 004 disponibie in versione pdf su sito

3 Le candidosi (superficiai) Fattori favorenti Candidosi vaginae Rappresenta i 30-40% dee cause di vaginite; 3/4 dee donne in età fertie presentano ameno un episodio ne corso dea vita. 7 I miceti si viruentano soitamente per modifiche de ph e/o dea fora acidofia vaginae (ad es. in seguito a trattamenti antibiotici sistemici).,7 La trasmissione sessuae è possibie ma non obbigata.,3,7 Trattamento Che cosa sono Rappresentano un gruppo moto vasto di affezioni dea cute, dee mucose e dei visceri causate da ieviti de genere Candida. 1 La Candida è spesso saprofita dee mucose: i sempice isoamento de micete in tai sedi non corrisponde aa diagnosi di maattia. 1 In questo pacchetto sono trattate e più comuni candidosi che interessano e mucose e a cute. Le specie più coinvote 1 Candida abicans (80-90%) Candida kruseii Candida gabrata Sono riconosciute efficaci e terapie topiche con farmaci azoici (100 mg/die a sera prima di coricarsi, per 7 giorni) o, in aternativa, impiego di Nistatina (100 mg a sera prima di coricarsi, per 7-10 gg).,7 La terapia sistemica è efficace anche in dose singoa (es. fuconazoo 150 mg in unica somministrazione). Nea decisione di prescrivere una terapia sistemica con azoici, dovrebbe essere considerato principamente i rischio di interazioni farmacoogiche anche gravi 7,8 (vedi tabea ne risguardo di copertina) e di induzione di ceppi resistenti. I trattamento de partner non si è dimostrato utie, tranne ne caso di candidosi vaginai ricorrenti.,7 L impiego di avande vaginai, anche se con prodotti antisettici (es. iodofori), è utie ma non risoutivo. E importante utiizzare detergenti a ph acido. 7 Candidosi orae (mughetto) Fattori favorenti La viruentazione dee candide, saprofite de cavo orae, può essere dovuta a decubiti di protesi dentarie, uso di steroidi inaatori, trattamenti antibiotici sistemici, diabete meito, chemioterapia, AIDS.,3,5 Nei neonati, fisioogicamente immunodepressi, i mughetto può essere contratto durante i passaggio ne canae de parto. 5 Trattamento Le Linee Guida dea Infectious Diseases Society of America suggeriscono come primo approccio terapeutico nistatina orae 5-10 m ( m nei neonati) dea sospensione contenente UI/m, 4 vote a dì per 7-10 gg. E possibie confezionare ghiaccioi con nistatina congeando a sospensione diuita a metà con acqua per proungare i contatto orae de prodotto. Nei casi resistenti a stessa Linea Guida 1 suggerisce impiego orae di fuconazoo 100 mg/die per 7-14 gg. Nei pazienti trattati con steroidi inaatori, per a prevenzione de mughetto è indispensabie raccomandare risciacqui regoari dopo inaazione per rimuovere i farmaco depositatosi nea cavità orae. 4 Cheiite angoare (perèche) Fattori favorenti e trattamento E soitamente correata a condizioni quai edentuia, protesi fisse e apparecchi ortodontici, succhiamento de poice che favoriscono a maoccusione eafuoriuscita di saiva con macerazione dee commissure. -3 Frequente erronea attribuzione a «carenze vitaminiche». Esiste consenso su utiizzo in terapia di nistatina topica 4 vote a dì o di un farmaco azoico topico vote a dì per settimane Serri F. Trattato di dermatoogia Piccin, vo. cap. 38. Rex J et a. Cin Infect Dis 000; 30: Edwards JE Mande GL, Bennett JE and Dooin R Churchi Livingstone p Wise RA et a, in Principes of Ambuatory Medicine ed. Barker L 1995 Wiiams Wikins p Eewski BE et a Infectious Diseases ed. Hoeprich PD et a Lippincott Company 1994 p Bennett JE in Mande GL, Bennett JE and Dooin R Churchi Livingstone p Pamore MP, Swartz AA in Medicine for the Practicing Physician 1996 p Martindae: the compete Drug Reference, p Pacchetto informativo n. 7 Aprie 004 CeVEAS 3 disponibie in versione pdf su sito

4 Intertrigine Definizione ed ezioogia Micosi egata aa macerazione/frizione tra superfici cutanee a contatto proungato. Copisce essenziamente e aree sottomammarie, e piche addominai, ombeico, e regioni inguinai e asceari, soprattutto se presenti atri fattori generai.1 Specie coinvote: Candida (più frequente nee sedi macerate) Dermatofiti di specie diverse1 Pseudomonas aeruginosa e atri batteri Gram negativi possono essere causa di inertrigine batterica (consigiata a ricerca coturae in caso di essudazione moto intensa).3 Fondamentae risuta a correzione dei fattori favorenti infezione.1 I testi1,4 e e inee guida,5 consigiano utiizzo di un farmaco azoico topico in formuazioni non umidificanti (es. ozione) vote a dì per -4 settimane; in aternativa, si sono dimostrati efficaci anche cicopirox oamina oppure tocicato in ozione o in souzione idroacoica per -4 settimane. In caso di fogosi intensa è opportuno non utiizzare e formuazioni acoiche in prima istanza.4 Se viene isoato un germe Gram negativo, è efficace un trattamento con antisettici ocai (ac. acetico 5%) e antibioticoterapia sistemica (dopo antibiogramma).3 Perionichia Perionissi (micosi periungueae) Ezioogia Fattori favorenti Può essere causata, otre che daa Candida, da diverse specie di miceti o batteri.1, E condizionata daa macerazione, soprattutto se accompagnata a uso di detergenti che modificano i ph cutaneo, o da condizioni igieniche scadenti. Tipica insorgenza in bimbi con abitudine di succhiare i dito o dopo sedute di manicure a seguito di esioni dea cuticoa.1 Secondo a più recente Linea Guida pubbicata daa Infectious Diseases Society of America (IDSA), i drenaggio (con souzione saina ipertonica cada) rappresenta intervento terapeutico principae, accompagnato da un farmaco azoico topico in ozione o souzione idroacoica per -4 settimane. In aternativa, si è dimostrato efficace impiego di cicopirox oamina oppure tocicato in ozione o tintura acoica per -4 settimane.4,5 La superinfezione batterica può rendere necessario i ricorso aa antibioticoterapia orae (per esempio amoxiciina).,4 L appicazione de unguento ittioo vioformio nee forme di perionissi con fogosi intensa è pratica comune negi ambienti speciaistici, anche se mancano rigorose prove di efficacia. 1. Eewski BE et a Superficia infections of the skin in Infectious Diseases ed.hoeprich PD, Coin Jordan M and Ronad AR Lippincott Company 1994 p Rex J et a. Practice Guideines for the treatment of Candidiasis Cin Infect Dis 000; 30: Aste N et a. J Amer Acad Dermato 001; 45: Bennett JE Antifunga Agents in Principes and practice of infectious diseases ed. Mande GL, Bennett JE and Dooin R Churchi Livingstone p Drake LA et a. Guideines of care for superficia mycotic infections of the skin tinea corporis, tinea cruris, tinea faciei, tinea manuum, and tinea pedis J Amer Acad Dermato 1996; 34: Antifungas in Martindae: the compete Drug Reference ed. Sweetman SC 00 Pharmaceutica Press p CeVEAS Pacchetto informativo n. 7 Aprie 004 disponibie in versione pdf su sito

5 Tinea pedis (piede d ateta) Quanto è frequente edache cosa è causata La patoogia micotica de piede è moto frequente soprattutto nei giovani e non soo negi ateti: si ritiene che copisca fino a 15% dea popoazione 1 e spesso non viene diagnosticata. E favorita da cazature non traspiranti e da contatto con e superfici infette (cazature, docce e piscine). Dermatofiti responsabii: 3 Trichophyton rubrum Trichophyton mentagrophytes (interdigitae) Epidermophyton foccosum Misure igieniche utii Utiizzare cazature traspiranti e bonifica dee cazature con poveri o spray antimicotici. Evitare uso promiscuo di cazature e i camminare a piedi nudi in piscine e docce. 3 Qua è i trattamento ottimae La inea guida dei dermatoogi americani suggerisce appicazione topica di farmaci antimicotici. 4 Diversi prodotti comunemente utiizzati e riportati nei testi non sono sostenuti da prove di efficacia. Due recenti revisioni sistematiche 1,5 considerano anche gi aspetti economici di trattamenti normamente a carico degi assistiti. Sono riconosciuti efficaci: 4 tintura rubra di Casteani 0,3%, 1 app/die per 0-30 gg undecanoato 5%, app/die per 4 sett tonaftato-tocicato 1%, app/die per 4 sett farmaci azoici 1%, app/die per 4 sett (non sono state evidenziate differenze tra e diverse moecoe disponibii). Sono consigiabii ozioni o spray piuttosto che formuazioni più umidificanti (creme). 6 In caso di insuccesso è efficace a terbinafina 1%, app/die per sett. 1 In caso di esioni estese o con intensa fogosi o ipercheratosi o insuccesso de trattamento topico sono efficaci: 1 terbinafina, 1 cp da 50 mg/die per 10 giorni oppure itraconazoo, 00 mg/die per os per sett. 6 Tinea barbae Come si riconosce edache cosa è causata La tinea barbae è una dermatofizia che interessa e aree de voto e copisce principamente maschi aduti. Si può presentare in forme con scarsa fogosi o con preminente componente infiammatoria somigianti ae piodermiti batteriche con pustoe e adenopatie reattive. Dermatofiti responsabii (spesso specie zoofie): 3 Trichophyton verrucosum Trichophyton mentagrophytes Trichophyton rubrum 3,6 L interessamento dei foicoi piiferi rende a terapia topica poco efficace. In caso di esioni crostose, è utie un pretrattamento con souzione saina 0,9% per rimuovere e croste. Sono riconosciuti efficaci: griseofuvina (0,5-1 g/die) per 1 sett. azoici sistemici (ketoconazoo o itraconazoo 00 mg/die) per 4 sett. terbinafina (50 mg/die) per sett. 1. Crawford F et a. The Cochrane ibrary, Issue 4, 003. Gupta AK, Scher RK Lancet 1998; 351: Hay RJ. In: Principes and practice of infectious diseases ed. Mande GL, et a, 1994 Churchi Livingstone p Drake LA et a. Guideines of care for superficia mycotic infections of the skin tinea corporis, tinea cruris, tinea faciei, tinea manuum, and tinea pedis J Amer Acad Dermato 1996; 34: Hart R et a. BMJ 1999; 319: Bennett JE in Principes and practice of infectious diseases ed. Mande GL et a Churchi Livingstone p Antifungas in Martindae: the compete Drug Reference ed. Sweetman SC 00 Pharmaceutica Press p Pacchetto informativo n. 7 Aprie 004 CeVEAS 5 disponibie in versione pdf su sito

6 Tinea capitis Definizione e cause La tinea capitis, abituamente definita «tigna», è attuamente rara;siriscontra di soito nei bambini (raramente dopo a pubertà) e ne anziano. 1 Le specie responsabii sono: 1 Trichophyton tonsurans, Trichophyton verrucosum, Trichophyton schoeneinii Microsporum canis (raro) Che cosa può favorira? cattive condizioni igieniche e promiscuità con animai; contatto con aduti conviventi infetti (che possono essere taora portatori sani); si è dimostrata utie eventuae bonifica dei conviventi. 1 Le Linee Guida dea British Association of Dermatoogists suggeriscono come primo approccio terapeutico a griseofuvina 10 mg/kg die per 6-8 settimane (da assumere con pasto grasso). La terbinafina orae (3-6 mg/kg o 15 mg/die) per -4 sett. offrirebbe una migiore compiance ma indicazione in età pediatrica non è ancora stata approvata nonostante e numerose evidenze scientifiche favorevoi. 3 Anche itraconazoo 100 mg/die per 4-6 settimane è risutato efficace. I seenio sofuro shampoo 1% o oz. 1% 3 appicazioni/sett. riduce a disseminazione di spore ma da soo non è risoutivo. Tinea corporis Nee Linee Guida de 1996 de American Academy of Dermatoogy 7 si consigia a somministrazione topica di un antimicotico azoico 1% ( app/die per 4 sett.). Si sono dimostrati efficaci anche cicopirox oamina, tonaftato e tintura rubra di Casteani. 8 Per i costo superiore, a terbinafina topica 1% ( somministrazioni die per sett.) viene consigiata soo in caso di insuccesso dea terapia precedente. 9 In caso di esioni estese, aforte componente infiammatoria o da forme resistenti 6-8 è utiizzabie come prima sceta terbinafina orae (50 mg/die per gg) oppure itraconazoo (100 mg/die per settimane). 6-8 Epidemioogia e diagnosi Reativamente poco frequente,mainaumento negi utimi 40 anni. 1 Specie responsabii: Trichophyton concentricum, Trichophyton rubrum Si trasmette mediante contatto con squame cutanee infette disperse su superfici d appoggio (panche, tavoi, arredi) o materiae di uso comune (asciugamani). 1 I quadro cinico non è sempre diagnostico (diagnosi differenziae con eczema o eritema anuare); in caso di incertezza diagnostica si è dimostrato utie esame coturae Hay RJ in Principes and practice of infectious diseases ed. Mande GL, Bennett JE and Dooin R Churchi Livingstone p Higgins EM et a. Br J Dermato 000; 143: Hart R et a. BMJ 1999; 319: Jones TC Br J Dermato 1995: 13: Tempe ME et a. JABFP. 1999; 1: Bennett JE in Principes and practice of infectious diseases ed. Mande GL, Bennett JE and Dooin R Churchi Livingstone p Drake LA et a. J Amer Acad Dermato 1996; 34: Martindae: the compete Drug Reference ed. Sweetman SC 00 Pharmaceutica Press p Crawford et a. The Cochrane Library, issue 4, CeVEAS Pacchetto informativo n. 7 Aprie 004 disponibie in versione pdf su sito

7 Onicomicosi Che cos è? E un infezione micotica dee amine ungueai ad andamento cronico con tendenza aa estensione ad atre unghie. 1 Da che cosa è provocata? Specie responsabii: Trichophyton rubrum Trichophyton mentagrophytes Microsporum canis Candida abicans (soo raramente e quasi escusivamente nee mani) Quanto è frequente e che cosa a favorisce? L onicomicosi è moto diffusa e a sua frequenza aumenta con età (3-10% dea popoazione generae, ma i dato è verosimimente sottostimato). L infezione dea cute circostante e a diffusione ad atre amine ungueai per autocontagio è reativamente frequente. La micosi è favorita da norme igieniche inadeguate e da impiego di vecchie cazature che possono presentare una eevata densità di spore fungine. 3-4 Quai sono i trattamenti efficaci? Acune revisioni sistematiche dea etteratura 3,6,9-11 ealinea Guida dea British Society of Dermatoogy 13 sono concordi ne suggerire diversi comportamenti terapeutici a seconda dea gravità dea micosi. Nei pazienti asintomatici con esioni imitate (parte di una soa unghia) è consigiabie iniziare con a terapia topica: si è dimostrato efficace o smato medicato con amorofina 5% ( appicazioni/sett. per 6-1 mesi); 5 utiizzo di ozioni a base di tioconazoo (a 8%), di bifonazoo + urea (a 40%) o cicopirox oamina è supportato da minori evidenze; 6 uso degi atri antimicotici non è supportato da evidenze. 8 Nei pazienti con forme più estese è consigiata a terapia sistemica: terbinafina (50 mg/die per 1-16 settimane): viene indicato come trattamento di prima sceta 13 in quanto si è dimostrato i farmaco più efficace in studi comparativi. 1 Nonostante gi studi disponibii, i suo impiego ne bambino non è ancora stato autorizzato. 14 itraconazoo (00 mg/die per 3 mesi) si è dimostrato efficace anche quando è coinvota a Candida; e potenziai gravi interazioni con atri farmaci (tabea ne risguardo) impongono un utiizzo prudente. 3,11 griseofuvina, inpassato farmaco di riferimento, è ora di seconda o terza sceta 13 per a necessità di trattamenti moto protratti (1-18 mesi) con conseguente aumento dea tossicità. La terapia intermittente (1 dose per 7 gg/mese per -4 mesi) con itraconazoo (400 mg/dose) o terbinafina (50 mg/dose) si è dimostrata meno efficace rispetto aa cura continuativa. 9,10 In caso di insuccesso dea terapia medica: può rendersi necessaria asportazione de unghia, 3 con un trattamento medico per impedire infezione dea matrice. 7 suggerimenti per a cura dee unghie 3 da consigiare ai pazienti affetti da onicomicosi 1 mantenere e unghie corte e ben puite, ma non troppo corte agi angoi per evitare che incarniscano; a fine di ridurre e possibiità di autocontagio e per ottimizzare i contatto con gi agenti topici è importantissimo ridurre a massa di tessuto ungueae affetto mediante tagio e successiva abrasione (mediante imatura); 3 utiizzare guanti in gomma per i avori umidi; 4 non impiegare o stesso attrezzo per a cura di unghie sane e unghie maate; 5 evitare uso di strumenti comuni nei saoni di beezza; 6 evitare e cazature con tacchi ati e punte strette; 7 appicare a povere antimicotica a scarpe e piedi. 1. Hay RJ in Principes and practice of infectious diseases Ed. Mande GL, et a., 1994 Churchi Livingstone p Whittam LR Hay RJ Cin Exper Dermato. 1997; : Eewski BE et a. Cin Infect Dis 1996; 3: Gupta AK, Scher RK Lancet 1998; 351: Reine D Dermatoogy 199: 184 Supp 1: 1S-4S 6. Crawford F et a. The Cochrane ibrary, Issue 4, Be-Syer SEM et a. The Cochrane ibrary, Issue 4, Hart R et a. BMJ 1999; 319: Harre TK et a. JABFP. 000; 13: Trepanier EF, et a. Ann Pharmacother. 1998; 3: Martindae: the compete Drug Reference p Evans EG et a. BMJ 1999; 318: Roberts DT et a. Guideines for treatment of onychomycosis Br J Dermato 003; 148: Jones TC Br J Dermato 1995; 13: Pacchetto informativo n. 7 Aprie 004 CeVEAS 7 disponibie in versione pdf su sito

8 Pityriasis versicoor Definizione, ezioogia e fattori favorenti 1 Infezione cutanea dovuta a Maassezia furfur detta anche Pityrosporum orbicuare. Microrganismi de genere Maassezia sono riconosciuti come eementi patogenetici anche per a dermatite seborroica. I micete, soitamente presente sua cute in forma sferica (saprofitica), si trasforma in ifa patogena per effetto di stimoi non ancora identificati. Fattori individuai predisponenti sono aa base di reinfezioni frequenti. L irraggiamento soare rende a patoogia più evidente. Le prove disponibii suggeriscono a seguente strategia terapeutica: Primo trattamento: 1, farmaci azoici in crema o souzione idroacoica per 14 gg; avaggio con sapone acido, seguito da appicazione di sodio iposofito (souzione acquosa a 3%*) e, successivamente a cute asciutta, di acido tartarico (souzione acquosa 3%*, 1 appicazione/die per 30 gg); seenio sofuro shampoo 1%, 1 appicazione/die per 14 gg; terbinafina crema 1%, 1 appicazione/die per gg. L utiizzo dei farmaci azoici in schiuma non è supportato da sufficienti prove di efficacia. Testi speciaistici, revisioni e inee guida 1,,3 concordano sua necessità di appicare i farmaci su una superficie più ampia di quea visivamente interessata. In caso di insuccesso de primo trattamento: 1, ripetere i trattamento topico con un atro preparato di casse diversa. In caso di reinfezione: 1,3 ripetizione di cico di terapia topica con un farmaco diverso facendo attenzione a impiego corretto appicazione topica satuaria di gico propienico (souzione acquosa a 50%) si è dimostrata efficace nea prevenzione dee reinfezioni. Nee forme estese ad aree esteticamente importanti e/o non responsive a ripetuti trattamenti topici: 1 antimicotici azoici sistemici per gg; nea sceta, sono da considerare e potenziai interazioni con atri trattamenti (vedi tabea ne risguardo); a terbinafina per via orae NON si è dimostrata efficace (come indicato nea scheda tecnica). NB: avvisare i pazienti che i ripristino dea normae pigmentazione dea cute richiede tempi più unghi rispetto aa guarigione micoogica. * da far preparare in farmacia con ricetta magistrae Hanno reaizzato questo numero: Contenuti scientifici Emiio Maestri* Anna Maria Marata* Metodoogia e coordinamento editoriae Giuio Formoso* Susanna Matoni* Revisione e discussione Armando Pittau # Oreste Capei* Gioachino Caresana Mario Sarti^ Annaisa Campomori* * CeVEAS, ASL di Modena # dermatoogo, AUSL di Boogna dermatoogo, Istituti ospitaieri di Cremona ^ microbioogo, ASL di Modena Stampa: Premiato Stabiimento Tipografico dei Comuni, S. Sofia di Romagna (FC) 1. Hay RJ in Principes and practice of infectious diseases ed. Mande GL, Bennett JE and Dooin R Churchi Livingstone p Antifungas in Martindae: the compete Drug Reference ed. Sweetman SC 00 Pharmaceutica Press p Gupta AK et a. Pityriasis versicoor. Dermato Cin 003; 1: Drake LA et a. Guideines of care for superficia mycotic infections of the skin tinea corporis, tinea cruris, tinea faciei, tinea manuum, and tinea pedis J Amer Acad Dermato 1996; 34: CeVEAS Pacchetto informativo n. 7 Aprie 004 disponibie in versione pdf su sito

Le pensioni dal 1 gennaio 2014

Le pensioni dal 1 gennaio 2014 Argomento A cura deo Spi-Cgi de Emiia-Romagna n. 1 gennaio 2014 Le pensioni da 1 gennaio 2014 Perequazione automatica 2014 pensioni, assegni e indennità civii assistenziai importo aggiuntivo per anno 2013

Dettagli

J yy > Jxx. l o H A R A R B

J yy > Jxx. l o H A R A R B oitecnico di Torino I cedimento di una struttura soggetta a carichi statici può avvenire in acuni casi con un meccanismo diverso da queo di superamento dei imiti di resistena de materiae. Tae meccanismo

Dettagli

BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO. Standard Internazionali di Valutazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) calcolo dei prezzi marginali

BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO. Standard Internazionali di Valutazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) calcolo dei prezzi marginali BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO Standard Internazionai di Vautazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) cacoo dei prezzi marginai Docente: geom. Antonio Eero CORSO PRATICANTI 205 I PREZZI MARGINALI I prezzo

Dettagli

BANDO DI GARA D' APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento

BANDO DI GARA D' APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento , ROMA CAPTALE '21M~ BANDO D GARA D' APPALTO SEZONE ) AMMNSTRAZONE AGGUDCATRCE. N PUBBLCAZONE DAL~...1:Jj~jM.~ A L _.2 /~L-MZ: = 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitae Dipartimento

Dettagli

Roma, 18 settembre 2014. Claai

Roma, 18 settembre 2014. Claai .:.ontratto Coettivo Nazionae di Lavoro per i dipendenti dae imprese artigiane esercenti Servizi di puizia, Disinfezione, Disinfestazione, Derattizzazione e Sanificazione Roma, 18 settembre 2014 Caai Si

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

BANDO DI GARA D'APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento

BANDO DI GARA D'APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento Po) AA/AZ ft.'f ROMA CAPTALE BANDO D GARA D'APPALTO SEZONE ) AMMNSTRAZONE AGGUDCATRCE. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitae Dipartimento Sviuppo nfrastrutture e Manutenzione

Dettagli

Punte a cannone. Hartner 2007. Made in Germany SEF MECCANOTECNICA. E mail: sef@sefmecc.it Web : www.sefmeccanotecnica.it

Punte a cannone. Hartner 2007. Made in Germany SEF MECCANOTECNICA. E mail: sef@sefmecc.it Web : www.sefmeccanotecnica.it Made in Germany Hartner 2007 Punte a cannone SEF MECCANOTECNICA SEE Via degi Orefici - Bocco 26 40050 FUNO (BO) ITALIA Te. 051 66.48811 Fax 051 86.30.59 FILIALE I MILANO Piazzae Martesana, 6 20128 Miano

Dettagli

Stefano Falorsi. di seconda e quinta elementare rispettivamente di numerosità e N. I test somministrati alle

Stefano Falorsi. di seconda e quinta elementare rispettivamente di numerosità e N. I test somministrati alle Nota metooogica sua strategia i campionamento e sistema nazionae i vautazione ee competenze per e cassi secona e quinta e primo cico ea scuoa primaria Stefano Faorsi. Obiettivi I Sistema Nazionae i Vautazione

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE DI MACCHINE NON ELETTRICHE IN ITALIA

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE DI MACCHINE NON ELETTRICHE IN ITALIA C0MMISSIOHE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DIRE!ZIONE GENERALE DELLA CONCORRENZA IV/A._3 STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA DELLA COSTRUZIONE DI MACCHINE NON ELETTRICHE IN ITALIA - Costruzione

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE Antisepsi - Asepsi ANTISEPSI: : mira a rallentare lo sviluppo dei germi (freddo) ASEPSI: consiste nell applicazione di una serie di norme atte a impedire che su un determinato

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO. che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato. pidocchio

PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO. che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato. pidocchio PEDICULOSI DEL CAPO PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato pidocchio IL PIDOCCHIO è importante sapere che Non è vettore di malattie

Dettagli

ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2

ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 Le Infezioni nosocomiali nella realtà degli Ospedali liguri: un up to date con il contributo di casistiche personali ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 Dott.. G. CALCAGNO Responsabile S.S. Prevenzione rischio

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Mario Sarti. Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena

Mario Sarti. Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena Mario Sarti Microbiologia Clinica Provinciale Azienda USL di Modena 9 STRATEGIE DI REFERTAZIONE PER FAVORIRE L USO APPROPRIATO

Dettagli

5. Limiti di funzione.

5. Limiti di funzione. Istituzioni di Matematiche - Appunti per e ezioni - Anno Accademico / 6 5. Limiti di funzione. 5.. Funzioni imitate. Una funzione y = f(x) definita in un intervao [ a b] imitata superiormente in tae intervao

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile Per la terapia DOSSIER MASTITI di una mastite in atto il ricorso a tale test L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile riveste scarsa importanza. Ma fornisce preziosissime informazioni per le cure

Dettagli

TRATTAMENTO DELLE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE NELL ANZIANO ISTITUZIONALIZZATO ALESSANDRO NOBILI

TRATTAMENTO DELLE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE NELL ANZIANO ISTITUZIONALIZZATO ALESSANDRO NOBILI TRATTAMENTO DELLE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE NELL ANZIANO ISTITUZIONALIZZATO ALESSANDRO NOBILI Dalle linee guida alla pratica clinica: tra evidenze e incertezze LECCO, 5 maggio 2009 EBM Migliori evidenze

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA ALIMENTARE IN ITALIA

STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA ALIMENTARE IN ITALIA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DIREZIONE GENERALE DELLA CONCORRENZA IV/ A-3 STUDIO SULL' EVOLUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE NELL' INDUSTRIA ALIMENTARE IN ITALIA - Industria aimentare in compesso - Industria

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV Arcispedale S. Maria Nuova Dipartimento Ostetrico Ginecologico e Pediatrico Prof. Giovanni Battista La Sala - Direttore PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA

Dettagli

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al L verbae n"..8j... Ogg, se marzo duemaqundc, ae ore 13.00, s è runta nea sede d questa sttuzone Scoastca a commssone Eettorae così composta RBEZZO ASSUNTA Presdente; VAL SABNA Segretaro, FATORELLO GAMPETRO

Dettagli

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING)

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) Cosa bisogna sapere prima di decidere di fare lo sbiancamento dei denti? In inglese viene definito:dental bleaching 1. L'igiene orale correttamente eseguita

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Protezione da Ebola Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Ed.Ottobre 2014 Il virus Ebola: la sua natura, come si diffonde, quanto è pericoloso L ebola è un virus appartenente alla

Dettagli

Book IL FENOMENO DELLE MUFFE E ALGHE

Book IL FENOMENO DELLE MUFFE E ALGHE IL FENOMENO DELLE MUFFE E ALGHE CAP Arreghini. Cultura della qualità. Un costante processo di evoluzione e di innovazione abbraccia da sempre tutte le attività di CAP Arreghini. L azienda gode infatti

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Le muffe fanno parte, insieme ai lieviti e ai funghi a cappello sia mangerecci sia velenosi, di un vastissimo quanto eterogeneo gruppo di organismi,

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

malattie sessualmente trasmissibili

malattie sessualmente trasmissibili malattie sessualmente trasmissibili prevenzione, diagnosi e terapia a cura di Tiziano Cappelletto, ginecologo in collaborazione con Giampaolo Contemori, andrologo Sandro Pasquinucci, infettivologo Patrizio

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

A.S.L. CASERTA Procedura N. 01/CIO Prevenzione delle Infezioni del Sito Chirurgico [ISC]

A.S.L. CASERTA Procedura N. 01/CIO Prevenzione delle Infezioni del Sito Chirurgico [ISC] A.S.L. CASERTA Procedura N. 01/CIO Prevenzione delle Infezioni del Sito Chirurgico [ISC] Comitato Tecnico Aziendale per il Controllo e la Sorveglianza delle Infezioni Ospedaliere [C.I.O.] Elaborata il:

Dettagli

- Riproduzione riservata - 1

- Riproduzione riservata - 1 Principali malattie parassitarie del cane; Le malattie parassitarie che maggiormente interessano e colpiscono il cane sono molte ed alcune di queste possono colpire e provocare conseguenze anche per l

Dettagli

PRONTUARIO PER L UTILIZZO DEGLI ANTISETTICI E DEI DISINFETTANTI

PRONTUARIO PER L UTILIZZO DEGLI ANTISETTICI E DEI DISINFETTANTI ISTRUZIONE OPERATIVA n 4/2007 Revisione 2 PRONTUARIO PER L UTILIZZO DEGLI ANTISETTICI E DEI DISINFETTANTI (Aggiornato nei nomi commerciali e nelle concentrazioni d uso dal Gruppo di Lavoro a maggio 2008)

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Oggetto : Segnalazione colonia felina L.R. 34/97 Reg, Comunale sulla tutela degli animali del 24 Ottobre 2005. sottoscrit nat.

Oggetto : Segnalazione colonia felina L.R. 34/97 Reg, Comunale sulla tutela degli animali del 24 Ottobre 2005. sottoscrit nat. Al Coordinatore dei Servizi Veterinari ASL RM A SEDE Oggetto : Segnalazione colonia felina L.R. 34/97 Reg, Comunale sulla tutela degli animali del 24 Ottobre 2005 Il/la a il residente sottoscrit nat a

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

RICERCA SULLE NUOVE AZIENDE SIDERURGICHE

RICERCA SULLE NUOVE AZIENDE SIDERURGICHE COMMISSIONE DELLE. COMUNITÀ EUROPEE COMUNITÀ EUROPEA DEL CARBONE E DELL'ACCIAIO RICERCA SULLE NUOVE AZIENDE SIDERURGICHE Le maestranze deo stabiimento tasider di Taranto Atteggiamenti operai e avoro siderurgico

Dettagli

Igiene Generale ed applicata. Indice. 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ---------------------------------------------------- 3

Igiene Generale ed applicata. Indice. 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ---------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI IGIENE GENERALE ED APPLICATA LEZIONE II EPIDEMIOLOGIA GENERALE DELLE MALATTIE INFETTIVE PROF.SSA DANIELA ANASTASI Indice 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ----------------------------------------------------

Dettagli

Corsi p e r O d o n t o i a t r i

Corsi p e r O d o n t o i a t r i corsi accreditati ECM Corsi p e r O d o n t o i a t r i 2015 20 marzo Approccio Razionale alla Terapia Implantare dalla pianificazione del caso alla realizzazione protesica 22 maggio Rialzo del Pavimento

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA Circolare n 4 del 13 marzo 1998 Protocollo 400.3/26/1189 MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA Provvedimenti da adottare nei confronti di soggetti affetti da alcune malattie infettive e

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

LE MALATTIE BATTERICHE INVASIVE: PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA GESTIONE DI UN CASO DI MALATTIA INVASIVA DA MENINGOCOCCO

LE MALATTIE BATTERICHE INVASIVE: PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA GESTIONE DI UN CASO DI MALATTIA INVASIVA DA MENINGOCOCCO LE MALATTIE BATTERICHE INVASIVE: PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA GESTIONE DI UN CASO DI MALATTIA INVASIVA DA MENINGOCOCCO INTRODUZIONE Negli ultimi anni si è manifestata una crescente attenzione nei confronti

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Delibera n. 328 del 25 marzo 211 COMITATO TECNICO PREPOSTO AL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Dr.

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Che cosa occorre sapere sull alopecia.

Che cosa occorre sapere sull alopecia. 01/ 2014 Sandoz Pharmaceuticals S.A. Suurstoffi 14 Casella postale 6343 Rotkreuz Tel. 0800 858 885 Fax 0800 858 888 www.generici.ch Che cosa occorre sapere sull alopecia. Struttura dei capelli 4 Ciclo

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration APPRAISAL OF GUIDELINES for RESEARCH & EVALUATION (AGREE) CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA AGREE Collaboration Settembre 2001 Versione italiana Tradotta

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.0.- Disinfettanti e loro caratteristiche Questa sezione descrive alcune famiglie di disinfettanti facilmente reperibili sul mercato che attualmente vengono

Dettagli