I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche"

Transcript

1 I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno I beni pubblici rappresentano un esempio di fallimento di mercato. Con il termine fallimento del mercato si vuole individuare una situazione in cui i mercati non sono in grado di organizzare la produzione in maniera efficiente, o non allocano efficientemente beni e servizi ai consumatori: non c è ottimo paretiano. Si ha, dunque fallimento di mercato tutte le volte che o non esiste un equilibrio di mercato, oppure se esiste esso non è Pareto efficiente. I "fallimenti di mercato altro non sono che il venir meno delle ipotesi assunte nel primo teorema dell Economia del Benessere (branca della teoria economica che studia la desiderabilità sociale di allocazioni economiche alternative), il quale stabilisce che per ogni allocazione iniziale delle risorse, il sistema di mercato concorrenziale garantisce un allocazione finale efficiente in senso paretiano. Oltre ai beni pubblici altri esempi di fallimento del mercato, assai diffusi nella realtà sono esternalità, monopolio ed asimmetrie informative ect. Definizione di bene pubblico Seguendo la definizione di Samuelson un bene pubblico è un bene di cui tutti possono godere in comune, nel senso che il consumo di ciascun individuo non comporta alcuna sottrazione del consumo dello stesso bene da parte di un altro individuo. Nelle economie dei mercato attraverso il sistema dei prezzi è possibile conseguire un allocazione efficiente delle risorse in quanto i prezzi rappresentano il meccanismo di razionamento dei beni privati: i consumatori disposti a pagare il prezzo richiesto per il bene e in grado di farlo lo ottengono. Per i beni pubblici il carattere di indivisibilità, l impossibilità di individuare in quale misura il beneficio del bene pubblico affluisce a un individuo, non permette di individuare un prezzo come controprestazione dell utilizzo del bene. Non a caso secondo alcuni esponenti delle Teorie sociologiche (Pareto, Mosca, Marx ect), la logica dell imposta è da rinvenire proprio nel carattere di indivisibilità che richiede l introduzione di una forma di pagamento non correlata al beneficio e, dunque coercitiva. Successivamente, però, nella teoria dell Economia pubblica, grazie in particolare agli esponenti delle Teorie dello Scambio volontario (Lindhal, Sax, Mazzola) sono stati individuati in maniera più 1

2 precisa i caratteri essenziali dei beni e servizi pubblici rispetto a quelli privati. Da ciò quindi l identificazione delle caratteristiche dei beni pubblici essenzialmente nella: Non rivalità: il consumo di un bene pubblico da parte di un individuo non implica l'impossibilità per un altro individuo di consumarlo allo stesso tempo. Un esempio classico di bene pubblico è la difesa nazionale. Se lo Stato crea un sistema di difesa tutti i cittadini ne potranno beneficiare e, soprattutto il fatto che ne benefici un altro individuo non significa dover sostenere costi aggiuntivi. Il costo marginale dell offerta di un bene non rivale a soggetti successivi al primo è nullo. Non escludibilità: una volta che il bene pubblico è prodotto, è difficile o impossibile impedirne la fruizione da parte di consumatori (si pensi ad esempio all'illuminazione stradale). Una volta prodotto, ne beneficiano tutti. La non escludibilità può essere di due tipi: tecnica ed economica. Un esempio di escludibilità tecnica è costituito dalle trasmissioni radiofoniche e televisive. La non eslcudibilità economica trova origine non in motivazioni tecniche bensì nel costo troppo elevato da dover sostenere affinché qualche individuo venga escluso dall utilizzo o dal beneficio di un determinato servizio o bene pubblico. Beni pubblici puri possiedono in senso assoluto tali proprietà e per questo motivo sono importanti più sotto un profilo analitico, collegato alle loro caratteristiche distintive rispetto ai beni privati, che sotto un profilo di rilevanza pratica; le caratteristiche definitorie di non rivalità e non escludibilità assolute sono così rigide che nella realtà il numero di questi beni è piuttosto ridotto. Fig. 1 Classificazione dei beni Fra le due categorie polari -beni privati e beni pubblici puri- esiste una varietà infinita di beni e servizi in cui si combinano in diversa proporzione e in diversa intensità le due caratteristiche di rivalità e di escludibilità (Fig. 1). Esempio di bene tariffabile è ad esempio un autostrada i cui servizi, nei limiti della congestione, sono non rivali ma possono essere escludibili a prezzi non proibitivi. Un esempio di bene comune è invece, una riserva di pesca i cui servizi possono essere resi rivali, nel senso che ciò che è pescato da un individuo non può essere preteso da un altro, ma non escludibili. 2

3 Quindi, poiché i beni pubblici puri sono rari -sebbene includano importanti casi quali il sistema dei diritti di proprietà o la difesa nazionale-, nel gergo degli economisti il termine bene pubblico è in genere riferito a beni pubblici impuri, o pubblici soltanto con riferimento a un particolare sottoinsieme di consumatori. È importante al riguardo osservare che un bene pubblico può essere fruito da parte dell'intera società, laddove un bene che è utilizzato soltanto da un suo sottoinsieme dovrebbe essere considerato un bene collettivo. C è da sottolineare, inoltre che il concetto di bene pubblico non ha nulla a che fare con il fatto che esso venga prodotto e offerto dallo stato; i suoi connotati riguardano esclusivamente le caratteristiche intrinseche del bene. La caratteristiche di cui sopra, in modo particolare di non-escludibilità pongono fondamentalmente dei problemi circa la determinazione della domanda, della fornitura efficiente e del finanziamento di un bene pubblico. Determinazione della domanda aggregata dei beni pubblici La presenza di beni pubblici in un economia di tipo concorrenziale ne modifica il funzionamento e le condizioni di equilibrio attraverso cui individuare le quantità e i prezzi cambiano, non potendo più considerare come soluzione di scelta ottima la condizione di uguaglianza tra il saggio marginale di sostituzione e il rapporto fra i prezzi. Fig. 2 Domanda aggregata beni privati Nel caso di beni privati,dati i redditi di tutti i consumatori, e ipotizzando che i prezzi di mercato cui ciascuno di essi fa riferimento siano gli stessi per tutti, è possibile definire una funzione di domanda aggregata come somma orizzontale delle curve di domanda individuali. Ad ogni individuo, cioè si chiede qual è la quantità che è disposto ad acquistare per ciascun livello di prezzo. Quindi, dati due individui A e B (Fig. 2) e un prezzo di mercato paria p*, la quantità acquistata dall individuo A, a tale prezzo, sarà q a ; l individuo B, invece acquisterà la quantità q b. La quantità globalmente domandata q* sarà data dalla somma tra le due quantità individuali (q a + q b ). L equilibrio 3

4 di mercato (q*)è individuato dal punto in cui la curva di domanda aggregata interseca la curva di costo marginale (Fig. 3). Fig. 3 Condizione di equilibrio di mercato con beni privati La curva di domanda (Fig. 4) per i beni pubblici, invece, si costruisce sommando verticalmente (anziché orizzontalmente) le curve di domanda dei singoli individui. Ad ogni individuo si chiede non quale quantità è disposto ad acquistare per ciascun livello di prezzo, ma qual è il prezzo che è disposto a pagare per ciascuna quantità prodotta. La costruzione della curva di domanda si ottiene, come è evidenziato nella Fig. 4, partendo dalla determinazione della quantità domandata di bene pubblico che è q*, uguale per i due individui. Fig. 4 Domanda aggregata beni pubblici Il prezzo invece, è dato dalla somma dei prezzi (p a +p b ) che gli individui sono disposti a pagare e che non necessariamente devono essere uguali. Anche qui l equilibrio di mercato si avrà nel punto in cui la curva di domanda aggregata interseca la curva di costo marginale (Fig. 5). La disponibilità a pagare per un certo bene è pari alla somma di quanto ciascuno sarebbe disposto a pagare per quella unità. 4

5 Fig. 5 Equilibrio di mercato con beni pubblici Inoltre, poiché ciascun individuo ha le sue preferenze, e in particolare ha preferenze diverse circa la desiderabilità di produrre beni pubblici o beni privati (o certi beni pubblici piuttosto di altri), la domanda aggregata di beni pubblici dipende anche dalla distribuzione del reddito e dalla struttura del sistema fiscale. In un contesto positivo quindi, sulla base di quanto detto è possibile definire la domanda di beni pubblici come somma verticale delle disponibilità a pagare per il bene pubblico. In un contesto normativo, utilizzando, cioè lo stesso impianto definito dall Economia del Benessere Samuelson dimostra che è possibile definire un ottimo sociale anche in presenza di beni pubblici. C è però da dire che in un mercato con beni pubblici mentre la condizione di efficienza nella produzione resta invariata la condizione di efficienza nello scambio non esiste. Se la condizione di sovranità del consumatore per i beni privati è stata identificata nella relazione SMS A x,y= SMS B x,y=smt x,y, questa in un economia con beni pubblici diventa: SMS A x,y+sms B x,y=smt x,y (regola di Samuelson), ossia la somma dei saggi marginali di sostituzione tra ogni coppia formata da un bene privato e dal bene pubblico, per tutti gli individui deve essere uguale al corrispondente saggio marginale di trasformazione In termini più generali, quindi in un economia con beni pubblici, secondo Samuelson esiste un equilibrio ottimo dal punto di vista paretiano, in cui: SMS = SMT per tutti i beni privati dove: pubblico. SMS i i =SMT per i beni pubblici; SMT = beni privati cui occorre rinunciare in cambio di una unità di bene pubblico; SMS i = beni privati cui il consumatore i è disposto a rinunciare in cambio di un unità di bene 5

6 I risultati conseguiti da Samuelson presuppongo che vi siano imprese disposte ad offrire beni pubblici e che gli individui siano disposti a rivelare le loro preferenze attraverso la manifestazione delle le domande individuali. Nella costruzione della domanda aggregata di beni pubblici si suppone, che gli individui esprimano la domanda individuale del bene in modo corretto, ossia che non ci sia free riding. Free riding Tuttavia, i singoli agenti hanno un ridotto interesse a rivelare le loro vere preferenze (free riding). Nel momento in cui si chiedesse ad un soggetto quale valutazione marginale attribuisce al bene pubblico questo sarebbe tentato di fornire valutazioni inferiori alla verità in quanto successivamente sarà chiamato a contribuire per finanziare la produzione per quanto ammesso essere disposto a pagare.la caratteristica della non escludibilità tipica dei bene pubblici implica, infatti che una volta disponibile il bene potrà essere goduto da tutti senza che chi ha provveduto a sostenere i costi di produzione possa implementare un meccanismo di esclusione di coloro che non hanno manifestato apertamente le loro preferenze, nonostante fossero interessati alla produzione del bene. Il problema del free-riding era stato individuato molto chiaramente già nel 1986 da Wicksell che ha messo in evidenza come la propensione ad avere comportamenti opportunistici aumenti quando l individuo sia solo uno fra i tanti che possono beneficiare dei beni pubblici. Quindi, nel caso di 2 ( pochi ) individui è possibile che gli agenti, riconoscendo il vantaggio complessivo derivante dalla produzione congiunta, raggiungano un accordo che potrebbe tradursi in un livello di produzione efficiente e in un adeguata ripartizione dei contributi individuali. Infatti, se i due individui "cooperano", ossia se dichiarano sinceramente le proprie preferenze nei confronti del bene, e contribuiscono al suo finanziamento, potranno, unendo gli sforzi disporre di una quantità globalmente superiore, a parità di prezzo e corrispondere un prezzo inferiore per una data quantità. Quando, invece gli agenti sono numerosi e ritengono sostanzialmente irrilevante il proprio contributo individuale, ogni agente -sapendo che il prezzo che dovrà corrispondere dipenderà dal valore che avrà attribuito al bene- tenderà a non rivelare sinceramente le proprie preferenze celando l entità del beneficio ricevuto. Questa strategia, che appare a ciascun individuo ottimale, si traduce in un sottodimensionamento della produzione del bene pubblico o addirittura potrebbe comportare una produzione nulla. Fornitura efficiente dei Beni Pubblici L operatore sia pubblico che privato può, in astratto, fornire la quantità efficiente di un bene pubblico solo se conoscono le preferenze individuali. Ma, in genere, come abbiamo visto gli individui tendono ad adottare comportamenti opportunistici. A seconda dei casi, ossia a seconda delle aspettative individuali circa le conseguenze derivanti dalle proprie dichiarazioni, si può manifestare un eccesso di domanda o un deficit di domanda privata di beni pubblici. Gli individui sono portati 6

7 a sovra-stimare l'importanza attribuita al bene se ritengono di potersi in tutto o in parte sottrarsi al finanziamento; a sotto-stimare se temono che l'interesse manifestato nei confronti del bene implicherà un coinvolgimento nel finanziamento. In questo modo si realizza una frattura tra razionalità individuale e razionalità collettiva : ciò che appare individualmente ottimo, celare l entità del beneficio ricevuto non rivelando una disponibilità a pagare, si traduce ex post in una decisione collettiva inefficiente: il bene pubblico non verrà prodotto o verrà prodotto in quantità inferiore a quella socialmente efficiente. In un economia con beni pubblici, infatti il raggiungimento di un livello di produzione efficiente del bene pubblico è tipicamente precluso dal fatto che gli agenti tendono ad adottare un comportamento strategico. Ogni individuo spera di poter raggiungere il livello ottimale di consumo individuale indipendentemente dal suo contributo ai costi di produzione. In tal caso il sottodimensionamento sarà tanto maggiore quanto : (i) più elevato è il costo di produzione del bene; (ii) più elevato è il numero di individui interessati al bene. Ciò ovviamente accade in quanto ciascun agente tiene conto dei soli benefici che la produzione del bene pubblico comporta per se stesso. Non tiene conto del fatto che, in virtù della non rivalità ne possono godere anche tutti gli altri membri della collettività. Inoltre, poiché il prezzo che copre il costo in un economia con beni pubblici deve essere pari alla somma delle valutazioni marginali individuali, le sottovalutazioni da parte degli individui faranno sì che le imprese non possano produrre i beni pubblici nella quantità ottimale, perché produrrebbero in perdita. La produzione di questi beni, infatti dà luogo a vantaggi a favore di individui che il suo produttore non è in grado di ripagarsi applicando il meccanismo del prezzo. Quindi, la fornitura privata di beni pubblici è scoraggiata dall impossibilità di appropriarsi dei benefici derivanti dalla fornitura stessa (non-escludibilità). Tutt al piu, un impresa si impegnerà nella produzione del bene nella misura in cui esso fornisce benefici privati non inferiori ai costi privati oppure se avesse deciso di fare della beneficenza pubblica. Quindi, quando un bene o un servizio è caratterizzato dalla compresenza delle due caratteristiche di non rivalità e di non escludibilità in genere non è possibile che vengano prodotti da un impresa privata. Quando non esiste convenienza privata alla produzione questa deve avvenire tramite il settore pubblico, cioè attraverso un organizzazione che ha la capacità, la forza di coazione, di far pagare con un meccanismo diverso dal prezzo, cioè con dei prelievi di tipo obbligatorio, il costo della produzione e della distribuzione dei beni pubblici puri. È evidente che rispetto ai soggetti privati, l operatore pubblico dispone di un vantaggio in più in quanto può imporre coattivamente la fornitura di un bene pubblico e può imporre coattivamente il finanziamento del bene in quanto il beneficio sociale si ritiene essere superiore al costo di produzione. Se l'operatore pubblico intende pervenire ad una determinazione efficiente del livello di fornitura dei beni pubblici deve avvalersi di meccanismi capaci di annullare (o attenuare) le 7

8 asimmetrie informative. Deve utilizzare meccanismi capaci di indurre gli individui a rivelare le proprie vere preferenze.: - la tassa di Clarke - il "voto con i piedi" (mobilità inter-giursidzionale) (Tiebout) Questi meccanismi generalmente utilizzati (tassa di Clarke, il voto con i piedi Tiebout, ect.) sono teoricamente capaci di indurre una rivelazione sincera delle preferenze anche se sono affetti da problemi cui, tuttavia, la teoria economica ha tentato di porre rimedi elaborando meccanismi teorici via via più sofisticati. Essi mirano, tra l altro, a distribuire tra gli individui, in modo appropriato il costo di fornitura del bene pubblico considerato che una distribuzione appropriata dei costi di fornitura è condizione necessaria per realizzare livelli di fornitura efficienti. Finanziamento dei beni pubblici La condizione di ottimalità paretiana nella produzione del bene pubblico attraverso cui determinare la quantità di beni pubblici socialmente ottima, in assenza di un prezzo di mercato del bene pubblico, non fornisce nessuna informazione sul modo in cui il suo costo di produzione deve essere ripartito fra i componenti della collettività. I criteri utilizzati in base ai quali definire la quota di finanziamento della produzione di beni pubblici sono essenzialmente due: 1) il criterio del beneficio; 2) il criterio della capacità contributiva. In base al primo ciascun individuo dovrebbe contribuire "in proporzione ai benefici che riceve. Ovviamente, se ciascuno paga per i benefici che riceve, alla fornitura/finanziamento pubblico di beni pubblici non è associato alcun effetto redistributivo. L intervento pubblico produce effetti redistributivi solo se il contributo individuale non è (strettamente) collegato ai benefici individuali. Se gli individui sono diversi, ossia ricavano diversa utilità dalla disponibilità del bene pubblico dovrebbero essere chiamati a contribuire in modo differenziato. Quindi, invece di aderire al principio del beneficio, l operatore pubblico potrebbe aderire al principio della capacità contributiva : ciascuno concorre al finanziamento dei beni pubblici in base alla propria capacità di contribuzione. L adesione al principio della capacità contributiva configura una violazione dei criteri di efficienza, ma può trovare giustificazione in altre finalità dell intervento pubblico. Anche se i sistemi fiscali moderni si caratterizzano per un mix di principio del beneficio e di principio della capacità contributiva, tuttavia, si osserva in genere una prevalenza del principio della capacità contributiva. Le grandi imposte, ossia quelle che forniscono le principali risorse finanziarie per il finanziamento di beni pubblici (es. imposta sul reddito delle persone fisiche), sono prevalentemente ispirate dal principio della capacità contributiva. Il che trova spiegazione nella difficoltà tecnica di estrarre informazioni sulle preferenze individuali e/o nella difficoltà tecnicopolitica di adottare opportuni meccanismi di rivelazione delle preferenze. Di fatto, nella realtà, le decisioni di fornitura dei beni pubblici derivano da meccanismi 8

9 politici (in genere) intrinsecamente incapaci di far emergere le vere preferenze individuali nella volontà di integrare obiettivi di efficienza con obiettivi di equità (azione re-distributiva). Gli strumenti attraverso cui ottenere il finanziamento della produzione dei beni pubblici sono essenzialmente le imposte anche nella diversa accezione di tassa e contributo, dove quest ultimi finanziano la componente privata (rivale ed escludibile) dei beni forniti dall operatore pubblico (cd servizi a domanda individuale), mentre le imposte finanziano la componente pubblica (non rivale e non escludibile e/o redistributiva) dei beni forniti dall operatore pubblico, cioè, la parte non coperta da tariffe, tasse e contributi. 9

I beni pubblici. Fallimenti del mercato

I beni pubblici. Fallimenti del mercato I beni pubblici Fallimenti del mercato Introduzione Esistono beni che non vengono offerti da imprese private ma, in misura ed in modi diversi, vengono offerti dal settore pubblico. Es. la difesa nazionale,

Dettagli

Economia pubblica. Alberto Zanardi

Economia pubblica. Alberto Zanardi Università di Bologna Scuola di Economia, Management e Statistica Corso di laurea CLEF Economia pubblica a.a. 2013-14 14 (8 crediti, 60 ore insegnamento) I beni pubblici Alberto Zanardi Fallimenti del

Dettagli

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Obiettivi delle prossime due lezioni Che cosa distingue i beni pubblici, tipicamente forniti dal settore pubblico, dai beni forniti dal mercato?

Dettagli

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE Docente: Gatto Antonino Elaborazione: Dott.ssa Locantro Antonia Lucia I motivi dell intervento dello

Dettagli

Fallimenti del mercato

Fallimenti del mercato Fallimenti del mercato Il mercato fallisce quando non è in grado di raggiungere un ottimo socialmente soddisfacente in termini di efficienza ed equità Potere di mercato Esternalità Beni pubblici Asimmetria

Dettagli

I beni pubblici: un problema di rilevazione delle preferenze

I beni pubblici: un problema di rilevazione delle preferenze Università degli Studi di Perugia Corso di Laurea Magistrale in Scienze della Politica e dell'amministrazione ECONOMIA E FINANZA PUBBLICA Enza Caruso Lezione n. 9-0 I fallimenti del mercato: lo Stato può

Dettagli

Criteri di ripartizione del carico tributario

Criteri di ripartizione del carico tributario Criteri di ripartizione del carico tributario La ripartizione del carico tributario dipende: - dalle finalità che si assegnano all imposta - dalla concezione di equità cui si aderisce Due principi Beneficio

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

Le ragioni dell intervento pubblico

Le ragioni dell intervento pubblico Le ragioni dell intervento pubblico 1. COME VALUTARE GLI ESITI DEL MERCATO PRIVATO E DELL INTERVENTO PUBBLICO (L OTTIMO SOCIALE) 2. QUANDO IL MERCATO REALIZZA L OTTIMO SOCIALE 3. QUANTO IL MERCATO FALLISCE

Dettagli

Selezione avversa, screening e segnalazione

Selezione avversa, screening e segnalazione Selezione avversa, screening e segnalazione Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate da problemi di asimmetrie informative un primo

Dettagli

STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE, FACOLTÁ DI SOCIOLOGIA

STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE, FACOLTÁ DI SOCIOLOGIA STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE, FACOLTÁ DI SOCIOLOGIA A.A. 2008-2009 ANNA TEMPIA 2 LEZIONE LE RAGIONI DELL INTERVENTO PUBBLICO (PARTE SECONDA) BIBLIOGRAFIA: P.

Dettagli

Fallimenti del mercato

Fallimenti del mercato Fallimenti del mercato Il mercato fallisce quando non è in grado di raggiungere un ottimo socialmente soddisfacente in termini di efficienza ed equità Potere di mercato Esternalità Beni pubblici Asimmetria

Dettagli

Economia del benessere

Economia del benessere Economia del benessere 1 Mercato e Stato Il problema principale che si pone è come e in quali condizioni i risultati economici che possono essere conseguiti attraverso il mercato garantiscono il rispetto

Dettagli

Capitolo primo IL FINANZIAMENTO PUBBLICO DELL ISTRUZIONE: LE RAGIONI ECONOMICHE

Capitolo primo IL FINANZIAMENTO PUBBLICO DELL ISTRUZIONE: LE RAGIONI ECONOMICHE Capitolo primo IL FINANZIAMENTO PUBBLICO DELL ISTRUZIONE: LE RAGIONI ECONOMICHE L istruzione è un servizio complesso, nel quale l intervento pubblico è tradizionalmente ampio in tutti i paesi. In Italia,

Dettagli

massimizzazione del benessere sociale

massimizzazione del benessere sociale POLITICA ECONOMICA A.A. 2011-2012 Prof. Francesca Gastaldi TEORIA DELL ECONOMIA DEL BENESSERE (1930-1950) che studia il funzionamento di una economia di produzione e di scambio domandandosi quale debba

Dettagli

Efficienza ed equità

Efficienza ed equità Efficienza ed equità Efficienza ed equità Abbiamo visto nelle lezioni precedenti che, nella situazione ideale di assenza di fallimenti del mercato, il mercato condurrebbe a un risultato Pareto-efficiente.

Dettagli

F. Lapecorella E.Longobardi V.Peragine Appunti di Scienza delle finanze a.a. 2002-2003

F. Lapecorella E.Longobardi V.Peragine Appunti di Scienza delle finanze a.a. 2002-2003 F. Lapecorella E.Longobardi V.Peragine Appunti di Scienza delle finanze a.a. 2002-2003 Appunto n. 1: Il giudizio di efficienza di Ernesto Longobardi 8 ottobre 2002 1 Sovranità del consumatore vs paternalismo

Dettagli

Monday, October 1, 12 ECONOMIA DELL ISTRUZIONE

Monday, October 1, 12 ECONOMIA DELL ISTRUZIONE ECONOMIA DELL ISTRUZIONE Obiettivi Analizzare la natura economica del bene istruzione; Individuare le caratteristiche della sua produzione e del relativo mercato ; Analizzare le ragioni e le modalità dell

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza economica

Equilibrio generale ed efficienza economica Equilibrio generale ed efficienza economica Analisi dell equilibrio generale Efficienza nello scambio Equità ed efficienza Panoramica sull efficienza nei mercati concorrenziali Perché i mercati falliscono

Dettagli

L Economia del Benessere

L Economia del Benessere L Economia del Benessere L'Economia del Benessere è la branca normativa della Scienza Economica. In quest'area della ricerca vengono studiate e definite delle regole (o dei metodi) per poter classificare,

Dettagli

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2 Politiche Sanitarie Comparate Lezione 2 Stefano Neri Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca I sistemi sanitari tra mercato e intervento pubblico Tutti i sistemi

Dettagli

Esercitazione 9 Dott.ssa Sabrina Pedrini 29/04/2015. Domande a risposta multipla

Esercitazione 9 Dott.ssa Sabrina Pedrini 29/04/2015. Domande a risposta multipla Esercitazione 9 Dott.ssa Sabrina Pedrini 29/04/2015 Domande a risposta multipla 1) Il primo teorema dell economia del benessere sostiene che: a) L equilibrio competitivo dipende dal potere contrattuale

Dettagli

Equilibrio Economico Generale ed Economia del Benessere

Equilibrio Economico Generale ed Economia del Benessere Equilibrio Economico Generale ed Economia del enessere lessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 EQUILIRIO ECONOMICO GENERLE E ECONOMI

Dettagli

Capitolo 33: Beni Pubblici

Capitolo 33: Beni Pubblici Capitolo 33: Beni Pubblici 33.1: Introduzione In questo capitolo discutiamo le problematiche connesse alla fornitura privata dei beni pubblici, concludendo per l opportunità dell intervento pubblico in

Dettagli

Corso di POLITICA ECONOMICA

Corso di POLITICA ECONOMICA Corso di POLITICA ECONOMICA Giuseppe Croce Università La Sapienza - sede di Latina a.a. 2013-14 Queste slides non sostituiscono in alcun modo i testi consigliati per la preparazione dell esame ma intendono

Dettagli

Il sistema fiscale. Teoria

Il sistema fiscale. Teoria Il sistema fiscale Teoria Il sistema fiscale: aspetti generali I fallimenti del mercato ci dicono che una serie di beni devono essere prodotti dallo Stato per ragioni di efficienza: difesa (beni pubblici);

Dettagli

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE Docente: Gatto Antonino Elaborazione: Dott.ssa Locantro Antonia Lucia L oggetto di studio della scienza

Dettagli

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione.

5.7. Assicurazione e equilibri di separazione. ELORTO DL PR ON LINE DI ECONOMI DEI CONTRTTI 5.7. ssicurazione e equilibri di separazione. In questo paragrafo esaminiamo l attività di screening di una compagnia assicurativa (per definizione neutrale

Dettagli

Laboratorio di scienza delle finanze. Ssis anno 2008/09 INDIRIZZO GIURIDICO ECONOMICO Laboratorio 24/02/09 Isabella Ghilarducci

Laboratorio di scienza delle finanze. Ssis anno 2008/09 INDIRIZZO GIURIDICO ECONOMICO Laboratorio 24/02/09 Isabella Ghilarducci Laboratorio di scienza delle finanze Ssis anno 2008/09 INDIRIZZO GIURIDICO ECONOMICO Laboratorio 24/02/09 Isabella Ghilarducci Il perché di un nome Scienza delle finanze come scienza che individua nella

Dettagli

Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici

Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Economia

Dettagli

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Politica Economica Europee Stefano Papa spapa@uniroma1.it Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Economica Università di Roma Sapienza Da produttività

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Economia e Politica economica nei mercati globali S. Papa spapa@unite.it Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo

Dettagli

L assenza di condizioni di concorrenza perfetta

L assenza di condizioni di concorrenza perfetta Monopolio L assenza di condizioni di concorrenza perfetta è causa di fallimento del mercato per la difficoltà delle parti a trovare un accordo potenzialmente vantaggioso p Condizione di max profitto del

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

La Concorrenza Monopolistica

La Concorrenza Monopolistica La Concorrenza Monopolistica Caratteristiche Molteplicità di imprese Libertà di entrata (entreranno imprese finché vi sarà possibilità di profitti positivi). L entrata di nuove imprese favorisce i consumatori

Dettagli

Equilibrio economico generale e benessere

Equilibrio economico generale e benessere Scambio Equilibrio economico generale e benessere Equilibrio economico generale e benessere (KR 12 + NS 8) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline Scambio 1 Scambio 2 3 4

Dettagli

Programma delle Lezioni

Programma delle Lezioni UniversitàdegliStudidi Bologna Facoltà di Scienze Politiche Corsodi Laureain ScienzePolitiche, Socialie Internazionali Microeconomia (A-E) Matteo Alvisi Parte 7 EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE E COMMERCIO

Dettagli

Economia Pubblica. Giuseppe De Feo. Secondo Semestre 2014-15. Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it

Economia Pubblica. Giuseppe De Feo. Secondo Semestre 2014-15. Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Economia Pubblica Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2014-15 Outline I Richiami di Economia del Benessere Economia di mercato e Intervento pubblico

Dettagli

RENDIMENTI DI SCALA CRESCENTI

RENDIMENTI DI SCALA CRESCENTI 1 U C I I M - Torino Associazione Cattolica Insegnanti Dirigenti Formatori Sezione di Torino Ettore PEYRON Corso di ECONOMIA PUBBLICA 2007 Aggiornamento per docenti di Scienza delle Finanze della scuola

Dettagli

Economia e politica di gestione del territorio. Lezione n.2: Il ruolo del settore. [1:cap.1]

Economia e politica di gestione del territorio. Lezione n.2: Il ruolo del settore. [1:cap.1] Economia e politica di gestione del territorio Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie (L.M.) A.A. 2013-2014 Lezione n.2: Il ruolo del settore pubblico in un'economia mista [1:cap.1] Docente: Antonio

Dettagli

5.7. Assicurazione, selezione e equilibri di separazione.

5.7. Assicurazione, selezione e equilibri di separazione. ELBORTO SULL BSE DEL PR ON LINE 5.7 DI NICIT-SCOPP, ECONOMI DEI CONTRTTI (versione CZ del 10.12.2012) 5.7. ssicurazione, selezione e equilibri di separazione. In questo paragrafo esaminiamo l attività

Dettagli

Capitolo 16 Esternalità, diritti di proprietà e teorema di Coase

Capitolo 16 Esternalità, diritti di proprietà e teorema di Coase Capitolo 16 Esternalità, diritti di proprietà e teorema di Coase COSA ABBIAMO IMPARATO FINORA (PARTE TERZA) Un economia perfettamente concorrenziale è in grado di raggiungere l ottimalità-paretiana (=una

Dettagli

Mercati assicurativi, Adverse selection e Moral hazard

Mercati assicurativi, Adverse selection e Moral hazard 5/0/05 Università degli Studi di Perugia Corso di Laurea Magistrale in Scienze della Politica e dell'amministrazione COOMIA FIAZA PUBBLICA nza Caruso Lezione n. 3 I fallimenti del mercato: lo Stato può

Dettagli

Beni pubblici Esternalità

Beni pubblici Esternalità Beni pubblici Esternalità Corso di Politica economica a.a.2013-14 prof. Angelo Quarto 1 Economia e risorse scarse L economia si occupa dell allocazione ottimale delle risorse scarse: ossia tra usi alternativi

Dettagli

STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE

STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE, FACOLTÁ DI SOCIOLOGIA A.A. 2008-2009 ANNA TEMPIA 6 LEZIONE CENNI AL DECENTRAMENTO FISCALE (PARTE SECONDA) BIBLIOGRAFIA: P. Bosi

Dettagli

Antonella Laino Il monopolio naturale

Antonella Laino Il monopolio naturale A13 477 Antonella Laino Il monopolio naturale Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065 ISBN 978-88-548-4809-2

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

COSTI, RICAVI E PROFITTI

COSTI, RICAVI E PROFITTI COSTI, RICAVI E PROFITTI L obiettivo dell impresa è la massimizzazione dei profitti. I profitti sono dati dalla differenza tra i ricavi e i costi. Al variare della quantità prodotta, q, variano sia i costi

Dettagli

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata CAPITOLO 1 Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata Esercizio 1.1. Si consideri un mercato per un determinato bene. La curva di offerta delle imprese è Q S = 60 + p, quella di domanda dei consumatori

Dettagli

Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo

Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 14 Equilibrio economico generale (efficienza nello scambio) e fallimenti del mercato Facoltà di Scienze della Comunicazione

Dettagli

ECONOMIA APPLICATA. Corso di Laurea triennale in ecologia sperimentale ed applicata Università degli Studi di Roma Tor Vergata

ECONOMIA APPLICATA. Corso di Laurea triennale in ecologia sperimentale ed applicata Università degli Studi di Roma Tor Vergata ECONOMIA APPLICATA Corso di Laurea triennale in ecologia sperimentale ed applicata Università degli Studi di Roma Tor Vergata Federico Benvenuti benvenuti.federico@minambiente.it La valutazione economica

Dettagli

REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE

REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE Nella Sezione 16.5 abbiamo visto come un regolatore che voglia fissare il prezzo del monopolista in modo da minimizzare la

Dettagli

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13)

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Soluzione Esame (11 gennaio 2013) Prima Parte 1. (9 p.) (a) Ipotizzate che in un mondo a due paesi, Brasile e Germania, e due prodotti, farina

Dettagli

Imposte ed efficienza economica

Imposte ed efficienza economica Imposte ed efficienza economica Imposte ed efficienza economica Nell immediato, ogni aumento delle imposte fa diminuire il benessere dei contribuenti. Nel lungo periodo, tale diminuzione è compensata dai

Dettagli

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Economia Pubblica lezione 3 1 Esistono infinite allocazioni Pareto-efficienti: Frontiera del Benessere (FB) o grande frontiera dell utilità

Dettagli

ANALISI COSTI-BENEFICI

ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI-BENEFICI Valutazione di progetti pubblici Le politiche pubbliche correnti consistono nel realizzare progetti pubblici: il policy maker deve decidere quale progetto è da preferire tra le varie

Dettagli

Unità 3 I mercati e le ipotesi di fallimento del mercato

Unità 3 I mercati e le ipotesi di fallimento del mercato Unità 3 I mercati e le ipotesi di fallimento del mercato Sommario Mappa grafica dei contenuti proposti dalla scheda Abstract Obiettivi d apprendimento specifici alla scheda 1. Equilibrio di mercato 2.

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 2: Equilibrio economico generale (part 2) Francesca Severini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) f.severini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

Economia, Corso di L.M. in Ing. Elettrotecnica, A.A. 2013-2014. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA DECIMA SETTIMANA

Economia, Corso di L.M. in Ing. Elettrotecnica, A.A. 2013-2014. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA DECIMA SETTIMANA Economia, Corso di L.M. in Ing. Elettrotecnica, A.A. 203-204. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA DECIMA SETTIMANA Cenni sulla regolamentazione del mercato elettrico in Italia Il processo di liberalizzazione

Dettagli

1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere"

1 Il criterio Paretiano e la Nuova economia del Benessere 1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere" 1.1 L aggregazione di preferenze ordinali inconfrontabili e il criterio di Pareto L aggregazione delle preferenze individuali è problematica

Dettagli

Scelte intertemporali e decisioni di risparmio

Scelte intertemporali e decisioni di risparmio CAPITOLO 4 Scelte intertemporali e decisioni di risparmio Esercizio 4.1. Tizio deve decidere la spesa per consumo corrente, c 0, e quella per consumo futuro,. Le sue preferenze sono rappresentate dalla

Dettagli

Corso di scienza delle finanze

Corso di scienza delle finanze Il Mulino, Bologna, Quinta edizione 2010 -------------------------------------------------------------------- Corso di scienza delle finanze Paolo BOSI Capitolo I. Le ragioni dell'intervento pubblico (P.

Dettagli

La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità

La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità La La rappresenta il canale principale attraverso il quale i consumatori ottengono informazioni sui prodotti. Nel 2006, le spese pubblicitarie in USA sono state pari al 2,2% 2% del PIL. In Italia, nel

Dettagli

Cap. 12: INTEGRAZIONE VERTICALE

Cap. 12: INTEGRAZIONE VERTICALE : INTEGRAZIONE VERTICALE Facciamo un passo indietro INTEGRAZIONE VERTICALE ORIZZONTALE Si ha integrazione orizzontale quando l impresa espande l attività a prodotti, processi e know-how affini alla filiera

Dettagli

Esercizi di Scienza delle finanze (a.a. 2011/2012) CFU 1: Ruolo economico dello settore pubblico ed economia del benessere

Esercizi di Scienza delle finanze (a.a. 2011/2012) CFU 1: Ruolo economico dello settore pubblico ed economia del benessere Esercizi di Scienza delle finanze (a.a. 2011/2012) CFU 1: Ruolo economico dello settore pubblico ed economia del benessere 1.1 Antonio (A) e Bice (B) consumano due beni, yogurt (y) e wafer (w). I due beni

Dettagli

L efficienza del mercato

L efficienza del mercato L efficienza del mercato I mercantilisti, Smith e il mercato Prima di Smith, era ampiamente diffusa l idea che il migliore raggiungimento dell interesse pubblico richiedesse un intervento attivo dello

Dettagli

8. ESTERNALITÀ, BENI PUBBLICI, ASIMMETRIA INFORMATIVA

8. ESTERNALITÀ, BENI PUBBLICI, ASIMMETRIA INFORMATIVA 8. ESTERNALITÀ, BENI UBBLICI, ASIMMETRIA INFORMATIVA 8.1. Un fenomeno di esternalità positiva può essere segnalato, in equilibrio di concorrenza perfetta, dal fatto che 1) Il beneficio marginale sociale

Dettagli

di informazione asimmetrica:

di informazione asimmetrica: Informazione asimmetrica In tutti i modelli che abbiamo considerato finora abbiamo assunto (implicitamente) che tutti gli agenti condividessero la stessa informazione (completa o incompleta) a proposito

Dettagli

La curva di offerta. La curva di offerta

La curva di offerta. La curva di offerta La curva di offerta La curva di offerta Un diagramma che mostra la quantità di un bene che i venditori desiderano vendere per un dato prezzo rapporto tra prezzo e quantità offerta Ha pendenza positiva

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Abbiamo detto che le risorse che costituiscono il reddito nazionale possono essere

Dettagli

Sintesi Introduzione all Economia

Sintesi Introduzione all Economia Sintesi Introduzione all Economia L esame di Economia Politica Le lezioni Lunedì ore 11-13 e 15-17; mercoledì ore 13-15 Integrazione lezioni: 6 ottobre (aula 6 ore 11.00); 13 ottobre (San Paolo ore 11.00).

Dettagli

COMMERCIO INTERNAZIONALE E TECNOLOGIA: IL MODELLO RICARDIANO

COMMERCIO INTERNAZIONALE E TECNOLOGIA: IL MODELLO RICARDIANO 2 COMMERCIO INTERNAZIONALE E TECNOLOGIA: IL MODELLO RICARDIANO 1 Le cause del commercio internazionale 2 Il modello ricardiano 3 La determinazione del pattern di commercio internazionale 4 La determinazione

Dettagli

Capitolo 7. Efficienza e scambio. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 7. Efficienza e scambio. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 7 Efficienza e scambio Pareto-efficienza L efficienza in senso economico ha una definizione ristretta che prende il nome da un economista italiano (Vilfredo Pareto) una allocazione è efficiente

Dettagli

Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985):

Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985): Sull uso delle Garanzie. Tassonomia Le garanzie possono essere di due tipi (Chan e Kanatas, 1985): a) Un mutuatario può impegnare come garanzia ( interna all impresa) un cespite che viene utilizzato nel

Dettagli

I fallimenti del mercato

I fallimenti del mercato Esternalità I fallimenti del mercato Esternalità Quando una transazione tra un compratore e un venditore condiziona direttamente una terza parte, l effetto che questa subisce viene detto esternalità. In

Dettagli

1. Esternalità 2. Beni pubblici 3. Costi di transaz. e asimmetrie informative. B. Mercati non completi. 1. Equità dell equilibrio 2.

1. Esternalità 2. Beni pubblici 3. Costi di transaz. e asimmetrie informative. B. Mercati non completi. 1. Equità dell equilibrio 2. CAUSE DI FALLIMENTO DEL MERCATO 1. Scarsa numerosità degli operatori 2. Rendimenti di scala crescenti 3. Barriere o costi di entrata e uscita A. Mercati non concorrenziali 4. Presenza di accordi e intese

Dettagli

Alcuni modelli micoreconomici

Alcuni modelli micoreconomici E. Marchetti Sapienza Università Roma ESTERNALITA E BENI PUBBLICI Alcuni modelli micoreconomici Complementi di Economia Politica le Esternalità: Definizione di esternalità: Si ha un esternalità quando

Dettagli

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2. Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.it) Relazioni verticali Introduzione Vantaggi e svantaggi dell integrazione

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 11, 12 e 13

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 11, 12 e 13 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 11, 12 e 13 Domanda 1 (Problema 3. dal Cap. 11 del Libro di Testo) Curva di offerta degli stereo portatili

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

Lezione XI: Relazioni verticali

Lezione XI: Relazioni verticali Lezione XI: Relazioni verticali In molti casi i clienti delle imprese non sono consumatori finali ma altre imprese (intermediarie o di trasformazione): si pen- si alla catena produttore/grossista/dettagliante

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Teoria delle Votazioni David Bartolini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) d.bartolini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 24 Il mercato dei beni

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 24 Il mercato dei beni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 24 Il mercato dei beni Prof. Gianmaria Martini Domanda ed offerta Uno degli schemi logici fondamentali dell analisi economica

Dettagli

D A D M D N D B. Quantità

D A D M D N D B. Quantità 4. Informazione asimmetrica (Adattato dal capitolo 8 di di I. Lavanda e G. Rampa, Microeconomia. Scelte individuali e benessere sociale, Roma, Carocci, 2004) L informazione posseduta da compratori e venditori

Dettagli

Economia Politica (potete riferirvi al testo di esame di J. Hey o ad altri tipo il Varian)

Economia Politica (potete riferirvi al testo di esame di J. Hey o ad altri tipo il Varian) Introduzione al Corso Nozioni Propedeutiche di base: Economia Politica (potete riferirvi al testo di esame di J. Hey o ad altri tipo il Varian) Matematica generale Metodo e Finalità dell Apprendimento:

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico?

Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico? Davide Natale Dispensa n. 2 Le cause del fallimento del mercato: quale intervento pubblico? 1) Perché il mercato fallisce? Il mercato fallisce prevalentemente a causa della presenza di tre fenomeni, che

Dettagli

Restrizioni verticali e integrazione verticale

Restrizioni verticali e integrazione verticale Restrizioni verticali e integrazione verticale Spesso le imprese operanti in diversi stadi della filiera produttiva (es. produttore-distributore) sottoscrivono contratti finalizzati a 1. ridurre i costi

Dettagli

Economia e politica di gestione del territorio. mercato [1:cap.3]

Economia e politica di gestione del territorio. mercato [1:cap.3] Economia e politica di gestione del territorio Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie (L.M.) A.A. 2013-2014 Lezione n.4: I fallimenti del mercato [1:cap.3] Docente: Antonio Lopolito tel. 0881-589.417

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

Il rapporto fra finanziamento e qualità delle prestazioni nelle ASL e nelle aziende ospedaliere. A cura di Michele Borgia

Il rapporto fra finanziamento e qualità delle prestazioni nelle ASL e nelle aziende ospedaliere. A cura di Michele Borgia Il rapporto fra finanziamento e qualità delle prestazioni nelle ASL e nelle aziende ospedaliere A cura di Michele Borgia Struttura dell intervento I. Caratteristiche originarie e carenze : II. Istituzioni

Dettagli

MICROECONOMIA. L oligopolio. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza

MICROECONOMIA. L oligopolio. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza MICROECONOMIA L oligopolio Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza 1 Π 1 = P Q 1 2 Secondo i criteri adottati, l oligopolio può essere definito come quella forma di mercato composta da un numero

Dettagli

MONOPOLIO. 1. Massimizzazione del Profitto

MONOPOLIO. 1. Massimizzazione del Profitto MONOPOLIO Quando nel mercato c è una sola impresa, difficilmente questa accetta il prezzo di mercato come dato. Il monopolista può infatti influire sul prezzo di mercato (price-maker) e quindi sceglie

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

Capitolo Quinto: L interesse

Capitolo Quinto: L interesse Capitolo Quinto: L interesse 95 Capitolo Quinto L interesse L interesse può essere definito come il prezzo che si paga per l uso del risparmio altrui: esso viene corrisposto a chi dispone di capitale finanziario

Dettagli

Fallimenti del mercato: Il monopolio

Fallimenti del mercato: Il monopolio Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Fallimenti del mercato: Il monopolio Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Concorrenza imperfetta La concorrenza

Dettagli