Giornata di studio sui servizi pubblici locali e sulle società partecipate degli enti locali.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Giornata di studio sui servizi pubblici locali e sulle società partecipate degli enti locali."

Transcript

1 Giornata di studio sui servizi pubblici locali e sulle società partecipate degli enti locali. Verona, 13 giugno 2013 Alberto Barbiero in collaborazione con SCS Azioninnova Il quadro generale di riferimento per i servizi pubblici locali e le società partecipate Il quadro di riferimento per i rapporti tra gli Enti Locali e le società partecipate Le novità in materia di servizi pubblici locali e di servizi strumentali Vincoli di finanza pubblica, controlli sulle società, profili di responsabilità

2 QUADRO DI RIFERIMENTO SERVIZI PUBBLICI LOCALI Le novità in materia di servizi pubblici locali: gli effetti della sentenza della Corte Costituzionale n. 199/2012 La sentenza della Corte Costituzionale n. 199/2012 ha dichiarato costituzionalmente illegittimo l art. 4 della legge n. 148/2011, determinando:: il venir meno della disciplina generale sui servizi pubblici locali (SPL) con rilevanza economica (non quelle settoriali) e, quindi, anche delle scadenze previste dalla normativa per le gestioni esistenti; il necessario rifermento ai parametri comunitari per i modelli di affidamento dei SPL. Conseguentemente: a) l affidamento in house è possibile, a condizione che sussista sulla società il controllo analogo e che la maggior parte dell attività sia svolta a favore dell ente (comunità locale) affidante; b) l affidamento a società miste deve essere conforme al modello del Partenariato Pubblico Privato di tipo Istituzionale (PPPI), definito dalla Commissione Ue nel 2007: socio privato scelto con gara ad evidenza pubblica (senza limite minimo di quote/azioni del capitale sociale) e contestuale assegnazione allo stesso di specifici compiti operativi ( = socio privato operativo); c) la gara per l affidamento del SPL è configurata come la procedura principale (principio di concorrenza)

3 MODELLI DI GESTIONE ELEMENTI DI CONFRONTO IN HOUSE SOCIETA MISTA (PPPI) GARA AFFIDAMENTO SPL - Società a capitale interamente pubblico. - Controllo analogo definito da statuto, patti parasociali, contratto di servizio, sistema controlli interni. - No aperture a terzi privati. - Prevalenza attività svolta a favore enti (e loro comunità) affidanti. - Necessaria conformità a parametri comunitari PPPI. - Socio privato scelto con gara. - Nessun limite minimo di capitale sociale per privato. - Contestuale affidamento di specifici compiti operativi. - Compiti operativi devono essere significativi (non attività residuali). - Gara è metodo principale per affidamento servizi pubblici con rilevanza economica. - Piena attuazione del principio di concorrenza. - Rispetto dei principi dell ordinamento comunitario. - Procedura relativa a concessione di servizi (in arrivo Direttiva Ue specifica). VERIFICA PRESUPPOSTI AFFIDAMENTO (necessaria conformità parametri UE) STRATEGIA PER GESTIONE SERVIZI PUBBLICI RAZIONALIZZAZIONE AFFIDAMENTI (possibili nuovi affidamenti di servizi) - 3 -

4 PUBBLICIZZAZIONE AFFIDAMENTI SPL Le novità in materia di servizi pubblici locali: l art. 34, commi della legge n. 221/2012 (la procedura di pubblicizzazione degli affidamenti). Per responsabilizzare gli enti locali nell evidenziare la situazione delle gestioni esistenti dei SPL, l art. 34, commi della legge n. 221/2012 (conv. del d.l. n. 179/2012) prevede una procedura di pubblicizzazione obbligatoria degli affidamenti (fatta eccezione per i SPL regolati da discipline settoriali): per tutti i nuovi affidamenti devono essere evidenziati i requisiti comunitari per la procedura utilizzata, gli obblighi di servizio pubblico e le relative compensazioni (comma 20); gli affidamenti in essere non conformi ai requisiti comunitari devono essere adeguati entro il (comma 21), pubblicando entro la stessa data la relazione illustrativa; la pubblicizzazione è effettuata mediante relazione illustrativa pubblicata sul sito Internet dell ente affidante; per gli affidamenti per i quali non sia prevista una scadenza nel contratto di servizio, questa deve essere definita (altrimenti la gestione cessa il ). Le procedure di affidamento per i servizi a rete devono essere gestite soltanto dall ente di governo dell ambito territoriale o del bacino ottimale (es. in Emilia R. Agenzia ATERSIR per ciclo integrato rifiuti)

5 LA RELAZIONE PER GLI AFFIDAMENTI DI SPL Affidamento diretto di un SPL condizionato alla stesura di una relazione ad hoc (atto prodromico e necessario) dalla quale risultino le ragioni che hanno indotto SA verso quella scelta (in luogo dell interpello del mercato) e la sussistenza dei requisiti previsti dall ordinamento europeo (proprietà pubblica, controllo analogo e prevalenza dell attività in favore della SA costituente) si veda, ex multis: Teckal, , C- 107/98, Stadt Halle, , C-26/03; Coname, , C-231/03; Parking Brixen, , C-458/03; Carbotermo, , C-340/04; Coditel, , C-324/07 ecc. All interno della relazione la SA deve indicare le ragioni che l hanno indotta a scegliere un determinato procedimento di aggiudicazione, anche con riferimento all art. 106 del TFUE applicazione delle regole della concorrenza anche al settore dei servizi di interesse economico generale (SIEG) salvo il caso in cui ciò osti al raggiungimento delle finalità istituzionali

6 LA RELAZIONE PER GLI AFFIDAMENTI DI SPL ART. 34 COMMA 21: la relazione è effettuata anche per gli affidamenti in essere al (entrata in vigore) e pubblicata sul sito istituzionale entro il la relazione è una sorta di pre-affidamento e costituisce un ulteriore passaggio anche per le procedure ad evidenza pubblica, anticipandone in parte i contenuti e profilandosi quale elemento informativo di pubblicità, propedeutico all attivazione della procedura stessa (cfr. Anci Nota di lettura delle disposizioni in materia di servizi pubblici locali contenute nell articolo 34 del decreto-legge n. 179/2012, c.d. decreto sviluppo II ). Il comma prosegue disponendo che gli enti competenti devono inserire una scadenza nei contratti di servizio e negli altri atti di regolazione dei rapporti, che ne sono sprovvisti; in caso contrario gli stessi cessano al

7 REGIME TRANSITORIO Durata affidamento no arbitraria Disposizioni applicabili: principio di proporzionalità: la durata della concessione non deve ridurre o limitare la libera concorrenza oltre quanto è necessario per garantire l'ammortamento degli investimenti ed una remunerazione ragionevole dei capitali investiti, mantenendo peraltro un rischio inerente alla gestione per il concessionario normativa di settore vedi Reg. CE 1370/2007: art. 4 servizi pubblici di trasporto durata determinata (non > 10 anni per i servizi di trasporto con autobus e a 15 anni per i servizi di trasporto di passeggeri per ferrovia o altri modi di trasporto su rotaia) Se durata servizio > tempo necessario per compensare gli investimenti: Attenzione aiuto di Stato. possibile - 7 -

8 PUBBLICIZZAZIONE AFFIDAMENTI EFFETTI E CONSEGUENZE NON CONFORMITA AFFIDAMENTI IN HOUSE NON CONFORMITA AFFIDAMENTI A SOCIETA MISTE ALTRI AFFIDAMENTI IMPROPRI DI SPL - In caso di mancanza di controllo analogo, devono essere apportate le necessarie modifiche allo statuto e ai patti parasociali. - Se la società gestisce anche servizi strumentali, questi devono essere esternalizzati o scorporati (razionalizzazione attività). - Necessaria riacquisizione quote da socio privato improprio e ridisegno piano industriale. - Successiva gara per scelta nuovo socio privato operativo. - Diversamente, gestione esistente deve cessare, in quanto non conforme. - Devono cessare gli affidamenti diretti a società non in house. - Cessano gli affidamenti diretti a società miste, diversi da servizi originariamente affidati. - Cessano gli affidamenti a società miste con socio privato scelto senza gara. PROCESSO DI VERIFICA RAPIDO (per consentire adozione di misure conseguenti) - 8 -

9 VERIFICA CONFORMITA PARAMETRI UE: QUADRO DI SINTESI MODALITA DI AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO IN HOUSE PROVIDING GARA PER IL SERVIZIO SOC. MISTA (A CONTROLLO PUBBLICO) CONTROLLO SULLA SOCIETA x ATTIVITA A FAVORE ENTI AFFIDANTI COMUNITA LOCALE ATTIVITA GESTITE DAL PRIVATO x * Nella liberalizzazione dei servizi è opportuno verificare come, in caso di «concorrenza nel mercato» l Ente, quale garante dell universalità ed accessibilità del servizio, possa controllare la qualità del servizio reso dai diversi gestori.

10 MODELLI GESTIONALI: LA NOZIONE DI SOCIETA MISTA Le società miste sono società a partecipazione pubblica-privata: modalità di gestione di SPL, alternativa rispetto all esternalizzazione effettuata mediante l affidamento a soggetti terzi selezionati con gara, nonché rispetto alla gestione in house; creazione società mista: scelta della P.A. è libera per quanto riguarda la modalità (entità ad hoc o partecipazione del privato ad una entità già esistente); diverso da in house: perché applicazione regole in materia di appalti e concessioni

11 MODELLI GESTIONALI: LA NOZIONE DI SOCIETA MISTA PPP CONTRATTUALE APPALTI PUBBLICI CONCESSIONI ISTITUZIONALIZZATO ENTITA AD HOC INGRESSO PRIVATO IN ENTITA PUBBLICA

12 MODELLI GESTIONALI: LA NOZIONE DI SOCIETA MISTA PPP ISTITUZIONALIZZATO - Comunicazione PPPI, : cooperazione tra partner pubblici e privati che costituiscono un entità a capitale misto per l esecuzione di appalti pubblici o concessioni Apporto del privato: 1. Conferimento di capitali 2. Partecipazione attiva all esecuzione dei compiti assegnati 3. Gestione Semplice conferimento di fondi da parte di un investitore privato: NO PPPI Gli Stati membri usano terminologie differenti (ad esempio, Kooperationsmodell, joint ventures, sociétés d économie mixte )

13 MODELLI GESTIONALI: LA NOZIONE DI SOCIETA MISTA Comunicazione PPPI: Costituzione di un PPPI No normativa specifica a livello comunitario Rispetto principi parità di trattamento, non discriminazione, trasparenza, mutuo riconoscimento, proporzionalità APPLICAZIONE NORME E PRINCIPI SU APPALTI E CONCESSIONI Modalità: 1. Costituzione di una nuova impresa (capitale detenuto congiuntamente da P.A. e partner privato) 2. Partecipazione partner privato a un impresa pubblica già esistente: - gara a doppio oggetto (contestuale): 1. selezione del partner privato + acquisto quote 2. aggiudicazione appalto o concessione alla società mista

14 SERVIZI PUBBLICI LOCALI E SERVIZI STRUMENTALI La differenza tra servizi pubblici locali, servizi strumentali e altre attività svolte dalle società partecipate I parametri per la qualificazione di un attività come servizio pubblico possono essere rinvenuti: a) nella risposta ai bisogni della collettività secondo termini di valore intrinseco elevati (regolazione di dinamiche socio-economiche); b) nella fruizione diretta da parte dei soggetti facenti parte della comunità locale; c) nella frequente configurazione dei profili economici relativi alla fruizione stessa secondo moduli tariffari. I servizi strumentali invece sono connotabili come attività finalizzate a sostenere la migliore realizzazione, sul piano operativo, degli scopi istituzionali dell amministrazione. Gli indicatori della natura strumentale di un servizio sono individuabili: a) nella realizzazione dell attività soddisfacente necessità proprie della sola amministrazione (senza alcuna proiezione diretta sulla comunità locale); b) nella fruizione limitata agli operatori e nell incidenza ricondotta alle sole strutture dell ente; c) nella delineazione dei profili economici principalmente come dati di costo soddisfatti con risorse proprie dell ente (disponibilità di bilancio)

15 SCIOGLIMENTO SOCIETA SERVIZI STRUMENTALI Lo scioglimento delle società che gestiscono servizi strumentali: le implicazioni operative dell art. 4 della legge n. 135/2012 (conv. d.l. n. 95/2012). Nell ambito degli interventi di razionalizzazione della spesa, l art. 4 della legge n. 135/2012 ha previsto lo scioglimento o la privatizzazione sostanziale delle società che gestiscono servizi strumentali: riguarda le società che abbiano conseguito nel 2011 un fatturato da prestazione di servizi a favore di amministrazioni pubbliche superiore al 90% dell intero fatturato; lo scioglimento deve avvenire entro il ; in alternativa può essere alienata la totalità delle azioni a soggetti privati entro il , con contestuale assegnazione alla società del servizio (originariamente gestito) per cinque anni (non rinnovabili). Dal 1 gennaio 2014 le società non possono più ricevere in affidamento servizi strumentali. Uniche eccezioni possibili: le deroghe specifiche previste dal comma 3, la deroga autorizzata dall AGCM sempre in base al comma 3 e alla procedura definita il 4 febbraio 2013, nonchè l affidamento in house previsto dal comma 8(senza limite economico, eliminato dall art. 34, comma 27 della legge n. 221/2012)

16 ULTERIORI ELEMENTI REGOLATIVI DELLE SOCIETA STRUMENTALI E DELLE SOCIETA PARTECIPATE Eccezioni applicative dei limiti per le società strumentali: - I limiti dell articolo 4 non si applicano alle società che gestiscono servizi pubblici locali, attività come centrali di committenza, gestione di banche dati rilevanti sotto il profilo economico-finanziario (società riscossione tributi), altre società in base a particolari condizioni di contesto, società quotate. Percorso particolare: - Gli enti locali soci possono richiedere all AGCM un parere in merito alla possibilità di mantenere in essere la società per la gestione di servizi strumentali sulla base di specificità economico-sociali e di particolari caratteristiche di contesto. - La richiesta di parere deve seguire la procedura definita dall AGCM con propria comunicazione il 4 febbraio Limiti specifici: Elementi regolativi e limitativi ulteriori - Riduzione della composizione dei CdA e obbligatoria inclusione di dipendenti degli enti locali soci (possibile amministratore unico) o della società partecipata di primo livello. - Per i dipendenti degli enti locali soci nominati nei CdA c è obbligo di riversamento all amministraizone dei compensi percepiti. - Possibilità di amministratore unico (soggetto esterno). - Limiti estesi a tutte le società a totale partecipazione pubblica (diretta o indiretta)

17 SCIOGLIMENTO SOCIETA SERVIZI STRUMENTALI - PROBLEMATICHE Le problematiche aperte rispetto alle disposizioni sullo scioglimento delle società che gestiscono servizi strumentali Il quadro normativo in materia di società che gestiscono servizi strumentali presenta vari profili problematici: L art. 4 della legge n. 135/2012 non è coordinato con l art. 13 della legge n. 248/2006 (norma originariamente definitoria dei servizi strumentali). Molte società affidatarie di servizi pubblici locali gestiscono anche servizi strumentali (in percentuale significativa, ma inferiore al limite dell art. 4), violando tuttavia i limiti dell art. 13 della legge n. 248/2006 (elemento di attenzione per la Corte dei Conti, v. parere sez. reg. contr. Lombardia n. 517/2012). La prima opzione delineata dall art. 4 (alienazione totale delle partecipazioni) è quasi in scadenza (30 giugno 2013), quindi nel periodo successivo gli enti locali soci avranno come unica possibilità lo scioglimento (entro il 31 dicembre 2013). La nuova formulazione del comma 8 dell art. 4 consente l affidamento di servizi strumentali, a partire dal 1 gennaio 2014, a società interamente partecipate affidatarie in house: tale disposizione non è coordinata con le previsioni del comma 1 e dei commi 6-7 (CdC Campania parere n. 188/2013 del ). Sussistono incertezze sull individuazione delle società che possono fruire delle deroghe ex comma 3 dell art

18 SOCIETA PARTECIPOATE VINCOLI ULTERIORI NEI RAPPORTI CON GLI ENTI LOCALI Le principali tematiche relative ai vincoli di finanza pubblica incidenti nei rapporti tra Enti Locali e società partecipate (vincoli alle assunzioni, rispetto del patto di stabilità da parte delle società in house, divieto di ripiano perdite, ecc.). Il quadro normativo in materia di società partecipate evidenzia un ampia serie di vincoli : prospettiva di applicazione del patto di stabilità interno (affidatarie dirette in house) art. 3-bis legge n. 148/2011; vincoli alle assunzioni relativi al patto di stabilità (affidatarie dirette in house) art. 18 legge n. 133/2008 e art. 3-bis legge n. 148/2011; sottoposizione a limite in rapporto spesa personale-spesa corrente entro 50% (calcolo comprende ente e società partecipate); regole per la selezione delle risorse umane da assumere (società in house e miste) art. 18 legge n. 133/2008 e art. 3-bis legge n. 148/2011; gestione degli appalti nel rispetto del d.lgs. n. 163/2006 (dubbio applicazione norme Consip/Mepa); divieto di ripiano delle perdite delle società partecipate (art. 6, comma 19 legge 122/2010); Coerenza debiti-crediti tra ente locale e Società partecipate (art. 6, comma 4 legge n. 135/2012)

19 SOCIETA PARTECIPATE PROCESSI TRASFORMAZIONE I processi di trasformazione che possono interessare le società partecipate dagli enti locali. A fronte del quadro normativo che obbliga molti enti locali ad intervenire per il riassetto delle proprie società partecipate, gli enti locali soci possono attivare dei percorsi finalizzati alla trasformazione degli organismi societari. La trasformazione non può tuttavia essere considerata come soluzione alternativa della liquidazione prevista dall art. 14, comma 32 della legge n. 122/2010. Le interpretazioni prodotte in merito dalle sezioni regionali di controllo della Corte dei Conti hanno ammesso: a) la trasformazione di una società che gestisce servizi sociali in azienda speciale (CdC Lazio delib.n. 2/2013/PAR) ; b) la trasformazione (eterogenea ex art septies c.civ.) di una società in una fondazione per la gestione di una casa di riposo (CdC Veneto delib. n. 124/2013/PAR), ma a condizione che l operazione sia economicamente efficiente e non costituisca quindi elusione del PSI); c) la fusione per incorporazione (CdC Toscana delib. n. 126/2013/PAR)

20 ENTI LOCALI E CONTROLLI SU SOCIETA PARTECIPATE Il nuovo sistema dei controlli sulle società partecipate, riferito al sistema dei controlli interni (art. 147-quater ex d.l. n. 174/2012 conv. legge n. 213/2012 ). Il riferimento per le attività di verifica sugli organismi societari è innestato nel quadro delle regole per i controlli nel sistema delle amministrazioni locali, con l art. 147-quater. Le province, le unioni di comuni e i comuni (fatta eccezione per quelli con popolazione non superiore a abitanti, per esplicita esclusione stabilita dall ultimo comma della norma) devono definire, secondo la propria autonomia organizzativa, un sistema di controlli sulle società in cui detengono partecipazioni (comma 1), con applicazione differenziata (oltre dal 2013, oltre dal 2014, oltre dal 2015). Per la definizione del modello le amministrazioni hanno piena autonomia organizzativa, dovendo comunque partire dal presupposto omogeneo per cui i controlli sono esercitati dalle strutture proprie dell ente locale, che ne sono responsabili. La previsione fornisce l input per la costituzione di unità organizzative dedicate alla più complessiva gestione dei rapporti con le società partecipate, con significativa qualificazione professionale dei funzionari, i quali saranno chiamati ad operare a spettro ampio

21 SISTEMA DEI CONTROLLI SULEL SOCIETA PARTECIPATE Il nuovo sistema dei controlli sulle società partecipate, riferito al sistema dei controlli interni (art. 147-quater ex d.l. n. 174/2012 legge 213/2012) Profili. Il nuovo quadro normativo delinea (comma 2) la metodologia di base per l effettuazione delle attività di verifica, impostando un percorso standard che potrà essere modulato da ciascun ente secondo le peculiarità del proprio sistema di relazioni con i soggetti societari gestori di servizi pubblici e (per quanto ancora possibile) strumentali. Il primo passaggio è individuato nella definizione preventiva, in sede di relazione previsionale e programmatica, gli obiettivi gestionali a cui deve tendere ogni società partecipata, correlati a precisi standard qualitativi e quantitativi. La seconda fase si traduce nell impostazione e nell attivazione di un idoneo sistema informativo, finalizzato a rilevare i rapporti finanziari tra l ente proprietario e la società, la situazione contabile, gestionale e organizzativa delle società, i contratti di servizio, la qualità dei servizi, il rispetto delle norme di legge sui vincoli di finanza pubblica

22 SISTEMA DEI CONTROLLI SULEL SOCIETA PARTECIPATE Il nuovo sistema dei controlli sulle società partecipate, riferito al sistema dei controlli interni (art. 147-quater ex d.l. n. 174/2012 legge 213/2012) Profili. Sulla base delle informazioni acquisite, l amministrazione effettua il monitoraggio periodico sull andamento delle proprie società, analizza gli scostamenti rispetto agli obiettivi assegnati e individua le opportune azioni correttive, anche in riferimento a possibili squilibri economico-finanziari rilevanti per il bilancio dell ente. La norma (comma 3) evidenzia l obiettivo fondamentale: la messa in sicurezza dei bilanci di comuni e province da gestioni rischiose degli organismi appartenenti al sistema allargato. I risultati complessivi della gestione dell ente locale e delle aziende partecipate sono assoggettati a rilevazione mediante bilancio consolidato, secondo la competenza economica. La norma connette il sistema dei controlli sulle società alla combinazione dei documenti economico-finanziari fondamentali, configurando un modulo operativo per la concreta attuazione del d.lgs. n. 118/2011. Il quadro normativo sui rapporti tra enti locali e società partecipate rende comunque necessario il controllo su queste ultime, in ragione dell incidenza della loro attività sugli equilibri finanziari

23 PROFILI DI RESPONSABILITA PER L ENTE LOCALE SOCIO Le problematiche relative alle ipotesi di responsabilità dell ente locale socio nelle società a partecipazione pubblica. La posizione dell ente locale come socio delinea una serie di profili di responsabilità distinguibili per linee di azione: In relazione all utilizzo delle risorse pubbliche (sana gestione ed equilibri finanziari); non legittimo prolungato trasferimento di risorse a soggetto societario costantemente in perdita (CdC Veneto contr. Delib. N. 829/2012/PRSP e CdC Lombardia contr. Delib. n 224/2013/PRSE). In relazione al comportamento degli amministratori della società, in caso di cattiva gestione (azione di responsabilità ex art cod. civ.); sussiste l obbligo di esercizio dell azione di responsabilità da parte degli amministratori dell ente locale socio nei confronti degli amministratori della società partecipata a tutela del patrimonio dell ente (Corte Cass. Sezioni Unite n del ). In relazione all efficienza dei controlli sulle stesse società (art. 148 Tuel); In base al comma 2 dell art. 148, qualora sia rilevata l assenza o l inadeguatezza degli strumenti di controllo, intervengono le sezioni giurisdizionali della Corte, che irrogano agli amministratori responsabili la condanna ad una sanzione pecuniaria da un minimo di cinque fino ad un massimo di venti volte la retribuzione mensile lorda dovuta al momento di commissione della violazione. A queste sanzioni si possono sommare quelle derivanti da condanne per danno erariale e quelle previste dal nuovo comma 5 dell art. 248 del tuel, come, in particolare, l incandidabilità per dieci anni dell amministratore che con condotte gravemente colpose o dolose porti l ente al dissesto

24 PROFILI DI RESPONSABILITA PER L ENTE LOCALE SOCIO Le problematiche relative alle ipotesi di responsabilità dell ente locale socio nelle società a partecipazione pubblica. La posizione dell ente locale come socio comporta un monitoraggio accurato della gestione delle società partecipate. La Corte dei Conti, sez. reg. controllo per il Veneto, con la deliberazione n. 903/2012/INR del 9 novembre ha preso in esame gli elementi che costituiscono la struttura essenziale del monitoraggio sull andamento degli organismi societari. L attività deve anzitutto concretizzarsi con una verifica costante della permanenza dei presupposti valutativi che hanno determinato la scelta partecipativa iniziale, nonché con tempestivi interventi correttivi in relazione ad eventuali mutamenti che intercorrano, nel corso della vita della società, negli elementi originariamente valutati. Tale monitoraggio consente di prevenire fenomeni patologici e ricadute negative sul bilancio dell'ente locale socio. Secondo la Corte dei conti del Veneto, la necessità di effettuare una seria indagine sui costi e ricavi e sulla stessa pertinenza dell'oggetto sociale alle finalità dell'amministrazione, non può prescindere da un'azione preventiva di verifica e controllo, da parte del Comune o della Provincia, in merito alle attività svolte dalla società. In tale prospettiva, l'intera durata della partecipazione deve essere accompagnata dal diligente esercizio di quei compiti di vigilanza (ad esempio sul corretto funzionamento degli organi societari, sull'adempimento degli obblighi scaturenti dalla convenzione di servizio, sul rispetto degli standard di qualità ivi previsti), di indirizzo (attraverso la determinazione degli obiettivi di fondo e delle scelte strategiche) e di controllo (sotto l'aspetto dell'analisi economico finanziaria dei documenti di bilancio e della verifica dell'effettivo valore della partecipazione detenuta) che la natura pubblica del servizio e la qualità di socio comportano. Proprio questo aspetto responsabilizza gli amministratori degli enti locali, che devono agire esercitando i propri poteri di soci, anche operando scelte drastiche (come l azione di responsabilità ex art cod. civ.) in caso di gestioni connotate da risultati fortemente negativi. Quando il quadro deficitario di bilancio sia retiterato, tale situazione impone all'ente di valutare la permanenza di quelle condizioni di natura tecnica o di convenienza economica, nonché di sostenibilità politico-sociale che giustificarono (o che comunque avrebbero dovuto giustificare), a monte, la scelta di svolgere il servizio e di farlo attraverso moduli privatistici

25 ENTE LOCALE SOCIO PROFILI DI AZIONE SANA GESTIONE ESERCIZIO POTERI DEL SOCIO - Necessario rispetto del principio di sana gestione. - Illegittimi continui trasferimenti di risorse a società sempre in perdita. - Vincoli derivanti da divieto ripiano perdite. - Necessaria attenzione per ripercussioni su bilancio comunale (equilibri). CATTIVA GESTIONE AMMINISTRATORI ESERCIZIO AZIONE RESPONSABILITA - Ente locale esercita poteri del socio. - Obbligo vigilanza su società partecipata (es. limiti assunzioni personale) - Gestione dissennata da amministratori società comporta azione di responsabilità (obbligo danno in caso non azione). EFFICIENZA CONTROLLI SU SOCIETA PARTECIPATE - Obbligo controllo su società partecipate (modello art quater Tuel). - Necessaria efficienza sistema dei controlli interni. - Inefficienza comporta sanzioni specifiche e danno erariale. - Relazione squilibrio società bilancio ente socio. Vigilanza su obblighi specifici società partecipate (previsti ex lege) Controllo su situazione economico-finanziaria (monitoraggio costante) società Esercizio azioni di tutela (come socio) Anche azione di responsabilità

SERVIZI PUBBLICI LOCALI DI RILEVANZA ECONOMICA

SERVIZI PUBBLICI LOCALI DI RILEVANZA ECONOMICA SERVIZI PUBBLICI LOCALI DI RILEVANZA ECONOMICA Relazione illustrativa delle ragioni e della sussistenza dei requisiti previsti per la forma di affidamento prescelta (ex D.L. 18 ottobre 2012 n. 179, art.

Dettagli

2. referto semestrale sulla regolarità ed efficacia del sistema dei controlli interni

2. referto semestrale sulla regolarità ed efficacia del sistema dei controlli interni I CONTROLLI SUGLI ORGANISMI PARTECIPATI Sommario 1. i controlli interni sulle società non quotate 2. referto semestrale sulla regolarità ed efficacia del sistema dei controlli interni 3. riconoscimento

Dettagli

Master sulla Revisione negli Enti Locali

Master sulla Revisione negli Enti Locali Master sulla Revisione negli Enti Locali A) PRIMA GIORNATA Data: 24 ottobre 2013 Durata: 7 ore dalle 9:00 alle 17:00 ( 14:00-15:00 pranzo) Introduzione al master: Dott. Luigi Pezzullo, Presidente Commissione

Dettagli

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI di Viviana Cavarra Avvocato in Milano Il quadro normativo

Dettagli

PARTECIPAZIONI SOCIETARIE DEGLI ENTI LOCALI

PARTECIPAZIONI SOCIETARIE DEGLI ENTI LOCALI PARTECIPAZIONI SOCIETARIE DEGLI ENTI LOCALI INDICE DELLE SCHEDE 1) LIMITI NUMERICI - PROSSIME SCADENZE (art. 14, comma 32, d.l. 78/2010) 1.1) INTERVENTO SOSTITUTIVO DEL PREFETTO (art. 16, comma 28, d.l.

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA Regolamento provinciale per la disciplina degli strumenti e delle metodologie per i controlli interni, ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.l. 174/2012, convertito

Dettagli

NOTA INTERPRETATIVA. Prologo

NOTA INTERPRETATIVA. Prologo NOTA INTERPRETATIVA Prime osservazioni sull affidamento dei servizi pubblici locali e sulla tariffa del servizio idrico integrato in esito al referendum abrogativo del 12 e 13 giugno 2011. Prologo In seguito

Dettagli

Il recepimento della Direttiva Concessioni (2014/23/UE): l in house providing e il rinnovo dei rapporti esistenti

Il recepimento della Direttiva Concessioni (2014/23/UE): l in house providing e il rinnovo dei rapporti esistenti Il recepimento della Direttiva Concessioni (2014/23/UE): l in house providing e il rinnovo dei rapporti esistenti Roma, 9 marzo 2015 Camera dei Deputati I numeri delle partecipate I risultati dello studio

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

Roma, 05 novembre 2008

Roma, 05 novembre 2008 RISOLUZIONE N.423/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 novembre 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - Deduzioni dalla base imponibile IRAP di

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei conti. Sezione regionale di controllo per la Puglia

REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei conti. Sezione regionale di controllo per la Puglia Deliberazione n.94/par/2013 REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti in Sezione regionale di controllo per la Puglia Nella camera di consiglio del 3 maggio 2013, composta dai magistrati Presidente Consigliere

Dettagli

Seminario ITALIADECEDE - AEQUA 9 marzo 2015 Contributo alla discussione: l in house providing nella Direttiva 2014/23/UE

Seminario ITALIADECEDE - AEQUA 9 marzo 2015 Contributo alla discussione: l in house providing nella Direttiva 2014/23/UE Seminario ITALIADECEDE - AEQUA 9 marzo 2015 Contributo alla discussione: l in house providing nella Direttiva 2014/23/UE di Piermassimo Chirulli 1.- Com è noto il concetto di in house providing 1, usata

Dettagli

CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI E SOCIETA A PARTECIPAZIONE PUBBLICA acquisto di beni e servizi assunzione personale consulenze ABSTRACT Il quadro di

CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI E SOCIETA A PARTECIPAZIONE PUBBLICA acquisto di beni e servizi assunzione personale consulenze ABSTRACT Il quadro di CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI E SOCIETA A PARTECIPAZIONE PUBBLICA acquisto di beni e servizi assunzione personale consulenze ABSTRACT Il quadro di riferimento normativo In questi ultimi anni gli acquisti

Dettagli

Razionalizzazione delle società partecipate

Razionalizzazione delle società partecipate Razionalizzazione delle società partecipate Nuovo quadro normativo e riflessi sugli Enti Locali Relatori: Lorenzo Brocca Fabrizio Toscano Data: 26 Novembre 2014 Razionalizzazione delle società partecipate

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 luglio 2009 OGGETTO: Modifiche alla disciplina della deducibilità degli interessi passivi dal reddito di impresa Articolo 96 del TUIR.

Dettagli

art. 14,32 d.l. 31 maggio 2010 n. 78 Fermo quanto previsto dall art. 3,27-29 legge 244/2007 i Comuni con popolazione < 30.000 abitanti non possono costituire società Liquidazione o cessione quote entro

Dettagli

Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati:

Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati: Del. n. 126/2013/PAR Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati: - Pres. Sezione Vittorio GIUSEPPONE Presidente - Cons. Nicola BONTEMPO Componente - 1 Ref. Laura D AMBROSIO Relatore

Dettagli

Società partecipate dalle Regioni: le società in house

Società partecipate dalle Regioni: le società in house Al servizio di gente unica Società partecipate dalle Regioni: le società in house Osservatorio legislativo interregionale Roma, giovedì 15 aprile 2010 Gemma Pastore Servizio qualità della legislazione

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE. ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l.

CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE. ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l. CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l. Approvato dal CdA del 15 ottobre 2010 2 INDICE Preambolo...4

Dettagli

Illuminazione pubblica quale infrastruttura per lo sviluppo della smart city. Inquadramento giuridico della pubblica illuminazione

Illuminazione pubblica quale infrastruttura per lo sviluppo della smart city. Inquadramento giuridico della pubblica illuminazione Con il patrocinio di Illuminazione pubblica quale infrastruttura per lo sviluppo della smart city Inquadramento giuridico della pubblica illuminazione Avv. Pasquale Cristiano M2M Forum 2014 Milano c/o

Dettagli

per l esercizio del controllo analogo sulle società in house

per l esercizio del controllo analogo sulle società in house COMUNE DI MONTECATINI TERME Viale Verdi, 46-51016 Provincia di Pistoia - Tel. 0572/9181 - Fax 0572/918264 REGOLAMENTO per l esercizio del controllo analogo sulle società in house approvato con delibera

Dettagli

CODI CE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELLE ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE

CODI CE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELLE ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE CODI CE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELLE ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1 La separazione funzionale nel settore energetico... 3 1.2 Il

Dettagli

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni (art. 147 del TUELL 267/2000, modificato dal D.L. 174/2012 convertito nella legge 213/2012) INDICE Parte 1^ Premesse generali Art. 1 Finalità e ambito

Dettagli

Codice di Corporate Governance

Codice di Corporate Governance Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 1 del 3 maggio 200 Indice 1 Introduzione 2 Organizzazione della Società 2.1 Assemblea dei Soci 2.2 Consiglio di Amministrazione 2.3 Presidente

Dettagli

Comune di QUARTO D'ALTINO Provincia di Venezia

Comune di QUARTO D'ALTINO Provincia di Venezia SULL'AFFIDAMENTO DELLA CONCESSIONE DELLE LAMPADE VOTIVE Verifica conformità ai requisiti dell'ordinamento europeo e definizione degli obblighi di \\srv-pdc\areadoc\tecnico\bilancio S3\ARTICOLO 34\LAMPADA

Dettagli

Divieti di assunzioni e controllo sui costi del personale

Divieti di assunzioni e controllo sui costi del personale Divieti di assunzioni e controllo sui costi del personale 13 febbraio 2014 Avv. Matteo Pollaroli Partner LABLAW Studio Legale SCALETTA DELL INTERVENTO 1. Ricostruzione della normativa in materia di assunzione

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con D.C.P. del 14.3.2013 n. 6 reg. e modificato con D.C.P. del 28.4.2014 n. 22 reg. INDICE Art. 1 Art. 2

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Nel quadro della più ampia delega al Governo in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche, il Parlamento, con l articolo 18 della legge 7 agosto 2015, n. 124, ha

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

Prof. Avv. Francesco Goisis, ordinario di Diritto amministrativo nell Università degli studi di Milano, Of Counsel Baker&Mc Kenzie

Prof. Avv. Francesco Goisis, ordinario di Diritto amministrativo nell Università degli studi di Milano, Of Counsel Baker&Mc Kenzie Società a partecipazione pubblica: finalità perseguibili con la costituzione e la gestione di partecipazioni. Piani di razionalizzazione. Affidamenti in house. Prof. Avv. Francesco Goisis, ordinario di

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. visto l articolo 17, comma 31, decreto legge 1 luglio 2009, n. 78 convertito dalla legge 3 agosto 2009, n.

REPUBBLICA ITALIANA. visto l articolo 17, comma 31, decreto legge 1 luglio 2009, n. 78 convertito dalla legge 3 agosto 2009, n. Deliberazione n 13/2012/PAR REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione regionale del controllo per l Emilia - Romagna visto l art. 100, comma 2, della Costituzione; vista la legge costituzionale 18 ottobre

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

Nuove modalità per la concessione di servizi e lavori nella P.A.

Nuove modalità per la concessione di servizi e lavori nella P.A. Nuove modalità per la concessione di servizi e lavori nella P.A. Criticità e soluzioni giurisprudenziali Bergamo Milano Avv. Enzo Adamo Partenariato Pubblico Privato: criticità ed opportunità Il Partenariato

Dettagli

Il legislatore deroga al principio di UNITA per. indistintamente destinate a coprire le spese

Il legislatore deroga al principio di UNITA per. indistintamente destinate a coprire le spese PROVENTI DA SANZIONI AMMINISTRATIVE AL CODICE DELLA STRADA Art.208 del Dlgs. 285 /1992 più volte modificato ed integrato, da ultimo dalla L. 29.07.2010 n.120 Il legislatore deroga al principio di UNITA

Dettagli

PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 3 del 11 Marzo 2013 Sommario TITOLO I PRINCIPI E FINALITÀ...1 ART. 1 (Finalità)...1

Dettagli

RELAZIONE TECNICA AL PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DEL COMUNE DI CARPIANO

RELAZIONE TECNICA AL PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DEL COMUNE DI CARPIANO RELAZIONE TECNICA AL PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DEL COMUNE DI CARPIANO PREMESSA Dopo il Piano Cottarelli, il documento dell agosto 2014 con il quale l allora commissario straordinario

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MILANO 13, 14, 27 e 28 MAGGIO 2011 FINANZA PUBBLICA FINANZA PUBBLICA E PROGRAMMAZIONE Il leasing pubblico Michelangelo Nigro mnigro@liuc.it 1 L

Dettagli

COME INTERVENIRE SUGLI IMPIANTI IN UNA VISIONE GLOBALE DELLA CITTÀ:

COME INTERVENIRE SUGLI IMPIANTI IN UNA VISIONE GLOBALE DELLA CITTÀ: COME INTERVENIRE SUGLI IMPIANTI IN UNA VISIONE GLOBALE DELLA CITTÀ: DAL DESIGN AL RISPARMIO ENERGETICO, DALLA DEFINIZIONE DELLA STRATEGIA DI GARA ALLA GESTIONE DELLA PROCEDURA Filippo Corradini SCS Consulting

Dettagli

Piano operativo di razionalizzazione delle società partecipate e delle partecipazioni societarie

Piano operativo di razionalizzazione delle società partecipate e delle partecipazioni societarie COMUNE DI CELLA MONTE Piano operativo di razionalizzazione delle società partecipate e delle partecipazioni societarie (Articolo 1 commi 611 e seguenti della legge 190/2014) Pag. 1 di 6 INDICE 1. Premessa

Dettagli

Deliberazione n. 371/2012/PAR

Deliberazione n. 371/2012/PAR Deliberazione n. 371/2012/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA composta dai Magistrati dott. Mario Donno dott. Ugo Marchetti dott.ssa Benedetta Cossu dott. Riccardo Patumi presidente;

Dettagli

SINTESI DEL QUADRO NORMATIVO VIGENTE IN MATERIA DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE

SINTESI DEL QUADRO NORMATIVO VIGENTE IN MATERIA DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE SINTESI DEL QUADRO NORMATIVO VIGENTE IN MATERIA DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE L EVOLUZIONE STORICA Successivamente alla entrata in vigore del D.lgs. 19 novembre 1997, n. 422, molteplici sono stati i provvedimenti

Dettagli

IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA: OPPORTUNITA PER GLI ENTI LOCALI ALLA LUCE DEGLI ULTIMI INTERVENTI NORMATIVI Mercoledì 21 novembre 2012

IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA: OPPORTUNITA PER GLI ENTI LOCALI ALLA LUCE DEGLI ULTIMI INTERVENTI NORMATIVI Mercoledì 21 novembre 2012 IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA: OPPORTUNITA PER GLI ENTI LOCALI ALLA LUCE DEGLI ULTIMI INTERVENTI NORMATIVI Mercoledì 21 novembre 2012 Avv. Sergio Cesare Cereda Socio fondatore dello Studio legale

Dettagli

RISOLUZIONE N. 122/E

RISOLUZIONE N. 122/E RISOLUZIONE N. 122/E Roma, 06 maggio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA. Art. 4 DPR n. 633 del 1972. Assoggettabilità

Dettagli

SE.AM. SERVIZI AMPEZZO UNIPERSONALE S.R.L.

SE.AM. SERVIZI AMPEZZO UNIPERSONALE S.R.L. SE.AM. SERVIZI AMPEZZO UNIPERSONALE S.R.L. DETERMINAZIONE DELL AMMINISTRATORE UNICO N 6/14 Cortina d Ampezzo, 10 aprile 2014 OGGETTO: INDIRIZZI IN MATERIA DI POLITICHE ASSUNZIONALI E DI GESTIONE DEL PERSONALE

Dettagli

- Gli interessi pubblici rilevanti: dalla tutela della concorrenza al contenimento della spesa pubblica passando per l imparzialità amministrativa

- Gli interessi pubblici rilevanti: dalla tutela della concorrenza al contenimento della spesa pubblica passando per l imparzialità amministrativa Calendario Corso Corso di formazione sulle Società pubbliche 1^ EDIZIONE ROMA I 19 gennaio ARGOMENTI Introduzione al tema. Tipi societari - Scopo lucrativo in senso oggettivo e fine pubblico - Società

Dettagli

CITTÀ DI ALGHERO Provincia di Sassari

CITTÀ DI ALGHERO Provincia di Sassari CITTÀ DI ALGHERO Provincia di Sassari Allegato A Piano operativo di razionalizzazione delle società e delle partecipazioni societarie (articolo 1, commi 611 e seguenti legge 23 dicembre 2014, n. 190) 1

Dettagli

COMUNE DI SASSO MARCONI. Regolamento sul sistema dei controlli interni

COMUNE DI SASSO MARCONI. Regolamento sul sistema dei controlli interni COMUNE DI SASSO MARCONI (Provincia di Bologna) Regolamento sul sistema dei controlli interni (art. 147 del D.Lgs. n. 267/2000) (articolo 3, comma 2 del decreto legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito

Dettagli

RISOLUZIONE N. 21/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 21/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 21/E f Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 gennaio 2009 Oggetto: Interpello ex articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Fusione concernente società di diversi Stati

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE

REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE 2012, N. 213 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto

Dettagli

RELAZIONE REDATTA AI SENSI DELL ART. 34, COMMA 13 DEL D.L. 179/2012

RELAZIONE REDATTA AI SENSI DELL ART. 34, COMMA 13 DEL D.L. 179/2012 RELAZIONE REDATTA AI SENSI DELL ART. 34, COMMA 13 DEL D.L. 179/2012 Affidamento ad A.T.S. srl del servizio di trasporto degli alunni per il periodo 2013-2019. Riferimenti normativi. L articolo 34 del decreto-legge

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) SENTENZA N. 06565/2012REG.PROV.COLL. N. 05911/2008 REG.RIC. N. 05897/2008 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la

Dettagli

CORTE DEI CONTI. La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 14 settembre

CORTE DEI CONTI. La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 14 settembre CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 114/2011/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 14 settembre 2011 composta dai Magistrati:

Dettagli

Il personale nella legge di stabilità 2015 (legge 190/2014): A cura del dott. Arturo Bianco

Il personale nella legge di stabilità 2015 (legge 190/2014): A cura del dott. Arturo Bianco Il personale nella legge di stabilità 2015 (legge 190/2014): A cura del dott. Arturo Bianco 1 dott. Arturo Bianco Esperto in gestione delle risorse umane Già presidente Anci Sicilia, già componente la

Dettagli

RISOLUZIONE N. 430/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 430/E QUESITO RISOLUZIONE N. 430/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 10 novembre 2008 OGGETTO: Consulenza giuridica. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Irap cuneo fiscale Imprese che svolgono

Dettagli

D. 30 163/2006-34, 20, D.L.

D. 30 163/2006-34, 20, D.L. Affidamento in Concessione dei servizi cimiteriali comunali, ai sensi dell art. 30 del D. Lgs. 163/2006 - Relazione ai sensi dell art. 34, comma 20, D.L. 179/2012 convertito in Legge 221/2012. Premesso

Dettagli

COMUNE DI COSTA VOLPINO Piazza Caduti di Nassiriya n.3 - c.a.p. 24062 - Prov. di BG Cod. Fisc. e P.IVA: 00 572 300 168

COMUNE DI COSTA VOLPINO Piazza Caduti di Nassiriya n.3 - c.a.p. 24062 - Prov. di BG Cod. Fisc. e P.IVA: 00 572 300 168 AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA NELLE SCUOLE PER L INFANZIA E PRIMARIE STATALI DEL TERRITORIO COMUNALE DI COSTA VOLPINO - AA. SS. 2014/2015 2015/2016 2016/2017- RELAZIONE AI SENSI DELL

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL 19 MARZO 2015 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

Cassa depositi e prestiti società per azioni

Cassa depositi e prestiti società per azioni Direzione Finanziamenti Pubblici Roma, 22 luglio 2008 Cassa depositi e prestiti società per azioni CIRCOLARE N. 1273 Oggetto: Revisione delle condizioni generali per l accesso al credito della gestione

Dettagli

Ministero del lavoro e delle politiche sociali

Ministero del lavoro e delle politiche sociali CIRCOLARE N. 14/2013 Roma, 2 aprile 2013 Ministero del lavoro e delle politiche sociali Agli indirizzi in allegato Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0005914 Oggetto: L. n. 92/2012 (c.d.

Dettagli

Il Direttore dell esecuzione. esecuzione dei contratti nel Testo Unico degli appalti. Convegno: L opera omnia dei contratti pubblici..

Il Direttore dell esecuzione. esecuzione dei contratti nel Testo Unico degli appalti. Convegno: L opera omnia dei contratti pubblici.. Il Direttore dell esecuzione esecuzione dei contratti nel Testo Unico degli appalti Convegno: L opera omnia dei contratti pubblici.. Stefania Gherri Reggio Emilia 12/12/2007 Il Direttore dell esecuzione..

Dettagli

FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018. a cura del Dipartimento Finanza Locale

FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018. a cura del Dipartimento Finanza Locale FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 a cura del Dipartimento Finanza Locale Il disegno di legge di stabilità 2016 contiene le seguenti principali disposizioni concernenti gli enti locali: 1) Soppressione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO SULLE SOCIETA PARTECIPATE DAL COMUNE DELLA SPEZIA (ART. 147 QUATER DEL DECRETO LEGISLATIVO 267/2000)

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO SULLE SOCIETA PARTECIPATE DAL COMUNE DELLA SPEZIA (ART. 147 QUATER DEL DECRETO LEGISLATIVO 267/2000) REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO SULLE SOCIETA PARTECIPATE DAL COMUNE DELLA SPEZIA (ART. 147 QUATER DEL DECRETO LEGISLATIVO 267/2000) TITOLO I PARTE GENERALE...- 2-1.1. Premessa e presupposti teorici del sistema

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE Approvato con delibera assembleare nr. 10 del 11.02.2014 REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE Art. 1 - Ambito di applicazione e modalità di controllo Le disposizioni

Dettagli

CITTÀ DI VITTORIO VENETO

CITTÀ DI VITTORIO VENETO CITTÀ DI VITTORIO VENETO VICTORIA NOBIS VITA REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI E SUGLI OBBLIGHI DI TRASPARENZA DEI TITOLARI DI CARICHE ELETTIVE E DI GOVERNO Approvato con delibera del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO SU STRUMENTI E PROCESSI D INDIRIZZO, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO SULLE SOCIETÀ CONTROLLATE A CAPITALE PUBBLICO

REGOLAMENTO SU STRUMENTI E PROCESSI D INDIRIZZO, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO SULLE SOCIETÀ CONTROLLATE A CAPITALE PUBBLICO PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO SU STRUMENTI E PROCESSI D INDIRIZZO, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO SULLE SOCIETÀ CONTROLLATE A CAPITALE PUBBLICO Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 34/29.03.2011

Dettagli

Parere Aut. vig. sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 20/4/2008 n. 92

Parere Aut. vig. sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 20/4/2008 n. 92 Parere Aut. vig. sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 20/4/2008 n. 92 Istanza di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lettera n), del decreto legislativo

Dettagli

Criteri per l applicazione dell art. 36 del d.l. Salva Italia (cd. divieto di interlocking )

Criteri per l applicazione dell art. 36 del d.l. Salva Italia (cd. divieto di interlocking ) Criteri per l applicazione dell art. 36 del d.l. Salva Italia (cd. divieto di interlocking ) Frequently Asked Questions PREMESSA...2 1. IMPRESE INTERESSATE DAL DIVIETO...2 1.1. INTERMEDIARI FINANZIARI

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI. Capo I. Il Sistema dei Controlli Interni

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI. Capo I. Il Sistema dei Controlli Interni REGOLAMENTO IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI Capo I Il Sistema dei Controlli Interni Art. 1 OGGETTO E FINALITA 1. Il presente regolamento disciplina l istituzione del sistema dei controlli interni sull

Dettagli

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte RISOLUZIONE N. 56/E Roma, 30 maggio 2014 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte Pervengono alla scrivente quesiti circa il trattamento

Dettagli

Studio Legale. Associazione Professionale

Studio Legale. Associazione Professionale I CRITERI PER LA SCELTA DEL MODELLO DI GESTIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO 1. - La deliberazione del Consiglio Provinciale della Provincia di Varese P.V. n. 72 del 20 dicembre 2011 Con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 216/20.12.2012 In vigore dal 1 febbraio 2013 SOMMARIO TITOLO I 3 Controllo Di

Dettagli

SICAF Immobiliari Disciplina fiscale. Milano, 16 ottobre 2014 Dott. Fabio Brunelli

SICAF Immobiliari Disciplina fiscale. Milano, 16 ottobre 2014 Dott. Fabio Brunelli SICAF Immobiliari Disciplina fiscale Milano, 16 ottobre 2014 Dott. Fabio Brunelli SICAF Immobiliari definizione Definizione di SICAF: OICR chiuso costituito in forma di società per azioni a capitale fisso

Dettagli

1. PREMESSA. I criteri generali cui si deve ispirare il processo di razionalizzazione sono i seguenti:

1. PREMESSA. I criteri generali cui si deve ispirare il processo di razionalizzazione sono i seguenti: Piano operativo di razionalizzazione delle società partecipate e delle partecipazioni societarie (Articolo 1 commi 611 e seguenti della legge 190/2014) 1. PREMESSA La L. 23.12.2014, n. 190 (Legge di stabilità

Dettagli

COMUNE DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al valor militare per attività partigiana

COMUNE DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al valor militare per attività partigiana Comune di Ascoli Piceno Regolamento comunale sul sistema dei controlli interni COMUNE DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al valor militare per attività partigiana REGOLAMENTO COMUNALE SUL SISTEMA DEI CONTROLLI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio N. 10 del 20 Gennaio 2011 News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Tracciabilità appalti: nuovi chiarimenti operativi Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla in merito

Dettagli

Alcuni chiarimenti in merito alla qualificazione del servizio di gestione del Centro diurno per anziani

Alcuni chiarimenti in merito alla qualificazione del servizio di gestione del Centro diurno per anziani Alcuni chiarimenti in merito alla qualificazione del servizio di gestione del Centro diurno per anziani Per quanto riguarda la richiesta di chiarimenti presentata, relativa alla corretta qualificazione

Dettagli

Deliberazione n. 205/2014/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA. composta dai magistrati: Consigliere dott.

Deliberazione n. 205/2014/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA. composta dai magistrati: Consigliere dott. Deliberazione n. 205/2014/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA composta dai magistrati: dott. Antonio De Salvo Presidente dott. Ugo Marchetti Consigliere dott. Italo Scotti Consigliere

Dettagli

Allegato M - Fairness opinon di Grant Thornton Advisory S.r.l. in merito alla congruità da punto di vista finanziario del Rapporto di Cambio

Allegato M - Fairness opinon di Grant Thornton Advisory S.r.l. in merito alla congruità da punto di vista finanziario del Rapporto di Cambio Allegato M - Fairness opinon di Grant Thornton Advisory S.r.l. in merito alla congruità da punto di vista finanziario del Rapporto di Cambio Grant Thornton Advisory S.r.l. Piazza Filippo Meda 3 20121 Milano

Dettagli

COMUNE DI ASSEMINI RELAZIONE D INIZIO MANDATO

COMUNE DI ASSEMINI RELAZIONE D INIZIO MANDATO COMUNE DI ASSEMINI (Provincia di Cagliari) RELAZIONE D INIZIO MANDATO Sindaco Mario Puddu Proclamazione 11 giugno 2013 (Art. 4-bis, D. Lgs. 06/09/2011 n. 149 e s.m.) Deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

TESTO ESAMINATO ED APPROVATO, ALL UNANIMITA, DALLE COMMISSIONI I E III NELLA SEDUTA DEL 29 OTTOBRE 2014

TESTO ESAMINATO ED APPROVATO, ALL UNANIMITA, DALLE COMMISSIONI I E III NELLA SEDUTA DEL 29 OTTOBRE 2014 TESTO ESAMINATO ED APPROVATO, ALL UNANIMITA, DALLE COMMISSIONI I E III NELLA SEDUTA DEL 29 OTTOBRE 2014 D.D.L. n. 367: Disciplina delle Aziende pubbliche di servizi alla persona e fondazioni derivanti

Dettagli

WORKSHOP. Servizi pubblici locali e le società partecipate degli Enti Locali

WORKSHOP. Servizi pubblici locali e le società partecipate degli Enti Locali WORKSHOP Verona 13 giugno 2013 Massimo Masotti Dottore Commercialista - Revisore Contabile LS Lexjus Sinacta Servizi pubblici locali e le società partecipate degli Enti Locali Le società partecipate degli

Dettagli

EVENTO CONCLUSIVO Palermo 14 ottobre 2015 - Catania 22 ottobre 2015

EVENTO CONCLUSIVO Palermo 14 ottobre 2015 - Catania 22 ottobre 2015 Convenzione tra Regione Siciliana e Formez PA del 23 marzo 2012 POR FSE 2007 2013 Regione Siciliana Asse VII Capacità Istituzionale Progetto AZIONI DI SISTEMA PER LA CAPACITÀ ISTITUZIONALE - LINEA COMUNI

Dettagli

Il difficile percorso per la riforma del trasporto pubblico locale. Giovanna Pizzanelli

Il difficile percorso per la riforma del trasporto pubblico locale. Giovanna Pizzanelli Il difficile percorso per la riforma del trasporto pubblico locale Giovanna Pizzanelli Nel 1997 è stata avviata in Italia un tentativo di riforma del trasporto pubblico locale nell obiettivo di incrementarne

Dettagli

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

Dipartimento Salute e Servizi Sociali. Art. 21 (Fondazioni ex IPAB privatizzate ai sensi del D.P.C.M. 16 febbraio 1990) Capo IV

Dipartimento Salute e Servizi Sociali. Art. 21 (Fondazioni ex IPAB privatizzate ai sensi del D.P.C.M. 16 febbraio 1990) Capo IV 1. Ai dipendenti delle ex IPAB e delle ASP che si sono trasformate in associazioni o fondazioni si applicano le disposizioni di cui all articolo 4 comma 2 del decreto-legge 9 ottobre 1989, n. 338, convertito

Dettagli

SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE FERROVIARIO SULLA RETE DI PROPRIETA DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE FERROVIARIO SULLA RETE DI PROPRIETA DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE FERROVIARIO SULLA RETE DI PROPRIETA DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA RELAZIONE D.L. 18.10.2012, N.179, ART.34, CO. 20 E 21, CONVERTITO CON MODIFICHE DALLA L. N.221/2012

Dettagli

Servizio di trasporto pubblico locale di linea nel territorio comunale

Servizio di trasporto pubblico locale di linea nel territorio comunale Comune di Monterotondo (RM) Servizio di trasporto pubblico locale di linea nel territorio comunale Relazione illustrativa delle ragioni e della sussistenza dei requisiti previsti per la forma di affidamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

CORSO BASE LA REVISIONE NEGLI ENTI LOCALI

CORSO BASE LA REVISIONE NEGLI ENTI LOCALI CORSO BASE LA REVISIONE NEGLI ENTI LOCALI I CONTROLLI SULLA SPESA DEL PERSONALE QUARTA GIORNATA - 12 LUGLIO 2013 DEFINIZIONE Il Legislatore, pur prevedendo numerosi vincoli in materia di spesa per il personale,

Dettagli

LA SEZIONE OPERATIVA (SeO)

LA SEZIONE OPERATIVA (SeO) LA SEZIONE OPERATIVA (SeO) La SeO ha carattere generale, contenuto programmatico e costituisce lo strumento a supporto del processo di previsione definito sulla base degli indirizzi generali e degli obiettivi

Dettagli

PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETÀ E DELLE PARTECIPAZIONI SOCIETARIE

PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETÀ E DELLE PARTECIPAZIONI SOCIETARIE ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO N. 7 DEL 23-4-2015 CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETÀ E DELLE PARTECIPAZIONI SOCIETARIE (art. 1, commi 611-614,

Dettagli

Risoluzione n. 30/E. Roma, 16 febbraio 2006

Risoluzione n. 30/E. Roma, 16 febbraio 2006 Risoluzione n. 30/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 febbraio 2006 OGGETTO: Istanza di Interpello. Avv. ALFA. Trattamento fiscale applicabile alle spese sostenute da un professionista

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione dell energia elettrica e del gas naturale Rev. 03 del 21/12/2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato

Dettagli

RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DI DE LONGHI S.P.A. AI SENSI DELL ART. 125-TER D. LGS. 24 FEBBRAIO 1998 N. 58

RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DI DE LONGHI S.P.A. AI SENSI DELL ART. 125-TER D. LGS. 24 FEBBRAIO 1998 N. 58 CAPITALE SOCIALE EURO 224.250.000,00 I.V. SEDE LEGALE IN TREVISO VIA LODOVICO SEITZ N. 47 CODICE FISCALE E NUMERO DI ISCRIZIONE NEL REGISTRO DELLE IMPRESE DI TREVISO 11570840154 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI

Dettagli

Gestione dei progetti urbani e infrastrutturali attraverso il PPP

Gestione dei progetti urbani e infrastrutturali attraverso il PPP Corso di valutazione economica del progetto Clamarch a.a. 2013/14 Gestione dei progetti urbani e infrastrutturali attraverso il PPP Docenti Collaboratori prof. Stefano Stanghellini stefano.stanghellini@iuav.it

Dettagli

Atto C.C. n. 3697/240 del 28 luglio 2005

Atto C.C. n. 3697/240 del 28 luglio 2005 Atto C.C. n. 3697/240 del 28 luglio 2005 OGGETTO: Indirizzi per: a) riacquisizione da Hera Spa del Servizio cimiteriale e definizione della nuova forma di gestione; b) nuova modalità di gestione del Servizio

Dettagli

COMUNE DI BAGNATICA. Provincia di Bergamo DECRETO SINDACALE. n 5 del 31/03/2015 OGGETTO SOGGETTI DESTINATARI

COMUNE DI BAGNATICA. Provincia di Bergamo DECRETO SINDACALE. n 5 del 31/03/2015 OGGETTO SOGGETTI DESTINATARI COMUNE DI BAGNATICA Provincia di Bergamo DECRETO SINDACALE n 5 del 31/03/2015 PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE OGGETTO CITTADINANZA SOGGETTI DESTINATARI CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE ALL'ALBO PRETORIO COMUNALE

Dettagli