GUIDA A.R.T. N. 4 GUIDA AGLI APPALTI PUBBLICI COME PARTECIPARE AD APPALTI PUBBLICI IN FRANCIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUIDA A.R.T. N. 4 GUIDA AGLI APPALTI PUBBLICI COME PARTECIPARE AD APPALTI PUBBLICI IN FRANCIA"

Transcript

1 GUIDA AGLI APPALTI PUBBLICI COME PARTECIPARE AD APPALTI PUBBLICI IN FRANCIA GUIDA A.R.T. N. 4 Realizzato con il contributo finanziario del Programma d Iniziativa Comunitaria INTERREG III A ALCOTRA Unione Europea PIC INTERREG III DICEMBRE 2006

2 GUIDA A.R.T. N. 4 GUIDA AGLI APPALTI PUBBLICI COME PARTECIPARE AD APPALTI PUBBLICI IN FRANCIA PROGETTO A.R.T. ARTIGIANATO IN RETE TRANSFRONTALIERA DICEMBRE 2006

3 La presente guida è stata realizzata dal gruppo di lavoro composto da Michel Bouchard e Nicolas Bendinelli (Chambre de Métiers et de l Artisanat des Alpes- Maritimes), Patrizia Mellano (Camera di commercio di Cuneo), e Patrizia Spano (Camera di commercio di Imperia) con il contributo del PIC INTERREG IIIA ALCOTRA. La guida è disponibile sul sito internet: Redazione dei testi a cura di Daniela Peppino Realizzazione copertina e impaginazione testi: Maura Fossati e Chiara Dalbesio - Ufficio Studi Camera di commercio di Cuneo Riproduzione: Tipografia Artigiana Grafica & Tuttostampa - Cuneo

4 SOMMARIO Premessa pag. 5 Contratto di appalto pag. 7 Quanti tipi di appalto ci sono? pag. 7 Amministrazioni aggiudicatrici pag. 7 Soggetti ammessi alle gare pag. 8 Modalità di accesso agli appalti pag. 9 Requisiti necessari per partecipare pag. 9 A. Requisiti di ordine generale pag. 9 B. Requisiti di ordine speciale pag. 10 Procedure di aggiudicazione pag. 13 Aste elettroniche pag. 15 Offerta pag. 15 Termini minimi pag. 16 Criteri di aggiudicazione pag. 18 Varianti pag. 19 Pubblicità pag. 19 Subappalto pag. 20 Coperture assicurative pag. 21 Piani di sicurezza pag. 22 Garanzie pag. 22 Stipulazione del contratto pag. 23 Pagamento delle imprese pag. 24 Risoluzione delle controversie pag. 25 Come conoscere l esistenza di appalti pubblici pag. 26 Indirizzi utili pag. 27

5 4

6 PREMESSA Operare in un area frontaliera rappresenta per le imprese, spesso, un opportunità ma, talvolta, anche un onere aggiuntivo perché vuol dire dover affrontare situazioni della vita dell impresa in contesti normativi, regolamentari ed amministrativi diversi. Per fornire un servizio migliore alle imprese artigiane e consentire loro di cogliere le opportunità offerte dal mercato confinante, la Chambre de Métiers et de l Artisanat des Alpes-Maritimes, la Camera di Commercio, Industria, Artigianato ed Agricoltura di Cuneo e di Imperia si sono costituite in partenariato nel quadro del progetto Artigianato in Rete Transfrontaliera (A.R.T.). Con un programma di azioni coordinate, sostenuto finanziariamente dal Programma d Iniziativa Comunitaria INTERREG IIIA Alcotra, le tre istituzioni sperimentano, per la prima volta, un nuovo modo di operare insieme e di servire le imprese artigiane dei tre territori in un ottica integrata di messa a disposizione delle informazioni disponibili e di accompagnamento al mercato frontaliero. La realizzazione delle Guide A.R.T. rappresenta il primo passo di questo sostegno istituzionale di allargamento dell orizzonte dell impresa attraverso la diffusione di semplici e pratiche informazioni su alcune tematiche importanti per lo sviluppo delle attività oltre confine. Albert MOZZATTI Président de la Chambre de Métiers et de l Artisanat des Alpes-Maritimes Ferruccio DARDANELLO Presidente della Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Cuneo Giovanni DANIO Presidente della Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Imperia 5

7 6

8 CONTRATTO DI APPALTO È il contratto concluso a titolo oneroso tra una stazione appaltante ed un operatore economico allo scopo di soddisfare i rispettivi bisogni in materia di forniture, servizi o lavori. QUANTI TIPI DI APPALTO CI SONO? 1. Appalto di lavori: Contratto, a titolo oneroso, concluso con uno o più imprenditori, volto all esecuzione dei lavori di edilizia o del genio civile richiesti e precisati dalla stazione appaltante. 2. Appalto di forniture: Contratto, a titolo oneroso, concluso con uno o più fornitori, avente ad oggetto l acquisto, la locazione finanziaria, la locazione od il leasing di prodotti o materiali. 3. Appalto di servizi: Contratto, a titolo oneroso, concluso con uno o più prestatori di servizi, avente ad oggetto la realizzazione di prestazioni di servizio. Negli appalti misti di lavori, forniture e servizi, si applica la normativa relativa all oggetto principale del contratto. AMMINISTRAZIONI AGGIUDICATRICI Gli enti appaltanti sottoposti al Codice francese degli Appalti Pubblici sono i seguenti: lo Stato e le sue istituzioni pubbliche; le istituzioni pubbliche a carattere industriale e commerciale; gli enti territoriali (regioni, dipartimenti, comuni) e le proprie istituzioni pubbliche locali (università, scuole...); gli enti privati mandatari di un ente pubblico; gli organismi di diritto privato formati tra collettività territoriali; gli enti pubblici nazionali: 1. a carattere scientifico, culturale e professionale (ad esempio il Collège de France); 2. scientifici e tecnologici (ad esempio il CNRS); 3. a carattere amministrativo (ad esempio l ANPE); gli enti di diritto pubblico o privato creati per soddisfare specificatamente bisogni di interesse generale (Banque de France, Caisse des Dépôts et Consignations). 7

9 SOGGETTI AMMESSI ALLE GARE Imprese singole. Raggruppamenti di operatori economici, rappresentati da un mandatario. Il mandatario è designato al momento dell impegno contrattuale. Egli è l unico ad avere rapporti con l ente appaltante per l esecuzione delle prestazioni, previste nell appalto, dallo stesso coordinate all interno del gruppo. I raggruppamenti di operatori economici possono costituirsi secondo due forme: 1. il raggruppamento congiunto, quando ciascuno degli operatori economici, membri del raggruppamento, è tenuto ad eseguire una o più prestazioni allo stesso attribuite. Il mandatario può essere tenuto, se l appalto lo prevede, a rispondere solidalmente per gli inadempimenti dei membri del raggruppamento che rappresenta. L impegno contrattuale, in questa forma di raggruppamento, è costituito da un documento unico contenente l importo e la ripartizione dettagliata delle prestazioni che ciascun membro del raggruppamento dovrà eseguire. 2. Il raggruppamento solidale, quando ciascuno degli operatori economici, membro del raggruppamento, è obbligato finanziariamente per la totalità delle prestazioni dell appalto. L impegno contrattuale, in questa forma di raggruppamento, è costituito da un documento unico contenente l importo totale dell appalto e l insieme delle prestazioni che i membri del raggruppamento dovranno realizzare. Esempi di gruppi di imprese sono le società di artigiani e le società cooperative di artigiani. Le candidature e le offerte sono presentate sia dall insieme degli operatori economici raggruppati, sia dal mandatario qualora egli giustifichi, al momento della stipulazione del contratto di appalto, il possesso delle abilitazioni necessarie per rappresentare il raggruppamento di cui fa parte. La composizione del raggruppamento non può essere modificata nel periodo che intercorre tra la data di consegna delle candidature e la data di firma del contratto. Tuttavia, se il raggruppamento riesce a dimostrare che uno dei suoi membri si trova in stato di fallimento giudiziario o di sopravvenuta impossibilità ad eseguire parte delle prestazioni, può chiedere all ente appaltante il permesso di continuare a partecipare alla procedura di attribuzione dell appalto anche in assenza dell operatore economico fallito, proponendo all ente appaltante, eventualmente, uno o più subappaltatori. L ente appaltante si pronuncia su tale richiesta dopo aver esaminato la capacità professionale, tecnica e finanziaria dei membri del raggruppamento nuovamente formato e degli eventuali subappaltatori proposti. Divieto di partecipazione Il bando di gara od il regolamento di consultazione, fornito dall ente appaltante, può vietare ai candidati di presentare, per l intero appalto o per determinati suoi 8

10 lotti, più offerte agendo, contemporaneamente, in qualità di candidati individuali e di membri di uno o più raggruppamenti. MODALITÀ DI ACCESSO AGLI APPALTI PUBBLICI Appalto unico. Appalto lottizzato. Allo scopo di favorire la più vasta forma di concorrenza e di partecipazione alle gare da parte delle piccole e medie imprese, e salvo che l oggetto dell appalto non permetta l identificazione delle distinte prestazioni, l ente appaltante può dividere l appalto in lotti separati. L appalto lottizzato è particolarmente adeguato quando un appalto, sia esso di lavori, di forniture o di servizi, rischia di superare le capacità tecniche o finanziarie di una sola impresa. Le candidature e le offerte sono esaminate lotto per lotto. I candidati non possono presentare delle offerte variabili secondo il numero di lotti suscettibili di essere ottenuti. Le modalità di ricorso all appalto lottizzato sono facilitate grazie all introduzione di una disposizione che permette alle amministrazioni di firmare un solo impegno contrattuale qualora più lotti vengano attribuiti ad uno stesso titolare. L ente appaltante può, tuttavia, stipulare un appalto unico, con o senza identificazione delle prestazioni distinte, qualora ritenga che la separazione dell appalto in lotti sia, per natura o per difficoltà tecnica o finanziaria, troppo costosa nell esecuzione delle prestazioni. REQUISITI NECESSARI PER PARTECIPARE Le imprese stabilite nei Paesi dell Unione europea partecipano alle procedure per l affidamento degli appalti in base alla documentazione prodotta secondo le normative vigenti nei rispettivi Paesi di provenienza, purché dimostrino il possesso di tutti i requisiti prescritti per la partecipazione delle imprese francesi alle gare. L ente appaltante può esigere dai candidati solo livelli minimi di capacità relativi e proporzionali all oggetto degli appalti. I documenti ed i livelli minimi di capacità richiesti ai candidati sono precisati nel bando di gara o, in mancanza, nei documenti di consultazione. Per partecipare ad una gara di appalto, il candidato deve presentare un dossier di candidatura che attesti l esistenza dei seguenti requisiti: A. REQUISITI DI ORDINE GENERALE Per tutti gli appalti 1. essere in regola con gli obblighi fiscali e sociali; 9

11 2. essere in regola con i doveri relativi al rispetto degli obblighi sulle assunzioni obbligatorie, secondo la normativa del paese d origine; 3. non trovarsi in stato di liquidazione giudiziaria, di fallimento personale, di interdizione alla possibilità di concorrere o di una equivalente procedura secondo il paese d origine; 4. non essere stato assoggettato, nel corso degli ultimi 5 anni, ad una condanna iscritta al casellario giudiziario relativamente ai reati sanciti dal codice del lavoro francese, quale il lavoro irregolare e clandestino, o ad altri reati di natura penale come previsti dalla normativa francese, quali ad esempio l uso di falsa identità ed il riciclaggio di denaro; 5. essere iscritto al registro delle imprese presso i registri professionali dello Stato di provenienza. Documenti richiesti Per i requisiti di cui ai numeri 1), 2), 3) e 4), autocertificazione datata e firmata dal candidato. Se il candidato si trova in situazione di correzione giudiziaria, deve presentare la copia del o dei giudizi pronunciati per questo effetto. Qualora il candidato venga preso in considerazione, dovrà presentare i certificati e le attestazioni rilasciati dalle amministrazioni o dagli organi competenti. Le imprese dei Paesi appartenenti all Unione europea partecipano alle procedure per l affidamento di appalti presentando dei certificati equivalenti stabiliti dalle amministrazioni od organismi competenti nel paese di origine. Qualora tali certificati non siano rilasciati, è possibile sostituirli con una dichiarazione sotto giuramento o, negli Stati in cui un tale giuramento non esista, mediante una dichiarazione solenne fatta dall interessato dinanzi all autorità giudiziaria o all autorità amministrativa competente, ad un notaio o ad un organismo professionale legalmente riconosciuto. Per il requisito di cui al numero 5), documento che attesti l iscrizione al registro delle imprese presso i registri professionali dello Stato di provenienza. Nel caso in cui i summenzionati documenti non siano redatti in lingua francese, l ente appaltante può richiedere che gli stessi vengano accompagnati da una traduzione in francese, eseguita da un traduttore giurato, certificata e conforme all originale. B. REQUISITI DI ORDINE SPECIALE Per tutti gli appalti Capacità tecnico-professionale Dimostrata attraverso: 1. capacità professionale in materia di protezione dell ambiente; 2. costo complessivo, degli ultimi tre anni, sostenuto per il personale dipendente del candidato nonché l indicazione dell inquadramento del titolare dell impresa all interno della stessa; 10

12 3. elenco dei principali lavori, servizi e forniture, in corso di esecuzione o già eseguiti, negli ultimi cinque anni, con il relativo importo globale, la data e il destinatario, pubblico o privato; 4. eventuale qualificazione professionale delle imprese, se richiesta dall ente appaltante; 5. certificati di qualità, se richiesti dall ente appaltante; 6. titoli di studio od esperienza professionale posseduti dal responsabile dell esecuzione dell appalto; 7. dotazione di attrezzature tecniche, ossia i materiali, le macchine ed i locali di cui l imprenditore dispone. In aggiunta, solo per l appalto di SERVIZI o FORNITURE 8. certificati rilasciati da servizi incaricati per il controllo della qualità ed abilitati ad attestare la conformità delle forniture e dei servizi con riferimento a determinati requisiti o norme; 9. campioni concernenti le forniture che costituiscono l oggetto dell appalto. Per tutti gli appalti Capacità finanziaria Dimostrata attraverso: 10. idonee referenze bancarie; 11. cifra d affari globale degli ultimi tre esercizi; 12. cifra d affari valutata per le prestazioni oggetto dell appalto, degli ultimi tre esercizi; 13. bilanci od estratti di bilanci, se nel paese di stabilimento è prevista la pubblicazione del bilancio. Documenti richiesti Per il requisito di cui al numero 1) certificati che attestino il rispetto degli obblighi ambientali. Per il requisito di cui al numero 2), una dichiarazione attestante il numero degli effettivi dipendenti dell impresa candidata e l inquadramento del titolare dell impresa all interno della stessa. Per il requisito di cui al numero 3), elenco dei principali lavori, servizi e forniture eseguiti od in corso di esecuzione. Per agevolare l accesso agli appalti pubblici delle piccole e medie imprese, vengono considerate sia le prestazioni fornite agli enti pubblici che quelle realizzate per i privati. Per il requisito di cui al numero 4), certificati di riconoscimento professionale o referenze di lavori capaci di dimostrare e confermare le competenze dell operatore economico nella realizzazione della prestazione per la quale propone la sua candidatura. Per il requisito di cui al numero 5), un certificato rilasciato da enti indipendenti. Per gli appalti di lavori e servizi, la cui esecuzione necessita dell attuazione di misure di gestione ambientale, tali certificati sono fondati sul sistema comunitario di gestione ambientale e di controllo (EMAS) o sulle norme europee od internazionali di gestione ambientale. 11

13 Per il requisito di cui al numero 6), indicazione dei titoli di studio o dell esperienza professionale posseduti dal responsabile o dai responsabili dell esecuzione degli appalti. Per il requisito di cui al numero 7), descrizione immobiliare e lista indicante il materiale tecnico e le macchine a disposizione dell imprenditore. Per i requisiti di cui ai numeri 11) e 12), una dichiarazione attestante la cifra d affari globale degli ultimi tre esercizi nonché quella relativa alle specifiche prestazioni oggetto dell appalto. La capacità professionale, tecnica e finanziaria di un raggruppamento è apprezzata in maniera globale. Non è richiesto che ciascun membro del gruppo abbia la totalità delle competenze tecniche richieste per l esecuzione dell appalto. Per dimostrare le proprie capacità professionali, tecniche e finanziarie, il candidato, singolo o raggruppato, può chiedere che vengano prese in considerazione le capacità professionali, tecniche e finanziarie di altri operatori economici, qualunque sia la natura giuridica dei legami esistenti tra i due soggetti. In questo caso, l operatore economico deve semplicemente dimostrare che disporrà di tali capacità durante l esecuzione dell appalto 1. Se l impresa non è in grado di produrre i documenti summenzionati, per dimostrare la propria capacità tecnica e finanziaria, può presentare qualsiasi altro mezzo probatorio considerato idoneo ed equipollente dall ente appaltante purché emanato da enti giuridicamente autorizzati negli Stati membri. Nel caso in cui i summenzionati documenti non siano redatti in lingua francese, l ente appaltante può richiedere che gli stessi vengano accompagnati da una traduzione in francese, eseguita da un traduttore giurato, certificata e conforme all originale. Verifica delle dichiarazioni rese Prima di procedere all esame delle candidature, l ente appaltante, che constata l assenza o l incompletezza di documenti la cui presentazione era stata reclamata, può chiedere ai candidati di completare i rispettivi dossier di candidatura entro un termine, identico per tutti, non superiore a 10 giorni. I candidati che entro tale termine non presentano i documenti richiesti, non vengono ammessi alla fase di valutazione delle candidature. Le candidature che, invece, non vengono scartate, sono esaminate sulla base delle capacità professionali, tecniche e finanziarie menzionate nel bando di gara o nel regolamento di consultazione. Qualora le candidature non soddisfino il livello di capacità richiesto, vengono eliminate. Si precisa che l assenza di referenze relative all esecuzione di appalti dello stesso tipo non può essere motivo di esclusione di un candidato. 1 Il Codice degli Appalti Pubblici in Italia definisce Avvalimento la possibilità per l impresa di soddisfare la richiesta relativa alla capacità professionale, tecnica e finanziaria utilizzando i requisiti posseduti da un impresa terza non direttamente coinvolta nella procedura concorsuale. 12

14 PROCEDURE DI AGGIUDICAZIONE Procedure formalizzate: A. Gara d appalto: procedura con la quale la stazione appaltante sceglie l offerta economicamente più vantaggiosa, senza negoziazione, sulla base di criteri obiettivi preventivamente portati a conoscenza dei candidati. La gara d appalto si presenta sotto due forme distinte, liberamente scelte dalla stazione appaltante: aperta, quando tutti gli operatori, in possesso dei requisiti previsti dal bando, possono partecipare e presentare un offerta; ristretta, quando solo gli operatori economici, invitati dall amministrazione aggiudicatrice e precedentemente selezionati, possono presentare un offerta. B. Procedura negoziata: procedura con la quale l amministrazione aggiudicatrice negozia le condizioni dell appalto con uno o più operatori economici. Tale procedura è giustificata in specifici casi. Previa pubblicazione del bando e gara: per offerte irregolari nelle procedure di cui alle lettere A) e C) oppure se tali procedure sono andate deserte; in casi eccezionali, per bandi di gara senza fissazione globale del prezzo; nell appalto di servizi, per prestazioni di natura intellettuale; nell appalto di lavori, per opere realizzate a fine di ricerca o di sperimentazione senza scopo commerciale immediato; per gli appalti di lavori il cui importo è compreso tra Euro e Euro. Senza previa pubblicazione del bando e senza gara: per circostanze urgenti ed imprevedibili; nell appalto di forniture, se il contratto è concluso a fine di ricerca, di sperimentazione o di studio senza scopo commerciale immediato; per gli appalti complementari di durata non superiore ai tre anni, a condizione che l appalto iniziale sia stato concluso attraverso una messa in concorrenza, eseguiti dal titolare iniziale e destinato ad un rinnovo parziale dell appalto; perché in seguito al verificarsi di circostanze impreviste, si sono resi necessari degli adempimenti inizialmente non previsti; perché l esistenza di ragioni di natura tecnica, artistica o di privativa industriale comporta l affidamento dell appalto ad un impresa determinata; per gli appalti che riguardano l acquisto di forniture a condizioni particolarmente vantaggiose presso un fornitore che versa in stato di liquidazione. C. Dialogo competitivo: procedura nella quale qualsiasi operatore economico può chiedere di partecipare. L amministrazione aggiudicatrice avvia un dialogo con i candidati ammessi a tale procedura, al fine di elaborare una o più soluzioni atte a soddisfare le sue necessità e sulla base della quale o delle quali i partecipanti al dialogo saranno invitati a presentare le offerte. Tale procedura è attuata quando, per la complessità dell appalto, l amministrazione aggiudicatrice non è in grado di definire i mezzi atti a soddisfare i suoi bisogni, i suoi obiettivi, né è oggettivamente in grado di specificare l impostazione giuridica e finanziaria di un progetto. D. Sistema di Acquisizione Dinamica: procedura completamente elettronica di aggiudicazione, prevista per gli appalti di forniture di uso corrente, grazie alla 13

15 quale l ente appaltante attribuisce, dopo la gara, uno o più appalti ad uno degli operatori economici precedentemente selezionati sulla base di un offerta indicativa. Questo sistema è creato per un periodo massimo di 4 anni, salvo casi eccezionali debitamente giustificati. E. Accordo Quadro: contratto concluso tra una o più stazioni appaltanti ed uno o più operatori economici il cui scopo è quello di stabilire le clausole relative agli appalti da aggiudicare durante un dato periodo, in particolare per quanto riguarda i prezzi e le quantità desiderate. Per gli appalti e gli accordi quadro di lavori il cui valore stimato è compreso tra Euro e Euro, l ente appaltante può liberamente scegliere la procedura formalizzata da adottare. Procedure adatte: La stazione appaltante può scegliere una procedura che meglio si adatta all entità dell appalto qualora l importo dello stesso sia inferiore a: Euro per gli appalti di servizi e forniture se l ente appaltante è lo Stato; Euro per gli appalti di servizi e forniture se l ente appaltante è un ente territoriale; Euro per gli appalti di lavori. Oppure nella seguente situazione: per i lotti inferiori a Euro nel caso di appalti di forniture e servizi e nel caso di appalti di lavori il cui importo è inferiore a Euro (solo se l importo cumulato dei lotti non supera il 20% dell importo globale dell appalto lottizzato). Se si verifica una delle condizioni summenzionate, l appalto di lavori, servizi o forniture, può essere attribuito secondo una procedura le cui modalità sono liberamente fissate dall'ente appaltante in funzione della natura e delle caratteristiche del bisogno da soddisfare, del numero o della localizzazione degli operatori economici suscettibili di rispondere al bando. L ente appaltante può ispirarsi alle procedure formalizzate senza per questo, dover sottoporre tali appalti alle regole formali che si applicano per gli appalti formalizzati. Se l importo dell appalto è inferiore a Euro, e le circostanze ne giustificano l azione, l ente appaltante può decidere di non ricorrere alla pubblicità dell appalto né alla gara. Le procedure adatte hanno costituito un vero progresso. Da un lato, la semplificazione delle modalità di aggiudicazione degli appalti permette alle piccole e medie imprese di candidarsi più facilmente ai bandi di gara pubblici, dall altro, gli enti appaltanti si trovano di fronte ad un numero di offerte più vasto e diversificato. Forcella Nelle procedure ristrette, negoziate e nel dialogo competitivo, l ente appaltante può decidere di limitare il numero di candidati ammessi a presentare un offerta. Quando la stazione appaltante si avvale di tale facoltà, deve indicare 14

16 nel bando di gara i criteri di selezione ed il numero minimo 2 e massimo di imprese candidate a presentare un offerta. Se il numero dei candidati idonei risulta essere inferiore a quello menzionato nel bando di gara, l ente appaltante può, comunque, proseguire nell attribuzione dell appalto con i soli candidati selezionati. ASTE ELETTRONICHE L asta elettronica è una procedura di selezione delle offerte realizzata per via elettronica. Essa permette ai candidati di revisionare i prezzi al ribasso e di modificare il valore di ulteriori elementi quantificabili della loro offerta. L ente appaltante può ricorrere a tale procedura solo per gli appalti di forniture con un importo superiore a Euro (se l ente appaltante è lo Stato) o a Euro (se l ente appaltante è un ente territoriale). L asta elettronica viene utilizzata solo quando il prezzo od ulteriori criteri dell appalto sono quantificabili. Se utilizzata dall ente appaltante, tale procedura non deve impedire, falsare o limitare la concorrenza e deve essere menzionata nel bando di gara. OFFERTA Procedure adatte Un semplice preventivo è sufficiente per poter presentare un offerta alla stazione appaltante. Il preventivo, descrittivo ed estimativo, deve permettere all amministrazione aggiudicatrice di analizzare gli elementi che compongono il prezzo stabilito dalle imprese candidate per il compimento delle prestazioni che costituiscono l oggetto dell appalto. Il preventivo non ha alcun valore contrattuale, se non disposto diversamente. Nel caso di errori od omissioni, l imprenditore dovrà rispondere delle conseguenze finanziarie che risultano dal preventivo. Inoltre, l ente appaltante può richiedere che l offerta sia accompagnata da campioni, modellini o prototipi concernenti l oggetto dell appalto. Procedure formalizzate L impresa risponde al dossier di consultazione e compila accuratamente l impegno contrattuale. L impegno contrattuale è il documento, firmato dal candidato, nel quale egli presenta la sua offerta o proposta ed aderisce alle clausole redatte dall ente appaltante. 2 Cinque è il numero minimo di candidati ammessi a presentare un offerta nella procedura ristretta mentre, nelle procedure negoziate e nel dialogo competitivo il numero si riduce a tre. 15

17 In un secondo momento, l impegno contrattuale viene firmato dalla stazione appaltante qualora venga accettata l offerta del candidato. Requisiti dell offerta: redatta in forma scritta; contenente la documentazione richiesta dall ente appaltante; contenente l indicazione dell eventuale volontà di subappaltare a terzi parte dell appalto; accompagnata da campioni, modellini o prototipi indicativi dell oggetto dell appalto, oltre che da un preventivo descrittivo ed estimativo dettagliato concernente tutte le indicazioni che permettono un migliore apprezzamento dei prezzi proposti, se richiesti dalla stazione appaltante; sottoscritta dal concorrente dotato della capacità giuridica di obbligarsi e di impegnare la società che rappresenta, o sottoscritto da un rappresentante debitamente abilitato. Se l offerta viene trasmessa per via elettronica, essa deve essere accompagnata da un certificato di firma; non deve essere fatta alcuna cancellatura o formulata alcuna riserva, in quanto l impegno dell impresa è globale e consapevole dell adozione di tutte le clausole stabilite dalla stazione appaltante; redatta in competente bollo. La maggior parte dei documenti possono essere scambiati per via elettronica. L ente appaltante deve indicare nel bando la modalità di trasmissione delle candidature e delle offerte scelta. Qualora sia possibile la trasmissione per via elettronica, la stazione appaltante deve garantire la riservatezza e la sicurezza delle transazioni. Attualmente, l ente appaltante non può rifiutare le candidature o le offerte provenienti da operatori economici che non abbiano rispettato la modalità di trasmissione scelta dall ente. Tuttavia, dal 1 Gennaio 2010, l ente appaltante potrà esigere che l invio delle candidature e delle offerte avvenga per via elettronica. TERMINI MINIMI Per la presentazione delle domande di partecipazione Gara d appalto aperta, 52 giorni dalla data di trasmissione del bando di gara oppure 22 giorni se c è stato un avviso indicativo del bando. Il termine può essere ridotto di 7 o 5 giorni (cumulabili ad eccezione del caso in cui l ente appaltante abbia ridotto il termine minimo a 22 giorni) se il bando viene pubblicato per via elettronica e se precisa l indirizzo internet presso cui consultare liberamente e direttamente i documenti dell appalto. Per l appalto di lavori con importo inferiore a Euro: 22 giorni dalla data di trasmissione del bando di gara, ridotto a 15 giorni in caso di urgenza. 16

18 Gara d appalto ristretta, 37 giorni dalla data di trasmissione del bando di gara, oppure 30 giorni se il bando è pubblicato per via elettronica. In caso di urgenza il termine può essere portato a 15 giorni o a 10 giorni se il bando è pubblicato per via elettronica. Per l appalto di lavori con importo inferiore a Euro: 22 giorni dalla data di trasmissione del bando di gara, ridotto a 15 giorni se il bando è pubblicato per via elettronica. In caso di urgenza il termine può essere portato a 15 giorni o a 10 giorni se il bando è pubblicato per via elettronica. Procedura negoziata previa pubblicazione del bando e gara, 37 giorni dalla data di trasmissione del bando di gara, oppure 30 giorni se il bando è pubblicato per via elettronica. In caso di urgenza il termine può essere portato a 15 giorni o a 10 giorni se il bando è pubblicato per via elettronica. Per l appalto di lavori con importo inferiore a Euro: 22 giorni dalla data di trasmissione del bando di gara, ridotto a 15 giorni se il bando è pubblicato per via elettronica. In caso di urgenza il termine può essere portato a 15 giorni o a 10 giorni se il bando è pubblicato per via elettronica. Dialogo competitivo, 37 giorni dalla data di trasmissione del bando di gara, oppure 30 giorni se il bando è pubblicato per via elettronica. Per la presentazione delle offerte Gara d appalto aperta, presentata insieme alla domanda di partecipazione. Gara d appalto ristretta, 40 giorni dalla data di invio dell invito, oppure 22 giorni, se c è stato un avviso di preinformazione. Il termine può essere ridotto di 5 giorni se il bando viene pubblicato per via elettronica e se precisa l indirizzo internet presso cui consultare liberamente e direttamente i documenti dell appalto. In caso di urgenza il termine può essere portato a 10 giorni. Per l appalto di lavori con importo inferiore a Euro: 22 giorni dalla data di trasmissione del bando di gara. Procedura negoziata previa pubblicazione del bando e gara, il termine è liberamente fissato dall ente appaltante. Dialogo competitivo, non esiste un termine indicato dal Codice. Accordo quadro, il termine è fissato dalla stazione appaltante tenendo conto della complessità delle prestazioni attese o del tempo necessario per la trasmissione delle offerte. È possibile che si verifichi una proroga dei termini nel caso in cui si renda necessaria una visita dei luoghi di esecuzione dell appalto o la consultazione di documenti complementari. 17

19 CRITERI DI AGGIUDICAZIONE In Francia esiste un solo criterio di aggiudicazione degli appalti. Offerta economicamente più vantaggiosa: le amministrazioni aggiudicatrici possono fondare la scelta del contraente sulla base di una pluralità di criteri variabili relativi al prezzo, alla qualità, al pregio tecnico, alle caratteristiche estetiche e funzionali, alle caratteristiche in materia di gestione ambientale, al costo di utilizzazione, al termine di esecuzione, alla data di consegna. Tali criteri devono essere oggettivi, non discriminatori ed essere indicati nel bando di gara o nella lettera di invito. Qualora l amministrazione decida di prendere in considerazione un solo criterio di aggiudicazione, questo dovrà essere il prezzo. Per gli appalti attribuiti secondo una procedura formalizzata e quando sono previsti più criteri di selezione, l ente appaltante deve precisare la ponderazione di ciascuno di loro o indicarli in ordine decrescente di importanza. Regimi preferenziali Gli artigiani e gli artisti beneficiano di un diritto di preferenza nell accesso alla commessa pubblica a parità di prezzo o di offerte equivalenti, qualora l appalto comporti, in tutto od in parte, lo svolgimento di prestazioni suscettibili di essere eseguite da artigiani, società di artigiani, società cooperative di artigiani, artigiani d arte o società cooperative d artisti. Esistono due tipi di regimi preferenziali. Riserva del quarto dell importo dell appalto: riservato agli artigiani, alle società di artigiani oppure alle società cooperative di artigiani. Le stazioni appaltanti devono preventivamente indicare i lavori, le forniture od i servizi che saranno attribuiti ai summenzionati soggetti, nel limite di un quarto dell importo totale, solamente se vengono presentate offerte equivalenti. Riserva della metà dell importo dell appalto: riservato agli artigiani d arte o alle società cooperative d artisti. Per i lavori a carattere artistico, l importo massimo, rappresentato dalla metà dell importo globale dei lavori da eseguire, viene attribuito in modo preferenziale ai soggetti summenzionati, solo se vengono presentati prezzi uguali od offerte equivalenti. Offerte anomale Se un offerta si presenta come anormalmente bassa 3, la stazione appaltante può rifiutarla con adeguata motivazione e dopo aver chiesto al candidato, per iscritto, le precisazioni in merito agli elementi costitutivi dell offerta. Solo dopo aver esaurito questa fase, l amministrazione può respingere l offerta segnalando le spiegazioni ritenute inaccettabili. 3 Si tratta di offerte il cui prezzo non corrisponde ad una realtà economica. 18

20 VARIANTI Nella gara di appalto, l impresa può presentare delle varianti nelle proprie offerte di base, se previsto nel bando di gara o nei documenti di consultazione. In assenza di precisazione, le varianti si considerano non ammesse. Al fine di poter essere prese in considerazione, durante la fase di selezione, da parte dell ente appaltante, le varianti devono rispettare le esigenze minime indicate nel bando di gara. PUBBLICITÀ Per tutti gli appalti Importo inferiore a Euro, IVA esclusa Gli appalti possono essere aggiudicati senza forme di pubblicità, purché l amministrazione aggiudicatrice rispetti i principi di trasparenza e di leale concorrenza. Importo compreso tra e Euro, IVA esclusa L amministrazione aggiudicatrice sceglie le modalità di pubblicità più adatte all importo ed alla natura dell appalto di lavori, servizi e forniture. La stazione appaltante può procedere alla pubblicazione del bando di gara mediante: avvisi sui quotidiani; affissione; pubblicità sul sito internet dell ente appaltante. Per l appalto di LAVORI Importo compreso tra e Euro, IVA esclusa Bollettino Ufficiale degli Avvisi degli Appalti Pubblici (BOAMP) o Giornale abilitato a ricevere gli avvisi legali (JAL); eventualmente, stampa specializzata nel settore economico. Importo uguale o superiore a Euro, IVA esclusa Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea (GUUE) e Bollettino Ufficiale degli Avvisi degli Appalti Pubblici (BOAMP). Per l appalto di SERVIZI o FORNITURE Se l ente appaltante è lo Stato Importo compreso tra e Euro, IVA esclusa Bollettino Ufficiale degli Avvisi degli Appalti Pubblici (BOAMP) o Giornale abilitato a ricevere gli avvisi legali (JAL); eventualmente, stampa specializzata nel settore economico. Importo superiore a Euro, IVA esclusa Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea (GUUE) e Bollettino Ufficiale degli Avvisi degli Appalti Pubblici (BOAMP). 19

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Guida pratica per i contratti pubblici di servizi e forniture

Guida pratica per i contratti pubblici di servizi e forniture PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Segretariato Generale Dipartimento per le Politiche di Gestione e di Sviluppo delle Risorse Umane DIPRU 2 Guida pratica per i contratti pubblici di servizi e forniture

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

PRO MEMORIA PER LE PUBBLICAZIONI (SETTORI ORDINARI) Riepilogo pubblicità

PRO MEMORIA PER LE PUBBLICAZIONI (SETTORI ORDINARI) Riepilogo pubblicità PRO MEMORIA PER LE PUBBLICAZIONI (SETTORI ORDINARI) Riepilogo pubblicità LAVORI (articoli, e del decreto legislativo n. del 00) Importi in euro: fino a 00.000 da 00.000 a.000.000 da.000.000 di preinformazione

Dettagli

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove

ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente BANDO DI GARA I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: ENEA - Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente - indirizzo postale:

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

MODULO DI CANDIDATURA

MODULO DI CANDIDATURA MODULO DI CANDIDATURA Gentile Signora/Egregio Signore, troverà in allegato la candidatura di [nome del fornitore di servizi] in risposta all invito a manifestare interesse relativo ai fornitori di dati

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO - SERVIZIO APPALTI, CONTRATTI E GESTIONI GENERALI - UFFICIO APPALTI. Città: TRENTO Codice postale: 38100

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO - SERVIZIO APPALTI, CONTRATTI E GESTIONI GENERALI - UFFICIO APPALTI. Città: TRENTO Codice postale: 38100 Automa di TrentoUNIONE EUROPEA Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea 2, rue Mercier, L-2985 Lussemburgo Fax (352) 29 29-42670 E-mail: ojs@publications.europa.eu Info

Dettagli

Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II

Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II 2015/S 082-144972 Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II Bando di gara relativo a un appalto di servizi Ubicazione tutti i paesi ACP 1.Riferimento della

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO La Dichiarazione Sostitutiva di Atto Notorio, da compilarsi in caso di Offerta Segreta o Offerta

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

Oggetto: Offerta per l'acquisto dell'immobile sito in

Oggetto: Offerta per l'acquisto dell'immobile sito in MODELLO PER PERSONE FISICHE ACI SERVIZIO PATRIMONIO E APPROVVIGIONAMENTI Coordinamento e Controllo Gestione Immobili Via Marsala 8 00185 - Roma OFFERTA A TRATTATIVA PRIVATA Oggetto: Offerta per l'acquisto

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI RELATIVI A LAVORI, FORNITURE E SERVIZI D. Lgs. 163/06 e s.m.i. SINTESI. (Aggiornato al 1 gennaio 2008)

CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI RELATIVI A LAVORI, FORNITURE E SERVIZI D. Lgs. 163/06 e s.m.i. SINTESI. (Aggiornato al 1 gennaio 2008) Amministrazione Centrale Direzione Affari Contrattuali e Patrimoniali CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI RELATIVI A LAVORI, FORNITURE E SERVIZI D. Lgs. 163/06 e s.m.i. SINTESI (Aggiornato al 1 gennaio 2008)

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 17 febbraio 1982, n. 46 che, all articolo 14, ha istituito il Fondo speciale rotativo per l innovazione tecnologica; Visto il decreto-legge 22 giugno

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Avviso di aggiudicazione di appalti Settori speciali. Sezione I: Ente aggiudicatore. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto

Avviso di aggiudicazione di appalti Settori speciali. Sezione I: Ente aggiudicatore. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto 1/ 14 ENOTICES_alessiamag 14/11/2011- ID:2011-157556 Formulario standard 6 - IT Unione europea Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea 2, rue Mercier, L-2985 Luxembourg

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale

Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale In vigore dal gennaio 0 Camera di Commercio Internazionale (ICC) Corte Internazionale di Arbitrato 8, Cours Albert er, 7008 Paris/Parigi,

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano.

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Prot. n. 5789 Bordano, 04.12.2014 POR FESR 2007 2013 Obiettivo

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia 2015/S 119-218544. Avviso di gara Settori speciali. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia 2015/S 119-218544. Avviso di gara Settori speciali. Servizi 1/19 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:218544-2015:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia 2015/S 119-218544 Avviso di gara Settori speciali Servizi Direttiva 2004/17/CE

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Modificato dalle decisioni del Consiglio costituzionale

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

(Atti legislativi) DIRETTIVE

(Atti legislativi) DIRETTIVE 28.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 94/1 I (Atti legislativi) DIRETTIVE DIRETTIVA 2014/23/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2014 sull aggiudicazione dei contratti

Dettagli

LA REALIZZAZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE COME ATTIVITÀ AMMINISTRATIVA

LA REALIZZAZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE COME ATTIVITÀ AMMINISTRATIVA CAPITOLO 1 LA REALIZZAZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE COME ATTIVITÀ AMMINISTRATIVA SOMMARIO: 1. L attività contrattuale della pubblica amministrazione. 2. Le opere e i lavori pubblici. 3. I sistemi di realizzazione

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

CRITERI PER LA SCELTA DELLE DITTE DA INVITARE

CRITERI PER LA SCELTA DELLE DITTE DA INVITARE CRITERI PER LA SCELTA DELLE DITTE DA INVITARE PROCEDURA NEGOZIATA ART. 33 L.P. 26/1993 PROCEDURE IN ECONOMIA ART. 52 L.P. 26/1993 COMUNE DI CLES PROVINCIA DI TRENTO PROCEDURE NEGOZIATE: CRITERI PER LA

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

(ultimo aggiornamento: legge 11 novembre 2014, n. 164 e legge 27 febbraio 2015, n. 11)

(ultimo aggiornamento: legge 11 novembre 2014, n. 164 e legge 27 febbraio 2015, n. 11) DECRETO LEGISLATIVO 12 aprile 2006, n. 163 CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI, FORNITURE (ultimo aggiornamento: legge 11 novembre 2014, n. 164 e legge 27 febbraio 2015, n. 11) PARTE I TITOLO

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici:

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici: Versione finale del 29/11/2007 COCOF 07/0037/03-IT COMMISSIONE EUROPEA ORIENTAMENTI PER LA DETERMINAZIONE DELLE RETTIFICHE FINANZIARIE DA APPLICARE ALLE SPESE COFINANZIATE DAI FONDI STRUTTURALI E DAL FONDO

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Autorità Nazionale Anticorruzione VIGILANZA CONTRATTI PUBBLICI Revisione ed aggiornamento della determinazione del 7 luglio 2010, n. 5 Linee guida per l affidamento dei servizi attinenti all architettura

Dettagli