LA LEGGE DI CRISTO E LA LEGGE DI MOSÈ

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA LEGGE DI CRISTO E LA LEGGE DI MOSÈ"

Transcript

1 GESÙ DICE: «Chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica sarà paragonato a un uomo avveduto che ha costruito la sua casa sopra la roccia. La pioggia è caduta, sono venuti i torrenti, i venti hanno soffiato e hanno investito quella casa; ma essa non è caduta, perché era fondata sulla roccia». (Matteo 7:24-25) Distribuito gratuitamente. Stampato in proprio Aprile Comunità Cristiana Piazza Macaluso Canicattì - AG Puoi rivolgerti anche: Via Cattolica Montallegro - AG Tel Cell LA LEGGE DI CRISTO E LA LEGGE DI MOSÈ

2 2 [1] CHE COS È LA LEGGE DI MOSÈ? CHE COSA CONTIENE? E DOVE SI TROVA LA LEGGE NELLA BIBBIA? La Legge di Mosè o mosaica, chiamata anche semplicemente La Legge, è un insieme di norme che regolavano la vita sociale del popolo d Israele e il culto a Dio. Essa contiene più di seicento norme che abbracciano diversi campi: adorazione e culto, sacerdozio, sanità, delitti e pene, convivenza civile, profezia sul piano di salvezza di Dio. Quando gli Ebrei si riferiscono alla Legge, intendono i primi cinque libri della Bibbia, il Pentateuco, vale a dire: Genesi, Esodo, Levitico, Numeri e Deuteronomio. [2] I DIECI COMANDAMENTI FANNO PARTE DELLA LEGGE DI MOSÈ O SONO UNA LEGGE A PARTE? I Dieci Comandamenti (o Decalogo) non costituiscono una legge a parte, ma sono inclusi nella Legge di Mosè: vedi Esodo 20:1-17; Deuteronomio 5:6-21. Lo dimostrò Gesù stesso, quando, nel Sermone sul monte, citò parte dei Dieci Comandamenti e parte di altri comandamenti della Legge. Vedi Matteo 5: [3] A QUALE POPOLO DIO DIEDE LA LEGGE? ESSA AVEVA VALORE ANCHE PER GLI ALTRI POPOLI? È Scritto: «Egli [cioè Dio] fa conoscere la sua parola a Giacobbe [cioè ad Israele], i suoi statuti e i suoi decreti a Israele. Egli non ha fatto così con tutte le nazioni; e i suoi decreti esse non li conoscono» (Salmo 147:19-20). L apostolo Paolo scrisse: «Tutto quel che la legge dice, lo dice a quelli che sono sotto la legge» (Romani 3:19). Solo il popolo d Israele era sotto la Legge. Quindi, essa era valida solo per tale popolo. Tant è vero che essa era anche un patto fra Dio e Israele. Vedi anche Deuteronomio 5:1-3 e 4: [4] PER QUALE SCOPO DIO DIEDE LA LEGGE AD ISRAELE? La Legge che Dio diede ad Israele tramite Mosè serviva a disciplinare la vita sociale, l adorazione e il culto. L apostolo Paolo scrive: «Essa fu aggiunta a motivo delle nostre trasgressioni... Ma prima che venisse la fede eravamo tenuti rinchiusi in custodia sotto la legge, in attesa della fede che doveva essere rivelata. Talché la 3 legge è stata il nostro pedagogo per condurci a Cristo, affinché fossimo giustificati per fede» (Galati 3:19, 23-25). Vedi anche: 1 Timoteo 1:8-11. Romani 5:20 e 7:7-13. Con la Legge, quindi, Dio voleva far comprendere ad Israele che, nonostante fosse il popolo da Egli scelto, era pur sempre un popolo di peccatori. Infatti, i sacrifici animali che erano offerti procuravano un perdono temporaneo; ma per la liberazione definitiva dal peccato e dalla morte era necessario un Salvatore. I sacrifici animali, appunto, ricordavano di volta in volta la necessità di un sacrificio risolutore, che fu Cristo (Ebrei 10:1-10). La Legge, dunque, fu un pedagogo (cioè un tutore, un maestro) per preparare il popolo a ricevere il Cristo. [5] GESÙ DICE CHE EGLI NON È VENUTO AD ABOLIRE LA LEGGE, MENTRE L APOSTOLO PAOLO DICE CHE ESSA È STATA ABOLITA: CHI HA RAGIONE? Rispondiamo: tutti e due! Potrà sembrare strana questa risposta, ma ne dimostreremo la fondatezza. Cominciamo con una dichiarazione di Gesù, la quale, alla luce dei discorsi di Paolo, ha creato nei credenti qualche perplessità: Gesù disse: «Non pensate ch io sia venuto per abolire la legge od i profeti; io sono venuto non per abolire ma per compire. Poiché io vi dico in verità che finché non siano passati il cielo e la terra, neppure un iota o un apice della legge passerà, che tutto non sia adempiuto» (Matteo 5:17-18). Che cosa voleva dire il Signore con queste parole? Intendeva che non avrebbe abolito la Legge di Mosè, nel senso che l avrebbe lasciata in vigore per sempre? O si riferiva esclusivamente all aspetto profetico della Legge? La risposta è: a tutte e due le cose! Anche questa risposta sembrerà strana, ma ne dimostreremo pure la fondatezza. a) L aspetto profetico della Legge: Con le sue parole (Matteo 5:17-18) Gesù intendeva dire che Egli era venuto per adempiere la Legge, cioè per portare a compimento la parte profetica della Legge che prevedeva il suo sacrificio come uomo. Infatti, un istante prima di morire, Gesù disse: «È compiuto!» (Giovanni 17:30).

3 4 Mentre la rimanente parte profetica, cioè quella relativa al resto del Piano di Dio per la redenzione dell uomo, resterà in vigore sino a quando il Regno di Dio non sarà stabilito definitivamente in tutta la creazione. Quindi, come Gesù disse, non passerà un iota o un apice che non sia profeticamente adempiuto. Un altra dimostrazione di quello che stiamo dicendo la dà ancora Gesù. Egli disse: «La legge e i profeti hanno durato fino a Giovanni; da quel tempo è annunziata la buona novella del regno di Dio, ed ognuno v entra a forza» (Luca 16:16). Disse pure: «Or dai giorni di Giovanni Battista fino ad ora, il regno dei cieli è preso a forza ed i violenti se ne impadroniscono. Poiché tutti i profeti e la legge hanno profetato fino a Giovanni» (Matteo 11:12-13). Il Signore stava dicendo agli Israeliti che il tempo del favore divino verso di loro era finito con Giovanni Battista. Il favore divino consisteva appunto nella Legge ed i Profeti che Dio aveva concesso benignamente ad Israele. Giovanni fu infatti l ultimo profeta dell era giudaica. Tant è vero che la missione di Giovanni fu quella di preparare la via a Gesù e di annunziare la sua venuta e la nuova era della grazia con l elargizione dello Spirito Santo ai popoli Gentili. Venuto nella sua casa, cioè Israele, Cristo non è accolto; per cui, per Israele si chiude il tempo del favore divino anche del Patto della Legge, e la grazia viene aperta ai Gentili, cioè i violenti che prendono a forza il Regno. Questo fu, dunque, un altro aspetto profetico della Legge che si adempì. Ma non si adempì tutta la profezia della Legge. Da ciò comprendiamo che l intera profezia della Legge sarà adempiuta, come Gesù disse, soltanto quando saranno passati gli attuali cieli e terra ed instaurati i nuovi cieli e terra. Perché solo allora tutto sarà compiuto! Ora comprendiamo ancora meglio le parole di Gesù: «Io sono venuto non ad abolire [la Legge], ma a compire». Quindi, tutti gli aspetti profetici della Legge che riguardavano il sacrificio di riscatto di Gesù furono adempiuti, mentre per i rimanenti aspetti profetici che devono ancora adempiersi, la Legge non è stata annullata. Ecco perché Gesù aggiunse «che finché non siano passati il cielo e la terra, neppure un iota o un apice della legge passerà, che 5 tutto non sia adempiuto». Appunto perché la rimanente parte profetica sul resto del piano di Dio prevista dalla Legge deve ancora adempiersi. b) La Legge in generale (cioè l aspetto normativo morale): Le parole di Gesù in Matteo 5:17-18 significano anche che letteralmente Egli non è venuto ad abolire la Legge di Mosè? Rispondiamo di si. Infatti, Egli continua il discorso dicendo: «Chi dunque avrà violato uno di questi minimi comandamenti...» (Matteo 5:19) e cita poi la Legge di Mosè. Leggi l intero discorso di Cristo sulla legge antica in Matteo da 5:17 fino all intero capitolo 7. Ma Attenzione! Bisogna comprendere in che senso Gesù non è venuto ad abolire la Legge di Mosè. Intanto è bene ricordare che il Signor Gesù è venuto a stabilire un Nuovo Patto. Infatti, quando istituì la Santa Cena Egli porse il calice ai discepoli e disse loro: «Questo calice è il nuovo patto nel mio sangue, il quale è sparso per voi» (Luca 22:20). E questo Nuovo Patto prevede una nuova Legge, come fu profetizzato da Geremia: «Ecco i giorni vengono, dice il Signore, che io concluderò con la casa di Israele e la casa di Giuda un patto nuovo; non come il patto che feci con i loro padri nel giorno in cui li presi per mano per farli uscire dal paese d Egitto; perché essi non hanno perseverato nel mio patto, e io, a mia volta, non mi sono curato di loro dice il Signore. Questo è il patto che farò con la casa d Israele dopo quei giorni dice il Signore: Io metterò le mie leggi nelle loro menti, le scriverò sui loro cuori; e sarò loro Dio, ed essi saranno il mio popolo» (Geremia 31:31-33). Vedi anche: Ebrei 8:8-10. Ora, essendo Gesù venuto a stabilire un Nuovo Patto con una Nuova Legge, ovviamente non potevano esistere due leggi, cioè la Legge di Mosè e la Nuova Legge di Cristo. La Legge di Mosè, come abbiamo già visto, era diretta solo agli Israeliti (o Giudei) e, per quanto concerne il sacerdozio ed il sacrificio di espiazione dei peccati, era stata adempiuta da Cristo. Perciò, tale Legge, così com era, con i sacrifici animali e il sacerdozio aaronico, non poteva essere applicata sui Gentili, appunto perché la Legge non era stata diretta ai Gentili, ma solo ai Giudei. Quindi, sui Gentili essa non aveva alcun valore.

4 6 Per il nuovo popolo di Cristo, composto per la maggior parte di Gentili, dunque, era necessaria una Nuova Legge, diretta ad esso; anche in considerazione che l era Giudaica si era conclusa. Ecco perché, come già detto, Iddio aveva previsto un Nuovo Patto con nuove leggi scritte nelle menti e nei cuori (Ger.31:31-33). Ma bisogna chiedersi: la Legge di Mosè era forse imperfetta? Era da buttare via? No. Paolo apostolo, infatti, disse che «la legge è santa, e il comandamento è santo e giusto e buono» (Romani 7:12). E allora che ne è stato della Legge di Mosè? Il Signore Iddio aveva previsto tutto. E suo Figlio Gesù agì secondo la volontà del Padre. Gesù, quindi, operò una vera e propria «riforma» della Legge di Mosè. Paolo scrisse: «Esso [il vecchio Tabernacolo e, quindi, anche il Patto della Legge] è una figura per il tempo attuale, conformemente alla quale s offrono doni e sacrifici che non possono, quanto alla coscienza, rendere perfetto colui che offre il culto, poiché si tratta solo di cibi, di bevande e di varie abluzioni, insomma, di regole carnali imposte fino al tempo della riforma» (Ebrei 9:9-10). In pratica, la Legge di Mosè fu modificata, riformata, raffinata e migliorata, per adattarla al nuovo popolo spirituale di Cristo e, quindi, fu incorporata, assorbita dalla nuova Legge di Cristo. Ad esempio, in ogni nazione, ogni vecchia legge viene riformata e sostituita con una nuova legge, ma molte norme utili della vecchia legge vengono spesso riportate in quella nuova. Per cui, la vecchia legge, o parte di essa, viene assorbita, incorporata nella nuova legge. E si può dire pure che la vecchia legge vive in quella nuova. Così è pure della Legge di Mosè: essa, con le dovute modifiche, fu incorporata, assorbita dalla nuova Legge di Cristo. E, quindi, possiamo dire che la Legge mosaica vive ancora nella Legge di Cristo. Ecco un esempio di come Gesù riformò e raffinò la Legge di Mosè e la incorporò nella sua Nuova Legge: «Voi avete udito che fu detto: Non commettere adulterio. Ma io vi dico che chiunque guarda una donna per appetirla, ha già commesso adulterio con lei nel suo cuore» (Matteo 5:27-28). 7 Come si può notare, il Signore citava prima il comandamento della Legge mosaica, poi dichiarava lo stesso comandamento riformato da Lui stesso. L intero Sermone sul monte è pieno di questa riforma fatta da Gesù. È bene leggerlo. Tutto il Nuovo Testamento è pieno della nuova Legge di Cristo. E si può notare bene come essa è riformata e raffinata. Abbiamo detto che la Legge mosaica fu riformata e incorporata dalla nuova Legge di Cristo. Per fare un altro esempio, è come se una vecchia azienda venisse acquisita da una nuova, che la ristruttura e la incorpora. Si può dire che l azienda vecchia esiste ancora essendo parte di quella nuova. Ed è giusto. Ma si può dire anche che l azienda vecchia, da sola, non esiste più. Ed è pure giusto. La stessa identica cosa è avvenuta per la Legge di Mosè. Per cui: ha ragione Gesù, quando dice che Egli non è venuto ad abolirla, perché la Legge mosaica è parte della Legge di Cristo; ha ragione anche Paolo, quando dice che la Legge mosaica è stata abolita, appunto perché, da sola, cioè come Legge a sé, non esiste più. Paolo, infatti, dice che il Patto della Legge mosaica «aveva da sparire» ( Corinti 3:11). E dice pure che Gesù è venuto ad «abolire... la legge fatta di comandamenti in forma di precetti» (Efesini 2:15). E dice anche che Gesù «ha cancellato l atto accusatore [la Legge mosaica] scritto in precetti, il quale ci era contrario; e quell atto ha tolto di mezzo, inchiodandolo alla croce» (Colossesi 2:14). E dice ancora: «Dicendo un Nuovo Patto, Egli ha dichiarato antico il primo. Ora, quel che diventa antico e invecchia è vicino a sparire» (Ebrei 8:13). Vedi anche Ebrei 10:9. Differenza fra la Legge di Mosè e la nuova Legge di Cristo. La Legge di Mosè conteneva «regole carnali», mentre la nuova Legge di Cristo non ne ha. L apostolo Paolo dice che Dio: «ci ha resi capaci di essere ministri di un nuovo patto, non di lettera, ma di spirito; perché la lettera uccide, ma lo spirito vivifica» (2 Corinti 3:5-6). Ecco quindi l adempimento della profezia di Geremia 31:31-33: Io metterò le mie leggi nelle loro menti, le scriverò sui loro cuori. Dio ha scritto la nuova Legge di Cristo nei nostri cuori e nelle nostre menti direttamente con il suo spirito.

5 8 E ciò, perché avendo i credenti ricevuto lo spirito di adozione quali figliuoli di Dio, anche la nuova Legge di Cristo doveva essere una Legge di spirito e non più di lettera. Attenzione! Bisogna tenere ben presente quel che abbiamo appena chiarito, per intendere sia quel che vuol dire Gesù quando parla di non abolizione della Legge e sia quel che vuole dire Paolo quando parla di abolizione. È molto importante! [6] PER QUALI ALTRI MOTIVI LA LEGGE DI MOSÈ FU SOSTITUITA DALLA LEGGE DI CRISTO? 1) L uomo, per la sua debolezza, non ha potuto osservare la Legge e l ha resa inutile. Paolo scrisse: «Poiché quel che era impossibile alla legge, perché la carne la rendeva debole, Iddio l ha fatto mandando il suo proprio Figliuolo» (Romani 8:3). Vedi anche Ebrei 7:18. 2) La Legge mosaica non poteva dare la salvezza, e quindi non ha portato nulla a compimento. Paolo scrisse: «V è bensì l abrogazione [cioè l annullamento] del comandamento precedente [cioè della Legge mosaica] a motivo della sua debolezza e inutilità (poiché la legge non ha condotto nulla a compimento); ma v è altresì l introduzione d una migliore speranza, mediante la quale ci accostiamo a Dio» (Ebrei 7:18-19). 3) Con Cristo è cambiato il sacerdozio, quindi, doveva per forza cambiare anche la legge. Paolo scrive: «Poiché, mutato il sacerdozio, avviene per necessità anche un mutamento di legge» (Ebrei 7:12). Vedi Ebrei cap. 7. [7] CON LA NUOVA LEGGE DI CRISTO, CHE COSA È CAMBIATO? 1) Abolizione del sacerdozio aaronico, perché adempito da Gesù: Paolo scrisse: «Ora, se la perfezione fosse stata possibile per mezzo del sacerdozio levitico (perché su quello è basata la legge data al popolo), che bisogno c era ancora che sorgesse un altro sacerdote [cioè Gesù] secondo l ordine di Melchisedec e non scelto secondo l ordine d Aaronne? Poiché, mutato il sacerdozio, avviene per necessità anche un mutamento di legge» (Ebrei 7:11-12). 9 2) Abolizione dei sacrifici animali. Paolo scrisse: «Ed è per questa ragione che Egli è mediatore d un nuovo patto, affinché, avvenuta la sua morte per la redenzione delle trasgressioni commesse sotto il primo patto [cioè la Legge di Mosè], i chiamati ricevano l eterna eredità promessa» (Ebrei 9:15). Prima del sacrificio di Gesù era necessario offrire sacrifici animali per il perdono dei peccati, e il perdono risultava sempre temporaneo, perché si ritornava a peccare e c era bisogno sempre di altri sacrifici. Compiuto il suo unico sacrificio per tutti, Gesù, invece «ha acquistato una redenzione eterna» (Ebrei 9:12). Ed è per tale ragione che Paolo scrive: «Il peccato non vi signoreggerà, poiché non siete sotto la legge, ma sotto la grazia» (Romani 6:14). Certo, perché prima del sacrificio di Cristo, non avevamo un avvocato presso il Padre e, quindi, erano necessari i sacrifici animali. Dopo il sacrificio, Cristo è il nostro Avvocato presso Dio, quindi, per mezzo di Lui siamo perdonati ed il peccato non ci signoreggia più, appunto perché la redenzione che Gesù ci ha dato è eterna e non provvisoria come i sacrifici animali. Infatti, Paolo scrive che i sacerdoti sotto la Legge di Mosè offrivano «ogni giorno... spesse volte gli stessi sacrifici che non possono mai togliere i peccati [in modo definitivo], questi [cioè Gesù] dopo aver offerto un unico sacrificio per i peccati, e per sempre, si è posto a sedere alla destra di Dio» (Ebrei 10:11-12). Ed ecco perché Paolo scrive pure: «Non v è dunque ora alcuna condanna per quelli che sono in Cristo Gesù; perché la legge dello Spirito della vita in Cristo Gesù mi ha affrancato [cioè liberato] dalla legge del peccato e della morte» (Romani 8:1-2). In Cristo, perciò, non siamo più condannati, ma giustificati, mentre con la Legge mosaica era il contrario. 3) Abolizione delle norme sui cibi puri ed impuri. Paolo scrisse: «Io so e son persuaso nel Signor Gesù che nessuna cosa è impura in sé stessa; però se uno stima che una cosa è impura, per lui è impura... Il regno di Dio non consiste in vivanda né in bevanda, ma è giustizia, pace ed allegrezza nello Spirito Santo» (Romani 14:14,17). Vedi anche Atti 10:9-16.

6 10 Paolo scrisse pure: «Sia ciascuno pienamente convinto nella propria mente... Chi mangia di tutto, lo fa per il Signore, poiché rende grazie a Dio; e chi non mangia di tutto fa così per il Signore, e rende grazie a Dio» (Romani 14:5-6). Paolo scrive pure: «Mangiate di tutto quello che si vende al macello senza fare inchieste per motivo di coscienza; perché al Signore appartiene la terra e tutto quello ch'essa contiene». (1 Corinti 10:25-26). Paolo chiama «debole nella fede» chi è persuaso che si debba ancora distinguere fra cibi puri e cibi impuri. (Romani 14:1). Comunque Egli dice che chi è convinto della sua scelta non è da biasimare né da giudicare. Leggi l intero capitolo 14 di Romani. Infatti, scrive: «Nessuno vi giudichi quanto al mangiare o al bere» (Colossesi 2:16). Scrive anche: «Tutto quel che Dio ha creato è buono; e nulla è da riprovare, se usato con rendimento di grazie; perché è santificato dalla parola di Dio e dalla preghiera» (1 Timoteo 4:4-5). Vedi anche Tito 1:15 e Matteo 15: ) Abolizione della circoncisione. Paolo scrive: «In Cristo Gesù, né la circoncisione né l incirconcisione hanno valore alcuno; quel che vale è la fede operante per mezzo dell amore» (Galati 5:6). Paolo scrive anche: «Giudeo non è colui che è tale all esterno; né circoncisione quella che è esterna, nella carne; ma Giudeo è colui che lo è interiormente; e la circoncisione è quella del cuore, in spirito, non in lettera» (Romani 2:28-29). 5) Abolizione dell osservanza del sabato e delle feste ebraiche. In Genesi 2:3 è scritto: «E Dio benedisse il settimo giorno e lo santificò, perché in esso si riposò da tutta l opera che aveva fatta e creata». Anche se Dio santificò il sabato, non esiste un solo verso biblico, prima della Legge di Mosè, dove Dio ordina all uomo di osservarlo, e non esiste nemmeno un verso dove si legga che qualcuno dei patriarchi lo osservò. Solo quando il Signore diede a Mosè la sua Legge per il popolo d Israele, l osservanza del sabato diventò un obbligo e fu uno dei dieci comandamenti. Vedi Esodo 20:8-10 ed Esodo 31: Venuto Cristo, le cose sono cambiate. 11 La Legge di Mosè prescriveva di lavorare sei giorni, nei quali ci si affannava a ricercare le cose materiali, e di dedicare solo un giorno a Dio, appunto il sabato. Gesù Cristo, invece, venne a mettere sottosopra quel comandamento e lo riformò così: «Cercate prima il regno e la giustizia di Dio, e tutte queste cose vi saranno sopraggiunte» (Matteo 6:33). La qual cosa vuol dire che, da Cristo in poi, sia Dio e sia le cose di Dio non vanno cercate solo un giorno la settimana, ma tutti i giorni! Quindi, col nuovo comandamento di Gesù, prima vengono le cose di Dio e poi i nostri interessi materiali. Tutti i giorni! Nel periodo di transizione dalla Legge di Mosè alla Legge di Cristo molti Cristiani continuarono ad osservare il sabato. Ma era appunto un periodo di transizione. Paolo rimproverò i Galati che osservavano ancora la Legge, le feste e i noviluni, perché non avevano ancora capito che con la Legge di Cristo non era più necessario. Disse loro: «Voi osservate giorni e mesi e stagioni ed anni. Io temo, quanto a voi d essermi invano affaticato per voi» (Galati 4:10-11). Paolo scrive: «L uno stima un giorno più di un altro; l altro stima tutti i giorni uguali; sia ciascuno pienamente convinto nella propria mente» (Romani 14:5). Se uno, come scrive Paolo, «ha riguardo al giorno [cioè al sabato o al riposo di festa in generale], lo fa per il Signore» (Romani 14:6), nella sua convinzione. In ogni caso, come egli puntualizza, nessuno è obbligato, perché la nuova Legge di Cristo ci ha tolto anche questo peso. Tant è vero che Paolo scrive: «Nessuno vi giudichi... rispetto a feste, o a noviluni o a sabati» (Colossesi 2:16). Sorge la domanda: se con la nuova Legge di Cristo non è più obbligatorio osservare le feste ebraiche e il sabato, perché Isaia 66:23 profetizza: «E avverrà che di novilunio in novilunio e di sabato in sabato, ogni carne verrà a prostrarsi dinanzi a me, dice l Eterno»? E perché Zaccaria 14:16 profetizza: «E avverrà che tutti quelli che saranno rimasti di tutte le nazioni venute contro Gerusalemme, saliranno d anno in anno a prostrarsi davanti al Re, all Eterno degli eserciti, e a celebrare la festa delle Capanne»? Il sabato e le altre feste ebraiche saranno forse ripristinate nel regno di Dio? Secondo le profezie dei suddetti profeti, pare di si.

7 12 Sarà un comandamento per quel tempo? Bene, lasciamo che quel tempo venga e se ci sarà di osservarlo, lo osserveremo! Ogni cosa a suo tempo. In ogni caso, come già detto, nel tempo attuale, secondo le parole di Paolo, nessuno può essere giudicato per osservanza di feste o del sabato. Quindi, chi li osserva, non è da biasimare, perché dà gloria al Signore, come non è da biasimare e dà pure gloria al Signore chi non li osserva e ritiene che per il cristiano è festa tutti i giorni, perché Cristo ci ha ridato la vita eterna. 6) Abolizione di qualsiasi prescrizione in merito a riti, cerimonie, tradizioni e regole carnali. Paolo riferendosi ai riti e alle cerimonie della Legge scrive: «Si tratta solo di cibi, di bevande e di varie abluzioni, insomma, di regole carnali imposte fino al tempo della riforma [cioè fino a quando non entrò in vigore la nuova Legge di Cristo, che riformò ed incorporò la vecchia Legge di Mosè]» (Ebrei 9:10). [8] SE LA LEGGE DI MOSÈ È STATA ABOLITA, COME MAI L APOSTOLO GIOVANNI DICE ANCORA: «IL PECCATO È LA VIOLAZIONE DELLA LEGGE»? A QUALE LEGGE SI RIFERISCE? Nella frase suddetta di 1 Giovanni 3:4, l apostolo si riferisce indubbiamente alla Legge di Cristo, che ha incorporato la Legge di Mosè. Tant è vero che egli continua dicendo: «E voi sapete che egli [cioè Cristo] è stato manifestato per togliere i peccati» (1 Giovanni 3:6). Un altra prova è data dal fatto che Giovanni nella stessa epistola, al capitolo precedente, parla di Gesù come Avvocato e propiziazione dei nostri peccati (1 Giovanni 2:1-2). E per dire queste cose, sapeva benissimo che Cristo aveva adempiuto la Legge di Mosè, altrimenti non l avrebbe potuto chiamare Avvocato. Anche il servo di Dio Giacomo nella sua epistola parla dell osservanza della Legge, ma è più che evidente che si riferisce alla Legge di Cristo. Tant è vero che la chiama: «La Parola che è stata piantata in voi» ed anche: «Legge della libertà» (Giacomo 1:21-27 e 2:8-12). E se qualcuno avesse ancora dubbi, legga Giacomo 4: CONCLUSIONI: La controversia nata ai tempi degli apostoli, fra i primi Cristiani, poi risolta, ci testimonia che l osservanza della Legge di Mosè, da Cristo in poi, non è più necessaria, perché essa fu riformata, incorporata e sostituita con la nuova Legge di Cristo. I Giudei convertiti a Cristo, a quei tempi, sostenevano che bisognava circoncidere i convertiti Gentili e far loro osservare la Legge di Mosè, mentre i discepoli Paolo e Barnaba dicevano che non era più necessario dopo il sacrificio di Gesù (Atti 15:1-5; Galati 5:1-12). La questione fu risolta a Gerusalemme dagli apostoli e dagli anziani, sotto la guida dello Spirito Santo. Ed ecco la decisione che ne scaturì: «È parso bene allo Spirito Santo e a noi di non imporvi altro peso all infuori di queste cose, che sono necessarie: di astenervi dalle carni sacrificate agli idoli, dal sangue, dagli animali soffocati, e dalla fornicazione» (Atti 15:28-29). Come si può notare, furono imposte alcune prescrizioni previste già dalla Legge di Mosè, ma non furono aggiunti altri pesi. E ciò conferma chiaramente che la Legge mosaica fu riformata, modificata ed assorbita dalla nuova Legge di Cristo! Riflettiamo su ciò che successe fra i Cristiani della Galazia, ai quali l apostolo Paolo dovette indirizzare una sonora riprensione. I Galati avevano dato ascolto a qualche cristiano giudeo, che li aveva persuasi che era necessario ancora osservare la Legge di Mosè. Perciò, essi, dopo aver accettato Cristo, volevano sottoporsi alla Legge mosaica. Ma Paolo scrisse loro: «Cristo Gesù ci ha affrancati [cioè liberati] perché fossimo liberi; state dunque saldi, e non vi lasciate di nuovo porre sotto il giogo della schiavitù! Ecco, io, Paolo, vi dichiaro che, se vi fate circoncidere, Cristo non vi gioverà nulla. E da capo protesto ad ogni uomo che si fa circoncidere, ch egli è obbligato ad osservare tutta quanta la legge. Voi che volete esser giustificati per la legge, avete rinunziato a Cristo; siete scaduti dalla grazia. Poiché, quanto a noi, è in spirito, per fede, che aspettiamo la speranza della giustizia. Infatti, in Cristo Gesù, né la circoncisione né l incirconcisione hanno valore alcuno; quel che vale è la fede operante per mezzo dell amore» (Galati 5:1-6).

8 14 Per i Cristiani, dunque, non vi è l obbligo di osservare la Legge di Mosè. L apostolo Paolo, infatti, scrisse ai Cristiani di Roma: «Non siete sotto la legge, ma sotto la grazia» (Romani 6:14). Paolo scrive chiaramente: «È lui [Cristo] che è la nostra pace; lui che dei due popoli [cioè Israeliti e Gentili] ne ha fatto uno solo ed ha abbattuto il muro di separazione con l abolire nella sua carne la causa dell inimicizia, la legge fatta di comandamenti in forma di precetti» (Efesini 2:14-15). Paolo scrive altrettanto chiaramente che Gesù ci ha vivificati e perdonati «avendo cancellato l atto accusatore scritto in precetti [cioè la Legge], il quale ci era contrario; e quell atto ha tolto di mezzo, inchiodandolo sulla croce» (Colossesi 2:14). Paolo scrive anche: «Cristo ci ha riscattati dalla maledizione della legge, essendo divenuto maledizione per noi» (Galati 3:13). Paolo scrive pure: «La legge è stata il nostro pedagogo [cioè educatore] per condurci a Cristo, affinché fossimo giustificati per fede. Ma ora che la fede è venuta, noi non siamo più sotto pedagogo [cioè non siamo più sotto la Legge]» (Galati 3:24-25). Paolo chiarisce questo concetto, dicendo: «Il termine della legge è Cristo, per essere giustizia ad ognuno che crede» (Romani 10:4). Essendo perciò i Cristiani sotto il Nuovo Patto, devono osservare la Legge spirituale di Cristo. Come già detto, i Vangeli (particolarmente Matteo 5:21-48) e tutto il Nuovo Testamento sono pieni delle nuove norme spirituali di Cristo, che Paolo sintetizza in una sola parola amore, come egli disse: «l amore quindi è l adempimento della legge» (Romani 13:10). Vedi anche: Giovanni 15:12; Galati 5:14. Dice Paolo: «Portate i pesi gli uni degli altri, e così adempirete la legge di Cristo» (Galati 6:2). Ecco la cosiddetta regola aurea, cioè una frase straordinaria e meravigliosa di Gesù che ci insegna qual è la sua Nuova Legge e che cosa noi dobbiamo fare (Matteo 7:12): «TUTTE LE COSE CHE VOI VOLETE CHE GLI UOMINI VI FACCIANO, FATELE ANCHE VOI A LORO; PERCHÉ QUESTA È LA LEGGE ED I PROFETI». 15 ECCO, IN SINTESI, LA DIFFERENZA FRA LA LEGGE DI MOSÈ E LA NUOVA LEGGE DI CRISTO: Come dice Paolo, la Legge mosaica era «un atto accusatore» che ci accusava di peccato (Colossesi 2:14). Però Paolo dice pure che noi Cristiani, in Cristo «siamo morti al peccato» (Romani 6:2). Quindi, siamo morti anche alla Legge. Ecco perché Paolo scrive: «Ma ora siamo stati sciolti dai legami della legge, essendo morti a quella che ci teneva soggetti, talché serviamo in novità di spirito, e non in vecchiezza di lettera» (Romani 7:6). Perciò, se in Cristo siamo morti al peccato e anche alla Legge, la Legge non può accusarci più, e di conseguenza essa ha perso ogni valore. Quindi, il suo compito di educatore per condurci a Cristo è terminato. Ecco perché la Legge di Mosè doveva essere modificata, riformata, incorporata e sostituita con la nuova Legge di Cristo, che è scritta nei nostri cuori e nelle nostre menti con lo spirito. Infatti, Paolo scrive che «la legge ha un ombra dei futuri beni, non la realtà stessa delle cose» (Ebrei 10:1). La realtà che è venuta è Cristo e la sua Nuova Legge, quindi la Vecchia Legge che era ombra doveva sparire. Come un sogno che svanisce quando ci si risveglia alla realtà. In poche altre parole: la Legge di Mosè è Legge di schiavitù (Galati 5:1). la Legge di Cristo è «Legge di libertà» (Giacomo 1:25 e 2:12). La nuova Legge di Cristo parla con lo spirito al nostro cuore e ci fa discernere in che modo ci dobbiamo condurre. Si consiglia di leggere e meditare attentamente i seguenti passi: Matteo da 5:17 al capitolo 7; Atti 15:1-35; Romani capitoli da 2 a 9, 10:1-10 e il capitolo 14; 2 Corinti 3:1-11; Galati capitoli da 2 a 5; Efesini 2:11-18; Colossesi capitolo 2; 1 Timoteo 1:3-11 e 4:1-5; Tito 1:15; Ebrei capitoli da 7 a 10; Giacomo 1:25 e 2:8-13.

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE Assemblea Nazionale Missio Giovani Roma, 10 aprile 2011 SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE 1. STORIE DI UOMINI L immagine da cui partiamo è esplicitamente riferita all esperienza di Paolo: 15 Ma quando

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Mat.5:17: «Abolire» la Legge

Mat.5:17: «Abolire» la Legge Mat.5:17: «Abolire» la Legge (IL PRESENTE ARTICOLO È TRATTO E SVILUPPATO DAL LIBRO DI QUINTAVALLE ARGENTINO, ELEMENTI ESSENZIALI DELLA FEDE GIUDEO CRISTIANA, CAP. 9: CHE COS È LA TORAH) http://www.messiev.altervista.org/elementiessenziali.pdf

Dettagli

CARNE DI MAIALE: PERCHÉ NO?

CARNE DI MAIALE: PERCHÉ NO? CARNE DI MAIALE: PERCHÉ NO? Ma lo Spirito dice esplicitamente che nei tempi futuri alcuni apostateranno dalla fede, dando retta a spiriti seduttori e a dottrine di demoni, sviati dall'ipocrisia di uomini

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43)

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) Parrocchia S. M. Kolbe Viale Aguggiari 140 - Varese Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) 1. PREGHIAMO INSIEME Salmo 80 (79) 1 Al maestro del coro. Su «Il giglio della testimonianza».

Dettagli

Vita Abbondante. Corrado Salmé. Un giorno Gesù ha detto: «Io sono venuto affinché abbiano vita e l abbiano in abbondanza» (Giovanni 10:10).

Vita Abbondante. Corrado Salmé. Un giorno Gesù ha detto: «Io sono venuto affinché abbiano vita e l abbiano in abbondanza» (Giovanni 10:10). Vita Abbondante Corrado Salmé Un giorno Gesù ha detto: «Io sono venuto affinché abbiano vita e l abbiano in abbondanza» (Giovanni 10:10). Nessuno uomo ha mai potuto dire queste parole, perché nessun uomo

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

Abbiamo visto la sua gloria

Abbiamo visto la sua gloria DANIEL ATTINGER Abbiamo visto la sua gloria Riconoscere il Signore nella fragilità dei segni Editrice AVE Presentazione Le meditazioni qui raccolte s inseriscono nel quadro del pellegrinaggio organizzato

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

"In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18)

In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi (I Tessalonicesi 5:18) "In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18) Rendere grazie a Dio, sempre, in ogni circostanza, in qualsiasi momento, in qualunque

Dettagli

La Sacra Bibbia (testo CEI 2008) Versione non commerciabile. E gradita invece la riproduzione a fine di evangelizzazione www.laparola.

La Sacra Bibbia (testo CEI 2008) Versione non commerciabile. E gradita invece la riproduzione a fine di evangelizzazione www.laparola. La Sacra Bibbia (testo CEI 2008) Versione non commerciabile. E gradita invece la riproduzione a fine di evangelizzazione www.laparola.it LETTERA AGLI EFESINI 1 1 Paolo, apostolo di Cristo Gesù per volontà

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

Introduzione. L autore

Introduzione. L autore Introduzione L autore La lettera agli Ebrei fu scritta probabilmente, dopo l anno 70, da un cristiano che si colloca sotto l influsso della scuola paolina. Conosceva il modo di leggere la Scrittura in

Dettagli

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia Il Credo del Popolo di Dio è una Professione di Fede che Paolo VI ha formulato e presentato il 30 giugno

Dettagli

Non Io, Ma Cristo di Jim Hohnberger

Non Io, Ma Cristo di Jim Hohnberger Non Io, Ma Cristo di Jim Hohnberger Dio ha un piano di salvezza e redenzione per l'uomo caduto e Satana ha un piano per mantenere l'uomo caduto in questo stato. L'intero piano di Satana è costruito attorno

Dettagli

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo:

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo: universale viva in ogni popolo. Ogni giorno, da soli, in famiglia o in comunità, insieme con Maria, la Madre di Dio e dell umanità, percorriamo i continenti per seminarvi la preghiera e il sacrificio,

Dettagli

GESU' CRISTO E RISORTO possiamo esserne sicuri?

GESU' CRISTO E RISORTO possiamo esserne sicuri? GESU' CRISTO E RISORTO possiamo esserne sicuri? L annuncio della resurrezione di Gesù dai morti è il cuore della buona novella (vangelo) che gli apostoli hanno diffuso attraverso il mondo e per la quale

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Domanda della madre dei figli di Zebedeo Matteo 20, 20-28 Allora gli si avvicinò la madre dei figli di Zebedèo con i suoi figli, e si prostrò per

Dettagli

Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27

Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27 Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27 filemame: 42-18-18.evang.odt 3636 parole di Marco defelice, RO, mercoledì, 6 giugno, 2007 -- cmd -- La Bibbia è la Parola di Dio. È più attuale di quanto lo sia il giornale

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione»

Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione» CONGREGATIO DE CULTO DIVINO ET DISCIPLINA SACRAMENTORUM Prot. N.1139/11/L Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione» Probatum. Ex aedibus Congregationis de Cultu

Dettagli

6 Il regno: già o non ancora?

6 Il regno: già o non ancora? 6 Il regno: già o non ancora? Gesù (probabilmente) non introdusse molte novità preoccupanti riguardo alla Legge; egli predicava il regno di Dio (o dei cieli, come diceva un pio israelita quale Matteo,

Dettagli

Ma Lo Sai Tu Che...?

Ma Lo Sai Tu Che...? Ma Lo Sai Tu Che...? ...che il battesimo in acqua fatto nei titoli di Padre, Figlio e Spirito Santo (Matteo 28:19) per Dio non è valido? Tu dirai: Perché non è valido?. La risposta è semplice: Non è valido

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE UNO DEI SOLDATI GLI COLPÌ IL FIANCO CON LA LANCIA E SUBITO NE USCÌ SANGUE ED ACQUA NASCITA DEL SACRAMENTO CHIESA NELLA MOLTEPLICITA DEI SUOI DONI DI SALVEZZA. 1. TESTO

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

3a domenica di avvento 11 dicembre 2005

3a domenica di avvento 11 dicembre 2005 Mi ha mandato a portare il lieto annuncio ai poveri a promulgare l anno di misericordia del Signore PACE CON GLI UOMINI compassione e giustizia 3a domenica di avvento 11 dicembre 2005 ACCOGLIENZA Nel nome

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 Dal Vangelo secondo Giovanni 9, 1.6-9.13-17.34-38 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita. Sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

...IN QUELL ISTANTE IL GALLO CANTÒ

...IN QUELL ISTANTE IL GALLO CANTÒ ...IN QUELL ISTANTE IL GALLO CANTÒ Una riflessione attenta sul comportamento di Pietro dopo la cattura di Gesù e sulla facilità con cui passò da una conclamata fedeltà al rinnegamento del suo Maestro ci

Dettagli

PREGHIERA - 1 - S. ECC. MONS. BRUNO SCHETTINO Arcivescovo

PREGHIERA - 1 - S. ECC. MONS. BRUNO SCHETTINO Arcivescovo PREGHIERA La Tua Parola, Signore, è Verità perenne, la Tua Parola è vita piena, immortale. Nella tua sequela camminerò, nella luce che emana dalla tua Presenza dirigerò spedito i miei passi. Alla tua sorgente

Dettagli

LA LETTERA AI ROMANI

LA LETTERA AI ROMANI ANNO PASTORALE 2004 2005 LA LETTERA AI ROMANI GIUSTIFICATI PER GRAZIA SALVATI PER FEDE COMMENTO E ATTUALIZZAZIONE A CURA DI DON SERGIO CARRARINI INTRODUZIONE Nel nostro impegno annuale di approfondimento

Dettagli

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità,

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità, CANTATE AL SIGNORE (Sal 96) Fa Cantate al Signore un canto nuovo, cantate al Signore da tutta la terra. Fa Benedite il suo nome perché è buono, annunziate ogni giorno la sua salvezza. Si- Narrate la sua

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

NuovoTestamento GUIDA ALLO STUDIO PER LO STUDENTE

NuovoTestamento GUIDA ALLO STUDIO PER LO STUDENTE NuovoTestamento GUID LLO STUDIO PER LO STUDENTE Nuovo Testamento Guida allo studio per lo studente Preparato dal Sistema Educativo della Chiesa Pubblicato dalla Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi

Dettagli

IL CONCETTO DI GOVERNO

IL CONCETTO DI GOVERNO IL CONCETTO DI GOVERNO La maggior parte degli italiani tende ad eguagliare la parola governo con le istituzioni pubbliche o con le persone impiegate dallo Stato, oppure ad associarla a concetti politici.

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Studio sul Battesimo* Il retroterra giudaico del battesimo cristiano

Studio sul Battesimo* Il retroterra giudaico del battesimo cristiano Studio sul Battesimo* Il retroterra giudaico del battesimo cristiano Autore: A. Quintavalle Introduzione C è un periodo del calendario ebraico in cui ci si aspetta che ogni persona rifletta sulle azioni

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

INVESTITI DI POTERE DALL ALTO SEMINARIO DI PREPARAZIONE PER IL TEMPIO

INVESTITI DI POTERE DALL ALTO SEMINARIO DI PREPARAZIONE PER IL TEMPIO INVESTITI DI POTERE DALL ALTO SEMINARIO DI PREPARAZIONE PER IL TEMPIO MANUALE DELL INSEGNANTE INVESTITI DI POTERE DALL ALTO SEMINARIO DI PREPARAZIONE PER IL TEMPIO MANUALE DELL INSEGNANTE Pubblicato dalla

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

Chiunque beve di quest acqua don GIACOMINO PIANA

Chiunque beve di quest acqua don GIACOMINO PIANA approfondimenti biblici 07 Chiunque beve di quest acqua don GIACOMINO PIANA In verità, in verità vi dico, se uno non nasce da acqua e da Spirito, non può entrare nel regno di Dio Quel che è nato dalla

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

La Lettera agli Ebrei

La Lettera agli Ebrei Corso biblico diocesano La Lettera agli Ebrei Conversazioni bibliche di don Claudio Doglio 3. Introduzione alla Lettera agli Ebrei Siamo pronti per introdurre la Lettera agli Ebrei dopo le due lunghe e

Dettagli

DIO EDUCA IL SUO POPOLO

DIO EDUCA IL SUO POPOLO DIOCESI DI TRIESTE DIO EDUCA IL SUO POPOLO in preparazione della 62 ma Settimana Liturgica Nazionale Messaggio 1. A voi tutti, fratelli e sorelle che siete la Chiesa di Cristo a Trieste, giunga, da chi

Dettagli

I CHE COS È L ESEGESI?

I CHE COS È L ESEGESI? I CHE COS È L ESEGESI? Esegesi è una parola di origine greca (greco: exégesis) usata da Tucidide nel senso di «racconto, esposizione», da Polibio nel senso di «spiegazione, commento», da Platone nel senso

Dettagli

LETTERA AGLI EFESINI

LETTERA AGLI EFESINI LETTERA AGLI EFESINI Introduzione Il tema centrale della lettera agli Efesini è quello del disegno di Dio (mistero ), fissato da tutta l eternità, rimasto velato lungo i secoli, eseguito in Gesù Cristo,

Dettagli

Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO-

Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO- DOV'È TUO FRATELLO? Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO- RE». Poi partorì ancora Abele, fratello di lui. Abele fu pastore

Dettagli

CENTRO CULTURALE DI MILANO. Intervento di. Don Stefano Alberto Docente di Introduzione alla Teologia nell Università Cattolica, Milano

CENTRO CULTURALE DI MILANO. Intervento di. Don Stefano Alberto Docente di Introduzione alla Teologia nell Università Cattolica, Milano CMC CENTRO CULTURALE DI MILANO MEDITAZIONI Il Figlio dell uomo non ha dove posare il capo ( Luca, 9) Intervento di Don Stefano Alberto Docente di Introduzione alla Teologia nell Università Cattolica, Milano

Dettagli

La composizione della lettera ai Galati

La composizione della lettera ai Galati StRh 33 (11.01.2011) La composizione della lettera ai Galati Roland Meynet Non mancano di certo i piani della Lettera ai Galati. Perché allora presentarne un altro, uno in più? Semplicemente perché questo

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

LA PROMESSA E LA SPERANZA SECONDO LE SCRITTURE

LA PROMESSA E LA SPERANZA SECONDO LE SCRITTURE Sabato Mariano, 7 dicembre 2014 LA PROMESSA E LA SPERANZA SECONDO LE SCRITTURE P. Alberto Valentini, SMM La speranza biblica non è un vago sentimento, una semplice tensione verso un futuro, sognato migliore,

Dettagli

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE.

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. Oh Dio, suscita in noi la volontà di andare incontro con le buone opere al tuo Cristo che viene, perchè egli ci chiami

Dettagli

Ascensione del Signore: testimoni del Risorto nel mondo

Ascensione del Signore: testimoni del Risorto nel mondo ISM - Incontro di discernimento vocazionale (Roma, 30 maggio-1 giugno 2014) Ascensione del Signore: testimoni del Risorto nel mondo «Quelli dunque che erano con lui gli domandavano: Signore, è questo il

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corinzi (15,1-11)

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corinzi (15,1-11) QUATTORDICESIMO INCONTRO CRISTO È VERAMENTE RISORTO : QUESTA È LA FEDE DI PAOLO, QUESTA È LA NOSTRA FEDE 1 Cor 15,1-11 ACCOGLIENZA E PRESENTAZIONE DELL INCONTRO PREGHIERA INIZIALE Lettore: Dio nostro,

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

LA "PASQUA SETTIMANALE" DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1

LA PASQUA SETTIMANALE DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1 LA "PASQUA SETTIMANALE" DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1 Spunti per la meditazione personale e per la riflessione agli alunni Fr. Donato Petti 1. Perché cercate tra i morti

Dettagli

Decàpo. Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio. Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria

Decàpo. Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio. Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria Decàpoli Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio Va nella tua casa, dai tuoi, annunzia loro ciò che il Signore ti ha fatto e la

Dettagli

Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia

Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia Incontro del 16 Novembre 2014 in viale Ofanto 27 - Foggia dalle ore 17.30 (LETTORE) Introduzione Viviamo le diverse parti della preghiera con calma e tranquillità,

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

Raccolta completa dei punti notevoli Raccolta punti notevoli da Genesi a Rivelazione

Raccolta completa dei punti notevoli Raccolta punti notevoli da Genesi a Rivelazione Raccolta completa dei punti notevoli Raccolta punti notevoli da Genesi a Rivelazione La parola La di parola Dio è di vivente Dio è vivente Punti notevoli Punti notevoli per la nostra per la spiritualità

Dettagli

LA «REGOLA DELL'ASSEMBLEA» E LA SUA CONCETTUALIZZAZIONE. Paolo Collini

LA «REGOLA DELL'ASSEMBLEA» E LA SUA CONCETTUALIZZAZIONE. Paolo Collini LA «REGOLA DELL'ASSEMBLEA» E LA SUA CONCETTUALIZZAZIONE Paolo Collini Questo lavoro si è svolto nell'ambito di un vasto progetto avente lo scopo di elaborare, sulla base dei testi giudaici dal 300 a.c.

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Domenica, 15 novembre 2009. Dov'è il tuo zelo

Domenica, 15 novembre 2009. Dov'è il tuo zelo Domenica, 15 novembre 2009 Dov'è il tuo zelo Apocalisse 3:14-22- All'angelo della chiesa di Laodicea scrivi: queste cose dice l'amen, il testimone fedele e veritiero, il principio della creazione di Dio:

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede

La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede Scuola di Preghiera Venerdì 11 dicembre 2010 intervento di don Fabio Soldan La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede alla luce il suo

Dettagli

Butindaro Giacinto. Messaggi per chi ancora non conosce Dio

Butindaro Giacinto. Messaggi per chi ancora non conosce Dio Butindaro Giacinto Messaggi per chi ancora non conosce Dio Presentazione Mi rivolgo a te che ancora non conosci Dio; questi messaggi sono proprio per te. Essi si prefiggono infatti di portarti alla conoscenza

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

ENTRÒ PER RIMANERE CON LORO (Lc 24,29)

ENTRÒ PER RIMANERE CON LORO (Lc 24,29) QUARESIMA-PASQUA 2015 ENTRÒ PER RIMANERE CON LORO (Lc 24,29) Tutte le opere dell'uomo proseguono inesorabilmente condotte dal tempo che mai si arresta. Anche l'anno pastorale corre veloce sui binari della

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

CAPITOLO I LA RIVELAZIONE

CAPITOLO I LA RIVELAZIONE COSTITUZIONE DOGMATICA Dei Verbum SULLA DIVINA RIVELAZIONE PROEMIO 1. In religioso ascolto della parola di Dio e proclamandola con ferma fiducia, il santo Concilio fa sue queste parole di san Giovanni:

Dettagli

LMC 25 ottobre 2003 - da GRUPPO LMC a COMUNITA LMC pag. 1

LMC 25 ottobre 2003 - da GRUPPO LMC a COMUNITA LMC pag. 1 At 4,31-33 Quand'ebbero terminato la preghiera, il luogo in cui erano radunati tremò e tutti furono pieni di Spirito Santo e annunziavano la parola di Dio con franchezza. La moltitudine di coloro che eran

Dettagli

Distribuito da : Precept Minstry Italia. Traduzione a cura di Luigi Incarnato e Jonathan Sproloquio

Distribuito da : Precept Minstry Italia. Traduzione a cura di Luigi Incarnato e Jonathan Sproloquio 4 Minuti Cosa Uno studio biblico di sei settimane ci riserva il Futuro Precept Ministry International Kay Arthur George Huber Distribuito da : Precept Minstry Italia Traduzione a cura di Luigi Incarnato

Dettagli