IL Documento del Consiglio di Classe

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL Documento del Consiglio di Classe"

Transcript

1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "LEONARDO DA VINCI" Cod. Mecc. CLIS C.F.: Liceo Scientifico Liceo Linguistico - Liceo Scienze Umane Istituto Professionale dei Servizi per l Agricoltura e lo Sviluppo Rurale (IPSASR) Istituto Tecnico Amministrazione Finanza e Marketing (ITAFM) Via Carlo Alberto Dalla Chiesa s.n. - Tel Fax sito internet: casella di posta certificata: NISCEMI (CL) IL Documento del Consiglio di Classe (ai sensi dell art. 5 del DPR 323/98) CLASSE 5^ SEZ. D LICEO SOCIO PSICO PEDAGOGICO A.S prot. n. 2868/c29 del

2 INDICE Premessa 3 L Istituto 4 L Indirizzo o L indirizzo Socio Psicopedagogico 6 o Il piano di studi 8 La Classe o Il profilo e la storia della Classe 9 o L elenco delle Candidate 12 o Il percorso nel triennio 13 o La continuità didattica nel triennio conclusivo 14 o Il Consiglio di Classe 14 Il percorso formativo o Le metodologie e gli strumenti 15 o I criteri di verifica e valutazione 15 o Le attività di recupero 17 o I contenuti e gli obiettivi disciplinari 17 o Gli obiettivi fissati dal CdC 18 o Gli obiettivi trasversali raggiunti 20 o La tabella comune di valutazione periodica 22 o Le proposte del C.d.C per le griglie di valutazione delle prove d esame 23 Le simulazioni della terza prova d Esame 31 I criteri per l attribuzione del credito scolastico 35 Schede per disciplina e programmi 36 2

3 P R E M E S S A Il Consiglio di Classe della V sez. D, nella seduta del 9 maggio 2013, sulla base della programmazione didattico-educativa annuale coordinata, redatta in attuazione degli obiettivi culturali e formativi specifici d'indirizzo e delle finalità generali contenute nel Piano dell'offerta formativa approvato dal Collegio dei Docenti, elabora il presente documento destinato alla Commissione d'esame. Ai sensi delle vigenti disposizioni normative sugli Esami di Stato conclusivi del corso di studi, il documento: esplicita i contenuti disciplinari, i metodi, i mezzi, gli spazi, i tempi del percorso formativo, nonché i criteri e gli strumenti di valutazione adottati, gli obiettivi raggiunti dalle alunne al termine del corrente anno scolastico (in termini di conoscenze, competenze e capacità all'interno delle singole discipline e nelle aree disciplinari interrelate), ed ogni altro elemento significativo, utile ai fini dello svolgimento degli esami di Stato. 3

4 L I S T I T U T O D I S T R U Z I O N E L. D A V I N C I L istituto d Istruzione Superiore Leonardo da Vinci rappresenta l unica possibilità, in ambito comunale, per la prosecuzione degli studi dopo la scuola secondaria di primo grado ed il conseguimento del diploma. Sorto come Liceo Scientifico Statale nel 1970, con solo due classi, si è andato progressivamente radicando nel territorio fino a raggiungere, nel complesso dell istituto, le 46 classi attuali, così distribuite: N. CLASSI ALUNNI ISCRITTI LICEO SCIENTIFICO LICEO LINGUISTICO LICEO SOCIO PSICO PED ISTI. TEC. COMM.LE IST. PROF. AGRICOLT TOT Negli anni, l'istituto ha arricchito la propria offerta formativa, con la nascita dell indirizzo linguistico e di quello socio-psico-pedagogico (sezioni associate al liceo), dell Istituto Tecnico Commerciale ( ) ed infine dell Istituto Professionale per l Agricoltura e l Ambiente ( ). E riuscito in tal modo a dare risposte sempre più adeguate ai bisogni formativi provenienti dalla città, dal momento che accoglie la stragrande maggioranza degli alunni in uscita dalla scuola secondaria di primo grado. Gli altri alunni si avviano, per la maggior parte, verso le viciniori città di Gela e Caltagirone. Gli studenti dell Istituto rappresentano un campione ampio, variegato ed altamente rappresentativo delle classi sociali presenti nella città, delle attese delle famiglie e delle esigenze giovanili. Essi hanno aspirazioni e bisogni diversi, pur mirando tutti all'affermazione di sé e alla ricerca di una vita gratificante. Da questa analisi e dall'esame dei bisogni formativi dei giovani, che vivono una delicata fase di sviluppo della personalità, tesa ad un rinnovamento e un miglioramento individuale e sociale, nasce la finalità generale dell'istituto: promuovere la maturazione e lo sviluppo integrale della personalità dello studente, futuro cittadino consapevole, responsabile, autonomo e collaborativo. L Istituto, nel corso degli anni, si è dotato di alcune strutture, che, sebbene non ancora adeguatamente commisurate al numero di classi dell Istituto, sono di notevole supporto per l attività didattico-educativa in tutte le sezioni. Tali strutture sono: la biblioteca, le due palestre, l aula magna, il laboratorio linguistico, le due aule di informatica, le due aule interattive multimediali (LIM), l aula di Fisica, l aula di Disegno, l aula di Scienze, l aula polivalente amplificata ed attrezzata per videoproiezioni, la serra didattica. 4

5 L Istituto si avvale, per i tre licei, anche del sistema informatizzato del registro elettronico, con il quale vengono registrate presenze, ritardi ed uscite anticipate, con conseguente comunicazione immediata alle famiglie, oltre che le attività didattiche; lo stesso è anche un utile strumento per le valutazioni (infra)quadrimestrali e gli scrutini. 5

6 L I N D I R I Z Z O S O C I O P S I C O P E D A G O G I C O L'indirizzo socio-psico pedagogico, nel quadro generale del progetto ministeriale Brocca, di cui recepisce finalità e metodi, ha rappresentato il nuovo corso nel campo degli studi a indirizzo umanistico - sociale sostituendo il tradizionale istituto magistrale. Questo indirizzo permette di raggiungere le finalità del progetto Brocca mediante l'indicazione dei seguenti obiettivi che caratterizzano l'intero percorso quinquennale: consolidamento delle basi di cultura generale, integrate da dimensioni specifiche dell'indirizzo, al fine di una prosecuzione degli studi anche a livello universitario, con particolare riguardo a quelli di preparazione alla professione docente; costruzione di una professionalità di base per attività rivolte al sociale con predominanti valenze formative e riferite ad aspetti relazionali, di comunicazione, di organizzazione, con specifica attenzione a competenze di tipo progettuale nei confronti dei fenomeni educativi e sociali. Tutte le discipline nelle loro componenti artistico- letterario - espressivo, storico - filosofico, matematico - scientifico, con le sottolineature funzionali alla tipicità dell'indirizzo, concorrono alla realizzazione dei suddetti obiettivi, attraverso il criterio della gradualità, che emerge anche dal quadro orario. Italiano, latino e lingua straniera contribuiscono principalmente ad attivare le capacità di analisi dell'espressione nelle sue diverse forme. La storia, al di là della sua specificità, consente anche di inserire in una prospettiva diacronica le acquisizioni provenienti dalle diverse aree di studio; la filosofia permette di consolidare le capacità logiche e riflessive anche in relazione ai fondamenti epistemologici delle scienze. Le scienze sperimentali e la matematica completano la formazione del piano culturale. Nel quadro generale si distinguono le discipline di indirizzo- psicologia, sociologia e pedagogia e metodologia della ricerca socio-psico-pedagogica - le quali concorrono a formare il profilo professionale, benché non ancora specialistico, di questo corso di studi. La psicologia, in particolare si precisa, rispetto al biennio, come disciplina autonoma ed è presente, in rapporto alla peculiarità dell indirizzo, con i suoi principali campi di pertinenza. La pedagogia garantisce orientamenti all interno della totalità del problema educativo, con riferimento al compito delle scienze dell educazione e della formazione rispetto agli altri saperi come compito di unificazione di concetti e metodi d indagine appartenenti anche a contesti disciplinari diversi nell ambito delle scienze umane e sociali. La sociologia, oltre a favorire l assunzione di conoscenze, capacità e competenze relative alla propria e all altrui esperienza sociale, sostiene la comprensione di problemi attinenti anche al 6

7 territorio, al mondo del lavoro, alle agenzie formative, ai mezzi di comunicazione di massa. Il diritto concorre a integrare tali prospettive con le caratteristiche proprie della dimensione giuridica. Il diplomato dell'indirizzo socio-psico pedagogico, pur non potendo più accedere direttamente all'insegnamento, mansione per la quale, oggi, è richiesta la laurea, avrà nel corso di studi maturato delle competenze che gli consentiranno di proseguire nelle seguenti direzioni: verso gli studi a livello parauniversitario e universitario negli ambiti psico-pedagogici, socio assistenziali, medico-sanitari, storico letterari e giuridico economici e anche nell'ambito delle scienze naturali; verso l'inserimento diretto nel mondo del lavoro sia nel campo "no-profit" e delle cooperative, sia nelle istituzioni che operano nell'ambito delle relazioni umane ed assistenziali. Per esempio come educatore in asili nido, in centri estivi, in cooperative o come responsabile del personale nelle imprese. Dall a.s , a seguito dell entrata in vigore della riforma degli ordinamenti, al liceo socio psico pedagogico è subentrato il liceo delle scienze umane. 7

8 I L P I A N O D I S T U D I E L O R A R I O S E T T I M A N A L E D E L L E L E Z I O N I N E L Q U I N Q U E N N I O M A T E R I E RELIGIONE MATERIA ALTERNATIVA A N N O D I C O R S O 1 ª 2 ª 3 ª 4 ª 5 ª P r o v e ITALIANO S.O. LATINO S.O. STORIA/GEOGRAFIA O. FILOSOFIA O. SOC./PEDAG./PSIC./METOD S.O. LINGUA STRANIERA ( INGLESE) S.O. MATEMATICA E FISICA S.O. SCIENZE O. ARTE/MUSICA O. DIRITTO/ LEGISLAZIONE SOCIALE O. EDUCAZIONE FISICA P.O. TOTALE ORE

9 I L P R O F I L O E L A S T O R I A D E L L A C L A S S E All inizio dell anno scolastico la classe risultava costituita da 16 alunne. Una delle alunne ha abbandonato la frequenza nel corso del I quadrimestre. Tutte le alunne hanno evidenziato capacità umane di rilievo, come la lealtà nei rapporti interpersonali e la disponibilità al dialogo educativo. Si è pertanto potuto instaurare un rapporto di cordiale e reciproco rispetto, condizione essenziale per un proficuo svolgimento dell attività didattica. La classe nel triennio ha potuto beneficiare della continuità didattica per Inglese, Matematica, Scienze, Ed. Fisica, Arte e Religione. Negli ultimi due anni di corso anche per Storia e Filosofia. Il Consiglio di classe ha svolto nel triennio, sulla base di un adeguata programmazione educativo-didattica, un intensa azione di formazione, capace di incidere concretamente sia sul grado di preparazione che sulla armoniosa formazione della personalità e sulla crescita umana e morale delle alunne. Pur nella diversità degli interventi, unico è stato l'obiettivo da perseguire: fare acquisire alle alunne conoscenze, competenze e capacità nelle varie discipline che potessero essere spendibili professionalmente e culturalmente. In occasione dei rapporti scuola famiglia, positivi sono stati i colloqui che il Consiglio di classe ha avuto con i genitori delle alunne. La frequenza scolastica, in linea generale, si può dire sufficientemente regolare, fatta eccezione per qualche caso. Per il recupero in itinere delle alunne con profitto deficitario si è avuto un rallentamento dell'attività didattica, che non ha permesso, per talune discipline, di svolgere tutti i contenuti programmati all'inizio dell'anno scolastico. Il profitto, cui pervengono le alunne alla fine di questo anno, risulta differenziato ed è evidentemente da rapportare: al possesso dei prerequisiti, alla capacità di rielaborazione ed alla individuazione dei collegamenti interdisciplinari, all autonomia di lavoro e al diverso grado di partecipazione al dialogo educativo. Gli obiettivi didattici e formativi che il Consiglio di Classe si è posto fin dal terzo anno di corso possono, nel complesso, ritenersi parzialmente raggiunti, anche se gli esiti individuali, come detto, appaiono diversificati. Al termine dell intervento didattico-educativo il Consiglio individua all interno della classe tre gruppi ben distinti: un primo (piccolo) gruppo dotato di adeguata preparazione di base e di un maggior senso critico, ha raggiunto un grado discreto di preparazione, grazie al complesso di conoscenze, 9

10 competenze, capacità di analisi e di sintesi, mostrate in tutte le discipline e ad uno studio partecipativo ed interessato. un secondo gruppo dotato di normali abilità cognitive ed operative, ma che ha partecipato al dialogo educativo in modo costante, riuscendo a conseguire risultati più che sufficienti; un terzo gruppo di alunne che, pur evidenziando una base culturale piuttosto fragile, attraverso le ripetute sollecitazioni e l applicazione di diverse strategie di insegnamento e di recupero, è riuscito a raggiungere un profitto sufficiente in tutte le discipline, colmando anche le lacune pregresse. 10

11 ELENCO DELLE CANDIDATE 1 BARTOLUCCIO GIULIANA 2 CACCIAPUOTI NADIA 3 CANTARO PRISCILLA 4 CONA FABIANA 5 CONA JOESIANA 6 DI BENEDETTO LEANDRA 7 EMULO DENISE ROBERTA 8 GIARRIZZO JESSICA 9 INTERLIGGI MONIA FABIANA 10 LICCO VALERIA 11 MELI MADDALENA 12 NATIVO DESIREE 13 NATIVO MARIA 14 VERDURA LEANDRA 15 VIOLA MARIANGELA 11

12 LA CLASSE NEL TRIENNIO CANDIDATE 3^ ANNO 4^ ANNO PROMOSSE 8 6 DEBITO IN MATEMATICA 5 7 DEBITO IN PSICOLOGIA 1 - DEBITO IN EDUC. FISICA - 2 DEBITO IN CHIMICA CANDIDATE MEDIA VOTI 3^ ANNO 4^ ANNO , , , , VARIAZIONI DELLA CLASSE 3^ ANNO 4^ ANNO PROMOSSE 8 5 NON PROMOSSE 2 2 PROMOSSE CON DEBITO 6 11 PROVEN. ALTRA CLASSE - (2) TOTALE ISCRITTE ALLA CLASSE

13 IL CONSIGLIO DI CLASSE DOCENTE DISCIPLINA ORE SETTIMANALI AMENTA Wilma INGLESE 3 BUCCHERI Gaetano STORIA E FILOSOFIA 6 CAPPELLINO Sebastiano STORIA DELL ARTE 2 COSENTINO Elisabetta METODOLOGIA E PEDAGOGIA 5 FERRARA Franco ED. FISICA 2 INNORTA Emanuela RELIGIONE 1 LIPANI Giuseppe MATEMATICA 3 PITROLO Franco BIOLOGIA 3 ROCCARO Maria Elena ITALIANO E LATINO 6 TRONO Francesca SOSTEGNO - VACIRCA Giuseppe LEGISLAZIONE SOCIALE 3 TOTALE ORE SETTIMANALI 34 L A C O N T I N U I T A D I D A T T I C A N E L T R I E N N I O C O N C L U S I V O III ANNO IV ANNO V ANNO I.R.C. E. INNORTA E. INNORTA E. INNORTA PED./SOCIOL./METOD./PSIC. G. PINNISI G. PINNISI E. COSENTINO ITALIANO CAPOBIANCO I. CASTIGLIONE M.E. ROCCARO LATINO I. PORRELLO I. CASTIGLIONE M.E. ROCCARO FILOSOFIA S. PURPURA G. BUCCHERI G. BUCCHERI STORIA RIELA G. BUCCHERI G. BUCCHERI INGLESE W. AMENTA W. AMENTA W. AMENTA MATEMATICA/FISICA G. LIPANI G. LIPANI G. LIPANI ARTE S. CAPPELLINO S. CAPPELLINO S. CAPPELLINO LEGISLAZIONE SOCIALE - - G. VACIRCA CHIMICA/BIOLOGIA F. PITROLO - F. PITROLO ED.FISICA F. FERRARA F. FERRARA F. FERRARA 13

14 LE METODOLOGIE E GLI STRUMENTI L approccio didattico I docenti del Consiglio di Classe hanno mirato ad una costante azione di controllo (in una logica di feedback) del processo di insegnamento/apprendimento. Poiché gli aspetti da cogliere erano molteplici, anche se ciascuno di essi doveva contribuire ad un unica valutazione, l azione didattica ha fatto uso di strumenti di diverso tipo e valenza. Pertanto, al fine di migliorare l offerta formativa, di stimolare l interesse delle alunne verso il dialogo educativo e di rimuovere le cause che potevano inibire la motivazione al successo scolastico, al tradizionale ciclo lezione frontale/studio individuale/verifica si sono alternati altri momenti quali la lezione interattiva, la discussione guidata, il problem solving, l attività di ricerca, il brain storming, il lavoro di gruppo, l attività laboratoriale. I docenti hanno cercato ove possibile di privilegiare tutti quei metodi che insegnavano ad imparare autonomamente e criticamente, evitando una meccanica trasmissione di nozioni. Tutte le strategie didattiche adottate hanno naturalmente tenuto conto dei diversi tempi e stili di apprendimento di ciascuna alunna. Gli strumenti Per il raggiungimento degli obiettivi, sono stati utilizzati i seguenti strumenti didattici: libri di testo, biblioteca, riviste specializzate, audiovisivi, strumenti di laboratorio, laboratori, hardware e software didattici. Altri strumenti/sussidi vengono indicati nelle schede disciplinari allegate. I CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE La valutazione assume un ruolo fondamentale nella strutturazione dell'attività didattica in moduli ed unità, perdendo la sua esclusiva funzione di giudizio conclusivo sull'impegno e l'acquisizione dei contenuti da parte degli alunni per acquistare quello di strumento per verificare i bisogni di ogni singolo alunno/a e potere instaurare le opportune azioni di recupero. La verifica La verifica, intesa come accertamento dei livelli di conoscenza, nonché delle capacità critiche e strumentali dell alunna, è stata attuata facendo uso sia di prove tradizionali come le verifiche orali, momento positivo di chiarificazione e di riflessione per l intera classe e le verifiche scritte nelle quali rappresentare in maniera equilibrata tutte le parti essenziali del programma a cui la prova si riferiva, che di prove oggettive strutturate e di prove semistrutturate, per la preparazione alla III prova dell esame di stato. La valutazione La valutazione ha avuto una funzione formativa o in itinere quando il docente doveva ricavare gli 14

15 elementi per correggere il percorso formativo, scegliendo soluzioni metodologiche atte a differenziare gli interventi didattici o per riformulare quegli obiettivi rivelatisi inadeguati. Ha avuto una funzione sommativa o conclusiva quando doveva consentire di controllare la consistenza dei risultati raggiunti dalle alunne, alla fine di un modulo od alla fine di ciascun quadrimestre. Le prove scritte e quelle orali sono state valutate in base alle griglie di valutazione adottate dai singoli docenti e contenute nelle programmazioni disciplinari o nel POF. Nelle valutazioni (infra)quadrimestrali ciascun docente ha tenuto conto, oltre che dei voti conseguiti dalle alunne nelle prove orali ed in quelle scritto/grafiche: del raggiungimento degli obiettivi minimi, in rapporto alle capacità di ogni alunno/a; dell impegno e della costanza nello studio; dell interesse e della partecipazione mostrati; dei contributi nelle discussioni; del miglioramento rispetto al livello di partenza. Per l attribuzione del voto di condotta, nella valutazione (infra)quadrimestrale ed in quella finale, il Consiglio di Classe si è attenuto al D.P.R. 22 giugno 2009, n.122, recante norme in materia di Regolamento per la valutazione degli alunni. Pertanto si è tenuto conto dei seguenti indicatori: 1. Comportamento corretto e responsabile: Nel rapporto con il Dirigente scolastico, i docenti, il personale scolastico, gli altri studenti Durante gli scambi culturali, gli stage, i viaggi e le visite d istruzione Nell utilizzo degli ambienti, delle strutture e dei materiali 2. Rispetto delle regole: Rispetto delle norme di sicurezza. Rispetto del Regolamento d Istituto 3. Partecipazione al dialogo didattico ed educativo Frequenza delle lezioni Impegno nel lavoro scolastico ed in quello domestico 15

16 LE ATTIVITA DI RECUPERO I docenti sono stati organizzatori di interventi compensativi per correggere gli svantaggi culturali. Tali interventi sono stati attuati con attività di rinforzo e/o potenziamento, per tutte le discipline, con modifica od interruzione della normale scansione dei programmi, svolte durante il normale orario di servizio; sono serviti ad ovviare all assenza dei prerequisiti e/o ad assicurare a tutte le alunne gli stessi livelli (minimi) di partenza prima dell inizio di un nuovo modulo di apprendimento. I CONTENUTI E GLI OBIETTIVI DISCIPLINARI Il Consiglio di Classe, consapevole del proprio ruolo nel processo educativo e formativo delle alunne, ha individuato per ogni disciplina i contenuti e le tematiche fondamentali, attraverso i quali garantire il raggiungimento di conoscenze, abilità e competenze. I contenuti delle singole discipline comunque, non sono i fini dell insegnamento, ma lo strumento indispensabile per il raggiungimento degli obiettivi che stanno alla base dell azione didattica educativa. Gli obiettivi sono gli scopi che l intervento educativo si propone, visti dalla parte del discente e quindi costituiscono l insieme di conoscenze, competenze e capacità che l alunno deve avere acquisito alla fine del percorso formativo. Possono essere definiti come gli elementi di comportamento culturale, professionale e sociale che si tende a modificare attraverso l intervento scolastico. Infine, essi sono il criterio fondamentale per la scelta dei contenuti e della struttura didattica e sono il vero oggetto di ogni verifica. I contenuti trasmessi sono quindi relativi agli obiettivi prefissati nei piani di lavoro delle singole discipline. Essi, tuttavia, sono stati resi accessibili e comprensibili, significativi per la formazione degli alunni, interessanti, capaci di dare stimoli e di motivare l apprendimento, graduali, alla portata delle loro possibilità effettive. Perciò i docenti hanno fatto in modo di: Selezionare i contenuti più rispondenti al mondo degli alunni, nella loro fase di sviluppo e di formazione. Disporre i contenuti in modo graduale, tale che la conquista di ciascuno sia un passo per compiere le successive. Proporre i contenuti attraverso una corretta metodologia, per rendere i discenti padroni ed artefici del lavoro svolto. Proporre collegamenti interdisciplinari, per far comprendere ai discenti che non si tratta di vari saperi, ma di un unico sapere costituito da tanti tasselli fondamenti e strettamente connessi l un l altro. 16

17 I programmi svolti, o da svolgere entro la conclusione dell anno scolastico e gli obiettivi delle singole discipline raggiunti, in termini di competenze, conoscenze e capacità, sono illustrati nelle schede riepilogative relative alla disciplina di ogni singolo docente, che sono parte integrante di questo documento. GLI OBIETTIVI FISSATI DAL CONSIGLIO DI CLASSE OBIETTIVI DIDATTICI Obiettivi relativi alla conoscenza Acquisire e ricordare i contenuti fondamentali di ogni disciplina. Acquisire i termini specifici per esprimersi con un linguaggio corretto e sintetico. Obiettivi relativi alla comprensione Migliorare la capacità di capire il senso di quanto viene comunicato dagli insegnanti in classe e dai libri di testo: capire e spiegare singoli fatti; comprendere i concetti astratti proposti, metodi e procedimenti; produrre esempi; interpretare carte e grafici; spiegare con parole proprie i concetti acquisiti. Obiettivi dell'applicazione Migliorare la capacità di utilizzare in una situazione concreta ciò che si è appreso: risolvere problemi nuovi usando metodi e procedimenti corretti. Migliorare la capacità di svolgere un ragionamento basato sul procedimento deduttivo o su quello induttivo. Migliorare la capacità di leggere ed analizzare in forme autonome testi di genere e tipologie diversi. Migliorare l'uso degli strumenti propri delle discipline. Migliorare la capacità di utilizzare le strutture morfologiche, sintattiche e lessicali delle lingue studiate. Obiettivi relativi all'analisi Migliorare la capacità di scomporre un tutto in singoli elementi: individuare la funzione delle parti; trovare i rapporti esistenti fra le parti; classificare per importanza i singoli elementi; distinguere i nessi logici; individuare la struttura organizzatrice. 17

18 Obiettivi relativi alla sintesi Migliorare la capacità di raccogliere i dati fondamentali in modo da organizzarli in un insieme logico e ordinato. Migliorare la capacità di fare collegamenti fra elementi diversi secondo i seguenti criteri: saper rielaborare oralmente i contenuti delle singole materie; scrivere un tema, una relazione, un riassunto, una dimostrazione; produrre uno schema; progettare una ricerca. Obiettivi relativi alla valutazione Acquisire consapevolezza del grado di conoscenza e di competenza necessari per affrontare un problema. Acquisire la capacità di scegliere il percorso più opportuno per affrontare un problema. OBIETTIVI GENERALI Dimensione Linguistico Comunicativa L alunna: Deve saper recepire e usare la lingua nella formulazione orale e scritta in modo adeguato alle diverse esigenze comunicative; Deve saper riflettere in modo autonomo e consapevole sulla struttura e sull uso della lingua, sia per coglierne i rapporti con il pensiero e il comportamento umano, sia per riconoscervi le testimonianze delle vicende storiche e culturali; Deve abituarsi alla lettura come mezzo utile per accedere alla conoscenza di se stessa e di più vasti campi del sapere, per soddisfare nuove esigenze personali di cultura, per maturare capacità di riflessione e per una maggiore e più consapevole partecipazione alla realtà sociale; deve maturare un interesse per le opere letterarie, scientifiche e artistiche che le consentono di accostarsi al patrimonio culturale come strumento di conoscenza per l interpretazione della realtà. Dimensione Logico-scientifica L alunna: deve saper condurre ragionamenti sia induttivi che deduttivi; deve possedere abilità logico- critiche, di analisi e di sintesi che la rendono capace di affrontare la lettura dei testi e le permettono di acquisire un metodo adeguato di studio; deve usare un linguaggio preciso, rigoroso e coerente. 18

19 OBIETTIVI GENERALI TRASVERSALI potenziamento delle abilità linguistiche di base, con particolare riguardo alle strategie di comprensione scritta e orale; riconoscimento ed applicazione dei termini specifici (linguaggio orale, simbologia e terminologia specifica); potenziamento delle competenze comunicative ed espressive; apprendimento di un metodo di studio razionale e costante; acquisizione di capacità logiche. GLI OBIETTIVI TRASVERSALI RAGGIUNTI Obiettivi comportamentali Le alunne hanno sviluppato discrete capacità di comunicazione e di autoespressione, migliorando la relazionalità interpersonale. Le alunne sono in grado di discutere e di confrontarsi nel rispetto reciproco e nell autoconsapevolezza dei limiti personali. Molte alunne hanno incrementato la responsabilità personale rispetto agli impegni scolastici, agli apprendimenti specifici e alla propria formazione culturale. Le alunne sono consapevoli della propria identità culturale e sociale e sanno compiere scelte autonome. Obiettivi didattico-cognitivi Le alunne sono in possesso di conoscenze coerenti con gli obiettivi indicati nelle relazioni dei singoli docenti. Molte alunne sanno usare in modo corretto la terminologia specifica relativa alle singole discipline. La maggioranza delle alunne ha acquisito un metodo di studio efficace sia dal punto di vista cognitivo che operativo. Alcune delle alunne sanno condurre ragionamenti sia induttivi che deduttivi. Le alunne sanno esporre in forma orale e, quasi tutte, in forma scritta, con sufficiente rigore ed ordine logico, i contenuti disciplinari. Le alunne sanno elaborare schemi lineari di sintesi e mappe concettuali. Molte alunne sono in grado di riflettere in modo autonomo, di compiere collegamenti e di esercitare un senso critico rispetto alle specifiche conoscenze disciplinari. Alcune delle alunne sono in grado di compiere una riflessione interdisciplinare rispetto a tematiche complesse. 19

20 Alcune delle alunne sono in grado di utilizzare le conoscenze e le competenze acquisite nell ambito dell area di indirizzo per comprendere e descrivere specifiche realtà e indicare strategie di risoluzione di problematiche scientifiche. 20

21 TABELLA COMUNE DI VALUTAZIONE PERIODICA La valutazione periodica è stata effettuata, in linea generale, nel rispetto della seguente tabella docimologica, dalla quale è possibile evincere il livello di sufficienza: VO TI CONOSCENZA COMPRENSIONE GRIGLIA DI VALUTAZIONE P.O.F. PRODUZIONE E ESPOSIZIONE ANALISI SINTESI CAPACITA DI FORMULARE GIUDIZI 1/3 Nessuna o molto lacunosa Non coglie i contenuti o li coglie in minima parte Non riesce ad applicare le conoscenze e si esprime in modo incoerente Non è in grado di effettuare alcuna analisi Non è in grado di effettuare alcuna sintesi Non è in grado di formulare giudizi 4 Molto frammentaria e superficiale Anche se guidato si orienta con difficoltà Non riesce ad applicare le conoscenze e si esprime in modo inappropriato o errato Non è in grado di effettuare analisi corrette Non è in grado di effettuare alcuna sintesi Non è in grado di formulare giudizi 5 Approssimativa e superficiale Coglie i contenuti, solo se guidato Applica le conoscenze in modo schematico e si esprime in modo poco appropriato Effettua analisi approssimative Non è in grado di effettuare sintesi autonomamente Non è in grado di formulare giudizi 6 Corretta, ma limitata ai dati più evidenti Coglie i contenuti, ma non approfondisce Applica le conoscenze, ma si esprime in modo semplicistico Effettua analisi corrette Sa effettuare sintesi corrette con sufficiente autonomia E in grado di formulare giudizi in modo molto semplice 7 Corretta e precisa Coglie i contenuti con chiarezza Applica le conoscenze e si esprime in modo abbastanza appropriato Effettua analisi corrette e precise Sa effettuare sintesi autonomamente E in grado di formulare giudizi in modo ordinato 8 Precisa e ampia Coglie i contenuti con esattezza e precisione Applica le conoscenze in situazioni nuove e si esprime in modo preciso e appropriato Effettua analisi precise e articolate Sa effettuare sintesi appropriate autonomamente E in grado di formulare giudizi con sicurezza 9 Ampia e approfondita Coglie i contenuti con rapidità e precisione Applica le conoscenze in situazioni nuove e si esprime in modo preciso, sciolto, appropriato Effettua analisi articolate e approfondite Sintetizza in modo completo e efficace Formula giudizi fondati in modo sicuro e articolato 10 Ampia, approfondita e arricchita di conoscenze personali Coglie i contenuti con rapidità e precisione Applica le conoscenze in situazioni nuove e si esprime in modo preciso, sciolto, appropriato e personale Effettua analisi articolate e approfondite con rigore metodologico Sintetizza in modo completo, efficace e rigoroso Formula giudizi anche complessi in modo sicuro e articolato LEGENDA Conoscenza: possesso dei dati dello studio - Comprensione: capacità di cogliere i contenuti-produzione: capacità di applicare quanto appreso - Esposizione: capacità di adoperare lo strumento linguistico - Analisi: capacità di selezionare i dati osservati, individuandone la struttura e le articolazioni - Sintesi: capacità di organizzare e di riunire i dati in un testo coerente - Capacità di formulare giudizi: capacità di esprimere un pensiero autonomo e criticamente motivato. Sono state complementari alla presente tabella griglie di valutazione predefinite, atte a esplicitare i criteri di attribuzione dei punteggi nello svolgimento di prove scritte. 21

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. TRIENNIO Il giorno... alle ore... nei locali del Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli, si è riunito il Consiglio di Classe per procedere alla programmazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 2015/16 Classe 1 E

Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 2015/16 Classe 1 E Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201/1 Classe 1 E COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO STORIA INGLESE MATEMATICA 2 LINGUA STRANIERA SCIENZE DELLA TERRA GEOGRAFIA FISICA

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 1^ sezione L Data di approvazione 15/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-041 Rev.: 3 Data:

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che L alunno/a è stato/a ammesso/a alla classe successiva/all Esame di Stato al termine del 1 ciclo

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

Il Collegio dei Docenti delibera

Il Collegio dei Docenti delibera Il Collegio dei Docenti delibera MODALITÀ E CRITERI DI VALUTAZIONE ai sensi dell art. 1, comma 5, del DPR 122 /2009: Il collegio dei docenti definisce modalità e criteri per assicurare omogeneità, equità

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA VERIFICA DI ITALIANO - 1 BIENNIO Anno scolastico 2013/14

GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA VERIFICA DI ITALIANO - 1 BIENNIO Anno scolastico 2013/14 1 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA VERIFICA DI ITALIANO - 1 BIENNIO Anno scolastico 2013/14 LINGUA: correttezza morfo-sintattica//competenza lessicale e stilistica Numerosi e ripetuti errori in ambito ortografico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING 1 di 8 26/01/2015 10.42 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: INFORMATICA DOCENTI:

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO https://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/.. 1 di 5 26/01/2015 14.06 PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN

PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN :.. classe 3 sez. A.S... Come deciso dal Consiglio di classe l alunno eseguirà le prove scritte d esame di italiano, di matematica ed elementi di scienze e tecnologia

Dettagli

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO :

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/1 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DELLE PROVE ORALI

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI ENOGASTRONOMICI E L OSPITALITA ALBERGHIERA MICHELANGELO BUONARROTI FIUGGI (Fr) CODICE MECCANOGRAFICO: FRRH03008 C.F.: 92070770604 Via Garibaldi s.n.c. 03014

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. Situazione iniziale Anno Scolastico

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE ed OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE DI SANGANO Sez. associata del Liceo Scientifico Darwin di Rivoli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE ed OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE DI SANGANO Sez. associata del Liceo Scientifico Darwin di Rivoli LICEO DELLE SCIENZE UMANE ed OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE DI SANGANO Sez. associata del Liceo Scientifico Darwin di Rivoli via San Giorgio 10090 Sangano - TO - tel. 011 90 87 184. e-mail: darwin@liceodarwin.rivoli.to.it

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe II sezione B Data di approvazione 24 ottobre -

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Dipartimento di Materia: ITALIANO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Dipartimento di Materia: ITALIANO Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca L.G.S. C. Beccaria Via Linneo 5-20145 Milano C.M. MIPC040008 C.F. 80125550154 Tel: 02 344815 Fax: 02 3495034 email istituzionale: mipc040008@istruzione.it

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Liceo delle Scienze Umane Sofonisba Anguissola PRIMA PROVA SCRITTA

Liceo delle Scienze Umane Sofonisba Anguissola PRIMA PROVA SCRITTA PRIMA PROVA SCRITTA CANDIDATO CLASSE DATA INDICATORI DESCRITTORI PUNTI Livello espressivo trascurato, con errori e improprietà lessicali Correttezza generale, sia pure con qualche lieve errore 2 CORRETTEZZA

Dettagli

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI E LETTERE BIENNIO ITALIANO e 3. lavoro individuale 4. lavoro di gruppo 5. laboratorio di lettura e scrittura 6. correzione sistematica collettiva e individualizzata degli esercizi eseguiti a casa e delle

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

Normativa e indicazioni Linguistico. Commissione Esame di Stato Liceo S. Maffei

Normativa e indicazioni Linguistico. Commissione Esame di Stato Liceo S. Maffei Normativa e indicazioni Linguistico Commissione Esame di Stato Liceo S. Maffei Requisiti per l ammissione Sono ammessi all'esame di Stato gli alunni che nello scrutinio finale conseguano una votazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015 IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015 CLASSE III L Indirizzo Linguistico COORDINATORE: JESSICA NARDO 1. COMPONENTI DEI CONSIGLI DI CLASSE DOCENTE Lanza Saragene Filippo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE*

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE* Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca L.G.S. C. Beccaria Via Linneo 5-20145 Milano C.M. MIPC040008 C.F. 80125550154 Tel: 02 344815 Fax: 02 3495034 email istituzionale: mipc040008@istruzione.it

Dettagli

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26 6. LA VALUTAZIONE La valutazione è momento centrale nella pratica educativa e nel processo di apprendimento degli studenti, e riguarda molti aspetti della vita scolastica. Il Collegio dei Docenti indica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni VALUTAZIONE In base all art. 3 del decreto legge del 30 ottobre 2008, n.169, dall'anno scolastico 2008/09, nella scuola primaria la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni è espressa

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez.

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez. PROGETTAZIONE ANNUALE CORSO: A. S. 200_/0_ Classe sez. Disciplina: ANALISI DELLA CLASSE: Situazione di partenza Descrivere tipologia, (caratteristiche cognitive, comportamentali, atteggiamento verso la

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PROF. RAMIN GINO CLASSE III B SCIENTIFICO A.S 2015/2016 MATERIA : SCIENZE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PROF. RAMIN GINO CLASSE III B SCIENTIFICO A.S 2015/2016 MATERIA : SCIENZE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PROF. RAMIN GINO CLASSE III B SCIENTIFICO A.S 2015/2016 MATERIA : SCIENZE LIVELLI DI PARTENZA La classe è attenta ma poco partecipe, qualcuno porta anche dei contributi personali

Dettagli

CLASSE PRIMA LICEO LINGUISTICO

CLASSE PRIMA LICEO LINGUISTICO www.scientificoatripalda.gov.it PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO DIDATTICA DI MATEMATICA CLASSE PRIMA LICEO LINGUISTICO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PARTE PRIMA PREMESSA La riforma del secondo ciclo d istruzione

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2012/2013 ITALIANO A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Prof. David Baragiola 1 L AMBITO DISCIPLINARE DI ITALIANO STABILISCE

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016 Note Il presente documento va inviato in formato elettronico all indirizzo piani.lavoro@majorana.org a cura del Coordinatore della Riunione Disciplinare. Il Registro Elettronico SigmaSchool è il canale

Dettagli

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano 1. PROFILO DELLA CLASSE La classe, formata quest anno da 25 alunni, comprende 20 alunne e 1 alunno

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.I.S. CATERINA CANIANA Via Polaresco 19 24129 Bergamo Tel:035 250547 035 253492 Fax:035 4328401 http://www.istitutocaniana.it email: canianaipssc@istitutocaniana.it

Dettagli

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 I.I.S. Federico II di Svevia Melfi Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal Consiglio di classe con la sola presenza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO LINGUA Lo studente dovrà acquisire competenze linguistico-comunicative corrispondenti al Livello B2 del Quadro Comune

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon 4-35031 ABANO T. (PD) - Tel 049 812424 - Fax. 049 810554 Distretto n. 45 Padova ovest - C. F. 80016340285 Sito: www.lbalberti.it - E-Mail:

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE I.I.S. Federico II di Svevia PROGRAMMAZIONE DI CLASSE a. s. 2013-2014 classe VB docente coordinatore Prof.ssa Teresa CARUSO La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE*

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE* Liceo Chiabrera Martini Classico-Linguistico-Artistico 17100 Savona Via Caboto, 2 - Tel. 019/821277-8 Fax 019/821277 Cod. fis. 92090320091 Cod. Mecc. SVIS00800D E-mail: classico@liceochiabrera.it www.chiabreramartini.it

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA CLASSE 3 AS ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA

PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA ALLEGATO N 2 AL VERBALE N. 1 PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO TURISMO ANNO SCOLASTICO 2015-2016 IN STAMPATELLO BONALUMI ANTONELLA FIRMA Presezzo, 28 settembre 2015 Programmazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING 1 di 6 26/01/2015 10.43 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: Diritto/Economia DOCENTI:Giuliano

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

Criteri di valutazione degli alunni

Criteri di valutazione degli alunni Funzioni della valutazione Criteri di valutazione degli alunni La valutazione degli alunni risponde alle seguenti funzioni fondamentali: verificare l acquisizione degli apprendimenti programmati; adeguare

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE F E R M I-GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it

Dettagli

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi:

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi: OFFERTA FORMATIVA FINALITÁ EDUCATIVE GENERALI Nel corso dei cinque anni d articolazione dei corsi, l Istituto intende garantire agli studenti una formazione integrata che armonizzi la crescita personale,

Dettagli

UDA N 1 LA COLLEZIONE MODA

UDA N 1 LA COLLEZIONE MODA UDA N 1 LA COLLEZIONE MODA UNITÀ DIDATTICA DI APPRENDIMENTO PROGETTAZIONE TESSILE- ABBIGLIAMENTO, MODA E COSTUME CLASSE: V A PTS RIF. COMPETENZA:1 A.S. 2015-2016 TITOLO: LA COLLEZIONE MODA COD. 01 A PRESENTAZIONE

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti)

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti) 1 di 6 09/12/2013 12.23 PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA TECNICO MATERIA: TEDESCO (2^Lingua straniera) ANNO SCOLASTICO:2013/2014 1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) Revisione e completamento

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria Griglie di valutazione disciplinari Scuola Primaria 3 VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Il recente Regolamento per la valutazione scolastica Dpr n. 122 del 2009 intende coordinare le diverse norme in questo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANISTICHE MANIFESTO DEGLI STUDI PER IL TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANISTICHE MANIFESTO DEGLI STUDI PER IL TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANISTICHE MANIFESTO DEGLI STUDI PER IL TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO CLASSE A246 - Lingua e civiltà francese Il tirocinio formativo attivo (TFA)

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 3AS Indirizzo di studio Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Silvia Carminati

Dettagli

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Allegato 8 PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Scuola Primaria PERCORSI FORMATIVI E CRITERI DI VALUTAZIONE Il Piano Educativo e Didattico d Istituto (P.E.D.) è la programmazione dei percorsi formativi

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE Tel. 0331635718 fax 0331679586 info@isisfacchinetti.it www.isisfacchinetti.it ISIS C. Facchinetti Sede: via Azimonti, 5 21053 Castellanza Modulo Gestione Qualità UNI EN ISO 9001 : 2008 SCHEDA PROGRAMMAZIONE

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE. CONSIGLIO DI CLASSE DELLA 4 Cat ANNO SCOLASTICO 2013-2014

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE. CONSIGLIO DI CLASSE DELLA 4 Cat ANNO SCOLASTICO 2013-2014 ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE ARCHIMEDE Via Cento n. 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto (BO) C.F. 80073690374 Tel 051 821832/823651 Fax 051 825226 E-Mail: informazioni@isis-archimede.it Sito

Dettagli

STRUTTURA UDA U.D.A. 4. Classe III A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA U.D.A. 4. Classe III A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO di TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI U.D.A. 4 Classe III A.S. 2015/2016 TITOLO: Componenti fondamentali di un impianto Strumenti di misura

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore F. Corni Liceo e Tecnico COD. MIUR: MOIS018002 C.F.: 94177210369

Istituto di Istruzione Superiore F. Corni Liceo e Tecnico COD. MIUR: MOIS018002 C.F.: 94177210369 CRITERI DI VALUTAZIONE Approvato in Collegio Docenti 15/10/2013 CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA CONDOTTA Indicatori: Rispetto del regolamento di Istituto, delle persone e dell ambiente scolastico Assiduità

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA

LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA Telefono: 051/4298511 - Fax: 051/392318 - Codice fiscale: 80074870371 Sede Associata: Via Nazionale Toscana, 1-40068 San Lazzaro

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO CLASSE TERZA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO CLASSE TERZA 1 di 5 04/12/2013 100 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SECONDO BIENNIO DISCIPLINA DIRITTO E LEGISLAZIONE TURISTICA MODINA DOCENTI

Dettagli

VALUTAZIONE: OBIETTIVI e GRIGLIA DI CORRISPONDENZA. Obiettivi trasversali formativi/comportamentali dei Consigli delle Classi prime e seconde

VALUTAZIONE: OBIETTIVI e GRIGLIA DI CORRISPONDENZA. Obiettivi trasversali formativi/comportamentali dei Consigli delle Classi prime e seconde ALLEGATO2 VALUTAZIONE: OBIETTIVI e GRIGLIA DI CORRISPONDENZA Obiettivi trasversali formativi/comportamentali dei Consigli delle Classi prime e seconde Impegno a) Negativo Non rispetta le scadenze Non esegue

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

Progetto Educativo d Istituto

Progetto Educativo d Istituto LICEO SCIENTIFICO Paritario LICEO delle SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Paritario ISAAC NEWTON Progetto Educativo d Istituto P.E.I. A.S. 2014/2015 0 INDICE 1. Introduzione. pag. 2 2. Finalità e

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI"

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI" Indirizzi: Scienze applicate- Scienze umane- Economico-sociale - Linguistico- Classico-Musicale Via Roma, 66-81059 VAIRANO PATENORA-SCALO (CE) Tel.-fax- 0823/988081

Dettagli

QUALI COMPETENZE SI INTENDONO PROMUOVERE? IN QUALE SITUAZIONE PROBLEMA?

QUALI COMPETENZE SI INTENDONO PROMUOVERE? IN QUALE SITUAZIONE PROBLEMA? CLASSE 4 SEZ.B TITOLO FINALITA / SENSO DEL PERCORSO PRESENTAZIONE DELLA UDA TRASVERSALE SIMULAZIONE AZIENDALE Elaborare e realizzare progetti riguardanti lo sviluppo delle proprie attività di studio e

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING 1 di 6 04/12/2013 13.10 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014 1. SECONDO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 DISCIPLINA Tecnologie

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: RELAZIONI INTERNAZIONALI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI BIOCHIMICA e BIOLOGIA MOLECOLARE

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI BIOCHIMICA e BIOLOGIA MOLECOLARE Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI BIOCHIMICA e BIOLOGIA MOLECOLARE A.S. 2012/2013

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. DI

Dettagli

STRUTTURA UDA U.D.A. 2. Classe III A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA U.D.A. 2. Classe III A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO di TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI U.D.A. 2 Classe III A.S. 2015/2016 TITOLO: Energia, potenza e rendimento. Campo elettrico e condensatori.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO SETTORI: ECONOMICO - TURISTICO - TECNOLOGICO INDIRIZZI: AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING - SISTEMI

Dettagli

DIPARTIMENTO ITALIANO E STORIA. Introduzione

DIPARTIMENTO ITALIANO E STORIA. Introduzione SETTORE TECNOLOGICO CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE ARTICOLAZIONI BIOTECNOLOGIE AMBIENTALI, BIOTECNOLOGIE SANITARIE SETTORE ECONOMICO DIRIGENTI DI COMUNITÀ SEDE CENTRALE: Via Cantù 39-41-43-34134 Trieste

Dettagli

INCONTRO STUDENTI CLASSI QUINTE 13 febbraio 2015

INCONTRO STUDENTI CLASSI QUINTE 13 febbraio 2015 INCONTRO STUDENTI CLASSI QUINTE 13 febbraio 2015 ESAME DI STATO: Documento del consiglio di classe Ammissione e giudizio di ammissione Credito scolastico e formativo La commissione Le prove d esame La

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE UDA N 4 Tecniche di Confezione nell abbigliamento UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016 TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE Destinatari

Dettagli

I.I.S.S. G. CIGNA MONDOVI

I.I.S.S. G. CIGNA MONDOVI I.I.S.S. G. CIGNA MONDOVI PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 CLASSE PRIMA A LICEO SCIENZE APPLICATE MATERIA DISEGNO E STORIA DELL ARTE DOCENTE EZIO TINO LIBRI DI TESTO SERGIO SAMMARONE

Dettagli

Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia)

Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia) Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia) Anno scolastico 2010-2011 CLASSE III SEZ. RELAZIONE FINALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE E CRITERI DEL COLLOQUIO D'ESAME Il Consiglio di Classe della 3 sez.,

Dettagli