Progetto ideato e realizzato da

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto ideato e realizzato da"

Transcript

1 PREFETTURA DI ENNA Progetto ideato e realizzato da CONSIGLI SULLA SICUREZZA Prefettura Ufficio territoriale del Governo di Enna Comando Provinciale Vigili del Fuoco Enna Associazione Nazionale Vigili del Fuoco Sezione di Enna Protezione Civile Regionale Sicilia Enna Corpo Forestale Regione Sicilia Enna Ufficio Scolastico Provinciale Enna Motorizzazione Civile Uff. Provinciale Enna nei luoghi pubblici e privati, per la prevenzione degli incidenti

2 NUMERI DI EMERGENZA DA RICORDARE Prefettura di Enna Ufficio territoriale del Governo La Prefettura di Enna ha costituito, nell ambito della Conferenza Permanente, Sezione Territorio Ambiente ed Infrastrutture, un Tavolo tecnico composto da rappresentanti delle Istituzioni con competenze differenziate in materia di Protezione Civile. Tra gli obiettivi prefissati è stato ritenuto di maggiore rilievo l avvio di una campagna di sensibilizzazione finalizzata a favorire una maggiore consapevolezza dei rischi esistenti e la conoscenza degli atteggiamenti attivi in materia di prevenzione e i comportamenti più idonei da adottare in caso di emergenza: tutto ciò si riassume in una parola, auto protezione. L opuscolo è stato realizzato grazie alla sinergia tra Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, Protezione Civile Regionale, Ispettorato Ripartimentale delle Foreste, Ufficio scolastico provinciale, Ufficio provinciale della Motorizzazione, e Associazione Nazionale Vigili del Fuoco Sezione di Enna, ed è volutamente sintetico per invogliare un primo approccio di voi ragazzi alla materia della protezione civile. Punta a consolidare con la collaborazione delle Scuole un percorso virtuoso finalizzato a sviluppare la consapevolezza della responsabilità collettiva e a promuovere le conoscenze necessarie per fronteggiare adeguatamente le emergenze. Sarebbe utile che voi ragazzi possiate confrontarvi in classe ma anche in famiglia sulle informazioni nel campo della protezione civile, vi consiglio di approfondire il tema della tutela delle persone non autosufficienti a cui l opuscolo dedica un paragrafo, potreste avere anche a casa o nel condominio persone disabili o dei fratellini più piccoli che necessitano di una particolare attenzione nella gestione dell emergenza. Naturalmente questo è un tema che le istituzioni sono chiamate per prime ad affrontare adeguatamente anche in collaborazione con le Associazioni di volontariato. Sono sicura che comprenderete l importanza della cultura della prevenzione che insieme dobbiamo far crescere. Un ultima raccomandazione: tenete a mente almeno uno dei numeri di emergenza che sono indicati nell opuscolo. Il Prefetto (Clara Minerva) Vigili del Fuoco 115 Corpo Forestale 1515 Polizia 113 Carabinieri 112 Pronto Soccorso 118 Guardia di Finanza 117 Cosa dire in una Chiamata di Soccorso: 1. Nome e Cognome; 2. Luogo dell incidente; 3. Numero di telefono del chiamante; 4. Tipo di incidente; 5. Rispondere con calma alle domande che vi vengono poste.

3 In Viaggio con i Bambini COME DIMINUIRE I RISCHI PRESENTAZIONE Consigli pratici per diminuire il rischio di possibili lesioni nei bambini che utilizzano il seggiolino per auto. Il tema della sicurezza nei luoghi pubblici e privati, nelle abitazioni, nelle scuole ecc. è sicuramente di estremo interesse e deve essere al centro dell attenzione delle Istituzioni, in stretta collaborazione con i cittadini, giovandosi dell attività di sensibilizzazione delle Scuole e delle Associazioni di volontariato. 1 ) Se il seggiolino è fissato sul sedile anteriore dell auto provvista di air-bag, RICORDARSI DI DISINSERIRLO. 2) Non lasciare il bambino libero, cioè non legato, nemmeno per i brevi tragitti. 3) Al momento del montaggio del seggiolino sull autovettura, sinceratevi di avere rispettato tutti i consigli impartiti sul manuale. Ricordate infine che la sicurezza dei nostri figli non si ottiene soltanto acquistando il migliore seggiolino in commercio, quando nel buon senso e nella prudenza di chi guida un autovettura con a bordo uno o più bambini. Le indicazioni e le istruzioni contenute in questo fascicolo riguardano essenzialmente le procedure legate ai consigli sulla sicurezza, ai piani di evacuazione degli edifici, che se eseguiti con scrupolo e coscienza possono davvero salvare tante vite nel malaugurato caso di incendi o altre situazioni critiche che si possono verificare. Il contributo portato dal Comando dei Vigili del Fuoco di Enna, dall Associazione Nazionale Vigili del Fuoco Sezione di Enna e dalle altre istituzioni coinvolte nella redazione di questo Manuale, deriva dalla grande esperienza che quotidianamente mettono in campo per la nostra sicurezza e sono sempre presenti nelle situazioni di grande pericolo che si vengono a creare sul territorio. Questa iniziativa deve aiutare tutti a prendere coscienza dei pericoli che nella vita di tutti i giorni e soprattutto, a formare e diffondere una cultura della sicurezza che spesso nel nostro paese viene sottovalutata incominciando dai nostri ragazzi che avranno la responsabilità delle future generazioni.

4 Paura e Panico In tutti gli edifici con elevata presenza di persone si possono avere situazioni di emergenza che modificano le condizioni di agibilità e fruibilità degli spazi ed alterano comportamenti e rapporti interpersonali degli utenti. Ciò causa una reazione che, specialmente in ambito collettivo, può essere pericolosa poiché non consente il controllo della situazione creatasi, coinvolgendo un gran numero di persone e rendendo difficili eventuali operazioni di soccorso. Questo comportamento, da tutti conosciuti con il termine «panico», identifica l atteggiamento di persone quando vengono a trovarsi in condizioni di pericolo imminente. Il panico si manifesta con diversi tipi di reazioni emotive: timore e paura, oppressione, ansia fino ad emozioni convulse e manifestazioni isteriche, nonché particolari reazioni dell organismo quali: accelerazioni del battito cardiaco, tremore alle gambe, difficoltà di respirazione, aumento o caduta della pressione arteriosa, giramenti di testa e vertigini. In Viaggio con i Bambini PER I CONDUCENTI DEI VEICOLI della scuola. Bambini sicuri in auto Prima di partire, il conducente deve assicurarsi che non causi pericoli a bambini o ad altri utenti della strada. Se la visuale a tergo del veicolo è limitata, la manovra di retromarcia deve essere eseguita con l ausilio di un altra persona. La retromarcia deve essere seguita a passo d uomo. E vietato attraversare in retromarcia i passaggi pedonali e le intersezioni senza visuale in prossimità I bambini devono viaggiare seduti sul seggiolino o sul cuscino omologato e accuratamente protetti dalla cintura di sicurezza. Come prevede il Codice della strada: i bambini fino a 12 anni devono viaggiare sul sedile posteriore. Mantenete la distanza di sicurezza. Fate bere i bambini (bevete anche voi) per combattere la disidratazione. Tenete a portata di mano un sacchetto di pop-corn. E un utile integratore di Sali minerali, a basso contenuto calorico. Non sostate sotto il sole e soprattutto non lasciate i bambini in auto da soli. Nemmeno per pochi minuti. Neppure se i finestrini vengono lasciati un po aperti. Viaggiare di notte, quando il viaggio è lungo, può essere una scelta migliore quando si viaggia con i bambini.

5 Acqua E importante sapere: Elemento che crea molti danni alle cose e alle persone. Consigli utili Trasporto di persone disabili in emergenza Al centro della nostra attenzione deve esserci la protezione dei soggetti più deboli. posizionare le braccia del paziente davanti al tronco, flettendogli i gomiti e incrociando gli avambracci; entrare con la mano sotto la scapola e proseguire fino ad arrivare all avambraccio, che prende in prossimità del gomito; tirare verso l alto l intero complesso braccio-spalla della persona da soccorrere, sollevando in questo modo tutto il tronco dello stesso. dov è la valvola o il rubinetto principale (di solito è vicino al contatore dell acqua). Come aprire e chiudere la valvola, quindi è bene che tale istruzione sia patrimonio di tutti i membri della famiglia. (Ricordare che la valvola a volantino si gira in senso orario per chiuderla). L acqua bollente in cucina per la preparazione dei cibi può costituire rischi per bambini ed anziani. Una pentola sui fornelli può essere causa di incidenti e ustioni. Nel caso di un solo soccorritore l operazione viene effettuata dopo essersi posizionato alle spalle della persona da soccorrere; in questo caso la tecnica di presa permette anche di contenere il movimento delle braccia che, utilizzando altre tecniche, potrebbero arrecare disturbo al trasporto Qualora i soccorritori siano due, gli stessi si porranno a fianco della persona cui è diretto l intervento stesso. Trasporto di una persona Il sollevamento in braccio è il metodo preferito da impiegare per il trasporto di una persona quando non ha forza nelle gambe, ma è pur sempre collaborante. Mentre i bambini fanno il bagno (sia nel bagno di casa che all aperto, piscina, mare ecc), è indispensabile la sorveglianza di un adulto, i bambini, specie se piccoli, possono annegare anche in pochi centimetri di acqua. È questo un trasporto sicuro se la persona da trasportare pesa molto meno di chi lo trasporta; In quest ultima circostanza è necessario far collaborare il trasportato, invitandolo a porre il braccio attorno al collo del soccorritore, in modo da alleggerire il peso scaricato sulle braccia.

6 Trasporto di persone disabili in emergenza Trasporto con due soccorritori È questa una tecnica che può ritenersi valida nel caso sia necessario movimentare una persona che non può utilizzare gli arti inferiori, ma che in ogni caso è collaborante. Trasporto a due in percorsi stretti Talvolta il passaggio da attraversare è talmente stretto che due persone affiancate non possono passare, in tal caso si raccomanda la tecnica di trasporto illustrata. Il soccorritore posteriore avrà attuato una presa crociata, mentre quello anteriore sosterrà la persona tra il ginocchio ed i glutei. È bene utilizzare questo trasporto solo limitatamente ai passaggi critici. Trasporto a strisciamento Nel caso in cui il soccorritore disponga di poche forze residue, la tecnica del trasporto per strisciamento gli permette di scaricare sul pavimento gran parte del peso del trasportato. A questa condizione va aggiunto l indubbio vantaggio di poter attraversare anche passaggi assai stretti e bassi. Come intervenire in caso di FOLGORAZIONE Se la persona è a contatto con la corrente toccarla solo dopo aver staccato l interruttore generale o la spina dell elettrodomestico. Se non sapete dove è l interruttore generale cercate di allontanare l infortunato dalla fonte di elettricità usando un mezzo isolante come legno asciutto o plastica (ad. Es. scopa, sedia). Chiamate i soccorsi sanitari al 118. Se l infortunato è incosciente e privo di battito cardiaco, se si è in grado, applicare le manovre di rianimazione.

7 Elettricità Fuoco Una radio, un asciugacapelli o un qualunque apparecchio elettrico in tensione che cade nella vasca mentre si fa il bagno, provoca l immediata folgorazione. Con le mani bagnate possono verificarsi imprevedibili conduzioni di elettricità. Non attaccare mai più spine ad una stessa presa di corrente, poiché l eccessivo carico elettrico, può provocare un surriscaldamento con pericolo di incendio. Le cause di un incendio sono di solito dovute alla poca attenzione rispetto alle più elementari norme di sicurezza. Attenzione: quando lavorate accanto a dei fornelli o altre apparecchiature a fiamma libera, non indossate indumenti sintetici e non tenete sciolti i capelli lunghi che potrebbero facilmente incendiarsi. Collegare la messa a terra di un elettrodomestico ad un tubo dell acqua non dà nessuna garanzia e in caso di guasto all apparecchio può costituire un pericolo per gli altri utenti della stessa rete idrica. Non utilizzare alcool per ravvivare fuochi (può addirittura esplodere in mano il contenitore di plastica). Non estrarre la spina tirando dal filo. Non tenete in braccio il bambino mentre, cucinate, maneggiate sostanze calde o bevete liquidi bollenti (thè, caffè, cioccolata ecc.).

8 Fuoco Munire le finestre di sistema di bloccaggio e non lasciare vicino sedie, sgabelli o altri mobiletti che il bambino potrebbe usare come gradini. Ogni anno centinaia di bambini in Italia subiscono ustioni che possono essere invalidanti o mortali: il 70% ha meno di 5 anni. Consigli per tutti Consigli per evitare un incendio Durante l allestimento di alberi di Natale e presepi fare attenzione alla collocazione e alla buona qualità dei materiali elettrici usati per l illuminazione, alla loro efficienza, ma soprattutto non avvicinatevi se ci sono scintille o fiamme libere poiché i materiali di cui sono composti sono facilmente combustibili (anche se sono alberi veri). Fare attenzione a non addormentarvi con una sigaretta accesa: fumare a letto può risultare letale. Evitare tappeti e pedane. Non usare cera sulle scale. Prima di salire su scale pieghevoli per eseguire lavori, verificare il buono stato; aprire o appoggiare correttamente la scala accertandosi che sia sempre presente una persona per tenerla ferma in sicurezza. Salire e scendere con il volto rivolto ai gradini; usare calzature con tenuta sicura (non ciabatte aperte, zoccoli, ecc.). Non tenere candele accese senza sorvegliarle: creano situazioni di rischio imprevedibile. Prevedere ampie maniglie nella doccia o vasca da bagno per facilitare sia l ingresso che l uscita dagli stessi, soprattutto quando si hanno i piedi bagnati. Collocate una idonea protezione intorno alle fiamme vive (caminetti, candele accese). Fate installare in bagno un campanello di emergenza, in caso di malore improvviso. Se si abita da soli, sarà utile avere a portata di mano, in bagno, un telefono.

9 CADUTE Sono gli incidenti più comuni a tutte le età e con maggior frequenza tra anziani e bambini. L ambiente dove avvengono più spesso è la casa. In presenza di bambini porre idonei cancelletti (non scavalcabili, provvisti di chiusura) per rendere inaccessibili le scale all interno degli appartamenti o dei terrazzi. Le ringhiere dei terrazzi non devono essere facilmente scavalcabili o dare possibilità di sporgersi troppo. Rialzare i parapetti, se bassi, con reti molto fitte. Attrezzare i fornelli della cucina con barriera di protezione; usare i fuochi più interni; non usare pentole a manico lungo e giratele sempre col manico verso l interno; spostate i contenitori con alimenti caldi al centro del tavolo per renderli non raggiungibili dai più piccoli; la temperatura dell acqua dello scaldabagno non deve superare i 50 centigradi; il forno meno pericoloso è quello ad incasso; impedire ai bambini di avvicinarsi al ferro da stiro; quando si scalda il biberon o altro cibo nel forno a microonde, il contenitore non ci fa apprezzare la reale temperatura raggiunta dal latte o dalla pappa. alla presenza di bambini non lasciate a portata di mano fiammiferi o accendini; spesso i loro indumenti o i loro giocattoli ( come peluche ) sono di materiale facilmente combustibile. COME SPEGNERE UN PRINCIPIO DI INCENDIO Usate gli estintori, leggendo le istruzioni riportate sugli stessi (imparate ad usarli prima che succeda l incendio!!! ). In alternativa usate: Coperte di lana (non quelle acriliche che si infiammano); acqua ( staccare prima il circuito elettrico). Se non riuscite a spegnere le fiamme in breve tempo, non insistere ma telefonare subito al 115.

10 Incendio Boschivo per evitare un Incendio Boschivo NON GETTARE MOZZICONI DI SIGARETTA O FIAMMIFERI ANCORA ACCESI Possono incendiare l erba secca delle scarpate lungo strade, ferrovie, ecc. E pericoloso travasare sostanze tossiche in altri contenitori, magari non identificabili; se è proprio necessario un travaso aggiungere sempre un etichetta di riconoscimento col nome della sostanza. È PROIBITO E PERICOLOSO ACCENDERE IL FUOCO NEL BOSCO Usa solo le aree attrezzate. Non abbandonare mai il fuoco e prima di andare via accertati che sia completamente spento. SE DEVI PARCHEGGIARE L AUTO ACCERTATI CHE LA MARMITTA NON SIA A CONTATTO CON L'ERBA SECCA La marmitta caldissima incendierebbe facilmente l erba secca. NON ABBANDONARE I RIFIUTI NEI BOSCHI E NELLE DISCARICHE ABUSIVE Possono rappresentare un pericoloso combustibile. Cosa fare in caso di ingestione: cercare di identificare la sostanza ingerita e, se possibile, determinarne la quantità; conservare il contenitore che dovrebbe indicare il tipo di sostanza contenuta; chiamare il soccorso sanitario 118; in caso di ricovero portare in ospedale il flacone o il contenitore della sostanza sospetta. Non si deve provocare vomito (in particolare dopo l ingestione di corrosivi come acidi, candeggina, solventi).

11 Sostanze Tossiche Incendio Boschivo quando l incendio è in corso Nelle case ci sono molti sostanze pericolose: prodotti per la pulizia, pulitori per metalli, detergenti per WC, naftalina, canfora, farmaci, vernici, solventi, ecc. Tutti vanno conservati lontano dai prodotti alimentari ma, soprattutto, lontano dalla portata dei bambini, vittime molto frequenti di avvelenamenti per ingestione di sostanze tossiche. TELEFONA SUBITO AL 1515 PER DARE L ALLARME SE AVVISTI DELLE FIAMME O ANCHE SOLO DEL FUMO Non pensare che altri l'abbiano già fatto. Fornisci le indicazioni necessarie per localizzare l'incendio. CERCA UNA VIA DI FUGA SICURA: UNA STRADA O UN CORSO D'ACQUA. NON SOSTARE IN LUOGHI VERSO I QUALI SOFFIA IL VENTO Potresti rimanere imprigionato tra le fiamme e non avere più una via di fuga. STENDITI A TERRA IN UN LUOGO DOVE NON C'È VEGETAZIONE INCENDIABILE Il fumo tende a salire ed in questo modo eviti di respirarlo. Consigli utili: Conservare medicine e prodotti pericolosi in mobili o contenitori chiusi a chiave, in posti non raggiungibili dai bambini; riponete insieme prodotti analoghi (veleni con veleni, infiammabili con infiammabili, ecc.) in modo da ridurre errori nel prelievo del prodotto e nel successivo uso corretto; ogni sostanza deve essere conservata nella sua confezione originale. SE NON HAI ALTRA SCELTA, CERCA DI ATTRAVERSARE IL FUOCO DOVE È MENO INTENSO PER PASSARE DALLA PARTE GIÀ BRUCIATA Ti porti così in un luogo sicuro. MA RICORDA: SE NON HAI ALTRA SCELTA!!! L'INCENDIO NON È UNO SPETTACOLO, NON SOSTARE LUNGO LE STRADE Intralceresti i soccorsi e le comunicazioni necessarie per gestire l emergenza.

12 Terremoto Alluvione SE SEI IN LUOGO CHIUSO CERCA RIPARO NEL VANO DI UNA PORTA inserita in un muro portante (quelli più spessi) o sotto una trave perché ti può proteggere da eventuali crolli. SE DEVI ABBANDONARE LA CASA, CHIUDI IL RUBINETTO DEL GAS E STACCA IL CONTATORE DELLA CORRENTE ELETTRICA Tali impianti potrebbero danneggiarsi durante l evento calamitoso. RIPARATI SOTTO UN TAVOLO È pericoloso stare vicino a mobili, oggetti pesanti e vetri che potrebbero caderti addosso. RICORDATI DI TENERE CON TE I DOCUMENTI PERSONALI ED I MEDICINALI ABITUALI Ti possono essere indispensabili se casa tua fosse irraggiungibile per parecchio tempo. NON PRECIPITARTI VERSO LE SCALE E NON USARE L ASCENSORE Talvolta le scale sono la parte più debole dell edificio e l ascensore può bloccarsi e impedirti di uscire. INDOSSA ABITI E CALZATURE CHE TI PROTEGGANO DALL ACQUA È importante mantenere il corpo caldo e asciutto. SE SEI IN AUTO, NON SOSTARE IN PROSSIMITÀ DI PONTI, DI TERRENI FRANOSI O DI SPIAGGE potrebbero lesionarsi o crollare o essere investiti da onde di tsunami. SE NON PUOI ABBANDONARE LA CASA SALI AI PIANI SUPERIORI E ATTENDI L ARRIVO DEI SOCCORSI Eviterai di essere travolto dalle acque. SE SEI ALL APERTO, ALLONTANATI DA COSTRUZIONI E LINEE ELETTRICHE Potrebbero crollare. NON USARE IL TELEFONO SE NON PER CASI DI EFFETTIVA NECESSITÀ In questo modo eviti sovraccarichi delle linee telefoniche, necessarie per l organizzazione dei soccorsi.

CASA SICURA C O R P O N A Z I O N A L E

CASA SICURA C O R P O N A Z I O N A L E CASA SICURA FUOCO DEL VIGILI C O R P O N A Z I O N A L E A cura del Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Ufficio Comunicazione Esterna In

Dettagli

E indispensabile, nei locali dove avviene una combustione, la presenza di prese di ventilazione che permetta l afflusso continuo di aria.

E indispensabile, nei locali dove avviene una combustione, la presenza di prese di ventilazione che permetta l afflusso continuo di aria. AMBIENTE SICURO Nell ambito del lavoro dedicato alle scuole e alle famiglie per la prevenzione degli incidenti domestici, abbiamo tradotto una sintesi dedicata alle varie etnie che vivono nel Paese. Queste,

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE PIANO DI PROTEZIONE CIVILE Comune di Bondone Il Piano di Protezione Civile del Comune di Bondone, ai sensi della vigente normativa provinciale, definisce l'organizzazione dell'apparato di Protezione civile

Dettagli

PROGRAMMA DI AUTOPROTEZIONE

PROGRAMMA DI AUTOPROTEZIONE PROGRAMMA DI AUTOPROTEZIONE Quello che il cittadino deve sapere per poter fronteggiare una calamità Illustrazione al Consiglio delle bambine e dei bambini Pescara, 20 dicembre 2006 CONOSCERE I RISCHI DEL

Dettagli

Tratto da Edizioni Giunti Progetti Educativi

Tratto da Edizioni Giunti Progetti Educativi e se succede? Tratto da Edizioni Giunti Progetti Educativi Cos è la protezione civile???? Protezione civile = Protezione dei cittadini NOI!!!!! Il SISTEMA di protezione civile La Sala Operativa Regionale

Dettagli

COMUNE DI CAMPOFORMIDO DISTRETTO DEL CORMOR

COMUNE DI CAMPOFORMIDO DISTRETTO DEL CORMOR COMUNE DI CAMPOFORMIDO DISTRETTO DEL CORMOR 1 COSA FARE IN CASO DI: FRANA ALLUVIONE TROMBA D ARIA TEMPORALE CON FULMINI TERREMOTO 2 SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO: 1. mantieni la calma; COSA FARE IN CASO

Dettagli

SVEP. Prov.Piacenza. In collaborazione Ist.Com. G.Parini -Podenzano-S.giorgio. Ist.Com: Bobbio -scuole-travo,coli,bobbio,corte Brugnatella Ottone.

SVEP. Prov.Piacenza. In collaborazione Ist.Com. G.Parini -Podenzano-S.giorgio. Ist.Com: Bobbio -scuole-travo,coli,bobbio,corte Brugnatella Ottone. SVEP Prov.Piacenza In collaborazione Ist.Com. G.Parini -Podenzano-S.giorgio Ist.Com: Bobbio -scuole-travo,coli,bobbio,corte Brugnatella Ottone. La casa e i suoi pericoli Ogni anno in Italia ci sono oltre

Dettagli

Capitolo 5 INFORMAZIONE

Capitolo 5 INFORMAZIONE Comunità Collinare Alto Astigiano Piano di Protezione Civile Intercomunale Aggiornamento 2011 Capitolo 5 INFORMAZIONE INDICE PARTE 5 INFORMAZIONE... 2 1.1 Premessa... 2 1.2 La Comunicazione durante la

Dettagli

A cura del Servizio Documentazione Informazione e Didattica del Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Bergamo

A cura del Servizio Documentazione Informazione e Didattica del Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Bergamo A cura del Servizio Documentazione Informazione e Didattica del Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Bergamo LA TELEFONATA E L INTERVENTO, QUALUNQUE ESSO SIA, SONO COMPLETAMENTE GRATUITI È molto importante

Dettagli

PRESENZA DI GAS NELL ABITAZIONE?

PRESENZA DI GAS NELL ABITAZIONE? a cura di: PRESENZA DI GAS NELL ABITAZIONE? I gas che possiamo trovare all interno delle nostre abitazioni, a causa di guasti, mancata manutenzione, malfunzionamenti, errata installazione, errato utilizzo,

Dettagli

PROGAMMA di AUTOPROTEZIONE

PROGAMMA di AUTOPROTEZIONE PROGAMMA di AUTOPROTEZIONE Quello che il cittadino deve sapere per poter fronteggiare una calamità Volontari Senza Frontiere - Pescara 1 CONOSCERE I RISCHI DEL TERRITORIO IN CUI VIVIAMO TERREMOTI FRANE

Dettagli

LA CASA SICURA prevenzione degli incidenti domestici

LA CASA SICURA prevenzione degli incidenti domestici LA CASA SICURA prevenzione degli incidenti domestici Corso di formazione Pari opportunità e conciliazione tra tempi del lavoro professionale e tempi del lavoro di cura familiare e personale Varese, 21

Dettagli

UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA!

UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA! UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA! Un colore per ogni azione Abbiamo progettato un sistema impostato sul colore per favorire l'apprendimento dei vari comportamenti. Vignette e fumetti sono colorati per

Dettagli

PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA

PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA Consiglio Nazionale delle Ricerche Ufficio Prevenzione e Protezione Puglia e Basilicata PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA In base all art. 18, comma 1, lettere h) e t) del D. Lgs. 81/2008

Dettagli

PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA

PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO Chiunque noti un principio di incendio o una situazione anomala che presenta pericolo di incendio deve: Mantenere la calma ed evitare

Dettagli

come comportarsi in caso di... Maremoto o onda anomala

come comportarsi in caso di... Maremoto o onda anomala Maremoto o onda anomala (può verificarsi a seguito sia di terremoto sottomarino che di eruzione vulcanica) 58 maremoto-onda anomala allontanati immediatamente dalla spiaggia, dal molo o dal lungomare raggiungi

Dettagli

COSA FARE IN CASO DI FRANA... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - SE SEI ALL APERTO - SE NE AVVISTI UNA PER LA STRADA

COSA FARE IN CASO DI FRANA... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - SE SEI ALL APERTO - SE NE AVVISTI UNA PER LA STRADA Frana COSA FARE IN CASO DI FRANA... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - SE SEI ALL APERTO - SE NE AVVISTI UNA PER LA STRADA 30 frana SE TI TROVI AL CHIUSO DURANTE UNA FRANA mantieni e contribuisci a far

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE Poggio Berni Santarcangelo di Romagna Torriana Verucchio PIANO INTERCOMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE SEZIONE PARTE GENERALE DOCUMENTO Allegato 8: Norme comportamentali FILE RG_Allegato8_Norme

Dettagli

A cura dell ufficio Guardiaparco del Parco Naturale Regionale dei Monti Lucretili

A cura dell ufficio Guardiaparco del Parco Naturale Regionale dei Monti Lucretili A cura dell ufficio Guardiaparco del Parco Naturale Regionale dei Monti Lucretili Norme di salvaguardia da rispettare in caso di incendi boschivi Legge quadro 353/2000. Periodo di riferimento 15 giugno

Dettagli

LE SOSTANZE PERICOLOSE

LE SOSTANZE PERICOLOSE SICUREZZA NELLA CASE Incontro informativo a cura dei vigili del fuoco L INCENDIO LE SOSTANZE PERICOLOSE IL RISCHIO ELETTRICO IL GAS COMBUSTIBILE ALTRI RISCHI DOMESTICI COSA FARE IN CASO DI LE SOSTANZE

Dettagli

ALLEGATO 4. (Incendio, terremoto, alluvione e allagamenti, trombe d aria, attentato terroristico, allarme bomba, fuga di gas)

ALLEGATO 4. (Incendio, terremoto, alluvione e allagamenti, trombe d aria, attentato terroristico, allarme bomba, fuga di gas) ALLEGATO 4 NORME GENERALI DA SEGUIRE IN CASO DI EMERGENZA (Incendio, terremoto, alluvione e allagamenti, trombe d aria, attentato terroristico, allarme bomba, fuga di gas) DESTINATARIO: VISITATORI, PERSONALE

Dettagli

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza:

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: 1. Probabili cause di pericolo Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: incendio all interno dell edificio incendio esterno all edificio o nelle vicinanze crolli dovuti a cedimenti

Dettagli

Comune di Loano NORME DI AUTOPROTEZIONE

Comune di Loano NORME DI AUTOPROTEZIONE Comune di Loano Prov. di Savona PROTEZIONE CIVILE NORME DI AUTOPROTEZIONE REDAZIONE: S.T.A. Progetti S.R.L Società di IngegneriaTerritorio Ambiente Corso Monte Grappa, 19/2 16137 Genova Tel. 010 25 18

Dettagli

COMPORTAMENTI DI PREVENZIONE GENERALE

COMPORTAMENTI DI PREVENZIONE GENERALE COMPORTAMENTI DI PREVENZIONE GENERALE Il comportamento corretto e prudente di ognuno è la migliore forma di prevenzione contro gli infortuni. QUINDI: Non correre nei corridoi, scale, laboratori, ecc..

Dettagli

Istituto Comprensivo Gherardi

Istituto Comprensivo Gherardi Informazione sulla sicurezza nella scuola Istituto Comprensivo Gherardi Via Taroni, 4-48022 Lugo (RA) Tel. 0545/22112 - Fax 0545/25674 PROCEDURE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA (per tutto il personale

Dettagli

MANUALE DI PROTEZIONE CIVILE ( NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO DI SISMA )

MANUALE DI PROTEZIONE CIVILE ( NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO DI SISMA ) COMUNE di ROVITO ( prov. di COSENZA ) MANUALE DI PROTEZIONE CIVILE ( NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO DI SISMA ) COMPORTAMENTO IN CASO DI SISMA a) Se durante il terremoto si è in casa. COSA FARE? E necessario

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PONTEVICO

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PONTEVICO REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PONTEVICO MANUALE DI PROTEZIONE CIVILE NORME DI COMPORTAMENTO Cos è la Protezione Civile? Con la Protezione Civile si intendono tutte le strutture e le

Dettagli

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile)

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Norme di comportamento per tutto il personale in caso di Emergenza: Tutto

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA PROCEDURE DA ADOTTARE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO

PIANO DI EMERGENZA PROCEDURE DA ADOTTARE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO IIS Leonardo da Vinci, Via Alcide de Gasperi, 1 20841 Carate Brianza Tel: 0362903597 - Fax: 0362903684 http://www.iticarate.gov.it email icarate@iticarate.it PIANO DI EMERGENZA PROCEDURE DA ADOTTARE PER

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola Opuscolo informativo per gli studenti Strumento d informazione ai sensi del D. Lgs. 81/2008. L utente è tenuto a conoscerne

Dettagli

T.d.P. Fabozzi Marco ASS 4 "Medio Friuli"

T.d.P. Fabozzi Marco ASS 4 Medio Friuli ANTINCENDIO Cos è il fuoco? Cosa si può fare in caso di incendio? Come ci si deve comportare in caso di incendio? Cosa ci serve per fare il fuoco?? COMBUSTIBILE: carta, legno, vari gas, benzina, olii,

Dettagli

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO IL PIANO DI EMERGENZA Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO Il Piano di Emergenza E una procedura di mobilitazione di mezzi e persone in grado di fronteggiare una determinata condizione di emergenza. Le

Dettagli

a scuola di Protezione Civile

a scuola di Protezione Civile Servizio Protezione Civile e Rischi Industriali Città di Venezia Il Servizio Nazionale di Protezione Civile in Italia Vigili del Fuoco La Croce Rossa a scuola di Protezione Civile Forze Armate e di Polizia

Dettagli

LA PROTEZIONE CIVILE NELLA DIDATTICA

LA PROTEZIONE CIVILE NELLA DIDATTICA Dipartimento Tutela Ambientale e del Verde Protezione Civile Direzione Protezione Civile LA PROTEZIONE CIVILE NELLA DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 COS E LA PROTEZIONE CIVILE? Il termine protezione

Dettagli

COMUNE DI MONTEMILETTO Provincia (AV)

COMUNE DI MONTEMILETTO Provincia (AV) COMUNE DI MONTEMILETTO Provincia (AV) DIRIGENTE SCOLASTICO CARPENTIERO FLORA Documento OPUSCOLO PER ALUNNI IN CASO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE RSPP: ING. PANNESE NICOLA Data:30/10/2013 DATORE DI LAVORO

Dettagli

Ai collaboratori scolastici

Ai collaboratori scolastici Ai collaboratori scolastici Comportamenti da seguire in caso di incendio Il piano di emergenza è uno strumento operativo attraverso il quale si adottano le operazioni da compiere in caso di evacuazione,

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi

NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi NORME DI COMPORTAMENTO I - NORME DI COMPORTAMENTO Di Carattere Generale Al fine di tutelare la sicurezza e la salute di tutti; gli operatori

Dettagli

Le lampade da terra: anche questi elementi di arredo vanno posizionati con attenzione, mai vicino a tende o stoffe, poiché il calore che emanano

Le lampade da terra: anche questi elementi di arredo vanno posizionati con attenzione, mai vicino a tende o stoffe, poiché il calore che emanano Le lampade da terra: anche questi elementi di arredo vanno posizionati con attenzione, mai vicino a tende o stoffe, poiché il calore che emanano potrebbe provocare incendi; I mobili: le librerie e gli

Dettagli

Incendi in Montagna. (Tratto dal "Corpo Forestale dello Stato")

Incendi in Montagna. (Tratto dal Corpo Forestale dello Stato) Incendi in Montagna "Gli incendi boschivi sono sempre insidiosi e basta un repentino cambiamento della direzione del vento per creare una trappola mortale anche per coloro che sono stati addestrati espressamente

Dettagli

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti;

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti; COMPITI DEGLI APRI-FILA E CHIUDI-FILA - Ogni aprifila, in caso di emergenza, ha il compito di aprire le porte e guidare i compagni verso le zone di raccolta; - I serra-fila hanno il compito di assistere

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA COMPITI DEL COORDINATORE DELL EMERGENZA (PROC_1)...2 COMPITI DELL ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE (PROC_2)...3 COMPITI DEGLI ADDETTI ALL EMERGENZA (PROC_3)...4 COMPITI DEL PERSONALE

Dettagli

I.C. BALANGERO. scuola casa. e... Vivere in sicurezza a a. pag. 1

I.C. BALANGERO. scuola casa. e... Vivere in sicurezza a a. pag. 1 I.C. BALANGERO scuola casa Vivere in sicurezza a a pag. 1 e... FILASTROCCA SICURA Ecco arriva la bidella che ci suona la campanella, se sicuro vuoi entrare certo non devi accelerare. Ecco posa la cartella

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE FASI

PIANO DI EVACUAZIONE FASI PIANO DI EVACUAZIONE Lo scopo principale del piano di evacuazione è quello di attivare comportamenti corretti di autodifesa singoli e collettivi in caso di emergenza a scuola e nel territorio, contribuendo

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ E DEGLI SPAZI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI SEDE DI STRUTTURE DIPARTIMENTALI (ESTRATTO)

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ E DEGLI SPAZI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI SEDE DI STRUTTURE DIPARTIMENTALI (ESTRATTO) LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ E DEGLI SPAZI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI SEDE DI STRUTTURE DIPARTIMENTALI (ESTRATTO) INDICAZIONI GENERALI 1. Modifiche strutturali, modifiche e/o manutenzione

Dettagli

I rischi in Italia. Cerca riparo. Non precipitarti fuori. Chiudi gli interruttori. Ferma il veicolo

I rischi in Italia. Cerca riparo. Non precipitarti fuori. Chiudi gli interruttori. Ferma il veicolo Sismico Se si vive in zone soggette a fenomeni sismici occorre adottare alcuni comportamenti che saranno utili in caso di emergenza e per la salvaguardia della propria incolumità. Una casa costruita o

Dettagli

Norme comportamentali per emergenze

Norme comportamentali per emergenze Norme comportamentali per emergenze www.protezionecivilecomunale.fermo.it COS E LA PROTEZIONE CIVILE? E un sistema composto da Istituzioni e Strutture Operative che concorrono, in base alle rispettive

Dettagli

Chi sono i soggetti più a rischio? Incidenti più frequenti

Chi sono i soggetti più a rischio? Incidenti più frequenti Azienda Socio-Sanitaria Territoriale (ASST) di Pavia Sede Legale: Viale Repubblica, 34-27100 PAVIA Codice Fiscale/Partita I.V.A. n. 02613080189 Sito Internet: http://www.asst-pavia.it LA PREVENZIONE DEGLI

Dettagli

Nucleo comunale di Protezione Civile Piano di Sorrento presenta

Nucleo comunale di Protezione Civile Piano di Sorrento presenta Nucleo comunale di Protezione Civile Piano di Sorrento presenta Progetto Educare alla sicurezza Settore Protezione Civile Regione Campania Ideazione e realizzazione F.S. Per ogni domanda ci sono tre risposte.

Dettagli

uno LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DOMESTICI CASA sicura GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO

uno LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DOMESTICI CASA sicura GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO uno GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO CASA sicura LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DOMESTICI Direzione Generale Armonizzazione Mercati www.casasicura.info Il rischio gas in casa COSA SI RISCHIA L

Dettagli

COMUNE DI GENOVA. Direzione Territorio Mobilità e Ambiente. Ufficio Terza Età Sicura

COMUNE DI GENOVA. Direzione Territorio Mobilità e Ambiente. Ufficio Terza Età Sicura COMUNE DI GENOVA Direzione Territorio Mobilità e Ambiente Ufficio Terza Età Sicura Carla Costanzi Ufficio Terza Età Sicura Comune di Genova 1 La casa tra prevenzione e terapia per le famiglie con malati

Dettagli

COMUNE DI CODOGNE (Provincia di Treviso) Settore Tecnico PRONTUARIO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PER LA POPOLAZIONE

COMUNE DI CODOGNE (Provincia di Treviso) Settore Tecnico PRONTUARIO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PER LA POPOLAZIONE COMUNE DI CODOGNE (Provincia di Treviso) Settore Tecnico PRONTUARIO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PER LA POPOLAZIONE Scheda 1 Presentazione RECAPITI UFFICI COMUNALI Comune di Codognè via Roma 2 31013

Dettagli

LA PROTEZIONE CIVILE IN FAMIGLIA

LA PROTEZIONE CIVILE IN FAMIGLIA Comune di Almese Polizia Municipale LA PROTEZIONE CIVILE IN FAMIGLIA 1 LA PROTEZIONE CIVILE IL SERVIZIO NAZIONALE E LOCALE PER LE EMERGENZE In Italia la Protezione Civile è un servizio nazionale organizzato

Dettagli

7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti

7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti 7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti 1. Generalità Nei capitoli precedenti, il tema della sicurezza nelle scuole è stato affrontato da più punti di vista: soggettivo, da un lato,

Dettagli

CAMPAGNA PROMOZIONALE PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEL GAS METANO

CAMPAGNA PROMOZIONALE PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEL GAS METANO CAMPAGNA PROMOZIONALE PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEL GAS METANO 1 IMPIANTI GAS: LE REGOLE GENERALI A chi mi devo rivolgere? Quando fate realizzare, revisionare o riparare i vostri impianti dovete rivolgervi,

Dettagli

tre LO SPAZIO DOMESTICO PER I BAMBINI CASA sicura GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO

tre LO SPAZIO DOMESTICO PER I BAMBINI CASA sicura GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO tre GUIDA ALLA SICUREZZA NELL AMBIENTE DOMESTICO CASA sicura LO SPAZIO DOMESTICO PER I BAMBINI Ministero delle Attività Produttive Direzione Generale Armonizzazione Mercati e Tutela Consumatori www.casasicura.info

Dettagli

Sicurimpariamo Comportamenti di sicurezza e gestione delle attività

Sicurimpariamo Comportamenti di sicurezza e gestione delle attività Sicurimpariamo Comportamenti di sicurezza e gestione delle attività a cura di Emanuele Azzarelli Ispettore tecnico della Direzione Territoriale del Lavoro di Torino Marzo 2012 Le sostanze chimiche Detergenti

Dettagli

INCIDENTI DOMESTICI ASL CN 1 Dipartimento di Prevenzione S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione. A cura di Dr. Ass. Sanitario Mario Bonanno

INCIDENTI DOMESTICI ASL CN 1 Dipartimento di Prevenzione S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione. A cura di Dr. Ass. Sanitario Mario Bonanno INCIDENTI DOMESTICI ASL CN 1 Dipartimento di Prevenzione S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione A cura di Dr. Ass. Sanitario Mario Bonanno DEFINIZIONE di INCIDENTE DOMESTICO EVENTO indipendente dalla volontà

Dettagli

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO SEGNALAZIONI DI EMERGENZA ALLARME: Serie di almeno 10 suoni intermittenti ttenti EVACUAZIONE: Un suono continuo e prolungato CESSATO ALLARME:

Dettagli

I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO

I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO Finestre, pavimenti, porte, termosifoni, costituiscono il rischio maggiore all interno della classe. Le ante delle finestre in particolare causano un infinità

Dettagli

PREVENZIONE E SICUREZZA NELLA SCUOLA MANUALE DELLO STUDENTE

PREVENZIONE E SICUREZZA NELLA SCUOLA MANUALE DELLO STUDENTE ISTITUTO SUPERIORE Liceo Scientifico Statale "EDOARDO AMALDI" Via Locatelli, 16-24022 ALZANO LOMBARDO (BG) - Cod.fisc. 80032770168 Telefono: 035 / 511377 - Fax: 035 / 516569 - E-Mail: info@liceoamaldi.it

Dettagli

LIBERA UNIVERSITA MARIA Ss. ASSUNTA MANUALE PER STUDENTI PROCEDURE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE SOMMARIO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE - INCENDIO

LIBERA UNIVERSITA MARIA Ss. ASSUNTA MANUALE PER STUDENTI PROCEDURE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE SOMMARIO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE - INCENDIO PROCEDURE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE SOMMARIO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE - INCENDIO 2. EMERGENZA SANITARIA 3. ALLAGAMENTO 4. TERREMOTO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE (per qualsiasi tipo di emergenza, come

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002

MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per la valutazione della sicurezza antincendio nei

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA)

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) PREMESSA Il tema della sicurezza sta finalmente acquistando rilevanza sempre crescente, e la scuola è l ambito

Dettagli

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI

Circ. n. 107 Villa Carcina, 30/03/15 Agli/Alle Insegnanti Dell IC T.Olivelli Villa Carcina ATTI MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITÀ e della RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE T. OLIVELLI Via Roma 9/11 25069 Villa Carcina (BS) 030/881023 - FAX 030/8982701 - C.F. 92008620178 - C.M. BSIC82600D

Dettagli

Scienze laboratorio: I RISCHI

Scienze laboratorio: I RISCHI Queste note pratiche presentano i rischi che si incontrano durante le esercitazioni di laboratorio e i comportamenti corretti da tenere. Seguire queste indicazioni servirà non solo a ridurre il rischio

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1 CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO S.O.C. Prevenzione Protezione 1 DESTINATARIO TUTTO IL PERSONALE DELL AZIENDA OSPEDALIERA SS ANTONIO E BIAGIO E C. ARRIGO S.O.C. Prevenzione

Dettagli

Vivere in sicurezza a scuola e... a casa

Vivere in sicurezza a scuola e... a casa ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CORIO Via Ponte Picca, 2 10070 CORIO (TO) iccorio@libero.it www.iccorio.altervista.org Vivere in sicurezza a scuola e... a casa 1 SOMMARIO TI SPIEGO LE PAROLE DIFFICILI

Dettagli

Comune di Capraia e Limite

Comune di Capraia e Limite Comune di Capraia e Limite Protezione Civile Misure di auto protezione e norme elementari di comportamento in caso di calamità naturali Numeri telefonici utili PROT. CIVILE COMUNALE 0571 97811/34/39/42

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Q. Sella

Istituto Istruzione Superiore Q. Sella COMUNICATO N. 028 DOCENTI Oggetto: Informazione sui rischi e sulla sicurezza. Le informazioni previste dalle vigenti normative sui rischi e sulla sicurezza sono trasmesse, ai fini di una idonea formazione

Dettagli

Il Primo Soccorso: introduzione

Il Primo Soccorso: introduzione Il Primo Soccorso: introduzione OBIETTIVI: Primo soccorso: definizione e importanza Autoprotezione e valutazione della scena Valutazione dell'infortunato Chiamata di soccorso al 118 COS'E' IL PRIMO SOCCORSO:

Dettagli

D.Lgs.81 Rischi per il settore terziario VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO

D.Lgs.81 Rischi per il settore terziario VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO D.Lgs.81 Rischi per il settore terziario VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO Le persone possono essere molto stressate per un sommarsi di fattori di stress lavorativo ed extralavorativo Rilevare

Dettagli

IMPARARE SICURI SI PUO

IMPARARE SICURI SI PUO IMPARARE SICURI SI PUO 25 novembre 2004 - informazioni in pillole sulla sicurezza a casa e a scuola - suggerimenti per attività didattiche con bambini di scuola dell Infanzia e Primaria A. SICUREZZA A

Dettagli

Agenzia Protezione Civile della Regione Emilia-Romagna

Agenzia Protezione Civile della Regione Emilia-Romagna Corpo Forestale dello Stato Comando Regionale dell Emilia-Romagna Agenzia Protezione Civile della Regione Emilia-Romagna Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco Direzione Regionale dell Emilia-Romagna Cos

Dettagli

MANUALE D USO E MANUTENZIONE STIRATRICE EASY IRON

MANUALE D USO E MANUTENZIONE STIRATRICE EASY IRON MANUALE D USO E MANUTENZIONE STIRATRICE EASY IRON IMESA S.p.A. Via degli Olmi 22 31040 Cessalto (TV), Italia tel. +39.0421.468011 fax +39.0421.468000 www.imesa.it Indice AVVERTENZE 3 1. Descrizione dell'apparecchio

Dettagli

PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO

PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO La persona che individua l incendio deve : 1) avvertire il collega più vicino rintracciabile 2) fare una prima stima dell incendio e decidere di: A) reperire l estintore più

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale G. Galilei SCUOLA SICURA

Istituto Comprensivo Statale G. Galilei SCUOLA SICURA SCUOLA SICURA a.s. 2014-2015 Non correre Non spingere i compagni Non mangiare o bere: potresti distrarti, inoltre le briciole ti faranno scivolare Guarda bene i gradini nel salire e nello scendere Non

Dettagli

COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO

COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO LINEA GUIDA REDATTA DAI TECNICI DI NORSAQ PER LE SCUOLE DEL COMUNE DI MODENA Pagina 1 di 8 PRIMA DEL TERREMOTO: cosa fare in prevenzione? L EDIFICIO SCOLASTICO: Fondamentale,

Dettagli

INFORMAZIONI PER GLI ALLIEVI

INFORMAZIONI PER GLI ALLIEVI INFORMAZIONI PER GLI ALLIEVI I RISCHI IN AMBIENTE SCOLASTICO Anche nella scuola, come in casa, in strada ed in ogni altro luogo di vita e di lavoro, esiste la possibilità di avere degli incidenti che possono

Dettagli

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo)

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Liceo Scientifico C. Cavalleri - Parabiago SEDE STACCATA Via dei Partigiani,1 - Canegrate PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Il Datore di Lavoro Prof. Luciano Bagnato.. data / /.. Rev. 06 del

Dettagli

Per la sicurezza del tuo bambino

Per la sicurezza del tuo bambino Per la sicurezza del tuo bambino Dott.ssa Francesca Bronzini www.meyer.it Le Statistiche Gli incidenti sono la causa principale di morte e di disabilità in età pediatrica nel nostro paese Il 90% degli

Dettagli

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO Il comportamento corretto e prudente di ognuno è il miglior modo di prevenzione contro ogni genere di infortunio - Non correre nei corridoi, scale, laboratori, ecc. - Non

Dettagli

PROCEDURE GENERALI DA SEGUIRE IN CASO DI EMERGENZA PER IL PERSONALE NON DOCENTE Tra il personale non docente sono inclusi anche gli Addetti alle emergenze, i quali sono formati in modo specifico sul comportamento

Dettagli

MOSTRISCHIO. Giovedì 6 febbraio ha avuto inizio il progetto: A CACCIA DI MOSTRISCHIO NOI RAGAZZI DI CLASSE TERZA VI PRESENTIAMO LA FAMIGLIA PERICOLONI

MOSTRISCHIO. Giovedì 6 febbraio ha avuto inizio il progetto: A CACCIA DI MOSTRISCHIO NOI RAGAZZI DI CLASSE TERZA VI PRESENTIAMO LA FAMIGLIA PERICOLONI MOSTRISCHIO Giovedì 6 febbraio ha avuto inizio il progetto: A CACCIA DI MOSTRISCHIO NOI RAGAZZI DI CLASSE TERZA VI PRESENTIAMO LA FAMIGLIA PERICOLONI GILLO LALLA PILLO MALLO TILLA Il nostro compito è stato

Dettagli

CORSO DI PREPARAZIONE ALLA NASCITA

CORSO DI PREPARAZIONE ALLA NASCITA CORSO DI PREPARAZIONE ALLA NASCITA Ogni anno in Italia si registrano circa 68.000 incidenti che interessano bambini I bambini di età inferiore ai 5 anni sono i più esposti agli incidenti che in tale fascia

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA ALLEGATO N. 6 -TUTTI NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA - MANTENERE LA CALMA E, PER QUANTO POSSIBILE, NON FARSI PRENDERE DAL PANICO; - RISPETTARE LE DISPOSIZIONI IMPARTITE DAGLI ADDETTI

Dettagli

Riporta un recente comportamento della tua famiglia rappresentativo della sua irresponsabilità sociale.

Riporta un recente comportamento della tua famiglia rappresentativo della sua irresponsabilità sociale. VC Ginnasio Riporta un tuo recente comportamento individuale, rappresentativo della tua responsabilità sociale. - Rispettare la raccolta differenziata a scuola e in famiglia. Muovermi a piedi. - Attraversare

Dettagli

SICUREZZA DOMESTICA RAPPRESENTAZIONI PERICOLOSE ESEGUITE DALLA CLASSE 1E SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO NORBERTO BOBBIO -TORINO

SICUREZZA DOMESTICA RAPPRESENTAZIONI PERICOLOSE ESEGUITE DALLA CLASSE 1E SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO NORBERTO BOBBIO -TORINO SICUREZZA DOMESTICA RAPPRESENTAZIONI PERICOLOSE ESEGUITE DALLA CLASSE 1E SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO NORBERTO BOBBIO -TORINO PAVIMENTI E TAPPETI ATTENZIONE:Possono causare cadute Evitare di incerare il

Dettagli

protezione antincendio riconoscere. prevenire. agire

protezione antincendio riconoscere. prevenire. agire protezione antincendio riconoscere. prevenire. agire i vigili del fuoco di francoforte sul meno Dal 1874 nella città di Francoforte sul meno esiste un corpo di vigili del fuoco professionisti. Con circa

Dettagli

COME COMPORTARSI IN CASO DI INCIDENTE STRADALE

COME COMPORTARSI IN CASO DI INCIDENTE STRADALE COME COMPORTARSI IN CASO DI INCIDENTE STRADALE Se si è coinvolti in un incidente stradale, oppure in presenza di persone che accusano traumi o malori a seguito di incidente, ci si può ritrovare in situazioni

Dettagli

Norme sicurezza e procedure LABORATORIO DI FISICA

Norme sicurezza e procedure LABORATORIO DI FISICA ! Norme sicurezza e procedure LABORATORIO DI FISICA FIRME PRESA VISIONE LABORATORIO DI FISICA NORME DI SICUREZZA Premessa Nel laboratorio di fisica, per il particolare tipo di operazioni che vi si eseguono

Dettagli

COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO

COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO LINEA GUIDA REDATTA DAI TECNICI DI NORSAQ PER LE SCUOLE DEL COMUNE DI MODENA Pagina 1 di 9 PRIMA DEL TERREMOTO: cosa fare in prevenzione? L EDIFICIO SCOLASTICO: Fondamentale,

Dettagli

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio:

SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO. All ordine di evacuazione dell edificio: SCHEDA C1. 6 STUDENTI APRI-FILA / CHIUDI-FILA / SOCCORSO All ordine di evacuazione dell edificio: - mantengono la calma, seguono le procedure stabilite e le istruzioni del docente; - gli apri-fila devono

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore- Carlo Pisacane ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO SERVIZI DI ENOGASTRONOMIA E OSPITALITA ALBERGHIERA

Istituto d Istruzione Superiore- Carlo Pisacane ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO SERVIZI DI ENOGASTRONOMIA E OSPITALITA ALBERGHIERA Istituto d Istruzione Superiore- Carlo Pisacane ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO SERVIZI DI ENOGASTRONOMIA E COMPORTAMENTO DA TENERE IN CASO DI INCENDIO SI STA VERIFICANDO UN FOCOLAIO D INCENDIO SI STA

Dettagli

IL RISCHIO ELETTRICO NELLE ABITAZIONI CIVILI. L impianto elettrico è a norma? La scossa elettrica

IL RISCHIO ELETTRICO NELLE ABITAZIONI CIVILI. L impianto elettrico è a norma? La scossa elettrica a cura di: IL RISCHIO ELETTRICO NELLE ABITAZIONI CIVILI L impianto elettrico è a norma? Impianti elettrici non a norma possono comportare il rischio di folgorazioni, corto circuito, incendio. Per evitare

Dettagli

IL PERICOLO CHE COSA È? COME ESTINGUERLO?

IL PERICOLO CHE COSA È? COME ESTINGUERLO? CHE COSA È? Un incendio boschivo può essere definito " un fuoco che tende ad espandersi su aree boscate, cespugliate oppure su terreni coltivati o incolti e pascoli limitrofi a dette aree". Perché un incendio

Dettagli